SO.PA.F. S.p.A. RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2005 GRUPPO SO.PA.F.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SO.PA.F. S.p.A. RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2005 GRUPPO SO.PA.F."

Transcript

1 SO.PA.F. S.p.A. RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2005 GRUPPO SO.PA.F. Milano, 11 novembre 2005

2 SO.PA.F. Società Partecipazioni Finanziarie S.p.A. Sede legale: via San Vittore 39, Milano Capitale sociale: ,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano e C.F Iscritta all U.I.C. n RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE

3 SO.PA.F. Società Partecipazioni Finanziarie S.p.A. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Vice Presidenti Consiglieri Giuseppe Daveri Giorgio Magnoni Giovanni Jody Vender Giancarlo Boschetti Renato Cassaro Adriano Galliani Luigi Guatri Juan Llopart Luca Magnoni COLLEGIO SINDACALE Presidente Sindaci Effettivi Sindaci Supplenti Franco Livio Brambilla Maurizio Dattilo David Reali Giuseppe Mariella Enrico Rigamonti Caterina Mariella SOCIETÀ DI REVISIONE DELOITTE & TOUCHE S.P.A. 3

4 Relazione Trimestrale Consolidata al 30 settembre 2005 SOMMARIO OSSERVAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI Premessa pag. 5 Andamento del Gruppo pag. 5 Principali operazioni effettuate nel corso del trimestre pag. 6 Portafoglio partecipazioni pag. 7 Fatti di rilievo relativi al Gruppo successivi al 30 settembre 2005 pag. 12 Evoluzione prevedibile della gestione pag. 12 Azioni proprie pag. 12 PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2005 Posizione finanziaria netta di Gruppo al 30 settembre 2005 pag. 13 Conto Economico Consolidato pag. 15 Stato Patrimoniale Consolidato pag. 16 NOTE DI COMMENTO AI PROSPETTI CONTABILI Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 30 settembre 2005 pag. 17 Note alle poste dello Stato Patrimoniale consolidato pag. 25 Informazioni sul Conto Economico consolidato pag. 29 Transizione ai Principi contabili Internazionali (IAS/IFRS) pag. 31 ALLEGATI Prospetto delle variazioni nei conti del Patrimonio Netto Consolidato

5 OSSERVAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI CIRCA L ANDAMENTO GESTIONALE E I FATTI PIÙ SIGNIFICATIVI DEL PERIODO DAL 1/07/05 AL 30/09/05 PREMESSA In base a quanto previsto dagli articoli 82 e 82 bis del regolamento emittenti, definiti dalla delibera Consob n del 14 aprile 2005, Sopaf S.p.A. ha aderito all opzione di applicare alla relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2005 i criteri di rilevazione e di valutazione previsti dai principi contabili internazionali (IFRS) e di presentare la relazione stessa sulla base dei criteri indicati nell allegato 3D del Regolamento di cui di cui alla delibera Consob del 14 maggio 1999, n Per omogeneità di confronto i valori relativi al 1 trimestre sono stati rielaborati in base agli IFRS con la sola esclusione, prevista per i dati comparativi , degli IAS 32 e 39, applicati a partire dal 1 luglio Secondo quanto richiesto dal paragrafo 4 dell art. 82 bis della citata delibera Consob n , viene anche fornita, nella specifica sezione Transizione ai principi contabili internazionali (IFRS) la riconciliazione, prevista dall IFRS 1, del patrimonio netto alla data di inizio e fine dell esercizio , nonché del risultato economico di tale esercizio e delle rettifiche di rilievo apportate al rendiconto finanziario. ANDAMENTO DEL GRUPPO Come già ampiamente illustrato nella relazione al bilancio chiusosi al 30 giugno 2005 l Assemblea Straordinaria degli Azionisti, tenutasi in data 6 maggio 2005, ha deliberato la fusione per incorporazione della LM ETVE S.p.A. in Sopaf S.p.A.. L atto di fusione, avvenuto in data 26 luglio 2005, è stato iscritto al Registro delle Imprese di Milano in data 27 luglio In conseguenza della fusione Sopaf S.p.A. è subentrata di pieno diritto ai sensi dell art bis alla incorporata LM ETVE S.p.A.. Dalla data del 29 luglio 2005 (data di efficacia verso terzi della fusione) il capitale sociale di Sopaf S.p.A. ammonta a euro ,00 ed è rappresentato da azioni ordinarie senza valore nominale. Ai fini contabili e fiscali la fusione per incorporazione di LM ETVE S.p.A. in Sopaf S.p.A. ha avuto effetto a far data dal 1 luglio I dati e le informazioni del periodo 1 luglio settembre 2005, pur essendo forniti in forma comparativa con il periodo precedente (30 settembre 2004) e con l ultimo bilancio approvato (30 giugno 2005), non sono da ritenersi comparabili per effetto della citata fusione. Per quanto riguarda la Capogruppo Sopaf S.p.A. il risultato del primo trimestre dell esercizio 1 luglio giugno 2006, redatto secondo i principi contabili italiani, presenta un utile di migliaia di euro, contro una perdita di 729 migliaia di euro registrata nello stesso periodo del 2004 (perdita di migliaia di euro al 30 giugno 2005). Il Patrimonio Netto al 30 settembre 2005 ammonta a migliaia di euro contro i migliaia di euro al 30 settembre 2004 ( migliaia di euro al 30 giugno 2005). A livello di Gruppo Sopaf il risultato del primo trimestre dell esercizio 1 luglio giugno 2006, redatto secondo i principi enunciati in premessa, presenta un utile di migliaia di euro, contro una perdita di migliaia di euro registrata nello stesso trimestre chiuso al 30 settembre 2004 (perdita di migliaia di euro al 30 giugno 2005). Il patrimonio netto consolidato al 30 settembre 2005, compreso gli interessi delle minoranze, è di migliaia di euro contro migliaia di euro del 30 settembre 2004 ( migliaia di euro al 30 giugno 2005); il patrimonio netto consolidato di competenza del Gruppo al 30 settembre 2005 ammonta a migliaia di euro contro i migliaia di euro al 30 settembre 2004 ( migliaia di euro al 30 giugno 2005). I principali dati del Gruppo nel 1 trimestre, nonché quelli dell esercizio , sono riportati nella tabella alle pagine seguenti. Nel primo trimestre dell esercizio 1 luglio giugno 2006 l attenzione del Gruppo è stata particolarmente concentrata nell attività d investimento e di 5

6 diversificazione del portafoglio partecipazioni al fine di migliorare il profilo di rischio / rendimento e del riposizionamento iniziato con l operazione di fusione per incorporazione di LM ETVE S.p.A. in Sopaf S.p.A.. PRINCIPALI OPERAZIONI EFFETTUATE NEL CORSO DEL PRIMO TRIMESTRE (PERIODO DAL 1/07/05 AL 30/09/05) OPERAZIONI DI INVESTIMENTO IN PARTECIPAZIONI In data 6 luglio 2005 Sopaf S.p.A., tramite la controllata lussemburghese Five Stars S.A., partecipata anche da un gruppo di investitori privati, ha acquistato 450 quote del fondo di investimento immobiliare chiuso FIP - Fondo Immobili Pubblici promosso dal Ministero dell Economia e delle Finanze, per un controvalore di 57 milioni di euro. In data 27.settembre 2005 Sopaf e D.B.Zwirn & Co. LP, fondo di investimenti in alternative asset, hanno costituito una joint venture paritetica, denominata Blue Skye S.à.r.l. attiva nell acquisizione di Non Performing Loan (NPL). Ad oggi è già stato effettuato un investimento per l acquisizione di un portafoglio di crediti ipotecari in sofferenza, per un totale nominale di 18.8 milioni. OPERAZIONI DI DISINVESTIMENTO IN PARTECIPAZIONI Sopaf - a seguito delle modifiche avvenute nell assetto azionario e alla conseguente rifocalizzazione delle strategie d investimentio - in data 4 agosto 2005 ha ceduto il 30% del capitale sociale in circolazione di Coronet S.p.A. all azionista già detentore del 40%, per un valore di 9 milioni di euro. A seguito di tale cessione, la quota di Sopaf residua è del 30%. La perdita generatasi dalla cessione è stata compensata dal fondo svalutazione già accantonato nell esercizio chiusosi al 30 giugno Sempre in data 4 agosto 2005 Sopaf S.p.A. ha versato, quale finanziamento soci in conto futuro aumento di capitale, un importo di 6 milioni di euro. Sulla quota di sua proprietà, Sopaf detiene un diritto di vendita allo stesso azionista a fair market value da esercitare nel periodo Il 20 settembre 2005 Eurogiochi S.A., controllata al 60,8% da Lm & Partners Sca, ha perfezionato la cessione a terzi della partecipazione in Sisal S.p.A, pari al 12,73% del capitale, per un corrispettivo netto di 42,9 milioni di euro (al netto degli impegni contrattualizzati nei confronti degli azionisti di riferimento). La quota di spettanza di Lm & Partners in Eurogiochi S.A., al lordo di spese varie, è pari a 27,7 milioni di euro a fronte di un investimento iniziale di 21,4 milioni di euro. Eurogiochi S.A. è stata messa in liquidazione in data 25 ottobre 2005 e l incasso della prima quota di liquidazione, pari a 27 milioni di euro è avvenuta in data 1 novembre L impatto economico di questa operazione verrà pertanto riflesso nel secondo trimestre dell esercizio

7 PORTAFOGLIO PARTECIPAZIONI PARTECIPAZIONI DI MAGGIORANZA DETENUTE DIRETTAMENTE AL 30/09/2005 E CONSOLIDATE IN SO.PA.F. LM & PARTNERS SCA - LUSSEMBURGO LM & Partners SCA è una società di investimento di diritto lussemburghese che opera nelle seguenti aree strategiche di business: Private Equity; Public Equity; Investimenti Immobiliari; Investimenti Finanziari. Il capitale sociale di LM & Partners SCA al 30 settembre 2005 risulta costituito da n azioni di classe A (azioni di management possedute esclusivamente da LM IS S.à.r.l. che le danno il diritto di gestione delle attività d investimento di LM & Partners SCA e da n azioni di classe B. Quest ultima tipologia di azioni è variabile sia per permettere l accesso di nuovi investitori sia per la remunerazione della performance fee spettante a LM IS S.à.r.l.. LM IS S.A.R.L. - LUSSEMBURGO LM IS S.à.r.l., società di diritto lussemburghese, è la management company di LM & Partners SCA; da essa riceve una management fee annuale del 2% sul Net Asset Value (NAV) e ad una performance fee, corrisposta in azioni di LM & Partners SCA calcolata nella misura del 20% dell incremento del NAV di LM & Partners SCA del periodo. LM IS S.à.r.l. possiede anche il 100% del capitale sociale di Star Venture Management S.à.r.l., società che sta finalizzando la liquidazione di Star venture I S.c.p.A. FIVE STARS SA - LUSSEMBURGO Five Stars S.A. è una società veicolo di diritto lussemburghese, di cui Sopaf S.p.A., possiede il 100% delle azioni di classe A e partecipata, attraverso warrants che danno diritto a sottoscrivere azioni di classe B, da un gruppo di investitori privati. I risultati conseguiti da Five Stars sono attribuiti per l 80% ai warrant holders e per il 20% a Sopaf S.p.A.. Five Stars S.A. ha acquistato un numero pari a 450 quote, corrispondente ad un investimento complessivo di 57 milioni di euro del fondo di investimento immobiliare chiuso FIP-Fondo Immobili Pubblici del Ministero dell Economia e delle Finanze. L operazione FIP rientra nell area degli investimenti finanziari alternativi, uno dei principali settori in cui ha scelto di operare Sopaf, dopo l integrazione delle attività facenti capo alla società LM ETVE S.p.A.. ESSERE S.P.A. Essere, costituita nel novembre 2004, è una società di mediazione creditizia che ha siglato una convenzione per l erogazione di finanziamenti ipotecari con un primario gruppo bancario italiano. 7

8 PARTECIPAZIONI DETENUTE DIRETTAMENTE AL 30/09/2005 E NON CONSOLIDATE IN SO.PA.F. ACAL S.P.A. Al 30 settembre 2005 Sopaf S.p.A. detiene il 100% del capitale sociale di Acal S.p.A. con un valore di carico di 122 migliaia di euro. Acal S.p.A. è la società veicolo che detiene una partecipazione del 24% in Delta S.p.A. per un importo complessivo di circa 37 milioni di euro. Il Gruppo Delta opera nei segmenti del consumer finance, prestiti ai privati e alle famiglie attraverso la cessione del quinto, credito al consumo e prestiti personali. LM ETVE S.p.A. (ora Sopaf S.p.A.) aveva negoziato contratti di put e call con sottostante la partecipazione in Acal per cui l investimento effettuato ha un valore di uscita già determinato. BLUE SKYE S.A.R.L. - LUSSEMBURGO Al 30 settembre 2005 Sopaf S.p.A. detiene il 50% del capitale sociale di Blue Skye S.à.r.l., società di diritto lussemburghese, con un valore di carico di 10 mila euro. Al 30 settembre 2005 la società non aveva ancora iniziato la propria operatività. CARTESIO ALTERNATIVE INVESTMENT SGR S.P.A. Al 30 settembre 2005 Sopaf S.p.A. detiene il 30% del capitale sociale di Cartesio Alternative Investment SGR S.p.A., con un valore di carico di 882 migliaia di euro. Gli altri soci sono per il 40% Banca Popolare Italiana Scarl e per il 15% ciascuno dei soci fondatori e prestatori d opera. La società costituita nel 2002 gestisce fondi speculativi. Il 2003 è stato il primo anno di effettiva operatività, ed il 2004 può essere considerato il primo esercizio di funzionamento a regime. CORONET S.P.A. Al 30 settembre 2005 Sopaf S.p.A. detiene il 30% del capitale sociale in circolazione di Coronet S.p.A. con un valore di carico di migliaia di euro. La società è leader nella produzione e commercializzazione di materiali sintetici impiegati principalmente nel settore calzaturiero. Quest ultimo settore sta attraversando una fase congiunturale negativa a causa della caduta dei consumi di calzature nei principali mercati occidentali. Nel mese di agosto 2005, Sopaf SpA ha versato migliaia di euro in conto aumento di capitale. SOPAF CORPORATE FINANCE S.P.A. Al 30 settembre 2005 Sopaf S.p.A. detiene il 19,99% del capitale sociale di Sopaf Corporate Finance S.p.A. con un valore di carico di 456 migliaia di euro. Il rimanente 80,01% è detenuto dal management della società. Sussiste un diritto di usufrutto a favore di componenti del management corrispondente all 1,00% del capitale sociale. Pertanto la partecipazione azionaria, al netto delle quote per le quali è stato concesso l usufrutto, ammonta al 18,99%. La società è attiva nel settore del merger & acquisition e del corporate finance. MELIORBANCA S.P.A. Al 30 settembre 2005 Sopaf S.p.A. detiene 3,9 milioni di azioni di Meliorbanca S.p.A., corrispondenti al 3,10% del capitale sociale, con un valore di carico di migliaia di euro. Meliorbanca S.p.A. è una banca quotata alla Borsa valori di Milano che opera nei seguenti segmenti di attività: corporate banking, wealth management, investment banking e consumer banking. 8

9 VOLARE (GROUP) S.P.A. IN LIQUIDAZIONE Al 30 settembre 2005 Sopaf S.p.A. detiene il 24% di Volare S.p.A. in liquidazione con un valore di carico di 40 migliaia di euro al netto di un fondo svalutazione per 20 migliaia di euro. Volare Group S.p.A. è la holding operativa che controlla le società operative Volare Airlines S.p.A. ed AirEurope S.p.A.. Il 30 novembre 2004 Volare Group S.p.A., Airlines S.p.A. ed AirEurope S.p.A. sono state sottoposte alla procedura di Amministrazione Straordinaria. PARTECIPAZIONI DETENUTE TRAMITE LA CONTROLLATA LM & PARTNERS SCA AL 30/09/2005 E CONSOLIDATE IN SO.PA.F. LM LS S.P.A. LM Life Sciences rappresenta il primo veicolo specialistico, dedicato al settore italiano della salute con particolare enfasi alla farmaceutica ed alle tecnologie medicali e diagnostiche. La società è stata costituita dal Gruppo Sopaf e da W. Cavendish, imprenditore con un esperienza venticinquennale nel settore salute. LM REAL ESTATE S.P.A. LM Real Estate è una holding di partecipazioni che svolge anche funzioni operative focalizzandosi su operazioni immobiliari. PARTECIPAZIONI DETENUTE TRAMITE LA CONTROLLATA LM & PARTNERS SCA AL 30/09/2005 E NON CONSOLIDATE IN SO.PA.F. SISKIN S.A. - LUSSEMBURGO Al 30 settembre 2005 LM & Partners SCA detiene il 100% del capitale sociale di Siskin S.A. con un valore di carico di 1 euro. La società è una holding che detiene il 27,5% del capitale sociale delle holdings del Gruppo Sila Holding Industriale S.p.A. e Sila Holding Plastica S.p.A.. Il gruppo Sila opera nel settore della componentistica automobilistica ed in particolare nella produzione e commercializzazione di comandi cambio e cavi flessibili per auto e veicoli industriali, di rivestimenti interni e di altri componenti in plastica per auto, principalmente nel segmento OEM. EUROGIOCHI S.A. LUSSEMBURGO Al 30 settembre 2005 LM & Partners SCA detiene il 60,81% del capitale sociale di Eurogiochi S.A.. A seguito della cessione della partecipazione in Sisal S.p.A., Eurogiochi S.A. è stata messa in liquidazione. In data 1 novembre 2005 LM & Partners SCA ha incassato la prima quota della liquidazione per 27 milioni di euro. FINCOLOR S.P.A. Al 30 settembre 2005 LM & Partners SCA detiene il 40% del capitale sociale di Fincolor Group S.p.A., con un valore di carico di migliaia di euro al netto del fondo svalutazione per migliaia di euro. Il Gruppo Fincolor è leader nel mercato italiano dello sviluppo e stampa di materiale fotografico, sia amatoriale sia professionale. Nata dall integrazione di tre realtà del settore, essa ha l obiettivo di diventare, con il brand Photosì, il marchio di riferimento della fotografia in Italia. SECOND MIRROR S.A. IN LIQUIDAZIONE - LUSSEMBURGO Al 30 settembre 2005 LM & Partners SCA detiene il 36% del capitale sociale di Second Mirror S.A. in liquidazione. 9

10 MIRROR TRE S.A.R.L. IN LIQUIDAZIONE - LUSSEMBURGO Al 30 settembre 2005 LM & Partners SCA detiene il 25% del capitale sociale di Mirror Tre S.à.r.l. in liquidazione. MEGABEAM S.P.A. Al 30 settembre 2005 LM & Partners SCA detiene il 23% del capitale sociale di Megabeam S.p.A. con un valore di carico di migliaia di euro. Megabeam opera nel mercato dei servizi di connessione a internet a banda larga in modalità wireless. La società ha recentemente stipulato un accordo con il provider europeo Eutelsat per la distribuzione di collegamento broadband satellitari e la fornitura di banda larga wireless. GREEN BIT S.P.A. Al 30 settembre 2005 LM & Partners SCA detiene il 18,38% del capitale sociale di Green Bit S.p.A. con un valore di carico di migliaia di euro. La società è attiva nel settore dei sistemi di identificazione biometria. In particolare Green Bit S.p.A. si occupa della progettazione e dello sviluppo di sistemi biometrici (sia hardware sia software) basati sul riconoscimento delle impronte digitali. GF & PARTNERS S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM & Partners SCA detiene il 10% del capitale sociale di GF & Partners S.r.l. con un valore di carico di migliaia di euro. Tale partecipazione è in fase di cessione, che si prevede venga completata entro il mese di gennaio 2006 con una plusvalenza per LM & Partners SCA di circa 800 migliaia di euro. PARTECIPAZIONI DETENUTE TRAMITE LA CONTROLLATA LM REAL ESTATE S.P.A. AL 30/09/2005 E CONSOLIDATE IN SO.PA.F. SVILUPPO VITTORIA S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 100% del capitale sociale di Sviluppo Vittoria, società immobiliare creata allo scopo di sviluppare un area edificabile situata nella zona di Porta Vittoria a Milano. Il Progetto prevede la realizzazione di circa mq. di edilizia residenziale e 200 box interrati. FOROBONAPARTE DUE S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 75% del capitale sociale di Forobonaparte Due S.r.l., società veicolo attraverso cui LM Real Estate S.p.A. ha acquistato mq. di un immobile di prestigio sito a Milano in Via Forobonaparte / Via Mercato. Scopo dell investimento è la trasformazione ad uso uffici, commerciale e box degli spazi acquisiti (parte del piano terra e del seminterrato). Forobonaparte Due S.r.l. sviluppa le sue iniziative immobiliari anche attraverso la controllata Tivoli 101 S.r.l.. FOROBONAPARTE S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 63,75% del capitale sociale di Forobonaparte S.r.l., società veicolo creata per l acquisizione di circa mq. di un immobile di prestigio sito a Milano in Via Forobonaparte / Via Mercato. Scopo dell investimento è la trasformazione ad uso abitativo degli spazzi acquisiti (sottotetti). 10

11 PARTECIPAZIONI DETENUTE TRAMITE LA CONTROLLATA LM REAL ESTATE S.P.A. AL 30/09/2005 E NON CONSOLIDATE IN SO.PA.F. VECTOR 102 S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 99% del capitale sociale di Vector 102 S.r.l. con un valore di carico di 10 migliaia di euro. VECTOR 101 S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 50% del capitale sociale di Vector 101 S.r.l. con un valore di carico di 5 migliaia di euro. GIALLO MILANO S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 50% del capitale sociale di Giallo Milano S.r.l. con un valore di carico di 50 migliaia di euro. Giallo Milano S.r.l. è il veicolo attraverso il quale LM Real Estate S.p.A. ha acquisito in Milano l area edificabile sita in via Muggiano 7. CO.SE. S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 50% del capitale sociale di Co.Se. S.r.l. con un valore di carico di 12 migliaia di euro. Co.Se. S.r.l. è il veicolo attraverso il quale LM Real Estate S.p.A. ha acquisito due immobili di pregio ad uso residenziale siti a Como ed a Seregno. Gli immobili sono in eccellente stato di conservazione e non richiedono interventi di ristrutturazione. L immobile di Seregno è stato ceduto a corpo il 30 giugno 2005 per migliaia di euro rispetto ai migliaia di euro che era stato pagato a dicembre BAMA S.R.L. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 15% del capitale sociale di Bama S.r.l. con un valore di carico di circa 8 migliaia di euro. Bama S.r.l. è una società immobiliare veicolo con cui LM Real Estate S.p.A. sta sviluppando una operazione immobiliare che prevede il frazionamento di alcuni immobili siti nel centro di Roma. OMNIAPARTECIPAZIONI S.P.A. Al 30 settembre 2005 LM Real Estate S.p.A. detiene il 25% del capitale sociale di Omniapartecipazioni S.p.A. con un valore di carico di migliaia di euro. Omniapartecipazioni S.p.A. è la società veicolo attraverso cui nel 2002 il Gruppo LM ETVE (attraverso LM Real Estate S.p.A.), Omniainvest ed Interbanca hanno rilevato il 45% di IMMSI S.p.A., società quotata alla Borsa di Milano. All operazione ha fatto seguito un OPA sul mercato che ha portato la percentuale di Omniapartecipazioni in IMMSI S.p.A. al 51%. Nell aprile 2004 LM Real Estate S.p.A. ha ceduto ad Omniainvest una partecipazione del 14% in Omniapartecipazioni per un controvalore di migliaia di euro; a seguito di tale operazione LM Real Estate S.p.A. detiene in quest ultima una partecipazione del 25%. IMMSI S.p.A. è oggi una società diversificata nei comparti immobiliare ed industriale: Il portafoglio immobiliare, costituito principalmente da immobili localizzati sulle principali città italiane, è stato stimato pari a circa 220 milioni di euro; Piaggio & C.: nell ottobre del 2004 IMMSI S.p.A. ha acquisto il controllo di Piaggio attraverso la Newco Piaggio Holding Netherlands B.V. di cui IMMSI S.p.A. detiene il 31% e vanta la maggioranza dei diritti di voto in assemblea. IMMSI S.p.A. detiene inoltre la maggiornanza dei consiglieri nella stessa holding, nonché in Piaggio & C.; Cantieri Navali Rodiguez: IMMSI S.p.A. ha acquistato il 78% della società tramite il veicolo d investimento RCN Finanziaria S.p.A.. 11

12 FATTI DI RILIEVO RELATIVI AL GRUPPO SUCCESSIVI AL 30 SETTEMBRE 2005 In data 18 novembre 2005 Sopaf S.p.A. ha perfezionato l acquisto del 49% di Polis Fondi SGR.p.A., società di gestione del risparmio, attiva nel settore della gestione di fondi immobiliari. In data 27 ottobre 2005 Sopaf S.p.A., attraverso la società interamente controllata IDA S.r.l., ha perfezionato l acquisto da Industriale Tre S.p.A. di n azioni ordinarie, pari a circa il 26% del capitale sociale, di SADI S.p.A. società quotata sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (MTA) per un corrispettivo pari a euro 1,75 per azione e, quindi, per complessivi euro IDA S.r.l. ha dichiarato l intenzione di promuovere una offerta pubblica di acquisto volontaria ai sensi dell art. 102 del D.Lgs. 58/1998, sulla totalità delle azioni ordinarie di SADI, al corrispettivo di euro 1,80 per azione da corrispondersi in contanti. In data 1 novembre 2005 LM & Partners SCA ha incassato la prima quota della liquidazione della controllata Eurogiochi S.A. per un importo di migliaia di euro. L Assemblea Ordinaria degli Azionisti di Sopaf S.p.A. tenutasi in data 7 novembre 2005 ha deliberato di integrare il Consiglio di Amministrazione in carica, aumentando il numero di componenti da 5 a 9, nominando: Giancarlo Boschetti, Renato Cassaro, Adriano Galliani e Luca Magnoni. EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE Nel corso dell esercizio il Gruppo Sopaf continuerà a perseguire la strategia di riposizionamento avviata a seguito della fusione con LM ETVE S.p.A.; i risultati positivi, già manifestatisi nel primo trimestre, saranno prevedibilmente confermati nel prosieguo dell esercizio. AZIONI PROPRIE La società non detiene, alla data del 30 settembre 2005, azioni proprie. Milano, 11 novembre 2005 per il Consiglio di Amministrazione il Presidente Dott. Giuseppe Daveri 12

13 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA CONSOLIDATA La posizione finanziaria netta del Gruppo Sopaf S.p.A. al 30 settembre 2005 risulta negativa per migliaia di euro ed è così composta: Valori in migliaia di euro Posizione finanziaria netta consolidata Attività finanziarie correnti Passività finanziarie correnti (24.033) (20.459) (17.003) Disponibilità liquide Posizione finanziaria netta a breve (17.667) (14.901) Attività finanziarie non correnti Obbligazioni (8.325) - - Passività finanziarie consolidate ( ) - - Posizione finanziaria netta a medio/lungo (88.627) 4 4 Posizione finanziaria netta (84.599) (17.663) (14.897) 13

14 SITUAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA DEL GRUPPO SOPAF AL 30 SETTEMBRE

15 GRUPPO SO.PA.F. CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO Valori in migliaia di euro Ricavi Altri proventi Acquisti di materiali e servizi esterni (3.335) (402) (2.128) Costi del personale (442) (234) (1.025) Altri costi operativi (1.230) (66) (3.608) Margine operativo lordo (574) (910) Accantonamenti a fondi rischi e svalutazioni (200) (1.490) (13.714) Ammortamenti (88) (6) (24) Risultato operativo 912 (2.070) (14.648) Quota dei risultati delle partecipazioni valutate secondo il metodo del patrimonio netto (1.018) - (7.178) Proventi (Oneri) finanziari netti (251) (661) Risultato prima delle imposte (2.321) (22.487) Imposte sul reddito (54) - (871) Risultato netto delle attività in funzionamento (2.321) (23.358) Risultato di pertinenza di Terzi Risultato di pertinenza del Gruppo (2.321) (23.358) Utile per azione (in euro) Da attività in funzionamento e cedute: - Base 0,017 (0,016) (0,210) - Diluito 0,010 (0,016) (0,210) Da attività in funzionamento: - Base 0,008 (0,016) (0,210) - Diluito 0,005 (0,016) (0,210) 15

16 GRUPPO SO.PA.F. STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO Valori in migliaia di euro Avviamento Attività immateriali Attività materiali Partecipazioni Altre attività finanziarie Crediti tributari Imposte anticipate Totale Attività non correnti Rimanenze Crediti verso clienti ed altre attività commerciali Altri crediti ed attività diverse correnti Altre attività finanziarie correnti Disponibilità liquide Totale Attività correnti Totale Attivo Capitale Utili indivisi (23.391) (22.531) Patrimonio netto di spettanza del Gruppo Interessi di terzi Totale Patrimonio netto Obbligazioni Debiti verso banche ed altri enti finanziatori Altri debiti non correnti Passività per prestazioni pensionistiche e trattamento di fine rapporto Passività per imposte differite Accantonamenti Totale Passività non correnti Obbligazioni - Quota corrente Debiti verso banche ed altri enti finanziatori Debiti verso fornitori Altre passività Totale Passività correnti Totale Patrimonio netto e Passivo

17 NOTE DI COMMENTO AI PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2005 La relazione trimestrale al 30 settembre 2005, secondo quanto indicato dall art. 82 del Regolamento Consob n /1999, e successive modifiche ed integrazioni, così come modificato in particolare dalla delibera Consob n del 14 aprile 2005, è stata redatta applicando i criteri di valutazione stabiliti dai principi contabili internazionali (IFRS International Financial Reporting Standards) e che si assume saranno quelli in vigore al 30 giugno 2006 ed è presentata sulla base dei criteri indicati nell allegato 3D del regolamento di cui alla delibera CONSOB 14 maggio 1999, n La relazione trimestrale è costituita dai prospetti contabili (conto economico, stato patrimoniale), corredati delle note esplicative. Il conto economico è stato predisposto in linea con i contenuti minimi previsti dallo IAS 1 Presentazione del bilancio con destinazione dei costi per natura; lo stato patrimoniale è stato redatto secondo lo schema che evidenzia la ripartizione di attività e passività correnti/non correnti, il rendiconto finanziario è stato redatto secondo il metodo indiretto. Si evidenzia che i contenuti informativi della presente relazione non sono peraltro assimilabili a quelli di un bilancio completo redatto ai sensi dello IAS 1. A partire dall esercizio 2005, a seguito dell entrata in vigore del sopramenzionato Regolamento europeo n.1606/2002, il Gruppo Sopaf ha adottato i nuovi principi contabili internazionali (IFRS International Financial Reporting Standards e IAS International Accounting Standards) emanati dallo IASB (International Accounting Standards Board) ed omologati dall Unione Europea, nonché le interpretazioni contenute nei documenti dell International Financial Reporting Committee ( IFRIC ), precedentemente denominate Standing Interpretation Committee ( SIC ) ritenuti applicabili alle operazioni poste in essere dal Gruppo Sopaf a partire dall esercizio in corso. Nell Appendice Transizione ai principi contabili internazionali sono riportati i prospetti di riconciliazione previsti dal principio IFRS 1, unitamente alle relative note esplicative inerenti gli effetti derivanti dall adozione di tali principi. Per effetto della fusione per incorporazione del Gruppo LM ETVE in Sopaf S.p.A. si è resa necessaria una rivisitazione nella suddivisione dei settori di operatività del Gruppo per segmenti di attività. Pertanto, l informativa per segmenti di attività sarà implementata con il completamento del processo di rifocalizzazione in atto. I bilanci e le altre informazioni periodiche (relazioni trimestrali e semestrali) dei precedenti esercizi sono stati predisposti secondo i principi contabili italiani. Conseguentemente, così come peraltro richiesto dalla normativa vigente, i dati dei periodi precedenti la presente relazione trimestrale, presentati a fini comparativi, sono stati rideterminati e riesposti secondo i principi contabili internazionali (IFRS/IAS). Si precisa che i principi adottati ai fini della redazione della presente relazione trimestrale consolidata potrebbero non coincidere con le disposizioni degli IFRS in vigore al 30 giugno 2006 per effetto sia di orientamenti futuri della Commissione Europea in merito all omologazione dei principi contabili internazionali sia all emissione di nuovi principi o interpretazioni da parte degli organismi competenti. 17

18 CRITERI DI REDAZIONE Principi generali La relazione trimestrale è stata redatta per la prima volta in conformità agli IAS/IFRS International Financial Reporting Standards (IFRS). I principali principi contabili sono di seguito esposti. Tali principi sono stati applicati in maniera uniforme per tutti i periodi presentati, con esclusione dei criteri relativi alle modalità di classificazione e valutazione degli strumenti finanziari. Questo in considerazione della circostanza che il Gruppo si è avvalso della facoltà prevista dallo IFRS 1 di applicare gli IAS 32 e IAS 39 soltanto a partire dal 1 luglio I principi contabili adottati per gli strumenti finanziari sono descritti nel seguito della presente sezione. La redazione della relazione trimestrale richiede da parte degli Amministratori l effettuazione di alcune stime ed, in determinati casi, l adozione di ipotesi nell applicazione dei principi contabili. Criteri di consolidamento L area di consolidamento include la Capogruppo Sopaf S.p.A. e le imprese da questa controllate, ovvero quelle imprese sulle quali la società ha il potere, direttamente o indirettamente, di determinare le politiche finanziarie ed operative al fine di ottenere benefici dalle sue attività. Nelle circostanze specifiche relative a Sopaf, il controllo coincide con la maggioranza dei diritti di voto esercitabili nell assemblea ordinaria delle imprese rientranti nell area di consolidamento. Le imprese controllate sono consolidate a partire dalla data in cui il controllo è stato effettivamente trasferito al Gruppo e cessano di essere consolidate dalla data in cui il controllo è trasferito al di fuori del Gruppo. Tutte le operazioni significative intercorse fra le imprese del Gruppo, nonché i relativi saldi, sono eliminati in sede di consolidamento, così come gli utili e perdite non realizzate su operazioni infragruppo. La quota del patrimonio netto e del risultato di esercizio di pertinenza degli azionisti di minoranza sono identificate separatamente rispetto al patrimonio netto ed al risultato di esercizio del Gruppo, sulla base della percentuale da essi detenuta nelle attività nette del Gruppo. Aggregazioni di imprese e Avviamento L acquisizione di imprese controllate è contabilizzata, come previsto dall IFRS 3 Aggregazioni di imprese (Business combination) secondo il metodo dell acquisizione. Il costo dell acquisizione è pertanto determinato dalla sommatoria dei valori correnti (fair value), alla data di scambio, delle attività, delle passività sostenute o assunte riferite all impresa acquisita, nonché degli strumenti finanziari eventualmente emessi dal Gruppo in cambio del controllo dell impresa acquisita, unitamente ai costi direttamente inerenti l operazione di aggregazione. Le attività, le passività e le passività potenziali identificabili dell impresa acquisita che rispettano le condizioni per l iscrizione secondo l IFRS 3 sono iscritte ai loro valori correnti (fair value) alla data di acquisizione. L eccedenza del costo di acquisizione rispetto alla quota del Gruppo nei valori correnti delle attività, passività e passività potenziali identificabili e iscritti rappresenta l avviamento derivante dall acquisizione, iscritto come attività e valutato inizialmente al costo. Se, dopo la rideterminazione di tali valori, la quota del Gruppo nei valori correnti delle attività, passività e passività potenziali identificabili eccede il costo dell acquisizione, l eccedenza viene iscritta direttamente a conto economico. L interessenza degli azionisti di minoranza nell impresa acquisita è inizialmente valutata in misura pari alla loro quota dei valori correnti delle attività, passività e passività potenziali iscritti. 18

19 In caso di cessione di un impresa controllata, il valore netto contabile dell avviamento ad essa attribuibile è incluso nella determinazione della plusvalenza o minusvalenza da alienazione. Partecipazioni in imprese controllate e collegate Le partecipazioni in imprese controllate escluse dall area di consolidamento sono valutate con il metodo del costo quando il loro consolidamento non produce effetti significativi sulla situazione patrimoniale, finanziaria e sul risultato economico consolidato. Le partecipazioni in imprese collegate sono valutate con il metodo del patrimonio netto redatto in base ai principi contabili internazionali. Le imprese controllate escluse dall area di consolidamento e le collegate non valutate ad equity sono valutate secondo i criteri indicati al paragrafo successivo partecipazioni in altre imprese Partecipazioni in altre imprese Le Altre Partecipazioni, diverse da quelle in imprese collegate, sono iscritte nell attivo non corrente nella voce Altre attività finanziarie e sono valutate, coerentemente con le prescrizioni dello IAS 39 per le attività finanziarie disponibili per la vendita ( available for sale ), al fair value o, alternativamente al costo qualora il fair value non risulti attendibilmente determinabile. Gli utili e le perdite derivanti dalle variazioni nel fair value sono imputati direttamente al patrimonio netto fintanto che esse sono cedute o abbiano subìto una perdita di valore; in quel momento, gli utili o le perdite complessivi precedentemente rilevati nel patrimonio netto sono imputati al conto economico del periodo. Il valore originario viene ripristinato negli esercizi successivi se vengono meno i presupposti della svalutazione effettuata. Quando vengono meno i motivi delle svalutazioni effettuate, le partecipazioni valutate al costo sono rivalutate nei limiti delle svalutazioni effettuate con imputazione dell effetto a conto economico. Il rischio derivante da eventuali perdite eccedenti il patrimonio netto è rilevato in un apposito fondo nella misura in cui la partecipante è impegnata ad adempiere a obbligazioni legali o implicite nei confronti dell impresa partecipata o comunque a coprire le sue perdite. Attività finanziarie I crediti e le attività finanziarie da mantenersi sino alla scadenza sono iscritti al costo rappresentato dal fair value del corrispettivo iniziale dato in cambio, incrementato dei costi di transazione (es. commissioni, consulenze, etc.). Il valore di iscrizione iniziale è successivamente rettificato per tener conto dei rimborsi in quota capitale, delle eventuali svalutazioni e dell ammortamento della differenza tra il valore di rimborso e il valore di iscrizione iniziale; l ammortamento è effettuato sulla base del tasso di interesse interno effettivo rappresentato dal tasso che rende uguali, al momento della rilevazione iniziale, il valore attuale dei flussi di cassa attesi e il valore di iscrizione iniziale (cd. metodo del costo ammortizzato). Le attività finanziarie disponibili per la vendita sono strumenti non derivati che sono designati in questa categoria o che non sono classificati in nessuna delle altre categorie. Sono incluse tra le attività non correnti a meno che l amministrazione non intenda dismettere l investimento entro 12 mesi dalla data di riferimento del bilancio. Gli utili e le perdite non realizzati derivanti dalle variazioni del fair value (valore equo) di titoli non monetari classificati come disponibili per la vendita sono rilevati nel patrimonio netto. Quando i titoli classificati come disponibili per la vendita sono venduti o hanno subito una riduzione di valore, le variazioni accumulate del fair value (valore equo) sono incluse nel conto economico come utili o perdite da titoli di investimento. 19

20 I fair value (valori equi) degli investimenti quotati si basano sui prezzi di offerta correnti. Se il mercato di un attività finanziaria non è attivo ( per titoli non quotati), il Gruppo stabilisce il fair value (valore equo) utilizzando le tecniche di valutazione. Queste comprendono l utilizzo di operazioni recenti tra parti consapevoli e disponibili, il riferimento ad altri strumenti che sono sostanzialmente analoghi e l analisi dei flussi finanziari scontati adattati per riflettere la situazione specifica dell emittente. I finanziamenti e i crediti sono attività finanziarie non derivate caratterizzati da pagamenti fissi o determinabili che non sono quotati in un mercato attivo e per le quali non esiste alcuna intenzione di negoziazione. Essi sono con scadenze superiori ai 12 mesi dopo la data di riferimento del bilancio. I finanziamenti e i crediti sono inclusi nella voce di bilancio crediti finanziari e crediti diversi. Il Gruppo valuta ad ogni data di riferimento del bilancio se esistono prove oggettive per cui un attività finanziaria o un gruppo di attività finanziarie hanno subito una riduzione di valore. Nel caso di titoli azionari classificati come disponibili per la vendita, nel determinare se i titoli hanno subito una riduzione di valore, si considera una significativa e prolungata diminuzione del fair value (valore equo) del titolo al di sotto del proprio costo. Altre attività finanziarie Le attività finanziarie riferite a voci quali i Depositi vincolati a garanzia e i Depositi cauzionali, che il Gruppo ha l intenzione e la capacità di detenere fino alla scadenza ( Held to maturity ) e che non rispettano i requisiti per essere classificati come mezzi equivalenti alle disponibilità liquide, sono rilevate e stornate dal bilancio sulla base della data di negoziazione. Tali attività vengono inizialmente iscritte ad un importo corrispondente al loro fair value e successivamente valutate in base al criterio del costo ammortizzato, al netto delle svalutazioni effettuate per riflettere le eventuali perdite di valore. Strumenti finanziari Gli strumenti derivati sono rilevati in bilancio e successivamente valutati al fair value. Per gli strumenti di copertura vengono seguite le regole stabilite al riguardo dallo IAS 39 per il cosiddetto Hedge accounting. Si tratta di strumenti di copertura aventi l obiettivo di coprire l esposizione a variazioni di flussi di cassa futuri, derivanti in particolare dai rischi associati alla variabilità del tasso di interesse sui prestiti. Le variazioni di fair value del derivato sono imputate a patrimonio netto, per la quota efficace della copertura, mentre sono rilevate a conto economico se la copertura non si dimostra efficace. L efficacia della copertura, ovvero l idoneità a compensare in misura adeguata le variazioni indotte dal rischio coperto, viene periodicamente verificata analizzando in particolare il livello di correlazione tra il fair value o i flussi finanziari dell elemento coperto e quelli dello strumento di copertura. Qualora non ricorrano le condizioni per l applicazione dell hedge accounting, gli effetti derivanti dalla valutazione al fair value dello strumento finanziario derivato sono imputati direttamente a conto economico. I principi contabili adottati per le specifiche attività a passività sono di seguito indicati. Come peraltro specificato nell Appendice Transizione ai principi IFRS, Sopaf si è avvalsa della facoltà, prevista dallo IFRS 1, di adottare tali principi di valutazione degli strumenti finanziari stabiliti dagli IAS 32 e IAS 39 a partire dalla situazione patrimoniale consolidata al 1 luglio I dati relativi ai periodi precedenti, presentati ai fini comparativi, sono stati rilevati applicando i principi contabili italiani. 20

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 Pagina 1 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli