CURE DOMICILIARI. Unità Valutativa Multidisciplinare Residenza Sanitaria Assistenziale. informazioni per il cittadino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURE DOMICILIARI. Unità Valutativa Multidisciplinare Residenza Sanitaria Assistenziale. informazioni per il cittadino"

Transcript

1 CURE DOMICILIARI Unità Valutativa Multidisciplinare Residenza Sanitaria Assistenziale informazioni per il cittadino 1

2 2 Copertina: Marco Z. anni 7

3 INDICE PREMESSA 7 Cosa sono le cure domiciliari 8 A chi sono rivolte 8 Le diverse forme di cure domiciliari 8 Come si accede 8 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 9 A chi è rivolta 9 Cos è il piano individuale di assistenza o PAI? 11 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CURE PALLIATIVE 12 Come si accede 12 Tempo di risposta 12 HOSPICE 13 ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA 14 Come si accede 14 Compiti dei familiari 14 Tempo di risposta 14 ASSISTENZA DOMICILIARE INFERMIERISTICA 15 A chi è rivolta 15 Come si accede 15 Tempo di risposta 15 ASSISTENZA INFERMIERISTICA OCCASIONALE 15 A chi è rivolta 15 Come si accede 16 Tempo di risposta 16 SERVIZIO INFERMIERISTICO AMBULATORIALE 16 Sedi delle Unità Operative di Assistenza Primaria e del Servizio infermieristico territoriale 17 Distretti Fiemme e Ladino di Fassa 17 Distretto di Primiero 17 Distretto di Bassa Valsugana e Tesino 18 Distretto di Alta Valsugana 18 Distretto di Trento, Valle dei Laghi, Rotaliana, Paganella e Cembra 19 Distretto di Valle di Non 19 Distretto di Valle di Sole 20 Distretto di Giudicarie e Rendena 20 Distretto di Alto Garda e Ledro 21 Distretto di Vallagarina 21 AMBULATORI INFERMIERISTICI 22 Distretti Fiemme e Ladino di Fassa 22 Distretto di Primiero 22 Distretto Bassa Valsugana e Tesino 23 Distretto Alta Valsugana 24 Distretto Trento, Valle dei Laghi, Rotaliana, Paganella e Cembra 25 Distretto Valle di Non 26 Distretto Valle di Sole 28 Distretto Giudicarie e Rendena 29 Distretto Alto Garda e Ledro 30 Distretto Vallagarina 31 L UNITÀ VALUTATIVA MULTIDISCIPLINARE 32 Che cos è 32 Chi puo accedere 32 Come si accede 33 Tempi di convocazione 33 Composizione 35 La scheda di valutazione multidimensionale 35 Funzioni della unita valutativa multidisciplinare 35 Progetto di intervento 35 Percorso UVM 37 SEDI DELLE SEGRETERIE DELLE UNITÀ VALUTATIVE MULTIDISCIPLINARI 38 Distretti Fiemme e Ladino di Fassa 38 Distretto di Primiero 38 Distretto di Bassa Valsugana e Tesino 39 Distretto Alta Valsugana 39 Distretto Trento, Valle dei Laghi, Rotaliana, Paganella e Cembra 40 Distretto di Valle di Non 40 Distretto di Valle di Sole 41 Distretto di Giudicarie e Rendena 41 Distretto di Alto Garda e Ledro 42 Distretto di Vallagarina 42 RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE 43 Che cos è 43 Dove si trovano le residenze sanitarie assistenziali 44 Chi puo accedere 45 Come si accede 45 Tempo di degenza nella struttura 46 Prestazioni 47 Posti letto di sollievo 47 Chi puo accedere 47 Come si accede 47 Tempo di permanenza 47 Glossario 50

4

5 PREFAZIONE Le cure domiciliari sono un servizio sempre più importante e questo per vari motivi; da una parte l invecchiamento della popolazione e il moltiplicarsi, di conseguenza, delle malattie cronico-degenerative ad esso legate, e dall altra la convinzione che, laddove possibile, evitare l ospedalizzazione e quindi dare la possibilità alla persona di vivere nella propria casa, sia importante al fine della qualità della vita del cittadino-paziente. Proprio per la loro importanza le cure domiciliari devono perciò essere sempre più al centro dell attenzione della sanità pubblica, di chi la gestisce e la governa ma anche di chi la fruisce; questo vuol dire che anche i cittadini singoli e associati sono chiamati a partecipare e dare il loro contributo per il miglioramento del sistema delle cure domiciliari. Tale contributo può esplicitarsi in varie forme, come dimostra l esperienza che ha dato origine a questo documento: da una parte i cittadini e le associazioni che li rappresentano possono contribuire attivamente a forme di valutazione (il controllo condiviso) dei processi messi in essere dall Azienda sanitaria e assieme agli operatori condividere azioni di miglioramento che tengano conto anche del punto di vista del cittadino (e questo documento è un esempio significativo e tangibile di tali azioni). Dall altra possono contribuire a promuovere una informazione corretta sul servizio presso gli altri associati o presso i cittadini che si riferiscono alle associazioni facendo così rete capace di raggiungere molti più cittadini e in modo più efficace. Questo documento nasce proprio con questi obiettivi, informare in modo completo ma comprensibile i cittadini sulle caratteristiche del sistema delle cure domiciliari in Trentino, per dare la possibilità di comprendere meglio quali sono e come si utilizzano tali servizi e promuovere nel contempo anche una corresponsabilizzazione che costituisce il primo e importante passo verso un miglioramento dei servizi che tenga effettivamente conto delle necessità e aspettative legittime dei cittadini stessi. Franco Debiasi, Direttore Generale facente funzioni Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento

6 INTRODUZIONE Questo documento nasce nell ambito del progetto del controllo condiviso dei processi assistenziali e tecnico-amministrativi dell Uvm e dell Adi promosso dall Azienda sanitaria in collaborazione con alcune associazioni di volontariato della Provincia Autonoma di Trento. Il percorso che ha portato alla redazione e pubblicazione del documento è stato lungo e arricchito da molte e puntuali osservazioni e proposte formulate dalle parti interessate, operatori e associazioni di volontariato, in incontri assai frequenti e molto costruttivi. In particolare il percorso è iniziato con la individuazione delle associazioni di volontariato potenzialmente interessate a partecipare al controllo condiviso, è continuato con l organizzazione di incontri congiunti sulle tematiche individuate attraverso una griglia di aiuto alla valutazione e si è concluso con la redazione di un rapporto che è stato condiviso e approvato da tutti i partecipanti. Tale rapporto segnalava varie azioni ritenute da sviluppare al fine di una ottimizzazione dei processi in esame e in particolare fra le azioni prioritarie da sviluppare individuava quella riguardante la comunicazione e l informazione dei cittadini sulle tematiche delle cure domiciliari. In seguito a questa sollecitazione è stato quindi predisposto il presente documento che a sua volta, seguendo e continuando la filosofia della iniziativa, è stato condiviso con il gruppo di associazioni che avevano partecipato attivamente alla redazione del rapporto. Tali associazioni hanno contribuito con osservazioni, proposte e suggerimenti e per questo si può dire che questo opuscolo è frutto di un lavoro nel quale ogni soggetto coinvolto ha portato il proprio punto di vista e le proprie sensibilità il tutto finalizzato al miglioramento e alla fruibilità del documento. 1 Il controllo condiviso è una attività che l Azienda Provinciale ha previsto nel proprio Piano di sviluppo strategico: il controllo dei processi e delle attività svolte è il terzo elemento che chiude il cerchio iniziato con la pianificazione. Secondo la definizione proposta dall ISO, il concetto di controllo ha un duplice significato e comprende non solo le attività di ispezione e di verifica su quanto viene svolto, ma anche le attività che consentono di governare e di guidare i processi stessi. Il controllo ha quindi un duplice scopo: a) dare garanzia che quanto viene fatto è conforme a quanto doveva essere fatto; b) intervenire nel caso fosse necessario correggere la rotta. Il controllo non può quindi essere lasciato solo al momento della misurazione finale dei 2 Associazioni coinvolte: Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale - Trento AISM - Rovereto Anmil/Anmic - Trento Associazione Alzheimer - Trento Associazione per la tutela dei diabetici della Vallagarina - Rovereto Cisl-pensionati Trento/Rovereto/Cavalese/Borgo Valsugana/Pergine Valsugana/Mezzano/Tione/Riva del Garda Associazione Filorosso - Lavis Uil-pensionati Trento/Gardolo di Trento Lega Tumori Trentina - Trento ADA - Trento risultati, ma deve essere svolto lungo tutto il fluire dei processi. I meccanismi di controllo possono essere attivati sia dall interno dell organizzazione che dall esterno: entrambi hanno potenziali pregi e difetti. Il controllo interno è più dettagliato e costante, ma corre il rischio dell autoreferenzialità: è più utile per governare i processi e meno per dare garanzie alle parti interessate. Al contrario, il controllo esterno è più oggettivo, ma è saltuario e rischia di non cogliere aspetti importanti riconoscibili solo dall interno: è quindi più utile per rendere conto alle parti interessate dell attività svolta e meno per intervenire sui processi aziendali. Una forma del tutto particolare è il controllo condiviso con i cittadini che si sta sperimentando in questi anni. Fap-Acli - Trento Avulss (referente provinciale) - Trento Tribunale Diritti Malato - Riva del Garda Comunità Handicap - Stenico Cooperativa HandiCREA - Trento Admo - Trento Associazione Agorà - Trento Associazione Parkinson - Trento A.N.T. AMICI DELLA NEONATOLOGIA TRENTINA - Trento Alir- Associazione Lotta all Insufficienza Respiratoria - Trento Tribunale Diritti Malato Pergine/Trento/Cavalese Anmic - Trento

7 PREMESSA Negli ultimi anni nella Provincia Autonoma di Trento, come del resto in Italia, si è assistito ad un mutamento del profilo demografico. La diminuzione della mortalità infantile, insieme alla diminuzione delle nascite, al miglioramento delle condizioni di vita e dell assistenza sanitaria, hanno portato ad un prolungamento delle aspettative di vita della popolazione e suo conseguente invecchiamento. Con l invecchiamento della popolazione sono aumentate le persone con malattie croniche. La casa come luogo di cura è un ambiente privilegiato dove il malato può mantenere abitudini e ritmi di vita propri e il legame con le proprie cose e con i propri familiari, amici e ambiente. Lo stato di benessere o di malessere di una persona è determinato dallo stato fisico (assenza di dolore, malattia, ), dallo stato mentale, relazionale, sociale e spirituale. La valutazione multidimensionale indaga le diverse dimensioni che concorrono a determinare lo stato di benessere/malessere di una persona e individua un programma assistenziale personalizzato che risponde ai bisogni della persona. La valutazione multidimensionale viene effettuata attraverso la Unità di Valutazione Multidisciplinare, attivata in tutti i distretti sanitari della provincia. 7

8 COSA SONO LE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari sono un insieme di attività mediche, infermieristiche, riabilitative e socio-assistenziali erogate al domicilio del paziente in modo continuo ed integrato, secondo piani di intervento personalizzati che consentono all utente di essere curato nella propria casa. Vengono effettuate a domicilio le visite da parte del medico di famiglia, le prestazioni infermieristiche, le prestazioni specialistiche e l assistenza domiciliare da parte degli operatori socio-assistenziali del Comune o del Comprensorio. Il progetto di cure domiciliari, può realizzarsi solo con la disponibilità del medico di famiglia e con la collaborazione della persona e dei suoi famigliari che hanno un ruolo attivo nell assistenza con compiti definiti che accettano di condividere. Gli obiettivi delle cure domiciliari sono fornire al paziente le cure necessarie presso il proprio domicilio garantendo la continuità assistenziale, favorendo il recupero delle capacità di autonomia e relazione, migliorare la qualità della vita e sostenere i familiari nel percorso di cura trasmettendo loro eventuali competenze utili per una autonomia di intervento. A CHI SONO RIVOLTE Le cure domiciliari sono attivabili in tutti i distretti sanitari della provincia di Trento. Possono accedere tutti i residenti nella Provincia autonoma di Trento con bisogni sanitari senza limiti di età, che non sono in grado di recarsi personalmente presso l ambulatorio del medico e/o presso l ambulatorio infermieristico a causa di una malattia acuta o cronica, gravi deficit cognitivi, sensoriali motori condizioni abitative tali da rendere impossibile o molto difficile lo spostamento o il trasporto. LE DIVERSE FORME DI CURE DOMICILIARI Le forme di cure domiciliari attivabili sono: Assistenza Domiciliare Integrata che comprende la specializzazione Assistenza Domiciliare Integrata Cure Palliative; Assistenza Domiciliare Programmata; Assistenza Domiciliare Infermieristica; Intervento Occasionale dell infermiere a Domicilio. COME SI ACCEDE Per attivare una delle quattro tipologie di cure domiciliari è necessario rivolgersi 8

9 al medico curante che, in base ai bisogni dell utente farà richiesta per attivare la tipologia di assistenza più appropriata al distretto di riferimento. Tutte le prestazioni sanitarie erogate nelle diverse tipologie di cure domiciliari sono gratuite per l utente. Gli interventi dei servizi sociali domiciliari sono a pagamento ed hanno tariffe, determinate dal servizio sociale del Comune o del Comprensorio, che variano a seconda del reddito dell assistito. PER ALTRE INFORMAZIONI Rivolgersi all Unità Operativa di Assistenza Primaria del distretto agli indirizzi e al numero di telefono indicato ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA L assistenza domiciliare integrata è una forma di cura alternativa al ricovero ospedaliero, che consente alla persona di rimanere il più a lungo possibile nella propria casa, garantendo direttamente a domicilio l assistenza medica, specialistica, infermieristica e socio-assistenziale. Il termine assistenza integrata sta ad indicare che dietro ad ogni assistito vi è una peculiare e complessa organizzazione, un lavoro di rete che coordina ed integra le varie figure professionali (medici di famiglia, infermieri professionali, medici specialisti, operatori sociali) secondo le necessità rilevate. Il medico di famiglia individua, in collaborazione con il medico dell Unità operativa di Assistenza Primaria del distretto ed il coordinatore infermieristico territoriale, gli interventi sanitari necessari per ogni singolo caso. Il medico di famiglia ha la responsabilità clinica del paziente e il compito di coordinare tutte le figure impegnate nell assistenza. A CHI È RIVOLTA L assistenza domiciliare integrata è rivolta ai residenti nella Provincia Autonoma di Trento, senza limiti di età, con patologie severe, trattabili a domicilio, non autosufficienti che non sono in grado di recarsi personalmente presso l ambulatorio del medico e/o presso l ambulatorio infermieristico. Possono accedere alle cure domiciliari tipologia assistenza domiciliare integrata: i malati terminali; gli utenti con esiti derivanti da incidenti vascolari (es. ictus); gli utenti affetti da malattie progressivamente invalidanti; gli utenti affetti da forme psicotiche acute gravi; gli utenti con gravi fratture; gli utenti non autosufficienti e/o non deambulanti; gli utenti affetti da malattie acute temporaneamente invalidanti (forme respiratorie e cardiache gravi); gli utenti in dimissione protetta. 9

10 I requisiti necessari per accedere all assistenza domiciliare integrata sono: la disponibilità del medico di famiglia, la presenza di un valido supporto familiare e/o rete informale. Infatti, perchè questa forma di assistenza abbia successo è indispensabile la collaborazione attiva dei familiari, che entrano nel progetto con compiti semplici e specifici, concordati in modo preciso, al fine di consentire un assistenza più qualificata ed umana. COME SI ACCEDE Per accedere all assistenza domiciliare integrata è necessaria la richiesta del medico di famiglia. Il medico di famiglia, di fronte ad un paziente che necessita dell assistenza domiciliare integrata, ne chiede l attivazione alla unità operativa di Assistenza primaria del distretto. La segnalazione o la proposta possono giungere al distretto anche da parte del: medico ospedaliero; servizio sociale; servizio infermieristico territoriale; familiare; altro. In questo caso sarà cura del medico dell unità operativa di Assistenza primaria del distretto contattare il medico di famiglia per verificare congiuntamente la possibilità di attivazione dell assistenza domiciliare integrata. Il medico di famiglia è il solo che può chiedere l attivazione dell assistenza domiciliare integrata. Il medico di famiglia formula la richiesta di attivazione di assistenza domiciliare integrata su apposito modulo che trasmette alla segreteria dell unità operativa di Assistenza primaria del distretto. Alla richiesta segue la valutazione, che può avvenire anche a domicilio dell utente. In questo caso, oltre al medico di famiglia, al medico responsabile dell unità operativa di Assistenza primaria del distretto e al coordinatore infermieristico, partecipano alla valutazione anche i familiari. In presenza dei requisiti fondamentali si attiva l assistenza domiciliare integrata e si concorda con il medico di famiglia il piano individuale di assistenza. 10

11 COS È IL PIANO INDIVIDUALE DI ASSISTENZA O PAI? Il piano individuale di assistenza è il documento nel quale viene indicata la frequenza delle visite a domicilio del medico di famiglia, la frequenza e i compiti dell infermiere, gli obiettivi da raggiungere ed inoltre vengono indicate le attività da insegnare ai familiari utili per una autonomia di intervento. Il medico di famiglia è il responsabile clinico, coordina tutte le varie figure professionali che partecipano all erogazione dell assistenza, e se necessario, chiede la consulenza dei medici specialisti. TEMPO DI ATTIVAZIONE I tempi di risposta sono assicurati entro tre giorni lavorativi. COMPITI DEI FAMILIARI Alla famiglia viene di solito chiesto di: Identificare una persona referente per tutte le comunicazioni; Partecipare attivamente al progetto individualizzato di intervento; Conservare la scheda degli accessi. La scheda degli accessi, consegnata dal personale del distretto ai familiari, viene conservata a domicilio dell utente. Questa scheda va esibita al medico di famiglia ad ogni visita a domicilio. Nella scheda, il medico di famiglia annota la data dell accesso, le prestazioni che ha eseguito, gli esami chiesti ed ogni altra informazione utile per la continuità dell assistenza. PRESTAZIONI EROGATE IN ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Viene garantita l assistenza medica tutti i giorni 24 ore su 24, tramite il medico di famiglia dalle dal lunedì al venerdì e il medico di continuità assistenziale (guardia medica) dalle alle 8.00 tutti i giorni, nei prefestivi dalle 10.00, i festivi, il sabato e la domenica tutto il giorno. L assistenza infermieristica viene garantita tutti i giorni della settimana dalle ore 8.00 alle ore Vengono fornite, in relazione ai bisogni dell utente: visite a domicilio del Medico di Famiglia programmate (secondo le condizioni cliniche della persona); assistenza infermieristica domiciliare; assistenza alla persona: igiene, mobilizzazione, fornita dai servizi sociali su richiesta della famiglia; consulenze specialistiche a domicilio; fornitura di presidi (materasso antidecubiti, letto ortopedico,.); fornitura di ausili (es. cateteri, pannoloni,.); farmaci. 11

12 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CURE PALLIATIVE L assistenza domiciliare cure palliative è una particolare forma assistenziale dedicata agli utenti la cui malattia non risponde più a trattamenti specifici. L obiettivo delle cure palliative è il raggiungimento della migliore qualità di vita possibile per il malato e la famiglia. Questa forma di assistenza domiciliare è attivabile in tutto il Trentino. COME SI ACCEDE Per attivare questa forma di assistenza è necessaria la richiesta del medico curante di famiglia od ospedaliero. La richiesta di attivazione viene inoltrata all unità operativa di Assistenza primaria del distretto per la valutazione. Possono accedere tutti gli utenti, senza distinzione di età, la cui malattia non risponde più a nessuna terapia specifica. Gli utenti inseriti in questa forma di assistenza sono solitamente affetti da patologia tumorale o da patologie cronico-evolutiva. Questa forma di assistenza prevede interventi domiciliari del medico di famiglia, dell infermiere e di assistenza specialistica da parte del medico-palliativista. TEMPO DI RISPOSTA Tempo di risposta da 3 a 7 giorni a seconda dell urgenza, di solito entro 3 giorni. Prestazioni erogate in Assistenza Domiciliare Integrata Cure Palliative Assistenza medica domiciliare Dalle ore 8.00 alle ore dal lunedì al venerdì, l assistenza medica è fornita dal medico di famiglia. Dalle ore alle ore 8.00 dal lunedì al venerdì, nei giorni prefestivi e sabato dalle ore e nei giorni festivi e domenica tutto il giorno l assistenza medica è fornita dal medico di continuità assistenziale (guardia medica). Assistenza specialistica del medico palliativista L intervento del medico palliativista è concordato con il medico di famiglia. Prestazioni infermieristiche domiciliari L assistenza infermieristica è offerta tutti i giorni dalle 8.00 alle Supporto psicologico (su richiesta del medico) Ricovero nella struttura Hospice Supporto sociale e del volontariato (su richiesta della famiglia) In base alle necessità sono forniti direttamente i materiali di medicazione, gli ausili necessari per l assistenza e i farmaci per trattamenti urgenti. 12

13 HOSPICE L hospice è parte integrante della rete delle cure palliative, rappresenta un alternativa al ricovero ospedaliero per gli utenti in fase terminale per i quali non è possibile garantire un adeguata assistenza a domicilio. L hospice è attivo dal Hospice veduta È collocato vicino alla sede dell ospedale S. Giovanni di Mezzolombardo. La struttura è stata concepita come prolungamento della casa e quindi delle cure domiciliari quando queste non sono più possibili oppure quando è necessario dare sollievo temporaneo alla famiglia. L hospice è predisposto ad accogliere fino a n. 6 utenti in stanze singole. Per permettere ritmi di vita personali e autonomi e consentire la presenza di parenti e amici in qualsiasi momento, non è previsto limite di orario per le visite e i pasti. La degenza in hospice non può superare i due mesi. L hospice è dotato di personale infermieristico ed assistenziale dedicato, presente 24 ore su 24. È garantita l assistenza medica da parte dei medici delle cure palliative con il supporto dei medici di continuità assistenziale nelle ore notturne. È disponibile l assistenza psicologica e spirituale, secondo le necessità. Per l ammissione in hospice è necessaria la richiesta del medico di famiglia o del medico ospedaliero e il consenso dell utente. La richiesta va trasmessa all unità operativa di Assistenza primaria-cure domiciliari-cure palliative del distretto di Trento e Valle dei Laghi per la valutazione del medico del servizio Cure Palliative. L assistenza e la degenza in hospice sono gratuite. All interno delle residenze sanitarie assistenziali, secondo le modalità concordate tra la residenza sanitaria assistenziale e l unità operativa di Assistenza primaria del distretto, è possibile il trattamento di ospiti che necessitano di cure palliative. Interno di una stanza dell hospice 13

14 ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA L assistenza domiciliare programmata è una forma di assistenza fornita dal medico di famiglia al suo assistito, che non è in grado di uscire dalla propria abitazione e che, a causa della sua malattia, ha bisogno di controlli medici periodici (settimanale, quindicinale, mensile). La frequenza delle visite domiciliari è concordata tra il medico dell unità operativa di Assistenza primaria e il medico di famiglia in base ai bisogni sanitari dell utente. A CHI È RIVOLTA I destinatari dell assistenza domiciliare programmata sono persone, residenti nella Provincia autonoma di Trento, che non possono raggiungere l ambulatorio del medico di famiglia perché: non sono in grado di camminare (portatori di protesi agli arti inferiori che hanno grave difficoltà a camminare, grandi anziani con grave difficoltà a deambulare); non possono essere trasportati con mezzi comuni in ambulatorio (persona non autosufficiente; anziano abitante in un piano alto e senza ascensore); affetti da patologie che necessitano di controlli ravvicinati (persona con insufficienza respiratoria con limitazione funzionale, insufficienza cardiaca avanzata, paraplegia e tetraplegia, arteriopatia obliterante degli arti inferiori in stadio avanzato, gravi artropatie degli arti inferiori con limitazioni funzionali, cerebropatici e cerebrolesi con forme gravi). COME SI ACCEDE Si accede solo su richiesta del medico di famiglia. La richiesta di attivazione dell assistenza domiciliare programmata, con le informazioni utili a supportare l impossibilità dell utente a recarsi in ambulatorio e la proposta di periodicità degli accessi, viene formulata dal medico di famiglia e trasmessa all unità operativa di Assistenza primaria del distretto per la valutazione. Dopo valutazione positiva della richiesta da parte del medico dell unità operativa di Assistenza primaria del distretto, si attiva la forma di assistenza. COMPITI DEI FAMILIARI Viene chiesto all utente/famiglia di conservare e di consegnare, ad ogni visita del medico di famiglia, la scheda degli accessi consegnata dal distretto. Nella scheda degli accessi vengono annotate le condizioni cliniche, la terapia, gli esami chiesti e le visite specialistiche, le prestazioni effettuate. TEMPO DI RISPOSTA Tempo di risposta: massimo 15 giorni. 14

15 ASSISTENZA DOMICILIARE INFERMIERISTICA Questa forma di assistenza prevede l erogazione a domicilio di prestazioni infermieristiche. A CHI È RIVOLTA L assistenza domiciliare infermieristica può essere chiesta per pazienti che necessitano di interventi di complessità media e medio-bassa, incapaci di recarsi personalmente presso l ambulatorio infermieristico per impossibilità permanente a deambulare ed ad essere trasportati in ambulatorio con mezzi comuni. COME SI ACCEDE L attivazione del servizio avviene su richiesta del medico di famiglia. La richiesta di attivazione dell assistenza domiciliare infermieristica viene formulata sul ricettario del Servizio Sanitario Provinciale (ricettario rosso) dal medico di famiglia e inoltrata all unità operativa di Assistenza primaria del distretto. La richiesta deve contenere le informazioni sul tipo di prestazioni necessarie, la frequenza degli interventi e per quanto tempo. La richiesta viene valutata dal medico dell unità operativa di Assistenza primaria o dal coordinatore del servizio infermieristico territoriale del distretto e, se ritenuta appropriata, viene attivata l assistenza domiciliare infermieristica. Tutte le prestazioni sanitarie erogate nelle diverse tipologie di cure domiciliari sono gratuite per l utente. TEMPO DI RISPOSTA I tempi di risposta sono individuati in linea di massima in cinque giorni. Possono essere previsti tempi maggiori in caso di attività programmate. ASSISTENZA INFERMIERISTICA OCCASIONALE Questa forma di assistenza domiciliare prevede l erogazione di prestazioni infermieristiche episodiche senza carattere di continuità né presa in carico del paziente. A CHI È RIVOLTA Può essere attivabile per tutte le persone che non sono in grado di recarsi all ambulatorio infermieristico per malattie che impediscono l accesso temporaneo o permanente (persone con fratture, anziani con gravi problemi di deambulazione ). 15

16 COME SI ACCEDE L attivazione del servizio avviene su richiesta del medico di famiglia. Per attivare questa forma di cure domiciliari è necessaria la richiesta del medico di famiglia come prescrizione sul ricettario Servizio Sanitario Provinciale (ricettario rosso). Nella richiesta il medico specifica il tipo di prestazione necessaria. L utente o un familiare, con la richiesta del medico di famiglia, si rivolge al Servizio infermieristico territoriale del distretto, per l erogazione delle prestazioni richieste. Alcuni esempi di prestazioni infermieristiche erogabili in questa forma di assistenza sono: medicazioni, prelievo del sangue, iniezioni intramuscolo. TEMPO DI RISPOSTA I tempi di risposta, compatibilmente con l organizzazione delle attività, sono di solito entro cinque giorni. Come per tutte le altre forme di cure domiciliari anche in questa forma di cure domiciliari le prestazioni sanitarie sono gratuite per l utente. SERVIZIO INFERMIERISTICO AMBULATORIALE Le persone ambulabili possono recarsi presso gli ambulatori infermieristici negli orari di apertura per le prestazioni prescritte dal medico curante quali medicazioni, terapie iniettabili, addestramento per controlli della pressione arteriosa e glicemia. L ambulatorio infermieristico territoriale è il luogo dove il cittadino si rivolge per ricevere: prestazioni infermieristiche in applicazione a prescrizioni diagnostiche terapeutiche che solitamente riguardano una fase clinica acuta della persona prestazioni infermieristiche, che in caso di situazioni ad andamento cronico, sono finalizzate ad insegnare le modalità per gestire in modo autonomo terapia, cura, e automonitoraggio dei parametri. L infermiere, come a domicilio, garantisce il proprio intervento finalizzandolo prioritariamente all insegnamento alla persona, valorizzandone le risorse personali e familiari. L infermiere è disponibile inoltre a dare informazioni sulla tipologia dei servizi attivabili a domicilio. Gli orari degli ambulatori infermieristici sono soggetti a variazioni e possono essere richiesti al medico curante o alla segreteria del servizio. 16

17 SEDI DELLE UNITÀ OPERATIVE DI ASSISTENZA PRIMARIA E DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO TERRITORIALE Cavalese DISTRETTI FIEMME E LADINO DI FASSA CAVALESE (TN) Via Dossi, 17 dal Lunedì al Venerdì Telefono: (Cavalese) (Pozza di Fassa) / (Predazzo) Fax: (Cavalese) Tonadico DISTRETTO DI PRIMIERO TONADICO (TN) Via Roma,1 Cure Domiciliari dal Lunedì al Venerdì Telefono: Fax:

18 SEDI DELLE UNITÀ OPERATIVE DI ASSISTENZA PRIMARIA E DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO TERRITORIALE DISTRETTO DI BASSA VALSUGANA E TESINO BORGO VALSUGANA (TN) Borgo Valsugana Corso Vicenza,9 Cure Domiciliari dal Lunedì al Venerdì Telefono: Fax: DISTRETTO DI ALTA VALSUGANA PERGINE (TN) Pergine Via S.Pietro,2 - dal Lunedì al Venerdì Telefono: (centralino) Fax:

19 SEDI DELLE UNITÀ OPERATIVE DI ASSISTENZA PRIMARIA E DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO TERRITORIALE DISTRETTO DI TRENTO, VALLE DEI LAGHI, ROTALIANA, PAGANELLA E CEMBRA TRENTO Trento Corso 3 Novembre, 36 c/o Cure Domiciliari dal Lunedì al Venerdì Telefono: / (Trento) / (Mezzolombardo) (Lavis) (Cembra) Fax: Cure palliative: Fax: Cles DISTRETTO DI VALLE DI NON CLES (TN) Viale Degasperi, 54 dal Lunedì al Venerdì Telefono: Fax:

20 SEDI DELLE UNITÀ OPERATIVE DI ASSISTENZA PRIMARIA E DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO TERRITORIALE Malè DISTRETTO DI VALLE DI SOLE MALÈ (TN) Via IV Novembre, 8 dal Lunedì al Venerdì / Telefono: Fax: DISTRETTO DI GIUDICARIE E RENDENA TIONE (TN) Tione Via Trento, 15 dal Lunedì al Venerdì / Telefono: Fax:

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana Paganella e Cembra Centro Servizi Sanitari 38100 Trento - U.O. DI ASSISTENZA PRIMARIA CARTA DEL SERVIZIO CURE

Dettagli

ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE

ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE SERVIZIO PERSONALE DELLA SCUOLA E ATTIVITA' CONTABILI - Ufficio Reclutamento e gestione disciplinare personale della scuola - ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA

Dettagli

Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra*

Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra* Marzo 2014 Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra* (15 Censimento generale della e delle abitazioni - dati definitivi)

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Sezione B - elenco provinciale del volontariato di protezione civile - art.49 L.P.9/2011. Pagina 1

Sezione B - elenco provinciale del volontariato di protezione civile - art.49 L.P.9/2011. Pagina 1 SEZIONE ELENCO INDIRIZZO SEDE TELEFONO RAGIONE SOCIALE LEGALE CAP CITTÁ CODICE FISCALE SEDE FAX SEDE E-MAIL PEC CORPO DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DEL CONSORZIO DI B PRIMIERO V.LE PIAVE, 85 38054 TRANSACQUA

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO PER GLI ANNI SCOLASTICI 2014/ 2017

ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO PER GLI ANNI SCOLASTICI 2014/ 2017 icir_tn-17/06/2014-0003064 - Allegato Utente 2 (A02) Allegato parte integrante ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2 Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007 Servizio di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Distretto socio sanitario n. 2 Direttore: dott. Carmine Capaldo Coordinatore: AFD Giovanni Righetti Sede principale DOMEGLIARA,

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH GEMEINDEN

COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH GEMEINDEN COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH N COMUNE/ ELETTORI ISCRITTI EINGETRA- GENE WÄHLER VOTANTI ABSTIMMENDE 1 ALA 5722 4618 80.71 109 2.57

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

REGIONE CALABRIA ASP _

REGIONE CALABRIA ASP _ SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI REGIONE CALABRIA ASP _ _ _ Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale da compilare dal richiedente/familiare o persona

Dettagli

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Estratto dell'elenco provinciale del volontariato di protezione civile - legge provinciale 1 luglio 2011, n.9, art.49 SEZIONE B

Estratto dell'elenco provinciale del volontariato di protezione civile - legge provinciale 1 luglio 2011, n.9, art.49 SEZIONE B SEZIONE SEZIONE ELENCO RAGIONE SOCIALE INDIRIZZO SEDE LEGALE CAP CITTÁ CODICE FISCALE TELEFONO SEDE FAX SEDE E-MAIL PEC VOLONTARI DEL CONSORZIO DI PRIMIERO V.LE PIAVE, 85 38054 TRANSACQUA 81004670220 0439762666

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Il servizio di Cure Palliative

Il servizio di Cure Palliative TAVOLA ROTONDA: LA RETE DEI SERVIZI Il servizio di Cure Palliative Alessandro.Fedrizzi@apss.tn.it Servizio cure palliative UOAP Distretto della Vallagarina (Trento) 1 LE CURE PALLIATIVE SONO. 2 Le CP sono

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI Carpi 21 MAGGIO 2011 Vilma Culpo S.A.D.I. Definizione O.M.S. L'assistenza domiciliare è la possibilità di fornire a domicilio del paziente quei

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio Comune di Delebio Provincia di Sondrio Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale CONVEGNO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO, PROGRAMMI DI VALUTAZIONE ESTERNA E SICUREZZA DEL PAZIENTE Roma, 7-8 marzo 2011 Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA L anno, addi. del mese di in. presso. fra l partita IVA/codice fiscale

Dettagli

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale dott. Daniele Donato ULSS 16 Padova Regione Veneto 27 giugno 2008 - Precenicco Premesse-1 Transizione Demografica Maschi Italia 2005

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 3 del 23 maggio 2013. Servizio di Assistenza Domiciliare Azienda Ulss 22

Carta dei Servizi rev. 3 del 23 maggio 2013. Servizio di Assistenza Domiciliare Azienda Ulss 22 Carta dei Servizi rev. 3 del 23 maggio 2013 Servizio di AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Direttore di Distretto socio sanitario: dott. Carmine Capaldo Direttore unità operativa Cure Primarie: dott. Ermanno

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02)

F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) BANDO PER L AMMISSIONE ALLA CONVENZIONE PER LO SCARICO IN FOGNATURA DEI REFLUI DELLE P.M.I. AGROALIMENTARI, secondo quanto previsto dalla deliberazione

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI CRITERI E MODALITÀ DI AMMISSIONE A TEMPO PROLUNGATO SUI POSTI DI CASA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvato

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Regolamento Servizio Assistenza

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

F24 IMIS, TARSU/TARIFFA, TOSAP/COSAP,

F24 IMIS, TARSU/TARIFFA, TOSAP/COSAP, CODICE CATASTALE CODICE TRIBUTO DATA ATTIVAZIONE (AAAA/MM/GG) TIPO TRIBUTO DENOMINAZIONE COMUNE A116 3990 2015/06/01 IMIS ALA A116 3991 2015/06/01 IMIS ALA A116 3992 2015/06/01 IMIS ALA A116 3993 2015/06/01

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE COMUNE DI CORBOLA Provincia di Rovigo Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE (S.A.D.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 12.04.2010

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo.

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo. Carta dei FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG www.operasancamillo.net HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti 1 di 18

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e 2014.

Dettagli

REGIONE CALABRlA ASP CROTONE

REGIONE CALABRlA ASP CROTONE REGIONE CALABRlA ASP CROTONE Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte sanitaria da compilare da parte del medico proponente)...."....... Dati dell'assistito per il quale si richiede

Dettagli