MISTERO SOA. Le applicazioni orientate ai servizi: suggerimenti, spiegazioni e scenari per il loro utilizzo nelle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISTERO SOA. Le applicazioni orientate ai servizi: suggerimenti, spiegazioni e scenari per il loro utilizzo nelle imprese"

Transcript

1 MISTERO SOA Le applicazioni orientate ai servizi: suggerimenti, spiegazioni e scenari per il loro utilizzo nelle imprese a cura della redazione di Computerworld Italia ICT e R&S >> Applicazioni, linguaggi e sistemi operativi

2 Sommario L'ABC della SOA... 4 E' questione di maturità?... 8 Quando i web services sposano i sistemi legacy Glossario Pagina 2 di 11

3 Introduzione Spiega un esperto di tecnologia: La Service Oriented Architecture (SOA) non è una nuova tecnologia rivoluzionaria che richiederà di spezzare, rimpiazzare o ristudiare tutto ciò che già si conosce. SOA è piuttosto un passo evolutivo in un percorso di interoperabilità, rappresentando una buona notizia per un qualsiasi dirigente business o dei sistemi informativi che sogni di avere a disposizione un framework tecnologico sufficientemente flessibile da poter andare incontro ai processi di business del mondo reale. Bello, ma di cosa si tratta in realtà nel dettaglio? Quando conviene adottare un'architettura orientata ai servizi? Il dossier di questo mese parte quindi con una serie di Domande e risposte sui suoi concetti di base, per non dare per scontato nulla sull'argomento. Proseguendo, attualmente le argomentazioni che spingono verso l adozione delle Service Oriented Architecture sono molteplici: di volta in volta gli analisti sottolineano l utilità delle SOA come forma di integrazione leggera fra aziende e fra sistemi informativi, come strumento per gestire in modo più flessibile i processi, come abilitatore di strategie multicanale e via dicendo. Se una SOA diventa una vera e propria topologia software dei servizi IT aziendali, nuovi o legacy che siano, diventa però essenziale progettarla e realizzarla in un modo molto più organizzato di quanto non siano oggi le attività di sviluppo e di gestione del parco applicativo d impresa. Vediamo perché. Infine, il tema integrazione per quelle realtà dotate di sistemi consolidati da tempo. Di fatto mainframe e sistemi legacy hanno posto ai responsabili IT molti grattacapi nel decennio passato, per far fronte alle necessità di aggiornamento del software, ma anche per le nuove richieste del business e di servizi per il web. Il reparto IT si è trovato nella condizione di dover affiancare i sistemi host con le componenti open più adatte a supportare le nuove applicazioni. Malgrado la forte spinta al cambiamento, molte aziende non hanno avuto le risorse o talvolta la necessità di rimpiazzare mainframe e altri sistemi informativi su cui avevano investito nel corso degli anni. Una situazione che ha fatto esplodere i problemi d'integrazione. Pagina 3 di 11

4 L'ABC DELLA SOA Questa sigla riempie giornali, dibattiti e convegni. Oltre le promesse e i numeri scarsamente controllabili, cerchiamo di capirci qualcosa Un avvertimento: la breve introduzione che segue non è farina del nostro sacco. E semplicemente quello che si trova scritto o viene detto oggi nella grandissima parte degli articoli che riguardano la SOA. E che più o meno cominciano così. Il concetto di Service Oriented Architecture è ormai nell agenda di tutti i CIO perché promette di fornire un modo più rapido di costruire e adattare le funzionalità di un software e mettere in produzione nuovi e più flessibili processi. Gli articoli e i discorsi proseguono richiamando i numeri impressionanti forniti da questo o quell istituto specializzato; per esempio quelli che indicano che tutte le oltre 300 organizzazioni intervistate in un apposito sondaggio hanno già avviato iniziative sul fronte SOA o dicono di averle programmate entro un massimo di due anni. Puntualmente ricordano che un approccio di tipo SOA permetterà finalmente di abbattere le barriere che ancora separano l IT dal business aziendale e per dar più forza a queste promesse ricorrono un altra volta alla forza dei numeri che indicano, a favore del modello SOA, una riduzione del 25% dei costi di sviluppo di cui potranno avvantaggiarsi le maggiori 2000 aziende nei prossimi 3 anni. E così via, per pagine e pagine. Sono solo alcuni degli stereotipi che, conditi dell enfasi necessaria, oggi accompagnano la SOA. Altrettanto è accaduto con il web e ancora prima con il client-server, l object oriented e così via a ritroso. Tante attese, promesse più o meno mantenute, qualche disillusione. Se qualche lezione possiamo dire di avere appreso dal passato, è proprio quella di non dare niente per scontato. Per questo allora meglio partire chiarendoci le idee almeno sui concetti di base e lasciando perdere promesse, frasi apodittiche e scenari futuribili. Ecco perché abbiamo scelto, tra le tante cose che si potevano pubblicare sull argomento, di iniziare il dossier con questa serie di Domande e risposte sui concetti di base. Sono le cose di cui più spesso sentiamo parlare in giro, a volte dando per scontati concetti, sigle e conclusioni che scontati non sono affatto. Cos è una Service Oriented Architecture (SOA)? Service Oriented Architecture è un espressione ambigua perché descrive due cose diverse. Le prime due parole indicano un metodo di sviluppo software. La terza indica l insieme delle tecnologie e applicazioni software di un azienda. Per SOA quindi si intende una strategia mirata a sviluppare tutte le applicazioni software dell azienda usando metodi di programmazione orientati ai servizi. Cos è un servizio? I servizi sono pezzi di software costruiti in modo da essere integrati facilmente con altri componenti. L idea è semplice: la tecnologia deve essere disponibile in pezzi semplici di codice software condivisibili e utilizzabili in diverse parti dell azienda. Questo si può ottenere confezionando il codice in un complesso guscio che descrive ciò che fa il componente, e come connettersi a esso. E un concetto che risale agli anni 80, quando si parlava di programmazione object oriented. La differenza è che stavolta gli oggetti software sono molto più grandi e sofisticati. Nella compagnia telefonica Verizon il servizio get CSR (richiedi il record dei servizi al cliente) è un complesso pacchetto di operazioni software ed estrazioni di dati che usa l infrastruttura d integrazione di Verizon per accedere a 25 sistemi in quattro data center sparsi negli USA. In precedenza, ogni volta che Verizon implementava una nuova applicazione o funzione di CRM, gli sviluppatori dovevano creare delle interfacce per tutti i 25 sistemi. Ora il servizio get CSR risiede in un repository centrale nella intranet di Verizon, e gli sviluppatori possono semplicemente usare il protocollo SOAP e costruire un link singolo all interfaccia che avvolge il servizio: in tal modo i 25 sistemi iniziano a marciare insieme Pagina 4 di 11

5 Le cinque promesse che spingono verso un'architettura SOA inviando i dati dei clienti alla nuova applicazione e risparmiando mesi di lavoro di sviluppo ogni volta. 1 Raggiungere maggior flessibilità nei Qual è la differenza tra SOA e web services? processi aziendali Ci sono molti modi di collegare i servizi: interfacce 2 Costi ridotti nell integrazione delle applicazioni esistenti sviluppate internamente, software di integrazione EAI, 3 Costi ridotti nello sviluppo di nuove ecc. Dal 2001 però viene sempre più usato un insieme di applicazioni meccanismi software di comunicazione detti web 4 Minor tempo per sviluppare nuove services, e basati sul World Wide Web. La SOA quindi è applicazioni 5 Minor tempo per mantenere le una strategia generale per lo sviluppo di tutte le applicazioni esistenti applicazioni software di un azienda con la metodologia service-oriented. I web services invece sono un metodo di collegamento, cioè un insieme di meccanismi standard di comunicazione basati sul www. Come faccio a capire se per la mia azienda è utile una strategia fondata sulla SOA? La SOA va ben al di là del solo sviluppo software. Richiede una visione unificata a livello aziendale dell architettura IT e del metodo di sviluppo, uno staff centrale di project manager, architetti e programmatori, e un repository centrale per i servizi, che devono essere ben documentati. Ma soprattutto la necessità per l IT di capire nel dettaglio e riprodurre i processi di business aziendali. Perciò la condivisione, e soprattutto la governance, sono fondamentali: occorre facilitare il riuso, evitare che lo stesso servizio sia sviluppato più volte per settori aziendali diversi, e fissare dei livelli di performance. A tale scopo, molte aziende hanno creato un team SOA, che decide in concerto con le varie aree aziendali quali processi supportare con i servizi, e mette a punto i meccanismi di governance. Finora le migliori strategie SOA sono in aziende con alti budget IT e business basati sulle tecnologie, come le telecom e i fornitori di servizi finanziari. Non a tutti, però, conviene una strategia SOA. Le realtà piccole, o fortemente decentralizzate, o che hanno già avviato serie strategie di integrazione applicativa o hanno puntato tutto su una grande suite software integrata, devono soppesare seriamente vantaggi e svantaggi. Il problema principale è che una strategia SOA non si può portare avanti per piccoli passi: lo sviluppo di un singolo servizio dev essere sempre coerente con il piano architetturale generale, che a sua volta deve tener conto della strategia di business aziendale. Quali sono i vantaggi di una SOA? Una SOA è prima di tutto uno strumento per ridurre complessità e ridondanze. E difficile che possa essere utile se la vostra azienda non è grande e/o complessa. Dev essere ben chiaro che il metodo di sviluppo service-oriented, in sé, non porta benefici. Secondo gli esperti, una buona soluzione service-oriented richiede più lavoro dell integrazione applicativa tradizionale, quindi per essere conveniente deve eliminare sforzi e costi da qualche altra parte, per esempio consolidando o eliminando insiemi di applicazioni ridondanti e poco integrate. Per avere il quadro completo dei benefici possibili di una SOA, comunque, bisogna considerare due livelli: i vantaggi tattici dello sviluppo orientato ai servizi e quelli complessivi di una strategia architetturale enterprise. Nel primo caso, i benefici sono di tre tipi: riuso del software, aumento della produttività, maggiore flessibilità dei sistemi IT. Se prendiamo una compagnia telefonica con quattro divisioni, ciascuna con il suo sistema di gestione ordini, questi sistemi avranno alcune funzioni simili, come il controllo crediti e la ricerca dei record dei clienti, ma spesso non condivisibili. Con lo sviluppo service-oriented si può creare una versione di controllo del credito condivisibile da tutti i sistemi. Il servizio può essere composto di codice totalmente nuovo, o preso da alcuni o tutti i sistemi: non conta il grado di complessità, conta solo che la prossima volta che un applicazione necessiterà della funzione credit check, basterà creare un link al servizio. I punti critici sono due. Uno è assicurare il riuso: occorrono appositi meccanismi di governance. L altro è dimensionare il servizio (granularità), che va accuratamente definito proprio per facilitare il riuso. E una delle maggiori difficoltà di una strategia SOA: allo stato attuale, dice Gartner, solo una quota tra il 10% e il 40% dei servizi viene realmente riutilizzata. Pagina 5 di 11

6 I cinque maggiori ostacoli all'adozione di una SOA 1 Definire che cosa è una SOA e imparare a progettarla 2 Passare alla nuova architettura e alle nuove metodologie lavorando nel business corrente 3 Riarchitettare l infrastruttura per supportare la SOA 4 Cambiare le metodologie di sviluppo per adeguarle alla SOA 5 Cambiare le strategie di governance per supportare la SOA Quanto agli aumenti di produttività, il riuso dei servizi significa maggiore velocità dei progetti di sviluppo, nonché risparmi sui costi d integrazione (almeno del 30%, secondo Gartner). Nel caso di Verizon e del suo servizio per il processo di gestione degli ordini di nuove linee telefoniche, con l integrazione punto-a-punto ci voleva un team di progetto centrale per scrivere l interfaccia generale, e poi dei team locali per ciascuno dei sistemi da integrare spiega il vice president Shadman Zafar -; con il servizio phone-line abbiamo bisogno di un solo team che deve fare solo un lavoro di testing. Anche se i servizi non vengono riutilizzati, possono ugualmente convenire. Un esempio è ProFlowers.com, che ha spezzato la gestione ordini in diversi servizi, su ciascuno dei quali si può intervenire senza toccare gli altri per gestire i picchi di domanda. Il sistema monolitico precedente richiedeva un enorme lavoro di riscrittura del codice, il nuovo invece ricolloca la capacità di storage ai vari servizi in funzione del bisogno ed è molto più flessibile: ha eliminato le indisponibilità di sistema dovute ai sovraccarichi. Passando ai benefici di una strategia architetturale a livello enterprise, uno è il miglior allineamento con il business. Le persone del business possono vedere come i loro processi e attività sono riprodotti dalle tecnologie in modo molto più immediato delle complesse applicazioni software tradizionali. Tra qualche anno, saranno forse in grado anche di comporre da soli i servizi a disposizione, senza ricorrere a tecnici. Un altro vantaggio è la possibilità di vendere meglio al business il concetto di architettura enterprise, che per le valenze molto tecniche e i ritorni difficili da definire è sempre stato piuttosto malvisto fuori dal dipartimento IT. Ora invece concetti come il riuso e la tecnologia cablata sui singoli processi lo rendono molto più vendibile. Sempre a patto di ricordare che una strategia SOA non conviene a tutti. Come bilanciare i tempi lunghi di pianificazione di una SOA con la necessità di portare velocemente valore al business? La pianificazione di un architettura richiede tempo. Lo sviluppo service-oriented invece si basa su concetti e standard tecnologici ben conosciuti (SOAP, HTTP, ecc.) e può essere molto più veloce. Le due cose però, dicono gli esperti, devono andare in parallelo. E importante mettere a punto piccoli servizi e nel contempo portare avanti il piano architetturale, la mappatura dei processi e lo sviluppo di servizi enterprise su tutta l impresa. Concentrarsi soltanto su una strategia pluriennale può far fallire tutto, perché occorre anche presentare dei risultati nel breve termine. Come scegliere i servizi che possono produrre il massimo valore per la mia azienda? Nel dubbio, iniziate dai processi che riguardano direttamente i clienti o le vendite, e/o da quelli che toccano direttamente un punto critico del vostro business. I processi rivolti all esterno sono quelli che apportano il maggior valore, e di solito cambiano molto spesso spiega Daniel Sholler, vice president di Gartner -: un 10% di miglioramento qui porta più valore di un progresso del 50% in aree back office. Non sempre SOA dà più valore di un buon pacchetto, ma se si deve comunque sviluppare, è meglio farlo in modalità service-oriented. Che impatto ha la SOA sulla funzione IT? Una SOA richiede e crea centralizzazione: il lavoro di sviluppo va attentamente controllato e guidato. Man mano che il portafoglio di servizi cresce, il processo di sviluppo inizia ad assomigliare a una catena di montaggio, e la produttività dei programmatori aumenta. Un approccio SOA poi richiede molte competenze e professionalità nuove, per cui occorre un forte investimento in formazione. Secondo una recente ricerca di CIO e Computerworld USA, solo il 25% delle aziende ritiene di disporre già delle competenze più adatte a implementare una SOA. Pagina 6 di 11

7 E' QUESTIONE DI MATURITÀ? Diversi approcci alla qualità dei processi possono applicarsi anche alle implementazioni SOA Dal punto di vista delle metodologie di sviluppo, affrontare le SOA e i web services significa gestire in maniera più rigida il processo di creazione del codice. Ragionando a livello di singoli servizi da veicolare in rete e non di applicazioni monolitiche ciò che conta sono le interfacce: ogni servizio mostra la sua, che deve essere consistente con quella degli altri. Bisogna essere disciplinati nella programmazione, restando aderenti alle specifiche di progetto e ai flussi di processo che si sono definiti all inizio dell implementazione. Non stupisce quindi che negli ultimi tempi, quando si tratta di architetture orientate ai servizi, si parli molto più che in passato dei modelli e dei processi che possono portare qualità, in senso lato, nell implementazione del software. Per le SOA stanno in particolare avendo una certa diffusione i maturity model che valutano la maturità dell azienda utente in quanto a implementazione e diffusione delle architetture orientate ai servizi. Sono modelli - proposti da fornitori di settore, analisti e consulenti - tutti buoni per capire dove si è rispetto a dove si vuole arrivare e per dare una certa disciplina allo staff IT. Con una premessa importante, però: i maturity model e le SOA possono certamente essere collegati, ma non bisogna mai dimenticare che modelli di questo genere nascono soprattutto per valutare i processi, mentre chi lavora sulle SOA è interessato soprattutto alla valutazione delle architetture software e delle loro implementazioni. La triade della qualità Tre approcci riconosciuti dal mercato alla qualità dei processi si dividono in questo momento l attenzione delle software house e dei dipartimenti IT: CMMI, CobiT e ITIL. Il Capability Maturity Model Integration (CMMI) parte dal presupposto che la qualità di un sistema, e quindi anche di un architettura software, dipende dalla qualità del processo usato per implementarlo. In questo senso è un modello di riferimento che permette a un impresa di collocare la qualità di un suo processo o dell impresa nella sua globalità in una ipotetica scala, dando in più le indicazioni necessarie per migliorare. Nella visione a stadi del CMMI si valuta il livello di maturità globale dell azienda o di una sua parte, in una scala a cinque step (Initial, Managed, Defined, Quantitatively Managed, Optimizing). Il modello si può applicare anche alla implementazione di una SOA? Sì, tanto che alcuni fornitori IT ne hanno creato un derivato specifico battezzato proprio SOA-MM (SOA Maturity Model). Ma non è, come dicevamo in precedenza, il solo. CMMI nella parte di sviluppo del software riprende concetti già collaudati dagli anni Settanta, quando i linguaggi e gli strumenti di programmazione erano complessi e prima di scrivere codice veniva fatta un analisi funzionale e tecnica molto accurata. E ben diverso l approccio di CobiT: la metodologia Control Objectives for Information and related Technology è incentrata sul controllo ex-post più che sull analisi preventiva delle implementazioni. CobiT, spiega Paolo Pasini, Vice Direttore Area Sistemi Informativi di SDA Bocconi, Spinge a ragionare in una logica di produzione dei servizi applicativi, a crearne un catalogo in una logica di mercato: chi li comprerà in azienda? Ciascuna delle sue aree diventa un area di misurazione di quello che faccio e genera i suoi indicatori chiave. Per chi guarda alla implementazione delle SOA il fulcro di CobiT è infatti rappresentato da un sottoinsieme della parte di Framework, la quale prevede una trentina obiettivi di controllo ad alto livello. Alcuni di essi sono collegabili all infrastruttura IT e a come essa rispecchi e supporti i processi aziendali. Dato che non tratta direttamente lo sviluppo software, non fornisce roadmap immediate per il miglioramento continuo dei processi informatici: il modello va digerito e declinato in base alle proprie peculiarità. Pagina 7 di 11

8 L'IT che cambia Con le società che si affidano sempre più a implementazioni SOA, la gestione di servizi applicativi di qualità si sta facendo disciplina critica per l'it. "E' una battaglia che è in corso, poiché si deve continuare a mantenere la connessione tra le esigenze di business e quello che realmente il software fa, e tali esigenze cambiano sempre", spiega Jason Bloomberg, senior analyst di ZapThink. Certamente l'idea che sta dietro una SOA è quella di costruire un'infrastruttura che abiliti composizioni di servizi software in genere poco connessi tra loro per, ad esempio, scambiarsi dati o coordinare funzioni di business. E le imprese stanno iniziando a comprendere il concetto che vi si cela dietro. Nel 2010 almeno il 65% delle grandi organizzazioni avranno infatti più del 35% dei propri portafogli applicativi basati su SOA, contro meno del 5% che c'erano nel 2005, prevede Gartner. Nel frattempo le aziende stanno scoprendo che il testing non è la sola area dell'it che potrebbe richiedere un cambiamento. Progettazione, implementazione e gestione delle applicazioni basate su servizi sono infatti qualcosa di molto differente rispetto al lavorare con le applicazioni tradizionali su più livelli. Per gestire tali cambiamenti, i professionisti stanno quindi estendendo i rispettivi set di strumenti con software che diano una visione più chiara dei dettagli, ad esempio a livello di transazioni, mentre chi si occupa di rete sta prendendo in considerazione l'utilizzo di appliance che possano occuparsi dei carichi elaborativi su XML (Extensible Markup Language). E sul mercato sono in tal senso diverse le proposte che offrono strumenti di testing e validazione SOA, gestione delle policy e loro applicazione, nonché apparati per la sicurezza e l'elaborazione XML. L Information Technology Infrastructure Library, o ITIL, è un approccio alla qualità dell IT che oggi gode di una popolarità simile a quella di CMMI, anche perché un po tutti i produttori di software per il system o il business service management stanno inserendo le best practice ITIL nelle proprie piattaforme. ITIL è in effetti proprio questo: un insieme di best practice e linee guida che coprono vari aspetti dell Information Technology in azienda e che, conseguentemente, possono essere adattate anche all implementazione delle SOA. Il framework ITIL è diviso in otto macrosezioni, ciascuna delle quali può avere un collegamento con i processi di implementazione di middleware. Cambiare pesa Le esperienze mostrano che tutti i modelli indicati comportano, in diversa misura, un cambiamento culturale nello staff IT, specie se questo non ha sperimentato in passato metodologie particolarmente attente alla qualità dei processi informatici. Proprio la resistenza al cambiamento è l ostacolo più frequente alla diffusione di questi approcci: è facile pensare che seguire certe prassi, per quanto positive, non è indispensabile quando si hanno persone qualificate o tecnologie ad alto livello. E altrettanto facile impuntarsi sul fatto che le prassi siano un limite alla creatività o alla velocità di risposta alle esigenze degli utenti esterni o interno. Per tutti questi motivi ci vuole una forte sponsorship dei vertici che attraversa il middle management e arriva sino ai singoli. Pagina 8 di 11

9 QUANDO I WEB SERVICES SPOSANO I SISTEMI LEGACY Le opportunità per riutilizzare dati e logica di business su host negli ambienti orientati ai servizi Con lo sviluppo delle service oriented architecture (SOA) basate su web services, l'integrazione sta diventando una componente strutturale delle nuove infrastrutture aziendali, ed è naturale che molti responsabili IT guardino in questa direzione per integrare i dati da host mainframe. I modi d'integrazione possono essere differenti anche se il più tipico, che non richiede interventi sulle applicazioni originali, prevede l'utilizzo dello 'screen scraping' (cattura di schermo). Un tool commerciale permette di esporre la logica delle applicazioni legacy come componente COM (Component Object Model), Java,.Net o web service. Componenti che possono essere usati in applicazioni web o sfruttati, per esempio, nell'ambito del CRM (Customer Relationship Management). Gli adattatori permettono agli utenti azioni 'punta e clicca' per collegare le funzioni legacy come componenti SOA. L'esposizione dei servizi legacy come web services consente inoltre il riuso delle funzioni, per esempio, per riproporre visure specifiche dei dati clienti a operatori diversi nell'ambito delle vendite o della contabilità. Altre componenti tecnologiche utilizzabili vengono impiegate da alcune realtà utenti per integrare dati CICS verso applicazioni client, come per esempio un foglio elettronico. I dati possono così essere utilizzati dagli operatori di un call center per avere informazioni in tempo reale sullo stato dei clienti, mentre il foglio elettronico consente di impostare calcoli su tasse e sconti. In passato queste elaborazioni avrebbero richiesto la scrittura di codice COBOL dedicato. Comprimere i tempi Usare i web services per accedere a dati e logica applicativa su sistemi legacy può drasticamente ridurre il tempo necessario per integrare i dati con le nuove applicazioni. Secondo gli osservatori i tool sul mercato sono in grado di ridurre da sei a dieci volte il tempo di un progetto d'integrazione a livello d'impresa. La necessità d'integrare a livello globale i processi di ammortamento ha portato alcune realtà a creare un'interfaccia web services al mainframe per il call center. Questo approccio non solo ha permesso l'integrazione, ma ha consentito di rendere più semplici i processi di migrazione. Il livello di astrazione consente infatti all'impresa portare avanti una strategia incrementale di aggiornamento. Secondo un analista di Forrester Research la capacità di gestire migrazioni mentre i sistemi continuano a erogare servizi è il motivo principale che rende i web services interessanti. "Le aziende sanno che possono essere necessari degli anni per rimpiazzare totalmente i sistemi esistenti. Con i web services è possibile isolare le componenti funzionali e quindi facilitare la sostituzione". Secondo Forrester ci sono però alcune applicazioni che non traggono vantaggio dall'esposizione come servizio: "Per esempio quelle che operano in tempo reale. Non è inoltre possibile gestire in questo modo dei numeri elevatissimi di transazioni al secondo". L'integrazione dei dati legacy attraverso le interfacce dei web services non elimina la necessità di dover inserire nel processo dei sistemi per la trasformazione dei dati. In ogni caso, comunque, i web services costituiscono un punto di arrivo per l'integrazione legacy. Pagina 9 di 11

10 GLOSSARIO ASP Application Service Provider. Fornitore che consente l'utilizzo di un'applicazione da remoto residente all'interno del suo data center e pagabile in diverse modalità: canone fisso, a tempo, pay per use. CUSTOM SOFTWARE Con tale denominazione si intendono quelle applicazioni che vengono sviluppate o modificate ad hoc per le esigenze di un'impresa ENTERPRISE RESOURCE PLANNING Un insieme di moduli software, completo di funzionalità specifiche, che consente all'azienda di integrare in tempo reale i dati e di gestire funzioni e processi operativi LEGACY Quei sistemi informativi (hardware, applicazioni) che vengono utilizzati da diverso tempo in un'impresa senza essere aggiornati o sostituiti, svolgendo ancora diverse funzioni importanti pur mancando in certi casi di compatibilità e integrazione con i sistemi più moderni SERVICE ORIENTED ARCHITECTURE Approccio software che permette l'utilizzo di componenti applicativi riutilizzabili, componibili e integrabili, programmati anche per svolgere solo una particolare funzionalità. Tra questi ci sono anche i cosiddetti web services. Pagina 10 di 11

11 . Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza Periodici Italia Pagina 11 di 11

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Micro Focus. Benvenuti nell'assistenza clienti

Micro Focus. Benvenuti nell'assistenza clienti Micro Focus Benvenuti nell'assistenza clienti Contenuti Benvenuti nell'assistenza clienti di Micro Focus... 2 I nostri servizi... 3 Informazioni preliminari... 3 Consegna del prodotto per via elettronica...

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli