CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, EDUCATIVA, SOCIALE, RIABILITATIVA E INFERMIERISTICA PER L AZIENDA U.S.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, EDUCATIVA, SOCIALE, RIABILITATIVA E INFERMIERISTICA PER L AZIENDA U.S."

Transcript

1 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, EDUCATIVA, SOCIALE, RIABILITATIVA E INFERMIERISTICA PER L AZIENDA U.S.L. DI RIMINI ART. 1 OGGETTO DELLA GARA E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il servizio di assistenza domiciliare ha il fine di soddisfare i bisogni di assistenza domiciliare infermieristica, educativa, riabilitativa e sociale dei minori in situazioni di difficoltà, dei tossicodipendenti, degli adulti con handicap psico-fisico o con problemi psichici e degli anziani, attraverso un insieme di attività indicate all art. 2. Caratteristica richiesta alla ditta è l elevata flessibilità dell organizzazione del lavoro dovendo, la stessa, adeguare l offerta di prestazioni ad un fabbisogno di domanda non quantificabile specificatamente a priori ed inoltre la necessità di offrire all utente una risposta globale ai suoi bisogni rende indispensabile il coordinato utilizzo delle diverse risorse professionali coinvolte, chiamate ad agire in modo integrato sul medesimo progetto di assistenza individuale. L ammontare presunto triennale per il servizio di assistenza domiciliare è di circa ore di cui circa n di assistenza educativa, n di assistenza sociale, n di assistenza riabilitativa e n ore di assistenza infermieristica. L importo triennale presunto è di euro ,00 IVA esclusa. ART. 2 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO A) ATTIVITA DA SVOLGERE DA PARTE DELLA DITTA AGGIUDICATARIA: La ditta aggiudicataria deve essere in grado di coordinare le prestazioni afferenti al piano di assistenza individuale, predisposto dalle competenti équipes della AUSL in collaborazione con gli operatori della ditta stessa. Devono inoltre essere garantiti momenti congiunti di verifica e di riformulazione dei progetti. La qualità dell intervento di assistenza domiciliare è fortemente condizionato, oltre che dalle capacità tecniche dell operatore, dalla qualità della relazione che lo stesso riesce a stringere con l assistito e pertanto la ditta aggiudicataria dovrà fare il possibile per garantire la continuità dell intervento da parte del medesimo operatore, salvo casi accertati di incompatibilità o cause di forza maggiore. L assistenza domiciliare deve essere garantita nell arco di 12 ore diurne nei giorni feriali e all occorrenza nei giorni festivi. 1

2 Le tipologie di interventi richiesti per l assistenza educativa sono: a) attività di supporto educativo-riabilitativo rivolto a persone con handicap psicofisico e/o gravi problematiche psicologiche o con problemi psichici o con problemi psicologici e psichici o con problemi di tossicodipendenza; b) attività di supporto educativo - assistenziale rivolta a minori che vivono in situazioni carenti dal punto di vista educativo, socio-culturale e/o igienico ambientale da effettuarsi in un ottica di stimolo e responsabilizzazione dei genitori e non di sostituzione degli stessi, attraverso: c) interventi di supporto educativo; d) interventi di socializzazione; e) interventi di sostegno didattico; f) attività di animazione e socializzazione, attività educative e culturali anche mediante rapporto con realtà socio-culturali esterne; g) attività di programmazione e verifica degli interventi svolta attraverso riunioni periodiche con gli operatori di distretto e/o con gli operatori scolastici. L elencazione delle prestazioni è da considerarsi puramente esemplificativa, restando in obbligo della ditta l assunzione di ogni altra prestazione che dovesse rendersi necessaria in corso di contratto e che rientri nell attività propria dell educatore professionale. Le attività di assistenza sociale sono le seguenti: a) analisi del contesto socio-familiare di appartenenza; b) raccolta degli elementi necessari alla predisposizione di un piano di intervento integrato e stesura del suddetto piano in collaborazione con altri operatori; c) predisposizione di una rete di risposte relative all attività per il tempo libero dei disabili domiciliati presso il loro nucleo familiare; d) predisposizione e messa a punto di percorsi educativi e successive verifiche con il nucleo familiare; e) collaborazione con insegnanti e strutture educative per minori; f) collaborazione istituzionale e lavoro in rete con privato sociale e associazioni di volontariato g) predisposizioni e verifiche di interventi domiciliari integrati L elencazione delle prestazioni è da considerarsi puramente esemplificativa, restando in obbligo della ditta l assunzione di ogni altra prestazione che dovesse rendersi necessaria in corso di contratto e che rientri nell attività propria dell assistente sociale. Le attività di terapia dell assistenza riabilitativa richieste sono: a) rieducazione motoria atta al recupero e al mantenimento delle autonomie motorie primarie; b) attività tesa alla prevenzione di danni secondari o terziari legati a posture viziate e alla immobilità; 2

3 c) attività indirizzate al disabile psico-fisico per il recupero e perfezionamento della conoscenza del proprio corpo e del rapporto con lo spazio; d) rieducazione per il recupero delle capacità manipolative più semplici; e) recupero e mantenimento dell autonomia nelle attività della vita quotidiana; f) contributo alla formulazione dei piani assistenziali individuali. La elencazione degli interventi e prestazioni è da considerarsi puramente esemplificativa restando in obbligo della ditta l assunzione di ogni altra prestazione che dovesse rendersi necessaria in corso di contratto e che rientri nell attività propria della figura di terapista della riabilitazione. Le prestazioni di assistenza infermieristica sono le seguenti: Domiciliare: - cateterismo vescicale: comprende la sostituzione del catetere vescicale a permanenza, il cateterismo estemporaneo, la rimozione del catetere; è comprensiva dell igiene intima e dell eventuale lavaggio con soluzione fisiologica che si esegue per verificare se il catetere è posizionato correttamente. Tempo medio 30 minuti. - terapia intramuscolare e/o sottocute. Tempo medio 10 minuti; - prelievo ematico e/o campione biologico: comprende il prelievo venoso, l esecuzione di stick glicemici, tamponi e raccolta urine. Tempo medio 20 minuti; - terapia endovena; Tempo medio 20 minuti. - clistere con svuotamento manuale: comprende sia il clistere con svuotamento che il solo svuotamento. Può essere richiesta l igiene intima parziale e/o totale del paziente alla fine della prestazione. Tempo medio 30 minuti; - medicazioni: comprende la medicazione di lesioni da decubito, ulcere vascolari, ferite chirurgiche, medicazioni stomie e drenaggi con cambio sacchetto. Tempo medio 30 minuti. - misurazione parametri vitali; Tempo medio 10 minuti. - aspirazione secrezioni; Tempo medio 20 minuti. - Gestione del sondino nasogastrico (introduzione, sostituzione ed educazione) Tempo medio 30 minuti - Gestione della PEG (educazione) Tempo medio 30 minuti 3

4 Residenziale: Per quanto riguarda l assistenza infermieristica si richiede, inoltre, l esecuzione di prestazioni infermieristiche continuative, secondo un piano individuale elaborato per il singolo utente presso la Casa Protetta e RSA di Riccione e la Casa Protetta di San Giovanni in Marignano per un impegno triennale presunto di n. ore (ore facenti parte delle n. ore complessive indicate precedentemente all art.1 del presente capitolato) In accordo con il medico di diagnosi e cura delle strutture stesse dovranno essere svolte le seguenti attività infermieristiche: - misurazione parametri vitali; - cure igieniche parziali e totali; - prelievo venoso; - test diagnostici semplici; - ossigenoterapia; - aerosolterapia; - esercizi respiratori; - terapia iniettiva; - clistere evacuativo; - rimozione fecaloma; - cateterismo vescicale; - lavaggio vescicale; - medicazione ferite; - medicazione ulcere semplici e complesse; - medicazioni decubiti semplici e complessi; - esecuzione e sorveglianza terapia infusionale; - aspirazione secrezioni; - ricambio drenaggi; - irrigazioni; - igiene e ricambio stomie; - prelievi sterili di materiale organico; - nutrizione enterale e parenterale; - somministrazione terapie; - predisposizione e aggiornamento cartelle cliniche; - prenotazione consulenze esterne; - accompagnamento degli ospiti ai presidi sanitari di competenza. L elencazione delle prestazioni è da considerarsi puramente esemplificativa, restando in obbligo della ditta l assunzione di ogni altra prestazione che dovesse rendersi necessaria in corso di contratto e che rientri nell attività propria dell infermiere. L attività delle diverse figure professionali avrà luogo, con fortissima prevalenza, all interno del domicilio dell assistito, ma possono essere richieste anche all interno di spazi individuati dall Azienda U.S.L. 4

5 Gli operatori della ditta eseguono gli interventi secondo i piani concordati, secondo i protocolli operativi e i protocolli per uso del presidiato e sono tenuti alla corretta gestione della documentazione esistente al domicilio dell utente preso in carico. Sono a carico della ditta il coordinamento dell attività organizzativa relativa alle zone ed ai percorsi, la dotazione strumentale laddove necessaria per l effettuazione delle prestazioni e le spese di trasporto relative a tutti gli accessi domiciliari. La Ditta aggiudicataria dovrà provvedere all'organizzazione della sostituzione in caso di assenze per ferie e/o malattia, garantendo il corretto espletamento del servizio. B) ATTIVITA RISERVATA ALL AZIENDA U.S.L. L Azienda U.S.L. provvede tramite i propri organi: - alla definizione dei criteri ed alla programmazione degli interventi; - alla predisposizione di piani individuali di intervento in collaborazione con il personale della ditta; - alle decisioni in merito all ammissione, alla sospensione ed alle dimissioni degli utenti dal servizio; - alla definizione delle modalità e del mantenimento dei rapporti con le famiglie degli utenti; - al coordinamento dei rapporti fra i diversi servizi dell A.U.S.L. e con gli altri enti comunque interessati; - alla verifica periodica della corretta attuazione dei piani individuali di intervento. C) ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Le prestazioni del servizio di assistenza domiciliare sono fornite dalla ditta in conformità ai piani individuali di assistenza predisposti dal personale dell Azienda U.S.L. in collaborazione con il personale della ditta stessa. La ditta dovrà attivare i propri operatori su apposita richiesta scritta contenente le seguenti informazioni: - nome e residenza dell assistito al quale deve essere prestato il servizio; - determinazione dell orario di un primo intervento, riguardante il periodo di lavoro da prestarsi effettivamente al domicilio dell assistito od in altri locali individuati dall A.U.S.L., in attesa di definire il piano assistenziale con il personale della ditta, che nel frattempo assume la conoscenza del caso; - data di inizio del servizio. Nel caso di urgenza, la richiesta può essere fatta al referente della ditta anche verbalmente a cui farà seguito una comunicazione scritta. L intervento individuale potrà terminare senza obbligo di preavviso ed in qualsiasi momento, su richiesta del referente distrettuale. 5

6 ART. 3 REQUISITI E CONDIZIONI PARTICOLARI PER IL PERSONALE UTILIZZATO Il personale incaricato dell espletamento dei servizi e delle prestazioni richieste deve essere in possesso di : per l attività educativa - diploma universitario di educatore professionale o di educatore sociale o titolo equipollente ed esperienza almeno biennale maturata nell assistenza domiciliare educativa con la qualifica; per l attività sociale - diploma universitario di assistente sociale o titolo equipollente, iscrizione all albo ed esperienza almeno annuale maturata nella qualifica; per l attività riabilitativa - diploma universitario di fisioterapista o titolo equipollente ed esperienza almeno annuale maturata nella qualifica; per l attività infermieristica - diploma universitario di infermiere professionale o titolo equipollente, iscrizione al Collegio Infermieri ed esperienza almeno annuale maturata nella qualifica. La ditta che risulterà aggiudicataria, ogni qual volta ci siano delle variazioni del personale utilizzato, dovrà utilizzare personale con i requisiti richiesti e presentare un elenco aggiornato, impegnandosi a mantenere lo standard prestazionale e qualitativo richiesto. Data la particolare delicatezza del servizio concesso in appalto, la ditta impiegherà personale di assoluta fiducia e provata riservatezza, soprattutto in relazione a notizie sugli utenti e sulle loro condizioni di salute psico-fisica di cui il personale stesso venga a conoscenza. La ditta aggiudicataria è tenuta a dare istruzioni al proprio personale affinché tutte le informazioni inerenti l esercizio della attività svolta, vengano considerate riservate e come tali trattate, in osservanza alla legge n. 196/03. Il personale della ditta è tenuto, inoltre, a rispettare le norme di educazione che definiscono i criteri di comportamento civile e di correttezza etica nel lavoro, in particolare, rispetti la puntualità e le modalità di erogazione delle prestazioni concordate. Deve, inoltre, conoscere le misure idonee per la protezione individuale e garantire dal punto di vista igienico sanitario e di sicurezza le prestazioni rese. Il personale della ditta aggiudicataria deve essere munito di divisa da lavoro, fornita dalla ditta, di targhetta di riconoscimento applicata in maniera visibile e con documento di identità personale. Sarà cura della ditta aggiudicataria provvedere alla idoneità sanitaria del personale utilizzato. Delle infrazioni commesse dal personale, risponde, a qualsiasi titolo, oltre al personale direttamente responsabile, la ditta aggiudicataria, nella persona del legale rappresentante. 6

7 ART. 4 OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA, RESPONSABILITA PER DANNI E COPERTURA ASSICURATIVA. La ditta aggiudicataria dovrà, entro 30 giorni dalla comunicazione di avvenuta aggiudicazione, attivare una sede operativa nel territorio della provincia di Rimini e dovrà rendere operativo il servizio in oggetto, pena la revoca dell aggiudicazione e la richiesta di risarcimento dei danni eventualmente subiti. Per salvaguardare la continuità assistenziale, successivamente all aggiudicazione, verrà predisposto un piano di subentro per regolamentare il periodo di transizione. Il piano di subentro verrà redatto da un referente dell Azienda U.S.L. in accordo con il referente della ditta. La ditta aggiudicataria per l effettuazione del servizio dovrà utilizzare: - almeno 30 educatori - almeno 30 assistenti sociali - almeno 7 terapisti della riabilitazione - almeno 20 infermieri La ditta aggiudicataria ed il personale da essa utilizzato per l espletamento del servizio di che trattasi devono uniformarsi ed attenersi a tutte le norme inerenti la sicurezza del lavoro. La ditta dovrà dotare il personale di tutto quanto necessario per la prevenzione degli infortuni, in conformità alle vigenti leggi in materia (D. Lgs.vo 626/94 e successive modifiche ed integrazioni) ed ad istruirlo circa i rischi ai quali può andare incontro. Il personale utilizzato dalla ditta e la ditta stessa saranno, infatti, responsabili per gli eventuali danni, infortuni, di qualsiasi natura, che, comunque, nello svolgimento dell attività in oggetto o per cause ad esse inerenti venissero arrecati al personale stesso, a terzi e/o cose. L Azienda U.S.L. è, pertanto, esonerata, da ogni responsabilità per i suddetti danni, essendo obbligo della ditta provvedere al loro risarcimento. A tal fine, la ditta aggiudicataria dovrà stipulare idonea polizza assicurativa per responsabilità civile, a copertura di tutti i danni procurati dal proprio personale adibito al servizio a se stessi, a terzi e/o a cose durante lo svolgimento del servizio in oggetto. Per lo svolgimento del servizio, la ditta dovrà impiegare esclusivamente personale, se dipendente, per il quale siano stati regolarmente adempiuti gli obblighi previsti dalle vigenti leggi e dai contratti collettivi di categoria, in materia retributiva, di assicurazioni sociali, assistenziali, previdenziali ed antinfortunistiche, così come il personale con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, i cui contratti dovranno essere in regola con le normative di settore. Tutte le spese inerenti agli oneri diretti e riflessi del personale, alle assicurazioni contro gli infortuni, di responsabilità civile, di sicurezza sul luogo di lavoro, di gestione e di coordinamento dell organizzazione del proprio personale, ecc., sono a carico della ditta aggiudicataria. 7

8 Ogni tre mesi, la ditta aggiudicataria, dovrà fornire prova di avere adempiuto ai suddetti obblighi, facendo pervenire all U.O Bilancio dell Azienda U.S.L. di Rimini idonea attestazione vidimata dall autorità competente (mod. DM10/F24 INPS o equivalente del mese precedente alla fattura presentata). Inoltre, la ditta aggiudicataria, o ciascuna ditta costituente l RTI, dovrà presentare, trimestralmente, un certificato di correttezza contributiva, rilasciato dall ente preposto (mod. DURC). Saranno, inoltre, a carico della ditta aggiudicataria, le spese di trasporto/viaggio relative agli accessi domiciliari ed ai collegamenti con le sedi di riferimento territoriale dell Azienda U.S.L. di Rimini. La ditta risultata aggiudicataria dovrà individuare un referente organizzativo presente almeno 6 ore al giorno (escluso i festivi) nella sede operativa aperta nella Provincia di Rimini. Tutte le contestazioni di inadempienza fatte in contraddittorio con il referente organizzativo della ditta, si intendono effettuate direttamente con la ditta aggiudicataria. Al referente della ditta compete: il coordinamento dell attività della ditta per il corretto e soddisfacente svolgimento del servizio oggetto di gara; la stesura dei piani di lavoro del personale della ditta in rapporto con i piani assistenziali concordati con l Azienda U.S.L.; i rapporti con la Azienda U.S.L. per qualsiasi occorrenza o necessità derivante dall esecuzione del servizio. La ditta dovrà presentare mensilmente un quadro riassuntivo delle attività espletate secondo le modalità indicate dall Azienda U.S.L.., ai referenti del settore cure domiciliari, distinto per prestazioni erogate negli ambiti territoriali di Rimini e di Riccione. La ditta risultata aggiudicataria dovrà garantire almeno 24 ore di aggiornamento obbligatorio concordata con l Azienda U.S.L. per ogni operatore impegnato nell attività di cui trattasi. La ditta aggiudicataria dovrà inoltre dotarsi, entro 6 mesi dall'avvio del servizio, di un sistema elettronico di rilevazione delle presenze e delle prestazioni domiciliari, previa adeguata formazione agli operatori. Nel frattempo, il personale della ditta aggiudicataria dovrà compilare giornalmente un foglio di presenza. In caso di scioperi o vertenze sindacali del proprio personale, la ditta aggiudicataria, deve garantire il rispetto della normativa vigente in materia di servizi pubblici essenziali, impegnandosi a provvedere alla sostituzione degli operatori assenti. L appaltatore, infine, assume a proprio carico la responsabilità del buon funzionamento del servizio e si impegna a promuovere tutte le iniziative atte ad evitare l interruzione delle prestazioni, assumendo a proprio carico i danni derivanti da interruzioni del servizio per qualsiasi causa. 8

9 In caso di sostituzioni, il sostituto deve essere in possesso dei requisiti richiesti per il personale da utilizzare. ART. 5 RAGGRUPPAMENTO DI IMPRESE Sono ammesse a presentare offerte anche ditte appositamente e temporaneamente raggruppate. Per i raggruppamenti d imprese si applicano le disposizioni di cui all art. 37 D.lgs 163/06 e s.m.i. L impresa capogruppo dovrà nominare un proprio responsabile del servizio, cui l Azienda U.S.L. farà riferimento per qualsiasi tipo di comunicazione. L impresa capogruppo è l unica autorizzata ad emettere le fatture da intestare all Azienda U.S.L. di Rimini via Coriano n. 38. ART. 6 DURATA DEL CONTRATTO L offerta è immediatamente vincolante per la ditta aggiudicataria. Il contratto avrà durata iniziale triennale, a partire dalla data di effettivo inizio del servizio. L Azienda si riserva la facoltà di disporre la ripetizione del servizio per ulteriori successivi tre anni, alla scadenza del contratto. La ditta aggiudicataria sarà tuttavia obbligata ad assicurare il servizio per un periodo di tre mesi e alle stesse condizioni del contratto originario, se l Azienda U.S.L. alla scadenza del contratto non avrà aggiudicato la fornitura del servizio per il periodo successivo. ART. 7 PERIODO DI PROVA L aggiudicazione del servizio diventerà definitiva dopo tre mesi dall inizio dello stesso, considerando detti mesi quale periodo di prova per accertare il buon esito del servizio. L aggiudicazione definitiva rimane pertanto subordinata alla condizione sospensiva dell esito positivo della prova. Trascorsi tre mesi dall inizio del contratto, il periodo di prova si intenderà superato se non sarà intervenuta alcuna contestazione da parte dell Azienda U.S.L.. In caso di esito negativo, l Azienda U.S.L. comunicherà alla ditta l esito negativo della prova e le motivazioni che l hanno determinato. In tal caso, resta ferma la facoltà dell Azienda U.S.L. di affidare il servizio, sempre con le modalità indicate nel presente articolo, alla ditta che avrà presentato, in sede di gara, la seconda migliore offerta. In caso di esito negativo, nulla sarà dovuto alla ditta, eccezion fatta per i pagamenti delle prestazioni effettuate e riconosciute regolari durante il periodo di prova dagli uffici preposti. Tutte le decisioni assunte in caso di esito negativo della prova, compreso quindi l eventuale subentro della seconda ditta, saranno oggetto di apposito atto da parte dell Azienda U.S.L.. 9

10 Le penalità previste agli artt. 8 e 9 riguardanti i controlli sull effettuazione, sulla regolarità del servizio e sulla risoluzione del contratto, si applicano anche al periodo di prova. ART. 8 CONTROLLI SULL EFFETTUAZIONE E SULLA REGOLARITA DEL SERVIZIO E PENALI IN CASO DI INADEMPIENZA. L Azienda U.S.L. effettuerà controlli periodici e senza preavviso sulle attività svolte dall aggiudicatario tenuto conto degli obiettivi generali del servizio. La ditta aggiudicataria è soggetta all applicazione di penali il cui ammontare unitario è stabilito in euro 1.000,00, quando non esegue in tutto od in parte la prestazione entro i termini e secondo le modalità stabilite o si rende colpevole di deficienze nella qualità dei servizi forniti. Qualora, l A.USL riscontrasse omissione o difetto nell adempiere agli obblighi di cui al presente capitolato e/o all offerta presentata in sede di gara, provvederà alla formale contestazione per iscritto con lettera A/R; in assenza di risposta alla stessa, nei tempi ivi indicati, ovvero nel caso in cui gli elementi giustificativi non siano ritenuti validi, l Amministrazione procederà all addebito, della suddetta penale previa comunicazione scritta alla ditta. ART. 9 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO. La risoluzione di diritto del contratto, previa comunicazione scritta mediante lettera raccomandata A.R., senza bisogno di alcuna altra formalità, potrà avvenire indipendentemente dall applicazione delle clausole penali di cui all art. 8, nei casi in cui: - la ditta o r.t.i. aggiudicataria sospenda il servizio per qualsiasi motivo motivo; - la ditta o r.t.i. aggiudicataria, non ottemperi a quanto previsto dalle normative vigenti in materia di contratti collettivi di lavoro, per il personale adibito al servizio. In caso di inottemperanza a quanto sopra, il contratto verrà risolto, senza che la ditta o r.t.i., possa pretendere alcunchè; - la ditta o r.t.i. non adempia a quanto previsto dalle leggi previdenziali e fiscali inerenti il personale; L Azienda U.S.L. può, altresì, disporre la risoluzione di diritto del contratto, senza ulteriore avviso, quando, dopo aver intimato alla ditta, per almeno due volte, a mezzo lettera raccomandata, il rispetto degli obblighi previsti ed assunti contrattualmente, persistano inadempienze ed irregolarità, indipendentemente dalla applicazione della penale, di cui all art. 8. L Azienda U.S.L. per il recupero dei maggiori oneri sostenuti e/o per il risarcimento dei danni subiti, si riserva di rivalersi sul deposito cauzionale, congiuntamente alla facoltà di procedere al conguaglio su eventuali fatture ancora da pagare, ferma restando la richiesta di risarcimento dei danni subiti. 10

11 ART. 10 IPOTESI DI RECESSO. REVOCA DELL AGGIUDICAZIONE Indipendentemente dai casi previsti per la risoluzione del contratto di cui al precedente articolo, l Azienda U.S.L si riserva la facoltà di recedere unilateralmente dal contratto, ai sensi dell art del C.C., senza che l aggiudicatario possa richiedere alcun corrispettivo per il recesso, anche in deroga a quanto previsto dall art c.c.. A titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, l A.USL si riserva la facoltà di recedere unilateralmente dal contratto nel caso in cui rilevi nella conduzione del servizio elementi tali da creare ostacolo od impedimento alla efficace soddisfazione delle finalità del servizio complessivo e nel caso in cui l aggiudicatario perda i requisiti richiesti nel Bando di gara, nel Disciplinare di Gara, nel Capitolato d oneri e relativi allegati. L Azienda U.S.L. potrà recedere dal presente contratto, inoltre, in ogni tempo e con un preavviso di almeno tre mesi, nel caso in cui opti per un assunzione diretta del servizio. L A.U.S.L. di Rimini si riserva, inoltre, in qualsiasi momento, di recedere unilateralmente dal contratto o ridurre le prestazioni richieste qualora intervengano disposizioni normative e/o organizzative e/o gestionali che rendano necessaria e/o opportuna una diversa gestione del servizio, senza che l aggiudicatario possa vantare indennità o compensi di sorta. La ditta aggiudicataria dovrà, entro 30 giorni dalla comunicazione di avvenuta aggiudicazione, attivare una sede operativa nel territorio della Provincia di Rimini che dovrà essere mantenuta per tutta la durata del contratto e dovrà rendere operativo il servizio in oggetto, pena la revoca dell aggiudicazione, e la richiesta di risarcimento dei danni subiti. ART. 11 FATTURAZIONE E PAGAMENTO La fattura dovrà essere intestata all Azienda U.S.L. di Rimini via Coriano, Rimini ed ivi trasmessa per il protocollo in arrivo. I termini di pagamento delle fatture relative a forniture di beni e servizi sono fissati a 90 giorni dalla data standardizzata di ricevimento delle stesse a mezzo mandato esigibile presso la Tesoreria dell A.U.S.L. di Rimini. Si intendono pervenute: - il 15 del mese, tutte le fatture pervenute tra il primo ed il quindicesimo giorno del mese; - l ultimo giorno del mese, tutte le fatture pervenute tra il sedicesimo e l ultimo giorno del mese. Trascorso tale termine il fornitore potrà chiedere il riconoscimento degli interessi di mora, previa formale richiesta scritta da effettuarsi tramite lettera Raccomandata A.R. A partire dal 91 giorno dalla data standardizzata di arrivo della fattura e fino alla data di emissione del mandato, saranno riconosciuti gli interessi di mora in misura pari al tasso EURIBOR 6 mesi (365/365) aumentato di uno spread pari a punti 0,50. 11

12 Il predetto tasso Euribor di riferimento, sarà aggiornato due volte all anno, gennaio e luglio, e sarà rilevato due giorni lavorativi antecedenti la data di decorrenza di ciascun semestre relativo a quello in cui è emesso il mandato di pagamento della fattura degli interessi, così come pubblicato dal quotidiano Il Sole 24 ore. Il Fornitore non può sollevare eccezioni in ordine ad eventuali ritardi dei pagamenti. In nessun caso, ivi compreso eventuali ritardi nei pagamenti dei corrispettivi dovuti, il Fornitore può sospendere l esecuzione delle forniture e la prestazione dei servizi e, comunque, le attività previste nei singoli Ordinativi e/o Contratti; qualora il Fornitore si renda inadempiente a tale obbligo, resta facoltà dell AUSL di Rimini risolvere il contratto mediante semplice ed unilaterale dichiarazione da comunicare con lettera raccomandata AR con conseguente addebito di tutti i danni subiti e subendi. ART. 12 REVISIONE PREZZI Il prezzo di aggiudicazione sarà sottoposto a revisione soltanto su richiesta espressa dell appaltatore, il quale dovrà produrre la documentazione giustificativa della richiesta. La revisione sarà concessa con le seguenti modalità: a) per la parte di offerta relativa alle voci non riferite al personale, il prezzo sarà sottoposto a revisione la prima volta dopo il diciottesimo mese di vigenza contrattuale e successivamente annualmente, ai sensi e con le modalità di cui all art. 115 del D.lgs 163/06 e s.m.i.. In ogni caso, l eventuale aumento non potrà superare l indice ISTAT (Indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati); b) per la parte di offerta relativa alla voce del personale il prezzo sarà sottoposto a revisione in caso di intervenuti aumenti contrattuali, debitamente motivati e documentati dall appaltatore. La revisione potrà comunque essere richiesta solo successivamente al diciottesimo mese di vigenza contrattuale. In ogni caso saranno riconosciuti solo gli aumenti effettivamente applicati ed erogati, relativi a decorrenze contrattuali successive al diciottesimo mese. La misura degli aumenti sarà comunque oggetto di contrattazione tra le parti. ART. 13 SUB-APPALTO E ammesso il sub-appalto. ART. 14 DEPOSITO CAUZIONALE A garanzia dell adempimento degli obblighi contrattuali la ditta aggiudicataria dovrà costituire un deposito cauzionale, pari al 10% dell importo di aggiudicazione dell appalto. Il deposito cauzionale resterà vincolato fino al termine del rapporto contrattuale e sarà restituito al contraente solo dopo la liquidazione dell ultima fattura e consegnato non prima che siano state definite tutte le ragioni di debito e credito ed ogni altra eventuale pendenza. 12

13 ART. 15 CONTROVERSIE Per qualsiasi controversia che dovesse insorgere in dipendenza del contratto, sarà competente, in via esclusiva, il Foro di Rimini. ART. 16 VINCOLI CONTRATTUALI Fanno parte integrante del contratto: - il presente capitolato d oneri e il disciplinare di gara; - l offerta della ditta aggiudicataria corredata di tutti i documenti richiesti, compresa la documentazione tecnica. ART. 17 NORME GENERALI La semplice presentazione dell offerta, implica l accettazione immediata ed incondizionata di tutti i patti e le condizioni contenute nel presente capitolato e nel disciplinare di gara. Per quanto non previsto nel presente capitolato d oneri si intende richiamato, quanto previsto nel Capitolato generale per gli approvvigionamenti dell Azienda U.S.L. di Rimini, consultabile presso l Area Gestionale Approvvigionamenti e, per quanto ivi non contenuto, valgono le norme del Codice Civile in materia contrattuale ART. 18 NORMATIVA DI SALVAGUARDIA La ditta aggiudicataria è tenuta a garantire, prioritariamente e nei limiti del possibile, la continuità del posto di lavoro al personale dipendente della ditta che all atto dell aggiudicazione dell appalto operano già nel servizio di cui trattasi. Letto, firmato e sottoscritto. FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE E TIMBRO DELLA DITTA ACCETTAZIONE ESPRESSA La ditta accetta tutte le clausole sopra riportate, nessuna esclusa od eccettuata. In particolare a norma dell art del C.C., accetta e specificatamente sottoscrive le clausole di cui agli artt. 2, 3, 4, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 14, 15 e 18. FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE E TIMBRO DELLA DITTA 13

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 Disciplinare di gara pubblica per l affidamento dei servizi di trasporto funzionali all espletamento

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in MODELLO PER PERSONE FISICHE ACI SERVIZIO PATRIMONIO E APPROVVIGIONAMENTI Coordinamento e Controllo Gestione Immobili Via Marsala 8 00185 - Roma OFFERTA A TRATTATIVA PRIVATA Oggetto: Offerta per l'acquisto

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE La dichiarazione che segue deve essere resa dall Impresa concorrente completa

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli