Regolamentazione e vigilanza dei mercati mobiliari italiani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamentazione e vigilanza dei mercati mobiliari italiani"

Transcript

1 Regolamentazione e vigilanza dei mercati mobiliari italiani Economia del Mercato Mobiliare 19 maggio 2009

2 Agenda 1) ORDINAMENTO DEI MERCATI MOBILIARI ITALIANI Fonti normative Sistema attuale e tendenze evolutive 2) LA VIGILANZA SUI MERCATI MOBILIARI ITALIANI 3) FINANCIAL SERVICES ACTION PLAN (FSAP) E LE DIRETTIVE COMUNITARIE IN MATERIA DI MERCATI MOBILIARI Market Abuse Directive (MAD) 2003/6/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) 2004/39/CE 4) I MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI Principali mercati gestiti da Borsa Italiana S.p.A AGENDA 2

3 1) ORDINAMENTO DEI MERCATI MOBILIARI ITALIANI 3

4 Normativa di riferimento D. Lgs. 58/1998 Testo Unico in materia di Intermediazione Finanziaria (TUF) Sistematizzazione della normativa, esistente e di nuova introduzione, in materia di intermediazione finanziaria: Intermediazione mobiliare: prestazione servizi investimento e di gestione collettiva del risparmio; Attività di organizzazione e gestione di mercati mobiliari e post-trading; Appello al pubblico risparmio, disciplina emittenti quotati sui mercati regolamentati (italiani), attività di revisione. Definizione di norme di portata generale riguardo: Definizioni di strumenti finanziari e servizi di investimento; Attribuzione di competenze alle Autorità di Vigilanza (Banca d Italia e Consob) in base alle finalità e all oggetto della vigilanza Modifiche nel 2007 per il recepimento delle direttive MiFID, Transparency e OPA, e nel 2008 per altri interventi di modifica disciplina emittenti. ORDINAMENTO DEI MERCATI MOBILIARI 4

5 Principi ordinatori del TUF Mutuo riconoscimento in ambito comunitario di intermediari e mercati regolamentati Home country control: la vigilanza sulle imprese di investimento spetta alle Autorità dello Stato di origine Libertà di accesso ai mercati regolamentati per imprese di investimento e banche autorizzate alla prestazione dei servizi di investimento Liberalizzazione dell attività di istituzione e organizzazione di mercati regolamentati (già con c.d. decreto eurosim d.lgs.415/1996) SISTEMA PUBBLICISTICO SISTEMA PRIVATISTICO Le borse pubbliche nascono tramite L attività di organizzazione e gestione di mercati provvedimento normativo e sono gestite da di strumenti finanziari ha carattere di impresa ed organismi pubblici e regolate da leggi, è esercitata da s.p.a. anche senza scopo di decreti ecc. Ratio: sottrarre all autonomia lucro che rispettano alcuni requisiti. Ratio: forma privata la responsabilità dell istituzione e più adatta alla competizione internazionale e gestione dei mercati. rende possibili integrazioni. 5 ORDINAMENTO DEI MERCATI MOBILIARI

6 Disciplina degli Intermediari (cenni) Soggetti abilitati alla prestazione di servizi e attività di investimento Imprese di investimento Banche limitatamente ad alcuni servizi di investimento SGR, Sicav, IF ex art. 107 TUB e società di gestione dei mercati regolamentati Vigilanza sugli intermediari (art. 5 TUF) Finalità: salvaguardia delle fiducia nel sistema finanziario, tutela degli investitori, competitività, stabilità e buon funzionamento del sistema finanziario, osservanza delle disposizioni in materia finanziaria Divisione di competenze tra le Autorità: Banca d Italia il contenimento del rischio, la stabilità patrimoniale e la sana e prudente gestione degli intermediari Consob trasparenza e correttezza dei comportamenti Banca d Italia e Consob requisiti organizzativi e di controllo interno ORDINAMENTO DEI MERCATI MOBILIARI se hanno ad oggetto strumenti finanziari 1. Negoziazione per conto proprio 2. Esecuzione di ordini per conto dei clienti 3. Sottoscrizione e/o collocamento anche garantito 4. Gestione di portafogli 5. Ricezione e trasmissione di ordini 6. Consulenza in materia di investimenti 7. Gestione di sistemi multilaterali di negoziazione Soggetti cui è riservata la gestione collettiva del risparmio (SGR e Sicav) 6

7 Disciplina dei mercati (TUF, parte III) La Consob autorizza l'esercizio di un mercato regolamentato in presenza dei requisiti previsti da art. 63: Rispetto dei requisiti dettati per la società di gestione del mercato (risorse finanziarie; onorabilità, professionalità e indipendenza soggetti che svolgono amministrazione, direzione e controllo; onorabilità partecipanti al capitale..) Regolamento del mercato conforme alla disciplina comunitaria e idoneo ad assicurare le tre macrofinalità della vigilanza sui mercati (art. 74, comma 1, TUF): trasparenza del mercato; ordinato svolgimento delle negoziazioni; tutela degli investitori. Presentazione di un programma di attività che illustra i tipi di attività previsti e la struttura organizzativa della società di gestione Il Regolamento del mercato è deliberato dall assemblea ordinaria della società di gestione del mercato e disciplina l organizzazione e la gestione del mercato, in conformità con criteri generali che la Consob è chiamata a stabilire (in materia di ammissione degli strumenti alle negoziazioni, sospensione ed esclusione dei titoli dalle negoziazioni, modalità di pubblicità del regolamento) (da d. dls. 164/2007) ORDINAMENTO DEI MERCATI MOBILIARI 7

8 Sistemi di negoziazione (da MiFID) MERCATO REGOLAMENTATO: sistema multilaterale che consente o facilita l incontro, al suo interno e in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari ammessi alla negoziazione conformemente alle regole del mercato stesso, in modo da dare luogo a contratti e che è gestito da una società di gestione, è autorizzato e funziona regolarmente SISTEMA MULTILATERALE DI NEGOZIAZIONE (MTF): sistemi multilaterali che consentono l incontro, al loro interno ed in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti INTERNALIZZATORE SISTEMATICO: il soggetto che in modo organizzato, frequente e sistematico negozia per conto proprio eseguendo gli ordini del cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. (è un dealer ma ha obblighi di quotazione su base sistematica) RIDUZIONE CONFINI TRA MERCATI E INTERMEDIARI ORDINAMENTO DEI MERCATI MOBILIARI 8

9 2) LA VIGILANZA SUI MERCATI MOBILIARI ITALIANI 9

10 Disciplina dei mercati regolamentati Mercato regolamentato Società di Gestione del Mercato CONSOB Autoregolamentazione (Regolamento del mercato) La società di gestione del mercato vigila sul mercato e sul rispetto del regolamento del mercato La Consob svolge sul mercato regolamentato una vigilanza di secondo livello, cioè per il tramite della società di gestione del mercato vigila sull organizzazione e sull attività della società di gestione La Società di gestione deve comunicare alla Consob: modifiche statuto e al regolamento del mercato; decisioni di ammissione, sospensione, esclusione; esiti dell attività di vigilanza, violazioni del regolamento; operazioni sospette ai fini della disciplina sugli abusi di mercato La Consob ha poteri di intervento diretto sul mercato solo in determinati casi (potere di sostituirsi alla società di gestione nei casi di necessità e urgenza; potere di vietare le decisioni di ammissione e di esclusione assunte dalla società se ritiene tali decisioni contrarie alle finalità della vigilanza ) 10 VIGILANZA SUI MERCATI MOBILIARI ITALIANI

11 Vigilanza Consob e Società di gestione dei mercati Società di gestione del mercato monitoraggio in diretta e in differita ammissione, sospensione ed esclusione titoli da quotazione rispetto del regolamento del mercato e delle istruzioni al regolamento rispetto obblighi quotazione di emittenti, market maker e specialist CONSOB monitoraggio in differita vigilanza sull attività svolta dalla società di gestione del mercato vigilanza sulle modifiche del regolamento individuazione di abusi di mercato es. indicatori di possibili abusi di mercato: anomalie di prezzo anomalie di volume monitoraggio sull andamento delle quotazioni e sull informativa societaria (informativa price sensitive, richieste di comunicazione e divulgazione) VIGILANZA SUI MERCATI MOBILIARI ITALIANI 11

12 I sistemi multilaterali di negoziazione (MTF) Il confine tra mercati regolamentati e MTF risiede nella conformità dei primi alla normativa per essi dettata (autorizzazione, modifiche successive, vigilanza e poteri dell Autorità sulla società di gestione) L istituzione e la gestione di MTF rientra tra i servizi di investimento (novità MiFID) e quindi spetta ai soggetti abilitati (SIM e banche). Però anche le società di gestione dei MR possono istituire MTF (mantengono il proprio status di società di gestione del mercato ma seguono regime autorizzatorio dei servizi di investimento) Alla Consob spetta la definizione dei requisiti minimi di funzionamento degli MTF Vigilanza Consob: Potere di richiedere l esclusione o la sospensione degli strumenti finanziari Potere di richiedere informazioni Vigilanza continuativa su conformità con disposizioni comunitari VIGILANZA SUI MERCATI MOBILIARI ITALIANI 12

13 Gli internalizzatori sistematici Sono soggetti abilitati alla prestazione del servizio di investimento di negoziazione in conto proprio (quindi imprese di investimento o banche) Agiscono come dealer che si rendono disponibili all acquisto o vendita di strumenti finanziari in maniera continuativa e sistematica. Non è un sistema multilaterale (come MR e MTF) bensì bilaterale Il regime applicabile è in gran parte quello della negoziazione in conto proprio (servizio di investimento) con alcune previsioni ulteriori. Infatti la Consob: stabilisce i criteri per l individuazione degli internalizzatori sistematici e gli obblighi in materia di trasparenza ha il potere di chiedere sospensione o esclusione degli scambi su strumenti trattati dall internalizzatore (e che sono ammessi alle negoziazioni su un MR) VIGILANZA SUI MERCATI MOBILIARI ITALIANI 13

14 3) IL FSAP E LE DIRETTIVE COMUNITARIE IN MATERIA DI MERCATI 14

15 FSAP e le nuove direttive comunitarie Obiettivo del FSAP (1999): arrivare alla costituzione di un mercato (azionario) europeo integrato in cui ( ) agli investitori sia garantito il medesimo livello di protezione a qualsiasi sistema di intermediazione europeo si rivolgano Metodo Lamfalussy. Il processo legislativo si compone di 4 livelli, collegati ad un differente stadio di implementazione al livello 1, il Parlamento e il Consiglio dell Unione Europa adottano una legislazione contenente i principi generali della disciplina; al livello 2, commissioni specifiche di settore stabiliscono attraverso direttive e regolamenti i contenuti specifici della disciplina definita nella direttiva-quadro; al livello 3, i regolatori nazionali collaborano nella definizione di un quadro regolamentare implementativo della normativa comunitaria che sia omogeneo nei diversi paesi; il livello 4 riguarda la verifica del rispetto della normativa e l enforcement dei suoi contenuti. Le direttive comunitarie di primo livello contengono i soli principi-guida, le misure di dettaglio sono adottate secondo una procedura che assicura una maggiore celerità di approvazione e di revisione. LIVELLO 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO 4 FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE METODO LAMFALUSSY Parlamento e Consiglio dell Unione Europea direttiva-quadro Commissioni specifiche (es. ESC) dettagli e misure tecniche Comitati di Regulators nazionali (es. CESR) supervision Enforcement Obiettivo: maggiore armonizzazione nell attuazione e implementazione delle leggi, convergenza nei sistemi di vigilanza e miglioramento nella qualità della regolazione del sistema finanziario. 15

16 Le nuove direttive comunitarie nel campo dell intermediazione mobiliare Direttive UCITS di 3 a generazione (2001/107/CE e 2001/108/CE) obiettivo di creare un mercato unico europeo per OICR. Passaporto europeo per i gestori e nuovi criteri di armonizzazione dei prodotti del risparmio gestito Direttiva sul Market Abuse (2003/6/CE) (la prima con metodo Lamfalussy) armonizzazione delle legislazioni europee in materia di insider trading e manipolazione di mercato per promuovere la fiducia degli investitori Direttiva sui Prospetti (2003/71/CE) istituzione di un regime di riconoscimento dei prospetti in ambito comunitario Direttiva MiFID (2004/39/CE) obiettivo di rafforzare integrità e trasparenza dei mercati e stimolare la concorrenza tra mercati regolamentati e altri sistemi di negoziazione Direttiva OPA (2004/25/CE) tentativo di uniformare la legislazione in materia di Offerte Pubbliche di Acquisto Direttiva Transparency (2004/109/CE) obiettivo armonizzare la disciplina dell informativa al mercato di emittenti quotati FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE 16

17 Market Abuse Directive (2003/6/CE) Recepimento concluso con la l. 62/2005 Due fattispecie di abusi di mercato: INSIDER TRADING o abuso di informazioni privilegiate: operatività di soggetti informati sul mercato finalizzata allo sfruttamento di informazioni non ancora di pubblico dominio (proviene da soggetti che in ragione della qualità di membro di organi di amm.ne, direzione o controllo, della partecipazione al capitale o dell esercizio di un attività lavorativa o professionale o di un ufficio sono in possesso di informazioni privilegiate) MANIPOLAZIONE DI MERCATO: diffusione di informazioni false o fuorvianti ovvero il compimento di operazioni anche simulate su strumenti finanziarie idonee ad alterarne sensibilmente il prezzo Sanzionabilità dei due reati/illeciti in sede penale (tribunale) e amministrativa (sanzioni irrogate direttamente dalla Consob) Potenziamento degli strumenti normativi preventivi e repressivi FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE 17

18 Poteri della Consob per le indagini in materia di abusi di mercato richiedere a chiunque: notizie, dati, documenti, registrazioni telefoniche esistenti di presentarsi per audizioni personali comunicazione di dati personali (anche in deroga ai divieti ex d.lgs. 196/2003) procedere, previa autorizzazione PM, a: ispezioni presso soggetti non abilitati, sequestri di beni oggetto di confisca, perquisizioni richieste notizie sul traffico di dati ai fornitori di servizi di comunicazione (tabulati traffico telefonico, posta elettronica, carte di credito) avvalersi della collaborazione di: pubbliche amministrazioni Guardia di Finanza accedere direttamente ai dati dell anagrafe tributaria, dell anagrafe dei conti e dei depositi e della centrale dei rischi FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE 18

19 Market Abuse ed efficienza del mercato Entrambi gli abusi di mercato pongono preoccupazioni in ordine alla FUNZIONE ALLOCATIVA DEL MERCATO (la capacità del mercato di destinare risorse presso i richiedenti secondo una scala di priorità fondata sui rendimenti attesi delle possibili attività. Il rendimento atteso per ogni possibile investimento deve essere lo stesso e non dovrebbe essere possibile ottenere miglioramenti mediante una riallocazione) L efficienza allocativa si fonda necessariamente sulla capacità dei prezzi di riflettere pienamente e correttamente le informazioni disponibili (efficienza informativa e valutativa). Gli abusi di mercato riducono (insider trading) ovvero distorcono (manipolazione di mercato) l efficienza informativa e valutativa dei prezzi FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE 19

20 Insider Trading ed efficienza informativa Dibattito su effetti dell insider trading sull efficienza informativa e valutativa del mercato (capacità dei prezzi di incorporare le informazioni relative all emittente e di riflettere il valore reale della società): NEGATIVI: insider trading mina l equal access alle informazioni da parte di tutti gli investitori. il timore di operare in contropartita di insider può portare gli investitori ad uscire dal mercato (adverse selection) e/o i dealer ad aumentare il bid-ask spread, in quanto chiedono un premio per il rischio di operare con un insider (danno alla liquidità di mercato) inoltre gli insider tendono a ritardare il più possibile la comunicazione dell informazione al mercato (per fare più profitti) POSITIVI: l insider trading spinge prezzi nella direzione della informazione privilegiata, quindi aumenta efficienza informativa e valutativa. Oltretutto, essendo l informativa societaria costosa, il mercato tenderebbe a produrne un livello inferiore a quello desiderabile. L IT aumenterebbe quindi l informativa senza imporre costi (e sarebbe anche una forma di remunerazione dei manager). FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE 20

21 Manipolazione di mercato ed efficienza informativa La manipolazione di mercato può avvenire attraverso: transazioni su strumenti finanziari, anche simulate (manipolazione operativa) es. esistono prezzi che hanno una valenza informativa superiore (apertura e chiusura). Spesso su titoli sottili (per creare idea di mercato attivo, per incrementarne il valore in vista di fusione/scissione) diffusione di informazioni false o fuorvianti (manipolazione informativa) sulla situazione della società es. annuncio di progetti di ristrutturazione, studi di analisti con previsioni false. Spesso legate ad azionisti di controllo in difficoltà Altera l efficienza informativa del mercato perché veicola informazioni non vere allontana il prezzo di mercato dal suo valore fondamentale (a differenza dell IT) FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE 21

22 Tipi di manipolazione di mercato TRADE BASED MANIPULATION Il manipolatore pone in essere operazioni di per sé lecite (trading in the market) ma cercando di determinare una variazione nei prezzi di mercato Es. il manipolatore effettua una serie di acquisti sul mercato cercando di indurre gli altri investitori a pensare che egli sia un insider, cosicché questi lo seguano negli acquisti (followers). Una volta che i prezzi sono cresciuti il manipolatore inizia a vendere. ACTION BASED MANIPULATION Il manipolatore pone in essere una serie di operazioni simulate cercando di determinare una variazione del prezzo. Tali operazioni portano il prezzo al livello desiderato ovvero creano un apparenza di un mercato attivo Es. wash sales, acquisti e vendite da parte di uno stesso soggetto, che di fatto non comportano alcun trasferimento di titolarità; matched orders, accordi di acquisto e rivendita tra più soggetti in accordo tra loro sul fatto che l operazione non produrrà effetti giuridici MARKET POWER MANIPULATION Il manipolatore pone in essere operazioni effettive e/o simulate finalizzate a creare e sfruttare una posizione monopolistica su un certo titolo a danno dei contraenti che vogliono acquistare o vendere il titolo. Tipicamente il manipolatore opera sia nei mercati cash e nei mercati degli strumenti derivati. A differenza dei precedenti, non si inviano falsi segnali al mercato; tuttavia questo tipo di manipolazione altera il corretto funzionamento del mercato. INFORMATION BASED MANIPULATION: Il manipolatore determina una variazione nel prezzo di uno strumento finanziario mediante la diffusione di informazioni voci o notizie false o fuorvianti che forniscano o siano suscettibili di fornire indicazioni false o fuorvianti sui prezzi. FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE 22

23 MiFID (2004/39/CE) Nasce per esigenze di superare i limiti dell ormai superata precedente direttiva in materia di servizi di investimento (93/22/CEE): Insufficiente grado di armonizzazione realizzata; Mutato contesto (aumento numero investitori, ampliamento gamma di servizi e strumenti disponibili, rivoluzione tecnologica per mercati) Incapace di rispondere alle tendenze emerse di maggiore concorrenza tra borse e tra borse e altre sedi di negoziazione Regolamentazioni negli stati membri non armonizzate, elevata diversificazione nei metodi di esecuzione degli ordini e delle norme sulla gestione dei mercati Principali novità della MiFID nell area dei mercati mobiliari: Venire meno in maniera obbligatoria della regola di concentrazione degli scambi (le negoziazioni aventi ad oggetto strumenti quotati avvengono, salvo poche eccezioni, su un mercato regolamentato) Promozione della CONCORRENZA TRA SISTEMI DI NEGOZIAZIONE ALTERNATIVI (MR, MTF e internalizzatori) FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE 23

24 Concorrenza tra sistemi di negoziazione La concorrenza tra trading venues determina la frammentazione degli scambi (non più su un unico MR) EFFETTI POSITIVI di riduzione dei costi dei servizi di negoziazione per concorrenza tra trading venues MA EFFETTI NEGATIVI potenzialmente molto rilevanti sul meccanismo di formazione dei prezzi (price discovery) CONCENTRAZIONE SCAMBI Considerazioni legate alla liquidità di mercato spingono a preferire la regola di concentrazione degli scambi, in quanto massimizza la liquidità di mercato (probabilità di trovare controparti con esigenze compatibili). Infatti un mercato produce esternalità di rete positive : il beneficio che ogni partecipante ottiene dal parteciparvi aumenta al crescere del numero degli altri partecipanti. FRAMMENTAZIONE Concorrenza tra trading venues Però, l innovazione tecnologica e la riduzione dei costi di elaborazione e trasmissione delle informazioni tende a ridurre i costi di struttura di un mercato e quindi stimola la concorrenza tra trading venues (riduzione barriere all entrata) e opera in favore della frammentazione. UN MERCATO FRAMMENTATO HA BISOGNO DI REGOLE DI TUTELA DEGLI INVESTITORI DIVERSE POTENZIAMENTO TRASPARENZA24 FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE

25 La trasparenza di mercato La MiFID ridisegna le regole di trasparenza sugli scambi aventi ad oggetto titoli azionari ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato utilizzando un concetto integrato di mercato (borse, MTF e internalizzatori). Due aree di applicazione: Trasparenza pre-trade (sugli ordini) la più importante per la price discovery) Trasparenza post-trade (sulle negoziazioni eseguite) Stessi requisiti di trasparenza per mercati regolamentati e MTF Requisiti di trasparenza pre-trade attenuati per internalizzatori sistematici (pubblicano quotazioni irrevocabili per negoziazioni inferiori alla standard market size e per azioni per cui esiste un mercato liquido) ratio: contenimento dei costi per il rispetto degli oneri informativi e esposizione a rischio di mercato Sistemi di transaction reporting: le imprese di investimento e le società di gestione del mercato devono comunicare i dettagli delle operazioni su strumenti finanziari negoziati su un mercato regolamentato (anche se l operazione non ha avuto luogo su un mercato regolamentato) 25 FSAP E DIRETTIVE COMUNITARIE

26 4) I MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI 26

27 Società di gestione di mercati regolamentati BORSA ITALIANA s.p.a. mercati a pronti e mercati di strumenti derivati TLX s.p.a. Mercato retail di titoli di Stato italiani ed esteri e altre obbligazioni MTS s.p.a. Mercato all ingrosso di titoli di Stato italiani ed esteri e altre obbligazioni (vigilanza di Banca d Italia ex art. 76 TUF) MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI 27

28 I mercati di Borsa Italiana MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI 28

29 I mercati azionari: i mercati regolamentati MTA Mercato Telematico Azionario, diviso in segmenti: Blue Chips società ad elevata capitalizzazione (75 società al 31/10/08 che rappresentano oltre il 90% del mercato in termini di capitalizzazione) Star (Segmento Titoli ad Alti Requisiti) società a media capitalizzazione sottoposte a più elevati obblighi di disclosure, liquidità e di corporate governance (77 società al 31/10/08 che rappresentano il 25% del mercato) Standard segmento di borsa ordinario in cui sono negoziati i titoli di società di piccola e media dimensione MTA International azioni di emittenti di diritto estero già negoziate in altri mercati regolamentati comunitari MTF fondi mobiliari o immobiliari chiusi quotati e delle Investment Companies Mercato Expandi (ex mercato ristretto) per le società di piccole dimensioni che vogliono reperire nuovi capitali minimizzando il costo e i tempi della quotazione MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI 29

30 I mercati azionari: i mercati non regolamentati AIM Italia istituito dalla fine del 2008 sull esempio dell Alternative Investment Market del London Stock Exchange (mercato delle small caps) è un MTF quindi non sottoposto alla vigilanza dell Autorità di controllo figura centrale è il Nominated Adviser (Nomad), intermediario incaricato di valutare l appropriatezza dell ammissione a quotazionedella società e di accompagnarla per tutto il periodo di permanenza sul mercato MAC (Mercato Alternativo del Capitale) istituito nel 2006 sistema di scambi con requisiti di ammissione meno stringenti rispetto ai mercati regolamentati dedicato a società piccole MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI 30

31 Altri mercati di Borsa Italiana: mercati su derivati IDEM (Italian Derivatives Markets) nato nel novembre 1994 Contratti negoziati: Futures (S&P/Mib Futures, Mini S&P/Mib, Stock Futures) Opzioni (su S&P/Mib, su azioni) SeDeX (Securitised Derivatives Exchange) Sono strumenti derivati cartolarizzati, ossia incorporati in un titolo negoziabile emesso da un intermediario finanziario. Possono avere come sottostante azioni e titoli di stato con elevata liquidità, indici, tassi di interesse, valute e merci. Due tipi di Securitised Derivatives: 1. COVERED WARRANT: opzioni che conferiscono la facoltà di acquistare (cw call) o vendere (cw put) un determinato quantitativo dell attività sottostante ad un prezzo determinato entro o alla data di scadenza (tipo americano/europeo). Prevedono sempre il cash settlement (liquidazione della differenza in denaro tra il prezzo di mercato del sottostante e lo strike o viceversa per i cw put). 1. CERTIFICATE : titoli che replicano l andamento del sottostante, linearmente o con effetto leva. Spesso sono presenti specifiche che limitano il rischio di performance negativa del certificate es. stop-loss (limita la perdita subita dall investitore ma lo priva contemporaneamente della possibilità di beneficiare di un inversione di tendenza del sottostante) o forme di protezione del capitale. 31 MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI PIAZZA BORROMEO 1-20123 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID SECTORS AND Advisory THEMES Mercati Title alternativi heree scenari di liquidità: quali sfide per gli Additional information in Univers 45 Light 12pt on 16pt leading intermediari? kpmg.com Servizi d investimento

Dettagli

LA DIRETTIVA MiFID E GLI EFFETTI DEL SUO RECEPIMENTO

LA DIRETTIVA MiFID E GLI EFFETTI DEL SUO RECEPIMENTO Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze Bancarie Finanziarie e Assicurative V. CONTI - G. SABATINI - C. COMPORTI LA DIRETTIVA MiFID

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Martina Tambucci Consob, Divisione Mercati Le opinioni espresse sono a titolo personale e non impegnano

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari ALETTI VIEW CERTIFICATE Prima dell'adesione leggere il

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli