Illeciti, sanzioni edilizie, sanatoria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Illeciti, sanzioni edilizie, sanatoria"

Transcript

1 Illeciti, sanzioni edilizie, sanatoria Parte prima Gli illeciti e le sanzioni

2 I soggetti responsabili degli abusi Art. 29, dpr 380/2001 (TUE): titolare del permesso di costruire, committente, costruttore: responsabili della conformità delle opere alla normativa urbanistica, alle previsioni di piano, tutte e tre queste figure, insieme al direttore dei lavori, sono responsabili della conformità al permesso di costruire/scia e delle sue modalità esecutive (comma 1); esenzione di responsabilità del direttore dei lavori (comma 2) responsabilità del progettista per opere realizzate dietro presentazione di SCIA (comma 3)

3 Vigilanza sull attivita urbanistico edilizia Potere di vigilanza sull attività urbanistica edilizia (art. 27, c.1,tue) Provvedimento dirigenziale di demolizione e ripristino dei luoghi nei casi di cui al comma 2 dell art. 27, TUE Ordinanza di sospensione dei lavori, natura del termine di 45 giorni (art. 27, c. 3, TUE). Intervento sostitutivo della Regione (art. 31, c. 8, TUE)

4 Effetti dell illecito e attualità del potere sanzionatorio. Imprescrittibilità dell illecito amministrativo. Individuazione della disciplina applicabile Abuso edilizio: illecito di carattere permanente con effetti istantanei L illecito amministrativo non si prescrive, di conseguenza il potere di repressione comunale è sempre attuale non necessita di motivazione. Agli illeciti amministrativi si applica la normativa vigente al momento della loro commissione

5 La rilevanza del regime abilitativo degli interventi edilizi sulla natura degli illeciti e - Illeciti penali (art. 44, TUE) e amministrativi relativi ad interventi (abusivi) delle sanzioni soggetti a permesso di costruire, o SCIA, nei limiti in cui essa è alternativa al permesso di costruire (art. 23, c. 01, TUE) - lottizzazione abusiva (art. 30, TUE) - nuove opere realizzate in assenza, in totale difformità, con variazioni essenziali (art. 31, TUE) - opere di ristrutturazione edilizia, c.d. pesante o maggiore, ai sensi dell art. 10, c. 1, lett. c), TUE, in assenza o in totale difformità (art. 33, comma 1, TUE) - opere in parziale difformità dal permesso di costruire (art. 34, TUE).

6 Natura delle sanzioni amministrative:

7 Sanzione: reale, o, in alternativa, pecuniaria nel caso della ristrutturazione ediliiza abusiva (art. 33, c. 2, TUE), o, nel caso di parziale difformità dal permesso di costruire, quando il ripristino senza pregiudizio per le parti conformi (art. 34, TUE). ILLECITI SOLO AMMINISTRATIVI - Opere in assenza o in difformità dalla SCIA (art. 37, TUE). Natura della sanzione: solo pecuniaria (art. 37, comma 1, TUE), reale (previa valutazione dell autorità competente) e pecuniaria nel caso del restauro e risanamento conservativo eseguito su immobile vincolato da leggi statale e regionali (art. 37, c. 2, TUE), reale o pecuniaria nella zone A, dm 1444/1968, o (art. 37, cc. 2 e 3, TUE)

8 Annullamento del permesso di costruire, della SCIA. Effetti e sanzioni Annullamento giurisdizionale (Giudice amministrativo per il permesso di costruire, giudice ordinario che disapplica/annulla SCIA), in autotutela dal Comune, o da parte della Regione, ai sensi, dell art. 39, TUE e dell art. 50, lr 12/2005. Art. 38, TUE: riduzione in pristino dell opera senza titolo, o sanzione pecuniaria con effetto sanante. Presupposti per l applicazione della sanzione pecuniaria La SCIA può essere annullata ai sensi dell art. 19, c. 1, legge

9 Opere edilizie libere Art. 6, comma 7, TUE: mancata comunicazione dell inizio dei lavori, ai sensi del precedente comma 2 dello stesso art. 6. L illecito è per la mancata comunicazione non per l esecuzione delle opere che sono libere. Non esiste la comunicazione in sanatoria, ma solo una sanzione pecuniaria più ridotta. Il regime della comunicazione, ivi compresa quella tardiva, si applica solo a partire dalla sua entrata in vigore.

10 Ritardato od omesso versamento del contributo di costruzione Disciplina della sanzione non cumulabilità delle diverse misure (art. 42, cc. 2, 3, TUE) Potere di riscossione coattiva comunale in caso di inadempimento a partire dall infruttuoso decorso dell ultimo termine (art. 42, c. 5, TUE) Rateizzazione e garanzia fideiussoria

11 Procedimenti sanzionatori e comunicazione di avvio del procedimento Non necessità dell obbligo di comunicazione di avvio del procedimento né di motivazione per l emanazione di provvedimenti sanzionatori aventi contenuto di atto vincolato privo di spazio per la partecipazione del destinatario dell atto (Cons. St. Ad. Pl.17 ottobre 2017, n. 9)

12 Parte seconda Sanatoria edilizia del permesso di costruire (art. 36, TUE) e della SCIA (art. 37, c. 4. TUE) Il provvedimento o il titolo della sanatoria è un atto vincolato, privo di apprezzamento discrezionale ed è diretto a sanare le opere solo formalmente abusive, in quanto eseguite senza titolo, mediante il titolo in sanatoria l immobile acquista la sua piena commerciabilità (Tribunale civ. Massa, 566/2017).

13 I presupposti per la sanatoria: la doppia conformità E possibile il rilascio della c.d. sanatoria condizionata alla realizzazione di opere necessarie per renderle conformi alle norme urbanistiche e edilizie? La giurisprudenza penale e amministrativa lo esclude (Tar Toscana, Fi, II, 953/2017; Tar Sicilia, Pa, II, 2295/2016; Cons. St., IV, 4176/2015).

14 L onere di dimostrare la doppia conformità è del richiedente anche nel caso di abusi molto risalenti nel tempo, avvalendosi di ogni mezzo di prova documentale (al limite, anche attraverso l indagine delle tecniche edificatorie) idoneo ad accertare la data dell abuso. Va da sé che, se al momento della realizzazione dell abuso non vi era disciplina (ad es. ante legge 1150/1942), oppure in presenza di questa, esso ricadeva in area per la quale non era previsto titolo edilizio in assenza di strumento di pianificazione, non si può parlare di abuso edilizio. Al più saranno sanabili gli abusi successivamente compiuti sull opera originaria.

15 Sempre in ordine ai presupposti, ove manchi la doppia conformità, ma l abuso sia conforme alla disciplina vigente, ma non a quella del momento della sua commissione, è possibile far ricorso alla c.d. sanatoria giurisprudenziale e con quali effetti? Premesso che la giurisprudenza ormai tende ad assumere un indirizzo che la esclude (si veda da ultimo Corte Cost. sentenza 8 novembre 2017 n. 232), ove applicata, essa al più regolarizza i rapporti pubblicistici con il comune, ma non fa venire meno le conseguenze penalistiche.

16 Licenza di abitabilità/certificato di agibilità rilasciato al tempo della realizzazione dell opera vale come attestazione di conformità della stessa? Va escluso che questo atto possa costituire attestazione di conformità, essendo diversa la sua funzione e diversi i suoi presupposti, tra i quali compare la conformità dello stato di fatto progetto approvato. Tuttavia, nel caso sia riscontrata difformità tra progetto e opera, questa può valere solo come causa ostativa all attestazione di agibilità esclusivamente se le opere difformi incidano negativamente sulle norme igienico sanitarie. Resta ovviamente impregiudicato il potere comunale repressivo dell abuso e rimane salva la facoltà della sua sanatoria.

17 Effetti della sanatoria Quanto al permesso di costruire: mediante il pagamento dell oblazione (da computarsi alla data di rilascio del provvedimento, cfr. T.A.R. Milano sez. II, n. 1604/2017), pari, a seconda dei casi, a due volte o ad una il contributo di costruzione, si estingue l illecito sia nei suoi profili penali sia in quelli amministrativi. Quanto alla scia: mediante il pagamento dell oblazione di cui al comma 4 dell art. 37, T.U. edilizia, si estingue l illecito che è solo amministrativo.

18 Parte terza LA C.D. SANATORIA PAESAGGISTICA

19 Rapporti tra titolo edilizio e paesaggistico. Pregiudizialità dell autorizzazione paesaggistica: art. 146, d.lgs. 42/2004. Art. 23, d.p.r. 380/2001, art. 19, c. 1, legge 241/1990 (Cons. St. IV, sentenza 5 maggio 2017 n. 2063). L accertamento di compatibilità paesaggistica ai sensi dell art. 167, c. 4, per opere eseguite in assenza dell autorizzazione paesaggistica. Il caso dell aumento di superfici utili o di volumi (Cass. Pen., III, n. 2542/2011).

20 Regime degli abusi edilizi compiuti in periodo antecedente all apposizione del vincolo: rilevanza del vincolo sopravvenuto (Cons. St. Ad. Pl, n. 20/1999; Cons. St. VI, n. 1565/2017) Va considerato che al momento dell abuso edilizio questo non era abuso paesaggistico, quindi, ai fini dell accertamento di conformità edilizia, la valutazione di compatibilità paesaggistica dovrà avvenire su tutto l abuso commesso senza le limitazioni degli artt. 146, c. 4, 167, c. 4, d.lgs. 42/2004 (Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Ufficio legislativo, 30815/2015;12385/2016).

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O COMUNE DI ROVIGO Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 ABUSI EDILIZI E SANZIONI Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 CHE COSA È UN ABUSO EDILIZIO Intervento in assenza di titolo edilizio Intervento in difformità dal titolo edilizio

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO SUI CRITERI E LE MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI

Dettagli

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI.

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI. Comune di Saletto Provincia di Padova --ooooo ooooo-- REGOLAMENTO COMUNALE CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione

Dettagli

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R.

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R. Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO "Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi

Dettagli

IL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO

IL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO SOMMARIO Introduzione... XV PARTE PRIMA LAVIGILANZA CAPITOLO 1 ISOGGETTI di NICOLA CENTOFANTI 1. Il potere di vigilanza del comune... 3 1.1. I poteri di vigilanza del dirigente o del responsabile del procedimento...

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015 COMUNE DI BORGO PRIOLO PROVINCIA DI PAVIA C.A.P. 27040 TEL. (0383) 872214 872265 FAX. (0383) 871371 COD. FISC. 00468890181 ****** Ufficio Tecnico Comunale CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

Dettagli

Adempimenti specifici dell ufficio Edilizia Privata e Urbanistica

Adempimenti specifici dell ufficio Edilizia Privata e Urbanistica UNITA' ORGANIZZATIVA RESPONSABILE ; Servizio Urbanistica, Edilizia Privata e Lavori Pubblici : Geom. Alessandro Salmoiraghi Tel. 0321/996284 E-mail: tecnico@comune.vapriodagogna.no.it Adempimenti specifici

Dettagli

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

INDICE CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI. 1. Premessa Cenni sull evoluzione normativa...

INDICE CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI. 1. Premessa Cenni sull evoluzione normativa... Premessa........................................... V CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa........................................ 1 1.1. Cenni sull

Dettagli

TESTO UNICO DELL EDILIZIA

TESTO UNICO DELL EDILIZIA TESTO UNICO DELL EDILIZIA Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 Testo aggiornato con le modifiche introdotte da: D.L. 12/09/2014, n. 133 (L. 11/11/2014, n. 164) D.L. 28/03/2014,

Dettagli

EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI

EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI Premessa... V CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 1.1. Cenni sull evoluzione normativa... 1 1.2. Il Testo Unico.... 3 1.3. La legge 443/2001...

Dettagli

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO ENTRATA IN VIGORE DELL ART. 32 DEL D.L 269/03 CONVERTITO IN LEGGE 326/03: GAZZETTA UFFICIALE 25.11.2003 Recante: misure per

Dettagli

L ABUSO EDILIZIO, LE PROCEDURE SANZIONATORIE E LA REGOLARIZZAZIONE DI OPERE EDILIZIE GIA REALIZZATE

L ABUSO EDILIZIO, LE PROCEDURE SANZIONATORIE E LA REGOLARIZZAZIONE DI OPERE EDILIZIE GIA REALIZZATE Data 19/05/2017 Dalle ore 15 alle ore 19 sede di svolgimento: HOTEL MINERVA Via Fiorentina n.4 Arezzo L ABUSO EDILIZIO, LE PROCEDURE SANZIONATORIE E LA REGOLARIZZAZIONE DI OPERE EDILIZIE GIA REALIZZATE

Dettagli

DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABUSI EDILIZI

DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABUSI EDILIZI DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABU EDILIZI (LR 23 / 2004) 2009 a cura di Massimo Betti Luca Trentini Rossella Ventura QUADRO GENERALE PER TUTTE LE IPOTE DI RILEVAMENTO DI POSBILI ABU

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 SOMMARIO CAPITOLO 1 EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA UR- BANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 2. Cenni sull evoluzione normativa... 2 3. Il testo unico... 3 4. La legge n. 443/2001... 5

Dettagli

Enrico AMANTE. Claudio BELCARI. Lorenzo PAOLI

Enrico AMANTE. Claudio BELCARI. Lorenzo PAOLI Relatori: Enrico AMANTE Avvocato del Foro di Firenze, consulente A.N.C.I. Toscana e presidente I.N.U. sezione Toscana Claudio BELCARI Funzionario con responsabilità dirigenziali del S.U.E. e S.U.A.P. del

Dettagli

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dalla Legge Regionale //2008,

Dettagli

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ALLEGATO (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001, s.o. n. 239) (ripubblicazione sul S.o. n. 246 alla

Dettagli

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ALLEGATO (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001- s.o. n. 239) TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI

Dettagli

ISBN:

ISBN: Abusi edilizi e titoli abilitativi in sanatoria Contenuti: - Schede operative - Casi e Questioni - Normativa - Riferimenti regionali - Formulario ISBN: 978-88-6219-265-1 Abusi edilizi e titoli abilitativi

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA SETTORE 4 : GOVERNO DEL TERRITORIO S.U.E. S.U.A.P. DETERMINAZIONE N 15 DEL 04/04/2013 UFFICIO SEGRETERIA GENERALE PROTOCOLLO GENERALE DETERMINAZIONE N 352 DEL 04/04/2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE PER

Dettagli

INIZIO DEL PROCEDIMENTO. Istanza di parte. 30 gg. dalla richiesta di. svincolo. Istanza di parte. Istanza dell'ente interessato.

INIZIO DEL PROCEDIMENTO. Istanza di parte. 30 gg. dalla richiesta di. svincolo. Istanza di parte. Istanza dell'ente interessato. SETTORE URBANISTICA - EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA (ufficio a cui rivolgersi per informazioni) Responsabile: ROSSETTO arch. DANILO tel. 049/9697931 e.mail danilo.rossetto@comune.piazzola.pd.it

Dettagli

LE SANZIONI EDILIZIE: NATURA E FUNZIONE

LE SANZIONI EDILIZIE: NATURA E FUNZIONE LE SANZIONI EDILIZIE: NATURA E FUNZIONE LE RESPONSABILITÀ NEGLI ABUSI EDILIZI Art. 131 - Responsabilità del titolare, del committente, del costruttore e del direttore dei lavori [nonché anche del progettista

Dettagli

Data Giovedì 18 Ottobre Firenze (Hotel Londra - Via Jacopo da Diacceto, 16/20 - a 150 mt dalla Stazione S. Maria Novella)

Data Giovedì 18 Ottobre Firenze (Hotel Londra - Via Jacopo da Diacceto, 16/20 - a 150 mt dalla Stazione S. Maria Novella) 1 Data Giovedì 18 Ottobre 2012 Orario 9.15-13.00 / 14.15 16.30 Firenze (Hotel Londra - Via Jacopo da Diacceto, 16/20 - a 150 mt dalla Stazione S. Maria Novella) LA RIFORMA IN TOSCANA, DELLA DISCIPLINA

Dettagli

INDICE. Regolamento sanzioni paesaggistiche

INDICE. Regolamento sanzioni paesaggistiche INDICE Art 1. Quadro normativo di riferimento... 3 Art 2. Ambito di applicazione... 4 Art 3. Casi di esclusione... 4 Art 4. Interventi di ristrutturazione edilizia ed opere comportanti ampliamenti non

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA QUANTIFICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA EDILIZIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA QUANTIFICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA EDILIZIA COMUNE DI GUALTIERI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA QUANTIFICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA EDILIZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

Abusi edilizi. Abusi edilizi. segnalato da: Daniele Rallo. pagine: 2199 = equivalenti a 3738 pagine in formato libro. prezzo pieno : 45,00 1 / 9

Abusi edilizi. Abusi edilizi. segnalato da: Daniele Rallo. pagine: 2199 = equivalenti a 3738 pagine in formato libro. prezzo pieno : 45,00 1 / 9 Abusi edilizi segnalato da: Daniele Rallo Raccolta, organizzata in una dettagliata classificazione tematica, di massime giu pagine: 2199 = equivalenti a 3738 pagine in formato libro prezzo pieno : 45,00

Dettagli

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore 1 Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia Il Dirigente Responsabile del Settore Modena, 15/10/2007 Protocollo generale n. 133038/2007 Protocollo di settore n. 16539/2007 DO/do

Dettagli

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISA organizza. Seminario in materia urbanistico-edilizia e paesaggistica

ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISA organizza. Seminario in materia urbanistico-edilizia e paesaggistica ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISA organizza Seminario in materia urbanistico-edilizia e paesaggistica La L.R.T. n 65/2014 e la L. n. 164/2014 c.d. SBLOCCA-ITALIA Il nuovo quadro normativo in Toscana

Dettagli

Questioni vecchie e nuove

Questioni vecchie e nuove Questioni vecchie e nuove in tema sanatoria: l art. 209, l.r. 65/2014 Avv. Enrico Amante Premesse L art. 209 della legge 65/2014: introduce due novità conferma due profili del previgente art. 140 l.r.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA DI ABUSI EDILIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA DI ABUSI EDILIZI Approvato con delib. C.C. 83 del 30.11.2010 Modificato con delib. C.C. 36 del 13.06.2013 COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Dettagli

Seminario di formazione settembre 2012 (orario 09,00-12,30) Hotel Repubblica Marinara -Via Matteucci 81 - PISA

Seminario di formazione settembre 2012 (orario 09,00-12,30) Hotel Repubblica Marinara -Via Matteucci 81 - PISA Seminario di formazione 11-12 settembre 2012 (orario 09,00-12,30) Hotel Repubblica Marinara -Via Matteucci 81 - PISA LA RIFORMA DEI TITOLI EDILIZI NELLA VIGENTE LEGISLAZIONE DELLA REGIONE TOSCANA, ALLA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE Prot. Al Comune di Carmignano Ufficio Edilizia e Urbanistica Piazza G. Matteotti n. 1 59015 Carmignano (PO) RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2004, n. 53 Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA la seguente

Dettagli

di Argenta n. 54 del PROVINCIA DI FERRARA SETTORE Urbanistica Demanio Patrimonio

di Argenta n. 54 del PROVINCIA DI FERRARA SETTORE Urbanistica Demanio Patrimonio Comune Determinazione di Argenta n. 54 del 14-02-2013 PROVINCIA DI FERRARA SETTORE Urbanistica Demanio Patrimonio OGGETTO: Modifica agli allegati B e C del Regolamento Urbanistico Edilizio vigente con

Dettagli

COMUNE DI CHIALAMBERTO

COMUNE DI CHIALAMBERTO COMUNE DI CHIALAMBERTO PROVINCIA DI TORINO Via Roma 2, C.A.P. 10070 Chialamberto Tel. (0123) 50.67.01 Fax (0123) 50.63.69 C. F. 83002850010 ----------------- REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO

Dettagli

COMUNE DI TREGNAGO PROVINCIA DI VERONA. Piazza A.Massalongo n Tel. 045/ Fax 045/

COMUNE DI TREGNAGO PROVINCIA DI VERONA. Piazza A.Massalongo n Tel. 045/ Fax 045/ COMUNE DI TREGNAGO PROVINCIA DI VERONA Piazza A.Massalongo n. 1 37039 Tel. 045/7808127 7808035 Fax 045/6500040 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLA INDENNITA RISARCITORIA A SEGUITO DI OPERE OGGETTO

Dettagli

Il Dirigente Responsabile

Il Dirigente Responsabile Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA Via Santi 60 - Tel. 059/206224 - Fax 059/206164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile

Dettagli

C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A

C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A S.U.E. - Modello F.1.0 AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO URBANISTICA SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A bollo OPERE IN PARZIALE DIFFORMITA DAL TITOLO ABILITATIVO

Dettagli

IL RESPONSABILE D AREA

IL RESPONSABILE D AREA IL RESPONSABILE D AREA Premesso: - che il D.L. 12.11.2014 n. 133 c.d. sblocca Italia è stato convertito con modifiche dalla legge 11/11/2014, n. 164, la quale all art. 17, comma 1, lett. q-bis, ha inasprito

Dettagli

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD DEL 28/11/2016

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD DEL 28/11/2016 Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2016-3017 DEL 28/11/2016 Inserita nel fascicolo: 2016.I/1.1 Centro di Responsabilità: 51 5 0 0 - SETTORE PIANIFICAZIONE E SVILUPPO TERRITORIO - SERVIZIO

Dettagli

Al Comune di Sospirolo

Al Comune di Sospirolo MARCA DA BOLLO DI VALORE LEGALE Al Comune di Sospirolo ISTANZA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi dell art.36 del D.P.R. 06.06.2001 n.380 e ss.mm.ii. IL/LA SOTTOSCRITTO/A richiedente avente

Dettagli

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n.

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n. Governo del Territorio Tel. 0583/4281 Fax 0583/428399 e-mail comunedicapannori@comune.capannori.lu.it Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU) Italia (www.comune.capannori.lu.it) ORIGINALE Determinazione

Dettagli

COMUNE DI CORTONA REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA

COMUNE DI CORTONA REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA COMUNE DI CORTONA REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA Riferimenti normativi : Istituito dall'art.10 comma 10 del D.L. n.8 del 18.01.1993 convertito

Dettagli

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia Anno 35 - Numero 47 REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia Anno 35 - Numero 47 REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA EDIZIONE STRAORDINARIA Spedizione in abbonamento postale Parte I-II (Serie generale) Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia Anno 35 - Numero 47 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE. PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI MAGIONE. PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA DI SPETTANZA TOTALE DELL'ENTE (Aggiornato con delibera C.C. n 16

Dettagli

COMUNE DI VAGLIA città metropolitana di FIRENZE

COMUNE DI VAGLIA città metropolitana di FIRENZE 2017 domanda acc. conf. in sanatoria COMUNE DI VAGLIA città metropolitana di FIRENZE marca da bollo. 16,00 timbro protocollo n. pratica AL RESPONSABILE DEL SETTORE EDILIZIA PRIVATA del COMUNE DI VAGLIA

Dettagli

4.6. DANNO AMBIENTALE E RESPONSABILITA AMBIENTALE

4.6. DANNO AMBIENTALE E RESPONSABILITA AMBIENTALE 4.6. DANNO AMBIENTALE E RESPONSABILITA AMBIENTALE Manuale (Lugaresi, 2012): 4.6. Riferimenti comunitari dir. 2004/35/CE Riferimenti nazionali d.lgs.152/2006 (artt.299-318) 1 EVOLUZIONE Costruzione giurisprudenziale

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO DEGLI ABUSI EDILIZI

IL SISTEMA SANZIONATORIO DEGLI ABUSI EDILIZI IL SISTEMA SANZIONATORIO DEGLI ABUSI EDILIZI ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI PAVIA Pavia, 30 maggio 2017 1 RASSEGNA DEGLI ABUSI E DELLE SANZIONI 2

Dettagli

Il nuovo condono edilizio

Il nuovo condono edilizio Il nuovo condono edilizio Legge provinciale 8 marzo 2004, n. 3 Disposizioni in materia di definizione degli illeciti edilizi (condono edilizio) entrata in vigore il 10 marzo 2004 Piergiorgio Mattei Direttore

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n. 269/2003 convertito nella Legge n.326 e ai sensi della L.R n.

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n. 269/2003 convertito nella Legge n.326 e ai sensi della L.R n. ORIGINALE/COPIA AL COMUNE DI MILANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA UFFICIO CONDONO EDILIZIO Via Edolo,19-20125 Milano PROTOCOLLO GENERALE Imposta di bollo PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del

Dettagli

ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 179 del 03/07/2017 EDILIZIA PRIVATA - ATTIVITA' PRODUTTIVE/COMMERCIO/SUAP Sabina Testi

ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 179 del 03/07/2017 EDILIZIA PRIVATA - ATTIVITA' PRODUTTIVE/COMMERCIO/SUAP Sabina Testi ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 179 del 03/07/2017 EDILIZIA PRIVATA - ATTIVITA' PRODUTTIVE/COMMERCIO/SUAP Sabina Testi OGGETTO : PRATICA EDILIZIA N. 211/16 - APPLICAZIONE REGIME SANZIONATORIO AI SENSI DEL TITOLO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ORIGINALE N 5 del 19/01/2016

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ORIGINALE N 5 del 19/01/2016 COMUNE DI COLOGNE PROVINCIA DI BRESCIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 5 del 19/01/2016 OGGETTO: CRITERI DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE PER

Dettagli

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974.

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Adeguamento, ai sensi dell art. 251 del D.Lgs. n. 267/2000, delle tariffe dei diritti di

Dettagli

VERONA CONFCOMMERCIO 22 settembre 2010 DIFFORMITA EDILIZIE. Relatore Geometra Carlo Dall Occhio

VERONA CONFCOMMERCIO 22 settembre 2010 DIFFORMITA EDILIZIE. Relatore Geometra Carlo Dall Occhio VERONA CONFCOMMERCIO 22 settembre 2010 DIFFORMITA EDILIZIE Relatore Geometra Carlo Dall Occhio CAPITOLO 01 INTRODUZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO: L. n. 47 del 28 febbraio 1985 «Norme in materia di controllo

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE

NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE Elaborazione: Arch.tto Simona del Bianco Coordinamento : Servizio Urbanistica-Ambiente

Dettagli

SCHEMA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE

SCHEMA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE SCHEMA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PROPOSTA DI REGOLAMENTO COMUNALE: APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE IN MATERIA

Dettagli

SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA

SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA CASI DI ESCLUSIONE DALLA SANATORIA: 1) Opere abusive relative a nuove costruzioni, residenziali e non, realizzate in assenza del titolo abilitativo

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n.269/2003 convertito nella Legge n.326

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n.269/2003 convertito nella Legge n.326 AL COMUNE DI ORSENIGO SETTORE EDILIZIA PRIVATA UFFICIO CONDONO EDILIZIO VIA PER ERBA N. 1 22030 ORSENIGO (CO) PROTOCOLLO GENERALE Marca da bollo *PROGRESSIVO N 00 * (Devono essere presentate tante domande

Dettagli

ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO

ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO Comune di S. Maria la Carità Riservato al Protocollo Generale del Comune Prot. n. del Riservato all ufficio ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO Pratica: N. prot. n. del / / IV Settore Urbanistica - PROGETTO CONDONO

Dettagli

Brevi note in tema di sospensione della prescrizione per i reati edilizi.

Brevi note in tema di sospensione della prescrizione per i reati edilizi. Brevi note in tema di sospensione della prescrizione per i reati edilizi. di Fortunato Picerno Nota a CASS. PEN., SEZ. UN., 13 aprile 2016, n. 15427 CANZIO Presidente RAMACCI Relatore 1. La Corte di Cassazione,

Dettagli

DIREZIONE URBAN LAB SVILUPPO URBANISTICO DEL TERRITORIO. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO N. 1 DEL 21 gennaio 2009

DIREZIONE URBAN LAB SVILUPPO URBANISTICO DEL TERRITORIO. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO N. 1 DEL 21 gennaio 2009 DIREZIONE URBAN LAB SVILUPPO URBANISTICO DEL TERRITORIO COMUNICAZIONE DI SERVIZIO N. 1 DEL 21 gennaio 2009 OGGETTO: NUOVE MODALITA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE IN MATERIA

Dettagli

ARTICOLO 1 - Obiettivi ARTICOLO 2 Ambiti di applicazione ARTICOLO 3 Principi generali... 3

ARTICOLO 1 - Obiettivi ARTICOLO 2 Ambiti di applicazione ARTICOLO 3 Principi generali... 3 INDICE ARTICOLO 1 - Obiettivi... 3 ARTICOLO 2 Ambiti di applicazione... 3 ARTICOLO 3 Principi generali... 3 ARTICOLO 4 Accertamento dell epoca della violazione... 4 ARTICOLO 5 Graduazione delle sanzioni

Dettagli

Settore Edilizia Privata, Territorio E Ambiente

Settore Edilizia Privata, Territorio E Ambiente Edilizia DENOMINAZIONE E OGGETTO 1 Autorizzazione alla riconfigurazione degli impianti per telefonia cellulare PROVVEMENTO 75 gg. per il rilascio dell autorizzazione per quanto di competenza ASSENSO, LA

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DI COMPATIBILITA PAESAGGISTICA E CRITERI PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI IN MATERIA

Dettagli

L.R. 11 Agosto 2008, n Vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia

L.R. 11 Agosto 2008, n Vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia L.R. 11 Agosto 2008, n. 15 - Vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI S O M MA R I O Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Collaborazione istituzionale Art. 3 Supporto agli

Dettagli

CAPO II - VIGILANZA SULL ATTIVITA URBANISTICO-EDILIZIA. SANZIONI. Sezione I - Titolarità ed esercizio della vigilanza. Responsabili degli abusi.

CAPO II - VIGILANZA SULL ATTIVITA URBANISTICO-EDILIZIA. SANZIONI. Sezione I - Titolarità ed esercizio della vigilanza. Responsabili degli abusi. R. 11 Agosto 2008, n. 15 Vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia (1) S O M MA R I O CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Collaborazione istituzionale Art. 3 Supporto agli

Dettagli

ISBN:

ISBN: Il Permesso di costruire e la S.C.I.A. sostitutiva Contenuti: - Schede operative - Casi e Questioni - Normativa - Riferimenti regionali - Formulario ISBN: 978-88-6219-271-2 Il Permesso di costruire

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA RESPONSABILE Geom. Simone Lorenzi Tel. +39 0584.775208 Mail: lorenzisimone@comune.stazzema.lu.it

Dettagli

DPR 380/2001. Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti

DPR 380/2001. Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti IL NUOVO TESTO UNICO DELL EDILIZIA DPR 380/2001 Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti MISURE DI SALVAGUARDIA Il potere di sospensione Fra l adozione di uno strumento urbanistico da

Dettagli

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA IN SANATORIA. Art. 209 della L.R n 65 Aggiornamento DICEMBRE 2014 I PARTE

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA IN SANATORIA. Art. 209 della L.R n 65 Aggiornamento DICEMBRE 2014 I PARTE Pag. 1 di 6 Spazio riservato all'ufficio COMUNE DI PIAZZA MARCONI 51 58053 2 copie in carta semplice originale copia I PARTE sottoscritt_...... (C.F.......) nat_ a...... il...... e residente in (1)........

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 Il molteplice mondo del silenzio della Pubblica Amministrazione

INDICE. Capitolo 1 Il molteplice mondo del silenzio della Pubblica Amministrazione INDICE Capitolo 1 Il molteplice mondo del silenzio della Pubblica Amministrazione 1. I silenzi amministrativi significativi e non significativi...1 1.1. Posizione giuridica del privato dinanzi al silenzio.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA. ex-art. 16 D.L. n. 289/

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA. ex-art. 16 D.L. n. 289/ COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di VITERBO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA ex-art. 16 D.L. n. 289/20.05.1992 * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 158

Dettagli

COMUNE DI SAN GIUSEPPE VESUVIANO PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI SAN GIUSEPPE VESUVIANO PROVINCIA DI NAPOLI MOD 01 PARTE PRIMA PARTE GENERALE DA COMPILARE PER SINGOLA PRATICA IL SOTTOSCRITTO COGNOME NOME NATO A IL RESIDENTE IN ALLA VIA N. IS. LETT. CAP. TEL./FAX INDIRIZZO E-MAIL: CODICE FISCALE: PARTITA I.V.A.:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1964

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1964 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1964 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VILLARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 GENNAIO 2010 Disposizioni in materia di vincolo paesistico e coordinamento

Dettagli

ISBN:

ISBN: Contributo di costruzione e opere a scomputo Contenuti: - Schede operative - Casi e Questioni - Normativa - Riferimenti regionali - Formulario ISBN: 978-88-6219-266-8 Contributo di costruzione e opere

Dettagli

SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA

SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA Procedimento Unità organizzativa responsabile istruttoria Breve descrizione procedimenti Normativa Dove ottenere le informazioni Per i procedimenti

Dettagli

Tabella OBLAZIONI DA ADOTTARE NEI PROCEDIMENTI DI ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ... 3

Tabella OBLAZIONI DA ADOTTARE NEI PROCEDIMENTI DI ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ... 3 R. U. E. RE GOL AME NT OURBANI S T I COE DI L I Z I O COMPL E ME NT O3 C.U. n. 43 29/09/2015 S ANZ I ONI AMMI NI S T RAT I VEPE CUNI ARI E AGOS T O2015 INDICE NOTA INTRODUTTIVA... 2 ART. 1 - STRUTTURA

Dettagli

DETERMINAZIONE N. DEL IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE N. DEL IL DIRIGENTE CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, URBANISTICA, SVILUPPO -VALORIZZAZIONE E TUTELA AMBIENTALE DIREZIONE AMBIENTE, SVILUPPO DEL TERRITORIO, SANZIONI

Dettagli

COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/ Fax 095/ Cod. Fisc

COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/ Fax 095/ Cod. Fisc COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/7985111 - Fax 095/7985102 - Cod. Fisc. 02183980875 REGOLAMENTO COMUNALE SULL IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE Agli Autori

Dettagli

OGGETTO: Modifiche al Codice dei beni culturali e del paesaggio ( D.Leg.vo 42/2004). Obbligo della relazione paesaggistica dal 31/7/2006

OGGETTO: Modifiche al Codice dei beni culturali e del paesaggio ( D.Leg.vo 42/2004). Obbligo della relazione paesaggistica dal 31/7/2006 Prot. Gen. 231199 del 6/9/2006 OGGETTO: Modifiche al Codice dei beni culturali Data : Pag. 1 di 5 A tutto il Personale del Settore E,pc. Al Punto Informazione Professionisti LL.SS Il Decreto Legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO Approvato: delibera Consiglio Comunale n. 67 del 29/11/2004 esecutiva il 13/12/2004 IL SEGRETARIO

Dettagli

Organizzazione: ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI LIVORNO E ASSOCIAZIONE ARCHITETTI ELBANI. Data 16/11/2015

Organizzazione: ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI LIVORNO E ASSOCIAZIONE ARCHITETTI ELBANI. Data 16/11/2015 1 Organizzazione: ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI LIVORNO E ASSOCIAZIONE ARCHITETTI ELBANI Data 16/11/2015 Dalle ore 9,00 alle ore 14,00 pausa coffee break incluso Località: Sala Polifunzionale De Laugier Salita

Dettagli

Indice. Premessa... pag. 13

Indice. Premessa... pag. 13 Indice Premessa... pag. 13 1. Le prescrizioni di contratto...» 15 1.1. Generalità...» 15 1.2. Il contratto d appalto...» 15 1.2.1. L obbligatoria indicazione dei costi per la sicurezza...» 29 1.2.2. Aspetti

Dettagli

LE PROCEDURE EDILIZIE ORDINARIE E IN SANATORIA A VALLE DELLE SEMPLIFICAZIONI INTRODOTTE DALLA RIFORMA

LE PROCEDURE EDILIZIE ORDINARIE E IN SANATORIA A VALLE DELLE SEMPLIFICAZIONI INTRODOTTE DALLA RIFORMA LODI 10 Febbraio 2017 LE PROCEDURE EDILIZIE ORDINARIE E IN SANATORIA A VALLE DELLE SEMPLIFICAZIONI INTRODOTTE DALLA RIFORMA 2 In un'epoca in cui si fa' fatica a star dietro ai Procedimenti sia da parte

Dettagli

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA)

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) timbro e data di arrivo AREA 3 PIANIFICAZIONE E ASSETTO DEL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA (SUE) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (SUAP)

Dettagli

LA SANATORIA PAESAGGISTICA ERA AMMESSA DAL CONDONO EDILIZIO

LA SANATORIA PAESAGGISTICA ERA AMMESSA DAL CONDONO EDILIZIO LA SANATORIA PAESAGGISTICA ERA AMMESSA DAL CONDONO EDILIZIO (diversa valutazione rispetto alle sentenze giurisprudenziali) Domanda: il dpr n. 139/2010 indica le procedure semplificate per il rilascio delle

Dettagli

ORDINANZA RESPONSABILE DI SERVIZIO N. 8 del

ORDINANZA RESPONSABILE DI SERVIZIO N. 8 del Comune di RIO MARINA Provincia di Livorno ORDINANZA RESPONSABILE DI SERVIZIO N. 8 del 21.03.2016 Oggetto: INGIUNZIONE PER LA DEMOLIZIONE DI OPERE EDILIZIE ESEGUITE IN ASSENZA DI TITOLO ABILITATIVO. Servizio:

Dettagli

ABUSI EDILIZI E SISTEMA SANZIONATORIO IN EDILIZIA. Semplificazione e ultime misure in materia edilizia.

ABUSI EDILIZI E SISTEMA SANZIONATORIO IN EDILIZIA. Semplificazione e ultime misure in materia edilizia. 0099 SEMINARIO DI STUDIO proposto da: Associazione FEDERAZIONE DEGLI UFFICI TECNICI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Via Monte Pastello 20, 37026 Pescantina VR T 0456888313 F 0458326044

Dettagli

COMUNE DI ORVIETO. SETTORE SERVIZI URBANISTICI Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI ORVIETO. SETTORE SERVIZI URBANISTICI Servizio Edilizia Privata ALLEGATO A DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI URBANISTICA ED EDILIZIA ANNO 2013 Delibera di G.C. N. 121 del 26/09/2013 N. ordine Tipo atto Importo A. Certificazioni di destinazione urbanistica ed attestazioni

Dettagli

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre 2004 - Morbegno Quesito - n. 8 - Relatore Ambito Riferimento legislativo Il condono edilizio dopo la sentenza della corte costituzionale. Analisi comparata delle proposte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE RELATIVE AGLI ABUSI EDILIZI (art. 31, c. 4bis del DPR 380/01 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE RELATIVE AGLI ABUSI EDILIZI (art. 31, c. 4bis del DPR 380/01 e s.m.i. - CITTÀ DI FRANCAVILLA FONTANA Provincia di Brindisi AREA TECNICA REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE RELATIVE AGLI ABUSI EDILIZI (art. 31, c. 4bis del DPR 380/01 e s.m.i.)

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV Prefazione... Schemi p. XV 1 La nozione di procedimento amministrativo... 3 2A I principi generali del procedimento amministrativo (art. 1)... 4 2B I principi sovranazionali... 5 2C I principi della C.E.D.U....

Dettagli

Edilizia. PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria. Descrizione

Edilizia. PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria. Descrizione Edilizia PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria Descrizione (abusi commessi per interventi soggetti a Permessi di costruire e DIA) (abusi commessi per interventi soggetti a SCIA) L'accertamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE ART. 1 DEFINIZIONI Il presente Regolamento intende determinare le modalità e le procedure per la

Dettagli

CHIEDE l autorizzazione edilizia per l esecuzione dei lavori di cui alla seguente categoria: Impianti tecnologici (al servizio di edifici esistenti)

CHIEDE l autorizzazione edilizia per l esecuzione dei lavori di cui alla seguente categoria: Impianti tecnologici (al servizio di edifici esistenti) Marca da Bollo 16,00 Al Sindaco del Comune di Quartu Sant Elena Al Dirigente del Settore Pianificazione e Edilizia Privata OGGETTO: Richiesta di autorizzazione edilizia (art. 39 del Regolamento Edilizio)

Dettagli