CARATTERISTICHE PRIMARIE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE PRIMARIE"

Transcript

1 IL PERCORSO DI PRESA IN CARICO MULTIMODALE DEL DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E IPERATTIVITA. L INTERVENTO PSICOLOGICO Risultati di un esperienza pilota Dott.ssa Vanzin Laura Dott.ssa Valli Angela

2 Il Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività (ADHD) CARATTERISTICHE PRIMARIE DISATTENZIONE Disturbo di attenzione focale e sostenuta Distraibilità da stimoli banali Difficile esecuzione di compiti scolastici, attività quotidiane, gioco Difficoltà nel seguire un discorso Incapacità di auto-organizzazione Interruzione di attività iniziate Evitamento di attività che richiedono sforzo cognitivo Ruolo parziale della motivazione

3 Il Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività (ADHD) CARATTERISTICHE PRIMARIE IMPULSIVITA Difficoltà di controllo comportamentale Incapacità a differire la risposta automatica ad uno stimolo (es. una domanda) Scarsa capacità di riflessione Difficoltà a rispettare il proprio turno Tendenza ad interrompere gli altri Difficoltà nel valutare le conseguenze di una azione Tendenza ad esporsi a situazioni pericolose, con possibili danni fisici

4 Il Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività (ADHD) CARATTERISTICHE PRIMARIE IPERATTIVITA Incapacità di star fermi Attività motoria incongrua e afinalistica Gioco rumoroso e disorganizzato Eccessive verbalizzazioni Sensazione soggettiva di instabilità e tensione (adolescenti ed adulti) Limitate possibilità di inibizione motoria

5 CARATTERISTICHE SECONDARIE Difficoltà nella risoluzione dei problemi (risposte impulsive, incapacità di regolare il proprio comportamento servendosi di un dialogo interno ) Bassa autostima e scarsa opinione di sé, anche a causa delle ripetute esperienze di insuccesso Difficoltà nel gestire i rapporti sociali con i coetanei Difficoltà emotive (difficoltà nella gestione di emozioni come la rabbia, la vergogna, la frustrazione) Aggressività verbale o fisica

6 QUANDO SI PUÒ PARLARE DI DISTURBO? Presenza di una costellazione di sintomi Stabilità del quadro sintomatologico (al di là di un momento transitorio di stress legato, ad es., ad un cambiamento significativo nella vita del bambino) I sintomi sono presenti in contesti differenti e osservati da persone diverse, oltre i genitori I sintomi interferiscono con la capacità del bambino ad affrontare le sfide evolutive, compromettendo quindi il suo funzionamento in diverse aree

7 ADHD COME DISTURBO DI AUTOREGOLAZIONE: Difficoltà nel mantenere l attenzione Incapacità di trattenere risposte impulsive Difficoltà nello sviluppo di abilità di elaborazione delle informazioni e di costruzione di efficaci strategie di risoluzione dei problemi (Douglas 1983) Processi attributivi di costruzione dell autostima e di rappresentazione del sé (Borkowski, 1998) Mancato sviluppo dei processi cognitivi e comportamentali che portano all autoregolazione (Luria, 1961; Vygotski, 1960) -difficoltà di comportamento -difficoltà di relazione con i coetanei -scarsa capacità di regolazione emotiva

8 I POSSIBILI TRATTAMENTI APPROCCIO MULTIMODALE che combina BAMBINO - INTERVENTO PSICOLOGICO GENITORI INSEGNANTI - INTERVENTO FARMACOLOGICO

9 TRATTAMENTO MULTIMODALE PER L ADHD MTA Cooperative Group, bambini dai 7 ai 9.9 anni di età seguiti per un periodo di 24 mesi (inclusi i 14 mesi di intervento) che hanno ricevuto interventi farmacologici e/o interventi non farmacologici (interventi psicoeducativi, interventi sulle abilità sociali dei bambini, parent training, interventi sugli insegnanti) Risultati: il trattamento farmacologico, rispetto ai trattamenti psicoeducativi e comportamentali, è il più efficace nel risolvere i sintomi cardine del disturbo il trattamento combinato risulta essere quello di elezione in presenza di disabilità di tipo funzionale (sintomi di oppositività, aggressività, ansia, deficit nelle abilità sociali e di relazione con in genitori) risultati mantenuti -anche se attenuati- dopo 10 mesi dal trattamento

10 La combinazione del trattamento farmacologico con l intervento psicoeducativo appare più vantaggiosa del trattamento esclusivamente farmacologico in quanto: Migliora le relazioni con i coetanei Aumenta la soddisfazione del genitore al trattamento Permette di usare dosi minori di farmaci Allarga lo spettro di intervento

11 OBIETTIVI DELLA RICERCA Valutare l efficacia dei percorsi di parent training e di child training nel ridurre i comportamenti problematici legati all ADHD Valutare le ricadute che i cambiamenti dello stile educativo possono avere sulla modalità di funzionamento del bambino

12 STRUMENTI DI VALUTAZIONE Conners Rating Scale Scala per la valutazione comprensiva dei problemi comportamentali e psicopatologici nei bambini e negli adolescenti con particolare attenzione alla valutazione dei sintomi presenti nel Disturbo dell Attenzione/Iperattività Child Behavior Checklist Strumento di assessment standardizzato che valuta un ampio spettro della psicopatologia dell età evolutiva indagando sia le problematiche di tipo internalizzante che quelle di tipo esternalizzante

13 Conners Rating Scale Oppositività Problemi Cognitivi/ Disattenzione Iperattività Ansia-Timidezza Perfezionismo Problemi Sociali Dist Psicosomatici ADHD Index Conners Global Index (CGI) DSM-IV sottoscale

14

15 mamma papà

16 CBCL 6-18 Competenze Attività Socialità Scuola Totale Problemi emotivo comportamentali Ritiro Lamentele Somatiche Ansia / Depressione Problemi Sociali Problemi di Pensiero Problemi di Attenzione Comportamento delinquenziale Comportamento aggressivo Altri problemi

17 Scale sindromiche 6-18 INTERNALIZZAZIONE ESTERNALIZZAZIONE Ansia/Depressione Ritiro/Depressione Lamentele Somatiche Comportamento di trasgressione delle regole Comportamento aggressivo Problemi sociali Problemi di pensiero Problemi attentivi

18

19

20

21 Scoring

22

23

24

25 I GENITORI DI 45 BAMBINI HANNO SEGUITO UN PERCORSO DI PARENT TRAINING, 20 BAMBINI HANNO SEGUITO UN TRAINING METACOGNITIVO DI GRUPPO 20 TMC 45 PT

26 IMPORTANZA DI UN APPROCCIO INEGRATO, CHE COINVOLGA LE DIVERSE AGENZIE EDUCATIVE PARENT TRAINING DIVERSE RICERCHE, MA ANCHE LA PRATICA CLINICA, METTONO IN EVIDENZA CHE LE FAMIGLIE DEI GENITORI DEI BAMBINI CON PROBLEMI COMPORTAMENTALI ATTUANO STRATEGIE EDUCATIVE DISFUNZIONALI O, COMUNQUE, NON EFFICACI NEL RIDURRE LA PROBLEMATICITÀ DELLA SITUAZIONE E NELL INCREMENTARE I PUNTI DI FORZA CHE I FIGLI PRESENTANO INDISPENSABILE AIUTARE I GENITORI A STRUTTURARE UN AMBIENTE CHE FAVORISCA L AUTOREGOLAZIONE ELA RIFLESSIVITA DEL BAMBINO Basato sul trattamento manualizzato da Claudio Vio, Gian Marco Marzocchi e Francesca Offredi: IL BAMBINO CON DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA Diagnosi psicologica e formazione del genitori. (Erickson 2006)

27 OBIETTIVi: - comprendere quali sono gli scopi dell intervento e acquisire aspettative adeguate rispetto ai risultati che possono essere raggiunti - avere informazioni corrette rispetto alle difficoltà del bambino e ai possibili trattamenti - individuazione e rielaborazione delle attribuzioni disfunzionali - incrementare i punti di forza del figlio e aumentare la frequenza dei comportamenti desiderabili attraverso il rinforzo - contestualizzare la manifestazione dei comportamenti problematici, riconoscere l importanza degli antecedenti e delle conseguenze, considerando le diverse figure coinvolte - facilitare la gestione comportamentale del bambino creando un ambiente prevedibile, con regole chiare e condivise - apprendimento di tecniche per la gestione dei comportamenti problematici: costo della risposta, estinzione e time out - come anticipare la comparsa dei comportamenti problematici e apprendimento dei principi del Problem Solving

28 A chi è rivolto: genitori di bambini con ADHD tra 7 e 15 anni possibilmente presenti mamma e papà Procedura: 12 incontri quindicinali della durata di 90 minuti sedute in gruppo composto da 5 coppie di genitori Vantaggi rispetto agli interventi individuali: - possibilità di confrontare le diverse situazioni familiari e di vedere utilizzate diverse tecniche di intervento e quindi verificarne l efficacia; - può aiutare a sentirsi meno isolati rispetto alle problematiche da affrontare; - possibilità che tra genitori nasca spontanea una spinta imitativa nel ricercare comportamenti corretti rispetto alle problematiche del figlio

29 IL NOSTRO CAMPIONE N=40 % maschi 35 87,5 femmine 5 12,5 min max media DS FASCIA ETA età ,4 2, QI ,69 13,3 100,22 98,5 SES ,90 19,7 55,71 50

30 DIAGNOSI ADHD 74% 13% disattento iperattivo combinato 13% CODIAGNOSI 56% 5% 5% 2% 32% no altra diagnosi dist apprendimento dist emotivi tic, tourette balbuzie

31 25,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training * * Punteggi Grezzi 20,00 15,00 pre PT post PT 10,00 5,00 * *,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 A = oppositività B = problemi cognitivi C = iperattività D = ansia timidezza E = perfezionismo ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

32 25,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training * * Punteggi Grezzi OPPOSITIVITÀ: 20,00 15,00 10,00 5,00,00 Gli item che compongono questa scala si riferiscono alla tendenza a violare le regole, sfidare gli adulti, rifiutarsi di svolgere quanto richiesto, incolpare gli altri per i propri errori, essere dispettosi e vendicativi. Inoltre indica la tendenza ad irritarsi * facilmente, arrabbiarsi, perdere la * pazienza, essere permaloso e facilmente infastidito dagli altri età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 pre PT post PT A = oppositività B = problemi cognitivi C = iperattività D = ansia timidezza E = perfezionismo ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

33 25,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi * * PROBLEMI COGNITIVI: 20,00 15,00 10,00 5,00,00 Difficoltà negli apprendimenti (in matematica, ortografia, calligrafia disordinata) Scarsa tolleranza alla frustrazione (evita di impegnarsi in compiti che richiedono sforzo mentale, abbandona i compiti * iniziati, necessita un affiancamento per portare * a termine i lavori) Difficoltà nell organizzare l attività scolastica (perde il materiale, non segue le C = iperattività istruzioni) età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 A = oppositività B = problemi cognitivi D = ansia timidezza E = perfezionismo pre PT post PT ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

34 25,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training * * Punteggi Grezzi IPERATTIVITÀ: 20,00 15,00 Componenti di iperattività (è sempre in movimento, non sta seduto a tavola, corre e si arrampica dove non dovrebbe) pre PT post PT 10,00 5,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 Impulsività (fatica ad * aspettare il suo turno, * risponde prima che la domanda sia stata completata, è impulsivo) A = oppositività B = problemi cognitivi C = iperattività D = ansia timidezza E = perfezionismo ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

35 25,00 20,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training * ANSIA TIMIDEZZA: * Punteggi Grezzi 15,00 10,00 5,00 Gli item si riferiscono all essere emotivo e sensibile alle critiche, ansioso in situazioni poco familiari, timido e riservato. Comprendono anche la paura del buio, degli animali/insetti, di stare da solo. * * pre PT post PT,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 A = oppositività B = problemi cognitivi C = iperattività D = ansia timidezza E = perfezionismo ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

36 25,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training * * Punteggi Grezzi 20,00 PERFEZIONISMO: 15,00 10,00 5,00 Si riferisce alla tendenza a porsi obiettivi molto alti e al desiderio, da parte del bambino, che ogni cosa sia fatta come vuole lui * * pre PT post PT,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 A = oppositività B = problemi cognitivi C = iperattività D = ansia timidezza E = perfezionismo ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

37 25,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi 20,00 15,00 pre PT post PT 10,00 5,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 H = indice ADHD I =CGI (I-I) J CGI (I-E) K = CGI (T) ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

38 25,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi 20,00 15,00 10,00 5,00 INDICE ADHD composto da item che si riferiscono a: - difficoltà nel mantenere la concentrazione - irrequietezza ed impulsività - scarsa tolleranza alla frustrazione, riluttanza nell impegnarsi in compiti che richiedono sforzo mentale. pre PT post PT,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 H = indice ADHD I =CGI (I-I) J CGI (I-E) K = CGI (T) ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

39 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi CONNERS GLOBAL INDEX IRREQUIETEZZA IMPULSIVITÀ: Contiene item relativi all eccitabilità, al non portare a termine quello che si comincia, distrarsi facilmente, disturbare gli altri bambini, pretendere che le proprie richieste vengano soddisfatte immediatamente età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 H = indice ADHD I =CGI (I-I) J CGI (I-E) K = CGI (T) pre PT post PT ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

40 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi CONNERS GLOBAL INDEX, TOTALE: Si riferisce ad aspetti relativi alla labilità emotiva (va spesso in collera, piange spesso, cambia umore improvvisamente e rapidamente) e ad aspetti di irrequietezza impulsività (è irrequieto, iperattivo, eccitabile, impulsivo). pre PT post PT,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 H = indice ADHD I =CGI (I-I) J CGI (I-E) K = CGI (T) ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

41 CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi 40,00 35,00 30,00 25,00 20,00 ** ** pre PT post PT 15,00 10,00 5,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 L = DSM-IV (D) M = DSM-IV (I-I) N = DSM-IV (T) ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

42 40,00 35,00 SCALE DSM: CONNERS RATING SCALES Confronto Pre-Post Parent Training Indicano una probabile diagnosi secondo i criteri DSM IV. Ogni item di queste sottoscale Punteggi fornisce Grezzi informazioni rilevanti per i criteri diagnostici AD/HD 30,00 25,00 20,00 ** ** pre PT post PT 15,00 10,00 5,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 L = DSM-IV (D) M = DSM-IV (I-I) N = DSM-IV (T) ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

43 7,00 CHILD BEHAVIOR CHECK LIST Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi * * * 6,00 5,00 4,00 pre PT post PT 3,00 2,00 1,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 ansia depressione ritiro depressione problemi somatici problemi sociali ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

44 7,00 6,00 CHILD BEHAVIOR CHECK LIST Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi * * * ANSIA E DEPRESSIONE: 5,00 4,00 3,00 2,00 valuta la presenza di sintomi di tipo depressivo come ad es. tristezza, nervosismo, solitudine, bassa autostima, sensazione di non essere amati, etc pre PT post PT 1,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 ansia depressione ritiro depressione problemi somatici problemi sociali ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

45 7,00 6,00 CHILD BEHAVIOR CHECK LIST Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi * * PROBLEMI SOCIALI: * 5,00 4,00 3,00 valuta la difficoltà nelle relazioni con i coetanei, come ad es. l essere presi in giro e il non andare d accordo con i pari. pre PT post PT 2,00 1,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 ansia depressione ritiro depressione problemi somatici problemi sociali ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

46 60,00 CHILD BEHAVIOR CHECK LIST Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi ( * ) 50,00 40,00 pre PT post PT 30,00 20,00 ** 10,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 scala internalizzante scala esternalizzante scala totale ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

47 60,00 50,00 40,00 30,00 20,00 ** CHILD BEHAVIOR CHECK LIST Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi ( * ) SCALA INTERNALIZZANTE: che comprende le scale ansia/depressione; ritiro/depressione e lamentele somatiche pre PT post PT 10,00,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 scala internalizzante scala esternalizzante scala totale ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

48 60,00 CHILD BEHAVIOR CHECK LIST Confronto Pre-Post Post Parent Training Punteggi Grezzi ( * ) 50,00 40,00 pre PT post PT 30,00 20,00 10,00 ** SCALA TOTALE DEI PROBLEMI comprende tutti gli item che compongono le diverse scale,00 età 1 età 2 età 1 età 2 età 1 età 2 scala internalizzante scala esternalizzante scala totale ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

49 OBIETTIVI DEL PROGRAMMA DI TRATTAMENTO METACOGNITIVO: Incrementare l abilità di problem solving Ridurre le condotte impulsive Aumentare i tempi di attenzione Tollerare la frustrazione dovuta all insuccesso e trovare strategie più efficaci per gestire la situazione Aumentare le abilità di autoregolazione prendendo in considerazione svariate situazioni Situazioni inerenti la quotidianità (preparare lo zaino, scegliere un gioco ) Situazioni riguardanti la realtà scolastica (risolvere un problema di matematica, studiare una pagina di scienze ) Contesti emotivi e relazionali (gestire le situazioni di competizione, gestire la rabbia )

50 STRUTTURA DEL PROGRAMMA DI TRATTAMENTO: Incontri individuali 1 incontro Conoscenza e definizione del problema 2 incontro Apprendimento delle regole e introduzione 3 incontro 4 incontro 5 incontro 6 incontro Apprendimento delle cinque fasi del Problem Solving e loro utilizzo per affrontare situazione problematiche di varia natura

51 Incontri in piccolo gruppo 7 incontro Applicazione delle 8 incontro cinque fasi del P.S. con generalizzazione 9 incontro 10 incontro 11 incontro 12 incontro 13 incontro Competenza relazionale ed emotiva 14 incontro Gestione della rabbia e 15 incontro della frustrazione 16 incontro

52 IL NOSTRO CAMPIONE N=20 % maschi femmine 7 35 min max media DS età ,6 0,93 QI ,8 13,3 SES

53 DIAGNOSI ADHD 65% 20% 15% disattento iperattivo combinato CODIAGNOSI 5% 35% 60% nessuna disturbo apprendimento tic, tourette

54 CONNERS RATING SCALES, Scale Sindromiche Confronto Pre-Post Post Training Metacognitivo ( ) * Punteggi Grezzi ** PRE POST 5 0 ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

55 CONNERS RATING SCALES, Scale Sindromiche Confronto Pre-Post Post Training Metacognitivo ( ) * ** Punteggi Grezzi Scala problemi cognitivi: Gli item che la compongono si riferiscono, in parte, a difficoltà negli apprendimenti (in matematica, ortografia, PRE calligrafia disordinata) ed, in parte, ad POST una scarsa tolleranza alla frustrazione (evita di impegnarsi in compiti che richiedono sforzo mentale, abbandona i compiti iniziati, necessita un affiancamento per portare a termine i lavori) e difficoltà nell organizzare l attività scolastica (perde il materiale, non segue le istruzioni) ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

56 25 CONNERS RATING SCALES, Scale Sindromiche Confronto Pre-Post Post Training Metacognitivo ( ) * Punteggi Grezzi ** PRE POST Scala Iperattività: Gli item che la compongono si riferiscono sia a componenti di iperattività (è sempre in movimento, non sta seduto a tavola, corre e si arrampica dove non dovrebbe), che di impulsività (fatica ad aspettare il suo turno, risponde prima che la domanda sia stata completata, è impulsivo) ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

57 CONNERS RATING SCALES, Scale Totali Confronto Pre-Post Post Training Metacognitivo Punteggi Grezzi ** ** ( * ) PRE POST 5 0 ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

58 ** Indice ADHD, composto da item che si riferiscono a: - difficoltà nel mantenere la concentrazione - irrequietezza ed impulsività - scarsa tolleranza alla frustrazione, riluttanza nell impegnarsi in compiti che richiedono sforzo mentale ( * ) ** PRE POST ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

59 CONNERS RATING SCALES, Scale Totali Confronto Pre-Post Post Training Metacognitivo Punteggi Grezzi ** ( * ) ** Conners Global Index Irrequietezza Impulsività: Contiene item relativi all eccitabilità, al non portare a termine quello che si comincia, distrarsi facilmente, disturbare gli altri bambini, pretendere che le proprie richieste vengano soddisfatte immediatamente PRE POST ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

60 CONNERS RATING SCALES, Scale Totali Confronto Pre-Post Post Training Metacognitivo Punteggi Grezzi ** ** ( * ) PRE POST 5 0 ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

61 CONNERS RATING SCALES, Scale Totali Confronto Pre-Post Post Training Metacognitivo Punteggi Grezzi ** Scale DSM: Indicano ** una probabile diagnosi secondo i criteri DSM IV. Ogni item ( * di ) queste sottoscale fornisce informazioni rilevanti per i criteri diagnostici AD/HD PRE POST ANOVA per misure ripetute Pre-Post Trattamento (*): tendenza alla significatività; *: p<.05; **: p<.01; : p<.001

62 CONNERS RATING SCALES, SCALE TOTALI Confronto Pre-Post Training Post Training Metacognitivo Punteggi T: Confronto con i dati normativi 80 Decisamente atipico Moderatamente atipico PRE POST Appena 60 leggermente atipico Medio H Indice ADHD N DSM-IV (T)

63 CONCLUSIONI significativa riduzione dei sintomi riferiti alla classificazione diagnostica DSM-IV, per quanto riguarda la disattenzione e, soprattutto, per quanto riguarda l iperattività e l impulsività significativa diminuzione dei problemi comportamentali, come evidenziato dalla riduzione dei punteggi in tutte le scale Conners, e in alcune scale CBCL: maggiore tolleranza della frustrazione e aumentata capacità di dilazionare nel tempo la soddisfazione delle proprie richieste minor frequenza dei comportamenti di violazione delle regole, di sfida all autorità, di rifiuto di fare quanto richiesto dal genitore riduzione delle condotte impulsive (parlare molto e quando non appropriato, non saper aspettare il turno ) maggior capacità di impegnarsi in compiti che richiedono sforzo mentale con maggiore probabilità di portarli a termine

64 significativa riduzione delle difficoltà emotive: - labilità emotiva (umore che cambia spesso e rapidamente, tendenza al pianto) - ansia (paura nelle situazioni nuove, difficoltà a separarsi dai genitori, paure di situazioni particolari) significativa diminuzione dei problemi sociali (ad es. l essere presi in giro e il non andare d accordo con i pari) In molte scale è il gruppo dei bambini più piccoli a far registrare i cambiamenti più evidenti, l efficacia del PT nel nostro campione non pare legata all età dei soggetti per quanto riguarda i problemi di tipo esternalizzante, mentre si osserva un significativo effetto dell età nella riduzione dei comportamenti di tipo internalizzante.

65 STRATEGIE DI GESTIONE COMPORTAMENTALE APPRESE DURANTE IL PERCORSO DI PARENT TRAINING riduzione dei sintomi di tipo esternalizzante riduzione dei sintomi di tipo internalizzante

66 Attraverso il lavoro di gruppo i genitori possono riflettere, mettersi in gioco e sperimentarsi in relazione: al proprio senso di efficacia e competenza genitoriale agli stili attributivi al riconoscimento dei punti di debolezza e alla valorizzazione dei punti di forza dei propri figli allo stile di problem solving proprio e dei figli all analisi delle situazioni (ABC) cambiamento nel modo di considerare la relazione con il figlio se stessi all interno della relazione

67 Fattori temperamentali innati Esperienze relazionali nei primi anni di vita SCHEMA INTERPERSONALE previsioni ambiente relazionale Andamento delle relazioni Effetto della relazione sul Sé I genitori dei bambini con iperattività dimostrano livelli inferiori nel senso di efficacia Strategie relazionali strategie educative disfunzionali/non efficaci nel ridurre la problematicità della situazione e nell incrementare i punti di forza che i figli presentano

68 I genitori imparano a strutturare un ambiente che favorisca l autoregolazione e la riflessività del bambino, dove genitori e figli abbiano il modo e il tempo per riflettere su quello che stanno facendo trasformando circoli viziosi in circoli virtuosi e incrementando i punti di forza che i figli presentano Considerare tali punti di forza, verificare l efficacia dei rinforzi e distinguere le peculiarità del figlio dal proprio stile di attribuzione offrono al genitore un importante possibilità di modificare la propria visione del figlio e di se stesso all interno della relazione genitoriale, attivando dei cicli interpersonali funzionali.

69 GRAZIE PER L ATTENZIONE

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON IPERATTIVITÀ E DI UN PERCORSO DI PARENT TRAINING RIVOLTO AI GENITORI Laura Vanzin,

Dettagli

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA?

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? ADHD: STRUTTURARE L AMBIENTE E MIGLIORARE IL COMPORTAMENTO CTI ADRIA ROVIGO E BADIA POLESINE INCONTRI LABORATORIALI

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

WEB COUNSELING. una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi. Dr.ssa Maria Nobile

WEB COUNSELING. una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi. Dr.ssa Maria Nobile WEB COUNSELING una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi Dr.ssa Maria Nobile IRCCS E. Medea, Associazione La Nostra Famiglia, Bosisio Parini (LC) .una MEDICINA dalla PARTE DEL BAMBINO.

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT Cagliari Iglesias - Olbia NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ IN ETÀ EVOLUTIVA Dr.ssa Sabrina Cesetti Qualsiasi bambino (e la gran parte degli adulti) tende a distrarsi e a commettere

Dettagli

S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo

S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo D.ssa Francesca Ragazzo Descrivere cosa si prova a vivere con un bambino ADHD è inspiegabile: è un rapporto fatto di odioamore, un sentimento nuovo tutto

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

Story Task) nella valutazione dei

Story Task) nella valutazione dei L utilizzo del MCAST (Manchester Child Attachment Story Task) nella valutazione dei bambini con ADHD Dott.ssa Antonella Marianecci - antonellamarianecci@yahoo.it Dott.ssa Francesca Manaresi - francesca.manaresi@fastwebnet.it

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata Centro Regionale A.I.D.A.I. per le Marche 0733 239338 3381449353 - aidai.marche@libero.it Psicologa: Dott.ssa Federica Fini (n iscrizione Albo

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI AGGIORNAMENTO INSEGNANTI Vengono proposti moduli di aggiornamento destinati a insegnanti, dalla scuola per l infanzia alla scuola secondaria. Questi corsi possono essere realizzati all interno di una singola

Dettagli

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 Definizione dell adhd (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) L ADHD è un disordine dello sviluppo neuropsichico dello studente caratterizzato da incapacità a mantenere

Dettagli

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO

IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO Baiocco Roberto, Phd Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica, Facoltà di Psicologia 1 Sapienza Università di Roma 14/12/2009 1 PAROLE-CHIAVE Definizione di Disturbo

Dettagli

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Azienda Ospedaliera G. Salvini Garbagnate Milanese Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza. CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Direttore: prof. Giuseppe

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

ADHD DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE / IPERATTIVITÀ. prof.ssa adriana Volpato 11 Aprile 2015

ADHD DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE / IPERATTIVITÀ. prof.ssa adriana Volpato 11 Aprile 2015 DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE / IPERATTIVITÀ prof.ssa adriana Volpato 11 Aprile 2015 DEFINIZIONE L ADHD è un disturbo evolutivo dell autocontrollo di origine neurobiologica le cui manifestazioni

Dettagli

è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Si tratta di un disturbo tra i più diffusi dell età evolutiva.

è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Si tratta di un disturbo tra i più diffusi dell età evolutiva. Il Miur ha emanato una nuova Circolare Prot. n. 4089 del 15 giugno 2010 che informa le scuole sulle caratteristiche dell ADHD e consiglia modalità per affrontare le possibili problematiche che si possono

Dettagli

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA Seconda lezione Le manifestazioni dell ADHD Non lancerò più le penne di Marco Laura Barbirato psicologa dell apprendimento

Dettagli

Caratteristiche dell intervento

Caratteristiche dell intervento Caratteristiche dell intervento Prima parte trattamento autoregolativo di gruppo (4 mesi) Seconda parte terapia assistita con il cane (2 mesi) Che cos è il Training Autoregolativo? E un intervento cognitivo-comportamentale

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI.

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM Per capire bene come si sente un bambino con DFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA immagina di trovarvi

Dettagli

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO PERCEPIRE IL PROBLEMA, AVENDO BEN CHIARA LA DIFFERENZA

Dettagli

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo - L individualità - Lo sviluppo dell identità di genere - La costruzione e lo sviluppo del sé - Continuità e discontinuità nello sviluppo - Traiettorie

Dettagli

Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD

Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD Elena Tironi (Centro per l Età Evolutiva Bergamo) Gian Marco Marzocchi (Università di Milano-Bicocca) ADHD coinvolge e compromette

Dettagli

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Le difficoltà emotivo-relazionali in ambito evolutivo Tutti quei segnali di disagio e di sofferenza, che coinvolgono la dimensione emotiva e

Dettagli

PROF.SSA CATIA GIACONI

PROF.SSA CATIA GIACONI A.D.H.D. E GESTIONE DELLA CLASSE PROF.SSA CATIA GIACONI CATIA.GIACONI@UNIMC.IT SAN BENEDETTO 7 MARZO 2014 COSA VEDREMO COSA SI DEVE SAPERE DELL ADHD COSA FARE A SCUOLA COSA DEVO SAPERE LA TRIADE E LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Rilevazione alunni con sospetto di ADHD ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVE DISTURB

Rilevazione alunni con sospetto di ADHD ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVE DISTURB Rilevazione alunni con sospetto di ADHD ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVE DISTURB Questionario richiesto alla scuola dall UST relativo a : MODALITA DI INTERVENTO (PROTOCOLLO) MAPPATURA DEGLI ALUNNI CON ADHD

Dettagli

Qual è il ruolo del Pediatra nel caso di un bambino con sospetto ADHD?

Qual è il ruolo del Pediatra nel caso di un bambino con sospetto ADHD? ADHD - Introduzione L ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) è un disturbo dello sviluppo caratterizzato da: inattenzione, impulsività e iperattività motoria. Questi comportamenti, inappropriati

Dettagli

I criteri del DSM-IV

I criteri del DSM-IV La diagnosi ADHD in età evolutiva I criteri del DSM-IV Dott.ssa Galati Monia Azienda Ospedaliera G. Salvini Servizio Territoriale N.P.I. Garbagnate Milanese Un Po Di Storia. Nel 1925 alcuni autori individuano

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI:

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: SPUNTI TEORICI E STRATEGIE DI INTERVENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA 5 dicembre 2012 Federica Vandelli, Fabiana Zani STRUTTURA DELL

Dettagli

NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA (ADHD)

NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA (ADHD) 6 marzo 2015 Auditorium museo di scienze Brescia Dott.ssa Erminia Botturi Pedagogista clinica Formatrice AID Formatrice AIDAI NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE

Dettagli

I DISTURBI COMPORTAMENTALI

I DISTURBI COMPORTAMENTALI IC1 PESCANTINA A.S. 2013-2014 I DISTURBI COMPORTAMENTALI Ins. Francesca Bonafini Ins. Gisella Di Marco Associazione Nuovi Talenti Speciali BES: BISOGNO EDUCATIVO SPECIALE MACROCATEGORIA CHE COMPRENDE MOLTE

Dettagli

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Disturbi Specifici dell apprendimento Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Con il termine Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) vengono indicate una serie di difficoltà

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE I Bambini con DSA nella scuola: dalla Legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO NELL OTTICA DI UN INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

Il Consultorio Giovani OPEN G G

Il Consultorio Giovani OPEN G G La richiesta d aiuto d del genitore per il figlio adolescente Il Consultorio Giovani OPEN G G Dr. Fiorello Ghiretti,, psicologo OPEN G G IL CONSULTORIO GIOVANI istituito nel 1990 è un servizio di prevenzione

Dettagli

A cura della dott.ssa Francesca Venditti Psicologa e Psicoterapeuta francescavenditti@libero.it 349.4289838

A cura della dott.ssa Francesca Venditti Psicologa e Psicoterapeuta francescavenditti@libero.it 349.4289838 A cura della dott.ssa Francesca Venditti Psicologa e Psicoterapeuta francescavenditti@libero.it 349.4289838 Che cosa succede in classe? ... Quando la diagnosi è caratterizzata

Dettagli

Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione

Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Problematiche emotivo-comportamentali nei bambini con Disturbo

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce,

Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce, DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO; Che cos'è e quali strategie adottare? Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce, il suo

Dettagli

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Dalla Diagnosi Funzionale al PEI Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Effetti del non Valutare Sopravvalutare Problemi di comportamento (isolamento) Sottovalutare

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

Attention Deficit Hyperactivity Disorder

Attention Deficit Hyperactivity Disorder Attention Deficit Hyperactivity Disorder ADHD Disturbo da deficit dell attenzione con iperattività/impulsività Dott.ssa Caterina Rosa Dott.ssa Elisa D Agati Neuropsichiatria Infantile Università di Roma

Dettagli

Millepiedi Stefania. Le linee guida per l ADHD

Millepiedi Stefania. Le linee guida per l ADHD Millepiedi Stefania Le linee guida per l ADHD Laboratorio di psicopatologia e psicofarmacologia dell età evolutiva (Resp. Dr. G. Masi) Istituto di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza IRCCS

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata Daniela Vetri Daniela Vetri DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO D. S. A. FONTI NORMATIVE LEGGE 8 OTTOBRE 2010 N. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici d apprendimento

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO Istituto Comprensivo Bordighera Via Pelloux, 32-18012 Bordighera IM PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO SPORTELLO DI CONSULENZA PSICOLOGICA PER ALUNNI, DOCENTI,

Dettagli

Oggetto: Corsi approfondimento a.s. 2012/13 per insegnanti di sostegno e curricolari di ogni ordine e Grado - CALENDARIO

Oggetto: Corsi approfondimento a.s. 2012/13 per insegnanti di sostegno e curricolari di ogni ordine e Grado - CALENDARIO Corso A. De Gasperi, 40 12100 CUNEO tel 0171/318.411 fax 0171/318.506 usp.cn@istruzione.it Ufficio Sostegno alla Persona Prot. n. 151/A36b Cuneo, 8 gennaio 2013 Ai Dirigenti Scolastici Ai docenti referenti

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Le conseguenze emotivo - motivazionali di una difficoltà scolastica

Le conseguenze emotivo - motivazionali di una difficoltà scolastica Le conseguenze emotivo - motivazionali di una difficoltà scolastica Individuazione precoce della difficoltà Riduzione della difficoltà specifica Maturazione dei livelli di autostima Riduce l impotenza

Dettagli

I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base.

I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base. I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base Laura Barbirato Febbraio/marzo 2011 1 Esistono i Disturbi da Deficit di Attenzione

Dettagli

Stili cognitivi e difficoltà comportamentali

Stili cognitivi e difficoltà comportamentali + Stili cognitivi e difficoltà comportamentali Centro Psiky Dott.ssa Giorgia Concari Psicologa-Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Psicologia dell educazione e disabilità Università di Parma + Complessità

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Definizione e intervento educativo in ambito scolastico. Dott.ssa Ilaria Neri

I Disturbi del Comportamento Definizione e intervento educativo in ambito scolastico. Dott.ssa Ilaria Neri I Disturbi del Comportamento Definizione e intervento educativo in ambito scolastico Dott.ssa Ilaria Neri Disturbi da Deficit di Attenzione e da Comportamento Dirompente (DSM IV-TR) Deficit di Attenzione/

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità.

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. APPLICABILITA CONDIZIONI MMPI MMPI-2 Età >16 anni >18 QI >80 >70 Scolarizzazione

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD Dott.ssa Anna Maria Re Università degli studi di Padova Servizio per i disturbi dell apprendimento Sintomi nucleari dell ADHD Deficit di attenzione

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015 Data di pubblicazione ottobre 2011 Data di aggiornamento ottobre 2015 LINEA GUIDA Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti Critiche infondate Critiche pertinenti

Dettagli

Centro per l Età Evolutiva

Centro per l Età Evolutiva Centro per l Età Evolutiva Studio Associato di Psicologia Clinica Formazione Ricerca CHI SIAMO Il Centro per l Età Evolutiva è uno Studio Associato di Psicologia che ha sede a Bergamo e svolge la propria

Dettagli

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D)

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) SEGNALI PREMONITORI IN ETA PRESCOLASTICA Laura Barbirato Mamma di tre figli Psicologa dell apprendimento Dirigente Scolastica 1 Normalità o patologia?

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali

Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali Dott.ssa Gazzi Mara Psicologa dell'età Evolutiva e della psicopatologia dell'apprendimento Esperta in Neuropsicologia Clinica ADHD

Dettagli

L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO. Riccardo Lancellotti

L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO. Riccardo Lancellotti L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO Riccardo Lancellotti I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO SONO, TRA LE VARIE CATEGORIE DIAGNOSTICHE, QUELLI CHE GENERANO MAGGIORE ALLARME TRA GLI INSEGNANTI E I GENITORI DEGLI

Dettagli

DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO. 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1

DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO. 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1 DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 2 famiglia osservo mio figlio e mi accorgo che.. gli insegnanti mi dicono che 17/09/2015 PH.D Francesca Salis

Dettagli

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Caterina D Ardia Neuropsichiatria Infantile Università Sapienza, Roma Disturbi dello Sviluppo Sono Disturbi che accompagnano la persona

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATAL E D I S O S S AN O Via San Giovanni Bosco, 4 36040 SOSSANO (VI) Tel. 0444/885284 viic89000e@istruzione.it viic89000e@pec.istruzione.it www.icsossano.it C.F.

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO Renato Donfrancesco UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO Una richiesta d aiuto... d che ha il bambino? che devo fare? e e se fosse ADHD? Disturbo da Deficit

Dettagli

- Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca -

- Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca - Valentina Tobia & Gian Marco Marzocchi (Università degli Studi di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva di Bergamo) - Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca - 60,2% 161 genitori da

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Equipe del Centro Clinico Cavour

Equipe del Centro Clinico Cavour V Equipe del Centro Clinico Cavour Tarcisio Sartori Elisa Melgazzi Alice Miglioli Chiara Pasotti Annalisa Pintossi Claudia Zanardini Comunità scientifiche di riferimento AIRIPA: Associazione Italiana per

Dettagli

Indice. Presentazione. Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini. 1. Gli homework nella psicoterapia 3

Indice. Presentazione. Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini. 1. Gli homework nella psicoterapia 3 02Indice(V-X) 4-05-2004 10:49 Pagina V Indice Autori Presentazione Prefazione Ringraziamenti XI XIII XVII XXI Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini 1. Gli homework nella psicoterapia 3 2. La tradizione

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli www.centroap.it Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli TEST DI RIUSCITA SCOLASTICA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO svolto sul sito del Centro AP www.orientastudenti.it

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

INTERVENTI SUL CONTESTO CHILD TRAINING SESSIONE: TERAPIA

INTERVENTI SUL CONTESTO CHILD TRAINING SESSIONE: TERAPIA ADHD: per una condivisione dei percorsi diagnostico-terapeutici Milano, 29 maggio 2013 INTERVENTI SUL CONTESTO CHILD TRAINING SESSIONE: TERAPIA Azienda Ospedaliera SPEDALI CIVILI BRESCIA Silvia Merati,

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto AIFA Onlus /AIDAI Onlus A cura di: Consiglio Direttivo, AIFA Onlus Erica Menotti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16 L I.C. Ferrini di Olgiate Olona è assegnatario di un contributo da parte della Fondazione Comunitaria del Varesotto per la realizzazione del Progetto: B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16 INFORMAZIONI

Dettagli

Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione

Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione Sara Manzoni e Alessandro Antonietti Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione valentiniregina@yahoo. it Nell indagine dei correlati emotivi dei disturbi

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo

Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Presentazione di un caso Luca ha nove anni, frequenta la quarta elementare e da qualche

Dettagli