INDIA NORMATIVA. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDIA NORMATIVA. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI."

Transcript

1 INDIA NORMATIVA L`India appartiene a numerosi accordi regionali,, come la ZLEAS (Zona di libero scambio dell`asia del Sud), l`accordo commerciale per l`asia e il Pacifico ecc. Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione in dogana (DAU) usualmente richiesta per tutte le spedizioni(salvo all`interno dell`unione europea), le spedizioni con destinazione India devono essere accompagnate dai seguenti documenti. Per ulteriori informazioni consultare il sito: a) Fattura commerciale Redatta in inglese in triplice copia. Deve riportare il numero e la data della licenza di importazione indiana nonché il paese di origine della merce. b) Certificato di origine Su richiesta dell importatore, un certificato di origine può essere necessario. Il certificato deve essere redatto sul formulario comunitario. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI. c) Certificato fitosanitario E` richiesto per la frutta, la verdura, i legumi e le sementi.(2) d) Certificato sanitario per le carni Necessario per le carni.(3) Molti paesi tra i quali l`india hanno deciso di sospendere le importazioni di aniali o di carni animale di provenienza dell`unione europea a causa del rischio di contaminazione dall`ebs (malattia della mucca pazza) e dell`influenza aviaria, è possibile informarsi presso il ministero della salute è comunque consigliabile rivolgersi presso il proprio importatore. e) Certificato o Attestato di libera vendita dei cosmetici Formulato sulla base delle informazioni fornite dall`esportatore, attesta che i prodotti spediti sono conformi alla legislazione italiana e in libera vendita in

2 Italia. E` completata da una dichiarazione dell`esportatore o del fabbricante redatta su carta intestata, che attesti che i prodotti sono conformi al capitolo 3 del Drugs and Cosmetics Act del Si consiglia comunque di redigere una lista degli ingredienti.(4) Trattamento degli imballaggi in legno Gli imballaggi in legno dovranno essere trattati secondo la norma NIMP n.15. Da notare che se le merci imballate nelle casse in legno sono spedite da paesi non aderenti alla norma NIMP n. 15, è necessario un trattamento (fumigazione o calore) e un certificato fitosanitario, in questo caso non è obbligatoria la marchiatura. Se gli imballaggi sono trattati secondo la normativa NIMP n 15, l`india non esigerà alcun certificato fitosanitario. Spedizione temporanea Carnet ATA E` possibile esportare temporaneamente con destinazione India secondo la procedura dei carnet ATA. La procedurta permette l`ammissione temporanea, in questo paese, delle merci destinate ad essere presentate a fiere, esposizioni, saloni e altre manifestazioni commerciali abilitate dall`india Tade Promotion Organisation (ITPO). L`uso dei carnet ATA non è autorizzata per le altre operazioni di importazione e ammissione temporanea. I carnet ATA sono accettati dagli uffici della dogana, porti e aeroporti di Bombay, Calcutta, Delhi, Madras, Cochin, Bangalore. Costo dei visti Costi consolari e documenti richiesti Il costo del visto d`affari è di 50,00 Euro ed ha una validità di 6 mesi, il tempo di ottenimento è di uno - due giorni. E` possibile ottenere il visto per il tramite di agenzie. Sono richiesti i seguenti documenti: - passaporto con validità di almeno 6 mesi; - 3 fotografie; - modulo disponibile presso il Consolato; - lettera di invito da parte di una ditta indiana.

3 Trasporto Il finanziamento per la manutenzione delle strade è insufficiente e questo problema viene riportato nel decimo Piano quinquennale ( ). La rete ferroviaria dell`india, è uno delle più frequentate al mondo. Dei miglioramenti sono stati apportati ma nonostante ciò una grande parte del paese resta al di fuori della rete ferroviaria. Circa il 95% del commercio delle merci dell`india viene fatta per via marittima. Al fine di rafforzare la competitività dei servizi sono state adottate delle riforme e in questo contesto nel settore del trasporto marittimo, compresa la navigazione costiera l`investimento estero è autorizzato fino al 100%. Infine il trasporto aereo deve sviluppare i propri servizi per poter rispondere all`atteso aumento della domanda generata dalla rapida crescita economica. a) Documenti di trasporto Dal 18 febbraio 2004, i transitari devono fornire elettronicamente via EDI o in formato cartaceo, il manifesto di carico alle dogane indiane in caso contrario sono sottoposti a multa. Alcuni termini dovranno essere rispettati. Carico marittimo: se il viaggio a partire dall`ultimo porto supera i quattro giorni, le informazioni dovranno essere fornite, almeno 48 ore in anticipo. Per durate inferiori, il manifesto dovrà essre fornito almeno dieci ore prima dell`entrata delle imbarcazioni. Carico aereo: nel caso di voli di lungo corso, se la durata del volo è almeno di tre ore a partire dall`ultimo aeroporto, l`informazione dovrà essere fornita almeno due ore prima dell`arrivo. La persona incaricata di riempire il certificato deve essere registrata presso le dogane indiane. La domanda deve essere accompagnata da una cauzione di rupie. b) Lista dei colli c) Assicurazione trasporto Non vi è l`obbligo di assicurazione locale, più precisamente non vi è l`obbligo di assicurare le merci in India. d) Trattamento degli imballaggi in legno Il legno per imballaggi deve essere trattato secondo la norma NIMP n 15. Si noti, comunque, che se le merci imballate in casse di legno sono spedite a partire da paesi che non hanno aderito alla norma NIMP n 15, resta necessario un trattamento (fumigazione o calore) e un certificato fitosanitario. La marchiatura, in questo caso non è più obbligatorio.

4 Altri documenti Ispezione Per le importazioni è richiesta l`ispezione preimbarco:. di alcuni tipi di prodotti di acciaio di occasione o difettoso. di tessili e prodotti tessili. Per questi ultimi il certificato di ispezione deve indicare che i prodotti non contengano delle materie colaranti dannose. I certificati di ispezione preimbarco possono essere rilasciati da organismi posti all`estero. Per quanto concerne l`etichettatura dei prodotti alimentari vi sono alcune prescrizioni, cfr. vedere il trattamento del legname per spedizione. SPECIFICA NOTE (1) Codificazione iso-alfa per i paesi e per le monete: - una codificazione iso-alfa su due caratteri per i paesi e territori; - una codificazione iso-alfa su tre caratteri per le monete. La versione della nomenclatura di paesi e territori per le statistiche del commercio estero della UE e del commercio tra i suoi Stati membri valida a decorrere dal 1 giugno 2005 è allegata al regolamento (CE) n.750/2005 della Commissione, del 18 maggio 2005 (GUUE L 156, del 19 maggio 2005, p.12 Le due codificazioni sono utilizzate per la compilazione delle dichiarazione in dogana (DAU) e delle dichiarazioni di scambio di beni. (2) I certificati fitosanitari, vengono rilasciati dal servizio fitosanitario delle Regioni di appartenenza (su richiesta dell'interessato circa 10 giorni prima della partenza del prodotto). (3) I certificati sanitari per le carni vengono rilasciati dalle ASL di appartenenza - Servizio veterinario.

5 (4) Per i prodotti cosmetici può essere richiesto sia il certificato di libera vendita, sia l'attestato di libera vendita. Il certificato di libera vendita va richiesto al Ministero della Sanità (la richiesta va fatta alla sede centrale di Roma, circa 30 giorni prima della spedizione delle merci e per conoscenza all'assessorato della sanità locale - sito web: L'attestato di libera vendita va richiesto alle Camere di commercio di competenza (Allegato XV - fac-simile attestato). CLAUSOLA DI ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO SITO SONO SOGGETTE AD UNA CLAUSOLA DI ESCLUSIONE DELLA RESPONSABILITÀ DI BANCA DATI SERVIZI. L OBIETTIVO PERSEGUITO È QUELLO DI FORNIRE UN INFORMAZIONE TEMPESTIVA E PRECISA; QUALORA DOVESSERO ESSERE SEGNALATI DEGLI ERRORI I PROVVEDERÀ ALLA LORO CORREZIONE

THAILANDIA NORMATIVA

THAILANDIA NORMATIVA THAILANDIA NORMATIVA In Thailandia può essere liberamente importata la maggior parte delle merci. Ciònonostante, alcune categorie di beni sono soggette a controlli e devono essere importate con una licenza

Dettagli

EGITTO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU.

EGITTO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU. EGITTO NORMATIVE In Egitto sono presenti delle zone franche. Sul piano doganale sono considerate come esterne al paese. Queste zone sono sia pubbliche che private Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione

Dettagli

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane.

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane. TURCHIA NORMATIVE Documenti di spedizione Oltre la dichiarazione doganale (DAU) usualmente richiesta per tutte le spedizioni (salvo all`interno dell`unione europea), le spedizioni destinate alla Turchia

Dettagli

KENYA NORMATIVA. Le regole relative all emissione e utilizzazione di questi documenti sono precisate nell allegato X.

KENYA NORMATIVA. Le regole relative all emissione e utilizzazione di questi documenti sono precisate nell allegato X. KENYA NORMATIVA Il Kenia è membro del COMESA (Common Market for Eastern and Southern Africa) http://comesa.int che ha messo in pratica una zona di libero scambio tra 11 dei 19 paesi membri che si apprestano

Dettagli

ARGENTINA NORMATIVA. L`Unione europea e il Mercosur negoziano da tempo un accordo di libero-scambio che va avanti nonostante diverse difficoltà.

ARGENTINA NORMATIVA. L`Unione europea e il Mercosur negoziano da tempo un accordo di libero-scambio che va avanti nonostante diverse difficoltà. ARGENTINA NORMATIVA L`Argentina fa parte del Mercosur che raggruppa, oltre questo paese, il Brasile, il Paraguai l`uruguay e il Venezuela che ne fa parte dal 2006 e che non fa più parte della comunità

Dettagli

RUSSIA NORMATIVA. La Russia non è ancora membro dell`omc.

RUSSIA NORMATIVA. La Russia non è ancora membro dell`omc. RUSSIA NORMATIVA La Federazione Russa fa parte della Comunità degli Stati Indipendenti (CEI) che comprende, oltre a questi paesi, i seguenti stati: Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Kazakhstan, Kirghizstan,

Dettagli

CROAZIA NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU.

CROAZIA NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU. CROAZIA NORMATIVE Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione doganale (DAU) usualmente richiesta per qualunque spedizione (salvo all`interno dell`unione europea), le spedizioni destinate alla Croazia

Dettagli

STATI UNITI NORMATIVA

STATI UNITI NORMATIVA STATI UNITI NORMATIVA Gli Stati Uniti hanno concluso numerosi accordi con i loro vicini più prossimi. Allo stesso tempo hanno diversificato geograficamente i loro accordi negoziando con dei paesi come

Dettagli

KAZAKHSTAN NORMATIVA

KAZAKHSTAN NORMATIVA KAZAKHSTAN NORMATIVA Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione doganale (DAU) usualmente richiesta per tutte le spedizioni (salvo all`interno dell`unione europea), le spedizioni con destinazione

Dettagli

OMAN NORMATIVE. Documenti di spedizione

OMAN NORMATIVE. Documenti di spedizione OMAN NORMATIVE La Camera di Commercio italo-araba ha istituito una nuova procedura di vidimazione dei documenti di accompagnamento all`export (certificato di origine e fattura). Detta procedura è subordinata

Dettagli

NIGERIA NORMATIVA. Tutte le importazioni sono soggette al formulario M (dichiarazione di importazione) stabilita a partire dalla fattura pro-forma.

NIGERIA NORMATIVA. Tutte le importazioni sono soggette al formulario M (dichiarazione di importazione) stabilita a partire dalla fattura pro-forma. NIGERIA NORMATIVA E` proibita l`importazione di numerosi prodotti alimentari, come noto le carni, (pollame, suine, bovine ecc) la frutta e i legumi, le bevande, i prodotti farmaceutici, le armi ecc. Altri

Dettagli

BRASILE NORMATIVA. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU.

BRASILE NORMATIVA. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU. BRASILE NORMATIVA Salvo eccezioni, l`importazione delle merci in Brasile è subordinata alla presentazione di una licenza per l`ottenimento della quale l`importatore è tenuto a presentare una fattura pro

Dettagli

È utilizzabile esclusivamente nei paesi che aderiscono alla Convenzione ATA.

È utilizzabile esclusivamente nei paesi che aderiscono alla Convenzione ATA. ISTRUZIONI PER IL RILASCIO DEL CARNET ATA e CPD CHINA-TAIWAN IL CARNET ATA Il carnet ATA è un documento di cauzione doganale (istituito dalla Convenzione di Ginevra del 6.12.1961, ratificata dall Italia

Dettagli

Documenti per esportazioni extra UE

Documenti per esportazioni extra UE Documenti per esportazioni extra UE TRASPORTI MARITTIMI Il trasporto marittimo Per trasporto marittimo si intende tutto quell'insieme di uomini, strumenti, idee e tecniche che consentono il trasporto di

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATORE SUL MERCATO SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATORE SUL MERCATO SVIZZERO SUL MERCATO SVIZZERO 4 ordini di limitazioni alle transazioni economiche A) Limitazioni alle importazioni Dogana B) Limitazioni alle importazioni di carattere normativo/sanitario C) Limitazioni alle importazioni

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE

ISTRUZIONI OPERATIVE ISTRUZIONI OPERATIVE CERTIFICAZIONI SANITARIE CERTIFICATO PRE EXPORT: - richiesto in genere per l esportazione verso la Federazione Russa; - modello ufficiale (reperibile sul sito http://www.salute.gov.it/veterinariainternazionale

Dettagli

CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE

CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE Il Carnet A.T.A. è un documento doganale internazionale che consente di importare temporaneamente le merci destinate a fiere, mostre, ecc. (contemplate dai tre allegati

Dettagli

COMUNICATO TOP URGENT. Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce).

COMUNICATO TOP URGENT. Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce). COMUNICATO TOP URGENT Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce). In attesa del recepimento nell ordinamento italiano delle modifiche apportate dalla direttiva

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio VIII DGSAF-Coordinamento PIF-UVAC LINEE GUIDA SUL REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 RECANTE DEROGA

Dettagli

INDIA (Repubblica dell'india)

INDIA (Repubblica dell'india) INDIA (Repubblica dell'india) VISTO PER TURISMO: NOTA: In India è severamente proibito l'uso di telefoni satellitari, se non previo permesso scritto accordato dal Dipartimento delle Comunicazioni, rilasciato

Dettagli

MAROCCO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU.

MAROCCO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU. MAROCCO NORMATIVE Tutte le merci sono liberamente importate, ad eccezione di alcuni prodotti sottoposti a licenza (polvere per esplosivi, pneumatici ricoperti o usati e della chincaglieria, veicoli e telai

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA 1. PREMESSA Vademecum Versione RV_01_10/03/09 1.1 Generalità Il presente vademecum intende supportare le aziende svizzere che

Dettagli

COSTA D AVORIO NORMATIVA

COSTA D AVORIO NORMATIVA COSTA D AVORIO NORMATIVA La Costa d`avorio fa parte dei paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico) chesono legati all`unione europea daun accordo di partenariato ACP/CE, firmato a Cotonou il 23 giugno 2000

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI NORMATIVE

EMIRATI ARABI UNITI NORMATIVE EMIRATI ARABI UNITI NORMATIVE E` importante sottolineare che per disposizione delle autorità degli Emirati Arabi Uniti, la legalizzazione dei documenti dovrà essere effettuata unicamente presso gli uffici

Dettagli

CINA NORMATIVA. E` importante ricordare che Hong Kong e Macao sono due regioni amministrative speciali della Cina.

CINA NORMATIVA. E` importante ricordare che Hong Kong e Macao sono due regioni amministrative speciali della Cina. CINA NORMATIVA A livello bilaterale, l`unione europea e la Cina negoziano un nuovo accordo di partenariato e di cooperazione lanciati ufficialmente, nel mese di gennaio 2007, lo stato delle negoziazioni

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE Sommario: - 1- Norme di carattere generale. 2. Norme di carattere particolare. 3. Procedure richieste per le esportazioni in Egitto. 3.1. Norme di carattere

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO I regolamenti sul commercio dei prodotti agricoli tra Svizzera e Unione Europea rientrano negli Accordi bilaterali I in vigore dal Giugno 2002 2 principi Mantenimento di un livello minimo di restrizioni

Dettagli

BIELLA 27 gennaio 2014. Road show - Internazionalizzazione

BIELLA 27 gennaio 2014. Road show - Internazionalizzazione BIELLA 27 gennaio 2014 Road show - Internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 13 18 22 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti del Piemonte Focus Biella Documenti e formalità per le cessioni

Dettagli

ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore agroalimentare Ottobre 2010 Ufficio di Oslo Henrik Ibsens gate 60A N-0255 Oslo T + 47 22 54 05 40 F +47 22 54 05 41 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 30/10 6.2.2015 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/175 DELLA COMMISSIONE del 5 febbraio 2015 che stabilisce condizioni particolari applicabili all'importazione di gomma di guar originaria o proveniente

Dettagli

Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative

Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative L'apposizione del visto uscire è un adempimento espressamente attribuito all'autorità doganale competente qualunque sia il tipo o la modalità della

Dettagli

Dogana Svizzera. Disposizioni doganali. Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano

Dogana Svizzera. Disposizioni doganali. Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano Dogana Svizzera Disposizioni doganali Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano Compiti La riscossione dei tributi (dazi, IVA, imposta sugli oli minerali, sugli

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. La fattura

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. La fattura Albez edutainment production Economia Aziendale I La fattura 1 La fattura E il principale documento della compravendita ed attesta l avvenuta esecuzione del contratto da parte dell impresa venditrice e

Dettagli

--------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------- D.M. 3 maggio 2001 Recepimento della direttiva 2000/61/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 ottobre 2000 che modifica la direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle

Dettagli

Spedizioni per l India. Presentazione a cura di Mario Carniglia

Spedizioni per l India. Presentazione a cura di Mario Carniglia Spedizioni per l India Presentazione a cura di Mario Carniglia Introduzione Obiettivo della presentazione: Fornire informazioni estremamente pratiche relativamente ai servizi di spedizione per l India

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 21.4.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 104/37 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 16 aprile 2007 che istituisce nuovi certificati veterinari per l introduzione nella Comunità di animali

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO

CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO AMBITO DI APPLICAZIONE ED INFORMAZIONI ESSENZIALI Il trasporto aereo è regolato dalla normativa comunitaria e dalle convenzioni internazionali applicabili nonché dal Codice

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

LIBANO NORMATIVA. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU.

LIBANO NORMATIVA. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU. LIBANO NORMATIVA L`Unione Europea e la Repubblica libanese hanno firmato, il 17 giugno 2002, un accordo euromediterraneo che stabilisce progressivamente una zona di libero scambio tra le due entità entro

Dettagli

SIRIA NORMATIVE. Stabilita in almeno quattro esemplari deve contenere le diciture abituali. Può essere redatta in Inglese e francese.

SIRIA NORMATIVE. Stabilita in almeno quattro esemplari deve contenere le diciture abituali. Può essere redatta in Inglese e francese. SIRIA NORMATIVE La Camera di Commercio italo-araba ha istituito una nuova procedura di vidimazione dei documenti di accompagnamento all`export (certificato di origine e fattura). Detta procedura è subordinata

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.P.R. 18 dicembre 1984, n. 956 (1). Regolamento di esecuzione della legge 25 maggio 1981, n. 307 (2), recante norme sul registro generale dei testamenti (3). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art.

Dettagli

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE Anno rif.: 2005 Pagina 1 di 8 NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE 1. QUADRO GENERALE....2 2. DEFINIZIONI....2 3. MODALITA DI NOMINA...2 4. INTEGRAZIONE

Dettagli

BARI 12 febbraio 2014. Road show per l internazionalizzazione

BARI 12 febbraio 2014. Road show per l internazionalizzazione BARI 12 febbraio 2014 Road show per l internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 14 19 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti della Puglia Focus Bari Documenti e formalità per le cessioni

Dettagli

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto)

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) 2raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:15 Pagina 349 FCA FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) Nel Franco Vettore il venditore effettua la consegna col rimettere la merce, sdoganata all esportazione,

Dettagli

L'EXPORT DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI CERTIFICAZIONI PER L'ESPORTAZIONE E PRESENTAZIONE PROGETTO TUTTOFOOD INDIA

L'EXPORT DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI CERTIFICAZIONI PER L'ESPORTAZIONE E PRESENTAZIONE PROGETTO TUTTOFOOD INDIA L'EXPORT DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI CERTIFICAZIONI PER L'ESPORTAZIONE E PRESENTAZIONE PROGETTO TUTTOFOOD INDIA Lunedì, 4 marzo 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA Via Einaudi n.23 Salone Ridotto Sommario

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 29 aprile 6, 13, 14, 20, 22, 27 e 29 maggio 2010 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo L

Dettagli

UNIONE EUROPEA ESPORTAZIONE DI ARMI DA FUOCO [regolamento (UE) n. 258/2012]

UNIONE EUROPEA ESPORTAZIONE DI ARMI DA FUOCO [regolamento (UE) n. 258/2012] UNIONE EUROPEA ESPORTAZIONE DI ARMI DA FUOCO [regolamento (UE) n. 58/0] Tipo di autorizzazione Singola Multipla Globale. Esportatore N. (se del caso, numero EORI). Numero identificativo dell autorizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE 1 DHL Express (Italy) s.r.l. Marketing 062014 LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE Tra i Paesi dell Asia orientale, dopo la Cina, il Giappone

Dettagli

COMMERCIO ESTERO INTRODUZIONE 02 CARNET A.T.A. 03

COMMERCIO ESTERO INTRODUZIONE 02 CARNET A.T.A. 03 COMMERCIO ESTERO INTRODUZIONE 02 CARNET A.T.A. 03 CERTIFICATI DI ORIGINE 04 Rilascio certificati allo sportello 04 Rilascio on-line dei certificati di origine 04 NUMERO MECCANOGRAFICO 06 ATTESTATO DI LIBERA

Dettagli

Art. 3 - Competenze comunali Art. 4 - Commissione comunale Art. 5 - Criteri per la redazione del regolamento comunale

Art. 3 - Competenze comunali Art. 4 - Commissione comunale Art. 5 - Criteri per la redazione del regolamento comunale REGIONE PUGLIA L.R. 3 aprile 1995, n. 14: Modalità di attuazione della legge 15 gennaio 1992, n. 21 "Legge quadro per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea". (B.U.R. 18 aprile

Dettagli

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco REGISTRO UFFICIALE USCITA Prot. n. 19712 del 05/10/2015 s.06.04.01 Lavori Preparatori Alle All Alle Ai Agli Agli Direzioni Centrali LORO SEDI Ufficio Centrale Ispettivo SEDE Direzioni Regionali e Interregionali

Dettagli

CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE

CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005 Protocollo: Segue: Allegati: n. 13209/CC Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle dogane LORO SEDI

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 15, 24, 31 marzo 7, 14, 21, 28 aprile 5 maggio 2011 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo

Dettagli

! 2. CONCLUSIONE DEL CONTRATTO E ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI GE- NERALI DI VENDITA

! 2. CONCLUSIONE DEL CONTRATTO E ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI GE- NERALI DI VENDITA Contenuti 1. INFORMAZIONI GENERALI Condizioni Generali di vendita 2. CONCLUSIONE DEL CONTRATTO E ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI DI VENDITA 3. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI 4. OBBLIGHI DEL CLIENTE 5. DEFINIZIONE

Dettagli

R E G I O N E B A S I L I C A T A

R E G I O N E B A S I L I C A T A R E G I O N E B A S I L I C A T A ALLEGATO REQUISITI MINIMI E CRITERI GENERALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI LABORATORI DI ANALISI NON ANNESSI ALLE INDUSTRIE ALIMENTARI E MODALITÀ PER L ISCRIZIONE NEL REGISTRO

Dettagli

BAROLI GROUP GUIDA AI DOCUMENTI PER L'ESPORTAZIONE DEL VINO IN CINA. Guida ai documenti per la Cina - Pag.!1

BAROLI GROUP GUIDA AI DOCUMENTI PER L'ESPORTAZIONE DEL VINO IN CINA. Guida ai documenti per la Cina - Pag.!1 BAROLI GROUP GUIDA AI DOCUMENTI PER L'ESPORTAZIONE DEL VINO IN CINA Guida ai documenti per la Cina - Pag.!1 Contenuto: 3 4 4 5 5 6 6 6 7 8 Riepilogo e reperibilità dei documenti per l'esportazione Certificato

Dettagli

DISCIPLINARE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE

DISCIPLINARE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DISCIPLINARE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE 1. ENTE AGGIUDICATORE: Nome: Azienda Napoletana Mobilità S.p.A. S Indirizzo : Via G.B. Marino, 1-80125 NAPOLI - Settore: Gare e Appalti Numeri di telefono: +39 0817632104

Dettagli

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ACCORDO BILATERALE SVIZZERA/UE SUI PRODOTTI AGRICOLI L'accordo del 21 giugno 1999, fra la Confederazione Svizzera e la Comunità

Dettagli

Modalità di ingresso nel mercato

Modalità di ingresso nel mercato Modalità di ingresso nel mercato alimentare cinese. Gli strumenti: etichettatura dei prodotti. 11 Ottobre 2012 Bari 1 Chi siamo Lo Studio Picozzi & Morigi è stato fondato nel 1976 dagli avvocati Alessandro

Dettagli

Buone pratiche di sperimentazione clinica negli animali dei medicinali veterinari

Buone pratiche di sperimentazione clinica negli animali dei medicinali veterinari negli animali dei medicinali veterinari Modelli innovativi di lotta alla varroa: l acido formico in gel. Dr. Salvatore Macrì Dirigente Veterinario Ministero della Salute Roma Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte

Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte A cura di Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte Marco Bodo Commissione Nazionale UNGDCEC Economia della Cultura LE NORMATIVE APPLICABILI - Codice Civile (art. 1510 e seg.) vendita

Dettagli

TAIWAN NORMATIVA. Documenti di spedizione

TAIWAN NORMATIVA. Documenti di spedizione TAIWAN NORMATIVA Il Paese fa parte del Forum di cooperazione Asia-Pacifico (APEC)http://www.apec.org/content/apec/about_apec.htlm, organizzazione che mira a migliorare la crescita economica e la prosperità

Dettagli

POR FESR 2007-2013. Obiettivo "Competitività regionale e occupazione" Asse I Ricerca, innovazione e rafforzamento della base produttiva

POR FESR 2007-2013. Obiettivo Competitività regionale e occupazione Asse I Ricerca, innovazione e rafforzamento della base produttiva REGIONE LAZIO POR FESR 2007-2013 Obiettivo "Competitività regionale e occupazione" Asse I Ricerca, innovazione e rafforzamento della base produttiva Attività 3 - Sviluppo dell impresa innovativa, patrimonializzazione

Dettagli

INVESTIRE ED OPERARE IN TURCHIA

INVESTIRE ED OPERARE IN TURCHIA INVESTIRE ED OPERARE IN TURCHIA 2007 Investire ed www.to.camcom/deskturchia operare in Turchia (2007) 1 Investire ed operare in Turchia (2007) 2 SOMMARIO RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI

Dettagli

PADOVA 2 dicembre 2014. Road show per l internazionalizzazione

PADOVA 2 dicembre 2014. Road show per l internazionalizzazione PADOVA 2 dicembre 2014 Road show per l internazionalizzazione 1 3 Nota Metodologica 4 6 8 9 Principali prodotti export e Paesi acquirenti del Veneto Focus Padova Documenti e formalità per le cessioni intracomunitarie

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

BAHREIN NORMATIVE. Attualmente la politica di importazione comporta delle restrizioni sotto forma di prodotti proibiti o controllati.

BAHREIN NORMATIVE. Attualmente la politica di importazione comporta delle restrizioni sotto forma di prodotti proibiti o controllati. BAHREIN NORMATIVE Bahrein fa parte del Consiglio di cooperazione del Golfo che comprende anche l`arabia Saudita, gli Enmirati arabi uniti, il Kuwait, Oman e il Qatar. Questa entità al momento negozia un

Dettagli

KUWAIT NORMATIVE. I documenti f), g), h), i), j) devono essere successivamente vistati dal Consolato del Kuwait.

KUWAIT NORMATIVE. I documenti f), g), h), i), j) devono essere successivamente vistati dal Consolato del Kuwait. KUWAIT NORMATIVE L`importazione di vini ed alcolici così come quella delle carni di maiale è proibita. L`importazione di carni bovine e ovine è al momento sospesa. Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione

Dettagli

Professione Sogni. www.professionesogni.it

Professione Sogni. www.professionesogni.it TRAVEL Professione Sogni www.professionesogni.it Il corso Accompagnatore turistico e assistente congressuale e fieristico rappresenta il migliore percorso di studio per chi aspira a lavorare come referente

Dettagli

748.127.5. Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) Capitolo 1: In generale

748.127.5. Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) Capitolo 1: In generale Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) 748.127.5 del 5 febbraio 1988 (Stato 1 agosto 2008) Il Dipartimento federale dei trasporti, delle comunicazioni e delle energie,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Nelle presenti condizioni generali: si intende come Venditrice o Società la Berner Spa, con sede in Verona, via dell Elettronica 15, Partita IVA 02093400238, C.F. e numero

Dettagli

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10 N. 2 del 2007 NOVITA IN MATERIA DI ELENCHI INTRASTAT ADESIONE ALL UNIONE EUROPEA DI DUE NUOVI STATI A decorrere dal 1 gennaio 2007, sono entrati a far parte dell Unione Europea due nuovi Stati: la Bulgaria

Dettagli

Prot. 2438/SN Pescara, 26 settembre 2011 Tot. Pag. 5 Alle DITTE INTERESSATE / LORO SEDI

Prot. 2438/SN Pescara, 26 settembre 2011 Tot. Pag. 5 Alle DITTE INTERESSATE / LORO SEDI Prot. 2438/SN Pescara, 26 settembre 2011 Tot. Pag. 5 Alle DITTE INTERESSATE / LORO SEDI Spett.le Ditta, il Centro Estero Abruzzo organizza, in collaborazione con la Regione Abruzzo - Direzione Sviluppo

Dettagli

Reg. CE 648/2005 Modifiche al codice doganale. Reg CE 1875/2006 Modifiche alle DAC. Reg. CE 273/2009 Modifiche alle DAC

Reg. CE 648/2005 Modifiche al codice doganale. Reg CE 1875/2006 Modifiche alle DAC. Reg. CE 273/2009 Modifiche alle DAC ENTRATA ED USCITA DELLA MERCE DAL TERRITORIO DOGANALE DELLA COMUNITA COSA CAMBIA DAL 1 gennaio 2011 Dr.ssa Rosanna Lanuzza Roma, 27 ottobre 2010 Regolamenti di modifica al CDC e alle DAC. Emendamenti sicurezza

Dettagli

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI QUALIFICHE PROFESSIONALI ACQUISITE FUORI DALL ITALIA (D.Lgs. 9.11.07 n. 206 di attuazione della direttiva 2005/36/CE)

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI QUALIFICHE PROFESSIONALI ACQUISITE FUORI DALL ITALIA (D.Lgs. 9.11.07 n. 206 di attuazione della direttiva 2005/36/CE) DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI QUALIFICHE PROFESSIONALI ACQUISITE FUORI DALL ITALIA (D.Lgs. 9.11.07 n. 206 di attuazione della direttiva 2005/36/CE) Al Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale

Dettagli

Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation

Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation Versione italiana delle più recenti note informative introdotte nella Direttiva FSC-DIR-40-004 40-004-08:

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*-GGMMAAAA-HH:MM Mod. 1/SCIA (Modello 0125 Versione 001-2014) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO Allo Sportello Unico delle Attività

Dettagli

INVESTIRE ED OPERARE IN GIAPPONE

INVESTIRE ED OPERARE IN GIAPPONE INVESTIRE ED OPERARE IN GIAPPONE 2007 www.to.camcom.it/giappone Investire ed operare in Giappone (2007) 2 SOMMARIO RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI 5 INFORMAZIONI UTILI 6 Il Paese 6

Dettagli

Tecniche doganali e dei trasporti internazionali. Presentazione a cura di Paola Carniglia

Tecniche doganali e dei trasporti internazionali. Presentazione a cura di Paola Carniglia Tecniche doganali e dei trasporti internazionali Presentazione a cura di Paola Carniglia Introduzione Obiettivo della presentazione: Fornire dei cenni sulle problematiche doganali all esportazione Chiarire

Dettagli

ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010

ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010 ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010 INFORMAZIONI GENERALI SPEDIZIONIERE UFFICIALE, BROKER DOGANALE E SERVIZI DI HANDLING : Fairs & Exhibitions Dept Milano

Dettagli

ayurvedic point QUESTA MODALITA DEFINISCE LA POSSIBILITA DI EFFETTUARE IL VIAGGIO IN BASE AL REALE NUMERO DI ISCRITTI.

ayurvedic point QUESTA MODALITA DEFINISCE LA POSSIBILITA DI EFFETTUARE IL VIAGGIO IN BASE AL REALE NUMERO DI ISCRITTI. Lettera Viaggio di Studio in India 2013 Milano Maggio 2013 Cari allievi/e, ecco il programma del viaggio/studio in India che si svolgerà dal 20 Novembre al 6 Dicembre 2013, partenza da Milano (se seguite

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Prot. n. 89 Roma, 19.01.2009 ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI Corso di Porta Romana, 108 20125 MILANO ASSOCIAZIONE LIBRAI ITALIANI Via Nizza, 22 00198 ROMA ASSOCIAZIONE NAZIONALE ITALIANA INDUSTRIE GRAFICHE,

Dettagli

Corsi internazionalizzazione

Corsi internazionalizzazione Corsi internazionalizzazione Il Nuovo Codice Doganale Comunitario 18 Novembre 2014 Fiscalità comunitaria ed internazionale. IVA e aspetti operativi: triangolazioni UE ed extra UE. Focus su operazioni con

Dettagli

Art. 3 Domanda e modalità per l ammissione Per essere ammesso al Master, il candidato dovrà effettuare online, entro la data 8 luglio 2015:

Art. 3 Domanda e modalità per l ammissione Per essere ammesso al Master, il candidato dovrà effettuare online, entro la data 8 luglio 2015: MODALITÀ DI AMMISSIONE E ISCRIZIONE AL MASTER DI 1 LIVELLO IN CUCINA POPOLARE ITALIANA DI QUALITÀ ANNO ACCADEMICO 2015/2016 Art. 1 Indicazioni di carattere generale L Università degli Studi di Scienze

Dettagli

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Urbana Gaiotto Marzo 2004 L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Comunità Europea dei 15: Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia

Dettagli

Schede operative. Adempimenti Iva. Definizione di mezzo di trasporto. Definizione di mezzo di trasporto «nuovo» o «usato»

Schede operative. Adempimenti Iva. Definizione di mezzo di trasporto. Definizione di mezzo di trasporto «nuovo» o «usato» Adempimenti Iva Il nuovo modello F24 «IVA immatricolazione auto UE» In attuazione dell art. 1, commi 9 e 10, del D.L. 3 ottobre 2006, n. 262 (convertito dalla L. 24 novembre 2006, n. 286), il Direttore

Dettagli

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Dott. Ing. Alfonso Simoni Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Il quadro legislativo nel

Dettagli

PREMESSO CHE: tutto ciò premesso e considerato, le Parti convengono quanto segue:

PREMESSO CHE: tutto ciò premesso e considerato, le Parti convengono quanto segue: ATTO INTEGRATIVO ALLA CONVENZIONE DEL 12 FEBBRAIO 2014 PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI VINCOLATI PREVISTI AI FINI DELL EROGAZIONE DEGLI AIUTI DISCIPLINATI DAL DECRETO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009.

Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009. Modello A Raccomandata AR Marca da bollo 16,00 Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009. QUADRO A-1 Prima iscrizione Variazione IL/LA SOTTOSCRITTO/A...........

Dettagli

I docenti sono professionisti del settore quindi le lezioni avranno un carattere pratico e non solo nozionistico.

I docenti sono professionisti del settore quindi le lezioni avranno un carattere pratico e non solo nozionistico. PROGETTAZIONE corso ACCOMPAGNATORE TURISTICO 60 ORE Dott.ssa Riboni Antonella L accompagnatore turistico garantisce a diverse tipologie di utenza la corretta attuazione dei servizi che compongono un viaggio

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N.447/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. ALFA SA. Utilizzo del numero identificativo IVA in Italia da

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI

Dettagli

A.A. 2010/2011 PRIMA DELLA PARTENZA:

A.A. 2010/2011 PRIMA DELLA PARTENZA: VADEMECUM/ISTRUZIONI PER IL TIROCINANTE BORSE DI TIROCINIO FORMATIVO ALL ESTERO E IN ITALIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE E LINGUA E CULTURA ITALIANA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

_OTIM. Invio restante documentazione dogana estera a chiara.rossolimo@otim.it / federica.calio@otim.it: 22 settembre

_OTIM. Invio restante documentazione dogana estera a chiara.rossolimo@otim.it / federica.calio@otim.it: 22 settembre BRAND ITALY 2014 dal 10 al 12 Novembre 2014 Doha, Qatar Facciamo riferimento all oggetto e ci permettiamo di contattarvi per la spedizione dei vs. materiali destinati alla manifestazione di cui sopra,

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO - (Legge regionale 30 marzo 1988, n. 15 e s.m.i..

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO - (Legge regionale 30 marzo 1988, n. 15 e s.m.i.. Allegato C alla determinazione n. 286 del 15 marzo 2010 COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO - (Legge regionale 30 marzo 1988, n. 15 e s.m.i..)

Dettagli

ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA

ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA PROTOCOLLO

Dettagli

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 3 18 GENNAIO 2008 Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Dettagli