> Finanza aziendale LA RIPRESA DEI MERCATI AZIONARI L annunciata ripartenza delle" name="description"> > Finanza aziendale LA RIPRESA DEI MERCATI AZIONARI L annunciata ripartenza delle">

SULLE CENERI DEL MERCATO RISTRETTO NASCE "EXPANDI"

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SULLE CENERI DEL MERCATO RISTRETTO NASCE "EXPANDI""

Transcript

1 IMPRESE ITALIANE E BORSA SULLE CENERI DEL MERCATO RISTRETTO NASCE "EXPANDI" di Mario Panzeri Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale

2 LA RIPRESA DEI MERCATI AZIONARI L annunciata ripartenza delle economie europee, sulla scia del processo espansivo in corso negli Stati Uniti e nelle cosiddette Tigri asiatiche, è stata anticipata da un incoraggiante ritorno alla crescita nel 2003, dopo tre anni di trend ribassista, dei mercati azionari del Vecchio continente. Particolarmente rilevanti sono state le performance fatte registrare dalle borse di Francoforte (+37%) e di Madrid (+28%). Pur se su livelli più modesti, anche in Italia l anno borsistico appena trascorso ha avuto un andamento positivo, essendosi chiuso rispetto alla fine del 2002 con un incremento del Mibtel quasi del 15 per cento (con l indice relativo al segmento STAR a + 10,6%) e del Numtel di oltre il 27 per cento: il risultato di una ripresa cominciata sui diversi mercati facenti capo a Borsa Italiana all inizio della primavera dopo i minimi toccati nel mese di marzo. Si tratta indubbiamente di dati incoraggianti, in relazione ai quali ci si può tuttavia chiedere quanto essi rispecchino l effettivo stato di salute, sia pure in proiezione futura, dell economia italiana. E noto, infatti, che storicamente il numero delle imprese italiane quotate è, a confronto con quanto si riscontra in altri paesi, piuttosto limitato e l insieme delle società presenti sul listino di Piazza Affari, gran parte delle quali di dimensioni grandi o medio-grandi, non è veramente rappresentativo della realtà produttiva nazionale, costituita soprattutto da centinaia di migliaia di piccole e medie imprese. Secondo una ricerca condotta circa un anno fa dall ufficio studi di Borsa Italiana, delle almeno società che presentavano i requisiti per poter aspirare alla quotazione, la quasi totalità era di piccole e medie dimensioni, mentre il numero delle imprese più grandi che potrebbero accedere al listino di Piazza Affari era ormai alquanto ridotto. PMI E BORSA Quella sopra menzionata è una situazione in qualche misura paradossale, se si considera che negli altri principali paesi europei, l economia dei quali è in genere meno incentrata sulle PMI di quanto si riscontri in Italia, il numero delle small e medium cap quotate - e talora la stessa loro incidenza percentuale sulla capitalizzazione complessiva delle rispettive borse - è decisamente maggiore che nel nostro paese. Di particolare interesse appare il caso dell AIM (Alternative investment market) di Londra, un mercato azionario istituito alla metà degli anni 90 ed espressamente dedicato alle piccole imprese: il suo successo (circa 800 società attualmente quotate, con numerose IPO effettuate proprio nel corso degli anni più recenti, contrassegnati anche a questo riguardo da grandi difficoltà per gli altri mercati azionari) è attribuibile in larga parte alle semplici regole di ammissione. Ma anche altri mercati, come il francese Second Marché ed il tedesco Geregelte Markt, offrono istituzionalmente ormai da circa un decennio a centinaia di PMI la possibilità di reperire capitali di rischio per lo sviluppo della loro attività. Non sono mancate negli ultimi anni apprezzabili iniziative di Borsa Italiana volte ad ampliare la base delle società quotabili al listino di Piazza Affari. Ci si riferisce, in particolare, all istituzione del Nuovo Mercato e del segmento STAR dell MTA (il mercato azionario telematico). Soprattutto al Nuovo Mercato è approdato un certo numero di società di modeste dimensioni (talora delle vere e proprie start up); si è tuttavia trattato, come previsto dal regolamento del mercato in parola, di imprese con caratteristiche spiccatamente innovative (per lo più operanti nella cosiddetta new economy) e con tassi di crescita attesi purtroppo, va detto, nella maggior parte dei casi invano assai elevati. Quanto al segmento STAR, non v è dubbio che la sua capacità di attrarre società a non elevata capitalizzazione vada valutata nel complesso positivamente, soprattutto se si tiene conto del fatto che la sua operatività è iniziata al termine della più recente fase di crescita del ciclo borsistico, cioè in un momento non proprio favorevole; tale segmento si rivolge però ad una sorta di élite delle imprese, in particolare con riguardo a trasparenza, liquidità e corporate governance (non a caso STAR è l acronimo di «segmento titoli ad alti requisiti»), cui certo non possono appartenere le tante società di piccole e medie dimensioni che, in virtù della posizione che occupano nel mercato di riferimento (spesso, in realtà, delle nicchie), presentano caratteristiche tali da consentire alle società stesse di aspirare alla quotazione. Ancora oggi, quindi, nonostante i rilevanti passi avanti compiuti verso l adeguamento dei mercati azionari alla realtà produttiva italiana, la vastissima categoria delle PMI operanti nei settori tradizionali, non in grado di presentare business plan «pirotecnici» ma vero asse portante dell economia italiana, non appare adeguatamente rappresentata alla borsa di Milano, sia sotto il profilo quantitativo sia sotto quello qualitativo. Pagina 2 di 7

3 Nasce Expandi In considerazione dei limiti del mercato borsistico nazionale sopra evidenziati ed in previsione del definitivo ritorno del Toro sulle piazze finanziarie europee, Borsa Italiana ha avviato l elaborazione di un progetto che mira tra l altro a far sì che finalmente un congruo numero di PMI, operanti in settori tradizionali e con posizioni consolidate nei mercati di riferimento, possa reperire in borsa le risorse finanziarie necessarie alla crescita. Si può pertanto affermare che il cammino iniziato alcuni anni fa verso un adeguamento dei mercati azionari alla realtà produttiva italiana è ormai giunto al termine. La modalità cui è stato fatto ricorso per conseguire tale risultato è stata la riforma dello «storico» Mercato Ristretto, gestito dalla stessa Borsa Italiana e riservato ai titoli non ammessi alla quotazione ufficiale. In conseguenza dell evoluzione delle esigenze delle imprese, tale mercato è stato radicalmente riformato e, dall inizio del dicembre 2003, ha assunto una nuova denominazione: Expandi. Si prevede che, già entro l estate di quest anno, ai 15 titoli azionari già presenti nel listino del Ristretto al momento della trasformazione cominceranno ad affiancarsi quelli di nuove imprese quotate sulla base dei requisiti e delle procedure di ammissione previste dal nuovo regolamento. In virtù di tali requisiti e procedure di ammissione - e di permanenza - alquanto semplificati, come si vedrà più avanti, rispetto a quanto richiesto per accedere agli altri mercati, Expandi rappresenta in primo luogo una concreta opportunità per le PMI interessate a reperire sul mercato dei capitali di rischio le risorse finanziarie per il loro sviluppo. Tuttavia, anche per le imprese di maggiori dimensioni che preferiscono un approccio più graduale alla borsa la quotazione ad Expandi può costituire una sorta di «palestra» per la preparazione all approdo al listino su altri mercati azionari (MTA ordinario, STAR, Nuovo Mercato, ecc.) che presentano condizioni di accesso più impegnative. Le caratteristiche di Expandi Come sopra accennato, Expandi si caratterizza principalmente per offrire alle imprese interessate una grande facilità di accesso al listino. L iter relativo alla quotazione è alquanto semplificato, ciò che si traduce in rilevanti risparmi in termini monetari per la società e di impegno per la struttura aziendale. Per esempio, non è prevista la compilazione del QMAT (quotation management admission test), il complesso documento che descrive la realtà interna e la posizione competitiva delle società che intendono quotarsi sugli altri mercati. Formalmente non è nemmeno richiesta la redazione di un business plan, quantomeno secondo le complesse modalità previste da Borsa Italiana per la quotazione su altri mercati, in quanto la qualità delle imprese viene ricercata, come si vedrà oltre, in primo luogo nel track record espresso dai dati storici; riesce tuttavia assai difficile immaginare che le azioni di una società possano suscitare qualche interesse tra i potenziali investitori senza che venga sottoposto alla loro valutazione un apposito documento nel quale sono dettagliatamente descritte la strategia e le previsioni di sviluppo della società stessa. Inoltre il sistema di controllo di gestione dell impresa quotanda non deve rispettare le linee guida stabilite al riguardo da Borsa Italia ma «soltanto» le meno impegnative best practice indicate dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti. Per quanto riguarda i requisiti dimensionali, è stato fissato il livello minimo di capitalizzazione in un milione di euro, in virtù delle opportunità al riguardo previste dalle direttive europee in materia. Il flottante minimo richiesto è pari al 10 per cento - con un controvalore di almeno euro per lasciare flessibilità e discrezionalità all intermediario sul livello dimensionale dell operazione e per fare sì che la società abbia la possibilità di calibrare l offerta sul fabbisogno effettivo di capitale. E inoltre richiesta la pubblicazione di almeno due bilanci di cui l ultimo certificato. Non è invece previsto alcun obbligo di offerta in sottoscrizione al mercato di azioni di nuova emissione. La qualità delle imprese nel mercato Expandi è ricercata da Borsa Italiana nel track record espresso nei numeri storici: l ammissione viene infatti subordinata alla verifica della sussistenza di indicatori economicofinanziari negli ultimi due esercizi. In particolare la società deve presentare negli ultimi due esercizi un risultato ordinario consolidato ed un risultato netto sia civilistico sia consolidato positivo ed un rapporto debito finanziario netto/margine operativo lordo consolidato inferiore a quattro; inoltre il risultato netto dell ultimo esercizio dev essere almeno pari a euro. Quanto agli obblighi di informativa e di comunicazione price-sensitive e di reportistica finanziaria, essi seguono gli standard degli altri mercati di Borsa Italiana ad eccezione della relazione trimestrale non necessaria. La negoziazione dei titoli azionari è prevista in due aste al giorno per concentrare in modo più efficace gli scambi; la società emittente può richiedere la negoziazione continua se dotata di specialista a sostegno della liquidità. Pagina 3 di 7

4 La società è accompagnata in borsa da un intermediario finanziario detto listing partner per differenziarlo dallo sponsor, previsto per i più gravosi adempimenti relativi alla quotazione sugli altri mercati azionari di Borsa Italiana. UN APPROCCIO GRADUALE ALLA BORSA PER IMPRESE SANE In relazione alle caratteristiche di Expandi appena ricordate, pare in particolare opportuno osservare quanto segue: il requisito del flottante minimo del 10 per cento è sicuramente un aspetto assai interessante, essendo nota la riluttanza di molti imprenditori ad impostare operazioni finanziarie che prevedano una sensibile riduzione della partecipazione azionaria nella propria impresa. Il flottante può poi essere incrementato in un momento successivo - senza dover seguire l iter della quotazione - quando i responsabili della società abbiano valutato positivamente la scelta precedentemente compiuta e/o il mercato azionario si presenti in una fase particolarmente propizia. Naturalmente ogni decisione sulla struttura dell IPO (cioè dell offerta di azioni al mercato che precede la quotazione) va assunta in relazione alla specifica situazione della società quotanda: è infatti evidente che un IPO il cui valore non raggiunga un certo livello può risultare non conveniente sia per la società che si quota sia per l intermediario che funge da listing partner; e che un titolo azionario troppo «sottile» rischia di non avere mercato. Si tratta com è evidente - di elementi di notevole importanza che, naturalmente, vanno considerati e valutati in relazione alla situazione di ogni singola società. Inoltre, pur se non è prevista l offerta di una quota minima di azioni di nuova emissione (come invece accade con il Nuovo Mercato), è necessario tenere adeguatamente conto del fatto che il mercato è solito considerare con assai più favore un IPO in cui i capitali richiesti sono prevalentemente destinati al finanziamento della crescita della società; il valore richiesto relativo agli indicatori economico-finanziari rilevanti al fine della quotazione è facilmente riscontrabile anche in imprese di non grandi dimensioni, come quelle cui, appunto, è dedicato Expandi. L unico requisito di questo tipo che appare davvero stringente è quello relativo al rapporto tra indebitamento finanziario e MOL non superiore a quattro - che presuppone una buona redditività della gestione caratteristica e/o una solida situazione finanziaria. A tale riguardo va detto che non pare condivisibile l opinione, peraltro diffusa, secondo la quale l istituzione di Expandi andrebbe considerata un opportunità per le PMI per far fronte al problema dell accesso al credito bancario che la futura introduzione di Basilea 2 si teme sia destinata a creare: sembra infatti improbabile che un impresa con i conti in regola per la quotazione su un mercato azionario in generale - e su quello qui in esame in particolare, in considerazione del requisito appena considerato - possa invece incontrare serie difficoltà sul fronte dell ottenimento di risorse finanziarie dal sistema bancario. In una realtà imprenditoriale come quella italiana, caratterizzata da diffusa sottocapitalizzazione e generazione di utili in genere «contenuta», ben altre sono le società che devono cominciare a preoccuparsi per le conseguenze sulle PMI del suddetto prossimo accordo. GLI INCENTIVI FISCALI PER IMPRESE ED INVESTITORI Con l istituzione di Expandi, che favorisce la quotazione delle imprese di minori dimensioni, si è operato sul lato dell offerta al mercato finanziario di titoli azionari emessi da PMI. Un altro incentivo in questo senso, sia pure temporaneo e valido per le imprese di qualsiasi dimensione, è la norma, approvata nell ambito dell ultima Legge Finanziaria, che prevede una sensibile riduzione dell imposta sul reddito (al 20 per cento) relativamente al 2004 ed ai due esercizi successivi per le società che si quotino entro il 31 dicembre dell anno in corso. Tale agevolazione è comunque soggetta ad alcune condizioni e limitazioni, tra cui: - occorre che le società effettuino, al fine di ottenere l ammissione alla quotazione, un offerta di proprie azioni in sottoscrizione che dia luogo ad un incremento non inferiore al 15 per cento del patrimonio netto risultante dal bilancio relativo all esercizio precedente a quello di inizio dell offerta, al netto dell utile di esercizio; - l aliquota ridotta si applica non sull intero imponibile ma fino a 30 milioni di euro (ciò che rende il premio di quotazione appetibile soprattutto per le PMI); Pagina 4 di 7

5 - l incentivo in parola è alternativo alla DIT ordinaria, ferma restando la possibilità di optare per l applicazione di quest ultima agevolazione. Naturalmente, le motivazioni per cui una società decide di quotarsi sono o almeno dovrebbero essere di tipo strategico, ed uno «sconto» fiscale, sia pure di entità rilevante, non può certo rappresentare il principale motivo per compiere un passo di tale importanza. Inoltre, lo stretto limite temporale entro il quale a meno di auspicabili proroghe - è possibile beneficiare di tale agevolazione rendono improbabile che essa possa contribuire in misura significativa a determinare l inizio di una nuova stagione di IPO alla borsa italiana in generale e su Expandi in particolare. Assai più efficace almeno sul piano potenziale - appare invece il provvedimento legislativo che introduce una riduzione dell aliquota fiscale dal 12,5 per cento al 5 per cento per i fondi comuni il cui regolamento preveda che almeno i due terzi dell attivo siano investiti in azioni ammesse alla quotazione in mercati regolamentati degli Stati membri dell Unione Europea di società di piccola o media capitalizzazione di mercato, cioè non superiore ad 800 milioni di euro. Si tratta di una norma che mira ad incidere sul lato della domanda di titoli azionari di PMI pur se a livello europeo senza la quale la creazione di un mercato con le caratteristiche di Expandi sarebbe con ogni probabilità stata inutile. Se infatti ovunque la scarsa «liquidità» dei titoli a bassa capitalizzazione costituisce in qualche misura un handicap per la quotazione delle imprese di minori dimensioni, la situazione appare particolarmente difficile in Italia. La causa di ciò va ricercata principalmente nel fatto che nel nostro paese sono finora quasi completamente mancati investitori istituzionali specializzati in PMI, e i fondi azionari generalisti non acquistano in genere titoli di questo tipo di società a causa del maggiore sforzo di analisi che un più elevato grado di diversificazione richiederebbe (mentre è assai meno impegnativo e responsabilizzante seguire la strategia del benchmark, cioè più o meno replicare la composizione di indici azionari come, per esempio, il Mib30). Eppure le poche eccezioni a questa tendenza hanno dato risultati nel complesso positivi; e, pur senza voler sopravvalutare il significato di casi assolutamente particolari e che comunque andrebbero adeguatamente approfonditi, si potrebbe osservare che nel 2003 le migliori performance alla borsa di Milano sono state realizzate proprio dalle azioni di piccole società quali SICC (Mercato Ristretto, ora Expandi), SNAI (Mercato Ordinario dell MTA) e Poligrafica San Faustino (Nuovo Mercato). La nascita di Expandi non poteva quindi prescindere da un intervento legislativo finalizzato ad incentivare una maggior attenzione da parte degli investitori istituzionali verso le società quotate che rappresentano la parte produttiva più caratteristica del paese. Non è infatti certamente dal segmento retail della domanda tra l altro prevalentemente orientato ad un inadeguato atteggiamento speculativo - che ci si può attendere un interesse per le azioni delle PMI sufficiente a dare spessore al mercato e, in definitiva, a «giustificare» il listing di queste ultime. Inoltre, il tentativo - compiuto nell ambito dell istituzione del Nuovo Mercato e del segmento STAR - di affidare ad un cosiddetto specialista (un intermediario finanziario con compiti ad hoc) la cura della liquidità dei titoli rappresentativi delle imprese al listino di Piazza Affari - non ha prodotto risultati particolarmente soddisfacenti; tanto è vero che, come si è visto sopra, il regolamento di Expandi non prevede l obbligatorietà della presenza di tale operatore, pur se soprattutto con l intento di agevolare le società che decidono di quotarsi in tale mercato. L incentivo fiscale in parola non è stato peraltro esteso all attività istituzionale di investimento in PMI non quotate, com era stato invece richiesto dagli operatori di private equity (in particolare dall AIFI, l associazione che li rappresenta). Si tratta, probabilmente, soltanto del rinvio di una decisione in questo senso, in quanto essa andrebbe ad integrare il provvedimento sopra descritto nell ambito del reperimento di capitali di rischio da parte delle piccole e medie imprese. Attualmente, infatti, le operazioni di private equity concluse in Italia sono mediamente di dimensioni ancora piuttosto elevate rispetto a quanto avviene in altri paesi europei quali Francia, Germania e Spagna (circa il doppio) e riguardano soprattutto il segmento del buy out, mentre risorse ancora modeste vengono destinate allo sviluppo delle PMI. In ogni caso, la stessa nascita di Expandi dovrebbe favorire l ingresso nella compagine sociale di imprese di dimensioni minori attraverso l acquisizione di partecipazioni nel capitale di queste ultime - da parte di operatori di private equity, trovandosi ora questi a disporre di una nuova, promettente modalità di way out per i loro investimenti in PMI non quotate. Pagina 5 di 7

6 Tavola1 Il sistema mercato di Borsa Italiana Pagina 6 di 7

7 GLOSSARIO Benchmark E un parametro di riferimento che dal 1 luglio 2000 si trova nel Prospetto Informativo che accompagna l'offerta di un fondo d'investimento. Esso, in sostanza, è un indice, oppure una composizione di indici finanziari, che chiarisce al risparmiatore qual è l'identità del prodotto offerto dal fondo e qual è la valutazione del rischio di quel tipo di investimento. Listing Partner E l intermediario che accompagna la società in borsa, cura il collocamento delle azioni e verifica la sussistenza dei criteri di selezione introdotti da Borsa Italiana. Il Listing Partner diventa quindi riferimento nel processo di quotazione effettuando le attività di due diligence e di firma del prospetto informativo, le attestazioni verso Borsa Italiana e la responsabilità reputazionale nei confronti del mercato attraverso il collocamento.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di Ipsoa Editore S.r.l. Copyright Ipsoa Editore S.r.l. Fonte: Amministrazione & Finanza-Quindicinale di gestione, pianificazione e controllo aziendale, Ipsoa Editore Pagina 7 di 7

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Lo smobilizzo delle partecipazioni tramite quotazione: le proposte in tema di revisione dei mercati per le PMI. Roma, 21 giugno 2011

Lo smobilizzo delle partecipazioni tramite quotazione: le proposte in tema di revisione dei mercati per le PMI. Roma, 21 giugno 2011 Lo smobilizzo delle partecipazioni tramite quotazione: le proposte in tema di revisione dei mercati per le PMI Roma, 21 giugno 2011 I driver che influenzano la scelta della way out Generalmente la scelta

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI. Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010

GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI. Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010 GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010 PRINCIPALI CONTENUTI 1. Quadro della situazione attuale in Italia 2. Accordo ABI-BIT Punti principali

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Il MOT: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato

Il MOT: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato Il Mot: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato Apartire dal 1994, anno della sua nascita, il Mot ha conosciuto un continuo processo di innovazioni strutturali che si è assestato

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI Barbara Lunghi Perché quotarsi? RISORSE FINANZIARIE Raccogliere importanti risorse finanziare Diversificare le fonti di finanziamento,

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

TO SUPPORT THE INTERNATIONAL EXPANSION, EPIPOLI GROUP EVALUATE THE IPO AT LONDON STOCK EXCHANGE AT AIM. 10 febbraio 2006 1/5

TO SUPPORT THE INTERNATIONAL EXPANSION, EPIPOLI GROUP EVALUATE THE IPO AT LONDON STOCK EXCHANGE AT AIM. 10 febbraio 2006 1/5 10 febbraio 2006 1/5 3 febbraio 2006 2/5 19 gennaio 2006 3/5 19 gennaio 2006 4/5 Nel 2006 lo sprint del segmento All Stars LUCA PAGNI Raccontano che al primo incontro con gli investitori internazionali

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia? (1/2) AIM ITALIA è stato concepito per diventare il crocevia ideale per l incontro tra PMI italiane con forte potenziale

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1.

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1. In Italia, nel settembre 2007, è nato un nuovo mercato dedicato alla piccola e media impresa: il MAC, Mercato Alternativo del Capitale.Come è noto il sistema economico italiano è composto da un numero

Dettagli

Corporate. Governance

Corporate. Governance Corporate Governance Relazione di Corporate Governance 2 Relazione illustrativa del consiglio di amministrazione redatta ai sensi dell art. 2441, Commi 5 e 6 delcodice civile Signori Azionisti, siete stati

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche

BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche Concetti Generali Borsa Italiana S.p.a. è una società per azioni che si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento della Borsa

Dettagli

MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA

MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA www.mercatoalternativocapitale.it Milano, 29 Gennaio 2008 0 MAC: UNA NUOVA SOLUZIONE COSTRUITA SU MISURA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Il MAC : Legame con

Dettagli

COMPANY PROFILE. AINVEST srl. Una overview sulla società Pag. 2. La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2. Le attività Pag.

COMPANY PROFILE. AINVEST srl. Una overview sulla società Pag. 2. La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2. Le attività Pag. COMPANY PROFILE AINVEST srl Una overview sulla società Pag. 2 La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2 Le attività Pag. 3 Il management e il track record Pag. 4 La storia Pag. 6 I clienti Pag.

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati L Evoluzione del Listino: società e titoli quotati Nel biennio 1997-98 la Borsa italiana ha compiuto importanti progressi, in termini sia di dimensione complessiva che di livello qualitativo del listino.

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Dott. Alfredo Imparato Milano, 23 ottobre 2014 AGENDA Le PMI italiane, lo

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi

Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi Head of Mid&Small Caps Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Più Borsa - MDI Il 25 Marzo 2013 è stato siglato un Memorandum

Dettagli

La quotazione in Borsa delle piccole/medie imprese

La quotazione in Borsa delle piccole/medie imprese 047107CFC0607_525a531.qxd 30-05-2007 9:48 Pagina 525 La quotazione in Borsa delle piccole/medie imprese Un obiettivo possibile per facilitare lo sviluppo Francesco Ferragina Partner di Kon Spa, dottore

Dettagli

Reddito Fisso. Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce. I mercati del

Reddito Fisso. Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce. I mercati del I mercati del Reddito Fisso Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce due comparti: il Mercato Telematico delle Obbligazioni e dei titoli di Stato (Mot)

Dettagli

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE PMI IN PARTICOLARE Dott. Bernardino Bottalico Corporate Finance Manager www.fabfinance.eu info@fabfinance.eu +39 080 4421007 PREMESSA

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 25 febbraio 2015 1 INTERESSE PER IL PRIVATE EQUITY Nell ultimo ventennio

Dettagli

business plan fotovoltaici

business plan fotovoltaici Le best practice AIAF nella redazione di business plan fotovoltaici Associazione Italiana degli Analisti Finanziari AIAF Milano, 26 novembre 2009 Cos é l AIAF L AIAF, Associazione Italiana degli Analisti

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento Negli ultimi mesi la situazione finanziaria

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul MAC

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N.8 Investire i propri risparmi RISPARMIARE CON LE RIVALUTABILI Sono le polizze vita più tradizionali, adatte a chi cerca un rendimento costante nel tempo, e non vuole correre

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI L offerta di Borsa Italiana per le PMI 1 MERCATI REGOLAMENTATI Il processo di quotazione PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO Eventuale riorganizzazione società / gruppo Eventuali modifiche

Dettagli

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi Presidente, Borsa Italiana S.p.A. Fiera del Levante Bari, 14 settembre 2000 La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Contenuti

Dettagli

Aprile 2006: Numero 7

Aprile 2006: Numero 7 Aprile 2006: Numero 7 NEWSLETTER FINANZIARIA POLIGRAFICA SAN FAUSTINO La Newsletter è disponibile online all indirizzo www.psf.it Alberto Frigoli In questo numero: - Lettera del Presidente - Evoluzione

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015 1 La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale Bologna 1 marzo 2015 2 L'AIM Italia (Alternative Investment Market) è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole

Dettagli

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI:

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI: 6. Finanze 1 - Operazioni di capitalizzazione e di finanziamento delle PMI e proposte per contrastare la crisi economica in adesione ai principi europei dello Small Business Act Sono noti i motivi finanziari

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management DEFINIZIONI DEL SETTORE Il settore delle «concessionarie di pubblicità» si occupa della vendita di spazi

Dettagli

AIM Italia Trieste, 10 giugno 2016

AIM Italia Trieste, 10 giugno 2016 AIM Italia Trieste, 10 giugno 2016 Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le PMI Mercati regolamentati MTA Mercato Telematico Azionario Mercato principale di Borsa Italiana

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI. Alessandro Violante Primary Markets Borsa Italiana Gruppo London Stock Exchange Bologna 13 Dicembre 2010

L offerta di Borsa Italiana per le PMI. Alessandro Violante Primary Markets Borsa Italiana Gruppo London Stock Exchange Bologna 13 Dicembre 2010 L offerta di Borsa Italiana per le PMI Alessandro Violante Primary Markets Borsa Italiana Gruppo London Stock Exchange Bologna 13 Dicembre 2010 Finanziare il salto dimensionale PRIVATE EQUITY BORSA Fonti

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Investment opportunity

Investment opportunity INVESTOR NEWS N.1-13 Aprile 27 Benvenuto del Presidente Investment opportunity Il modello di business IQ 27: Performance economico-finanziarie 4 maggio: accordo con Barclays FY 26: Risultati a parità di

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles

g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles Overview MIV (Mercato degli Investment Vehicles) è il mercato regolamentato

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

MEMORANDUM D INTESA. tra. Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. ABI - Associazione Bancaria Italiana

MEMORANDUM D INTESA. tra. Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. ABI - Associazione Bancaria Italiana MEMORANDUM D INTESA tra Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa ABI - Associazione Bancaria Italiana AIFI - Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital ASSIREVI - Associazione

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese. Andrea Crovetto

Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese. Andrea Crovetto Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese Andrea Crovetto Confindustria, 4 marzo, 2014 Allineare le prospettive temporali verso orizzonti più lontani Capitale privato

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli