Questionario n. 7 Diritto penale militare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questionario n. 7 Diritto penale militare"

Transcript

1 Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si applica ai militari B) il codice penale militare di pace prevede i reati commessi dai militari in tempo di pace, mentre il codice penale militare di guerra prevede i reati commessi dai militari in tempo di guerra ed entrambi sono stati approvati con R.D. n. 303/1941 C) il codice penale militare di pace prevede i reati commessi dai militari in tempo di pace, mentre il codice penale militare di guerra prevede i reati commessi dai militari in tempo di guerra, ma solo quest ultimo è stato approvato con R.D. n. 303/1941 D) nessuna differenza, si applicano indifferentemente l uno o l altro 2) Che rapporto c è tra diritto penale comune e diritto penale militare? A) si applica l uno o l altro in base alla gravità del reato commesso B) si applica l uno o l altro a scelta di chi ha commesso il reato C) in determinate materie, si applica solo il diritto penale militare, senza possibilità di applicare il diritto penale comune D) sussiste rapporto di specialità 3) Ai sensi del codice penale militare di pace, quali sono i destinatari della legge penale militare? A) tutti i cittadini B) tutti i militari, anche se non in servizio C) i militari in servizio alle armi e quelli considerati tali D) i militari in servizio alle armi e quelli considerati tali, ma in nessun caso i militari in congedo 4) Secondo quanto dispone il codice penale militare di pace, ai fini dell applicazione della legge penale militare, quali soggetti sono compresi sotto la denominazione di «militari»? A) il codice comprende, sotto la denominazione di militari, quelli (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica, della (regia) guardia di finanza, della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, del Corpo di polizia dell Africa italiana e le persone che, a norma di legge, acquistano la qualità di militari B) il codice comprende, sotto la denominazione di militari, quelli (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica, della (regia) guardia

2 248 Diritto penale militare di finanza, della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, del Corpo di polizia dell Africa italiana, ma sono escluse le persone che, a norma di legge, acquistano la qualità di militari C) il codice comprende, sotto la denominazione di militari, quelli (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica, della (regia) guardia di finanza, della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, le persone che a norma di legge acquistano la qualità di militari, ma sono esclusi quelli del Corpo di polizia dell Africa italiana D) il codice comprende, sotto la denominazione di militari, solo quelli (regio) esercito, della (regia) marina e della (regia) aeronautica 5) Ai sensi del codice penale militare di pace, per i militari in servizio alle armi, da quale momento si applica la legge penale militare? A) salvo che la legge disponga altrimenti, la legge penale militare si applica relativamente agli ufficiali, dal momento della notificazione del provvedimento di nomina fino al giorno della notificazione del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi; relativamente agli altri militari, dal momento stabilito per la loro presentazione fino al momento in cui, inviati in congedo, si presentano all Autorità competente del comune di residenza da essi prescelto; o, se sottufficiali di carriera, fino al momento della notificazione del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi B) la legge penale militare si applica relativamente agli ufficiali, dal momento della notificazione del provvedimento di nomina fino al giorno della notificazione del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi; relativamente agli altri militari, dal momento stabilito per la loro presentazione fino al momento in cui, inviati in congedo, si presentano all Autorità competente del comune di residenza da essi prescelto; o, se sottufficiali di carriera, fino al momento della notificazione del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi e non sono ammesse deroghe a questa disciplina C) sia per gli ufficiali che per gli altri militari, la legge penale militare si applica anche dopo la notifica del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi D) salvo che la legge disponga altrimenti, la legge penale militare si applica relativamente agli ufficiali, sin da prima della notificazione del provvedimento di nomina e fino al giorno della notificazione del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi; relativamente agli altri militari, dal momento stabilito per la loro presentazione fino al momento in cui, inviati in congedo, si presentano all Autorità competente del comune di residenza da essi prescelto; o, se sottufficiali di carriera, fino al momento della notificazione del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi 6) Ai sensi del codice penale militare di pace, in quali casi la legge penale militare si applica agli appartenenti alla Milizia volontaria per la sicurezza nazionale? A) sia quando prestano servizio alle armi, sia quando non prestano servizio alle armi B) quando prestano comunque servizio alle armi

3 Questionario n C) solo quando non prestano servizio alle armi D) la legge penale militare non si applica agli appartenenti alla Milizia volontaria per la sicurezza nazionale 7) Secondo quanto dispone il codice penale militare di pace, agli effetti della legge penale militare, per «militari in servizio alle armi» si devono considerare necessariamente coloro che prestano servizio effettivo alle armi? A) sì, necessariamente B) no, anzi, non devono mai prestare servizio effettivo alle armi C) la legge prevede quali militari, ai fini dell applicazione della legge penale militare, debbano considerarsi «in servizio alle armi», anche se non prestano servizio effettivo D) no, ma sono sempre esclusi i militari in congedo 8) Secondo quanto dispone il codice penale militare di pace, agli effetti della legge penale militare, da quale momento si cessa di appartenere alle forze armate dello Stato? A) sia gli ufficiali che gli altri militari cessano di appartenere alle forze armate dello Stato dal giorno successivo alla notificazione del provvedimento che stabilisce la cessazione definitiva degli obblighi di servizio militare B) gli ufficiali cessano di appartenere alle forze armate dello Stato dal giorno successivo alla notificazione del provvedimento che stabilisce la cessazione definitiva degli obblighi di servizio militare; gli altri militari, dal momento della consegna ad essi del foglio di congedo assoluto C) sia gli ufficiali che gli altri militari cessano di appartenere alle forze armate dello Stato dal momento della consegna del foglio di congedo assoluto D) sia per gli ufficiali che per gli altri militari vale la regola secondo la quale non si cessa mai di appartenere alle forze armate dello Stato 9) Secondo quanto dispone il codice penale militare di pace, la legge penale militare si applica anche alle persone estranee alle Forze Armate dello Stato? A) no, mai, anche quando concorrono a commettere un reato militare B) sì, sempre, anche quando non concorrono a commettere un reato militare C) sì, quando concorrono a commettere un reato militare D) è il giudice a decidere discrezionalmente se applicare la legge penale militare anche alle persone estranee alle Forze Armate dello Stato 10) Quali sono i destinatari della legge penale militare di guerra? A) i militari appartenenti ad armi, corpi, navi, aeromobili o servizi in generale, destinati a operazioni di guerra, ancorché il reato sia commesso in luogo che non si trovi in stato di guerra B) i militari appartenenti ad armi, corpi, navi, aeromobili o servizi in generale, destinati a operazioni di guerra, ma è necessario che il reato sia commesso in luogo che si trovi in stato di guerra

4 250 Diritto penale militare C) tutti i cittadini, purché il reato sia commesso in luogo che si trovi in stato di guerra D) tutti i cittadini, ancorché il reato sia commesso in luogo che non si trovi in stato di guerra, ma vi sia soltanto il pericolo di essa 11) Ai fini dell applicazione della legge penale militare di guerra, quali soggetti sono compresi nella nozione di «militare»? A) il codice penale militare di guerra comprende, sotto la denominazione di militari, quelli del (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica, della (regia) guardia di finanza, della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, del Corpo di polizia dell Africa italiana, i militarizzati e ogni altra persona che a norma di legge acquista la qualità di militare, gli assimilati, ancorché di rango, ai militari, e le persone appartenenti a corpi o reparti volontari autorizzati a prendere parte alla guerra B) il codice penale militare di guerra comprende, sotto la denominazione di militari, quelli del (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica, della (regia) guardia di finanza, della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, del Corpo di polizia dell Africa italiana, i militarizzati e ogni altra persona che a norma di legge acquista la qualità di militare, gli assimilati, ancorché di rango, ai militari, ma non le persone appartenenti a corpi o reparti volontari autorizzati a prendere parte alla guerra C) il codice penale militare di guerra comprende, sotto la denominazione di militari, quelli del (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica, della (regia) guardia di finanza, della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, i militarizzati e ogni altra persona che a norma di legge acquista la qualità di militare, gli assimilati, ancorché di rango, ai militari, e le persone appartenenti a corpi o reparti volontari autorizzati a prendere parte alla guerra, ad esclusione di quelli del Corpo di polizia dell Africa italiana D) il codice penale militare di guerra comprende, sotto la denominazione di militari, soltanto quelli del (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica e della (regia) guardia di finanza 12) Qual è l ambito temporale di applicazione della legge penale militare di guerra? A) la legge penale militare di guerra si applica per i reati da essa preveduti, commessi in tutto o in parte, dal momento della dichiarazione dello stato di guerra fino a quello della sua cessazione B) la legge penale militare di guerra si applica per i reati da essa preveduti, commessi interamente dal momento della dichiarazione dello stato di guerra fino a quello della sua cessazione C) la legge penale militare di guerra si applica per i reati da essa preveduti, commessi solo in parte dal momento della dichiarazione dello stato di guerra fino a quello della sua cessazione D) la legge penale militare di guerra si applica per i reati da essa preveduti, commessi, in tutto o in parte, prima del momento della dichiarazione dello stato di guerra fino a quello della sua cessazione

5 Questionario n ) Per l applicazione della legge penale militare di guerra, è necessario che i reati da essa preveduti siano commessi in luoghi che siano in stato di guerra o siano considerati tali? A) sì, è necessario che si tratti di luoghi che siano in stato di guerra o siano considerati tali e non sono mai ammesse deroghe B) sì, è necessario che si tratti di luoghi che siano in stato di guerra o siano considerati tali, ma sono ammesse deroghe, anche se non previste espressamente dalla legge C) sì, è necessario che si tratti di luoghi che siano in stato di guerra o siano considerati tali, e l unica deroga ammessa è solo quella del caso in cui dai reati possa derivare un nocumento alle operazioni militari di guerra o ai servizi relativi, ovvero alla condotta della guerra in generale D) sì, è necessario che si tratti di luoghi che siano in stato di guerra o siano considerati tali. Tuttavia, durante lo stato di guerra, la legge penale militare di guerra si applica, per i reati da essa preveduti, anche se commessi in luoghi che non sono in stato di guerra o non sono considerati tali quando sia espressamente disposto dalla legge o quando dai reati medesimi possa derivare un nocumento alle operazioni militari di guerra o ai servizi relativi, ovvero alla condotta della guerra in generale 14) In caso di reati commessi da prigionieri di guerra italiani, si applica la legge penale militare di guerra? A) no, la legge non lo prevede B) non sempre, dipende dai reati C) sì, il codice penale militare di guerra lo prevede D) sì, se lo decide il giudice 15) Ai sensi del codice penale militare di pace, la legge penale militare si può applicare anche per i reati commessi in territorio estero? A) no, la legge penale militare si applica a tutti coloro che si trovano nel territorio dello Stato e non sono ammesse deroghe B) no, la legge penale militare si applica a tutti coloro che si trovano nel territorio dello Stato, ma sono previsti dalla legge casi di applicazione per reati commessi in territorio estero C) sì, la legge penale militare si applica solo a coloro che non si trovano nel territorio dello Stato D) no, la legge penale militare si applica a tutti coloro che si trovano nel territorio dello Stato, ma sono previsti dai giudici anche casi di applicazione per reati commessi in territorio estero 16) Ai sensi del codice penale militare di pace, la legge penale militare si applica retroattivamente? A) sì, se il giudice lo ritiene opportuno B) sì, sempre C) no D) sì, ma soltanto per alcuni reati

6 252 Diritto penale militare 17) Ai sensi del codice penale militare di pace, che cosa s intende per reato militare? A) s intende qualunque violazione della legge penale militare B) s intende qualunque violazione della legge penale comune, a prescindere dalla tutela di un interesse militare C) s intende qualunque violazione della legge penale comune, con esclusione assoluta della tutela di un interesse militare D) s intende qualunque violazione della legge penale militare, con esclusione assoluta di lesione di interessi comuni, tutelati solo dal diritto penale comune 18) Ai sensi del codice penale militare di pace, che s intende per reato esclusivamente militare? A) il reato esclusivamente militare è quello costituito da un fatto che, nei suoi elementi materiali costitutivi, è solo in parte preveduto come reato dalla legge penale comune B) il reato esclusivamente militare è quello costituito da un fatto che, nei suoi elementi materiali costitutivi, non è, in tutto o in parte, preveduto come reato dalla legge penale comune C) il reato esclusivamente militare è quello costituito da un fatto che, nei suoi elementi materiali costitutivi, è, in tutto o in parte, preveduto come reato dalla legge penale comune D) il reato esclusivamente militare è quello costituito da un fatto che, nei suoi elementi materiali costitutivi, è in tutto preveduto come reato dalla legge penale comune 19) Che s intende per reato obiettivamente militare? A) il reato obiettivamente militare è quello i cui elementi materiali costitutivi sono in tutto o in parte previsti come reato dalla legge penale comune B) il reato obiettivamente militare è quello i cui elementi materiali costitutivi non sono in tutto o in parte previsti come reato dalla legge penale comune C) il reato obiettivamente militare è quello i cui elementi materiali costitutivi sono solo in parte previsti come reato dalla legge penale comune D) il reato obiettivamente militare è quello i cui elementi materiali costitutivi devono essere in tutto, e non solo in parte, previsti come reato dalla legge penale comune 20) Ai sensi del codice penale militare di guerra, che s intende per reato militare? A) costituisce reato militare ogni violazione della legge penale commessa dall appartenente alle Forze armate con abuso dei poteri o violazione dei doveri inerenti allo stato di militare, o in luogo militare, e prevista come delitto contro: la personalità dello Stato; la pubblica amministrazione; l amministrazione della giustizia e l ordine pubblico B) costituisce reato militare ogni violazione della legge penale, commessa dall appartenente alle Forze armate, con abuso dei poteri o violazione dei doveri inerenti allo stato di militare, o in luogo militare, e prevista come

7 Questionario n delitto contro: la personalità dello Stato; la pubblica amministrazione; l amministrazione della giustizia; l ordine pubblico; l incolumità pubblica; la fede pubblica; la moralità pubblica, il buon costume e la persona C) costituisce reato militare ogni violazione della legge penale, commessa dall appartenente alle Forze armate, con abuso dei poteri o violazione dei doveri inerenti allo stato di militare, o in luogo militare, e prevista come delitto contro: la personalità dello Stato; la pubblica amministrazione; l amministrazione della giustizia; l ordine pubblico; l incolumità pubblica; la fede pubblica; la moralità pubblica e il buon costume D) costituisce reato militare ogni violazione della legge penale, commessa dall appartenente alle Forze armate, con abuso dei poteri o violazione dei doveri inerenti allo stato di militare, o in luogo militare, e prevista come delitto contro: la personalità dello Stato; la pubblica amministrazione; l amministrazione della giustizia; l ordine pubblico; l incolumità pubblica; la fede pubblica; la moralità pubblica e il buon costume; la persona e il patrimonio. Costituisce, inoltre, reato militare ogni altra violazione della legge penale commessa dall appartenente alle Forze armate in luogo militare o a causa del servizio militare, in offesa del servizio militare o dell amministrazione militare o di altro militare o di appartenente alla popolazione civile che si trova nei territori di operazioni all estero. Costituisce, infine, reato militare ogni altra violazione della legge penale prevista quale delitto in materia di controllo delle armi, munizioni ed esplosivi e di produzione, uso e traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, commessa dall appartenente alle Forze armate in luogo militare 21) Nei casi non previsti dal codice penale di guerra, quale legge si applica? A) si applicano le disposizioni del codice penale comune o quelle del codice penale militare di pace a scelta del giudice B) nessuna, perché non si configura alcun reato C) si applicano le disposizioni del codice penale militare di pace, concernenti i reati militari in particolare D) si applicano le disposizioni del codice penale comune 22) Che differenza c è tra reato militare e illecito disciplinare? A) nessuna, sia i reati militari che gli illeciti disciplinari sono previsti dai codici penali militari B) nessuna, sia i reati militari che gli illeciti disciplinari sono previsti dal Regolamento di disciplina Militare C) nessuna, sia i reati militari che gli illeciti disciplinari sono previsti dal codice penale comune D) i reati militari sono previsti dai codici penali militari, gli illeciti disciplinari dal Regolamento di disciplina militare 23) Che rapporto c è tra procedimento penale e procedimento disciplinare? A) il procedimento penale è pregiudiziale rispetto al procedimento disciplinare quando il giudice lo ritiene necessario

8 254 Diritto penale militare B) anche se la legge non disciplina espressamente un rapporto di pregiudizialità tra procedimento penale e procedimento disciplinare, il procedimento penale, rispetto all accertamento del fatto, è vincolante per il procedimento disciplinare C) il procedimento penale non è mai vincolante per il procedimento disciplinare D) il procedimento disciplinare è vincolante per il procedimento penale 24) A che anno risale l abolizione della pena di morte? A) la pena di morte è stata abolita nel 1989 B) la pena di morte è stata abolita nel 1988 C) la pena di morte è stata abolita nel 1990 D) la pena di morte è stata abolita nel ) Ai sensi del codice penale militare di pace, che succede se il reato militare è commesso in presenza di tre o più militari, o comunque in circostanze di luogo, per le quali possa verificarsi pubblico scandalo? A) la pena prevista per il reato è inasprita, in quanto si tratta di circostanza aggravante B) la pena prevista per il reato è mitigata, in quanto si tratta di circostanza attenuante C) nulla, trattasi di circostanza che non incide sul trattamento sanzionatorio del reato D) la pena prevista per il reato è inasprita solo se il giudice decide di applicare la circostanza aggravante prevista dalla legge 26) Quali sono le circostanze aggravanti comuni previste dal codice penale militare di pace per il reato militare? A) l avere agito per timore di un pericolo, al quale il colpevole aveva un particolare dovere giuridico di esporsi; l essere il militare colpevole rivestito di un grado o investito di un comando; l avere commesso il fatto con le armi di dotazione militare, o durante un servizio militare, ovvero a bordo di una nave militare o di un aeromobile militare; l avere commesso il fatto alla presenza di tre o più militari, o comunque in circostanze di luogo, per le quali possa verificarsi pubblico scandalo; l avere il militare commesso il fatto in territorio estero, mentre vi si trovava per causa di servizio, o mentre vestiva, ancorché indebitamente, l uniforme militare B) soltanto l avere agito per timore di un pericolo, al quale il colpevole aveva un particolare dovere giuridico di esporsi; l avere commesso il fatto con le armi di dotazione militare, o durante un servizio militare, ovvero a bordo di una nave militare o di un aeromobile militare; l avere commesso il fatto alla presenza di tre o più militari, o comunque in circostanze di luogo, per le quali possa verificarsi pubblico scandalo C) soltanto l avere agito per timore di un pericolo, al quale il colpevole aveva un particolare dovere giuridico di esporsi; l essere il militare colpevole rivestito di un grado o investito di un comando; l avere commesso il fatto con le armi di dotazione militare, o durante un servizio militare, ovvero a bordo di una

9 Questionario n nave militare o di un aeromobile militare; l avere il militare commesso il fatto in territorio estero, mentre vi si trovava per causa di servizio, o mentre vestiva, ancorché indebitamente, l uniforme militare D) soltanto l avere agito per timore di un pericolo, al quale il colpevole aveva un particolare dovere giuridico di esporsi e l essere il militare colpevole rivestito di un grado o investito di un comando 27) Quali sono le condizioni in presenza delle quali le circostanze aggravanti previste dall articolo 47 del codice penale militare di pace aggravano il reato militare? A) è necessario soltanto che non siano elementi costitutivi del reato B) è necessario soltanto che non siano circostanze aggravanti speciali C) non devono essere elementi costitutivi del reato né circostanze aggravanti speciali D) devono essere elementi costitutivi del reato e/o circostanze aggravanti speciali 28) Quali sono le circostanze attenuanti del reato previste dal codice penale militare di pace? A) soltanto l avere commesso il fatto per eccesso di zelo nell adempimento dei doveri militari B) soltanto l avere commesso il fatto per eccesso di zelo nell adempimento dei doveri militari e l avere commesso il fatto per i modi non convenienti usati da altro militare C) l avere commesso il fatto per eccesso di zelo nell adempimento dei doveri militari; l essere il fatto commesso da militare, che non abbia ancora compiuto trenta giorni di servizio alle armi, quando trattasi di reato esclusivamente militare; l avere commesso il fatto per i modi non convenienti usati da altro militare D) al reato militare non si applicano circostanze attenuanti 29) Quali sono le condizioni in presenza delle quali le circostanze attenuanti previste dall articolo 48 del codice penale militare di pace si applicano al reato militare? A) è necessario soltanto che non siano elementi costitutivi del reato B) è necessario soltanto che non siano circostanze attenuanti speciali C) non devono essere elementi costitutivi del reato né circostanze attenuanti speciali D) non devono essere elementi costitutivi del reato né circostanze attenuanti speciali e il colpevole deve essere militare di ottima condotta o di provato valore 30) Ai sensi del codice penale militare di pace, quando ricorre una sola circostanza aggravante, di quanto è aumentata la pena? A) quando ricorre una sola circostanza aggravante, anche se l aumento di pena è determinato dalla legge, è aumentata fino a un terzo la pena che dovrebbe essere inflitta per il reato commesso

10 256 Diritto penale militare B) quando ricorre una sola circostanza aggravante, e l aumento di pena non è determinato dalla legge, è aumentata fino alla metà la pena che dovrebbe essere inflitta per il reato commesso C) quando ricorre una sola circostanza aggravante, e l aumento di pena non è determinato dalla legge, la pena che dovrebbe essere inflitta per il reato commesso è aumentata discrezionalmente dal giudice D) quando ricorre una sola circostanza aggravante, e l aumento di pena non è determinato dalla legge, è aumentata fino a un terzo la pena che dovrebbe essere inflitta per il reato commesso 31) Ai sensi del codice penale militare di pace, quando ricorre una sola circostanza attenuante, di quanto è diminuita la pena dell ergastolo? A) quando ricorre una sola circostanza attenuante, e la diminuzione di pena non è determinata dalla legge, alla pena dell ergastolo è sostituita la reclusione da venti a ventiquattro anni B) quando ricorre una sola circostanza attenuante, anche se la diminuzione di pena è determinata dalla legge, alla pena dell ergastolo è sostituita la reclusione da venti a ventiquattro anni C) quando ricorre una sola circostanza attenuante, e la diminuzione di pena non è determinata dalla legge, alla pena dell ergastolo è sostituita la reclusione da venti a ventisette anni D) quando ricorre una sola circostanza attenuante, e la diminuzione di pena non è determinata dalla legge, alla pena dell ergastolo è sostituita la reclusione di ventiquattro anni 32) Ai sensi del codice penale militare di pace, quando ricorrono più circostanze aggravanti o attenuanti, come si determinano i limiti degli aumenti o delle diminuzioni di pena? A) quando ricorrono più circostanze aggravanti o attenuanti i limiti degli aumenti o delle diminuzioni di pena sono determinati discrezionalmente dal giudice B) quando ricorrono più circostanze aggravanti o attenuanti i limiti degli aumenti o delle diminuzioni di pena sono determinati dal codice penale militare di pace C) quando ricorrono più circostanze aggravanti o attenuanti per stabilire i limiti degli aumenti o delle diminuzioni di pena si applicano le disposizioni del codice penale D) quando ricorrono più circostanze aggravanti o attenuanti solo per stabilire i limiti degli aumenti di pena si applicano le disposizioni del codice penale, mentre i limiti delle diminuzioni sono stabiliti discrezionalmente dal giudice 33) A norma del codice penale militare di pace, quando concorrono più reati, quali sono i limiti dell aumento di pena? A) la pena non può essere superiore al quintuplo della più grave fra le pene concorrenti, né, comunque, eccedere venti anni per la reclusione o la reclusione militare

11 Questionario n B) la pena non può essere superiore alla metà della più grave fra le pene concorrenti, né, comunque, eccedere trenta anni per la reclusione o la reclusione militare C) la pena non può essere superiore al quintuplo della più grave fra le pene concorrenti, né, comunque, eccedere trenta anni per la reclusione o la reclusione militare D) la pena non può essere superiore alla metà della più grave fra le pene concorrenti, né, comunque, eccedere venti anni per la reclusione o la reclusione militare 34) A norma del codice penale militare di pace, nell ipotesi di recidiva tra reati comuni e reati esclusivamente militari, che deve fare il giudice? A) il giudice, salvo che si tratti di reati della stessa indole, ha facoltà di escludere la recidiva fra reati preveduti dalla legge penale comune e reati esclusivamente militari B) il giudice, soltanto se si tratti di reati della stessa indole, ha facoltà di escludere la recidiva fra reati preveduti dalla legge penale comune e reati esclusivamente militari C) il giudice, salvo che si tratti di reati della stessa indole, ha l obbligo di escludere la recidiva fra reati preveduti dalla legge penale comune e reati esclusivamente militari D) il giudice, salvo che si tratti di reati della stessa indole, ha facoltà di escludere la recidiva fra reati preveduti dalla legge penale comune e reati obiettivamente militari 35) Alla luce di quanto previsto nel codice penale militare di pace, in caso di concorso di persone nel reato, come operano le circostanze aggravanti? A) la pena da infliggere per il reato commesso è aumentata, oltre che nei casi in cui ricorrono le circostanze degli articoli 111 e 112 o quelle del secondo comma dell articolo 113 del codice penale, anche per il superiore che è concorso nel reato con un inferiore B) la pena da infliggere per il reato commesso è aumentata per il superiore che è concorso nel reato con un inferiore, ma non nei casi in cui ricorrono le circostanze degli articoli 111 e 112 o quelle del secondo comma dell articolo 113 del codice penale C) la pena da infliggere per il reato commesso è aumentata solo nei casi in cui ricorrono le circostanze degli articoli 111 e 112 o quelle del secondo comma dell articolo 113 del codice penale D) le circostanze aggravanti, nell ipotesi di concorso di persone nel reato, non si applicano 36) Alla luce di quanto previsto nel codice penale militare di pace, in caso di concorso di persone nel reato, quando può essere diminuita la pena per l inferiore? A) mai B) sempre

12 Risposte al questionario n. 7 1) Risposta esatta: B Per legge penale militare s intende l insieme delle norme che prevedono tutte le violazioni (e le relative sanzioni) dell ordinamento giuridico militare. Il R.D. n. 301/1941 ha approvato sia il codice penale militare di pace (c.p.m.p.) che il codice penale militare di guerra (c.p.m.g.): il primo prevede i reati commessi dai militari in tempo di pace; il secondo prevede i reati commessi dai militari in tempo di guerra (cfr. art. 1 c.p.m.g., secondo cui la legge penale militare di guerra comprende, oltre al codice penale militare di guerra, ogni altra legge speciale, o provvedimento che abbia valore di legge, in materia penale militare attinente alla guerra). In particolare, secondo quanto dispone l art. 19 c.p.m.p., le disposizioni del codice penale militare di pace si applicano anche alle materie regolate dalla legge penale militare di guerra e da altre leggi penali militari, in quanto non sia da esse diversamente stabilito. Dunque, tra legge penale militare di guerra e legge penale militare di pace sussiste una sorta di rapporto di specialità, nel senso che la prima si applica quando la seconda non contiene espresse disposizioni derogatorie. 2) Risposta esatta: D Tra diritto penale militare e diritto penale comune sussiste rapporto di specialità: il diritto penale militare è speciale rispetto al diritto penale comune. Si applica, quindi, l art. 15 del codice penale comune, il quale dispone che quando più leggi penali o più disposizioni della medesima legge penale regolano la stessa materia, la legge o la disposizione di legge speciale deroga alla legge o alla disposizione di legge generale, salvo che sia diversamente stabilito. Tuttavia, bisogna comunque tener conto anche dell art. 16 del codice penale comune, il quale stabilisce che le disposizioni del codice penale comune si applicano anche alle materie regolate da altre leggi penali, in quanto non sia da queste stabilito altrimenti. 3) Risposta esatta: C Secondo quanto dispone l articolo 1 del codice penale militare di pace, la legge penale militare si applica ai militari in servizio alle armi e a quelli considerati tali. Il legislatore, poi, determina i casi nei quali la legge penale militare si applica anche ai militari in congedo, ai militari in congedo assoluto, agli assimilati ai militari, agli iscritti ai corpi civili militarmente ordinati e ad ogni altra persona estranea alle forze armate dello Stato. 4) Risposta esatta: A Ai fini dell applicazione della legge penale militare, il codice penale militare di pace comprende, sotto la denominazione di «militari», tutti i soggetti indicati dal primo comma dell articolo 2 del codice stesso. Sono quindi compresi i militari (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica, della (regia) guardia di finanza, della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, del Corpo di polizia dell Africa italiana e le persone che, a norma di legge, acquistano la qualità di militari. 5) Risposta esatta: A Secondo quanto dispone l articolo 5 del codice penale militare di pace, salvo che la legge disponga altrimenti, la legge penale militare si applica relativamente agli ufficiali, dal momento della notificazione del provvedimento di nomina fino al giorno della notificazione del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi; relativamente agli altri militari, dal momento stabilito per la loro presentazione fino al momento in cui, inviati in congedo, si presentano all Autorità competente del

13 Risposte al questionario n comune di residenza da essi prescelto; o, se sottufficiali di carriera, fino al momento della notificazione del provvedimento che li colloca fuori del servizio alle armi. Tuttavia, il secondo comma dell articolo in esame, così come modificato dall art. 11, L. 28 luglio 1984, n. 398, prevede che la legge penale militare si applichi anche al militare assente dal servizio alle armi per licenza, ancorché illimitata, per infermità, per custodia cautelare, o per altro analogo motivo. Infine, il terzo comma chiarisce il concetto di notificazione ai fini dell applicazione dell articolo 5 citato: per notificazione del provvedimento s intende la comunicazione personale di questo all interessato, ovvero, quando la comunicazione personale non sia ancora avvenuta, la pubblicazione del provvedimento nel bollettino ufficiale, o nei corrispondenti mezzi di notificazione delle varie forze armate dello Stato. 6) Risposta esatta: B L articolo 4 del codice penale militare di pace prevede che la legge penale militare si applica agli appartenenti alla Milizia volontaria per la sicurezza nazionale quando prestano servizio alle armi. In tale ipotesi, questi sono considerati «in servizio», anche se non si presentano, dal momento stabilito per la loro presentazione fino al momento stabilito per la cessazione del servizio stesso. Inoltre, la legge penale militare si applica a questi soggetti quando commettono un reato preveduto dalla legge medesima a causa del servizio ovvero a danno di questo o dell amministrazione militare. 7) Risposta esatta: C Il codice penale militare di pace, all articolo 5, prevede che, agli effetti della legge penale militare, sono considerati «in servizio alle armi»: gli ufficiali collocati in aspettativa o sospesi dall impiego, o che comunque, secondo le leggi che ne regolano lo stato, sono nella posizione di servizio permanente, ancorché non prestino servizio effettivo alle armi; i sottufficiali di carriera collocati in aspettativa; i militari in stato di allontanamento illecito, diserzione o mancanza alla chiamata, o comunque arbitrariamente assenti dal servizio; i militari in congedo, che scontano una pena militare detentiva, originaria o sostituita a pene comuni; i militari in congedo, che si trovano in stato di custodia cautelare in un carcere militare, per un reato soggetto alla giurisdizione militare; ogni altro militare in congedo, considerato in servizio alle armi a norma di legge o dei regolamenti militari. Per quanto riguarda, in particolare, i militari in congedo richiamati in servizio alle armi, l articolo 6 del codice citato prevede che la legge penale militare si applichi dal momento stabilito per la presentazione alle armi fino al loro rinvio in congedo. 8) Risposta esatta: B L articolo 8 del codice penale militare di pace stabilisce che, agli effetti della legge penale militare, cessano di appartenere alle forze armate dello Stato: gli ufficiali, dal giorno successivo alla notificazione del provvedimento che stabilisce la cessazione definitiva degli obblighi di servizio militare; gli altri militari, dal momento della consegna ad essi del foglio di congedo assoluto. Con particolare riferimento a questi ultimi, la Corte Costituzionale, con sentenza n. 556/1989, ha dichiarato l illegittimità costituzionale della norma in esame nella parte in cui prevede che, agli effetti della legge penale militare, la cessazione dell appartenenza dei sottufficiali e dei militari di truppa alle Forze Armate dello Stato sia individuabile dal momento della consegna ad essi del foglio di congedo assoluto e non dal momento del loro congedamento effettivo. 9) Risposta esatta: C L articolo 14 del codice penale militare di pace assoggetta alla legge penale militare le persone estranee alle Forze Armate dello Stato che concorrano a commettere un reato militare. Se si tratta di concorso in reato esclusivamente militare, perché sussista dolo, è necessario che la persona estranea alle Forze Armate, che concorre a commettere il reato, conosca la qualifica di «militare» del concorrente. Il secondo comma dell articolo 14 citato, inoltre, stabilisce che, oltre ai casi espressamente enunciati dalla legge, per alcuni reati previsti dal codice penale militare di pace (es. art Comunicazione all estero di notizie non segrete né riservate; art Abuso nel lavoro delle officine o di altri laboratori militari etc.) alle persone estranee alle forze armate dello Stato si applicano le pene stabilite per i militari, sostituite

14 280 Diritto penale militare le pene comuni alle militari secondo le disposizioni dell articolo 65 del codice stesso (si tenga presente che la pena di morte è stata abolita e che quindi le relative disposizioni hanno perso efficacia), ma il giudice può diminuire la pena. 10) Risposta esatta: A L articolo 6 del codice penale militare di guerra prevede che la legge penale militare di guerra si applichi ai militari appartenenti ad armi, corpi, navi, aeromobili o servizi in generale, destinati a operazioni di guerra, sebbene il reato sia commesso in luogo che non si trovi in stato di guerra. Secondo, poi, quanto dispone l art. 9 c.p.m.g. (così come modificato dall art. 2, co. 1, lett. a), L. n. 6/2002), sono soggetti alla legge penale militare di guerra, ancorché in tempo di pace, anche i corpi di spedizione all estero per operazioni militari armate e, limitatamente ai fatti connessi con le operazioni all estero, anche il personale militare di comando e controllo e di supporto del corpo di spedizione che resta nel territorio nazionale o che si trova nel territorio di altri paesi, dal momento in cui è ad esso comunicata l assegnazione a dette funzioni, per i fatti commessi a causa o in occasione del servizio. 11) Risposta esatta: A Il codice penale militare di guerra comprende, sotto la denominazione di militari, quelli del (regio) esercito, della (regia) marina, della (regia) aeronautica, della (regia) guardia di finanza, della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, del Corpo di polizia dell Africa italiana, i militarizzati e ogni altra persona che a norma di legge acquista la qualità di militare, gli assimilati, ancorché di rango, ai militari, e le persone appartenenti a corpi o reparti volontari autorizzati a prendere parte alla guerra. 12) Risposta esatta: A Secondo quanto dispone l articolo 3 del codice penale militare di guerra, la legge penale militare di guerra si applica per i reati da essa preveduti, commessi in tutto o in parte, dal momento della dichiarazione dello stato di guerra fino a quello della sua cessazione. Secondo, poi, quanto dispone l articolo 22 del codice citato, con la cessazione dello stato di guerra cessano l applicazione della legge penale militare di guerra e l esercizio della giurisdizione militare di guerra, salvo che la legge disponga diversamente. Si tenga presente, inoltre, che l articolo 23 del codice in esame prevede un ipotesi di ultrattività della legge penale militare di guerra, disponendo che per i reati previsti dalla legge penale militare di guerra, commessi durante lo stato di guerra, si applicano sempre le sanzioni penali stabilite dalla legge suindicata, sebbene il procedimento penale sia iniziato dopo la cessazione dello stato di guerra e anche se la legge penale militare di pace o la legge penale comune non preveda il fatto come reato o contenga disposizioni più favorevoli per il reo. 13) Risposta esatta: D L articolo 4 del codice penale militare di guerra stabilisce la regola generale secondo la quale per l applicazione della legge penale militare di guerra, è necessario che i reati siano commessi in luoghi in stato di guerra o considerati tali ma, al secondo comma, prevede due deroghe. Infatti, durante lo stato di guerra, la legge penale militare di guerra può essere applicata anche in luoghi che non siano in stato di guerra o non siano considerati tali quando sia la legge a prevederlo espressamente o quando dai reati possa derivare un nocumento alle operazioni militari di guerra o ai servizi relativi, ovvero alla condotta della guerra in generale. 14) Risposta esatta: C Il codice penale militare di guerra, all articolo 16, prevede che la legge penale militare di guerra si applica sia per i reati commessi da militari italiani prigionieri di guerra presso il nemico a danno di altri militari italiani o dello Stato italiano sia, in caso di mobilitazione generale, per i reati commessi in territorio estero da ogni altro militare italiano.

15 Risposte al questionario n ) Risposta esatta: B La legge penale militare si applica a tutti i soggetti previsti dalla legge, che si trovano nel territorio dello Stato; sono però previsti dalla legge anche casi di applicazione della stessa per reati commessi in territorio estero: sono queste le ipotesi disciplinate dagli articoli 17 e 18 del codice penale militare di pace. L articolo 17 prevede l applicazione della legge penale militare anche per i reati commessi in territorio estero di occupazione, soggiorno o transito delle forze armate dello Stato, osservate le convenzioni e gli usi internazionali. L articolo 18, poi, prevede che, fuori dai casi disciplinati dall articolo 17 citato, nelle ipotesi di reati commessi in territorio estero, per l applicazione della legge penale militare, il legislatore impone una condizione di procedibilità, costituita dalla richiesta del Ministro competente, secondo quanto dispone l art. 260 del codice penale militare di pace. 16) Risposta esatta: C La legge penale militare non ha efficacia retroattiva e, secondo quanto dispone l articolo 15 del codice penale militare di pace, si applica per i reati militari commessi durante il servizio militare, ancorché siano scoperti o giudicati quando il colpevole si trovi in congedo o abbia cessato di appartenere alle forze armate dello Stato. 17) Risposta esatta: A Secondo quanto dispone l articolo 37 del codice penale militare di pace, per reato militare deve intendersi qualunque violazione della legge penale militare. Tuttavia, è considerato reato militare non solo quello che tutela interessi militari, ma anche quello che tutela interessi comuni che siano in qualche modo collegati alla tutela di interessi militari. 18) Risposta esatta: B Il secondo comma dell articolo 37 del codice penale militare di pace prevede che reato esclusivamente militare è quello costituito da un fatto che, nei suoi elementi materiali costitutivi, non è, in tutto o in parte, preveduto come reato dalla legge penale comune. In altri termini, reato esclusivamente militare è quello che è esclusivamente previsto e disciplinato dal diritto penale militare. Si tenga presente che il reato esclusivamente militare comporta sempre una pena militare. 19) Risposta esatta: A Il reato obiettivamente militare è quello i cui elementi materiali costitutivi sono in tutto o in parte previsti come reato dalla legge penale comune e si differenzia, dunque, dal reato esclusivamente militare che si caratterizza, per il fatto che tutti i suoi elementi materiali costitutivi devono essere previsti esclusivamente dalla legge penale militare. Per i reati obiettivamente militari, a differenza dei reati esclusivamente militari, che comportano sempre una pena militare, la legge prevede a volte la reclusione comune (quando sussiste l eventualità che il reo sia espulso dall organizzazione militare), altre volte quella militare. 20) Risposta esatta: D L articolo 47 del codice penale militare di guerra, in virtù della modifica realizzata dalla L. n. 6/2002, ha operato la cd. «militarizzazione» dei reati comuni; ha cioè esteso la nozione di «reato militare» a molti reati comuni, commessi dall appartenente alle Forze armate con abuso dei poteri o violazione dei doveri inerenti allo stato di militare, o in luogo militare, costituenti delitto contro: la personalità dello Stato; la pubblica amministrazione; l amministrazione della giustizia; l ordine pubblico; l incolumità pubblica; la fede pubblica; la moralità pubblica e il buon costume; la persona e il patrimonio. Ai sensi del secondo comma dell articolo in esame costituisce, inoltre, reato militare ogni altra violazione della legge penale commessa dall appartenente alle Forze armate in luogo militare o a causa del servizio militare, in offesa del servizio militare o dell amministrazione militare o di altro militare o di appartenente alla popolazione civile che si trova nei territori di operazioni all estero.

16 282 Diritto penale militare Infine, in base al terzo comma dell articolo 47 citato, costituisce reato militare ogni altra violazione della legge penale prevista quale delitto in materia di controllo delle armi, munizioni ed esplosivi e di produzione, uso e traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, commessa dall appartenente alle Forze armate in luogo militare. 21) Risposta esatta: C Nei casi non previsti dal codice penale di guerra, si applicano le disposizioni del codice penale militare di pace, concernenti i reati militari in particolare. Tuttavia, le pene detentive temporanee, stabilite dal codice penale militare di pace, si applicano con l aumento da un sesto a un terzo, estensibile fino alla metà nei casi gravi; salvo il caso in cui l aumento sia specificamente disposto dal codice penale militare di guerra. 22) Risposta esatta: D La differenza tra reati militari e illeciti disciplinari (art. 38 c.p.m.p.) è di natura formale; consiste infatti nella diversa tipizzazione: i reati penali sono previsti dai codici penali militari, gli illeciti disciplinari sono previsti dai regolamenti militari. Dunque, differente è anche il tipo di sanzione prevista, l autorità competente ad infliggerla e il tipo di procedimento tramite il quale si accerta la responsabilità e si infligge la sanzione. 23) Risposta esatta: B Anche se la legge non prevede espressamente la pregiudizialità del processo penale rispetto al procedimento disciplinare (e in genere rispetto a giudizi di altro tipo), il procedimento penale, quanto all accertamento del fatto, si pone, rispetto al primo, come fondamentale e imprescindibile. Basti considerare quanto previsto dall articolo 653 del codice di procedura penale (così come modificato nel 2001 dalla Legge n. 97), secondo il quale la sentenza penale di assoluzione ha efficacia di giudicato nel giudizio per responsabilità disciplinare davanti alle pubbliche autorità quanto all accertamento che il fatto non sussiste o non costituisce illecito penale ovvero che l imputato non lo ha commesso; mentre la sentenza penale irrevocabile di condanna ha efficacia di giudicato nel giudizio per responsabilità disciplinare davanti alle pubbliche autorità quanto all accertamento della sussistenza del fatto, della sua illiceità penale e all affermazione che l imputato lo ha commesso. Ovviamente, il problema di un eventuale pregiudizialità si pone qualora la condotta posta in essere dal militare integri contemporaneamente sia un illecito disciplinare che un illecito penale. 24) Risposta esatta: A La pena di morte è stata abolita nel 1989 con la Legge n. 589, con la conseguenza che hanno perso efficacia anche tutte le disposizioni che la riguardavano. 25) Risposta esatta: A La presenza di tre o più militari, o comunque le circostanze di luogo, per le quali possa verificarsi pubblico scandalo, costituiscono circostanze aggravanti comuni del reato militare, previste, tra le altre circostanze aggravanti, dall articolo 47 del codice penale militare di pace. L applicazione di queste circostanze, proprio perché aggravanti, determinano un aumento della pena. 26) Risposta esatta: A L articolo 47 del codice penale militare di pace prevede che al reato militare si applichino, oltre le circostanze aggravanti comuni previste dal codice penale, anche le seguenti circostanze aggravanti comuni: l avere agito per timore di un pericolo, al quale il colpevole aveva un particolare dovere giuridico di esporsi; l essere il militare colpevole rivestito di un grado o investito di un comando; l avere commesso il fatto con le armi di dotazione militare, o durante un servizio militare, ovvero a bordo di una nave militare o di un aeromobile militare; l avere commesso il fatto alla presenza di tre o più militari, o comunque in circostanze di luogo, per le quali possa verificarsi pubblico scandalo; l avere

17 Risposte al questionario n il militare commesso il fatto in territorio estero, mentre vi si trovava per causa di servizio, o mentre vestiva, ancorché indebitamente, l uniforme militare. Le circostanze appena citate sono aggravanti comuni perché comportano un aumento della pena e sono applicabili a tutti i reati con cui non siano incompatibili. 27) Risposta esatta: C Il codice penale militare di pace prevede (in linea con i principi generali del diritto penale comune), come condizione per applicare l aumento di pena, che le circostanze indicate dall articolo 47 del codice penale citato non siano già elementi costitutivi del reato né circostanze aggravanti speciali. 28) Risposta esatta: C L articolo 48 del codice penale militare di pace prevede le seguenti circostanze attenuanti comuni: l avere commesso il fatto per eccesso di zelo nell adempimento dei doveri militari; l essere il fatto commesso da militare, che non abbia ancora compiuto trenta giorni di servizio alle armi, quando trattasi di reato esclusivamente militare; l avere commesso il fatto per i modi non convenienti usati da altro militare. Le circostanze appena citate sono attenuanti comuni perché comportano una mitigazione della pena e sono applicabili a tutti i reati con cui non siano incompatibili. 29) Risposta esatta: D Come per le circostanze aggravanti, anche per quelle attenuanti (in linea con i principi generali del diritto penale comune), la legge prevede che, per essere applicate, non devono già essere elementi costitutivi del reato né circostanze attenuanti speciali. Inoltre, come ulteriore condizione per la mitigazione della pena, l articolo 48 citato prevede che il colpevole sia militare di ottima condotta o di provato valore. Si tenga presente, inoltre, che la Corte Costituzionale ha dichiarato l illegittimità costituzionale del presente articolo, limitatamente all inciso «e salva la disposizione dell articolo seguente», con sentenza n. 213/ ) Risposta esatta: D Secondo quanto dispone l articolo 50 del codice penale militare di pace, nell ipotesi in cui ricorra una sola circostanza aggravante, è aumentata fino a un terzo la pena che dovrebbe essere inflitta per il reato commesso, se l aumento di pena non è previsto dalla legge. Al secondo comma, poi, l articolo citato prevede che la pena detentiva temporanea da applicare per effetto dell aumento non può superare trenta anni. 31) Risposta esatta: A L articolo 51 del codice penale militare di pace, nell ipotesi in cui ricorra una sola circostanza attenuante, prevede: nell ipotesi dell ergastolo, la sostituzione con la reclusione da venti a ventiquattro anni; per le altre pene, la diminuzione in misura non eccedente il terzo. L articolo in esame disciplinava anche l ipotesi della pena di morte, che però è stata abolita nel 1989, con conseguente perdita di efficacia di tutte le disposizioni ad essa relative. 32) Risposta esatta: C Secondo quanto previsto dall articolo 52 del codice penale militare di pace, se concorrono più circostanze aggravanti o attenuanti, per determinare i limiti degli aumenti o delle diminuzioni di pena, si applicano le disposizioni del codice penale. L articolo prevedeva anche una disciplina specifica per la pena di morte ma, poiché è stata abolita nel 1989, tutte le disposizioni ad essa relativa hanno perso efficacia. Infine, per quanto riguarda la reclusione militare da applicare per effetto degli aumenti, il codice prevede che non possa eccedere trenta anni.

18 284 Diritto penale militare 33) Risposta esatta: C Secondo quanto dispone l articolo 56 del codice penale militare di pace, nel caso di concorso di reati, la pena da applicare non può essere superiore al quintuplo della più grave fra le pene concorrenti, né, comunque, eccedere trenta anni per la reclusione o la reclusione militare. 34) Risposta esatta: A La recidiva è disciplinata dal codice penale comune (agli articoli 99 ss.), il quale dispone che chi, dopo essere stato condannato per un delitto non colposo, ne commette un altro, può essere sottoposto ad un aumento della pena (stabilito dalla legge) per il nuovo delitto non colposo. La ratio dell istituto va individuata, quindi, da un lato, nell esigenza di punire in modo più aspro chi, dopo essere stato condannato per un delitto non colposo, commette nuovamente un altro delitto non colposo; dall altro, quella di prevenire la commissione di nuovi reati da parte di chi ha già commesso un reato. L articolo 57 del codice penale militare di pace prevede la facoltatività della recidiva tra reati previsti dalla legge penale comune e reati esclusivamente militari. L unica ipotesi in cui questa regola non vale è quella in cui si tratti di reati della stessa indole e cioè di reati che violano una stessa disposizione di legge oppure, pur violando disposizioni diverse, presentino caratteri comuni. La facoltatività della recidiva è prevista anche dal codice penale comune ma, alla luce delle modifiche legislative intervenute in materia con il D.L. n. 99/1974, conv. in L. n. 220/1974, la giurisprudenza ha chiarito che la facoltatività riguarda solo l aumento di pena (che quindi il giudice può decidere di non applicare), non anche gli altri effetti penali che si producono quando vi è ricaduta nel reato (es. riabilitazione). 35) Risposta esatta: A Secondo quanto dispone l articolo 58 del codice penale militare di pace, la pena da infliggere per il reato commesso è aumentata nei casi in cui ricorrono le circostanze di cui agli articoli 111 e 112 o quelle del secondo comma dell articolo 113 del codice penale e per il superiore, che è concorso nel reato con un inferiore. In particolare, l articolo 111 del codice penale disciplina l ipotesi di determinazione al reato di persona non imputabile o non punibile; mentre l articolo 112 elenca le varie circostanze aggravanti, tra cui rileva per esempio, quella del numero di persone (cinque o più), della promozione o dell organizzazione della cooperazione nel reato etc.; l articolo 113, infine, al secondo comma, disciplina l ipotesi dell aumento di pena per chi ha determinato altri a cooperare nel delitto. 36) Risposta esatta: D L articolo 59 del codice penale militare di pace prevede che, nell ipotesi di concorso di persone nel reato, è possibile una diminuzione di pena per l inferiore quando il superiore lo abbia determinato a commettere il reato. L articolo, però, prevede anche un altra ipotesi di diminuzione della pena, che si verifica quando, se non sono applicabili le circostanze aggravanti previste dall articolo 58 del codice penale militare di pace, il militare, nella preparazione o nella esecuzione del reato, ha prestato opera di minima importanza. 37) Risposta esatta: D L articolo 41 del codice penale militare di pace disciplina l uso legittimo delle armi, prevedendo la non punibilità del militare che, al fine di adempiere un suo dovere di servizio, fa uso ovvero ordina di far uso delle armi o di altro mezzo di coazione fisica, quando vi è costretto dalla necessità di respingere una violenza o di vincere una resistenza. La legge determina, poi, gli altri casi nei quali il militare è autorizzato a usare le armi o altro mezzo di coazione fisica. Il codice penale comune prevede la causa di giustificazione dell uso legittimo delle armi all articolo ) Risposta esatta: C La nozione di violenza rilevante per il codice penale militare di pace è prevista dall articolo 43, il quale dispone che sotto la denominazione di violenza si comprendono l omicidio, ancorché tentato o

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

NOZIONE DI DIRITTO PENALE MILITARE

NOZIONE DI DIRITTO PENALE MILITARE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PENALE MILITARE LEZIONE I NOZIONI GENERALI DI DIRITTO PENALE MILITARE PROF. FRANCESCO BACCARO Indice 1 NOZIONE DI DIRITTO PENALE MILITARE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI GUERRA

CODICE PENALE MILITARE DI GUERRA CODICE PENALE MILITARE DI GUERRA LIBRO PRIMO DELLA LEGGE PENALE MILITARE DI GUERRA, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE DI GUERRA E DELLA SUA APPLICAZIONE. Art. 1 Nozione della legge penale

Dettagli

REGIO DECRETO 20 febbraio 1941, n. 303. Codici penali militari di pace e di guerra (041U0303) Vigente al: 19 2 2015

REGIO DECRETO 20 febbraio 1941, n. 303. Codici penali militari di pace e di guerra (041U0303) Vigente al: 19 2 2015 REGIO DECRETO 20 febbraio 1941, n. 303 Codici penali militari di pace e di guerra (041U0303) Vigente al: 19 2 2015 VITTORIO EMANUELE III PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE RE D'ITALIA E DI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA PROVA ORALE

PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA PROVA ORALE Allegato 4 PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA Elaborato su argomenti ricompresi tra le materie oggetto della prova orale. PROVA ORALE Diritto amministrativo - Il diritto amministrativo e le sue

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI INDICE SOMMARIO Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... pag. V VII I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili...

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101 SISTEMA DISCIPLINARE EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO DI ADOTTATO DA RISORSA SOCIALE GERA D ADDA... 4 2. IL SISTEMA DISCIPLINARE DI RISORSA SOCIALE GERA

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per i delitti di associazione mafiosa ed usura.

Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per i delitti di associazione mafiosa ed usura. Legge ex Cirielli: attenuanti generiche, recidiva, usura e prescrizione Legge 05.12.2005 n 251, G.U. 07.12.2005 Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Contenuti: Principio di necessità militare Principio di proporzionalità Principio di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Reati penali fiscali: per le fattispecie elusive il contribuente va assolto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Cassazione, con una recente

Dettagli

Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it

Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilita' e di divieto di ricoprire

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari n. 100/14 SIGE

TRIBUNALE DI VICENZA Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari n. 100/14 SIGE TRIBUNALE DI VICENZA Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari n. 100/14 SIGE Il Giudice dell esecuzione, Provvedendo sull istanza depositata in data 7.3. nell interesse di M. T. di rideterminazione

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 147 del 03.11.1998 Modificato con delibera

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa...

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa... MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di legale rappresentante... procuratore... dell impresa... con sede legale

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE

Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE COLTIVAZIONE PRODUZIONE SPACCIO E TRAFFICO STATI MEMBRI CONSUMO POSSESSO DI DROGA Austria: possesso di droghe proibito e sanzionabile penalmente Stupefacenti:

Dettagli

CODICI RAGIONATI diretti da R. GAROFOLI EDITIO MINOR

CODICI RAGIONATI diretti da R. GAROFOLI EDITIO MINOR CODICI RAGIONATI diretti da R. GAROFOLI EDITIO MINOR Roberto GAROFOLI CODICE PENALE RAGIONATO aggiornato a - D.L. 23 dicembre 2013, n. 146 (Misure in tema di tutela dei diritti fondamentali dei detenuti)

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

SENATO DELLA REP L I L A

SENATO DELLA REP L I L A SENATO DELLA REP L I L A Vili LEGISLATURA (N. 1060) DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro della Difesa (LAGQRIO) di concerto coi Ministro dell'interno (ROGNONI) col Ministro di Grazia e Giustizia (MORLINO)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO L) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Associazionismo e Impegno Sociale, C.F. 01386030488 Via di Novoli, 26 50127

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA

dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA OBIETTIVI DEL CORSO MGA PARTE GIURIDICA Conoscere il quadro giuridico Riconoscere l ambito della legittima difesa Difendersi dalle leggi Evitare

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Comune di Pantelleria Provincia di Trapani

Comune di Pantelleria Provincia di Trapani Comune di Pantelleria Provincia di Trapani SETTORE II ACQUISIZIONE IN ECONOMIA COTTIMO FIDUCIARIO PER SERVIZIO DI PULIZIA DEL PALAZZO COMUNALE. ALLEGATO A L offerta, da cui si evinca il ribasso percentuale

Dettagli

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Lugano, 22 ottobre 2013 avv. Alessandro Pistochini 1 1) Scenario generale Summary 2) L impianto del diritto penale tributario ai sensi del d.lgs.

Dettagli

361 Titolo V - Della non punibilità per particolare tenuità del fatto

361 Titolo V - Della non punibilità per particolare tenuità del fatto 361 Titolo V - Della non punibilità per particolare tenuità del fatto 131/2 L opinione dominante ritiene che la norma in esame sia superflua nell ambito del sistema penale, dal momento che la struttura

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 515 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 12 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I referendum per una giustizia giusta Responsabilità civile

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI CODICE PENALE e leggi complementari con il coordinamento di Chiara INGENITO e Luigi Edoardo FIORANI INDICE SISTEMATICO VI Premessa INDICE SISTEMATICO COSTITUZIONE

Dettagli

Dispensa di Diritto Penale Militare

Dispensa di Diritto Penale Militare Dispensa di Diritto Penale - 1 Aeronautica Militare SCUOLA SPECIALISTI caserta Dispensa di Diritto Penale Militare a cura del Cap. C.C.r.n. Valentina Capurro edizione 2011 2 - Dispensa di Diritto Penale

Dettagli

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO PREMESSA a) la genuinità e la bontà del vino che quotidianamente consumiamo determinano lo stato fisico e la condizione del cittadino-consumatore; b) il consumatore

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE Integrato con le modifiche e aggiunte apportate agli articoli da 55 a 55 septies dal D.Lgs. n. 150/2009 CCNL 11 APRILE 2008 ARTICOLO 3, COMMI 1, 2 E 3

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MISURACA, AMATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MISURACA, AMATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6230 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MISURACA, AMATO Nuove norme in materia di responsabilità e di risarcimento per i danni derivanti

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LUSSANA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LUSSANA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2455 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LUSSANA Nuove disposizioni per la tutela del diritto all oblio su internet in favore delle

Dettagli

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICE PENALE aggiornato a - D.L. 31 agosto 2013, n. 101 (cd. Decreto salva precari) - D.L. 14 agosto 2013, n. 93 (in materia di Sicurezza e femminicidio) - D.L.

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013

Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013 Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013 Novità legislative: D.L. 10 dicembre 2013, n. 136 Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali ed a favorire lo sviluppo delle

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA Art.1 Oggetto del regolamento Art.2 Funzionario Responsabile

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Marzo 2015. Voluntary Disclosure, ravvedimento operoso e acquiescenza. Quale strada percorrere?

Marzo 2015. Voluntary Disclosure, ravvedimento operoso e acquiescenza. Quale strada percorrere? Marzo 2015 Voluntary Disclosure, ravvedimento operoso e acquiescenza. Quale strada percorrere? Carlo Sallustio, Ph. D. in Diritto tributario, Avvocato tributarista presso Studio Legale Tributario Fantozzi

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario MODELLO A Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA DI SELEZIONE DEI SOGGETTI A CUI AFFIDARE LE ATTIVITA DI INFORMAZIONE E ORIENTAMENTO PER LE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 - Principi generali del servizio sostitutivo. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi

Dettagli

INDICE DEL SECONDO VOLUME

INDICE DEL SECONDO VOLUME INDICE DEL SECONDO VOLUME Avvertenza... pag. XI I CRITERI DI IMPUTAZIONE OGGETTIVA DEL FATTO ALL AUTORE LA RESPONSABILITÀ OGGETTIVA 1. La responsabilità oggettiva nel Codice Rocco e il suo contrasto con

Dettagli

19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti TITOLO IV

19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti TITOLO IV 203 R.D. 6 MAGGIO 1940, N. 635 19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti [248] (1). (1) Art. abrogato ex d.lgs. 13-7-1994, n. 480 (art. 13). TITOLO IV 248-250 Delle guardie particolari

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS)

A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS) A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS) TESTO DEGLI ARTT. 13, 14, 15 DEL CCNL 19 APRILE 2004 MODIFICATO DALL ART. 6 CCNL 10.4.2008. Codice disciplinare Art. 13

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Articolo 300 D.Lgs. 81/08 Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 1. L articolo 25-septies del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, è sostituito dal seguente: «Art. 25-septies (Omicidio

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa it D.M. 10 maggio 1994, n. 415 Regolamento per la disciplina delle categorie di documenti sottratti al diritto di accesso ai documenti amministrativi, in attuazione

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE GUARDIE ITTICHE VOLONTARIE (GIV) DEL CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA VALLE D AOSTA.

REGOLAMENTO PER LE GUARDIE ITTICHE VOLONTARIE (GIV) DEL CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA VALLE D AOSTA. CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA -VALLE D AOSTA COMITÉ RÉGIONAL POUR LA PROTECTION, L EXPANSION ET LA PRATIQUE DE LA PÊCHE -VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO PER LE GUARDIE

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) CODICE DISCIPLINARE PREMESSA Il D. Lgs 150/2009, di attuazione della L. 15/2009, ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici.

Dettagli

G P A LE COPERTURE ASSICURATIVE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE

G P A LE COPERTURE ASSICURATIVE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE LE COPERTURE ASSICURATIVE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE Definizione di Dipendente Tecnico: qualsiasi persona, regolarmente abilitato o comunque in regola con le disposizioni di legge per

Dettagli

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Traduzione 1 Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Adottati a Kampala il 11 giugno 2010 2 Approvati dall'assemblea federale il... 3 Strumenti

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE I - Personale docente

CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE I - Personale docente (dal CCNL comparto scuola personale docente - CCNL del 29.11.2007) CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE I - Personale docente ART.91 - RINVIO DELLE NORME DISCIPLINARI 1. Per il personale docente ed educativo

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. 1. Mancato rispetto dei doveri previsti dal punto 1 lettera a) dell art. 66 del C.C.N.L. 17/6/2011

CODICE DISCIPLINARE. 1. Mancato rispetto dei doveri previsti dal punto 1 lettera a) dell art. 66 del C.C.N.L. 17/6/2011 CODICE DISCIPLINARE 1. Mancato rispetto dei doveri previsti dal punto 1 lettera a) dell art. 66 del C.C.N.L. rispettare l orario di servizio ed adempiere le formalità prescritte dall azienda per il controllo

Dettagli

LCOPIA1 VERBALE DI DELJBERAZIONE DELLA GRJN1A COMUNALE COGNOMEENOME CARICA PRESEND. ROBBIANO VINCENZO SINDACO Si. REPE1O LUCLANA VICE SINDACO Si

LCOPIA1 VERBALE DI DELJBERAZIONE DELLA GRJN1A COMUNALE COGNOMEENOME CARICA PRESEND. ROBBIANO VINCENZO SINDACO Si. REPE1O LUCLANA VICE SINDACO Si SINDACO N. Prot. N. 42 R.V. w PROVINCIA DI ALESSANDRIA LCOPIA1 VERBALE DI DELJBERAZIONE DELLA GRJN1A COMUNALE OGGETTO: MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA DISCIPLINA ORGANIZZATIVA DEL CORPO DI Sala Municipale

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli