Corso di ECONOMIA DEI MERCATI E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI INTERNAZIONALI mod Le borse europee: i progetti di integrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di ECONOMIA DEI MERCATI E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI INTERNAZIONALI mod. 2. 7. Le borse europee: i progetti di integrazione"

Transcript

1 Università degli Studi di Parma Corso di ECONOMIA DEI MERCATI E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI INTERNAZIONALI mod Le borse europee: i progetti di integrazione Prof. Paola Schwizer LAMIB A.A. 2009/2010 Indice 1. Le fasi di integrazione 2. I progetti falliti 3. I quasi mercati: gli Alternative Trading Systems 4. Nyse-Euronext: un approccio cooperativo 5. Deutsche Börse: un approccio competitivo 6. OMX: un approccio regionale 7. London Stock Exchange-Borsa Italiana: un approccio difensivo 8. EuroMTS: un approccio settoriale 9. I mercati non integrati 10. MiFID e integrazione dei mercati 11. La misurazione del grado di integrazione 12. L impatto dell integrazione sulla struttura dei rendimenti azionari in Europa Appendice Le borse europee 2 1

2 1. Le fasi di integrazione 4 fasi: 1) la demutualizzazione, il processo di unificazione monetaria e lo sviluppo tecnologico hanno reso possibile l avvio di progetti di integrazione 2) il mercato europeo ha attraversato una fase di sperimentazione, nella quale hanno prevalso soluzioni leggere quali le alleanze, ma dove non sono mancati tentativi di integrazione più impegnativi 3) forti dell esperienza maturata, le singole borse hanno avviato progetti di integrazione coinvolgendo progressivamente realtà in precedenza attive esclusivamente sui rispettivi mercati domestici 4) attualmente in corso di svolgimento, nella quale l allargamento dei singoli progetti non si limita più all ingresso di singole realtà nazionali, ma dove invece il processo di integrazione spinge i singoli progetti a ragionare su un integrazione tra progetti 3 internazionali 2. I progetti falliti Tutti i progetti di integrazione che sono riusciti ad affermarsi sul mercato (Omx, Euronext, Deutsche Börse, ecc.) sono il frutto di strategie dinamiche, nelle quali l integrazione è stata raggiunta ricorrendo, in fasi diverse, a soluzioni differenti L integrazione si è rivelata essere un percorso accidentato, dove gli attori del mercato hanno appreso sul campo quali fossero gli ostacoli da evitare e quali gli aspetti da tenere in considerazione in un progetto di integrazione Tra i tentativi di integrazione non andati a buon fine i principali sono stati: il gruppo degli otto il progetto ix-international exchange il progetto EuroNM 4 2

3 2. I progetti falliti Il gruppo degli otto è stato il primo progetto integrativo di ampio respiro nel panorama europeo. Ad esso hanno partecipato tutte le borse dei principali paesi europei: Amsterdam, Bruxelles, Francoforte, Londra, Madrid, Milano, Parigi e Zurigo. L obiettivo dell iniziativa era la creazione di un unico mercato europeo delle blue chips, affiancato dai singoli mercati nazionali nei quali avrebbero continuato ad essere negoziati i titoli di rilevanza nazionale. L idea era quindi la costituzione di un mercato europeo a due velocità. L integrazione sarebbe avvenuta attraverso un collegamento in rete delle singole sedi nazionali (network), che avrebbero così mantenuto la propria identità e la propria autonomia. Le trattative, avviate nel 1999, hanno messo i soggetti promotori di fronte alle difficoltà tipiche dei network (problemi di coordinamento, differenze tecnologiche, incertezze normative, ecc.) spingendoli ad abbandonare il progetto che così non è mai stato implementato. Le principali cause del fallimento possono essere individuate nel numero eccessivo dei soggetti coinvolti e nella situazione prematura del mercato, ancora nel vivo del processo di demutualizzazione I progetti falliti Nel maggio del 2000 il London Stock Exchange (LSE) e la Deutsche Börse (DB) annunciarono il progetto di fusione ix The international exchange, che venne poi presentato formalmente nel luglio dello stesso anno. Da tale progetto sarebbe nato il mercato omonimo che avrebbe costituito il punto di riferimento del mercato mobiliare europeo, sia per il numero dei titoli, sia per i volumi negoziati. La rilevanza dell iniziativa era amplificata dalla presenza di DB in Eurex, che avrebbe reso ix il mercato europeo di riferimento sia per i mercati a pronti che per quelli a termine. L accordo prevedeva la fusione dei partecipanti in un unica società il cui capitale sarebbe stato equamente ripartito tra LSE e DB. Le due exchange avrebbero così condiviso tutto, ad eccezione di Clearstream, società attiva nel post-trading già controllata da DB, il cui azionariato sarebbe rimasto invariato. Il clearing del mercato sarebbe stato comunque interessato da un attività di coordinamento tra la stessa Clearstream e CrestCo, già presente sul mercato inglese. Il successo dell iniziativa era supportato dal contributo di DB, disposta a mettere a disposizione la piattaforma di negoziazione Xetra. La solidità del progetto ha convinto ad interessarsi all iniziativa anche Borsa Italiana ed i mercati spagnoli, in vista di un allargamento che avrebbe incluso anche un alleanza strategica con il Nasdaq. Gli obiettivi dichiarati di ix erano il raggiungimento di economie di scala, l ampliamento delle opportunità di investimento e l offerta di un ampia gamma di servizi, che avrebbero coinvolto non solo il trading ma anche servizi informativi e tecnologici. 6 3

4 2. I progetti falliti A determinare il fallimento dell iniziativa ha contribuito in maniera determinante l OPA ostile lanciata da OM Technology sul LSE. Il lancio dell offerta è avvenuto tra la presentazione del progetto di fusione (luglio 2000) e l approvazione dello stesso da parte dell assemblea di DB (prevista per settembre 2000). L offerta ha fatto slittare questo secondo appuntamento, poi annullato. L introduzione di un terzo stakeholder è stata sicuramente un fattore di disturbo, che ha evidenziato gli aspetti più fragili del progetto, ma che non è identificabile come la causa esclusiva dell abbandono dell iniziativa. Fattori di carattere regolamentare, strutturale e, per alcuni aspetti, politici sono risultati determinanti. L affidamento della vigilanza sulla exchange alle autorità tedesche ha suscitato il disappunto delle autorità di controllo britanniche. La scelta di collegare tra loro realtà facenti capo a due diversi sistemi monetari ha rappresentato inoltre un ostacolo non marginale. Dal punto di vista politico il progetto ix non ha infine incontrato il favore degli esponenti politici inglesi meno europeisti, preoccupati del legame eccessivo che il progetto avrebbe generato tra l economia inglese e quella dei paesi UME. A questi aspetti principali se ne sono aggiunti altri, di minor rilievo, che hanno però contribuito, nel complesso, alla decisione dei soggetti promotori di abbandonare l iniziativa I progetti falliti Il progetto EuroNM ha sperimentato un periodo di operatività. EuroNM è stato avviato nel 1996 da un network di mercati specializzati nella negoziazione di titoli con elevate potenzialità di crescita (small-cap). Come in tutti i network, era prevista una serie di contatti relazionali, ovvero di accordi che prevedono per i partecipanti discreti margini di flessibilità. Il legame tra i partecipanti non si concretizzava così in una partecipazione azionaria, ma faceva riferimento alla presenza di un interesse comune. Per i singoli partecipanti ne risultava quindi una spiccata autonomia di governance. Hanno fatto parte di EuroNM il Nouveau Marché (Francia), il Neuewe Markt (Olanda), EuroNM Belgium (Belgio), il Neuer Markt (Germania) ed il Nuovo Mercato (Italia). La finalità dell iniziativa era la costituzione di un mercato virtualmente unificato, composto da diversi mercati membri disposti a condividere esperienze e risorse. La realizzazione del progetto è stata perseguita tramite l armonizzazione dei criteri di ammissione, negoziazione e comunicazione imposti alle società di gestione. I collegamenti tra le diverse sedi erano garantiti da link telematici di natura transnazionale. La logica di funzionamento si basava quindi sul mantenimento di una presenza locale del singolo mercato, alla quale era abbinata una visibilità internazionale. A causare il fallimento dell iniziativa è stata la tendenziale concentrazione degli scambi sui titoli tedeschi, che sono arrivati a rappresentare oltre il 60% dei volumi negoziati. Ciò ha reso il mercato eccessivamente sbilanciato verso la piazza di Francoforte provocando una perdita di interesse negli altri paesi aderenti. Il progetto, avviato nel 1996, è stato abbandonato alla fine del

5 3. I quasi mercati: gli Alternative Trading Systems Le iniziative avviate nel mercato europeo riconducibili agli ATS hanno avuto esiti contrastanti. Alcune non sono riuscite a superare la fase di avvio, altre si sono sviluppate seguendo il progetto iniziale, altre ancora, dopo un primo periodo di attività, hanno abbandonato la natura originaria per ottenere la qualifica di mercato ufficiale (exchange) da parte delle autorità di vigilanza. Nasdaq Europe è un esempio di ATS che ha cessato la propria attività. Avviato nel 2001, rientrava in una strategia più ampia, attuata dal Nasdaq, finalizzata a replicare il modello operativo collaudato nel mercato americano. Oltre all iniziativa europea facevano parte del progetto anche Nasdaq Japan ed Nasdaq Canada. L idea alla base delle singole realtà era la condivisione della medesima tecnologia tramite accordi con partner locali che avrebbero assunto il ruolo di portatori di liquidità. Gli esiti per il mercato europeo non sono stati però quelli sperati e si è deciso quindi di cessare l attività I quasi mercati: gli Alternative Trading Systems Stessa sorte è toccata a Jiway. Nato da una joint venture di OM Technology con Morgan Stanley Dean Witter, la società ha concluso la propria attività il 31 gennaio. In questo caso è risultata decisiva l evoluzione positiva dei progetti Norex, e soprattutto OMX, che, coinvolgendo direttamente OM, ha fatto perdere interesse verso soluzioni come Jiway, considerate alternative alla gestione diretta di una borsa. 10 5

6 3. I quasi mercati: gli Alternative Trading Systems Maggiore fortuna è toccata ad Instinet ed E-Crossnet, che rappresentano esempi di realtà di successo nell ambito degli ATS. Instinet è un global agency broker la cui funzione è di relazionare diverse trading venues al fine di trovare le migliori condizioni per abbinare una proposta di negoziazione inserita nel sistema. L attività di intermediazione svolta presenta quindi una forte componente di ricerca della controparte, effettuata secondo i principi di best execution. Il sistema, totalmente electronic based, funziona pressoché ininterrottamente garantendo un completo anonimato delle transazioni. Instinet, tramite una membership diretta, o mediante dei collegamenti di diversa natura, pone in relazione pressoché tutti i mercati ufficiali europei, svolgendo in tal modo una sostanziale attività di collegamento. Il modello Instinet è stato replicato nel mercato americano con INET (iniziativa attivata sempre all interno del Gruppo Instinet) che offre la possibilità di operare su un pacchetto di titoli del Nasdaq e su altri titoli accedendo tramite il Nasdaq stesso o tramite altre trading venues americane I quasi mercati: gli Alternative Trading Systems E-Crossnet riprende in diversi punti la struttura di Instinet. Come quest ultimo ha una natura electronic based che gli consente di operare in diversi Paesi (Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Svezia, Svizzera e Regno Unito) e come Instinet si basa sulla fornitura di un accesso unico ad una pluralità di mercati. Lanciato agli inizi del 2001, E-Crossnet si caratterizza per la politica di riduzione dei costi di negoziazione attuata attraverso l abbandono del bid-ask spread. Le controparti di una transazione utilizzano infatti il medesimo prezzo, calcolato in modo che risulti equidistante dalle quotazioni in acquisto ed in vendita esposte nei book delle trading venues di riferimento. I promotori sono Merrill Lynch e Bloomberg. 12 6

7 3. I quasi mercati: gli Alternative Trading Systems Tradepoint è l esempio di come un progetto, avviato come ATS, possa trovare un inquadramento ufficiale come exchange. Nato nella seconda metà degli anni 90 su iniziativa di un consorzio di partecipanti, è stato costituito come trading facility del London Stock Exchange. Basato su un integrazione verticale del processo produttivo (straight through processing) e supportato da una forte componente tecnologica, si è affermato come trading venues sulle blue chips europee. Nell ottobre 2000 Tradepoint e SWX The Swiss Exchange hanno dato vita a Virt-X, successivamente riconosciuto come Recognised Investiment Exchange (RIE) nel mercato UK e sottoposto alla vigilanza della FSA. La natura di exchange non ha comunque impedito a Tradepoint (poi rinominata Virt-X ed oggi operativa come SWX Europe) di continuare a concentrarsi sulla fase di trading, negoziando titoli quotati da altre exchange Nyse-Euronext: un approccio cooperativo Euronext è un iniziativa avviata nel settembre del 2000 dalle borse valori di Parigi, Amsterdam e Bruxelles. La soluzione integrativa adottata è una fusione societaria. Euronext si pone quindi come una soluzione integrativa forte. La sostituzione delle singole borse con un unica grande borsa europea è un obiettivo di medio-lungo periodo che, pur rappresentando un punto fermo dell iniziativa, non ha comportato l abbandono immediato della propria autonomia da parte delle singole borse aderenti. Il percorso integrativo di Euronext prevede un approccio graduale basato su un iniziale attività di coordinamento finalizzata ad armonizzare le strutture, le regole e le procedure dei diversi mercati aderenti. 14 7

8 4. Nyse-Euronext: un approccio cooperativo Elementi di aggregazione: piattaforma di negoziazione NSC (Nouveau Système de Cotation) che, realizzata dalla Bourse de Paris, è stata resa disponibile a tutti i mercati aderenti armonizzazione dei requisiti per il listing riconoscimento incrociato dei member 2001 adesione del mercato portoghese 2002 acquisizione del Liffe (London Interbank Financial Future Exchange) l integrazione si è estesa al mercato dei derivati (condivisione piattaforma Liffe.Connect; post-trading affidato a LCH- Clearnet (nata dalla fusione tra la LCH London Clearing House ) Dal 2001 le autorità di controllo dei singoli Paesi aderenti hanno definito i termini di un accordo di coordinamento finalizzato ad ottimizzare, da un lato, gli oneri della vigilanza per le exchange e, dall altro lato, l efficacia dell attività di supervisione Nyse-Euronext: un approccio cooperativo Struttura societaria: la società Euronext NV di diritto olandese è a capo di un gruppo del quale fanno parte le singole società di gestione dei mercati nazionali. La società ha il compito di coordinare le attività delle singole exchange Euronext NV detiene il 100% di tutte le società mercato nazionali che aderiscono all iniziativa (Euronext Amsterdam, Euronext Brussels, Euronext Lisbon, Euronext Paris, Euronext-LIFFE) per i servizi di posttrading, oltre a detenere il controllo assoluto della CIK (società che si occupa del settlement e del custody nel mercato belga), Euronext NV ha stretto alleanze con diverse clearing house e società di CDS (central depository securities) quali LCH.Clearnet (mercato inglese), Interbolsa (mercato portoghese) ed Euroclear (mercato francese e olandese) la rilevanza della tecnologia nella exchange industry ha inoltre spinto Euronext NV a dar vita, tramite le società mercato, ad una joint venture con Atos Origin denominata AtosEuronext SBF. Attraverso questa società Euronext NV opera un integrazione a monte del processo produttivo che le permette, oltre di essere fornitrice di se stessa per i servizi IT, di proporsi sul mercato come sviluppatore e venditore di trading technology 16 8

9 4. Nyse-Euronext: un approccio cooperativo Nyse-Euronext: un approccio cooperativo Struttura di governance dualistica 18 9

10 5. Deutsche Börse: un approccio competitivo Deutsche Börse rappresenta un progetto di integrazione fondato sull abbinamento di progetti di fusione con strategie di concorrenza La Deutsche Börse AG è una società tedesca che controlla direttamente gli scambi sulla piazza finanziaria di Francoforte. Demutualizzata nel 2001 e successivamente self-listed sul mercato tedesco, ha avviato la propria strategia di integrazione nel 1998 con il progetto di fusione tra il mercato dei derivati tedesco e l equivalente mercato svizzero, dando vita ad Eurex: il primo mercato attivo contemporaneamente in due paesi europei Deutsche Börse: un approccio competitivo Dopo il tentativo di fusione con la LSE, Deutsche Börse ha intrapreso una strategia maggiormente aggressiva nei confronti del mercato, basata su uno sviluppo interno che ha riguardato sia i mercati sia le tecnologie. Oltre ad Eurex, che si è progressivamente affermato come mercato europeo dei derivati, Deutsche Börse ha sviluppato anche Eurex Bond (mercato obbligazionario), la European Energy Exchange (mercato dell energia), Eurex Clearing (società di gestione del post-trading) e Clearstream international. Tramite la Deutsche Börse IT il progetto tedesco si è integrato a monte del processo produttivo progettando e realizzando software per l exchange industry che ha poi provveduto ad impiegare sui propri mercati e a commercializzare presso altre piazze finanziarie. Il trading engine Xetra, oltre ad essere utilizzato dalla Frankfurter Wertpapier Börse (Deutsche Börse), è utilizzato in Europa anche dalla Wiener Börse e dalla Irish Stock Exchange 20 10

11 5. Deutsche Börse: un approccio competitivo Struttura societaria Deutsche Börse: un approccio competitivo Struttura organizzativa 22 11

12 6. OMX: un approccio regionale Nel settembre 2003 la società OM e la HEX The Helsinki Exchange hanno attuato un processo di fusione dal quale è nata OMX OM è una delle principali fornitrici internazionali di tecnologia della exchange industry la fusione con una exchange ha rappresentato un fenomeno rilevante OM, al momento della fusione, era già il principale shareholder della borsa di Stoccolma (Stockholmbörsen). La fusione tra OM e la HEX ha dato vita quindi ad un nuovo soggetto che, detenendone il controllo, ha integrato di fatto due mercati nazionali. Alla nascita di un gruppo societario è seguita un integrazione operativa basata sulla condivisione delle medesime tecnologie. La struttura della nuova società OMX ha mantenuto la separazione tra l attività di gestione del mercato, affidata alla OMX Exchanges, e l attività di ricerca e sviluppo in ambito tecnologico, affidata alla OMX Technologies OMX: un approccio regionale Il progetto integrativo OMX si innesta su un progetto già avviato in precedenza: il Norex. Basato su un alleanza tra exchange, il Norex si pone alcuni obiettivi di armonizzazione: (1) il cross-membership (2) il single point of liquididy (3) la condivisione dei medesimi trading system (4) l adozione di un common regulatory framework Al Norex hanno aderito da subito le borse di tutti i Paesi del nord Europa (Svezia, Finlandia, Norvegia, Danimarca e Islanda) Sfruttando il coordinamento del Norex, OMX ha portato avanti la sua strategia integrativa acquisendo il controllo dei mercati baltici (Riga Stock Exchange, Tallin Stock Exchange e Vilnius Stock Exchange) e, dall aprile 2005, anche della Copenaghen Stock Exchange 24 12

13 6. OMX: un approccio regionale OMX fornisce tecnologia per l attività di trading, clearing e settlement ai seguenti mercati: American Stock Exchange (AMEX), Athens Stock Exchange, Australian Stock Exchange (ASX), Borsa Italiana, Copenhagen Stock Exchange, EDX London, Helsinki Stock Exchange, Hong Kong Exchanges and Clearing (HKEX), ICAP, Iceland Stock Exchange (ICEX), International Securities Exchange (ISE), Korea Futures Exchange (KOFEX), Vilnius Stock Exchange, Nord Pool, Operador do Mercado Ibérico de Energia (OMIP), Oslo Stock Exchange, Riga Stock Exchange, SFE Corporation, Singapore Exchange (SGX), Stockholm Stock Exchang, Tallinn Stock Exchange, TLX, Wiener Börse AG OMX è attualmente quotata sulla borsa di Stoccolma, sulla borsa di Helsinki e sulla borsa di Copenaghen OMX: un approccio regionale Il Nasdaq dopo aver tentato più volte di acquisire il controllo del London Stock Exchange, ha deciso di rivolgere le proprie attenzioni verso OMX, riuscendone ad ottenere il controllo nell autunno del L appetibilità di OMX era comunque già stata verificata dal tentativo di scalata posto in essere dalla Dubai Stock Exchange nell estate dello stesso anno. Dall acquisizione di OMX da parte del Nasdaq è nato il Nasdaq- OMX. Come per il progetto Nyse-Euronext, l operazione ha esteso i confini dell integrazione del mercato mobiliare europeo oltre i confini continentali. Il progetto scandinavo condivide poi con Nyse-Euronext la sostanziale subordinazione del mercato europeo rispetto alla società americana. Anche in questo caso infatti l operazione di M&A ha le caratteristiche di un acquisizione anziché quelle di una fusione paritaria 26 13

14 6. OMX: un approccio regionale NASDAQ OMX - a pioneer in the exchange space NASDAQ OMX is the world s largest exchange company with trading, technology and public company service capability spanning 6 continents. NASDAQ OMX offers capital raising solutions to companies around the globe and is number one in worldwide listings with more than 3,600 listed companies representing $4.5 trillion in total market value. NASDAQ OMX offers trading across multiple asset classes including equities, derivatives, debt, commodities, structured products and ETFs. Its technology supports the operations of over 70 exchanges in 50 countries. Through its Data and Financial Products units, NASDAQ OMX provides its companies and investors with unrivaled market insight and visibility across multiple trading pools OMX: un approccio regionale Nasdaq OMX è segmentato in: Nordic (Paesi scandinavi) Baltic (Repubbliche baltiche) First North Nordic e First North Baltic (alternative marketplace for small growth companies) 28 14

15 7. London Stock Exchange-Borsa Italiana: un approccio difensivo London Stock Exchange e Borsa Italiana hanno raggiunto l accordo per dar vita ad un progetto di integrazione tra i rispettivi mercati. L accordo è giunto al termine della fase evolutiva che, tra il 2006 e il 2007, ha ridefinito gli equilibri proprietari delle borse europee Il fallimento dei tentativi precedenti e le offerte pubbliche di acquisto del Nasdaq, lanciate nei due tentativi di scalata (il secondo dei quali ad inizio 2007), hanno rappresentato un incentivo all integrazione per il LSE. Attraverso l accordo con Borsa Italiana infatti il LSE è riuscito a ridurre il peso percentuale del Nasdaq all interno della propria struttura azionaria, scoraggiando ulteriori tentativi di acquisizione ostile. Con l integrazione la Borsa di Londra è riuscita a ridimensionare il rischio di acquisizioni ostili, sia ad aumentare le proprie dimensioni, al fine di riaffermare un ruolo centrale nel mercato europeo London Stock Exchange-Borsa Italiana: un approccio difensivo Il progetto si basa su un operazione di M&A che prevede la costituzione di una holding alla quale è stato affidato il controllo societario sia del London Stock Exchange che di Borsa Italiana. L operazione non ha quindi intaccato l autonomia funzionale dei due mercati, che hanno continuato ad operare come due diverse exchange La strategia di integrazione prevede però la tendenziale convergenza del mercato italiano verso il modello londinese. A testimonianza di ciò ci sono le decisioni, prese nel 2008 da Borsa Italiana, di adottare sul mercato italiano la tecnologia inglese (Tradelect) e di replicare sul mercato italiano l AIM (Alternative Investment Market), già presente sul mercato inglese. Il numero di membri del Board of Directors della holding assicurati a Borsa Italiana ed il peso relativo degli azionisti italiani nella nuova società portano ad inquadrare il progetto LSE-Borsa Italiana nell ambito di un acquisizione, seppur consensuale, anziché una fusione tra pari 30 15

16 8. EuroMTS: un approccio settoriale EuroMTS è una società costituita nel 1999 da MTS Spa, società di gestione italiana del mercato obbligazionario all ingrosso di titoli di stato. Il progetto iniziale di MTS era la costituzione di una piattaforma elettronica di negoziazione pan-europea che consentisse gli scambi sui principali titoli di stato europei e che replicasse l attività svolta da MTS sui titoli italiani. Il successo di EuroMTS, abbinato all assenza nei altri Paesi europei di un mercato di riferimento per le negoziazioni all ingrosso nei bond-market tipo l MTS italiano, ha suggerito ad MTS, in quanto azionista totalitario di EuroMTS, di attivare un espansione basata sulla creazione di nuove exchange, in parte legate a singole realtà locali ed in parte rivolte alla negoziazione all ingrosso di specifiche tipologie di strumenti obbligazionari EuroMTS: un approccio settoriale La logica di integrazione non è quindi rivolta all acquisizione di exchange già attive nel mercato, bensì alla creazione di nuove realtà in grado di rispondere ad una domanda latente circa le negoziazioni all ingrosso nel settore dei bond governativi e del settore corporate. L approccio è quindi un approccio di settore, volto ad un integrazione di un particolare segmento del mercato mobiliare. Attualmente fanno parte di EuroMTS cinque mercati. I primi tre MTS Austrian Market, MTS Greek Market, MTS Ireland rispondono ad una logica territoriale dove in ogni mercato sono negoziati i titoli di stato nazionali. Allo stesso modo in New EuroMTS vengono negoziati i titoli di stato dei paesi dell Europa dell Est (Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Lituania)

17 8. EuroMTS: un approccio settoriale Il quinto mercato, EuroMTS, è articolato in diversi segmenti dedicati a specifici strumenti: EuroCredit MTS covered bond (Pfandbriefe, Obligations Foncieres, Cédulas Hipotecarias, Irish ACS; covered bond strutturati del mercato UK) EuroGlobalMTS titoli di stato denominati in euro, ma emessi dai paesi extra-ume (Bulgaria, Croazia, Romania, Brasile, Cina, Messico, Sud Africa, Turchia e Venezuela) EuroBenchmark Treasury Bill Segment titoli a breve scadenza (T-bills) provenienti da Francia, Germania, Italia e Spagna MTS Quasi-Government Segment obbligazioni emesse da organismi sopranazionali o agenzie governative (supranational bonds, sovereign bonds e agency bonds) MTS Cedulas Market covered bond spagnoli (cedulas) EuroMTS Linkers Market titoli collegati ad inflationbenchmark EuroMTS: un approccio settoriale In quanto inter-dealer trading system del mercato britannico, EuroMTS è soggetta alla vigilanza della FSA (Financial Service Authority). Rispetto ad altri progetti integrativi EuroMTS ha quindi la caratteristica di non operare, sotto il profilo regolamentare, come mercato ufficiale (exchange). Il coordinamento tra i vari mercati è affidato ad EuroMTS, che si occupa anche delle relazioni con la SIA (Società italiana per l automazione) con la quale EuroMTS collabora per lo sviluppo di Telematico : l architettura hardware e software della quale si avvalgono tutti i mercati di EuroMTS e che garantisce l interfaccia dei vari sistemi

18 9. I mercati non integrati Rimangono fuori dei progetti di integrazione Spagna, Austria, Svizzera, Irlanda ed i Paesi dell Est (Polonia, Rep. Ceca ed Ungheria) MiFID e integrazione dei mercati Procedura Lamfalussy 4 livelli I livello: la Commissione europea stabilisce i principi base della normativa, definiti dopo aver coinvolto nel processo il Parlamento europeo ed il Consiglio europeo II livello: la Commissione europea si relaziona con i comitati dei rappresentanti governativi dei singoli stati membri (ESC European Securities Committee) al fine di definire le misure tecniche necessarie a dare attuazione ai principi definiti precedentemente III livello: le misure tecniche sono discusse insieme alle autorità di vigilanza dei singoli stati membri, le quali tengono conto dei pareri espressi dagli operatori del mercato finanziario IV livello: la Commissione europea verifica il recepimento della nuova direttiva da parte degli stati membri 36 18

19 10. MiFID e integrazione dei mercati All emanazione della direttiva nel 2004 (fase 1) è seguita l emanazione di una seconda direttiva ed un regolamento riguardanti le misure di implementazione e le modalità di esecuzione della Mifid (fase 2), nonché una legge comunitaria recante i principi per la predisposizione del decreto legislativo di attuazione della Mifid. Il recepimento nell ordinamento italiano è avvenuto tramite il D.Lgs 164/0784 il quale, modificando il TUF, è entrato in vigore il 1 novembre MiFID e integrazione dei mercati E in controtendenza rispetto al processo di integrazione dei mercati: nella logica della Mifid è l aumento della concorrenza ed il conseguente aumento del numero di soluzioni di negoziazione ad avvantaggiare i consumatori di prodotti finanziari, i quali si troverebbero in condizione di scegliere soluzioni di negoziazione differenziate in funzione delle proprie esigenze La logica alla base della Mifid vede una rimozione di barriere all entrata di nuovi competitors nel business della gestione delle negoziazioni di borsa come driver per aumentare il grado di concorrenza del mercato e giungere ad un miglioramento dell efficienza del sistema 38 19

20 10. MiFID e integrazione dei mercati Principali cambiamenti introdotti dalla Mifid in materia di struttura dei mercati mobiliari: (1) il venir meno per i singoli stati comunitari della facoltà di prevedere l obbligo di concentrazione degli scambi sui mercati ufficiali (2) la conseguente possibilità per gli intermediari di organizzare e gestire sistemi di scambi multilaterali alternativi ai mercati ufficiali (3) la possibilità di internalizzare gli scambi MiFID e integrazione dei mercati Modalità di negoziazione alternative: mercati ufficiali (oltre 90 in UE) sistemi multilaterali di negoziazione (Multilateral Trading Facilities MTF) sistemi che consentono l incontro al loro interno di interessi multipli di acquisto o di vendita di terzi, cioè di soggetti diversi dai gestori del sistema stesso; gli scambi avvengano in base a regole non discrezionali (la gestione di MTF è riservata a società di gestione dei mercati (borse), ad imprese di investimento ed a banche) (ca. 120, prevalentemente UK e D)) internalizzatori sistematici intermediari che, su base organizzata, sistematica e frequente, si pongono come controparti dirette per l esecuzione degli ordini dei clienti, concludendo quindi la negoziazione al di fuori del mercati regolamentati (borse) e degli MTF (ca. 11) 40 20

Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID

Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI 1. L ottenimento del miglior risultato possibile nell esecuzione degli ordini del cliente: la Best Execution La normativa europea

Dettagli

CRITERIO BEST EXECUTION. SERVIZIO DI INVESTIMENTO BPVi. Ricezione e trasmissione degli ordini. Dinamica

CRITERIO BEST EXECUTION. SERVIZIO DI INVESTIMENTO BPVi. Ricezione e trasmissione degli ordini. Dinamica Sintesi tabellare della Strategia adottata dalla Banca 6 Tabella 1 - Schema sintetico di best execution TIPOLOGIA DI STRUMENTO FINANZIARIO Titoli azionari e relativi diritti di opzione, warrants, obbligazioni

Dettagli

In vigore dal 29 luglio 2016 incluso

In vigore dal 29 luglio 2016 incluso SINTESI TABELLARE DELLA STRATEGIA ADOTTATA DALLA BANCA 6 Tabella 1 - Schema sintetico di best execution TIPOLOGIA DI STRUMENTO FINANZIARIO fondi chiusi quotati su mercati regolamentati italiani SERVIZIO

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

CRITERIO BEST EXECUTION. SERVIZIO DI INVESTIMENTO BPVi. Ricezione e trasmissione degli ordini. Dinamica

CRITERIO BEST EXECUTION. SERVIZIO DI INVESTIMENTO BPVi. Ricezione e trasmissione degli ordini. Dinamica Sintesi tabellare della Strategia adottata dalla Banca 5 Tabella 1 - Schema sintetico di best execution TIPOLOGIA DI STRUMENTO FINANZIARIO Titoli azionari e relativi diritti di opzione, warrants, obbligazioni

Dettagli

L integrazione dei mercati mobiliari europei

L integrazione dei mercati mobiliari europei Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia Dipartimento Sefemeq L integrazione dei mercati mobiliari europei (Gianni Nicolini*) * Ricercatore di Economia degli intermediari finanziari presso il

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO GIUGNO 2012 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi Presentazione XI Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi 1.1. Articolazione del capitolo 1 1.2. Alcune definizioni preliminari 2 1.2.1. Premessa 2 1.2.2. Valori mobiliari, strumenti

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI ICCREA BANCA S.P.A. DOCUMENTO DI SINTESI 07 FEBBRAIO 2008 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2. Sezione Prima - Fattori di esecuzione

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

1.- Premessa. Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa, la Banca di Credito Peloritano S.p.A. fornisce le seguenti informazioni.

1.- Premessa. Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa, la Banca di Credito Peloritano S.p.A. fornisce le seguenti informazioni. strategia di trasmissione degli ordini della Banca di Credito Peloritano S.p.A. Edizione 07/2012 Adottata ai sensi della Delibera CONSOB n. 16190 del 29/10/2007 1.- Premessa La Direttiva dell Unione Europea

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI 2 1. Introduzione In applicazione alla vigente normativa 1 Banca delle Marche ( la Banca ) ha adottato la presente strategia

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

LISTINO PREZZI RISPARMIO E INVESTIMENTI

LISTINO PREZZI RISPARMIO E INVESTIMENTI Prodotto mkt DEPOSITO TITOLI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI Diritti di custodia (addebito semestrale) Titoli di Stato e garantiti dallo Stato - PCT : 10,00 Obbligazioni Italia - PCT

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Strategia d esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia d esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari 1. Introduzione Strategia d esecuzione e degli su strumenti finanziari In applicazione alla vigente normativa 1 Banca delle Marche S.p.A. in amministrazione straordinaria ( la Banca ) ha adottato la presente

Dettagli

LISTINO PREZZI DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE

LISTINO PREZZI DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE Diritti di custodia (addebito semestrale) Titoli di Stato e garantiti dallo Stato - PCT : 0,00 Obbligazioni Italia - PCT : 35,00 3 Obbligazioni estere : 35,00

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX Milano, 18 dicembre 2006 Stefano Cuccia Head of Market Supervision 1 I normali ambiti di attività dei mercati 1.Listing (ammissione alla negoziazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercati dei Capitali e MiFiD

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercati dei Capitali e MiFiD Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercati dei Capitali e MiFiD Il mercato dei capitali è costituito dalla negoziazione di strumenti finanziari con scadenza superiore ai

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

MiFID. La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti?

MiFID. La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti? MiFID La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti? MiFID: la direttiva Negli ultimi anni il panorama finanziario europeo ha vissuto un importante riorganizzazione strutturale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

ASSOSIM COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO SEMESTRE 2015. Il primo semestre del 2015 si conclude positivamente:

ASSOSIM COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO SEMESTRE 2015. Il primo semestre del 2015 si conclude positivamente: VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 8 20145 - MILANO TEL. 02/86454996 FAX 02/867898 assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 Premessa e obiettivi del documento La Direttiva 2004/39/CE del Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

ALLEGATO (1) ALLA EXECUTION E TRANSMISSION POLICY: SEDI DI ESECUZIONE PER CATEGORIE DI STRUMENTI FINANZIARI E NEGOZIATORI INDIVIDUATI AI SENSI DELLA

ALLEGATO (1) ALLA EXECUTION E TRANSMISSION POLICY: SEDI DI ESECUZIONE PER CATEGORIE DI STRUMENTI FINANZIARI E NEGOZIATORI INDIVIDUATI AI SENSI DELLA ALLEGATO (1) ALLA EXECUTION E TRANSMISSION POLICY: SEDI DI ESECUZIONE PER CATEGORIE DI STRUMENTI FINANZIARI E NEGOZIATORI INDIVIDUATI AI SENSI DELLA SEZIONE 7 A. Azioni, ETF, titoli di Stato, obbligazioni,

Dettagli

10.1. I processi di integrazione delle borse europee.

10.1. I processi di integrazione delle borse europee. Atti Parlamentari 97 Camera dei Deputati S.p.A. sono a loro volta quotati nei mercati regolamentati e sono, in ampia parte, imprese appartenenti al settore bancario. La quotazione, alla luce di tali considerazioni,

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

Decorrenza 05/08/2015 Foglio 00.09.001 pag. 1 di 8

Decorrenza 05/08/2015 Foglio 00.09.001 pag. 1 di 8 Società per Azioni con socio unico Sede Legale e Amministrativa: Piazzale Fratelli Zavattari, 12 20149 MILANO Tel.: 800.99.11.88 - Fax: (+39) 02 74.874.918 Indirizzo e-mail: info@iwbank.it - Sito internet:

Dettagli

TIPOLOGIA SERVIZIO EFFETTUATO DA BANCA POPOLARE DI VICENZA (cfr. sedi di esecuzione Banca Popolare di Vicenza sottoriportate) Ricezione e

TIPOLOGIA SERVIZIO EFFETTUATO DA BANCA POPOLARE DI VICENZA (cfr. sedi di esecuzione Banca Popolare di Vicenza sottoriportate) Ricezione e ELENCO DELLE SEDI DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI BANCA NUOVA (in vigore fino al 28 luglio 2016 incluso) TIPOLOGIA STRUMENTO FINANZIARIO Azioni negoziate nell'ambito di (escluso MTA International) Azioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore. Josanco Floreani, Maurizio Polato

Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore. Josanco Floreani, Maurizio Polato Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore Josanco Floreani, Maurizio Polato agenda Le fusioni nell exchange industry: La ratio Opportunità e minacce I driver del valore

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Annuncio di Borsa. 8 febbraio 2012. Gentile Azionista,

Annuncio di Borsa. 8 febbraio 2012. Gentile Azionista, Annuncio di Borsa Agli Azionisti di Aggregate Bond (ISIN Code IE00B3DKXQ41), ishares Barclays Capital Euro Corporate Bond (ISIN Code IE00B3F81R35), Corporate Bond 1-5 (ISIN Code IE00B4L60045), Government

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale. Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro

Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale. Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro Settembre 2003 2 Introduzione Rafforzamento del quadro

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE...4 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 2.1 TITOLI AZIONARI E RELATIVI DIRITTI DI OPZIONE, COVERED WARRANTS,

Dettagli

g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles

g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles Overview MIV (Mercato degli Investment Vehicles) è il mercato regolamentato

Dettagli

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1)

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1) Cenni sulle principali caratteristiche di funzionamento dei mercati secondari Cenni sulla struttura competitiva dell exchange industry Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare.

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

La MiFID un anno dopo

La MiFID un anno dopo La MiFID un anno dopo Guido Ferrarini Presidente TLX Stresa, 04.10.2008 Pag. 1 1. Nuove regole di negoziazione 2. Impatto delle regole sui mercati 3. Progetti in corso 4. Best execution review Pag. 2 1.

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

Foglio informativo - Ordini trading

Foglio informativo - Ordini trading Foglio informativo - Ordini trading FinecoBank S.p.A. - Sottoposta all'attività di direzione e coordinamento di Capitalia S.p.A. - Gruppo Bancario Capitalia - Iscrizione all'albo Gruppi Bancari n.3207.8

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA

Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 06/06/2012 1 BCC CITTANOVA TRANSMISSION POLICY (VERS. 1.7 maggio 2012) INDICE PREMESSA....

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

TOGETHER Financial Shared Services S.r.l.

TOGETHER Financial Shared Services S.r.l. TOGETHER Financial Shared Services S.r.l. L introduzione del sistema SEPA. Villa Medicea di Artimino, 28 ottobre 2008 Pag. 1 di 13 Uno del passaggi chiave della integrazione europea è stato l introduzione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Caratteristiche del sistema SABE di Banca Akros (Sistema Automatico per la Best Execution)

Caratteristiche del sistema SABE di Banca Akros (Sistema Automatico per la Best Execution) Caratteristiche del sistema SABE di Banca Akros (Sistema Automatico per la Best Execution) CLIENTI PROFESSIONALI ATTIVI CON CLIENTELA AL DETTAGLIO Qui di seguito si sintetizzano le principali caratteristiche

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A.

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail Milano, 27 marzo 2007 Alessandro Zignani 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. 1 Agenda 1. Il mercato obbligazionario

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Best execution e struttura dei mercati finanziari. Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI)

Best execution e struttura dei mercati finanziari. Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI) Best execution e struttura dei mercati finanziari Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI) 1 Introduzione Perché una definizione flessibile? La definizione

Dettagli

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO 2 CARO CLIENTE, nel mondo dei servizi bancari c è una novità. Nel giro di pochi anni infatti sarà portata a compimento l Area Unica dei Pagamenti

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Informazioni sulle strategie di trasmissione e di esecuzione degli ordini 1. Premessa La Direttiva

Dettagli