Le novità dell esame di Stato della scuola secondaria di primo grado. Valutare e certificare.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le novità dell esame di Stato della scuola secondaria di primo grado. Valutare e certificare."

Transcript

1 Le novità dell esame di Stato della scuola secondaria di primo grado. Valutare e certificare. LINKYOU WEBINAR Prof.ssa Nora Terzoli 5 dicembre 2017

2 Sommario I riferimenti normativi. La cultura della valutazione. L ammissione all esame. Le modalità di svolgimento. Le prove. La valutazione finale. Esame e alunni DVA e DSA.

3 I riferimenti normativi (1) Legge 107. Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti. D. Lgs. 62 del 13/4/2017. Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione e esami di stato. D.M. 741 del 3/10/2017. Regolamenta l esame di stato conclusivo del primo ciclo di istruzione.

4 I riferimenti normativi (2) D.M. 742 del 3/10/2017. Regolamenta le modalità per la certificazione delle competenze. Circolare MIUR /10/2017. Indicazioni in merito a valutazione e certificazione delle competenze e esame di stato nella scuola del primo ciclo di istruzione

5 Il profilo dello studente come punto di riferimento nelle Indicazioni Nazionali Approccio pedagogico e antropologico che cura la centralità della persona che apprende. Attenzione alla relazione educativa. Metodi didattici capaci di attivare le energie e le potenzialità di ogni ragazzo. Riconoscimento e valorizzazione degli apprendimenti diffusi. Attenzione ai nuovi media.

6 Caratteristiche della valutazione La valutazione ha per oggetto il processo formativo e i risultati di apprendimento. Concorre al miglioramento degli apprendimenti e al successo formativo. Documenta lo sviluppo dell identità personale. Promuove l autovalutazione in relazione all acquisizione di conoscenze, abilità e competenze.

7 Validità dell anno scolastico Frequenza di almeno i 3/4 del monte ore personalizzato. Il collegio delibera eventuali deroghe a condizione che la frequenza consenta di acquisire gli elementi necessari per procedere alla valutazione finale. Necessità di fornire, secondo una periodicità definita autonomamente dalle istituzioni scolastiche, informazioni puntuali a alunni e famiglie in relazione alle ore di assenza. In caso di non validità dell anno scolastico il consiglio di classe non procede alla valutazione degli apprendimenti disponendo la non ammissione alla classe successiva o all esame di Stato.

8 Requisiti per l ammissione all esame di Stato Frequenza dei 3/4 del monte ore annuale personalizzato. Non essere incorsi nella sanzione disciplinare di competenza del Consiglio di Istituto di non ammissione all esame di Stato. Aver partecipato, entro il mese di aprile, alle prove nazionali di italiano, matematica e inglese, predisposte dall Invalsi. Per gli alunni ammessi all esame di Stato il consiglio di classe sulla base del percorso triennale e in conformità con i criteri definiti dal collegio e inseriti nel PTOF formula un voto di ammissione in decimi, senza frazione decimale: il voto non è una media, acquista un peso maggiore in relazione all esame. Il C.D.C. può attribuire un voto di ammissione anche inferiore a 6/10.

9 Ammissione/Non ammissione Ammissione anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline. Il Collegio dei docenti delibera i criteri generali per la non ammissione alla classe successiva e all esame. Non ammissione con delibera e adeguata motivazione del Consiglio di Classe.

10 Ammissione candidati privatisti Coloro che compiono entro il 31 dicembre il tredicesimo anno e che abbiano conseguito l ammissione alla classe prima della scuola secondaria di primo grado e coloro che abbiano conseguito l ammissione alla scuola secondaria da almeno un triennio. Dichiarazione delle famiglie entro il 20 marzo, per poter sostenere le prove Invalsi.

11 Svolgimento dell esame È finalizzato a verificare le conoscenze, le abilità e le competenze acquisite dall alunno anche in funzione orientativa. È costituita la commissione d esame, articolata in sottocommissioni per ciascuna classe terza, (non ne fanno parte i docenti di potenziamento) Svolge le funzioni di Presidente il dirigente scolastico, o un docente collaboratore; per ogni istituzione scolastica paritaria svolge le funzioni di Presidente il coordinatore delle attività educative e didattiche. Tre prove scritte e un colloquio, valutati con votazioni in decimi. La commissione d esame predispone le prove d esame e i criteri per la correzione e la valutazione.

12 Circolare 1865 (1) Tutte le operazioni d esame si svolgono tra il termine delle lezioni e il 30 giugno. Il Dirigente comunica al Collegio Docenti: - il calendario delle operazioni d esame; - le date della riunione preliminare; - le date delle prove scritte (svolte in 3 gg diversi, anche non consecutivi); - le date del colloquio.

13 Circolare 1865 (2) In sede di riunione preliminare si definiscono: - durata oraria delle prove scritte (non devono superare le 4 ore); - ordine di successione delle prove scritte; - ordine di successione delle classi per i colloqui; - le tracce delle prove d esame; - i criteri per la correzione e valutazione delle prove; - gli eventuali strumenti da utilizzare durante le prove scritte (informare gli alunni); - le modalità organizzative per alunni DVA e DSA (certificati).

14 Le prove d esame Tre prove scritte: prova di italiano ; prova scritta relativa alle competenze logico-matematiche; prova scritta articolata in una sezione per ciascuna delle lingue straniere. Il voto deve essere unico (non deriva da una media)

15 Prova scritta di italiano Obiettivi: padronanza della lingua; capacità di espressione personale; corretto ed appropriato uso della lingua; coerente ed organica esposizione del pensiero. Almeno tre terne di tre tracce ciascuna: testo narrativo o descrittivo (situazione, argomento, scopo, destinatario indicati nella traccia); testo argomentativo (con indicazioni di svolgimento e che permetta l esposizione di riflessioni personali); comprensione e sintesi di un testo (letterario, divulgativo, scientifico, anche attraverso richieste di riformulazione). La prova può essere strutturata in più parti riferibili alle diverse tipologie indicate (possono essere utilizzate in maniera combinata tra loro).

16 Prova scritta di competenze logico - matematiche Obiettivi: capacità di rielaborazione delle conoscenze, abilità e competenze; capacità di organizzazione delle conoscenze, abilità e competenze. Aree previste dalle Indicazioni Nazionali: numeri; spazio e figure; relazioni e funzioni; dati e previsioni. Almeno tre tracce, riferite a entrambe le tipologie: problemi articolati su una o più richieste; quesiti a risposta aperta. Tener conto di metodi di analisi, organizzazione e rappresentazione di dati, pensiero computazionale.

17 Lingue straniere Obiettivi: comprensione; produzione scritta; A2 per Inglese; A1 per seconda Lingua Comunitaria. Almeno 3 tracce, sui livelli A2 per Inglese e A1 per seconda Lingua Comunitaria. Tipologie (anche combinate tra loro): questionario di comprensione del testo (a risposta chiusa e aperta); completamento (singole parole o gruppi di parole), riordino e riscrittura o trasformazione di un testo; elaborazione di un dialogo (situazione, personaggi, sviluppo); lettera o personale (argomenti di carattere familiare o di vita quotidiana); sintesi di un testo (che evidenzi elementi ed informazioni principali).

18 Il colloquio orale Valuta le conoscenze descritte nel Profilo finale dello studente secondo le Indicazioni Nazionali, con particolare attenzione a: capacità di argomentazione; risoluzione di problemi; pensiero critico e riflessivo. Collegamento organico e significativo tra le varie discipline di studio (Circ 1865). Livello di padronanza delle competenze connesse alle attività svolte per Cittadinanza e Costituzione. Livello di padronanza delle competenze nelle lingue straniere. Si prevede per IM una prova pratica di strumento.

19 Commissione d esame e valutazione finale La commissione d esame delibera (prima: ratifica), su proposta della sottocommissione, la valutazione finale complessiva: espressa con votazione in decimi; derivante dalla media, arrotondata all unità superiore per frazioni pari o superiori a 0,5, tra il voto di ammissione e la media dei voti delle prove e del colloquio. L esame si intende superato se il candidato consegue una votazione complessiva di almeno sei decimi. Attribuzione della lode, con deliberazione all unanimità della commissione, in relazione alle valutazioni conseguite nel percorso scolastico del triennio e agli esiti delle prove d esame. Gli esiti finali degli esami sono resi pubblici mediante affissione all albo della scuola.

20 Dalla circolare 1865 Determinazione del voto finale d esame: voto in decimi a ciascuna prova, senza frazioni decimali; alla prova di lingua straniera (Ingl + 2^ Lingua Com) un solo voto in decimi, senza frazioni decimali. Il voto finale è dato dalla media tra voto d ammissione e media voti prove esame (scritti e colloquio). In prima istanza: determinare il voto unico dell esame (media dei voti delle prove scritte e del colloquio), eventualmente anche con frazioni decimali, senza arrotondamenti. Quindi: La media di tale voto unico dell esame con il voto d ammissione dà il voto finale (se frazione pari o superiore a 0,5 c è arrotondamento all unità superiore).

21 Esame e alunni DVA Uso di attrezzature tecniche e sussidi utilizzati per l attuazione del PEI. Prove d esame differenziate con valore equipollente ai fini del superamento dell esame e del conseguimento del diploma finale. Attestato di credito formativo per gli alunni che non si presentano agli esami. Diploma finale: non viene fatta menzione delle modalità e della differenziazione delle prove.

22 Alunni con DSA Si possono prevedere tempi più lunghi, l utilizzo di apparecchiature e strumenti informatici senza che venga pregiudicata la validità delle prove scritte. Prova orale di lingua straniera sostitutiva. Dispensa della prova di lingua straniera. Diploma finale: non viene fatta menzione delle modalità e della differenziazione delle prove.

23 Che cosa cambia? L esame di Stato è riportato alla formula tradizionale: tre prove scritte (italiano, matematica e lingue) e colloquio. Per le due lingue comunitarie è prevista un unica prova scritta articolata in una sezione per ciascuna delle lingue studiate. Presidente della commissione d esame è il dirigente scolastico della scuola stessa.

24 Che cosa cambia? Il voto finale dell esame, espresso in decimi, deriva dalla media, arrotondata all unità superiore per frazioni pari o superiori a 0,5, tra il voto di ammissione e la media dei voti delle prove e del colloquio (fino ad oggi il voto finale derivava dalla media tra il voto di ammissione e quello delle singole prove d esame). L alunno con DSA esonerato dallo studio delle lingue straniere viene ammesso all esame di Stato e consegue il diploma senza menzione della non conoscenza delle lingue.

25 Prossimi webinar sull esame di Stato Prossimi webinar sull esame di Stato

26

Commento allo. Schema di decreto legislativo recante norme in materia di. valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed

Commento allo. Schema di decreto legislativo recante norme in materia di. valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed Commento allo Schema di decreto legislativo recante norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed esami di Stato a norma dell articolo 1, commi 180 e 181, lettera

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO MINISTERIALE SULLO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL PRIMO CICLO, IN ATTUAZIONE DELL ART

SCHEMA DI DECRETO MINISTERIALE SULLO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL PRIMO CICLO, IN ATTUAZIONE DELL ART Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale ordinamenti scolastici e valutazione sistema nazionale di istruzione

Dettagli

Schema di Decreto legislativo valutazione ed esami di Stato

Schema di Decreto legislativo valutazione ed esami di Stato Federazione Gilda-Unams GILDA degli Insegnanti Schema di Decreto legislativo valutazione ed esami di Stato SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME IN MATERIA DI VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado A. MAiuri PoMPei anno scolastico ESAME DI STATO CONCLUSIVO del primo ciclo di istruzione Classi terze

Scuola Secondaria di I grado A. MAiuri PoMPei anno scolastico ESAME DI STATO CONCLUSIVO del primo ciclo di istruzione Classi terze Scuola Secondaria di I grado A. MAiuri PoMPei anno scolastico 2015-2016 ESAME DI STATO CONCLUSIVO del primo ciclo di istruzione Classi terze Incontro con le Famiglie 4 giugno 2016 Per affrontare con serenità

Dettagli

Anno scolastico 2011/12 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVICO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G.B. DE GASPARIS

Anno scolastico 2011/12 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVICO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G.B. DE GASPARIS Anno scolastico 2011/12 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVICO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G.B. DE GASPARIS NORMATIVA Decreto Ministeriale del 26 agosto 1981 (Criteri orientativi per gli esami di licenza

Dettagli

Prot. n. 3463/A19 Marano di Napoli, 25/05/2015

Prot. n. 3463/A19 Marano di Napoli, 25/05/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AMANZIO RANUCCI -ALFIERI P.zza Trieste e Trento n 1 Tel. 081/7426247 - Fax 081/7420440 (sede centrale) 80016 - MARANO DI NAPOLI (NA) C.M. NAIC8FU00X C.F 95186760633 Email:

Dettagli

Anno scolastico 2013/14 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVICO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G.B. DE GASPARIS

Anno scolastico 2013/14 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVICO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G.B. DE GASPARIS Anno scolastico 2013/14 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVICO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G.B. DE GASPARIS NORMATIVA Decreto Ministeriale del 26 agosto 1981 (Criteri orientativi per gli esami di licenza

Dettagli

Commento allo. Schema di decreto legislativo recante norme in materia di. valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed

Commento allo. Schema di decreto legislativo recante norme in materia di. valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed Commento allo Schema di decreto legislativo recante norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed esami di Stato a norma dell articolo 1, commi 180 e 181, lettera

Dettagli

La valutazione e la certificazione delle competenze nel I ciclo di istruzione

La valutazione e la certificazione delle competenze nel I ciclo di istruzione La valutazione e la certificazione delle competenze nel I ciclo di istruzione Dalla valutazione al miglioramento La normativa di riferimento LEGGE 13 LUGLIO, N. 107: Riforma del sistema nazionale di istruzione

Dettagli

Esame conclusivo del primo ciclo di istruzione

Esame conclusivo del primo ciclo di istruzione Allegato n.3 Esame conclusivo del primo ciclo di istruzione L'ammissione all'esame di Stato conclusivo del primo ciclo e l'esame medesimo sono atti propedeutici all accertamento della corretta frequenza

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI. Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI. Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Testo in vigore dal 20.08.2009 Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione 2. La valutazione è espressione

Dettagli

Classi terze anno scolastico ESAME DI STATO CONCLUSIVO del primo ciclo

Classi terze anno scolastico ESAME DI STATO CONCLUSIVO del primo ciclo Classi terze anno scolastico 2014-2015 { ESAME DI STATO CONCLUSIVO del primo ciclo Prima dell Esame { impegno e applicazione costante studio regolare in tutte le discipline soluzione di dubbi e incertezze

Dettagli

ESAME DI STATO STRUMENTI E SIMULAZIONI 1/22. Santina De Toni

ESAME DI STATO STRUMENTI E SIMULAZIONI 1/22. Santina De Toni ESAME DI STATO STRUMENTI E SIMULAZIONI Santina De Toni 1/22 RIFERIMENTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO n. 59 del 19.02.2004 LEGGE n. 176 del 25.10.2007 LEGGE n. 169 del 30.10.2008 D.P.R. 122 del 22 GIUGNO

Dettagli

Istituto Comprensivo Filippo De Pisis Ferrara ESAME DI STATO

Istituto Comprensivo Filippo De Pisis Ferrara ESAME DI STATO Istituto Comprensivo Filippo De Pisis Ferrara ESAME DI STATO 2014-2015 ESAME DI STATO DECRETO LEGGE 1 SETTEMBRE 2008, N. 137, CONVERTITO DALLA LEGGE 30 OTTOBRE 2008, N. 169 - ARTICOLI 2 e 3 DECRETO DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Filippo De Pisis Ferrara ESAME DI STATO

Istituto Comprensivo Filippo De Pisis Ferrara ESAME DI STATO Istituto Comprensivo Filippo De Pisis Ferrara ESAME DI STATO 2013-2014 ESAME DI STATO DECRETO LEGGE 1 SETTEMBRE 2008, N. 137, CONVERTITO DALLA LEGGE 30 OTTOBRE 2008, N. 169 - ARTICOLI 2 e 3 DECRETO DEL

Dettagli

SUGGERIMENTI OPERATIVI PER L ULTIMO ANNO DI CORSO

SUGGERIMENTI OPERATIVI PER L ULTIMO ANNO DI CORSO SUGGERIMENTI OPERATIVI PER L ULTIMO ANNO DI CORSO In attesa delle disposizioni in merito allo svolgimento degli esami di Stato per l anno scolastico in corso, si fa riferimento alla Ordinanza Ministeriale

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Forlì Corso di Laurea in Economia e Commercio

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Forlì Corso di Laurea in Economia e Commercio SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Forlì Corso di Laurea in Economia e Commercio Art. 1 Requisiti per l accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è necessario

Dettagli

PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ESAMI DI IDONEITA

PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ESAMI DI IDONEITA PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ESAMI DI IDONEITA Le iscrizioni agli esami di idoneità per le classi seconda, terza, quarta e quinta della scuola primaria e per il primo anno della scuola secondaria di primo

Dettagli

Candidati con DISABILITÀ, DSA o BES. Artt. 17 e 18 O.M. n. 37

Candidati con DISABILITÀ, DSA o BES. Artt. 17 e 18 O.M. n. 37 Candidati con DISABILITÀ, DSA o BES Artt. 17 e 18 O.M. n. 37 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104 del 3/2/1992 Nota prot. n.1787 dell 1/3/2005 relativa agli alunni affetti da dislessia Legge n. 170 dell

Dettagli

Il credito scolastico e il credito formativo. Il D.M. n. 99/2009: le tabelle del credito

Il credito scolastico e il credito formativo. Il D.M. n. 99/2009: le tabelle del credito Il credito scolastico e il credito formativo Il D.M. n. 99/2009: le tabelle del credito Secondo le normative vigenti, gli studenti alla fine dell anno scolastico conseguiranno la promozione alla classe

Dettagli

Relazione del Presidente di commissione dell esame di Stato Scuola secondaria di I grado

Relazione del Presidente di commissione dell esame di Stato Scuola secondaria di I grado Relazione del Presidente di commissione dell esame di Stato Scuola secondaria di I grado Informazioni sul Presidente Qualifica del Presidente 1. Dirigente scolastico 2. Docente 3. Personale in quiescenza

Dettagli

INTESTAZIONE SCUOLA VERBALE SCRUTINI SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO CLASSI III

INTESTAZIONE SCUOLA VERBALE SCRUTINI SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO CLASSI III INTESTAZIONE SCUOLA VERBALE SCRUTINI SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO CLASSI III Il giorno, alle ore, presso la sede dell Istituto si riunisce il Consiglio di Classe della con la sola presenza dei docenti,

Dettagli

ESAME DI STATO I CICLO ISTRUZIONE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO ED INDICAZIONI OPERATIVE

ESAME DI STATO I CICLO ISTRUZIONE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO ED INDICAZIONI OPERATIVE ESAME DI STATO I CICLO ISTRUZIONE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO ED INDICAZIONI OPERATIVE 1. AMMISSIONE ALL ESAME Ai fini dell ammissione all esame di licenza media è necessario che l alunno/a abbia frequentato

Dettagli

apprendimenti delle alunne e degli alunni nel primo ciclo, ivi compresa la valutazione

apprendimenti delle alunne e degli alunni nel primo ciclo, ivi compresa la valutazione Non sono molte le novità del Decreto n.66, Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, attuativo della Legge 107/2015. Molte sono le norme già esistenti

Dettagli

Esami di stato. Istruzioni per l uso

Esami di stato. Istruzioni per l uso Esami di stato Istruzioni per l uso La normativa Decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 2009, n. 122 Legge 8 ottobre 2010, n. 170 Decreto Ministeriale del Luglio 2011 sui DSA e Linea guida allegata.

Dettagli

Criteri di valutazione e attribuzione crediti. Scrutini finali A.S

Criteri di valutazione e attribuzione crediti. Scrutini finali A.S Criteri di valutazione e attribuzione crediti Scrutini finali A.S. 2015-2016 Quadro normativo di riferimento DPR 249/98 e successive modifiche: Statuto degli Studenti e delle Studentesse OM 128/99: norme

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 217 Norme per lo svolgimento degli esami di Stato nella sezione ad opzione internazionale cinese funzionante presso il Convitto nazionale

Dettagli

B. PRESENTAZIONE DELL ESAME

B. PRESENTAZIONE DELL ESAME ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. Sacco Istituto Tecnico Economico Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera SANT ARSENIO (SA) Istituzione Scolastica/ Formativa REGIONE

Dettagli

Corso di Specializzazione per il Sostegno Università di Pisa

Corso di Specializzazione per il Sostegno Università di Pisa Corso di Specializzazione per il Sostegno Università di Pisa Orientamento, Progetto di Vita e Alternanza Scuola Lavoro " " A cura di M. Gabriella Bonomi M. Gabriella Bonomi 1 Esame di Stato della scuola

Dettagli

MODULO 1 LEGISLAZIONE SCOLASTICA PER L'INCLUSIONE

MODULO 1 LEGISLAZIONE SCOLASTICA PER L'INCLUSIONE PERCORSI FORMATIVI RIVOLTI AI DOCENTI SPECIALIZZATI SUL SOSTEGNO SUI TEMI DELLA DISABILITA' PER LA PROMOZIONE DI FIGURE DI COORDINAMENTO MODULO 1 LEGISLAZIONE SCOLASTICA PER L'INCLUSIONE DOCENTE Dott.ssa

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO ISTRUZIONI PER L USO La valutazione finale è, per la scuola, una verifica dell efficacia delle azioni messe in atto per favorire il raggiungimento di livelli d apprendimento adeguati alle capacità di ciascuno.

Dettagli

Esame di Stato conclusivo del primo ciclo d istruzione

Esame di Stato conclusivo del primo ciclo d istruzione Esame di Stato conclusivo del primo ciclo d istruzione Circolare n.48 del 31 maggio 2012 Istruzioni a carattere permanente Possibili future modifiche e adattamenti Ammissione agli esami Decisa dal Consiglio

Dettagli

Primo percorso Programmazione riconducibile agli obiettivi minimi previsti dai programmi

Primo percorso Programmazione riconducibile agli obiettivi minimi previsti dai programmi Chiarimenti sulla Programmazione Semplificata (Obiettivi Minimi) e Differenziata (Obiettivi Differenziati, non riconducibili ai programmi della classe) per gli alunni con disabilità. Ci sono due percorsi

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO ISTRUZIONI PER L USO La valutazione finale è, per la scuola, una verifica dell efficacia delle azioni messe in atto per favorire il raggiungimento di livelli d apprendimento adeguati alle capacità di ciascuno.

Dettagli

Decreti legislativi attuativi della legge 13 luglio 2015, n DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA N. 23/L

Decreti legislativi attuativi della legge 13 luglio 2015, n DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA N. 23/L Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 112 del 16 maggio 2017 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Gavirate

Istituto Comprensivo Statale di Gavirate Istituto Comprensivo Statale di Gavirate CRITERI PER LO SVOLGIMENTO E LA VALUTAZIONE DEGLI ESAMI DI STATO A CONCLUSIONE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE A.s. 2010/2011 QUADRO NORMATIVO Circ. n. Decreto legislativo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E DELLE RELAZIONI SINDACALI (Counsellor of labour law and labour relations) (CLASSE L-14) (Emanato con

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE N. 300 Norme per lo svolgimento degli esami di Stato nelle sezioni di liceo scientifico ad opzione internazionale cinese

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE N. 20 del 9 febbraio 2004 Norme per lo svolgimento degli esami di Stato nelle sezioni ad opzione internazionale tedesca funzionanti

Dettagli

GLI ESAMI DI QUALIFICA SI ARTICOLANO IN DUE FASI: PRIMA FASE

GLI ESAMI DI QUALIFICA SI ARTICOLANO IN DUE FASI: PRIMA FASE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel: 035 250547 035 253492 Fax: 035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

Novità per gli esami di stato ma solo dal 2018! a cura di Enrica Maria Bianchi e Barbara Urdanch

Novità per gli esami di stato ma solo dal 2018! a cura di Enrica Maria Bianchi e Barbara Urdanch Novità per gli esami di stato ma solo dal 2018! a cura di Enrica Maria Bianchi e Barbara Urdanch È di metà gennaio 2017 il comunicato stampa del MIUR che dà via libera ad alcuni decreti legislativi di

Dettagli

Circ. n. 277 Saronno, 26 aprile 2017

Circ. n. 277 Saronno, 26 aprile 2017 Circ. n. 277 Saronno, 26 aprile 2017 AI DOCENTI AGLI STUDENTI CLASSI 3AFL, CLASSI 3BFM, AL DSGA S E D E OGGETTO: Modalità e calendario prove esami di qualifica IeFP a.s. 2016/17. Vista il decreto n. 4377

Dettagli

La dislessia e le specificità dell'apprendente di lingue dislessico aspetti scientifici e normativi

La dislessia e le specificità dell'apprendente di lingue dislessico aspetti scientifici e normativi La dislessia e le specificità dell'apprendente di lingue dislessico aspetti scientifici e normativi A cura di: prof.ssa Saveria Cucè Legge 170/2010 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI Nuove norme in materia

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII

DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII DECRETO MINISTERIALE n.29 del 16-3-2007 Norme per lo svolgimento degli esami di Stato nelle sezioni ad opzione internazionale

Dettagli

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2008/2009

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2008/2009 ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Il presente documento fornisce, in forma schematica, sintetiche indicazioni relative alla sequenza dei principali adempimenti

Dettagli

Esame di Stato Normativa e indicazioni

Esame di Stato Normativa e indicazioni Esame di Stato 2009 Normativa e indicazioni Requisiti per l ammissione Sono ammessi all'esame di Stato gli alunni che abbiano frequentato l'ultimo anno di corso, siano stati valutati positivamente in sede

Dettagli

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali Art. 1 Requisiti per l accesso al corso Conoscenze richieste per l accesso Per essere ammessi al corso di laurea

Dettagli

CALENDARIO ANNUALE DELLE RIUNIONI COLLEGIALI

CALENDARIO ANNUALE DELLE RIUNIONI COLLEGIALI Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado DON CHENDI Tresigallo Via Franceschini, 2 Tel/fax 0533/607748 www.icdonchenditresigallo.it feic803001@istruzione.it ANNO SCOLASTICO

Dettagli

La questione della valutazione nella Scuola Inclusiva

La questione della valutazione nella Scuola Inclusiva La questione della valutazione nella Scuola Inclusiva Paola Damiani USR per il Piemonte Una questione preliminare LA CULTURA DELLA VALUTAZIONE QUALI IDEE SULLA VALUTAZIONE? QUALI IDEE SULLA VALUTAZIONE

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del )

LEGGE 8 ottobre 2010, n Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del ) ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA www.dislessia.it Sezione di Vicenza Verifica e valutazione Prove Invalsi Esami di Stato Maria Rita Cortese Docente Formatore AID Vicenza, 18.02.2017 LEGGE 8 ottobre 2010,

Dettagli

CRITERI per la valutazione finale (Collegio Docenti del 14 maggio 2014) In particolare, il C.d.C., su indicazione dei singoli docenti, terrà conto:

CRITERI per la valutazione finale (Collegio Docenti del 14 maggio 2014) In particolare, il C.d.C., su indicazione dei singoli docenti, terrà conto: Principi generali CRITERI per la valutazione finale (Collegio Docenti del 14 maggio 2014) La valutazione poggia su criteri coerenti esplicitati nelle linee guida indicate nel POF. Considera che tutte le

Dettagli

L esame di Stato conclusivo del primo ciclo dell'istruzione

L esame di Stato conclusivo del primo ciclo dell'istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBINEA Via Quasimodo, 2 42020 Albinea (RE) Tel. 0522/597118 Fax. 0522/348434 e-mail:info@icalbinea.gov.it Sito: www.icalbinea.gov.it L esame di Stato conclusivo del primo ciclo

Dettagli

Anno Scolastico 20 / 20

Anno Scolastico 20 / 20 REGISTRO DEI VERBALI SA G G I O G R A T U I TO (Denominazione e sede dell istituzione scolastica) Anno Scolastico 20 / 20 ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGISTRO DEI VERBALI DELLA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e in particolare, l articolo 193;

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e in particolare, l articolo 193; ORDINANZA MINISTERIALE N. 52 dell 8 giugno 2012 Prot. n. 3564 Disposizioni per il riconoscimento della validità dell anno scolastico 2011/2012 e per l effettuazione degli scrutini e degli esami nei comuni

Dettagli

Esami conclusivi del 2 ciclo di istruzione. Giugno 2012

Esami conclusivi del 2 ciclo di istruzione. Giugno 2012 Esami conclusivi del 2 ciclo di istruzione Giugno 2012 www.istruzioneer.it Materiali incontro 12.6.2012 Linee guida in materia di Esami conclusivi per gli allievi con handicap certificato in base alla

Dettagli

Estratto bozza decreto concorso docenti

Estratto bozza decreto concorso docenti Estratto bozza decreto concorso docenti Aggiorniamo le notizie riguardo la procedura concorsuale con la pubblicazione della bozza del bando riguardante lo svolgimento delle prove e la valutazione dei titoli.

Dettagli

FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA

FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Regolamento del Corso di Laurea in Requisiti di accesso Per essere ammessi al Corso di Laurea è necessario il possesso di Diploma di scuola media superiore di durata

Dettagli

Per una didattica inclusiva. BES e DSA all Esame di Stato

Per una didattica inclusiva. BES e DSA all Esame di Stato Per una didattica inclusiva BES e DSA all Esame di Stato Il P.E.I. OBIETTIVI MINIMI --------------- PROVE EQUIPOLLENTI DIFFERENZIATO----------------- PROVE DIFFERENZIATE in base agli obiettivi dichiarati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Poppi

Istituto Comprensivo Statale di Poppi Istituto Comprensivo Statale di Poppi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA ISTITUZIONE SCOLASTICA: ANNO SCOLASTICO: ALUNNO:. 1. Dati generali Nome e cognome Data di nascita Classe Insegnante

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME SULLA VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL PRIMO CICLO ED ESAMI DI STATO A NORMA DELL ARTICOLO 1, COMMI 180, 181 E 182, DELLA LEGGE 13 LUGLIO 2015,

Dettagli

ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI

ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI IeFP DELLA REGIONE LOMBARDIA Disposizioni applicative per l anno scolastico e formativo 2014-15 DDUO n.12550/2013 Approvazione delle indicazioni

Dettagli

Circ. n. 264 Saronno, 15 aprile 2015

Circ. n. 264 Saronno, 15 aprile 2015 Circ. n. 264 Saronno, 15 aprile 2015 AI DOCENTI AGLI STUDENTI CLASSI 3AFL, CLASSI 3BFT, CLASSI 4BFM, AL DSGA S E D E OGGETTO: Modalità e calendario prove esami di qualifica IeFP a.s. 2015/16. Vista la

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA Anno scolastico 2015/2016

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA Anno scolastico 2015/2016 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA Anno scolastico 2015/2016 MESE DATA e ORARIO ATTIVITA ORDINE DEL GIORNO - CONTENUTI COORDINATORE /I SETTEMBRE 01/09/2015 Presa di servizio personale docente 01/09/2015 Collegio

Dettagli

La certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione

La certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione La certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione Dalle sperimentazioni ai modelli nazionali Maria Rosa Silvestro Padova, 19 maggio 2017 I riferimenti normativi DPR 275/1999, art. 10, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza E istituito presso l Universita degli Studi di Torino, Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche

Dettagli

e, in particolare, l'articolo 6;

e, in particolare, l'articolo 6; - Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca AOOUFGAB - Ufficio del Gabinetto del MIUR REGISTRO DECRETI Prot. n. 0000741-03/10/2017 - REGISTRAZIONE Titolario: 0\_0\_06 Visto il decreto del

Dettagli

DSA ED ESAME DI STATO

DSA ED ESAME DI STATO DSA ED ESAME DI STATO ESAMI DI STATO La Commissione, considerati gli elementi forniti del verbale del Consiglio di classe e dall allegato al Documento del 15 maggio, contenente le modalità di svolgimento

Dettagli

d e l i b e r a (n. 17)

d e l i b e r a (n. 17) Criteri per la conduzione degli scrutini di II Quadrimestre: delibera. Il D.s. riassume brevemente le indicazioni del Ministero relativamente alla valutazione finale [L. 169/08, C. M. n. 10 del 23/01/09,

Dettagli

La valutazione. a.s.2013/14 Formazione docenti neo-assunti. Maria TORELLI. Ufficio Scolastico Regionale Piemonte

La valutazione. a.s.2013/14 Formazione docenti neo-assunti. Maria TORELLI. Ufficio Scolastico Regionale Piemonte La valutazione a.s.2013/14 Formazione docenti neo-assunti Maria TORELLI Ufficio Scolastico Regionale Piemonte La normativa DPR 122/2009 D.Lgs 59/04 frequenza di almeno tre quarti dell'orario annuale personalizzato

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE INCONTRI REGIONALI

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE INCONTRI REGIONALI SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE INCONTRI REGIONALI Il sistema delle prove INVALSI nel decreto legislativo n. 62 del 13.04.2017 - PRIMO CICLO D ISTRUZIONE - INVALSI Il decreto legislativo n. 62 del 13

Dettagli

ITS Bandini Siena - Decreto 99/2009 istitutivo della lode e modificativo del credito pag. 1/4

ITS Bandini Siena - Decreto 99/2009 istitutivo della lode e modificativo del credito pag. 1/4 ITS Bandini Siena - Decreto 99/2009 istitutivo della lode e modificativo del credito pag. 1/4 Decreto Ministeriale n. 99 Criteri per l attribuzione della lode nei corsi di studio di istruzione secondaria

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante norme in materia di. valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed

Schema di decreto legislativo recante norme in materia di. valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed Commento allo Schema di decreto legislativo recante norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze del primo ciclo ed esami di Stato a norma dell articolo 1, commi 180 e 181, lettera

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Mediazione culturale. Classe di laurea L-12

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Mediazione culturale. Classe di laurea L-12 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Mediazione culturale Classe di laurea L-12 Dipartimento di riferimento: Lingue e Letterature, Comunicazione,

Dettagli

COMUNICATO N Ai Docenti Coordinatori Consigli di classe del triennio. OGGETTO: Attribuzione crediti scolastici e formativi

COMUNICATO N Ai Docenti Coordinatori Consigli di classe del triennio. OGGETTO: Attribuzione crediti scolastici e formativi L I C E O G I N N A S I O S T A T A L E A N T O N I O C A N O V A LICEO CLASSICO - LICEO LINGUISTICO VIA MURA DI SAN TEONISTO, 16-31100 TREVISO COMUNICATO N. 0700 Ai Docenti Coordinatori Consigli di classe

Dettagli

La valutazione degli alunni

La valutazione degli alunni La valutazione degli alunni La valutazione degli studenti, è comprensiva del voto di comportamento, in base all articolo 2 della legge 169/2008. La valutazione degli apprendimenti per le varie discipline

Dettagli

VALUTAZIONE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

VALUTAZIONE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE VALUTAZIONE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Il Collegio dei Docenti, coerentemente con le scelte indicate per la valutazione finale, intende valorizzare il percorso triennale dell alunno e contemporaneamente

Dettagli

SETTEMBRE ESAMI INTEGRATIVI ED IDONEITA (08/09 10/09) DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

SETTEMBRE ESAMI INTEGRATIVI ED IDONEITA (08/09 10/09) DIPARTIMENTI DISCIPLINARI GIORNO ATTIVITA N ORE SETTEMBRE 01.09.2015 Ore 09,00 12,00 Aula Montalcini COLLEGIO DOCENTI 1) Approvazione verbale seduta precedente; 2) Designazione dei collaboratori e del vicario del dirigente scolastico;

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA E CONSERVAZIONE DELLE OPERE D'ARTE PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti curriculari

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica - Uff. Sesto DECRETO MINISTERIALE

Dettagli

Regolamento in materia di Riconoscimento CFU, Esami di profitto e prova finale

Regolamento in materia di Riconoscimento CFU, Esami di profitto e prova finale Regolamento in materia di Riconoscimento CFU, Esami di profitto e prova finale Art. 1- Finalità del Regolamento e ambito di applicazione Art. 2- Riconoscimento di crediti Art. 3- Esami di profitto Art.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Ingegneria Elettronica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Ingegneria Elettronica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Ingegneria Elettronica Classe di laurea n. L-8 (Ingegneria dell'informazione) Dipartimento Politecnico di Ingegneria

Dettagli

Esami di Stato Manuel Luise USP Padova

Esami di Stato Manuel Luise USP Padova Manuel Luise USP Padova Date 21 giugno 2010 riunione preliminare (21/06/10 ore 15,30 Ruzza conferenza di servizio) 22 giugno 2010 prima prova 23 giugno 2010 seconda prova 25 giugno 2010 terza prova 28

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 214 Norme per lo svolgimento per l'anno scolastico 2014/2015 degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria

Dettagli

P er frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie della

P er frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie della SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie della Prevenzione Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso N u mero programmato Il corso di laurea magistrale

Dettagli

OrizzonteScuola.it IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

OrizzonteScuola.it IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Schema di decreto legislativo recante Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato a norma dell articolo 1, commi 180 e 181, lettera i) della legge

Dettagli

INTESTAZIONE SCUOLA VERBALE SCRUTINI SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO CLASSE I o II

INTESTAZIONE SCUOLA VERBALE SCRUTINI SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO CLASSE I o II INTESTAZIONE SCUOLA VERBALE SCRUTINI SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO CLASSE I o II Il giorno, alle ore, presso la sede dell Istituto si riunisce il Consiglio di Classe della con la sola presenza dei docenti,

Dettagli

ISTITUTO ANNO SCOLASTICO. Indirizzo CLASSE: _ ALLIEVO:

ISTITUTO ANNO SCOLASTICO. Indirizzo CLASSE: _ ALLIEVO: ISTITUTO Indirizzo PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ANNO SCOLASTICO CLASSE: _ ALLIEVO: 1. DATI SCOLASTICI In possesso di Diagnosi Specialistica di DSA: SI NO se SI, aggiornata al / / Alunni presenti in classe

Dettagli

Istruzione secondaria superiore: credito scolastico e recupero dei debiti formativi Decreto Ministero Istruzione (Gesuele Bellini)

Istruzione secondaria superiore: credito scolastico e recupero dei debiti formativi Decreto Ministero Istruzione (Gesuele Bellini) Istruzione secondaria superiore: credito scolastico e recupero dei debiti formativi Decreto Ministero Istruzione 22.05.2007 (Gesuele Bellini) Il Ministro della Pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni, ha

Dettagli

E-book gratuito a cura di Nino Sabella - redazione Orizzonte Scuola Legge 107/ Decreti Attuativi:

E-book gratuito a cura di Nino Sabella - redazione Orizzonte Scuola Legge 107/ Decreti Attuativi: E-book gratuito a cura di Nino Sabella - redazione Orizzonte Scuola Legge 107/2015 - Decreti Attuativi: VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL PRIMO CICLO ED ESAMI DI STATO (D.lgs.n. 62/2017)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE A037 - Filosofia e Storia Il tirocinio formativo attivo (TFA) di cui

Dettagli

Regolamento di accesso al Corso di Laurea in Ingegneria Informatica per l anno accademico 2016/2017

Regolamento di accesso al Corso di Laurea in Ingegneria Informatica per l anno accademico 2016/2017 Regolamento di accesso al Corso di Laurea in Ingegneria Informatica per l anno accademico 2016/2017 Il presente Regolamento definisce i requisiti necessari per l immatricolazione al corso di laurea in

Dettagli

LA PROVA INVALSI D ITALIANO E MATEMATICA COMPUTER BASED (CBT) PER LA TERZA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S

LA PROVA INVALSI D ITALIANO E MATEMATICA COMPUTER BASED (CBT) PER LA TERZA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S LA PROVA INVALSI D ITALIANO E MATEMATICA COMPUTER BASED (CBT) PER LA TERZA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2017 18 LE CARATTERISTICHE DELLE PROVE E IL LORO SVOLGIMENTO 1 A.S. 2017 18 La prova INVALSI di

Dettagli

IL NUOVO ESAME DI STATO

IL NUOVO ESAME DI STATO IL NUOVO ESAME DI STATO Le novità 1 Principali riferimenti normativi Legge n. 497 del 10/12/97 DPR n. 323/1998 (Regolamento) per le parti compatibili con la L. n. 1/2007 L. n. 1/2007 C.M. n. 5/2007 O.M.

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE INCONTRI REGIONALI

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE INCONTRI REGIONALI SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE INCONTRI REGIONALI Il sistema delle prove INVALSI nel decreto legislativo n. 62 del 13.04.2017 - PRIMO CICLO D ISTRUZIONE - INVALSI Il decreto legislativo n. 62 del 13

Dettagli

CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. n. 82 del (Pubblicato sulla G.U. IVa serie concorsi n. 75 del )

CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. n. 82 del (Pubblicato sulla G.U. IVa serie concorsi n. 75 del ) CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. n. 82 del 24.9.2012 (Pubblicato sulla G.U. IVa serie concorsi n. 75 del 25.9.2012) Autorizzazione Dpcm 12.9.2012 Registrato alla Corte dei Conti il 24.9.2012

Dettagli

Per l'accesso al corso di laurea magistrale sono altresì richiesti i seguenti requisiti curriculari:

Per l'accesso al corso di laurea magistrale sono altresì richiesti i seguenti requisiti curriculari: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E POLITICA ECONOMICA Premessa : Il Corso di Laurea Magistrale in Economia e Politica Economica

Dettagli

Proposte per un approccio metacognitivo all informatica a sostegno dei processi di apprendimento

Proposte per un approccio metacognitivo all informatica a sostegno dei processi di apprendimento Proposte per un approccio metacognitivo all informatica a sostegno dei processi di apprendimento Giuseppe Albano Coordinatore Nazionale AICA-ANFOR Programma LOGIC La proposta «LOGIC» Destinatari Docenti

Dettagli

Comunicato Docenti n. 348 Comunicato Alunni n. 197 Porretta Terme 12/04/2016

Comunicato Docenti n. 348 Comunicato Alunni n. 197 Porretta Terme 12/04/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE M. Montessori L. Da Vinci Via della Repubblica, 3 40046 Porretta Terme C.F. 80071330379 - Tel. 0534/521211 Fax 0534/23098 bois00100p@istruzione.it www.scuolamontessoridavinci.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca cod. mecc. RMIS069006 rmis069006@istruzione.it C.F. 97089790584 Sede Centrale: Via D. Parasacchi, 21-062003140-0620686637 fax062003026 Roma, 30 agosto 2017-0622468129 AL COLLEGIO DEI DOCENTI e per conoscenza

Dettagli