Sebastiano Diperte Politecnico di Bari. Progettazione ed implementazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sebastiano Diperte Politecnico di Bari. Progettazione ed implementazione"

Transcript

1 Sebastiano Diperte Politecnico di Bari Progettazione ed implementazione

2 Weka on Grid Computing Nvidia Grid ExcelGrid 2

3 Introduzione al Grid Computing SOA e Web Service Cos è un Grid Service (OGSA) Strumenti per costruire una griglia: Globus Toolkit Come scrivere un Grid Service Come creare una infrastruttura di griglia computazionale e fare il deploy del servizio 3

4 Definizione 1 Una griglia computazionale è un infrastruttura hardware e software in grado di fornire all utente un accesso di tipo sicuro, costante e pervasivo alla disponibilità di capacità computazionale richiesta (1998 Ian Foster, Carl Kesselman) La risorsa computazionale è vista come una utility e pertanto deve possedere le seguenti caratteristiche: Accesso trasparente all utente (non importa la provenienza) Accesso sicuro (nessuna interferenza con l uso) Utilizzo efficiente delle risorse (per ridurre i costi) Gestione distribuita delle risorse 4

5 Integrare e coordinare risorse, stabilendo un insieme di regole e permessi di condivisione garantite da procedure di autenticazione e autorizzazione. Gestire le risorse in modo trasparente, gli utenti accedono a risorse remote come se fossero locali. Garantire servizi in termini di: performance, sicurezza, tolleranza agli errori, disponibilità e tempi di risposta. Accounting delle risorse: le informazioni sono raccolte in un database (Home Location Register) che non si appoggia su alcun archivio centrale, ma su una rete di server indipendenti usati per mantenere i record delle transazioni effettuate dagli utenti sulle risorse. 5

6 Esistono tre tipi diversi di sistemi di Grid Computing che si differenziano per i problemi di business per i quali possono essere soluzione e possiamo dire che i tipi che seguono sono differenti modelli di architettura di Grid. Computational Grid: aggrega potenza di calcolo da una collezione distribuita di sistemi. Data Grid: accesso in sicurezza ad una collezione di insieme di dati distribuiti ed eterogenei. Access Grid: è un insieme di risorse specializzate al supporto dell interazione tra persone. Queste risorse includono display ampi multimediali, ambienti organizzati per l interazione e la presentazione mediata dal computer. Queste risorse puntano a supportare le forme di interazione di tipo collaborativo ed in particolare di tipo gruppo-gruppo. 6

7 7

8 Una Service-Oriented Architecture (SOA, Architettura Orientata ai Servizi) è un modello architetturale per la creazione di sistemi residenti su una rete che focalizza l attenzione sul concetto di servizio. Un sistema costruito seguendo la filosofia SOA è costituito da applicazioni, chiamate servizi, ben definite ed indipendenti l una dall altra, che risiedono su più computer all interno di una rete. Ogni servizio mette a disposizione una certa funzionalità e può utilizzare quelle che gli altri servizi hanno reso disponibili, realizzando, in questo modo, applicazioni di maggiore complessità. 8

9 Principali caratteristiche: essere ricercabile e recuperabile dinamicamente. essere definito da un interfaccia ed indipendente dall implementazione essere debolmente accoppiato con altri servizi (loosely coupled). essere reso disponibile sulla rete attraverso la pubblicazione della sua interfaccia (in un Service Directory o Service Registry) ed accessibile in modo trasparente rispetto alla sua allocazione. fornire un interfaccia possibilmente a grana grossa (coarsegrained). essere realizzato in modo tale da permetterne la composizione con altri. 9

10 Gli attori di un sistema SOA sono tre: Service Provider: un entità che mette a disposizione un qualche servizio Service Registry: possiede le informazioni, come URL e modalità di accesso, di tutti i servizi disponibili Service Consumer 10

11 Un Web Service è un sistema software progettato per supportare l interoperabilità tra diversi elaboratori su di una medesima rete; caratteristica fondamentale è quella di offrire un interfaccia software (descritta in un formato automaticamente elaborabile quale, ad esempio, il Web Services Description Language - WSDL) utilizzando la quale altri sistemi possono interagire con il Web Service stesso attivando le operazioni descritte nell'interfaccia tramite appositi messaggi" inclusi in una "busta" (ad esempio SOAP): tali messaggi sono, solitamente, trasportati tramite il protocollo HTTP e formattati secondo lo standard. 11

12 La presenza del Service Registry (o anche Service Directory o Service Broker), è ciò che rende il sistema, nell esempio di utilizzo dei Web Services visto precedentemente, un architettura Service-Oriented (SOA). Anche UDDI (Universal Description Discovery and Integration) è un Web Service, il quale mette a disposizione due operazioni: Publish, per la registrazione Inquiry, per la ricerca. 12

13 L allineamento tra le tecnologie di Griglia e le tecnologie Web Services viene generalmente definito come Open Grid Services Architecture (OGSA), dove il termine Architecture denota un ben definito set di interfacce elementari da cui possono essere costruiti i sistemi di griglia, e Open è usato per definire l estensibilità della comunicazione e la standardizzazione dei processi tra il committente e la comunità. L orientamento ai servizi OGSA serve a virtualizzare le risorse su livelli multipli, in maniera tale che le stesse astrazioni e i meccanismi usati nelle Griglie supportino la collaborazione tra domini di organizzazioni. 13

14 L OGSA dunque: definisce meccanismi standard per la creazione, il naming ed il discovering delle istanze transienti di un servizio; fornisce il location trasparency (possibilità di accedere alle risorse senza conoscere dove esse siano allocate) ed i protocolli binding (termine che indica i protocolli di rete nella terminologia dei Web Services) multipli per le istanze di un servizio; supporta l integrazione con le funzionalità della piattaforma sottostante e supporta la creazione, la gestione e l utilizzo di insiemi di servizi gestiti dalle organizzazioni virtuali. 14

15 L'architettura di Grid è formata da quattro diversi livelli: LIVELLO FABRIC Il livello Fabric, che rappresenta l interfaccia al controllo locale delle risorse, è l insieme di tutte le risorse globalmente distribuite che sono accessibili mediante i protocolli di Griglia (risorse computazionali, di storage, telescopi, microscopi, apparati sperimentali che producono dati, virtual instruments e così via). LIVELLO PROTOCOLLI (Resource and Connectivity) Il livello Connectivity ha lo scopo di rendere le comunicazioni facili e sicure e definisce l insieme dei protocolli di comunicazione e autenticazione richiesti per le transazioni di rete specifiche per la Griglia. In particolare il livello connectivity è responsabile di: 1. Single-signOn 2. Delegation 3. Integrazioni con i sistemi locali di autenticazione 15

16 Il livello Resource definisce i protocolli per la pubblicazione delle informazioni locali sullo stato di risorse e fornisce i servizi per il management poggiandosi sul livello connectivity: 1. Information Protocols 2. Management Protocols LIVELLO SERVIZI COLLETTIVI Il livello Collective definisce i protocolli e servizi di alto livello per la gestione delle risorse distribuite. E il livello che di fatto virtualizza le risorse presenti sulla griglia e le esporta in maniera trasparente verso l utente, fornisce i servizi utilizzati per la gestione e la condivisione delle risorse come Directory Service (che permette la ricerca di risorse e relative proprietà), Coallocation (che dà la possibilità di richiedere una allocazione combinata di più risorse), Monitoring e Diagnostics (che permette di tenere sotto controllo l utilizzo e lo stato delle risorse) e Data Replication. 16

17 LIVELLO APPLICATIVO Il livello Application infine, in cima a tutti gli altri, contiene le applicazioni utente che operano all interno delle VO. Le applicazioni sono costruite utilizzando i servizi definiti ai livelli più bassi e in considerazione delle loro caratteristiche. 17

18 Una premessa di base che viene fatta in ambito OGSA è che ogni cosa è rappresentata come un servizio, Grid service: risorse computazionali, risorse di memorizzazione, reti, database. Un servizio di Griglia implementa delle interfacce (porttypes in WSDL), dove ognuna di esse definisce un insieme di operazioni che sono invocate per scambiare una precisa sequenza di messaggi. 18

19 Interfacce standard I Servizi di Griglia estendono il concetto di Web Services, utilizzandondo delle interfacce ben definite che permettono la scoperta, la creazione dinamica del servizio, la gestione del tempo di vita, la notifica e la maneggevolezza ed un insieme di convenzioni per assegnare i nomi e per effettuare aggiornamenti. Discovery. Le applicazioni richiedono dei meccanismi per il discovering dei servizi utilizzabili e per individuare le caratteristiche di tali servizi. una rappresentazione standard per i service data, che sono informazioni sulle istanze di servizio Griglia una operazione standard, la FindServiceData, per recuperare i service data Creazione dinamica di un servizio. La possibilità di creare e gestire dinamicamente un servizio è il principio base del modello OGSA e quindi è necessaria l esistenza di un servizio adibito a questo scopo. Il modello OGSA fornisce un interfaccia standard (Factory) utilizzata per la creazione di un servizio. 19

20 Lifetime Management. Nei sistemi distribuiti è alta la probabilità che le operazioni tra i servizi non vengano eseguite correttamente a causa di fallimenti che occorrono durante l elaborazione di tali operazioni. Per soddisfare queste richieste sono state definite due operazioni standard: Destroy e SetTerminationTime, rispettivamente utilizzate per la distruzione e il lifetime management delle istanze di servizio di Griglia. Notification. Una collezione di servizi distribuiti e dinamici deve poter notificare, in maniera asincrona, ogni cambiamento che riguardi il loro stato. L OGSA definisce le astrazioni comuni ad un servizio e le interfacce di servizio per la condivisione di eventi (NotificationSource), e per il discovery di eventi (NotificationSink) come notifications. 20

21 Requisiti in un processo di Griglia Ci sono diversi requisiti per costruire un ambiente di Griglia robusto: Creazione dinamica del Servizio L OGSA usa il concetto di Factory Service (Factory PortType) che permette di creare l istanza di servizio che serve. Per creare un istanza di un servizio di Griglia l interfaccia Factory offre l operazione CreateService che crea una nuova istanza di tale servizio e restituisce al richiedente il GSH e il GSR iniziale per la nuova istanza creata. Gestione dinamica del Servizio L OGSA soddisfa la necessità di identificare un istanza creata mediante il PortType HandleRevolver, il Grid Service References (GSR) ed il Grid Service Handles (GSH). Ad ogni istanza viene assegnato un nome globalmente unico, il Grid Service Handle (GSH) che distingue una specifica istanza di servizio di Griglia da tutte le altre istanze, affinchè un client possa comunicare con il servizio bisogna definire un documento WSDL che descrive in che modo si effettua la comunicazione con il servizio, dove è allocato, il protocollo binding da utilizzare durante la comunicazione, l indirizzo di rete a cui connettersi ed tutte le informazioni necessarie per interagire con una specifica istanza di servizio, il Grid Service Reference (GSR). HandleResolver usa il GSH e ritorna un GSR, che contiene il protocollo e i dati specifici dell istanza, per permettere a chiunque di connettersi al servizio. 21

22 Gestione del Lifetime L introduzione delle istanze di un servizio transitorie pone il problema di determinare il lifetime di un servizio, cioè determinare quando un servizio potrebbe terminare. Una possibile implementazione del lifetime management soft state può essere fatta attraverso l operazione SetTerminationTime fornita dall interfaccia GridService, la quale, permette di definire un lifetime iniziale da assegnare alla nuova istanza di un servizio, di richiedere un estensione del lifetime e di recuperare l istanza del servizio quando il suo lifetime è scaduto. Service Data e Discovery del Servizio Ad ognuna delle istanze di un servizio di Griglia è associato un insieme di dati, cioè una collezione di elementi XML raggruppati come service data element del servizio. Registrazione / Scoperta È necessaria una rappresentazione standard delle informazioni sul servizio e dei meccanismi per permettere a chiunque di trovare il servizio che può soddisfarlo all interno di un registro. L OGSA risolve questi problemi fornendo un elemento service data all interno del GridService PortType e della Registration PortType. 22

23 Notifica Una raccolta di servizi distribuiti deve essere capace di notificare il cambiamento asincrono ad ogni altro. L OGSA risolve questo problema della notifica usando il Notification- Source porttype, Notification-Sink porttype e Notification- Subscription porttype. Gestione delle Handle e dei Reference. Il GSH si riferisce in maniera univoca all istanza di un servizio di Griglia creata, mentre il GSR è creato con un lifetime finito e può cambiare durante il lifetime del servizio. L approccio adottato in OGSA è di definire un interfaccia HandleMap che tenga traccia della corrispondenza handle-reference. L operazione (FindByHandle) fornita da questa iterfaccia prende un GSH e restituisce un GSR valido. 23

24 L infrastruttura forma la base per un pieno successo per le applicazioni di griglia. I componenti software di base di una griglia computazionale possono essere raggruppati in quattro categorie e coprono le seguenti aree di sistema: Componenti per la security Componenti per il Resource Management Componenti per l Information Service Componenti per il Data Management 24

25 La storia di Globus comincia nel 1994 nell università dell Illinois a Chicago quando un piccolo team di ricercatori stabilirono un collegamento temporaneo tra le reti di undici centri di ricerca. Il progetto fu chiamato I-Way e fu affidato a Ian Foster. Il suo successo spinse il team a continuare il lavoro, fu creato il progetto Globus con lo scopo di realizzare un software open source per l interconnessione di risorse di calcolo e nel 1997 fu realizzata la prima versione di Globus Toolkit, che collegava 80 siti di ricerca e di calcolo sparsi per il mondo. Globus Toolkit è un progetto sviluppato con lo scopo di creare un insieme di servizi utilizzabili in modo indipendente o in modo congiunto per poter sviluppare applicazioni Grid. Si tratta di un insieme di tools che facilita la costruzione delle computing Grid abilitando le applicazioni alla gestione delle risorse di calcolo eterogenee e distribuite. 25

26 Gestione della sicurezza GSI (Grid Security Infrastructure) è un meccanismo di autenticazione che si occupa della sicurezza nell'ambiente Grid, garantendo l'accesso solamente agli utenti autorizzati. Il bisogno di realizzare comunicazioni sicure (autenticate e spesso confidenziali) Il bisogno di realizzare un sistema per la sicurezza che supporti l eterogeneità delle varie organizzazioni che fanno parte della griglia Il bisogno di supportare il single sign-on per gli utenti della griglia: il singolo utente si deve autenticare una ed una sola volta al momento del primo accesso 26

27 Gestione delle risorse. Il GRAM (Globus Resource Allocation Manager) si occupa della gestione delle risorse ed ha il compito di abilitare un accesso sicuro e controllato alle risorse computazionali gestendo l'esecuzione remota di operazioni sulle risorse stesse. Quando il gatekeeper riceve la richiesta di allocazione da un client: si autentica mutuamente con il client (tramite il sistema dei certificati utilizzato dal GSI) crea un utente locale sul quale mappare la richiesta remota abilita il job manager sulla macchina locale come utente locale passa al job manager gli argomenti per l allocazione 27

28 Gestione delle informazioni. MDS (Metacomputing Directory Service) è il servizio di informazione del Globus Toolkit: esso fornisce un sistema di directory di servizi da utilizzare per ottenere informazioni sulle risorse presenti nel GRID. MDS utilizza un framework estendibile per gestire informazioni statiche e dinamiche sullo stato del GRID e di tutti i suoi componenti: reti, nodi computazionali, sistemi di immagazzinamento dati ecc. MDS utilizza LDAP (Lightweight Directory Access Protocol) come interfaccia per ottenere tutte le informazioni. GRIDFTP è un protocollo utilizzato per realizzare lo scambio di file tra le varie risorse all'interno della griglia. Estende il protocollo FTP, permettendo così di aumentare la capacità e la sicurezza del trasferimento dati grazie all'utilizzo dei meccanismi definiti dal GSI. 28

29 Gestione dei job ed allocazione delle risorse. Resource Broker (RB) è la macchina che si occupa di fare il matching dei job con le risorse disponibili, in base alle specifiche espresse nella descrizione del job. Se non viene specificata una risorsa su cui eseguire il job, il RB ne sceglie una tra quelle disponibili. Berkley Database Information Index (BDII) è un database che serve per memorizzare lo stato delle risorse. Infatti al momento della richiesta da parte di un RB effettua una interrogazione simultanea a tutte le risorse coinvolte e memorizza il loro stato all'interno del database. Gestione delle VO Le VO, organizzate gerarchicamente, sono una struttura dinamica in quanto il numero degli utenti che ne fa parte può variare nel corso del tempo insieme alle riorse messe a disposizione. All'interno del Globus Toolkit le VO sono implementate con il meccanismo dei gridmap file, un file che contiene l'elenco completo degli utenti appartenenti a ciascuna VO. Il file è organizzato per righe, ciascuna delle quali contiene informazioni su un determinato utente, come il nome e il contact name per essere riconosciuto dal sistema. 29

30 Il nostro primo servizio di griglia consisterà in un semplice Grid Service di calcolo matematico, denominato MathService, che permetterà agli utenti di eseguire le seguenti due operazioni: Addizione Sottrazione I passi fondamentali. I passi fondamentali per la scrittura e la pubblicazione del servizio sono i seguenti: 1. Definire l'interfaccia del servizio 2. Implementare il servizio 3. Definire i parametri del deploy 4. Compilare tutto e generare il file GAR 5. Pubblicare il servizio 30

31 Passo 1: Definizione dell interfaccia in GWSDL. Il primo passo per la scrittura di un Grid Service (o di un Web service), è quello di definire l'interfaccia del servizio. Abbiamo bisogno di specificare che cosa il nostro servizio sta per fornire al mondo esterno. In generale abbiamo due modi per farlo: Generare il file WSDL da un'interfaccia Java public interface Math { public void add(int a); public void subtract(int a); public int getvalue(); } Scrivere direttamente un documento WSDL 31

32 Il codice GWSDL che useremo è l'equivalente della interfaccia Java mostrata sopra. Il motivo per cui i metodi add e subtract hanno un solo parametro è che abbiamo intenzione di utilizzare il nostro servizio come un accumulatore per dimostrare in che modo i servizi di griglia sono stateful (stateful significa che il servizio ricorda i valori interni da una chiamata all'altra). Mapping dei Namespace. Uno dei vantaggi di (G)WSDL è che è indipendente dalla linguaggio. Tuttavia, ci sarà naturalmente un momento in cui si farà riferimento alla nostra interfaccia in uno specifico linguaggio (nel nostro caso, Java). Lo facciamo attraverso un insieme di classi stub che sono generate dal file GWSDL utilizzando come strumento di sviluppo Globus Toolkit. 32

33 Passo 2: Implementazione del servizio in Java. L'implementazione specifica come il servizio assolve al compito specificato nella sua interfaccia. L'implementazione di un Grid Service è semplicemente una classe Java che, oltre ad implementare le operazioni descritte nel file GWSDL, deve soddisfare determinati requisiti. public class MathImpl extends GridServiceImpl implements MathPortType Si noti quanto segue: 1. MathImpl è una classe figlia di GridServiceImpl. Ogni Grid Service si estende dalla classe base GridServiceImpl. Questa è quella che di solito viene chiamata la classe skeleton, perché contiene le funzionalità di base comuni a tutti i servizi di griglia. Infatti, GridServiceImpl implementa tutte le operazioni dichiarate nel porttype GridService, da cui si estendono tutti i servizi di griglia. 2. Il nostro Grid Service implementa un'interfaccia denominata MathPortType. Si ricordi che PortType è un altro nome per identificare una interfaccia del nostro servizio. In sostanza stiamo dicendo all interprete Java che questo Grid Service implementa un particolare porttype: la MathPortType. Ma, dove prendiamo questa MathPortType? Essa non è altro che un file stub che verrà generato dal file GWSDL dopo aver compilato il servizio. 33

34 Ricordiamo quanto detto nella pagina precedente, cioè che vogliamo che MathService debba ricordare un valore interno che dovrà essere sommato e sottratto utilizzando i metodi add e subtract. Dobbiamo semplicemente dichiarare come attributo privato numero intero: private int value = 10; Infine, implementiamo i metodi specificati nella interfaccia del servizio: add, subtract, e getvalue. Notiamo come, pur essendo metodi molto semplici, tutti possono lanciare un eccezione RemoteException. Dal momento che sono metodi remoti (in cui si può accedere da remoto, attraverso il Grid Service), può essere generata una RemoteException se c'è un problema tra il server e il client. 34

35 Passo 3: Configurare la pubblicazione del servizio in WSDD. Fino a questo punto, abbiamo scritto le due parti più importanti di un Grid Service: l'interfaccia del servizio (GWSDL) e l'implementazione del servizio (Java). Ora, è necessario mettere insieme tutti questi pezzi, e renderli disponibili attraverso un Web server abilitato ai Servizi di griglia. Questa fase è chiamata la pubblicazione del Grid Service. Uno dei componenti chiave della fase di pubblicazione è un file chiamato deployment descriptor, questo indicherà al web server come pubblicare il nostro Grid Service (ad esempio, dicendogli quale sarà il GSH del servizio). Il deployment descriptor è scritto in formato WSDD (Web Service Deployment Descriptor) 35

36 Il Service name. Il service name specifica la posizione in cui si troverà il nostro Grid Service. Se lo combiniamo con l'indirizzo di base del nostro contenitore Grid Service, otterremo il GSH del nostro Grid Service. Per esempio, se utilizziamo il contenitore stand-alone di Globus, l'url di base sarà probabilmente Pertanto, il GSH del nostro servizio potrebbe essere: classname and baseclassname. In WSDD il classname si riferisce all'interfaccia che espone tutte le funzionalità del Grid Service (MathPortType), mentre il baseclassname è la classe che fornisce l'implementazione per il nostro Grid service, la classe MathImpl. 36

37 Passo 4: Creare un file GAR con Ant. A questo punto abbiamo un'interfaccia del servizio descritta in GWSDL (1), un implementazione del servizio in Java (2), ed un deployment descriptor che specifica al contenitore del Grid Sevice come presentare (1) e (2) al mondo esterno. Utilizzando i tre file scritti nei precedenti tre paragrafi genereremo un Grid Archive, o file GAR. Questo file conterrà tutti i file e le informazioni di cui il contenitore del Grid service a bisogno per pubblicare il nostro servizio e renderlo disponibile al mondo intero. Tuttavia, la creazione di un file GAR è un compito piuttosto complesso e prevede i seguente passi: 1. Conversione del GWSDL in un file WSDL 2. Creazione delle classi stub dal WSDL 3. Compilazione delle classi stub 4. Compilazione dell'implementazione del servizio 5. Organizzazione di tutti i file in una struttura di directory molto specifica 37

38 Grazie al Globus Toolkit possiamo fare tutto questo in un unico passaggio utilizzando uno strumento molto utile chiamato Ant. Ant, un progetto della Apache Software Foundation [http://www.apache.org/], è uno strumento di compilazione Java. Concettualmente è molto simile al classico comando make di UNIX. Ant genera il GAR direttamente dai tre file di origine. Internamente, compie tutti i passi elencati in precedenza, risparmiandoci l arduo compito di farlo. Nel progetto Globus, Ant utilizza due set di file: due file di build che fanno parte di Globus, e un file di build che bisogna scrivere di proprio pugno. I file di build Globus coprono tutte le fasi più importanti (generazione del codice WSDL, generare degli stub, ecc). Il file di build che bisogna scrivere invece ha sostanzialmente tutti i parametri del nostro Grid Service, ed alcune chiamate ai file di build di Globus. 38

39 39

40 Passo 5: Pubblicare (deploy) il servizio in un contenitore (container) di Grid Service Il file GAR contiene tutti i file e le informazioni necessarie al web server per pubblicare il Grid Service. Il Deployment è fatto dallo stesso Ant, che spacchetta il file GAR e copia i file all'interno (WSDL, compilazione degli stub, compilazione della implementazione, WSDD) dell albero delle directory di Globus. Ant legge anche il nostro deployment descriptor e configura il Web server che prenderà in considerazione il nostro Grid Service. 40

41 Infrastruttura Hardware. Costruiamo una infrastruttura di rete cablata, tipo LAN (Local Area Network), collegando in rete tre computer tramite uno SWITCH. La prima macchina, funzionerà da server, mentre le altre due da client in un architettura di tipo client-server. Il server ha la precisa funzione di gestire ed amministrare la rete mentre i client assumono una posizione subordinata accedendo alle risorse condivise dal server. Infrastruttura Software. Su ogni macchina dovrà essere installato un sistema operativo unix-like ed un middleware, software di base per poter costruire una Griglia Computazionale. Si è scelto di usare una distribuzione open-source di Debian 6.0 e come middleware il Globus Toolkit 4.0 della Globus Alliance team e uno SWITCH. 41

42 Un semplice Client. Testiamo il nostro Grid Service servizio con un Client a riga di comando che richiamerà il metodo add e il metodo getvalue. Questo cliente riceverà due argomenti da linea di comando: 1. Il Grid Service Handle (GSH) 2. Un numero da sommare Tuttavia, il punto importante è che, una volta che abbiamo il riferimento, possiamo lavorare con il Grid Service come se fosse un oggetto locale. Si noti, tuttavia, che dobbiamo mettere tutto il codice all'interno di un blocco try / catch, affinché i metodi Grid Service (in questo esempio, il metodo add) possano lanciare la RemoteException. 42

43 Prima di compilare ed eseguire il client, dobbiamo avviare lo stand-alone container, in caso contrario il nostro servizio di griglia non sarà disponibile, e il client andrà in crash, quando il container si avvia, comparirà una lista con il GSH di tutti i servizi pubblicati. 43

44 Questo è il servizio come apparirebbe in una installazione di default Globus, con lo standalone container situato in Ora possiamo eseguire il client: 44

45 I. Foster, C. Kesselman, J. M. Nick, S. Tuecke, The Physiology of the Grid. I. Foster, C. Kesselman, S. Tuecke, The Anatomy of the Grid. I. Foster, C. Kesselman, Computational Grids. L. Ferreira, Introduction to Grid Computing with Globus (Redbooks) - IBM Press M. Castellano, C. Digregorio, A Workflow based approach for Knowledge Grid Application, in: International Conference on Knowledge Management and Information Sharing (KMIS 2009), October 6 8, 2009, Madeira, Portugal. M. Castellano, G. Mastronardi, et al, Estrazione di sintomi e patologie mediante tecniche di Mining attraverso l uso di Tecnologia Grid, in: 8 Congresso Nazionale dell Associazione Italiana di Telemedicina e Informatica Medica Seconda Conferenza Nazionale di GRID in December 13-15, 2007, Bari, Italy. F. Carlucci, M. Castellano, G. Piscitelli, A Study on Super Scheduling and Data-Replication in a Data-Grid, in: 13th IEEE-NPSS Real Time Conference IEEE-NPSS. M. Castellano, G. Piscitelli, Evaluating Scheduling Algorithms in a Grid Scenario, in: Congresso Associazione Italiana Calcolo Automatico (AICA) 2002 Conversano (Bari), settembre M. Castellano, G. Piscitelli, et al, Scheduling System in a Grid Environment, in: Atti Interni SIS Pubblicazioni Laboratori Nazionali di Frascati. M. Castellano, G. Piscitelli, N. Simeone, Evaluating Scheduling Algorithms in a Data Grid Network, in: 10th Int. Conference On Software, Telecommunications, and Computer Network October IEEE. 45

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO 1 Il passato appena trascorso 2006 Studio di fattibilità 2007 Accordo sull Architettura di Alto Livello di Il presente Basi Legali Articolo 78

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli