IL COORDINATORE INFERMIERISTICO PSICHIATRICO NEI DISTRETTI, RUOLO E FUNZIONI CPSE COORDINATORE SANDRA STARNONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COORDINATORE INFERMIERISTICO PSICHIATRICO NEI DISTRETTI, RUOLO E FUNZIONI CPSE COORDINATORE SANDRA STARNONI"

Transcript

1 IL PROCESSO DI CRESCITA DELL OPERATORE SANITARIO INFERMIERE IN AMBITO PSICHIATRICO, UNA SFIDA NEL PROGETTO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE IL COORDINATORE INFERMIERISTICO PSICHIATRICO NEI DISTRETTI, RUOLO E FUNZIONI CPSE COORDINATORE SANDRA STARNONI

2 IL COORDINATORE INFERMIERISTICO PSICHIATRICO NEI DISTRETTI,RUOLO E FUNZIONI. Il S.S.N., nato con la legge 833 del 1978, ha attraversato negli anni straordinarie turbolenze fino a che il D.L. n 502 del 1992 ha determinato il riordino della disciplina sanitaria e il D.L. n 517 del 1993 ha tracciato l assetto macrostrutturale delle aziende sanitarie pubbliche, modificandone modalità organizzative e gestionali. Si è imposto l obbligo di un equilibrio economico finanziario, ricerca dell appropriatezza e qualità delle prestazioni. E avvenuto il passaggio delle organizzazioni sanitarie da un modello meccanicistico ad un modello organicistico dove sono specificate le responsabilità in relazione ad obiettivi definiti e verifica dei risultati. L evoluzione organizzativa ha portato al rinnovamento di figure professionali quali l infermiere e il coordinatore infermieristico anche se la frammentazione che ha caratterizzato la classe infermieristica fino ad oggi ne ha limitato la crescita e la forza contrattuale,frenata anche da classi politiche nelle quali figurano professionisti che hanno a comodo avere un infermiere direttamente controllabile e un coordinatore generico gestore di risorse. Oggi il coordinatore rappresenta il punto d incontro tra gli obiettivi generali dell azienda e quelli più specifici di ciascun operatore. Si deve superare la concezione di burocrate, il suo agire portarlo sul terreno del processo dei percorsi assistenziali e dell assistenza basata sulle evidenze scientifiche.

3 EVOLUZIONE STORICA E NORMATIVA DEL COORDINATORE INFERMIERISTICO R.D.L. n.1832/25 e R.D. n.2330/29 istituiscono la formazione infermieristica biennale nazionale con ulteriore eventuale terzo anno formativo per l abilitazione a funzioni direttive 1964 D.P.R. n.755/64 prima scuola diretta a fini speciali per dirigenti dell assistenza infermieristica 1968 L. 132/68 (riforma ospedaliera) introduce effettivamente la figura infermieristica dirigenziale 1969 D.P.R. 128/69 (art.8) prevede la figura del caposala alle dipendenze del primario e in altri art. regolamenta le attribuzioni del CSSA

4 EVOLUZIONE STORICA E NORMATIVA DEL COORDINATORE INFERMIERISTICO (segue) 1974 D.P.R.225/74 (mansionario che attribuisce all I.P. una serie di compiti organizzativi e amministrativi) D.P.R. 761/79 disciplina stato giuridico del personale infermieristico, il caposala diviene operatore di prima categoria con posizione funzionale di o.p.coordinatore 1982 D.M.S. obbligo del possesso del certificato di abilitazione a funzioni direttive per i concorsi D.P.R. art. 20 definisce ruolo del caposala D.M. art.3 stabilisce un caposala per ogni U.O. formalmente strutturata D.L. 502/92 riordino S.S.N D.Lgs 626/94 individua il caposala come preposto (funzione diretta alla tutela della salute dei lavoratori, con particolare riferimento alla verifica periodica della sicurezza dell ambiente) (nel2008 ex 626 modificata in decreto 81)

5 EVOLUZIONE STORICA E NORMATIVA DEL COORDINATORE INFERMIERISTICO (segue) 1994 D.M.S. n 739 profilo professionale L.42/99 abolizione del mansionario Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI presenta il Codice Deontologico (rivisto nel 2009) istituzione della dirigenza infermieristica 2000 L.251/00 sancisce l autonomia professionale (profilo professionale, ordinamento didattico, codice deontologico).dispone l ADOZIONE di METODOLOGIE di PIANIFICAZIONE per OBIETTIVI dell ASSISTENZA L.43/06 funzione di coordinamento può essere espletata solo da chi è in possesso di: 1. Master di primo livello in management 2. Certificato di abilitazione a funzioni direttive 3. Esperienza almeno triennale nel profilo di appartenenza

6 NATURA E CARATTERISTICHE DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO Le funzioni di coordinamento del personale infermieristico sono previste dall art.10 C.C.N.L. biennio economico 2001/02 area comparto sanità che dispone una specifica indennità per coloro cui sia affidata la funzione di coordinamento dell attività dei servizi d assegnazione,nonché del personale appartenente allo stesso o ad altro profilo anche di pari categoria ed - ove articolata al suo interno di pari livello economico, con l assunzione di responsabilità del proprio operato Il C.C.N.L.2002/2005 prevede art. 19 il passaggio alla categoria DS il personale incaricato di tale funzione al 31/08/01 e lo sviluppo professionale attraverso idonee procedure selettive.

7 Job description responsabile infermieristico SID POSIZIONE DI LAVORO (incarico DIPENDENZA GERARCHICA posizione organizzativa responsabile delle attività infermieristiche coordinamento organizzativo S.C. Responsabile Struttura Complessa QUALIFICA CATEGORIA collaboratore sanitario esperto inferm. DS PROFILO PROFESSIONALE Analizza l organizzazione, gestisce le risorse umane e manageriali affidategli. MISSION (SCOPO DELLA POSIZIONE) Direzione, gestione attività infermieristiche e tecniche e di coordinamento organizzativo per gli aspetti domiciliari, ambulatoriali e residenzialità della S.C.

8 Job description responsabile infermieristico SID (segue) RELAZIONI FUNZIONALI Dirigente medico S.C. altri responsabili e coordinatori uu.oo. Di distretti,dipartimenti,mmg/ u.o.t.ospedali, comuni,università cooperative ecc. TITOLI E QUALIFICHE RESPONSABILITA PROFESSIONALI Laurea specialistica S.I. o master in management o C.A.F.D. Progettazione piani M.Q.nelle Attività.Assistenziali, di ricerca, formazione,prevenzione rischi negli ambienti di vita e lavoro ecc. RESPONSABILITA ORGANIZZATIVE Verifica stato attuazione/ avanzamento piano lavoro annuale. Verifica monitoraggio/ realizzazione obiettivi di struttura, Rilevazione/ valutazione carichi attività e lavoro del personale. Formazione del personale.

9 JOB DESCRIPTION COORDINATORE INFERMIERISTICO POSIZIONE DI LAVORO (INCARICO) DIPENDENZA GERARCHICA QUALIFICA CATEGORIA PROFILO PROFESSIONALE MISSION (scopo della posizione) RELAZIONI FUNZIONALI Incarico di coordinamento del SID con responsabilità delle attività infermieristiche e tecniche Posizione Organizzativa Responsabile infermieristico C.P.S. con incarico di coordinamento infermiere D o DS gestisce le proprie attività, coordina le attività dei collaboratori coordina l assistenza infermieristica e di supporto, risorse umane e materiali assegnategli Dirigente medico SS cure ambulatoriali e domiciliari, altri responsabili e coordinatori uu.oo. di distretti, dipartimenti, MMG,ospedali e/o UOT-SSB dei comuni, università volontariato e cooperative

10 JOB DESCRIPTION COORDINATORE INFERMIERISTICO (segue) TITOLI E QUALIFICHE RESPONSABILITA PROFESSIONALE RESPONSABILITA ORGANIZZATIVE Master in management o certificato di A. F. D. A. Responsabile della QUALITA dell assistenza, collabora con DS RI Medico responsabile SS alla formulazione obiettivi e piano lavoro annuale del SID. Collabora con DS RI alla rilevazione dei bisogni formativi del personale del SID; gestione informazioni,comunicazioni,elaborazione,v alutazione dei processi assistenziali. Partecipa alle riunioni di coordinamento. E responsabile dell organizzazione dei turni di servizio e della programmazione delle attvità assistenziali (piani di lavoro). E responsabile gestione risorse materiali. E responsabile formazione continua anche x smaltimento rifiuti e sicurezza dei lavoratori in ambiente di lavoro.e responsabile della tenuta e archiviazione della documentazione. Inserimento neo assunti.

11 JOB DESCRIPTION INFERMIERE POSIZIONE DI LAVORO (incarico) DIPENDENZA GERARCHICA QUALIFICA CATEGORIA PROFILO PROFESSIONALE MISSION (Scopo della posizione) Responsabile dell assistenza infermieristica generale. Responsabile attività infermieristiche e coordinamento organizzativo del SID. Collaboratore professionale sanitarioinfermiere- D. E il professionista sanitario primo responsabile dell assistenza infermieristica generale. E il professionista che promuove e coordina le cure e l assistenza. Svolge con autonomia professionale attività di promozione, prevenzione,riabilitazione, cura e assistenza x salute individuale e collettiva

12 JOB DESCRIPTION INFERMIERE (segue) RELAZIONI FUNZIONALI TITOLI E QUALIFICHE RESPONSABILITA PROFESSIONALI RESPONSABILITA ORGANIZZATIVE Dirigente Medico,SIA, altri operatori dellss.ss.,mmg,ospedali e/o UOT-SSB dei comuni,volontariato,cooperative. Diploma di laurea triennale in infermieristica o diploma universitario o diploma infermiere professionale. identifica bisogni assistenza - relativi obiettivi indicatori per il monitoraggio- e costruisce il PAI in collaborazione con FP coinvolte nel processo assistenziale. Garantisce corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico- terapeutiche. Per l espletamento di funzioni si avvale di personale di supporto. Contribuisce alla formazione del personale di supporto, concorre all aggiornamento proprio profilo e alla ricerca. Partecipa alle riunioni di servizio. Pianifica, gestisce e valuta l intervento assistenziale infermieristico.

13 OPERATORE SOCIO SANITARIO POSIZIONE DI LAVORO (incarico) O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria. DIPENDENZA GERARCHICA Responsabile attività infermieristiche e coordinamento organizzativo del SID. QUALIFICA CATEGORIA Categoria BS. PROFILO PROFESSIONALE E operatore che collabora al soddisfacimento dei bisogni primari paz. MISSION (scopo della posizione) soddisfare bisogni primari nell ambito proprie competenze x favorire benessere e autonomia della persona. RELAZIONI FUNZIONALI Dirigente medico,altri operatori,ecc. TITOLI E QUALIFICHE Attestato di qualifica di Operatore S.S. RESPONSABILITA PROFESSIONALI in base proprie competenze, in collaborazione con altre figure professionali sa attuare i piani di lavoro. Utilizza metodologie di lavoro comuni (schede protocolli ecc.). Aiuta l infermiere, svolge attività dirette all igiene personale, pulizia e manutenzione attrezzature,raccolta stoccaggio rifiuti, effettua medicazioni semplici. Ecc.(mansionario). RESPONSABILITA ORGANIZZATIVE NO.

14 RUOLO E FUNZIONI DELL INFERMIERE COORDINATORE RUOLO insieme di comportamenti formalmente stabiliti in base alla natura dell ufficio ricoperto e delle responsabilità assegnate che si distinguono in: Area di attività operazioni mentali necessarie per prendere decisioni o assegnare compiti Area di responsabilità obbligo o dovere di svolgere compiti o raggiungere obiettivi, comprende: a) la responsabilità organizzativa b) la responsabilità personale. Area dei risultati intesa come risultati di efficacia e efficienza. Il ruolo si esplica mediante l esercizio di una serie di funzioni (aree di responsabilità) all interno delle funzioni si svolgono delle attività finalizzate al raggiungimento dell obbiettivo ed alla gestione del gruppo di lavoro. Per ottenere ciò bisogna considerare: Le mansioni I compiti Le operazioni

15 Funzioni attività del coordinatore di unità operativa (P.O., distretto, dipartimento) Svolte secondo gli orientamenti forniti dal RID Con il coinvolgimento degli infermieri e personale di supporto. Quando è il caso sono inoltre concordate con il responsabile medico dell U.O. La funzione organizzativa prevede: a) organizzazione, gestione e valutazione dei professionisti appartenenti all U.O. coordinata nonché degli operatori che li coadiuvano b) pianificazione,gestione e verifica dei diversi processi a valenza sanitaria afferente alla propria funzione c) Gestione delle risorse tecnico strumentali, dei presidi sanitari e farmacologici Da ciò si evince l importanza che assume l utilizzo di strumenti informativi quali i piani di lavoro e di attività,richieste di risorse umane e materiali, stesura di progetti, valutazioni preventive e consuntive, valutazione del personale e relativa gestione e pianificazione dei turni di servizio.

16 Centro di Salute mentale Rappresenta il nucleo centrale del D.S.M.,la sede organizzativa dell equipe e il polo di coordinamento delle attività psichiatriche ambulatoriali e domiciliari. Garantisce l assistenza per popolazione compresa tra 50/75 mila abitanti D.M. 24/05/95 determina i Requisiti minimi strutturali, tecnologici e organizzativi del C.S.M.

17 D.M. 24/05/95 determina i Requisiti minimi strutturali, tecnologici e organizzativi del C.S.M STRUTTURALI TECNOLOGICI: Dotazione minima di ambienti Ambienti integrativi consigliati - Richieste prestazionali per specifici ambienti Caratteristiche dei materiali per specifici ambienti. accessibilità Caratteristiche igrotermiche e illuminotecniche Dotazioni impiantistiche generali. ORGANIZZATIVI: ai fini della copertura dell area di popolazione di competenza e l attuazione dei propri compiti, dispone di medici psichiatri: 1/10 mila abitanti; infermieri 1,5/10 mila ; psicologi 4/da mila e 8 altre unità /50-70 mila di operatori (educatori, t.o. a. s. o altro profilo assimilabile). Presenza di personale medico infermieristico (per 12 ore al giorno, 6 gg sett.) Presenza programmata delle altre figure professionali

18 Funzioni del c.s.m. indicate dal D.P.R. 7/4/94 IN QUANTO SEDE DEL COORDINAMENTO DEGLI INTERVENTI DI PREVENZIONE, CURA, RIABILITAZIONE E REINSERIMENTO SOCIALE NEL TERRITORIO DI COMPETENZA. GRAZIE ANCHE ALL INTEGRAZIONE FUNZIONALE CON LE ATTIVITA DEI DISTRETTI IL C.S.M. SVOLGE: Attività di accoglienza, analisi della domanda e attività diagnostica. Definizione e attuazione di programmi terapeutico- riabilitativi e socioriabilitativi Attività di raccordo con i medici di medicina generale Consulenza specialistica ai servizi di confine e alle strutture residenziali Attività di filtro ai ricoveri e di controllo della degenza nelle case di cura neuro psichiatriche Valutazione ai fini del M.C.Q.

19 L ATTIVITA INFERMIERISTICA NEL C.S.M. L ORGANIZZAZIONE deve essere improntata all elasticità per fornire risposte diversificate nelle fasi del trattamento terapeutico del paziente. L ATTIVITA infermieristica,data la tipologia dei pazienti è altamente specialistica,la particolarità della stessa inoltre è data dal fatto che venga esercitata principalmente sul territorio rappresentato da: domicilio, casa famiglia, ambulatorio psichiatrico, L assistenza domiciliare rappresenta il cuore dell attività infermieristica del C.S.M. che permette così di ridurre la frequenza dei ricoveri con conseguente riduzione dei costi sanitari e beneficio per il paziente.

20 L ATTIVITA INFERMIERISTICA NEL C.S.M Raccolta e analisi dei dati sulla popolazione servita dal distretto per identificarne i bisogni di salute Raccolta ed elaborazione dei dati statistici di coloro che si rivolgono al servizio (prestando attenzione al trattamento dei dati sensibili legge 675/96-) Erogazione delle prestazioni assistenziali (attività di accoglienza e ambulatoriale, gestione della terapia farmacologica e rilevazione dei suoi effetti) Rapporto psicoterapico i bisogni del singolo paziente vanno conosciuti e compresi) Protezione del paziente (e delle persone di riferimento,nei periodi di acuzie o di possibile crisi)

21 Organizzazione per processi Processo: una sequenza di attività fra loro correlate secondo la logica del cliente interno e finalizzate ad uno specifico risultato finale. PROCESSI Di SUPPORTO gestionali amministrati tecnici Pianificazione Gestione personale Manutenzione processo diagnostico terapeutico assistenziale PROCESSO PRIMARIO UTENTE PROCESSI DI SUPPORTO SANITARI - SOCIALI Gestione farmaci presidi Gestionali indagini RIDEFINIZIONE DELLA NATIRA DEI COMPITI L infermiere si avvale di strumenti informativi

22 PROCESSO DI ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO. A CURA DI: DR. V. MANNA E C.P.S.I. C.S. CURCIO (M.C.Q. D.S.M. ANNO 2009 ) C.S.M.H2 ALBANO LAZIALE OPERATORI INCARICATI CHI FA COSA PROCEDURA 1 ACCOGLIENZA DOCUMENTAZIONE SI INFERMIERI RICHIESTA DI ACCOGLIENZA MEDICO PSICHIATRA SI URGENZA? NO INFERMIERI VERIFICA LA RICHIESTA INFERMIERI ACCOGLIENZA CARTA SERVIZI INFORMAZIONE TICKET INFERMIERI APPROPIATEZZA RICHIESTA NO INVIO AD ALTRO SERVIZIO (O MMG) INFERMIERI A.S. RACCOLTA DATI SOCIO-DEMOGRAFICI SCHEDA DI ACCOGLIENZA SI INFERMIERI PRENOTAZIONE 1 VISITA PSICOLOGICA O PSICHIATRICA AGENDA APPUNTAMENTI

23 PROCESSO DI ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO. A CURA DI: DR. V. MANNA E C.P.S.I. C.S. CURCIO (M.C.Q. D.S.M. ANNO 2009 ) C.S.M.H2 ALBANO LAZIALE OPERATORI INCARICATI CHI FA COSA PROCEDURA di presa in carico.(cartella) DOCUMENTAZIONE OPERATORI INCARICATI TRATTAMENTO MEDICO DOCUMENTAZIONE Psichiatra Psicologo Colloquio di valutazione MEDICO PSICHIATRA INFERMIERI PRIMA VISITA MEDICA MRP + C C SSISTEMA INFORMATICO Psichiatra psicologo Psichiatra psicologo Valutazione Presa in Carico? Si Prima visita Psichiatrica psicologica NO Invio altro Servizio o MMG MRP + CARTELLA CLINICA MEDICO PSICHIATRA INFERMIERI MEDICO PSICHIATRA NECESSITA TEST?? NO NECESSITA INTERVENTI SOCIO ASS. NO SI SI AGENDA APPUNTAMENTI INVIO PSICOLOGO INVIO ASSISTENTE SOCIALE infermieri SISTEMA INFORMATICO EQUIPE PSICHIATRA PSICOLOGO INFERMIERI ASSISTENTE SOCIALE DEFINIZIONE PROGETTO TERAPEUTICO FOLLOW UP CARTELLA CLINICA CARTELLA CLINICA

24 Organizzazione delle attività L organizzazione delle attività costituisce un importante funzione del coordinatore. Ciò implica la scelta del modello organizzativo cui fare riferimento il più appropriato all ambiente d i riferimento, alla tipologia dell utenza e delle prestazioni. I modelli più significativi sono: ASSISTENZA FUNZIONALE: ASSEGNAZIONE DEI COMPITI DA PARTE DEL CAPOSALA SECONDO PROTOCOLLI (LINEE GUDA) SEGUTI RIGIDAMENTE. ASSISTENZA DI GRUPPO: (TEAM NURSING)IL CAPOSALA SUDDIVIDE OPERATORI IN GRUPPI E ASSEGNA AL LEADER I PAZIENTI DA ASSISTERE,TRASFERIMENTO RESPONSABILITA A LIVELLO OPERATIVO ASSISTENZA PRIMARIA:( PRIMARY NURSING) E ASSISTENZA PERSONALIZZATA AFFIDATA ALL INFERMIERE DI RIFERIMENTO. ASSISTENZA MODULARE: PAZIENTI SUDDIVISI IN MODULI. CASE MANAGEMENT: IL SISTEMA INENDE INTEGRARE GLI INTERVENTI AL PAZIENTE,EVITANDONE LA FRAMMANTAZIONE ELA CASUALITA ATTRAVERSO UN ASSISTENZA CHE TENDA A MIGLIORARE LA QUALITA DELLA VITA E CONTENERE I COSTI.

25 IL CASE MANAGER IN PSICHIATRIA Il principale problema connesso alla patologia psichiatrica nelle sue manifestazioni è rappresentato dalla continuità delle cure. La figura dell infermiere case manager,nell ambito dell assistenza domiciliare diretta al paziente psichiatrico, può contribuire in misura considerevole alla diminuzione dei ricoveri in ospedale,secondo i dettami di legge per la conduzione delle strutture del SSN. Le norme vigenti infatti indirizzano all individuazione del regime assistenziale più adatto al fine dell utilizzo ottimale delle risorse disponibili (codice deontologico art. 10). Significa che l infermiere è corresponsabile anche dell appropriatezza del ricovero, non sotto l aspetto clinico (di esclusiva competenza medica), ma sotto l aspetto gestionale.

26 Gestione del cambiamento organizzativo Forze Conformismo paura del Frenanti ricerca di rischio perdita di sicurezza economico privilegi Status quo Forze trainanti pressioni della maggiore autostima direzione compiacimento della direzione Miglioramento organizzativo

27 La delega La delega: strumento gestionale utile nelle organizzazioni sanitarie dove sono fortemente presenti PROFESSIONISTI che ambiscono all autonomia e sviluppo delle proprie competenze. Non è attribuzione di attività. E l atto mediante il quale il delegante conferisce al delegato responsabilità e autorità per svolgimento di attività proprie di cui mantiene la responsabilità del risultato. Lo scopo è ottenere maggior rapidità dei processi decisionali, aumentare il coinvolgimento dei dipendenti con conseguente qualità del lavoro di tutti.

28 La responsabilità giuridica Nell esercizio professionale il professionista si assume responsabilità di natura giuridica. Penale:si pone in essere una condotta che corrisponde o provoca un fatto che costituisce reato contemplato dal C.P. o da altra legge dello stato. Civile:si provoca un danno ingiusto in conseguenza di una condotta che obbliga a risarcire il danno. Amministrativo disciplinare:inosservanza di doveri di ufficio e di servizio, comporta sanzioni di carattere amministrativo erogate con provvedimento interno (dipendenti pubblici/ privati). Deontologica: mancato rispetto dei principi etici( acquista valenza giuridica ai sensi della legge 42/99.) La corte Costituzionale ha affermato che, per colui che eserciti professionalmente un attività esiste l onere di presa di cognizione delle regole. La mancata conoscenza non potrà essere invocata a difesa del proprio operato.

29 Il coordinatore infermieristico psichiatrico nei distretti, ruolo e funzioni. Cpse Sandra Starnoni conclusioni Il management è uno dei saperi più consolidati nell infermieristica italiana. L ambito nel quale da sempre, ogni giorno e con molta fatica,la professione contribuisce attivamente a risolvere i molti problemi del S.S.N. E il sapere sul quale ha legittimato una capacità di dirigere e gestire. Oggi la professione nel suo insieme è consapevole che lo spazio che occupa diventa sempre più ampio e complesso, tutto ciò esige da parte del coordinatore l acquisizione e lo sviluppo di capacità concettuali,comportamentali e tecniche. Questo consentirà inoltre al coordinatore di descrivere le proprie funzioni ai dirigenti e al personale per ridurre le ambiguità e le possibilità di conflitto. Partendo dal presupposto che la qualità è un elemento essenziale dell attività professionale, il coordinatore è l anello di congiunzione tra l azienda che tende costituire un sistema di qualità globale per aumentare gli standard di sicurezza e gli operatori che devono fare proprie metodologie operative che evidenze scientifiche codificano traducendole in pratica.

30 Il coordinatore infermieristico psichiatrico nei distretti, ruolo e funzioni. Cpse Sandra Starnoni Grazie per l attenzione

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Agosto 2004. Pagina 1 di 1

Agosto 2004. Pagina 1 di 1 Progetto per la riorganizzazione dell attività di assistenza infermieristica, ostetrica e di supporto nelle Unità Organizzative del Policlinico S. Orsola-Malpighi Gruppo di lavoro P. Taddia L. Angelini

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Regolamento di Organizzazione e Contabilità (ai sensi della L.R. n. 1/2003 e del regolamento regionale n. 11/2003) I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ PREMESSA BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ La SALUTE è uno stato di pieno ben-essere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o di infermità.il godimento

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani \ Regione Siciliana Azienda Sanitaria Provinciale Trapani Documento di Organizzazione Direzione Amministrativa Direzione Generale Direzione Sanitaria Staff Direzionale TP 1 Distretto Ospedaliero TP 2 Distretto

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI.

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. - Il professionista, medico specialista, il medico veterinario e delle altre professionalità sanitarie di cui

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli