PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO: LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO Soc Assistenza Primaria U.L.S.S. 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO: LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO Soc Assistenza Primaria U.L.S.S. 18"

Transcript

1 Pag.1 di PREMESSA 2. SCOPO pag CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITA pag DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI pag FARMACI IN FASCIA H pag DESCRIZIONE ATTIVITA E RESPONSABILITA pag DISTRIBUZIONE pag DOCUMENTI DI RIFERIMENTO pag ALLEGATI pag SCHEDA TERAPIA pag.16 1

2 Pag.2 di 17 PREMESSA La terapia endovenosa (TEV) a domicilio, intesa come somministrazione di soluzioni e farmaci attraverso un accesso venoso, rientra nel quadro più ampio del sistema di cure domiciliari e richiede competenze specifiche da parte dell infermiere. La terapia endovenosa viene espletata all interno di un piano assistenziale condiviso con il Medico di Medicina Generale/Pediatra di Libera Scelta (MMG/PLS). Si sottolinea che la somministrazione di soluzioni e di farmaci per tale via, deve essere utilizzata nelle situazioni in cui non esistano valide alternative, e sarà riservata a pazienti non o scarsamente deambulanti. L'attività di terapia endovenosa (TEV), sarà comunque erogata come attività programmata con attivazione entro 72 ore,e non può avere carattere d'urgenza (che richiederebbe l'attivazione entro le 24 ore). Il presente protocollo operativo definisce le modalità di erogazione della terapia endovenosa a domicilio da parte degli infermieri. Particolare attenzione viene posta all equità di accesso alle prestazioni nel territorio dell ULSS, alla prevenzione delle complicanze, alla valorizzazione del ruolo dei care-givers, indispensabili per garantire la continuità assistenziale alle persone assistite. RIFERIMENTI LEGISLATIVI Profilo Professionale - DM 739/94 Regolamento concernente l individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell infermiere Codice Deontologico dell Infermiere - Federazione Nazionale IPASVI Gennaio 2009 Legge 26 febbraio 99 n.42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie Legge 10 agosto 2000 n.251 Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione, nonché della professione ostetrica. SCOPO/OBIETTIVO garantire l uniformità delle procedure all interno del Servizio Domiciliare Adi prevenire le complicanze garantire una corretta istruzione del caregiver, riguardo la gestione della terapia endovenosa garantire la continuità assistenziale garantire un processo organizzativo, gestionale ed assistenziale territoriale alla popolazione che necessita di terapia endovenosa ed infusionale a domicilio da parte del personale infermieristico 2

3 Pag.3 di 17 CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITA La presente procedura è applicata dal Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata ADI dell Azienda Ulss 18 di Rovigo e dai MMG,dai PLS,Medici Continuità Assistenziale. SISTEMA DELLE RESPONSABILITA Per garantire un migliore intervento assistenziale, è indispensabile identificare chiaramente il ruolo delle singole componenti professionali coinvolte nella terapia endovenosa. Descrizione attività Appropriata e corretta compilazione della modulistica per la prescrizione Accoglienza richiesta, valutazione contesto abitativo e care-giver Informazione all utente sul trattamento, sulle modalità assistenziali e acquisizione consenso informato al piano assistenziale MMG/ PLS R UVDM Infermiere Coordinatore Infermieristico R C R C C Direttore di Soc Gestione del processo assistenziale infermieristico C R Esecuzione della terapia a domicilio C R Verifica della corretta applicazione del protocollo R R Aggiornamento del protocollo R C LEGENDA R = Responsabilità MMG = Medico di Medicina generale UVMD = Unità di valutazione multidimensionale C = Coinvolgimento PLS = Pediatra di libera scelta 3

4 Pag.4 di 17 SOMMINISTRAZIONE FARMACI IN FASCIA H La somministrazione dei farmaci in fascia H con prescrizione medica ospedaliera viene effettuata al domicilio con la presenza del MMM/PLS responsabile clinico del caso. 4

5 Pag.5 di 17 DESCRIZIONE ATTIVITA E RESPONSABILITA PERCORSO DI ATTIVAZIONE TEV A DOMICILIO Persona con problema sanitario MMG/PLS Informa l'assistito sulle modalità dell'assistenza territoriale e sulla TEV Richiesta di Assistenza Infermieristica per TEV a domicilio + consenso informato SI Consegna e valutazione della documentazione ricevuta per la corretta prescrizione NO Attivazione Servizio Infermieristico Si rimanda al MMG/PLS 5

6 Pag.6 di 17 PROCEDURA DI ATTIVAZIONE TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO La terapia ev/infusiva a domicilio, come del resto tutte le terapie, può essere effettuata dall infermiere solo su prescrizione da parte del MMG/PLS che ha in carico l assistito. L intervento infermieristico domiciliare è attivato attraverso: Allegato 1: scheda del MMG/PLS per l Attivazione Infermieristica gestione TEV che deve riportare i comuni dati anagrafici: codice identificativo dell assistito nome e cognome indirizzo esatto, completo di numero civico numero di telefono dell assistito o di un famigliare di riferimento In riferimento alla voce terapie, deve prevedere: principio attivo o nome commerciale del farmaco; posologia; forma farmaceutica; via di somministrazione; tempi di somministrazione; orari e/o durata; diagnosi o problema sanitario attivo per il quale si richiede la terapia endovenosa; anamnesi allergologica; data,timbro e firma; Allegato 2: modulo integrativo alla scheda del MMG/PLS per l attivazione dell UVDM Allegato 3: modulo informativo e consenso informato al care-giver sulla gestione TEV (a cura del personale infermieristico) Le richieste incomplete di uno o più dati sopra elencati o compilate con grafia illeggibile, potranno essere evase solo dopo integrazione da parte del MMG/PLS e/o del Medico dell'a.d.i. e controfirmate. Le richieste devono pervenire al Coordinatore Infermieristico o suo sostituto presso la Centrale Organizzativa. Non sono ammesse richieste telefoniche. L'eventuale sospensione della TEV in corso deve essere fatta pervenire per scritto al Coordinatore Infermieristico da parte del MMG. 6

7 Pag.7 di 17 PROCEDURA DI EROGAZIONE L'infermiere che effettua la prima valutazione al domicilio, verifica i seguenti aspetti ritenuti vincolanti, ai fini dell erogazione della prestazione: contesto abitativo, situazione famigliare e presenza di figure di riferimento disponibilità di un apparecchio telefonico; possibilità da parte dei familiari o care-giver dell assistito di comunicare ogni eventuale situazione non pianificata o urgente; altre eventuali situazioni particolari dell assistito o del suo ambiente di vita che possano in qualche modo influire sulla prestazione che si prevede di effettuare. Al termine acquisisce il consenso informato dell'assistito o familiare, nonché il modulo informativo e consenso informato sulla gestione della TEV. PROCEDURA DI SORVEGLIANZA DELL ASSISTITO DURANTE L INFUSIONE L infermiere: inserisce l ago (catetere venoso periferico) in vena si accerta della effettiva situazione intravenosa dell ago fissa l ago alla cute regola il flusso della soluzione da infondere controlla per circa dieci minuti che non ci siano problemi relativi all infusione istruisce i famigliari o caregiver sulla sorveglianza della terapia infusiva fornisce il numero telefonico della centrale operativa o del cellulare dell infermiere di zona riporta nella cartella clinica assistenziale domiciliare effettuata terapia endovenosa come da prescrizione medica e secondo il protocollo aziendale. aggiorna la Scheda Terapia La sottoscrizione dell effettuazione della prestazione secondo il protocollo, implica che tutti i punti previsti dal protocollo sono stati messi in atto. La sorveglianza, da parte dei famigliari o care-giver, è costituita da semplici atti, che non richiedono particolari competenze sanitarie. L'infermiere istruisce il care-giver a: lavarsi le mani prima di ogni manipolazione del set da infusione controllo dell assistito (evitare trazione del braccio o movimenti bruschi;a volte può essere sufficiente far ruotare leggermente il braccio perchè l'infusione riprenda a scendere) controllo che il flusso di infusione sia regolare - il flacone di soluzione non deve essere troppo basso rispetto al piano del letto;in tal caso è sufficiente alzarlo perchè l'infusione riprenda a funzionare 7

8 Pag.8 di 17 - accertarsi che la valvola di presa d'aria sia aperta e che il regolatore di flusso sia aperto(rotellina od orologio ) chiusura della fleboclisi in caso di problemi del flusso di infusione, o di arrossamento o gonfiore del sito di inserzione dell ago (in tal caso fermare l'infusione chiudendo il regolatore di flusso e avvisare l infermiere) cambio del flacone -preparare il flacone a temperatura ambiente -chiudere il regolatore di flusso(è importante che durante la manovra di cambio del flacone non entri aria ) -togliere il flacone ultimato -infilare la baionetta del gocciolatore sul flacone nuovo -premere sulla camera di gocciolamento (se questa è vuota) -aprire il regolatore di flusso(l'infusione dovrebbe riprendere) chiusura della fleboclisi quando il flacone è ultimato -chiudere il regolatore di flusso -staccare deflussore dal rubinetto o dall'ago butterfly(flacone e deflussore devono essere eliminati) rimozione dell ago butterfly o del C.V.P(nel caso quest'ultimo non debba più essere utilizzato) -preparare un batuffolo di cotone imbevuto di soluzione disinfettante -porre un asciugamano o un telino sotto il sito di inserzione dell'ago -togliere i cerotti che fissano l'aghetto -con una mano prendere le ali dell'ago e tirarlo nella direzione opposta a quella d'inserimento -con l'altra mano prepararsi a comprimere per 2-3 minuti la zona punta con cotone e disinfettante -a discrezione del paziente posizionare un cerottino lavaggio del C.V.P (la siringa con soluzione fisiologica 10cc viene preparata dall'infermiere) -prendere la siringa preparata(togliere l'ago ) -inserire il cono della siringa dentro la valvolina (Bionector)avvitata al rubinetto -accertarsi che il rubinetto sia aperto -premere lo stantuffo della siringa con una pressione media (se si sente tanta resistenza chiamare l'infermiere) -togliere la siringa dalla valvolina -gettare la siringa N.B. La valvola avvitata al rubinetto deve essere disinfettata prima di ogni connessione, inoltre non deve mai essere utilizzato il tappo otturatore. 8

9 Pag.9 di 17 In relazione ai possibili effetti collaterali della terapia farmacologica prescritta,vi è la necessità che il MMG/PLS sia presente al domicilio dell utente alle prime 2 somministrazioni di ogni ciclo terapeutico, fatta eccezione per il solo proseguimento di terapia. Quanto concordato dovrà essere annotato nel diario infermieristico. Nota: Si sottolinea che la procedura descritta è applicabile a tutte le richieste di somministrazione di farmaci per via endovenosa centrale o periferica. 9

10 Pag.10 di 17 PERCORSO EROGAZIONE/SORVEGLIANZA TERAPIA INFUSIVA Erogatore Care-giver Analisi documentazione ricevuta dall UVDM Accesso domiciliare infermiere (MMG/PLS se concordato) Care giver presente Si Garantisce la sorveglianza dell'infusione No Sospensione prestazione Rivalutazione UVDM e MMG/PLS Istruzioni ai familiari su controllo e sospensione dell' infusione Applicazione protocollo operativo accesso venoso Infermiere (MMG/PLS se presente) si allontanano dal domicilio Chiusura/rimozione dell'accesso venoso Problema No Si Contatto recapiti telefonici ADI/MMG/PLS secondo indicazioni 10

11 Pag.11 di 17 TRASFUSIONE DI SANGUE, EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI La trasfusione di sangue, di emocomponenti e di emoderivati è regolamentata da normative chiare e specifiche (D.P.R. 24 agosto 1971 n art.91, primo comma, e 93, secondo comma; Circolare Ministero della Sanità del 1993 art.12, D.M.S 25 gennaio 2001). Risulta pertanto utile evidenziare alcuni contenuti di tali norme: la trasfusione (e per analogia la somministrazione di emoderivati) è un atto medico ed in particolare ad egli compete il costante controllo del paziente; la sorveglianza dell utente durante la trasfusione, intesa come valutazione della terapia e reazione alle complicanze, non può essere delegata all infermiere. La somministrazione a domicilio di sangue, emocomponenti ed emoderivati potrà essere pertanto effettuata in futuro solo a seguito di specifici protocolli che garantiscano il rispetto della normativa e la sicurezza dell utente. FARMACI IN BOLO Per quanto attiene la somministrazione di farmaci in bolo, si ritiene che non sussistano le necessarie condizioni di sicurezza nella gestione di tale attività in ambito domiciliare con la sola presenza infermieristica, possono essere eseguite con la costante presenza del MMG o PLS per tutta la durata della terapia. INDICAZIONE DELLE ECCEZIONI Si ritiene sostitutiva di prescrizione da parte del MMG/PLS, la prescrizione compilata e firmata da un medico della SOC Assistenza Primaria. DISTRIBUZIONE Il seguente protocollo è conservato e aggiornato presso l ADI 1 di Rovigo e distribuito a: MMG e PLS Tutte le SOC ULSS18(tramite Intranet Aziendale) 11

12 Pag.12 di 17 STATO DELLE REVISIONI Rev. Par. Pag. Sintesi delle modifiche Data n n n stesura 24/11/2010 DOCUMENTI E SITI INTERNET DI RIFERIMENTO La terapia endovenosa a domicilio:protocollo operativo infermieristico e aspetti assistenziali per la prevenzione e il controllo delle complicanze, Anno La terapia endovenosa a domicilio:protocollo operativo infermieristico,www.aslbrescia.it,giugno 2008 Protocollo operativo per l erogazione di terapia endovenosa a domicilio, Linee guida per la terapia endovenosa a domicilio,www.aslromah.it,agosto 2008 Normativa per emocomponenti; Decreto 3 marzo 2005, Ministero della Salute ALLEGATI Di seguito sono riportati I moduli indispensabili per l attivazione della terapia endovenosa a domicilio. 12

13 Pag.13 di 17 (ALLEGATO 2) SCHEDA DI RESPONSABILITA DA COMPILARE A CORREDO DELLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELL UVDM IN CASO DI SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA Il sottoscritto Dr.... in riferimento all allegata richiesta relativa all assistito/a Sig./Sig.ra... codice fiscale... nato il... telefono... dichiara: di aver acquisito il consenso informato dell assistito alla somministrazione della terapia prescritta; che la medesima terapia è gestibile dall Infermiere anche in assenza del medico; che in caso di necessità è reperibile presso i seguenti recapiti telefonici: che per le prime due terapie sarò presente al domicilio del paziente. Data... Timbro e firma MMG/PLS 13

14 Pag.14 di 17 ALLEGATO 3 INFORMAZIONI E CONSENSO INFORMATO AL CARE-GIVER (in duplice copia) La terapia endovenosa prescritta al/alla Sig./Sig. ra.... necessita della Sua collaborazione. L'Infermiere provvederà a: fornire il materiale necessario,ad esclusione dei farmaci per gli utenti non in profilo ADI D, mentre per gli utenti in profilo ADI D i farmaci saranno prescritti con richiesta dedicata e con i tempi di fornitura della Farmacia Ospedaliera; posizionare la fleboclisi; istruire ed illustrare il care-giver le manovre che dovrà eseguire. Il Care-Giver collabora con l'infermiere osservando che: non sopravvengano nel punto d'inserzione arrossamenti,gonfiore e/o bruciore; non venga esercitata dal paziente alcuna trazione; sia regolare il flusso dell'infusione; non sopravvengano sudorazione,pallore,difficoltà respiratoria,arrossamento cutaneo sostituendo i flaconi come da piano terapeutico,rimuovendo l'ago od eseguendo il lavaggio al catetere venoso, come da protocollo operativo infermieristico. In caso di necessità contattare: Infermiere dell Assistenza Primaria tel.. o.. Il proprio Medico di Medicina Generale tel... S.U.E.M./Medico di Continuità Assistenziale al 118 Il sottoscritto...in qualità di... del Signor/a...informato sull'organizzazione dell'assistenza Domiciliare, e sulle procedure della terapia endovenosa,nonché sui compiti e le attribuzioni degli infermieri acconsente a farsi carico della sorveglianza alla terapia prescritta e si impegna a sensibilizzare gli altri componenti della famiglia alla necessità di gestione e collaborazione ai diversi momenti assistenziali. Data... Firma Care-Giver... Firma Infermiere... 14

15 Pag.15 di 17 ALLEGATO 1 MODULO RICHIESTA TERAPIA INFUSIVA Cognome...Nome...Nato/a il... Residente...Via...n... Codice Fiscale Tel.... Diagnosi/Problema Sanitario... Anamnesi allergologica Negativa Positiva. Malattie infettive a trasmissione ematica si. no non accertato SI RICHIEDE SOMMINISTRAZIONE DI : Soluzione Glucosata..%. cc/die Soluzione Idroelettrolitica..cc/die Soluzione Fisiologica......cc Altro...cc/die La terapia infusiva avrà una durata di...gg tutti i gg no sabato no domenica a gg alterni altro Tempo di somministrazione terapia:.h N.B. Se richiesta la somministrazione di farmaci e.v, è prevista la presenza del MMG/PLS per le prime due somministrazioni(presenza non necessaria se si tratta di un proseguimento di terapia) Farmaco. Posologia Note:. Il sottoscritto Dr/Dr.ssa dichiara che la medesima terapia è gestibile dall infermiere/a anche in assenza del medico, e che si rende disponibile per eventuali necessità al n...., come da A.C.N. Firma e timbro.. N.B. Le richieste incomplete o illeggibili, potranno essere evase solo dopo integrazione da parte del MMG/PLS o da un Medico Adi. 15

16 Pag.16 di 17 PAZIENTE: SCHEDA Tp. Ev.come da prescrizione MMG Data Data Data Data Data Data Data M P M P M P M P M P M P M P Data Data Data Data Data Data Data M P M P M P M P M P M P M P 16

17 Pag.17 di 17 Redazione Verifica Approvazione Responsabile SOC Dr. Romagnoli Stefano Data: Personale Infermieristico Soc Assistenza Primaria ADI 1 Rovigo: Bari Leopolda Bin Fabio Bin Franca Biscaro Monica Desiderò Beatrice Favaro Monica Gasparetto Lorena Lucchiari Fabiola Masiero Roberto Pizzardo Laura Renesto Sandra Rossetto Agnese Sacchetto Patrizia Zamboni Rosita Coordinatore Infermieristico Ghirardello Lucia RITD: Romagnolo Nicoletta Firma: Direttore Dipartimento Dr.Ramazzina Emilio Data: Firma: Direzione Infermieristica: Dr.ssa Boscolo Maria Rosa Data: Firma: 17

LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO: PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO

LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO: PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO giugno Pag. 1 di 20 : giugno Pag. 2 di 20 INDICE PREMESSA, ATTORI, RIFERIMENTI LEGISLATIVI...3 1. SISTEMA DELLE RESPONSABILITA 4 2. PERCORSO DI ATTIVAZIONE TERAPIA ENDOVENOSA A 5 2.1 PROCEDURA DI ATTIVAZIONE

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000

Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000 Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000 Scopo Assicurare la corretta gestione e distribuzione di farmaci disciplinati dal D.L. 22 dicembre

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA. A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione

PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA. A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI E' un servizio di aiuto e supporto alla persona fragile

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

Secondo stime O.M.S. 80% dei pazienti extraospedalieri soffre di affezioni croniche;

Secondo stime O.M.S. 80% dei pazienti extraospedalieri soffre di affezioni croniche; Secondo stime O.M.S. 80% dei pazienti extraospedalieri soffre di affezioni croniche; meno del 50% di tali pazienti attentamente le prescrizioni del curante segue Organizzazione mondiale della sanità. Aderenza

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER IL RICOVERO IN LETTI DI PROSSIMITÀ

REGOLAMENTO OPERATIVO PER IL RICOVERO IN LETTI DI PROSSIMITÀ REGOLAMENTO OPERATIVO PER IL RICOVERO IN LETTI DI PROSSIMITÀ (APPROVATO DALL UCAD il 27/08/2015) Si precisa che in giallo sono state evidenziate le modifiche rispetto al regolamento pregresso. 1 Premessa

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE

PIANO ATTUATIVO LOCALE REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE Allegato n 2 Ambulatorio infermieristico Servizio Aziendale Professioni Sanitarie dr.ssa Agnese Barsacchi ASL RIETI AMBULATORIO

Dettagli

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI)

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) Al fine di garantire un approccio coordinato alla gestione

Dettagli

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T )

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) 1) Definizione e funzioni L Unità di Degenza Territoriale è una struttura sanitaria extraospedaliera distrettuale destinata alla degenza la cui funzione è quella

Dettagli

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. ****

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 20-01-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare i criteri da adottare per l effettuazione di indagini e valutazioni retrospettive relative

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA ALL.1 PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA Questo protocollo nasce dall esigenza di rivedere ed uniformare sul territorio dell intera Regione

Dettagli

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig.

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig. d insieme di quanto già fatto nel corso dei tuoi studi ed aiutando modo più facile ed efficace le attività future. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA

Dettagli

Day Hospital Universitario Neuroscienze Ospedale Molinette Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino

Day Hospital Universitario Neuroscienze Ospedale Molinette Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino CPSI Simona RIGALDO CPSI Simona RIGALDO Day Hospital Universitario Neuroscienze Ospedale Molinette Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino RUOLO DELL INFERMIERE NELLA TERAPIA CON

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

UNITA DI AFERESI TERAPEUTICA (Responsabile: dott. Piero Marson) U.O. IMMUNOTRASFUSIONALE (Direttore: dott. Giustina De Silvestro)

UNITA DI AFERESI TERAPEUTICA (Responsabile: dott. Piero Marson) U.O. IMMUNOTRASFUSIONALE (Direttore: dott. Giustina De Silvestro) Regione Veneto Azienda Ospedale Università di Padova CARTA DI ACCOGLIENZA PER I PAZIENTI UNITA DI AFERESI TERAPEUTICA (Responsabile: dott. Piero Marson) U.O. IMMUNOTRASFUSIONALE (Direttore: dott. Giustina

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

Presentazione del servizio Fabry@Home. Aprile 2011

Presentazione del servizio Fabry@Home. Aprile 2011 Presentazione del servizio Fabry@Home Aprile 2011 Agenda incontro Servizio Fabry@Home: caratteristiche e vantaggi Presentazione del provider: Caregiving Italia Modalità di attivazione del Servizio Fabry@Home

Dettagli

PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI

PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI ANNO 2010 A cura di: ASL Avellino via degli Imbimbo n. 10/12 U.O.C.Assistenza Anziani 1 U.O.C. Farmacia Ospedaliera/ Farmacia Territoriale

Dettagli

MODULO DIP. ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA. Gestione del paziente oncologico pediatrico in regime di Ricovero Diurno (DH)

MODULO DIP. ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA. Gestione del paziente oncologico pediatrico in regime di Ricovero Diurno (DH) Pag. 1/8 Gestione del paziente oncologico pediatrico in regime di Ricovero Diurno (DH) 1. Lista di distribuzione.... 1 2. Emissione.... 1 4 Campo di applicazione.... 2 5. Riferimenti normativi e scientifici....

Dettagli

Qualità: strumento di efficacia e sicurezza

Qualità: strumento di efficacia e sicurezza Qualità: strumento di efficacia e sicurezza Oscar Corli pensare alla Qualità Pensare alla Qualità in sanità. Ma quando si parla di cure a casa servizio efficace servizio sicuro 1 delibera R.L. 2-3

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA L anno, addi. del mese di in. presso. fra l partita IVA/codice fiscale

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI E LA GESTIONE DI INTERVENTI CONNESSI A PATOLOGIE CRONICHE A SCUOLA. Sottoscritto da

PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI E LA GESTIONE DI INTERVENTI CONNESSI A PATOLOGIE CRONICHE A SCUOLA. Sottoscritto da PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI E LA GESTIONE DI INTERVENTI CONNESSI A PATOLOGIE CRONICHE A SCUOLA Sottoscritto da AZIENDA SANITARIA LOCALE DI BRESCIA e UFFICIO SCOLASTICO PER LA LOMBARDIA

Dettagli

Più Trasparenza, meno rischi. Carta della qualità Cartella Clinica

Più Trasparenza, meno rischi. Carta della qualità Cartella Clinica Più Trasparenza, meno rischi Scelta del titolo del workshop: diritti al centro Necessità approfondire il tema nel giorno del Trentennale: segnalazioni dei cittadini, proposte di miglioramento condivise

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Utente, La ringraziamo in anticipo qualora voglia scegliere o abbia scelto la nostra Cooperativa sociale per il servizio

Dettagli

Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore

Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore OFFICINE H IVREA 25 GENNAIO 2012 Anna Paola Canori Carla Varola S.C. Farmacia Ospedaliera Ivrea/Ciriè

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

-------------------------------- ---------------------------------

-------------------------------- --------------------------------- Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione: 10.01.2013 CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e

Dettagli

Pubblicazioni Un percorso metodologico

Pubblicazioni Un percorso metodologico Pubblicazioni Un percorso metodologico per la definizione di procedure, protocolli, linee guida Il lavoro di stesura di protocolli procedurali e/o organizzativi del lavoro infermieristico, ha impegnato

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA 1. FINALITA E OBIETTIVI Il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata(ADI) si colloca nella rete dei servizi sociosanitari volti a garantire alle persone

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

Costo efficacia dei Picc nel paziente a domicilio: strategie organizzative e appropriatezza di indicazioni

Costo efficacia dei Picc nel paziente a domicilio: strategie organizzative e appropriatezza di indicazioni Costo efficacia dei Picc nel paziente a domicilio: strategie organizzative e appropriatezza di indicazioni PICC DAY GENOVA, 05/12/2014 l Giovanna Lombardo Le cure domiciliari: DEFINIZIONE LE CURE DOMICILIARI

Dettagli

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi Alessio Piredda Lo stravaso La consapevolezza.. Le conoscenze specifiche, l azione tempestiva, la prevenzione sono in ambito oncologico corredo

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE

GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE DIAGNOSTICO E MEDICINA REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE

Dettagli

Le competenze del medico di medicina generale. Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa?

Le competenze del medico di medicina generale. Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa? Le competenze del medico di medicina generale Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa? Federico Sciarra Roma, 10 giugno 2009 Sala Tevere, Regione Lazio GIA LO E In quelle

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

PP.DS.05 Procedura per gestione farmaci e Presidi

PP.DS.05 Procedura per gestione farmaci e Presidi per gestione farmaci e Presidi Presa in carico complessiva del Paziente in Assistenza Domiciliare: la gestione della CONSEGNA DIRETTA FARMACI. REV. DATA AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO 1 14/11/2011

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

Informazioni per l acquisto di Mexiletina Cloridrato 50 mg capsule rigide

Informazioni per l acquisto di Mexiletina Cloridrato 50 mg capsule rigide STABILIMENTO CHIMICO FARMACEUTICO MILITARE UFFICIO PROGRAMMAZIONE Informazioni per l acquisto di Mexiletina Cloridrato 50 mg capsule rigide La fornitura del farmaco è subordinata all invio contemporaneo

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl Preparato da Verificato da Verifica per validazione Approvato da Data

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ Dr. FATI FRANCO Sede studio: Piazza Caprera 2\3 SML e-mail: fatif@libero.it Telefono fisso: 0185283645

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

O B B L I G A I T A L I A NA Regione Siciliana ASSESSORATO DELIA SALUTE L'ASSESSORE. Modalità di prescrizione dei farmaci soggetti a piano terapeutico

O B B L I G A I T A L I A NA Regione Siciliana ASSESSORATO DELIA SALUTE L'ASSESSORE. Modalità di prescrizione dei farmaci soggetti a piano terapeutico -/). //- > 2 REp O B B L I G A I T A L I A NA ASSESSORATO DELIA SALUTE L'ASSESSORE Modalità di prescrizione dei farmaci soggetti a piano terapeutico lo Statuto della ; il D.Lvo n,502/92 riguardante il

Dettagli

Linee guida Cure Palliative Domiciliari (CPD)

Linee guida Cure Palliative Domiciliari (CPD) Allegato al decreto n.768 del 13.10.2009 Linee guida Cure Palliative Domiciliari (CPD) Divinum est sedare dolorem ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO Direzione Sociale Dipartimento ASSI Servizio Anziani-Disabili

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI Direttori UU.OO.CC. Direttore UOC Risorse Umane Medico Competente Responsabile UOS Pronto Soccorso

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ Dr. COGORNO Stefano Dr. DAPELO Federico Dr. LAMBRUSCHINI Mario Dr. ROTTOLA Cristina Dr. SANNAZZARI

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

ASL N. 1 DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

ASL N. 1 DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI ASL N. 1 DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI SPECIALISTICHE NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI INTEGRATE DI TERZO LIVELLO A

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

La CARTA dei SERVIZI. del Medico di Medicina Generale

La CARTA dei SERVIZI. del Medico di Medicina Generale La CARTA dei SERVIZI del Medico di Medicina Generale Caro Cittadino, questa breve Carta dei Servizi è stata preparata per fornirti tutte le informazioni utili a garantire, tra te assistito e il tuo medico,

Dettagli

ASL RM/A SER.T. IV DISTRETTO PROCEDURA ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO

ASL RM/A SER.T. IV DISTRETTO PROCEDURA ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO ASL RM/A SER.T. IV DISTRETTO PROCEDURA ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO FINALITA' La finalità della presa in carico è di offrire alla persona con problemi di dipendenza una risposta adeguata ai suoi bisogni.

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II anno - A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica

CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II anno - A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II anno - A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014 Incontro di orientamento professionale Bergamo 14 aprile 2014 Chi è l infermiere Profilo professionale dell'infermiere D.M. 14 settembre 1994, n. 739 Art. 1 1 - E' individuata la figura professionale dell'infermiere

Dettagli

CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO

CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Cammi Emilio Reggio Emilia, 25 settembre 2015 Fibrosi cistica Malattia genetica rara Patologia multiorgano che

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Lettera progressiva: B Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 10 D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Premessa....

Dettagli