Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem Società per Azioni. Sede Sociale e Direzione:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni. Sede Sociale e Direzione:"

Transcript

1 BILANCIO 2010

2 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro n Reggio Emilia Capitale interamente versato Euro Codice Fiscale Partita IVA Codice ABI Banca iscritta all'albo delle banche al n.5350 Banca iscritta all'albo dei Gruppi bancari al n Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi Tel Telefax Telex BACDIR Switf Code BACRIT22 Sito Internet: BILANCIO CONSOLIDATO 2

3 INDICE Cariche Sociali 5 BILANCIO CONSOLIDATO Relazione sulla Gestione 9 Bilancio consolidato al 31/12/ Nota integrativa 69 Allegati al bilancio 307 Attestazione del Presidente e del Dirigente Preposto 319 Relazione della Società di Revisione 323 BILANCIO INDIVIDUALE Organizzazione territoriale 329 Relazione sulla Gestione 341 Bilancio al 31/12/ Nota integrativa 385 Allegati al bilancio 561 Bilanci delle società controllate 571 Attestazione del Presidente e del Dirigente Preposto 631 Relazione della Società di Revisione 635 Relazione del Collegio Sindacale 639 Evoluzione dei mercati creditizi e finanziari 649 BILANCIO CONSOLIDATO 3

4 BILANCIO CONSOLIDATO 4

5 CARICHE SOCIALI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Giorgio Ferrari Vice Presidenti Luigi Maramotti* Franco Terrachini* Consiglieri Romano Alfieri Vincenzo Calandra Buonaura** Enrico Corradi* Guido Corradi* Anacleto Fontanesi* Ugo Medici** Alberto Milla Benedetto Renda Giovanni Tadolini* Giovanni Viani** Lucio Zanon di Valgiurata* Segretario Ottorino Righetti * Membri del Comitato Esecutivo ** Amministratori indipendenti ex art.148, comma 3, D.Lgs. n.58/1998 (TUF) COLLEGIO SINDACALE Presidente Gianni Tanturli Sindaci effettivi Maurizio Bergomi Giulio Morandi Sindaci supplenti Vittorio Guidetti Tiziano Scalabrini DIREZIONE CENTRALE Direttore Generale Adolfo Bizzocchi Direttori Centrali Giuliano Baroni Angelo Campani Nazzareno Gregori Condirettori Centrali Marco Braglia Stefano Morellini Stefano Pilastri Vice Direttori Centrali Giuliano Cassinadri Ferdinando Rebecchi Rossano Zanichelli DIRIGENTE PREPOSTO alla redazione dei documenti contabili societari SOCIETA' DI REVISIONE Paolo Tommasini Deloitte & Touche S.p.A. BILANCIO CONSOLIDATO 5

6 BILANCIO CONSOLIDATO 6

7

8 BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 8

9 RELAZIONE SULLA GESTIONE

10 AREA DI CONSOLIDAMENTO CREDITO EMILIANO BANCA CREDEMLEASING MAGAZZINI CREDEM EUROMOBILIARE GENERALI DELLE ASSICURAZIONI 100% TAGLIATE 100% 100% 100% BANCA EUROMOBILIARE CREDEMFACTOR CREDEMTEL RAFFAELLO (SUISSE) GENERAL 100% 100% 100% PARTNER 43% CREDEM CREDEM CREACASA INTERCONSULT INTERNATIONAL PRIVATE EQUITY 33,3% LUX SGR 100% 100% 100% EUROMOBILIARE ABAXBANK ASSET CREDEMVITA NEXSTONE MANAGEMENT 30% 100% S.G.R. 100% 99,0% EUROMOBILIARE CREDEM CB RAFFAELLO FIDUCIARIA LUXEMBOURG 100% 70% 29,1% C.S. INFORM ALICANTE FINANCE SOCIETA CONSORTILE 100% NUOVO MERCATO ARIOSTO 20% Note: le percentuali esprimono i diritti di voto esercitabili direttamente e indirettamente le partecipazioni in chiaro sono valutate con il metodo del patrimonio netto le società Ariosto e Alicante Finance, società veicolo ai sensi della L.130, in applicazione alle indicazioni contenute nello IAS 27 e nel SIC 12, sono state considerate controllate da Credem e, pertanto, incluse nell'area di consolidamento. BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 10

11 Il 31 marzo 2008 si è perfezionato l acquisto da parte di Credem dell ulteriore 50% del capitale di Credemassicurazioni da Assurance Mutuelles; in conseguenza di ciò la quota di partecipazione nella società è passata dal 50% al 100%. Nello stesso mese di marzo 2008 Credem e Reale Mutua Assicurazioni hanno siglato un accordo di bancassurance finalizzato allo sviluppo congiunto del ramo danni. L accordo prevede, tra l altro, l acquisizione, da parte di Reale Mutua Assicurazioni, del 50% di Credemassicurazioni, che è, dopo le necessarie autorizzazioni delle autorità di vigilanza rilasciate alla fine di luglio, controllata pariteticamente dai due gruppi, e forma oggetto di una situazione di controllo congiunto a seguito della conclusione di un apposito patto parasociale. L accordo prevede il rilascio all acquirente, da parte di Credem, di un opzione di vendita, da esercitarsi per un periodo di sei mesi dal compimento del terzo anno della data di trasferimento della partecipazione. Il prezzo di esercizio dell opzione è pari all importo complessivo dell investimento effettuato dall acquirente, al netto dei dividendi incassati entro la data di esercizio dell opzione e maggiorato degli interessi intercorrenti tra ogni singolo esborso e la data di esercizio dell opzione medesima. In base ai principi contabili internazionali, tale situazione comporta l instaurazione di una situazione di continuing involvement che non consentirà, fino alla scadenza dell opzione sopra descritta, la derecognition della partecipazione in Credemassicurazioni da parte di Credem. A seguito di quanto sopra riportato al 31 dicembre 2010 la Banca ha consolidato la partecipazione totalitaria in Credemassicurazioni al patrimonio netto, in applicazione dello IAS 31. BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 11

12 BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 12

13 Signori Azionisti, anche per l esercizio in rassegna riteniamo opportuno fornire qualche spunto circa le condizioni di mercato in cui l attività del sistema bancario e del Gruppo si è svolta. La discontinuità alimentata dalla crisi dei debiti sovrani di alcuni stati ha infatti interrotto il percorso, che appariva lineare, di lenta e progressiva ripresa e di altrettanto progressiva restrizione delle politiche monetarie; si sono pertanto ripristinate prospettive di elevata incertezza. Nel contesto europeo tale rinnovato scenario ha determinato la sostituzione di politiche di bilancio fondate sulla gradualità a vere e proprie terapie d urto; la politica monetaria ha dovuto rivedere passi e tempi per l uscita da interventi non convenzionali. Il processo di riforma delle regole dei mercati finanziari e del sistema creditizio procede con estrema lentezza. Anche le politiche monetarie si sono disallineate: in USA e Giappone ancora tese all allargamento della base monetaria, mentre in Europa la Banca Centrale Europea ha iniziato, gradualmente, il ritiro degli strumenti non convenzionali. In estrema sintesi, il quadro di riferimento presenta aspettative assai volatili a causa dell incerta attuazione della nuova regolamentazione dei mercati finanziari e del sistema bancario, degli elevati debiti pubblici che interagiscono con le condizioni patrimoniali del sistema bancario europeo, delle possibili tensioni sociali nell attuazione delle misure restrittive di bilancio pubblico, dell elevata disoccupazione. A ciò si aggiunge (fermo restando che non sono da escludere nuove tensioni sulla valuta europea), dopo la svalutazione del primo semestre, il ritorno ai livelli di cambio euro dollaro di metà 2009, a seguito, in particolare della debolezza della ripresa statunitense. Il rallentamento della crescita nell area euro (fatta salva al momento l eccezione tedesca), unitamente a politiche di bilancio necessariamente restrittive, determina la riduzione delle previsioni di crescita degli aggregati reali. Anche per l Italia, la cui velocità di crescita è inferiore alla media dell area euro, si prospetta un analogo rallentamento. Ad esso concorre la contestuale debolezza delle componenti interne della domanda, vale a dire quelle connesse a consumi ed investimenti. Per quanto riguarda gli intermediari finanziari, si sono ampiamente manifestate le conseguenze di quanto sopra esposto ed in particolare: - le aspettative di rialzo dei tassi di interesse sono rimaste deboli e si sono ulteriormente dilatate per l intero esercizio in rassegna; nel mese di marzo 2011 la BCE, come più ampiamente descritto nel capitolo finale dedicato all evoluzione prevedibile della gestione, ha (a differenza delle altre Banche Centrali) fornito forti indicazioni di aumento del tasso di politica monetaria già dal prossimo mese di aprile; - la crisi del debito pubblico ha prodotto un progressivo aumento di rendimento dei titoli decennali rispetto all analogo titolo tedesco; - i timori di rischio sovrano si sono trasferiti sulla quotazione dei titoli bancari ed in particolare sul mercato dei CDS, misura significativa del rischio di credito, data la forte esposizione del sistema bancario europeo ai titoli di Stato dei paesi maggiormente rischiosi; - i mercati azionari hanno interrotto il trend di recupero iniziato nel 2009 ed hanno registrato andamenti complessivamente negativi, guidati in particolare dai titoli del settore finanziario, unitamente ad una sensibile accelerazione della volatilità; su quest ultimo settore hanno in particolare inciso l esposizione al rischio di credito dei debiti pubblici di alcuni stati, le prospettive dei tassi di interesse, il rallentamento delle stime di ripresa economica; - sui mercati interbancari si sono manifestate nuovamente tensioni ed attese di aumento del costo del relativo funding; a ciò hanno contribuito la minore liquidità, nonché i segnali della Banca Centrale Europea circa l intenzione di procedere alla rimozione delle misure non convenzionali; - si evidenziano, contestualmente a quanto sopra, maggiori pressioni sul costo della raccolta a mediolungo termine in relazione al collegamento tra rischio di credito e CDS bancari; - la Banca Centrale Europea ed i governi, allo scopo di preservare la stabilità dell area euro, hanno posto in essere nuovi, urgenti, interventi. E pertanto cambiato lo scenario relativo al mix di politiche economiche nell area euro e si sono allungati i tempi di normalizzazione delle politiche monetarie. Passando ad una rapida disamina dei principali aggregati bancari va preliminarmente sottolineato che i comportamenti finanziari delle famiglie sono rimasti improntati alla cautela nelle scelte di investimento; sono stati privilegiati investimenti in abitazioni ed investimenti finanziari ancora liquidi o polizze assicurative prevalentemente tradizionali. Nell ambito dell erogazione del credito si sono manifestate tendenze già espresse nel 2009 ed in particolare: BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 13

14 - si è mantenuto positivo, ma contenuto, il ritmo di crescita dei finanziamenti alle famiglie, relativamente più elevato rispetto alla media europea: a ciò hanno indubbiamente concorso il minore rallentamento subito dai mercati immobiliari, la percezione di maggiore affidabilità degli investimenti immobiliari rispetto a quelli finanziari, il perdurante, basso, livello dei tassi di interesse; - ha registrato un debole trend il credito alle imprese; in tale ambito la domanda appare alimentata soprattutto da esigenze di ristrutturazione del debito e di finanziamento di cicli sempre più lunghi del capitale circolante; è tuttora in significativo declino la domanda finalizzata agli investimenti produttivi. Segnali di ripresa del credito si sono manifestati nella seconda metà dell anno, anche se la modificata metodologia di contabilizzazione delle operazioni di cartolarizzazione introdotta dall Organo di Vigilanza, ha introdotto una discontinuità statistica che ne rende più difficile l analisi. Tale ripresa ha riguardato soprattutto i mutui alle famiglie e, nei mesi più recenti, anche il credito alle imprese, con particolare riferimento al comparto di medio-lungo termine. Va anche detto che la scelta del sistema bancario in materia creditizia ha risentito (e non potrà non risentire), oltre che delle incertezze delle prospettive economiche, dell evoluzione normativa in corso in tema di requisiti prudenziali. Si tratta, in estrema sintesi, di un insieme di proposte di revisione della regolamentazione prudenziale con l obiettivo di accrescere il profilo quali-quantitativo del capitale aziendale, di limitare il grado di leva finanziaria, di contenere il rischio di liquidità, di attenuare gli effetti prociclici dei requisiti patrimoniali. E pur vero che la revisione dell accordo approvato dai capi di Stato di governo del G20 ha fissato per il sistema bancario, rispetto alle prime indicazioni, tempi più diluiti per adeguarsi ai nuovi standard; è peraltro ovvio che il sistema bancario, nell applicazione dello spirito della norma e per assecondare le aspettative dei mercati, dovrà proseguire con determinazione la già avviata politica di ricomposizione delle attività. Già nel 2010 si sono manifestati con chiarezza i tratti di tale riposizionamento verso componenti più liquide: è infatti significativamente aumentata l incidenza del portafoglio titoli, soprattutto per effetto dei maggiori volumi di titoli di stato. A tale proposito va segnalato che l importante esposizione delle banche al debito sovrano ha suggerito le autorità di vigilanza nazionali ed il Comitato Europeo dei Supervisori Bancari (CEBS) a condurre uno stress test sui principali gruppi bancari nell estate del 2010: i risultati hanno confermato la solidità dei principali gruppi bancari italiani. Sull argomento v è anche da segnalare che le stime preliminari, ferma restando la complessiva necessità di ricapitalizzazione, segnalano differenze, anche significative, tra singoli istituti, che richiederanno pertanto azioni di diverso grado di intensità nella suddetta ricomposizione del portafoglio e nel recupero di redditività. Si mantiene ancora sostenuta la rischiosità del credito per il quale, in base agli usuali ritardi nel manifestarsi, non si prevedono inversioni nel breve termine. E rallentato il tasso di crescita della raccolta; la diminuzione ha riguardato in particolare la componente obbligazionaria, in ragione dell ancora sostenuta domanda di raccolta a breve e della debolezza degli impieghi a clientela. Ha mantenuto ritmi soddisfacenti la domanda di depositi a vista, sostenuta dalla contrazione dei rendimenti offerti da forme di investimento alternative e dalla perdurante incertezza che caratterizza il panorama economico e finanziario. In ripresa appaiono i pronti contro termine, il cui andamento riflette la ricerca di rendimenti più interessanti, pur nell ambito di strumenti finanziari liquidi e di breve termine. In uno scenario normativo che, pur con tempi dilatati, riduce la permissività della trasformazione delle scadenze, è prevedibile il maggiore ricorso a strumenti di debito a maggiore scadenza. E altresì proseguito, a ritmi peraltro meno sostenuti rispetto alla seconda metà del 2009, l orientamento del canale bancario verso la raccolta indiretta ed in particolare verso il comparto del risparmio gestito. Sotto il profilo reddituale, l esercizio in rassegna registra una contrazione di redditività complessiva che ha penalizzato in particolare i ricavi da interesse, più di quanto non abbiano contribuito positivamente le diffuse azioni di contenimento dei costi; a ciò si è associato il permanere della rischiosità del portafoglio crediti e del costo relativo. Il sistema bancario nel suo complesso sta, nelle condizioni sopra descritte, interrogandosi a fondo sulle migliori scelte di gestione future. In particolare, l obiettivo di saldare le prospettive normative (in particolare quelle già accennate che richiedono nel medio termine livelli più elevati di capitalizzazione e di liquidità e limitano fortemente il ricorso alla leva finanziaria) a soddisfacenti livelli di redditività, appare, nelle condizioni attuali, un obiettivo estremamente sfidante. Nell immediato futuro persistono infatti fattori non idonei al recupero di redditività: basso ritmo di crescita economica, basso livello dei tassi di interesse, contribuzione negativa della raccolta al margine d interesse, costi crescenti del debito e del capitale, elevata rischiosità dell attivo. In tale contesto si prospettano profonde revisioni delle politiche commerciali e di pricing, nonché dei modelli di business finora adottati. BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 14

15 Passando alla disamina dei principali eventi che hanno interessato il Gruppo, lo scorso 11 gennaio il Direttore Generale di Credembanca ha illustrato alla comunità finanziaria il piano triennale , che ha rivisto anticipatamente la precedente pianificazione a seguito della sostanziale mutazione delle condizioni di mercato. Le principali linee guida riguardano in particolare: - la focalizzazione sul core business, rappresentato dall attività di banca commerciale; - la valorizzazione degli investimenti per la crescita effettuati negli anni precedenti, sia attraverso le acquisizioni di sportelli, sia per linee interne; - lo sviluppo del risparmio gestito ed il forte sostegno alle piccole e medie imprese ed ai privati; - il presidio dei costi operativi, attraverso l ulteriore recupero di efficienza delle strutture centrali e la razionalizzazione della rete distributiva; - la salvaguardia delle attuali, positive, posizioni in termini di qualità creditizia e di solidità patrimoniale. La pianificazione prospetta altresì la ripresa dell espansione territoriale nel medio termine, il rafforzamento delle quote di mercato e della base clientela ed il ritorno alla generazione di valore a costi sostanzialmente stabili. Alla fine del mese di marzo si è conclusa, dopo circa quattro mesi, l ispezione in Credembanca da parte dell Organo di Vigilanza. L accertamento si è principalmente focalizzato sul tema del governo, gestione e controllo del rischio di credito di gruppo, con particolare riferimento al segmento corporate. L esito, pur fornendo utili suggerimenti ed indicazioni, ha confermato l adeguatezza dei presidi esistenti. L Agenzia delle Entrate ha avviato una serie di verifiche mirate, a livello nazionale, volte ad individuare operazioni di finanza aziendale che hanno generato crediti per imposte pagate all estero; le contestazioni riguardano, sostanzialmente, asimmetrie impositive tra le giurisdizioni fiscali di diversi Paesi. Le operazioni oggetto di verifica riguardano il periodo e sono state contestate mediante distinti Processi Verbali di Constatazione, notificati nel corso del 2009 e del 2010 alle tre banche del Gruppo. A Credembanca, - per gli anni , è stato notificato un processo verbale di constatazione, cui ha fatto seguito avviso di accertamento per il solo anno 2004 e conseguente avvio della procedura di contenzioso; le ricorrenti (coobbligata solidale con Credembanca è Credito Emiliano Holding S.p.A., in qualità di società consolidante fiscale) sono risultate soccombenti nel giudizio di Primo grado. La Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia, infatti, con sentenze rese in data 29 novembre 2010, ha respinto i ricorsi proposti dalle società; - per gli anni , è stato notificato un processo verbale di constatazione, cui ha fatto seguito un avviso di accertamento che riguarda solo parte delle contestazioni relative al 2005 ed ha ad oggetto la mancata applicazione delle ritenute sui dividendi Italia; si tratta, in particolare, di operazioni di arbitraggio su dividendi di azioni quotate italiane. L Agenzia delle Entrate sostiene che le operazioni, ancorché negoziate tramite la Borsa Italiana, venissero, in realtà, preventivamente concordate con alcune controparti istituzionali non residenti. Ad AbaxBank, - per l anno 2004, è stato notificato un Processo Verbale di Constatazione, cui ha fatto seguito avviso di accertamento e conseguente ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia, competente per la sede della consolidante Credemholding (come detto sopra), ed all analoga Commissione di Milano, competente per la sede della società interessata; - per l anno 2006, è stato notificato un secondo Processo Verbale di Constatazione, relativo ad una verifica generale nella quale sono emerse una decina di contestazioni. A Banca Euromobiliare, infine, per gli anni 2005 e 2006, è stato notificato un unico Processo Verbale di Constatazione. In considerazione del fatto che le contestazioni delle citate indagini mirate da parte dell Agenzia delle Entrate sono state prevalentemente sviluppate nella prospettiva dell abuso del diritto, in relazione al quale l orientamento della giurisprudenza di legittimità è assai contrastato, il Gruppo sta valutando l adozione di ipotesi transattive. Occorre, infatti, tenere presente che la materia è stata recentemente oggetto di interpretazioni giurisprudenziali che hanno attribuito al principio un campo di applicazione ben più ampio di quello della norma antielusiva recata dall art. 37-bis, D.P.R. n. 600/1973, e, quindi, implicitamente, di esito molto più incerto nei giudizi di merito. Nonostante vi sia il convincimento della correttezza del proprio operato in relazione a tutte le fattispecie contestate, e nonostante siano in discussione presso le Commissioni Parlamentari cinque disegni di legge volti a definire la materia, si è ritenuto comunque opportuno considerare, in alternativa alla prosecuzione BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 15

16 del contenzioso, anche l ipotesi di definizione transattiva delle controversie, attivando un confronto con l Agenzia delle Entrate per quanto oggetto di contestazione. Questo soprattutto al fine di evitare la prosecuzione del contenzioso, in considerazione dell incertezza del relativo esito, anche in termini di durata, e dell elevata incidenza della componente sanzionatoria, modulata nella misura massima applicabile. Si rimanda alla Nota integrativa Parte A e Parte B dell attivo Sezione 14 Le attività fiscali e le passività fiscali Voce 140 dell attivo e voce 80 del passivo per una più dettagliata e completa descrizione della problematica in oggetto. Relativamente all assetto del gruppo, nel mese di dicembre i rispettivi Consigli di Amministrazione hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di AbaxBank in Credembanca. L operazione, già autorizzata dagli organi competenti, rappresenta la conclusione del processo di riorganizzazione della controllata, avviato nel primo scorcio del 2009, e finalizzato a semplificarne l operatività ed il livello di rischio. Per le modifiche intervenute nell area di consolidamento si fa rimando alla parte A della nota integrativa. BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 16

17 CREDITI VERSO CLIENTELA milioni di variazione % Gruppo Sistema (*) CREDITI A CLIENTELA - al netto pronti contro termine ,7 - pronti contro termine - - TOTALE (valore di bilancio) ,7 5,3 (*) dati che possono essere parzialmente inficiati dalla discontinuità, da giugno 2010, delle segnalazioni di vigilanza nel trattamento delle cartolarizzazioni La perdurante incertezza relativa all intensità della ripresa economica, coniugata all instabilità che ancora contraddistingue l andamento dei mercati finanziari si sono riflesse in una modesta crescita degli impieghi al settore privato, sia in Italia che nell area dell euro. In entrambe le aree la dinamica ha continuato ad essere sostenuta dal comparto dei mutui alle famiglie, a fronte della debolezza che ancora caratterizza l evoluzione del credito alle imprese. Nell attuale fase di mercato il livello dei tassi di interesse ha reso l acquisto di abitazione un alternativa di investimento più appetibile rispetto alla maggioranza degli strumenti finanziari. Rimane invece contenuta la dinamica del credito al consumo, su cui hanno più direttamente prevalso gli effetti della fragilità del ciclo economico su bilancio delle famiglie e la conseguente, debole, dinamica dei consumi. Segnali di ripresa del credito sono sopravvenuti nella seconda metà dell anno, ed hanno riguardato, in modo contenuto, anche il credito alle imprese, con particolare riferimento al comparto di medio-lungo termine. Per quanto riguarda il gruppo, si sono manifestate tendenze già espresse nel 2009, che riflettono in particolare la tenuta del credito alle famiglie ed il rallentamento del credito alle imprese. Il credito a breve termine ha in particolare risentito delle condizioni di contesto, ma ha registrato tangibili segnali di ripresa nell ultimo scorcio dell esercizio. Il progresso dell aggregato puntuale che ne è complessivamente derivato ha riguardato soprattutto il mercato corporate (+10,9% a capitali medi), e, in tale ambito, si è maggiormente concentrato nel segmento middle (+18,1% a capitali medi). Si è rivelata sostanzialmente stabile l assistenza creditizia di breve termine agli operatori di small business (+0,3% a capitali medi). Ha contestualmente mantenuto ritmi di sviluppo rilevanti il credito a medio lungo termine, sia quello erogato alla clientela privata (+6,9% a capitali medi), sia quello erogato a clientela corporate (+7,5% a capitali medi). Nelle tabelle seguenti viene evidenziata la scomposizione degli impieghi lordi per tipologia di clientela (dato gestionale in milioni di ): % crediti a clientela corporate ,3 - di cui middle ,9 crediti a clientela retail ,0 - di cui privati ,8 - di cui small business , ,8 BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 17

18 Nella tabella seguente si illustra (in %) l evoluzione della composizione dei crediti per segmenti di clientela: large corporate 12,3 12,7 11,0 9,2 middle corporate 23,3 22,3 26,5 25,9 small business 22,7 23,9 24,9 27,0 privati 37,1 36,7 34,0 33,8 altri crediti non riconducibili ai segmenti 4,6 4,4 3,6 4,1 100,0 100,0 100,0 100,0 Le tabelle che seguono riportano: - il contributo delle singole società al risultato consolidato (in milioni di ) variazione importo inc.% importo inc.% % Credito Emiliano , ,7 13,2 Credemleasing , ,6-0,3 Credemfactor 386 1, ,7 20,6 Banca Euromobiliare 281 1, ,2 26,0 Abaxbank 40 0,2 60 0,3-33,3 Credem International (Lux) 197 1,0 50 0,3 n.s. Altre 44 0,2 35 0,2 25,7 Aggregato , ,0 12,7 Rettifiche di consolidamento Consolidato ,7 - per scadenza residua (in %) vista 25,7 24,6 21,8 - fino a 1 anno 20,6 15,5 23,7 - oltre 53,7 59,9 54,5 100,0 100,0 100,0 Le quote del mercato nazionale relative alle banche italiane del gruppo mostrano la seguente evoluzione (in %): impieghi per cassa totali (*) 1,094 1,012 1,041 (*) dati che possono essere parzialmente inficiati dalla discontinuità, da giugno 2010, delle segnalazioni di vigilanza nel trattamento delle cartolarizzazioni BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 18

19 In tema di rischio, riportiamo inoltre (in %), la classificazione degli impieghi relativi alla funzione regolamentare corporate effettuata secondo una delle metodologie di quantificazione previste dal Nuovo Accordo di Basilea e applicata nel gruppo alle società Credembanca e Credemleasing (internal rating based): posizioni C1 assenti problematiche di rischio sia al momento che, prevedibilmente, nel medio /lungo periodo C2 assenti problematiche di rischio sia al momento che, prevedibilmente, nel medio periodo C3 assenti problematiche di rischio sia al momento che, prevedibilmente, nel breve periodo C4 rischio compatibile con possibilità di sua attenuazione/lieve peggioramento nel breve ,6 7,5 13,9 18,4 15,2 22,8 20,2 28,8 20,6 18,1 15,0 12,8 C5 situazione di rischio con sintomi di peggioramento già evidenti 15,0 18,4 17,9 C6 situazione che evidenzia aspetti di evidente problematicità 7,5 9,1 7,7 C7 situazione di marcata problematicità, potenziale rischio di default 3,0 3,4 2,6 C8 situazione di forte problematicità con rischio di default nel breve 2,2 2,6 1,7 100,0 100,0 100,0 Per una più approfondita disamina della metodologia utilizzata, si rimanda alla Nota Integrativa, Parte E, sezione 1, paragrafo A.2.2. E in fase di completamento la classificazione secondo analoghe metodologie delle posizioni non appartenenti alla funzione regolamentare corporate (sostanzialmente le microattività e la clientela privata); gli esiti di tale monitoraggio sono riportati (in % e per il solo 2010) nella classificazione sottostante: posizioni C1 assenti problematiche di rischio sia al momento che, prevedibilmente, nel medio /lungo periodo 0,1 C2 assenti problematiche di rischio sia al momento che, prevedibilmente, nel medio periodo 23,3 C3 assenti problematiche di rischio sia al momento che, prevedibilmente, nel breve periodo 28,9 C4 rischio compatibile con possibilità di sua attenuazione/lieve peggioramento nel breve 2,9 C5 situazione di rischio con sintomi di peggioramento già evidenti 18,7 C6 situazione che evidenzia aspetti di evidente problematicità 14,0 C7 situazione di marcata problematicità, potenziale rischio di default 5,4 C8 situazione di forte problematicità con rischio di default nel breve 6,7 100, Per una più dettagliata disamina circa la distribuzione per settori di attività e per area geografica dell aggregato in esame si rimanda alle specifiche sezioni E e L della Nota Integrativa. Con il 6 aggiornamento della circolare 263 "Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche" del 27 dicembre 2010 la Banca d Italia ha rivisto la disciplina prudenziale in materia di concentrazione dei rischi, per allinearla a quanto previsto dalla Direttiva 2009/111 CE. La variazione più significativa è quella che prevede che la determinazione delle esposizioni di maggior rilievo, c.d. grandi rischi, venga effettuata in base al valore di bilancio delle esposizioni, anziché al loro valore ponderato per il rischio, come previsto in precedenza. Pertanto sono considerate tutte le attività di rischio, per cassa e fuori bilancio, nei confronti di un singolo cliente (ovvero gruppo di clienti connessi) senza l'applicazione dei fattori di ponderazione. E rimasto invece inalterato il limite che qualifica una esposizione come "grande rischio", ovvero quando l esposizione, come sopra determinata, è pari o superiore al 10% del patrimonio di vigilanza. Con la nuova disciplina, per apprezzare in modo più preciso il grado di concentrazione dei crediti, vengono rilevate anche le esposizioni aventi un fattore di ponderazione per il rischio di controparte pari BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 19

20 allo zero per cento, quali le esposizioni verso lo Stato italiano, ecc.. Queste, sulla base della precedente normativa, avendo valore nullo, risultavano escluse dalla rilevazione. A fine periodo si rilevano 6 posizioni grandi rischi, per un ammontare complessivo di 9.767,3 milioni, corrispondenti a 1.140,7 milioni di valore ponderato. Tra le posizioni rilevate figurano principalmente il Ministero del Tesoro, per un ammontare complessivo nominale di 4.473,7 milioni. Le esposizioni residue sono ascrivibili ad alcune delle maggiori banche nazionali (per nominali 5.088,6 milioni - ponderati 1.056,2 milioni) e ad una banca internazionale (per nominali 205,0 milioni - ponderati 84,5 milioni). Passando ad esaminare il credito problematico, si mantiene ancora sostenuta nel sistema la rischiosità del credito per il quale, in base agli usuali ritardi nel manifestarsi, non si prevedono inversioni nel breve termine. Anche per il gruppo il rischio creditizio rappresenta uno dei fenomeni da monitorare con la maggiore attenzione; l esercizio in rassegna ha peraltro risentito, positivamente, dei criteri di massimo rigore utilizzati nel 2009, sia nella classificazione delle posizioni creditizie, sia nella valutazione delle previsioni di recupero. Al riguardo, va anche sottolineato che l incremento degli aggregati problematici segna un significativo rallentamento. Nel prospetto seguente viene illustrata l evoluzione del rischio creditizio del gruppo (dati in milioni di ): Sofferenze nette/impieghi per cassa netti - Gruppo Credem 1,0 0,8 0,5 - Sistema 2,7 2,3 1,4 % previsioni di perdita su sofferenze - Gruppo Credem 57,4 61,7 62,0 - Sistema 60,3 60,9 54,5 valori nominali - sofferenze 459,1 363,8 215,6 - incagliate 253,3 247,4 123,7 - ristrutturate 7,2 6,5 4,1 - esposizione scadute 102,5 106,3 102,3 crediti problematici 822,1 724,0 445,7 previsioni di perdita analitiche 298,7 257,6 171,7 valori di realizzo - sofferenze 195,5 139,3 82,0 - incagliate 223,2 218,8 88,7 - ristrutturate 5,6 4,8 3,2 - esposizioni scadute 99,1 103,5 100,1 523,4 466,4 274,0 rettifiche di valore nette su crediti ed altre operazioni finanziarie 62,1 108,5 58,1 ricostruzione fondi contabili : 353,8 318,0 224,5 - svalutazioni analitiche 298,7 257,6 171,7 - svalutazioni forfetarie su crediti vivi 55,1 60,4 52,8 BILANCIO CONSOLIDATO RELAZIONE SULLA GESTIONE 20

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 LISTINO BASE 3 mesi Tasso nominale partita 0,25% lordo annuo 6 mesi

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli