Making Business Easier. Ottobre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Making Business Easier. Ottobre 2009"

Transcript

1 Making Business Easier & Ottobre 2009

2 1. CARATTERISTICHE DEL MERCATO

3 Che cosa è l AIM Italia È il nuovo mercato gestito da Borsa Italiana, costruito sul modello del mercato AIM di Londra (gestito dal London Stock Exchange LSE ) È un mercato destinato prevalentemente alla quotazione di piccole e medie imprese L aspetto più innovativo è rappresentato dalla figura del Nomad che affianca la società e presidia l integrità del mercato. Valuta se la società è pronta per essere ammessa a quotazione ed è la guida per la società una volta ammessa Possono decidere di quotarsi presso l AIM Italia le realtà imprenditoriali appartenenti a settori attraenti, che hanno un equity story ambiziosa, con potenziali di crescita interessanti e un profilo di business internazionalei È un modello di mercato efficiente per finanziare e dare visibilità alle PMI accedendo a capitali domestici e internazionali specializzati. ili igli investitorii i che investirannoi sull AIM Italia, sono sia quelli Istituzionali (sia italiani che esteri) sia quelli Retail (che potranno investire sul mercato secondario successivamente alla quotazione mentre, potranno sottoscrivere in sede di collocamento iniziale solo se sollecitati tramite prospetto informativo) 3

4 I vantaggi offerti dall AIM Italia AIM Italia offre alle società numerosi vantaggi Riconoscibilità globale del mercato Pool di liquidità dedicato small cap Riproduce il modello UK, ormai noto agli investitori internazionali No anni di esistenza della società No capitalizzazione e flottante minimi No Corporate Governance richiesta VISIBILITA GLOBALE KNOW HOW CONSOLIDATO SEMPLICITA DI ACCESSO AIM Italia offre la possibilità di ridurre gli adempimenti necessari per la quotazione pur mantenendo elevati standard qualitativi AIM Italia è un MTF (sistema multilaterale di negoziazione) Documento di ammissione sostituisce il Prospetto Informativo; Il Nomad definisce la profondità della due diligence e pianifica la data precisa di ammissione; Ammissione di Borsa in 10 giorni; No istruttoria di Consob; No resoconti trimestrali. POCA BUROCRAZIA 4

5 Gli investitori dell AIM Italia ISTITUZIONALI Investitori istituzionali italiani: a fondi tradizionali, hedge, dedicati alle small cap, private banking, private equity, ecc., nei limiti previsti dalla normativa vigente Investitori istituzionali esteri: fondi tradizionali, hedge, dedicati alle small cap, private banking, private equity, venture capital, forme di investimento alternative, ecc RETAIL Retail. Potranno investire sul mercato secondario successivamente alla quotazione (potranno sottoscrivere in sede di collocamento inizialei i solo se sollecitati i tramite Prospetto Informativo) 5

6 Perché quotarsi all AIM Italia L AIM Italia nasce sul modello dell AIM UK: un esperienza di successo presente sul mercato londinese e che potrebbe diventarlo anche sul mercato italiano caratterizzato da imprese di piccole e medie dimensioni. Realtà imprenditoriali di tali dimensioni e sottoposte al controllo familiare, sono state apprezzate da Borsa Italiana: il 76% delle società industriali quotate dal 1985 al 2005, al momento della quotazione erano a controllo familiare; al momento dell IPO la famiglia deteneva mediamente il 77% dei diritti di voto. A seguito dell IPO, la famiglia ha continuato a detenere il controllo con il 54% dopo 3 anni dalla quotazione e il 52% dopo 10; le società più piccole quotate sui mercati regolamentati di Borsa raggiungevano al momento dell IPO un fatturato di 15 milioni di euro. Si riportano di seguito i principali indicatori di performance che contraddistinguono l AIM UK: N. SOCIETA QUOTATE FINO AL 31/12/ internazionali UK CAPITALI RACCOLTI FINO AL 31/12/ ,1 /bn N. SOCIETA QUOTATE GEN 2008 DIC internazionali 87 UK CAPITALI RACCOLTI GEN 2008 DIC ,3 /bn

7 I requisiti dell AIM Italia e dell MTA a confronto AIM ITALIA REQUISITI DI AMMISSIONE No capitalizzazione minima No flottante minimo No numero minimo di anni di esistenza della società No struttura di governo societario specifica Nomina del Nomad che deve rimanere sempre a carico dell'impresa DOCUMENTI PER L'AMMISSIONE Documento di ammissione Non richiesti altri documenti 3 bilanci certificati, di cui 2 IFRS/IAS (ove esistenti) PROCESSO DI AMMISSIONE No due diligence da parte di Borsa Italiana No due diligence da parte di Consob (sì se in presenza di offerta pubblica) ADEMPIMENTI POST QUOTAZIONE No resoconti trimestrali Obblighi informativi al mercato Specialista per il sostegno della liquidità del titolo MTA REQUISITI DI AMMISSIONE 40 Mln/ di capitalizzazione minima 25% di flottante (35% per le società quotate sullo STAR) 3 anni di esistenza della società Struttura di governo societario ispirata al Codice di Autodisciplina Nomina dello Sponsor per l'ammissione a quotazione DOCUMENTI PER L'AMMISSIONE Prospetto informativo QMAT, piano industriale, memorandum sul sistema di controllo di gestione, documento di valutazione 3 bilanci certificati di cui 2 IFRS/IAS PROCESSO DI AMMISSIONE Due diligence di Consob per il nulla osta al prospetto informativo Due diligence di Bosra Italiana per l'ammissione alla quotazione ADEMPIMENTI POST QUOTAZIONE Resoconti trimestrali Obblighi di informativa al mercato Specialista obbligatorio per il solo segmento STAR 7

8 2. I CASI DI QUOTAZIONE ALL AIM ITALIA

9 I casi di quotazione all AIM Italia Le negoziazioni sull AIM Italia sono iniziate l 8 maggio 2009 e ad oggi due sono le società quotate su tale mercato: Neurosoft S.A., società di software Greca che opera principalmente in Grecia. Neurosoft è specializzata nella progettazione, sviluppo e personalizzazione di software integrato per le 3 aree del suo business principale: scommesse sportive e giochi, business intelligence e factoring. L offerta ha avuto ad oggetto di azioni collocate al prezzo di 7,6.; IKF S.p.A., investing company costituita il 18 settembre 2008 che opera con l obiettivo di investire in piccole e medie imprese al fine di favorirne lo sviluppo e la crescita, offrendo una gamma completa di servizi di consulenza strategica. L offerta ha avuto ad oggetto n di azioni collocate al prezzo di 1 ; VRWAY Communication S.A., società di realizzazione, elaborazione e pubblicazione di immagini di realtà virtuale caratterizzate da elevato contenuto tecnologico. Effettua la vendita di servizi di tour virtuale ad aziende ed enti pubblici i operanti nel settore turistico, i ambientale eculturale. l L offerta ha avutoad oggetto di azioni collocate al prezzo di 5,8. 9

10 3. LE OPERAZIONI DI INTRODUCTION

11 Che cos è l Introduction L Introduction è una tecnica di quotazione che consente l ammissione degli emittenti senza offerta dopo che il Nomad, completata la due diligence, ne ha valutato l appropriatezza per l ammissione all AIM Italia (tra cui la costituzione di un adeguato flottante). L emittente dopo aver nominato il Nomad e presentato la domanda di ammissione, può rinviare il collocamento, e quindi l aumento di capitale, ad un momento successivo attendendo che le condizioni dei mercati finanziari siano più favorevoli. Al momento dell ammissione sull AIM, l emittente può alimentare il flottante minimo tramite un collocamento privato (coinvolgendo per esempio friends &family ) oppure tramite gli investitori professionali. Il flottante minimo richiesto da Borsa Italiana per quotarsi su AIM Italia non è definito nel Regolamento AIM Italia, ma risulta da indicazioni interne di Borsa Italiana/London Stock Exchange. Generalmente per una società di dimensioni contenute la prassi anglosassone vuole che venga richiesto un flottante minimo del 10%. In particolare: % di flottante complessivo minimo 10% per società con capitalizzazione fino a 30 /mln 7,5% per società con capitalizzazione in un intorno di 40 /mln 5% per società con capitalizzazione superiore a 50 /mln 5 è il numero minimo di soggetti che compongono il flottante, ciascuno dei quali detiene quota unitaria non superiore al 3% ai fini della definizione di flottante non si tiene conto delle partecipazioni di controllo superiori al 3% di quelle vincolate da patti parasociali di quelle soggette a vincoli alla trasferibilità delle azioni (lock-up) di durata superiore a 6 mesi 11

12 I vantaggi dell Introduction VALORIZZAZIONE DELL AZIENDA DASENZA WAY OUT TGRADUALE AL PERDERNE IL DI UN INVESTIMENTO CONTROLLO ESSERE GIA SUL MERCATO E BENEFICIARE IN ANTICIPO DELLA RIPRESA DEGLI STESSI INTRODUCTION CERCARE MONETA DI SCAMBIO PER UNA EVENTUALE ACQUISIZIONE DILUIRE NEL TEMPO I COSTI DI QUOTAZIONE QUOTARE UN AZIENDA CON UNA BASE AZIONARIA GIA DIFFUSA 12

13 Le altre caratteristiche dell Introduction I REQUISITI MINIMI A CHI PUO ESSERE UTILE I COSTI DI QUOTAZIONE Qualora per costituire il flottante minimo si fosse tenuto un private placement, il prezzo per l avvio delle negoziazioni sarà quello del private placement Qalorala Qualora la società aessegià avesse un flottante sfficientee sufficiente e non si rendesse necessario il private placement, il prezzo per l avvio delle negoziazioni verrà definito dal Nomad in base ad una valutazione accurata del fair value dell azienda Una volta avviato il trading, la liquidità minima sul titolo sarà garantita dallo specialista e dallo scambio di titoli tra i piccoli azionisti Imprenditori Fondi di private equity HNWI (High Net Worth Individual)-family offices Investitori istituzionali Con l Introduction si sostengono solo i costi fissi per preparare la società alla quotazione in Borsa. I costi variabili verranno sostenuti in un secondo momento, in base alla dimensione dell offerta COSTI FISSI: costi per preparare la società alla quotazione da parte dei consulenti (Nomad, consulenti legali, revisori e altri eventuali consulenti). L ammontare dipende dalla complessità aziendale e dallo standing del mercato di quotazione COSTI VARIABILI: costo del collocamento dei titoli (effettuato dal broker o global coordinator). È calcolato in percentuale sul capitale raccolto. 13

14 4. CARATTERISTICHE DEL MERCATO

15 Che cosa è il MAC Il MAC (Mercato Alternativo del Capitale) si ispira all AIM (Alternative Investment Market) di Londra e nasce su iniziativa delle principali banche nazionali, della Borsa italiana, delle associazioni i idi imprenditori ie di istituzionii i iimpegnate nellosviluppo dll delle imprese È un mercato rivolto esclusivamente agli investitori istituzionali e professionali (italiani ed esteri) e facilita l incontro tra domanda ed offerta di capitale di rischio, grazie alla concentrazione delle informazioni, alla possibilità di determinare un valore oggettivo dell impresa, a semplici regole d accesso e funzionamento e a costi molto contenuti Valorizza i progetti di investimento di medio e lungo termine, essendo aperto esclusivamente alla domanda di investitori professionali i quali, hanno come obiettivo principale non tanto il ritorno di breve periodo, quanto offrire sostegno alle PMI I principi costitutivi alla base di tale Mercato: Forte collegamento con banche, istituzioni ed associazioni che operano sul territorio Accesso per la PMI non richiede un numero elevato di soci, in quanto trattasi di investitori istituzionali Requisiti semplificati e costi contenuti per l ammissione alla negoziazione e per la permanenza sul mercato Presenza di meccanismi ivolti ad assicurare la formazione di prezzi significativi ifi i 15

16 I vantaggi offerti dal MAC Il MAC offre alle società numerosi vantaggi Requisiti minimi per l ammissione Costi di collocamento contenuti Documentazione di ammissione e obblighi di reporting semplificati Reperimento risorse finanziarie senza imporre vincoli all autonomia dell imprenditore, attraverso l emissione di azioni in sottoscrizione e/o in vendita rivolta ad un pool di investitori istituzionali Proprietà e management interagiscono conunnumerolimitatodiinvestitori istituzionali,adifferenzai i di altri segmenti di mercato Chiara way-out per l investitore finanziario che ha la possibilità di cedere ad un valore trasparente ed univoco la propria partecipazione Rafforzamento della struttura finanziaria aumentando la solidità patrimoniale Possibilità di utilizzare le azioni quotate per operazioni di acquisizione in virtù della trasparenza di valore che caratterizza il tiolo Possibilità di utilizzare strumenti di incentivazione per i manager legati al valore dell azienda (stock option) M iglioramento dell immagine e della notorietà, con positive ripercussioni sul potere contrattualenei confronti idi dei vari stakeholder khld SEMPLICITA DI ACCESSO POCA BUROCRAZIA 16

17 Gli investitori del MAC La caratteristica principale del MAC è che gli unici investitori che possono acquistare e vendere i titoli, sono gli investitori professionali, mentre sono esclusi gli investitori retail. Lo stesso Regolamento MAC considera investitori professionali oltre ai soggetti di cui all allegato II, Sezione I e II della direttiva MiFID, anche l azionista di maggioranza relativa dell emittente. Con la riforma dlr del Regolamento in vigore dl24 dal novembre 2008, al fine di facilitare la dismissionei i dll delle azioni i detenute di dai soci di un azienda direttamente sul mercato, si permette la sola venditadelleazionidapartedituttiisocidell emittenteenon solo di quelli di maggioranza relativa. INVESTITORI PROFESSIONALI INVESTITORI HNWI INVESTITORI RETAIL Modalità di investimento Criteri di identificazione Investimento diretto sul Mercato (o tramite GPM o Fondi) Gli azionisti di maggioranza relativa dell emittente alla data di ammissione alle negoziazioni sul MAC limitatamente alle azioni dell emittente stesso Investitori professionali ex art 31 regolamento Consob 11522: 1. Operatori che esercitano professionalmente l attività di investimento sui mercati dei capitali 2. Società o persone giuridiche con specifiche competenze ed esperienze 3. Persone fisiche che documentino il possesso di requisiti professionali specifici Investimento tramite gestione patrimoniale o fiduciaria (o Fondi) Investitori HNWI qualificati secondo allegato 2 della direttiva Mifidi: 1. Persone fisiche che detengono patrimoni elevati, che effettuano operazioni significative su strumenti finanziari e lavorano o hanno lavorato nel settore finanziario Acquisto quote di fondi che investono sui titoli del MAC Persone fisiche non qualificabili come investitori professionali o HNWI Il lotto minimo di contribuisce ad indirizzare il Mercato verso investitori professionali 17

18 Gli investitori del MAC I principi guida per l investimento sul MAC sono diretti ad escludere i piccoli investitori. Gli Sponsor, Specialisti e Intermediari attivi sul MAC si impegnano a: Verificare che l investitore sia: 1. Un operatore qualificato ai sensi dell art. 31regolamento Consob Oppure nel solo caso in cui l investimento sia effettuato tramite una gestione patrimoniale o fiduciaria, un investitore professionale ai sensi della descrizione contenuta nella direttiva Mifid Informare l investitore sul profilo di rischio dell operazione Informare l investitore sull orizzonte temporale dell investimento Non frazionare il lotto minimo I principi guida per l investimento impegnano gli operatori del Mercato ad escludere dalle negoziazioni i piccoli investitori sia sul mercato primario sia sul mercato secondario (eccetto nel caso di trattative fuori mercato) Al fine di garantire la stabilità degli assetti azionari successivamente alla data di avvio delle negoziazioni, si prevede di istituire un impegno temporaneo degli azionisti di maggioranza, assoluta o relativa, a non vendere le azioni detenute per almeno i successivi 12 mesi dall inizio delle negoziazioni (c.d. clausola di lock - in). Tale impegno non trova applicazione in alcuni casi tra cui nell ipotesi di OPA eventualmente prevista a livello statutario dall emittente (c.d. OPA endosocietaria), nonché nei casi di successione mortis causa. 18

19 I requisiti del MAC e dell MTA a confronto MAC REQUISITI DI AMMISSIONE No capitalizzazione minima No flottante minimo No numero minimo di anni di esistenza della società No struttura di governo societario specifica Obbligo di nominare lo Sponsor DOCUMENTI PER L'AMMISSIONE Domanda di ammissione Scheda informativa Non richiesti altri documenti 1 bilancio certificato PROCESSO DI AMMISSIONE L'ammissione viene delibarata da Borsa Italiana attraverso un iter semplificato No due diligence da parte di Consob ADEMPIMENTI POST QUOTAZIONE No resoconti trimestrali Informativa periodica relativa alle assemblee Informativa price-sensitive (opreazioni sul capitale, emissione di obbligazioni, operazioni su azioni proprie, ecc) MTA REQUISITI DI AMMISSIONE 40 Mln/ di capitalizzazione minima 25% di flottante (35% per le società quotate sullo STAR) 3 anni di esistenza della società Struttura di governo societario ispirata al Codice di Autodisciplina Nomina dello Sponsor per l'ammissione lammissione a quotazione DOCUMENTI PER L'AMMISSIONE Prospetto informativo QMAT, piano industriale, memorandum sul sistema di controllo di gestione, documento di valutazione 3 bilanci certificati di cui 2 IFRS/IAS PROCESSO DI AMMISSIONE Due diligence di Consob per il nulla osta al prospetto informativo Due diligence di Bosra Italiana per l'ammissione alla quotazione ADEMPIMENTI POST QUOTAZIONE Resoconti trimestrali Obblighi di informativa al mercato Specialista obbligatorio per il solo segmento STAR 19

20 5. I CASI DI QUOTAZIONE AL MAC

21 I casi di quotazione al MAC Il MAC è nato il 9 luglio 2007 e sono cinque le società attualmente quotate: Tessitura Pontelambro S.p.A., società operante nel settore tessile, in particolare nella produzione di tessuti per abbigliamento maschile e femminile di alta qualità. È stata ammessa alla quotazione il 18 luglio 2007 mentre le negoziazioni hanno avuto inizio a partire dal 17 settembre E stato offerto un quantitativo di azioni pari a per un controvalore di 4 euro ciascuna (raccolta pari a 6 milioni di euro). Raffaele Caruso S.p.A., società specializzata nella produzione e distribuzione di abbigliamento di alta gamma. È stata ammessa alla quotazione il 28 settembre 2007 mentre, le negoziazioni sono iniziate il 12 ottobre E stato offerto un quantitativo di azioni pari a per un controvalore di 15,50 euro ciascuna (raccolta pari a 8,5 milioni di euro). Area Impianti S.p.A., società che si occupa della progettazione e realizzazione di impianti chiavi in mano nel settore dell ecologia industriale e nella depurazione dei fumi emessi dagli inceneritori e dagli impianti industriali. La società è stata ammessa alla quotazione il 6 dicembre 2007 mentre le negoziazioni sono iniziate il 14 dicembre E stato offerto un quantitativo di azioni pari a per un controvalore di 40 euro ciascuna (raccolta pari a 5,8 milioni di euro). 21

22 I casi di quotazione al MAC Servizi Energetici Integrati S.E.I. S.p.A., società che opera attraverso diverse linee di business: vendita di energia termica e frigo al mercato, vendita di energia al mercato elettrico, distribuzione di gas metano, progettazione e realizzazione di impianti di cogenerazione, di reti di teleriscaldamento e di impianti ad energia rinnovabile. È stata ammessa alla quotazione il 20 marzo 2008 e le negoziazioni hanno avuto inizio il 4 aprile 2008.E statooffertounquantitativodiazioniparia5milioniperuncontrovaloredi2,2eurociascuna (raccolta pari a 11 milioni di euro); Centro Servizi Metalli - C.S.M. S.p.A.; società romagnola specializzata nel taglio plasma e meccanico dell acciaio inossidabile su specifica richiesta del cliente. È stata ammessa alla quotazione il 22dicembre2008 e le negoziazioni hanno avuto inizio il 2 gennaio E stato offerto un quantitativo di azioni pari a per un controvalore di 4,10 euro ciascuna (raccolta pari 7,7 milioni di euro). 22

23 6. LE OPERAZIONI DI INTRODUCTION

24 Che cos è l Introduction L Introduction è una tecnica di quotazione che consente l ammissione degli emittenti senza offerta. In particolare, il Regolamento MAC prevede che sono esonerate dagli obblighi di Collocamento Istituzionale le società: 1. al cui capitale sociale partecipino, da almeno 12 mesi alla data della presentazione della domanda di ammissione, i come minimo i un Investitore Itit Istituzionalei o, inalternativa, ti 20 Investitori i Professionali; 2. le cui azioni nei 24 mesi precedenti sono state negoziate in un mercato regolamentato o in un sistema multilaterale di negoziazione. Secondo quanto stabilito nella Direttiva MIFID per Investitori Istituzionali si intendono: 1. Banche; 2. SIM e imprese di investimento; 3. Altri istituti finanziari autorizzati; 4. Imprese di assicurazioni; 5. Organismi di investimento collettivo e società di gestione del risparmio; 6. Fondi pensione e società di gestione di tali fondi; 7. Negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci; 8. Soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio sui mercati di strumenti finanziari e aderiscono indirettamente al sistema di liquidazione nonché al sistema di compensazione e garanzia; 9. Altri investitori istituzionali tra cui rientrano le fondazioni bancarie e altri soggetti che siano qualificate controparti, qualificate in base all ordinamento dello stato comunitario in cui hanno sede; 10. Agenti di cambio; 11. Le imprese di grande dimensione che presentano almeno due dei seguenti requisiti dimensionali: Totale di bilancioi di 20 mln/, Fatturato netto di 40 mln/, Fondi propri di 2 mln/. 24

25 I vantaggi dell Introduction VALORIZZAZIONE DELL AZIENDA DASENZA WAY OUT TGRADUALE AL PERDERNE IL DI UN INVESTIMENTO CONTROLLO ESSERE GIA SUL MERCATO E BENEFICIARE IN ANTICIPO DELLA RIPRESA DEGLI STESSI INTRODUCTION CERCARE MONETA DI SCAMBIO PER UNA EVENTUALE ACQUISIZIONE DILUIRE NEL TEMPO I COSTI DI QUOTAZIONE QUOTARE UN AZIENDA CON UNA BASE AZIONARIA GIA DIFFUSA 25

26 Contatti: Tiziana Iacobelli Via Bocca di Leone, Roma Tel: Fax: Mail: Il presente studio è stato preparato sulla base dei dati disponibili sul mercato. Sebbene siano state adottate tutte le necessarie precauzioni per un accurata stesura dei dati illustrati in questo documento, Methorios Capital S.p.A. ( MC ) si impegna ad adempiere ai propri obblighi con la dovuta dl diligenza ma non potrà essere tenuta a verificare l autenticità, completezza, veridicità ed esattezza di alcun risultato ottenuto elaborando o comunque utilizzando le predette informazioni. MC declina quindi pertanto ogni responsabilità diretta o indiretta in ordine alle informazioni contenute nel presente documento. E vietata la riproduzione totale e parziale di ogni contenuto di questa presentazione senza il consenso scritto di MC. E altresì vietato mostrare a terzi interamente ovvero in parte tale presentazione senza il consenso scritto di MC. 26

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, Marzo 2014 Premessa Il presente documento (il «Documento») è stato predisposto da Tamburi Investment Partners S.p.A. («TIP») con l obiettivo di fornire una descrizione il più possibile esaustiva

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli