CURE DOMICILIARI. Unità Valutativa Multidisciplinare Residenza Sanitaria Assistenziale. informazioni per il cittadino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURE DOMICILIARI. Unità Valutativa Multidisciplinare Residenza Sanitaria Assistenziale. informazioni per il cittadino"

Transcript

1 CURE DOMICILIARI Unità Valutativa Multidisciplinare Residenza Sanitaria Assistenziale informazioni per il cittadino 1

2 2 Copertina: Marco Z. anni 7

3 INDICE PREMESSA 7 Cosa sono le cure domiciliari 8 A chi sono rivolte 8 Le diverse forme di cure domiciliari 8 Come si accede 8 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 9 A chi è rivolta 9 Cos è il piano individuale di assistenza o PAI? 11 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CURE PALLIATIVE 12 Come si accede 12 Tempo di risposta 12 HOSPICE 13 ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA 14 Come si accede 14 Compiti dei familiari 14 Tempo di risposta 14 ASSISTENZA DOMICILIARE INFERMIERISTICA 15 A chi è rivolta 15 Come si accede 15 Tempo di risposta 15 ASSISTENZA INFERMIERISTICA OCCASIONALE 15 A chi è rivolta 15 Come si accede 16 Tempo di risposta 16 SERVIZIO INFERMIERISTICO AMBULATORIALE 16 Sedi delle Unità Operative di Assistenza Primaria e del Servizio infermieristico territoriale 17 Distretti Fiemme e Ladino di Fassa 17 Distretto di Primiero 17 Distretto di Bassa Valsugana e Tesino 18 Distretto di Alta Valsugana 18 Distretto di Trento, Valle dei Laghi, Rotaliana, Paganella e Cembra 19 Distretto di Valle di Non 19 Distretto di Valle di Sole 20 Distretto di Giudicarie e Rendena 20 Distretto di Alto Garda e Ledro 21 Distretto di Vallagarina 21 AMBULATORI INFERMIERISTICI 22 Distretti Fiemme e Ladino di Fassa 22 Distretto di Primiero 22 Distretto Bassa Valsugana e Tesino 23 Distretto Alta Valsugana 24 Distretto Trento, Valle dei Laghi, Rotaliana, Paganella e Cembra 25 Distretto Valle di Non 26 Distretto Valle di Sole 28 Distretto Giudicarie e Rendena 29 Distretto Alto Garda e Ledro 30 Distretto Vallagarina 31 L UNITÀ VALUTATIVA MULTIDISCIPLINARE 32 Che cos è 32 Chi puo accedere 32 Come si accede 33 Tempi di convocazione 33 Composizione 35 La scheda di valutazione multidimensionale 35 Funzioni della unita valutativa multidisciplinare 35 Progetto di intervento 35 Percorso UVM 37 SEDI DELLE SEGRETERIE DELLE UNITÀ VALUTATIVE MULTIDISCIPLINARI 38 Distretti Fiemme e Ladino di Fassa 38 Distretto di Primiero 38 Distretto di Bassa Valsugana e Tesino 39 Distretto Alta Valsugana 39 Distretto Trento, Valle dei Laghi, Rotaliana, Paganella e Cembra 40 Distretto di Valle di Non 40 Distretto di Valle di Sole 41 Distretto di Giudicarie e Rendena 41 Distretto di Alto Garda e Ledro 42 Distretto di Vallagarina 42 RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE 43 Che cos è 43 Dove si trovano le residenze sanitarie assistenziali 44 Chi puo accedere 45 Come si accede 45 Tempo di degenza nella struttura 46 Prestazioni 47 Posti letto di sollievo 47 Chi puo accedere 47 Come si accede 47 Tempo di permanenza 47 Glossario 50

4

5 PREFAZIONE Le cure domiciliari sono un servizio sempre più importante e questo per vari motivi; da una parte l invecchiamento della popolazione e il moltiplicarsi, di conseguenza, delle malattie cronico-degenerative ad esso legate, e dall altra la convinzione che, laddove possibile, evitare l ospedalizzazione e quindi dare la possibilità alla persona di vivere nella propria casa, sia importante al fine della qualità della vita del cittadino-paziente. Proprio per la loro importanza le cure domiciliari devono perciò essere sempre più al centro dell attenzione della sanità pubblica, di chi la gestisce e la governa ma anche di chi la fruisce; questo vuol dire che anche i cittadini singoli e associati sono chiamati a partecipare e dare il loro contributo per il miglioramento del sistema delle cure domiciliari. Tale contributo può esplicitarsi in varie forme, come dimostra l esperienza che ha dato origine a questo documento: da una parte i cittadini e le associazioni che li rappresentano possono contribuire attivamente a forme di valutazione (il controllo condiviso) dei processi messi in essere dall Azienda sanitaria e assieme agli operatori condividere azioni di miglioramento che tengano conto anche del punto di vista del cittadino (e questo documento è un esempio significativo e tangibile di tali azioni). Dall altra possono contribuire a promuovere una informazione corretta sul servizio presso gli altri associati o presso i cittadini che si riferiscono alle associazioni facendo così rete capace di raggiungere molti più cittadini e in modo più efficace. Questo documento nasce proprio con questi obiettivi, informare in modo completo ma comprensibile i cittadini sulle caratteristiche del sistema delle cure domiciliari in Trentino, per dare la possibilità di comprendere meglio quali sono e come si utilizzano tali servizi e promuovere nel contempo anche una corresponsabilizzazione che costituisce il primo e importante passo verso un miglioramento dei servizi che tenga effettivamente conto delle necessità e aspettative legittime dei cittadini stessi. Franco Debiasi, Direttore Generale facente funzioni Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento

6 INTRODUZIONE Questo documento nasce nell ambito del progetto del controllo condiviso dei processi assistenziali e tecnico-amministrativi dell Uvm e dell Adi promosso dall Azienda sanitaria in collaborazione con alcune associazioni di volontariato della Provincia Autonoma di Trento. Il percorso che ha portato alla redazione e pubblicazione del documento è stato lungo e arricchito da molte e puntuali osservazioni e proposte formulate dalle parti interessate, operatori e associazioni di volontariato, in incontri assai frequenti e molto costruttivi. In particolare il percorso è iniziato con la individuazione delle associazioni di volontariato potenzialmente interessate a partecipare al controllo condiviso, è continuato con l organizzazione di incontri congiunti sulle tematiche individuate attraverso una griglia di aiuto alla valutazione e si è concluso con la redazione di un rapporto che è stato condiviso e approvato da tutti i partecipanti. Tale rapporto segnalava varie azioni ritenute da sviluppare al fine di una ottimizzazione dei processi in esame e in particolare fra le azioni prioritarie da sviluppare individuava quella riguardante la comunicazione e l informazione dei cittadini sulle tematiche delle cure domiciliari. In seguito a questa sollecitazione è stato quindi predisposto il presente documento che a sua volta, seguendo e continuando la filosofia della iniziativa, è stato condiviso con il gruppo di associazioni che avevano partecipato attivamente alla redazione del rapporto. Tali associazioni hanno contribuito con osservazioni, proposte e suggerimenti e per questo si può dire che questo opuscolo è frutto di un lavoro nel quale ogni soggetto coinvolto ha portato il proprio punto di vista e le proprie sensibilità il tutto finalizzato al miglioramento e alla fruibilità del documento. 1 Il controllo condiviso è una attività che l Azienda Provinciale ha previsto nel proprio Piano di sviluppo strategico: il controllo dei processi e delle attività svolte è il terzo elemento che chiude il cerchio iniziato con la pianificazione. Secondo la definizione proposta dall ISO, il concetto di controllo ha un duplice significato e comprende non solo le attività di ispezione e di verifica su quanto viene svolto, ma anche le attività che consentono di governare e di guidare i processi stessi. Il controllo ha quindi un duplice scopo: a) dare garanzia che quanto viene fatto è conforme a quanto doveva essere fatto; b) intervenire nel caso fosse necessario correggere la rotta. Il controllo non può quindi essere lasciato solo al momento della misurazione finale dei 2 Associazioni coinvolte: Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale - Trento AISM - Rovereto Anmil/Anmic - Trento Associazione Alzheimer - Trento Associazione per la tutela dei diabetici della Vallagarina - Rovereto Cisl-pensionati Trento/Rovereto/Cavalese/Borgo Valsugana/Pergine Valsugana/Mezzano/Tione/Riva del Garda Associazione Filorosso - Lavis Uil-pensionati Trento/Gardolo di Trento Lega Tumori Trentina - Trento ADA - Trento risultati, ma deve essere svolto lungo tutto il fluire dei processi. I meccanismi di controllo possono essere attivati sia dall interno dell organizzazione che dall esterno: entrambi hanno potenziali pregi e difetti. Il controllo interno è più dettagliato e costante, ma corre il rischio dell autoreferenzialità: è più utile per governare i processi e meno per dare garanzie alle parti interessate. Al contrario, il controllo esterno è più oggettivo, ma è saltuario e rischia di non cogliere aspetti importanti riconoscibili solo dall interno: è quindi più utile per rendere conto alle parti interessate dell attività svolta e meno per intervenire sui processi aziendali. Una forma del tutto particolare è il controllo condiviso con i cittadini che si sta sperimentando in questi anni. Fap-Acli - Trento Avulss (referente provinciale) - Trento Tribunale Diritti Malato - Riva del Garda Comunità Handicap - Stenico Cooperativa HandiCREA - Trento Admo - Trento Associazione Agorà - Trento Associazione Parkinson - Trento A.N.T. AMICI DELLA NEONATOLOGIA TRENTINA - Trento Alir- Associazione Lotta all Insufficienza Respiratoria - Trento Tribunale Diritti Malato Pergine/Trento/Cavalese Anmic - Trento

7 PREMESSA Negli ultimi anni nella Provincia Autonoma di Trento, come del resto in Italia, si è assistito ad un mutamento del profilo demografico. La diminuzione della mortalità infantile, insieme alla diminuzione delle nascite, al miglioramento delle condizioni di vita e dell assistenza sanitaria, hanno portato ad un prolungamento delle aspettative di vita della popolazione e suo conseguente invecchiamento. Con l invecchiamento della popolazione sono aumentate le persone con malattie croniche. La casa come luogo di cura è un ambiente privilegiato dove il malato può mantenere abitudini e ritmi di vita propri e il legame con le proprie cose e con i propri familiari, amici e ambiente. Lo stato di benessere o di malessere di una persona è determinato dallo stato fisico (assenza di dolore, malattia, ), dallo stato mentale, relazionale, sociale e spirituale. La valutazione multidimensionale indaga le diverse dimensioni che concorrono a determinare lo stato di benessere/malessere di una persona e individua un programma assistenziale personalizzato che risponde ai bisogni della persona. La valutazione multidimensionale viene effettuata attraverso la Unità di Valutazione Multidisciplinare, attivata in tutti i distretti sanitari della provincia. 7

8 COSA SONO LE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari sono un insieme di attività mediche, infermieristiche, riabilitative e socio-assistenziali erogate al domicilio del paziente in modo continuo ed integrato, secondo piani di intervento personalizzati che consentono all utente di essere curato nella propria casa. Vengono effettuate a domicilio le visite da parte del medico di famiglia, le prestazioni infermieristiche, le prestazioni specialistiche e l assistenza domiciliare da parte degli operatori socio-assistenziali del Comune o del Comprensorio. Il progetto di cure domiciliari, può realizzarsi solo con la disponibilità del medico di famiglia e con la collaborazione della persona e dei suoi famigliari che hanno un ruolo attivo nell assistenza con compiti definiti che accettano di condividere. Gli obiettivi delle cure domiciliari sono fornire al paziente le cure necessarie presso il proprio domicilio garantendo la continuità assistenziale, favorendo il recupero delle capacità di autonomia e relazione, migliorare la qualità della vita e sostenere i familiari nel percorso di cura trasmettendo loro eventuali competenze utili per una autonomia di intervento. A CHI SONO RIVOLTE Le cure domiciliari sono attivabili in tutti i distretti sanitari della provincia di Trento. Possono accedere tutti i residenti nella Provincia autonoma di Trento con bisogni sanitari senza limiti di età, che non sono in grado di recarsi personalmente presso l ambulatorio del medico e/o presso l ambulatorio infermieristico a causa di una malattia acuta o cronica, gravi deficit cognitivi, sensoriali motori condizioni abitative tali da rendere impossibile o molto difficile lo spostamento o il trasporto. LE DIVERSE FORME DI CURE DOMICILIARI Le forme di cure domiciliari attivabili sono: Assistenza Domiciliare Integrata che comprende la specializzazione Assistenza Domiciliare Integrata Cure Palliative; Assistenza Domiciliare Programmata; Assistenza Domiciliare Infermieristica; Intervento Occasionale dell infermiere a Domicilio. COME SI ACCEDE Per attivare una delle quattro tipologie di cure domiciliari è necessario rivolgersi 8

9 al medico curante che, in base ai bisogni dell utente farà richiesta per attivare la tipologia di assistenza più appropriata al distretto di riferimento. Tutte le prestazioni sanitarie erogate nelle diverse tipologie di cure domiciliari sono gratuite per l utente. Gli interventi dei servizi sociali domiciliari sono a pagamento ed hanno tariffe, determinate dal servizio sociale del Comune o del Comprensorio, che variano a seconda del reddito dell assistito. PER ALTRE INFORMAZIONI Rivolgersi all Unità Operativa di Assistenza Primaria del distretto agli indirizzi e al numero di telefono indicato ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA L assistenza domiciliare integrata è una forma di cura alternativa al ricovero ospedaliero, che consente alla persona di rimanere il più a lungo possibile nella propria casa, garantendo direttamente a domicilio l assistenza medica, specialistica, infermieristica e socio-assistenziale. Il termine assistenza integrata sta ad indicare che dietro ad ogni assistito vi è una peculiare e complessa organizzazione, un lavoro di rete che coordina ed integra le varie figure professionali (medici di famiglia, infermieri professionali, medici specialisti, operatori sociali) secondo le necessità rilevate. Il medico di famiglia individua, in collaborazione con il medico dell Unità operativa di Assistenza Primaria del distretto ed il coordinatore infermieristico territoriale, gli interventi sanitari necessari per ogni singolo caso. Il medico di famiglia ha la responsabilità clinica del paziente e il compito di coordinare tutte le figure impegnate nell assistenza. A CHI È RIVOLTA L assistenza domiciliare integrata è rivolta ai residenti nella Provincia Autonoma di Trento, senza limiti di età, con patologie severe, trattabili a domicilio, non autosufficienti che non sono in grado di recarsi personalmente presso l ambulatorio del medico e/o presso l ambulatorio infermieristico. Possono accedere alle cure domiciliari tipologia assistenza domiciliare integrata: i malati terminali; gli utenti con esiti derivanti da incidenti vascolari (es. ictus); gli utenti affetti da malattie progressivamente invalidanti; gli utenti affetti da forme psicotiche acute gravi; gli utenti con gravi fratture; gli utenti non autosufficienti e/o non deambulanti; gli utenti affetti da malattie acute temporaneamente invalidanti (forme respiratorie e cardiache gravi); gli utenti in dimissione protetta. 9

10 I requisiti necessari per accedere all assistenza domiciliare integrata sono: la disponibilità del medico di famiglia, la presenza di un valido supporto familiare e/o rete informale. Infatti, perchè questa forma di assistenza abbia successo è indispensabile la collaborazione attiva dei familiari, che entrano nel progetto con compiti semplici e specifici, concordati in modo preciso, al fine di consentire un assistenza più qualificata ed umana. COME SI ACCEDE Per accedere all assistenza domiciliare integrata è necessaria la richiesta del medico di famiglia. Il medico di famiglia, di fronte ad un paziente che necessita dell assistenza domiciliare integrata, ne chiede l attivazione alla unità operativa di Assistenza primaria del distretto. La segnalazione o la proposta possono giungere al distretto anche da parte del: medico ospedaliero; servizio sociale; servizio infermieristico territoriale; familiare; altro. In questo caso sarà cura del medico dell unità operativa di Assistenza primaria del distretto contattare il medico di famiglia per verificare congiuntamente la possibilità di attivazione dell assistenza domiciliare integrata. Il medico di famiglia è il solo che può chiedere l attivazione dell assistenza domiciliare integrata. Il medico di famiglia formula la richiesta di attivazione di assistenza domiciliare integrata su apposito modulo che trasmette alla segreteria dell unità operativa di Assistenza primaria del distretto. Alla richiesta segue la valutazione, che può avvenire anche a domicilio dell utente. In questo caso, oltre al medico di famiglia, al medico responsabile dell unità operativa di Assistenza primaria del distretto e al coordinatore infermieristico, partecipano alla valutazione anche i familiari. In presenza dei requisiti fondamentali si attiva l assistenza domiciliare integrata e si concorda con il medico di famiglia il piano individuale di assistenza. 10

11 COS È IL PIANO INDIVIDUALE DI ASSISTENZA O PAI? Il piano individuale di assistenza è il documento nel quale viene indicata la frequenza delle visite a domicilio del medico di famiglia, la frequenza e i compiti dell infermiere, gli obiettivi da raggiungere ed inoltre vengono indicate le attività da insegnare ai familiari utili per una autonomia di intervento. Il medico di famiglia è il responsabile clinico, coordina tutte le varie figure professionali che partecipano all erogazione dell assistenza, e se necessario, chiede la consulenza dei medici specialisti. TEMPO DI ATTIVAZIONE I tempi di risposta sono assicurati entro tre giorni lavorativi. COMPITI DEI FAMILIARI Alla famiglia viene di solito chiesto di: Identificare una persona referente per tutte le comunicazioni; Partecipare attivamente al progetto individualizzato di intervento; Conservare la scheda degli accessi. La scheda degli accessi, consegnata dal personale del distretto ai familiari, viene conservata a domicilio dell utente. Questa scheda va esibita al medico di famiglia ad ogni visita a domicilio. Nella scheda, il medico di famiglia annota la data dell accesso, le prestazioni che ha eseguito, gli esami chiesti ed ogni altra informazione utile per la continuità dell assistenza. PRESTAZIONI EROGATE IN ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Viene garantita l assistenza medica tutti i giorni 24 ore su 24, tramite il medico di famiglia dalle dal lunedì al venerdì e il medico di continuità assistenziale (guardia medica) dalle alle 8.00 tutti i giorni, nei prefestivi dalle 10.00, i festivi, il sabato e la domenica tutto il giorno. L assistenza infermieristica viene garantita tutti i giorni della settimana dalle ore 8.00 alle ore Vengono fornite, in relazione ai bisogni dell utente: visite a domicilio del Medico di Famiglia programmate (secondo le condizioni cliniche della persona); assistenza infermieristica domiciliare; assistenza alla persona: igiene, mobilizzazione, fornita dai servizi sociali su richiesta della famiglia; consulenze specialistiche a domicilio; fornitura di presidi (materasso antidecubiti, letto ortopedico,.); fornitura di ausili (es. cateteri, pannoloni,.); farmaci. 11

12 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CURE PALLIATIVE L assistenza domiciliare cure palliative è una particolare forma assistenziale dedicata agli utenti la cui malattia non risponde più a trattamenti specifici. L obiettivo delle cure palliative è il raggiungimento della migliore qualità di vita possibile per il malato e la famiglia. Questa forma di assistenza domiciliare è attivabile in tutto il Trentino. COME SI ACCEDE Per attivare questa forma di assistenza è necessaria la richiesta del medico curante di famiglia od ospedaliero. La richiesta di attivazione viene inoltrata all unità operativa di Assistenza primaria del distretto per la valutazione. Possono accedere tutti gli utenti, senza distinzione di età, la cui malattia non risponde più a nessuna terapia specifica. Gli utenti inseriti in questa forma di assistenza sono solitamente affetti da patologia tumorale o da patologie cronico-evolutiva. Questa forma di assistenza prevede interventi domiciliari del medico di famiglia, dell infermiere e di assistenza specialistica da parte del medico-palliativista. TEMPO DI RISPOSTA Tempo di risposta da 3 a 7 giorni a seconda dell urgenza, di solito entro 3 giorni. Prestazioni erogate in Assistenza Domiciliare Integrata Cure Palliative Assistenza medica domiciliare Dalle ore 8.00 alle ore dal lunedì al venerdì, l assistenza medica è fornita dal medico di famiglia. Dalle ore alle ore 8.00 dal lunedì al venerdì, nei giorni prefestivi e sabato dalle ore e nei giorni festivi e domenica tutto il giorno l assistenza medica è fornita dal medico di continuità assistenziale (guardia medica). Assistenza specialistica del medico palliativista L intervento del medico palliativista è concordato con il medico di famiglia. Prestazioni infermieristiche domiciliari L assistenza infermieristica è offerta tutti i giorni dalle 8.00 alle Supporto psicologico (su richiesta del medico) Ricovero nella struttura Hospice Supporto sociale e del volontariato (su richiesta della famiglia) In base alle necessità sono forniti direttamente i materiali di medicazione, gli ausili necessari per l assistenza e i farmaci per trattamenti urgenti. 12

13 HOSPICE L hospice è parte integrante della rete delle cure palliative, rappresenta un alternativa al ricovero ospedaliero per gli utenti in fase terminale per i quali non è possibile garantire un adeguata assistenza a domicilio. L hospice è attivo dal Hospice veduta È collocato vicino alla sede dell ospedale S. Giovanni di Mezzolombardo. La struttura è stata concepita come prolungamento della casa e quindi delle cure domiciliari quando queste non sono più possibili oppure quando è necessario dare sollievo temporaneo alla famiglia. L hospice è predisposto ad accogliere fino a n. 6 utenti in stanze singole. Per permettere ritmi di vita personali e autonomi e consentire la presenza di parenti e amici in qualsiasi momento, non è previsto limite di orario per le visite e i pasti. La degenza in hospice non può superare i due mesi. L hospice è dotato di personale infermieristico ed assistenziale dedicato, presente 24 ore su 24. È garantita l assistenza medica da parte dei medici delle cure palliative con il supporto dei medici di continuità assistenziale nelle ore notturne. È disponibile l assistenza psicologica e spirituale, secondo le necessità. Per l ammissione in hospice è necessaria la richiesta del medico di famiglia o del medico ospedaliero e il consenso dell utente. La richiesta va trasmessa all unità operativa di Assistenza primaria-cure domiciliari-cure palliative del distretto di Trento e Valle dei Laghi per la valutazione del medico del servizio Cure Palliative. L assistenza e la degenza in hospice sono gratuite. All interno delle residenze sanitarie assistenziali, secondo le modalità concordate tra la residenza sanitaria assistenziale e l unità operativa di Assistenza primaria del distretto, è possibile il trattamento di ospiti che necessitano di cure palliative. Interno di una stanza dell hospice 13

14 ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA L assistenza domiciliare programmata è una forma di assistenza fornita dal medico di famiglia al suo assistito, che non è in grado di uscire dalla propria abitazione e che, a causa della sua malattia, ha bisogno di controlli medici periodici (settimanale, quindicinale, mensile). La frequenza delle visite domiciliari è concordata tra il medico dell unità operativa di Assistenza primaria e il medico di famiglia in base ai bisogni sanitari dell utente. A CHI È RIVOLTA I destinatari dell assistenza domiciliare programmata sono persone, residenti nella Provincia autonoma di Trento, che non possono raggiungere l ambulatorio del medico di famiglia perché: non sono in grado di camminare (portatori di protesi agli arti inferiori che hanno grave difficoltà a camminare, grandi anziani con grave difficoltà a deambulare); non possono essere trasportati con mezzi comuni in ambulatorio (persona non autosufficiente; anziano abitante in un piano alto e senza ascensore); affetti da patologie che necessitano di controlli ravvicinati (persona con insufficienza respiratoria con limitazione funzionale, insufficienza cardiaca avanzata, paraplegia e tetraplegia, arteriopatia obliterante degli arti inferiori in stadio avanzato, gravi artropatie degli arti inferiori con limitazioni funzionali, cerebropatici e cerebrolesi con forme gravi). COME SI ACCEDE Si accede solo su richiesta del medico di famiglia. La richiesta di attivazione dell assistenza domiciliare programmata, con le informazioni utili a supportare l impossibilità dell utente a recarsi in ambulatorio e la proposta di periodicità degli accessi, viene formulata dal medico di famiglia e trasmessa all unità operativa di Assistenza primaria del distretto per la valutazione. Dopo valutazione positiva della richiesta da parte del medico dell unità operativa di Assistenza primaria del distretto, si attiva la forma di assistenza. COMPITI DEI FAMILIARI Viene chiesto all utente/famiglia di conservare e di consegnare, ad ogni visita del medico di famiglia, la scheda degli accessi consegnata dal distretto. Nella scheda degli accessi vengono annotate le condizioni cliniche, la terapia, gli esami chiesti e le visite specialistiche, le prestazioni effettuate. TEMPO DI RISPOSTA Tempo di risposta: massimo 15 giorni. 14

15 ASSISTENZA DOMICILIARE INFERMIERISTICA Questa forma di assistenza prevede l erogazione a domicilio di prestazioni infermieristiche. A CHI È RIVOLTA L assistenza domiciliare infermieristica può essere chiesta per pazienti che necessitano di interventi di complessità media e medio-bassa, incapaci di recarsi personalmente presso l ambulatorio infermieristico per impossibilità permanente a deambulare ed ad essere trasportati in ambulatorio con mezzi comuni. COME SI ACCEDE L attivazione del servizio avviene su richiesta del medico di famiglia. La richiesta di attivazione dell assistenza domiciliare infermieristica viene formulata sul ricettario del Servizio Sanitario Provinciale (ricettario rosso) dal medico di famiglia e inoltrata all unità operativa di Assistenza primaria del distretto. La richiesta deve contenere le informazioni sul tipo di prestazioni necessarie, la frequenza degli interventi e per quanto tempo. La richiesta viene valutata dal medico dell unità operativa di Assistenza primaria o dal coordinatore del servizio infermieristico territoriale del distretto e, se ritenuta appropriata, viene attivata l assistenza domiciliare infermieristica. Tutte le prestazioni sanitarie erogate nelle diverse tipologie di cure domiciliari sono gratuite per l utente. TEMPO DI RISPOSTA I tempi di risposta sono individuati in linea di massima in cinque giorni. Possono essere previsti tempi maggiori in caso di attività programmate. ASSISTENZA INFERMIERISTICA OCCASIONALE Questa forma di assistenza domiciliare prevede l erogazione di prestazioni infermieristiche episodiche senza carattere di continuità né presa in carico del paziente. A CHI È RIVOLTA Può essere attivabile per tutte le persone che non sono in grado di recarsi all ambulatorio infermieristico per malattie che impediscono l accesso temporaneo o permanente (persone con fratture, anziani con gravi problemi di deambulazione ). 15

16 COME SI ACCEDE L attivazione del servizio avviene su richiesta del medico di famiglia. Per attivare questa forma di cure domiciliari è necessaria la richiesta del medico di famiglia come prescrizione sul ricettario Servizio Sanitario Provinciale (ricettario rosso). Nella richiesta il medico specifica il tipo di prestazione necessaria. L utente o un familiare, con la richiesta del medico di famiglia, si rivolge al Servizio infermieristico territoriale del distretto, per l erogazione delle prestazioni richieste. Alcuni esempi di prestazioni infermieristiche erogabili in questa forma di assistenza sono: medicazioni, prelievo del sangue, iniezioni intramuscolo. TEMPO DI RISPOSTA I tempi di risposta, compatibilmente con l organizzazione delle attività, sono di solito entro cinque giorni. Come per tutte le altre forme di cure domiciliari anche in questa forma di cure domiciliari le prestazioni sanitarie sono gratuite per l utente. SERVIZIO INFERMIERISTICO AMBULATORIALE Le persone ambulabili possono recarsi presso gli ambulatori infermieristici negli orari di apertura per le prestazioni prescritte dal medico curante quali medicazioni, terapie iniettabili, addestramento per controlli della pressione arteriosa e glicemia. L ambulatorio infermieristico territoriale è il luogo dove il cittadino si rivolge per ricevere: prestazioni infermieristiche in applicazione a prescrizioni diagnostiche terapeutiche che solitamente riguardano una fase clinica acuta della persona prestazioni infermieristiche, che in caso di situazioni ad andamento cronico, sono finalizzate ad insegnare le modalità per gestire in modo autonomo terapia, cura, e automonitoraggio dei parametri. L infermiere, come a domicilio, garantisce il proprio intervento finalizzandolo prioritariamente all insegnamento alla persona, valorizzandone le risorse personali e familiari. L infermiere è disponibile inoltre a dare informazioni sulla tipologia dei servizi attivabili a domicilio. Gli orari degli ambulatori infermieristici sono soggetti a variazioni e possono essere richiesti al medico curante o alla segreteria del servizio. 16

17 SEDI DELLE UNITÀ OPERATIVE DI ASSISTENZA PRIMARIA E DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO TERRITORIALE Cavalese DISTRETTI FIEMME E LADINO DI FASSA CAVALESE (TN) Via Dossi, 17 dal Lunedì al Venerdì Telefono: (Cavalese) (Pozza di Fassa) / (Predazzo) Fax: (Cavalese) Tonadico DISTRETTO DI PRIMIERO TONADICO (TN) Via Roma,1 Cure Domiciliari dal Lunedì al Venerdì Telefono: Fax:

18 SEDI DELLE UNITÀ OPERATIVE DI ASSISTENZA PRIMARIA E DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO TERRITORIALE DISTRETTO DI BASSA VALSUGANA E TESINO BORGO VALSUGANA (TN) Borgo Valsugana Corso Vicenza,9 Cure Domiciliari dal Lunedì al Venerdì Telefono: Fax: DISTRETTO DI ALTA VALSUGANA PERGINE (TN) Pergine Via S.Pietro,2 - dal Lunedì al Venerdì Telefono: (centralino) Fax:

19 SEDI DELLE UNITÀ OPERATIVE DI ASSISTENZA PRIMARIA E DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO TERRITORIALE DISTRETTO DI TRENTO, VALLE DEI LAGHI, ROTALIANA, PAGANELLA E CEMBRA TRENTO Trento Corso 3 Novembre, 36 c/o Cure Domiciliari dal Lunedì al Venerdì Telefono: / (Trento) / (Mezzolombardo) (Lavis) (Cembra) Fax: Cure palliative: Fax: Cles DISTRETTO DI VALLE DI NON CLES (TN) Viale Degasperi, 54 dal Lunedì al Venerdì Telefono: Fax:

20 SEDI DELLE UNITÀ OPERATIVE DI ASSISTENZA PRIMARIA E DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO TERRITORIALE Malè DISTRETTO DI VALLE DI SOLE MALÈ (TN) Via IV Novembre, 8 dal Lunedì al Venerdì / Telefono: Fax: DISTRETTO DI GIUDICARIE E RENDENA TIONE (TN) Tione Via Trento, 15 dal Lunedì al Venerdì / Telefono: Fax:

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 24/01/2012 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 24/01/2012 267

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 24/01/2012 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 24/01/2012 267 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 24/01/2012 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 24/01/2012 267 Albo dei dirigenti delle istituzioni scolastiche e formative provinciali Sezione I dirigenti preposti ad una istituzione

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

unitec group srl - Trento

unitec group srl - Trento 2 ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI 1997 1997 Impianto Illuminazione Pubblica Comune di Frassilongo 1997 Cinema Teatro di Caldonazzo Parrocchia S. Sisto / Arch. Piccoli -Condizionamento 1997

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Separati... ma in accordo

Separati... ma in accordo on MEDIAZIONE FAMILIARE Separati... ma in accordo azioni cordare familiarealfid 3528 28 comunitavaldinon.tn.it comunitavaldinon.tn.it Sole itavalledisole.tn.it ie A.L.F.I.D - TRENTO* Viale S.Francesco

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ ESAMI DEL SANGUE Per sottoporsi agli esami del sangue non è in genere necessaria la prenotazione (salvo dove diversamente indicato). Per eseguire gli esami è possibile recarsi, con la ricetta del medico

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli