IL FINANZIAMENTO DELL INNOVAZIONE E IL RUOLO DEL VENTURE CAPITAL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FINANZIAMENTO DELL INNOVAZIONE E IL RUOLO DEL VENTURE CAPITAL"

Transcript

1 IL FINANZIAMENTO DELL INNOVAZIONE E IL RUOLO DEL VENTURE CAPITAL Simona Cavallini (Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Quantitativi dell Università degli Studi del Piemonte Orientale) Maggio

2 1 Introduzione Il presente paper ha lo scopo di analizzare la rilevanza della struttura finanziaria nell incentivare lo sviluppo e la formazione di nuove imprese innovative. Negli Stati Uniti la presenza di un efficiente sistema di finanziamento dell innovazione è stata indicata come la condizione che ha permesso la protratta espansione dell economia americana durante gli anni 90, frutto di un circolo virtuoso generato dalla vitalità dei mercati azionari e dalla crescita dell economia reale senza la presenza di inflazione. La matura industria del venture capital e la struttura finanziaria market-based sono state le assolute protagoniste del meccanismo di produzione dell innovazione ed un ruolo di particolare rilievo è sicuramente stato ricoperto dal Nasdaq. Nel Green Paper on Innovation del 1995 la Commissione Europea attribuiva la limitata capacità di innovare in Europa all inefficacia dei sistemi di finanziamento. Al primo posto tra le cause della disparità di crescita economica tra Stati Uniti e Europa la Commissione Europea individuava le limitazioni finanziarie allo sviluppo dell innovazione e in particolar modo l assenza di un mercato azionario per le imprese innovative: The lack of an electronics sector stock market specialising in growth or high-tech enterprise securities, similar to Nasdaq in the Unites States (European Commission, 1995, p. 31). Di conseguenza i governi europei hanno favorito lo sviluppo di un industria del venture capital europea e l istituzione dei nuovi secondi mercati per creare le condizioni necessarie per il finanziamento di imprese innovative. Il presente lavoro si propone di verificare se esse siano state anche condizioni sufficienti per la creazione di innovazione. 2 Venture capital e mercati azionari nel finanziamento delle imprese innovative Nell esperienza statunitense il venture capital si è dimostrato la modalità di finanziamento ideale per le giovani imprese innovative operanti nei settori delle ICT: Venture capitalist provide funds primarly to high-technology firms: over 80% of companies that get venture capital are in computer-related industries, medical-related industries, telecommunications or health care services (Fenn e Liang, 1998, p. 1078). 2

3 Dal punto di vista della domanda di finanziamenti, le imprese di nuova costituzione specializzate nei settori tecnologici non hanno bisogno solo di capitale, ma anche di consulenza e di esperienza gestionale. Dal punto di vista dell offerta sono necessarie soluzioni e forme tecniche di finanziamento appositamente mirate a causa della specificità di tali imprese caratterizzate da un elevato grado di rischio e di opacità informativa, soprattutto nei primi stadi di sviluppo 1. L asimmetria informativa, l assenza di garanzie e gli elevati costi di monitoraggio imputabili ai costi di valutazione dei rischi tecnologici, richiedono l impiego di capacità e professionalità altamente specializzate difficilmente conciliabili con un tradizionale contratto di debito bancario. Come indica Gompers (1995) in Optimal investment, monitoring and staging of venture capital il venture capital è la modalità di finanziamento ideale per le società tecnologiche nei primi stadi di sviluppo: Venture capitalist concentrate investments in early stage and high technology companies where informational asymmetries are highest (Gompers, 1995, p. 1461). La stessa necessità di informed capital per le giovani imprese esclude a priori i mercati istituzionali dei capitali come fonti diretta di finanziamento, a causa degli eccessivi costi di accesso, e privilegia tra le diverse fonti di finanziamento, il venture capital. Il venture capital negli Stati Uniti si è rivelato l anello essenziale della catena del finanziamento: accompagna l impresa durante tutta la sua vita e congiunge il finanziamento informale dal concepimento dell idea innovativa al capitale di rischio raccolto sui mercati azionari al momento della quotazione dell impresa. Come individuato in Petrella (2001), la soluzione ai problemi di finanziamento delle imprese innovative è un modello di finanziamento a stadi che associ, con la successione delle fasi di sviluppo del progetto, un progressivo ricambio delle fonti di finanziamento: in particolare business angel, venture capital e mercati azionari sono le fonti che meglio assolvono alla funzione di finanziamento delle imprese innovative in maniera sequenziale e non esclusiva. L efficienza dei mercati azionari al finanziamento delle imprese high-growth è possibile solo grazie all intermediazione del venture capital 2. Anche nel modello costruito da Boccard (2001) per analizzare i comportamenti di finanziamento di una start up del settore high-tech è 1 La stretta relazione di dipendenza che esiste tra rischiosità dell iniziativa e caratteristiche dei fabbisogni finanziari legati allo sviluppo dell impresa permette di suddividere in diverse fasi la vita dell impresa; secondo una classificazione della Bank of England (Bank of England, 1996) ripresa in Petrella, 2001, gli stadi di sviluppo di un impresa innovativa sono: seed (concepimento dell idea innovativa), start-up (avvio del processo innovativo), early growth (espansione iniziale) e sustained growth (consolidamento). 2 Il venture capitalist, oltre a permettere all impresa una crescita dimensionale tale da affrontare le richieste di ammissione, agisce anche da consulente nelle pratiche burocratiche di ammissione. 3

4 esclusa a priori la possibilità di finanziamento attraverso la quotazione diretta su di un mercato azionario, considerando il venture capital l unica alternativa. We assume that the cost of issuing public debt is too large for these entrepreneurs. Thus, their only source of financing is venture capital (Boccard, 2001, p.5). Per Michelacci e Suarez (2001) gli elevati costi di quotazione inducono l imprenditore ad affidarsi all informed capital per l avvio del progetto con un effetto di posticipazione della quotazione. 2.1 I vantaggi dell exit tramite i mercati azionari Il venture capitalist, una volta esaurita la sua funzione di fornitore di informed capital, è un socio temporaneo dell imprenditore interessato a monetizzare il proprio investimento ed a realizzare un guadagno di capitale attraverso la cessione della partecipazione (AIFI, 2000). Tra le principali opportunità di disinvestimento (canali di smobilizzo o exit channels) 3 la quotazione su mercati regolamentati con un Initial Public Offering (Ipo) è la modalità di disinvestimento più favorevole sia per il venture capitalist che per l imprenditore (Lerner 1994, Gompers, 1995 in Hellmann e Puri, 1998, Black e Gilson, 1998, Schwienbacher, 2001, Michelacci e Suarez, 2001, Ueda, 2000). La preferenza per la modalità di exit via mercato dei soggetti interessati ha, oltre all impatto diretto sul sistema finanziario, anche effetti sul sistema economico in generale: in condizioni di mercato rialziste, la scelta dell exit via Ipo contribuisce a favorire e ad accrescere l innovazione. Michelacci e Suarez (2001) in Business creation and the stock market individuano una stretta relazione positiva tra la velocità dell exit del venture capitalist sul mercato azionario e il guadagno in innovazione e crescita dell intero sistema economico. Dato che i costi di ammissioni al mercato azionario sono troppo elevati, l imprenditore di una start up è costretto a rimandare la quotazione e a ricercare altrove capitali per finanziare la crescita dell impresa. L informed capital del venture capitalist è la fonte di finanziamento a cui si rivolge l imprenditore, che gli permetterà anche di accedere alla quotazione. Michelacci e Suarez (2001) attribuiscono la riduzione della durata media del finanziamento nel caso di exit via mercato alla scarsità dell informed capital. each venture capitalist can only select, monitor and support a certain number of portfolio firms because his time is limited and because the 3 I principali sono la quotazione sui mercati azionari, il riacquisto della partecipazione da parte del gruppo imprenditoriale originario, la vendita dei titoli ad un altra impresa industriale od ad un altro investitore istituzionale (trade sale), la liquidazione o (write off). 4

5 supply of experienced venture capitalist is constant in the short term (Gompers, 1998 in Schertler, 2001 p. 4). L esperienza necessaria per gestire una start up necessita di specifiche competenze difficili da cumulare e impone ai venture capitalist delle limitazioni sul numero di imprese da finanziare. The Economist del 25 gennaio 1997 riporta che The main problem is not the lack of investment opportunities, but a shortage of people expert enough to spot them. Because the venture capitalist spend so much time with the companies they invest in, they tend to finance just a few firm a year each. In Michelacci e Suarez (2001) la crescita della domanda di informed capital spinge il venture capitalist a liberare capitali più velocemente con un effetto moltiplicatore sul tasso di creazione del business 4. Il merito della via di exit tramite la quotazione è quello di permettere il riciclo del denaro verso nuovi progetti innovativi, con effetto di stimolo sulla crescita economica. We claim that stock market encourages business creation, innovation and growth by allowing the recycling of informed capital (Michelacci e Suarez, 2001). 2.2 La ciclicità dei collocamenti sui mercati azionari Soprattutto in mercati azionari poco maturi, come i nuovi mercati europei, la quotazione delle società appare in buona misura legato alla congiuntura economica in cui si trova il sistema economico e al mercato stesso. Mentre la possibilità di quotazione di una società innovativa su di un preciso mercato dipende dalle caratteristiche di liquidità e dalle prospettive di crescita e di visibilità del mercato, la tempistica di un Ipo dipende dal rendimento atteso dal collocamento in una specifica fase del mercato. Per Manigart e De Maeseneire (2000) tra le principali variabili che incidono sul rendimento iniziale di una Ipo ci sono il market sentiment per lo stesso mercato al momento dell Ipo e il market sentiment per la specifica Ipo. Petrella in Sistemi finanziari e finanziamento delle imprese innovative: profili teorici ed evidenze empiriche dall Europa (2001) individua che la ciclicità è una caratteristica peculiare dei mercati dedicati alle imprese innovative in Europa. Come mostra il grafico 2.1, da inizio 1998 a fine 2000, la raccolta dei capitali via Ipo sui mercati europei dedicati alle imprese innovative è fortemente condizionata all indice di mercato. L analisi del trend dei capitali raccolti dai collocamenti sui principali nuovi mercati europei (Nuovo Mercato, Neuer Markt, Nouveau 4 Il meccanismo di riciclo dell informed capital attuato dai mercati azionari presuppone una fase di mercato rialzista. Infatti la crescita di domanda di informed capital da parte delle imprese, come mezzo per raggiungere la quotazione, è influenzata dalla possibilità di profitto e quindi dall andamento positivo del mercato azionario. In caso di mercato azionario ribassista si riduce la prospettiva di profitto dell imprenditore offerta con la quotazione e di conseguenza la domanda di informed capital diminuisce. 5

6 Marché, Alternative Investment Market e Techmark), in relazione all andamento dell EuroNm Index 5, attribuisce un ruolo di leading factor all andamento di mercato: la correlazione tra la raccolta di fondi tramite le Ipo del mese t ed il valore dell indice dello stesso mese è pari al 75% e addirittura cresce quella con l indice del mese precedente 6 (81%). Grafico 2.1 Andamento dell EuroNm Index e dei collocamenti sui nuovi mercati europei (Fonte: grafico in Petrella, 2001) Andamento dell EuroNm Index e collocamenti sui nuovi mercati Fonte: grafico in Petrella (2001) Come dimostra l andamento dei mercati nel corso del 2000, il market sentiment è un fattore rilevante per la scelta del timing della quotazione. Nel primo semestre dell anno si può parlare di un hot issue market accompagnato da un elevato numero di Ipo, mentre nella seconda parte dell anno 2000 il crollo dei corsi azionari, dovuto allo scoppio della cosiddetta 5 In Petrella (2001) è inoltre dimostrato che la scelta dell EuroNm come indice di confronto non influenza le conclusioni, dato che nello stesso periodo di osservazione esisteva una forte correlazione tra l EuroNm e gli altri indici europei: 90% con l AIM Index, 96% con l EASDAQ All Shares Index, e 96% anche con il Techmark All Shares Index). 6 Come in Black e Gilson (1998), il lag temporale tra il valore dell indice e il numero di Ipo sottolinea oltre all attenzione e all analisi dell andamento del mercato da parte del venture capitalist prima del passo della quotazione, anche i tempi tecnici necessari per l ammissione alla quotazione. 6

7 bolla speculativa, ha avuto due tipi di effetti: una reazione immediata di riduzione del numero di quotazioni ed una reazione di medio termine con un ridimensionamento della massa di imprese intenzionate a ricorrere alla quotazione sul mercato per la raccolta dei capitali. Una semplice analisi descrittiva 7 individua anche sul Nuovo Mercato la presenza di ciclicità dei collocamenti (grafico 2.2). Analizzando la correlazione tra indice di riferimento e Ipo si nota che esiste un rapporto tra il numero di Ipo e il valore dell indice di 4 mesi precedenti ( R 2 = 0, ) in grado di confermare l attesa relazione di causa-effetto (il valore dell indice influenza il numero di Ipo e non viceversa). Grafico 2.2 Andamento del numero dei collocamenti sul Nuovo Mercato e del Numtel (Fonte: mia elaborazione su dati di Borsa Italiana) Andamento del numero di Ipo e dell'indice del Nuovo Mercato numero di Ipo Numero di Ipo Indice Numtel (base al 17/06/1999) dicembre 1999 febbraio 2000 aprile 2000 giugno 2000 agosto 2000 ottobre 2000 dicembre 2000 febbraio 2001 aprile 2001 giugno 2001 agosto 2001 ottobre 2001 dicembre 2001 febbraio 2002 valore dell'indice Numtel Fonte: mia elaborazione su dati di Borsa Italiana 7 Il periodo preso in considerazione va da dicembre 1999 a marzo 2002 e le variabili utilizzate nella correlazione sono il Numtel su prezzi last con base al 17/06/1999 come indice di riferimento per il Nuovo Mercato e il numero di Ipo mensili per i collocamenti. 8 A causa della ridotta dimensione del campione le stime potrebbero essere distorte. 7

8 Come indicato da Gompers (1994) esiste una stretta relazione tra l attività delle Ipo e l entità dei fondi raccolti e indirizzati a nuovi progetti da parte dei venture capitalist: When the Ipo market is hot, new funds flow into the venture capital industry (Gompers, 1994 citato in Berlin, 1998, p.22). 2.3 La ciclicità del venture capital La riduzione della durata degli investimenti e l effetto di riciclo dell informed capital operata dai mercati azionari, specialmente su quelli dedicati alle imprese innovative, è possibile solo in favorevoli condizioni di mercato. La ciclicità dei collocamenti, più o meno ritardata, sui mercati azionari influenza anche l industria del venture capital. E infatti logico pensare che un mercato liquido in una fase di hot issue market, oltre a favorire e a stimolare la quotazione delle società venture backed, condizioni anche positivamente lo sviluppo successivo dell industria del venture capital: there is a clear relationship between newly committed funds and Ipo activity: when the Ipo market is hot, new funds flow into the venture capital industry (Gompers, 1994 citato in Berlin, 1998, p.22). Negli Stati Uniti la relazione positiva tra mercati azionari e crescita del venture capital è stata dimostrata da Black e Gilson in Venture capital and the structure of capital markets: banks versus stock markets (1998). Per Black e Gilson (1998) la maggior efficienza dei sistemi market centered rispetto a quelli bank centered dipende dal nesso tra venture capital e mercati azionari. L analisi della variazione annuale del numero di Ipo venture backed e l ammontare di nuovi fondi raccolti dai venture capitalist tra il 1978 ed il 1996 sui mercati americani dimostra la presenza di una correlazione positiva, che si può individuare anche solo dall osservazione del grafico 2.3. La possibilità del venture capital di exit via Ipo (approssimata dal numero di Ipo venture backed) è strettamente legata con la raccolta di nuovi fondi dei venture capitalist dell anno successivo 9. 9 La correlazione tra il numero di Ipo venture backed dell anno X e l ammontare di nuovi fondi raccolti nell anno X+1 è confermata da un R 2 = 0,56. 8

9 Grafico 2.3 Correlazione tra Ipo venture-backed e ammontare di nuovi capitali raccolti in Usa (Fonte: grafico in Black e Gilson, 1998) 3 Il finanziamento dell innovazione in Europa Dalla metà degli anni 90, l Europa, dopo aver assistito ai progressi tecnologici e alla crescita di innovazione degli Stati Uniti, ha tentato di riprodurre le condizioni finanziarie ed economiche che hanno permesso tale successo. I governi europei hanno dovuto affrontare a chicken and egg problem: a venture capital market requires a stock market, but a stock market requires a supply of entrepreneurs and deals, which in turn, require a venture capital market. (Black e Gilson, 1998). Di conseguenza si è tentato di creare un ambiente favorevole per lo sviluppo dell innovazione con: stimoli alla nascita e allo sviluppo dell industria del venture capital attraverso aiuti pubblici, convenienza fiscale, ecc. istituendo nuovi mercati per le giovani imprese innovative 10, con ridotti requisiti di ammissione e listing ed una struttura tale da favorire la quotazione di imprese di ridotte dimensioni. 10 Nel 1995, l iniziativa del London Stock Exchange dell Alternative Investment Market (Aim) ha costituito il precedente per la nascita e lo sviluppo dei nuovi mercati europei. Da allora si sono moltiplicate in tutta Europa le opportunità di accesso al mercato dei capitali per le imprese innovative, ma senza che nessuna iniziativa potesse 9

10 3.1 Le relazioni tra Nuovi Mercati europei e venture capital Secondo l opinione della Commissione Europea (European Commission, 1995) la limitata capacità di innovare in Europa è strettamente correlata alla mancanza di efficacia dei sistemi di finanziamento. L assenza di nuovi mercati è stata uno dei principali ostacoli allo sviluppo del venture capital e, più in generale, al finanziamento delle imprese innovative. L istituzione del circuito EuroNm e dell Easdaq a metà degli anni 90 ha consentito l apertura di un canale preferenziale di accesso ai mercati azionari per le imprese innovative. Nello stesso periodo l industria europea del private equity è cresciuta molto velocemente. Vista la relazione simbiotica tra venture capital e mercati azionari dimostrata dall esperienza statunitense, i governi europei hanno costituito mercati azionari per le imprese innovative nella speranza di poter in tal modo stimolare in qualche misura la crescita del private equity in Europa. But the pan-european EuroNm and Easdaq exchanges, as well the United Kingdom s AIM (a secondary market owned by the London Stock Exchange), are slowly starting to take off providing venture capitalist with a real exit strategy for their portfolio companied in the form of liquid, functional market (RedHerring Magazine, 1999). Lo scopo di questo lavoro è quello di analizzare come la nascita e la presenza dei nuovi mercati abbiano influenzato l industria del private equity europeo. Una prima domanda a cui si tenterà di rispondere sarà quella riguardante il legame diretto tra l esplosione dei capitali indirizzati e impiegati nel private equity in Europa e l istituzione dei mercati secondari dedicati alle imprese innovative. Innanzitutto si analizzerà se l improvvisa crescita dei volumi del private equity nella seconda metà degli anni 90 abbia accelerato il processo di diffusione dei Nuovi Mercati europei (iniziata con l istituzione del circuito EuroNM nell aprile ). Successivamente si cercherà di individuare quanto abbia contribuito la presenza dei mercati per le imprese innovative al successivo sviluppo del private equity 12. aspirare ad assumere un ruolo di rilevanza paragonabile a quella del Nasdaq negli Stati Uniti. Il risultato, dopo 8 anni dall istituzione dell Aim, è un Europa costellata di nuovi mercati che rispondono alle specifiche esigenze di finanziamento delle piccole imprese high-growth nazionali in relazione alla struttura finanziaria del paese. 11 E opportuno ricordare che il Nuoveu Marché ha iniziato ad operare prima dell Istituzione del circuito EuroNm nel marzo Nel corso della seguente trattazione l attenzione è stata principalmente rivolta ai primi Nuovi Mercati tralasciando l analisi della possibile influenza dell Easdaq e dell Aim sul private equity in Europa. L Easdaq è stato escluso a causa della ridotta dimensione del mercato, per il successo marginale (alcuni venture capitalist intervistati da RedHerring sostenevano di essere esitanti nel quotare una società sull Easdaq senza che prima fosse quotata sul Nasdaq, RedHerring Magazine, 1999) e per la spiccata vocazione internazionale (il 31% delle imprese quotate sull Easdaq è extraeuropeo); l Aim non è stato preso in considerazione a priori, viste le numerose opportunità di quotazione per le giovani imprese innovative nell Europa continentale dopo la nascita dei nuovi mercati. 10

11 3.1.1 E stata l istituzione dei Nuovi Mercati europei a far esplodere i volumi del private equity in Europa? I dati forniti dall EVCA indicano una decisa crescita dei livelli sul private equity europeo sia dei fondi raccolti che degli investimenti nel decennio dal 1990 al I fondi raccolti sono cresciuti di quasi 10 volte con un tasso medio annuo del 38%, mentre gli investimenti sono cresciuti di oltre 7 volte con un tasso medio annuo del 18%. Dalla rappresentazione nel grafico 3.1, si possono individuare 3 distinti periodi in base ai livelli del private equity: la fase dal 1990 al 1996 con i volumi di private equity invariati, la fase di crescita dal 1996 che si conclude con il picco del 2000 e la fase dal 2000 al 2002 con un pesante ridimensionamento dei capitali del private equity. Nella parte successiva verrà tralasciata ogni considerazione sul terzo periodo, in quanto irrilevante ai fini della dimostrazione di una relazione di causa effetto tra nascita dei nuovi mercati e la crescita dei volumi di private equity in Europa 13. Grafico I fondi raccolti e gli investimenti del private equity in Europa (Fonte: mia elaborazione di dati Evca) Private equity in Europa Fondi raccolti Investimenti Istituzione Istituzione del dell'easdaq circuito EuroNm (Novembre 1996) (aprile 1997) miliardi di euro Fonte: elaborazione personale di dati Evca A dimostrare che il 1996 sia stato l anno di inizio del trend di crescita del private equity europeo è l analisi dei tassi di crescita medi annui dei sottoperiodi e , indicati nella tabella 3.1. Dal 1990 al 1995 il tasso medio annuo di crescita degli investimenti 13 Sembra che la riduzione del private equity dal 2000 in avanti sia direttamente ed esclusivamente correlato con l andamento ribassista dei mercati azionari. 11

12 è stato del 5%, mentre quello dei nuovi fondi raccolti è stato del 7% medio annuo. Dal 1996 al 2000 i fondi raccolti dal private equity sono cresciuti di 5 volte con un tasso di crescita annuo del 70% e gli investimenti di private equity sono cresciuti di 4 volte con un tasso medio annuo del 30%. Tabella I tassi di crescita dei fondi raccolti e gli investimenti del private equity in Europa (Fonte: mia elaborazione su dati EVCA) Tassi di crescita medi annui del private equity in Europa Dal 1990 al 2000 Dal 1990 al 1995 Dal 1996 al 2000 Fondi raccolti 38% 7% 70% Investimenti 18% 5% 30% Fonte: mia elaborazione su dati EVCA Da un osservazione anche sommaria del grafico 3.1 si possono fare alcune considerazioni sulla rilevanza dei nuovi mercati nel ruolo di stimolo della crescita del private equity europeo. Dall istituzione dell Easdaq e dalla nascita dei mercati dell EuroNm il private equity in Europa è notevolmente cresciuto, ma il trend positivo è iniziato prima dell istituzione dei mercati per le imprese innovative. Partendo dal presupposto logico che l istituzione di un mercato azionario incida maggiormente nel paese di origine e in modo marginale sui paesi limitrofi e quindi sull intero private equity europeo 14, è più probabile individuare delle relazioni tra l istituzione di un nuovo mercato e l andamento dell industria del private equity a livello nazionale. Mettendo in relazione il trend degli investimenti dei 5 stati in cui sono creati i primi nuovi mercati e la data di istituzione del rispettivo mercato, viene confermato il mancato ruolo della istituzione dei mercati europei 15 per le imprese innovative come fattore scatenante dell esplosione dei volumi di private equity in Europa (vedi grafici A.1-A.5 in Appendice). Quello che si può notare è che, nonostante i diversi livelli in termini assoluti di investimenti, in ogni stato il trend di crescita del private equity inizia prima dell istituzione del nuovo mercato. Per Francia, Germania, Belgio il trend di crescita del private equity inizia nel 1996, mentre per l Italia ci sono già evidenze dal 1995 ed in Olanda si nota una lenta, seppur continua 14 I mercati secondari azionari hanno generalmente maggiore attrattiva sulle imprese nazionali, a causa degli ostacoli di natura finanziaria, legislativa e fiscale che le imprese straniere devono affrontare per la scelta di un exit via mercato. Di conseguenza si può immaginare che la costituzione di uno di essi possa eventualmente stimolare solo il mercato nazionale del private equity e non l intero mercato europeo (Schertler, 2001). 15 L analisi dell influenza Easdaq sul private equity in Belgio non avrebbe alcun senso vista che solo il 20% delle società quotate su di esso è di nazionalità belga. 12

13 crescita, dal Solo nel caso della Francia esiste contemporaneità tra il momento di l istituzione del Nuoveau Marché e quello di inizio della crescita del private equity nel Negli altri stati l inizio della crescita del private equity anticipa la costituzione del Neuer Markt, del Nieuwe Markt, dell EuroNm belga avvenuta ad aprile Il Nuovo Mercato di Milano è stato costituito a maggio 1999, quasi 3 anni dopo le prime evidenze di crescita dell industria di private equity in Italia. L assenza di un nesso di causalità tra istituzione dei nuovi mercati europei e crescita del private equity europeo è dimostrata anche dall analisi del mercato europeo del private equity senza i dati delle 5 nazioni dei nuovi mercati. La quota di private equity di Francia, Germania, Olanda, Belgio e Italia ha rappresentato dal 1990 al 2001 dal 40% al 60% di tutto il mercato europeo, lasciando la quota più rilevante della parte restante al Regno Unito. Come indicato dal grafico 3.2, come per i paesi dei nuovi mercati, il capitale investito in private equity nel Regno Unito ha iniziato a crescere lentamente dal 1996, mentre il resto degli investimenti europei ha iniziato ad avere una certa rilevanza sia assoluta che relativa a partire dal L aumento dei volumi di private equity nei paesi europei in cui non stati costituiti i nuovi mercati dimostrano che tale crescita è stata diffusa in tutta Europa e non attribuibile all istituzione del Nouveau Marché, del Neuer Markt, del Nieuwe Markt, dell EuroNm belga e del Nuovo Mercato. 16 L andamento dei volumi di private equity degli altri 4 paesi nello stesso periodo spinge a ritenere che sia una coincidenza l inizio della crescita del private equity francese proprio nel 1996, anno di istituzione del Nuoveau Marché. 17 Nel 1994 la quota degli investimenti di private equity europei esclusi i valori di Francia Germania, Olanda, Belgio, Italia e Regno Unito era dell 8%. Nel 1998 era salita al 10% per arrivare al 18% del 1999 e del

14 Grafico Gli investimenti del private equity in Europa senza quelli di Francia, Germania, Olanda, Belgio e Italia (Fonte: mia elaborazione su dati Evca) Investimenti di private equity in Europa Regno Unito Resto dell'europa* Istituzione dell'easdaq (novembre 1996) Istituzione del circuito EuroNm (aprile 1997) miliardi di euro * Nella voce Resto dell'europa sono esclusi gli investimenti di private equity di Francia, Germania, Olanda, Belgio, Italia e naturalmente quelli del Regno Unito indicati separatamente Fonte: mia elaborazione su dati Evca In conclusione, è difficile scorgere qualche evidenza relativa all influenza sullo sviluppo dell industria di private equity in Europa connessa alla nascita dei nuovi mercati. I dati sugli investimenti a livello europeo mostrano che l aumento strutturale dei volumi di private equity successivo al 1996 non può essere attribuito all istituzione dei nuovi mercati. Anche l analisi dei dati nazionali di Francia, Germania, Olanda, Belgio e Italia non evidenzia un nesso causale tra l istituzione dei nuovi mercati e il sostanziale incremento del private equity dello stesso stato. Quello che ci si attenderebbe, in base ai suggerimenti della teoria sul contributo di un mercato come via di exit, dovrebbe essere una crescita, magari con un certo lag temporale, degli investimenti. In Europa, invece, la crescita del private equity, sia a livello complessivo che a livello nazionale è precedente all istituzione dei nuovi mercati. 14

15 3.1.2 Il private equity europeo è stato favorito dalla presenza dei nuovi mercati? L evidenza empirica, da cui si ricava un mancato ruolo dei nuovi mercati come fattore di stimolo del private equity in Europa, però non può negare che essi abbiano successivamente contribuito alla crescita del private equity offrendo una valida via di exit per le giovani imprese innovative. La tempistica dei fatti dimostra che il Nouveau Marché, il Neuer Markt, il Nieuwe Markt, l EuroNm di Bruxelles e il Nuovo Mercato abbiano avuto lo scopo di offrire una via di exit per un industria del venture capital già in forte espansione (in Appendice i grafici A.6-A.11 riportano il numero di Ipo per i primi 5 Nuovi Mercati e per il Nasdaq Europe). Infatti l ipotesi più probabile è che l istituzione di un mercato secondario possa avere un effetto positivo sulla crescita dei volumi investiti nel private equity solo nel medio periodo. Il contributo della presenza dei nuovi mercati allo sviluppo del private equity si può desumere considerando i disinvestimenti, e in particolar modo, quelli via mercato azionario 18. Dal grafico 3.3 si nota che, i volumi dei disinvestimenti, come quelli degli investimenti, mostrano un notevole incremento in termini assoluti dopo il Grafico I disinvestimenti del private equity in Europa (Fonte: mia elaborazione di dati Evca) Private equity in Europa Disinvestimenti Istituzione Istituzione del dell'easdaq circuito EuroNm (Novembre 1996) (aprile 1997) miliardi di euro Fonte: elaborazione di dati Evca 18 Non sono disponibili i dati dell exit via mercato delle società venture-backed divisi per mercati primari e nuovi mercati. Per la seguente analisi saranno utilizzati i dati generali forniti dall Evca sui disinvestimenti via mercato come approssimazione dell importanza dei nuovi mercati nello stimolare la crescita dell industria del private equity europeo (come già in Shertler, 2001). 15

16 L analisi dei dati forniti dall EVCA sui volumi disinvestiti sul mercato azionario 19 nel periodo dal 1991 al 1999 in Schertler (2001) non mostra un incremento significativo, ne in termini relativi, ne in termini assoluti. Il volume dei disinvestimenti via Ipo è cresciuto solo lievemente, addirittura riducendo l importanza relativa della quotazione come via di exit per il venture capital. Come raffigurato nel grafico 3.4, la modalità di exit dominante per tutto il periodo è praticamente sempre stata il trade sale (solo nel 1994 le percentuali del trade sale e dell exit via Ipo sono state entrambe prossime al 30%). I dati storici sui volumi dell exit via Ipo non hanno un andamento definito nel tempo: agli inizi dello scorso decennio la percentuale era inferiore al 10%, nel 1995 era quasi del 30%, nel 2000 circa del 14% e nel 2001 è scesa sotto al 5%. Dal 1991 al 2001 sono stati due i periodi in cui la percentuale di exit via mercato del private equity è cresciuta: dal 1991 al 1995 e dal 1997 al Mentre la sostanziale crescita della percentuale dell exit via mercato della prima metà del decennio (dall 8,8% al 29,3%) non è ovviamente attribuibile ai nuovi mercati, essi potrebbero essere tra le ragioni dell incremento del ridotto incremento percentuale tra il 1997 (14%) ed il 1999 (19,9%). Per poter confermare un contributo dei nuovi mercati alla crescita del private equity, ci si aspetterebbe un aumento dei volumi disinvestiti via mercato negli anni successivi all istituzione dei nuovi mercati, a meno che tale crescita non sia esclusivamente legata, come nella prima parte del decennio ai mercati primari o alla riduzione della percentuale dei write-off. 19 I dati dei volumi disinvestiti sul mercato azionario forniti dalla EVCA comprendono i dati delle Ipo e di quelli delle successiva offerte sul mercato azionario. 16

17 Grafico 3.3 Le percentuali dell exit del private equity sugli ammontari dei disinvestimenti in Europa (Fonte: mia elaborazione di dati in Shertler, 2001 e di dati Evca) 70% 60% 50% Principali sistemi di disinvestimento in Europa (in percentuale dei volumi disinvestiti) Trade sale Ipo Write-off miliardi di euro 40% 30% 20% 10% 0% Fonte: mia elaborazione su dati in Schertler (2001) e di dati Evca Schertler (2001), utilizzando come misura dello sviluppo della via di exit via Ipo il numero di società venture-backed che disinvestono via mercati 20, ottiene percentuali simili tra inizio e fine degli anni 90. La conclusione a cui giunge è che il contributo dei nuovi mercati alla crescita del private equity europeo sia stato del tutto marginale a causa della loro giovane età e in parte alle differenze nazionali. However, the number of Ipos as a share in the total number of disinvestiments does not differ considerably between the beginning and the end of the 1990s, which is to be expected, since secondary stock markets were established in the second half of the 1990s. (Schertler, 2001, p. 39). Il confronto delle percentuali di inizio e fine decennio è piuttosto superficiale per poter affermare l irrilevanza dei nuovi mercati sulla crescita del private equity, poiché non prende in considerazione la variabilità della percentuale di exit via mercato nel periodo considerato. Analizzando solo la seconda metà degli anni 90 si nota che dal 7,6% delle società che disinvestivano via ipo nel 1997 la quota è salita al 16,6% del 1998 e si è mantenuta prossima al 15% per gli anni successivi, fino alla caduta dal 2001 in poi. Non può essere escluso che l inversione del trend delle percentuali 20 La percentuale del numero di imprese è una migliore misura dell importanza dell exit via Ipo dato che le percentuali sul volume dei disinvestimenti potrebbero essere poco significative a causa dell influenza della dimensione di ogni singola Ipo. 17

18 del numero, e, come già osservato sopra, dei volumi dei disinvestimenti via Ipo dal 1997 al 1999 potrebbe essere merito della presenza dei giovani nuovi mercati. Grafico 3.5 La percentuale di exit via mercato del private equity sul numero di società in Europa (Fonte: mia elaborazione di dati Evca) Exit via mercato in Europa (in percentuale del numero di società) 25% 20% 15% 10% 5% 0% Fonte: elaborazione di dati EVCA La crescita tra 1997 e 1998 della percentuale di imprese che ricorrevano all exit via Ipo potrebbe essere correlata all istituzione del circuito dell EuroNm ed in particolar modo al ruolo di rilievo del Nouveau Marché e del Neuer Markt 21. Dai risultati ottenuti da Schertler (2001) analizzando le singole realtà nazionali relative ai principali nuovi mercati europei è possibile concludere che, pur essendo aumentata la percentuale di imprese che utilizzano il canale di exit dei mercati nella seconda metà degli anni 90, l incremento non sia correlato con la nascita di un segmento nazionale per le imprese innovative. Secondo i dati riportati in Schertler (2001), in Francia la percentuale di imprese che hanno utilizzato come canale per il disinvestimento via mercato è passato dall 8% del 1993 al 13,4% del 1994, mentre il Nouveau Marché è stato costituito nel La tendenza di una crescita dei disinvestimenti 21 Il Nieuwe Markt e l EuroNm non hanno mai superarto il numero di 10 Ipo in un anno, mentre il Nuovo Mercato non può aver influito in alcun modo sul numero di exit via mercato dal 1997 al 1998, dato che è stato istituito a maggio del

19 via mercato azionario antecedente alla nascita del nuovo mercato è confermato anche in Germania. Nel 1996, il 6,7% delle imprese venture backed ha utilizzato l exit via mercato, mentre nell anno in cui Neuer Markt è stato fondato solo il 5,9% delle imprese ha scelto la quotazione 22. A dar forza alla teoria di Schertler (2001) è il caso italiano. In Italia, in base ai dai Aifi, la crescita percentuale dell importanza del collocamento sul mercato come via di exit della partecipazione degli investitori di private equity, avvenuta tra il 1997 e il 1998 (da poco più del 3% al un valore superiore al 12%) non può essere certamente attribuita al Nuovo Mercato. Come mostra la tabella 5.3, dopo il 1998, il trend della percentuale dei disinvestimenti delle società via mercato è stato leggermente decrescente: l importanza relativa dell exit del private equity via mercato è pressappoco rimasta costante sia nel 1999, l anno di istituzione del Nuovo Mercato, sia nel 2000, l anno del boom delle Ipo sul Nuovo Mercato 23, ma si è decisamente ridotta nel 2001, con il ridimensionamento degli indici azionari. Tabella 5.1 La percentuale dei disinvestimenti in base al numero di società in Italia (Fonte: mia elaborazione di dati Aifi) Percentuale dei disinvestimenti in base al numero di società in Italia Trade sale 58,7% 63,6% 45,9% 58,1% 46,3% IPO o vendita post-ipo 3,2% 12,4% 11,8% 11,3% 7,4% Write-off 16,7% 8,5% 3,5% 4,8% 21,5% Altro 21,4% 15,5% 38,8% 25,8% 20,8% Fonte: mia elaborazione di dati Aifi L analisi delle realtà nazionali dei 3 principali nuovi mercati conferma le conclusioni di Schertler (2001): non è possibile affermare che i nuovi mercati abbiano contribuito in modo rilevante alla crescita del private equity europeo essenzialmente per due ragioni legate agli stessi mercati: la nazionalità e l immaturità. Sarebbe già azzardato affermare che i componenti dell EuroNm abbiano contributo alla crescita del private equity nazionale, tanto meno ci sono evidenze che attribuiscano ad essi un ruolo nello sviluppo del private equity europeo. Dopo la chiusura del circuito EuroNm e il 22 Schertler (2001) avverte però che i dati relativi alla Germania potrebbero portare a conclusioni non attendibili a causa della ridotta dimensione del campione di investitori di private equity forniti dalla BVK. 23 Solo sul Nuovo Mercato le Ipo nel 2000 sono state 34, oltre il 75% di tutte le quotazioni avvenute dalla nascita del Nuovo Mercato nel maggio 1999 a marzo 2002: 6 sono state le Ipo nel 1999, 5 nel 2001, mentre nel 2002 (fino a fine maggio) nessuna società si è quotata sul Nuovo Mercato. 19

20 fallimento del progetto di un mercato europeo per le imprese innovative si accentuato il carattere di nazionalità degli aderenti. E quindi sempre più difficile attribuire ai nuovi mercati un ruolo nello sviluppo dell industria del private equity europeo: dal 1998 i tassi di crescita degli investimenti di private equity nei paesi senza un mercato di exit per le imprese innovative sono stati pari se non superiori di quelli in cui erano stati costituiti i nuovi mercati: infatti, come è stato dimostrato precedentemente, i mercati aderenti al circuito EuroNm sono sorti solo dopo la costituzione di un industria nazionale del private equity 24. Come già sottolineato anche da Schertler (2001), la giovane età dei mercati europei è probabilmente la causa principale dell assenza di nesso tra sviluppo tra mercati azionari e finanziatori del capitale di rischio. L istituzione dei nuovi mercati in Europa, in un momento di decisa crescita dell industria del private equity, non ha innescato il meccanismo automatico di produzione e sviluppo dell innovazione. Le cause della crescita del private equity in Europa possono essere paradossalmente ricercate nella mancanza di un mercato europeo di riferimento per le imprese innovative. Il tentativo di imitazione del modello di successo statunitense può aver spinto, sotto l influenza di un sentiment favorevole alla crescita e all innovazione negli Stati Uniti, la crescita del private equity in Europa. La valutazione relativa all influenza alla presenza dei nuovi mercati sul private equity potrebbe essere prematura proprio a causa della loro breve vita: il Nuoveau Marché, il primo ad essere istituito, ha meno di 8 anni. Di conseguenza, anche ogni analisi statistica, se non di carattere descrittivo, risulta poco significativa 25. Le osservazioni precedenti portano a concludere che la presenza dei nuovi mercati, come via di exit per le giovani imprese innovative, non sia stata uno dei fattori di stimolo della crescita del private equity in Europa. Per quanto l incremento sostanziale della percentuale di exit via mercato a livello europeo dal 1997 al 1998 possa essere interpretato come un probabile contributo, seppur marginale, dei nuovi mercati allo sviluppo dell industria europea del private equity, l analisi dei dati nazionali francesi, tedeschi ed italiani smentisce ogni possibile evidenza. L istituzione del Nouveau Marché, del Neuer Markt e del Nuovo Mercato non è seguita, nei rispettivi paesi, da un incremento della percentuale delle società finanziate dal private equity che scelgono la modalità di exit via mercato. L assenza di un feedback positivo tra disinvestimenti su mercato e sviluppo del private equity, può essere strettamente 24 Oltre al caso dei primi nuovi mercati europei, l istituzione di mercato dedicato alle imprese innovative successiva alla nascita dell industria di private equity nazionale è confermata anche dalle recenti esperienze del Nuevo Mercado spagnolo e dallo Swiss New Market. 25 Ad esempio, come indicato precedentemente nel caso statunitense, Black e Gilson (1998) hanno potuto analizzare il rapporto di ciclicità tra mercati azionari (numero di Ipo venture backed) e venture capital (ammontare di nuovi fondi raccolti) grazie alla disponibilità di serie storiche dalla fine degli anni

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ Aprile 2006 Il seed & early stage capital Definizione: il seed & early stage capital rappresenta l investimento effettuato nella

Dettagli

Una finanza per la crescita delle imprese

Una finanza per la crescita delle imprese Una finanza per la crescita delle imprese L importanza di VC e PE. L Italia e il resto del mondo Laura Bottazzi Università di Bologna Q1. Quanto sono importanti (queste) fonti di finanziamento per la crescita

Dettagli

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1.

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1. In Italia, nel settembre 2007, è nato un nuovo mercato dedicato alla piccola e media impresa: il MAC, Mercato Alternativo del Capitale.Come è noto il sistema economico italiano è composto da un numero

Dettagli

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa presentazione a Roma, 15 Dicembre 2010 I. L Industria del Private Equity Totale Fondi raccolti worldwide Nonostante i fondi raccolti

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario?

IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario? IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario? Anna Florio Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano anna.florio@polimi.it Maggio 2003 1 IL FINANZIAMENTO

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Private Equity & Venture Capital in Europa

Private Equity & Venture Capital in Europa Private Equity & Venture Capital in Europa Edoardo Bugnone Partner, Argos Soditic EVCA Chairman Il Private Equity in Europa 1,320 Gestori di Fondi in Europa 4,300 Professionisti in Europa 35 miliardi Investiti

Dettagli

Commento di fine anno

Commento di fine anno Commento di fine anno Si è concluso il primo decennio del primo secolo del terzo millennio. Che anno è stato per i metalli non ferrosi? E come sarà quello che sta per entrare? Come più in generale si può

Dettagli

Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Credito, Intermediazione Finanziaria: oltre il credito ordinario

Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Credito, Intermediazione Finanziaria: oltre il credito ordinario Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Credito, Intermediazione Finanziaria: oltre il credito ordinario IL MERCATO ITALIANO DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL Anna Gervasoni Direttore

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Tre messaggi di fondo 1. La crescita del Private Equity in Europa è motivata dal potenziale

Dettagli

Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014

Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014 Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014 La rete dei Business Angels per l alto potenziale di sviluppo e la creazione di nuova occupazione Luca V. Canepa Consigliere Delegato Associazione IBAN www.iban.it

Dettagli

Convegno Annuale AIFI 2007 IL MERCATO ITALIANO DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL NEL 2006. Intervento di Anna Gervasoni. Milano, 26 marzo 2007

Convegno Annuale AIFI 2007 IL MERCATO ITALIANO DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL NEL 2006. Intervento di Anna Gervasoni. Milano, 26 marzo 2007 Convegno Annuale AIFI 2007 IL MERCATO ITALIANO DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL NEL 2006 Intervento di Anna Gervasoni Milano, 26 marzo 2007 INDICE PREMESSA METODOLOGICA 3 GLI OPERATORI 5 LA RACCOLTA

Dettagli

AIFI. Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI

AIFI. Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI AIFI Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Milano, 31 maggio

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO. all impresa CARLO PESARO. 15 dicembre 2011 - Milano

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO. all impresa CARLO PESARO. 15 dicembre 2011 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Come il Private equity aggiunge valore all impresa CARLO PESARO 15 dicembre 2011 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il mercato di Private

Dettagli

Imprenditorialità e Finanza

Imprenditorialità e Finanza Imprenditorialità e Finanza M. Giorgino, Politecnico di Milano marco.giorgino@polimi.it g Bressanone, 11 settembre 2007 Agenda Definizione ione del tema Il punto di vista dell impresa/imprenditore Il punto

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital MONTEFELTRO START-UP Finanziare l impresa innovativa Il ruolo del venture capital nel supporto alle imprese innovative Giovanni Fusaro Ufficio

Dettagli

Il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt nel 2015

Il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt nel 2015 Il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt nel 2015 Il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt nel 2015 AIFI - Associazione Italiana del Private

Dettagli

Mario Calderini, Politecnico di Torino

Mario Calderini, Politecnico di Torino Roma, 29 Settembre 2008 Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e Coesione Comitato di esperti per l accompagnamento della Priorità 2 del QSN Ricerca e innovazione, Politecnico di Torino Start up e finanza

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

1. Premessa metodologica

1. Premessa metodologica Liuc Papers n. 174 Serie Impresa e mercati finanziari 2 Suppl. a luglio 2005 Roberto Del Giudice Anna Gervasoni 1. Premessa metodologica Il presente lavoro si pone l obiettivo di descrivere e analizzare

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

Le Correlazioni Finanziarie

Le Correlazioni Finanziarie Le Correlazioni Finanziarie Per correlazione s intende la relazione che intercorre tra due variabili. In finanza è utile per definire il legame che ci può essere (o non essere) tra due entità. Se si riesce

Dettagli

START UP INNOVATIVE E PROBLEMI DI FINANZIAMENTO

START UP INNOVATIVE E PROBLEMI DI FINANZIAMENTO FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 423 START UP INNOVATIVE E PROBLEMI DI FINANZIAMENTO ADA CARLESI Dipartimento di economia aziendale E.Giannessi, Università

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata Approfondimento 1.1w 1. Congiuntura e ciclo finanziario delle imprese Per meglio comprendere la relazione tra ciclo congiunturale e dinamica finanziaria delle imprese - la quale a sua volta si riflette

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Presentazione 7 Paolo Anselmo

Presentazione 7 Paolo Anselmo Sommario Presentazione 7 Paolo Anselmo 1. I Venture Capitalist e l Investment Banking 9 Vincenzo Capizzi, Giovanni Tirino Premessa 9 1.1 Il Merchant Banking 9 1.2 I Venture Capitalist 11 1.3 Le teorie

Dettagli

11 dicembre 2015. Capitalizzazione delle società quotate. Capitalizzazione delle società non finanziarie quotate

11 dicembre 2015. Capitalizzazione delle società quotate. Capitalizzazione delle società non finanziarie quotate Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L attività di disinvestimento Principi fondamentali del disinvestimento Individuazione del momento più opportuno per disinvestire Definizione del canale di disinvestimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

POLITICA DI INVESTIMENTO

POLITICA DI INVESTIMENTO POLITICA DI INVESTIMENTO Il presente documento è stato predisposto in osservanza al disposto di cui all'art. 8 del Regolamento Emittenti AIM / Mercato Alternativo del Capitale approvato da Borsa Italiana

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Interventi nel capitale di rischio e di debito delle PMI: le iniziative di banche ed operatori specializzati Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Indice 2 Il fabbisogno finanziario delle PMI

Dettagli

INVESTMENT & MERCHANT BANKING

INVESTMENT & MERCHANT BANKING INVESTMENT & MERCHANT BANKING L ALBERO DELLE AREE DI BUSINESS CORPORATE BANKING INVESTMENT BANKING MERCHANT BANKING CAPITAL MARKET CORPORATE LENDING CORPORATE FINANCE PUBLIC OFFERING PRIVATE PLACEMENT

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

AIFI. Il mercato del private equity e venture capital. Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI

AIFI. Il mercato del private equity e venture capital. Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI AIFI Il mercato del private equity e venture capital Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI Milano, 18 novembre 2015 Il ruolo di AIFI AIFI, Associazione Italiana del

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Impact Investing Attrarre capitali per generare innovazione sociale

Impact Investing Attrarre capitali per generare innovazione sociale Divisione Ricerche Claudio Dematté Attrarre capitali per generare innovazione sociale 03.12.2014 In partnership with Le opportunità dell 1 Sostenere lo sviluppo economico e sociale dell Italia e dell Europa,

Dettagli

Il presente documento costituisce un aggiornamento della ricerca sulla quotabilità del portafoglio del private equity italiano, svolta per la prima

Il presente documento costituisce un aggiornamento della ricerca sulla quotabilità del portafoglio del private equity italiano, svolta per la prima Il presente documento costituisce un aggiornamento della ricerca sulla quotabilità del portafoglio del private equity italiano, svolta per la prima volta nel 2009 e nata grazie alla convenzione stipulata

Dettagli

UNIONE BANCARIA E BASILEA 3 RISK & SUPERVISION 2015

UNIONE BANCARIA E BASILEA 3 RISK & SUPERVISION 2015 FABIO L. SATTIN Chairman and Founding Partner Private Equity Partners SGR S.p.A. www.unibocconi.it Rome, 24 th June 2015 UNIONE BANCARIA E BASILEA 3 RISK & SUPERVISION 2015 Il contributo del Private Equity

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

PMI e mercato dei capitali:

PMI e mercato dei capitali: PMI e mercato dei capitali: Focus su AIM Italia e programma ELITE Barbara Lunghi Head of Mid & Small Caps - Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p. www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.8 Risultati dello studio PwC 3 Le aziende gestite da PE continuano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

La gestione tattica di un portafoglio target volatility

La gestione tattica di un portafoglio target volatility La gestione del Portfolio tattico e Money Management La gestione tattica di un portafoglio target volatility Relatore: Federico Pitocco Business Development Manager Morningstar Investment Management Europe

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Equazione di Fisher Siano r il tasso reale, n il tasso nominale ed

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è indebolito ed ha chiuso sotto l importante soglia psicologica di 1,35 - l Oro ha arrestato il recupero dopo i minimi del 31 dicembre

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora):

Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora): Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora): Ricordo che non sempre i cicli sull S&P500 coincidono con quelli dei mercati Europei- attualmente i cicli sono in fase, anche se con forze

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Fare il mestiere La creazione di nuove imprese innovative

Fare il mestiere La creazione di nuove imprese innovative Fare il mestiere La creazione di nuove imprese innovative Andrea Bonaccorsi Università di Pisa Convegno: Innovazione e Competitività Quali scelte e quali strumenti Forlì, 18 Gennaio 2006 Imprese innovative

Dettagli

Scouting at a glance. Dal 2002 socio di

Scouting at a glance. Dal 2002 socio di Scouting at a glance Scouting è una società di consulenza finanziaria per piccole e medie imprese, nata nel 2000 dall incontro di una holding di consulenza (Five Inches Srl) ed alcune tra le principali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Elisabetta Gualandri Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli studi di Modena

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento?

Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento? Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento? NID III Edizione Manuela Brusoni Milano, 12.11.2014 Le opportunità dell Impact Investing 1 Sostenere lo sviluppo economico e sociale dell Italia

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri an event by RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Parte 2 Mercati Esteri Con la collaborazione di IL CONTESTO INTERNAZIONALE Panoramica europea del petcare Pag.

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) VALUTE: - L Euro/Dollaro dopo i massimi annuali (1,3995) ha corretto con decisione- ha chiuso a 1,3762 - Il cambio Usd/Yen è in

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli