Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI"

Transcript

1 Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Settore disciplinare: SECS-P09 (Finanza Aziendale) Professore Tutor: Dott.sa Barbara Petracci 1) Il progetto di ricerca L assegnista di ricerca parteciperà ad un progetto finalizzato a individuare alcuni dei limiti che impediscono la massimizzazione del valore nell ambito delle scelte compiute all interno delle piccole e medie imprese (PMI) e a dimostrare come la quotazione in Borsa possa rappresentare un'opportunità per ridurre le asimmetrie informative e il costo del capitale per le stesse. Di seguito, saranno sinteticamente descritte le principali attività che caratterizzeranno il progetto di ricerca. 1. Inizialmente, il candidato scelto si dedicherà alla definizione del quadro teorico di riferimento. Il primo obiettivo della ricerca è, infatti, quello di creare una rassegna delle principali differenze intercorrenti tra l approccio tradizionale alla finanza aziendale e quello imprenditoriale, ponendo enfasi sui paradigmi proposti dai due approcci in relazione ai principali aspetti che caratterizzano la vita di una PMI (Denis, 2004; Smith e Smith, 2004). In particolare, saranno considerati il problema del coinvolgimento degli investitori esterni, primi fra tutti i Venture Capitalist, nelle decisioni manageriali, le asimmetrie informative, le problematiche relative all allineamento degli incentivi tra manager e azionisti (e la collegata predisposizione di contratti incentivanti) e la necessità di predisporre eventi di uscita per gli investitori esterni. 2. In un secondo momento, l assegnista di ricerca dovrà focalizzarsi sul problema della definizione di una misura del grado di sotto-diversificazione per le piccole imprese. Lo scopo è quello di evidenziare le criticità derivanti da un applicazione incondizionata delle tecniche della finanza aziendale tradizionale al contesto imprenditoriale, ponendo particolare enfasi sul problema del costo del capitale appropriato per l'imprenditore. Sulla base del framework della teoria del portafoglio, il candidato scelto dovrà determinare una misura capace di quantificare la sotto-diversificazione degli imprenditori, sviluppando un modello, sulla base dell approccio innovativo proposto da Kerins et al. (2004), per la stima del costo opportunità del capitale per imprenditori operanti in diversi settori e caratterizzati da diversi livelli di commitment sull'impresa. Il modello permetterà di ottenere una stima del costo del capitale a partire da alcuni input di mercato (standard deviation dei rendimenti del portafoglio di mercato, rendimento atteso del portafoglio di mercato e tasso di rendimento 1

2 del titolo privo di rischio) e altri specifici del progetto (standard deviation dei rendimenti dell'impresa e correlazione tra i rendimenti dell'impresa e quelli del portafoglio di mercato). 3. In terzo luogo, l assegnista di ricerca dovrà analizzare in dettaglio i benefici della quotazione. Approfondite le diverse alternative a disposizione dell imprenditore per attenuare i limiti derivanti dalla sotto-diversificazione, l assegnista dovrà porre attenzione sulla possibilità di quotazione, opzione resa da qualche anno più appetibile grazie alla creazione sui mercati borsistici europei di segmenti specifici come, ad esempio, il Mac (Mercato alternativo dei capitali) o l Alternative Investment Market della Borsa di Milano (AIM Italia) o del London Stock Exchange. Dal momento che la recente crisi finanziaria, e in particolare quella del mercato del credito, ha acutizzato le difficoltà riscontrate da numerose aziende, soprattutto da quelle medio-piccole, nel reperire fondi dal sistema bancario, l'obiettivo è quello di dimostrare come la quotazione in Borsa rappresenti un'opportunità di crescita e di sviluppo aziendale. 4. Infine, il candidato scelto dovrà identificare il ruolo svolto dagli analisti finanziari nel ridurre le asimmetrie informative tra le imprese e gli investitori. Spesso, tale asimmetria informativa porta gli investitori a valutazioni non corrette dei titoli quotati, con particolare rilevanza per le realtà di minori dimensioni. In questo contesto, diventa cruciale il ruolo degli analisti finanziari che, ponendosi fra le imprese quotate e gli investitori, semplificano il processo di elaborazione e trasmissione di informazioni rilevanti e attenuano tali asimmetrie informative (Ramnath et al., 2008). L'obiettivo di questa fase dell analisi è quello di determinare l'importanza del ruolo degli analisti finanziari sia per gli investitori esterni, ma anche per le aziende stesse. Naturalmente gli analisti finanziari valutano correttamente le imprese quotate solo in situazioni ottimali. In condizioni meno ideali, come spesso sono quelle reali, gli analisti stessi possono emettere valutazioni distorte. Si prenderanno in esame, dunque, le principali cause che possono distorcere le raccomandazioni degli analisti, focalizzandosi sia su aspetti razionali, come i conflitti di agenzia, sia su quelli comportamentali, come i bias cognitivi (Shefrin, 2007). 5. Per verificare empiricamente le ipotesi formulate, l assegnista di ricerca dovrà costruire due distinti dataset. Il primo contenente tutte le informazioni rilevanti relativamente alle società quotate all AIM londinese e a quello italiano. Il secondo dovrà essere costituito dalle informazioni estrapolabili dai report di ricerca stilati dagli analisti finanziari. La ricerca descritta può essere considerata innovativa in quanto la maggior parte dei risultati presenti in letteratura si concentrano sulle società a elevata capitalizzazione. 2

3 2) Il Piano di formazione Il piano di formazione si propone di garantire al titolare dell assegno di ricerca lo sviluppo e il perfezionamento di un curriculum fortemente orientato alla ricerca scientifica. In particolare, il candidato scelto sarà chiamato ad acquisire competenze specifiche e un autonoma capacità di condurre analisi empiriche attraverso l utilizzo di validi strumenti quantitativi. Nell ambito di tale progetto sarà previsto un soggiorno all estero e la possibilità di instaurare collaborazioni a livello internazionale, capaci di garantire un contesto di ricerca vivace e stimolante. La prima fase del piano formativo è caratterizzata da un intensa attività di formazione in cui il candidato scelto imparerà ad utilizzare sia alcuni software statistico-econometrici (R, Gretl, Stata, Eviews) sia alcune delle principali banche dati come Datastream e quella dell information provider Bloomberg (accessibile presso la University of Westminster, UK). Nell ambito di questa fase, l assegnista di ricerca sarà affiancato dal tutor del progetto e da altri membri del Dipartimento (Prof. Massimo Spisni, Dott. Enrico Maria Cervellati). La seconda fase prevede la raccolta dei dati e la costruzione dei database utili per l analisi. La creazione del database sarà resa possibile anche grazie alla collaborazione con la University of Westminster (UK) presso la quale si prevede un periodo di permanenza per il candidato scelto. Nell ambito della terza fase, infine, saranno indagate le diverse ipotesi di ricerca, presentate in precedenza. 3) Orientamento internazionale e soggiorni all estero Grazie al piano di formazione ora descritto, l assegnista di ricerca avrà la possibilità di migliorare la propria qualifica sia professionale sia accademica: 1) il progetto a cui il candidato scelto parteciperà si basa su alcune collaborazioni già avviate a livello internazionale: University of Westminster (UK); 2) le tematiche suggerite sono oggetto attualmente di numerose ricerche empiriche a livello internazionale e, quindi, rendono il candidato scelto capace di porsi in dialogo proficuo con la comunità scientifica internazionale. E richiesta una buona conoscenza della lingua inglese. Se da una parte questo aspetto permette di sfruttare i rapporti di collaborazione già avviati, dall altra garantisce una corretta comprensione dei principali contributi pubblicati a livello internazionale. 3

4 Riferimenti bibliografici D.J. Denis. Entrepreneurial finance: an overview of the issues and evidence. Journal of Corporate Finance, 10(2): , F. Kerins, R.L. Smith, and J.K. Smith. Opportunity cost of capital for venture capital investors and entrepreneurs. Journal of Financial and Quantitative Analysis, 39(2): , S. Ramnath, S. Rock, P.B. Shane and A.N. Zealand. A review of research related to financial analysts' forecasts and stock recommendations. Working paper. H. Shefrin. Finanza aziendale comportamentale: Decisioni per creare valore. Apogeo, R.L. Smith and J.K. Smith. Entrepreneurial finance. John Wiley & Sons, New York,

5 Elenco delle pubblicazioni di Barbara Petracci Articoli su riviste internazionali 1) E. Bajo, M. Bigelli, D.J. Hillier and B. Petracci (2009), The Determinants of Regulatory Compliance: an Analysis of Insider Trading Disclosures, forthcoming in Journal of Business Ethics (Impact Factor: 1.023). 2) E. Bajo and B. Petracci (2006), Do What Insiders Do: Abnormal Performances after the Release of Insider s Transactions, Studies in Economics and Finance, vol.23, n.2, pp (vincitore dell Emerald Literati Outstanding Paper Award). Monografie 3) B. Petracci (2007), Informativa societaria e abusi di mercato, Carocci Editore. Articoli su riviste italiane 4) B. Petracci (2007), Default: l effetto segnaletico delle comunicazioni di Internal Dealing, Finanza, Marketing e Produzione XXV, n.2, pp ) B. Petracci (2006), Informativa societaria e Internal Dealing: una verifica empirica sul mercato italiano, Banca, Impresa e Società XXIX, n.2, pp Atti di convegni in volumi 6) E. Bajo, M. Bigelli e B. Petracci (2007), L Internal Dealing: una prima verifica empirica sul mercato italiano, in Finanza e Industria in Italia. Ripensare la corporate governance e i rapporti tra banche, imprese e risparmiatori per lo sviluppo della competitività (a cura di R. Cafferata), Il Mulino, Bologna, pp Atti del XXIX Convegno Annuale dell Accademia Italiana di Economia Aziendale (AIDEA) tenutosi a Roma nei giorni 28 e 29 Settembre

6

7

MISSION... 3 AREE DI INTERVENTO... 4

MISSION... 3 AREE DI INTERVENTO... 4 Set Consulting srl 00152 Roma - Via di Monteverde, 74 Ph. +39 06 58 23 14 37 - Fax +39 06 53 80 89 - consulenti@setconsulting.it Cap. Soc. 52.000 Cod. Fisc. e P. IVA 06095671001 C.C.I.A.A. 951256 Trib.

Dettagli

Time for growth. Favorire la quotazione in borsa

Time for growth. Favorire la quotazione in borsa Time for growth. Favorire la quotazione in borsa Executive Summary con 20 proposte elaborate dalle fondazioni Astrid e ResPublica. Ricerca realizzata con il patrocinio della Commissione Consob 10 dicembre

Dettagli

GIULIA BASCHIERI CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA

GIULIA BASCHIERI CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA GIULIA BASCHIERI CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA Luogo e data di nascita Bologna, 9 Maggio 1984 Cittadinanza Italiana Residenza Via Nazario Sauro 27 40121 Bologna Cellulare: +39.339.6748511

Dettagli

VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PUBBLICAZIONI DEL CANDIDATO ANDREA CAROSI

VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PUBBLICAZIONI DEL CANDIDATO ANDREA CAROSI PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI RICERCATORE UNIVERSITARIO PRESSO LA FACOLTÀ DI ECONOMIA - AREA 13 SCIENZE ECONOMICHE E STATISTICHE - SETTORE SCIENTIFICO- DISCIPLINARE

Dettagli

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08 PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08 (Decreto del Rettore n. 413 del 12 maggio 2014, modificato

Dettagli

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome: MAZZU SEBASTIANO E-mail: s.mazzu@unict.it Nazionalità: ITALIANA Data e luogo di nascita: 27/11/1967 - BARCELLONA POZZO DI GOTTO

Dettagli

La quotazione in Borsa. Barbara Lunghi Responsabile Piccole e Medie Imprese Primary Markets Continental Europe

La quotazione in Borsa. Barbara Lunghi Responsabile Piccole e Medie Imprese Primary Markets Continental Europe La quotazione in Borsa Barbara Lunghi Responsabile Piccole e Medie Imprese Primary Markets Continental Europe Sezione 1 Borsa Italiana e LSE Borsa Italiana e London Stock Exchange: un leader europeo e

Dettagli

NAPOLI. III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana

NAPOLI. III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana NAPOLI III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana La terza edizione del corso di specializzazione sui mercati borsistici è organizzata nell ambito dell Accordo tra il Consiglio Nazionale

Dettagli

VERONA. IV edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana

VERONA. IV edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana VERONA IV edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana La quarta edizione del corso di specializzazione sui mercati borsistici è organizzata nell ambito dell Accordo tra il Consiglio Nazionale

Dettagli

E-mail bmagnanelli@luiss.it, bsmagnanelli@yahoo.it, bmagnanelli@johncabot.edu

E-mail bmagnanelli@luiss.it, bsmagnanelli@yahoo.it, bmagnanelli@johncabot.edu BARBARA SVEVA MAGNANELLI E-mail bmagnanelli@luiss.it, bsmagnanelli@yahoo.it, bmagnanelli@johncabot.edu Attuale Posizione Accademica Precedente Posizione Accademica Da Maggio 2013 Assistant Professor in

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale CURRICULUM VITAE FORMAZIONE Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi La Sapienza

Dettagli

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali Francesco Dainelli Curriculum Vitae 2011 www.fargroup.eu f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali 25/02/2014 0

Dettagli

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009 DIREZIONE INVESTMENT BANKING Il Ruolo del Nomad Roma, 22 aprile 2009 Il Gruppo Montepaschi Overview Il Gruppo MPS ha perfezionato il 30 maggio 2008 l acquisizione di Banca Antonveneta divenendo il 3 gruppo

Dettagli

Più Borsa più Impresa: un alleanza per crescere

Più Borsa più Impresa: un alleanza per crescere Più Borsa più Impresa: un alleanza per crescere Luca Peyrano Head of Continental Europe, Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Milano, Assolombarda 11 Febbraio 2010 Più Borsa Più Impresa:

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

Mario Ossorio Curriculum vitae

Mario Ossorio Curriculum vitae Mario Ossorio Curriculum vitae Informazioni personali Data e luogo di nascita: Nazionalità: e-mail: 22/06/1977 - Napoli, Italia Italiana mario.ossorio@unina2.it Posizione accademica attuale 2012 - Ricercatore

Dettagli

S A B R I N A L E O. POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE

S A B R I N A L E O. POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE S A B R I N A L E O POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE Novembre 2013 (21-22 novembre) Sapienza Università di Roma. Partecipazione Corso di Formazione Come presentare una proposta di successo

Dettagli

Prof.ssa Mariantonietta Intonti CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

Prof.ssa Mariantonietta Intonti CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Prof.ssa Mariantonietta Intonti CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dipartimento di studi aziendali e giusprivatistici Università di Bari Aldo Moro Largo Abbazia Santa Scolastica, 53-70124 Bari Tel. Ufficio

Dettagli

DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE. Professore Ordinario di Economia Politica alla Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Economia.

DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE. Professore Ordinario di Economia Politica alla Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Economia. DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE Luogo e anno di nascita: Avellino, 1956 Residenza: Avellino, via Macchia, 25/A; Stato civile: coniugato con un figlio. Posizione attuale Professore Ordinario di Economia

Dettagli

Finanza per le aziende green

Finanza per le aziende green COMPANY PROFILE Finanza per le aziende green VedoGreen, la società appartenente al Gruppo IR Top specializzata sulla finanza per le aziende green quotate e private, nasce nel 2011 dall ideazione del primo

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese SSD SECS-P/08 9 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Mario Risso

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 La struttura piramidale 20% A B C D E 51% 51% 51% 51% A possiede indirettamente

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Mario Ossorio Curriculum vitae

Mario Ossorio Curriculum vitae Mario Ossorio Curriculum vitae Posizione accademica attuale Ricercatore in Economia e Gestione delle Imprese presso il Dipartimento di Economia della Seconda Università degli Studi di Napoli. Formazione

Dettagli

AIM Italia. Il mercato per fare impresa

AIM Italia. Il mercato per fare impresa AIM Italia Il mercato per fare impresa AIM Italia L accesso al capitale è un elemento fondamentale per lo sviluppo di ogni impresa. Dedicato alle PMI che vogliono investire nella propria crescita Un mercato

Dettagli

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI Barbara Lunghi Perché quotarsi? RISORSE FINANZIARIE Raccogliere importanti risorse finanziare Diversificare le fonti di finanziamento,

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Il network per la finanza d impresa

Il network per la finanza d impresa Il network per la finanza d impresa La nostra mission é affiancare la famiglia imprenditoriale nell attività gestionale (ottimizzazione organizzativa, finanziaria, amministrativa, legale, fiscale) e nelle

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

VALUTAZIONE D AZIENDA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA

VALUTAZIONE D AZIENDA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA VALUTAZIONE D AZIENDA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA 2015 Amministrazione finanza e controllo Z6055.3 IV Edizione / Formula weekend 5 FEBBRAIO 20 FEBBRAIO 2016 REFERENTE SCIENTIFICO DELL'INIZIATIVA

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa e Scelte dei Mercati Finanziari

Responsabilità Sociale d Impresa e Scelte dei Mercati Finanziari Responsabilità Sociale d Impresa e Scelte dei Mercati Finanziari Dipartimento di Economia e Finanza - DEF Università degli Studi di Roma Tor Vergata Finanza sostenibile, fondi etici e attività di engagement

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Marco Pironti pironti@di.unito.it it www.di.unito..di.unito.it/~pironti 1 Executive summary Corporate governance Le strategie d impresa Le politiche di pianificazione e controllo Le politiche organizzative

Dettagli

AZIONI SVILUPPO. infografica by 1

AZIONI SVILUPPO. infografica by 1 AZIONI SVILUPPO Ottobre 2007 infografica by 1 IL MOTIVO DELLE AZIONI SVILUPPO infografica by 2 IL MOTIVO 1 2 Dove siamo? Sistema Italia Tessuto industriale ricco di imprese a BMC (Bassa e Media Capitalizzazione,

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Convegno di presentazione delle attività di ricerca e incontro con gli operatori Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università LUM giannotti@lum.it

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE Divisione Ricerche Claudio Dematté PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE 2014 Sponsor: www.sdabocconi.it/privateequity OBIETTIVI - Dare una chiave di lettura sistematica sempre aggiornata del mercato (trend, tipologia

Dettagli

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE PMI IN PARTICOLARE Dott. Bernardino Bottalico Corporate Finance Manager www.fabfinance.eu info@fabfinance.eu +39 080 4421007 PREMESSA

Dettagli

MODULI: CONTENUTI GENERALI

MODULI: CONTENUTI GENERALI MODULI: CONTENUTI GENERALI Primo Modulo LO SCENARIO COMPETITIVO INTERNAZIONALE, L EVOLUZIONE DEL BUSINESS: LE PROSPETTIVE DEGLI OPERATORI DEL DIRITTO (4 gg) Secondo Modulo SISTEMI DI GOVERNANCE, PERFORMANCE

Dettagli

CALEPINO DEL TESISTA DI ECONOMIA DEL MERCATO MOBILIARE

CALEPINO DEL TESISTA DI ECONOMIA DEL MERCATO MOBILIARE CALEPINO DEL TESISTA DI ECONOMIA DEL MERCATO MOBILIARE Lo scopo del calepino: L obiettivo delle brevi considerazioni che seguono è fornire alcune indicazioni potenzialmente utili per tutti gli studenti

Dettagli

CURRICULUM DI LUCIANO D AMICO

CURRICULUM DI LUCIANO D AMICO CURRICULUM DI LUCIANO D AMICO PROFESSORE ORDINARIO DI ECONOMIA AZIENDALE NELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Notizie di carattere generale - Nato il 3 gennaio 1960 a Torricella Peligna (CH) e residente

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI L offerta di Borsa Italiana per le PMI 1 MERCATI REGOLAMENTATI Il processo di quotazione PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO Eventuale riorganizzazione società / gruppo Eventuali modifiche

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E G I L D A M A Z Z A R E L L I INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Qualifica universitaria Mazzarelli Gilda Dottoranda di ricerca Indirizzo

Dettagli

Aggiornamento Gennaio 2011. u n a o p p o r t u n i t à p e r i l r a f f o r z a m e n t o p a t r i m o n i a l e.

Aggiornamento Gennaio 2011. u n a o p p o r t u n i t à p e r i l r a f f o r z a m e n t o p a t r i m o n i a l e. Aggiornamento Gennaio 2011 u n a o p p o r t u n i t à p e r i l r a f f o r z a m e n t o p a t r i m o n i a l e Azioni Sviluppo Azioni Sviluppo Ringraziamenti Si ringraziano lo Studio Legale Bonelli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite

Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite 12 Dicembre 2012 Denny De Angelis Luca Peyrano 1 Come sarebbe l Italia con 1.000 società quotate Manuela Geranio, Emilia

Dettagli

n. 5 ( di cui 4 con borsa e 1 senza) Cittadini extracomunitari n. 0 laureati in università estere, borsisti di stati esteri n.

n. 5 ( di cui 4 con borsa e 1 senza) Cittadini extracomunitari n. 0 laureati in università estere, borsisti di stati esteri n. Allegato n. 5 A CURRICULUM A: Institutions, Finance and Economic Development DOTTORATO IN GOVERNANCE, MANAGEMENT AND ECONOMICS Posti totali n. 5 ( di cui 4 con borsa e 1 senza) Cittadini extracomunitari

Dettagli

Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI. Posizione attuale

Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI. Posizione attuale Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI Nato a Roma l 11 dicembre 1969 Indirizzi e-mail: giannotti@economia.uniroma2.it giannotti@lum.it Posizione attuale Professore Ordinario di Economia degli intermediari

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Formazione, attività scientifica e professionale

Formazione, attività scientifica e professionale DOMENICO PALUMBO nato a Napoli il 9 gennaio 1976 Formazione, attività scientifica e professionale Titoli accademici e altri titoli - laureato in Giurisprudenza presso la Facoltà di Giurisprudenza dell

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA CICLO DI SEMINARI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA Le importanti evoluzioni dei sistemi economici e dei mercati finanziari

Dettagli

PROF. MARIO MASSARI NOTE BIOGRAFICHE CURRICULUM ACCADEMICO CURRICULUM PROFESSIONALE

PROF. MARIO MASSARI NOTE BIOGRAFICHE CURRICULUM ACCADEMICO CURRICULUM PROFESSIONALE PROF. MARIO MASSARI NOTE BIOGRAFICHE CURRICULUM ACCADEMICO CURRICULUM PROFESSIONALE Note biografiche Nato il 10 marzo 1951 Residente in Milano, Via Carlo Crivelli, n.15/1 Laurea in Economia Aziendale presso

Dettagli

Programma del Corso di

Programma del Corso di Programma del Corso di Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari - CFU 8 C.L. Economia e Amministrazione Aziendale (classe L-18) Anno Accademico 2014-15 Prof. Enzo Scannella Il corso di Economia

Dettagli

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets Milano, 01/12/2008 sia ssb 2008 Importante per la nuova funzione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi di Bari con lode

CURRICULUM VITAE. Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi di Bari con lode CURRICULUM VITAE Mariani Massimo Dati anagrafici nato a Bari il 03 dicembre 1966 residente in Bari alla Via Bozzi n.59 celibe Titolo di Studio Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università

Dettagli

SMART TO RESTART INDUSTRY. IPOs per la valorizzazione delle startup innovative

SMART TO RESTART INDUSTRY. IPOs per la valorizzazione delle startup innovative SMART TO RESTART INDUSTRY IPOs per la valorizzazione delle startup innovative Milano, 31 Ottobre 2014 Borsa Italiana, Palazzo Mezzanotte Franco Gaudenti Managing Partner, EnVent S.p.A. Premessa UNIVERSO

Dettagli

Curriculum vitae. Dati personali. Titoli. andrea.paltrinieri@univr.it andrea.paltrinieri@uniud.it. Nome, Cognome Andrea Paltrinieri

Curriculum vitae. Dati personali. Titoli. andrea.paltrinieri@univr.it andrea.paltrinieri@uniud.it. Nome, Cognome Andrea Paltrinieri Curriculum vitae Dati personali Nome, Cognome Andrea Paltrinieri Data di nascita 12 dicembre 1982 Luogo di nascita Verona Nazionalità Italiana Residenza Via Sottoriva, 30/A - 37121 Verona Codice fiscale

Dettagli

Le lauree magistrali. Amministrazione, finanza e controllo Management. Economia e management marittimo e portuale Economia e istituzioni finanziarie

Le lauree magistrali. Amministrazione, finanza e controllo Management. Economia e management marittimo e portuale Economia e istituzioni finanziarie Studiare ECONOMIA Le lauree magistrali Amministrazione, finanza e controllo Management Economia e management marittimo e portuale Economia e istituzioni finanziarie Amministrazione Finanza e Controllo

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE La società, i soci, la mission pag. 2 Come operiamo, dove siamo, Clairfield International pag. 3 La partnership, le Associazioni,

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITA' DIDATTICA E SCIENTIFICA DI MARIO MAZZOLENI

CURRICULUM ATTIVITA' DIDATTICA E SCIENTIFICA DI MARIO MAZZOLENI CURRICULUM ATTIVITA' DIDATTICA E SCIENTIFICA DI MARIO MAZZOLENI Nato a Milano il 24 Gennaio 1957, laureato presso l'università L. Bocconi (nell'anno Accademico 1980-81) in Economia Aziendale con specializzazione

Dettagli

Company Overview. Copyright 2015 - Consilia Business Management S.r.l.

Company Overview. Copyright 2015 - Consilia Business Management S.r.l. Company Overview Chi siamo Chi siamo Consilia Business Management S.r.l. è stata costituita nel maggio 2004 ed è oggi frutto della condivisione di esperienze nel campo delle attività di consulenza, rivolte

Dettagli

PMI e mercato dei capitali:

PMI e mercato dei capitali: PMI e mercato dei capitali: Focus su AIM Italia e programma ELITE Barbara Lunghi Head of Mid & Small Caps - Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le

Dettagli

European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises. rep 2011/2012

European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises. rep 2011/2012 European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises An nu al rep ort 2011/2012 new knowledge for a new paradigm Indice in sintesi in sintesi results pubblicazioni carta di identità lettera

Dettagli

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF Prof. Elena Beccalli, Milano ETF DAY Milano, 24 ottobre 2013 Il problema dell'investitore Condizioni di incertezza: riferimento ai dati storici, ma

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI CARLO BELLAVITE PELLEGRINI

CURRICULUM VITAE DI CARLO BELLAVITE PELLEGRINI Studi e carriera universitaria CURRICULUM VITAE DI CARLO BELLAVITE PELLEGRINI www.carlobellavitepellegrini.it Giugno 2013 2013 Aprile-Maggio. Visiting Scholar presso il dipartimento di "Corporate Finance"

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: DONATELLA FORTUNA Indirizzo: via Avellino n. 18, 82100, Benevento Telefono: 3491450428 Email: donatella.fortuna@unisannio.it Data di nascita: 29/07/1976 Luogo

Dettagli

Dipartimento di Economia e Management

Dipartimento di Economia e Management Dipartimento di Economia e Management Corsi di laurea magistrale 1) Consulenza aziendale e libera professione 2) Management in italiano (curriculum in Finanza; Marketing; Produzione e logistica) in inglese

Dettagli

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance AMMINISTRAZIONE & FINANZA Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance Amedeo De Luca FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced,

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

Giuseppe Di Martino. CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE

Giuseppe Di Martino. CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE Giuseppe Di Martino CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE Aprile 2012, Università Statale degli Studi di Trieste Dottorato di Ricerca in Finanza Aziendale SECS-P/09 Titolo e Descrizione

Dettagli

Susanna Screpanti INFORMAZIONI PERSONALI

Susanna Screpanti INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome SUSANNA SCREPANTI Indirizzo - Telefono - E-mail s.screpanti@yahoo.it Nazionalità italiana Data di nascita 28.12.1982 ESPERIENZE PROFESSIONALI da Luglio

Dettagli

SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2

SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE PRESSO IL DIPARTIMENTO

Dettagli

C U R R I C U L U M DEL PROF. SERGIO SCIARELLI

C U R R I C U L U M DEL PROF. SERGIO SCIARELLI Professore emerito di Economia e gestione delle imprese nell'università degli Studi di Napoli Federico II C U R R I C U L U M DEL PROF. SERGIO SCIARELLI NAPOLI, MAGGIO 2015 INDIRIZZO : Piazza della Repubblica

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM MARCO PAPA

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM MARCO PAPA Dati anagrafici - Nato a Napoli il 7 Aprile 1970. - Telefono: 080 5049192 - E-mail: marco.papa@uniba.it Posizione accademica CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM MARCO PAPA - Dal 1 Novembre 2001 Ricercatore in

Dettagli

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale (POR Puglia 2000-2006) 1 IL FONDO Il Fondo per il capitale di rischio ha come obiettivo l acquisizione di quote temporanee di minoranza

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA di ida.panetta@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA - Professore Associato (SECS p/11) - Componente del Team di Qualità di Facoltà - Componente del Nucleo

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE. MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN MERCHANT BANKING Nona Edizione

BANDO DI AMMISSIONE. MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN MERCHANT BANKING Nona Edizione BANDO DI AMMISSIONE MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN MERCHANT BANKING Nona Edizione DIRETTORE Prof. Anna Gervasoni COORDINATORE Prof. Francesco Bollazzi OBIETTIVI E FINALITA La finanza straordinaria

Dettagli

ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE

ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE Milano, 18/11/2014 ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE nasce da un gruppo di manager e imprenditori convinti che la crescita dell impresa crea profitto e valore e quindi benessere sociale. Uno spirito

Dettagli

Le lauree magistrali. Amministrazione, finanza e controllo Management. Economia e management marittimo e portuale Economia e istituzioni finanziarie

Le lauree magistrali. Amministrazione, finanza e controllo Management. Economia e management marittimo e portuale Economia e istituzioni finanziarie Studiare ECONOMIA Le lauree magistrali Amministrazione, finanza e controllo Management Economia e management marittimo e portuale Economia e istituzioni finanziarie Amministrazione Finanza e Controllo

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 3 marzo 202 OBIETTIVI Ai fini del corretto assolvimento delle funzioni

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX INDICE XIII XV XVII XIX Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Parte prima: Corporate Finance e creazione di valore 5 Capitolo 1 Introduzione alla Corporate Finance: significato, ruolo ed obiettivo

Dettagli