ASL della Provincia di Bergamo Servizio Programmazione e Controllo cure domiciliari (SPCCD)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASL della Provincia di Bergamo Servizio Programmazione e Controllo cure domiciliari (SPCCD)"

Transcript

1 ASL della Provincia di Bergamo Servizio Programmazione e Controllo cure domiciliari (SPCCD) Linee guida per l erogazione delle cure palliative domiciliari Le Cure Palliative costituiscono una serie di interventi terapeutici ed assistenziali finalizzati alla cura attiva e totale, di malati la cui patologia di base non risponde più a trattamenti specifici e si caratterizzano per una serie di aspetti, fortemente integrati fra loro 1, che per la loro garanzia e realizzazione richiedono una precisa regia: la globalità dell'intervento terapeutico che, avendo per obiettivo la qualità della vita residua, non si limita al controllo dei sintomi fisici, ma si estende al supporto psicologico, relazionale, sociale e spirituale; la valorizzazione delle risorse del paziente e della sua famiglia oltre che del tessuto sociale in cui sono inseriti; la molteplicità delle figure professionali e non professionali che sono coinvolte nel piano di cura; il pieno rispetto dell'autonomia e dei valori della persona malata; il completo inserimento e la forte integrazione nella rete dei servizi sanitari e sociali; l'intensità dell'assistenza globale che deve essere in grado di dare risposte specifiche, tempestive, efficaci ed adeguate al mutare dei bisogni del malato; la continuità della cura fino all'ultimo istante di vita; la qualità delle prestazioni erogate. L approccio terapeutico deve essere graduale: le Cure Palliative dovrebbero essere iniziate anche se il malato è ancora in trattamento attivo; il loro ruolo inizialmente è di solo trattamento sintomatico, per diventare poi l unico intervento medico solo quando le terapie curative vengono sospese. Si definisce terminale il paziente per il quale non vi sono terapie efficaci per prolungare la vita 2. L ASL della Provincia di Bergamo, d intesa con l A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo, l Associazione Cure Palliative e la Lega Contro i Tumori di Bergamo, attiva sul territorio della Provincia,, un nuovo modello di assistenza, le Cure Palliative Domiciliari per pazienti terminali e la Centrale Operativa per le Cure Palliative e la Domiciliarità prevista nel Protocollo d Intesa sottoscritto da ASL, A.O. OORRBG, ACP e LILT ( All. 1). Con Delibera n 244 del 1 aprile 2005 l ASL ha recepito il Protocollo d intesa, ha istituito il Gruppo di Lavoro di Progetto per la definizione delle procedure 3 e ha 1 O.M.S European Association of Palliative Care 3 Gruppo di Lavoro di Progetto:: Lucia De Ponti, Responsabile Servizio Programmazione e Controllo Cure Domiciliari; dr. Santino Silva Direttore Dipartimento PAC; Mariagrazia Capello Coordinatore Infermieristico SPCCD, ASL della Provincia di Bergamo 1

2 costituito il Gruppo Operativo per l organizzazione e la gestione dell attività 4. Durante la predisposizione del progetto sono stati coinvolti i Soggetti Accreditati, il Comitato Aziendale Permanente per la Medicina Generale, le Organizzazioni Sindacali Interne, gli Operatori delle aree territoriali. Grazie alla generosità delle Associazioni e alla collaborazione di tutti coloro che in questi anni hanno prodotto cultura della terminalità è possibile, anche nella Provincia di Bergamo, avviare una forma di assistenza domiciliare adeguata alle esigenze dei pazienti e delle loro famiglie, che valorizza le competenze professionali e che coinvolge in un unico intervento tutti coloro che, a diverso titolo, si prendono cura di questa particolare fase della malattia. Le Cure Palliative Domiciliari (CPD) 1. Richiesta di attivazione del servizio Le cure Palliative Domiciliari sono rivolte a pazienti terminali eleggibili per il VSS 5. Il servizio può essere attivato: Dal Medico di Medicina Generale con la compilazione del mod ADI/ADP, già in uso presso i Distretti: Dal Medico Ospedaliero che dimette il paziente ogniqualvolta si ritenga necessario affidare l assistito alle cure dei servizi territoriali, con il modello di Dimissione Programmata già in uso presso le strutture di ricovero. Dal Medico Oncologo per i pazienti oncologici. con il modello di Dimissione Programmata già in uso presso le strutture di ricovero E indispensabile, per una corretta valutazione del paziente, che la prescrizione di assistenza domiciliari sia fatta per tempo, in modo che il Senior Professional possa incontrare il paziente e la famiglia e costruire il piano di assistenza avendo acquisito tutte le informazioni necessarie per programmare le diverse fasi della cura. Dr. Roberto Labianca, Dipartimento Oncologico Ospedali Riuniti di Bergamo; dr.giambattista Cossolini Dirigente UOCP; dr. Arnaldo Minetti, Associazione Cure Palliative; dr. Roberto Sacco,. Lega Italiana Contro i Tumori. Il Gruppo di lavoro è stato successivamente integrato dalla dr.ssa M.Teresa Lorenzi, in rappresentanza dei Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta, dal dr. Alberto Imberti, Direttore Sanitario dell Istituto Palazzolo, dalle Infermiere Patrizia Savoldi, e Elena Colletto Case Manager ASL SPCCD. 4 Gruppo Operativo: Responsabile SPCCD, Coordinatore infermieristico ADI PAC, 1 infermiere Senior Professional impiegato stabilmente nella COCPD, 7 infermieri Senior Professional già collocati presso i Distretti, 1 collaboratore amministrativo, eventualmente 1 psicologo 5 Condizione per l eleggibilità del paziente all assegnazione del VSS è l attribuzione del profilo di dipendenza identificato con la scala AGGIR: il Paziente è assistito a domicilio, con la richiesta del MMG/PLS, quando le sue condizioni non gli consentono, temporaneamente o a tempo indeterminato, di ottenere le cure di cui necessita presso le strutture sanitarie o socio sanitarie indicate per l effettuazione delle stesse).inoltre deve essere garantito un adeguato supporto familiare 2

3 2. Predisposizione del Piano di Assistenza Individuale (PAI) Presso ciascuna macroarea il Senior Professional 6 (SP) valuta il paziente al domicilio o presso il reparto di dimissione ospedaliera e compila la cartella clinica secondo le indicazioni del Gruppo di Progetto. In collaborazione con l Unità di Valutazione Multidimensionale (Responsabile di Distretto, Case Manager, MMG/PLS, Medico Ospedaliero o con lo specialista Oncologo, assistente sociale di Ambito/Comune), definisce il piano di assistenza applicando il profilo di cura più adeguato e indica alla famiglia le strutture erogatrici accreditate idonee per il trattamento. Il SP verifica il costante aggiornamento della cartella clinica depositata presso il domicilio. Alla dimissione del paziente, provvede all invio della cartella clinica al SPCCD. La predisposizione di Piani di Assistenza Individuali (PAI) è assicurata con l erogazione del Voucher Socio Sanitario (VSS) di 1,2 e 3 livello; in caso di necessità di alta intensità di cura, e solo nella fase terminale della malattia ( max tre mesi), può essere utilizzato il Voucher Super 1 pari a , Super 2 pari a e Super , già previsti nel programma in uso per il VSS. Il PAI prevede la presenza delle figure professionali attualmente indicate nel patto di accreditamento: infermiere, terapista della riabilitazione, ASA/OSS, psicologo, fisiatra/geriatra. Gli accessi del personale medico specialista (Palliatore) richiesti dal MMG/PLS sono retribuiti dall ASL della Provincia di Bergamo secondo le convenzioni attualmente in essere solo per i pazienti in ADI/ADP. Le Pompe-siringa e/o gli elastomeri per la somministrazione della terapia antalgica sono forniti dall ASL della Provincia di Bergamo tramite il SP. Il PAI può essere modificato dal SP su indicazione del MMG/PLS e/o del Medico Palliatore. La dimissione del paziente e/o il ricovero in struttura interrompe l erogazione del VSS, secondo le norme in vigore attualmente. 6 Il Senior Professional è una nuova figura dell area infermieristica con il ruolo di riferimento, indirizzo e, accompagnamento all interno dell Unità di Valutazione Multidimensionale (UVM) tra il distretto ed il territorio, per tutti quei soggetti che si trovano in condizioni di patologia con problematiche di gestione domiciliare, soprattutto per i pazienti in fase terminale. Ha la funzione di valutazione dei problemi/bisogni del paziente e della sua famiglia, utilizzando allo scopo strumenti appropriati quali schede di valutazione.. La valutazione viene effettuata a domicilio oppure, nel luogo del ricovero prima della dimissione (ospedale, clinica, hospice). In collaborazione con il Case Manager predispone il PAI individuando la tipologia assistenziale più adeguata ai bisogni del paziente relativamente ai diversi profili di cura. Inoltre ha la funzione di monitoraggio del piano di cura e dello stato di salute del paziente con verifiche ravvicinate. E una figura che può inoltre operare all interno delle strutture ospedaliere del territorio come punto di riferimento per le Unità Operative ospedaliere e, soprattutto per i familiari, facendosi interprete dei bisogni sanitari e socio assistenziali rilevati. Il S.P.concorda con i familiari i termini della gestione domiciliare del congiunto e è il riferimento presso il distretto (case manager, terapista del dolore, protesica, invalidità civile), il territorio (Hospice, servizi sociali, volontariato), o altre istituzioni. Ha la funzione, se richiesta, di supervisione, addestramento e consulenza, per gli operatori dei centri accreditati sui diversi profili di cura. Dipende funzionalmente e gerarchicamente dal Coordinatore Infermieristico di Area Territoriale e, ne risponde del suo operato. Collabora con questo per la trasmissione dei dati richiesti da parte della sede centrale ed è di supporto nelle funzioni di collegamento con il territorio. Partecipa inoltre a gruppi di lavoro a livello provinciale per: elaborazione di strumenti operativi; mappatura dei servizi e modalità di accesso; aggiornamento professionale; formazione interna ed esterna. 3

4 Il SP rileva la necessità di fornitura di ausili (ausili antidecubito, letti ortopedici e sponde per il letto, carrozzine a telaio rigido), compila l apposito modulo (all. 2) e lo consegna all ufficio protesi del Distretto. Nel caso in cui il paziente non risulti invalido, indica alla famiglia le procedure per l avvio della pratica di invalidità. 3. Erogazione del Servizio: le strutture accreditate Assicurano la presenza di personale infermieristico e socio assistenziale preparato 7 per la particolare tipologia di utenza. Reperibilità Considerata la criticità dei pazienti assistiti con VSS super 1, 2, 3, viene istituita la Reperibilità del personale infermieristico secondo le seguenti modalità: Dalle 8 alle 20, dal lunedì al venerdì e dalle 8 alle 12 il sabato. La reperibilità è assicurata dalle 8 alle 20 anche nei giorni di sabato e festivi ai pazienti critici per i quali il PAI prevede l accesso nelle medesime giornate, d intesa con il Senior Professional e con la Famiglia. Il personale infermieristico del Soggetto Accreditato che ha in cura il paziente, ha come riferimento operativo il SP della macroarea nella quale presta la sua attività. 4. Gestione delle Emergenze Nel caso in cui il SP non fosse temporaneamente rintracciabile, l infermiere della Struttura accreditata può rivolgersi, per consulenza telefonica, al personale infermieristico ASL, presente dalle 8 alle 18 presso la Centrale Operativa. Nel caso in cui si verificassero emergenze cliniche, queste devono essere segnalate dalle famiglie al Medico di Medicina Generale /PLS e/o al Medico di Continuità Assistenziale; in caso di emergenza/urgenza deve essere attivato il 118. Considerate le caratteristiche professionali del Medico Palliatore e il suo ruolo di consulente per le cure palliativ per i pazienti in ADI/ADP, lo stesso è a disposizione del MMG e/o del personale qualificato di assistenza, salvo indicazione diversa dello stesso Palliatore. 5. La Centrale operativa Cure Palliative Domiciliari (COCPD) Presso la Sede del Servizio Programmazione e Controllo Cure Domiciliari è attivata la Centrale Operativa Cure Palliative Domiciliari. La COCPD è stata voluta dall Associazione Cure Palliative, dalla Lega contro i Tumori, sezione di Bergamo, dagli Ospedali Riuniti di Bergamo e dall ASL della Provincia di Bergamo, per fornire consulenza specialistica ai professionisti (medici e infermieri) che hanno in carico i pazienti sul territorio. 7 L ASL promuove due corsi di formazione gratuiti per assicurare livelli di conoscenza omogenei; i corsi si tengono nel mese di maggio e giugno 2005 e potranno essere ripetuti successivamente su richiesta dei soggetti accreditati o per iniziativa dell ASL 4

5 La COCPD, nella fase del suo consolidamento assicura i seguenti obiettivi 8 : accessibilità da parte dei professionisti delle cure primarie, quali i MMG/PLS e i Medici di Continuità Assistenziale; assicurazione e coordinamento delle prestazioni specialistiche domiciliari in regime di cure palliative; coordinamento ed indirizzo in materia di cure palliative delle azioni in capo alle Unità di Valutazione Multidimensionale; 9 coordinamento e indirizzo degli erogatori accreditati di prestazioni inerenti le cure domiciliari, 10 attraverso la definizione di Linee Guida, condivise e predefinite tra la Centrale, l ASL ed i Soggetti Erogatori costituenti la rete, che salvaguardino sia la libertà di scelta del cittadino, sia la qualità, la completezza, la tempestività e l economicità dell intervento assistenziale. coordinamento degli interventi in ambiti diversi, quale l ospedale, il domicilio, le strutture residenziali e/o di ricovero anche specifiche, riguardanti il percorso del paziente/cliente in cure palliative; coordinamento e integrazione con i servizi sociali persistenti sul territorio; 11 collaborazione organica con le risorse formali e informali esistenti nella società, quali le organizzazioni non profit, in particolare le associazioni di volontariato, la rete parentale e amicale ecc.; diffusione della cultura delle cure palliative tra il personale sanitario, migliorando ed incrementando gli interventi di terapia del dolore e degli altri sintomi che provocano sofferenza; riduzione dei ricoveri inappropriati e delle giornate di degenza; raggiungimento del rapporto ottimale costi/benefici; verifica e valutazione della qualità dei servizi offerti e dei risultati. La Centrale Operativa e il relativo numero telefonico saranno operativi 24 ore su 24; in particolare da lunedì a venerdì dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 12 con il Personale di riferimento assegnato dall ASL; dalle 18 alle 8 da lunedì a sabato e dalle 12 di sabato alle 8 di lunedì, con il Personale dell Hospice di Borgo Palazzo. nei giorni festivi infrasettimanali dalle 18 del giorno precedente la festività alle 8 del giorno successivo con il Personale dell Hospice di Borgo Palazzo. 8 Le esperienze fin qui maturate suggeriscono l'opportunità che le prestazioni siano erogate secondo una gradualità di interventi che veda al centro il malato, la sua famiglia e i suoi bisogni; deve, perciò, essere prevista e favorita ogni possibile forma di collaborazione tra strutture pubbliche e private autorizzate ed enti o organizzazioni del terzo settore operanti sul territorio, in particolar modo tra i servizi di medicina primaria e le strutture ospedaliere per garantire una reale continuità assistenziale e terapeutica. 9 Il compito in capo alla ASL di attribuire il Voucher Socio-Sanitario porta con sè l esigenza di definire percorsi organizzativi efficaci: la costituzione e la regolamentazione delle Unità di Valutazione Distrettuale (UVD), con funzioni di case-management, è una scelta in primis strategica, poi organizzativa. Le UVD divengono il punto territoriale di valutazione e di gestione delle fragilità, che evolvono la loro attività sia verso funzioni tipicamente di controllo delle attività, che di orientamento del sistema socio sanitario. 10 Si tratta dei soggetti che sono stati accreditati per erogare prestazioni di assistenza domiciliare integrata a seguito della riorganizzazione dell ADI verso Voucher socio sanitario attivata dalla Regione Lombardia con DGR 12902/03. Anche i malati terminali rientrano nel target dei soggetti da assistere a domicilio, con relativa voucherizzazione delle cure. 11 da linee guida nazionali Le Aziende sanitarie, ai fini di una migliore assistenza dei malati assunti in cura e di un miglior sostegno alle famiglie sia durante l'assistenza sia nella fase dell'elaborazione del lutto, ricercheranno la collaborazione, sottoscrivendo specifici protocolli di intesa e/o convenzioni e/o accordi, con i comuni eroganti prestazioni sociali a rilevanza sanitaria. 5

6 In caso di necessità, per i pazienti per i quali è già stato attivato il percorso assistenziale, il medico (MMG/PLS, Medico di Continuità assistenziale), può collegarsi con la Centrale Operativa attiva 24/24 per ottenere la consulenza specialistica del Medico Palliatore. Il personale infermieristico che assiste il paziente può collegarsi con la Centrale dopo aver consultato il MMG/PLS dell assistito e/o il Medico di Continuità Assistenziale. Bergamo, giugno

7 Allegato 1 PROTOCOLLO D INTESA PER LA CENTRALE OPERATIVA CURE PALLIATIVE E DOMICILIARITA Fra le parti ASL della Provincia di Bergamo A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo Associazione Cure Palliative Lega contro i Tumori Sezione di Bergamo Si conviene quanto segue: 1. Viene costituita la Centrale Operativa Cure Palliative e Domiciliarità, con sede presso il Padiglione Verga area ex ONP, gestita dall ASL, per il coordinamento dell attività domiciliare e la specialistica palliativistica, per la supervisione della stessa e con il coinvolgimento dell A.O. OORRBg per la consulenza al personale che opera sul territorio (medici palliativisti a gettone, medici di medicina generale, Guardia Medica, 118, infermieri distrettuali e soggetti accreditati) impegnati nell assistenza domiciliare ai malati terminali. 2. La Centrale Operativa e il relativo numero telefonico saranno operativi da lunedì a venerdì dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 12 con personale di riferimento assegnato dall ASL; dalle 18 alle 8 da lunedì a sabato mattina e dalle 12 di sabato alle 8 di lunedì, il n telefonico verrà trasferito al centralino dell Hospice di Borgo Palazzo, con funzioni di coordinamento del medico palliativista reperibile nei confronti di medici palliativisti a gettone, in relazione ai malati arruolati nei percorsi personalizzati di assistenza domiciliare. 3. Dopo 3 e 6 mesi di sperimentazione sarà valutato l effettivo utilizzo della centrale operativa in relazione alla dotazione organica esistente 4. L ASL avrà a suo carico il Responsabile del Progetto, con competenza istituzionale e organizzativa, il Coordinatore della C.O. con profilo infermieristico e si avvarrà della collaborazione parziale di 7 infermieri senior, già collocati presso i Distretti, di un collaboratore di profilo amministrativo e, eventualmente, di uno psicologo. I Medici palliativisti sono retribuiti a gettone. 5. L A.O.OORRBg mette a disposizione sede e personale dell UOCP per le funzioni di cui al punto 2, in relazione al n telefonico, per l attività di consulenza e per la formazione di tutte le figure coinvolte. 6. L A.O. OORRBg riceverà dall ASL le integrazioni finanziarie 1 necessarie all eventuale copertura delle spese sostenute per potenziare l organico dell Hospice, nel caso in cui la valutazione congiunta del periodo di sperimentazione di cui al precedente punto 3, dovesse evidenziare la necessità dell adeguamento dell organico dell Hospice 7. L Associazione Cure Palliative e la Lega Contro i Tumori Sezione di Bergamo partecipano al progetto attraverso la donazione rispettivamente di uro (ACP) e di (LT) per l avvio del progetto e partecipano ai percorsi di programmazione, verifica e monitoraggio dell attività svolta. 8. I primi mesi di attività saranno dedicati alla predisposizione degli spazi e degli strumenti, alla definizione dei ruoli e delle connessioni del personale, all avvio dell attività della Centrale Operativa, alla comunicazione alle Aziende Ospedaliere, al 118, al servizio di Continuità Assistenziale, ai Medici di Medicina Generale, ai Distretti, ai Soggetti accreditati, alla verifica dell operatività quotidiana. Particolare attenzione dovrà essere dedicata alla corretta informazione della popolazione, al fine di non creare attese non coerenti con gli obiettivi del progetto. 9. Alla firma del Protocollo ACP e LT saranno chiamate a versare il contributo secondo le modalità concordate con ciascuna associazione; l ASL procederà all allestimento dei locali e degli strumenti, al trasferimento del personale e concorderà con l A.O. OORRBg tutti i passaggi relativi all operatività. AO Ospedali Riuniti di Bergamo Dr. Carlo Bonometti ASL della Provincia di Bergamo Dr Silvio Rocchi Associazione Cure Palliative Dr. Arnaldo Minetti Lega contro i Tumori Sezione di Bergamo Dr Roberto Sacco Bergamo 4 marzo

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 22945 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 Legge 15 marzo 2010 n. 38 Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative ad alle terapie del dolore. Approvazione Linee Guida

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER IL CONTROLLO DEL DOLORE SUL TERRITORIO Alcune interessanti indagini europee sul dolore L assistenza domiciliare cure palliative Protocollo sedazione palliativa al domicilio REVIEW

Dettagli

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare Allegato A) P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione 1 Acronimi INDICE pag.3 1. Introduzione pag.4 2. Quadro Attuale pag.4 3. Definizione ed obiettivi delle cure domiciliari pag.4 3.1 Cure Domiciliari Prestazionali

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

ASP Azienda di Servizi alla Persona Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia V.le Matteotti, 63 27100 Pavia. Carta dei Servizi

ASP Azienda di Servizi alla Persona Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia V.le Matteotti, 63 27100 Pavia. Carta dei Servizi ASP Azienda di Servizi alla Persona Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia V.le Matteotti, 63 27100 Pavia Carta dei Servizi ATTIVITA' DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ASPETTI GERIATRICI DELLA DISABILITA'

Dettagli

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Partecipanti al gruppo di redazione: Massimo Costantini, Responsabile SC Coordinamento Regionale Cure Palliative, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro,

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PALOMA 2000 Cooperativa sociale di assistenza a.r.l. Viale Tunisia, 10 20124 Milano tel. 02/29536073-4 fax. 02/29536075 www.paloma200.it - e-mail: info@paloma2000.it DOCUMENTO 04 CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Le competenze del medico di medicina generale. Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa?

Le competenze del medico di medicina generale. Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa? Le competenze del medico di medicina generale Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa? Federico Sciarra Roma, 10 giugno 2009 Sala Tevere, Regione Lazio GIA LO E In quelle

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AI PAZIENTI ONCOLOGICI IN FASE TERMINALE TRA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AI PAZIENTI ONCOLOGICI IN FASE TERMINALE TRA ENTE MORALE ASSOCIAZIONE NAZIONALE TUMORI PROTOCOLLO DI INTESA PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AI PAZIENTI ONCOLOGICI IN FASE TERMINALE Azienda Sanitaria USL N. 2 Potenza Azienda Ospedaliera San Carlo Potenza

Dettagli

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE CURE DOMICILIARI HOSPICE I quadri sono stati eseguiti e donati all Hospice dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari CURE PALLIATIVE

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO Confronti L assistenza domiciliare integrata vera interprete del cambiamento in sanità Progetto ADI SUD l integrazione tra ambiti di cura (per esempio,

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Signora/Signore, Questa Guida vuole essere un pratico strumento per orientarla nel nostro Servizio di erogazione del Voucher Socio-Sanitario

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Utente, La ringraziamo in anticipo qualora voglia scegliere o abbia scelto la nostra Cooperativa sociale per il servizio

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO XI DOCUMENTO SUI REQUISITI MINIMI E LE MODALITA

Dettagli

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO La sperimentazione delle cure domiciliari promossa dai Comuni dell area grossetana d intesa con la ASL 9, trova l avvio in un analisi approfondita dei bisogni del territorio,

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Gentile Utente, La ringraziamo per aver scelto la nostra Struttura per il servizio di assistenza domiciliare integrata. La nostra segreteria è attiva

Dettagli

Associazione VIDAS. Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda

Associazione VIDAS. Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda Associazione VIDAS Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda Giada Lonati Direttore Sociosanitario Giorgio Trojsi Segretario Generale 9 marzo 2015 VIDAS: Volontari Italiani Domiciliari Assistenza

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA 1. FINALITA E OBIETTIVI Il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata(ADI) si colloca nella rete dei servizi sociosanitari volti a garantire alle persone

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

IL PRESIDENTE CONFERENZA DEI SINDACI DELL ULSS 20 Avv. Paolo Zanotto

IL PRESIDENTE CONFERENZA DEI SINDACI DELL ULSS 20 Avv. Paolo Zanotto PROCEDURA PER LA PRESA IN CARICO IN DIMISSIONE PROTETTA DEL PAZIENTE DALL OSPEDALE procedura condivisa e sottoscritta da: IL DIRETTORE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA VERONA Dott. Valerio Alberti IL DIRETTORE

Dettagli

CURE DOMICILIARI INDICE. Cure Palliative per pazienti oncologici. Assistenza Domiciliare Prestazionale. Assistenza Domiciliare Integrata di 1 ASL(ADI)

CURE DOMICILIARI INDICE. Cure Palliative per pazienti oncologici. Assistenza Domiciliare Prestazionale. Assistenza Domiciliare Integrata di 1 ASL(ADI) Cure Palliative per pazienti oncologici CURE DOMICILIARI Assistenza Domiciliare Prestazionale Assistenza Domiciliare Integrata di 1 ASL(ADI) GESTIONE DIRETTA IN ECONOM IA SPERIM ENTAZIONE GESTIONALE AFFIDAM

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

OSPEDALE E TERRITORIO DAL PENSIERO AL GESTO. Dott.ssa Emilia Aquili C.P.S.E. Anna Lombardi Dott.ssa Nadia Dell Acqua C.P.S.E.

OSPEDALE E TERRITORIO DAL PENSIERO AL GESTO. Dott.ssa Emilia Aquili C.P.S.E. Anna Lombardi Dott.ssa Nadia Dell Acqua C.P.S.E. OSPEDALE E TERRITORIO DAL PENSIERO AL GESTO Dott.ssa Emilia Aquili C.P.S.E. Anna Lombardi Dott.ssa Nadia Dell Acqua C.P.S.E. Antonio Biancardi Dimissione protetta in regime di Cure Domiciliari Responsabilità

Dettagli

GIMBE. Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter

GIMBE. Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter GIMBE Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter Le esigenze culturali emerse tra i MMG 1. ampliare i contenuti della conoscenza 2. applicare la conoscenza

Dettagli

Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna

Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna Allegato alla Delib.G.R. n. 33/32 del 8.8.2013 Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna Il presente documento ha lo scopo di definire le linee attuative della rete

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario

Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario Unità di Offerta accreditata da Regione Lombardia D.d.g. 27 settembre, n. 8403 INDICE PERCHÉ LA CARTA DEI SERVIZI 3 CHI SIAMO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI HOSPICE DI ABBIATEGRASSO. Via dei Mille 8/10 20081 Abbiategrasso (Mi)

CARTA DEI SERVIZI HOSPICE DI ABBIATEGRASSO. Via dei Mille 8/10 20081 Abbiategrasso (Mi) CARTA DEI SERVIZI HOSPICE DI ABBIATEGRASSO Via dei Mille 8/10 20081 Abbiategrasso (Mi) tel: 02-94963802 fax: 02-94962279 e-mail: info@hospicediabbiategrasso.it www.hospicediabbiategrasso La nascita dell

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana Paganella e Cembra Centro Servizi Sanitari 38100 Trento - U.O. DI ASSISTENZA PRIMARIA CARTA DEL SERVIZIO CURE

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare. Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E.

Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare. Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E. Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E. Definizione assistenza domiciliare OMS intende per assistenza domiciliare

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14

Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14 HOSPICE VIA DELLE STELLE REGGIO CALABRIA Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14 La carta dei servizi è il documento che la legge italiana ha voluto realizzare nel processo di innovazione dei rapporti

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Responsabile Medico: Medici di Reparto: Caposala: Dott. Alberto SINISCALCHI Dott. Andrea LIGUORI Dott. Gian Paolo SPINELLI Sig.ra

Dettagli

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI Carpi 21 MAGGIO 2011 Vilma Culpo S.A.D.I. Definizione O.M.S. L'assistenza domiciliare è la possibilità di fornire a domicilio del paziente quei

Dettagli

TRA CENNI PRELIMINARI

TRA CENNI PRELIMINARI Allegato sua A alla determinazione n. 17 del 14.01.2010 composta da 5 facciate CONVENZIONE CON L~.D.A.S. O.N.L.U.S. PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI CURE PALLIA TIVE DOMICILIARI PER PA TOLOGIE NEOPLASTICHE

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI ADI

A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI ADI A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) CARTA DEI SERVIZI VIA AGOSTINO DA LODI 9-26900 LODI C.F. / P.IVA 11065670157 Tel. 0371/940500 Fax. 0371/940590 e-mail: segreteria.mosaico@socialeonlus.it Carta

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I. REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) L ADI consiste in una metodologia di lavoro, orientata ad erogare

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli