Il Tribunale ordinario di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Tribunale ordinario di Milano"

Transcript

1 N / 2014 R.g. Pagina 1 Il Tribunale ordinario di Milano Sezione specializzata in materia di impresa in persona del giudice istruttore designato Guido VANNICELLI, ha pronunziato la seguente ORDINANZA nel procedimento cautelare promosso con ricorso per sequestro giudiziario in corso di causa con richiesta di provvedimento inaudita altera parte depositato ai sensi degli artt. 669 quater, 670 e 671 c.p.c. in data 11/3/2014 (ma materialmente pervenuto allo scrivente il 18/3/2014) da RETAILER GROUP S.R.L. (c.f ), già SAFE BAG INTERNATIONAL s.r.l., elettivamente domiciliata in Milano, via dell'annunciata 23/4, presso il procuratore e difensore avv. Andrea DALMARTELLO, che la rappresenta e difende unitamente all'avv. Amal Abu AWWAD contro attrice, ricorrente AC HOLDING INVESTMENTS S.A., sedente in Lugano (CH), via Franscini 30, elettivamente domiciliata in Milano, viale Monte Nero 53, presso il procuratore e difensore avv. Luis Eduardo VAGHI convenuta, resistente letti la citazione introduttiva, il ricorso cautelare rivolto alla (sola) AC HOLDING INVESTMENTS S.A. 1, la memoria integrativa depositata dall'attrice il 20/3/2014, la memoria di resistenza della convenuta, le due note di deposito di quest'ultima e la "memoria autorizzata" depositata infine dalla ricorrente il 12/6/2014; esaminati tutti i documenti prodotti, ivi compresi quelli allegati alle due note di deposito ed alla memoria da ultimo depositata dall'attrice ricorrente; 1 O S S E R V A Mentre la domanda di merito è indirizzata anche nei confronti della persona fisica del legale rappresentante di tale società, sig. Corrado COEN, indicato come l artefice della complessa operazione estorsiva denunciata in citazione.

2 A. Il ricorso cautelare qui in (ri)esame è stato accolto limitatamente al suo capo subordinato col decreto ex art. 669 sexies co. 2 c.p.c. che qui di seguito (anche per la breve sintesi in esso contenuta delle domande -cautelari e di merito- della RETAILER GROUP s.r.l.) si ritrascrive: ( ) Pagina 2 R I L E V A T O 1) che la prospettazione della società attrice, controllante la SAFE BAG S.p.A. 2 pervenuta nel settembre del 2013 alla quotazione nell Alternative Investment Market gestito da Borsa Italiana S.p.A., è che il finanziere Corrado COEN, dopo aver carpito la fiducia del fondatore della SB Rudolph GENTILE ed ottenuto attraverso la SINTESI S.p.A. a lui riconducibile- un lucroso incarico di advisor finanziario dell operazione, - approfittando della situazione di bisogno finanziario in cui la SB si era venuta a trovare nella primavera del 2013 a seguito dell aggiudicazione di un importante appalto presso l aeroporto internazionale di Miami e - minacciando di «far saltare» le operazioni ormai pubblicizzate ed in corso di quotazione di SB all AIM, avrebbe: a) sfruttato a suo vantaggio la posizione di forza ritagliatasi imponendo nel luglio del 2013 la cessione ad una newco svizzera costituita allo scopo (la convenuta AC HOLDING INVESTMENTS S.A., millantata come una holding detentrice di importanti partecipazioni e finanziariamente solida) del 15% delle azioni di SB detenute dall attuale RETAILER GROUP s.r.l. 3, acquistate pressoché al valore nominale per ,00 4, b) costretto contestualmente l attrice (lo stesso 3/7/2013 e sempre presso gli uffici di SINTESI in Milano) a sottoscrivere «un ulteriore documento (di cui tuttavia non veniva rilasciata copia) relativo alla futura sottoscrizione da parte di RETAILER GROUP S.r.l. ( ) di una quota pari all 1% del capitale di AC HOLDING a fronte di un versamento di Euro ,26», c) così di fatto finanziando l acquisto del pacchetto azionario di SB, attraverso i bonifici incrociati in data 15/7/2013 di cui ai documenti 10 & 11, col parallelo controversamento (con un saldo netto effettivamente sborsato di soli ,00 5 ) alla AC HOLDING da parte dell'allora SAFE BAG INTERNATIONAL s.r.l. a titolo di «versamento in conto futuri aumenti di capitale e sovrapprezzo», 2 Nel prosieguo, per brevità, SB. 3 All epoca dei fatti denominata SAFE BAG INTERNATIONAL s.r.l. 4 Cfr. doc. 9 5 Saldo peraltro ottenuto dall attrice computandovi quale posta attiva anche gli ,00 pretesi dal COEN quale pagamento di una inesistente consulenza strategica da parte di tale TATAI Sagl pure a lui riconducibile (cfr. docc ).

3 d) a fronte di un contratto di cui non era mai stata fornita evidenza e di un impegno a Pagina 3 trasferire all odierna ricorrente una partecipazione in AC HOLDING S.A.S poi mai attuato nonostante le richiesta prima e le successive diffide poi (rimaste tutte senza esito 6 ); 2) che a fronte di ciò la RETAILER GROUP s.r.l., sul presupposto della stretta interdipendenza funzionale fra i due contratti conclusi il 3/7/2013, ne ha chiesto in gradato subordine la risoluzione per inadempimento della AC HOLDING ovvero l annullamento per violenza o dolo determinante o ancora la rescissione (a fronte del valore di circa 4,5 milioni di euro che il 15% delle azioni di SB aveva acquistato dopo la quotazione) ex art cod. civ. o ancora l inefficacia dell operazione per il venir meno della condizione presupposta dell ingresso di RETAILER GROUP nel capitale di AC HOLDING ; che per il caso in cui il Tribunale non avesse ravvisato il collegamento fra i due contratti e disatteso le domande di cui supra, l attrice ha chiesto accertarsi almeno l illegittimità della ritenzione da parte di AC HOLDING S.A. della somma di ,26 ricevuta il 15/7/2013, vuoi qualificando quel versamento quale mutuo di scopo, vuoi a titolo di ripetizione di indebito per la assoluta mancanza di causa adquirendi, vuoi infine in forza dell azione generale di arricchimento prevista dall art cod. civ. ; 3) che a cautela di tali domande, evidenziando lo specialissimo pericolo che la società convenuta si disfacesse (a prezzo vile ma sempre per lei lucrativo, avendole sostanzialmente acquistate a titolo gratuito) dell 11,2% delle azioni di SB di cui era ancora titolare attestato dall anomalo flusso di vendite 'ribassiste' sotto il prezzo medio di collocamento di 2,20 ad azione registrato in particolar modo dopo la scadenza (in data 11/3/2014) del termine di 180 giorni previsto dalla clausola di lock-up di cui all art. 5.3 del documento di ammissione 7, la ricorrente ha chiesto: in principalità, disporsi il sequestro giudiziario di dette azioni, ammissibile in presenza del capo restitutorio accessorio alle costitutive esperite in via principale, ovvero in subordine autorizzarsi il sequestro conservativo delle azioni stesse, atteso che a fronte della domanda di restituzione del versamento in conto futuro aumento di capitale pure proposta l unico cespite della AC HOLDING S.A. (scatola vuota con capitale di CHF) era appunto costituito dalle azioni di SB di sua residua titolarità, verosimilmente in corso di svendita; R I T E N U T O 4) che allo stato non può ritenersi sussistente, neppur nella forma della mera verosimiglianza probatoria necessaria e sufficiente in sede cautelare, il diritto attoreo a procedere al sequestro giudiziario richiesto, in quanto i documenti prodotti attestano una duplice operazione (di acquisto, sia pur con interesse parzialmente confliggente rispetto a quello del soggetto la qui quotazione sull'aim Italia il suo legale rappresentante Corrado COEN stava seguendo quale advisor in 6 Cfr. docc. 12, 13, 17 & 18 7 Pericolo intensificatosi negli ultimi giorni: cfr. la memoria integrativa depositata il 201/3/2014 ed il prospetto allegatovi quale doc. 26.

4 SINTESI S.p.A., del 15% delle azioni di SB da parte della AC HOLDING S.A. 8, e di acquisto ad opera della RETAILER GROUP s.r.l. -mediante un aumento di capitale riservato per il quale le fu fatto versare alla odierna convenuta l'importo di ,26- di una quota suppostamente pari all'1% del capitale di questa) di suo non manifestamente invalida, avvenuta nel corso della quotazione di cui s'è detto che lo stesso COEN (amministratore delegato e presidente del c.d.a. sino al 26/7/ ) stava seguendo tramite la SINTESI S.p.A. e la cui natura unitaria nonché in tesi attorea viziata sotto il profilo volitivo, anche in difetto di offerta testimoniale sul punto, non trova allo stato ed in questa sede sufficienti riscontri documentali; 5) che sussiste invece un principio di prova documentale del fatto: - che a fronte dell'importante versamento dalla allora SAFE BAG INTERNATIONAL s.r.l. alla AC HOLDING INVESTMENTS S.A. di cui s'è detto, avvenuto con la causale "versamento in conto futuri aumenti di capitale e sovrapprezzo" con valuta 15/7/ non solo la convenuta, o comunque chi fu controparte di Rudolph GENTILE dell'atto fattogli sottoscrivere presso gli uffici di SINTESI S.p.A. in via Locchi 3 Milano il 3/7/2013 (vale a dire nella stessa data e luogo risultanti dalla vendita delle azioni rogata dal notaio AURUCCI 10 ), non fece avere mai alla propria 'socia in pectore' -nonostante richiesta inoltrata anche al COEN il 28/10/2013- copia di tale scrittura ovvero di quella diversa eventualmente perfezionante l'acquisto in capo all'attrice di azioni della AC HOLDING (che il notaio AURUCCI, nella sua del 16/11/2013, riferì esser stata rogata in Lugano da notaio svizzero 11 ) - ma neppure risulta comunque che l'attribuzione patrimoniale del 15/7/2013 sia mai stata effettivamente destinata all'espresso scopo impressole, Pagina 4 e che quindi la attuale RETAILER GROUP s.r.l. sia mai divenuta socia, e con quale partecipazione, della AC HOLDING pur beneficiata ormai otto mesi or sono della somma oggetto della domanda subordinata di merito; 6) che pertanto allo stato, con riserva di ogni miglior disamina se e quando la società convenuta avrà diradato le nebbie che attualmente avvolgono l'operazione, deve ritenersi che il versamento di ,26 effettuato dalla ricorrente il 15/7/2013 sia privo di ogni giustificazione causale, ed in particolare di qualsiasi contratto -necessariamente scritto- che possa dare evidenza dell'assetto di interessi negoziale che l'abbia sostenuta, con particolare riguardo alla controprestazione della controparte ed alla sua attuazione; che in tal senso appare significativo il silenzio mantenuto dalla società convenuta alle missive con le quali il legale dell'attrice, senza allora prospettare l'invalidità derivata o collegata della vendita delle azioni di SB ad AC HOLDING avvenuta il 3/7/2013, ha già stragiudizialmente richiesto prima il 9/12/2013 e poi il 15/1/2014 la restituzione della somma oggetto della domanda subordinata di merito; 8 Assai significativi, sul punto, gli appunti critici espressi dal Nominated Advisor su tale 'opacità' proprietaria e sulla pretesa di AC HOLDING di partecipare, come ottenne, alla quotazione con il 3% delle azioni di sua titolarità (doc. 16). 9 Cfr. doc Cfr. doc Cfr. doc. 13

5 che quindi, ad alternativo titolo di ripetizione di indebito oggettivo e comunque di arricchimento ingiustificato in capo alla AC HOLDING, sussiste allo stato il fumus necessario e sufficiente a cautelare la domanda di restituzione di ,26 proposta dall'attrice con il sequestro conservativo richiesto in via subordinata, tenendo altresì conto forfettariamente degli interessi al saggio almeno legale sin qui maturati (pari ad oggi, con decorrenza dal 15/7/2013, ad ,49); 7) che l'opacità della condotta della AC HOLDING e del suo legale rappresentante (già attenzionato dalla magistratura italiana inquirente in relazione ad altre vicende finanziarie 12 ), la volontà appropriativa dimostrata trattenendo l'ingente importo senza nulla rispondere alle ripetute richieste prima dichiarimenti e quindi di restituzione della somma rivoltele dall'attrice, e la assoluta sconoscenza della circostanza se nel patrimonio della società svizzera sussistano componenti attive ulteriori e diverse da quella costituita dalle azioni di SB acquistate il 3/7/2013, costituiscono elementi più che sufficienti per ritenere sussistente il pericolo di dispersione della garanzia patrimoniale richiesto dall'art. 671 c.p.c.; che anzi, a fronte del documentato stillicidio di vendite al ribasso in corso che sembrano indicare proprio in AC HOLDING INVESTMENTS S.A. (la quale, avendole acquistate ante quotazione ad un prezzo di gran lunga inferiore a quello medio poi spuntato dagli investitori in tale sede, ne sta comunque ricavando un guadagno) uno se non l'unico soggetto cedente, impongono di assicurare provvisoriamente il credito restitutorio dell'attrice immediatamente e senza attendere i difficoltosi tempi dell'instaurazione del contraddittorio cautelare con la società anomina svizzera; R I T E N U T O I N F I N E 8) sin d'ora che, essendo stata prospettato in Milano il luogo in cui l'impegno alla prestazione de qua -poi eseguita con giroconto su banca elvetica- sarebbe stata 'carpita' al legale rappresentante della RETAILER GROUP s.r.l. Rudolph GENTILE facendogli sottoscrivere un documento poi mai consegnatogli, può -sempre allo stato- ritenersi sussistente sia la giurisdizione italiana che la competenza territoriale di questo Tribunale, P. T. M. visti gli artt. 669 sexies e 671 c. p. c., 1) autorizza la RETAILER GROUP s.r.l. al sequestro conservativo di beni, crediti e valori mobiliari tutti, presso chiunque detenuti, di titolarità della società di diritto svizzero AC HOLDING INVESTMENTS S.A. sedente in 6900 Lugano, via Franscini 30, sino alla concorrenza di complessivi ,75 (...)" B. Tale provvedimento resiste alle obiezioni che, in punto giurisdizione del giudice (svizzero anziché) italiano, vi ha rivolto la difesa della resistente. E vero che l affermazione contenuta al suo paragrafo 8), melius re perpensa, non appare conforme alla norma di conflitto applicabile alla fattispecie, posto che ai sensi 12 Cfr. doc. 25 Pagina 5

6 dell art. 5 della Convenzione conclusa a Lugano il 30/10/2007 e ratificata sia dall Italia che dalla Confederazione Elvetica il criterio di collegamento in materia contrattuale necessario a consentire l evocazione di una persona giuridica svizzera in Italia (e viceversa) è non già il luogo di conclusione del contratto bensì quello in cui l'obbligazione dedotta in giudizio è stata o doveva essere eseguita; da individuarsi, ai sensi della successiva lettera b) (e salvo diversa convenzione qui inesistente), in quello nel quale i beni sono stati o avrebbero dovuto essere consegnati in base al contratto. Tuttavia, lasciando alla fase di merito ogni miglior dibattito in ordine - al fatto che, per quanto attiene all acquisto da parte della resistente del 15% delle azioni di SB, la consegna dei titoli può ritenersi esser avvenuta in Italia in forza delle disposizioni impartite dalla acquirente il 4/9/2013 con la comunicazione di cui al documento 28 di parte attrice - nonché alla prospettata configurabilità nella specie di un illecito di rilevanza penale in termini di estorsione o truffa 13 tale da far venire in rilievo (anche) la norma di conflitto di cui al successivo paragrafo 3. del medesimo art. 5 della Convenzione di Lugano, appare comunque dirimente in questa sede la disposizione di cui all art. 31 della Convenzione stessa: tale per cui i provvedimenti provvisori o cautelari previsti dalla legge di uno Stato vincolato dalla Convenzione possono essere richiesti al giudice di detto Stato anche se, in forza della Convenzione, la competenza giurisdizionale a conoscere nel merito vada riconosciuta al giudice di un altro Stato «convenzionato», ogni qual volta la cautela richiesta presenti con il territorio dello Stato cui appartiene detto giudice un legame significativo. E poiché nel caso in esame a chiedere il sequestro delle azioni di SB detenute dalla società convenuta è la controllante italiana, ma soprattuto italiana e quotata in un mercato regolamentato italiano- è la stessa SB del cui pacchetto azionario si chiede in principalità il sequestro giudiziario, non par dubbio che questo Tribunale sia stato legittimamente adìto in via cautelare dalla RETAILER GROUP s.r.l. C. E tuttavia il decreto del 21/3/2014, così come emesso e motivato, va all'evidenza revocato alla luce dei documenti che la AC HOLDING INVESTMENTS SA ha depositato costituendosi; documenti che in parte, rendendosi conto del rischio processuale connesso alla futura loro certa produzione, la stessa ricorrente aveva anticipato -a decreto depositato- allegandoli all'istanza ex art. 210 c.p.c del 1 /4/ V.si l esposto denuncia querela depositato da Rudolh Gentile presso la procura della Repubblica di Milano (doc. 26 att.). Pagina 6

7 C).1 Da tali produzioni, fra le quali l' "impegno irrevocabile a sottoscrivere un aumento di capitale a noi riservato della vostra società per un importo non inferiore a 1000 franchi a titolo di capitale ed a Franchi a titolo di sovraprezzo (aggio)" rivolto dall'attrice alla resistente su propria carta intestata il 3/7/2013 ed autenticato nella sottoscrizione dell'a.u. Rudolph GENTILE in pari data dal notaio Antonio AURUCCI di Trezzano s/n (MI), si evince per tabulas che già prima di ricevere la richiesta di documentazione inoltrata per RETAILER GROUP s.r.l. da Gabriella MINERVA il 28/10/2013 (all'epoca, senza contestazione alcuna della validità ed efficacia dell'operazione) 14, AC HOLDING aveva: - dapprima confermato già il 25/7/2013 la "disponibilità del notaio per finalizzare l'operazione di capitale in AV Holding Investments, di cui abbiamo già registrato il versamento in contabilità" - poi sollecitato (prima il 3/9/2013 e quindi, preannunciando che l assemblea di AC HOLDING si sarebbe tenuta entro trenta giorni, il 30/10/2013) la disponibilità [del GENTILE, destinatario della missiva] ad assistere all atto di aumento del capitale avanti al notaio ticinese, col quale era stato già predisposto l atto e l allegata scheda di sottoscrizione richiesta dall art. 652 del Codice delle Obbligazioni elvetico, - quindi deliberato il 29/11/2013, con atto ricevuto dal notaio MARTINELLI di Lugano, un aumento di capitale da a con aggio (sopraprezzo) complessivo di CHF (pari quindi esattamente alle somme già versate nelle casse sociali da SB il 15/7/2013), mandato degli azionisti (unanimemente presenti e concordi) al presidente COEN di eseguirlo nei tre mesi di legge, e dichiarazione degli azionisti stessi che il loro diritto d opzione non è stato leso, conformemente all art. 650 cpv. 2 cifra 8 e 652b CO applicabili alla fattispecie 15, - e rispondendo infine alla richiesta di restituzione inviata il 9/12/2013 (e reiterata il 15/1/2014) dall avv. DALMARTELLO sul presupposto che fossero già trascorsi più di quattro mesi senza che Retailer Group S.r.l. abbia ricevuto da parte vostra alcuna dichiarazione circa l imputazione di tali somme ad aumento di capitale, con l ampia e documentata missiva dell avv. ALIPPI del successivo 31 gennaio citata alla nota 15. C).2 Alla luce di tali dati documentali, si impone in questa sede sommaria la revoca del sequestro conservativo provvisoriamente disposto. Le affermazioni effettuate sia in punto fumus boni iuris che di periculum in mora contenute nel decreto emesso il 21/3/2014, tali per cui: 14 Si tratta del doc. 12 att. 15 Cfr. i documenti allegati sub A, B, C e D allegati al documento 29 di parte ricorrente. Pagina 7

8 Pagina 8 "allo stato, con riserva di ogni miglior disamina se e quando la società convenuta avrà diradato le nebbie che attualmente avvolgono l'operazione, deve ritenersi che il versamento di ,26 effettuato dalla ricorrente il 15/7/2013 sia privo di ogni giustificazione causale, ed in particolare di qualsiasi contratto - necessariamente scritto- che possa dare evidenza dell'assetto di interessi negoziale che l'abbia sostenuta, con particolare riguardo alla controprestazione della controparte ed alla sua attuazione"; "in tal senso appare significativo il silenzio mantenuto dalla società convenuta alle missive con le quali il legale dell'attrice, senza allora prospettare l'invalidità derivata o collegata della vendita delle azioni di SB ad AC HOLDING avvenuta il 3/7/2013, ha già stragiudizialmente richiesto prima il 9/12/2013 e poi il 15/1/2014, la restituzione della somma oggetto della domanda subordinata di merito"; nonché che il periculum in mora doveva desumersi anche dalla "volontà appropriativa dimostrata trattenendo l'ingente importo senza nulla rispondere alle ripetute richieste prima di chiarimenti e quindi di restituzione della somma rivoltele dall'attrice", risultano infatti tutte smentite dalla documentazione sopra illustrata; attestante semmai una resipiscenza della RETAILER GROUP s.r.l., a distanza di cinque mesi dall impegno assunto, a dar attuazione all'impegno di sottoscrivere il capitale di AC HOLDING INVESTMENTS SA nella misura sopra indicata, e quindi un suo (sia pur motivato) rifiuto di adempiervi nonostante le profferte e sollecitazioni in tal senso del COEN e gli atti preparatori adottati dalla società resistente per l'esecuzione dell'aumento di capitale. C).3 E poiché allo stato, nella presente sede cautelare, da un lato non vi è fondato motivo -nonostante la contestazione sul punto della difesa attorea sin dalla replica dell avv. DALMARTELLO in data 10/3/ di dubitare dell avvenuto invio a Rudolph GENTILE delle comunicazioni menzionate al precedente paragrafo C).1, e dall altro le spiegazioni rese in punto diritto e prassi elvetica delle società anonime e dei relativi aumenti di capitale dal notaio rogante con comunicazione al Tribunale in data 2/6/ appaiono sufficientemente persuasive nel senso che, 16 Cfr. doc. 31 att. 17 Prodotta con nota di deposito del 5/6/2014, ed il cui testo è il seguente: L art. 650 Codice civile svizzero (di seguito CC) stabilisce che l aumento di capitale di una società per azioni è deliberato dall assemblea mediante atto pubblico e deve essere attuato dal Consiglio di amministrazione entro il termine di tre mesi. L art. 47 dell Ordinanza sul registro di commercio 17 (di seguito ORC), che determina i requisiti per ottenere l iscrizione a Registro di commercio dell aumento di capitale, riprende il tenore dell art. 650 CC.

9 Pagina 9 con la deliberazione del 28/11/2013 (reiterata, alla scadenza del termine trimestrale di legge, il successivo 28/4/ ), l assemblea della AC HOLDING INVESTMENTS SA abbia validamente deliberato un aumento di capitale con sovrapprezzo riservato proprio alla RETAILER GROUP s.r.l., vanno qui ritenuti allo stato infondati sia la censura di indebito, e comunque di ingiustificatezza causale, attribuita nel provvedimento del 21/3/2014 al versamento effettuato dall attrice il 15/7/2014 ed alla sua ritenzione ad opera dell odierna resistente; sia l addebito di inadempimento che sorregge la domanda principale di risoluzione formulata dalla RETAILER GROUP s.r.l. in relazione alla doppia operazione incrociata' posta in essere dalle parti con l atto pubblico e la scrittura privata autenticata formate dal notaio AURUCCI il 3/7/2013. Ne deriva, con efficacia assorbente di ogni altra questione (prima fra tutte l'attualità del pericolo di dispersione della garanzia patrimoniale offerta dal patrimonio di AC HOLDING), la necessaria revoca del sequestro conservativo autorizzato il 21/3/2014. D. E tuttavia, alla luce delle difese della AC HOLDING INVESTMENTS S.A. nonché della successiva replica dell attrice, merita rimeditazione la richiesta di sequestro giudiziario delle azioni ordinarie di SAFE BAG S.p.A. (pari, a quanto ad oggi noto, a n e quindi al 10,20% del capitale sociale) detenute dalla resistente. D).1 La tesi attorea che le operazioni incrociate di compravendita di tali titoli (pari in origine a n ) e di impegno irrevocabile della venditrice a sottoscrivere l aumento di capitale della compratrice al prezzo sopra descritto siano state concepite l una in funzione dell altra e sostanzialmente imposte dalla AC HOLDING INVESTMENTS (e per essa, da Corrado COEN) alla attuale RETAILER GROUP s.r.l. (nella persona di Quest ultima norma specifica, al capoverso 2, n. 4, che deve essere indicata nell atto pubblico la specie dei conferimenti e, in c conferimento in natura,..., il nome del conferente e le attribuzioni che gli sono attribuite. Nel caso concreto, è espressamente specificato in entrambi gli atti al punto 1. n. 6 che il conferimento avviene in contanti ex art. 633 non in natura ex art. 634 CC), ragione per cui non è necessario indicare nell atto il nominativo del nuovo azionista. In effetti t azionisti all unanimità hanno confermato che il loro diritto di opzione non è stato leso ed hanno quindi acconsentito all entrata di un azionista mediante aumento di capitale. Il tenore del mio rogito n del (e del successivo n. 1812) è assolutamente usuale e corrisponde perfettamente alla vigente, da me sempre adottata, che mi ha sempre permesso la regolare iscrizione dell aumento di capitale. Evidentemente l iscrizione dell aumento di capitale presuppone però una deliberazione del Consiglio di amministrazione, pure p pubblico, che in concreto non ha potuto aver luogo entro il termine trimestrale, stante l assenza della scheda di sottoscrizione firma nuovo azionista, che deve essere allegata all atto (art. 652 CC e art. 47 cpv. 2 lett. a ORC). Preciso che l ufficio preposto (Ufficio del registro di commercio, Biasca), da me espressamente richiesto, mi ha confermato che l im irrevocabile di Safe Bag International SRL, nonostante l analogo tenore, non poteva sostituire formalmente la sch sottoscrizione firmata dalla nuova azionista. Per questo motivo non è stato possibile concludere e formalizzare l aumento di capitale e (primo) termine trimestrale. Gli azionisti di A. C. Holding Investments SA hanno quindi ribadito la decisione di aumento di capitale in data , mio rogito n Di nuovo manca solo la scheda di sottoscrizione di Retailer Group Srl (già Safe Bag International Srl) per finalmente concludere la procedura di aumento di capitale. 18 Come risulta dal documento 47 di parte resistente.

10 Rudolph GENTILE) Pagina 10 viziandone il consenso sia sotto il profilo della reale rappresentazione della contropartita (quota pari a CHF di capitale nominale della AC HOLDING) offerta all allora SAFE BAG INTERNATIONAL s.r.l. sia sotto quello della minaccia di sabotare il processo di quotazione all AIM di SB allora in corso, appaiono infatti corroborate da una serie di indizi convergenti e documentali. D).1.1 Primo fra tutti, l'assoluta contemporaneità. Non solo l'atto pubblico di cessione del 15% di SB e l'impegno irrevocabile rivolto alla reistente dall'odierna RETAILER GROUP s.r.l. recano la stessa data certa (3/7/2013), ma di pari data sono infatti anche i due bonifici: effettuati entrambi (per un controvalore in di ,00 pagati da AC HOLDING all'attrice e di ,26 pagati da RETAILER GROUP s.r.l. alla convenuta) lo stesso 15/7/2013 e sullo stesso istituto, di modo che il saldo complessivo a sfavore delle società amministrate da Corrado COEN, considerando anche il pagamento il giorno dopo (16/7/2013) dell'importo di ,00 dall'allora SAFE BAG INTERNATIONAL alla TATAI Sagl per una non meglio identificata "consulenza strategica" 19 ammonta all'importo di ,74. D).1.2 -sul quale nulla ha replicato la convenuta nelle sue difese- Sennonché tale sbilancio può in questa sede ritenersi soltanto figurativo, dovendosi ritenere allo stato che l'operazione incrociata esitò a tutto vantaggio di AC HOLDING INVESTMENTS SA. Quest'ultima ben conosceva infatti il valore oggettivo di ciò che acquistava, atteso che COEN e i suoi collaboratori attraverso la SINTESI Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. stavano curando -nel reticolo di tutte le procedure e controlli a tal fine imposti- il collocamento di SB sull'alternative Investments Market di Borsa Italiana S.p.A. (che avrebbero realizzato nel mese di settembre ad un prezzo medio di collocamento superiore ad 2,20 ad azione), e spuntò invece l'assai più vantaggioso prezzo di 1,18 ad azione; laddove invece quando RETAILER GROUP s.r.l. assunse l'impegno irrevocabile a sottoscrivere un aumento di nominali 1000 CHF dei capitale di AC HOLDING INVESTMENTS SA questa, come documentato dall'attrice, era una scatola vuota neocostituita che aveva in portafoglio proprio e solo le azioni di SB 20. D).1.3 A tale ultimo proposito, in particolare, la convenuta non ha saputo in alcun modo dar conto di come sia stato stabilito fra le parti l'ingente sopraprezzo. Già ex se l'importo di ,26 (CHF ,00) pagato per acquisire in futuro una quota pari allo 0,99% del capitale finale di CHF che AC HOLDING 19 Cfr.docc att. 20 Cfr. docc. 7 & 35 att.

11 INVESTMENTS SA avrebbe assunto all'esito del futuro aumento Pagina 11 risulta infatti strabiliante: poiché non solo non corrisponde in alcun modo al valore, comunque calcolato, che la società convenuta aveva all'epoca; ma neppure oggi -nonostante il preciso interpello sul punto rivolto dal giudice all'udienza del 26/5/2014 a Corrado COEN - quest'ultimo e la convenuta hanno saputo chiarirne il computo, limitandosi (in assenza di qualsiasi documento contabile ufficiale ed attendibile di AC HOLDING INVESTMENTS SA) a produrre in data 6/6/2014 un Company Profile interno che rappresenta(va) alla data del giugno 2013 la mera speranza di "sviluppo di AC INVESTMENTS e relativa crescita di valore attesa tra partecipazioni dirette ed indirette" che essa avrebbe assunto in futuro, nonchè un report parimenti interno sul valore del Gruppo Safe Bag, tutto teso a sminuire il valore di conferimento in aperta contraddizione coi dati (essi sì, oggettivi) dell'assai più lusinghiero collocamento sul mercato che la capogruppo SB stava per ottenere per iniziativa e secondo le stime della stessa SINTESI S.p.A. 21 D).1.4 Ma soprattutto, ancor più strabiliante è che tal prezzo sia stato fissato in assenza di previa due diligence o di verifica di qualsiasi genere da parte della investitrice SAFE BAG INTERNATIONAL s.r.l., in evidente violazione di qualunque protocollo normalmente seguito per operazioni straordinarie di tal fatta; oltretutto mediante totale pagamento anticipato del(l'incomprensibile) corrispettivo e senza alcuna garanzia non solo di rimborso o aggiustamento del prezzo in ipotesi di non conformità tra valore promesso e prezzo pattuito (e già corrisposto), ma che la AC HOLDING INVESTMENTS S.A. sarebbe in futuro diventata l'effettiva holding di partecipazioni del gruppo SINTESI 22. D).2 Il che non pare allo stato spiegabile soltanto in virtù della (più volte sottolineata dalla difesa di AC HOLDING INVESTMENTS SA) cordiale conoscenza personale fra lo stesso e Corrado COEN, tanto cordiale da sciogliersi peraltro pochi mesi dopo; ma depone piuttosto nel senso che, come del resto corroborato anche dalle ripetute affermazioni della resistente nel senso che l'acquisto da parte sua delle azioni di SB fu richiesto dalla situazione di tensione finanziaria in cui il gruppo SAFE BAG si era venuto a trovare 23, tale anomala procedura e sostanziale imposizione a scatola chiusa del prezzo necessario ad entrare con lo 0,99% in AC HOLDING INVESTMENTS SA costituì la contropartita imposta al gruppo SAFE BAG ed alla sua capogruppo RETAILER GROUP s.r.l. per l'intervento di sostegno contemporaneamente realizzato mediante l'ingresso della società 21 Si veda la valutazione ufficiale di SAFE BAG S.p.A. effettuata da SINTESI S.p.A. e prodotta dall'attrice al suo documento Sulle cui preoccupanti condizioni all'epoca dei fatti ed attuali si veda il doc. 41 di parte attrice, e quanto dalla stessa dedotto -sia pur senza supporto documentale- alla pag. 7 della memoria del 12/6/ Cfr. ad esempio pagg della memoria di resistenza.

12 resistente nel capitale di SB: ingresso peraltro avvenuto, anch'esso, a condizioni di assoluto favore stabilite dalle stesse persone fisiche (in primis l'allora legale rappresentante sia di AC HOLDING INVESTMENTS che di SINTESI, Corrado COEN 24 ) che si stavano occupando della quotazione all'aim di SB. E. Quanto precede, consente di ritenere verosimilmente sussistente -beninteso, nel sommario apprezzamento che contraddistingue la presente fase cautelare- il buon diritto attoreo in termini sia dell'esistenza di uno strettissimo collegamento funzionale, causale ed economico-finanziario delle due incrociate operazioni di investimento; sia dello sbilanciamento di entrambe e dell'affare complessivo a tutto vantaggio dell'odierna resistente; sia ancora di un vizio del consenso del legale rappresentante dell'odierna ricorrente, indotto -se non da una vera e propria condotta estorsiva fondata sulla minaccia di far fallire (in difetto dell'iniezione di liquidità, peraltro di fatto ridotta a neanche euro) l'operazione di quotazione in corso- quantomeno dall'aver ingenerato nel GENTILE e nella RETAILER GROUP s.r.l. l'erroneo convincimento che lo 0,99% del capitale di AC HOLDING INVESTMENTS SA valesse davvero la somma di ,26 fatti sborsare anticipatamente e in contanti. Ciò comporta che le domande di annullamento proposte da RETAILER GROUP s.r.l. su tali obiettivi presupposti appaiono allo stato tutt'altro che infondate, e che pertanto la pretesa dell'attrice di invalidare entrambe le operazioni contrattuali incrociate ed ottenere di conseguenza la restituzione delle azioni di SAFE BAG S.p.A. (con il correlativo diritto di AC HOLDING INVESTMENETS SA, allo stato peraltro non azionato, di ottenere la restituzione del saldo fra quanto versato e quanto ricevuto dalla controparte) è sorretta da adeguato fumus boni iuris. Ne consegue altresì l'opportunità che nelle more dell'accertamento a cognizione piena delle rispettive ragioni, sussistendo da un lato una obiettiva controversia sulla titolarità delle residue azioni (dematerializzate) di SAFE BAG S.p.A. ancora intestate alla società convenuta e dall'altro il rischio che questa proceda nella more ad ulteriori dismissioni vanificando l'iniziativa giudiziale di RETAILER GROUP s.r.l., le azioni stesse siano assoggettate a sequestro giudiziario ex art. 670 n. 1 c.p.c. Resta solo da dire: a) che, per ragioni di utilità pratica, custode delle azioni di cui si dispone il giudiziale sequestro sarà il legale rappresentante dell'intermediario finanziario (verosilmente 24 Sul punto, v. doc. 3 att., pag. 15, e doc. 7 ibidem. Pagina 12

13 svizzero 25 ) presso il quale esse risulteranno depositate, e la cui esatta identità il legale rappresentante di AC HOLDING INVESTMENTS SA (a pena di incorrere nel reato di cui all'art. 650 c.p.) dovrà indicare, ovvero la diversa persona -purché funzionario del medesimo intermediario- che quegli vorrà delegare; b) che la custodia sarà gratuita, fermi restando gli obblighi contrattuali già in essere fra tale intermediario e la società resistente; c) che i poteri e doveri connessi alle azioni in sequestro dovranno essere esercitati in conformità a quanto disposto dall'art cod. civ. e dai soggetti ivi indicati. F. Il regolamento delle spese del presente suboprocedimento va rimesso alla sentenza di merito. P. T. M. visti gli artt. 669 sexies co. 2, 670 n. 1) e 676 co. 1 c. p. c., 1) revoca il decreto emesso in data 21/3/2014 e quindi il sequestro conservativo ivi autorizzato; 2) in accoglimento del capo principale del ricorso attoreo, dispone il sequestro giudiziario di tutte le azioni ordinarie della SAFE BAG S.p.A. detenute dalla AC HOLDING INVESTMENTS S.A.; 3) nomina custode delle azioni di cui al precedente capo 2) il legale rappresentante dell'intermediario finanziario presso il quale esse risulteranno depositate al momento dell'attuazione del sequestro, ovvero il funzionario che questi vorrà a tal fine delegare per iscritto, senza diritto a compenso e coi poteri di cui all'art del codice civile italiano; 4) spese alla sentenza di merito; 5) manda la Cancelleria per l'immediata comunicazione della presente ordinanza alle parti. Milano, 17 giugno 2014 Il giudice (Guido Vannicelli) 25 Come si evince dall'attestazione notarile prodotta dalla difesa di AC HOLDING all'udienza del 5/5/2014 col n. 48. Pagina 13

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli