Sebastiano Diperte Politecnico di Bari. Progettazione ed implementazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sebastiano Diperte Politecnico di Bari. Progettazione ed implementazione"

Transcript

1 Sebastiano Diperte Politecnico di Bari Progettazione ed implementazione

2 Weka on Grid Computing Nvidia Grid ExcelGrid 2

3 Introduzione al Grid Computing SOA e Web Service Cos è un Grid Service (OGSA) Strumenti per costruire una griglia: Globus Toolkit Come scrivere un Grid Service Come creare una infrastruttura di griglia computazionale e fare il deploy del servizio 3

4 Definizione 1 Una griglia computazionale è un infrastruttura hardware e software in grado di fornire all utente un accesso di tipo sicuro, costante e pervasivo alla disponibilità di capacità computazionale richiesta (1998 Ian Foster, Carl Kesselman) La risorsa computazionale è vista come una utility e pertanto deve possedere le seguenti caratteristiche: Accesso trasparente all utente (non importa la provenienza) Accesso sicuro (nessuna interferenza con l uso) Utilizzo efficiente delle risorse (per ridurre i costi) Gestione distribuita delle risorse 4

5 Integrare e coordinare risorse, stabilendo un insieme di regole e permessi di condivisione garantite da procedure di autenticazione e autorizzazione. Gestire le risorse in modo trasparente, gli utenti accedono a risorse remote come se fossero locali. Garantire servizi in termini di: performance, sicurezza, tolleranza agli errori, disponibilità e tempi di risposta. Accounting delle risorse: le informazioni sono raccolte in un database (Home Location Register) che non si appoggia su alcun archivio centrale, ma su una rete di server indipendenti usati per mantenere i record delle transazioni effettuate dagli utenti sulle risorse. 5

6 Esistono tre tipi diversi di sistemi di Grid Computing che si differenziano per i problemi di business per i quali possono essere soluzione e possiamo dire che i tipi che seguono sono differenti modelli di architettura di Grid. Computational Grid: aggrega potenza di calcolo da una collezione distribuita di sistemi. Data Grid: accesso in sicurezza ad una collezione di insieme di dati distribuiti ed eterogenei. Access Grid: è un insieme di risorse specializzate al supporto dell interazione tra persone. Queste risorse includono display ampi multimediali, ambienti organizzati per l interazione e la presentazione mediata dal computer. Queste risorse puntano a supportare le forme di interazione di tipo collaborativo ed in particolare di tipo gruppo-gruppo. 6

7 7

8 Una Service-Oriented Architecture (SOA, Architettura Orientata ai Servizi) è un modello architetturale per la creazione di sistemi residenti su una rete che focalizza l attenzione sul concetto di servizio. Un sistema costruito seguendo la filosofia SOA è costituito da applicazioni, chiamate servizi, ben definite ed indipendenti l una dall altra, che risiedono su più computer all interno di una rete. Ogni servizio mette a disposizione una certa funzionalità e può utilizzare quelle che gli altri servizi hanno reso disponibili, realizzando, in questo modo, applicazioni di maggiore complessità. 8

9 Principali caratteristiche: essere ricercabile e recuperabile dinamicamente. essere definito da un interfaccia ed indipendente dall implementazione essere debolmente accoppiato con altri servizi (loosely coupled). essere reso disponibile sulla rete attraverso la pubblicazione della sua interfaccia (in un Service Directory o Service Registry) ed accessibile in modo trasparente rispetto alla sua allocazione. fornire un interfaccia possibilmente a grana grossa (coarsegrained). essere realizzato in modo tale da permetterne la composizione con altri. 9

10 Gli attori di un sistema SOA sono tre: Service Provider: un entità che mette a disposizione un qualche servizio Service Registry: possiede le informazioni, come URL e modalità di accesso, di tutti i servizi disponibili Service Consumer 10

11 Un Web Service è un sistema software progettato per supportare l interoperabilità tra diversi elaboratori su di una medesima rete; caratteristica fondamentale è quella di offrire un interfaccia software (descritta in un formato automaticamente elaborabile quale, ad esempio, il Web Services Description Language - WSDL) utilizzando la quale altri sistemi possono interagire con il Web Service stesso attivando le operazioni descritte nell'interfaccia tramite appositi messaggi" inclusi in una "busta" (ad esempio SOAP): tali messaggi sono, solitamente, trasportati tramite il protocollo HTTP e formattati secondo lo standard. 11

12 La presenza del Service Registry (o anche Service Directory o Service Broker), è ciò che rende il sistema, nell esempio di utilizzo dei Web Services visto precedentemente, un architettura Service-Oriented (SOA). Anche UDDI (Universal Description Discovery and Integration) è un Web Service, il quale mette a disposizione due operazioni: Publish, per la registrazione Inquiry, per la ricerca. 12

13 L allineamento tra le tecnologie di Griglia e le tecnologie Web Services viene generalmente definito come Open Grid Services Architecture (OGSA), dove il termine Architecture denota un ben definito set di interfacce elementari da cui possono essere costruiti i sistemi di griglia, e Open è usato per definire l estensibilità della comunicazione e la standardizzazione dei processi tra il committente e la comunità. L orientamento ai servizi OGSA serve a virtualizzare le risorse su livelli multipli, in maniera tale che le stesse astrazioni e i meccanismi usati nelle Griglie supportino la collaborazione tra domini di organizzazioni. 13

14 L OGSA dunque: definisce meccanismi standard per la creazione, il naming ed il discovering delle istanze transienti di un servizio; fornisce il location trasparency (possibilità di accedere alle risorse senza conoscere dove esse siano allocate) ed i protocolli binding (termine che indica i protocolli di rete nella terminologia dei Web Services) multipli per le istanze di un servizio; supporta l integrazione con le funzionalità della piattaforma sottostante e supporta la creazione, la gestione e l utilizzo di insiemi di servizi gestiti dalle organizzazioni virtuali. 14

15 L'architettura di Grid è formata da quattro diversi livelli: LIVELLO FABRIC Il livello Fabric, che rappresenta l interfaccia al controllo locale delle risorse, è l insieme di tutte le risorse globalmente distribuite che sono accessibili mediante i protocolli di Griglia (risorse computazionali, di storage, telescopi, microscopi, apparati sperimentali che producono dati, virtual instruments e così via). LIVELLO PROTOCOLLI (Resource and Connectivity) Il livello Connectivity ha lo scopo di rendere le comunicazioni facili e sicure e definisce l insieme dei protocolli di comunicazione e autenticazione richiesti per le transazioni di rete specifiche per la Griglia. In particolare il livello connectivity è responsabile di: 1. Single-signOn 2. Delegation 3. Integrazioni con i sistemi locali di autenticazione 15

16 Il livello Resource definisce i protocolli per la pubblicazione delle informazioni locali sullo stato di risorse e fornisce i servizi per il management poggiandosi sul livello connectivity: 1. Information Protocols 2. Management Protocols LIVELLO SERVIZI COLLETTIVI Il livello Collective definisce i protocolli e servizi di alto livello per la gestione delle risorse distribuite. E il livello che di fatto virtualizza le risorse presenti sulla griglia e le esporta in maniera trasparente verso l utente, fornisce i servizi utilizzati per la gestione e la condivisione delle risorse come Directory Service (che permette la ricerca di risorse e relative proprietà), Coallocation (che dà la possibilità di richiedere una allocazione combinata di più risorse), Monitoring e Diagnostics (che permette di tenere sotto controllo l utilizzo e lo stato delle risorse) e Data Replication. 16

17 LIVELLO APPLICATIVO Il livello Application infine, in cima a tutti gli altri, contiene le applicazioni utente che operano all interno delle VO. Le applicazioni sono costruite utilizzando i servizi definiti ai livelli più bassi e in considerazione delle loro caratteristiche. 17

18 Una premessa di base che viene fatta in ambito OGSA è che ogni cosa è rappresentata come un servizio, Grid service: risorse computazionali, risorse di memorizzazione, reti, database. Un servizio di Griglia implementa delle interfacce (porttypes in WSDL), dove ognuna di esse definisce un insieme di operazioni che sono invocate per scambiare una precisa sequenza di messaggi. 18

19 Interfacce standard I Servizi di Griglia estendono il concetto di Web Services, utilizzandondo delle interfacce ben definite che permettono la scoperta, la creazione dinamica del servizio, la gestione del tempo di vita, la notifica e la maneggevolezza ed un insieme di convenzioni per assegnare i nomi e per effettuare aggiornamenti. Discovery. Le applicazioni richiedono dei meccanismi per il discovering dei servizi utilizzabili e per individuare le caratteristiche di tali servizi. una rappresentazione standard per i service data, che sono informazioni sulle istanze di servizio Griglia una operazione standard, la FindServiceData, per recuperare i service data Creazione dinamica di un servizio. La possibilità di creare e gestire dinamicamente un servizio è il principio base del modello OGSA e quindi è necessaria l esistenza di un servizio adibito a questo scopo. Il modello OGSA fornisce un interfaccia standard (Factory) utilizzata per la creazione di un servizio. 19

20 Lifetime Management. Nei sistemi distribuiti è alta la probabilità che le operazioni tra i servizi non vengano eseguite correttamente a causa di fallimenti che occorrono durante l elaborazione di tali operazioni. Per soddisfare queste richieste sono state definite due operazioni standard: Destroy e SetTerminationTime, rispettivamente utilizzate per la distruzione e il lifetime management delle istanze di servizio di Griglia. Notification. Una collezione di servizi distribuiti e dinamici deve poter notificare, in maniera asincrona, ogni cambiamento che riguardi il loro stato. L OGSA definisce le astrazioni comuni ad un servizio e le interfacce di servizio per la condivisione di eventi (NotificationSource), e per il discovery di eventi (NotificationSink) come notifications. 20

21 Requisiti in un processo di Griglia Ci sono diversi requisiti per costruire un ambiente di Griglia robusto: Creazione dinamica del Servizio L OGSA usa il concetto di Factory Service (Factory PortType) che permette di creare l istanza di servizio che serve. Per creare un istanza di un servizio di Griglia l interfaccia Factory offre l operazione CreateService che crea una nuova istanza di tale servizio e restituisce al richiedente il GSH e il GSR iniziale per la nuova istanza creata. Gestione dinamica del Servizio L OGSA soddisfa la necessità di identificare un istanza creata mediante il PortType HandleRevolver, il Grid Service References (GSR) ed il Grid Service Handles (GSH). Ad ogni istanza viene assegnato un nome globalmente unico, il Grid Service Handle (GSH) che distingue una specifica istanza di servizio di Griglia da tutte le altre istanze, affinchè un client possa comunicare con il servizio bisogna definire un documento WSDL che descrive in che modo si effettua la comunicazione con il servizio, dove è allocato, il protocollo binding da utilizzare durante la comunicazione, l indirizzo di rete a cui connettersi ed tutte le informazioni necessarie per interagire con una specifica istanza di servizio, il Grid Service Reference (GSR). HandleResolver usa il GSH e ritorna un GSR, che contiene il protocollo e i dati specifici dell istanza, per permettere a chiunque di connettersi al servizio. 21

22 Gestione del Lifetime L introduzione delle istanze di un servizio transitorie pone il problema di determinare il lifetime di un servizio, cioè determinare quando un servizio potrebbe terminare. Una possibile implementazione del lifetime management soft state può essere fatta attraverso l operazione SetTerminationTime fornita dall interfaccia GridService, la quale, permette di definire un lifetime iniziale da assegnare alla nuova istanza di un servizio, di richiedere un estensione del lifetime e di recuperare l istanza del servizio quando il suo lifetime è scaduto. Service Data e Discovery del Servizio Ad ognuna delle istanze di un servizio di Griglia è associato un insieme di dati, cioè una collezione di elementi XML raggruppati come service data element del servizio. Registrazione / Scoperta È necessaria una rappresentazione standard delle informazioni sul servizio e dei meccanismi per permettere a chiunque di trovare il servizio che può soddisfarlo all interno di un registro. L OGSA risolve questi problemi fornendo un elemento service data all interno del GridService PortType e della Registration PortType. 22

23 Notifica Una raccolta di servizi distribuiti deve essere capace di notificare il cambiamento asincrono ad ogni altro. L OGSA risolve questo problema della notifica usando il Notification- Source porttype, Notification-Sink porttype e Notification- Subscription porttype. Gestione delle Handle e dei Reference. Il GSH si riferisce in maniera univoca all istanza di un servizio di Griglia creata, mentre il GSR è creato con un lifetime finito e può cambiare durante il lifetime del servizio. L approccio adottato in OGSA è di definire un interfaccia HandleMap che tenga traccia della corrispondenza handle-reference. L operazione (FindByHandle) fornita da questa iterfaccia prende un GSH e restituisce un GSR valido. 23

24 L infrastruttura forma la base per un pieno successo per le applicazioni di griglia. I componenti software di base di una griglia computazionale possono essere raggruppati in quattro categorie e coprono le seguenti aree di sistema: Componenti per la security Componenti per il Resource Management Componenti per l Information Service Componenti per il Data Management 24

25 La storia di Globus comincia nel 1994 nell università dell Illinois a Chicago quando un piccolo team di ricercatori stabilirono un collegamento temporaneo tra le reti di undici centri di ricerca. Il progetto fu chiamato I-Way e fu affidato a Ian Foster. Il suo successo spinse il team a continuare il lavoro, fu creato il progetto Globus con lo scopo di realizzare un software open source per l interconnessione di risorse di calcolo e nel 1997 fu realizzata la prima versione di Globus Toolkit, che collegava 80 siti di ricerca e di calcolo sparsi per il mondo. Globus Toolkit è un progetto sviluppato con lo scopo di creare un insieme di servizi utilizzabili in modo indipendente o in modo congiunto per poter sviluppare applicazioni Grid. Si tratta di un insieme di tools che facilita la costruzione delle computing Grid abilitando le applicazioni alla gestione delle risorse di calcolo eterogenee e distribuite. 25

26 Gestione della sicurezza GSI (Grid Security Infrastructure) è un meccanismo di autenticazione che si occupa della sicurezza nell'ambiente Grid, garantendo l'accesso solamente agli utenti autorizzati. Il bisogno di realizzare comunicazioni sicure (autenticate e spesso confidenziali) Il bisogno di realizzare un sistema per la sicurezza che supporti l eterogeneità delle varie organizzazioni che fanno parte della griglia Il bisogno di supportare il single sign-on per gli utenti della griglia: il singolo utente si deve autenticare una ed una sola volta al momento del primo accesso 26

27 Gestione delle risorse. Il GRAM (Globus Resource Allocation Manager) si occupa della gestione delle risorse ed ha il compito di abilitare un accesso sicuro e controllato alle risorse computazionali gestendo l'esecuzione remota di operazioni sulle risorse stesse. Quando il gatekeeper riceve la richiesta di allocazione da un client: si autentica mutuamente con il client (tramite il sistema dei certificati utilizzato dal GSI) crea un utente locale sul quale mappare la richiesta remota abilita il job manager sulla macchina locale come utente locale passa al job manager gli argomenti per l allocazione 27

28 Gestione delle informazioni. MDS (Metacomputing Directory Service) è il servizio di informazione del Globus Toolkit: esso fornisce un sistema di directory di servizi da utilizzare per ottenere informazioni sulle risorse presenti nel GRID. MDS utilizza un framework estendibile per gestire informazioni statiche e dinamiche sullo stato del GRID e di tutti i suoi componenti: reti, nodi computazionali, sistemi di immagazzinamento dati ecc. MDS utilizza LDAP (Lightweight Directory Access Protocol) come interfaccia per ottenere tutte le informazioni. GRIDFTP è un protocollo utilizzato per realizzare lo scambio di file tra le varie risorse all'interno della griglia. Estende il protocollo FTP, permettendo così di aumentare la capacità e la sicurezza del trasferimento dati grazie all'utilizzo dei meccanismi definiti dal GSI. 28

29 Gestione dei job ed allocazione delle risorse. Resource Broker (RB) è la macchina che si occupa di fare il matching dei job con le risorse disponibili, in base alle specifiche espresse nella descrizione del job. Se non viene specificata una risorsa su cui eseguire il job, il RB ne sceglie una tra quelle disponibili. Berkley Database Information Index (BDII) è un database che serve per memorizzare lo stato delle risorse. Infatti al momento della richiesta da parte di un RB effettua una interrogazione simultanea a tutte le risorse coinvolte e memorizza il loro stato all'interno del database. Gestione delle VO Le VO, organizzate gerarchicamente, sono una struttura dinamica in quanto il numero degli utenti che ne fa parte può variare nel corso del tempo insieme alle riorse messe a disposizione. All'interno del Globus Toolkit le VO sono implementate con il meccanismo dei gridmap file, un file che contiene l'elenco completo degli utenti appartenenti a ciascuna VO. Il file è organizzato per righe, ciascuna delle quali contiene informazioni su un determinato utente, come il nome e il contact name per essere riconosciuto dal sistema. 29

30 Il nostro primo servizio di griglia consisterà in un semplice Grid Service di calcolo matematico, denominato MathService, che permetterà agli utenti di eseguire le seguenti due operazioni: Addizione Sottrazione I passi fondamentali. I passi fondamentali per la scrittura e la pubblicazione del servizio sono i seguenti: 1. Definire l'interfaccia del servizio 2. Implementare il servizio 3. Definire i parametri del deploy 4. Compilare tutto e generare il file GAR 5. Pubblicare il servizio 30

31 Passo 1: Definizione dell interfaccia in GWSDL. Il primo passo per la scrittura di un Grid Service (o di un Web service), è quello di definire l'interfaccia del servizio. Abbiamo bisogno di specificare che cosa il nostro servizio sta per fornire al mondo esterno. In generale abbiamo due modi per farlo: Generare il file WSDL da un'interfaccia Java public interface Math { public void add(int a); public void subtract(int a); public int getvalue(); } Scrivere direttamente un documento WSDL 31

32 Il codice GWSDL che useremo è l'equivalente della interfaccia Java mostrata sopra. Il motivo per cui i metodi add e subtract hanno un solo parametro è che abbiamo intenzione di utilizzare il nostro servizio come un accumulatore per dimostrare in che modo i servizi di griglia sono stateful (stateful significa che il servizio ricorda i valori interni da una chiamata all'altra). Mapping dei Namespace. Uno dei vantaggi di (G)WSDL è che è indipendente dalla linguaggio. Tuttavia, ci sarà naturalmente un momento in cui si farà riferimento alla nostra interfaccia in uno specifico linguaggio (nel nostro caso, Java). Lo facciamo attraverso un insieme di classi stub che sono generate dal file GWSDL utilizzando come strumento di sviluppo Globus Toolkit. 32

33 Passo 2: Implementazione del servizio in Java. L'implementazione specifica come il servizio assolve al compito specificato nella sua interfaccia. L'implementazione di un Grid Service è semplicemente una classe Java che, oltre ad implementare le operazioni descritte nel file GWSDL, deve soddisfare determinati requisiti. public class MathImpl extends GridServiceImpl implements MathPortType Si noti quanto segue: 1. MathImpl è una classe figlia di GridServiceImpl. Ogni Grid Service si estende dalla classe base GridServiceImpl. Questa è quella che di solito viene chiamata la classe skeleton, perché contiene le funzionalità di base comuni a tutti i servizi di griglia. Infatti, GridServiceImpl implementa tutte le operazioni dichiarate nel porttype GridService, da cui si estendono tutti i servizi di griglia. 2. Il nostro Grid Service implementa un'interfaccia denominata MathPortType. Si ricordi che PortType è un altro nome per identificare una interfaccia del nostro servizio. In sostanza stiamo dicendo all interprete Java che questo Grid Service implementa un particolare porttype: la MathPortType. Ma, dove prendiamo questa MathPortType? Essa non è altro che un file stub che verrà generato dal file GWSDL dopo aver compilato il servizio. 33

34 Ricordiamo quanto detto nella pagina precedente, cioè che vogliamo che MathService debba ricordare un valore interno che dovrà essere sommato e sottratto utilizzando i metodi add e subtract. Dobbiamo semplicemente dichiarare come attributo privato numero intero: private int value = 10; Infine, implementiamo i metodi specificati nella interfaccia del servizio: add, subtract, e getvalue. Notiamo come, pur essendo metodi molto semplici, tutti possono lanciare un eccezione RemoteException. Dal momento che sono metodi remoti (in cui si può accedere da remoto, attraverso il Grid Service), può essere generata una RemoteException se c'è un problema tra il server e il client. 34

35 Passo 3: Configurare la pubblicazione del servizio in WSDD. Fino a questo punto, abbiamo scritto le due parti più importanti di un Grid Service: l'interfaccia del servizio (GWSDL) e l'implementazione del servizio (Java). Ora, è necessario mettere insieme tutti questi pezzi, e renderli disponibili attraverso un Web server abilitato ai Servizi di griglia. Questa fase è chiamata la pubblicazione del Grid Service. Uno dei componenti chiave della fase di pubblicazione è un file chiamato deployment descriptor, questo indicherà al web server come pubblicare il nostro Grid Service (ad esempio, dicendogli quale sarà il GSH del servizio). Il deployment descriptor è scritto in formato WSDD (Web Service Deployment Descriptor) 35

36 Il Service name. Il service name specifica la posizione in cui si troverà il nostro Grid Service. Se lo combiniamo con l'indirizzo di base del nostro contenitore Grid Service, otterremo il GSH del nostro Grid Service. Per esempio, se utilizziamo il contenitore stand-alone di Globus, l'url di base sarà probabilmente Pertanto, il GSH del nostro servizio potrebbe essere: classname and baseclassname. In WSDD il classname si riferisce all'interfaccia che espone tutte le funzionalità del Grid Service (MathPortType), mentre il baseclassname è la classe che fornisce l'implementazione per il nostro Grid service, la classe MathImpl. 36

37 Passo 4: Creare un file GAR con Ant. A questo punto abbiamo un'interfaccia del servizio descritta in GWSDL (1), un implementazione del servizio in Java (2), ed un deployment descriptor che specifica al contenitore del Grid Sevice come presentare (1) e (2) al mondo esterno. Utilizzando i tre file scritti nei precedenti tre paragrafi genereremo un Grid Archive, o file GAR. Questo file conterrà tutti i file e le informazioni di cui il contenitore del Grid service a bisogno per pubblicare il nostro servizio e renderlo disponibile al mondo intero. Tuttavia, la creazione di un file GAR è un compito piuttosto complesso e prevede i seguente passi: 1. Conversione del GWSDL in un file WSDL 2. Creazione delle classi stub dal WSDL 3. Compilazione delle classi stub 4. Compilazione dell'implementazione del servizio 5. Organizzazione di tutti i file in una struttura di directory molto specifica 37

38 Grazie al Globus Toolkit possiamo fare tutto questo in un unico passaggio utilizzando uno strumento molto utile chiamato Ant. Ant, un progetto della Apache Software Foundation [http://www.apache.org/], è uno strumento di compilazione Java. Concettualmente è molto simile al classico comando make di UNIX. Ant genera il GAR direttamente dai tre file di origine. Internamente, compie tutti i passi elencati in precedenza, risparmiandoci l arduo compito di farlo. Nel progetto Globus, Ant utilizza due set di file: due file di build che fanno parte di Globus, e un file di build che bisogna scrivere di proprio pugno. I file di build Globus coprono tutte le fasi più importanti (generazione del codice WSDL, generare degli stub, ecc). Il file di build che bisogna scrivere invece ha sostanzialmente tutti i parametri del nostro Grid Service, ed alcune chiamate ai file di build di Globus. 38

39 39

40 Passo 5: Pubblicare (deploy) il servizio in un contenitore (container) di Grid Service Il file GAR contiene tutti i file e le informazioni necessarie al web server per pubblicare il Grid Service. Il Deployment è fatto dallo stesso Ant, che spacchetta il file GAR e copia i file all'interno (WSDL, compilazione degli stub, compilazione della implementazione, WSDD) dell albero delle directory di Globus. Ant legge anche il nostro deployment descriptor e configura il Web server che prenderà in considerazione il nostro Grid Service. 40

41 Infrastruttura Hardware. Costruiamo una infrastruttura di rete cablata, tipo LAN (Local Area Network), collegando in rete tre computer tramite uno SWITCH. La prima macchina, funzionerà da server, mentre le altre due da client in un architettura di tipo client-server. Il server ha la precisa funzione di gestire ed amministrare la rete mentre i client assumono una posizione subordinata accedendo alle risorse condivise dal server. Infrastruttura Software. Su ogni macchina dovrà essere installato un sistema operativo unix-like ed un middleware, software di base per poter costruire una Griglia Computazionale. Si è scelto di usare una distribuzione open-source di Debian 6.0 e come middleware il Globus Toolkit 4.0 della Globus Alliance team e uno SWITCH. 41

42 Un semplice Client. Testiamo il nostro Grid Service servizio con un Client a riga di comando che richiamerà il metodo add e il metodo getvalue. Questo cliente riceverà due argomenti da linea di comando: 1. Il Grid Service Handle (GSH) 2. Un numero da sommare Tuttavia, il punto importante è che, una volta che abbiamo il riferimento, possiamo lavorare con il Grid Service come se fosse un oggetto locale. Si noti, tuttavia, che dobbiamo mettere tutto il codice all'interno di un blocco try / catch, affinché i metodi Grid Service (in questo esempio, il metodo add) possano lanciare la RemoteException. 42

43 Prima di compilare ed eseguire il client, dobbiamo avviare lo stand-alone container, in caso contrario il nostro servizio di griglia non sarà disponibile, e il client andrà in crash, quando il container si avvia, comparirà una lista con il GSH di tutti i servizi pubblicati. 43

44 Questo è il servizio come apparirebbe in una installazione di default Globus, con lo standalone container situato in Ora possiamo eseguire il client: 44

45 I. Foster, C. Kesselman, J. M. Nick, S. Tuecke, The Physiology of the Grid. I. Foster, C. Kesselman, S. Tuecke, The Anatomy of the Grid. I. Foster, C. Kesselman, Computational Grids. L. Ferreira, Introduction to Grid Computing with Globus (Redbooks) - IBM Press M. Castellano, C. Digregorio, A Workflow based approach for Knowledge Grid Application, in: International Conference on Knowledge Management and Information Sharing (KMIS 2009), October 6 8, 2009, Madeira, Portugal. M. Castellano, G. Mastronardi, et al, Estrazione di sintomi e patologie mediante tecniche di Mining attraverso l uso di Tecnologia Grid, in: 8 Congresso Nazionale dell Associazione Italiana di Telemedicina e Informatica Medica Seconda Conferenza Nazionale di GRID in December 13-15, 2007, Bari, Italy. F. Carlucci, M. Castellano, G. Piscitelli, A Study on Super Scheduling and Data-Replication in a Data-Grid, in: 13th IEEE-NPSS Real Time Conference IEEE-NPSS. M. Castellano, G. Piscitelli, Evaluating Scheduling Algorithms in a Grid Scenario, in: Congresso Associazione Italiana Calcolo Automatico (AICA) 2002 Conversano (Bari), settembre M. Castellano, G. Piscitelli, et al, Scheduling System in a Grid Environment, in: Atti Interni SIS Pubblicazioni Laboratori Nazionali di Frascati. M. Castellano, G. Piscitelli, N. Simeone, Evaluating Scheduling Algorithms in a Data Grid Network, in: 10th Int. Conference On Software, Telecommunications, and Computer Network October IEEE. 45

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

An Open Grid Service Architecture OGSA

An Open Grid Service Architecture OGSA An Open Grid Service Architecture OGSA Corso di laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Percorso Ripasso La tecnologia dei Web Service (molto!) in breve OGSA e l architettura Grid Grid Services Antonella

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

An Open Grid Service Architecture OGSA

An Open Grid Service Architecture OGSA An Open Grid Service Architecture OGSA Corso di laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Percorso Riprendiamo dei concetti della scorsa lezione Approfondire le interfacce Un piccolissimo esempio Hosting

Dettagli

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Un ambiente di esecuzione che gestisce o naming di oggetti, sicurezza, concorrenza, transazioni, persistenza, distribuzione oggetti (location

Dettagli

The Globus Toolkit. Corso laboratorio specialistico 2. Antonella Galizia

The Globus Toolkit. Corso laboratorio specialistico 2. Antonella Galizia The Globus Toolkit Corso laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Outline Introduzione Globus Toolkit 2 Globus Toolkit 3 Diamo per scontate i concetti noti Antonella Galizia Lezione 5 2 La storia

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids James Frey, Todd Tannenbaum, Miron Livny, Ian Foster, Steven Tuecke Condor-G Sfrutta: Security, comunicazioni, resource

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Chi siamo NIS nasce nel 1993 come spin-off dalla Università di Genova (DIST) Nel 1996 viene aperta una unità operativa

Dettagli

Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS

Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica A.A. 2003/2004 Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione Sommario Il Problema della Sicurezza nelle Grid Sicurezza nelle Grid Grid Security Infrastructure Autorizzazione 2 Page 1 Il Problema della Sicurezza nelle Grid (1) Le risorse sono presenti domini amministrativi

Dettagli

Programmazione di sistemi distribuiti

Programmazione di sistemi distribuiti Programmazione di sistemi distribuiti I Sistemi Distribuiti, per loro natura, prevedono che computazioni differenti possano essere eseguite su VM differenti, possibilmente su host differenti, comunicanti

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Service Level Agreement Management Framework

Service Level Agreement Management Framework Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Workshop su QoS e SLA Service Level Agreement Management Framework Giovanni Morana

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

Registro SPICCA Architettura del Software

Registro SPICCA Architettura del Software Registro SPICCA Architettura del Software Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Introduzione... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Obiettivo... 4 1.3 Riferimenti... 4 1.4 Panoramica del documento... 4 2 Rappresentazione

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

Problemi di schedulazione distribuita su Grid

Problemi di schedulazione distribuita su Grid Problemi di schedulazione distribuita su Grid Ivan Porro Università degli Studi di Genova, DIST, Laboratorio BioLab pivan@unige.it 010-3532789 Si ringrazia per il materiale il Dr. Andrea Clematis dell

Dettagli

OLAP (On Line Analytical Processing)

OLAP (On Line Analytical Processing) OLAP (On Line Analytical Processing) Con il termine OLAP si intende la possibilità di effettuare analisi dei dati su strutture multidimensionali in maniera rapida, flessibile ed efficiente, attraverso

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Griglie e Sistemi Ubiqui - D.

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Cluster per architetture a componenti

Cluster per architetture a componenti Luca Cabibbo Architetture Software Cluster per architetture a componenti Dispensa ASW 442 ottobre 2014 Un buon progetto produce benefici in più aree. Trudy Benjamin 1 -Fonti [IBM] Clustering Solutions

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Enterprise Edi.on Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Web Services Web Services: SOAP vs. RESTful 2 diversi.pi di Web Services I Web Services SOAP sono quelli classici Si basano

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 Introduzione al concetto di GRID Sulla base dell implementazione GLOBUS-EDG-EGRID What is the GRID? What is the

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1)

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Pagina 1 di 10 Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Nel corso della lezione precedente abbiamo analizzato le caratteristiche dell'architettura CGI.

Dettagli

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni Gid Grid Scheduling Shdli e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni i i in più domini i Obiettivi del proprietario

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 OGSA, OGSI e WSRF Gli Standard OGF Griglie computazionali - a.a. 2009-10

Dettagli

CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA

CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) consiste in un insieme di specifiche promosse e curate da OMG (Object Management Group). L OMG è un consorzio internazionale no-profit di industrie nel

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

http://indesk.innove.it

http://indesk.innove.it http://indesk.innove.it INDESK. Un nuovo service management. Un approccio completamente nuovo alla gestione di sistemi di information technology (IT) su larga scala e integrabile ai sistemi legacy ha portato

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Grid Scheduling e WS-Agreement

Grid Scheduling e WS-Agreement Grid Scheduling e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni in più domini Obiettivi del proprietario vs. obiettivi

Dettagli

MAGO CRESCO - SPI.2. Relazione finale sul Progetto MAGO. Consorzio Campano di Ricerca per l Informatica e l Automazione Industriale S.c.a.r.l.

MAGO CRESCO - SPI.2. Relazione finale sul Progetto MAGO. Consorzio Campano di Ricerca per l Informatica e l Automazione Industriale S.c.a.r.l. CRESCO - SPI.2 MAGO Relazione finale sul Progetto MAGO Relativo al contratto tra ENEA e CRIAI avente per oggetto: Analisi e Realizzazione di tool innovativi a supporto delle funzionalità GRID stipulato

Dettagli

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Claudio Zunino claudio.zunino@polito.it Andrea Sanna andrea.sanna@polito.it Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Dettagli

Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI

Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Anno Accademico 2007-08 Marco Comerio comerio@disco.unimib.it Richiami Teorici Oggetti distribuiti 2-16 Usuale organizzazione di un oggetto remoto con un

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8 Indice 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione............................. 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise............. 8 2 Affidabilità 11 2.1 Introduzione............................. 12 2.1.1

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Network Services Location Manager. Guida per amministratori di rete

Network Services Location Manager. Guida per amministratori di rete apple Network Services Location Manager Guida per amministratori di rete Questo documento illustra le caratteristiche di Network Services Location Manager e spiega le configurazioni di rete per sfruttarne

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Mobilità di Codice. Massimo Merro Programmazione di Rete 128 / 144

Mobilità di Codice. Massimo Merro Programmazione di Rete 128 / 144 Mobilità di Codice Abbiamo già visto come un dato host possa trasmettere un oggetto (serializzabile) ad un altro host. Quest ultimo potrà eseguire l oggetto pur non possedendo il bytecode della classe

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo tesi di laurea Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo Correlatore Ing. Christiancarmine Esposito candidato

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Dimitris Gritzalis (a), Costas Lambrinoudakis (b)

Dimitris Gritzalis (a), Costas Lambrinoudakis (b) Dimitris Gritzalis (a), Costas Lambrinoudakis (b) a Department of Informatics, Athens University of Economics and Business, 76 Patission Street, Athens GR 10434, Greece b Department of Information and

Dettagli

Studio e implementazione di metodi di previsione dei guasti per politiche di scheduling in ambito Desktop Grid

Studio e implementazione di metodi di previsione dei guasti per politiche di scheduling in ambito Desktop Grid Studio e implementazione di metodi di previsione dei guasti per politiche di scheduling in ambito Desktop Grid Relatore Dott. Massimo Canonico Candidato Guido Vicino Laurea in Informatica dei Sistemi Avanzati

Dettagli

Aspetti applicativi e tecnologia

Aspetti applicativi e tecnologia Aspetti applicativi e tecnologia Premessa Architetture usate per i database Le prime applicazioni erano definite monolitiche, cioè un unico computer (mainframe) gestiva sia le applicazioni che i dati,

Dettagli

RMI Remote Method Invocation

RMI Remote Method Invocation RMI Remote Method Invocation [Pagina intenzionalmente vuota] (1 12 2004) slide 4:1/18 (p.106) Un applicazione RMI è un applicazione distribuita ad oggetti. Applicazione RMI tipica, strutturata in: server:

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Introduzione a Oracle 9i

Introduzione a Oracle 9i Introduzione a Oracle 9i Ing. Vincenzo Moscato - Overview sull architettura del DBMS Oracle 9i L architettura di Oracle 9i si basa sul classico paradigma di comunicazione client-server, in cui sono presenti

Dettagli

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching * Sistemi operativi di rete: ambiente composto da risorse remote accessibili esplicitamente con controllo utente. Funzioni principali (demone); - login remoto (telnet) - trasferimento di file remoti (FTP)

Dettagli

Studio e implementazione di metodi di previsione dei guasti per politiche di scheduling in ambito Desktop Grid

Studio e implementazione di metodi di previsione dei guasti per politiche di scheduling in ambito Desktop Grid Studio e implementazione di metodi di previsione dei guasti per politiche di scheduling in ambito Desktop Grid Relatore Dott. Massimo Canonico Candidato Guido Vicino Laurea in Informatica dei Sistemi Avanzati

Dettagli

RMI: metodi equals e hashcode

RMI: metodi equals e hashcode RMI: metodi equals e hashcode Per verificare se due oggetti remoti contengono gli stessi dati, la chiamata indirizzata al metodo equals() avrebbe bisogno di contattare i server dove si trovano gli oggetti

Dettagli

Distributed Object Computing

Distributed Object Computing Evoluzione Architetturale Distributed omputing entralizzata Monolitica anni 60-70 Reti locali di P anni 80 Reti lient Server anni 80-90 Internet The network is the computer Paolo Falcarin Sistemi Informativi

Dettagli

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa Tito Flagella tito@link.it http://openspcoop.org La Cooperazione Applicativa Regolamentazione delle modalità

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli