Andrea Luppi 1. Sogno o son lucido?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andrea Luppi 1. Sogno o son lucido?"

Transcript

1 Andrea Luppi 1 Sogno o son lucido? Siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni [William Shakespeare] Introduzione La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro. Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare - Arthur Schopenhauer Ciascuno di noi passa circa un terzo della propria vita a dormire e un quarto di questo tempo a sognare. La maggior parte delle persone lo considera un momento indispensabile, quale esso effettivamente è, ma non sa perché. Il sogno lucido, un sogno nel quale si è consapevoli di sognare, può trasformare la nostra visione della realtà, tanto che in Tibet è praticato da secoli quale via verso l illuminazione. Il mio interesse per i sogni risale al settembre 2008, quando ho iniziato a scrivere il mio Diario dei sogni. Al momento sono al numero LXII, e questo per me è ben più che un semplice hobby. Il mio sogno è infatti studiare i sogni e questa tesina nasce dal desiderio di condividere quella che considero una delle esperienze più belle di tutta la mia vita: il sogno lucido Svolgimento Breve storia del sogno Ho fatto un sogno, che non era solo un sogno - Lord Byron, Darkness Fin dall antichità l uomo ha ritenuto che i sogni contenessero un qualche messaggio. Ci sono prove di questo nella Bibbia (famoso è l episodio di Giuseppe che interpreta il sogno del Faraone) e nell Iliade di Omero, dove l indovino Tiresia deve spesso interpretare sogni di origine divina. In tempi più recenti, opere quali The Strange Case of Doctor Jekyll and 1 Alunno della classe V C nell anno scolastico PRISMI on line 2013 pagina 1

2 Mr Hyde di Stevenson e Frankenstein di Mary Shelley sono state ispirate proprio da sogni dei rispettivi autori. Tuttavia, per millenni lo studio dei sogni è stato riservato a fattucchiere e ciarlatani, in quanto si tendeva a considerarli una mera curiosità, impossibile da analizzare scientificamente. Questa convinzione fu messa in discussione per la prima volta solamente nel 1899, quando Sigmund Freud pubblicò la sua Traumdeutung 2 (Interpretazione dei sogni). Secondo Freud, il sogno è la realizzazione mascherata di un desiderio rimosso. La teoria freudiana prevede infatti la distinzione della psiche umana in due parti, una conscia e una inconscia. L individuo agisce in base a pulsioni, che egli tenderebbe ad assecondare secondo l egoistico Principio del piacere. A questo si oppone però il Principio di realtà, il cui scopo è proprio quello di valutare la compatibilità delle pulsioni con la realtà circostante. Nel momento in cui ciò che si desidera o si vive è incompatibile con la società in altro modo deleterio per il benessere dell individuo, il tutto viene rimosso, cioè relegato nell inconscio. Ciò non significa però che smetta di influenzare il comportamento dell individuo: in casi estremi si giunge alla patologia e alla nevrosi. Per Freud, l unico modo di risolvere il problema è riportare alla coscienza i contenuti rimossi. Proprio qui risultano importanti i sogni: oltre ad un contenuto manifesto, di natura censoria, Freud è convinto che essi abbiano anche un contenuto latente. Esso non sarebbe altro che un tentativo dell inconscio di comunicare con la parte conscia. Lungi dall essere semplice superstizione, l interpretazione dei sogni assume con Freud un importanza notevole, in quanto momento cruciale del processo di guarigione dalla malattia mentale. Un interessante critica a Freud giunge però da Ettore Schmitz, meglio noto con lo pseudonimo con cui divenne uno dei principali autori del Novecento italiano: Italo Svevo. Tale critica non è relativa all impianto teorico del medico viennese, quanto piuttosto alla sua pretesa di poter curare le nevrosi e di poterlo fare solamente con la psicoanalisi. Proprio alla psicoanalisi Svevo dedica l ultima sezione della sua famosa opera La coscienza di Zeno, nella quale il protagonista Zeno Cosini attacca duramente il suo psicoterapeuta, il dottor S. (Sigmund?). Zeno rivendica quella che dovrebbe essere la sua malattia come unica, autentica forma di sanità mentale: solo chi ha coscienza della propria condizione è da considerarsi veramente sano. Un secondo, fondamentale passo verso l accettazione del sogno quale oggetto di studi scientifici fu la scoperta, nel 1952, del sonno REM (Rapid Eye Movement, ovvero movimento rapido degli occhi ). Eugene Aserinsky (Università di Chicago) si accorse che in certi momenti nel cervello si registra un attività praticamente uguale a quella della veglia, e gli occhi si muovono rapidamente sotto le palpebre chiuse. Questi momenti tendono a ripresentarsi con una ciclicità di circa 90 minuti, e sono associati a sogni vividi, dotati di una forte carica emotiva. Ulteriori studi dimostrarono che tutti i mammiferi hanno fasi REM. Queste e altre scoperte portarono alla formulazione di nuove ipotesi sulla funzione dei sogni: 2 Per coerenza con la bibliografia, i titoli delle opere citate sono in lingua originale. PRISMI on line 2013 pagina 2

3 La capacità di sognare potrebbe essere un meccanismo evolutivo: simulando situazioni di pericolo, i sogni avrebbero insegnato ai nostri antenati come affrontarle, e dunque li avrebbero aiutati a sopravvivere. In alternativa, il sogno potrebbe essere il momento in cui l inconscio rielabora gli avvenimenti della giornata: alcuni eventi vengono eliminati in quanto superflui, mentre altri vengono fatti passare nella memoria a lungo termine grazie al rinforzo delle emozioni che vi sono associate in sogno. In ogni caso, la teoria freudiana non perde completamente di significato: l esistenza dell inconscio è provata scientificamente, anche se esso non è più considerato come un semplice serbatoio di memorie e desideri repressi: al contrario, esso è dotato di notevoli capacità di elaborazione proprie. Il sogno lucido Fino ad ora si è parlato solo dei sogni normali, quelli di cui tutti facciamo esperienza ogni notte. Anche se il 5% della popolazione è convinto del contrario, infatti, in realtà tutti sognano: semplicemente, queste persone non se ne ricordano. Gli unici che davvero non sognano sono coloro che hanno subìto danni permanenti al cervello, ad esempio a causa di un ictus. Al contrario, i sogni lucidi sono un fenomeno molto raro: secondo le stime soltanto un individuo su 10 ha avuto esperienza di sogni lucidi naturali nella propria vita. (L aggettivo naturali è importante, perché esistono diverse tecniche per imparare a fare sogni lucidi). Il termine venne coniato dall Olandese Frederick van Eeden nel 1913, ma in realtà l esperienza è descritta anche da Agostino di Ippona, in una lettera del 415 DC. In ogni caso, lo studio sistematico di questa esperienza iniziò solo nel 1968, quando Celia Green pubblicò il suo libro Lucid Dreams. Negli anni Settanta e Ottanta Keith Hearne in Gran Bretagna e Stephen LaBerge alla Stanford University dimostrarono in maniera indipendente l esistenza dei sogni lucidi. Essi riuscirono infatti a comunicare con i loro collaboratori da dentro il proprio sogno, muovendo gli occhi in un modo precedentemente concordato. Da allora il numero di onironauti (così si chiamano coloro che praticano il sogno lucido) è andato aumentando in tutto il mondo, specie nell ultimo decennio. Come già detto, però, fare sogni lucidi non è affatto semplice. La ragione sembrerebbe essere che la mente è condizionata a considerare reali gli stimoli sensoriali, in particolar modo quelli visivi. Di conseguenza, piuttosto che metterne in dubbio la realtà essa cerca di giustificarli, per quanto improbabili essi siano, inventando falsi ricordi o spiegazioni. In questo è aiutata dal fatto che durante il sonno i centri della logica sono meno attivi. Tuttavia, per imparare a sognare lucidamente esistono un gran numero di tecniche, alcune delle quali sono state sviluppate dallo stesso LaBerge. Essenzialmente, esse si PRISMI on line 2013 pagina 3

4 possono dividere in due grandi gruppi, a seconda che la lucidità abbia inizio da un precedente stato di sogno non lucido o dalla veglia. La DILD (Dream-Induced Lucid Dream, ossia sogno lucido indotto durante un sogno ) e le tecniche ad essa associate prevedono che il sognatore si alleni a valutare criticamente la realtà dell ambiente che lo circonda durante la veglia. In tal modo sarà poi in grado di notare le anomalie che si verificano nei sogni, ottenendo la lucidità. Essenziali per questo tipo di tecniche sono i test di realtà (cercare di respirare col naso tappato, chiedersi cosa si stesse facendo poco prima) e soprattutto il diario dei sogni. Ciascuno di noi fa in media tre-quattro sogni per notte, e scriverli permette di riconoscere i propri personali dream signs, vale a dire le bizzarrie che accadono più di frequente nei nostri sogni. Tra quelli più diffusi ci sono la difficoltà a muoversi e gli interruttori difettosi. La WILD (Wake-Induced Lucid Dream, sogno lucido indotto da svegli ) è una sorta di Sacro Graal degli onironauti. Pochi, anche tra i più esperti, ne sono in grado. Sostanzialmente, essa consiste nell addormentarsi senza che la coscienza venga mai meno. In questo modo ci si ritrova direttamente dentro il sogno mentre questo si forma a partire dalle allucinazioni ipnagogiche, ovvero quegli stimoli sensoriali casuali (soprattutto immagini, ma è frequente anche la sensazione di cadere) che precedono il sogno vero e proprio. Oltre alla difficoltà di trovare il giusto equilibrio tra concentrazione e rilassamento, un altro problema si presenta a chi intende usare questa tecnica: la paralisi del sonno. Vi siete mai chiesti per quale motivo non compiamo effettivamente, durante il sonno, le stesse azioni che siamo convinti di compiere in sogno? La risposta è proprio che durante il sonno il corpo è paralizzato, ad eccezione degli occhi. Quando questo non avviene si parla di sonnambulismo. Inoltre, qualora la paralisi non svanisca correttamente, ad esempio a causa di un risveglio improvviso, si presenta il fenomeno che i latini chiamavano Incubus o pavor nocturnus: la paralisi, unita alle allucinazioni ipnopompiche (il contrario di quelle ipnagogiche) provoca una sensazione di intensa paura che può durare anche qualche minuto. Una particolare variante di questa tecnica era utilizzata dal pittore Salvador Dalì: egli non conosceva i sogni lucidi, ma sfruttava le immagini ipnagogiche per ottenere ispirazione. Si addormentava con un cucchiaino tra due dita e quando la paralisi del sonno faceva sì che questo cadesse, egli si svegliava e registrava le proprie allucinazioni visive sotto forma di dipinti. Perché sognare lucido? In ogni caso, perché affrontare tutto questo? Che cosa c è di così interessante nel capire che si sta sognando, che ci si trova in un sogno? La risposta in realtà è semplice, una volta che ci si è resi conto del significato profondo delle suddette affermazioni. Trovarsi in un sogno, in sostanza, vuol dire essere all interno di un ambiente virtuale, creato da noi stessi. E poiché siamo noi a creare il tutto (un altra dimostrazione di quanto potente sia l inconscio) siamo noi anche a stabilire le regole! Il motivo per cui nei sogni stiamo attaccati al terreno, insomma, è che noi ci aspettiamo che ciò accada. Non a caso tra le prime cose che quasi ogni onironauta sperimenta c è proprio il volo; per di più, è facile distinguere un PRISMI on line 2013 pagina 4

5 onironauta inesperto da uno esperto a seconda delle tecniche di volo usate: i primi tendono ad affidarsi a stivali alati o sbattono le braccia, mentre i secondi prediligono lo stile Superman. Questo è dovuto al fatto che col tempo si impara a controllare in modo sempre migliore il proprio sogno, prescindendo da quelle che sono le regole della veglia. In un sogno lucido, qualunque cosa è possibile. Basta solo pensare a qualcosa perché ciò accada! E dunque una sola è la regola da non violare: non pensare di svegliarsi. Oltre alle possibilità ricreative che offrono (che comunque ne costituiscono la principale fonte di interesse, e a ragione) i sogni lucidi presentano altre interessanti potenzialità: in primo luogo sono usati da molti artisti per andare in cerca dell ispirazione, senza aspettare che questa arrivi spontaneamente; un quadro che ebbe questa origine è La bella prigioniera di Magritte, il quale fu anche il primo artista a descrivere un sogno lucido (benché non in questi termini). A tutto questo si aggiungono notevoli applicazioni nel campo medico: oltre alla cura degli incubi (che anzi sono amati dagli onironauti per l alta probabilità di indurre alla lucidità), i sogni lucidi sono usati per risolvere le fobie. Inoltre, esiste una categoria di persone che può trarre grande beneficio dai sogni lucidi: si tratta di coloro che, per un incidente, una malattia o altro, hanno subìto una menomazione fisica. Nel sogno, queste menomazioni possono essere superate: un cieco può tornare a vedere, e un paralitico a camminare. Non si tratta di miracoli, ma miracolosi potrebbero essere i risultati per il benessere psico-fisico di queste persone! A proposito di ciò, la capacità di sognare lucidamente fornisce anche un metodo di interpretazione diretta dei sogni, senza la necessità di uno psicoterapeuta: è sufficiente, anziché alterare il contenuto e lo svolgimento del sogno, limitarsi a chiedere ai vari personaggi che cosa essi rappresentino. In fondo, ciascun DC (dream character, cioè personaggio onirico) non è altro che una parte del sé, e quasi sempre anche i più spaventosi tendono a rispondere, fornendo preziose indicazioni per la vita reale. Parentesi filosofica Personalmente, trovo che un altro interessante campo di applicazione del sogno lucido sia la speculazione filosofica. In particolare, i meccanismi del sogno lucido sono straordinariamente simili a quelli descritti dal primo dei filosofi dell Idealismo tedesco, J. G. Fichte. La filosofia di Fichte, come espressa nella Wissenschaftslehre ( Dottrina della scienza ) si basa su tre momenti distinti: L Io assoluto pone se stesso All interno dell Io assoluto, l io contrappone a sé un non-io L io limitato e il non-io limitato si oppongono l uno all altro Ora, si potrebbe considerare l io limitato come la mente cosciente del sognatore, vale a dire quell io che dice io sto sognando ; il non-io limitato potrebbe essere l inconscio, PRISMI on line 2013 pagina 5

6 espresso come ambiente del sogno (ciò che si vede, si sente e si tocca nel sogno, ma anche tutti i DC) e l io assoluto diverrebbe a questo punto l unione di conscio e inconscio, con la sua facoltà creatrice (quella cioè che crea la realtà del sogno). In questo senso si può davvero comprendere il pensiero di Fichte nel momento in cui egli dice che sono io a porre l oggetto della conoscenza. Conclusione Gli uomini in stato di veglia hanno un solo mondo che è loro comune. Nel sonno, ognuno ritorna a un suo proprio mondo particolare - Eraclito Il sogno, e specialmente il sogno lucido, è un territorio largamente inesplorato: le dinamiche qui esposte, nonché i vari tentativi di spiegazione, sono solamente teorie; teorie largamente condivise, certo, ma non da tutti. Al riguardo c è ancora grande incertezza, e molti sono i pareri divergenti. Ciò che sembra certo, in ogni caso, è che il sogno costituisce una corsia preferenziale per l analisi della mente e del suo funzionamento, in quella che a mio parere sarà la nuova frontiera del nostro secolo: ora che l intero pianeta è stato esplorato e che l uomo si è avventurato nell infinitamente grande dell universo e nell infinitamente piccolo del nucleo atomico, ciò che resta da scoprire è la mente che ha potuto tutto questo, la mente dell uomo. E io, se ne avrò la possibilità, intendo prendere parte a questa ricerca. A proposito, anche il titolo di questa tesina è frutto di un sogno. Libri BIBLIOGRAFIA Freud Sigmund, Die Traumdeutung (1899) nella traduzione di Antonella Ravazzolo, Newton Compton, 2010 Svevo Italo, La coscienza di Zeno (1923) a cura di Pasquale Stoppelli, Zanichelli, Bologna 2007 Green Celia, Lucid Dreams LaBerge Stephen, A Course in Lucid Dreaming La Berge Stephen, Exploring the World of Lucid Dreaming Blackmore Susan, Lucid Dreaming Articoli PRISMI on line 2013 pagina 6

7 Frederik van Eeden (1913), A study of Dreams, Proceedings of the Society for Psychical Research Spoormaker Victor I, van den Bout Jan, (October 2006), Lucid Dreaming Treatment for Nightmares: A Pilot Study, Psychotherapy and Psychosomatics 75 Williams Daniel (April 2007), While you where sleeping, Time magazine. Barrett, Deirdre (1993), The 'Committee of Sleep': A Study of Dream Incubation for Problem Solving. Dreaming, Journal of the Association for the Study of Dreams 3 Augusto L.M. (2010), Unconscious knowledge: A survey, Advances in Cognitive Psychology, 6 Siti internet Film Inception (2011) di Christopher Nolan PRISMI on line 2013 pagina 7

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Box. 3.1-3.2-3.3 Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Le onde della veglia Quando l individuo

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Stadi di veglia. Veglia attiva. Veglia rilassata

Stadi di veglia. Veglia attiva. Veglia rilassata Stadi di veglia Veglia attiva onde rapide, irregolari e desincronizzate onde beta con elevate frequenza e bassa ampiezza caratteristiche degli stati di arousal Veglia rilassata onde più lente e regolari

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Lucid Dreaming Techniques

Lucid Dreaming Techniques Lucid Dreaming Techniques Manuale pratico per oneironauti Contenuti Introduzione...2 Capitolo 1 - Preparazione... 3 1.Ricordare i sogni...3 2.Archiviare i sogni... 3 3.Indicatori del sogno... 4 4.Analizzare

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Aspetto COGNITIVO Aspetto AFFETTIVO EMOTIVO Aspetto RELAZIONALE Capacità motorie Abilità

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Dr. Augusto Gentili 20/09/2011 Dott. Augusto Gentili 1 Viviamo in una società di massa, globalizzata. Ci si aspetta

Dettagli

LA PSICOLOGIA DEL SONNO

LA PSICOLOGIA DEL SONNO 109 LA PSICOLOGIA DEL SONNO PIERO SALZARULO Dipartimento di Psicologia, Università di Firenze 1. La psicologia del sonno: ricerche sperimentali La psicologia si è relativamente poco interessata allo studio

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

LA COSCIENZA DI ZENO

LA COSCIENZA DI ZENO LA COSCIENZA DI ZENO L intermezzo preparatorio 1898-1915 Delusione per l insuccesso dei primi due romanzi (Una vita Senilità) Impegni familiari dopo il matrimonio con Livia Veneziani (1896) Impegni lavorativi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile storia di un pensiero che da lineare ritornò ad essere radiale le mappe mentali:rappresentazione grafica del pensiero. seconda puntata di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione

Dettagli

Il mestiere impossibile. Andrea Varani

Il mestiere impossibile. Andrea Varani Andrea Varani Il mestiere impossibile Insegnare diventa spesso un mestiere impossibile, implica agire con urgenza, decidere nell incertezza, operare senza avere il tempo di meditare. Tutto ciò senza una

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Bergamo, 3 Ottobre 2008 Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Dott.ssa Laura Marchesi Da cosa nasce quest idea idea??? L idea nasce, in collaborazione con la Dott.ssa

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI AUTO-IPNOSI Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI E una tecnica terapeutica molto efficace, può essere applicata per risolvere alcuni disturbi

Dettagli

? Parola di ricercatori (Brinol P., Petty R.E. e Wagner B., Body posture effects on self-evaluation, in European Journal of Social Psychology ).

? Parola di ricercatori (Brinol P., Petty R.E. e Wagner B., Body posture effects on self-evaluation, in European Journal of Social Psychology ). La PNL è una tecnica che ha l'obiettivo di allenare la mente al benessere, attraverso esercizi mentali e fisici che ottimizzano le peculiarità e le capacità del cervello. Lo sapevate che sedere con la

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto.

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto. PROGRAMMARE IL 2011 Come ben sappiamo gli ultimi giorni dell anno sono giorni di bilancio: di fronte al conto economico della vita dovremmo valutare gli Attivi e i Passivi e quindi comprendere se l annata

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

MaDre. Dall Ipnosi al Sogno Lucio e al Sogno Ipnotico

MaDre. Dall Ipnosi al Sogno Lucio e al Sogno Ipnotico Dall Ipnosi al Sogno Lucio e al Sogno Ipnotico Tutto è partito dopo un esperienza durata più di un anno di scuola di ipnosi che ho frequentato nell'intento di carpire i segreti per una mia idea fissa che

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

REALIZZAZIONE INTEGRALE

REALIZZAZIONE INTEGRALE REALIZZAZIONE INTEGRALE PROGRAMMA DEI CORSI di Andrea Pangos www.andreapangos.it andreapangos@gmail.com 1) Arte e Talenti metodo completo per aumentare la creatività 2) Autoguarigione corso di autoguarigione

Dettagli

Tipologie di consumo Informazioni per il PD

Tipologie di consumo Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Gli alunni fanno un esperimento volto a illustrare le differenze tra un «consumo occasionale» e un «consumo problematico». Gli alunni riassumono le caratteristiche che

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

La via regia verso l inconscio. Freud e l interpretazione dei sogni

La via regia verso l inconscio. Freud e l interpretazione dei sogni La via regia verso l inconscio Freud e l interpretazione dei sogni Nella filosofia antica e medievale 1. L uomo secondo i filosofi Socrate: l uomo è essenzialmente la sua anima, sede della coscienza pensante

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

IMMAGINI DELLA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA. LA FIGURA DEL VIAGGIO NEI DIARI FORMATIVI DEI DOCENTI NEOASSUNTI

IMMAGINI DELLA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA. LA FIGURA DEL VIAGGIO NEI DIARI FORMATIVI DEI DOCENTI NEOASSUNTI IMMAGINI DELLA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA. LA FIGURA DEL VIAGGIO NEI DIARI FORMATIVI DEI DOCENTI NEOASSUNTI Chiara Biasin e Andrea Porcarelli Università di Padova Bressanone 5 aprile 2013 INTRODUZIONE E

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011 CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia.

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Scrittura Meditativa

Scrittura Meditativa Scrittura Meditativa Attraverso la scrittura in rilassamento profondo diamo voce al subconscio, che ci parla delle nostre paure, dei nostri limiti, ma anche dei nostri progetti reali e dei desideri più

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Vipassana dipendenze e salute

Vipassana dipendenze e salute Vipassana dipendenze e salute Seminario promosso dal Vipassana Research Institute Dhamma Giri, Igatpuri, India, dicembre 1989 Vipassana e psicoterapia * di Jyoti Doshi medico e psicoterapeuta La funzionalità

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

A proposito di sogni

A proposito di sogni A proposito di sogni Nel V libro delle Metamorfosi Apuleio descrive con ricchezza di particolari il meraviglioso palazzo divino, costruito in oro e pietre preziose, nel quale Psiche è magicamente trasportata

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

Anna La Prova. Ansia e Panico. Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli

Anna La Prova. Ansia e Panico. Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli Anna La Prova Ansia e Panico Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli Indice Introduzione 3 Che cos è l ansia 8 Cosa sono le emozioni 24 Gestire l ansia in 3 passi: la tecnica 3AF 39 Come

Dettagli

Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Metodologia della Ricerca. Psicoanalisi: una ricerca aperta di Alessia Pagliaro

Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Metodologia della Ricerca. Psicoanalisi: una ricerca aperta di Alessia Pagliaro Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Metodologia della Ricerca Psicoanalisi: una ricerca aperta di Alessia Pagliaro Il dibattito In ambito psicoanalitico è in corso un dibattito

Dettagli

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale PROGRAMMA Storia della PNL I presupposti della comunicazione I sistemi rappresentazionali Il sistema rappresentazionale preferenziale Individuazione del sistema rappresentazionale primario I LEM (Lateral

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

University Press. Morlacchi Editore

University Press. Morlacchi Editore University Press Morlacchi Editore Ornella Bovi - Enrico Bocciolesi Dall arte al cervello Profili di un percorso interpretativo fra sinestesie ed emozioni Morlacchi Editore Prima edizione: 2010 Ristampe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO SCUOLA PRIMARIA MATILDE DI CANOSSA A. S. 2004/05 e 2005/06 Insegnanti: Ferraguti Paola Bocchi Silvana 1 UNITA DI APPRENDIMENTO: CAPIRE CON IL CUORE Premessa L educazione

Dettagli

cata e permettere all individuo di assimilare con tutto se stesso una verità difficile da accettare.

cata e permettere all individuo di assimilare con tutto se stesso una verità difficile da accettare. Prefazione In quest ultimo ventennio l interesse della psicologia per temi che riguardano la coppia è andato sempre più crescendo. È un argomento che ha sempre appassionato gli studiosi del settore e credo

Dettagli

Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO. 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità.

Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO. 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità. Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità. 2. All inizio del romanzo la madre di Alice dice alla figlia Basta

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA!

ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA! ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO D ASSISI SCUOLA PRIMARIA EX REDENTORISTI COSSILA SAN GIOVANNI- BIELLA Classe seconda, A.S. 2013/2014 ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA! DOCENTE: BRUNA RAMELLA PRALUNGO

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment Scuola Triennale di Counseling Integrato CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP Formazione teorico - pratica Empowerment Più attenzione sulle risorse che sui problemi. Roma, 7 giugno 2017 www.felicianocrescenzi.com

Dettagli

L anno prossimo http://yearcompass.com/it http://yearcompass.com/shop

L anno prossimo http://yearcompass.com/it http://yearcompass.com/shop Credo che tutto sia possibile l anno prossimo. Data: l anno che hai firma di fronte Opera dello Staff di YearCompass e dei volontari dell Invisible University International. Békéssy László, Freisinger

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Allungati e Respira Programma Parti dal Diaframma

Allungati e Respira Programma Parti dal Diaframma TEST PAUSA CONTROLLO (PC) VALUTAZIONE TOLLERANZA CO2 origine test: Metodo Buteyko 2014 Tutti i diritti riservati www.allungatierespira.com Il test della PC è stato elaborato dal Dott.Buteyko, medico che

Dettagli