Guida all utilizzo della PEG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida all utilizzo della PEG"

Transcript

1 Guida all utilizzo della PEG

2 INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL TERMINE DELL INFUSIONE PAG. 9 SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI PRESCRITTI TRAMITE SIRINGA PAG. 9 LAVAGGIO PAG. 10 MEDICAZIONE PAG. 11 ATTENZIONE A PAG. 12 COSA FARE SE PAG. 13 NUMERI UTILI PAG. 14 SCHEDA NUTRIZIONALE PAG. 15 REALIZZAZIONE...RINGRAZIAMENTI PAG. 16 2

3 INTRODUZIONE L educazione terapeutica è divenuta ormai uno dei capisaldi del trattamento di tutte le patologie croniche. Il paziente e/o i suoi familiari devono ricevere dagli operatori sanitari tutte le informazioni utili per il controllo e la gestione quotidiana della loro condizione con particolare riguardo al corretto utilizzo di eventuali presidi dei quali fossero portatori e alla conoscenza di come affrontare e risolvere le problematiche più comuni che tali presidi potrebbero eventualmente presentare. Questo vale anche per i portatori di PEG (gastrostomia endoscopica percutanea), un presidio utilizzabile per garantire, al paziente che non può alimentarsi per bocca, il necessario apporto di nutrienti. E proprio con l intento non solo di informare, ma anche di formare i pazienti e/o i loro familiari sulla corretta gestione della PEG che è stato ideato e realizzato questo libretto che viene loro distribuito al momento della dimissione dall ospedale e che completa quanto gli operatori sanitari hanno provveduto a comunicare durante il periodo di degenza. Dott. Franco Tomasi Responsabile Team Nutrizionale Provinciale 3

4 COSA È LA PEG E A COSA SERVE La PEG o gastrostomia endoscopica percutanea è un sistema che permette di alimentare le persone infondendo i nutrienti direttamente all interno dello stomaco. Per diverse ragioni, alcuni pazienti non sono in grado di assumere per bocca il nutrimento di cui il loro corpo ha bisogno. Per questo motivo i medici provvedono al posizionamento di una sonda che viene inserita direttamente nello stomaco per via endoscopica e poi collegata con l esterno tramite un piccolo foro che viene praticato sulla parete dell addome. Tramite la PEG è possibile garantire, anche per tempi prolungati, il supporto nutrizionale di cui il paziente ha bisogno. Qualora il paziente fosse in grado di riprendere ad alimentarsi normalmente, la PEG potrà essere rimossa. In caso contrario, la PEG dovrà essere sostituita quando usurata. Durante la degenza Le saranno fornite tutte le informazioni utili per la gestione della PEG. Alla dimissione, poi, la Capo Sala e/o l Infermiere prenderà accordi con il Servizio di Assistenza Domiciliare per favorirne l appropriata gestione anche al suo domicilio. 4

5 MATERIALE NECESSARIO Ff(((Fornito dal Servizio di Assistenza Domiciliare) Assicurarsi di avere a disposizione: Set monouso con sacca e deflussore; 2 siringhe da 50 ml cono catetere; acqua potabile; miscela nutrizionale a seconda della prescrizione medica; garze sterili e non, cerotto a nastro; sostegno portaflacone; pompa infusionale se il tipo di somministrazione lo richiede. L orario in cui si somministra la dieta deve essere compatibile con le abitudini di vita. 5

6 COME PROCERE PER L ALIMENTAZIONE 1. LAVARSI ACCURATAMENTE LE MANI CON SAPONE 2. VALUTARE IL RESIDUO GASTRICO Aprire il tappo del sondino e inserirvi una siringa vuota, cono catetere, da 50 ml. Aprire il morsetto del sondino e aspirare, se il residuo gastrico supera i 100 ml, gettarlo e attendere 1 ora; ripetere quindi la manovra. Nel caso in cui il residuo gastrico rimanga tale NON SOMMINISTRARE la nutrizione e avvisare l infermiere o il medico. In caso contrario procedere alla preparazione della nutrizione. Alla fine chiudere sempre il morsetto e togliere la siringa. 6

7 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE:: - Aprire i flaconi della miscela nutrizionale e versarli nella sacca monouso come indicato dal medico o dall infermiere. Si raccomanda di utilizzare esclusivamente le miscele nutrizionali prescritte. - Se la sacca non è completa di deflussore inserirlo nella sacca. - Preparare la pompa. - In caso di nutrizione senza l utilizzo della pompa: - Collegare il deflussore al sondino. - Aprire il morsetto e lasciare gocciolare la miscela nutrizionale. Regolare il morsetto in base all indicazione del medico o dell infermiere. - In caso di prescrizione di acqua in aggiunta alla dieta, questa va somministrata sempre al termine della infusione. DURANTE L ALIMENTAZIONE IL PAZIENTE DOVREBBE ESSERE SEDUTO, SEMISEDUTO O SUL FIANCO 7

8 CONSERVARE SEMPRE LA MISCELA NUTRIZIONALE TRA +15 C E + 25 C. I FLACONI APERTI DEVONE ESSERE UTILIZZATI NELL ARCO DI 24 ORE. 8

9 AL TERMINE DELL INFUSIONE: 1. SPEGNERE LA POMPA (SE UTILIZZATA). 2. CHIUDERE IL MORSETTO DEL SONDINO PEG. 3. SCOLLEGARE IL DEFLUSSORE. 4. COLLEGARE AL SONDINO UNA SIRINGA DA 50 ML DI ACQUA POTABILE. 5. APRIRE IL MORSETTO, ESEGUIRE IL LAVAGGIO, CHIUDERE IL MORSETTO. 6. TOGLIERE LA SIRINGA E CHIUDERE IL SONDINO CON IL TAPPO. 7. GETTARE LA SACCA MONOUSO E IL DEFLUSSORE. SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI PRESCRITTI TRAMITE SIRINGA: 1. Sbriciolare le compresse il più finemente possibile attraverso l utilizzo di un mortaio e scioglierle in circa 50 ml di acqua e aggiungere gli eventuali farmaci sotto forma liquida. 2. Aspirare con una siringa da 50 ml cono catetere, collegare il cono al sondino PEG, aprire il morsetto e iniettare lentamente il/i farmaco/i nella PEG. ATTENZIONE: L acqua utilizzata per sciogliere i farmaci e per i lavaggi della PEG dovrà far parte del quantitativo totale di liquidi prescritti giornalmente. 9

10 LAVAGGIO: Al termine dell infusione e dopo la somministrazione di farmaci tramite siringa lavare la sonda PEG con 50 ml di acqua. Tale operazione dovrà essere eseguita comunque almeno ogni 8 ore. Per prevenire l ostruzione si possono anche somministrare ml di bevande a base di cola una volta alla settimana per circa 2 ore a sondino chiuso e in seguito eseguire un lavaggio con acqua. In caso di ostruzione o sospetta ostruzione praticare, usando una siringa da 50 ml cono catetere, lavaggi con bevande a base di cola lasciandone in situ alcuni ml anche per 24 ore. ATTENZIONE: L acqua utilizzata per sciogliere i farmaci e per i lavaggi della PEG dovrà far parte del quantitativo totale di liquidi prescritti giornalmente. 10

11 MEDICAZIONE: (da eseguire almeno due volta alla settimana) 1. Lavarsi accuratamente le mani con sapone per almeno 30 secondi 2. Rimuovere con attenzione la vecchia medicazione evitando la trazione della sonda 3. Pulire la cute attorno alla sonda con una garza sterile e disinfettante iodato o altro disinfettante non alcolico, seguendo un moto circolare dalla stomia verso l esterno. 4. Una volta alla settimana controllare che la distanza tra fermo e parete addominale sia corretta (di 2-3 cm): ruotare con cura il sondino di mezzo giro a destra e di mezzo giro a sinistra; nel caso in cui si sentano delle trazioni, sganciare il bloccaggio del fermo (il dispositivo sotto il quale passa il sondino) e ripristinare la distanza corretta. 5. Posizionare una garza sterile tagliata a Y sulla cute sotto il fermo. 6. Coprire con una garza il fermo e il primo tratto del sondino e fissare con cerotto; fissare anche con cerotto e garza la parte terminale del sondino in modo che non possano verificarsi trazioni involontarie. 11

12 Per una corretta igiene è necessario sostituire le garze ogni qualvolta si presentano bagnate o sporche. Le garze bagnate favoriscono la macerazione e le infezioni della cute. ATTENZIONE A: non tirare eccessivamente il sondino; non comprimere o bloccare la sonda; non pinzare mai il sondino; chiudere sempre i tappi situati sulla PEG e i suoi adattatori quando il sistema non viene utilizzato. 12

13 COSA FARE SE: SI VERIFICANO EFFETTI INDESIDERATI COME: NAUSEA, VOMITO, DOLORI ADDOMINALI, CRAMPI Sospendere l infusione e contattare il più presto possibile il medico o l infermiere. SI VERIFICA DIARREA PERSISTENTE Se le scariche diarroiche sono più di 3 durante la giornata sospendere l infusione e contattare il più presto possibile il medico o l infermiere. Si ricorda comunque che una modificazione della consistenza delle feci è un evento normale quando si inizia la nutrizione artificiale tramite PEG. SI NOTANO SEGNI DI INFEZIONE (GONFIORE, DOLORE, O ROSSORE) O PERDITE INTORNO AL SITO DI FUORIUSCITA DELLA SONDA Contattare il più presto possibile il medico o l infermiere. SI RIMUOVE ACCIDENTALMENTE LA SONDA Contattare immediatamente il medico o l infermiere oppure rivolgersi il più presto possibile al Pronto Soccorso. 13

14 NUMERI UTILI: SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE tel:.. MEDICO DI BASE: Cognome:.Nome: Tel:. MEDICO NUTRIZIONISTA Cognome:.Nome:. Tel:. INFERMIERE Cognome:.Nome:. Tel:. 14

15 SCHEDA NUTRIZIONALE POSIZIONATA PEG: data.presso data peso Prodotto velocità infusionale quantità calorie apporto idrico diuresi alvo 15

16 REALIZZAZIONE Direzione delle Professioni e U.O. Formazione e Aggiornamento dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara; Direzione Infermieristica e Tecnica dell Azienda U.S.L. di Ferrara ELABORAZIONE Team Infermieristico dell U.O. di Neurologia Mauro Barbieri della Equipe Infermieristica Domiciliare dell Azienda USL di Ferrara SUPPORTO METODOLOGICO E SUPERVISIONE Grigatti Clementina Ferraresi Annamaria RINGRAZIAMENTI Un sentito ringraziamento per la proficua condivisione con il personale delle UU.OO. di Oncologia e Unità Gravi Cerebrolesioni dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara. Un cordiale ringraziamento ai Dottori Lucio Trevisani e Sergio Sartori dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara per l interesse e per i preziosi suggerimenti proposti. 16

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica.

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica. Gestione della PEG Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire, gli esercizi

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG Obiettivo: mediante l uso del PEG/SNG all ospite verrà somministrato un apporto dietetico per soddisfare le richieste corporee e promuovere la salute.

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente Team Nutrizionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare Struttura Complessa. Clinica Medica e Servizio di Dietetica Ospedale di Cattinara - 2

Dettagli

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

INTRODUZIONE. La nutrizione artificiale entrerale

INTRODUZIONE. La nutrizione artificiale entrerale INTRODUZIONE La nutrizione enterale domiciliare (NED) è una tecnica nutrizionale praticata e consolidata da diversi anni in medicina. Questo tipo di nutrizione è iniziata negli ospedali italiani dalla

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale

a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale g u i d a p r a t i c a a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale A cura di: Dott.ssa Laura EBBLI Dietista Dott. Giancarlo GOBBI Medico Dott.ssa Gianna NEGRO Farmacista Dott.ssa Valentina SGUERSO

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE NED

PROCEDURA GESTIONE NED PAG. 1/5 PROCEDURA GESTIONE NED STATO DATA FIRMA Redatto Approvato Ultima rev. Applicato 01/10/2008 01/10/2008 06/07/2011 25/06/2012 1 PAG. 2/5 PREMESSA L alimentazione artificiale si rende necessaria

Dettagli

LA NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE. Guida per il paziente, i parenti e gli operatori sanitari

LA NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE. Guida per il paziente, i parenti e gli operatori sanitari LA NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Guida per il paziente, i parenti e gli operatori sanitari Prefazione Nel paziente affetto da neoplasia non sono infrequenti problematiche alimentari che possono seriamente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE

FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA (PEG) PREMESSA L alimentazione artificiale si rende necessaria per il trattamento di molte condizioni patologiche.

Dettagli

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. ****

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

La persona con problemi di nutrizione

La persona con problemi di nutrizione La persona con problemi di nutrizione LA NUTRIZIONE ENTERALE Che cosa è la nutrizione enterale? Assistere in famiglia: istruzioni per l uso La Nutrizione Enterale è la somministrazione di alimenti direttamente

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Nutrizione Artificiale del bambino con Patologia cronica

La Nutrizione Artificiale del bambino con Patologia cronica La Nutrizione Artificiale del bambino con Patologia cronica Il ruolo del Pediatra di Famiglia Anna Maria Davoli - Pediatra di Famiglia - Reggio E. 1 Copyright 1996-99 Dale Carnegie & Associates, Inc. La

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Preparazione pre operatoria del paziente. Dott. Garofoli Rosamaria

Preparazione pre operatoria del paziente. Dott. Garofoli Rosamaria Preparazione pre operatoria del paziente Dott. Garofoli Rosamaria Per fase pre operatoria si intende quel periodo che va dal momento in cui si stabilisce che è necessario procedere con un intervento chirurgico

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER IL PAZIENTE CON NEOSERBATOIO URINARIO

CONSIGLI UTILI PER IL PAZIENTE CON NEOSERBATOIO URINARIO CONSIGLI UTILI PER IL PAZIENTE CON NEOSERBATOIO URINARIO Elaborato da Dott.ssa Giulia Sbrollini Dott. Rami Raquban Con la supervisione del Prof. Giovanni Muzzonigro Questa guida, pensata e preparata dalle

Dettagli

L importanza importanza mportanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una g uida guida per per ilil p aziente paziente

L importanza importanza mportanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una g uida guida per per ilil p aziente paziente L importanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una guida per il paziente 1 Che cos è la Sclerosi Laterale Amiotrofica? La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è una malattia neurodegenerativa

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI.

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. Definizione e scopo: Consiste nell inserimento percutaneo di un ago di plastica o in metallo in una vena. I cateteri venosi periferici si usano per: Ottenere campioni

Dettagli

Graziella Brambilla Nutrizione Clinica Ospedale A. Manzoni Lecco

Graziella Brambilla Nutrizione Clinica Ospedale A. Manzoni Lecco Gestione e Monitoraggio del paziente in Nutrizione Enterale Graziella Brambilla Nutrizione Clinica Ospedale A. Manzoni Lecco Obiettivo Acquisire le conoscenze teoriche di base e le tecniche di gestione

Dettagli

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE E SUE COMPLICANZE Valeria De Carli Deluca Colugnat VANTAGGI DELLA NET Minori complicanze Minori costi è necessaria l integrità del tratto gastrointestinale TIPI DI

Dettagli

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE RESPONSBILITA DELL INFERMIERE E RIFERIMENTI LEGISLATIVI SULLA PRATICA DELL INSERIMENTO DEL CATETERE VESCICALE TALE TECNICA E DI COMPETENZA INFERMIERISTICA

Dettagli

LA DIMISSIONE PROTETTA DEL PAZIENTE IN VENTILAZIONE INVASIVA E PORTATORE DI PEG: PERCORSO ASSISTENZIALE

LA DIMISSIONE PROTETTA DEL PAZIENTE IN VENTILAZIONE INVASIVA E PORTATORE DI PEG: PERCORSO ASSISTENZIALE LA DIMISSIONE PROTETTA DEL PAZIENTE IN VENTILAZIONE INVASIVA E PORTATORE DI PEG: PERCORSO ASSISTENZIALE 31 Congresso Nazionale Aniarti Infermieri e qualità di vita in area critica DIMISSIONE PROTETTA La

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE a cura di Andrea B. Galosi Il catetere vescicale è un dispositivo (tubicino flessibile) che permette il drenaggio continuo dell urina dalla vescica all esterno attraverso

Dettagli

ASSISTENZA AL MEDICO

ASSISTENZA AL MEDICO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ASSISTENZA AL MEDICO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

Sonde per gastrostomia endoscopica percutanea

Sonde per gastrostomia endoscopica percutanea Sonde per gastrostomia endoscopica percutanea Sonda in materiale biocompatibile di lunga durata, radiopaca per il controllo del posizionamento; presenta un estremità smussa forata per lo stomaco e una

Dettagli

Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale

Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale Istituto Ortopedico Rizzoli Via Pupilli, 1-40136 Bologna SEZIONE DI CHEMIOTERAPIA Tel.: 051-6366829 - Fax: 051-6366277 Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale 1 A cura del Personale Infermieristico

Dettagli

PROTOCOLLO POSIZIONAMENTO, GESTIONE SONDINO NASO GASTRICO E SOMMINISTRAZIONE E GESTIONE DELLE LINEE INFUSIONALI PER LA NUTRIZIONE ENTERALE

PROTOCOLLO POSIZIONAMENTO, GESTIONE SONDINO NASO GASTRICO E SOMMINISTRAZIONE E GESTIONE DELLE LINEE INFUSIONALI PER LA NUTRIZIONE ENTERALE E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO POSIZIONAMENTO, GESTIONE SONDINO NASO GASTRICO E SOMMINISTRAZIONE E GESTIONE DELLE LINEE INFUSIONALI PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO R. Pienovi, L.

Dettagli

Pubblicazioni Un percorso metodologico

Pubblicazioni Un percorso metodologico Pubblicazioni Un percorso metodologico per la definizione di procedure, protocolli, linee guida Il lavoro di stesura di protocolli procedurali e/o organizzativi del lavoro infermieristico, ha impegnato

Dettagli

MANUALE. Rivisto e corretto il 7/9/09. di Nutrizione Parenterale Domiciliare per paziente adulto

MANUALE. Rivisto e corretto il 7/9/09. di Nutrizione Parenterale Domiciliare per paziente adulto Rivisto e corretto il 7/9/09 MANUALE di Nutrizione Parenterale Domiciliare per paziente adulto Coordinatori: Carmona Jimenez Teresa CPSI Osp. Molinette* Da Ros Loredana CPSI Osp. Molinette* Piombo Antonella

Dettagli

A cura di: Maria Vittoria Di Toppa, Infermiera Pediatrica Dipartimento di Medicina Pediatrica Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Roma

A cura di: Maria Vittoria Di Toppa, Infermiera Pediatrica Dipartimento di Medicina Pediatrica Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Roma DIPARTIMENTO DI MEDICINA PEDIATRICA CENTRO PER LA DIAGNOSI E CURA U.O.C.. DI FIBROSI CISTICA A cura di: Maria Vittoria Di Toppa, Infermiera Pediatrica Dipartimento di Medicina Pediatrica Ospedale Pediatrico

Dettagli

GUIDA per il CAREGIVER

GUIDA per il CAREGIVER GUIDA per il CAREGIVER Gentile Utente, questo opuscolo intende fornirle alcune informazioni e consigli sulla possibilità di collaborazione con il personale del Reparto per quanto riguarda l assistenza

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Informazioni per il paziente domiciliare

Informazioni per il paziente domiciliare Informazioni per il paziente domiciliare Data: Infermiere assistente: Medico curante: Altri numeri utili: Informazioni sul distributore Riportare qui le informazioni per contattare il distributore 2 Introduzione

Dettagli

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Riconoscere i segni ed i sintomi specifici della sepsi Rilevazione e monitoraggio

Dettagli

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Via topica Altri tipi di somministrazione VIE PARENTERALI Via iniettiva Via buccale Via sublinguale Instillazione attraverso SNG (e PEG) Via respiratoria

Dettagli

POMPA per VUOTO MANUALE OPERATIVO

POMPA per VUOTO MANUALE OPERATIVO POMPA per VUOTO MANUALE OPERATIVO 1. Componenti 2. Manuale operativo Tutti i motori sono stati progettati per operate ad un voltaggio del 10% inferiore o superiore rispetto alla tensione standard. I motori

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

ALIMENTAZIONE PERSONE DISFAGICHE E TRAMITE P.E.G.

ALIMENTAZIONE PERSONE DISFAGICHE E TRAMITE P.E.G. INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 13 1. OBIETTIVO... 2 2. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 3. FREQUENZA... 3 4. DOCUMENTI A SUPPORTO... 3 5. MODALITA OPERATIVA IN SOGGETTO

Dettagli

GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NUTRIZIONE ENTERALE TERRITORIALE PER I PAZIENTI DOMICILIARI E DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI DELLE AZIENDE ULSS N

GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NUTRIZIONE ENTERALE TERRITORIALE PER I PAZIENTI DOMICILIARI E DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI DELLE AZIENDE ULSS N GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NUTRIZIONE ENTERALE TERRITORIALE PER I PAZIENTI DOMICILIARI E DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI DELLE AZIENDE ULSS N. 3 E N. 5 E DELLA FORNITURA DELLE ATTREZZATURE E DEI

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIBO VALENTIA Endoscopia Digestiva Diagnostica e Chirurgica Dr. A.Chirico Dr. V.Grasso Dr. L.Purita Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione

Dettagli

Esercizi di Fine Unità 9 Per i Capitoli 33, 34, 35 e 36

Esercizi di Fine Unità 9 Per i Capitoli 33, 34, 35 e 36 Esercizi di Fine Unità 9 Per i Capitoli 33, 34, 35 e 36 SEZIONE 1: VERIFICA QUELLO CHE HAI APPRESO Attività A: Farmacologico (nome della molecola). 2. Topica. 3. Transdermica. 4. Nitroglicerina. 5. Serbatoio

Dettagli

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA NSULNA L NSULNA viene somministrata sottocute tramite iniezioni con apposite siringhe monouso o penne da insulina. COME S CONSERVA L NSULNA? L insulina di scorta si conserva nella parte bassa del frigo

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Sostegno nell eliminazione urinaria e intestinale. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. ****

Sostegno nell eliminazione urinaria e intestinale. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO

Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO NUTRIZIONE ARTIFICIALE E una procedura terapeutica mediante la quale è possibile soddisfare i bisogni

Dettagli

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI Questo strumento è stato creato per facilitare gli operatori sanitari nella valutazione e nell educazione dei pazienti trattati

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA PERSONA E ORGANIZZAZIONE ESPERIENZE DI UN RAPPORTO POSSIBILE

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA PERSONA E ORGANIZZAZIONE ESPERIENZE DI UN RAPPORTO POSSIBILE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA 1 LA DIMISSIONE PROTETTA IN ORTOPEDIA L esperienza e la competenza dell infermiere al servizio del paziente e della

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE.

RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE. RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo

Dettagli

Manuale di istruzioni per la gestione della Nutrizione Enterale a Domicilio

Manuale di istruzioni per la gestione della Nutrizione Enterale a Domicilio Ausl Roma H U.O. per la Nutrizione Artificiale Domiciliare Manuale di istruzioni per la gestione della Nutrizione Enterale a Domicilio IL NOSTRO RECAPITO: TEL / FAX 06.93273911 A. Francescato D. Francescato

Dettagli

Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE

Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE Dott.ssa ITALIA ODIERNA UOC ANESTESIA E RIANIMAZIONE CENTRO NAD II LIVELLO OSPEDALE UMBERTO I NOCERA INFERIORE SALERNO 4 1 i bisogni nutrizionali dei malati di

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere IL PICC Catetere venoso centrale ad inserimento periferico Guida per il paziente e l infermiere Indice Introduzione Pag. 2 Dati paziente e Picc Pag. 3 Paziente Cos è il Picc? Pag. 4 Quando è utile tale

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici. Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative

Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici. Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative Dolore Oncologico Dolore Cronico Dolore Oncologico La via di somministrazione: orale

Dettagli

Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG

Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG Dott. A. Iuliano U.O.S. Pneumologia Subintensiva SISTEMA SANITARIO Organizzazione

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

Gestione infermieristica della terapia intraperitoneale

Gestione infermieristica della terapia intraperitoneale Gestione infermieristica della terapia intraperitoneale Jane Bryce - Clinical Trials Unit Marianna Connola Divisione di Ginecologia National Cancer Institute of Naples Italy Sommario Protocollo Infermieristico

Dettagli

Qualità: strumento di efficacia e sicurezza

Qualità: strumento di efficacia e sicurezza Qualità: strumento di efficacia e sicurezza Oscar Corli pensare alla Qualità Pensare alla Qualità in sanità. Ma quando si parla di cure a casa servizio efficace servizio sicuro 1 delibera R.L. 2-3

Dettagli

Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto

Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto Filippo Ghelma Responsabile UD DAMA Ospedale S. Paolo Milano Vicepresidente Fondazione Mantovani Castorina onlus Riflessioni nutrizionali

Dettagli

Allegato 1a DIMISSIONE PROTETTA E CONTINUITÀ DELLE CURE PER MINORI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI IL COORDINATORE DI PERCORSO OSPEDALIERO RICEVE LA SEGNALAZIONE DALL'U.O. DI DEGENZA IL COORDINATORE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE

PIANO ATTUATIVO LOCALE REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE Allegato n 2 Ambulatorio infermieristico Servizio Aziendale Professioni Sanitarie dr.ssa Agnese Barsacchi ASL RIETI AMBULATORIO

Dettagli

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 03 Rev. 00 IGIENE ORALE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 03 Rev. 00 IGIENE ORALE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5 INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5 1. OBIETTIVO... 2 2. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 3. FREQUENZA... 2 4. DOCUMENTI A SUPPORTO... 2 5. MATERIALE E MODALITÀ OPERATIVE...

Dettagli

Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore

Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore OFFICINE H IVREA 25 GENNAIO 2012 Anna Paola Canori Carla Varola S.C. Farmacia Ospedaliera Ivrea/Ciriè

Dettagli

AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE

AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC Residenzialità extraospedaliera (17 Centri Servizi, SVP,

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA OPUSCOLO INFORMATIVO LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA Questa guida è stata pensata per aiutarla a

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA Pagina 2 di 18 DIPARTIMENTO UNITA OPERATIVA..... COGNOME.NOME Periodo di prova dal.. al Valutazione formativa (3 mese) il Valutazione

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

RILEVAZIONE SETTIMANALE TIROCINIO A.S.A.

RILEVAZIONE SETTIMANALE TIROCINIO A.S.A. RILEVAZIONE SETTIMANALE A.S.A. SCHEDA DI RILEVAZIONE SETTIMANALE ATTIVITA' DI STAGE C.F.P. ID Progetto Nominativo corsista Azienda ospitante Reparto Periodo dal al Denom. AUSILARIO/A SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL

ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL 1. Coprite l'area di lavoro con vari fogli di giornale in caso di fuoriuscite

Dettagli

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Angelo Sacco Matteo Ciavarella Collana A B C INFORMAZIONE ESSENZIALE PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Manuale ad uso dei lavoratori Ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e del Decreto n. 388 del

Dettagli

Unità Operativa di Endoscopia Digestiva

Unità Operativa di Endoscopia Digestiva I NOSTRI IMPEGNI NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI Garanzia e tutela Il personale si impegna ad effettuare, a cadenze stabilite, la rilevazione della soddisfazione degli utenti e garantisce che i risultati delle

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario con il contributo educazionale di indice Indice 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Cos è l angioedema ereditario (AEE)? 4 Come si manifesta? 6 Come viene diagnosticato?

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica sede di

Corso di Laurea in Infermieristica sede di Corso di Laurea in Infermieristica sede di ABILITA PRATICHE( SKILLS ) Igiene delle mani: lavaggio sociale Fasi e sequenza operativa Corretto Non IRR Materiale occorrente: detergente in flacone con dispenser,

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO MALATTIA DA VIRUS EBOLA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 FINALITA Identificare casi sospetti/probabili di malattia da virus Ebola durante l intervista telefonica; Adottare speciali precauzioni

Dettagli

GASTROSTOMIA E DIGIUNOSTOMIA

GASTROSTOMIA E DIGIUNOSTOMIA Pag 1 di 13 Indice 1. Oggetto e scopo... 3 2. Campo di applicazione... 3 3. Responsabilità... 3 4. Riferimenti... 3 5. Contenuto... 3 5.1 Premessa La nutrizione enterale... 3 5.2 La Medicazione Della PEG;

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli