Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice...Errore. Il segnalibro non è definito."

Transcript

1 NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010

2 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto preliminare... 3 Gli aspetti metodologici... 3 I costi di realizzazione... 5 I tempi di realizzazione... 5 Il piano degli ammortamenti... 6 I costi di esercizio... 6 I ricavi di esercizio...10 IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO...13 L ammontare complessivo dell investimento...14 Il Conto Economico di previsione Lo Stato Patrimoniale di previsione...16 I flussi di cassa attesi

3 LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO L aspetto finanziario si riferisce al flusso dei fondi connesso con le operazioni effettuate, le quali vengono considerate solo e in quanto comportino movimenti finanziari che assumono la forma di impieghi e risorse oppure movimenti monetari costituiti da entrate e uscite di cassa. Il presente piano economico e finanziario è finalizzato ad individuare la dinamica finanziaria generata dalla progettazione, realizzazione e gestione del nuovo Asilo Nido tramite la predisposizione di un modello ad hoc in grado di identificare e quantificare, sulla base del progetto preliminare e dei desiderata dell Amministrazione di Bomporto, i costi di costruzione, di gestione e di manutenzione, nonché di individuare l equilibrio economico e finanziario complessivo dell iniziativa progettuale. Il progetto preliminare Il progetto preliminare prevede la realizzazione di una struttura capace di ospitare 60 bambini compresi nella fascia d età tra 12 e 36 mesi e di ristrutturare l attuale Asilo Nido Peter Pan in modo da costituire una unica struttura in modo tale che l intera struttura possa ospitare sulla base della normativa vigente, 120 bambini. Gli aspetti metodologici La metodologia per la valutazione della sostenibilità economica e finanziaria dell iniziativa in uno schema concessorio prevede la predisposizione di un modello di simulazione in grado di stimare i flussi di cassa in uscita, legati ai costi di investimento, ai costi di manutenzione e gestione, e quelli in entrata, generati dall incasso delle rette e del canone di equilibrio, all interno di un orizzonte temporale predefinito definito dall Amministrazione in 30 anni. La scelta degli elementi oggetto della Concessione assume una particolare rilevanza poiché occorre verificare se la fase di conduzione tecnica dell immobile è in grado di generare flussi di cassa in entrata tali da garantire la copertura del fabbisogno finanziario generato dalle ipotesi formulate sull investimento e sulla connessa gestione. La tecnica della Discounted Cash Flow Analysis costituisce uno strumento di supporto alle decisioni di investimento mediante il calcolo dei principali indicatori finanziari di sintesi, quali il VAN, il TIR, il pay-back period. Qui di seguito si riportano le definizioni degli indicatori finanziari di sintesi utilizzati ai fini della valutazione della sostenibilità economica e finanziaria: i saldi netti annuali, ottenuti come differenza tra entrate e uscite generati dal progetto all interno dell orizzonte temporale di riferimento, vengono attualizzati mediante un opportuno tasso di 3

4 attualizzazione 1 ; la loro sommatoria rappresenta il Valore Attuale Netto (VAN) finanziario dell investimento (o NPV, Net Present Value); il Tasso Interno di Rendimento (TIR) rappresenta il tasso di interesse relativo a un investimento caratterizzato da flussi di cassa prodotti ad intervalli di tempo regolari 2. Nel caso specifico, il TIR rappresenta il rendimento atteso dalla realizzazione del progetto da confrontarsi con eventuali altre opportunità di investimento 3. Le ipotesi di natura tecnica ed economica assunte alla base della valutazione fanno riferimento alle seguenti variabili: durata della Concessione; dati tecnici del progetto; costi di investimento; tempistica di attuazione (inizio fine lavori di cantiere e ripartizione temporale degli interventi); costi di esercizio compresi gli interventi di manutenzione ordinaria; costi di manutenzione straordinaria; ipotesi relative alla struttura tariffaria e quindi alla quantificazione dei ricavi di esercizio. L orizzonte temporale di valutazione a base del piano economico e finanziario corrisponde alla durata del periodo concessorio, pari a 30 anni. Per quanto riguarda i costi di gestione sono stati elaborati sulla base del costo storico sostenuto per la gestione della struttura già esistente, il Peter Pan, che ha una capacità di 60 posti Per quanto riguarda le fonti di finanziamento nel modello è stato ipotizzato un capitale proprio pari all 1% del capitale investito e che tutto il fabbisogno finanziario sia di breve che di lungo sia capitale di debitoin modo da valutare l impatto degli oneri finanziari sul conto economico. La soluzione ottimale prevederebbe che la SPV venisse capitalizzata per almeno un 20% sull investimento complessivo e pertanto gli oneri finanziari si ridurrebbero proporzionalmente; la soluzione proposta è pertanto peggiorativa come impatto sui risultati sia economici che finanziari e questo permette di valutare positivamente la sostenibilità del progetto Il tasso di inflazione adottato ai fini dello sviluppo della dinamica finanziaria del modello è ipotizzato costante e pari a 0,00% annuo e così anche la rivalutazione tariffaria ISTAT è stata ipotizzato costante e pari a 0,00% annuo in modo da non influenzare con variazioni monetarie il modello; è comunque possibile effettuare simulazioni sul modello allegato al presente studio inserendo valori diversi da zero sia per quanto riguarda il tasso d inflazione che il tasso ISTAT 1 Il tasso adottato per l attualizzazione dei flussi di cassa attesi fa riferimento al tasso di interesse privo di rischio, ipotizzato pari al 4,56% (rendimento di un titolo di stato di durata pari a 25 anni). 2 In letteratura economica, il TIR (o IRR, Internal Rate of Return) rappresenta il tasso di interesse corrispondente ad un VAN uguale a zero. 3 La valutazione della sostenibilità finanziaria del progetto comporta il confronto tra il TIR e il tasso di sconto adottato per l attualizzazione dei flussi di cassa. Il TIR deve essere confrontato con un valore soglia definito dalle attese di rendimento dei soggetti investitori oltre che dall onerosità generata dalle ipotesi di indebitamento. 4

5 I costi di realizzazione Il costo complessivo per la realizzazione dell opera, stimato sulla base del progetto preliminare, risulta pari a circa 1,7 milioni di euro (IVA esclusa) relativo anche agli altri costi che comprendono gli arredi, le spese tecniche, gli imprevisti e le spese per l implementazione della procedura di project finance. Queste ultime sono costituite dalle spese relative all asseverazione, alle consulenze tecniche, legali e assicurative nonché alle spese per la predisposizione dei documenti di gara, in parte già sostenute dall Amministrazione. INVESTIMENTI euro iva inclusa valore cespite iva Iva % Ammort. asilo newco fabbricati - lavori edili % 3% Impianti e attrezzature % 3% allacciamento rete teleriscaldamento % 3% progettazione definitiva % 3% coordinamento sicurezza % 3% collaudo statico % 3% certificazione energetica % 3% valutazione impatto acustico % 3% mobili, attrezzature e arredi interni % 10% attrezzatura e arredo cucina % 3% essicatoio % 10% 2 lavatrici % 20% attrezzature esterni % 17% asilo PETER PAN adeguamento e ristrutturazioni % 3% arredamento % 10% imprevisti (valore < 5% del progetto) % 3% I tempi di realizzazione Il modello economico - finanziario prevede un periodo pari a 13 mesi per la progettazione e realizzazione delle opere, di cui 7 mesi di cantiere. (luglio agosto 2011) e l inizio della gestione indicativamente nel mese di settembre LA RIPARTIZIONE TEMPORALE DEI COSTI DI REALIZZAZIONE - valori percentuali realizzazione asilo newco 1 anno 2 anno fabbricati - lavori edili 10% 90% Impianti e attrezzature 0% 100% allacciamento rete teleriscaldamento 0% 100% mobili, attrezzature e arredi interni progettazione definitiva 100% 0% coordinamento sicurezza 40% 60% collaudo statico 40% 60% certificazione energetica 0% 100% valutazione impatto acustico 0% 100% 5

6 asilo PETER PAN 0% 100% adeguamento e ristrutturazioni 100% 100% imprevisti 100% (valore < 5% del progetto) 100% Il piano degli ammortamenti Il piano degli ammortamenti della SPV (società che gestirà gli asili) è formulato secondo la logica dell ammortamento finanziario in funzione del termine dei lavori e della durata della Concessione. Le opere realizzate vengono pertanto ammortizzate su un periodo di 30 anni, pari alla durata della gestione, mentre gli impianti e le attrezzatura sulla base della loro vita utile Al termine del periodo della Concessione il loro valore contabile residuo risulta pari a zero. Nella simulazione che presentiamo gli ammortamenti non sono pertanto quelli fiscali che hanno un impatto sulla gestione più alto che invece generalmente vengono iscritti in un bilancio ai fini civilistici I costi di esercizio I costi di gestione a carico del Concessionario riguardano i costi operativi, i pasti, il personale e i costi di struttura. I costi operativi riguardano i servizi resi dal Concessionario in termini di conduzione tecnica della struttura e di attività didattiche ed educative; tali costi sono quantificati parametricamente sulla base del numero di bambini iscritti. L organico del personale educativo previsto per il funzionamento del nido è variabile sulla base del numero dei bambini iscritti 6

7 Il costo degli educatori è stato calcolato sulla base dell ultimo C.C.N.L. per i lavoratori del settore sociosanitario-assistenziale-educative e di inserimento lavorativo, firmato in dicembre Il personale educativo è al livello D1 (costo annuo euro) mentre il personale inserviente ha un costo annuo di euro (livello B1) Per lo sviluppo del modello i costi del personale inserviente è stato definito come costi fissi o di struttura mentre i costi del personale educativo come costi variabili Costi variabili unitari posti pasti newco e Peter Pan 1.055, personale educativo 3.607, Gli inservienti, il personale amm.vo e la pedagogista sono invece considerati come costi fissi In totale i costi del personale sono stati considerati sulla base di questo schema Costi personale per 120 bambini asilo newco anno totale 15 personale educativo (liv. D1) ,5 inservienti (Liv.B1) educatore coord. (liv. E1) centro estivo anno totale 7 personale educativo (liv. D1) inservienti (Liv.B1) anno totale 1 personale amm.vo (liv D2) pedagogista 0, Totale Costi personale

8 Non sono stati inseriti 4 educatori dell Amministrazione Comunale di Bomporto che verranno impiegati dalla SPV fino al 2013 in modo da completare il ciclo didattico e poi successivamente sostituiti con personale proprio, il cui costo rimane in carico all Amm.ne Comunale di Bomporto Tra i costi fissi per lo sviluppo del modello sono stati inseriti i costi generali e di struttura I costi di struttura fanno riferimento alle spese assicurative e agli altri costi generali (overhead) quali le utenze. Le spese assicurative sono costituite dai costi legati alle polizze assicurative e alle fideiussioni bancarie che il Concessionario è tenuto a prestare a favore del Concedente nell ambito degli schemi di concessione di costruzione e gestione Gli interventi manutentivi fanno riferimento all intera struttura. Generalmente gli interventi vengono destinati ogni dieci anni al rinnovo degli arredi interni e relative sistemazioni (edificio e impianti) e ogni cinque anni al rinnovo degli arredi esterni e relative sistemazioni. Costi Generali spese telefoniche 519 energia elettrica teleriscaldamento manutenzioni riparazioni elettrodomestici newco Peter Pan verde Tassa rifiuti (TIA) 600 ICI assicurazioni materiale sanitario/igiene personale acqua materiale didattico + giochi biancheria/vestiario formazione pasti centro estivo totale costi generali

9 9

10 I ricavi di esercizio I ricavi di gestione della SPV fanno riferimento alle seguenti fonti (nell ipotesi di 112 bambini): numero bimbi nido newco 60 numero bimbi nido Peter Pan 60 numero bimbi in convenzione 80 retta unitaria retta d'equilibrio (Break even point - BEP) contributo amministrazione contributo regionale rette completamento orario rette centro estivo La soluzione di controllo a base di gara prevede: 80 posti riservati; 40 posti liberi; La Bozza di Convenzione prevede inoltre la facoltà da parte del Concedente di modificare annualmente, entro una data da definire all atto della firma della Convenzione, il numero di posti - bambino riservati, nel rispetto del numero minimo di 80 posti riservati. 10

11 L analisi del punto di pareggio (break even point BEP) evidenzia La soluzione di controllo è stata pertanto individuata come segue: 11

12 12

13 IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Nell ambito delle tematiche che hanno per oggetto la realizzazione di un opera pubblica, uno degli aspetti più rilevanti è costituito dalla finanziabilità del progetto, nell ipotesi di utilizzare in prevalenza capitali privati. Lo studio della sostenibilità finanziaria richiede la formulazione di un piano di finanziamento a copertura del fabbisogno per la realizzazione del progetto, in grado di garantire l equilibrio economico e finanziario dell iniziativa progettuale lungo l orizzonte temporale considerato. Il Concessionario realizza con capitale proprio e capitale di debito le opere indicate e si fa carico della manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere stesse, con la necessaria autonomia gestionale, sulla base degli standard prestazionali indicati nel Capitolato. In sintesi il progetto prevede: Fase di costruzione: giugno agosto 2011 Durata: 1 anno Fase di gestione 1/ /2040 Durata: 29 anni Valuta per tabelle e grafici Euro ( ) COSTI PER INVESTIMENTI Totale costruzione Totale gestione Totali investimenti Totale costi fissi investimento Interessi Incremento del capitale circolante netto TOTALE COSTI INVESTIMENTO FONTI DI FINANZIAMENTO Totale costruzione Totale gestione Totale entrate Totale capitale azionario Totale prestiti a lungo termine Totale prestiti a breve termine Conto creditori diversi TOTALE FONTI DI FINANZIAMENTO REDDITO E COSTI, OPERAZIONI Primo anno 2011 Anno di riferimento 2020 Ultimo anno 2040 RICAVI DALLE VENDITE Costi di gestione Costi amministrativi generali COSTI D'ESERCIZIO Ammortamento Oneri finanziari COSTI DEL SERVIZIO g PROFITTO LORDO OPERATIVO Imposta sul reddito (societario) UTILE NETTO INDICI Pay Back Period (12 anno -2021) Valore Attuale Netto del Capitale Investito Totale (VAN) a 4,56 % Tasso di Rendimento Interno dell'investimento (TIR) 27,69% LLCR 1,84 DSCR 2,19 13

14 L ammontare complessivo dell investimento L ammontare complessivo dell investimento a carico della SPV fa riferimento al fabbisogno finanziario complessivo ed è costituito dai costi di realizzazione delle opere precedentemente indicate, dagli interessi e degli oneri derivanti dall utilizzo del capitale di debito e dalla costituzione dei fondi di riserva obbligatori. Sulla base delle ipotesi formulate, l ammontare complessivo dell investimento risulta pari a circa 2,354 milioni di euro (investimenti, IVA e circolante) LE CONDIZIONI BANCARIE Nel modello è stato ipotizzato che il capitale proprio ammonti all 1% del capitale investito e che tutto il fabbisogno finanziario sia reperito presso terzi con un finanziamento a M/L termine per la realizzazione dell opera (condizioni tasso fisso al 4,66% a 29 anni) e finanziamento a breve per il circolante e l IVA (tasso 5%). Questa ipotesi è stata formulata per valutare l impatto degli oneri sul ritorno dell investimento in quanto questa è tra le varie soluzioni, quella che comporta un maggior impatto degli oneri finanziari sul conto economico Una soluzione ottimale prevederebbe che la SPV venisse capitalizzata per almeno un 20% sull investimento complessivo (in modo da coprire le perdite iniziali della gestione) e pertanto gli oneri finanziari si ridurrebbero proporzionalmente Il Conto economico di previsione In questo paragrafo si riporta l analisi dei risultati evidenziati dal conto economico di previsione, elaborato sulla base delle ipotesi assunte nella soluzione di controllo. Il totale dei ricavi per ogni esercizio è pari alla somma dei ricavi relativi alle rette incassate dal Comune (posti riservati) e dalle famiglie (posti liberi). I costi di esercizio sono costituiti dai costi operativi, dai costi di struttura della SPV e dagli ammortamenti, calcolati in base al criterio finanziario. Nel 2011 vengono contabilizzati costi e ricavi per 3 mesi di gestione (settembre dicembre) mentre tutta l attività di costruzione ( ) viene evidenziata la presenza degli interessi passivi sul debito contratto. Gli oneri finanziari rappresentano sia gli interessi sui finanziamenti a M/L che i finanziamenti in c/c per la gestione del circolante Le imposte di esercizio comprendono tutte le imposte previste dalla normativa vigente sul reddito delle società di capitali (IRES e IRAP). La gestione delle imposte prevede il versamento di un acconto pari al 100% delle imposte del periodo precedente e il successivo conguaglio. L imposizione fiscale media sul reddito di impresa nella durata della concessione risulta nell ordine del 40%. 14

15 15

16 Lo Stato Patrimoniale di previsione Le principali passività evidenziate dallo Stato Patrimoniale sono costituite dal Patrimonio Netto, dai debiti a lungo e breve termine e dai fondi. Il Patrimonio Netto, a causa delle perdite iniziali, presenta un andamento negativo nel primo anno di esercizio per poi invertire il suo trend grazie agli utili generati dalla gestione. Il valore del Patrimonio Netto deve risultare in ogni caso sempre superiore al capitale sociale minimo richiesto dalla legge per le società di capitali. Risulta la necessità di capitalizzare la SPV fin dall inizio con un valore che sia intorno ad un 20% dell ammontare del capitale investito; sulla base delle ipotesi del modello pertanto la SPV dovrebbe avere Il debito a lungo termine è costituito dal debito impiegato per la copertura delle immobilizzazioni. I progressivi utilizzi della linea di credito raggiungono il loro massimo nel corso del 2011 per poi diminuire gradualmente in proporzione delle quote capitali rimborsate negli esercizi successivi. I debiti a breve termine sono costituiti dai debiti verso fornitori, stimati sulla base di una durata media dei debiti commerciali prudenzialmente ipotizzata pari a 30 giorni. L attivo riporta fra le immobilizzazioni materiali il valore delle opere realizzate e degli interessi passivi capitalizzati, al netto del fondo ammortamento. L attivo circolante include i crediti commerciali relativi alle rette, stimati sulla base delle ipotesi effettuate in merito ai termini di pagamento del Comune e delle famiglie, e i depositi bancari. 16

17 17

18 I flussi di cassa attesi Ai fini della determinazione degli indicatori finanziari di sintesi sono stati quantificati i flussi di cassa attesi derivanti dall iniziativa progettuale. Il flusso di cassa netto annuo è costituito dalle entrate e dalle uscite derivanti dagli investimenti, dalla gestione operativa e dalla gestione delle fonti di finanziamento. Il flusso di cassa netto di progetto post tax presenta valori negativi nel corso della fase dei lavori, a causa dei costi di investimento e del flusso di cassa richiesto dal debito. La sostenibilità finanziaria dell investimento I principali indicatori del rendimento economico e finanziario dell operazione determinati sulla base delle stime effettuate e delle ipotesi precedentemente illustrate, mostrano la sostenibilità della soluzione di controllo delineata. Il valore del DSCR medio, pari a 2,19 indica inoltre la capacità dell iniziativa di generare flussi di cassa sufficienti alla copertura del flusso richiesto dal debito e alla remunerazione del capitale privato 4 Il valore del Loan Life Cover Ratio (LLCR) 5 è di 1,84 e rappresenta il valore (attuale) dei flussi generati dal progetto su cui i finanziatori possono contare per il futuro rientro delle somme ancora dovute (espresse al denominatore). In virtù di quanto esposto risulta pertanto chiaro che, più l indice di copertura considerato assume valori superiori all unità (punto di equilibrio), maggiore risulterà la solidità finanziaria dell investimento e la garanzia del rimborso ottenuta dai finanziatori. Il VAN ha un valore di e rappresenta la ricchezza incrementale generata dall investimento, espressa come se fosse immediatamente disponibile nell istante in cui viene effettuata la valutazione. Analiticamente risulta determinato come somma algebrica dei flussi di cassa operativi attesi dalla realizzazione dell intervento, scontati al tasso corrispondente al costo stimato del capitale investito. Il tasso adottato per l attualizzazione dei flussi di cassa attesi fa riferimento al tasso di interesse privo di rischio, ipotizzato pari al 4,56% (rendimento di un titolo di stato di durata pari a 25 anni). Il Tasso Interno di Rendimento (TIR) ha un valore di 27,69% e rappresenta il rendimento atteso dalla realizzazione del progetto da confrontarsi con eventuali altre opportunità di investimento Il periodi di ritorno sull investimento (Back period) è di 12 anni (nel 2021) quando il progetto prevede un cash flow di euro 4 DSCR: Debt Service Cover Ratio. Esprime la capacità delle fonti di finanziamento attive di ripagare il flusso di cassa richiesto dal debito. L indicatore è calcolato come rapporto tra il flusso di cassa disponibile per il debito e il flusso di cassa complessivo richiesto dal debito. Il primo è costituito dalla somma algebrica dei seguenti elementi: flusso di cassa operativo post-tax, fondi prelevati dalle fonti di debito attive, apporti di capitale proprio, utilizzo dei fondi accantonati 5 Il Loan Life Cover Ratio (LLCR) è definito come il quoziente tra la somma attualizzata dei flussi di cassa disponibili per il Debt Service, compresi fra l istante di valutazione e l ultimo anno previsto per il rimborso dei finanziamenti, e il debito residuo considerato allo stesso istante di valutazione. Il numeratore rappresenta quindi il valore (attuale) dei flussi generati dal progetto su cui i finanziatori possono contare per il futuro rientro delle somme ancora dovute (espresse al denominatore). In virtù di quanto esposto risulta pertanto chiaro che, più l indice di copertura considerato assume valori superiori all unità (punto di equilibrio), maggiore risulterà la solidità finanziaria dell investimento e la garanzia del rimborso ottenuta dai finanziatori. 18

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

MARGHINE LA FRONTIERA VERDE

MARGHINE LA FRONTIERA VERDE MARGHINE Piano d Azione per l Energia Sostenibile della Comunità Pioniera del Marghine ALLEGATO A.2 ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE AZIONI CHIAVE DICEMBRE 2012 PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

Modello indicativo di Piano economico-finanziario (P.E.F.)

Modello indicativo di Piano economico-finanziario (P.E.F.) Concessione del diritto di superficie a tempo determinato dell'immobile di proprietà comunale sito in Lentate sul Seveso denominato "Parco Militare" ALLEGATO B Modello indicativo di Piano economico-finanziario

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Con la presente nota l Amministrazione Comunale fornisce alcune linee guida per

Dettagli

Piscina comunale coperta

Piscina comunale coperta Piscina comunale coperta Comune di Sommacampagna Piano economico finanziario PAGE 1 Indice Premessa..... pag. 3 Valutazione del bacino d utenza...... pag. 5 Il Progetto........ pag. 8 Piano economico finanziario

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI FAC SIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI anni 20 PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI FACSIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO, STATO PATRIMONIALE E FLUSSI DI CASSA PREVISIONALI

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento PAT/RFD330-16/12/2015-0647654 - Allegato Utente 3 (A03) BANDO PER L AFFIDAMENTO DI UN CONTRIBUTO PUBBLICO Provincia Autonoma di Trento Bando per l affidamento di un contributo pubblico per un progetto

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora FAC-SIMILE Mod.PEF/Pitagora Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA. Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato

CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA. Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato Concessione di lavori Nuovo Codice Appalti (articoli: 164-178) Gian Pietro SAVOINI Direttore Amministrativo

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti. (periodo 2011-2030)

Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti. (periodo 2011-2030) Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti (periodo 2011-2030) 1. IPOTESI DI BASE Per effettuare un analisi di scenario legata al fabbisogno finanziario degli investimenti, sono state

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale ALLEGATO A7 INDICE 1. PREMESSA...1 2. VALUTAZIONE ECONOMICA...1 2.1 COSTI DI INVESTIMENTO...1 2.2 STIMA ORIENTATIVA DEI RICAVI DALLA VENDITA DI ENERGIA...2 2.3 COSTI DI ESERCIZIO...2 2.4 CANONI E SOVRACANONI

Dettagli

COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA IMPIANTO PER L'UTILIZZO RISORSA IDRICA AI FINI DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA SUL TORRENTE FIBBIO IN LOCALITÀ MONTORIO IN PROSSIMITA DELLA SORGENTE FONTANON

Dettagli

AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING. in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: BUSINESS PLAN

AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING. in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: BUSINESS PLAN AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI SAN VINCENZO (LI) BUSINESS

Dettagli

Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto

Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Venezia, 9 gennaio 2013 Valentina Antoniucci Contenuti

Dettagli

A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi

A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi Provincia di Caserta OGGETTO: Rilievo e studio di fattibilità da porre a base di gara per l'affidamento in project financing della ristrutturazione e gestione

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

Le tecniche di finanziamento: il confronto di convenienza tra mutuo e leasing

Le tecniche di finanziamento: il confronto di convenienza tra mutuo e leasing Le tecniche di finanziamento: il confronto di convenienza tra mutuo e leasing Metodologie di tipo finanziario per la valutazione di convenienza Requisiti base di una metodologia finanziaria di valutazione:

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA Piano economico e finanziario di massima (PEF) COMUNE DI SENIGALLIA Piano economico-finanziario (PEF) VALUTAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA CONCESSIONE GESTIONE DEGLI SPAZI PUBBLICITARI ALLEGATO I studio

Dettagli

A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO DISCLAIMER Il presente piano economico finanziario è stato elaborato: a) per quanto riguarda le ipotesi di investimento, rilevando i dati

Dettagli

Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari

Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari PREFETTURA DI LATINA Seminario sul Partenariato Pubblico Privato e la Finanza di Progetto Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari Latina,

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria !"#$%&'()* +,,-+,,./001%+,,./+,,.* 2 Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria Il piano economico e finanziario è uno studio previsionale che prende in considerazione le diverse azioni

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance FINANZIA ENERGIA I progetti di investimento con il project finance Erba, 3 dicembre 2009 2 Brady Italia Mariano Kihlgren, amm. delegato Giuseppe Michelucci, partner 3 Brady Italia Brady Italia opera da

Dettagli

PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PRELIMINARE

PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PRELIMINARE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PRELIMINARE PROGETTO DI REALIZZAZIONE DI UN NUOVO ISTITUTO SCOLASTICO COMUNE DI APRILIA (LT) PROGETTISTI ARCHITETTO: STUDIO STAMEGNA DOTTORE COMMERCIALISTA E REVISORE CONTABILE:

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

La valutazione degli investimenti reali

La valutazione degli investimenti reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Secondo Incontro Giovedì 14 Aprile 2011 L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Interviene: Prof. Adriano Gios SOMMARIO LA SOSTENIBILITA FINANZIARIA DELL INVESTIMENTO IL DIVERSO

Dettagli

Scegliere gli investimenti

Scegliere gli investimenti 1-1 Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 6 Scegliere gli investimenti A. con il metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare Le decisioni di investimento

Dettagli

La valutazione degli degli investimenti reali reali

La valutazione degli degli investimenti reali reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1-1 Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 007-008 6 Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare

Dettagli

REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico

REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico PAR FAS 2007 2013 P.I.R. 1.3 - Linea di azione 1 infrastrutture per i settori produttivi Fondo per

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Analisi di bilancio 2007-2008

Analisi di bilancio 2007-2008 Analisi di bilancio 2007-2008 1 L analisi di bilancio Svilupperemo l analisi di bilancio sulla base di un sistema integrato di indicatori Obiettivo 1) 1) Valutare andamento dell impresa nel nel suo suo

Dettagli

Linee Guida per la realizzazione di interventi di efficienza energetica in Partenariato Pubblico Privato

Linee Guida per la realizzazione di interventi di efficienza energetica in Partenariato Pubblico Privato Linee Guida per la realizzazione di interventi di efficienza energetica in Partenariato Pubblico Privato Il settore della dell Efficienza Energetica degli Edifici Pubblici ALLEGATO: Manuale di istruzioni

Dettagli

IL FINANCING DELLE START UP

IL FINANCING DELLE START UP IL FINANCING DELLE START UP Facoltà Medicina e Chirurgia Verona Lunedì 4 maggio 2009 1 Il Business Plan (BP) è uno strumento di pianificazione strategica 2 1 Il processo di redazione del BP 1 - Executive

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Foglio di lavoro: INPUT 1

Foglio di lavoro: INPUT 1 Foglio di lavoro: INPUT 1 - Scelta dei principi contabili utilizzati per la redazione del bilancio - Indicazione del numero di anni a consuntivo disponibili - Per attivare le versioni di bilancio c.c.

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Esercitazione sul bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONCETTI

Dettagli

Piano economico finanziario

Piano economico finanziario Economica del Progetto Corso del prof. Stefano Stanghellini Piano economico finanziario Contributo didattico: prof. Sergio Copiello Pagamento tariffe Prestazione di servizi Soggetti e risorse Pagamento

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti Project Financing Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari Lecce 2 ottobre 2003 A cura del Dott. Massimo Leone Sommario degli argomenti 1. Introduzione al project financing 2. Il project

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

4bis. Dalla valutazione dei. titoli alla valutazione degli investimenti reali. Argomenti. Domande chiave

4bis. Dalla valutazione dei. titoli alla valutazione degli investimenti reali. Argomenti. Domande chiave 1-1 4bis Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 Dalla valutazione dei A. titoli alla valutazione degli investimenti reali 1-2 Argomenti La determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

Esercitazione sul bilancio

Esercitazione sul bilancio Esercitazione sul bilancio 03 2012-2013 Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Olbia Costa Smeralda

Olbia Costa Smeralda Aeroporto Olbia Costa Smeralda GEASAR S.p.A. CONCESSIONE DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 993,60 kw PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DI MASSIMA 1 - PREMESSE La Geasar SpA, società di

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L utile di periodo evidenzia un sostanziale pareggio, al netto dell accantonamento per 87,5 /milioni a Fondo Rischi Finanziari Generali, destinato alla copertura del

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO INDICE IL RENDICONTO FINANZIARIO,... 2 LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 3 IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 6 PRIMO PASSO:

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

PIANO ECONOMICO FINANZIARIO (PEF)

PIANO ECONOMICO FINANZIARIO (PEF) C O M U N E DI L U S E V E R A PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO TECNICO LAVORI PUBBLICI COD. FISC 80010590307 PART. I.V.A. 00660240300 Tel. 0432 787032 Fax 0432-787014 C.A.P. 33010 AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE

Dettagli

Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Premessa L'Amministrazione Regionale è impegnata a garantire ai cittadini la qualità dei

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

PARATORE PASQUETTI & PARTNERS

PARATORE PASQUETTI & PARTNERS S T U D I O L E G A L E TRIBUTARIO ED AZIENDALE PARATORE PASQUETTI & PARTNERS Avvoca ti e dottori commercialisti - C onsulenza ed assistenza integrate AVV. SALVATORE PARATORE Patrocinante in Cassazione

Dettagli

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA BILANCIO DI ESERCIZIO 2011 Indice: Analisi economica Analisi patrimoniale finanziaria Conto economico riclassificato a valore aggiunto (tabella 1) Stato Patrimoniale riclassificato

Dettagli

Business Plan per tutti

Business Plan per tutti Business Help! Business Plan per tutti Scrivere il proprio Business Plan in maniera semplice e rapida Brogi & Pittalis srl Consulenza di direzione e organizzazione aziendale www.direzionebp.com Business

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi La procedura è quasi tutta automatizzata restando a carico dell'utente le seguenti, limitate, attività: 1. Inserimento degli ultimi 2 Bilanci

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Fotovoltaico: analisi economica

Fotovoltaico: analisi economica Fotovoltaico: analisi economica ing. Fabio Minchio Ph.D. in energetica Studio 3F engineering f.minchio@3f-engineering.it 349-0713843 1 Impianto fotovoltaico: non solo un impianto Nel momento in cui si

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011 La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici Roma, 14 dicembre 2011 La finanziabilità dei Piani nel servizio idrico Ovvero,

Dettagli

(Cash Flow Statements)

(Cash Flow Statements) RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7 (Cash Flow Statements) 1 SOMMARIO Concetti generali sul Rendiconto Finanziario Come si fa a redigere un Rendiconto Finanziario? 2 1 Concetti generali sul Rendiconto Finanziario

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008 Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008 PREMESSA Il Rendiconto Generale che viene presentato al dell Ordine degli Assistenti Sociali per l esercizio finanziario

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 PREMESSA Il Rendiconto Generale che viene presentato al Consiglio Regionale dell Ordine degli Assistenti Sociali

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

Preventivo Economico Finanziario anno 2015

Preventivo Economico Finanziario anno 2015 Preventivo Economico Finanziario anno 2015 1 Risultato della gestione patrimoniale individuale 720.000 2 Dividendi e proventi assimilati: 250.000 a) da società strumentali b) da altre immobilizzazioni

Dettagli

Ipotesi di partenariato pubblico-privato per il finanziamento degli interventi di difesa della costa Prof. Renzo Baccolini

Ipotesi di partenariato pubblico-privato per il finanziamento degli interventi di difesa della costa Prof. Renzo Baccolini Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Area S.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Lavori di ampliamento del colombario presso il civico cimitero. (Campo 3 Settore I )

PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Lavori di ampliamento del colombario presso il civico cimitero. (Campo 3 Settore I ) PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Lavori di ampliamento del colombario presso il civico cimitero (Campo 3 Settore I ) Agosto 2013 (allegato alla D.G.M. n. 141 del 12/8/2013) 1 INDICE 1. INORMAZIONI GENERALI

Dettagli

Sommario generale. Capitolo primo. 1/1 Introduzione all opera. 1/2 Note di presentazione degli autori. 1/3 Sommario generale.

Sommario generale. Capitolo primo. 1/1 Introduzione all opera. 1/2 Note di presentazione degli autori. 1/3 Sommario generale. Sommario generale Capitolo primo 1/1 Introduzione all opera 1/2 Note di presentazione degli autori 1/3 Sommario generale Capitolo secondo 2/1 Contratto di licenza 2/2 Installazione e configurazione 2/3

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 21 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli