My son, my son, what have ye done. Matteo Quadrini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "My son, my son, what have ye done. Matteo Quadrini"

Transcript

1 My son, my son, what have ye done Matteo Quadrini Se il cinema potesse uscire dallo schermo e suggerire una frase allo spettatore che vede un film di Herzog, probabilmente con una didascalia direbbe: da una vita hai aperto gli occhi, ma solo adesso puoi guardare per la prima volta. Quando da qualche parte si proietta un suo film, il cinema smette di costruire pareti, di rinchiudersi in una sala per avvicinare giovani e meno giovani: Herzog non abbandona le storie o la documentazione di storie, ha solo scelto di non muoversi più lungo l orizzonte, perché la sua vocazione gli urlava di sfogare immagini, di sovrapporre l esperienza sensibile alla macchina da presa, e con essa regalare al cinema il cielo. Un movimento verticale quindi, ascensionale, che si aliena dalla tradizione per ricongiungersi alle forze naturali e metafisiche, il quale esaurisce poiché gesto estetico intransigente che esclude il cinema dalle sue leggi, dai codici del mercato e della narrazione, e forse addirittura dell arte. Herzog infatti non si inserisce in nessun tentativo di connessione dialettica tra cinema e arte contemporanea, né tantomeno contamina intellettualmente le sue immagini in funzione di politiche estetiche prestabilite (come spesso il regista ha ripetuto, perfino l inclusione nel Nuovo cinema tedesco sembra un atto di riduttivo e parziale confinamento, frutto di una soluzione accademica di tipo storico-cronologico), e soprattutto non sente la necessità di rispondere con i suoi film alla domanda cosa sarà il cinema? ; eppure questa coerenza assoluta se da un lato sembra estraniare Herzog dall arte del presente ed allontanarlo dal modo convenzionale di pensare il cinema (in particolare quello moderno), d altro canto sembra al contrario ricongiungerlo a qualcosa di più grande secondo una definizione di cinema che supera l arte - i problemi, le logiche dell arte e restituisce al filmare una competenza ignota, che trascende ogni estetica per custodire il sacro, la follia, il meraviglioso, la natura, i legami perduti con il passato e quelli rifiutati con il futuro: un gesto artistico straordinario che dal basso di una concezione artigiana (Herzog ripudia la definizione di artista perché svuotata di senso nel contesto contemporaneo) tende la mano all uomo, risvegliando il suo senso di essere al mondo. Pochi artisti - non solo nella storia della settima arte - hanno osato tanto, anche perché coerentemente con la sua inesauribile, pura ricerca di immagini nuove o dimenticate, Herzog vive in prima persona ogni manufatto, secondo un etica in cui si registra la fusione totale tra opera ed artista, a volte persino pericolosamente; tutto ciò ha delineato tra gli estimatori un cliché legittimo (ma secondo il regista fasullo) che identifica il cinema del cineasta tedesco con l estetica del Romanticismo. Va detto che si tratta di una percezione riduttiva del rapporto tra Herzog e i suoi film, gonfiato soprattutto dalle leggende che alleggiano attorno ad alcune (in realtà molte) pellicole, talmente note nell immaginario collettivo da superare spesso l importanza del testo stesso. Non è certo questa la sede in cui registrare un censimento dei fatti che hanno ostacolato i film di Herzog (ammantandoli innegabilmente di un indubbio fascino), però esaltare sopra ogni altra cosa questo tour de force come clausola indispensabile per identificare il suo cinema scatena un domino superficiale e fine a se stesso: nel corso degli anni sono piovute spesso accuse (infondate) ai danni del film-maker, giudicato come tiranno disposto a tutto pur di realizzare le proprie visioni, persino a ignorare la sua sicurezza e quella della troupe, accecato da quest estasi verso il film in fase di gestazione.

2 Tra mito e verità, Herzog ha costruito sul suo respiro di celluloide lungo quarant anni un work in progress composto da circa sessanta opere, che sta diventando uno dei percorsi più capillari e impenetrabili mai compiuti da un cineasta. E forse il più estatico. Fin qui una pagina in parte già risaputa, ma il Welles di F for fake insegna che non c è da fidarsi dell arte, soprattutto quando coinvolge il cinema. Herzog passerà alla storia della 66ª mostra internazionale d arte cinematografica di Venezia per la presenza di due lungometraggi in competizione, che diventano complessivamente una trilogia veneziana con il cortometraggio La boheme, inserito fuori concorso. Eppure, chiunque abbia visto anche una sola delle tre opere, non potrà fare a meno di sgretolare il discorso svolto in queste righe. Possibile che Herzog sia cambiato così tanto? La Boheme in parte sconvolge per il contrasto tra istantanee dinamiche, pur non nuove ai cortometraggi documentari di Herzog, e il livello testuale di fondo che musicalmente richiama a Puccini solo per legge universale, per una giustapposizione più voluta che sentita. Il cattivo tenente Ultima chiamata New Orleans, invece resterà una mosca impazzita nell itinerario del regista tedesco; arpia algida che, con il volto posticcio dell Herzog hollywoodiano ma il corpo della follia, metaforizza la scissione in due parti e la compresenza di due emisferi cerebrali opposti; da qui l andamento claudicante, schizofrenico della loro somma, un esperimento sghembo che ha il merito di rinnovare il grottesco herzoghiano in una misura spietata e rassegnatissima, antitetica rispetto ai suoi trascorsi, soprattutto pensando a La ballata di Stroszek, matrice complementare che ritorna ossessivamente alla mente nel remake del film di Ferrara (persino attraverso autocitazioni): tanto insopportabile e giustificata era la mortificazione interiore di un immigrato tedesco che, stravolto dall alienazione americana, trova la libertà solo col suicidio, tanto più assurdo è il finale del cattivo tenente: il protagonista ritrova la pace perché rinuncia alla ricerca di un equilibrio; continuerà a vivere perché non si pone consapevolezze, abbandonato al caos. E poi My son, my son, what have ye done, ispirato a un fatto vero (un giovane, dopo un misterioso trauma, si immedesima nell Oreste di Sofocle, e uccide sua madre con l ascia; per evitare l arresto prende degli ostaggi e si chiude in casa, fino a quando la polizia avrà la meglio); il più dimenticato tra i film in concorso, accolto svogliatamente, e rispedito al mittente con freddezza altrettanto celere. Commenti discordanti, ma spesso uniti dalla percezione comune che si tratti di una storia già cantata, onesta ma gracile e maldestra, comunque minore anche se riconoscibile nell itinerario del regista. Non è la prima volta che la critica chiosa l immaginario herzoghiano su una base di studio instabile. E già successo inconcepibilmente con capolavori oggi riconosciuti in primis Aguirre, L enigma di Kaspar Hauser - e in tempi più recenti addirittura all anteprima di Apocalisse nel deserto. My son, my son, what have ye done in verità è un implosione mortifera, che ha partorito il film più importante - forse anche in misura maggiore dei suoi ultimi (meravigliosi) documentari - per capire il prossimo decennio artistico/visivo di Herzog: un film-iceberg, giudicato (da molti) solo nella parte scorgibile, mentre le sue profondità restano inabissate, invisibili a qualsiasi senso. Questo saggio dovrebbe indagare l iceberg vero e proprio, quello che My son, my son non ha voluto neanche sussurrare, e probabilmente racchiude i sintomi di un cinema che ha vissuto una devastante implosione, nascosta nel silenzio. Ma quanto si può riesumare in un espressione così raccolta e nidificata nel ghiaccio? Pochi segni di vita, scolpiti da una mano febbrile, che non può rinunciare a liberare un angoscia terribile, incomprensibile, e tuttavia soffre ad ogni colpo sul marmo, come se scena dopo scena, attorno alla

3 tragedia (greca) motrice della vicenda, un conflitto altrettanto brutale si abbattesse sull artista, originando il vero dramma di My son My son, ossia un tragedia esclusivamente (meta)filmica: la libertà/maledizione cinematografica di comunicare la disintegrazione interna della psiche. Herzog infatti conosce più di chiunque la condizione di Brad McCullum (un grande Michael Shannon) e rispettosamente la fossilizza, trasfondendo la malattia nel film stesso: parlare, mostrare, invetriare sono i colori per specchiare oggettivamente la follia del protagonista, ma diventano arnesi inutili, perché Brad soffre ad ogni parola pronunciata e questo tormento lo rinchiude in un mutismo sempre più ermetico; così la catena della confessione si spezza, irrisolta più di prima. Poi tutto ricomincia, per spegnersi ancora, e viziosamente ripetersi, martoriando volontariamente l andamento del film. Estremismo di maturità straordinaria che armeggia a doppio taglio la natura della pellicola: in primo luogo, creando un analogia tra la personalità di Brad e quella del film, Herzog non può fare a meno di intavolare un legame gemellare tra creazione e creatura umana, cucendo il respiro di My son, my son su una dipendenza schiava dal suo protagonista (pratica già vista nel cinema di Herzog, ma forse mai con così tanto rischio e coerenza), tuttavia ricompensata con un rapporto simbiotico che, nelle rare esternazioni profuse, è ben degno del Cronenberg di Spider e Inseparabili; in secondo luogo, se il suo raggio d azione non può che essere Brad, la limitazione soggettiva potrebbe ridurre il film ad un soliloquio invisibile, ad un viaggio irrappresentabile nei suoi silenzi, così Herzog escogita la narrazione-reportage, tesaurizzando il meccanismo di composizione wellesiana che permette la costituzione di un idea dell uomo attraverso la ricostruzione di più testimonianze, e quindi l introduzione di più personaggi, ciascuno con il suo personale monologo. Quest ultima scelta ha forse destato tra qualche critico la sensazione di un Quarto potere matricida: interpretazione percorribile, ma non senza includere l esigenza teatrale del film, ovvero l ambizione di creare una tragedia greca moderna, imperniata sulla parziale unità di tempo, spazio e azione per mezzo di un improvvisato palcoscenico (la strada americana), prima che flashback costanti non restituiscano al presente il passato, e ricordi filmati sostituiscano modernamente- dionisiaci sfoghi irrazionali. Il cinema di Herzog è sempre stato votato alla ricerca dello sguardo perduto dall uomo, ma in My son my son what have ye done questa necessità non può fare a meno dell altra tendenza che egli solitamente indaga nei film di finzione, cercare lo sguardo di un uomo perduto, proprio perché inventa esteticamente personaggi esclusi e sceglie di osservare e non giudicare l epicentro di un calvario umano. Una scelta artistica che si ripete sistematica e che erroneamente viene spesso percepita come un gesto egoista, o meglio come un meccanismo di auto-protezione che il regista riserva alle sue creature per proteggerle dall incomprensione che potrebbe provare il pubblico: ma è forse sensato delegittimare a tal punto l espressione di Herzog e concepirla come un atto chiuso in se stesso? Un autore non vuole isolarsi dallo spettatore intenzionalmente, ma non può prescindere dall ascoltare i suoi personaggi; e se questo significa scivolare in un silenzioso filmare per rispettare l esistenza di un inferno interiore, non c è dono più grande che il regista può fare alla propria opera d arte. In tale contesto, il protagonista di My son my son what have ye done si inserisce a modo suo tra gli altri antieroi di Herzog. Ha negli occhi la furia umana di Aguirre e il destino intrappolato dell Hias di Cuore di vetro, ma soprattutto la sensibilità-psicosi di Woyzeck e un disagio interiore non dissimile allo Stroszek da cui prende il titolo la ballata degli anni 70. Lo stesso sguardo che sembra mancare al cattivo tenente impersonato da Nicholas Cage, erede lontano, molto lontano (per certi versi estraneo) di questo popolo di reietti.

4 Brad non è soltanto un altro personaggio di Herzog: assume alcune caratteristiche di futuri impediti già narrati dal regista, ma l inspiegabile silenzio compulsivo che racchiude il suo gesto estremo e il mistero di una trasformazione che stravolge la psiche rimandano al più dimenticato cittadino del mondo herzoghiano, il primo, lo Stroszek di Segni di vita. Brad come Stroszek vive un cambiamento improvviso che lo segna irreversibilmente: i rispettivi film narrano questa mutazione dell anima fino all atto finale, quando la follia ha covato a sufficienza i propri demoni ed esplode con una forza tanto disarmante (per lo spettatore) quanto imprevedibile (per i protagonisti). Mentre con il suo lungometraggio d esordio Herzog sceglieva una situazione che si avvicina a Lo straniero di Camus, nonostante la diversità di gesto (Stroszek non si limita all omicidio di uno sconosciuto, ma prende possesso del fortino mettendo in ostaggio l intera isola) e ambientazione storica (Segni di vita si svolge durante il secondo conflitto mondiale), con My son my son il tormento di Brad si connota maggiormente di psicologismo, eredita il terreno della tragedia greca e la narrazione diventa racconto orale, attraverso testimonianze che ricostruiscono la genesi di un gesto folle. In Segni di vita vediamo tutto in presa diretta, con My son my son possiamo fidarci solo delle voci del racconto. Due film estremamente diversi, ma due protagonisti che soffrono nascondendo il tormento del loro trauma, prima che questi divori entrambi ossessivamente, costringendoli ad un atto di cui ormai non possono fare a meno; se quella di Stroszek è un esigenza di prendere il comando del proprio io e contro il resto del mondo che lo ha condotto ad uno stato di afasia non più sopportabile, allora Brad sembra raccogliere il testimone di novello Stroszek e, mosso da un identica conclusione, sceglie di ribellarsi a quell ostacolo che ha generato in lui una precarietà non sostenibile, ovvero la madre. Quella di Stroszek è una rivolta pacifica, consumata a fuochi d artificio; quella di Brad è un azione che di infantile ha solo il finale, il piacere di aver giocato e bluffato con la polizia un ultima volta prima dell arresto, come se fosse una piccola occasione per congedarsi dal mondo libero con l innocenza di un bambino che non vuole fare del male a nessuno, e che ha ucciso la madre solo per tornare a recuperare questa libertà negatagli dalla mente. Forse il massimo comun denominatore che più colpisce tra Stroszek e Brad è la reazione al fatto compiuto: la pacificazione finalmente possibile nel momento in cui hanno raggiunto il momento di non ritorno. Il mondo esterno che prima a fatica li accettava ora non è più disposto a tollerare la loro diversità, finalmente espulsa, pericolosa: non c è rivincita quindi e le creature di Herzog sono troppo fragili per resistere allo sfogo (della legge) che verrà, nate per essere sempre inconciliabili con gli altri uomini. Eppure My son my son, sembra estraneo a Segni di vita: My son my son è il luogo dove tante direzioni del cinema di Herzog si ritrovano, alcune passate certo (il legame fraterno che Brad sembra instaurare appunto con i personaggi dei film di finzione herzoghiani), ma le più importanti sono le forme che quasi nessuno ha colto, quelle dell Herzog attuale e probabilmente del suo cinema che verrà. Soprattutto sul piano espressivo. La scarsa conoscenza degli ultimi lavori del regista non permette ai più un analisi concreta di My son my son, se non una vaga lettura del film come studio sulla cultura americana, del post-noir in particolare. È tuttavia il percorso da seguire per un regista che da sempre ha negato un cinema di generi, che si è sempre allontanato dai confini terreni per seguire un idea di cinema espansa ed universale? Se perfino con La ballata di Stroszek ammise di aver usato l America ma non di aver voluto raccontare l America, perché mai dovrebbe cambiare atteggiamento dopo quarant anni di cinema? In realtà My son my son coglie il mondo statunitense in quanto teatro naturale a cielo aperto, luogo drammatico che non implica un discorso sul disagio del cittadino americano (come invece avrebbe fatto Wenders): l America è semplicemente lo scenario di una cronaca, ma non per cosa rappresenta

5 come nazione, bensì perché paesaggio che più di ogni altro si presta alla poetica della tragedia contemporanea. Una ballata della psiche, che offre allo spettatore un Herzog stravolto: le messe in scena di Coppola e Visconti avrebbero forse creato dei film armonicamente allineati ai moduli della tragedia, coniugando il gusto moderno ad una drammaturgia antica; la volontà del regista tedesco è invece di superare l idea di narrazione, infrangere la linearità, per riprodurre fedelmente attraverso questo effetto di lacerazione interna la frantumazione vissuta da Brad. Herzog accetta un totale controllo della materia tragica, ma la sua adesione emotiva al protagonista è tale da stravolgere la distanza necessaria per padroneggiare il film. Il rapporto autore-personaggio sovrasta il progetto stesso dell opera, originando un film che rifiuta un idea di composizione classica o manierista, ed eredita dal tragico solo l importanza dell elemento dionisiaco. In questo contesto di pericoloso fermento artistico, Herzog pennella con coerenza assoluta l identificazione tra Brad e l Oreste protagonista dell Elettra di Sofocle, unificando le due personalità e con esse l obiettivo di uccidere la madre. Pennellate sempre più violente e meno controllate, mosse dalla compassione e dall esplorazione verso un gesto così estremo e dal trauma che l ha generato. L effetto è straniante, straordinario, imperfetto: il disequilibrio netto tra la parola, che resta l unico valore razionale a cui appigliarsi e conserva ancora la funzione di spiegare, e un immagine impazzita, scissa dalla parola e incapace di ascoltare. Un film che si autodistrugge quindi, per colpa di un immagine che come i suoi ultimi documentari (Grizzly Man e Encounters at the end of the world su tutti) sembra filmare l incomprensibile: cinema che sfida (soprattutto psicologicamente) i propri limiti, limitandosi a sua volta. Un viaggio compiuto e poi mostrato solo in superficie, che custodisce nei suoi silenzi un immagine completamente racchiusa in se stessa. È questa la grandezza di My son my son, ovvero l immagine racchiusa in se stessa che sullo schermo non vediamo, pur sapendo che il regista si è spinto fino alla sommità del vortice per indicarcela. L immagine fa un tale sforzo per restare sotterrata e introversa che sembra di assistere a un film degno delle ultime sculture di Michelangelo, ai suoi non finiti. Una scultura volontariamente non finita, sconvolta (per necessità) nella forma e mossa dalla compassione. Ed è forse il non finito l ultima frontiera del cinema di Herzog: l Icaro della settima arte, bruciato da una vita di immagini, si sta accecando, almeno cinematograficamente, isolato in una creazione che a tratti regala momenti indimenticabili e a volte non può esprimersi, smarrita nell universo dell autore. L eredità lasciata da My son my son non è già sentita (come molti critici hanno pensato), al contrario, ha un ruolo profetico che sembra confermare l importanza del documentario nel futuro artistico del regista e contemporaneamente segna una pietra tombale nei suoi film di finzione: la produzione narrativa e mitopoietica ci consegna un Herzog morente, che si spegne ma nel modo migliore, come una stella cometa di cui vedremo ogni tanto il fulgore, sempre meno, mentre lascia spazio a un oscurità e un disequilibrio che acquistano spazi di onnipresenza. Per questo My son my son è la Pietà Rondanini di Herzog, l inaugurazione di un ultima fase in cui il regista sarà sempre più legato al non finito, all astrazione e di conseguenza al documentario, unica espressione con cui Herzog, liberato da qualsiasi vincolo, può ancora fare poesia (meglio di qualunque regista contemporaneo), regalare nuove pagine alla storia del cinema e restare solo con la macchina da presa, ad accogliere le immagini estatiche di un mondo che ci dimentichiamo di conoscere.

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

della tematica e azioni per favorire la formazione e la pratica della nonviolenza nelle scuole, attraverso lo sport e nelle carceri.

della tematica e azioni per favorire la formazione e la pratica della nonviolenza nelle scuole, attraverso lo sport e nelle carceri. Presentazione È interessante notare come, oggi, il tema del perdono sia passato da un ambito specificamente religioso a uno psicologico, sociale, umano. Da un po di tempo (primi anni 2000), in Colombia,

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Teatro Stabile, Leo Gullotta in "Prima del Silenzio"

Teatro Stabile, Leo Gullotta in Prima del Silenzio Teatro Stabile, Leo Gullotta in "Prima del Silenzio" di Elisa Guccione - 16, mar, 2015 http://www.siciliajournal.it/teatro-stabile-leo-gullotta-in-prima-del-silenzio/ CATANIA Beniamino del pubblico nazionale,

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

Alberto Stilgenbauer Non Si Può Trovare La Pace Sottraendosi Alla Vita dal film The Hours

Alberto Stilgenbauer Non Si Può Trovare La Pace Sottraendosi Alla Vita dal film The Hours Depressione / i Alberto Stilgenbauer Non Si Può Trovare La Pace Sottraendosi Alla Vita dal film The Hours La nostra mente è bi-logica, ossia composta da due tipi differenti di logiche in relazione tra

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Giacomo Corna Pellegrini giacomo.cornapellegrinis@tin.it Elogio della Geografia

Giacomo Corna Pellegrini giacomo.cornapellegrinis@tin.it Elogio della Geografia 1 Premio Internazionale Galileo Galilei dei Rotary Club Italiani per la Scienza Anno 2008 Giacomo Corna Pellegrini giacomo.cornapellegrinis@tin.it Elogio della Geografia Ringrazio i Rotay Clubs d Italia

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Aldo Moro Aldo Moro Fu cinque volte Presidente del Consiglio dei Ministri e presidente del Partito della Democrazia

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

Oriana Fallaci. Un uomo. Prefazione di Domenico Procacci

Oriana Fallaci. Un uomo. Prefazione di Domenico Procacci Oriana Fallaci Un uomo Prefazione di Domenico Procacci Proprietà letteraria riservata 1979 RCS Rizzoli Libri S.p.A., Milano 1994 R.C.S. Libri & Grandi Opere S.p.A., Milano 2000 RCS Libri S.p.A., Milano

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 Riscaldamento motorio/ teatrale - Siamo allo zoo: immaginiamo di vedere al

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Barbara Martinelli. Introduzione alle Costellazioni Familiari Sistemiche metodo Bert Hellinger

Barbara Martinelli. Introduzione alle Costellazioni Familiari Sistemiche metodo Bert Hellinger Barbara Martinelli Introduzione alle Costellazioni Familiari Sistemiche metodo Bert Hellinger Tratto dalla tesi "Il movimento del corpo nelle costellazioni familiari come movimento dell anima, dello spirito

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba.

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba. L innamoramento L innamoramento si dice che è un sogno quando lo si vive, una magica sintonia che fa palpitare il cuore, fa sentire un attrazione fortissima che dà crampi allo stomaco e scombussola il

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless CONFLITTO DI RUOLO Gioco di Ruolo Diceless Willoworld 2007 1 LE REGOLE DEL GIOCO 1. Intro Un gioco di ruolo diceless è l evoluzione ultima del gioco di ruolo classico, un confronto tra personaggi dove

Dettagli

Il Neorealismo italiano

Il Neorealismo italiano Il Neorealismo italiano La realtà è là perché manipolarla? (Roberto Rossellini) Le formule in cui si è cercato di racchiudere l esperienza del Neorealismo riassumibili nella frase di Rossellini che titola

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE Le Costellazioni Familiari e Sistemiche sono un metodo d'aiuto che permette di portare alla luce quelle dinamiche inconsce, spesso complesse, che stanno alla base dei

Dettagli

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES I bambini cantano West Side Story Il progetto I bambini cantano, nasce e si sviluppa in seno ad una progettualità che dura ormai da diversi anni e che investe diverse realtà del territorio, che si prefigge

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

Comunità scientifica: incomprensioni o irresponsabilità

Comunità scientifica: incomprensioni o irresponsabilità Comunità scientifica: incomprensioni o irresponsabilità Docente di Fisica e ricercatore presso il Massachusetts Institute of Technology 1) Oriana e la scienza Nell occasione di un recente referendum in

Dettagli

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE E-book HRP 1_2013 LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE Questo e-book è stato realizzato per esaudire la richiesta di molti partecipanti all evento V.I.P. Very Important Person. Ridiamo valore alle Persone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

L AUTORE DEL MESE DI DuDag

L AUTORE DEL MESE DI DuDag L AUTORE DEL MESE DI DuDag E Novecento di Baricco, ma senza speranza! Ha la capacità dei russi di raccontare le umane cose, ma non c è un briciolo di salvezza nella sua scrittura (Alcuni commenti a Il

Dettagli

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi LA NARRAZIONE EMOTIVA AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi NARRAZIONE EMOTIVA E RACCONTO DELLA STORIA ADOTTIVA Narrazione emotiva (Vadilonga e coll., 2010) come approccio al racconto delle

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Ninetta e le altre Lettura ad alta voce e Laboratorio di scultura della fiaba con materiali poveri

Ninetta e le altre Lettura ad alta voce e Laboratorio di scultura della fiaba con materiali poveri Cantarteatrando nella didattica interculturale I laboratori di FOCUS - Casa dei Diritti Sociali Ninetta e le altre Lettura ad alta voce e Laboratorio di scultura della fiaba con materiali poveri Progetto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico)

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico) Codice meccanografico: F G P S 0 4 0 0 0 4 Anno scolastico 2012 / 2013 Liceo Scientifico Statale G.Marconi Via Danimarca, 25-71122 FOGGIA PROGETTI INTEGRATIVI DI ISTITUTO (Definizione breve dell intervento):

Dettagli

Vangelo senza confini

Vangelo senza confini Diocesi di Bergamo Centro Missionario Diocesano Ottobre Missionario 2009 Rosario Missionario Vangelo senza confini Nel nome del Padre. Con Maria percorriamo le strade del mondo; come Maria portiamo Gesù;

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso*

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Tredimensioni 3(2006) 321-326 LETTO PER VOI «La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Anna Deodato ** «V orrei che

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966).

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966). Riassunto La comunicazione pubblicitaria è, nel mondo contemporaneo, una presenza costante, una realtà sempre più pervasiva che trova ampio spazio all interno dei media tradizionali e non, attraverso le

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

PROIETTILI DI MEMORIA MATERIALE DI GIOCO PROIETTILI DI MEMORIA PREPARAZIONE. Preparazione del mazzo Carte Pistola

PROIETTILI DI MEMORIA MATERIALE DI GIOCO PROIETTILI DI MEMORIA PREPARAZIONE. Preparazione del mazzo Carte Pistola PROIETTILI DI MEMORIA MATERIALE DI GIOCO Una plancia di gioco disponibile nel pacchetto dei file. 54 carte disponibili nel pacchetto dei file. 32 token colorati (anche dello stesso colore) non disponibilli

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Quale è il senso di un discorso sulla fragilità? Quello di riflettere sugli aspetti luminosi e oscuri di una condizione umana che ha molti volti e,

Quale è il senso di un discorso sulla fragilità? Quello di riflettere sugli aspetti luminosi e oscuri di una condizione umana che ha molti volti e, Quale è il senso di un discorso sulla fragilità? Quello di riflettere sugli aspetti luminosi e oscuri di una condizione umana che ha molti volti e, in particolare, il volto della malattia fisica e psichica,

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA Tempo Tema Destinatari Evento e progettazione delle attività Organizzazione Campi di esperienza e Obiettivi formativi e di apprendimento Settembre-Ottobre Io quaggiù, il cielo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli