My son, my son, what have ye done. Matteo Quadrini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "My son, my son, what have ye done. Matteo Quadrini"

Transcript

1 My son, my son, what have ye done Matteo Quadrini Se il cinema potesse uscire dallo schermo e suggerire una frase allo spettatore che vede un film di Herzog, probabilmente con una didascalia direbbe: da una vita hai aperto gli occhi, ma solo adesso puoi guardare per la prima volta. Quando da qualche parte si proietta un suo film, il cinema smette di costruire pareti, di rinchiudersi in una sala per avvicinare giovani e meno giovani: Herzog non abbandona le storie o la documentazione di storie, ha solo scelto di non muoversi più lungo l orizzonte, perché la sua vocazione gli urlava di sfogare immagini, di sovrapporre l esperienza sensibile alla macchina da presa, e con essa regalare al cinema il cielo. Un movimento verticale quindi, ascensionale, che si aliena dalla tradizione per ricongiungersi alle forze naturali e metafisiche, il quale esaurisce poiché gesto estetico intransigente che esclude il cinema dalle sue leggi, dai codici del mercato e della narrazione, e forse addirittura dell arte. Herzog infatti non si inserisce in nessun tentativo di connessione dialettica tra cinema e arte contemporanea, né tantomeno contamina intellettualmente le sue immagini in funzione di politiche estetiche prestabilite (come spesso il regista ha ripetuto, perfino l inclusione nel Nuovo cinema tedesco sembra un atto di riduttivo e parziale confinamento, frutto di una soluzione accademica di tipo storico-cronologico), e soprattutto non sente la necessità di rispondere con i suoi film alla domanda cosa sarà il cinema? ; eppure questa coerenza assoluta se da un lato sembra estraniare Herzog dall arte del presente ed allontanarlo dal modo convenzionale di pensare il cinema (in particolare quello moderno), d altro canto sembra al contrario ricongiungerlo a qualcosa di più grande secondo una definizione di cinema che supera l arte - i problemi, le logiche dell arte e restituisce al filmare una competenza ignota, che trascende ogni estetica per custodire il sacro, la follia, il meraviglioso, la natura, i legami perduti con il passato e quelli rifiutati con il futuro: un gesto artistico straordinario che dal basso di una concezione artigiana (Herzog ripudia la definizione di artista perché svuotata di senso nel contesto contemporaneo) tende la mano all uomo, risvegliando il suo senso di essere al mondo. Pochi artisti - non solo nella storia della settima arte - hanno osato tanto, anche perché coerentemente con la sua inesauribile, pura ricerca di immagini nuove o dimenticate, Herzog vive in prima persona ogni manufatto, secondo un etica in cui si registra la fusione totale tra opera ed artista, a volte persino pericolosamente; tutto ciò ha delineato tra gli estimatori un cliché legittimo (ma secondo il regista fasullo) che identifica il cinema del cineasta tedesco con l estetica del Romanticismo. Va detto che si tratta di una percezione riduttiva del rapporto tra Herzog e i suoi film, gonfiato soprattutto dalle leggende che alleggiano attorno ad alcune (in realtà molte) pellicole, talmente note nell immaginario collettivo da superare spesso l importanza del testo stesso. Non è certo questa la sede in cui registrare un censimento dei fatti che hanno ostacolato i film di Herzog (ammantandoli innegabilmente di un indubbio fascino), però esaltare sopra ogni altra cosa questo tour de force come clausola indispensabile per identificare il suo cinema scatena un domino superficiale e fine a se stesso: nel corso degli anni sono piovute spesso accuse (infondate) ai danni del film-maker, giudicato come tiranno disposto a tutto pur di realizzare le proprie visioni, persino a ignorare la sua sicurezza e quella della troupe, accecato da quest estasi verso il film in fase di gestazione.

2 Tra mito e verità, Herzog ha costruito sul suo respiro di celluloide lungo quarant anni un work in progress composto da circa sessanta opere, che sta diventando uno dei percorsi più capillari e impenetrabili mai compiuti da un cineasta. E forse il più estatico. Fin qui una pagina in parte già risaputa, ma il Welles di F for fake insegna che non c è da fidarsi dell arte, soprattutto quando coinvolge il cinema. Herzog passerà alla storia della 66ª mostra internazionale d arte cinematografica di Venezia per la presenza di due lungometraggi in competizione, che diventano complessivamente una trilogia veneziana con il cortometraggio La boheme, inserito fuori concorso. Eppure, chiunque abbia visto anche una sola delle tre opere, non potrà fare a meno di sgretolare il discorso svolto in queste righe. Possibile che Herzog sia cambiato così tanto? La Boheme in parte sconvolge per il contrasto tra istantanee dinamiche, pur non nuove ai cortometraggi documentari di Herzog, e il livello testuale di fondo che musicalmente richiama a Puccini solo per legge universale, per una giustapposizione più voluta che sentita. Il cattivo tenente Ultima chiamata New Orleans, invece resterà una mosca impazzita nell itinerario del regista tedesco; arpia algida che, con il volto posticcio dell Herzog hollywoodiano ma il corpo della follia, metaforizza la scissione in due parti e la compresenza di due emisferi cerebrali opposti; da qui l andamento claudicante, schizofrenico della loro somma, un esperimento sghembo che ha il merito di rinnovare il grottesco herzoghiano in una misura spietata e rassegnatissima, antitetica rispetto ai suoi trascorsi, soprattutto pensando a La ballata di Stroszek, matrice complementare che ritorna ossessivamente alla mente nel remake del film di Ferrara (persino attraverso autocitazioni): tanto insopportabile e giustificata era la mortificazione interiore di un immigrato tedesco che, stravolto dall alienazione americana, trova la libertà solo col suicidio, tanto più assurdo è il finale del cattivo tenente: il protagonista ritrova la pace perché rinuncia alla ricerca di un equilibrio; continuerà a vivere perché non si pone consapevolezze, abbandonato al caos. E poi My son, my son, what have ye done, ispirato a un fatto vero (un giovane, dopo un misterioso trauma, si immedesima nell Oreste di Sofocle, e uccide sua madre con l ascia; per evitare l arresto prende degli ostaggi e si chiude in casa, fino a quando la polizia avrà la meglio); il più dimenticato tra i film in concorso, accolto svogliatamente, e rispedito al mittente con freddezza altrettanto celere. Commenti discordanti, ma spesso uniti dalla percezione comune che si tratti di una storia già cantata, onesta ma gracile e maldestra, comunque minore anche se riconoscibile nell itinerario del regista. Non è la prima volta che la critica chiosa l immaginario herzoghiano su una base di studio instabile. E già successo inconcepibilmente con capolavori oggi riconosciuti in primis Aguirre, L enigma di Kaspar Hauser - e in tempi più recenti addirittura all anteprima di Apocalisse nel deserto. My son, my son, what have ye done in verità è un implosione mortifera, che ha partorito il film più importante - forse anche in misura maggiore dei suoi ultimi (meravigliosi) documentari - per capire il prossimo decennio artistico/visivo di Herzog: un film-iceberg, giudicato (da molti) solo nella parte scorgibile, mentre le sue profondità restano inabissate, invisibili a qualsiasi senso. Questo saggio dovrebbe indagare l iceberg vero e proprio, quello che My son, my son non ha voluto neanche sussurrare, e probabilmente racchiude i sintomi di un cinema che ha vissuto una devastante implosione, nascosta nel silenzio. Ma quanto si può riesumare in un espressione così raccolta e nidificata nel ghiaccio? Pochi segni di vita, scolpiti da una mano febbrile, che non può rinunciare a liberare un angoscia terribile, incomprensibile, e tuttavia soffre ad ogni colpo sul marmo, come se scena dopo scena, attorno alla

3 tragedia (greca) motrice della vicenda, un conflitto altrettanto brutale si abbattesse sull artista, originando il vero dramma di My son My son, ossia un tragedia esclusivamente (meta)filmica: la libertà/maledizione cinematografica di comunicare la disintegrazione interna della psiche. Herzog infatti conosce più di chiunque la condizione di Brad McCullum (un grande Michael Shannon) e rispettosamente la fossilizza, trasfondendo la malattia nel film stesso: parlare, mostrare, invetriare sono i colori per specchiare oggettivamente la follia del protagonista, ma diventano arnesi inutili, perché Brad soffre ad ogni parola pronunciata e questo tormento lo rinchiude in un mutismo sempre più ermetico; così la catena della confessione si spezza, irrisolta più di prima. Poi tutto ricomincia, per spegnersi ancora, e viziosamente ripetersi, martoriando volontariamente l andamento del film. Estremismo di maturità straordinaria che armeggia a doppio taglio la natura della pellicola: in primo luogo, creando un analogia tra la personalità di Brad e quella del film, Herzog non può fare a meno di intavolare un legame gemellare tra creazione e creatura umana, cucendo il respiro di My son, my son su una dipendenza schiava dal suo protagonista (pratica già vista nel cinema di Herzog, ma forse mai con così tanto rischio e coerenza), tuttavia ricompensata con un rapporto simbiotico che, nelle rare esternazioni profuse, è ben degno del Cronenberg di Spider e Inseparabili; in secondo luogo, se il suo raggio d azione non può che essere Brad, la limitazione soggettiva potrebbe ridurre il film ad un soliloquio invisibile, ad un viaggio irrappresentabile nei suoi silenzi, così Herzog escogita la narrazione-reportage, tesaurizzando il meccanismo di composizione wellesiana che permette la costituzione di un idea dell uomo attraverso la ricostruzione di più testimonianze, e quindi l introduzione di più personaggi, ciascuno con il suo personale monologo. Quest ultima scelta ha forse destato tra qualche critico la sensazione di un Quarto potere matricida: interpretazione percorribile, ma non senza includere l esigenza teatrale del film, ovvero l ambizione di creare una tragedia greca moderna, imperniata sulla parziale unità di tempo, spazio e azione per mezzo di un improvvisato palcoscenico (la strada americana), prima che flashback costanti non restituiscano al presente il passato, e ricordi filmati sostituiscano modernamente- dionisiaci sfoghi irrazionali. Il cinema di Herzog è sempre stato votato alla ricerca dello sguardo perduto dall uomo, ma in My son my son what have ye done questa necessità non può fare a meno dell altra tendenza che egli solitamente indaga nei film di finzione, cercare lo sguardo di un uomo perduto, proprio perché inventa esteticamente personaggi esclusi e sceglie di osservare e non giudicare l epicentro di un calvario umano. Una scelta artistica che si ripete sistematica e che erroneamente viene spesso percepita come un gesto egoista, o meglio come un meccanismo di auto-protezione che il regista riserva alle sue creature per proteggerle dall incomprensione che potrebbe provare il pubblico: ma è forse sensato delegittimare a tal punto l espressione di Herzog e concepirla come un atto chiuso in se stesso? Un autore non vuole isolarsi dallo spettatore intenzionalmente, ma non può prescindere dall ascoltare i suoi personaggi; e se questo significa scivolare in un silenzioso filmare per rispettare l esistenza di un inferno interiore, non c è dono più grande che il regista può fare alla propria opera d arte. In tale contesto, il protagonista di My son my son what have ye done si inserisce a modo suo tra gli altri antieroi di Herzog. Ha negli occhi la furia umana di Aguirre e il destino intrappolato dell Hias di Cuore di vetro, ma soprattutto la sensibilità-psicosi di Woyzeck e un disagio interiore non dissimile allo Stroszek da cui prende il titolo la ballata degli anni 70. Lo stesso sguardo che sembra mancare al cattivo tenente impersonato da Nicholas Cage, erede lontano, molto lontano (per certi versi estraneo) di questo popolo di reietti.

4 Brad non è soltanto un altro personaggio di Herzog: assume alcune caratteristiche di futuri impediti già narrati dal regista, ma l inspiegabile silenzio compulsivo che racchiude il suo gesto estremo e il mistero di una trasformazione che stravolge la psiche rimandano al più dimenticato cittadino del mondo herzoghiano, il primo, lo Stroszek di Segni di vita. Brad come Stroszek vive un cambiamento improvviso che lo segna irreversibilmente: i rispettivi film narrano questa mutazione dell anima fino all atto finale, quando la follia ha covato a sufficienza i propri demoni ed esplode con una forza tanto disarmante (per lo spettatore) quanto imprevedibile (per i protagonisti). Mentre con il suo lungometraggio d esordio Herzog sceglieva una situazione che si avvicina a Lo straniero di Camus, nonostante la diversità di gesto (Stroszek non si limita all omicidio di uno sconosciuto, ma prende possesso del fortino mettendo in ostaggio l intera isola) e ambientazione storica (Segni di vita si svolge durante il secondo conflitto mondiale), con My son my son il tormento di Brad si connota maggiormente di psicologismo, eredita il terreno della tragedia greca e la narrazione diventa racconto orale, attraverso testimonianze che ricostruiscono la genesi di un gesto folle. In Segni di vita vediamo tutto in presa diretta, con My son my son possiamo fidarci solo delle voci del racconto. Due film estremamente diversi, ma due protagonisti che soffrono nascondendo il tormento del loro trauma, prima che questi divori entrambi ossessivamente, costringendoli ad un atto di cui ormai non possono fare a meno; se quella di Stroszek è un esigenza di prendere il comando del proprio io e contro il resto del mondo che lo ha condotto ad uno stato di afasia non più sopportabile, allora Brad sembra raccogliere il testimone di novello Stroszek e, mosso da un identica conclusione, sceglie di ribellarsi a quell ostacolo che ha generato in lui una precarietà non sostenibile, ovvero la madre. Quella di Stroszek è una rivolta pacifica, consumata a fuochi d artificio; quella di Brad è un azione che di infantile ha solo il finale, il piacere di aver giocato e bluffato con la polizia un ultima volta prima dell arresto, come se fosse una piccola occasione per congedarsi dal mondo libero con l innocenza di un bambino che non vuole fare del male a nessuno, e che ha ucciso la madre solo per tornare a recuperare questa libertà negatagli dalla mente. Forse il massimo comun denominatore che più colpisce tra Stroszek e Brad è la reazione al fatto compiuto: la pacificazione finalmente possibile nel momento in cui hanno raggiunto il momento di non ritorno. Il mondo esterno che prima a fatica li accettava ora non è più disposto a tollerare la loro diversità, finalmente espulsa, pericolosa: non c è rivincita quindi e le creature di Herzog sono troppo fragili per resistere allo sfogo (della legge) che verrà, nate per essere sempre inconciliabili con gli altri uomini. Eppure My son my son, sembra estraneo a Segni di vita: My son my son è il luogo dove tante direzioni del cinema di Herzog si ritrovano, alcune passate certo (il legame fraterno che Brad sembra instaurare appunto con i personaggi dei film di finzione herzoghiani), ma le più importanti sono le forme che quasi nessuno ha colto, quelle dell Herzog attuale e probabilmente del suo cinema che verrà. Soprattutto sul piano espressivo. La scarsa conoscenza degli ultimi lavori del regista non permette ai più un analisi concreta di My son my son, se non una vaga lettura del film come studio sulla cultura americana, del post-noir in particolare. È tuttavia il percorso da seguire per un regista che da sempre ha negato un cinema di generi, che si è sempre allontanato dai confini terreni per seguire un idea di cinema espansa ed universale? Se perfino con La ballata di Stroszek ammise di aver usato l America ma non di aver voluto raccontare l America, perché mai dovrebbe cambiare atteggiamento dopo quarant anni di cinema? In realtà My son my son coglie il mondo statunitense in quanto teatro naturale a cielo aperto, luogo drammatico che non implica un discorso sul disagio del cittadino americano (come invece avrebbe fatto Wenders): l America è semplicemente lo scenario di una cronaca, ma non per cosa rappresenta

5 come nazione, bensì perché paesaggio che più di ogni altro si presta alla poetica della tragedia contemporanea. Una ballata della psiche, che offre allo spettatore un Herzog stravolto: le messe in scena di Coppola e Visconti avrebbero forse creato dei film armonicamente allineati ai moduli della tragedia, coniugando il gusto moderno ad una drammaturgia antica; la volontà del regista tedesco è invece di superare l idea di narrazione, infrangere la linearità, per riprodurre fedelmente attraverso questo effetto di lacerazione interna la frantumazione vissuta da Brad. Herzog accetta un totale controllo della materia tragica, ma la sua adesione emotiva al protagonista è tale da stravolgere la distanza necessaria per padroneggiare il film. Il rapporto autore-personaggio sovrasta il progetto stesso dell opera, originando un film che rifiuta un idea di composizione classica o manierista, ed eredita dal tragico solo l importanza dell elemento dionisiaco. In questo contesto di pericoloso fermento artistico, Herzog pennella con coerenza assoluta l identificazione tra Brad e l Oreste protagonista dell Elettra di Sofocle, unificando le due personalità e con esse l obiettivo di uccidere la madre. Pennellate sempre più violente e meno controllate, mosse dalla compassione e dall esplorazione verso un gesto così estremo e dal trauma che l ha generato. L effetto è straniante, straordinario, imperfetto: il disequilibrio netto tra la parola, che resta l unico valore razionale a cui appigliarsi e conserva ancora la funzione di spiegare, e un immagine impazzita, scissa dalla parola e incapace di ascoltare. Un film che si autodistrugge quindi, per colpa di un immagine che come i suoi ultimi documentari (Grizzly Man e Encounters at the end of the world su tutti) sembra filmare l incomprensibile: cinema che sfida (soprattutto psicologicamente) i propri limiti, limitandosi a sua volta. Un viaggio compiuto e poi mostrato solo in superficie, che custodisce nei suoi silenzi un immagine completamente racchiusa in se stessa. È questa la grandezza di My son my son, ovvero l immagine racchiusa in se stessa che sullo schermo non vediamo, pur sapendo che il regista si è spinto fino alla sommità del vortice per indicarcela. L immagine fa un tale sforzo per restare sotterrata e introversa che sembra di assistere a un film degno delle ultime sculture di Michelangelo, ai suoi non finiti. Una scultura volontariamente non finita, sconvolta (per necessità) nella forma e mossa dalla compassione. Ed è forse il non finito l ultima frontiera del cinema di Herzog: l Icaro della settima arte, bruciato da una vita di immagini, si sta accecando, almeno cinematograficamente, isolato in una creazione che a tratti regala momenti indimenticabili e a volte non può esprimersi, smarrita nell universo dell autore. L eredità lasciata da My son my son non è già sentita (come molti critici hanno pensato), al contrario, ha un ruolo profetico che sembra confermare l importanza del documentario nel futuro artistico del regista e contemporaneamente segna una pietra tombale nei suoi film di finzione: la produzione narrativa e mitopoietica ci consegna un Herzog morente, che si spegne ma nel modo migliore, come una stella cometa di cui vedremo ogni tanto il fulgore, sempre meno, mentre lascia spazio a un oscurità e un disequilibrio che acquistano spazi di onnipresenza. Per questo My son my son è la Pietà Rondanini di Herzog, l inaugurazione di un ultima fase in cui il regista sarà sempre più legato al non finito, all astrazione e di conseguenza al documentario, unica espressione con cui Herzog, liberato da qualsiasi vincolo, può ancora fare poesia (meglio di qualunque regista contemporaneo), regalare nuove pagine alla storia del cinema e restare solo con la macchina da presa, ad accogliere le immagini estatiche di un mondo che ci dimentichiamo di conoscere.

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso

incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso AGESCI ROUTE NAZIONALE 2014 Inventare la strada è un rischio, è il rischio: ma il rischio è la condizione della libertà, è l ambito della

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Igor Pelgreffi (a cura di), Il pensiero e il suo schermo. Morfologie filosofiche fra cinema e nuovi media

Igor Pelgreffi (a cura di), Il pensiero e il suo schermo. Morfologie filosofiche fra cinema e nuovi media Recensione a Lo Sguardo - rivista di filosofia - ISSN: 2036-6558 Igor Pelgreffi (a cura di), Il pensiero e il suo schermo. Morfologie filosofiche fra cinema e nuovi media Kainòs Edizioni 2013 di Matteo

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Il cinema ovvero provare a esser dio

Il cinema ovvero provare a esser dio Il cinema ovvero provare a esser dio Gualtiero Rosella La realtà è ciò che esiste anche quando smettiamo di crederci. (Philip K. Dick) Forse non siamo ancora in grado di affrontare il dibattito su cinema

Dettagli

L'intuizione e la sua difficile realizzazione

L'intuizione e la sua difficile realizzazione P. Maranesi - Facere misericordiam FRANCESCO, I LEBBROSI E I SUOI FRATI: L'intuizione e la sua difficile realizzazione FRANCESCO CI PARLA DELLA SUA CONVERSIONE Il Testamento di Francesco potrebbe essere

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Mons. Vincenzo Paglia Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia Tra pochi mesi si riunirà a Roma il Sinodo Ordinario dei Vescovi su La Vocazione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli