VRWay Communication S.A. Relazione finanziaria consolidata semestrale REDATTA SECONDO PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VRWay Communication S.A. Relazione finanziaria consolidata semestrale REDATTA SECONDO PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI"

Transcript

1 VRWay Communication S.A. Relazione finanziaria consolidata semestrale al 30 giugno 2010 REDATTA SECONDO PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

2 2 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 VRWay Communication S.A. Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010 Sede sociale 15, boulevard F.D. Roosevelt L-2450 Luxembourg Capitale sociale Euro ,00 i.v. Numéro de Matricule

3 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno Sommario Composizione degli organi di amministrazione e controllo... 4 Composizione del Gruppo... 5 Relazione degli amministratori sulla gestione... 6 Prospetti della situazione patrimoniale- finanziaria consolidati al 30 giugno Prospetto del economico consolidato al 30 giugno Prospetto del economico consolidato complessivo al 30 giugno Movimentazione del Patrimonio Netto Consolidato al 30 giugno Rendiconto finanziario Consolidato al 30 giugno Note illustrative al bilancio consolidato Relazione della società di revisione PKF Italia S.p.A sulla relazione semestrale consolidata... 42

4 4 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 Composizione degli organi di amministrazione e controllo Presidente Giorgio Beretta Amministratore Delegato Sergio Maria Felisi Consiglieri Johnny Vaccaro Mario Tettamenti Giorgio Grandini Commissaire Revilux S.A. In conformità a quanto previsto dal diritto delle società commerciali lussemburghesi, la Società non dispone di un collegio sindacale bensì di un "commissaire ", un organo di controllo con il compito di verificare la conformità dei conti annuali, rilasciare la relazione sul bilancio d'esercizio e controllare la validità e la corretta tenuta dei documenti sociali. Società di revisione PKF Italia S.p.A. Nomad Intermonte SIM S.p.A.

5 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno Composizione del Gruppo VRWay Communication S.A. 15 Boulevard F.D.Roosevelt L-2450 Luxembourg Succursale svizzera Via Cantonale 28 Lamone (Lugano) 100% 100% VRWay Communication Italia S.r.l. Corso Sempione 32/a, Milano (Italia) VRWay Communication France SAS 54-56, avenue Hoche Paris (France)

6 6 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 Relazione degli amministratori sulla gestione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Attività svolta da VRWAY Communication S.A. VRWAY COMMUNICATION S.A. è una media company a capo di un gruppo attivo nel settore online, offline e mobile che si avvale di un modello editoriale esclusivo, basato sulla combinazione delle moderne tecnologie elettroniche e multimediali sfruttando immagini virtuali a 360 gradi, immersive ed interattive, che consentono veri e propri tour virtuali di città o aree di interesse turistico, culturale e paesaggistico. Attraverso AROUNDER, che rappresenta il prodotto di punta del Gruppo, VRWAY realizza e pubblica immagini di realtà virtuale ad elevato contenuto tecnologico per Enti pubblici ed associazioni che intendono promuovere il territorio e per operatori attivi nel settore turistico, alberghiero e commerciale. AROUNDER consente ai titolari di attività economiche in svariati settori, di usufruire di un prodotto innovativo di comunicazione per raggiungere nuovi clienti e per migliorare la propria comunicazione aziendale. Nell ambito delle immagini virtuali e panoramiche, inoltre, sono commercializzati i seguenti prodotti: AROUNDER-TOUCH: è una pubblicazione e al contempo un applicazione software che permette di visualizzare contenuti panoramici digitali su telefono mobile iphone prodotto da Apple, migrando i propri contenuti pubblicati in Arounder, sia quelli a copertura territoriale (Arounder Territory) sia i componenti economici (Arounder Directory). Il software pubblicazione permette pure di geolocalizzare attorno al proprio raggio di posizione entità quali punti di interesse paesaggistico e storico, hotels, ristoranti, negozi, ecc. VIRTUAL PANORAMIC BROCHURE (VPB): Il prodotto è indirizzato principalmente alle aziende (piccole medie imprese) ed esercizi commerciali che intendono presentare la propria attività ed i propri prodotti in maniera efficace, a costi ridotti e a basso impatto ambientale sfruttando inoltre la grande efficienza distributiva propria delle soluzioni che si basano sulla rete internet per la fruizione e la distribuzione. Stimolando l interesse di combinare il modo tradizionale e quello moderno di produrre le brochure, esse forniscono sia la possibilità di sfogliare la brochure in modo classico, sia la possibilità di immergersi nelle immagini che sono presenti,

7 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno attraverso link alle immagini tridimensionali e, ove richiesto, di scaricarle in formato stampabile autonomamente da parte del lettore. Risultati economico-finanziari consolidati semestrali Il Gruppo opera attraverso le seguenti società: - VRWAY COMMUNICATION SA (LUSSEMBURGO) Capogruppo - VRWAY COMMUNICATION ITALIA Srl (partecipata al 100%) - VRWAY COMMUNICATION FRANCE Sas (partecipata al 100%) Per le quali è stato predisposto il Bilancio Consolidato semestrale al 30 Giugno 2010, secondo i Principi Contabili Internazionali emessi dall INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARD (IFRS) Di seguito si riportano i dati sintetici del gruppo, espressi in migliaia di Euro Euro/ Giugno Dicembre 2009 RICAVI EBITDA EBIT (193) 388 RISULTATO NETTO (192) TOTALE ATTIVITA TOTALE PASSIVITA PATRIMONIO NETTO PFN(Posizione Netta) Finanziaria (551) 531 I ricavi consolidati realizzati dal Gruppo nel I semestre 2010 ammontano a Euro/migliaia 1.909, attribuibili, principalmente, all accordo di distribuzione con Oriental Way Distributor (HK) Ltd. L EBITDA del Gruppo ammonta a Euro/migliaia 392, con un decremento percentuale del 60% sull importo corrispondente dell esercizio chiuso lo scorso 31 Dicembre2009. L EBIT ammonta ad Euro/migliaia (193), dopo l accantonamento di una quota di ammortamento per un importo complessivo di Euro/migliaia 585, ammortamenti derivanti principalmente dal pro-quota di periodo, calcolata sulle Immobilizzazioni Materiali a Vita Determinata.

8 8 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 Il Risultato Netto è pari ad una perdita di Euro/migliaia 192. Il Capitale Sociale della Capogruppo VR WAY COMMUNICATION SA ammonta a Euro ed è composto da Nr azioni del valore nominale di Euro 1 cadauna. Al 30 Giugno 2010 la Posizione Finanziaria Netta del Gruppo presenta un saldo negativo pari ad Euro/migliaia 551. Eventi significativi del 1 semestre 2010 Il risultato economico del I semestre 2010 risente inevitabilmente di una serie di costi sostenuti per un consolidamento quantitativo e qualitativo della struttura organizzativa di Gruppo e del mancato palesarsi dei risultati attesi. Il sostenimento di tali costi è stato necessario sia per supportare le iniziative di sviluppo intraprese (ricerche di mercato, creazione reti di vendita dirette ed indirette, supporto giuridico-fiscale, adeguamento S.I.D. - Sistema Informativo Direzionale) sia anche per adempimenti derivanti dalla quotazione all AIM (ALTERNATIVE INVESTMENT MARKET) di BORSA ITALIANA. Inoltre, a ridosso della chiusura del I semestre 2010, è stato portato a termine un cambiamento di buona parte del top management, che ha favorito la ricerca di partnership estere e omogeneizzato i modelli commerciali verso una vendita prevalentemente indiretta, effettuata di norma attraverso partner attivi nell ambito della pubblicità locale, ed una diversificazione del business. In nuovo Management ha rilevato che, la struttura commerciale, principalmente diretta per la Francia ed indiretta per l Italia, ha mostrato i limiti di un modello troppo frammentato di raccolta della clientela sul territorio. Sono iniziate e sono attualmente allo studio alcune strategie imprenditoriali e i conseguenti assetti organizzativi per affrontare al meglio la sfida competitiva, nell ottica di una vision di ampio respiro, sia a livello di Linee di Business sia di mercati geografici da aggredire. Il primo risultato di rilievo si è concretizzato nelle attività propedeutiche alla firma di un importante accordo di distribuzione con la società Oriental Way (HK) Distributor Limited, con sede in Hong Kong, che prevede la commercializzazione dei prodotti e dei servizi sviluppati da VRWAY nella Repubblica Popolare Cinese e nei principali Paesi dell Asia e dell Europa Orientale. Tale attività ha prodotto un fatturato, nel corso del primo semestre 2010, pari a Euro 1,8 ml.

9 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno L importo di Euro 1,8 ml è riferito ad una commissione di set-up fee relativa ad una serie di attività svolte da VRWay nella seconda parte del primo semestre, richieste da Oriental Way Distributor, propedeutiche alla predisposizione dell organizzazione e delle infrastrutture necessarie per la diffusione dei servizi Vrway nelle principali Città della Repubblica Popolare Cinese. La Cina rappresenta il primo territorio oggetto dell accordo di distribuzione tra VRWay e Oriental Way Distributor. Le azioni svolte dal nuovo Management hanno prodotto anche: una più attenta ricerca e qualificazione dei partners distributivi, attraverso una miglior selezione, formazione e condivisione della strategia commerciale individuata una significativa riduzione dei costi fissi di struttura, leva fondamentale ai fini di un recupero reddituale ed un abbassamento significativo del B.E.P. (BREAK EVEN POINT), i cui effetti positivi si manifesteranno già a partire dal II semestre del Eventi successivi al 30 giugno 2010 Il nuovo management ha avviato un processo di riorganizzazione e razionalizzazione della struttura commerciale del Gruppo, che ha coinvolto sia la controllata commerciale italiana sia quella francese. In particolare, per quanto concerne il mercato francese - dove VRWay è presente con una filiale ed una forza vendita propria - la presenza diretta, pur essendo stata ridotta in maniera consistente, non è stata eliminata completamente, tenuto conto che il Paese presenta interessanti opportunità di sviluppo che possono essere meglio sfruttate attraverso una presenza diretta, utile per dare credibilità e concretezza locale alle iniziative di ricerca nuovi partners commerciali. E, invece, in fase di finalizzazione un accordo di distribuzione con una società monegasca per la copertura commerciale della Costa Azzurra mentre è in fase di negoziazione un accordo con un potenziale distributore per la Corsica. Per quanto concerne l Italia, sono stati siglati accordi con nuovi partner commerciali, anche a seguito alla rivisitazione della rete di vendita avviata attorno la metà del Il Consiglio di Amministrazione della Società ha formalizzato la sottoscrizione di un accordo di distribuzione con la società Oriental Way (HK) Distributor Limited, con sede a Hong Kong, che prevede la commercializzazione dei prodotti e dei servizi sviluppati da VRWAY: in Cina,

10 10 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 nei più importanti paesi dell Asia Orientale (tra cui Giappone, Corea, Hong Kong, Singapore, Malesia, Indonesia, Thailandia, Papua Nuova Guinea), entro gennaio 2011, dell Europa Orientale (tra cui La Federazione Russa ed i paesi delle ex Repubbliche Sovietiche). L accordo prevede un esclusiva per entrambe le parti in tali Paesi; Oriental Way distribuirà i servizi di VRWAY, in proprio nome e per proprio conto, impegnandosi a sviluppare e a mantenere un organizzazione di vendita e un servizio assistenza post vendita. La fornitura dei servizi di VRWAY sarà effettuata applicando il listino di vendita ufficiale della Società, in vigore al momento del ricevimento degli ordini di fornitura. La Società riconoscerà al distributore una commissione sul fatturato lordo dei prodotti e servizi commercializzati e degli eventuali rinnovi. Le premesse e lo sforzo profuso nel corso della prima parte dell esercizio 2010 ci consentono di intravedere segnali positivi già per l anno in corso, ma soprattutto per gli anni successivi. Sono state attivate una serie di attività e progetti specifici per supportare al meglio lo sviluppo previsto, attività i cui principali DRIVER possono essere così sintetizzati: STRUTTURA ORGANIZZATIVA è in corso una riorganizzazione per Business Units, che va di pari passo alla riorganizzazione per nuovi segmenti di prodotti/servizi. PRODOTTI/ SERVIZI - Il nuovo management aziendale, inoltre, ha attivato un insieme di attività operative focalizzate al miglioramento dei prodotti già in essere e alla creazione di nuove modalità, e sistemi di fruizione degli stessi, sia su piattaforme mobili sia su altri media digitali. E in fase avanzata di progettazione la rivisitazione completa del progetto Arounder, per includere un nuovo modello editoriale e alcune significative nuove funzionalità, rivolte al mondo web, fisso e mobile, con nuove possibilità di addizionale revenue online. E inoltre, in fase avanzata di studio un nuovo progetto editoriale che, in sinergia con il format Arounder, sia in grado di esprimere il concetto di attrarre utenza verso il mondo virtuale per poi accompagnarla al mondo reale, e che possa portare reddito attraverso la raccolta pubblicitaria.

11 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno COMMERCIALE/MERCATI DI SBOCCO L attenzione agli sviluppi e agli orientamenti dei mercati collegati all uso delle tecnologie dell informazione e del web ha visto concentrare gli sforzi delle politiche commerciali dell azienda per la conclusione dell accordo con Oriental Way Distributor Ltd. Con questo contratto si attivano le sinergie mediante le quali il business tradizionale VRWay trova nuovi sbocchi poiché interconnette l ampio mercato cinese di nuova domanda turistica con l offerta di luoghi e patrimoni culturali europei. Allo stesso tempo, è possibile garantire ad operatori europei un visibilità in Cina e una presenza su media digitali marcatamente emozionali. Nel corso del mese di Novembre, al fine di ottimizzare i costi e razionalizzare la struttura organizzativa, il personale sarà tutto operativo nell attuale sede amministrativa di Via Cantonale a Lamone (Svizzera), e perciò si procederà alla chiusura degli uffici di Via Besso a Lugano. Operazioni con parti correlate Il Consiglio di Amministrazione della Società oggi ha conferito un incarico di assistenza professionale a Mazars Business Advisory Services S.p.A. della quale il Dott. Giorgio Beretta - Presidente di VRWAY Communication S.A. - è Amministratore Delegato. Poiché la proposta economica dell incarico supera la soglia del 5% dell indice di rilevanza dell utile, così come definito dalla Scheda Tre del Regolamento Emittenti AIM Italia, ai sensi dell articolo 13 del Regolamento Emittenti AIM Italia si forniranno le seguenti informazioni dovute per operazioni con parti correlate: nome della parte correlata coinvolta: Giorgio Beretta; natura dell operazione: contratto di assistenza professionale della durata di 12 mesi, revocabile con preavviso di 60 giorni; entità degli interessi dell operazione: Euro 55 mila come retainer fee per l attività di assistenza professionale a opera della società di consulenza Mazars Business Advisory Services S.p.A. ed Euro 45 mila come emolumento del dott. Giorgio Beretta per il ruolo di Presidente di VRWAY Communication. Con riferimento a quest ultimo punto si specifica che il dott. Beretta non percepisce altri compensi dalla Società per il suo ruolo di Presidente; informazioni specificate dalla Scheda Quattro del Regolamento Emittenti AIM Italia (ove applicabili):

12 12 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 (a) informazioni dettagliate sull operazione, incluso il nome di ciascuna altra parte rilevante coinvolta: contratto di assistenza professionale della durata di 12 mesi, revocabile con preavviso di 60 giorni. Non vi sono altre parti rilevanti coinvolte; (b) una descrizione delle attività oggetto dell operazione, o del business svolto da, o che utilizza, tali attività: (i) ruolo di Presidente del Consiglio di Amministrazione da parte del Dott. Giorgio Beretta; (ii) assistenza alla direzione finanziaria nella redazione di situazioni contabili infrannuali ed annuale; (iii) assistenza nella redazione del Piano Industriale ed alle conferenze stampa; (iv) assistenza nei rapporti con Borsa Italiana, Nomad e società di comunicazione; (v) assistenza nei rapporti con i professionisti e i consulenti terzi che dovessero risultare coinvolti; (c) il corrispettivo totale e dettagli su come viene determinato: Euro suddiviso in due componenti, come già indicato sopra, (i) importo fisso annuo pari a Euro 55 mila come retainer fee dell attività di assistenza da parte della Mazars Business Advisory Services S.p.A. a partire dal 1 luglio 2010, con fatturazione trimestrale anticipata; e (ii) un importo annuo pari a Euro 45 mila per l emolumento per il ruolo di Presidente, con fatturazione trimestrale anticipata; (d) ogni altra informazione necessaria per consentire agli investitori di valutare l effetto dell operazione sull emittente AIM Italia: come già indicato, il dott. Beretta non percepisce altri compensi dalla Società per il ruolo di Presidente; dichiarazione degli amministratori esclusi quelli coinvolti nell operazione in qualità di parti correlate: Il Consiglio di Amministrazione all unanimità, con l esclusione del voto del Presidente Giorgio Beretta, ha valutato i termini dell operazione equi e ragionevoli nei confronti degli azionisti. La tabelle sottoesposte riportano i rapporti con le parti correlate al 30 giugno 2010 Parti correlate (migliaia di ) Costi Ricavi Crediti Debiti Crediti Debiti comm.li comm.li finanz. finanz. Fardafid Fardagest Totale Il rapporto si riferisce ad un contratto di locazione di immobile sito in Lamone (Svizzera). Il contratto ha durata dal 1 maggio 2009 al 30 aprile 2010 e prevede il pagamento di un canone di locazione pari a Franchi Svizzeri mensili, da corrispondersi in rate semestrali anticipate.

13 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno Rapporti con la società controllante Crediti Debiti Crediti Debiti (migliaia di ) Costi Ricavi comm.li comm.li finanz. finanz. VRWay International Rapporti con società controllate (migliaia di ) Costi Ricavi Crediti Debiti Crediti Debiti comm.li comm.li finanz. finanz. VRWay France VRWay Italia Totale Azioni proprie Alla data odierna la Società non detiene azioni proprie né nel corso dell esercizio ha detenuto azioni proprie. Lamone, 21 settembre 2010 Per il Consiglio di Amministrazione Giorgio Beretta Il Presidente

14 14 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 Prospetti della situazione patrimoniale- finanziaria consolidati al 30 giugno 2010 (in migliaia di euro) ATTIVITA' Note 30-giu dic-09 ATTIVITA' NON CORRENTI Terreni e fabbricati 0 0 Impianti e macchinario 0 0 Attrezzature e mobili d'ufficio Avviamento 0 0 Altre attività immateriali a vita indefinita Altre attività immateriali a vita definita Partecipazioni 0 0 Altre attività finanziarie non correnti 0 0 Attività per imposte anticipate 0 0 Altre attività non correnti TOTALE ATTIVITA' NON CORRENTI ATTIVITA' CORRENTI Rimanenze 0 0 Crediti Commerciali Ratei e risconti attivi Altre attività correnti Attività finanziarie correnti 0 0 Attività per imposte correnti Cassa e altre disponibilità liquide equivalenti TOTALE ATTIVITA' CORRENTI TOTALE ATTIVITA'

15 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno PATRIMONIO NETTO E PASSIVITA' Note 30-giu dic-09 PATRIMONIO NETTO Capitale Altre riserve 10 (127) (10) Risultati portati a nuovo Risultato di periodo 10 (192) Patrimonio netto TOTALE PATRIMONIO NETTO PASSIVITA' NON CORRENTI Benefici ai dipendenti 0 0 Passività per imposte differite 0 0 Altre passività differite 0 0 Fondi per rischi e oneri futuri 0 0 TOTALE PASSIVITA' NON CORRENTI 0 0 PASSIVITA' CORRENTI Debiti finanziari Debiti commerciali Ratei e risconti passivi Passività per imposte Altre passività TOTALE PASSIVITA' CORRENTI TOTALE PATRIMONIO NETTO E PASSIVITA'

16 16 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 Prospetto del economico consolidato al 30 giugno 2010 (in migliaia di euro) Note 30/6/2010 Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variazione dei prodotti finiti 16 0 Altri ricavi e proventi 16 2 Totale ricavi netti Acquisti 17 (6) Prestazioni di servizi 18 (592) Locazioni e noleggi operativi 19 (134) Costi del personale 20 (702) Altri costi operativi 21 (83) Totale costi operativi della gestione ordinaria (1.517) Margine operativo lordo (EBITDA) 392 Ammortamenti e svalutazioni di immobilizzazioni 22 (585) Accantonamenti e altre svalutazioni 0 Risultato operativo (EBIT) (193) Proventi (oneri) da partecipazioni Proventi (oneri) finanziari Altri proventi (oneri) non ricorrenti 0 Proventi (oneri) finanziari non ricorrenti 0 Risultato ante imposte (124) Imposte sul reddito 24 (68) Risultato netto (192) Risultato netto di periodo di terzi 0 Risultato netto del periodo di pertinenza del Gruppo (192)

17 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno Prospetto del economico consolidato complessivo al 30 giugno 2010 (in migliaia di euro) 30/6/2010 Risultato netto del periodo (192) Differenze d iconversione (117) Totale risultato complessivo del periodo (309) Risultato netto di periodo di terzi Risultato netto del periodo di pertinenza del Gruppo 0 (309) Movimentazione del Patrimonio Netto Consolidato al 30 giugno 2010 Patrimonio netto al 31-dic-08 Capitale sociale Riserva Legale Riserva di conversione (Utile) Perdita portato a nuovo Risultato esercizio Totale Distribuzione utile esercizio 97 (97) - precedente Aumento di capitale Riserve di conversione - Risultato esercizio Patrimonio netto al 31-dic Utile/Perdite rilevato direttamente a patrimonio netto Patrimonio netto complessivo al 31-dic-09 (10) (10) # 3 (10) Patrimonio netto di terzi Utile/Perdite di terzi Patrimonio netto al 31-dic # 3 # (10) Totale patrimonio netto # 3 (10) Distribuzione utile esercizio precedente (1.099) - Riserve di conversione - Risultato del periodo (192) (192) Altri componenti del conto economico complessivo (117) (117) Patrimonio netto al 30-giu # 69 (127) # # (192) #

18 18 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 Rendiconto finanziario Consolidato al 30 giugno Utile (perdita) d'esercizio (192) Rettifiche per: - elementi non monetari - accantonamenti e ammortamenti Totale Variazione del capitale circolante - variazione crediti verso clienti (1.484) (114) - variazione debiti verso fornitori variazione altri crediti ed imposte (20) (181) - variazione altri debiti Totale (1.351) Cash flow da attività operativa (1) (950) Investimenti: - materiali (8) (15) - immateriali - (8) - materiali e immateriali da conferimento - (16.773) - finanziarie (7) (51) Cash flow da attività di investimento (2) (15) (16.847) Attività finanziaria: Incrementi/(decrementi) debiti finanziari da conferimento Incrementi/(decrementi) debiti finanziari 615 (3.420) Incrementi/(decrementi) crediti da conferimento - (350) Aumenti di capitale sociale Altri movimenti di patrimonio netto (117) (10) Cash flow da attività di finanziamento (3) Variazione disponibilità liquide (1) + (2) + (3) (467) 531 Disponibilità liquide inizio periodo Disponibilità liquide fine periodo

19 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno Note illustrative al bilancio consolidato Premessa Alla data del presente bilancio il Gruppo VRWay è formato da tre società: la VRWay Communication S.A., in qualità di Capogruppo, che detiene il 100,00% della VRWay Communication France S.A.S. ed il 100% della VRWay Communication Italia S.r.l. In forza di ciò è stato predisposto il bilancio consolidato al 30 giugno Per completezza, si evidenzia che la Capogruppo ha una branch svizzera. Se non diversamente indicato, i dati del bilancio sono esposti in migliaia di euro. Principi generali di redazione Il presente Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2010 è stato redatto in conformità agli International Financial Reporting Standards (IFRS) e alle relative interpretazioni da parte dell International Accounting Standards Board (IASB) e dell International Financial Reporting Interpretation Commitee (IFRIC) e adottati dalla Commissione delle Comunità Europee con regolamento numero 1725/2003, e successive modifiche, in conformità al regolamento numero 1606/2002 del Parlamento Europeo. Nella redazione del presente Bilancio semestrale consolidato abbreviato, redatto in accordo con le disposizioni dello IAS 34 Bilanci Intermedi, sono stati applicati gli stessi principi contabili adottati nella redazione del Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2009, cui si rinvia, ad eccezione di quanto descritto nel successivo paragrafo Principi contabili, emendamenti ed interpretazioni applicabili dal 1 gennaio Ciascuna delle società componenti il Gruppo redigono un bilancio (separato o individuale): quello della controllante è predisposto secondo principi contabili internazionali mentre quelli delle controllate sono predisposti secondo i principi contabili nazionali, rispettivamente, italiani e francesi e opportunamente rettificati in accordo ai IFRS ai fini della predisposizione del bilancio consolidato. Il bilancio è stato sottoposto a revisione da parte della società PKF Italia S.p.A..

20 20 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno 2010 Schemi di bilancio Gli schemi di bilancio adottati sono conformi a quanto previsto dallo IAS 1. I principi contabili adottati nella redazione del presente bilancio consolidato sono coerenti con quelli adottati per la predisposizione del bilancio separato della VRWay al 30 giugno Nella situazione patrimoniale e finanziaria sono esposte separatamente le attività e le passività correnti e non correnti. Le attività correnti che includono liquidità e mezzi equivalenti sono quelle destinate a essere realizzate, cedute o consumate entro i dodici mesi. Le attività non correnti comprendono i saldi attivi con ciclo di realizzo oltre i dodici mesi, comprese le immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie e le imposte anticipate. Le passività correnti comprendono i debiti esigibili entro i dodici mesi, compresa la quota corrente dei finanziamenti non correnti e delle imposte differite. Le passività non correnti comprendono i debiti esigibili oltre i dodici mesi, compresi i debiti finanziari, i fondi relativi al personale e le imposte differite. Il conto economico presenta una classificazione dei ricavi e dei costi per natura in considerazione dell attività svolta. La forma scelta è conforme alle modalità del controllo di gestione. Nello specifico il prospetto evidenzia il risultato economico denominato EBITDA rappresentativo del risultato della gestione ordinaria escludendo accantonamenti a fondi rischi, ammortamenti sulle immobilizzazioni materiali ed immateriali, oneri e proventi finanziari e il carico fiscale. Il prospetto delle variazioni delle poste di Patrimonio netto viene presentato con evidenza separata del risultato di esercizio e di ogni provento e onere non transitato a conto economico, ma imputato direttamente a Patrimonio netto sulla base di specifici principi contabili IAS/IFRS. Il rendiconto finanziario, redatto secondo il metodo indiretto, evidenzia separatamente i flussi di cassa derivanti dall'attività operativa, di investimento e di finanziamento. Principi di consolidamento Il bilancio consolidato comprende le situazioni economico-patrimoniali alla medesima data della Capogruppo (comprensiva della branch svizzera) e delle imprese sulle quali la stessa esercita il controllo in qualità di socio unico. La definizione di controllo non è basata esclusivamente sul concetto di proprietà legale ma sugli aspetti sostanziali: si ha il controllo di un impresa quando la società ha il potere di determinare le politiche finanziarie e operative di un impresa, in modo da ottenere benefici dall attività di quest ultima. I bilanci delle imprese controllate sono incluse nel bilancio consolidato a partire dalla data in cui si assume il controllo fino al momento in cui tale controllo cessa di esistere.

21 Relazione finanziaria consolidato semestrale al 30 giugno Se esistenti, le quote d interessenza degli azionisti di minoranza sono identificate separatamente rispetto al patrimonio netto di Gruppo; parimenti è suddiviso il risultato dell esercizio. Le due società controllate sono consolidate con il metodo dell integrazione globale. Sono effettuate rettifiche al bilancio delle imprese controllata per allinearne i criteri utilizzati a quelli adottati dal Gruppo in quanto le stesse non adottano principi contabili e criteri omogenei. Il metodo di consolidamento integrale è così sintetizzabile: le attività, le passività, i costi e i ricavi sono assunti per il loro ammontare complessivo, eliminando il valore di carico delle partecipazioni contro il valore corrente del patrimonio netto della partecipata alla data di acquisizione. La differenza risultante da tale eliminazione, per la parte non imputabile a specifiche poste del patrimoniale, se positiva è iscritta fra le immobilizzazioni immateriali come avviamento, se negativa è addebitata a conto economico; gli utili, e le perdite, derivanti da operazioni tra società controllate non ancora realizzati nei confronti dei terzi, come pure le partite di credito e di debito, di costi e ricavi tra società consolidate, se d importo significativo, sono elisi; i dividendi distribuiti dalle società consolidate sono eliminati dal conto economico e sommati agli utili degli esercizi precedenti, se ed in quanto da essi prelevati; i dividendi distribuiti dalle società consolidate, ma relativi a utili maturati prima dell acquisizione, sono portati a riduzione del valore della partecipazione e trattati di conseguenza; se esistenti, le quote di patrimonio netto di terzi e di utile o (perdita) di competenza di terzi sono esposte rispettivamente in un apposita voce del patrimonio netto, separatamente al patrimonio netto di Gruppo, e in un apposita voce del conto economico. Perdite di valore - impairment Solo ad ogni data di bilancio, il Gruppo rivede il valore contabile delle proprie attività materiali ed immateriali per determinare se vi siano indicazioni che queste attività abbiano subito riduzioni di valore, salvo i casi in cui vi siano indicatori di impairment che richiedano un immediata valutazione di eventuali perdite di valore. Qualora queste indicazioni esistano, è stimato l ammontare recuperabile di tali attività per determinare l eventuale importo della svalutazione. Dove non è possibile stimare il valore recuperabile di un attività individualmente, il Gruppo effettua la stima del valore recuperabile dell unità generatrice di flussi finanziari a cui l attività appartiene. Se l ammontare recuperabile di un attività (o di un unità generatrice di flussi finanziari) è stimato essere inferiore rispetto al relativo valore contabile, esso è ridotto al

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 Pagina 1 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Partecipazioni e azioni proprie

Partecipazioni e azioni proprie OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Partecipazioni e azioni proprie Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli