CORSO A CATALOGO Corso ID: Valorizzazione e Marketing dei Beni Culturali - II EDIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO A CATALOGO - 2012 - Corso ID: 10467 - Valorizzazione e Marketing dei Beni Culturali - II EDIZIONE"

Transcript

1 CORSO A CATALOGO Corso ID: Valorizzazione e Marketing dei Beni Culturali - II EDIZIONE Dati principali ID Odf: 5487 Nome organismo: Tipo organismo: ID Corso: Titolo corso: ASSOCIAZIONE PROGETTO EUROPA Odf accreditato o Agenzie abilitate 1047 Valorizzazione e Marketing dei Beni Culturali - II EDIZIONE Tipologia corso: Corsi di specializzazione Link web dettaglio Master: Master di 1 livello o 2 livello: Indirizzo del Master: Area settoriale Area Tematica: Obiettivi formativi: Risultati attesi: Fabbisogni formativi: Spendibilità in termini di occupabilità: CULTURA E SPETTACOLO Comunicazione Il Corso, come II EDIZIONE, offre la possibilità di acquisire una profonda conoscenza del settore dei beni culturali nonché le competenze, gli strumenti e la metodologia necessari per progettare, promuovere e commercializzare un itinerario o un evento culturale, utilizzando le giuste leve del marketing, sviluppando strategie per utilizzare le ICT in modo coerente con le proprie finalità, come mezzo per attirare nuovo pubblico e sviluppare nuove modalità d attrattività dei beni culturali. Si vuole soddisfare, quindi la crescente esigenza della valorizzazione dei beni culturali, attraverso una formazione che implementi un educazione teorica a quella pratica. Il Corso intende fornire una serie di competenze specialistiche e tecniche interdisciplinari, formando figure professionali con capacità gestionali ed organizzative adeguate a muoversi con competenza nel settore dei beni culturali. In uscita dal percorso formativo, i partecipanti saranno in grado di: 1)elaborare un piano di marketing culturale, 2)realizzare una campagna di comunicazione per i beni culturali, )trovare i fondi per allestire una mostra, 4)organizzare un evento culturale. Inoltre accanto alle figure professionali classiche s intendono formare professionisti esperti nel campo della catalogazione, dell accoglienza, della didattica, dell accesso alle fonti di finanziamento e del fundraising e delle attività commerciali. Trent anni fa l Italia era leadership nel mondo per il turismo, ma con il passare del tempo, Francia, Germania, Inghilterra e Spagna ci hanno raggiunto in modo competitivo. L Italia, però, dispone di una grande opportunità, costituita dal patrimonio artistico, culturale ed archeologico, che è il più importante del mondo, tutto concentrato nel nostro territorio. Nuovi flussi turistici, vengono soprattutto da paesi lontani, (si pensi all estremo oriente) e sono alla ricerca di turismo culturale, perché interessati alla nostra storia, alla nostra cultura. Questo comporta, quindi, un costante lavoro di conservazione ed allo stesso tempo di promozione, per attirare nuovo pubblico in Italia, per valorizzarlo come fondamentale risorsa del paese. Quindi, da un lato, un attività di tutela e conservazione, volta al recupero, alla riqualificazione e ristrutturazione del patrimonio culturale, al restauro di opere e monumenti e all artigianato artistico; dall altro, un attività di valorizzazione, di accoglienza, promozione culturale, gestione, organizzazione museale e delle attività di spettacolo. È importate, pertanto, disporre di professionalità preparate a una nuova strategia di conservazione, i valorizzazione, in grado di fare operazioni di marketing, promozione e pubblicità quale veicolo di un nuovo messaggio culturale che permetta al turista, di poter fruire, usufruire ed appassionarsi a questo enorme e bellissimo patrimonio di cui l Italia ed il mondo dispongono Oggi i Beni Culturali, vengono considerati come un bene in grado di movimentare l economia nazionale e regionale e pertanto non si può prescindere da precise strategie di marketing e di comunicazione, essenziali per la promozione di un evento artistico, come per la gestione di un museo o per la promozione di un'associazione culturale nel "mercato" culturale. Pertanto è necessario formare dei professionisti in grado di progettare e poi realizzare eventi culturali, attraverso strategie di marketing e comunicazione fondamentali per il sostentamento dello stesso Data ultima modifica 2/07/2012 ente 18:45:20 culturale. In aggiunta a questo, l ampiezza del patrimonio culturale permette di Pagina creare 1 di 18 professionalità che spazino dalla tutela alla conservazione, dalla valorizzazione al sostegno ed alla fruizione. Le stesse innovazioni tecnologiche offrono nuovi canali di impiego negli archivi, nei musei e nelle biblioteche. Pertanto da un lato permangono le occupazioni tradizionali quali organismi di ricerca, archivi, biblioteche e musei; dall altro fioriscono occupazioni innovative quali la

2 Innovatività: Follow up: Innovatività metodologie formative: Modalità di valutazione competenze in uscita: Settori: attraverso strategie di marketing e comunicazione fondamentali per il sostentamento dello stesso ente culturale. In aggiunta a questo, l ampiezza del patrimonio culturale permette di creare professionalità che spazino dalla tutela alla conservazione, dalla valorizzazione al sostegno ed alla fruizione. Le stesse innovazioni tecnologiche offrono nuovi canali di impiego negli archivi, nei musei e nelle biblioteche. Pertanto da un lato permangono le occupazioni tradizionali quali organismi di ricerca, archivi, biblioteche e musei; dall altro fioriscono occupazioni innovative quali la catalogazione, l accoglienza, la didattica, la sorveglianza, l accesso alle fonti di finanziamento e il fundraising e le attività commerciali. Dagli anni Ottanta in poi, la spesa e la visibilità per la cultura sono aumentate e man mano si è maggiormente presa coscienza del grande valore dei beni culturali, tali da essere considerati come motore essenziale di rilancio e sviluppo del territorio nazionale. A questo processo si è poi aggiunto negli ultimi decenni, la nascita di molteplici nuovi soggetti, espressione di interessi locali, politici, economici e portatori di forme e linguaggi artistici emergenti. La trasformazione del lavoro, l evoluzione del concetto di cultura, il cambiamento degli stili di vita, delle forme di aggregazione e della comunicazione hanno rimodellato la ricerca artistica, le possibilità di fruizione, i luoghi e gli spazi della cultura. In questo contesto mutevole, le tecnologie giocano un importante ruolo di supporto nell ambito del restauro, della conservazione e dell accesso ai beni culturali. Per stare al passo con queste evoluzioni e far fronte alla concorrenza degli altri paesi, è necessario utilizzare ciò che la tecnologia ci offre in termini di canali d informazioni e di media, pensando ad esempio a facebook, youtube, twitter ed ancora di blog, Wiki, Podcasting, Citizen journalism, Social network, il tutto supportato da materiali video, foto e testi resi visibili tramite Smart-phone e Tablet. Quindi nuovi linguaggi che consentano di arrivare direttamente sia ad un pubblico più adulto che ad un pubblico giovane che indubbiamente è cresciuto culturalmente. Al termine del percorso formativo si procederà con: - la misurazione del livello di efficienza ed efficacia, ossia quello che viene anche definito monitoraggio occupazionale finalizzato al rilevamento dell impatto sul mondo del lavoro come conseguenza delle competenze acquisite al termine delle attività formative. Il percorso formativo sarà tanto più efficiente ed efficace quanto maggiore sarà l impatto occupazionale al termine delle attività. Ciò avrà significato il pieno raggiungimento degli obiettivi formativi preposti. Il rilevamento dei dati avviene attraverso la somministrazione di un questionario per la rilevazione del placement sottoposto agli allievi a sei mesi dal termine delle attività formative. - uno studio sugli esiti di tutte le fasi realizzate e confrontate con quelle previste in sede di progettazione esecutiva con gli eventuali scostamenti. Lo studio realizzato convolerà in una relazione conclusiva nella forma di un quaderno di documentazione che sarà successivamente pubblicato sul sito internet del soggetto gestore. Rendere pubblici i dati ottenuti ne permetterà una larga divulgazione e getterà le basi per coinvolgere gli attori locali e ipotizzare una continuità del progetto. - un supporto all autoimprenditorialità: attraverso il coinvolgimento di consulenti e specialisti nell'ambito di programmati interventi di coaching (supporto motivazionale) e counselling (orientamento attitudinale) La metodologia didattica si avvarrà di nuove tecnologie che ben si prestano a supportare le diverse attività di cui si compone un processo formativo, offrendo nuove opportunità per realizzare attività e funzionalità integrative rispetto a quelle somministrate con la didattica tradizionale. Le tecnologie a disposizione consentiranno un supporto all apprendimento cooperativo in rete, un reperimento delle informazioni ed una gestione delle fonti in rete. Funzionale all attività formativa sarà quindi : 1) la tecnologia dei blog, ideale per la pubblicazione di contenuti in rete e per la condivisione di conoscenze su un corso o su uno specifico argomento. 2) La tecnologia dei wiki che risulterà particolarmente adatta a supportare sia la distribuzione e la condivisione della conoscenza che la collaborazione tra i discenti. ) La tecnologia del podcasting che permette la produzione, condivisione e distribuzione di contenuti video e/o audio digitali online (tipicamente nell ormai popolare formato MP).4) Infine l utilizzo di dispositivi di elettronica di consumo per l utente mobile (pc portatili, tablet, smartphone) e le reti di comunicazione senza cavo (GPRS, Wi-Fi,) che offrono un numero crescente di canali e di modalità per l accesso ai servizi in rete (multicanalità) con possibilità per il docente di trasferire ai discenti contenuti e servizi più ampi e più approfonditi massimizzando così gli obbiettivi del percorso formativo. La valutazione delle competenze in uscita avverrà tramite un esame finale consistente in un test scritto volto ad accertare l acquisizione delle conoscenze oggetto del corso e in un colloquio orale in cui i discenti relazioneranno sullo stage realizzato. E bene però sottolineare che la valutazione si snoderà lungo tutto il percorso formativo con un test di e prove intermedie. - - Istruzione Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 2 di 18

3 Coordinamento interno progetto: Servizi di informazione e comunicazione Noleggio, agenzie di viaggio, servizio di supporto alle imprese Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento Nome Cognome Ruolo Dettaglio attività Telefono Maurizio Turrà Coordinatore Il coordinatore sarà costantemente impegnato nell organizzazione e nello svolgimento delle attività gestionali e corsuali, sia presso la sede amministrativa che corsuale, recandosi in aula e nelle sedi stage, a più riprese durante l erogazione dell intervento formativo. Potrà, così, relazionarsi con gli allievi, con i docenti e i tutors d aula al fine di verificare l andamento del percorso formativo e la buona riuscita dello stesso, per garantire il rispetto delle finalità e la corretta attuazione delle azioni, così come illustrate nel progetto. Fondamentale risulterà l attività di coordinamento nel rapporto con il tutor e con gli allievi, poiché il costante monitoraggio consentirà di conoscere sempre il grado di soddisfazione dei discenti e dei docenti impegnati nello stesso, potendo di volta in volta apportare modifiche, miglioramenti nell interesse dei beneficiari, per un percorso formativo completo ed ottimale. Rossella Erra Coordinatore Il coordinatore sarà costantemente impegnato nell organizzazione e nello svolgimento delle attività gestionali e corsuali, sia presso la sede amministrativa che corsuale, recandosi in aula e nelle sedi stage, a più riprese durante l erogazione dell intervento formativo. Potrà, così, relazionarsi con gli allievi, con i docenti e i tutors d aula al fine di verificare l andamento del percorso formativo e la buona riuscita dello stesso, per garantire il rispetto delle finalità e la corretta attuazione delle azioni, così come illustrate nel progetto. Fondamentale risulterà l attività di coordinamento nel rapporto con il tutor e con gli allievi, poiché il costante monitoraggio consentirà di conoscere sempre il grado di soddisfazione dei discenti e dei docenti impegnati nello stesso, potendo di volta in Data ultima modifica 2/07/ :45:20 volta apportare modifiche, miglioramenti nell interesse dei beneficiari, per un percorso formativo completo ed ottimale progettoeuropa. eu progettoeuropa. eu Pagina di 18

4 nello stesso, potendo di volta in volta apportare modifiche, miglioramenti nell interesse dei beneficiari, per un percorso formativo completo ed ottimale. Maria Avella Coordinatore Il coordinatore sarà costantemente impegnato nell organizzazione e nello svolgimento delle attività gestionali e corsuali, sia presso la sede amministrativa che corsuale, recandosi in aula e nelle sedi stage, a più riprese durante l erogazione dell intervento formativo. Potrà, così, relazionarsi con gli allievi, con i docenti e i tutors d aula al fine di verificare l andamento del percorso formativo e la buona riuscita dello stesso, per garantire il rispetto delle finalità e la corretta attuazione delle azioni, così come illustrate nel progetto. Fondamentale risulterà l attività di coordinamento nel rapporto con il tutor e con gli allievi, poiché il costante monitoraggio consentirà di conoscere sempre il grado di soddisfazione dei discenti e dei docenti impegnati nello stesso, potendo di volta in volta apportare modifiche, miglioramenti nell interesse dei beneficiari, per un percorso formativo completo ed ottimale. Valentina Romano Coordinatore Il coordinatore sarà costantemente impegnato nell organizzazione e nello svolgimento delle attività gestionali e corsuali, sia presso la sede amministrativa che corsuale, recandosi in aula e nelle sedi stage, a più riprese durante l erogazione dell intervento formativo. Potrà, così, relazionarsi con gli allievi, con i docenti e i tutors d aula al fine di verificare l andamento del percorso formativo e la buona riuscita dello stesso, per garantire il rispetto delle finalità e la corretta attuazione delle azioni, così come illustrate nel progetto. Fondamentale risulterà l attività di coordinamento nel rapporto con il tutor e con gli allievi, poiché il costante monitoraggio consentirà di conoscere sempre il grado di soddisfazione dei discenti e dei docenti impegnati nello stesso, potendo di volta in volta apportare modifiche, miglioramenti nell interesse dei beneficiari, per un percorso Data ultima modifica 2/07/ :45:20 formativo completo ed ottimale progettoeuropa. eu progettoeuropa. eu Pagina 4 di 18

5 beneficiari, per un percorso formativo completo ed ottimale. Annalisa Cerbone Tutor Il tutor effettuerà uno scrupoloso lavoro di contatto con gli allievi, supportandoli per tutto il percorso formativo e rappresentando un indispensabile interfaccia con l Ente, per una migliore risoluzione delle problematiche e/o un miglioramento delle esigenze del gruppo e dei singoli. Provvederà, inoltre, alla gestione d aula in senso tecnico, quale valido ausilio per il migliore utilizzo delle attrezzature didattiche disponibili, supporterà il processo cognitivo, assisterà i docenti nella somministrazione di esercitazione e/o test e dispense, raccoglierà gli umori e le esigenze della platea per un continuo ed ottimale monitoraggio del percorso formativo, consentendo di fatto, così un asse comunicativo allievo/ente. Carla Formisano Tutor Il tutor effettuerà uno scrupoloso lavoro di contatto con gli allievi, supportandoli per tutto il percorso formativo e rappresentando un indispensabile interfaccia con l Ente, per una migliore risoluzione delle problematiche e/o un miglioramento delle esigenze del gruppo e dei singoli. Provvederà, inoltre, alla gestione d aula in senso tecnico, quale valido ausilio per il migliore utilizzo delle attrezzature didattiche disponibili, supporterà il processo cognitivo, assisterà i docenti nella somministrazione di esercitazione e/o test e dispense, raccoglierà gli umori e le esigenze della platea per un continuo ed ottimale monitoraggio del percorso formativo, consentendo di fatto, così un asse comunicativo allievo/ente. Giuseppe Varriale Segreteria organizzativa Data ultima modifica 2/07/ :45:20 L attività di segreteria, svolgerà il delicato compito di preparazione ed organizzazione di tutta l attività gestionale/amministrativa del corso. In primis, dopo un adeguata ed esaustiva attività pubblicitaria, verrà fornito un valido supporto ai richiedenti i voucher formativi in merito alle modalità di compilazione della documentazione necessaria, attraverso un assistenza telefonica e/o appuntamenti in sede. Successivamente, l attività si concentrerà sulla progettoeuropa. eu progettoeuropa. eu progettoeuropa. eu Pagina 5 di 18

6 Mariano Colella Segreteria organizzativa Data ultima modifica 2/07/ :45:20 compilazione della documentazione necessaria, attraverso un assistenza telefonica e/o appuntamenti in sede. Successivamente, l attività si concentrerà sulla produzione della documentazione prevista nel rispetto di quanto indicato dal Manuale di Gestione FSE Regione Campania e dalle Norme di Funzionamento Corsi Alta Formazione Edizione 2012 (registro aula e stage, Modello Ic, comunicazioni attività, lettere incarico, dichiarazioni sostitutive, curricula ecc.). Verranno, inoltre, eseguite le obbligatorie attività amministrative legate all apertura e gestione del conto corrente e dei relativi pagamenti ed alla gestione di fatture/ricevute/ordini, attivando un controllo real time dei processi consentendo così, la possibilità di tracciare in qualsiasi momento lo stato di avanzamento del progetto da un punto di vista economico. L attività di segreteria, svolgerà il delicato compito di preparazione ed organizzazione di tutta l attività gestionale/amministrativa del corso. In primis, dopo un adeguata ed esaustiva attività pubblicitaria, verrà fornito un valido supporto ai richiedenti i voucher formativi in merito alle modalità di compilazione della documentazione necessaria, attraverso un assistenza telefonica e/o appuntamenti in sede. Successivamente, l attività si concentrerà sulla produzione della documentazione prevista nel rispetto di quanto indicato dal Manuale di Gestione FSE Regione Campania e dalle Norme di Funzionamento Corsi Alta Formazione Edizione 2012 (registro aula e stage, Modello Ic, comunicazioni attività, lettere incarico, dichiarazioni sostitutive, curricula ecc.). Verranno, inoltre, eseguite le obbligatorie attività amministrative legate all apertura e gestione del conto corrente e dei relativi pagamenti ed alla gestione di fatture/ricevute/ordini, attivando un controllo real time dei processi consentendo così, la possibilità di tracciare in qualsiasi momento lo stato di avanzamento del progetto da un punto di vista economico progettoeuropa. eu Pagina di 18

7 processi consentendo così, la possibilità di tracciare in qualsiasi momento lo stato di avanzamento del progetto da un punto di vista economico. Informazioni titolo di studio Titolo di studio minimo in : Gruppo corsi laurea: Altri requisiti di accesso: Laurea triennale (nuovo ordinamento) Gruppo psicologico; Gruppo architettura; Gruppo giuridico; Gruppo ingegneria; Gruppo insegnamento; Gruppo letterario; Gruppo linguistico; Gruppo politico-sociale; Gruppo scientifico Motivazione alla frequenza ed approfondire la materia per meglio comprendere e sfruttare le opportunità costituite ed offerte dal patrimonio artistico, culturale ed archeologico dell'italia e del Mondo. Tipologia destinatari: - Disoccupati laureati Altre informazioni Costo di iscrizione per partecipante (euro):.000,00 Costo orario (euro): 2,08 Durata in: Durata totale corso (in ore): Ore 20 Monte ore per calcolo % ammissibili: 20,00 Ore attività formazione in aula: 200 Attività in aula (%): 7,92 Ore attività FAD: Attività FAD (%): 0,00 Ore attività Outdoor: Attività Outdoor (%): 0,00 Ore attività stage/project work: 0 Attività stage/project work(%): 2,08 Ore attività visite guidate: Ore attività visite guidate (%): 0,00 Ore attività studio individuale: Contenuti FAD: Specifiche tecniche attività FAD: Presenza Tutor per l attività di FAD: Note sulle attività previste: Ore attività studio individuale (%): Lo stage permetterà di passare dalla teoria alla pratica, sviluppando tutti i moduli previsti nel corso di Alta Formazione, per testare sul campo quanto trasferito a livello prettamente teorico. 0,00 Numero docenti junior: 4 Numero docenti middle: Numero docenti/testimoni senior: Attestazione al termine del corso: Note attestazione: Verifica delle competenze in : 8 8 Attestato di frequenza L'Attestato Finale di Frequenza sarà consegnato soltanto a quanti avranno frequentato almeno l 80% del monte ore complessivo del Corso.L'Attestato Finale riporterà le competenze acquisite, la figura professionale in uscita, la durata e i contenuti del corso, le modalità di attuazione dello stage, la votazione conseguita alle prove intermedie e a quelle finali. Si Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 7 di 18

8 Prove selettive ulteriori: Parte dell attività svolta all'estero o altra regione: Tipologia attività svolta all'estero o altra regione: Durata dell attività svolta all'estero o altra regione (in ore): Di cui ore di formazione in aula: Motivazione dell'attività svolta all'estero o altra regione: Sede/i dell'attività svolta all'estero o altra regione: No No Moduli didattici - Num. moduli: 11 Il modulo d apertura si propone da un lato, di sondare le aspettative dei partecipanti e le competenze in entrata tramite un test di, dall altro di fornire una dettagliata presentazione dei contenuti del corso. Il modulo di orientamento sarà anche l occasione di creare un clima collaborativo tra i partecipanti, indispensabile ad una buona riuscita del percorso formativo. Durata: Ore 10 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Mod. 1 Accoglienza, orientamento e valutazione competenze in Il modulo in oggetto intende offrire una panoramica delle principali norme relative alla valorizzazione, conservazione, tutela e fruizione dei beni culturali, attraverso un excursus che va dall'art. 9 della Costituzione Italiana, all analisi del Codice Urbani (DLG n. 42 del 2004), alla Convenzione Europea ratificata nel 2004 fino ai vari Decreti Legislativi in materia. A conclusione del modulo è previsto un test di verifica sugli argomenti trattati per valutare il grado di apprendimento dei discenti. Durata: Ore 15 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Mod. 2 - Legislazione dei Beni Culturali Mod. Fondamenti di Comunicazione e Marketing Obiettivo del modulo è trasmettere la base del marketing e le modalità di realizzazione di un piano di marketing. Parte del modulo sarà dedicata al concetto di Marketing dei beni culturali dove si approfondirà il ruolo del visitatore/ cliente, interpretandone i gusti e cogliendone le aspettative per tradurle in prodotti/servizi concreti. Seguirà Case History: Mostra gioielli tesoro di San Gennaro: come una mostra si è trasformata in un evento. Dopo aver introdotto i concetti chiave della comunicazione (funzioni, contenuti e strumenti), si passerànno in rassegna le principali tecniche di comunicazione sia interna che esterna, soffermandosi sulle tecniche di comunicazione pubblicitaria e sulle modalità di ideazione e gestione di un evento culturale. Si illustreranno le principali tecniche di problem solving, public speaking e le Data ultima modifica 2/07/ :45:20 metodologie per la gestione dei processi decisionali. Pagina 8 di 18

9 di un evento culturale. Si illustreranno le principali tecniche di problem solving, public speaking e le metodologie per la gestione dei processi decisionali. Durata: Ore 40 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Nel modulo saranno fornite le principali regole grammaticali e fonetiche, nonché la principale fraseologia nel campo dei beni culturali. Le lezioni si svolgeranno attraverso esercizi interattivi per l'apprendimento dei vocaboli, per il controllo della comprensione del testo e per l'acquisizione della struttura della frase nelle sezioni Vocabulary, Comprehension e Structure. Verranno utilizzati file audio e video per ascoltare il testo della lezione letto da uno speaker di madrelingua inglese. Durata: Ore 5 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Mod. 4 Inglese Il modulo in oggetto si propone di introdurre i concetti di museologia e museografia con particolare riferimento alla missione che il museo è chiamato ad assolvere e cioè all organizzazione alla promozione scientifica e culturale, ai sistemi di comunicazione e di informazione dei musei stessi. Durata: Ore 15 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Mod. 5 - Elementi di Museologia e Museografia Il modulo si propone di analizzare le principali tecniche di gestione economica e finanziaria applicabili al settore dei beni culturali con particolare attenzione al processo di budgeting. Nell'ambito del modulo saranno presentati case studies di approfondimento. Durata: Ore 15 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Mod. Tecniche di gestione economica e finanziaria Mod. 7 Sponsorizzazione culturale e fund raising Nel modulo saranno indicati gli strumenti necessari per selezionare le modalità di sponsorizzazione, saranno illustrati i riferimenti normativi più significativi e le più opportune cornici contrattuali. A conclusione della parte propriamente teorica sarà sottoposto ai partecipanti l esame Data ultima modifica 2/07/2012 di 18:45:20 un contratto di sponsorizzazione e saranno analizzati casi di sponsorizzazione culturale. Pagina 9 di 18

10 contrattuali. A conclusione della parte propriamente teorica sarà sottoposto ai partecipanti l esame di un contratto di sponsorizzazione e saranno analizzati casi di sponsorizzazione culturale. Durata: Ore 15 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Mod. 8 Nuove tecnologie informatiche e multimediali per i beni culturali Nel modulo si illustreranno le potenzialità delle tecnologie informatiche e multimediali come strumento di comunicazione e si forniranno indicazioni per realizzare un efficace campagna di marketing on line. In particolare si analizzeranno i nuovi linguaggi che consentano di arrivare direttamente sia ad un pubblico più adulto che ad un pubblico giovane come ad esempio a facebook, youtube, twitter ed ancora blog, Wiki, Podcasting, Citizen journalism, Social network, Smart-phone e Tablet, epub, ebook ed ibook, con la possibile creazione di applicazioni (APP). Durata: Ore 25 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Mod. 9 Pubbliche relazioni Il modulo verterà sulla funzione aziendale di relazioni esterne, trasmettendo le competenze necessarie a gestire le relazioni pubbliche e le attività di un ufficio stampa curando la costruzione di un piano di relazioni pubbliche (scenario, obiettivi, target) per l organizzazione di un evento. Le lezioni, consentiranno così, di mettere le basi fondamentali per l attività che verrà poi realizzata durante lo stage per la costituzione temporanea di una vera e propria agenzia di comunicazione e pubblicità che si occupi dell ufficio stampa Durata: Ore 20 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Durata: Mod. 10 STAGE Lo stage permetterà di passare dalla teoria alla pratica, sviluppando tutti i moduli previsti nel corso di Alta Formazione in un azione coordinata dall amministratore della BRAIN TRUST SRL, Dott. Roberto Coppola e dal direttore del MUSEO del TESORO di SAN GENNARO, Dott. Paolo Iorio. In particolare, lo stage prevederà la costituzione di una vera e propria agenzia di comunicazione e pubblicità che si occupi dell UFFICIO STAMPA, dell elaborazione del GIORNALE ON LINE del MUSEO del TESORO di SAN GENNARO in quattro lingue rivolto a oltre 25 milioni di devoti a San Gennaro nel mondo (statistica Vaticano 2007), della elaborazione di CONTENUTI MULTIMEDIALI rivolti all informazione e alla PROMOZIONE TURISTICO/CULTURALE del Museo in Italia e nel mondo, con la realizzazione di prodotti di comunicazione per FIERE specializzate del settore e dedicate soprattutto agli advisers (epub, ebook, ibook), nell elaborazione di un piano strategico di comunicazione per la presentazione di un progetto dedicato alla organizzazione di mostre non solo nel Museo stesso, ma sul territorio nazionale ed estero. Il tutto seguendo i caratteri più moderni dell informazione tecnologica messa a disposizione dalla Brain Trust e presente anche nel Museo. Ore Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 10 di 18

11 Durata: Ore 0 Modalità formativa: Testimone aziendale : STAGE/PROJECT WORK partecipazione attiva, quindi in modo diretto e personalizzato, in modo da favorire il trasferimento di conoscenze, di competenze e professionalità, il tutto supportato dalle nuove tecnologie offrendo così,nuove funzionalità rispetto a quelle della didattica tradizionale. - Paolo Iorio Senior (10 anni di esperienza) - Roberto Coppola Senior (10 anni di esperienza) Mod. 11 Valutazione competenze in uscita La valutazione finale prevede un test scritto a risposta multipla sugli argomenti trattati durante l attività d aula e un colloquio orale in cui i discenti relazioneranno sull attività di stage svolta. Durata: Ore 10 Modalità formativa: FORMAZIONE IN AULA Area tematica Marketing e commerciale Aree di lavoro, gruppi di competenze e competenze Area di lavoro Comunicazione aziendale Gruppo di competenze Capacità trasversali Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Saper promuovere e favorire l apprendimento e l aggiornamento continuo delle conoscenze per se stessi, per il proprio gruppo di lavoro e per la propria impresa 5 Saper programmare le proprie attività e quelle altrui in modo finalizzato al rispetto delle priorità e delle scadenze 5 Conoscere le tecniche di problem solving e le metodologie per la gestione dei processi decisionali Saper gestire un team di lavoro attraverso l esercizio di una leadership che promuova lo spirito di gruppo, l affidabilità, la responsabilità e la capacità di valutare i risultati in rapporto agli obiettivi 4 Marketing e commerciale Comunicazione aziendale Comunicazione commerciale Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Conoscere il ruolo della comunicazione nella costruzione e rafforzamento della marca Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 11 di 18

12 Conoscere le tecniche di comunicazione pubblicitaria Saper analizzare i posizionamenti e i profili di identità dei concorrenti al fine di sviluppare una o più strategie media per raggiungere gli obiettivi di marketing prefissati Conoscere il ruolo della comunicazione di prodotto in rapporto alle altre leve del marketing mix Marketing e commerciale Comunicazione aziendale Comunicazione integrata Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Conoscere le caratteristiche e i ruoli di tutte le strutture di supporto esterno alle attività di comunicazione aziendale 5 Saper impostare un sistema di monitoraggio e valutazione quali-quantitativa dei progetti di comunicazione sotto il profilo creativo e produttivo Saper impostare un piano di comunicazione integrata formulando gli obiettivi per i singoli ambiti comunicazionali e redigere il relativo budget 7 Saper sviluppare e implementare una strategia di comunicazione aziendale valutando l'integrabilità e la sinergia dei vari supporti comunicazionali e dei messaggi aziendali interni ed esterni 7 Marketing e commerciale Comunicazione aziendale Comunicazione istituzionale Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Conoscere il ruolo della comunicazione nell'evoluzione dell'impresa e nella promozione e condivisione del sistema dei valori aziendali 5 Conoscere le implicazioni giuridiche delle attività di comunicazione aziendale 4 Saper gestire le Relazioni pubbliche e le attività di un ufficio stampa (ad esempio, organizzare conferenze stampa, ricevimenti, incontri e altre manifestazioni) 7 Conoscere i principali strumenti di crisis management 7 Marketing e commerciale Comunicazione aziendale Comunicazione organizzativa Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 12 di 18

13 Conoscere le opportunità e le modalità di applicazione della tecnologia informatica alla gestione e alla distribuzione delle informazioni all'interno dell'azienda Saper monitorare gli effetti della comunicazione interna definendone i criteri di distinzione (tempo, quantità, livello di rilevazione) 5 Saper curare l'univocità dei contenuti trasmessi garantendo la coerenza fra immagine aziendale interna ed esterna Conoscere e saper utilizzare i diversi strumenti della comunicazione interna (newsletter, house organ, circolari, rassegna stampa, posta elettronica, bacheche) 7 Marketing e commerciale Comunicazione aziendale Tecniche di comunicazione Competenza Conoscere le tecniche e gli strumenti di comunicazione multimediale interattiva Saper applicare il concetto di posizionamento in un'ottica di comunicazione strategica Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Saper definire i target di comunicazione Conoscere i concetti e le caratteristiche di immagine, reputazione e identità aziendale Val. somm. 5 Marketing e commerciale Gestione vendite Budgeting Competenza Saper utilizzare l'analisi degli scostamenti per il budget commerciale al fine di identificare le azioni correttive Saper formulare il budget delle vendite e delle spese commerciali Saper contribuire alla definizione degli obiettivi di vendita ai fini della formulazione del budget Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Saper utilizzare tecniche di previsione delle vendite 4 Val. somm. Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 1 di 18

14 Comunicazione Gestione della comunicazione giornalistica Giornalismo multimediale Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Saper progettare e gestire news per i sistemi online multipiattaforma. test a risposta multipla. 5 Saper progettare e gestire prodotti di editoria multimediale. test a risposta multipla. 5 Saper utilizzare le differenti modalità di costruzione dei testi, delle forme retoriche e degli stili redazionali propri di ciascun formato mediale. test a risposta multipla. 5 Comunicazione Gestione delle pubbliche relazioni e della comunicazione istituzionale Strumenti e tecniche della comunicazione istituzionale Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Conoscere il ruolo degli strumenti informatici per la comunicazione istituzionale test a risposta multipla. Saper gestire relazioni dirette, occasionali e non, con specifici attori istituzionali esterni test a risposta multipla. Saper gestire le attività delle unità organizzative addette a comunicazioni istituzionali ricorrenti (es: ufficio stampa) test a risposta multipla. Partenariato Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Brain Trust Srl La Brain Trust vanta un esperienza pluriennale nel settore dei servizi, della consulenza d impresa, della pubblicità e del marketing specializzato nella promozione, gestione, organizzazione di eventi, in particolare nel settore museale e di spettacolo. Si occupa inoltre di: -organizzazione aziendale, ricerca, selezione e addestramento del personale, assistenza alla meccanizzazione e informatizzazione delle aziende, elaborazione di dati per conto di terzi;- elaborazione e trasmissione dei dati in tempo reale, con innovative tecniche informatiche;- attività di assistenza tecnica alle imprese per lo sviluppo della produttività e dell efficienza aziendale, promuovendo e favorendo le innovazioni tecnologiche e la diffusione di servizi reali Società a responsabilità limitata Natura giuridica: Privata Sede: Via Santa Lucia, 20, 8012 Napoli NAPOLI (NA) Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: Altre attività di servizi Micro impresa Da 1 a 5 addetti Legale rappresentante: Roberto Coppola Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 14 di 18

15 Legale rappresentante: Codice fiscale legale rappresentante: Sito web: Roberto Coppola cpprbt7l22f89s Riferimenti per contatto: Roberto Coppola Tel.: Ruolo del partner: - Progettazione: Si Dettaglio progettazione: - Testimoni rappresentativi: - Stage: Si Numero previsto di voucheristi in stage: 12 Dettaglio attività di stage: Specifiche su sedi di stage: L intervento del partner è risultato fondamentale per diversi aspetti. Infatti, ha fornito un grande contributo nella pianificazione della didattica, sia per la parte da sviluppare in aula, sia per quella da fruire successivamente in stage. Il partner ha contribuito alla stesura dei test di verifica in, alla definizione degli aspetti formativi per i contenuti teorici/pratici e per gli aspetti metodologici affinché si possa raggiungere la massimizzazione dell apprendimento. Inoltre, occupandosi di rilevazione dati e ricerche di mercato, ha contribuito alla stesura del fabbisogno formativo attraverso lo studio ed analisi del territorio di riferimento, perfezionando così il prototipo di figura professionale da formare. Il partner ha, inoltre, sviluppato nel tempo, un proficuo e continuativo rapporto collaborativo con il Museo del Tesoro di San Gennaro, organizzando con lo stesso campagne pubblicitarie, eventi, convegni di rilievo territoriale, nazionale ed internazionale. Grazie a questa collaborazione, il partner è risultato indispensabile nell articolazione dell attività di stage, contribuendo quindi a definire quella che forse risulta essere l attività più delicata di tutto il percorso formativo ed in cui gli allievi ripongono le maggiori aspettative, proprio perché si dà loro la possibilità di mettere in pratica quanto appreso solo teoricamente in aula e perché è in questa sede, che si creano in modo definitivo, le professionalità spendibili per il futuro. Si Coppola Roberto Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Ammministratore della Brain Trust con pluriennale esperienza nel settore dei servizi, della consulenza d impresa, della pubblicità e del marketing specializzato nella promozione, gestione, organizzazione di eventi, in particolare nel settore museale e di spettacolo. Lo stage permetterà di passare dalla teoria alla pratica, sviluppando tutti i moduli previsti nel corso di Alta Formazione in un azione coordinata dall amministratore della Brain Trust, Roberto Coppola e dal direttore del Museo del Tesoro di San Gennaro, Dott. Paolo Iorio. In particolare, lo stage prevederà costituzione temporanea di una vera e propria agenzia di comunicazione e pubblicità che si occupi dell Ufficio Stampa, dell elaborazione del Giornale On Line del Museo in quattro lingue rivolto a oltre 25 milioni di devoti a San Gennaro nel mondo (statistica Vaticano 2007), della elaborazione di Contenuti Multimediali rivolti all informazione e alla promozione turistico/culturale del Museo in Italia e nel mondo, con la realizzazione di Applicazioni (APP) e prodotti di comunicazione per fiere specializzate del settore e dedicate soprattutto agli advisers (epub, ebook, ibook), nell elaborazione di un piano strategico di comunicazione per la presentazione di un progetto dedicato alla organizzazione di mostre non solo nel Museo stesso, ma sul territorio nazionale ed estero. Il tutto seguendo i caratteri più moderni dell informazione tecnologica messa a disposizione dalla Brain Trust ed presente anche nel museo. Le sedi stage, verranno individuate presso la sede della Brain Turst, sita alla Via Santa Lucia, Napoli, e presso il Museo del Tesoro di San Gennaro sito alla Via Duomo Napoli. Entrambe le sedi sono caratterizzate da ampi e confortevoli spazi con dotazioni infrastrutturali e tecnologiche integrate che risultano ideali per la realizzazione di un ottimale e completa attività di stage. Pertanto saranno sempre a disposizione degli allievi : PC di ultima generazione con l'accesso al web grazie anche ad una connessione wifi, fax, scanner, stampante, sedie con ribaltina, sala riunioni, impianti audio e video, lavagna a fogli mobili, lavagna a muro e video-proiettore.verranno valutate in corso d opera altre eventuali sedi, se più confacenti alle esigenze degli allievi. Pagina 15 di 18

16 esigenze degli allievi. Nome: Roberto Cognome: Coppola Telefono: Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: Legale rappresentante: Associazione riconosciuta Privata Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Altre attività di servizi Dimensione: Piccola Impresa Numero addetti: Da 1 a 5 addetti Codice fiscale legale rappresentante: Museo del Tesoro di San Gennaro - Associazione Gestioni Museali Il Museo è caratterizzato da un altissimo valore storico, artistico, culturale e spirituale, dedicato alle straordinarie opere appartenenti al Tesoro di San Gennaro uno dei tesori più ricchi del mondo, che ha al suo attivo un interesse internazionale ed un affluenza record. Un Museo che espone antichi documenti, oggetti preziosi, argenti, gioielli, dipinti di inestimabile valore, che consentono, via via, l'allestimento di mostre tematiche, seguendo un percorso logico raro e straordinario. Vengono creati degli itinerari museali carichi di un atmosfera entro la quale il visitatore possa sentirsi protagonista di una scoperta continua delle varie parti del tesoro, che avviene per fasi successive e dove il fattore entropico della percezione si rivela di assoluta e fondamentale importanza. Via Duomo 149, 8012 Napoli NAPOLI (NA) Vincenza Castaldi cstvcn1h5l120e Sito web: Riferimenti per contatto: Paolo Iorio Tel.: Ruolo del partner: - Progettazione: Si Dettaglio progettazione: - Testimoni rappresentativi: Il partner ha fornito un grande contributo nella pianificazione della didattica, sia per la parte da sviluppare in aula, sia per quella da fruire successivamente in stage. In particolare, il partner ha contribuito alla stesura dei test di verifica in, alla definizione degli aspetti formativi per i contenuti teorici/pratici e per gli aspetti metodologici affinché si possa raggiungere la massimizzazione dell apprendimento. Inoltre, il Museo ha sviluppato, grazie alle professionalità esistenti ed al continuo rapporto collaborativo con la Brain Trust, propri canali d informazione quale il Giornale On Line, un autonomo servizio di Ufficio Stampa e di comunicazione per la informazione e la promozione del Museo, in grado di sviluppare prodotti della comunicazione che vanno dal semplice comunicato stampa, all articolo completo, all impaginazione di contenuti, allo sviluppo dei nuovi supporti Multimediali per la realizzazione di cataloghi e libri in epub, ebook, ibook. Grazie a questa vasta esperienza nel settore, il partner è risultato indispensabile nell articolazione dell attività di stage, contribuendo a definire quella che forse risulta essere l attività più delicata di tutto il percorso formativo ed in cui gli allievi ripongono le maggiori aspettative, proprio perché si dà loro la possibilità di mettere in pratica quanto appreso solo teoricamente in aula e perché è in questa sede, che si creano in modo definitivo, le professionalità spendibili per il futuro. Si Iorio Paolo Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Direttore del Museo del tesoro di San Gennaro, regista, giornalista professionista, scrittore, conduttore radiofonico, esperto di comunicazione, docente esperto, organizzatore di eventi museali, di spettacolo e giornalistici. Pagina 1 di 18

17 - Stage: Si Numero previsto di voucheristi in stage: 12 Dettaglio attività di stage: Specifiche su sedi di stage: di eventi museali, di spettacolo e giornalistici. Lo stage permetterà di passare dalla teoria alla pratica, sviluppando tutti i moduli previsti nel corso di Alta Formazione in un azione coordinata dall amministratore della Brain Trust, Dott. Roberto Coppola e dal direttore del Museo del Tesoro di San Gennaro, Dott. Paolo Iorio. In particolare, lo stage prevederà costituzione temporanea di una vera e propria agenzia di comunicazione e pubblicità che si occupi dell Ufficio Stampa, dell elaborazione del Giornale On Line del Museo in quattro lingue rivolto a oltre 25 milioni di devoti a San Gennaro nel mondo (statistica Vaticano 2007), della elaborazione di contenuti Multimediali rivolti all informazione e alla promozione turistico/culturale del Museo in Italia e nel mondo, con la realizzazione di Applicazioni (APP) e prodotti di comunicazione per fiere specializzate del settore e dedicate soprattutto agli advisers (epub, ebook, ibook), nell elaborazione di un piano strategico di comunicazione per la presentazione di un progetto dedicato alla organizzazione di mostre non solo nel Museo stesso, ma sul territorio nazionale ed estero. Il tutto seguendo i caratteri più moderni dell informazione tecnologica messa a disposizione dalla Brain Trust e presente anche nel Museo. Le sedi stage, verranno individuate presso la sede della Brain Turst, sita alla Via Santa Lucia, Napoli, e presso il Museo del Tesoro di San Gennaro sito alla Via Duomo Napoli. Entrambe le sedi sono caratterizzate da ampi e confortevoli spazi con dotazioni infrastrutturali e tecnologiche integrate che risultano ideali per la realizzazione di un ottimale e completa attività di stage. Pertanto saranno sempre a disposizione degli allievi:pc di ultima generazione con l'accesso al web grazie anche ad una connessione wifi, fax, scanner, stampante, sedie con ribaltina, sala riunioni, impianti audio e video, lavagna a fogli mobili, lavagna a muro e video-proiettore. Verranno valutate in corso d opera altre eventuali sedi, se più confacenti alle esigenze degli allievi. Nome: Paolo Cognome: Iorio Telefono: N totale partner: N partner in progettazione: N partner con testimoni aziendali: N partner per stage : N partner per stage localizzati in regioni/stati differenti: Edizioni - Num. edizioni: 1 Dati principali edizione - ID edizione: 11 ID sede: 729 Denominazione sede: Sede Didattica Provincia: NAPOLI Comune: NAPOLI Indirizzo: Centro Direzionale Località: Napoli CAP: 8014 Telefono: Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 17 di 18

18 Telefono: Fax: Riferimento accreditamento: Data scadenza iscrizione: 09/11/2012 Data avvio: 11/12/2012 Data fine prevista: 28/0/201 Num. minimo Voucher: 4 Num. partecipanti max.: 12 Modalità svolgimento corso: Per quanto riguarda la formazione d aula e quella successiva di stage, le lezioni avranno una frequenza bisettimanale/trisettimanale per un massimo di 5 ore al giorno. Chiaramente, una volta formata la platea, attraverso un costruttivo confronto e monitoraggio tra Coordinatore/Tutor/allievi, verranno prese in considerazione particolari esigenze, per una possibile rimodulazione oraria, sempre peraltro nel rispetto di quanto indicato dal Manuale Fse e dalle Norme di Funzionamento Corsi Alta Formazione Edizione 2012, nonché dal Responsabile del Procedimento Alta Formazione Edizione Specifiche su prove selettive: Come da Avviso Unico per la presentazione delle o.f. regione Veneto le prove selettive si terranno entro il 20 giorno dalla pubblicazione della graduatoria attraverso la somministrazione di un test a risposta multipla articolato in 40 domande definite nel rispetto di quanto previsto dal Manuale di Gestione FSE, ed in particolare 28 domande di cultura generale e 12 domande tecniche, specifiche della materia oggetto del Corso di Specializzazione. Accessibilità - ID edizione: 11 Accessibilità persone disabili: Specifiche accessibilità: Nome: Cognome: Telefono: Si Per quanto riguarda la sede corsuale e quelle messe a disposizione dai partner stage, risultano prive di barriere architettoniche e sono pertanto in grado di garantire l'accesso ai disabili. Rossella Erra Referente - ID edizione: 11 Docenti e Testimoni rappresentativi - ID edizione: 11 Testimoni Nominativo Ore docenza Roberto Coppola 0 Paolo Iorio 0 Data ultima modifica 2/07/ :45:20 Pagina 18 di 18

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli