Il capitale di rischio delle PMI italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il capitale di rischio delle PMI italiane"

Transcript

1 14 Agevolazioni Finanziarie di Mario G.R. Pagliacci - Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia, Sede di Terni (1) Pmi Il capitale di rischio delle PMI italiane Dopo un lungo periodo di silenzio intorno al fenomeno della piccola impresa, considerata una forma di «nanismo», finalmente gli studiosi, i governanti, persino le istituzioni comunitarie, hanno riscoperto i pregi e i meriti delle PMI, e tentano di costruire su di esse la nuova strategia di crescita del «vecchio continente». In tale situazione, dunque, è interessante analizzare le opportunità di finanziamento delle PMI con interventi sul capitale di rischio. Le statistiche Eurostat mostrano che le PMI rappresentano il 95% del tessuto economico europeo, e tanto più lo saranno negli anni avvenire, anche per effetto dell ingresso in Ue dei paesi del Centro-Est Europa, dove la transizione L indebitamento bancario si dimostra essere di semplice attivazione e non richiedere elaborate procedure, che invece caratterizzano altri strumenti finanziari alternativi. Ciò spinge le piccole imprese verso l indebitamento a breve, poco compatibile con piani di investimento destinati allo sviluppo. (1) L Autore ringrazia i Dottori Magistrali Valentina Perlati e Stefano Podelvento per il materiale documentario fornito. (2) Tra i primi economisti a sollevare l interrogativo sul fondamento di una correlazione diretta fra dimensione aziendale e potenzialità di successo e profittabilità, furono Alfred Marshall ed Edith Penrose. Il primo osservò che i vantaggi della produzione su larga scala possono essere conseguiti raggruppando piccoli produttori autonomi in uno stesso distretto industriale. Alla seconda si deve l elaborazione di una teoria secondo cui lo sviluppo può essere perseguito anche dalle piccole imprese, presidiando le nicchie di mercato grazie alla elasticità che le caratterizza. verso l economia di mercato è affidata alla frantumazione dei grandi conglomerati, alla selezione delle parti più interessanti e alla loro privatizzazione nelle mani di grossi gruppi esteri (IDE) o di privati locali, i quali rappresentano il patrimonio più rilevante per il futuro di ogni paese: la piccola imprenditorialità. Ma questo patrimonio ha le sue caratteristiche tipiche; quelle stesse che nel secolo appena trascorso fecero concludere agli economisti americani - seguiti a ruota da quelli europei - che il modello aziendale tipico è la grande impresa, e la piccola dimensione deve intendersi come una fase di transizione, oppure una forma di nanismo. Oggi le cose sono cambiate (2) e si riconosce all impresa minore una caratterizzazione autonoma, non solo in termini «quantitativi» ma anche e soprattutto «qualitativi»: la piccola impresa si presenta solitamente caratterizzata da una struttura organizzativa semplice, da forme di finanziamento dipendenti dalla figura dell imprenditore, da una gestione diretta e autonoma svolta dal soggetto imprenditoriale, dalla sovrapposizione istituzionale tra famiglia e impresa, dalla presenza su ambiti competitivi ristretti e da un basso potere di mercato. Queste caratteristiche condizionano in modo rilevante l essere ed il divenire delle PMI - non sempre in modo positivo e propulsivo - ma purtuttavia ne rappresentano l essenza; una essenza non immutabile, ma con possibili cambiamenti in tempi lunghi, nel rispetto delle evoluzioni di pensiero e di azione degli imprenditori. Pretendere di forzare queste condizioni significherebbe snaturare le caratteristiche dello spirito imprenditivo e perdere di vista l obiettivo sovrastante e prioritario della stimolazione di nuova imprenditorialità, di cui l Europa ha un grande bisogno. Compito, dunque, di studiosi ed operatori è quello di individuare e valorizzare gli spazi di cambiamento che gli imprenditori mostrano - magari di anticiparli ed incoraggiarli - e di proporre alla loro selezione e decisione, le vie di rafforzamento delle loro imprese. In quest ottica ci sembra interessante analizzare le opportunità di finanziamento delle PMI con interventi sul capitale di rischio.

2 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 5/ Il capitale di rischio delle PMI italiane 15 (3) La politica fiscale italiana ha esercitato un effetto distorsivo sulle scelte dei canali di finanziamento delle imprese, orientando le scelte verso la destinazione di una quota maggiore del reddito di impresa alla remunerazione del capitale di credito più che al capitale di rischio. Infatti il debito ha costituito la modalità di finanziamento meno onerosa, grazie alla piena deducibilità degli interessi passivi e ad aliquote legali che fino alla metà degli anni novanta erano molto elevate; invece l autofinanziamento e l apporto di capitale azionario sono stati penalizzati in termini di prelievo fiscale. Negli ultimi anni il regime fiscale per le imprese aveva subito rilevanti trasformazioni, grazie all introduzione dell imposta regionale sulle attività produttive (Irap) e della dual income tax (Dit); il principio ispiratore è stata la ricerca di una maggiore neutralità dell imposizione rispetto alle fonti di finanziamento delle imprese (Irap) e di incentivazione degli investimenti finanziati con capitale di rischio (Dit). Pur se la riforma Irap-Dit ha ridotto la convenienza fiscale dell indebitamento rispetto al capitale di rischio, i vantaggi fiscali del ricorso al capitale di debito sono rimasti. La capitalizzazione della piccola e media impresa La struttura finanziaria delle imprese italiane è caratterizzata da ridotti mezzi propri e da un forte indebitamento verso terzi (banche e fornitori); tali fenomeni si accentuano nel caso di piccole imprese, come dimostra la Tavola 1. Appare semplicistica la spiegazione - da alcuni addotta - secondo cui la struttura di finanziamento delle PMI italiane sia da attribuire unicamente alla scarsa cultura finanziaria dei piccoli imprenditori. In realtà essa si fonda su motivazioni ben più profonde e razionali, essendo da una parte la conseguenza di precise scelte di governance e dall altra di arbitraggi di convenienza influenzati dalla normativa fiscale e tributaria, la quale ha sempre favorito l indebitamento piuttosto che la capitalizzazione delle imprese (3). L indebitamento verso terzi consente di mantenere chiuso e stabile l assetto proprietario, pur condividendo il rischio di impresa con i finanziatori esterni; il che consente all imprenditore di trattenere interamente degli utili che residuano dopo il pagamento degli interessi passivi, anche se spesso essi si dimostrano tanto poco consistenti da non consentire idonee politiche di autofinanziamento. L indebitamento bancario, poi, si dimostra essere di semplice attivazione e non richiedere elaborate procedure, che invece caratterizzano altri strumenti finanziari alternativi. Ciò spinge le piccole imprese verso l indebitamento a breve, poco compatibile con piani di investimento destinati allo sviluppo. È da aggiungere l effetto distorsivo operato dal sistema bancario italiano, interessato ad operare come prestatore di credito piuttosto che come finanziatore in capitale di rischio, anche a motivo di una legislazione bancaria non propriamente incoraggiante. Va altresì detto che la scarsità dei mezzi propri nella struttura finanziaria dell impresa minore italiana non ha limitato in modo significativo il suo radicamento nel tessuto economico, proprio grazie al significativo intervento di mezzi forniti dal sistema bancario; in realtà solo recentemente, in attuazione della normativa di Basilea 2, si è fatto più preoccupante il fenomeno della sottocapitalizzazione, in quanto la scarsezza di capitale proprio rappresenta uno degli elementi maggiormente penalizzanti nell attribuzione di un buon giudizio che consenta l accesso al credito a condizioni di pricing convenienti. La soluzione più percorribile sarebbe la ricapitalizzazione dell impresa con risorse apportate direttamente dalla compagine sociale in atto: non sempre vi è la volontà, la possibilità e la capacità di farlo. Le alternative possibili sarebbero quelle di aprire il capitale agli investitori istituzionali in capitale di rischio, al mercato di borsa o ricorrere a strumenti semi-equity, ma si tratta di soluzioni tecnicamente impegnative e poco gradite ad imprenditori e manager delle aziende di minori dimensioni, per una serie di motivazioni che andremo a sunteggiare. In primo luogo è da considerare che la forma giuridica prevalente delle imprese minori, è rappresentata dalla ditta individuale o da società di persone. Si tratta della tipica strutturazione Tavola 1 - Struttura finanziaria delle imprese italiane per classi dimensionali (percentuali) STRUTTURA PICCOLE IMPRESE MEDIE IMPRESE GRANDI IMPRESE DEL FINANZIAMENTO Capitale sociale 9,40 11,09 14,01 Riserve 16,02 17,99 16,10 Tot Capitale di rischio 25,42 29,08 30,11 Debiti bancari 27,34 21,44 14,31 Debiti commerciali 31,25 25,50 28,82 Fondi rischi+tfr 3,73 6,53 7,87 Obbligazioni 1,14 0,98 0,91 Altri debiti 11,13 16,47 17,98 Tot capitale di debito 74,58 70,92 69,89 TOTALE Fonte: Elaborazioni su dati Centrale dei bilanci relativi all anno 2000

3 16 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 5/ Il capitale di rischio delle PMI italiane (4) Questa situazione produce come conseguenza anche la pratica dei multiaffidamenti, che opacizza la capacità di analisi e di monitoraggio da parte di ogni singola banca e disincentiva alle migliori pratiche di valutazione del merito di credito. A fronte dei maggiori rischi percepiti dalla banca, si fa spesso ricorso ad una maggior richiesta di garanzie, spesso concesse anche dai consorzi fidi. (5) Secondo la terminologia utilizzata negli Usa, l investimento in capitale di rischio è identificato come «attività di private equity», suddivisa poi, in funzione della tipologia di operatore che la pone in essere, tra venture capital e private equity. La differenza risiede nel fatto che con il termine venture capital si fa generalmente riferimento agli investimenti effettuati in società di piccole o piccolissime dimensioni e a investimenti ad elevato contenuto innovativo e tecnologico, mentre con i termine private equity non si fanno distinzioni dimensionali o qualitative dell azienda target. È da aggiungere che nella terminologia attualmente ricorrente, il venture capital si riferisce al finanziamento dell avvio di nuove imprese, mentre il private equity comprende le operazioni di investimento realizzate in fasi del ciclo di vita delle aziende successive a quelle iniziali. L orizzonte temporale medio di un investitore istituzionale varia tra i 3 e i 7 anni (generalmente 3-5 anni per venture capitalist, 5-7 per operatori di private equity). (6) Ci si riferisce alle operazioni orientate al cambiamento totale della proprietà dell impresa, sia a favore di manager interni alla stessa società (management buy out) che di manager esterni (management buy in), con il frequente uso della leva finanziaria come strumento di acquisizione (leveraged buy out). Tali operazioni vengono generalmente raggruppate nella categoria dei «buy out». (7) Interventi che, senza andare ad incrementare il capitale sociale dell impresa, si pongono l obiettivo di sostituire parte dell azionariato non più coinvolto nell attività aziendale. dell impresa familiare in cui poche persone, collegate da vincoli di parentela o da solide alleanze, detengono una quota del capitale di rischio sufficiente ad assicurare il controllo dell impresa, condizionandone il consolidamento patrimoniale ed il suo sviluppo. Si osserva tuttavia una tendenza, seppure ancora lenta, ad abbandonare le forme giuridiche legate alle persone a favore delle società di capitali, le quali rispondono meglio alle esigenze di limitazione della responsabilità, pur richiedendo un modesto capitale sociale, che può restare vincolato nelle mani della famiglia, senza comportare una apertura all ingresso di soci terzi. Un altro ricorrente carattere delle piccole imprese è dato dalla rudimentale gestione finanziaria e di tesoreria, soprattutto di tipo previsionale, che produce frequenti e repentini tensioni nella liquidità, più velocemente risolvibili facendo ricorso al credito bancario di breve termine (4) (più raramente di medio lungo termine), piuttosto che alla ricapitalizzazione. A questi fattori di natura interna si aggiunge un mercato dei capitali poco sviluppato ed efficiente, sia nel versante dei mercati regolamentati sia per quanto riguarda il private equity ed il venture capital; questi ultimi si dimostrano scarsamente inclini al rischio e tendenzialmente generalisti, tali dunque da risultare inadeguati per svolgere un ruolo propulsore, soprattutto nei confronti delle imprese più innovative e in start-up. Private equity e venture capital (5) L investimento in capitale di rischio può avvenire in ogni fase del ciclo di vita di un impresa: il venture capitalist finanzia idee imprenditoriali (seed financing) che sfociano nell avvio di un impresa (start-up), oltre a procurare risorse e competenze per finanziare i primi periodi di sviluppo di nuovi business (first stage financing); gli operatori del private equity, invece, coprono fabbisogni finanziari legati alle fasi successive all avvio dell impresa, quindi la crescita, il consolidamento, le operazioni di ristrutturazione della compagine sociale, oppure intervengono a supporto di problematiche fortemente critiche quali ad esempio i fenomeni di passaggio generazionale. Essi possono intervenire per favorire l acquisto di partecipazioni da parte del management dell impresa o di un altra impresa (management buy out, management buy in (6)), oppure possono affiancare quei membri della compagine sociale che intendono continuare nella gestione dell impresa, per rilevare le quote di soci uscenti (replacement capital (7)). Quest ultimo caso è particolarmente ricorrente in un paese come l Italia, dove sono ancora moltissime le imprese di tipo familiare. Quando alcuni membri della famiglia decidono di non proseguire l attività d impresa, spesso il problema di come liquidare il socio uscente può essere estremamente delicato, sia per non turbare gli equilibri affettivi, sia per una concreta mancanza di risorse finanziarie necessarie per perfezionare la liquidazione stessa (family buy out). Gli investitori istituzionali possono anche intervenire nelle fasi di declino di un impresa, in condizioni di crisi e tensioni finanziarie (turnaround financing). Dietro le tensioni finanziarie si nascondono quasi sempre errori di natura strategica e industriale, che possono trovare rimedio grazie all intervento altamente professionale dell investitore istituzionale. In ogni caso la presenza di un socio esterno può rappresentare, soprattutto per le piccole e medie imprese, un fattore di crescita culturale e l occasione per il superamento dei vincoli che contraddistinguono il loro operato. Il rapporto tra impresa e socio finanziario non si esaurisce nel semplice investimento monetario con apporto di denaro fresco, in quanto gli investitori istituzionali partecipano al successo delle operazioni anche con consulenza e know-how. Un ulteriore contributo è rappresentato dall importante ruolo svolto dagli operatori del settore nelle imprese che si impegnano ad affrontare processi di crescita, con l obiettivo prioritario della quotazione in Borsa. La Borsa presuppone il rispetto di numerosi requisiti formali e sostanziali strettamente connessi con la trasparenza e l informativa societaria. La presenza di un investitore esterno comporta che l impresa rispetti numerose regole comportamentali (in tema di trasparenza dei bilanci, ma soprattutto di comunicazione rapida, formale ed efficace dei risultati aziendali) che rappresentano alcuni dei requisiti dell impresa quotata.

4 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 5/ Il capitale di rischio delle PMI italiane 17 Gli investitori istituzionali in Europa L attività degli investitori istituzionali in capitale di rischio ha come oggetto l assunzione di partecipazioni, prevalentemente di minoranza, in imprese non quotate con elevate prospettive, al fine di accelerare e contribuire allo sviluppo grazie all apporto di capitali e di know-how, per poi cedere dopo un periodo medio-lungo la partecipazione, con l obiettivo di realizzare cospicui capital gain. Nel mondo anglosassone ed in altri paesi europei si tratta di attività sviluppate da tempo; in Italia una operatività professionale e sistematica - tale da potersi configurare come settore autonomo all interno del sistema finanziario - è iniziata solo nella seconda metà degli anni 80. Nel anno in cui nasce l A.I.F.I. - associazione italiana degli investitori istituzionali nel Capitale di Rischio - risultavano 15 investitori istituzionali, tutti costituiti sotto forma di società finanziarie. Attualmente il numero di operatori è cresciuto: oggi l A.I.F.I. associa 106 soggetti, includendo società finanziarie, banche, fondi chiusi. Si tratta tuttavia di una performance di crescita numerica che ci mantiene al di sotto di altri paesi europei, come Francia (216 operatori) e Germania (176 operatori). Se poi si mette a confronto il numero e l ammontare degli investimenti effettuati sulle imprese da parte degli operatori istituzionali, l Italia è superata anche dalla Spagna (tavola 2) (8). Fermo restando la già osservata ostilità delle imprese italiane - soprattutto minori - verso l intervento di investitori istituzionali, non si può non sottolineare che anche dal lato dell offerta, gli operatori italiani nel capitale di rischio non sono ancora totalmente pronti a competere con i colleghi dei principali paesi europei. Il mercato italiano del private equity e venture capital Il mercato italiano del settore ha superato i 3 miliardi di euro, distribuiti su 281 operazioni (9). La maggior parte delle risorse investite è confluita nelle operazioni di buy out (2.401 milioni di euro), contro i 413 utilizzati in operazioni di expansion (10), 221 nel replacement e 30 nell early stage. Con riferimento al numero di operazioni, le più diffuse sono state quelle di expansion (135 operazioni), seguite da quelle di buy out (75), early stage (56) e replacement (15). La distribuzione del numero di investimenti per dimensione d impresa, evidenzia una forte concentrazione (78%) su aziende piccole e medie, caratterizzate da un numero di addetti inferiore alle 250 unità. Malgrado un tendenziale sviluppo del fenomeno, un indagine del Gruppo Bancario Capitalia (11) mostra che nel triennio , le imprese manifatturiere per le quali sono state sottoscritte quote di capitale di rischio da parte di operatori finanziari, sono state solo lo 0,8%, cui va aggiunto un altro 1% di imprese che hanno ceduto quote di capitale ad operatori privati non finan- Tavola 2 - Numero di investimenti e ammontare investito (euro mln) (anno 2005) (8) L Inghilterra, non inserita fra i paesi qui analizzati, dimostra delle performance di gran lunga superiori: nel 2004 si registravano circa investimenti, con un ammontare investito superiore a mil. euro. (9) Fonte AIFI, in collaborazione con Price Waterhouse Coopers. (10) Investimenti in capitale di rischio finalizzati a supportare la crescita e l implementazione di programmi di sviluppo in aziende già esistenti. (11) Gruppo Bancario Capitalia, Indagine sulle imprese italiane, Ottobre Fonte: Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

5 18 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 5/ Il capitale di rischio delle PMI italiane (12) La riforma del diritto societario in Italia scaturita dalla Commissione Vietti (d.lgs. 17 gennaio 2003, nn. 5 e 6 in attuazione della legge delega n. 366/2001, d.lgs. n. 61/2002), è stata volta a completare la riforma avviata con la Legge Draghi, ovvero il d.lgs n. 58/1998 contenente il testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria. (13) Fra queste clausole vi sono: a) ampio uso di convertible preferred shares (un ibrido fra azioni con diritto di voto, azioni privilegiate e obbligazioni) che consentono al venture capitalist di lasciare in mano al titolare la maggioranza del capitale sociale e quindi la certezza del controllo, garantendosi al tempo stesso effettivi poteri di intervento gestionale e il diritto alla ripartizione dei benefici pecuniari da eventuale quotazione in borsa; b) poteri di nomina e revoca degli amministratori senza rischi di future azioni di responsabilità o azioni penali per bancarotta in caso di insuccesso; c) clausole che garantiscano il venture capitalist da situazioni di illiquidità nel momento dell uscita dall investimento. (14) Legge 317/ Capo VI - Art. 35. Prestiti partecipativi. 1. (...) 2. Si considerano prestiti partecipativi i finanziamenti di durata non inferiore a quattro anni, nei quali una parte del corrispettivo spettante all istituto di credito mobiliare o alla società finanziaria per l innovazione e lo sviluppo è commisurata al risultato economico dell impresa finanziata. 3. Per i prestiti partecipativi è dovuto un interesse annuo non superiore al tasso ufficiale di sconto vigente nel periodo al quale si riferiscono le rate di ammortamento del prestito. L impresa finanziata si obbliga, inoltre, a versare annualmente al soggetto finanziatore, entro trenta giorni dall approvazione del bilancio, una somma commisurata al risultato economico dell esercizio, nella percentuale concordata preventivamente con l istituto di credito mobiliare o la società finanziaria per l innovazione e lo sviluppo. Nel conto dei profitti e delle perdite dell impresa finanziata, la predetta somma costituisce oggetto di specifico accantonamento per onere, rappresenta un costo e, ai fini dell applicazione delle imposte sui redditi, è computata in diminuzione del reddito dell esercizio di competenza. Ad ogni effetto di legge gli utili netti annuali si considerano depurati da detta somma. 4. I prestiti partecipativi possono essere assistiti soltanto da garanzie personali, individuali o collettive, alle quali si applica (segue) ziari. In chiave previsionale, solo 1,4% delle imprese manifatturiere prevede di cedere nei prossimi tre anni quote minoritarie di capitale di rischio ad operatori finanziari. Migliore è la situazione nel comparto servizi: nel triennio considerato, sono 2,7% le imprese che hanno ceduto una quota di capitale di rischio, mentre 3,5% intende operare in questa direzione nei prossimi tre anni. Giocano contro lo sviluppo del private equity e del venture capital, una serie di barriere: le PMI frappongono soprattutto motivazioni di carattere interno, mentre sul versante dell offerta ha peso un quadro normativo che, almeno fino all entrata in vigore della riforma del diritto societario (12), non ha favorito l adozione di modalità partecipative per i venture capitalist, tali da porre un corretto rapporto tra proprietario e manager, riducendo i rischi di moral hazard da parte del gruppo di controllo (13). L utilizzo di strumenti semi-equity Gli strumenti semi-equity presenti nella realtà italiana sono essenzialmente due: i prestiti partecipativi e il debito subordinato. I prestiti partecipativi hanno avuto origine in Italia con la legge 317/91 (14), ma la loro diffusione è avvenuta soprattutto negli ultimi anni, anche grazie all attivazione di fondi pubblici nell ambito di misure di politica industriale dei territori. L obiettivo di rafforzare patrimonialmente le imprese e di accelerare il processo di capitalizzazione viene perseguito attraverso apporti monetari da parte dei soci, con fondi prestati dalla banca a titolo di prestito partecipativo, spesso garantiti dai confidi. Nella maggior parte dei casi la remunerazione del prestito si articola su due componenti: La prima, di natura fissa (tasso minimo garantito), unisce ad un tasso di riferimento (Euribor) uno spread commisurato al rischio della controparte; La seconda, a carattere variabile, viene parametrata sulla performance dell impresa finanziata. L aspetto innovativo deriva dall intervento diretto dei soci, i quali attraverso versamenti periodici in «conto futuro aumento di capitale sociale» forniscono all impresa i mezzi necessari per la restituzione della quota capitale del prestito. Essi, versando alle scadenze stabilite i mezzi necessari per effettuare il pagamento delle rate, contribuiscono al rimborso del prestito, ed una volta completato questo, all aumento del valore nominale del capitale. Non essendo assistito da garanzie sul patrimonio aziendale, il prestito partecipativo si caratterizza anche per essere una forma di finanziamento basato sostanzialmente sulle capacità di rimborso dell impresa. I finanziamenti di tipo mezzanino (debito subordinato) (15) presentano elementi di specificità che li collocano in una posizione intermedia tra il debito senior e il capitale di rischio. Negli Stati Uniti le caratteristiche di elevata flessibilità proprie del mezzanine finance, che consentono di adattare la struttura del prestito alle specifiche esigenze dell impresa finanziata, ne fanno uno strumento di debito impiegato prevalentemente a favore di imprese di medio-piccole dimensioni. In Europa, l impiego del mezzanine finance si è sviluppato con un certo ritardo ed ha incontrato una diffusione meno ampia rispetto al mercato americano. Se si prescinde dal caso britannico, nel resto d Europa il mercato delle operazioni di buy out, a cui il debito subordinato risulta strettamente correlato, appare ancora in una fase iniziale. È tuttavia indubbio che il mercato europeo presenti ancora significative potenzialità di sviluppo. La sua attività, oltre che dai processi di privatizzazione e ristrutturazione in atto, deriva anche dalla necessità, per molte imprese famigliari, di risolvere i problemi connessi alla successione (16). Problema molto sentito in Italia, dove la maggior parte delle piccole e medie imprese presenta una gestione familiare ed un accentramento del capitale e del potere nelle mani di pochi soggetti proprietari. Malgrado ciò, le operazioni di buy out sono ancora molto ridotte per numero ed importo (17) e tanto più la loro componente di debito subordinato (una decina di operazioni all anno), che risulta inferiore a quella di altri paesi europei. Lo scarso utilizzo in Italia di strumenti di mezzanine finance, può essere ricondotto ad una serie di fattori. Oltre alla nota chiusura degli imprenditori verso investitori terzi, uno dei princi-

6 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 5/ Il capitale di rischio delle PMI italiane 19 pali ostacoli - comune a tutte le attività impegnate a fornire capitale di rischio - deriva dalla mancanza di veloci e profittevoli vie di uscita dall investimento. Il collocamento attraverso la quotazione sul mercato borsistico è ancora poco frequentato e la trattativa privata rappresenta Secondo le indagini della borsa italiana, sono circa le società che possiedono le «caratteristiche necessarie per la quotazione», ma sono soltanto 250 quelle che dichiarano di volersi quotare «prima o poi». (continua nota 14) l articolo 1946 del codice civile. Ad integrazione di tali garanzie è consentito l intervento del Fondo centrale di garanzia di cui all articolo 20 della legge 12 agosto 1977, n. 675, e successive modificazioni. La garanzia integrativa non opera per la parte dei prestiti partecipativi che ecceda il triplo del patrimonio netto dell impresa finanziata. 5. (...). (15) Furono introdotti negli Stati Uniti durante gli anni 80, a seguito del forte sviluppo delle operazioni di ristrutturazione aziendale. (16) Il problema successorio è presente in molte imprese europee. Una ricerca mette in evidenza che il desiderio di mantenere nelle mani della famiglia fondatrice il controllo dell impresa è molto diffuso (Gran Bretagna 32%, Germania 57%, Italia 63%, Spagna 74%); tuttavia solo il 30% transita alla seconda generazione e solo il 10% arriva alla terza. (17) Le operazioni hanno riguardato per lo più aziende di media dimensione, soprattutto appartenenti ad un gruppo. (18) Mirco Leonelli, Fra piccole e medie imprese e Borsa un rapporto a volte difficile, Incontri, n. 85/2005. Antonella Olivieri, Più crescita quando la Pmi va in Borsa, Il Sole 24 Ore, 9 giugno ancora la via d uscita maggiormente utilizzata, ancorché più ricca di incertezze e di asimmetrie sia sul versante della domanda che dell offerta. Inoltre, mancando l Italia di organismi specializzati, le poche operazioni vengono sviluppate da investitori esteri, la cui operatività è spesso ostacolata dalla necessità di risolvere notevoli problemi di natura fiscale e giuridica, con un conseguente incremento dei costi. Ulteriori impedimenti vengono a volte dalla difficoltà di convivenza, nell ambito della stessa struttura finanziaria, tra banche e finanziatore mezzanino. Il problema risulta accentuato dalla consuetudine di utilizzare, nel ruolo di finanziatore senior, un pool di banche, generando diversità di ottiche valutative e non infrequenti conflitti di interesse. Un altro elemento in grado di incidere negativamente deriva dal rapporto tra debito e capitale di rischio, normalmente imposto alle banche italiane per intervenire. La richiesta di un apporto di capitale di rischio da parte dell equity investor posizionato su percentuali comprese tra il 30 e il 40% del valore dell operazione, fa sì che i margini a disposizione per l utilizzo del debito subordinato si riducano ulteriormente. La quotazione in Borsa delle PMI italiane In Italia il ricorso al mercato ufficiale dei capitali rimane ancora una prassi scarsamente diffusa, tanto più fra le imprese di minore dimensione (18), ove la cultura proprietaria tipicamente familiare, non permette di apprezzare a fondo i vantaggi offerti dalla quotazione di borsa, che sono colti solo da un gruppo selezionato di «anticipatori». Secondo le indagini della borsa italiana, sono circa le società che possiedono le «caratteristiche necessarie per la quotazione» [Banca d Italia 2003], ma sono soltanto 250 quelle che dichiarano di volersi quotare «prima o poi». La già citata analisi del Gruppo Bancario Capitalia, fornisce risultati analoghi circa la scarsa propensione delle imprese manifatturiere italiane, e soprattutto delle classi dimensionali inferiori, a ricorrere alla quotazione in Borsa (Tavola 3). La tavola mostra che le imprese manifatturiere che intendono essere quotate sono appena 1%, in calo rispetto ai periodi precedenti. Fra queste, sono proprio le imprese più piccole a mostrare una minore propensione (0,85%) anch essa in calo nel tempo. Ma perché tante piccole e medie imprese «quotabili» restano riluttanti, privandosi di opportunità di sviluppo? Forse per la scarsa fiducia nel mercato azionario e nelle sue regole di funzionamento, forse per gli eccessivi adempimenti burocratici e costi che la quotazione comporta, forse per una incompleta comprensione dei vantaggi che l accesso alla borsa consente di ottenere? La risposta a queste domande condiziona fortemente la possibilità di superare - ove lo si consideri veramente importante - il fenomeno del «nanismo» delle imprese italiane. Che cosa fare? L analisi fin qui condotta mostra da una parte la carente capitalizzazione delle PMI italiane e dall altra la resistenza che gli imprenditori proprietari dimostrano verso l ingresso di nuovi soci, soprattutto investitori istituzionali. Non riteniamo che la via per una soluzione possa essere quella dell attesa fatalistica di un cambiamento della cultura imprenditoriale, ma neppure siamo convinti che possano essere efficaci delle formule pre-confezionate, ancorché risultate utili in altri contesti. L obiettivo, nel prosieguo di questo articolo, è quello di presentare un repertorio di pratiche, suggerite dalle politiche della Commissione Europea o già adottate da paesi dell Europa, con

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario?

IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario? IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario? Anna Florio Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano anna.florio@polimi.it Maggio 2003 1 IL FINANZIAMENTO

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli