REGIONE TOSCANA RICERCA E INNOVAZIONE IN TOSCANA: POLITICHE PER LA CRESCITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE TOSCANA RICERCA E INNOVAZIONE IN TOSCANA: POLITICHE PER LA CRESCITA"

Transcript

1 REGIONE TOSCANA RICERCA E INNOVAZIONE IN TOSCANA: POLITICHE PER LA CRESCITA Riccardo Varaldo Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Pisa, 17 febbraio 2006

2 L INNOVAZIONE: LA LEVA DEL PROCESSO DI CRESCITA DELL ECONOMIA INVESTIMENTI NELLA R&S E NEL CAPITALE INTELLET- TUALE CRESCITA ECONOMICA (Aumenti del PIL e della Produttività) INVESTIMENTI NELL INNOVAZIONE ATTORNO ALLA RICERCA ALEGGIA UNA SPERANZA QUASI MISTI- CA CHE PRODUCA SEMPRE UN BENEFICIO CONCRETO IN EFFETTI SOLO LA MACCHINA DELL INNOVAZIONE CONTRI-BUI- SCE ALLA CRESCITA ECONOMICA 2

3 LA RICERCA IN TOSCANA 3

4 GLI INVESTIMENTI IN R&S 1,14% Il rapporto tra R&S/PIL in Toscana è uguale alla media nazionale ed è inferiore a Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Lazio ed è simile a regioni come Liguria, Friuli, Abruzzo 4

5 GLI INVESTIMENTI IN R&S: UNIVERSITA E IMPRESE TOSCANA 32% 14% Amm Univ Non profit In Toscana, più della metà degli investimenti sono dell Università 0% Imprese 54% ITALIA 18% mentre più ridotto è il ruolo dell Impresa 47% Amm Univ Non profit Imprese 34% 1% 5

6 I PROGETTI EUROPEI (2002) Lazio 390 Lombardia 360 Toscana 237 Piemonte 192 Emilia-Romagna Liguria Campania Veneto Friuli-Venezia Giulia Sicilia Puglia Sardegna Marche Trentino Abruzzo Molise Calabria Umbria Basilicata Valle d'aosta % Coordinatori Lazio 17,9 Lombardia 21,4 Toscana 24,1 Piemonte 16,7 Emilia-Romagna 18,0 Liguria 23,4 Campania 17,7 Veneto 21,3 Friuli-Venezia Giulia 12,7 Sicilia 34,1 Puglia 24,3 Sardegna 23,5 Marche 20,0 Trentino 13,8 Abruzzo 16,0 Molise 16,0 Calabria 40,0 Umbria 21,4 Basilicata 0,0 Valle d'aosta 0,0 La Toscana occupa la terza posizione per numero di progetti europei presentati; con il 24% dei casi in cui il coordinatore è un soggetto della Regione, la Toscana occupa la prima posizione tra le prime nove regioni per numero di progetti 6

7 IL CAPITALE UMANO FORMATO Laureati nelle materie scientifico-tecnologiche su 1000 abitanti (2004) 3,50 3,00 2,99 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 1,46 1,82 0,33 0,87 1,86 1,55 1,52 2,32 2,18 2,14 2,14 1,33 0,59 1,34 1,50 Media nazionale 0,96 1,06 1,13 1,15 0,00 Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna In Toscana vengono formati 2,18 laureati nelle materie scientificotecnologiche ogni 1000 abitanti: i valori sono superiori a quelli del Nordovest e del Nord-est, simili a quelli delle regioni centrali e superiori alla media nazionale 7

8 LE RISORSE DOCENTI Docenti universitari specializzati nelle materie scientifico-tecnologiche su 1000 abitanti (2004) 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,7 0,3 0,9 0,5 0,6 2,0 1,0 1,3 1,5 1,4 0,9 1,5 1,2 0,6 0,9 0,8 Media nazionale 0,5 0,5 1,0 1,2 0,0 Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna In Toscana ci sono 1,5 docenti universitari specializzati nelle discipline scientifico-tecnologiche ogni abitanti; è un valore che colloca la Toscana, insieme al Lazio, al secondo posto nella relativa graduatoria, solo dopo il Friuli-Venezia Giulia. E un valore molto al di sopra della media nazionale 8

9 PROVENIENZA EXTRAREGIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI DEGLI ATENEI TOSCANI a.a % 20% Atenei toscani Media atenei italiani Fonte: elaborazioni su dati MIUR 9

10 L INNOVAZIONE TECNOLOGICA IN TOSCANA 10

11 ADDETTI HIGH-TECH 4,6% 8,9% 8,6% In Toscana il peso degli addetti nei settori high-tech è pari al 4,6%: un valore molto inferiore a quelli del Nord e del Lazio, e superiore a quelli delle aree deboli 11

12 LE IMPRESE HIGH-TECH Settori Higher Tech e settori Medium high-tech (2001) 52% 48% Higher-Tech Medium High-Tech In Toscana il 48% delle imprese high-tech sono ad alta intensità high-tech, valore lievemente inferiore alla media nazionale (49,5%) In Toscana il 52% delle imprese high-tech sono manifatturiere (media nazionale 55%), mentre il 48% sono servizi (media nazionale 45%) Settori HT manifatturieri e settori hightech servizi (2001) 48% HT Manifatturiero 52% HT Servizi 12

13 15,0 ASSUNZIONI DI LAUREATI PREVISTE DALLE IMPRESE PER IL 2005 Piemonte Val D'Aosta Lombardia Liguria Trentino Veneto Friuli V.G. Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna 10,0 5,0 0,0 10,4 4,0 14,0 12,8 9,0 8,5 8,5 7,3 7,3 7,6 6,4 Media nazionale: 8,8 6,5 5,7 5,9 5,6 4,2 4,4 3,9 3,2 2,2 Fonte: Unioncamere, sistema Informativo Excelsior,

14 I BREVETTI REGIONI Numero brevetti Lombardia 8604 Emilia-Romagna 3502 Piemonte 2953 Veneto 2055 Lazio 996 Toscana 594 Friuli-Venezia Giulia 400 Sicilia 307 Liguria 270 Marche 239 Abruzzo 153 Trentino Alto-Adige 101 Umbria 82 Campania 80 Puglia 48 Valle d'aosta 47 Sardegna 17 Basilicata 9 Molise 5 Calabria 5 ITALIA REGIONI Brevetti su abitanti 2004 Lombardia 5,4 Emilia-Romagna 4,6 Valle d'aosta 3,3 Piemonte 3,0 Veneto 2,8 Toscana 1,8 Friuli-Venezia Giulia 1,6 Lazio 1,4 Trentino 1,4 Liguria 1,1 Abruzzo 0,9 Marche 0,7 Sardegna 0,1 Sicilia 0,1 Umbria 0,1 Campania 0,1 Calabria 0,0 Puglia 0,0 Molise 0,0 Basilicata 0,0 ITALIA 2,0 Il numero dei brevetti è relativamente basso in Toscana, rispetto alla Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto: la Toscana occupa comunque la 6 posizione 14

15 LE IMPRESE SPIN-OFF Imprese spin-off censite nelle regioni italiane (aggiornamento al 2005) Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna La Toscana, con 44 imprese spin-off, fa parte del plotone di punta con Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna. 15

16 PESO DELLA TOSCANA SULL ITALIA (%) Brevetti Progetti europei Reddito Popolazione Spese R&S Lau S/T Doc S/T Spin-off Addetti Addetti HT 16

17 L INNESTO RICERCA-INNOVAZIONE: INNOVAZIONE: CAMPI DI AZIONE 17

18 LA POLITICA REGIONALE DELLA SCIENZA IN UN SISTEMA DELL INNOVAZIONE SISTEMA REGIONALE DELL INNOVAZIONE TRASFERIMENTO DELLA CONOSCENZA LEARNING POLITICA REGIONALE DELLA SCIENZA EXPORT DISSEMI- NAZIONE SISTEMA DI GENERAZIONE DELLA CONOSCENZA SUB-SISTEMA DI UTILIZZA- ZIONE DELLA CONOSCENZA INVESTI- MENTI DOMANDA DI INFORMAZIONE TECNOLOGICA 18

19 IL QUADRIFOGLIO DEI SOGGETTI DELLA POLITICA DELL INNOVAZIONE UNIVERSITA E RICERCA PUBBLICA INDUSTRIA INNOVATION POLICY FINANZA ENTI PUBBLICI 19

20 IL GAP TRA UNIVERSITA E INDUSTRIA NELL ATTIVITA ATTIVITA DI RICERCA UNIVERSITA INDUSTRIE RICERCA DI BASE SVILUPPO (Ingegnerizzazione di processo/prodotto) LA MISSIONE UNIVERSITARIA TRADIZIONALE: PRODURRE CONOSCENZE CON LA RICERCA ED EROGARLE CON L ISTRUZIONE LA RICERCA UNIVERSITARIA E LONTANA COME TEMI, INTERESSI, MOTIVAZIONI, ORIZZONTI TEMPO- RALI DALLE ESIGENZE INDUSTRIALI TERRITORIALI L INDUSTRIA, COSTITUITA IN PRE- VALENZA DI PMI, VUOLE RISPOSTE IMMEDIATE A PROBLEMI SPECIFICI (PROBLEM SOLVING) LE PMI NON ESPRIMONO UNA EFFET- TIVA DOMANDA DI RICERCA E TALVOLTA NON SANNO NEPPURE ESPLICITARE I LO- RO FABBISOGNI DI INNOVAZIONE 20

21 COME ATTIVARE LA COLLABORAZIONE TRA UNIVERSITA E INDUSTRIA UNIVERSITA 1) IL TRASFERIMENTO DI COMPETENZE INDUSTRIA OFFERTA DI COMPETENZE PER L INNOVAZIONE INTERFACCIA DI TRASFERIMENTO/ CONSULENZA TECNOLOGICA DOMANDA DI COMPETENZE PER L INNOVAZIONE NON E TANTO UN PROBLEMA DI TRASFERIMENTO DI TECNOLOGIE QUANTO DI TRASFERIMENTO DI COMPETENZE (RICERCATORI E TECNOLOGICI) PER AUMENTARE IL CAPITALE INTELLETTUALE DELLE PMI 21

22 COME ATTIVARE LA COLLABORAZIONE TRA UNIVERSITA E INDUSTRIA UNIVERSITA 2) I CONTRATTI PER LO SVILUPPO INDUSTRIA OFFERTA DI RICERCA CONTRATTI DI RICERCA DI SVILUPPO DOMANDA DI RICERCA DI SVILUPPO PER ELEVARE LA CAPACITA DI INNOVAZIONE DEI PRODOTTI PROCESSI/SERVIZI, CON APPORTI DI NUOVE CONOSCENZE E COMPE- TENZE, UNO STRUMENTO UTILE ANCHE PER LE PMI PUO ESSERE IL CONTRATTO DI RICERCA FINALIZZATO ALLO SVILUPPO, CON SPECI- FICHE CLAUSULE PER LA PROTEZIONE DELLA PROPRIETA INTEL- LETTUALE E LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DEI RISULTATI 22

23 COME ATTIVARE LA COLLABORAZIONE TRA UNIVERSITA E INDUSTRIA UNIVERSITA 3) ACCORDI STRATEGICI CONTRATTI DI RICERCA BORSE PhD INDUSTRIA LABORATORI DI RICERCA DELL UNIVERSITA CONOSCENZE BREVETTI DOTTORI DI RICERCA GRANDI E MEDIE IMPRESE CON ATTIVITA DI R&S LE COLLABORAZIONI PIU STRUTTURATE SI BASANO SU ACCORDI STRATEGICI LA COLLABORAZIONE PUO ATTIVARSI TRAMITE L AFFIDAMENTO DI COMMESSE DI RICERCA, IL FINANZIAMENTO DI BORSE PER I DOTTORATI DI RICERCA, ED ALTRE FORME 23

24 FORME AVANZATE DI COLLABORAZIONE TRA UNIVERSITA E INDUSTRIA: LA COSTITUZIONE DI LABORATORI DI RICERCA CONGIUNTI RICERCA DI BASE RICERCA INDUSTRIALE SVILUPPO PRE-COMPETITIVO INNOVA- ZIONE MERCATO UNIVERSITA LABORATORIO CONGIUNTO INDUSTRIA 24

25 LA NUOVA IMPRENDITORIALITA DELL ERA ERA DELLA CONOSCENZA: AZIONI DI SOSTEGNO 25

26 LA CREAZIONE DI SPIN-OFF DELLA RICERCA: IL NUOVO CHE NASCE Ricerca Applicata Di Base Progetto di valorizzazione Business Plan della Spin-off Nascita della Spin-off Crescita Ricerca delle delle opportunità opportu- di trasferimento nità di trasferimento Scelta della moda- Scelta della modalità lità di valorizz di valorizz.ne della R&S della R&S Incubazione e e sviluppo del BP sviluppo del BP Costituzione Controllo della spin e avvio - off dopo la nascita della Spin-off Accelerazione della crescita Valutazione e protezione della proprietà intellettuale Processo di finanziamento A PARTIRE DAGLI ANNI 1980 A LIVELLO INTERNAZIONALE LE MIGLIORI UNIVERSITA HANNO PROMOSSO LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF CON LA LEGGE 297/99 L ITALIA HA PER LA PRIMA VOLTA INSERITO LE SPIN- OFF NELL ORDINAMENTO GIURIDICO, PREVEDENDO SPECIFICHE FORME DI INTERVENTO PUBBLICO A LORO FAVORE 26

27 Oltre il 70% delle compagini societarie costituite da PhD o personale con esperienza di ricerca equivalente Tasso di sopravvivenza a 5 anni: 100 % SPIN-OFF OFF\START-UP COMPANIES GENERATED BY SSSA ( ) S.M. srl (1991) Mechatronics Advanced Robotics PRAGMA srl (1995) Electronicand radiocommunication systems TechnoDeal srl (2000) Technological due diligence DOMOTICA 2000 srl (2000) Home automation Call-Center Services HUMANWARE srl (1994) Computer Graphics Virtual Reality SYNAPSIS srl (1996) Biomedical and healthcare telematic services MicroTech srl (2000) Mini invasive surgery Hand Assisted Laparoscopic Surgery ENCREA srl (2004) Microelectromechanical components SSSA I.D.E.A. Srl (1994) Service robotics Hw/Sw Codesign I3 - ICUBE srl (1997) Internet Services Real-TimeSystems Computer Networking MEDEA srl (1997) Biomedical Engineering Computer Aided medicine AEDIT srl (2001) Environmental studies Technologies for the environment VR Media srl (2002) Virtual Reality EVIDENCE srl (2002) Software Engineering RoboTech srl (2004) Robotics for enterteinment and training Era-Endoscopy srl (2004) Innovative mini invasive endoscopy devices Dedalo Solutions srl (2005) Assistive Technologies and Gerontechnologies Systems and Devices 27

28 IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALL INNOVAZIONE SECONDO I DATI DELLO SCOREBOARD REGIONALE DELL INNO- VAZIONE, LA TOSCANA PRESENTA, SOTTO L ASPETTO FINAN- ZIARIO UNA INTENSITA ESTREMAMENTE RIDOTTA DEL VENTURE CAPITAL UNA CAPITALIZZAZIONE CONTENUTA DELLE IMPRESE QUOTATE LA DIMENSIONE RIDOTTA DELLE IMPRESE E UNA LIMITATA PROPENSIONE ALLA CRESCITA POSSONO SPIEGARE QUESTI DATI SEMBRA QUINDI OPPORTUNO SOSTENERE LE FASI INIZIALI DI CRESCITA DELL IMPRESA CON STRUMENTI PUBBLICI DI FINANZIAMENTO INCENTIVARE LA PARTECIPAZIONE DI OPERATORI PRIVATI NEL FINANZIAMENTO DELLA CRESCITA DELLE IMPRESE INNOVATIVE 28

29 GLI STRUMENTI ATTUALMENTE DISPONIBILI NON HAN- NO PERO RISCOSSO UN GRANDE SUCCESSO. AD ESEMPIO, IL FONDO IDEA DI FIDI TOSCANA, IN GRADO DI FORNIRE CAPITALE DI RISCHIO SINO AD UN IMPORTO DI 200 MILA, E STATO UTILIZZATO IN MISURA MOLTO RIDOTTA, NONO- STANTE LO STRUMENTO NON IMPLICHI PARTICOLARI VIN- COLI ALL IMPRENDITORE IL SICI (Sviluppo Imprese Centro Italia) HA REALIZZATO IN TOSCANA DAL 1999 CIRCA 20 OPERAZIONI, UN NUMERO QUINDI RELATIVAMENTE RIDOTTO. L IMPORTO DEL- L INTERVENTO E DI SOLITO TRA 0,5 E 4 MILIONI DI EURO I PRESTITI PARTECIPATIVI SONO INVECE PRATICAMEN- TE INUTILIZZATI SEMBRA QUINDI CHE ESISTANO VINCOLI DAL LATO DELLA DOMANDA DI FINANZIAMENTO A TITOLO DI CAPITALE DI RISCHIO, PROBABILMENTE DETERMINATI DA UNA INSUF- FICIENTE CULTURA FINANZIARIA DELLE IMPRESE 29

30 .. NEL CONTEMPO CI SI RIVOLGE ALLA BORSA DI LONDRA Alessandro Tampucci, perito elettrotecnico di Collesalvetti, inventa un catalizzatore senza platino per far funzionare celle a combustibile. Ne è nata la Acta, co-fondata con Riccardo Parrini, che ora ha 25 dipendenti e che si è dovuta rivolgere alla Borsa di Londra, passando dall Aim (Alternative Investment Market) di Londra. (Corriere della Sera, 3 febbraio 2006) 30

31 IL RUOLO STRATEGICO DELLE GRANDI E MEDIE IMPRESE LA PRESENZA IN TOSCANA DI INSEDIAMENTI DI GRANDI E MEDIE IMPRESE DEVE ESSERE MEGLIO VALORIZZATA AI FINI DI UNA POLITICA DELL INNOVAZIONE MIRATA A: LA MAPPATURA DELLE FILIERE TECNOLOGICHE COLTIVATE E DEI LABORATORI DI RICERCA INDUSTRIALE PRESENTI IN TOSCANA; L ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITA DI SCOUTING DEL POTENZIALE INNOVATIVO PRESENTE NEI CENTRI DI RICERCA TECNOLOGICA DI ECCELLENZA UNIVERSITARI E DEL CNR LA CONDUZIONE DI ANALISI DI DUE DILIGENCE TECNOLOGICA LA VALORIZAZIONE ECONOMICA DEL POTENZIALE INNOVATIVO PRESENTE IN STRUTTURE PUBBLICHE DI RICERCA TRAMITE: L AFFIDAMENTO DI CONTRATTI DI RICERCA, BORSE DI DOTTORATO DI RICERCA ECC.; L ACQUISIZIONE E LO SFRUTTAMENTO DI BREVETTI LA PROMOZIONE E IL TUTORAGGIO DI START-UPS IN COLLABORAZIO- NE CON ISTITUZIONI FINANZIARIE ACCORDI CON PICCOLE IMPRESE AD ALTA TECNOLOGIA OPERANTI IN TOSCANA 31

32 L INNOVAZIONE DIGITALE: UNA PRIORITA PER LA TOSCANA 32

33 IL SISTEMA DELL INNOVAZIONE DIGITALE Industria delle TIC e dei servizi innovativi Nuovi media Quadro normativo e regolatorio Sistema dell istruzione e della formazione Reti e infrastrutture digitali Sistema della ricerca e sviluppo Finanza per l innovazione Strutture organizzative 33

34 IL PRIMATO DI PISA NEI DOMINI INTERNET E L OTTIMA L POSIZIONE DELLA TOSCANA LA PROVINCIA DI PISA E PRIMA IN ITALIA IN BASE AL NUMERO DI DOMINI INTERNET OGNI ABITANTI (PISA = 251,92), (FIRENZE 4, SIENA 8, PRATO 9, LUCCA 16 E AREZZO 18 ) IN QUESTA SPECIALE GRADUATORIA LA TOSCANA E 2 (169,46) DOPO IL TRENTINO ALTO ADIGE Fonte: Martinelli e Serrecchia (2004), 34

35 COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA 35

36 EVOLUZIONE ACCESSO A BANDA LARGA (BB) 36

37 GRADO DI DIFFUSIONE DI PERSONAL COMPUTER E DI INTERNET (2003) 100,0 80,0 60,0 40,0 20,0 0,0 Valle d'aosta Trentino Campania Piemonte Lombardia Sicilia Friuli Emilia Romagna Veneto Italia Marche Umbria Sardegna Liguria Lazio Toscana Molise Calabria Abruzzo Puglia Basilicata % di imprese (>10 addetti) con personal computer % di imprese (<10 addetti) con personal computer % di imprese (>10 addetti) che utilizzano computer connessi a Internet In Toscana, nel 2003 il 91,6% di imprese (> 10 addetti) utilizza il PC (< media nazionale), mentre solo il 55,1% di quelle piccole lo utilizza (> media nazionale). Solo il 21,5% di quelle più grandi utilizza computer connessi con Internet (< media nazionale) 37

38 RAPPORTO TRA DIMENSIONE DELL IMPRESA E DIFFUSIONE TIC Dimensione 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Informatizzati Internet LAN Intranet Extranet 1 9 addetti addetti addetti 100 e più addetti Fonte: Osservatorio banda larga 38

39 LA DOMANDA DI SERVIZI IN RETE DA PARTE DELLE PMI IN TUTTO IL MONDO INDUSTRIALE IL SETTORE DEI SERVIZI IN RETE ALLE IMPRESE (BUSINESS SERVICES) È IN FORTE ESPAN- SIONE. TUTTAVIA LA DOMANDA DI SERVIZI DA PARTE DELLE PMI È LARGAMENTE INFERIORE AL POTENZIALE (CFR. CONFERENZA OCSE, BOLOGNA 2000). NEL CONTESTO ITALIANO MOLTI STUDI MOSTRANO CHE LA DOMANDA DI SERVIZI DA PARTE DELLE PMI È BASSA ANCHE QUANDO SONO OFFERTI GRATUITAMENTE DA SOGGETTI PUB- BLICI O CONVENZIONATI. PERCHÉ IL CAVALLO NON BEVE? 39 11

40 I GENERATORI DELLA INNOVAZIONE DIGITALE CAPITALE DIGITALE CAPITALE ORGANIZZATIVO E INTER-ORGANIZZATIVO CAPITALE UMANO 40 8

41 PROGETTO LA DIGITALIZZAZIONE NEI DISTRETTI TOSCANI CREARE UNA RETE INFRASTRUTTURALE A BANDA LARGA NEI DISTRETTI INDUSTRIALI DELLA TOSCANA PROMUOVERE LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE DI RELA- ZIONI TRA GLI ATTORI DEI DISTRETTI SVILUPPARE E DIFFONDERE SERVIZI INNOVATIVI IN RETE FORMARE E INSERIRE NEI DISTRETTI NUOVE COPERTURE E CAPACITA PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DELLE RETI E L ACCESSO AI SERVIZI INNOVATIVI ATTIVARE SOGGETTI IMPRENDITORIALI PER LA GESTIONE DI PROGETTI INDUSTRIALI DI DIGITALIZZAZIONE, DA SOSTENERE CON INTERVENTI DEI SOGGETTI PUBBLICI E DELLE ISTITUZIO- NI FINANZIARIE 41 8

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica Osservazioni sul documento base Problematiche relative alla partecipazione alle gare di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006 delle Università e degli Istituti similari Audizione presso l Autorità

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale Cagliari, 1 febbraio 2006 Iscritti all università per regione Anno 2004 - tasso di iscritti all università per regione di residenza

Dettagli

RTD and Innovation. Italian context. Marco Mangiantini ALPS IRC Manager

RTD and Innovation. Italian context. Marco Mangiantini ALPS IRC Manager . Marco Mangiantini ALPS IRC Manager Fattori di crescita del territorio Capacità di innovare Capacità di assorbire innovazione Capacità di coordinamento territoriale Sistema ricerca pubblico Sistema di

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO

QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO IL PROGETTO Premessa' Il#Progetto#COOPSTARTUP#Marche#è#promosso#da#Legacoop(Marche((www.legacoopmarche.coop# =#Associazione#che#rappresenta#oltre#300#cooperative#marchigiane#e#che#ha#lo#scopo#di#tutelare#e#

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013 Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 213 Dott. Riccardo Borghero Dirigente Area Affari Economici Camera di Commercio I.A.A. di Verona 135 IMPRESE

Dettagli

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Italia digitale: dall Abruzzo tre progetti innovativi tra

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze Roma, 20 dicembre 2010 Principali evidenze Indice 2 Capitolo 1: Rapporto cittadino-pa: principali evidenze Capitolo 2: Sanità digitale: principali evidenze e Capitolo 3: Scuola e Università digitale: principali

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO 1 Applicando questa metodologia, nel 2009 il valore a livello mondiale dell internet economy poteva essere stimato,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Sondrio, 14 giugno 2013 11ª Giornata dell Economia Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Roberto Calugi Consorzio camerale per il credito e la finanza Camera di Commercio

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Dott. Arcangelo Rizzuti Responsabile Rete Nazionale BacktoWork24 Bologna, 10 marzo 2015 Da un anno, ogni settimana, abbiamo portato un investimento a una piccola azienda I risultati

Dettagli

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom Roma, 23 aprile 2004 Michele Resta Area Attrazione Investimenti Sviluppo Italia: una mission, tre linee

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica-

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica- Introduzione LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE UN INDICATORE SINTETICO FRANCESCO SOLARO 1 - - ad esempio alla crescita del fenomeno e-commerce che ha fatto registrare un aumento sia degli ordini che degli

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei Giuliano Noci Roma, 18 Giugno 2014 L offerta dei servizi di egovernment: i pagamenti multicanale Toscana 30% 7% 10% 53% Emilia-Romagna

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012 I&C Italy - Territorial Relations Territorial Development Programs Giovani Imprenditori di Confindustria Santa Margherita Ligure, 10 Giugno PROPOSTA PROGETTUALE TIMELINE 2 OBIETTIVO Far emergere o sostenere

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca 4 aprile 2014 i 100 anni Maserati Da dove veniamo? Declino & trasformazione 1974 1975

Dettagli

Alta formazione e Imprenditorialità accademica

Alta formazione e Imprenditorialità accademica Alta formazione e Imprenditorialità accademica Andrea Piccaluga picca@sssup.it Firenze, 13 marzo 2015 A. Piccaluga (2015) 1 2 0 1 5 progetti critiche idea proposte A. Piccaluga (2015) 2 2 progetti 1. Imprenditorialità

Dettagli

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays Andrea Mazzanti Agriturismo Villa Tombolina Montemaggiore al Metauro (PU) 19 Novembre 2008 Agriturismo in Italia

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Gli incentivi alle imprese per l innovazione

Gli incentivi alle imprese per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Gli incentivi alle imprese per l innovazione Raffaello Bronzini Banca d Italia DPS Invitalia - Incontro su: Il ruolo degli strumenti nelle smart specializzation strategy

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

XIV Forum Piccola Industria Confindustria Innovare è l impresa Innovazione motore di crescita anche durante la crisi

XIV Forum Piccola Industria Confindustria Innovare è l impresa Innovazione motore di crescita anche durante la crisi XIV Forum Piccola Industria Confindustria Innovare è l impresa Innovazione motore di crescita anche durante la crisi Gregorio De Felice Chief Economist Napoli, 3 ottobre 2014 Agenda 1 L Italia nel confronto

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

INCONTRO ANNUALE 2010

INCONTRO ANNUALE 2010 Cagliari,14-15 ottobre 2010 INCONTRO ANNUALE 2010 tra la Commissione Europea e le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi FESR La ricerca nei POR 1 Presentazione 1. Attività di ricerca delle imprese

Dettagli

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Seminari del QSN 7 luglio 25 Istruzione I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Marta Foresti - Aline Pennisi Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici

Dettagli

Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0

Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0 N.1 Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0 Potenza, 11th March 2015 Salvatore Panzanaro Regione Basilicata -Ufficio Società dell informazione N.2 L Agenda Digitale della Regione Basilicata superamento

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Prot. n 3334 del 6 settembre 2010 Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Il Piano Nazionale Scuola Digitale, della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Connessione sicura Username e password personalizzate

Connessione sicura Username e password personalizzate ! Connessione sicura Username e password personalizzate " Esisistono due livelli di credenziali di accesso, in ottemperanza della legge sulla privacy: 1. Livello Amministrazione - è ad uso del RESPONSABILE

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Il Rapporto sull innovazione nelle regioni d Italia Ad oggi, citate, ma mai approfondite

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I 3 PILASTRI DELLE PROPOSTE EUROPEE

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa Il Progetto di Confindustria per competere in rete Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa La rete d impresa: Non ha: sovrastrutture (burocratiche e parapubbliche) Limiti territoriali Limiti settoriali

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Cos è Back to Work BACKtoWORK24 è una nuova società del Gruppo 24 Ore, la cui missione è: assistere manager, dirigenti e professionisti che vogliono investire capitali propri ed

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA Roma, 9 Ottobre 2015 I giovani presi in carico sono 485.327. A più di 181 mila è stata proposta almeno una misura. Prosegue il successo di Crescere in Digitale: oltre 31.500 gli iscritti a quattro settimane

Dettagli

PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA

PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA Luglio 2009 A cura del Centro Studi Ance Toscana/Confindustria Toscana (Sara Pucci e Anna Taorchini) I confronti internazionali Negli ultimi anni le fonti

Dettagli

Il costo medio di realizzazione dell impianto varia da ca. 4.000 kwp (P < 50 kwp), a ca. 3.600 /kwp (50kWp 200kWp).

Il costo medio di realizzazione dell impianto varia da ca. 4.000 kwp (P < 50 kwp), a ca. 3.600 /kwp (50kWp<P<200kWp) a ca. 3.100 /kwp (P> 200kWp). Il CETRI-TIRES, Circolo Europeo per la Terza Rivoluzione Industriale ha condotto una simulazione su dati GSE, Terna, ATLASOLE e su dati di contabilità industriale di aziende del settore fotovoltaico aderenti

Dettagli

Contesto e risorse - Popolazione scolastica

Contesto e risorse - Popolazione scolastica Contesto e risorse - Popolazione scolastica Provenienza socio-economica e culturale degli studenti e caratteristiche della popolazione che insiste sulla scuola (es. occupati, disoccupati, tassi di immigrazione).

Dettagli

Finanziare la nascita e lo sviluppo delle start-up innovative: attività e servizi di ASTER

Finanziare la nascita e lo sviluppo delle start-up innovative: attività e servizi di ASTER Finanziare la nascita e lo sviluppo delle start-up innovative: attività e servizi di ASTER Donata Folesani IPR Finance for Innovation Area Manager, ASTER Contenuti dell intervento Chi siamo Start up innovative

Dettagli

Bologna, 21 ottobre 2014

Bologna, 21 ottobre 2014 HORIZON 2020 PER LE IMPRESE I servizi a supporto della partecipazione delle imprese in Emilia-Romagna Marlene Mastrolia ASTER, Sportello APRE Emilia-Romagna Bologna, 21 ottobre 2014 I REFERENTI NAZIONALI

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli