Regolamento asilo nido Comunale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento asilo nido Comunale"

Transcript

1 Allegato E CITTA DI OLGIATE COMASCO Provincia di Como TEL FAX Regolamento asilo nido Comunale Approvato con deliberazione di C.C. n. 16 del Modificato con deliberazione di C.C. n. 34 del

2 SOMMARIO Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Art Contenuto del regolamento Entrate e spese Rette Assegnazione agli scaglioni di reddito Agevolazioni Assenze Conservazione del posto presso il nido Riscossione rette Periodo di funzionamento del nido Sezioni del nido Domande di ammissione Disoccupazione di uno o entrambi i genitori Ammissioni Inserimento Graduatoria Presentazione della dichiarazione dei redditi Dotazione indumenti Rapporti con i genitori Riunioni con i genitori Ritiro dei bambini Utilizzo posto oltre tre anni di età Rinuncia al posto presso il nido Perdita del posto al nido Servizio sanitario e vigilanza igienico-sanitaria Interventi specialistici Deposito copia regolamento presso il nido Utilizzo del nido ad orario ridotto Norme transitorie e finali

3 Art. 1 CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina l attività dell Asilo Nido, istituito e gestito dal Comune di Olgiate Comasco allo scopo di assicurare ai minori ospiti, attraverso una qualificata assistenza ed una sicura vigilanza, una crescita ottimale sotto il profilo psicologico, pedagogico e sanitario, nonchè una adeguata assistenza alla famiglia al fine di facilitare l accesso della donna al lavoro nel quadro di un completo sistema di sicurezza sociale. Art. 2 ENTRATE E SPESE Il regolare funzionamento dell asilo nido è assicurato dalle entrate derivanti dalle rette a carico degli utenti, nonché dai finanziamenti comunali, regionali, di altri Enti, da privati e comunali. La spesa necessaria per il regolare funzionamento è a carico del Bilancio Comunale ove ogni anno deve essere prevista l iscrizione di appositi stanziamenti, comprendenti anche i finanziamenti conferiti dagli utenti o provenienti da Enti o da privati. Art. 3 RETTE Le rette dell Asilo Nido vengono stabilite assicurando in ogni caso il limite minimo della copertura del costo della gestione dei servizi a domanda individuale, di norma all inizio di ciascun anno scolastico ed hanno validità sino a successiva modifica. Per le famiglie utenti residenti in Olgiate Comasco la retta è mensile ed è costituita da due quote delle quali una giornaliera uguale per tutte le famiglie utenti ed una mensile rapportata al reddito del nucleo familiare. Gli scaglioni, le quote mensili e la quota giornaliera sono così stabiliti: Scaglione mensile Quota mensile Reddito fino a 671,00 59,30 Reddito fino a 723,00 77,40 Reddito fino a 774,50 92,90 Reddito fino a 826,00 105,80 Reddito fino a 878,00 118,70 Reddito fino a 929,50 131,60 Reddito fino a 1033,00 144,50

4 Reddito fino a 1136,00 157,50 Reddito fino a 1291,00 170,40 Reddito fino a 1549,00 185,90 Reddito fino a 1807,50 201,40 Reddito fino a 2065,50 216,90 Reddito fino a 2324,00 237,50 Reddito fino a 2582,00 258,20 Reddito fino a 3098,50 309,80 Reddito oltre 3098,50 361,50 Quota giornaliera 3,10 La residenza deve intendersi riferita: - ai genitori ed al bambino, quando le medesime sono coincidenti - a quella dei genitori, quando non vi è la coincidenza con la residenza del bambino - alla residenza del genitore al quale è affidato il bambino e, secondariamente, alla residenza del genitore sul cui stato di famiglia è iscritto il bambino, quando i genitori risiedono in comuni diversi. Qualora un componente del nucleo familiare sia lavoratore autonomo, la retta minima mensile (indipendentemente dal reddito) è pari ad 216,90. Qualora un componente del nucleo familiare sia lavoratore frontaliere, si effettuerà la parificazione di 1Euro = 1,5 franchi svizzeri. Nel caso in cui il valore attuale di 1 euro = 1,45 franchi svizzeri subisca variazione superiore al 15%, la Giunta Comunale deve rideterminare la parificazione. Per le famiglie utenti residenti in Comuni convenzionati con questo Ente, la retta è mensile ed è calcolata sui giorni di funzionamento dell asilo nido, indipendentemente dalla frequenza del bambino; La retta copre interamente il costo di gestione del servizio ed è quantificata alla luce del consuntivo dell anno immediatamente precedente, effettuando il seguente calcolo: totale delle spese/(gg. funzionamento x media n iscritti) contributo regionale. La retta viene pagata direttamente dal Comune convenzionato al Comune di Olgiate Comasco. Per le famiglie utenti non residenti né in Olgiate Comasco né in Comune convenzionato la retta è mensile ed è calcolata sui giorni di funzionamento dell asilo nido, indipendentemente dalla frequenza del bambino e copre interamente il costo di gestione del servizio, quantificata alla luce del consuntivo dell anno immediatamente precedente e come sopra evidenziato. Per l utilizzo del servizio ad orario ridotto con le modalità previste dall art. 27 del presente regolamento, la retta sarà così calcolata:

5 Residenti - quota mensile rapportata al reddito come determinato negli articoli precedenti, quantificata in base alla percentuale oraria di utilizzo del servizio; - la quota giornaliera sarà dovuta per intero. Non residenti e comuni convenzionati - retta mensile come determinata negli articoli precedenti, quantificata in base alla percentuale oraria di utilizzo del servizio Alla conferma dell inserimento la famiglia dovrà pagare una quota d iscrizione di 50,00, cifra che rimane in ogni caso di competenza del Comune di Olgiate Comasco anche in caso di mancata frequenza parziale, totale o di rinuncia, fatto salvo il saldo della retta calcolato ai sensi del presente regolamento; negli altri casi la quota d iscrizione viene detratta dalla prima retta. In caso di disoccupazione di uno o di entrambi i genitori risultante dalla documentazione prevista dal presente Regolamento, ma cessata all atto della presentazione della domanda, la quota mensile della retta verrà quantificata sulla base di busta paga o di dichiarazione del datore di lavoro, relativa al mese precedente a quello di presentazione della domanda di ammissione al nido. Analogamente, in caso di disoccupazione di uno o di entrambi i genitori intervenuta in corso di frequenza, la quota mensile della retta verrà ricalcolata di conseguenza. Nell ipotesi di chiusura dell asilo nido per causa di forza maggiore, per gli utenti residenti, residenti in comuni convenzionati e non residenti, la retta è calcolata sugli effettivi giorni di fruizione del servizio. Analogamente, nell ipotesi d inserimento non coincidente con l inizio del mese, per gli utenti residenti, (residenti in comuni convenzionati e non residenti), la retta è calcolata sugli effettivi giorni di fruizione del servizio. Art. 4 ASSEGNAZIONE AGLI SCAGLIONI DI REDDITO Il reddito totale netto mensile del nucleo familiare viene calcolato sulla base della dichiarazione dei redditi di tutti i componenti il nucleo familiare, relativi all anno precedente a quello dell anno scolastico in corso, dividendo il reddito totale netto annuale del nucleo familiare per n.13 mensilità, indipendentemente dal numero delle mensilità percepite dai lavoratori stessi. Per l esatta individuazione del nucleo familiare si fa riferimento a quanto previsto dall art. 1 bis del D.P.C.M. 4 aprile 2001 n. 242, che ha integrato l art. 1 del D.P.C.M. 7 maggio 1999 n Per i lavoratori frontalieri il reddito netto mensile viene calcolato sulla base di dichiarazione della Ditta datrice di lavoro relativa al reddito netto in Franchi percepito dal lavoratore nell anno precedente a quello scolastico in corso, trasformando tale reddito annuale in Euro mediante la

6 parificazione Euro/Franco Svizzero come stabilita dal presente regolamento e dividendo quindi per tredici mensilità, indipendentemente dal numero delle mensilità percepite dal lavoratore. Il Responsabile del servizio può concedere l esenzione totale o parziale delle rette di frequenza in presenza di particolari e giustificate condizioni di bisogno della famiglia. Art. 5 AGEVOLAZIONI Qualora una famiglia abbia due o più bambini che frequentano l Asilo Nido, la retta mensile sarà la seguente : a) quota giornaliera e quota mensile intere per il primo bambino b) - quota giornaliera e quota mensile per i successivi bambini ridotte come da allegata tabella,: Reddito mensile fino a 774,50 riduzione 50% fino a 929,50 riduzione 40% fino a 1291,00 riduzione 30% fino a 2065,50 riduzione 20% fino a 3098,50 riduzione 10% oltre riduzione 0 Art. 6 ASSENZE Per gli utenti residenti, nel caso di assenza, la retta mensile è così determinata : a) quota giornaliera rapportata al numero delle presenze b) quota mensile dovuta interamente. Per gli utenti non residenti, nel caso di assenza, la retta mensile sarà dovuta interamente. Decorsi due mesi di assenza, salvo gravi, comprovati e giustificati motivi, si ha la perdita del posto presso l asilo nido. Art. 7 CONSERVAZIONE DEL POSTO PRESSO IL NIDO Per comprovate necessità familiari, ad inserimento già avvenuto per almeno un mese e previa richiesta scritta, gli utenti possono richiedere la conservazione del posto presso l asilo nido, per un periodo massimo di mesi due per ogni anno scolastico; le richieste vengono valutate ed eventualmente accolte dal Responsabile del servizio. Per detto periodo la retta mensile è costituita da una sola quota, calcolata applicando una riduzione del 20% della retta mensile, salvo ulteriori riduzioni in caso di comprovati gravi motivi. Tale disposizione si applica ai residenti, ai convenzionati e ai non residenti.

7 Art. 8 RISCOSSIONE RETTE La riscossione delle rette avviene per mezzo di apposito conto corrente postale o RID bancario, nel momento in cui l Ente avrà provveduto a stipulare apposita convenzione, addebitando i relativi costi agli utenti. Le rette sono posticipate ed alla fine di ogni mese la Coordinatrice trasmetterà agli uffici comunali il giornale delle presenze. Gli uffici provvedono di conseguenza alla quantificazione delle rette individuali, alla compilazione dei relativi bollettini di conto corrente postale o quant altro ed all invio di questi ultimi al Nido entro i primi 10 giorni del mese successivo a quello cui si riferiscono le rette stesse. L insolvenza del pagamento della retta per due mesi consecutivi può comportare, previa diffida, la decadenza dalla frequenza e l assegnazione del posto ad altro bambino per il quale sia giacente la domanda d ammissione, a seguito di provvedimento della Giunta Comunale. Art. 9 PERIODO DI FUNZIONAMENTO DEL NIDO Il Nido è aperto tutto l anno escluso il periodo natalizio e di fine anno, il periodo pasquale e tutto il mese di Agosto nonchè, a discrezione dell Amministrazione, la prima settimana di Settembre, fatte salve cause di forza maggiore. Il nido funziona per cinque giorni la settimana, dal Lunedì al Venerdì escluso festivi infrasettimanali. Il calendario specifico ed annuale, gli orari di apertura e di chiusura nonché l orario di accettazione dei bambini è stabilito con provvedimento dell Amministrazione comunale. Art. 10 SEZIONI DEL NIDO a) - lattanti b) divezzi L Asilo Nido si articola in due sezioni, in relazione all età dei bambini ed al loro sviluppo : Il passaggio da una sezione all altra verrà disposto in base all età, allo sviluppo psicomotorio complessivo del bambino e alla disponibilità di posti nei due reparti. Art. 11 DOMANDE DI AMMISSIONE Le domande di ammissione, in carta semplice, devono indicare i dati anagrafici dei genitori e del bambino di cui si chiede l ammissione, il mese dal quale si intende usufruire del servizio, l eventuale recapito telefonico ed essere sottoscritte da entrambi i genitori. Nella domanda i genitori possono far presenti particolari necessità o stati di bisogno. Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti e certificati : a) stato di famiglia anagrafica in carta semplice o autocertificazione b) fotocopia della denuncia dei redditi di tutti i componenti del nucleo familiare individuato ai sensi dell art. 1 bis del D.P.C.M. 4 aprile 2001 n. 242, che ha integrato l art. 1 del D.P.C.M. 7 maggio 1999 n. 221, che svolgono attività lavorativa, relativi all anno precedente a quello

8 scolastico in corso (per i frontalieri, dichiarazione della Ditta datrice di lavoro recante l ammontare annuo netto in Franchi percepito dal lavoratore). Le domande di ammissione per il mese di settembre devono essere inoltrate al protocollo comunale entro il 30 giugno o compatibilmente con la disponibilità dei posti. Le domande presentate durante un determinato anno scolastico hanno validità, ai fini dell inserimento nella graduatoria d ammissione, fino al 30 Giugno dell anno scolastico stesso e possono essere riconfermate per il successivo anno scolastico mediante semplice aggiornamento della documentazione succitata. Nel caso, entro il 30 Giugno, non avvenga detto aggiornamento, alla data innanzi specificata si intenderanno decadute. Art. 12 DISOCCUPAZIONE DI UNO O ENTRAMBI I GENITORI In caso di impossibilità a presentare la documentazione di cui al punto (b) del precedente articolo da parte di uno o di entrambi i genitori per disoccupazione, gli stessi dovranno presentare : a) Certificato di Iscrizione alle liste dell Ufficio di Collocamento dimostrante il perdurare dello stato di disoccupazione al momento della presentazione della domanda b) autocertificazione ai sensi dell art. 46 del DPR 445/2000 con la quale dichiarano di non avere percepito redditi nell anno precedente. Art. 13 AMMISSIONI All Asilo Nido vengono ammessi i bambini di età compresa fra i tre mesi e i tre anni domiciliati nel Comune di Olgiate Comasco o nei comuni convenzionati con lo stesso. Dopo aver soddisfatto l esigenza della popolazione residente nell area di utenza del servizio, potranno essere ammessi i bambini residenti in altri comuni non convenzionati. I bambini che presentano patologie psico-fisiche vengono ammessi con precedenza assoluta. Art. 14 INSERIMENTO Durante la prima settimana di frequenza, per favorire l inserimento del bambino, è richiesta la presenza di uno dei genitori in modo che il distacco del bambino dalla famiglia ed il suo passaggio alla vita collettiva siano graduali. Detto periodo di inserimento, ai fini della retta, viene conteggiato come frequenza al nido indipendentemente dalle ore di permanenza del bambino nella struttura. Art. 15 GRADUATORIA A partire dall inizio di ogni anno scolastico, l assessorato ai sevizi sociali, sentita la coordinatrice, stabilisce la graduatoria per l ammissione dei bambini all Asilo Nido con diritto di precedenza riservato ai residenti ed ai convenzionati e solo successivamente ai non residenti. I criteri di priorità per l assegnazione del posto sono i seguenti: a) bambini privi di un genitore

9 b) ambedue i genitori svolgono attività lavorativa c) esaurimento del periodo di astensione facoltativa dal lavoro della madre d) situazione di particolare disagio e) precedenza a chi ha situazione economica con reddito pro capite minore f) data di presentazione della domanda al protocollo comunale, in ordine cronologico crescente La graduatoria viene aggiornata periodicamente ed è pubblica. I bambini non ammessi al Nido vengono inseriti ex novo nella graduatoria successiva. Art. 16 PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI I genitori che usufruiscono già del servizio devono provvedere, entro il 30 Giugno di ogni anno, ad aggiornare la documentazione mediante la presentazione di fotocopia delle dichiarazioni dei redditi relative all anno precedente a quello in corso o quanto previsto dal presente Regolamento. La mancata presentazione di quanto sopra nel termine suddetto verrà intesa come rinuncia al posto al Nido per il nuovo anno scolastico. Art. 17 DOTAZIONE INDUMENTI I genitori devono provvedere affinchè il proprio bambino abbia a disposizione vestiti ed indumenti di ricambio, compresa la necessaria dotazione di pannolini. Al personale del Nido non può essere fatto carico di alcuna responsabilità in merito ad oggetti o a capi di valore indossati dai bambini. Art. 18 RAPPORTI CON I GENITORI I rapporti tra gli educatori del Nido ed i genitori sono quotidiani ed avvengono al momento della consegna e del ritiro dei bambini. In questi momenti avverrà lo scambio delle notizie di interesse reciproco riguardanti la vita del bambino e dell Asilo Nido nel suo complesso. Art. 19 RIUNIONI CON I GENITORI genitori. Presso il Nido possono tenersi, al di fuori dell orario di funzionamento del servizio, incontri con i singoli genitori o piccoli gruppi di Art. 20 RITIRO DEI BAMBINI I genitori sono tenuti a ritirare i bambini dal Nido entro l orario stabilito per la chiusura del servizio. In caso di ripetuti ritardi da parte dei genitori, superiori a 15 minuti e che, di conseguenza, obbligano il personale a rimanere in servizio oltre l orario stabilito, viene applicata una penale del 20% di aumento della quota mensile. Il personale in servizio farà constatare ai genitori, all atto del ritiro del bambino, il ritardo rispetto all orario di chiusura stabilito. Spetta alla Coordinatrice segnalare per iscritto agli uffici comunali detti ritardi.

10 Il ripetersi dei ritardi di cui sopra può comportare la perdita del posto al Nido. E data facoltà ai genitori di incaricare estranei maggiorenni, sia per la consegna, sia per il ritiro dei bambini, purchè provvedano a depositare autorizzazione scritta al Nido. In caso di urgenza detta autorizzazione può essere comunicata telefonicamente al Nido. Art. 21 UTILIZZO POSTO OLTRE I TRE ANNI DI ETA I bambini che compiono i tre anni possono continuare ad usufruire del servizio fino al termine dell anno scolastico quando non sarà possibile il loro inserimento nella Scuola Materna, allo scopo di evitare interruzioni nell educazione del bambino e disagi alle famiglie. Art. 22 RINUNCIA AL POSTO PRESSO IL NIDO In caso di rinuncia, per qualsiasi motivo, del posto al Nido i genitori sono tenuti a comunicare per iscritto con tempestività agli Uffici Comunali la data in cui il bambino cesserà la frequenza. La retta viene pertanto così calcolata: a) quota giornaliera rapportata alle presenze b) quota mensile rapportata alla data di rinuncia o data di ricezione della comunicazione scritta della rinuncia, qualora quest ultima sia successiva rispetto alla rinuncia stessa, calcolata come segue: quota mensile/giorni di funzionamento x gg. impegno del servizio desunti dalla rinuncia/comunicazione scritta) Art. 23 PERDITA DEL POSTO AL NIDO La perdita del posto al Nido, oltre che per volontaria rinuncia, avviene per i seguenti motivi : a) assenza ingiustificata superiore a giorni 30 di calendario continuati b) gravi ritardi nel pagamento della retta per mesi 2 c) ripetuti ritardi nel ritiro del bambino d) mancata presentazione della fotocopia della dichiarazione dei redditi nei termini regolamentari, anche dopo sollecito scritto da parte del competente ufficio comunale. Art. 24 SERVIZIO SANITARIO E VIGILANZA IGIENICO-SANITARIA La vigilanza e l assistenza igienico sanitaria è esercitata dai competenti organi secondo normativa Nazionale e Regionale vigente. Art. 25 INTERVENTI SPECIALISTICI Per bambini affetti da menomazioni psico-fisiche è prevista la presenza di un insegnante di sostegno. L assegnazione dell insegnante potrà avvenire solo con richiesta scritta del medico specialista. Il costo dell insegnante di sostegno è a totale carico del Comune di residenza del bambino.

11 Art. 26 DEPOSITO COPIA REGOLAMENTO PRESSO IL NIDO Una copia del presente Regolamento viene depositata presso l Asilo Nido e consegnata ai genitori degli utenti che utilizzano il servizio perché ne prendano visione. Art. 27 UTILIZZO DEL NIDO AD ORARIO RIDOTTO Per particolari motivi da documentare da parte della famiglia e previa valutazione da parte dell ufficio, è consentita l ammissione di utenti con utilizzo del servizio a orario ridotto. L orario consentito è concordato con la coordinatrice. Art. 28 NORME TRANSITORIE E FINALI Quanto stabilito all interno del presente Regolamento in merito all ammontare delle rette ed alle agevolazioni verrà modificato con l approvazione del Regolamento comunale per l individuazione della situazione economica per l accesso alle prestazioni sociali agevolate. Per permettere agli uffici comunali di meglio rapportare le rette calcolate in base all ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente), solo per l anno scolastico 2003/2004 si stabilisce che le famiglie che richiedono l utilizzo del servizio dovranno presentare non solo la dichiarazione dei redditi di cui all art. 21 del presente regolamento, ma anche l attestazione dell indicatore della situazione economica equivalente (da richiedere al CAAF).

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS. Regolamento. per il funzionamento del servizio di asilo nido

COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS. Regolamento. per il funzionamento del servizio di asilo nido COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS Regolamento per il funzionamento del servizio di asilo nido Approvato con deliberazione del Consiglio dei Sindaci n. 28 in data 14/04/2014 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE COMUNE DI CIMONE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO CIMONE E DEFINIZIONE DELLE GRADUATORIE (approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.38 dd. 10.06.2015) 1. SEDE La gestione del servizio

Dettagli

Regolamento di accesso al servizio

Regolamento di accesso al servizio Azienda di Servizi alla Persona Regolamento di accesso al servizio Nido Aziendale Comune-privati voucher Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. Titolo I - Principi Generali Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI Articolo 1 - Premessa I servizi rivolti all'infanzia e scolastici sono erogati dal Comune che individua in tale ambito

Dettagli

Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi

Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.58 del 03.12.2012 In vigore dal 22.01.2013

Dettagli

Sezione Primavera a Borgo Palazzo

Sezione Primavera a Borgo Palazzo SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI INFANZIA E GENITORIALITÀ CENTRO FAMIGLIA Via Legrenzi, 31 24124 Bergamo Bg Tel. 035-399593 / fax 035-399380 e-mail: centrofamiglia@comune.bg.it Sezione Primavera a Borgo Palazzo

Dettagli

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza SERVIZIO SOCIALE PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 29.06.2012 regolamento

Dettagli

COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO

COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO Art. 1 OGGETTO DELLE SEGUENTI DISPOSIZIONI Negli articoli seguenti vengono disciplinate le modalità

Dettagli

Requisiti per la presentazione delle domande

Requisiti per la presentazione delle domande CITTA DI LEGNAGO Provincia di Verona BANDO PER L ISCRIZIONE AGLI ASILI NIDO COMUNALI Anno educativo 2016/2017 Si rende noto che dal 1 febbraio 2016 saranno aperte le iscrizioni per l ammissione all Asilo

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE Settore Socio-Culturale Approvato con Del. Del Consiglio Comunale n. 10 del 05/03/2010 Art. 1 FINALITÀ 1. Il Centro Gioco Educativo

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016

BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016 COMUNE DI LORETO Provincia di Ancona Settore VI - Servizi Sociali BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016 Il Responsabile 6 Settore Funzionale rende noto che sono aperte le

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA.

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Premessa Sul territorio del Distretto n.5 Sebino sono più di 180 i bambini che frequentano

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 36 POSTI NEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (12 36 mesi) ANNO 2014/2015 IL RESPONSABILE DEL SETTORE I^ PREMESSO che: - con Legge Regionale 22 novembre 2013, n. 67

Dettagli

ANNO EDUCATIVO 2013-2014

ANNO EDUCATIVO 2013-2014 Comune di Medicina AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZI ALLA PERSONA tel. 051 6979247; fax. 051 6979321 serviziallapersona@comune.medicina.bo.it Prot.n. 13064 del 28/08/2013 Pratica n. 3973/2013 Tit. 7

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Allegato A COMUNE DI FRONTONE Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n... del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI Approvato con deliberazione consiliare n.19 del 10.05.2012. Pubblicato all albo pretorio dal 07.06.2012

Dettagli

Comune di Fornovo San Giovanni

Comune di Fornovo San Giovanni CRITERI DI AMMISSIONE ALLO SPAZIO GIOCO COMUNALE Le domande di iscrizione allo Spazio Gioco Comunale devono essere presentate presso l Ufficio protocollo dal 14.09.2012 al 03.10.2012, su apposito modulo

Dettagli

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art.

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. Allegato B Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. 1 Terminologia Ai fini del presente regolamento viene adottata,

Dettagli

Regolamento per il servizio di refezione scolastica

Regolamento per il servizio di refezione scolastica Regolamento per il servizio di refezione scolastica Approvato con deliberazione di C.C. n. 24 del 26.06.2003 Modificato con deliberazione di C.C. n. 10 del 16.03.2004-1 - Indice pag. ART. 1 - FINALITA...3

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Azzano San Paolo Assessorato Pubblica Istruzione P.zza IV nov. Tel. 035/530130 Fax 035/530073 C.F./IVA n. 00681530168 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI CESENA SETTORE CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCUOLE E NIDI D INFANZIA REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 10/2004 E MODIFICATO CON DELIBERE

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

Un posto a tavola Servizio refezione scolastica Anno scolastico 2014-2015 1 UN POSTO A TAVOLA ISCRIZIONE AL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Un posto a tavola Servizio refezione scolastica Anno scolastico 2014-2015 1 UN POSTO A TAVOLA ISCRIZIONE AL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Un posto a tavola Servizio refezione scolastica Anno scolastico 2014-2015 1 UN POSTO A TAVOLA ISCRIZIONE AL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA A.S. 2014-2015 Un posto a tavola Servizio refezione scolastica

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI MARCIGNAGO Prov. Pavia REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 13.03.2006 INDICE ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI FALCADE (Provincia di Belluno) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA (TESTO DEFINITIVO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 17.02.2005) ART. 1 - FINALITA... 2 ART. 2 -

Dettagli

TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14)

TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14) TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 () ASILO NIDO pag. 2 CENTRO I INFANZIA pag. 4 SCUOLA DELL INFANZIA SEZ. PRIMAVERA pag. 6 PRE-POST ASILO pag. 8 MENSA SCOLASTICA pag. 9 ATTIVITA' INTEGRATIVE PRE

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

Comune di Fornovo San Giovanni

Comune di Fornovo San Giovanni CRITERI DI AMMISSIONE ALLO SPAZIO GIOCO COMUNALE Le domande di iscrizione allo Spazio Gioco Comunale devono essere presentate presso l Ufficio protocollo entro il 07.10.2015, su apposito modulo fornito

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

ASILO NIDO SOVRACOMUNALE VOLANO, BESENELLO E CALLIANO LO SCOIATTOLO 03

ASILO NIDO SOVRACOMUNALE VOLANO, BESENELLO E CALLIANO LO SCOIATTOLO 03 ASILO NIDO SOVRACOMUNALE VOLANO, BESENELLO E CALLIANO LO SCOIATTOLO 03 ISCRIZIONE DAL I sottoscritti e residenti a in Via/Piazza n., n. telefonico di casa e/o n. cellulare, (eventuali altri recapiti telefonici,

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 25.11.2015

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 25.11.2015 CITTA DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA & Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 25.11.2015 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.25 DEL 29.05.2010 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Finalità del servizio

Dettagli

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Testo approvato con Delibera Consiliare n. 9 del 01.03.2011 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI INDICE Art.1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A PROVINCIA DI MILANO

C O M U N E DI O P E R A PROVINCIA DI MILANO DOMANDA DI ISCRIZIONE Anno Educativo 2014 2015 BAMBINO/A * TEMPO PIENO PART TIME MATTINO (dalle ore 7.30 alle ore 13.30 pranzo compreso) PART TIME POMERIGGIO (dalle ore 12.00 alle ore 18.00 pranzo escluso)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE Comune di N A G O - T O R B O L E (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE SERVIZIO TAGESMUTTER Approvato con deliberazione consiliare n. 24/2006 dd. 28.06.2006

Dettagli

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Comune di CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 65 del 30 settembre 2009) 1 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento,

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 184 del 10/12/2009 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Servizio integrativo e sperimentale per la prima infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER Approvato con deliberazione C.C. nr. 28 dd. 29.11.2007. In vigore

Dettagli

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI C O M U N E di A S S E M I N I Provincia di Cagliari AREA AMMINISTRAZIONE E FINANZE SERVIZIO ISTRUZIONE Ufficio Istruzione - Via Cagliari snc (ex Scuole Pintus) - tel. e fax 070\949476-070\949458 e-mail

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 43 bis DEL 30/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 IL SERVIZIO CIVICO L Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E COLONIA MARINA PER MINORI TITOLO I OGGETTO E FINALITA art. 1 oggetto del regolamento art. 2 tipologie dei servizi TITOLO II I NIDI D INFANZIA art. 3- descrizione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese)

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese) CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese) SETTORE: Settore VIII Strategie Territoriali OO.PP. Infrastrutture UFFICIO: TUTELA AMBIENTALE Oggetto: Assegnazione di contributi per l installazione sulle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara Finito di stampare ottobre 2012 .. Comune di Gradara Carta Bimbi Informazioni per le

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

CASA MORGANA cooperativa sociale a r.l.

CASA MORGANA cooperativa sociale a r.l. CASA MORGANA cooperativa sociale a r.l. BANDO PER L ACCESSO AI POSTI RISERVATI ALL AZIENDA U.S.L. PRESSO IL NIDO D INFANZIA CASA MORGANA a.e. 2003/04 ASILO NIDO CASA MORGANA E' un servizio educativo e

Dettagli

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI TITOLI SOCIALI PER IL SOSTEGNO AL REDDITO DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n.

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE -REGGIO NELL EMILIA- SERVIZI SCOLASTICI ED EDUCATIVI - Piazza Martiri della Libertà. 1 Casalgrande (RE) cap.42013 - C.F./P.I. 00284720356 tel 039.0522.998517 039.0522.998544 - fax

Dettagli

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO > pag. 1 di 6 Allegato 3 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO In vigore dall anno educativo 2014/2015 e tuttora valido Art. 1 L asilo Nido La voce dei bambini è un servizio socio-educativo di interesse pubblico, che

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159 Nuove modalità di calcolo dell

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone Codice fiscale 80003930932 Partita IVA 00242130938 PIAZZA DEL POPOLO N.38 TEL.0434/842926 FAX 0434/842971 www.comune.san-vito-al-tagliamento.pn.it

Dettagli

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO Premesso che copia integrale del regolamento comunale deli Asilo Nido è depositato presso l asilo nido e l ufficio servizi sociali ed è a disposizione

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI 1. Definizioni Prima casa ammessa a contributo. Si intende l abitazione che usufruisce delle agevolazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DETERMINAZIONE CRITERI CONTRIBUZIONE SPESE ALBERGHIERE A CARICO UTENTI OSPITI CENTRO SOCIO RIABILITATIVI PORTATORI DI HANDICAP

REGOLAMENTO DETERMINAZIONE CRITERI CONTRIBUZIONE SPESE ALBERGHIERE A CARICO UTENTI OSPITI CENTRO SOCIO RIABILITATIVI PORTATORI DI HANDICAP COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO DETERMINAZIONE CRITERI CONTRIBUZIONE SPESE ALBERGHIERE A CARICO UTENTI OSPITI CENTRO SOCIO RIABILITATIVI PORTATORI DI HANDICAP APPROVATO CON DELIB. C.C. 58 DEL

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B I Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

C O M U N E D I S E N O R B I Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I S E N O R B I Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera di C.C. n 28 del 29.05.2003 1 INDICE ART. 1 Finalita'.. Pag. 3 ART. 2 - Modalita

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma AVVISO PUBBLICO BONUS ASILO NIDO Art. 1 Obiettivi generali Il presente Avviso Pubblico nasce dall idea progettuale di armonizzare i tempi delle città sostenendo, in particolare la conciliazione tra il

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA anno 2007 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 I servizi di trasporto e mensa scolastica nella fascia di istruzione dalla

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO

REGOLAMENTO ASILO NIDO REGOLAMENTO ASILO NIDO (ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 3 DEL 24/1/2011 ) TITOLO I GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Finalità del servizio 1. L asilo nido è un luogo di accoglienza e cura, di crescita,

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO E REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio dell Unione N. 21 del 30/04/2013 CAP.

Dettagli

P.O.R. CAMPANIA FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ

P.O.R. CAMPANIA FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ P.O.R. CAMPANIA FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Obiettivo Specifico f) Migliorare l accesso delle donne all occupazione e ridurre le disparità di genere Obiettivo Operativo f2) ALBO 620 PROT. AVVISO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE UN.DUE..TRE STELLA! VIA EINAUDI 5 Approvata con Deliberazione C.C. n. 8 del 27.02.2006 ANNO EDUCATIVO 2013/2014 ART. 1 - FINALITA Il Comune di Casorezzo, a conferma

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO (Comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO Art.1 TIPOLOGIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA COMUNE DI VILLA GUARDIA Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 17-07-1997 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 17-07-1997 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 17-07-1997 REGIONE LAZIO Modifica delle leggi regionali 26 giugno 1987, n. 33 e 15 marzo 1990, n. 30 concernenti la disciplina per l' assegnazione e la determinazione dei canoni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA Oggetto Il presente bando disciplina le modalità di erogazione di fondi di beneficenza finalizzati

Dettagli

lettura, manipolazione, pittura, travasi, gioco simbolico, collage, costruzioni, ecc.

lettura, manipolazione, pittura, travasi, gioco simbolico, collage, costruzioni, ecc. a.s. 2014/2015 Caratteristiche del Servizio È un servizio integrativo al nido, che intende garantire risposte flessibili e differenziate alle esigenze delle famiglie (genitori e nonni) e dei bambini. Risponde

Dettagli

C O M U N E D I U S I N I

C O M U N E D I U S I N I C O M U N E D I U S I N I P R O V I N C I A D I S A S S A R I Via Risorgimento n 70 Tel. 0793817000 - Fax 079380699 e-mail: comunediusini@cert.legalmail.it BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 27.07.2006 - Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE E istituito a cura dell Amministrazione Comunale, il servizio di Asilo Nido per bambini, di età inferiore ai 3 anni, divisi in lattanti,

Dettagli

FONDO di SOLIDARIETA Anno 2014 CENTRO di SERVIZIO di TERNI Ente Bilaterale del Turismo dell Umbria (EBTU) REGOLAMENTO

FONDO di SOLIDARIETA Anno 2014 CENTRO di SERVIZIO di TERNI Ente Bilaterale del Turismo dell Umbria (EBTU) REGOLAMENTO FONDO di SOLIDARIETA Anno 2014 CENTRO di SERVIZIO di TERNI Ente Bilaterale del Turismo dell Umbria (EBTU) REGOLAMENTO ART. 1 Ai sensi della delibera del 18/03/2014 del Centro di Servizio della Provincia

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI San Gillio, 22/05/2013 Prot 4512/2013 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI MENSA SCUOLA DELL INFANZIA MENSA SCUOLA PRIMARIA TRASPORTO ALUNNI (SCUOLA PRIMARIA: SERVIZIO SCUOLABUS) PRE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Comune di Povegliano Veronese Piazza IV Novembre, 3 - CAP 37064 - Codice Fiscale e Partita IVA 00658760236 Settore Servizi alla Popolazione Servizio Sociale tel. 045/6334126 fax 045/6334119 e-mail: sociale@comune.poveglianoveronese.vr.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DEL III SETTORE AFFARI SOCIALI E TURISTICO - CULTURALI RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DEL III SETTORE AFFARI SOCIALI E TURISTICO - CULTURALI RENDE NOTO Allegato 1) AVVISO PUBBLICO PROGETTO CONDIVIDERE I BISOGNI PER CONDIVIDERE IL SENSO DELLA VITA PACCO ALIMENTARE FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PERSONE BISOGNOSE RESIDENTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI POMPEI

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN PENSILIS PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI SAN MARTINO IN PENSILIS PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI SAN MARTINO IN PENSILIS PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con delibera di CC n. 50 del 22.12.2009 CAPO I NORME GENERALI ART. 1 Oggetto

Dettagli

RATEIZZAZIONI CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE. www.comune.torino.it/vigiliurbani/rateizzazioni

RATEIZZAZIONI CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE. www.comune.torino.it/vigiliurbani/rateizzazioni DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI www.comune.torino.it/vigiliurbani/rateizzazioni MAGGIO 2015 www.comune.torino.it/cartaqualita CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI RABBI Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE. Anno educativo 2015/2016

COMUNE DI RABBI Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE. Anno educativo 2015/2016 COMUNE DI RABBI Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE Anno educativo 2015/2016 Data di presentazione Domanda n. Ora di presentazione Residente

Dettagli

Comune di Taglio di Po

Comune di Taglio di Po Comune di Taglio di Po Regolamento di organizzazione, accesso e fruizione del servizio di refezione scolastica -approvato con deliberazione del consiglio comunale n.20 del 27.06.2013 -modificato con deliberazione

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO R E G O L A M E N T O C O M U N A L E P E R I L T R A S P O R T O S C O L A S T I C O Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 09/07/2007 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE comunità montana dell'oltrepò pavese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Approvato con delibera dell Assemblea della Comunità Montana dell Oltrepò Pavese del 24/11/2011 27057

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli