Il futuro delle innovazioni nelle. piccole e medie imprese: la

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il futuro delle innovazioni nelle. piccole e medie imprese: la"

Transcript

1 Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Economia e gestione delle aziende Tesi di Laurea Il futuro delle innovazioni nelle piccole e medie imprese: la tecnologia cloud Primo Relatore Prof. Agostino Cortesi Primo Correlatore Prof. Stefano Campostrini Laureando Mattia Lamborghini Matricola Anno Accademico 2012 /

2 Abstract Nella competizione tra imprese del mondo di oggi l innovazione ha acquisito un importanza fondamentale, poiché rappresenta uno degli strumenti più potenti quando si tratta di differenziazione e creazione di vantaggio competitivo nel mercato. L innovazione può coinvolgere molteplici parti all interno di un impresa, ma in questa ricerca si farà riferimento all innovazione che coinvolge la parte di information technology (IT) delle imprese. Nello specifico si cercherà di analizzare la transizione verso un architettura informatica di tipo cloud e come questa possa portare innovazione e vantaggi, ma anche svantaggi e minacce, distinguendo le imprese in base alla loro dimensione, ma principalmente focalizzandosi sulle piccole-medie imprese. Si farà riferimento nei casi studio alla realtà svedese, dove il fenomeno sembra particolarmente accentuato rispetto al mondo delle imprese italiane e di altri paesi. La parte iniziale riguarderà in generale l architettura cloud e le varie forme in cui si può trovare, con i rispettivi modelli di costo e tipi di applicazione. Si porrà l accento anche sull aspetto green di questa architettura. Si proseguirà poi con un analisi di come questo tipo di architettura influisca il modo di operare quotidiano delle imprese e di come nello specifico si creino i vantaggi di costo e i vantaggi nell ambito amministrativo, per ottenere alla fine un idea più chiara riguardo la convenienza o meno dell investimento nel passaggio al cloud computing. Come esempio pratico dalla realtà verranno inoltre riportate e analizzate l intervista a Paola Eklund Braconi, addetto commerciale alla Camera di Commercio Italiana per la Svezia, una piccola impresa che a gennaio 2013 ha investito nel passaggio all uso della tecnologia cloud computing per gestire il proprio know-how e l intervista a Caroline Björk, Marketing Manager di Adding Value International AB, una piccola impresa svedese che organizza e 2

3 vende corsi nell ambito del Project Management e fornisce servizi di consulenza in materia di Recruiting. La parte finale analizza e spiega i motivi per cui il cloud computing presenta solitamente più vantaggi per le piccole e medie imprese rispetto alle grandi imprese, sia in termini di costo, che in termini di sicurezza del sistema. 3

4 Indice 1. Background e situazione attuale 7 2. Cloud computing 2.1. Definizione 2.2. Architetture ed evoluzione del cloud computing 2.3. Cloud computing e grid computing 2.4. Tecnologia cloud e green computing Implementazione del sistema cloud computing 3.1. Modelli di prezzo e modelli di implementazione 3.2. Costi di implementazione nella prospettiva del cliente 3.3. Costi di implementazione nella prospettiva del provider 3.4. Conseguenze all implementazione Benefici di costo Benefici di altra natura Svantaggi Cloud computing e questione della sicurezza 4.1. Possibili vantaggi nella sfera della sicurezza dei dati 4.2. Minacce alla sicurezza dei dati cloud Caso studio 1: Dropbox e Italienska Handelskammarens Service AB (Camera di Commercio Italiana per la Svezia) 5.1. Introduzione generale sull impresa 5.2. Metodo di ricerca e intervista Intervista A: implementazione tecnologia cloud per lo storage dei dati Intervista B: vantaggi e svantaggi dell implementazione

5 Intervista C: questione della sicurezza dei dati Caso studio 2: Adding Value International AB 6.1. Introduzione generale sull impresa 6.2. Metodo di ricerca e intervista Intervista A: implementazione tecnologia cloud Intervista B: vantaggi e svantaggi dell implementazione Intervista C: questione della sicurezza dei dati Analisi dei risultati delle interviste 7.1. Effetto del passaggio alla nuova tecnologia sui costi 7.2. Effetto del passaggio alla nuova tecnologia sui processi di lavoro Conclusione 95 Bibliografia 100 5

6 6

7 1. Background e situazione attuale La natura vera e propria delle organizzazioni ha subito un sostanziale cambiamento determinato dagli effetti di un rapido avanzamento tecnologico in campo informatico, che ha portato un notevole miglioramento nella tecnologia a disposizione delle imprese, il quale ha creato nuove opportunità per nuove pratiche di business. L avvento del cloud computing è proprio il diretto risultato di queste trasformazioni tecnologiche (Aleem and Antwi- Boasiako, 2011). In questo primo capitolo si cercherà di delineare un quadro generale sulla situazione attuale e importanza dell architettura cloud, nonchè della sua diffusione e crescita di valore soprattutto negli ultimi anni. Per avere un idea della dimensione del fenomeno, si può far riferimento ad un analisi condotta dalla Gartner Inc., società di consulenza e ricerca leader nel campo delle tecnologie informatiche, la quale ha quantificato il valore del mercato dei servizi cloud a 111 miliardi di dollari nel 2012 e previsto un valore di 131 miliardi di dollari nel 2013, diventando uno dei segmenti di mercato a più rapida crescita (18,5% dal 2012 al 2013); con riferimento solo alla parte IaaS (Infrastructure as a Service) per i servizi sia di archiviazione che computazionali e di stampa, la crescita è stata addirittura del 42,4% nel 2012, con una stima di crescita per il 2013 al rialzo fino al 47,3%, attestandosi su un valore di mercato di circa 9 miliardi di dollari. Per le piccole e medie imprese (SME Small to Medium Size Enterprises) il cloud computing continuerà a rappresentare un opzione attrattiva e conveniente in termini di costi, dal momento in cui offre la possibilità per le imprese di ridurre notevolmente il costo totale del possesso della tecnologia 1. Analizzando invece nel dettaglio il solo mercato italiano del cloud computing, scopriamo come, secondo i dati dell Osservatorio Cloud & ICT as a Service 1 Gartner s news archive - 2 Da Il Sole 24 ore del 26 giugno

8 della School of Management del Politecnico di Milano 2, il mercato del cloud computing in Italia abbia raggiunto i 493 milioni di euro nel 2013, dopo una crescita su base annua dell 11%. Come si nota dal grafico Fig. 1, la differenza di investimento nella tecnologia da parte delle grandi imprese e delle PMI è abbastanza marcata. A parte una tendenza da entrambe le parti a prediligere gli investimenti in private cloud, sono nel complesso le grandi imprese a investire di più quantitativamente. Fig. 1: Il mercato del cloud in Italia nel 2013 Fonte: Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano Per entrambe le categorie, però, gli investimenti sono in crescita, anche se non al pari di altri stati europei e non europei. Prendendo in considerazione il mercato svedese ad esempio, per il quale verranno analizzati in seguito due 2 Da Il Sole 24 ore del 26 giugno /litalia- crede- cloud- computing shtml?uuid=AbBGBb8H 8

9 casi studio, notiamo come il valore degli investimenti in cloud computing nel complesso sia addirittura maggiore del valore totale del mercato italiano, più precisamente già a livello di 5 miliardi di corone svedesi nel (pari a circa 571 milioni di euro). Cifra che sorprende contando che la popolazione svedese è circa 1/6 di quella italiana e dimostrando come la tendenza sia indubbiamente più sviluppata nel paese scandinavo, dove quasi un impresa su tre (28%) utilizza servizi cloud e questi investimenti rappresentano il 15% degli investimenti totali in IT. La crescita a livello internazionale della tecnologia cloud è in parte spiegata anche da un altra interessante analisi descritta in un comunicato stampa del 26 giugno dove Daryl Plummer, l allora Managing Vice President della Gartner, ha affermato che durante gli ultimi quindici anni, ha acquistato popolarità un trend costante verso l industrializzazione dell Information Technology, dal momento in cui i servizi di IT forniti via hardware, software e persone stanno diventando replicabili e utilizzabili da una grande varietà di clienti e service provider; ciò è dovuto, in parte alla commodizzazione e standardizzazione delle tecnologie, in parte alla virtualizzazione e crescita delle architetture software service-oriented, ma più di tutto alla imponente crescita della popolarità di Internet. Questo trend è così affermato e costante che si stima che il cloud computing possa rivoluzionare l industria dell information technology nel corso dei prossimi cinque anni (Aleem e Sprott 2013). Dunque un mercato che ormai è di massa e cresce in modo rilevante, non solo in ambito business, ma anche a livello di consumatori finali. A sostegno di ciò, è stato stimato dalla Merrill Lynch che i vantaggi di costo del cloud computing 3 Press Release Radar Ecosystem Specialists - pressrelease/stark- it- tillvaext- foer- molnet- men- graazonen- aer- stor Gartner s news archive - 9

10 sono da tre a cinque volte per l uso business e oltre cinque volte per l uso consumer (Lynch, 2008). Sempre con riferimento alla sfera consumer, già nel 2012 la Gartner aveva previsto che il passaggio alla personal cloud sarebbe accelerato notevolmente nel corso dello stesso anno, a seguito del maggiore apprendimento dei consumatori nell usare i dispositivi di nuova generazione. L attuale Managing Vice President della Gartner Andrew Johnson ha infatti affermato che dato che i servizi cloud stanno diventando parte della vita delle persone, i venditori e fornitori di dispositivi e piattaforme devono integrare questi servizi cloud nei loro prodotti affichè possano trattenere i clienti nel 2012, altrimenti rischierebbero di essere rimpiazzati da coloro la cui offerta comprende già questo tipo di servizi 5. La personal cloud permette ai consumatori di archiviare, sincronizzare, riprodurre in streaming e condividere contenuti utilizzando molteplici dispositivi come smartphone, tablets, televisioni e pc attraverso internet (Gartner 2013). Dunque tutto sarà sempre più connesso e a portata di mano ovunque si vada, questa la chiave del successo della personal cloud e del cloud più in generale. Tuttavia, come già anticipato, questa crescita del cloud computing non è avvenuta solamente nella sfera del consumo privato, ma soprattutto per quanto riguarda le public cloud e l uso che hanno iniziato a farne organizzazioni e imprese. Questo fenomeno sarà proprio l oggetto dell analisi dei prossimi capitoli. Secondo un indagine condotta nel quarto trimestre 2011 intervistando 1364 IT manager e utenti business di piattaforme di Business Intelligence (BI), è risultato che quasi un terzo delle imprese rappresentate (27%) già usava o stava comunque pianificando di usare soluzioni cloud/saas 5 Gartner s news archive - 10

11 (Software as a Service) per aumentare le proprie capacità di Business Intelligence in specifiche aree, nei successivi dodici mesi (Gartner 2012). Le imprese che si prestano a innovare in direzione di questa tecnologia, devono però iniziare il percorso considerando naturalmente sia i benefici, che gli svantaggi e gli effetti del cloud computing sulla propria organizzazione, in particolare sui processi quotidiani. Infatti, l adozione del cloud computing è tanto dipendente dalla maturità dei processi organizzazionali e culturali (inclusi quelli legislativi) quanto dalla tecnologia di per sè (Fellowes, 2008). Nei prossimi capitoli si cercherà pertanto, oltre che di definire con più precisione la tecnologia cloud computing, anche di individuare quali variabili entrano in gioco e vanno attentamente considerate nel momento in cui un impresa decide di innovare attraverso l implementazione di una tecnologia di questo tipo. Il focus sarà sulle piccole-medie imprese operanti nel settore dei servizi, per le quali si cercherà di dimostrare come queste possano sfruttare con maggior successo questo tipo di innovazioni nella tecnologia, per riacquistare efficienza, economicità e competitività. 11

12 2. Cloud computing 2.1. Definizione Si può definire il cloud computing come un mezzo con il quale potenza computazionale, archiviazione, infrastruttura di collaborazione, processi di business e applicazioni possono essere forniti come utilità, ossia un servizio o collezione di servizi che soddisfa particolari richieste (Hill et al. 2013). Non esiste in realtà una definizione univoca di cloud computing, molte sono infatti le definizioni che nel corso degli anni si sono affermate fino all inizio della diffusione in larga scala di questa tecnologia. E tuttavia interessante riportare le principali e più quotate definizioni di famose analyst firms che furono protagoniste nel momento del primo boom del cloud computing: Gartner a style of computing in which massively scalable IT-related capabilities are provided as a service using Internet technologies to multiple external customers (Gartner 2008b) IDC an emerging IT development, deployment and delivery model, enabling real- time delivery of products, services and solutions over the Internet (i.e., enabling cloud services) (Gens 2008) The 451 Group a service model that combines a general organizing principle for IT delivery, infrastructure components, an architectural approach and an economic model basically, a confluence of grid computing, virtualization, utility computing, hosting and software as a service (SaaS) (Fellows 2008) Merrill Lynch the idea of delivering personal (e.g., , word processing, presentations.) and business productivity applications (e.g., sales force automation, customer service, accounting) from centralized servers (Merrill Lynch 2008) 12

13 Per proseguire poi con la descrizione di questa tecnologia, è utile cercare di delineare un quadro chiaro e riassuntivo delle sue principali caratteristiche, riassunte qui di seguito in quattro punti chiave (Smoot e Tan 2012): On-demand self-service: un utente finale può unilateralmente richiedere capacità computazionali, come ad esempio server aggiuntivi o capacità di archiviazione in caso di bisogno, senza alcuna interazione da parte dell amministratore IT del fornitore. Accesso universale alla rete: le capacità di calcolo aggiuntive sono disponibili e pronte in rete, accessibili attraverso meccanismi standard che consentono l accesso eterogeneo attraverso diversi tipi di piattaforme dei clienti, ad esempio cellulari, laptop, netbook, computer tablet, personal digital assistant (PDA), e così via. Raccolta delle risorse: le risorse computazionali del fornitore sono raccolte in modo da poter essere fornite a molteplici utenti finali utilizzando un modello multi-tenant, assegnando cioè le diverse risorse fisiche e virtuali in modo dinamico e riassegnandole in base alle esigenze degli utenti finali. Esempi di tali risorse comprendono archiviazione, elaborazione, memoria, banda di rete, e macchine virtuali. E presente sempre un certo grado di libertà (o indipendenza), in quanto l utente finale in genere non conosce la posizione esatta delle risorse messe a disposizione, ma sarà sempre in grado di accedere a queste risorse da una rete Intranet (se l utente finale è un membro interno del personale) o da una rete Extranet/Internet (se l utente finale è un soggetto esterno). Rapida elasticità: Le capacità di calcolo possono essere fornite in modo rapido ed elastico (in alcuni casi in modo addirittura automatico) per aumentare 13

14 rapidamente la capacità di calcolo e altrettanto rapidamente diminuirla a seconda del fabbisogno, affinchè i costi pesino solo sull effettivo utilizzo delle risorse. Per gli utenti finali le capacità disponibili per l utilizzo spesso appaiono illimitate e acquisibili in ogni momento. In particolare quest ultima caratteristica, l idea che le organizzazioni paghino solo per il tempo in cui hanno effettivamente utilizzato un particolare servizio, risulta molto interessante e molto attraente per le imprese in rapida crescita (Aleem e Sprott 2013). Una volta identificate queste caratteristiche di base, possiamo passare ad analizzare i tipi di architettura e modelli di implementazione dei servizi cloud Architetture ed evoluzione del cloud computing La tecnologia cloud computing si fonda su un tipo di architettura informatica che prende il nome di Service-Oriented Architecture (SOA). Questa architettura costituisce uno degli esempi recenti di innovazioni basate sull information technology che sono state introdotte negli ultimi decenni (Journal of Management Information Systems, 2010). Nello specifico, la SOA utilizza il principio dell orientamento al servizio per organizzare l architettura tecnologica generale di un impresa. Ciò significa che la tecnologia è selezionata, specificata e integrata per supportare un modello di architettura che viene costituito da un insieme particolare di servizi. Utilizzando un approccio di questo tipo, il risultato è che ogni impresa avrà un architettura tecnologica che sarà unica per quell impresa, affichè possa realizzarsi la miglior opportunità possible di supporto da parte di tali servizi per un particolare business (Hill et al. 2013). Questo tipo di sistema è concepito per permettere agli sviluppatori di superare molte sfide diffuse 14

15 nell ambito dell informatica, tra cui integrazione delle applicazioni, gestione delle transazioni e politiche di sicurezza, permettendo allo stesso tempo di avere piattaforme multiple e diversi protocolli, nonché sistemi di accesso tramite diversi dispositivi (Fernandez, del Rìo, Herrera, Benìtez 2010). Il nucleo di un architettura orientata al servizio, e la principale distinzione tra questa e le altre forme di architettura informatica, è il fatto che i processi di business e le applicazioni non sono più codificate come strutture di programma complesse, ma gestite come richieste di servizio indipendenti e diverse (Liebhart, Welkenbach, Schmutz 2010). Questa particolare struttura è illustrata nella figura 1; il livello immediatamente superiore al livello dell hardware fisico, riguarda la virtualizzazione, caratteristica che permette di ridurre o eliminare i limiti associati all uso di particolari modelli di computer, particolari dimensioni di dischi e così via. Lo strato immediatamente superiore riguarda invece la gestione e l approvigionamento delle risorse di calcolo, con l obiettivo di associare le risorse desiderate con le richieste di approvigionamento delle stesse. Proseguendo verso l alto troviamo un livello in cui queste capacità aggiuntive sono aggregate in diverse combinazioni di servizi cloud, attraverso una serie di interfacce di rete che permettono a queste risorse di essere usate in modo ugualmente efficace sia per i Saas (Software as a Service) di alto livello, sia per le IaaS (Infrastructure as a Service) di livello inferiore. 15

16 Fig. 2: Struttura-tipo di un architettura informatica orientata al servizio Fonte: Smoot e Tan 2012 Vi sono molti e diversi problemi da risolvere nel momento in cui si costruisce una nuova infrastruttura di questo tipo, dunque torna utile strutturare nel modo giusto questa architettura a livelli/strati. Lo strato superiore fornisce agli utenti finali diversi tipi di servizi incredibilmente flessibili e potenti. Lo strato inferiore invece è un insieme di hardware di diversi tipi, es. server, hardware di archiviazione, router di rete e hardware di comunicazione remota. Gli strati intermedi dunque utilizzano le tecnologie grezze degli strati inferiori per creare un nuovo set di tecnologie più sofisticate (Smoot e Tan 2012). Già più di un decennio fa si era compreso come l architettura service-oriented avesse un interessante potenziale economico. Molti cercarono di capire a fondo gli effetti sulle imprese, attraverso studi e ricerche empiriche. A questo 16

17 proposito è interessante citare i risultati di uno studio interculturale condotto da due banche europee e analizzato da Baskerville 6. In questo studio si è cercato di analizzare la modalità in cui la SOA incrementa il valore affrontando le quattro maggiori sfide dell architettura informatica di quel particolare settore: integrazione delle applicazioni, processi di riconfigurazione del valore, conservazione del valore dopo fusioni e acquisizioni e altre forme più flessibili di sviluppo della struttura informatica. Sono arrivati alla conclusione che la SOA aumenta notevolmente l estensibilità dell architettura informatica, fornendo di conseguenza potenziale per maggiore agilità organizzativa e competitività. Inoltre, si può aggiungere che, fondandosi su tre principi chiave di struttura (modularità, legami deboli, standard), la SOA rende più efficace la modalità con cui i sistemi informatici sono coerentemente disegnati e implementati in una particolare organizzazione, pur consentendo di mantenere una certa flessibilità nell architettura stessa (Journal of Management Information Systems, 2010). Studiando quattro implementazioni di architetture SO, Legner e Heutschi hanno invece identificato tre aree cruciali che entrano in gioco nel momento in cui si predispone l adozione di una SOA. Queste sono caratterizzate da uno specifico insieme di obiettivi e relativi benefici nella prospettiva dell impresa (Legner, Heutschi 2010): 1. Poichè è un infrastruttura standard di integrazione, la SOA diminuisce i costi generali per l integrazione di un sistema informatico. 2. La SOA riduce i costi di IT generali all interno dell impresa e diminuisce il Time-to-market dei progetti di IT. 6 Baskerville R., Cavallari M., Hjort- Madsen K., Pries- Heje J., Sorrentino M. and Virili F., Extensible architectures: the strategic value of service- oriented architecture in banking,

18 3. La SOA migliora il supporto dei sistemi informatici per gli utenti finali, in particolare per quanto riguarda l integrazione flessibile dei processi user/business. Cercando dunque di schematizzare i vantaggi principali che questo tipo di architettura può portare dal punto di vista di un organizzazione, otteniamo il seguente elenco di benefici (più o meno immediati) che seguono l implementazione di una Service-Oriented Architecture (Hill et al. 2013): Le funzioni più comunemente usate possono essere facilmente riutilizzate, permettendo inoltre una più semplice integrazione di nuove funzionalità, dal momento che larga parte del codice esistente è gia presente. Cambiamenti della domanda, che richiedono l implementazione di nuovi servizi all interno di un determinato business, possono essere più facilmente gestiti, comportando una maggiore velocità di reazione alle forze di mercato. L adozione di questo tipo di architettura permette di esplorare dunque più efficacemente nuove opportunità di business. L astrazione dei servizi facilita la considerazione delle performance dell impresa a livello dei processi; la qualità del servizio, tempi di consegna e tasso di difettosità diventano misure più evidenti e più facilmente analizzabili, poichè la complessità sottostante è legata alle caratteristiche del servizio cloud in questione. Può realizzarsi una più stretta integrazione lungo le catene del valore, poichè una specifica funzionalità può essere resa disponibile come servizio tra un impresa e i suoi fornitori circostanti. Un fornitore 18

19 tratta solitamente con diversi clienti e potrebbe non essere pratico adottare un gran numero di sistemi diversi con cui integrarsi. La SOA semplifica questa situazione rendendo disponibili diversi tipi di servizio che i fornitori possono agganciare al proprio sistema, con il vantaggio che ogni eventuale cambiamento nei sistemi dei clienti è gia incorporato nella descrizione del servizio, e nessuna ulteriore modifica da parte di chi utilizzerà quel servizio è necessaria. Per concludere la descrizione, viene riportata in Fig. 3 un analisi dei principali punti di forza, debolezza, opportunità e minacce che emergono dalla decisione di un impresa di investire nell implementazione di un Architettura informatica Service-Oriented: Fig. 3: Analisi SWOT per l implementazione di un Architettura Service- Oriented Strenghts Bassi costi di follow-up Architettura molto flessibile Conformità agli standard Supportata dalle più grandi Weaknesses Alti costi di startup e infrastruttura Richiede una strategia di SOA e governance completa case produttrici di software Opportunities Sistemi individuali possono essere implementati e gestiti Threats Mancanza di focus su processi di business rilevanti facilmente Fonte: Liebhart, Welkenbach, Schmutz 2010 Procediamo ora entrando più nei dettagli e analizzando invece i tipi di servizi che possono essere forniti attraverso una nuvola, i quali presentano diverse forme e diverse caratteristiche. Pur avendo questa eterogeneità, hanno 19

20 tuttavia un punto in comune: tutti vengono forniti attraverso uno dei seguenti tre modelli di servizio, ciascuno con caratteristiche proprie descritte in dettaglio dal National Institute of Standards and Technology (NIST 2009): Cloud software as a service (SaaS): il consumatore può usare le applicazioni del provider eseguite all interno dell infrastruttura cloud. Le applicazioni sono accessibili da vari dispositivi clienti, attraverso un interfaccia cliente come ad esempio un browser web. Il cliente non gestisce nè controlla l infrastruttura cloud sottostante, e ciò include la rete, server, sistemi operativi, archiviazione ed eventuali capacità e risorse di applicazioni individuali. Possibili eccezioni sono limitate ad impostazioni e configurazioni personalizzate dell applicazione. Un servizio di posta elettronica basato sul web è un classico esempio di Saas. Cloud platform as a service (PaaS): il consumatore può usufruire dell infrastruttura cloud per eseguire applicazioni create dal consumatore stesso oppure acquistate. Queste applicazioni vengono create utilizzando linguaggi di programmazione e strumenti che sono supportati dai dispositivi dei consumatori. Il consumatore tuttavia non controlla nè gestisce la sottostante infrastruttura cloud (inclusi network, server, sistemi operativi e archiviazione), ma ha controllo sulle applicazioni eseguite e su varie impostazioni/configurazioni per il corretto funzionamento delle stesse. Un provider di spazio su server per ospitare pagine web è un esempio di PaaS. Cloud infrastructure as a service (IaaS): il conumatore può acquisire risorse computazionali di calcolo, archiviazione, rete e molto altro. E in grado di eseguire software arbitrario, che può includere 20

21 sistemi operativi e applicazioni varie. Il consumatore però non controlla nè gestisce l infrastruttura cloud sottostante, ma ha controllo sui sistemi operativi, di archiviazione e applicazioni eseguite, ed eventualmente controllo limitato su particolari componenti della rete (es: firewall, load-balancer). Fig.4: Struttura base dei modelli dei servizi cloud Fonte: Fernandez, del Rìo, Herrera, Benìtez 2010 Infrastrutture per il calcolo computazionale forniscono servizi di calcolo affinchè gli utenti possano usare cicli di CPU (central processing unit) senza acquistare nuovi computer. Servizi di archiviazione (storage) forniscono un modo per archiviare dati e documenti senza dover continuamente costruire nuove reti di server per aumentare lo spazio di archiviazione. Imprese che producono Software as a Service (SaaS), offrono invece, ad esempio, servizi di CRM (customer relationship management) attraverso le loro strutture multiproprietà e condivise, cosicchè le imprese possano gestire i loro clienti senza dover acquistare software apposito (Gartner 2008). Ognuno di questi modelli di servizio può essere implementato ed eseguito direttamente e indipendentemente sulla parte superiore dell infrastruttura cloud. Essi possono assumere anche strutture più complesse e possono anche essere sovrapposti l uno con l altro, ad esempio SaaS sovrappone PaaS, che a sua 21

22 volta può sovrapporre IaaS (Smoot e Tan 2012). Questi esempi sono illustrati dalla figura 4, a pagina seguente. Fig.5: Strutture dei modelli dei servizi cloud Fonte: Smoot e Tan 2012 Sono pertanto molteplici le soluzioni e i modelli di servizio per implementare un sistema cloud in un impresa, ognuno personalizzabile secondo le esigenze specifiche di ciascuna, per integrarsi al meglio con le strategie di crescita e innovazione Cloud computing e grid computing Nonostante la grande menzione del cloud computing nella stampa commerciale, non c è ancora accordo comune su cosa sia esattamente il cloud 22

23 computing e come si relazioni al grid computing (Stanoevska-Slabeva et al. 2010). Tradizionalmente, quando si presentava il problema di processare un grande ammontare di dati, un ambiente di calcolo grid era la soluzione più adatta per poter ridurre i costi del calcolo computazionale e aumentare la flessibilità del sistema. Per alcuni aspetti, questo sistema presenta molte similarità con le soluzioni cloud computing, nel momento in cui si considera, ad esempio, che entrambi i sistemi sono composti da nodi geograficamente dispersi, eterogenei e indipendenti. Una delle principali differenze tra i due, invece, si riscontra nel modo in cui i compiti vengono portati a termine nei rispettivi ambienti di esecuzione. Nel grid computing, infatti, un compito complesso viene scomposto in numerosi piccoli compiti che vengono eseguiti in diverse macchine, che offrono una struttura simile per potenza di calcolo (Fernandez, del Rìo, Herrera, Benìtez 2010). E per questo che il grid computing richiede anche l uso di un software particolare che divida e distribuisca parti di un programma in diverse migliaia di piccoli compiti da eseguire su altri computer, e che poi ricomponga i risultati (Myerson 2009). Fig. 6: Struttura-tipo dell architettura grid computing Fonte: Hill et al

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client I CIO più esperti possono sfruttare le tecnologie di oggi per formare interi che sono più grandi della somma delle parti.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare maggio 2014 E giunto il momento di allontanare per sempre l idea che la Nuvola possa identificarsi unicamente come un collage di soluzioni e servizi IT standard o commodity. Un sempre maggior numero di

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI

LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI È ora di pensare ad una nuova soluzione. I contenuti sono la linfa vitale di ogni azienda. Il modo in cui li creiamo, li utiliziamo e

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY L evoluzione dell IT attraverso il Cloud White Paper per www.netalia.it Marzo 2015 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli