Investimenti valutari come fonte di rendimento. Estate 13

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investimenti valutari come fonte di rendimento. Estate 13"

Transcript

1 Estate 13 Investimenti valutari come fonte di rendimento Dossier Strategie valutarie Interessanti soluzioni basate sul rischio per portafogli diversificati Column Le small cap Piccole, ma non per questo meno importanti! Alternative Investments Fondi UCITS alternativi: mutamento di paradigma o costoso compromesso?

2 Indice Asset Allocation Decollo in vista per le borse? 4 Outlook 5 Macro Global Nonostante un leggero indebolimento, le prospettive di crescita restano intatte 6 Alla luce del contesto di bassi tassi, le strategie valutarie godono di crescente popolarità. In effetti, il mercato delle valute è il maggiore mercato finanziario mondiale per dimensioni. Fixed Income Global Il ruolo dell eccesso di liquidità 8 Real Estate Investimenti sostenibili in immobili «verdi» 10 Dossier Strategie valutarie Interessanti soluzioni basate sul rischio per portafogli diversificati 12 Column Le small cap Piccole, ma non per questo meno importanti! 18 Alternative Investments Fondi UCITS alternativi: mutamento di paradigma o costoso compromesso? 21 Chiusura redazionale: 23 maggio 2013

3 Editoriale Robert Parker Head Strategic Advisory Group, Member of the Global Investment Committee Cari lettori Il livello costantemente basso dei tassi induce numerosi investitori a volgere lo sguardo a fonti di rendimento al di fuori del segmento del reddito fisso. A riscuotere crescente interesse sono, ad esempio, i mercati delle valute. Nell attuale edizione di «Trends» illustriamo il motivo per cui le strategie valutarie rappresentano soluzioni interessanti per portafogli diversificati. Un altro ambito che sta acquistando sempre più importanza è quello degli hedge fund. L attenzione si concentra in particolare su soluzioni d investimento in fondi compatibili con la direttiva UCITS, che presentano evidenti vantaggi ovvero un elevato livello di trasparenza e liquidità rispetto alle strutture offshore. Tali prodotti sono però anche soggetti a critiche, in particolare per quanto concerne le commissioni e la performance. In questa sede intendiamo quindi analizzare se queste e altre tra le riserve più frequenti sono realmente giustificate. Illustriamo inoltre perché sarebbe un errore relegare le small cap in secondo piano, e proponiamo altresì i consueti articoli dedicati ai mercati. Ci auguriamo che il presente numero possa fornirvi nuovi spunti di riflessione e idee d investimento. Cordiali saluti Robert Parker Head Strategic Advisory Group, Member of the Global Investment Committee Editoriale 3/28

4 Asset Allocation Decollo in vista per le borse? Patrick Bucher, Investment Strategy Dopo un consolidamento di breve durata, i mercati azionari hanno proseguito il loro movimento rialzista. A maggio non si è dunque verificata la correzione stagionale tipica di questo mese dell anno. Al contrario, numerosi indici borsistici hanno fatto segnare nuovi massimi. Alla luce dei recenti dati economici, comunque molto eterogenei, e di una crescita pressoché nulla degli utili societari, si potrebbe però dubitare della sostenibilità dell andamento delle borse. È possibile che i mercati azionari abbiano perso il senso della realtà? O potrebbe darsi, piuttosto, che la debolezza della congiuntura finisca per giovare ai titoli a dividendo? Una possibile risposta a tali quesiti è fornita dall analisi dei movimenti dei corsi degli ultimi mesi. I mercati sono stati sospinti in modo particolare da settori difensivi come prodotti alimentari o farmaceutici. La sovraperformance delle azioni difensive rispetto a quelle cicliche ha raggiunto proporzioni che in genere si osservano esclusivamente nelle fasi di forte correzione. La debolezza dei titoli ciclici non sorprende comunque più di tanto se si considerano le recenti cifre di crescita, che sono state deludenti. Ciò che appare senz altro più rilevante è il fatto che, a dispetto della debolezza dei titoli ciclici, l insieme dei listini sia balzato in territorio record. A fare da traino sono stati i dividendi, che restano tuttora allettanti nel confronto con le obbligazioni. Per di più, il fatto che il leggero indebolimento dei dati congiunturali garantisca tassi ancora bassi si sta rivelando perfino un fattore estremamente vantaggioso. Di conseguenza riteniamo che l attuale contesto, caratterizzato da una crescita alquanto debole ma non a rischio di crollo, non comprometta affatto lo sviluppo borsistico futuro. Anche i livelli record raggiunti non dovrebbero indurre a trarre conclusioni errate. Il caso del DAX, che dopo due tentativi falliti, rispettivamente nel 2000 e 2007, tenta di nuovo di sfondare una volta per tutte il muro degli 8000 punti, ne è un esempio molto incisivo. Se, infatti, si analizzano le aziende sulle quali si basa l indice, si nota che attualmente per un valore dell indice pari a 8000 punti si ottiene, sia in termini di valore nominale sia in termini di utili e dividendi, un risultato pari a 2,5 volte quello del 2000, finora considerato un anno record. Di segno diametralmente opposto è invece la dinamica relativa alla soluzione alternativa rappresentata dagli investimenti a tasso fisso. In luogo del 5%, i titoli di Stato tedeschi presentano un rendimento di appena l 1,5%. È imminente una rotazione settoriale e geografica? Per i motivi sopra illustrati ribadiamo la nostra sovrapponderazione azionaria, anche se non punteremmo necessariamente sui titoli migliori degli ultimi mesi. Se l andamento dell economia continua a stabilizzarsi, dovrebbero infatti trarne vantaggio anche le regioni e i settori ciclici ultimamente trascurati. Ciò depone a favore di una posizione di sottopeso nel mercato svizzero, dove l elevata ponderazione a livello dell indice dei titoli di qualità, per i quali esiste una forte domanda, ha determinato una performance brillante, ma anche il premio più alto degli ultimi anni rispetto agli altri mercati. I titoli azionari europei, per contro, dispongono ancora di un certo potenziale di ripresa. Per quanto riguarda il Giappone, il forte rialzo in atto non dovrebbe tuttavia spingere ad adottare un posizionamento contrario a una sovraperformance delle azioni nipponiche, in linea con l adagio di borsa (qui leggermente rivisitato) «Don t fight the Bank of Japan». La ricerca ormai quasi disperata di rendimento influenza anche il posizionamento nelle altre classi di attivi. Nell universo dei titoli a tasso fisso è possibile mantenere gli investimenti in obbligazioni societarie e ad alto rendimento nonostante l ulteriore riduzione degli spread, mentre tenderemmo a evitare la caccia ai rendimenti lungo la curva dei tassi. I mercati immobiliari restano validi strumenti sostitutivi dei rendimenti. Come per le azioni, anche in questo settore si impone in una prospettiva svizzera una diversificazione in paesi esteri più convenienti. Portafoglio modello investito a livello globale per fondi pensione (valuta base: EUR)* EUR GBP USD JPY CAD, AUD, Mercati Totale Materie prime Emergenti Liquidità 8,0% 0,0% 5,0% 0,0% 13,0% 9,8% 0,0% 0,0% 0,0% 9,8% Obbligazioni 53,7% 0,0% 0,0% 0,0% 53,7% 55,2% 1,0% 3,0% 1,0% 60,2% Azioni 15,1% 0,0% 10,2% 2,7% 0,0% 5,4% 33,3% 12,0% 2,0% 10,0% 2,0% 0,0% 4,0% 30,0% Totale 76,8% 0,0% 15,2% 2,7% 0,0% 5,4% 100,0% 77,0% 3,0% 13,0% 3,0% 0,0% 4,0% 100,0% In grassetto: posizionamento tattico. In tipo normale: strategia a lungo termine/benchmark. Le frecce segnalano le variazioni intervenute rispetto all ultima edizione di «Trends», 04l * L asset allocation è indicativa e può variare nel corso del tempo. I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono una garanzia per la performance attuale o futura. 4/28 Asset Allocation Fonte: Credit Suisse.

5 Asset Allocation Outlook Stima Rendimento atteso in Rendimento atteso in mesi valuta locale (%) EUR (%) Mercato azionario USA (S&P 500) ,0 3,0 Germania (DAX) ,6 6,6 Paesi Bassi (AEX) ,8 6,8 Regno Unito (FTSE 100) ,0 1,5 Francia (CAC 40) ,1 6,1 Italia (MIBTEL) ,2 8,2 Spagna (IBEX 35) ,9 7,9 Svizzera (SMI) ,1 1,0 Giappone (TOPIX) ,4 2,3 Mercato obbligazionario (titoli di Stato a 10 anni) USD 2,01 2,00 2,1 0,8 CAD 1,96 2,00 1,6 1,0 AUD 3,31 3,60 1,1 0,1 JPY 0,83 1,10 1,4 7,8 EUR 1,43 1,70 0,8 0,8 GBP 1,90 2,30 1,3 8,3 CHF 0,65 1,20 4,0 6,8 Mercato monetario (LIBOR a 3 mesi) USD 0,27 0,40 0,3 2,5 CAD 1,17 1,20 1,2 1,4 AUD 2,96 2,90 2,9 1,7 JPY 0,16 0,20 0,2 6,3 EUR 0,12 0,20 0,1 0,1 GBP 0,51 0,60 0,5 6,6 CHF 0,02 0,10 0,0 2,9 Valute rispetto all'eur USD ,8 CAD ,5 AUD ,2 JPY ,5 CHF ,9 GBP ,1 Oro USD/oz ,2 1,3 I dati relativi alla performance non comprendono le commissioni applicate all acquisto o alla vendita. Le stime sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono una garanzia per i redditi attuali o futuri. Fonte: Credit Suisse. Asset Allocation 5/28

6 Macro Global Nonostante un leggero indebolimento, le prospettive di crescita restano intatte Thomas Herrmann, Global Economic Research! Sapevate che la ripresa del mercato immobiliare statunitense dovrebbe continuare a sostenere la crescita nei prossimi mesi? la crescita del PIL nel T1 in Giappone è stata superiore al previsto? la Fed ha indicato che sta discutendo sull opportunità di ridurre gli acquisti di attivi sin da quest estate? la Cina sta ancora transitando verso un trend di crescita più debole, ma tuttora solido? Il calo dei prezzi di alcune delle principali materie prime (ad es. il petrolio) riflette la temporanea debolezza della crescita globale. Nonostante ciò, la flessione dei prezzi delle materie prime funge anche da «stabilizzatore automatico», poiché determina un inflazione più bassa che, a sua volta, incrementa il potere d acquisto e consente alle banche centrali di mantenere la loro politica estremamente espansionistica. In numerosi singoli paesi si assiste a un inasprimento fiscale molto pronunciato, che però a livello globale dovrebbe essere più che compensato da una politica monetaria accomodante. A dispetto della perdurante situazione di debolezza nell Eurozona e di una leggera decelerazione registrata negli ultimi tempi sia negli Stati Uniti che in Cina, riteniamo quindi che la crescita globale sia destinata a riacquistare vigore nella seconda metà dell anno. Stati Uniti: temporanea debolezza a fronte di un trend sottostante intatto Gli ultimi dati relativi agli Stati Uniti sono apparsi eterogenei. Da un lato, le cifre meno brillanti relative agli indici PMI (Purchasing Managers Index) regionali e nazionali puntano in direzione di un rallentamento dell attività nel settore manifatturiero, come confermato dagli ultimi dati sulla produzione industriale. Dall altro lato, la crescita occupazionale e l incremento delle retribuzioni in termini reali negli Stati Uniti restano robusti, e i dati sulla spesa al consumo sono risultati più vigorosi del previsto. Dovrebbero contribuire positivamente al quadro generale anche i tassi d interesse vicini ai minimi storici in un ampia gamma di categorie del credito (ad es. auto, ipoteche ecc.). La ripresa del mercato immobiliare dovrebbe continuare a sostenere la crescita in misura più accentuata nei prossimi trimestri. La politica flessibile della Fed dovrebbe garantire un uscita regolare nel tempo La Federal Reserve (Fed) continua a porre l accento su una maggiore flessibilità. Nell ultima dichiarazione del Federal Open Market Committee (FOMC) del 1 maggio, è stata menzionata la possibilità che gli acquisti di attivi possano essere ridotti o ulteriormente incrementati in base alle esigenze. Sottolineando il tema del «rischio bilaterale» nell ambito degli acquisti di attivi, la Fed intende probabilmente segnalare che dispone dei mezzi necessari per gestire un uscita regolare dal programma senza turbative di mercato indesiderate. La politica di transizione potrebbe perfino includere un movimento implicito e temporaneo verso la 6/28 Macro Global

7 definizione di un obiettivo di rendimento. La Fed ha indicato chiaramente che sta discutendo sull opportunità di ridurre gli acquisti di attivi sin da quest estate. A nostro avviso, il temporaneo rallentamento dell economia dovrebbe far slittare maggiori comunicazioni su un provvedimento di questo tipo. Un aspetto più importante è invece il fatto che, se la Fed inizia a tagliare gli acquisti prima del previsto, cercherà di evitare un rialzo significativo dei rendimenti, in quanto ciò potrebbe provocare contraccolpi negativi per l economia. Dall ultima comunicazione emerge l intenzione di incrementare nuovamente gli acquisti qualora ciò sia giudicato necessario per limitare l aumento dei rendimenti obbligazionari. Europa: netto allentamento delle tensioni finanziarie e accenni di ripresa, ma ancora troppo timidi L intesa raggiunta sul piano di salvataggio per Cipro e la maggiore stabilità politica in Italia a seguito dell incertezza postelettorale sono stati due fattori che hanno contribuito a un nuovo forte calo dei rendimenti dei titoli di Stato in Italia e Spagna, che resta molto importante nell ottica di abbassare i costi di finanziamento e sostenere l economia reale. Idealmente in abbinamento con nuove iniziative da parte della Banca centrale europea, ciò potrebbe finalmente creare migliori condizioni di concessione del credito e incentivare la domanda. L adozione di sostanziosi tagli alla spesa pubblica ha inciso negativamente sulla crescita, spesso senza riuscire a realizzare l auspicata riduzione del deficit. Gli esponenti politici europei sembrano intenzionati a tollerare un inasprimento meno drastico in futuro, il che potrebbe anche contribuire alla graduale ripresa della crescita che continuiamo ad aspettarci. Giappone: politica della BoJ audace e di notevole impatto La Banca del Giappone (BoJ) ha annunciato misure decisamente più audaci di quanto atteso. Il significativo incremento degli acquisti di attivi effettuati nell anno in corso e in programma per il prossimo continua a incidere fortemente sullo yen giapponese e dovrebbe tradursi in un maggior volume di esportazioni oltre che in un aumento della domanda interna. La crescita del prodotto interno lordo (PIL) nel T1 ha già superato le attese con il 3,5% (dato annualizzato su base trimestrale). Tuttavia, per assicurare un ritorno alla crescita duraturo è necessaria una serie di riforme strutturali aggiuntive (ad es. intese ad aumentare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro). Mercati emergenti: Cina ancora in transizione verso una crescita tendenziale più bassa, ma con prospettive solide Benché gli ultimi dati sulla crescita cinese siano stati più deboli del previsto (PIL del T1 pari al 7,7% su base annua), riteniamo che ciò sia parte integrante di una prevista transizione verso un trend di crescita meno sostenuto, ma tuttora robusto. Alla luce del basso livello d inflazione, la politica cinese dovrebbe restare favorevole alla crescita. In Brasile, gli indicatori continuano a segnalare rischi di ribasso. Unitamente a una dinamica dei prezzi dei prodotti alimentari più propizia, ciò dovrebbe contenere il rialzo dei tassi ufficiali dopo l ultimo ciclo restrittivo avviato dalla banca i Gli esponenti politici europei sembrano tollerare tagli alla spesa pubblica meno drastici in futuro, poiché in molti casi questi ultimi non sono riusciti a realizzare l auspicata riduzione del deficit. centrale brasiliana (ritocco verso l alto di 25 punti base al 7,5% in aprile). Da un lato i prezzi più bassi delle materie prime arginano l inflazione, dall altro implicano anche uno slancio meno immediato per gli esportatori netti di materie prime come la Russia. Macro Global 7/28

8 Fixed Income Global Il ruolo dell eccesso di liquidità Luca Bindelli, Deputy Head of Strategy, CIO Office Se la recente crescita del credito e dei titoli a reddito fisso a più alto rendimento è in larga misura riconducibile all eccesso di liquidità a livello globale, il possibile esaurimento di questo «filone d oro» potrebbe paralizzare la ricerca di rendimento. Tuttavia, un eventuale ritiro di liquidità avverrebbe comunque con uno scarto temporale rispetto al miglioramento dei fondamentali macroeconomici, il che induce a ritenere che il surplus di liquidità continuerà a sostenere i segmenti del credito e del reddito fisso a più alto rendimento. Qual è il segmento che beneficia maggiormente dell eccesso di liquidità? Per comprendere in quale misura i fautori delle politiche possono aver influenzato i rendimenti del reddito fisso, abbiamo esaminato la base monetaria eccedente rispetto alle transazioni connesse all attività reale, e abbiamo verificato l impatto che ha avuto sulle obbligazioni ad alto rendimento globali, i titoli di Stato dei mercati emergenti e il credito investment grade statunitense. Abbiamo costruito il nostro indicatore dell eccesso di liquidità globale partendo dal tasso di crescita della base monetaria e sottraendovi il tasso di crescita della produzione industriale. Abbiamo quindi aggregato l eccesso di liquidità nelle economie del G10 più Brasile, Russia, India e Cina, ponderando ciascun paese in funzione delle rispettive dimensioni economiche 1. Il grafico alla pagina seguente illustra il rendimento annuo complessivo per i diversi segmenti del reddito fisso (asse delle ordinate) quale funzione della crescita eccessiva della liquidità globale in passato (ritardato di 12 mesi). Ciò che emerge con chiarezza è che la crescita eccessiva della liquidità a livello globale presenta una correlazione positiva con i rendimenti futuri del reddito fisso. Per sottolineare la nostra argomentazione, abbiamo inoltre mostrato la regressione lineare più indicata per ciascun segmento del reddito fisso. L inclinazione della regressione rappresenta la sensibilità del rendimento totale alla liquidità. Nel caso delle obbligazioni globali ad alto rendimento, un aumento della liquidità dell 1% corrisponde in media a un rendimento aggiuntivo annuo pari allo 0,59% (i titoli high yield globali hanno un coefficiente beta di 0,59 rispetto alla liquidità eccedente). I segmenti a minor rischio presentano invece un beta inferiore. In particolare, il credito investment grade statunitense evidenzia un beta pari a «soltanto» 0,19, mentre quello delle obbligazioni dei mercati emergenti si attesta a quota 0,35. Ciò dovrebbe confermare che i segmenti con un rischio più basso dell universo obbligazionario hanno beneficiato dell eccesso di liquidità in misura comparativamente inferiore. Nel nostro esempio, abbiamo previsto un ritardo di 12 mesi rispetto all eccesso di liquidità globale. Tuttavia, ritroviamo livelli di beta sorprendentemente simili considerando un ritardo di soli sei mesi rispetto all eccesso di liquidità globale. In altri termini, l eccesso di risorse liquide produce effetti di una certa durata sui rendimenti obbligazionari. Infine, i nostri calcoli suggeriscono che la crescita eccessiva della liquidità può essere ritenuta responsabile nella misura del 44% 56% delle variazioni di rendimento complessive nel periodo in esame. Tale dato conferma ulteriormente che la liquidità è uno dei principali volani dei rendimenti del reddito fisso. Il ritiro di liquidità avverrà con uno scarto temporale rispetto al miglioramento delle attività Per il futuro, riteniamo che le banche centrali tarderanno ad adeguare la liquidità 1 In base ai nostri calcoli, gli Stati Uniti rappresentano il 27% della liquidità globale, l UE il 21% e la Cina il 13%. Di conseguenza, e in considerazione del fatto che la Fed è la banca centrale con la maggiore probabilità di decidere di apportare modifiche alla proprie misure non convenzionali, occorre sempre tenere presente che gli Stati Uniti costituiscono la tessera più importante del mosaico per quanto concerne le condizioni di liquidità nei prossimi mesi. La nostra analisi tiene conto del periodo a partire da luglio 2009, in modo da evitare il periodo in cui le banche centrali hanno reagito in risposta a una crisi di liquidità e non, invece, a una politica finalizzata a stimolare l attività economica (dati nostri a fine aprile 2013). I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono garanzia per i rendimenti attuali o futuri. 8/28 Fixed Income Global

9 fintantoché la loro credibilità nel sostenere le attese di inflazione resterà intatta. Ciò significa che l eccesso di liquidità potrebbe restare sufficientemente elevato da mantenere la pressione sugli spread e i rendimenti delle obbligazioni ancora per qualche tempo. La nostra ipotesi è che i responsabili politici consentiranno ai tassi di salire soltanto quando i miglioramenti a livello della domanda finale saranno chiaramente visibili (ad es. sul mercato del lavoro). In altre parole, sarà il miglioramento dei fondamentali sottostanti a determinare un successivo ritiro di liquidità delle banche centrali. Di conseguenza, mentre i rendimenti dei titoli di Stato dovrebbero far segnare un moderato incremento tendenziale nel corso del tempo, i segmenti dell alto rendimento, dei mercati emergenti e del credito dovrebbero Eccesso di liquidità globale e performance dei titoli a reddito fisso Rendimento complessivo in USD, in %, su base annua Rendimento totale = 0,59 x GEL + 9,29 Rendimento totale = 0,35 x GEL + 9,33 Rendimento totale = 0,19 x GEL + 8, Ritardo di 12 mesi rispetto all eccesso di liquidità globale, in %, su base annua (ritardato di 12 mesi) tuttora beneficiare (in quest ordine) del perdurare della positiva crescita dell eccesso di liquidità. Tuttavia, prima che ciò accada, un certo grado di incertezza sui tempi previsti per il ritiro di liquidità dovrebbe verosimilmente condurre a battute d arresto. Queste ultime dovrebbero però essere di natura transitoria. Dagli ultimi dati sull eccesso di liquidità globale da noi calcolati emerge un lieve rallentamento dell aumento eccessivo della liquidità nel corso del T e T1 2013, con i tassi di crescita scesi dai livelli a due cifre della prima metà del 2012 a quelli attuali a una singola cifra (crescita media intorno al 5% nel T1 dell anno in corso). Alla luce del rapporto di interazione temporale sopra esposto, potrebbe esistere un margine per una leggera riduzione del sostegno fornito dalla liquidità. La nostra analisi sopra presentata e la nostra convinzione che le banche centrali preferiscono aspettare «dietro la curva» suggerirebbero comunque un impatto ancora positivo dell eccesso di liquidità sui rendimenti dei settori alto rendimento, mercati emergenti e credito USA (a parità di tutte le altre condizioni) nei prossimi mesi. Obbligazioni globali ad alto rendimento Obbligazioni dei mercati emergenti globali Credito investment grade USA GEL = Global excess liquidity (eccesso di liquidità globale) Fonte: Credit Suisse. I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono garanzia per i rendimenti attuali o futuri. Fixed Income Global 9/28

10 Real Estate Investimenti sostenibili in immobili «verdi» Roger Baumann, Director, Global Head Product Development & Sustainability, Real Estate Asset Management oggi utilizzata a fini di riscaldamento. Secondo le stime, le proprietà immobiliari come ad esempio gli stabili a uso abitativo e commerciale producono fino a un quinto del totale delle emissioni di gas a effetto serra. Inoltre, il settore delle costruzioni assorbe più della metà di tutte le risorse disponibili. Il tema dell edilizia e della gestione sostenibile di immobili assume quindi un ruolo sempre più centrale per il settore immobiliare. I livelli elevati e la volatilità dei prezzi energetici, insieme a una maggiore consapevolezza circa la limitata disponibilità di numerose risorse naturali, contribuiscono a promuovere un maggiore impegno alla compatibilità ambientale nell ambito della progettazione, realizzazione e gestione di immobili. Alla base di tale tendenza non c è soltanto il desiderio di agire in modo responsabile per lasciare un mondo migliore ai propri figli, ma anche quello di ottenere in questo modo spese di gestione più basse sul lungo periodo, un elevato potenziale di locazione e buone opportunità di rendimento. L immobile destinato ad uffici «Foyer» a Zugo vanta le certificazioni greenproperty, Minergie-ECO e LEED Platinum ed è considerato un modello di costruzione sostenibile ed ecologica. Copyright: leistungsphotografie.ch Gli investimenti sostenibili, ormai una tendenza sempre più diffusa, rispondono alla crescente esigenza di assumersi maggiori responsabilità a livello sociale e ambientale. Tale tipologia d investimento è indicata in particolare per investitori istituzionali con un orizzonte d investimento a lungo termine. Anche nell ambito degli investimenti immobiliari questo tema è destinato ad acquisire sempre maggiore importanza non da ultimo per via dell elevato consumo energetico delle proprietà immobiliari. Il settore immobiliare attraversa un periodo di trasformazione strutturale. Quasi la metà dell energia finale mondiale è Non solo risparmio energetico Riguardo al significato concreto del termine «sostenibilità», le opinioni sono spesso divergenti. In Svizzera, il concetto di edilizia sostenibile è spesso associato alla certificazione Minergie 1. Analizzando il tema della sostenibilità in un ottica più ampia, accanto al fattore senza dubbio importante del consumo energetico vanno però considerati anche aspetti quali il tipo di materiali impiegati, la flessibilità di utilizzo degli edifici nonché la disponibilità di infrastrutture sia pubbliche sia private. 1 Minergie è un marchio protetto in tutto il mondo per l edilizia sostenibile e costituisce lo standard energetico più importante in Svizzera per le abitazioni a basso consumo energetico. Lo standard Minergie-P designa e qualifica gli immobili che puntano a un consumo energetico ancora più basso rispetto a quello garantito dal marchio Minergie. 10/28 Real Estate

11 Di primo acchito, ad esempio, possedere un immobile conforme allo standard Minergie-P 1 potrebbe sembrare sufficiente a soddisfare il criterio di sostenibilità. Volendo compiere un indagine più approfondita, tuttavia, ci si dovrebbe interrogare anche sull adeguatezza di scelte costruttive che richiedono materiali provenienti da paesi lontani. Questi ultimi implicano infatti elevati oneri energetici occulti, ad esempio per la produzione e il trasporto fino al luogo di utilizzo un insieme di voci che va sotto il nome di «energia grigia». Altrettanto poco sensato, ad esempio, sarebbe dover utilizzare l automobile per sbrigare le faccende quotidiane o recarsi sul luogo di lavoro in mancanza di mezzi pubblici, poiché anche questo comportamento ha un elevato impatto a carico dell ambiente. Caso di studio a cura di Credit Suisse in collaborazione con il WWF La decarbonizzazione del settore immobiliare svizzero Gli investimenti immobiliari consentono di contribuire in misura determinante ad abbattere le emissioni di biossido di carbonio (decarbonizzazione). Lo studio pubblicato nell agosto 2012 si prefigge di illustrare le possibilità di intervento delle banche per apportare un contributo alla riduzione del CO 2 nell ambito dei loro investimenti immobiliari. Tale studio valuta il potenziale di riduzione La gestione di portafoglio sostenibile comprende edifici nuovi e immobili già esistenti Nel 2009, il Real Estate Asset Management (REAM) di Credit Suisse ha lanciato sul mercato il primo fondo immobiliare sostenibile nell ambito degli immobili di nuova realizzazione. Parallelamente, ha assunto un ruolo di pioniere grazie al varo del marchio di qualità greenproperty. Per gli immobili già esistenti, invece, fino a poco tempo fa le possibilità di una verifica sistematica delle opportunità di risparmio e ottimizzazione erano disponibili soltanto in misura limitata. Nel luglio 2012 il REAM di Credit Suisse, che figura tra i maggiori committenti e proprietari privati di immobili in Svizzera, ha inaugurato un programma quinquennale in collaborazione con Siemens Svizzera e Wincasa. L obiettivo di tale sinergia consiste nel ridurre sistematicamente e senza misure d investimento edilizio il consumo energetico complessivo e le emissioni di CO 2 degli edifici in cui il REAM è investito. In media, per ciascuno stabile si punta a risparmiare almeno il 10% delle emissioni di CO 2, il che corrisponde a ben tonnellate di biossido di carbonio. In virtù di questo ambizioso programma, in Svizzera verranno ottimizzati e gestiti in modo sostenibile nel tempo quasi 1000 immobili, per un valore complessivo di oltre 30 miliardi di franchi. di CO 2 a partire dall esempio concreto del Real Estate Asset Management di Credit Suisse. Lo studio è disponibile in inglese e tedesco. È possibile riceverne una copia al seguente link: credit-suisse.com/cleantech/de/ Credit Suisse Research Highlighted Publications Tendenza agli investimenti sostenibili Il volume d investimento destinato alle soluzioni sostenibili a cui possono accedere gli investitori sia istituzionali che privati è tuttora limitato. A partire dal 2005, l offerta di prodotti che contemplano aspetti sociali, etici o ecologici è comunque aumentata notevolmente. Gli investitori possono investire in immobili «verdi» secondo due diverse modalità: indirettamente tramite fondi sostenibili che a loro volta investono in società immobiliari, oppure direttamente mediante fondi immobiliari che detengono immobili che soddisfano criteri ecologici. I prodotti d investimento sostenibili sono particolarmente indicati per investitori istituzionali come ad esempio le casse pensione, che in genere presentano un orizzonte d investimento lungo. Poiché gli investimenti sostenibili mirano a conseguire obiettivi di performance orientati sul lungo periodo, l orizzonte d investimento è appunto ben compatibile con quello degli investitori istituzionali. Real Estate 11/28

12 Investimenti valutari come fonte di rendimento Strategie valutarie Interessanti soluzioni basate sul rischio per portafogli diversificati Luca Bindelli e Giuseppe Traviglia, CIO Office, e Damaris Reiser, Alternative Investments Advisory 12/28 Dossier Il contesto di mercato induce gli investitori a cercare soluzioni d investimento trasparenti e liquide. Ciò a cui ambiscono è accedere a strategie in grado di cogliere opportunità d investimento allettanti e, al contempo, di offrire interessanti caratteristiche statistiche nell ottica della diversificazione del portafoglio. Nel presente articolo passiamo in rassegna le potenzialità delle strategie valutarie in questo contesto e le diverse possibilità disponibili per implementare efficacemente tali strategie all interno di un portafoglio. Attuali opportunità di mercato La politica fiscale e monetaria degli ultimi tempi, e segnatamente il continuo dibattito su temi quali la «guerra delle valute» Grafico 1: performance annualizzata media di diverse classi di attivi (dati storici e proiezione CMA) Classe di attivi Benchmark Rendimento storico ( ) Volatilità storica ( ) Rendimento atteso su 5 anni (proiezioni CMA) 1 Obbligazioni USD Citigroup Euro$ 5,6% 3,7% 0,6% Azioni Svizzera MSCI Switzerland 4,0% 20,9% 4,1% Azioni Eurozona MSCI Eurozone -3,6% 29,8% 6,6% Azioni Regno Unito MSCI UK 0,6% 22,9% 7,5% Azioni USA MSCI USA 3,0% 19,1% 7,9% Azioni Giappone MSCI Japan -2,6% 18,4% 6,6% Azioni mercati emergenti MSCI Emerging Markets 3,4% 29,0% 9,6% Materie prime DJ UBS Commodity -2,8% 21,9% 7,0% Hedge fund HFRX Global -2,6% 7,2% 6,3% Oro London PM Gold 17,5% 21,9% 7,0% Immobili FTSE EPRA NAREIT Global 5,1% 27,4% 7,8% Valute estere Investimento valutario diversificato 7,0% 3,1% 1 I rendimenti attesi su 5 anni si basano sulle ultime proiezioni sui mercati dei capitali (Capital Market Assumption, CMA) disponibili a febbraio I rendimenti qui indicati sono denominati in USD. Utilizziamo una matrice di varianza-covarianza storica per costruire le cosiddette «frontiere efficienti». 2 Performance calcolata in base a una simulazione retrospettiva. Fonte: Credit Suisse, periodo di rilevamento I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono garanzia per i rendimenti attuali o futuri. e la «concorrenza tra le valute globali», ha inciso in modo particolare sui mercati valutari. La presenza di fondamentali contrastanti, come la dispersione delle previsioni di crescita e inflazione, sta creando opportunità d investimento e di negoziazione nei mercati valutari globali. In termini di performance, il 2011 e 2012 sono stati difficili per i gestori che adottano strategie valutarie, a causa della volatilità implicita bassa e in via di ulteriore calo dei mercati dei cambi globali. Dalla fine dello scorso anno, però, sono giunti segnali di un leggero incremento della volatilità delle valute, il che ha offerto ai gestori buone opportunità di negoziazione. Le caratteristiche di portafoglio di un investimento in valuta estera sono favorevoli Di seguito esaminiamo le implicazioni di un investimento valutario nel quadro di un portafoglio bilanciato in USD che può investire in azioni, obbligazioni, materie prime e immobili. Formulando una serie di ipotesi sulla volatilità del portafoglio e i rendimenti degli investimenti, dimostriamo che le strategie valutarie rappresentano un efficace integrazione per un portafoglio bilanciato standard. Ai fini della nostra analisi, ci siamo concentrati sul periodo Il grafico 1 presenta una sintesi dei dati statistici relativi all universo d investimento da noi consi- Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier

13 Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Grafico 2: «Frontiere efficienti» in base a dati storici e proiezioni di rendimento CMA Sulla base di rendimenti storici Sulla base di proiezioni di rendimento CMA 8% 8% Rendimento di portafoglio 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% derato nonché, da un lato, i rendimenti storici 1 e, dall altro, i rendimenti attesi sui prossimi cinque anni desunti dalle proiezioni sui mercati dei capitali (Capital Market Assumptions, CMA) di Credit Suisse. I rendimenti storici sono contraddistinti da un contesto di flessione dei rendimenti (elevati rendimenti obbligazionari) e scarsi rendimenti medi delle azioni. L attuale contesto di tassi bassi implica tuttavia che la spiccata performance delle obbligazioni non potrà ripetersi nei prossimi anni. Inoltre, l elevato premio al rischio azionario attualmente osservabile suggerisce un potenziale di rendimento maggiore nel segmento azionario. Abbiamo pertanto deciso di integrare nella nostra analisi un secondo scenario di rendimento (basato su proiezioni CMA), che rappresenta proprio un contesto meno favorevole alle obbligazioni, in cui le azioni Rendimento di portafoglio offrirebbero una migliore opportunità d investimento rispetto allo scenario di rendimento storico. Il grafico 2 illustra le «frontiere efficienti» ottenute con e senza l ausilio di un investimento valutario indipendente per i due scenari di rendimento sopra descritti, rispettivamente i rendimenti storici e le proiezioni di rendimento CMA. In entrambi gli scenari, l integrazione di un investimento valutario nel portafoglio complessivo genera un incremento di efficienza non trascurabile 2, ottenuto principalmente in virtù delle sue interessanti proprietà di diversificazione. In effetti, come emerge dal grafico 3, che illustra le correlazioni degli investimenti su cambi con altre classi di attivi presenti nel portafoglio, nel periodo in rassegna tutte le correlazioni risultano basse. Trends Estate 13 0% 0% 4% 5% 6% 7% 8% 4% 5% 6% 7% 8% Rischio di portafoglio Rischio di portafoglio Con investimento valutario diversificato Fonte: Credit Suisse. 1 Per il investimento valutario abbiamo utilizzato dati mensili di un indice valutario diversificato, che copre diverse strategie valutarie con ponderazioni costanti (ribilanciamento mensile). 2 Limitiamo la quota di investimenti valutari nel nostro portafoglio a una percentuale compresa tra lo 0% e il 10%. Le obbligazioni sono limitate a una quota compresa tra il 5% e il 65%, le azioni a una percentuale compresa tra il 25% e il 55%, mentre le materie prime, l oro, gli hedge fund e gli immobili sono tutti presenti in misura compresa tra lo 0% e il 10%. Dossier 13/28 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% Senza investimento valutario Grafico 3: correlazioni delle classi di attivi con investimento valutario Benchmark Correlazione con investimento valutario Citigroup Euro$ 0,16 MSCI Switzerland 0,07 MSCI Eurozone 0,09 MSCI UK 0,09 MSCI USA 0,09 MSCI Japan 0,08 MSCI Emerging Markets 0,17 DJ UBS Commodity 0,13 HFRX Global 0,19 London PM Gold 0,08 FTSE EPRA NAREIT Global 0,12 Fonte: Credit Suisse, periodo di rilevamento I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono garanzia per i rendimenti attuali o futuri.

14 Analisi della sensibilità alle ipotesi di rendimento Nella nostra precedente analisi, l investimento valutario presenta evidenti punti di forza, con una performance lorda annualizzata del 7% in media e una bassa volatilità storica, pari al 3,1%. Al fine di confermare la validità di questi dati, abbiamo Ponderazione ottimale Ponderazione ottimale 14/28 Dossier Grafico 4: ponderazione valutaria ottimale sulla base di diverse ipotesi di rendimento atteso e volatilità target del portafoglio Sulla base di rendimenti storici 10% 8% 6% 4% 2% 0% 5% 6% Rischio di portafoglio Rendimento atteso = 0% Rendimento atteso = 4% Rendimento atteso = 0% Rendimento atteso = 4% Rendimento atteso = 2% Rendimento atteso = 7% Sulla base di proiezioni di rendimento CMA 10% 8% 6% 4% 2% 0% 6% 7% 8% 9% 10% 11% 12% 13% 14% Rischio di portafoglio Rendimento atteso = 2% Rendimento atteso = 7% Fonte: Credit Suisse. I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono garanzia per i rendimenti attuali o futuri. deciso di calcolare la ponderazione valutaria ottimale nel nostro portafoglio utilizzando ipotesi alternative di rendimento degli investimenti valutari a fronte di un determinato livello di rischio di portafoglio. I risultati di tale analisi sono confluiti nel grafico 4. Dai due scenari ipotetici di rendimento (rendimento storico e proiezioni di rendimento CMA) per tutte le altre classi di attivi risulta che la soluzione ottimale consiste sempre nel destinare alle valute la ponderazione massima laddove il rendimento atteso sia pari al 7% per l investimento valutario. Lo stesso vale per tutti i livelli di rischio di portafoglio considerati. Poiché le ipotesi di rendimento valutario sono gradualmente riviste al ribasso, le ponderazioni dell investimento valutario tendono a scendere per arrivare a bassi livelli di volatilità target per il portafoglio. Ciononostante, con quasi tutti i livelli di volatilità target è opportuno includere una determinata allocazione all investimento valutario, perfino presupponendo un rendimento lordo atteso dello 0%. Ciò è dovuto al fatto che la maggiore diversificazione ottenuta è particolarmente preziosa in portafogli con livelli di volatilità più bassi. Le valute sono una valida integrazione per un portafoglio bilanciato Innanzitutto, abbiamo dimostrato che l introduzione di investimenti valutari in un portafoglio stilizzato contribuisce a ottimizzare il profilo di rischio-rendimento, in quanto costituisce un utile integrazione a portafogli diversificati grazie alla bassa volatilità e alle positive caratteristiche di diversificazione. In secondo luogo, tale conclusione potrebbe applicarsi a una serie di ipotesi di rendimento previsto per le valute. Infine, l inclusione di strategie valutarie appare particolarmente proficua per i profili di rischio più bassi. E ciò vale per entrambi gli scenari di rendimento ipotetici (rispettivamente basati su dati storici e proiezioni CMA). Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier

15 Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Di seguito illustriamo le diverse possibilità per mettere in pratica una strategia valutaria. Possibili approcci d investimento Esistono diverse strategie valutarie, ciascuna delle quali punta a cogliere in diverso modo le opportunità disponibili sul mercato valutario. Innanzitutto, occorre operare una distinzione tra approcci fondamentali da un lato e strategie di negoziazione tecniche dall altro. Nell ambito delle strategie fondamentali, i dati economici e di mercato, i flussi di denaro o altri eventi di mercato esterni sono utilizzati come dati di input. Nel caso delle strategie tecniche, invece, ai fini del posizionamento è determinante l analisi tecnica dei dati fondamentali relativi al mercato e alla congiuntura. Esistono inoltre strategie relative a transazioni su derivati, che prevedono l impiego di opzioni, per cui la valuta non viene depositata fisicamente e i profili di rendimento risultano asimmetrici. Inoltre si distingue tra strategie valutarie globali e approcci d investimento focalizzati, che si concentra su un unica area geografica (ad es. sui paesi emergenti). Un ulteriore variante è costituita dall approccio opportunistico Multi Strategy, nell ambito del quale, a seconda delle rispettive condizioni quadro, si persegue una strategia fondamentale, tecnica oppure focalizzata. Attuazione concreta Le strategie valutarie sono implementabili in diversi modi. Occorre premettere che è possibile optare per una o più strategie d investimento. La strategia selezionata può poi essere implementata direttamente sul mercato costituendo una posizione nella valuta estera desiderata, oppure indirettamente, riproducendola tramite soluzioni d investimento in fondi. Come per le categorie d investimento tradizionali, anche per gli investimenti valutari è sensato instaurare un equilibrio tra le diverse strategie, gli stili d investimento e le priorità geografiche. Ciò comporta, Trends Estate 13 da un lato, un vantaggio in termini di diversificazione per il portafoglio. Dall altro, il ricorso a soluzioni d investimento in fondi consente di ridurre il rischio di gestione. Di seguito esamineremo in maggior dettaglio le cosiddette soluzioni Multimanager. Prima di impostare una soluzione Multimanager, è utile definire un processo Dossier 15/28

16 d investimento istituzionalizzato e trasparente. Quest ultimo deve definire con chiarezza il modo in cui vanno articolati il processo di allocazione, la selezione e il costante monitoraggio degli investimenti all interno del portafoglio. Al fine di contenere il più possibile il rischio di controparte, è opportuno registrare i singoli prodotti d investimento su una piattaforma o una struttura d investimento indipendente (struttura Managed Account). Una piattaforma gestita in modo professionale è garanzia di trasparenza e permette di stabilire singolarmente la struttura delle commissioni in funzione del volume d investimento. 16/28 Dossier Selezione dei gestori Per selezionare gli investimenti più idonei sulla piattaforma, è necessario impostare determinati criteri di selezione. Questi ultimi vengono quindi utilizzati nell ambito di un approfondito processo di due diligence. I criteri possono essere sia di tipo quantitativo sia di tipo qualitativo. Uno dei principali criteri di selezione è il confronto che tiene conto della performance storica corretta per il rischio e dell importo delle commissioni di gestione applicate. Altri criteri rilevanti possono essere rappresentati dall esperienza del gestore nel mercato valutario e dalla stabilità della performance generata. Il gestore dovrebbe inoltre adottare un processo d investimento trasparente e istituzionalizzato. Bisogna inoltre appurare in quale misura il gestore si attiene alle proprie direttive d investimento, ad es. se le implementa in modo disciplinato anche in condizioni di mercato difficili. Se un gestore ha superato con successo il processo di due diligence, il fondo da questi amministrato viene introdotto nell allocazione. Grazie a un setup Managed Account trasparente, è possibile assicurare una gestione del rischio efficiente. Processo di allocazione Oltre a un allocazione strategica, che stabilisce la ponderazione strategica delle singole substrategie d investimento queste ultime possono essere adeguate tatticamente a seconda del contesto di mercato, nella fase seguente occorre decidere in merito all allocazione dei diversi gestori. A tal proposito si raccomanda un approccio basato sul rischio. L allocazione dei manager viene determinata da una comparazione tra i rischi storici dei singoli fondi. Uno dei parametri di rischio funzionali a tale scopo può essere ad esempio il drawdown massimo. In questo caso l allocazione avviene secondo un principio inversamente proporzionale: più è alto il drawdown massimo del singolo fondo, più bassa sarà la ponderazione ad esso assegnato all interno dell allocazione. Questo approccio è inteso a ridurre il rischio del portafoglio incrementando la ponderazione dei fondi che in passato sono stati gestiti in base a un approccio più conservativo. Monitoraggio costante L allocazione dovrebbe essere monitorata costantemente e adeguata in caso di necessità. Se un fondo registra un nuovo drawdown, la ponderazione sarà ridimensionata di conseguenza. Tra i criteri di cui tenere conto dovrebbero figurare anche eventuali modifiche della strategia di rischio da parte del gestore, anche senza che si verifichi un nuovo drawdown. Soluzioni d investimento nella pratica Nell universo delle soluzioni offshore, gli investitori interessati possono accedere ad alcuni fondi che perseguono strategie valutarie. Nel segmento onshore, l offerta di prodotti resta invece molto limitata. Di recente è stato lanciato sul mercato un fondo compatibile con la direttiva UCITS; secondo le previsioni, nei prossimi mesi e anni ne dovrebbero seguire altri. In concreto, la costruzione di un fondo di questo tipo, compatibile con la direttiva UCITS, avviene come segue: si costruisce un indice che riproduce la performance dei gestori Forex selezionati; mediante la piattaforma Managed Account il fondo assume uno swap che non influisce sulla liquidità («unfunded»); il fondo corrisponde commissioni e in cambio riceve ricavi identici a quelli dell indice Forex. Il bilancio tra utili e perdite viene calcolato su base quotidiana. Tramite questa struttura derivata, in pratica non viene vincolata alcuna liquidità, e quest ultima, nell ambito di un mandato a reddito fisso con orientamento conservativo, può contribuire a generare un ricavo aggiuntivo a fronte di un basso rischio. Tale soluzione offre anche il vantaggio che non occorre detenere gli in- Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier

17 Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier Dossier vestimenti fisicamente, il che consente un impiego efficiente del capitale. Inoltre presenta un basso rischio di controparte: se lo swap è «unfunded», vale a dire se non sussiste alcun obbligo di deposito fisico, il rischio è limitato all utile non ancora versato dalla controparte cumulato nell arco di un giorno. La compensazione degli utili e delle perdite avviene a cadenza bimensile. Conclusioni Le strategie valutarie impostate in questo modo sono indicate per investitori orientati al rendimento. Permettono altresì di ottenere vantaggi di diversificazione per Trends Estate 13 portafogli misti e un ottimizzazione del profilo di rischio-rendimento. In qualità di soluzioni d investimento liquide, trasparenti e diversificate, sono raccomandabili soluzioni d investimento in fondi in formato UCITS. Queste ultime sono particolarmente idonee anche per i portafogli con orientamento conservativo. Attualmente, tuttavia, la scelta di fondi compatibili con la direttiva UCITS è ancora molto limitata. Alla luce della tendenza generale osservabile, ovvero quella di lanciare fondi alternativi come prodotti onshore, si prevede però che in futuro l offerta di prodotti sia destinata ad aumentare. Dossier 17/28

18 Column Le small cap Piccole, ma non per questo meno importanti! Dr. Valerio Schmitz-Esser, responsabile Index Solutions Numerosi investitori istituzionali in Svizzera investono in titoli azionari esteri presenti nell indice MSCI World ex Switzerland. Poiché in tale indice non sono rappresentate le società a piccola capitalizzazione (small cap), gli investitori tendono a trascurare questo segmento d investimento. Dai loro portafogli è pertanto escluso deliberatamente o inconsapevolmente circa il 14% della capitalizzazione di borsa investibile. Si tratta di un dato sorprendente, in quanto le azioni di società di dimensioni più piccole hanno sempre conseguito un rendimento di lungo periodo superiore rispetto ai titoli delle grandi aziende. Nel corso degli ultimi dodici anni, gli indici globali che comprendono il segmento delle small cap hanno messo a segno un rendimento annuo aggiuntivo pari allo 0,6% a fronte di un rischio pressoché identico. Grafico 1: strutturazione degli indici secondo il principio modulare Indici Large Cap, 70% Indici Mid Cap, 15% Indici Small Cap,14% Indici Standard, 85% Indici IMI, 99% Indici standard senza small cap Negli indici azionari dell index provider globale MSCI, i titoli sono suddivisi in tre diverse categorie in funzione delle dimensioni dell azienda: società di grandi dimensioni o large cap (che rappresentano il 70% della capitalizzazione di borsa), imprese di medie dimensioni o mid cap (15%) e piccole aziende o small cap (14%). Gli indici MSCI Standard, che godono di ampia diffusione, comprendono soltanto le aziende di medie e grandi dimensioni, e coprono pertanto una quota di mercato limitata all 85%. Oltre agli indici standard, MSCI calcola anche indici relativi alle small cap. Le società di tutte e tre le dimensioni sono compresenti negli indici MSCI Investable Markets (IMI), che arrivano così a rappresentare circa il 99% della capitalizzazione di borsa investibile. Anche gli indici di altri provider (ad es. FTSE) sono impostati in base a un analogo principio modulare. Le piccole imprese rendono meglio Gli studiosi dei mercati finanziari indagano ormai da decenni per appurare se le dimensioni di un azienda influenzino in modo sistematico il rendimento di un azione oppure no. Determinanti a tal proposito sono stati gli studi condotti da Banz (1981) e le ricerche di Fama e French (1993). Questi ultimi hanno preso in esame il mercato azionario statunitense tra il 1963 e il 1991, osservando che le small cap hanno conseguito un rendimento mensile aggiuntivo dello 0,27%. La comparazione dei rendimenti degli indici a lungo termine ha confermato tale scoperta: tra gennaio 1993 e aprile l indice MSCI World Small Cap ha registrato un rendimento annuo superiore del 2,08% a quello dell indice MSCI World Standard. Da gennaio 2001 ad aprile le small cap hanno superato l indice standard perfino del 5,07% annuo. Da un confronto tra l indice MSCI World IMI (che include le small cap) e l indice MSCI World (che esclude le small cap) emerge che nel medesimo periodo il primo ha fornito un risultato migliore dello 0,57% rispetto al secondo a fronte di un rischio complessivo praticamente identico. Benché il rendimento superiore delle small cap sia soggetto a oscillazioni cicliche, sul lungo periodo il vantaggio in termini di rendimento delle piccole aziende è constatabile in quasi tutti i mercati azionari. Gli stu- Fonte: MSCI, Credit Suisse. 1 Dati al I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono garanzia per i rendimenti attuali o futuri. 18/28 Column

19 Grafico 2: performance degli indici a confronto Performance indicizzata (fine 2000 = 100%) Indice MSCI World (performance lorda) in CHF Indice MSCI World Small Cap (performance lorda) in CHF diosi hanno offerto diverse spiegazioni per tale fenomeno, riconducendolo rispettivamente a un premio per il rischio sistematico aggiuntivo (Fama e French 1993), a un premio per la liquidità inferiore (Amihud 2002) oppure a un inefficienza di mercato dovuta a ragioni comportamentali (Lakonishok, Shleifer e Vishny 1994). Non è indispensabile una gestione attiva Gli investimenti nelle small cap sembrerebbero particolarmente indicati per una gestione del portafoglio di tipo attivo. L attenzione decisamente inferiore rivolta a Indice MSCI World IMI (performance lorda) in CHF Fonte: Datastream, Credit Suisse/IDC. Ultimo aggiornamento: I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono garanzia per i rendimenti attuali o futuri. questo settore da parte degli analisti finanziari consente inoltre di sperare di trovare alcune «perle» ancora sconosciute. Nella pratica, però, le small cap hanno alcune caratteristiche meno favorevoli a una gestione attiva, ad es. elevati costi di negoziazione e bassa liquidità di mercato. Un informazione non ancora scontata nel prezzo può quindi essere utilizzata soltanto per importi d investimento relativamente esigui. In retrospettiva, non sempre le small cap hanno consentito a un approccio di gestione attiva di ottenere risultati superiori rispetto a quelli conseguiti con le blue chip: secondo dati forniti da Standard & Poor s, tra il 2007 e il 2012 circa il 35% dei gestori attivi di blue chip ha superato l indice S&P 500, mentre nello stesso periodo il 22% dei gestori attivi di small cap ha superato l indice S&P 600 Small Cap. Le small cap non dovrebbero quindi offrire maggiori possibilità di selezionare un gestore attivo redditizio rispetto alle blue chip. Anche in termini assoluti, l onere per la scelta del gestore è simile per entrambe le categorie di attivi. A causa del volume d investimento più basso, tuttavia, l onere relativo incide maggiormente sui titoli secondari. Valide ragioni per una strategia d investimento indicizzata Se non è possibile accedere ad asset manager attivi affidabili e dalle capacità comprovate allo scopo di conseguire un rendimento aggiuntivo, per le small cap è indicata una strategia d investimento indicizzata. È vero che ciò comporta la rinuncia a un possibile rendimento superiore rispetto all indice delle small cap, ma è altrettanto vero che il contributo positivo apportato dalle ridotte dimensioni dell azienda viene mantenuto. I costi di un investimento indicizzato nell universo delle small cap sono inoltre nettamente inferiori rispetto a quelli richiesti da una gestione attiva. Oltre alla commissione di gestione inferiore, ha ripercussioni favorevoli sul rendimento al netto delle spese anche la più bassa rotazione del portafoglio, un fattore non trascurabile soprattutto per i titoli secondari illiquidi. La riproduzione passiva di un indice di small cap pone i gestori di portafoglio Column 19/28

20 di fronte a determinate sfide: il numero di titoli è di gran lunga superiore a quelli nell indice standard (nel caso degli indici MSCI, attualmente i titoli sono 4228 rispetto a 1606), e non ci sono i «colossi del settore» che dominano l indice. L azione con la ponderazione maggiore nell indice MSCI World Small Cap, infatti, ne rappresenta soltanto lo 0,19% 1. Di conseguenza è necessario detenere in portafoglio numerosi titoli singoli per ottenere un rischio di scostamento (tracking error) accettabile per un portafoglio indicizzato. Inoltre occorre tenere conto della bassa liquidità e limitata disponibilità di future su indici azionari per il reinvestimento dei dividendi. Credit Suisse vanta una certa esperienza nella riproduzione di indici di small cap. In Grafico 3: incidenza del numero di titoli sul tracking error Tracking error ex-ante Numero di titoli in portafoglio passato ha saputo gestire molto bene le difficoltà implicate da questa classe di attivi, come dimostrano i risultati dei portafogli a replica fisica su indici small cap per gli Stati Uniti, il Regno Unito, l Eurozona e il Giappone. Nel periodo compreso tra luglio 2009 e aprile la performance lorda di due portafogli è stata leggermente superiore rispetto all indice di riferimento, mentre per gli altri due portafogli è risultata solo di poco inferiore a quest ultimo. Per la riproduzione dell indice MSCI Small Cap World è consigliabile il metodo di approssimazione mediante ottimizzazione matematica (Optimized Sampling). Detenere in portafoglio tutti i titoli sarebbe poco redditizio, in quanto le spese di transazione e deposito incidono eccessivamente sul rendimento al netto delle spese. Con Replica dell indice MSCI World Small Cap 2,00% 1,80% 1,75% 1,60% 1,40% 1,20% 1,00% 0,80% 0,75% 0,60% 0,46% 0,40% 0,31% 0,20% 0,00% 0,21% 0,14% 0,00% Fonte: Credit Suisse un portafoglio di circa 1000 titoli, il tracking error atteso può essere ridotto allo 0,46%, un livello accettabile per questa classe di attivi. Un portafoglio di 2500 titoli, invece, presenta un tracking error non superiore allo 0,14%. Credit Suisse mira a riprodurre l indice con un numero di titoli compreso tra 1500 e Alla luce delle positive caratteristiche di rendimento delle small cap globali è sorprendente che questo interessante segmento sia stato scelto da un numero esiguo di investitori svizzeri. Una delle spiegazioni potrebbe essere che tale segmento è stato finora associato soprattutto a una modalità di gestione attiva e che l onere per la scelta del gestore è stato giudicato eccessivo da molti investitori in particolare considerando il volume d investimento relativamente basso. Con un investimento indicizzato in small cap globali è tuttavia possibile contenere notevolmente gli oneri per la ricerca e le spese correnti dell investimento senza che venga eroso il premio di rendimento atteso sul lungo termine. Dal grafico 2 alla pagina precedente emerge con chiarezza che, sull arco di diversi anni, il risultato è tutt altro che trascurabile. 1 Dati al /28 Column

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity

Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity 24 Risk Parity Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity Se volessimo descrivere l approccio Risk Parity con una sola parola, Diversificazione sarebbe sicuramente la più indicata. In media, in

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

SPINGERSI OLTRE LE OBBLIGAZIONI ALLA RICERCA DI REDDITO

SPINGERSI OLTRE LE OBBLIGAZIONI ALLA RICERCA DI REDDITO AD USO ESCLUSIVO INTERMEDIARI AUTORIZZATI E INVESTITORI QUALIFICATI SPINGERSI OLTRE LE OBBLIGAZIONI ALLA RICERCA DI REDDITO BGF GLOBAL MULTI-ASSET INCOME FUND È il momento di spingersi oltre le obbligazioni

Dettagli

Investire in periodi di Financial Repression

Investire in periodi di Financial Repression 6 Smart Risk Update III/2013 Investire in periodi di Financial Repression L attuale contesto di bassi tassi d interesse spinge gli investitori ad intraprendere soluzioni di investimento innovative. Con

Dettagli

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Investment Insight Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Il segmento High Yield in Europa nel 2016 I mercati continuano ad essere nervosi a fine 2015, a causa di una serie di eventi risk-off.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Fondo AcomeA ETF attivo

Fondo AcomeA ETF attivo Articolo pubblicato su Borsa Italiana il 28 giugno 2012 http://www.borsaitaliana.it/speciali/trading/inside-markets/23/etf-fondoacomeaetfattivo.htm Fondo AcomeA ETF attivo Il fondo AcomeA ETF Attivo è

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

Gennaio 2015. Stimato Cliente,

Gennaio 2015. Stimato Cliente, Rex House tel +44 (0) 20 7024 6000 10 Regent Street fax +44 (0) 20 7024 6001 London SW1Y 4PE www.russell.com Gennaio 2015 Stimato Cliente, giunti alla fine di un 2014 ricco di eventi, è mio desiderio ringraziarla

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK:

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: IL PATRIMONIO GESTITO IN ETF/ETP A LIVELLO INTERNAZIONALE POTREBBE SUPERARE LA SOGLIA DEI 2.000 MILIARDI DI DOLLARI ENTRO L INIZIO DEL 2012 Gli ETF si impongono

Dettagli

HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA

HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA PENSION SOLUTIONS 2013 HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA I prodotti finanziari menzionati nel presente documento sono strumenti finanziari derivati.

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Allianz Flexible Bond Strategy

Allianz Flexible Bond Strategy Allianz Flexible Bond Strategy In un mondo che cambia rapidamente è importante essere flessibili Ottobre 2012 Documento con finalità promozionali destinato al cliente al dettaglio e al potenziale cliente

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari

Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari Strategia Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari La gestione dei premi al rischio è una strategia comunemente adottata negli investimenti obbligazionari e valutari. Per il comparto azionario

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Giugno 2015 Il ritorno della volatilità Nelle ultime settimane, agli investitori è stato ricordato che

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Pension Solutions 2013

Pension Solutions 2013 Pension Solutions 2013 PORTAFOGLIO D INVESTIMENTI HELVETIA PIANO DI GARANZIA GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA I prodotti finanziari menzionati nel presente documento sono strumenti finanziari derivati.

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

Schroder ISF European Absolute Return

Schroder ISF European Absolute Return Pagina 1 Indice Europa: Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Il fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del fondo al 29 giugno 2007 Il

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Nota stampa. 17 novembre 2009. Nota Stampa Gli ETF FTSE RAFI di Invesco PowerShares.

Nota stampa. 17 novembre 2009. Nota Stampa Gli ETF FTSE RAFI di Invesco PowerShares. Nota stampa Nota Stampa Gli ETF FTSE RAFI di Invesco PowerShares. 17 novembre 2009 Se doveste avventurarvi per un lungo viaggio, scegliereste un automobile del 1957 o una superaccessoriata berlina del

Dettagli

COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE

COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE AD USO ESCLUSIVO DI INTERMEDIARI AUTORIZZATI E INVESTITORI QUALIFICATI COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE BLACKROCK GLOBAL FUNDS (BGF) GLOBAL MULTI-ASSET INCOME FUND Offri ai tuoi clienti

Dettagli

Per investitori italiani. Presentazione degli ETF ishares

Per investitori italiani. Presentazione degli ETF ishares Per investitori italiani Presentazione degli ETF ishares Perché scegliere gli ETF? Vantaggi degli ETF Gli Exchange Traded Fund (ETF) hanno rivoluzionato il modo in cui gli investitori gestiscono il proprio

Dettagli

PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO. Presentazione degli ETF e di ishares

PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO. Presentazione degli ETF e di ishares PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO Presentazione degli ETF e di ishares Perché scegliere gli ETF? Gli Exchange Traded Fund (ETF) hanno rivoluzionato il modo in cui gli investitori

Dettagli

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Contenuti 1. Tendenze nel Settore degli Investitori Previdenziali 2. Soluzioni Assicurativo/Finanziarie

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Quando si decide di investire, e non semplicemente di parcheggiare la propria liquidità, bisogna tener presente che non esistono investimenti completamente

Dettagli

Q&A: Dachfonds Südtirol

Q&A: Dachfonds Südtirol La soluzione bilanciata flessibile prudente di Raiffeisen Capital Management Pagina 1 di 5 Nel presente documento potrà trovare le risposte alle sue domande relative al nostro fondo bilanciato flessibile

Dettagli

DEUTSCHE BANK LANCIA IN ITALIA IL PRIMO FONDO A GESTIONE QUANTITATIVA INTERAMENTE INVESTITO IN UN PANIERE DIVERSIFICATO DI EXCHANGE TRADED FUNDS (ETF)

DEUTSCHE BANK LANCIA IN ITALIA IL PRIMO FONDO A GESTIONE QUANTITATIVA INTERAMENTE INVESTITO IN UN PANIERE DIVERSIFICATO DI EXCHANGE TRADED FUNDS (ETF) Comunicato stampa DEUTSCHE BANK LANCIA IN ITALIA IL PRIMO FONDO A GESTIONE QUANTITATIVA INTERAMENTE INVESTITO IN UN PANIERE DIVERSIFICATO DI EXCHANGE TRADED FUNDS (ETF) Milano, 16 Giugno 2009 Deutsche

Dettagli

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Fa fede la versione orale Conferenza stampa del 3 settembre 2013 Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Gentili signore,

Dettagli

Prospettive ampie, rischio controllato 04 05.13

Prospettive ampie, rischio controllato 04 05.13 Prospettive ampie, rischio controllato Dossier Formule d investimento orientate al rischio con evidenti vantaggi nelle fasi di correzione Rubrica Oro La fine di un era? 04 05.13 Equity Global Otto sorprese

Dettagli

Q&A: Raiffeisen Fund Conservative

Q&A: Raiffeisen Fund Conservative La soluzione obbligazionaria flessibile di Raiffeisen Capital Management Pagina 1 di 5 Nel presente documento potrà trovare le risposte alle sue domande relative al nostro fondo obbligazionario flessibile

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Stabilizza i tuoi investimenti Tutti i vantaggi dell'obbligazionario flessibile globale Prima della sottoscrizione leggere attentamente il documento

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Luglio 2015 Calure estive Quest estate potrebbe essere rovente e non solo in senso meteorologico. Probabilmente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Equazione di Fisher Siano r il tasso reale, n il tasso nominale ed

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Allianz Suisse Casella postale 8010 Zurigo www.allianz-suisse.ch Info finanza 01 YDPPR267I e previdenza Edizione 01 / Marzo 2013 ECCEDENZE LPP Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Senza

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO

S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO Milano, 03/11/2015 INDICE 1. PORTAFOGLIO ATTUALE 2. ANALISI DEL PORTAFOGLIO Per macro asset class Per micro asset class Per tipologia di prodotto Per valuta 3. ANALISI DEI

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Stabilizza i tuoi investimenti Tutti i vantaggi dell'obbligazionario flessibile globale Prima della sottoscrizione leggere attentamente il documento

Dettagli

Oltre i classici strumenti

Oltre i classici strumenti Documento di Marketing Schroders Fondi Multi-Asset Oltre i classici strumenti Investire non è un esercizio semplice. Di fronte a un panorama sempre più complesso, azioni e obbligazioni sono solo alcune

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Riservato agli investitori professionali Asset Allocation Mensile Aprile 2016 ASSET ALLOCATION IN SINTESI Joost van Leenders, CFA, Chief economist, Multi Asset Solutions joost.vanleenders@bnpparibas.com

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Settembre 2015 La volatilità torna alla ribalta Nel 2015 l indice azionario S&P 500 non solo ha fatto registrare

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2013) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Life Insurance

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda

Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda 18 Azioni Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda Anche se la Banca Centrale statunitense sta riflettendo su un abbandono della politica monetaria distensiva,

Dettagli

Destinazione reddito: trend e soluzioni

Destinazione reddito: trend e soluzioni PROSPETTIVE Destinazione reddito: trend e soluzioni Aprile 2015 I temi chiave In Pioneer Investments abbiamo condotto ampie ricerche per identificare le principali tendenze che sono alla base della domanda

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli