ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI"

Transcript

1 Organigramma P.O.F ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI - Staff direttivo. - Figure strumentali. - Servizio prevenzione e protezione dei rischi. - Commissioni: Educazione alla salute, ed. ambientale, continuità, Integrazione, docenti di sostegno, sicurezza, consiglio comunale dei ragazzi, biblioteca, sito Web e laboratori di informatica, orari, formazione classi, valutazione, comitato di disciplina, orientamento, prove Invalsi, gite e uscite didattiche, teatro, lingue straniere, ed. sportiva. INCARICHI - Collaboratori del Dirigente Scolastico. - Funzioni strumentali al Pof. - Referenti di commissioni. - Referenti di progetto. - Addetti Primo Soccorso. - Addetti prevenzione antincendio ed emergenze. - Amministratore di sistema. STAFF DIRETTIVO È composto a seconda delle necessità da: - Dirigente Scolastico. - Vicario del Dirigente Scolastico. - Direttore dei Servizi generali ed amministrativi. - Insegnanti collaboratori del Dirigente Scolastico. - Insegnanti incaricati delle funzioni strumentali. Elaborazione finale del Piano dell Offerta Formativa. Elaborazione e attuazione del Programma annuale (D.S. e D.S.G.A.), del Piano Annuale delle attività delle funzioni strumentali (solo D.S. e funzioni strumentali). Preparazione dei Consigli di classe e dei Collegi docenti (solo D.S. e collaboratori del D.S.). COMMISSIONE SICUREZZA - Dirigente Scolastico. 1

2 - Esperto del S.P.P. (esperto esterno). - Addetti del S.P.P. ed i componenti della commissione sicurezza. Individuazione dei fattori di rischio, valutazione dei rischi ed individuazione delle misure di sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro. Elaborazione delle misure preventive e protettive, individuazione dei dispositivi di protezione individuale ed i sistemi di controllo di tali misure Elaborazione delle procedure di sicurezza per le varie attività. Proposta dei programmi d informazione e formazione dei lavoratori. Partecipazione alle consultazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza. Applicazione normativa antifumo: vigilanza del divieto ed accertamento delle infrazioni. Fornire ai lavoratori le informazioni in merito a: Rischi per la sicurezza e la salute connessi alle attività dell istituzione in generale. Le misure e le attività di protezione adottate. I rischi specifici cui il personale è esposto in relazione all attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni dell istituzione scolastica in materia. I pericoli connessi all uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e delle norme di buona tecnica. Le procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l evacuazione dei lavoratori. Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione. I nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di emergenza. COMMISSIONE CONTINUITA - Insegnanti referenti. - Insegnanti delle due sedi. Organizzazione di riunioni con Dirigente scolastico ed i Coordinatori classi terze. Incontri con Docenti per determinate tematiche relative al curricolo, alla valutazione in prospettiva verticale. Progettazione di attività di raccordo tra le classi degli anni-ponte, per il passaggio alla scuola di grado superiore. Realizzazione di progetti d intesa con Enti ed Istituzioni. Reperimento di note informative relative agli allievi del ciclo precedente al fine di consentire la formazione delle classi prime. Collaborazione con la F.S. della funzione strumentale P.O.F. per presentare il progetto agli allievi delle future classi prime. COMMISSIONE EDUCAZIONE ALLA SALUTE - Insegnante incaricato della specifica funzione strumentale. - Docenti delle classi coinvolte nei progetti inerenti il tema di promozione all agio. Elaborazione del piano annuale di educazione alla salute e sua attuazione. Modalità per l attuazione. Raccolta, diffusione, archiviazione di materiali, dati e indagini sulle tematiche dell educazione alla salute. Rapporti con enti, istituzioni scolastiche e strutture del territorio 2

3 Collegamento con percorsi e progetti di altre commissioni e gruppi di lavoro. Analisi, verifica e valutazione del piano annuale. GRUPPO INTEGRAZIONE SCOLASTICA - Insegnante incaricato della specifica funzione strumentale. - Insegnanti, genitori, referenti: ASL, Ente Locale, Cooperative di servizi, CISAP. Proposte di aggiornamento del POF riguardo alle linee generali dell integrazione scolastica. Aggiornamento annuale dati sugli alunni HC e problematici. Elaborazioni progetti. Analisi e valutazione dei progetti. Collegamento con percorsi e progetti di altre commissioni e gruppi di lavoro. Rapporti con gli operatori dell ASL, dei servizi sociali e dell ente locale. GRUPPO DOCENTI DI SOSTEGNO È composto da: - Insegnante incaricato della specifica funzione strumentale (area integrazione alunni diversamente abili). - Insegnanti di sostegno alunni HC inseriti, eventuali referenti dei casi, eventuali educatori. Elaborazione di: Profilo Dinamico Funzionale, Progetto Educativo Individualizzato e Relazione Osservativa in collaborazione con tutti i soggetti coinvolti. Verifica periodica dei suddetti documenti tramite strumenti predisposti e/o incontri tra componenti delle singole commissioni. COMITATO DI VALUTAZIONE È composto da: - 4 docenti e due supplenti eletti dal Collegio dei Docenti e sono in carica per un triennio. procedere alla valutazione del periodo di formazione e prova degli insegnanti neo assunti a T.I. COMMISSIONE ORARIO - 3 docenti individuati dal Collegio dei Docenti. elaborare un orario scolastico dei docenti e delle classi funzionale alle diverse esigenze. COMMISSIONE FORMAZIONE CLASSI - 7 docenti individuati dal Collegio dei Docenti. Formare gruppi classe omogenei sulla base dei criteri stabiliti dal P.O.F. e delle informazioni sugli alunni provenienti dai docenti delle scuole primarie, tenendo conto, per quanto possibile, delle richieste delle famiglie al momento dell iscrizione. INCARICHI DIRIGENTE SCOLASTICO Cura l andamento dell Istituto dal punto di vista finanziario, strumentale, dell offerta formativa, delle risorse umane e della loro organizzazione, dello svolgimento delle varie, attività, compresa la realizzazione dell autonomia scolastica. 3

4 Assolve a tutte le funzioni previste dalle leggi in ordine al controllo, alla direzione, al coordinamento, alla promozione ed alla valorizzazione delle risorse umane e professionali. Assicura la gestione dell Istituzione scolastica finalizzata alla qualità dei processi formativi e l attuazione del POF. Nomina, secondo la normativa vigente, il personale cui affidare compiti organizzativi e gestionali. Presiede la Giunta esecutiva. È membro del Consiglio di Istituto e si occupa di controllare e provvedere con il D.S.G.A. all attuazione delle sue delibere. È responsabile del documento di valutazione dei rischi e del piano di sicurezza. Mantiene rapporti con Enti locali e territorio. È titolare delle relazioni sindacali. COLLABORATORE VICARIO DS Sostituire il Dirigente scolastico in sua assenza. Collaborare con il Dirigente scolastico nella definizione delle circolari interne, curandone la stesura. Collaborare con il Dirigente scolastico nei contatti con i vari comparti dell U.S.R., tenendone nota. Essere responsabile della gestione delle attività dei Docenti relative a presenza, assenza, supplenze, ritardi, ecc. Collaborare con il Dirigente scolastico nella gestione delle sostituzioni, dei permessi brevi e/o recupero ore eccedenti, nonché disponibilità allo straordinario. Collaborare con il Dirigente scolastico alla supervisione di ritardi, malattie, problemi degli studenti, in base alla segnalazione dei Docenti e Coordinatori (contatti con i servizi sociali del territorio e gli organi coinvolti nella tutela dei minori, d unisono con la F.S. Area Educazione alla Salute). Organizzare spazi e modalità delle riunioni (C.d.C., C.d.I., C.d.D., incontri con i genitori). Collaborare con il Dirigente scolastico e con l A.S.P.P. nell organizzazione di adattamenti di orario ed altre forme di servizio alternativo in caso di partecipazione di Docenti e personale ATA a scioperi, assemblee sindacali o altro. Collaborare con il Dirigente scolastico nella promozione ed implementazione di attività e progetti innovativi. Collaborare con il Dirigente scolastico nella ricerca di soluzioni a problematiche relative alla scuola. Raccogliere la produzione di documenti prodotti da Referenti e Coordinatori. Collaborare con il Dirigente scolastico nell organizzazione dei contenuti, cura la socializzazione di detti documenti, tenendone regolare registrazione. COLLABORATORE DS Sostituire il Dirigente scolastico in sua assenza e in assenza del Vicario. Collaborare con il Dirigente scolastico nella definizione delle circolari interne, curandone la stesura. Collaborare con il Dirigente scolastico nei contatti con i vari comparti dell U.S.R., tenendone nota. Essere responsabile della gestione delle attività dei Docenti relative a presenza, assenza, supplenze, ritardi, ecc. Collaborare con il Dirigente scolastico nella gestione delle sostituzioni, dei permessi brevi e/o recupero ore eccedenti, nonché disponibilità allo straordinario. 4

5 Collaborare con il Dirigente scolastico alla supervisione di ritardi, malattie, problemi degli studenti, in base alla segnalazione dei Docenti e Coordinatori (contatti con i servizi sociali del territorio e gli organi coinvolti nella tutela dei minori, d unisono con la F.S. Area Educazione alla Salute). Organizzare spazi e modalità delle riunioni (C.d.C., C.d.I., C.d.D., incontri con i genitori). Collaborare con il Dirigente scolastico e con l A.S.P.P. nell organizzazione di adattamenti di orario ed altre forme di servizio alternativo in caso di partecipazione di Docenti e personale ATA a scioperi, assemblee sindacali o altro. Collaborare con il Dirigente scolastico nella promozione ed implementazione di attività e progetti innovativi. Collaborare con il Dirigente scolastico nella ricerca di soluzioni a problematiche relative alla scuola. Raccogliere la produzione di documenti prodotti da Referenti e Coordinatori. Collaborare con il Dirigente scolastico nell organizzazione dei contenuti, curare la socializzazione di detti documenti, tenendone regolare registrazione. COORDINATORI DI PLESSO: DON MINZONI Sostituire il Collaboratore del DS in sua assenza. Collaborare con il Collaboratore del DS nelle funzioni interne della scuola. Gestire le attività dei Docenti relative a presenze, assenze, supplenze, ritardi, permessi, ecc. Sostituire il Collaboratore del DS alla supervisione di ritardi, malattie, problemi degli studenti (contatti con i Servizi sociali del territorio ed Organi coinvolti nella tutela dei minori), in base alla segnalazione di Docenti e Coordinatori. Curare l organizzazione di attività educative e didattiche nella sede della Don Minzoni. Curare l organizzazione di spazi e modalità delle riunioni (C.d.C., C.d.I., ricevimento parenti). Curare il funzionamento della rete di comunicazione interna. Supportare/sostituire il Collaboratore del DS nella promozione ed implementazione di attività e progetti innovativi. Supportare/sostituire il Collaboratore del DS nella ricerca di soluzione a problematiche relative alla scuola. Curare l organizzazione di coordinamento di varie iniziative, della comunicazione delle stesse a Docenti e/o studenti e/o genitori, verificandone la compatibilità. Supportare/sostituire il Collaboratore del DS nell organizzare adattamenti di orario e di altre forme di servizio alternativo (cfr. con Coll. Vic.). Supportare/sostituire il Collaboratore del DS nei rapporti con gli Enti locali e con tutti i soggetti terzi coinvolti e/o interessati all attività della scuola, con relativa documentazione scritta. COORDINATORE DI PLESSO: GRAMSCI Sostituire il Collaboratore del DS in sua assenza. Collaborare con il Collaboratore del DS nelle funzioni interne della scuola. Gestire le attività dei Docenti relative a presenze, assenze, supplenze, ritardi, permessi, ecc. Supportare/sostituire il Collaboratore del DS alla supervisione di ritardi, malattie, problemi degli studenti (contatti con i Servizi sociali del territorio ed Organi coinvolti nella tutela dei minori), in base alla segnalazione di Docenti e Coordinatori. Curare l organizzazione di attività educative e didattiche nella sede della scuola Gramsci. Curare l organizzazione di spazi e modalità delle riunioni (C.d.C., C.d.I., ricevimento parenti). Curare il funzionamento della rete di comunicazione interna. Supportare/sostituire il Collaboratore del DS nella promozione ed implementazione di attività e progetti innovativi. 5

6 Supportare/sostituire il Collaboratore del DS nella ricerca di soluzione a problematiche relative alla scuola. Curare l organizzazione di coordinamento di varie iniziative, della comunicazione delle stesse a Docenti e/o studenti e/o genitori, verificandone la compatibilità. Supportare/sostituire il Collaboratore del DS nell organizzare adattamenti di orario e di altre forme di servizio alternativo (cfr. con Coll. Vic.). Supportare/sostituire il Collaboratore del DS nei rapporti con gli Enti locali e con tutti i soggetti terzi coinvolti e/o interessati all attività della scuola, con relativa documentazione scritta. F.S. EDUCAZIONE ALLA SALUTE Presenziare agli incontri di lavoro relativi all Area (Educazione alla Salute/Pace, Coordinamento Pace e solidarietà del Comune di Collegno) con Enti, Associazioni, ecc. Coordinare le attività della Commissione Educazione alla Salute/Promozione dell agio. Partecipare agli incontri e alle attività organizzati dal C.I.S.A.P. Seguire i progetti relativi al settore di intervento anche in collaborazione con la Figura Strumentale Area Servizi per gli studenti. Coordinare le attività progettuali relative al tema Promozione dell agio Educazione alla Pace. Curare i rapporti con l ASL TO3 e coordinamento con l ufficio Educazione alla Salute dell ASL TO3. F.S. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Presenziare agli incontri inerenti l Area di Intervento in Comune, all ASL e alla scuola Polo di Rivoli 4. Coordinare ed impegnarsi a mantenere gli interventi di supporto agli alunni disabili per assicurare una effettiva integrazione degli stessi secondo una progettualità educativa/didattica/assistenziale concordata fra i diversi Enti che collaborano per l integrazione stessa. Organizzazione e coordinamento attività degli eventuali progetti elaborati nell ambito dell Area di Intervento. Presenziare al gruppo di lavoro per l integrazione scolastica (L. n. 104/92, art. 15, comma 2 e D.M. 26 giugno 1992). Coordinare gli incontri e le attività dei docenti di sostegno dell Istituzione Scolastica. Collaborare alle iniziative educative e di integrazione previste dalla normativa e dal P.O.F. Coordinare i progetti di continuità a favore degli alunni diversamente abili nel passaggio fra i diversi ordini di scuole. F.S. MULTIMEDIALITA E NUOVE TECNOLOGIE Fornire assistenza, consulenza all uso delle nuove tecnologie applicate alla didattica. Coordinare gli interventi che prevedono l utilizzo delle nuove tecnologie. Verificare il funzionamento delle strumentazioni informatiche e telematiche dei laboratori, segnalando ed assicurando la rapidità di eventuali interventi di manutenzione. Promuovere e organizzare momenti di formazione relativi all uso delle nuove tecnologie e dei laboratori. Supportare le altre Figure Strumentali e collaborare con esse nel quadro di una maggiore efficienza informativa. F.S. GESTIONE P.O.F. 6

7 F.S. Gestione P.O.F. Coordinare la stesura del Piano annuale della attività in collaborazione con i collaboratori del DS, i coordinatori di classe, di dipartimento e di progetto. Organizzare e coordinare le attività progettuali e dei gruppi di lavoro inseriti nel P.O.F. Predisporre le comunicazione per il personale interno e per gli alunni e le loro famiglie inerenti all organizzazione e alla realizzazione del settore di intervento. Monitorare in itinere l andamento delle attività realizzate. Proporre eventuali modifiche, integrazioni ai documenti istituzionali. Raccogliere ed organizzare il materiale prodotto. Rilevare e pianificare le risorse interne disponibili. Coordinare le attività di presentazione del P.O.F. alle famiglie e agli alunni delle future prime. Predisporre l autovalutazione di istituto al fine di verificare la qualità del servizio prestato e migliorarlo per il successivo a.s. F.S. INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI Coordinare le attività previste dal progetto pluriennale contemplato dal P.O.F. e dai progetti annuali. Coordinare le attività progettuali relative all inserimento degli alunni stranieri. Curare le procedure per l accoglienza di nuovi alunni neo iscritti, in collaborazione con la segreteria didattica. Coordinare le attività di compensazione e recupero. Monitorare ed analizzare i dati relativi alla dispersione scolastica e al successo formativo. Curare la promozione dell agio in collaborazione con la Figura Strumentale di Educazione alla Salute. Organizzare e monitorare le attività previste dal progetto Sportello d ascolto psicologico. Tenere i contatti con l Amministrazione Comunale, seguendo anche i progetti relativi al Servizio Civile nazionale/locale. F.S. SICUREZZA Coordinare la commissione composta da tutti i soggetti coinvolti nella gestione delle emergenze: referenti per la sicurezza, addetti antincendio, addetto al primo soccorso. Tenere i contatti con il R.S.P.P. esterno dando attuazione a quanto previsto dalla normativa in tema di sicurezza nelle scuole. Tenere i rapporti con l E.L., in particolare l Ufficio Tecnico e il R.S.P.P. del Comune. Elaborare e produrre materiali didattici promuovendo iniziative didattiche in materia di sicurezza. Coordinare e controllare le esercitazioni pratiche finalizzate a far acquisire le modalità di evacuazione degli edifici in caso di allarme a studenti e personale scolastico. Coordinare e controllare i compiti affidati a tutti gli addetti al servizio di prevenzione e protezione: valutazione iniziale e periodica dei rischi dei plessi, delle aree esterne e degli impianti; individuazione delle misure di prevenzione più adeguate e scelta dei mezzi di protezione collettiva ed individuale più efficaci. Verificare le dotazioni di attrezzature e materiali per la sicurezza assegnate alle scuole (estintori, dispostivi vari, ecc.) segnalando eventuali incongruenze o altre anomalie al DS. COORDINATORE DI CLASSE Verificare la validità della seduta procedendo con l appello. Assicurare lo svolgimento previsto dell O.d.G., curare la verbalizzazione di ogni deliberazione e l esecuzione dei provvedimenti decisi in seno al Consiglio stesso in collaborazione con il Segretario del Consiglio di Classe. 7

8 Riferire al Dirigente Scolastico per fatti rilevanti. Curare le comunicazioni con le famiglie, specialmente quelle relative a eccessi di assenze, al rendimento scolastico, a problematiche o disagio manifestato in classe. Preparare il materiale necessario per effettuare gli scrutini quadrimestrali. Raccogliere il materiale e coordinare la stesura del Piano di Lavoro Personalizzato. Presentare al Dirigente Scolastico e/o ai Referenti delle Commissioni le richieste e le proposte relative alle attività programmate del Consiglio. REFERENTE DI COMMISSIONE Convocazione della commissione previo avviso al dirigente scolastico. Controllo presenze agli incontri. Verbalizzazione delle riunioni (anche affidando il compito a un membro della commissione). Relazioni periodiche al dirigente scolastico e al collegio docenti. Organizzazione/coordinamento dei lavori. Collegamento con strutture, enti, associazioni interne e/o esterne al mondo della scuola attinenti all attività della commissione stessa. Ricerca/raccolta/diffusione di dati, informazioni, materiali, strumenti utili ai lavori della commissione. Rapporti e collaborazione con lo staff direttivo, la figura strumentale di riferimento (se esistente) e con la segreteria. Analisi, verifica e valutazione dei risultati da consegnare al D.S. REFERENTE DI PROGETTO Responsabile di un progetto inserito nel P.O.F. Redazione e presentazione al collegio docenti. Rapporti con enti, strutture, associazioni, istituzioni coinvolte nel progetto. Elaborazione della scheda progetto. Presa in consegna, tenuta e custodia dei materiali e delle attrezzature utili alla realizzazione del progetto e loro restituzione al responsabile dei sussidi o di laboratorio al termine del progetto Monitoraggio ed eventuali adeguamenti del progetto. Relazioni periodiche al Dirigente Scolastico e al Collegio dei docenti. Analisi, verifica e valutazione dei risultati da consegnare al D.S. REFERENTE BIBLIOTECA Presa in consegna, tenuta e custodia dei libri. Distribuzione ai docenti ed allievi richiedenti con tenuta e aggiornamento costante foglio firme di consegna/restituzione. Segnalazione tempestiva al Dirigente Scolastico di eventuali smarrimenti, danneggiamenti o furti. REFERENTE DI LABORATORIO Organizzazione e cura del laboratorio. Presa in consegna, tenuta e custodia delle attrezzature del laboratorio. Redazione prospetto orario di utilizzo del laboratorio (una copia va affissa sulla porta del laboratorio). Segnalazione, nel corso dell anno scolastico, al D.S. di tutte le necessità inerenti la manutenzione e il rinnovo delle attrezzature. Segnalazione tempestiva al responsabile di eventuali problemi. ADDETTO PRIMO SOCCORSO Frequenza apposito corso. Chiamata al servizio di pronto soccorso in caso d infortunio o malore degli alunni o del personale. 8

9 Controllo e cura della dotazione di materiali e attrezzature di primo soccorso del plesso. Attivazione diretta in caso di emergenze per assicurare, in attesa degli operatori sanitari, le cure di primo soccorso (solo se ha già frequentato lo specifico corso previsto dal D.Lgs 626/94). ADDETTO PREVENZIONE ANTINCENDIO Frequenza apposito corso Controllo: Dei presidi antincendio: estintori, nastri, idranti. Dell illuminazione di sicurezza. Dell interruttore differenziale con le modalità previste nel registro di cui al punto successivo. Diffusione ordine di evacuazione. Coordinamento operazioni di evacuazione. Controllo quotidiano praticabilità vie di esodo. Controllo segnaletica/planimetrie. Verifica periodica piano e adeguamento. Informazione per iscritto al D.S. in caso di esito negativo dei controlli. REFERENTE DI COMMISSIONE Frequenza apposito corso. Operatività connessa ai compiti stabiliti nel piano di emergenza e di evacuazione del plesso: - Chiamate di soccorso. - Interruzione erogazione elettricità, gas, centrale termica. - Eventuale coordinamento operazioni di soccorso. Tenuta e compilazione del modulo predisposto per i controlli periodici (fornito dall ente locale). 9

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali AREA 1: Gestione del piano dell Offerta Formativa e delle azioni di Autovalutazione* Coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF Coordina la stesura, la gestione, l aggiornamento,

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA 2015/2016. * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto

FUNZIONIGRAMMA 2015/2016. * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto FUNZIONIGRAMMA 2015/2016 COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Collaboratore (Vicario) Collaboratore * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto collaborazione con il DS

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

Procedura GESTIONE DEL POF

Procedura GESTIONE DEL POF SOMMARIO Pag 1 di 7 1. Scopo... 2 2. Applicabilità... 2 3. Termini e Definizioni... 2 4. Riferimenti... 2 5. Responsabilità ed Aggiornamento... 2 6. Modalità operative... 3 6.1 Individuazione esigenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Istituto Statale di Istruzione Superiore Devilla Dessì La Marmora - Giovanni XXIII Via Donizetti, 1 Via Monte Grappa, 2-07100 Sassari, Tel 0792592016-210312 Fax 079 2590680 REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE

Dettagli

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 e-mail: pric81400t@istruzione.it pric81400t@pec.istruzione.it http://icsorbolomezzan.scuolaer.it codice

Dettagli

Comitato di Valutazione

Comitato di Valutazione pag.1 di6 3.1- STRUTTURA ORGANIZZATIVA L' organizzazione dell Istituto, è illustrata nell organigramma riportato nella Fig. 3-1. I compiti e le responsabilità dei vari Enti-Funzioni sono definite nel paragrafo

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013

Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013 Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013 Oggetto: Istanze FF.SS. a.s. 2013/2014 Ai Sigg. Docenti Al sito web All ALBO S E D I di BISCEGLIE E TRANI Si comunica che le istanze, corredate dai curricula,

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

Istituto "Michele Giua" - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI

Istituto Michele Giua - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PREMESSA Articolo 1 L Istituto considera finalità generali del proprio operare pedagogico i principi di cui agli artt. 3, 33, 34, della Costituzione Italiana. Articolo 2 La seguente carta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE E.FALCETTI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE E.FALCETTI Prot. N. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE E.FALCETTI Scuola dell Infanzia - Primaria e Secondaria di 1 Grado Piazza della Sapienza - 82021 APICE (BN) Tel. & Fax 0824-922063 C.F. 92028910625 Apice 19/09/09

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO DI LAVORO PER L HANDICAP. Art. 1 - Istituzione del Gruppo di Lavoro sull'handicap dell'i.c. di Belvedere M.mo.

REGOLAMENTO DEL GRUPPO DI LAVORO PER L HANDICAP. Art. 1 - Istituzione del Gruppo di Lavoro sull'handicap dell'i.c. di Belvedere M.mo. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia-Scuola Primaria- Scuola Secondaria Statale Padre G. Puglisi VIA G.FORTUNATO, 10 87021 BELVEDERE M. MO (CS) Tel. e Fax 0985/82923 - E mail: csic8as00c@istruzione.it

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

D.S. Sandra Vignoli. Responsabili di plesso. Responsabili Sicurezza. Addetti Emergenza

D.S. Sandra Vignoli. Responsabili di plesso. Responsabili Sicurezza. Addetti Emergenza 5. RISORSE UMANE - ORGANIGRAMMA D.S. Sandra Vignoli COLLEGIO DOCENTI STAFF DI PRESIDENZA: 1 coll.: De Dominicis 2 coll.: Valletta D.S.G.A Rag.ra Nirvana Iermini CONSIGLIO D ISTITUTO Pres. Sig. Cacciamani

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

FIGURE DEL PIANO DELLE ATTIVITA CONNESSO CON L ORGANIGRAMMA FUNZIONALE DI ISTITUTO AREA DELLA GESTIONE E DELLA ORGANIZZAZIONE (PERSONALE DOCENTE)

FIGURE DEL PIANO DELLE ATTIVITA CONNESSO CON L ORGANIGRAMMA FUNZIONALE DI ISTITUTO AREA DELLA GESTIONE E DELLA ORGANIZZAZIONE (PERSONALE DOCENTE) FIGURE DEL PIANO DELLE ATTIVITA CONNESSO CON L ORGANIGRAMMA FUNZIONALE DI ISTITUTO AREA DELLA GESTIONE E DELLA ORGANIZZAZIONE (PERSONALE DOCENTE) FIGURE DI SISTEMA 1 COLLABORATORE DEL D.S. CON FUNZIONI

Dettagli

IV CIRCOLO DIDATTICO GUGLIELMO MARCONI

IV CIRCOLO DIDATTICO GUGLIELMO MARCONI IV CIRCOLO GUGLIELMO Viale 11 settembre 2001 91100 Trapani DIDATTICO MARCONI tel. 0923 539178 fax 0923 555047 sito web: www.guglielmomarconi.gov.it e-mail: tpee00400p@istruzione.it pec: tpee00400p@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola ISTITUTO COMPRENVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILA) a.s 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

04 15/01/14 Inserimento cartella personale 03 15/10/13 Cambio intestazione 02 2/05/09 III edizione

04 15/01/14 Inserimento cartella personale 03 15/10/13 Cambio intestazione 02 2/05/09 III edizione I.S. PRU04 Pag. 1 di 9 Procedura GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. RESPONSABILITA 5. MODALITA OPERATIVE 6. MODULISTICA APPLICABILE REV. DATA MOTIVAZIONE

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 Obblighi in capo al DS/DL (art. 18 del D.Lgs. 81/08) Si possono così riassumere:

Dettagli

Prot n.4230/a22 Brembate, 23/09/2015. e p.c. Al Consiglio d Istituto Ai genitori al DSGA al personale ATA Atti Sito web

Prot n.4230/a22 Brembate, 23/09/2015. e p.c. Al Consiglio d Istituto Ai genitori al DSGA al personale ATA Atti Sito web Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Brembate Sotto Via Oratorio n. 14 24041 BREMBATE (BG) Tel: 035 801047 035 801447 - Fax: 035 4874731 info@icbrembate.it

Dettagli

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 NOVEMBRE 2015 PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 A CURA DI SALVATORE PAPPALARDO Come anticipato nella legge 107 al comma 118 il 27 ottobre 2015 è stato pubblicato il decreto ministeriale

Dettagli

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico - Visto l art. 8, comma 7, del regolamento relativo all istruzione professionale (DPR 15/03/2010, n. 87) - Vista la Direttiva Ministeriale n.

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI " G. G A L I L E I " http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI  G. G A L I L E I  http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI " G. G A L I L E I " Via G.B. Nicol, 35-10051 AVIGLIANA (TO) - TEL. 011-9328042 - FAX 0119320988 http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it Relazione

Dettagli

Fare il DS: un introduzione. di Dario Cillo

Fare il DS: un introduzione. di Dario Cillo Fare il DS: un introduzione di Dario Cillo Autonomia e Sussidiarietà Sussidiarietà: responsabilità pubbliche all autorità territorialmente e funzionalmente più vicina ai cittadini interessati Legge 15

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO FERENTINO 1 FUNZIONIGRAMMA A.S. 2014 / 2015

ISTITUTO COMPRENSIVO FERENTINO 1 FUNZIONIGRAMMA A.S. 2014 / 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FERENTINO 1 FUNZIONIGRAMMA A.S. 2014 / 2015 DIRIGENTE SCOLASTICO Assicura la gestione unitaria dell Istituto; È legale rappresentante dell Istituto; Prof.ssa MARIA TERESA VALERI È

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO H

REGOLAMENTO DEL GRUPPO H ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAULONIA SCUOLA: dell infanzia - primaria secondaria di 1 grado via Corrado Alvaro, 2-89040 CAULONIA (RC) - Tel. 0964/82039 C.M. RCIC826001 C.F. 90011460806 Email: rcic826001@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE. Prof.

PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE. Prof. PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE Prof.ssa Rita NOTTURNO L attività della funzione strumentale Sostegno ai docenti in

Dettagli

APPLICAZIONE NORMATIVA SULLA PRIVACY NEL SETTORE DI COMPETENZA SUPPORTO AMMINISTRATIVO ADEMPIMENTI INVALSI

APPLICAZIONE NORMATIVA SULLA PRIVACY NEL SETTORE DI COMPETENZA SUPPORTO AMMINISTRATIVO ADEMPIMENTI INVALSI CELLI Anna Maria GESTIONE ALUNNI Gestione del processo relativo all iscrizione degli alunni, compresa la verifica dei documenti relativi all iscrizione degli allievi diversamente abili e stranieri e la

Dettagli

PIANIFICAZIONE,EROGAZIONE E CONTROLLO SERVIZI

PIANIFICAZIONE,EROGAZIONE E CONTROLLO SERVIZI ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO PARITARIO (D.D. n. 799 dell 11.12.2003) Via Brambilla,15 21100 Varese TEL 0332-286367 FAX 0332-233686 www.istitutodefilippi.it www.defilippivarese.it segreteria@istitutodefilippi.it

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

CALENDARIO IMPEGNI COLLEGIALI A.S. 2014-2015 (ottobre 2014 - agosto 2015)

CALENDARIO IMPEGNI COLLEGIALI A.S. 2014-2015 (ottobre 2014 - agosto 2015) MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO CREMONA TRE Via San Lorenzo, 4-26100 Cremona Tel. 0372 27786 - Fax 0372 534835 e-mail: CRIC82000X@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE CALENDARIO ATTIVITA anno scolastico 2015-16 Suddivisione anno scolastico Primo quadrimestre: 14 settembre 23 gennaio Secondo quadrimestre: 25 gennaio 8 giugno DATA TIPO di RIUNIONE 1 settembre Collegio

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO Pag 1 di 7 1. SCOPO Scopo di questa IO è descrivere le modalità, i tempi e le responsabilità nell erogazione delle attività di recupero che vede l Istituto in relazione sia con le famiglie che con gli

Dettagli

AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA

AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA Prot. n. 7937/FP del 20/11/2015 Genova, lì 16 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE

Dettagli

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA D M 27/12/2012 e CM n. 8 del 6/3/2013 per l anno scolastico 2015-16 Proposta dal GLI d istituto in data 26-05-2015 Deliberato dal collegio dei docenti in data 04-06-2015

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2015-2016

Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2015-2016 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N - Cod.

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Decreto n.892 di nomina dei collaboratori del Dirigente, per l a.s. 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Decreto n.892 di nomina dei collaboratori del Dirigente, per l a.s. 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PACIOLO-D ANNUNZIO LICEO CLASSICO LINGUISTICO SCIENTIFICO E TECNICO PER RAGIONIERI E GEOMETRI Via

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

PROCEDURA PIANIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) E DI PROGETTAZIONE

PROCEDURA PIANIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) E DI PROGETTAZIONE PROCEDURA E DI PROGETTAZIONE Pag. 1/13 LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0/000 16-02-04 01 01.10.09 Pag. 2/13 Indice della Procedura 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3

Dettagli

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Da utilizzare per : la nomina del Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, la delega per Dirigenti e preposti : la designazione degli

Dettagli

4.1. Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico

4.1. Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico 4.1 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO COMPITI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (D. Lgs. 81/08) 1. Fatto salvo quanto

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE Via De Concilii, 13 83100 AVELLINO Tel. 0825.1643241 Fax 0825. 1643242 E-mail: AVTD03000B@istruzione.it PEC: AVTD03000B@PEC.ISTRUZIONE.IT Sito web: www.itcamabile.it

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione In riferimento alla normativa vigente (leggi 104/92, 170/2010 e direttiva del Miur sui BES del 27/12/2012) si è costituito dallo scorso a.s.

Dettagli

a.s. 2015/ 2016 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3:

a.s. 2015/ 2016 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3: a.s. 2015/ 2016 AREA 3: RESPONSABILE E COORDINATORE DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI E CON DIFFICOLTA SPECIFICA DI APPRENDIMENTO (DSA) NOMINATIVO DEL RESPONSABILE

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

Capitolo 9 9-1 IL PERSONALE SCOLASTICO IL PERSONALE DOCENTE I DOCENTI TECNICO PRATICI

Capitolo 9 9-1 IL PERSONALE SCOLASTICO IL PERSONALE DOCENTE I DOCENTI TECNICO PRATICI Capitolo 9 IL PERSONALE SCOLASTICO IL PERSONALE DOCENTE La funzione docente si fonda sull autonomia culturale e professionale degli insegnanti; essa si esplica nelle attività individuali e collegiali e

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7. www.iacpignataromaggiore.it Proc.09 Stesura del POF INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.ARCHIVIAZIONI SCOPO Questa

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Istituto Scolastico Comprensivo Statale S. GIOVANNI BOSCO Sc. Infanzia, Primaria e Secondaria di I g. San Salvatore Telesino Castelvenere Distretto

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA Circolare n. 8 Prot. 1739 Foggia, 28 marzo 2013 Ai Dirigenti Scolastici Scuole Ogni Ordine e Grado della Provincia LORO SEDI Ai docenti referenti per la disabilità Ai docenti referenti per i DSA delle

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Ponte (Bn) Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria primo grado con sezioni associate Comuni di Paupisi e Torrecuso

Istituto Comprensivo Statale Ponte (Bn) Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria primo grado con sezioni associate Comuni di Paupisi e Torrecuso Prot.n. 2099/B24 Ponte, 30/05/2016 A tutti i docenti dell I.C. Ponte Al D.S.G.A. e al personale A.T.A. Atti Albo plessi Sito web Oggetto: Adempimenti di fine anno scolastico 2015/16 Con la presente, si

Dettagli

IPS S. D Acquisto Bagheria

IPS S. D Acquisto Bagheria IPS S. D Acquisto Bagheria Anno scolastico 2015 2016 PIANO DELLE ATTIVITÀ COLLEGIALI DEI DOCENTI CON RELATIVI IMPEGNI AL PERSONALE DOCENTE AGLI ALUNNI E LORO GENITORI AL DSGA INIZIO ANNO SCOLASTICO CLASSI

Dettagli

Prot.6223 /C14 Cava de Tirreni, 3/11/2014 IL DIRIGENTE

Prot.6223 /C14 Cava de Tirreni, 3/11/2014 IL DIRIGENTE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DE FILIPPIS - GALDI Liceo Classico - Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane Liceo Scienze Umane opzione Economico Sociale Via Filangieri - 84013 CAVA DE TIRRENI (

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, 2 24121 Bergamo 035 23 71 71 035 21 52 27 segreteria@vittorioemanuele.org

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M.

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it

Dettagli

MOREA - VIVARELLI FUNZIONIGRAMMA A.S. 2013/2014

MOREA - VIVARELLI FUNZIONIGRAMMA A.S. 2013/2014 MOREA - VIVARELLI FUNZIONIGRAMMA A.S. 2013/2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Secondo le indicazioni contenute nell art. 25/bis del D.L. n. 29/93: 1) Il Dirigente Scolastico assicura la gestione unitaria dell

Dettagli

Inserire Logo Pag. 1 /8. Allegato 3 Organigramma e mansionario Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App. DS

Inserire Logo Pag. 1 /8. Allegato 3 Organigramma e mansionario Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App. DS DIRIGEN TE SCOLAST ICO ( A N N A G E N N A R I ) CONSIGL IO DI ISTITUT O R E S P. P R O G R A M M A Z I O N E D I D A T T I C A ( E T T O R E C A R L O N I ) COLLABO RATORI DEL DS ( M A R C O T E B A L

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

VI. RISORSE PROFESSIONALI

VI. RISORSE PROFESSIONALI VI. RISORSE PROFESSIONALI 1. Il personale di Istituto Dirigente Scolastico Reggente: ing. Carlo Giustizia Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi: Elisabetta Riva Collaboratori del dirigente scolastico.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli