PROVE D EFFICACIA DEL BENDAGGIO ELASTOCOMPRESSIVO IN AMBITO DOMICILIARE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVE D EFFICACIA DEL BENDAGGIO ELASTOCOMPRESSIVO IN AMBITO DOMICILIARE"

Transcript

1 Distretto di Ravenna Dipartimento Cure Primarie u.o. Assistenza Infermieristica Domiciliare Ravenna 2007 PROVE D EFFICACIA DEL BENDAGGIO ELASTOCOMPRESSIVO IN AMBITO DOMICILIARE COMPONENTI GRUPPO di LAVORO - Bianchi Alessandro Infermiere - Assistenza Domiciliare AUSL Ravenna - Malucelli Silla Infermiere Assistenza Domiciliare AUSL Ravenna Documento elaborato e redatto da: Bianchi Alessandro e Malucelli Silla ABSTRACT Evidenza a prove d efficacia del bendaggio elastocompressivo in lesioni degli arti inferiori, complesse, in ambito domiciliare, in tempi brevi e con abbattimento dei costi. INTRODUZIONE Nella visione olistica dell utente e nella pianificazione assistenziale, ai numerosi pazienti affetti da patologie di natura vascolare non riuscivamo a fornire prestazioni tecniche efficaci in quanto non si riusciva ad arrivare ad una risoluzione del problema. Questi pazienti rimanevano in carico all Assistenza Domiciliare a lungo con dispendio di risorse umane, materiale, tempo, senza risoluzione del problema andando a pesare anche sulla lista d attesa. Coscienti dei nostri limiti ci siamo consultati, documentati giungendo a questa conclusione: ci mancava una diagnosi medica specifica, quale l insufficienza venosa, che ci indirizzasse verso l applicazione di un bendaggio elastocompressivo elemento centrale e decisivo nella risoluzione delle lesioni degli AAII (vedi indicazioni International Leg Ulcer Advisory Board). Un altro problema da superare è la mancanza di fornitura del materiale occorrente per il bendaggio elastocompressivo. PRESENTAZIONE Nell ambito dell assistenza domiciliare infermieristica ci si occupa di persone con patologie e problematiche assistenziali complesse e diverse fra loro (mai uguali e standardizzabili). Il presente lavoro nasce dall esigenza comune dell equipe di trovare le migliori risposte assistenziali a determinati e frequenti bisogni quali le ferite degli arti inferiori. L equipe all interno della propria organizzazione ha individuato i sottoscritti infermieri per la conduzione dello studio avendo interesse alla tecnica ed effettuata specifica formazione. Il nostro Servizio Infermieristico copre un vasto territorio e nel solo ambito territoriale di Ravenna può vantare i seguenti dati: ANNO PAZIENTI ACCESSI ( occasionali) ( occasionali) Tabella n.1 OBIETTIVI DELLO STUDIO Individuare i pazienti da trattare con la tecnica del bendaggio elastocompressivo. 1

2 Acquisire consapevolezza sulle modalità gestionali delle lesioni agli arti inferiori con terapia compressiva. Acquisire manualità su specifiche tecniche e/o materiali di bendaggio Assistere con un nuovo approccio il paziente con lesioni agli arti inferiori. Dare evidenza ai risultati così da arrivare ad un cambiamento in ambito aziendale AZIONI Gli autori dello studio hanno provveduto a: Selezionare i pazienti affetti da probabile insufficienza venosa ed indirizzarli allo specialista Angiologo. Effettuare l approvvigionamento del presidiato tramite Farmacia Aziendale. Stilare lo schema di monitoraggio dell andamento del piano assistenziale e dei risultati. Redigere, attuare e monitorare il piano assistenziale. Organizzare incontri informativi nell equipe per socializzare l andamento dello studio. MATERIALI Cartella infermieristica, piano assistenziale, schema di monitoraggio Con l obiettivo di ottenere un monitoraggio standardizzato, misurazioni precise ed accurate dell area della lesione è stato utilizzato un dispositivo di rilevazione e calcolo digitale con annesso software informatico. Il software nello specifico permette la realizzazione di una cartella informatizzata, un report di presa in carico paziente con relativo trattamento e curve di guarigione. Medicazioni topiche: ARGENTO - per il controllo delle infezioni POLIURETANO - per la gestione dell essudato VISITRAK Sistema di bendaggio elastocompressivo (PROGUIDE KIT ): BENDAGGIO ELASTOCOMPRESSIVO Nonostante la terapia compressiva sia sempre stata applicata con successo nella guarigione delle ulcere venose non è disponibile a tutt oggi una procedura ottimale d esecuzione di tale terapia. Personalmente faremo riferimento alle Linee Guida Diagnostico - Terapeutiche delle Malattie delle Vene e dei Linfatici stilate dal Collegio Italiano di Flebologia ( ) e all International Leg Ulcer Advisory Board (2002). 2

3 La compressione è comunque solo una fase della terapia effettiva, essenziale una valutazione accurata ed una diagnosi dettagliata a monte della terapia stessa. Le controindicazioni alla terapia elastocompressiva sono : arteriopatia ostruttiva neuropatie gravi: poiché l assenza o la riduzione di sensibilità cutanea aumenta il rischio di danni provocati dalla pressione del bendaggio compressioni estrinseche sui vasi venosi: linfoadenopatie, noduli, cisti, etc. insufficienza cardiaca non compensata fibromialgia reumatica: intolleranza spiccata a qualsiasi pressione sulla superficie cutanea patologie osteoarticolari: sindromi acrocianotiche, fenomeno di Raynaud Per consentire una diagnosi d insufficienza venosa servono: esami strumentali (doppler) rilevazione indice ABPI L indice ABPI si ottiene in un paziente disteso, con la rilevazione della pressione arteriosa sistolica a livello della caviglia e dividendola per la pressione sistolica brachiale. I valori normali sono tra 0,8 e 1,2 mentre valori inferiori a 0,5 escludono un trattamento elastocompressivo. TERAPIA TOPICA La terapia topica dell ulcera venosa, sempre associata alla terapia compressiva, rappresenta oggi un ausilio terapeutico molto importante. Chiamati a dover compiere scelte sul trattamento topico della lesione venosa la nostra valutazione ha tenuto conto delle indicazioni della International Advisory Board on Wound Bed Preparation espresse nel TIME: osservazione della situazione locale volta alla ricerca della risposta più appropriata rispetto al tessuto, infezione, ambiente di lesione, progressione del bordo epiteliale. Ciò detto le tappe successive nell affrontare la lesione sono: detersione: irrigazione con soluzione salina od altro in caso di medicazioni a base d argento sbrigliamento: rimozione del tessuto necrotico attraverso sbrigliamento meccanico, chirurgico, autolitico, chimico ed enzimatico. Medicazione: con bassa aderenza, congruo costo ed accettata dal paziente. TECNICHE E RACCOMANDAZIONI sul bendaggio elastocompressivo L intensità di compressione di un bendaggio dipende da quattro fattori tra di loro correlati: proprietà elastomeriche del bendaggio, grandezza e forma dell arto, abilità ed esperienza infermieristica., attività fisica del paziente. Il bendaggio elastocompressivo può essere realizzato con vari materiali e con varie tecniche a seconda della patologia, di esigenze particolari e a seconda della forma dell arto o della sede della lesione. Le bende possono essere anaelastiche, ad allungamento corto oppure bende ad allungamento medio e lungo. La prima può rimanere in sede per diversi giorni, nella seconda è necessaria la rimozione serale. Le tecniche di bendaggio sono: bendaggio ad otto, ad otto fissato alla caviglia, a srotolamento spontaneo, multistrato e quello utilizzato da noi BENDAGGIO A SPIRE REGOLARI. Il bendaggio a spire regolari è formato da una benda in viscosa naturale od ovatta sintetica da stendere a spire regolari coprendo anche il tallone arrivando fin sotto il ginocchio e da un secondo strato composto dalla benda elastica, nel nostro caso ad allungamento corto con lunghi tempi di permanenza. Si parte dalla radice delle dita del piede e dopo aver posto 2-3 giri sul piede stesso si sale alla caviglia e si procede prossimamente con l accortezza di sovrapporre del 50% le spire, cioè si stende la benda coprendo metà della sottostante completando il giro sotto il ginocchio. Comune a tutte le tecniche è la regola di srotolare la benda dall interno all esterno cioè, in direzione mediale laterale. In pratica per bendare l arto destro si procederà in senso antiorario, per l arto sinistro in senso orario. COSTI Le terapie più a basso costo non sono comunque sempre le migliori da un punto di vista del rapporto costo/efficacia. 3

4 Il rapporto costo/efficacia concerne nell uso efficiente delle risorse disponibili allo scopo di migliorare la qualità della vita dei pazienti dal punto di vista sanitario. L AUSL di Ravenna - Assistenza Infermieristica Domiciliare ha collaborato con il Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità dell Università Carlo Cattaneo, Università degli Studi di Roma II Torvergata, Istituto Superiore di Sanità per la rilevazione ed elaborazione dei costi nelle medicazioni eseguite con materiali da linee guida. Da questo ne abbiamo estrapolato i seguenti costi che applicheremo nei nostri casi clinici: COSTO INFERMIERE pagato dall AUSL ad accesso : 22,83 Euro, che comprendono 1 ora di lavoro ed il viaggio con auto aziendale USL COSTO DEI MATERIALI: CASI MATERIALE QUANTITÀ COSTO TOTALE garze guanti monouso fisiologica 100cc siringa 10cc poliuretano Kit bendaggio idrogel cerotto 30 cm 0.07 Tabella n.2 In ambito aziendale abbiamo individuato tra i nostri utenti quelli che ritenevamo idonei, contattato l angiologo cui indirizzarli, presi accordi con il medico di medicina generale, ottenuta la collaborazione di Anna Montanaro (ditta Smith-Nephew) ed effettuato una ricerca del materiale disponibile tramite il canale farmaceutico distrettuale. Gli utenti individuati in base alla particolare criticità al momento sono dieci (8 guariti, 2 in trattamento) di questi ne presentiamo tre: 1 caso: F. L. - condizioni generali scadenti - di anni 91 - di sesso maschile, - vive solo con assistenza privata nelle prime ore del mattino - situazione igienica dell abitazione scarsa - in carico all Assistenza Domiciliare da ottobre presenta ulcere vascolari agli arti inferiori particolarmente complesse e complicate da sovrainfezioni ricorrenti - presente dolore elevato diffuso arti inferiori risolto con l elastocompressione Bisogni (Virginia Henderson) : - Respirazione: autonoma, eupnoico - Alimentazione: naturale, autonomo, assume liquidi in scarsa quantità. - Eliminazione: alvo e diuresi regolari, non incontinente - Mobilità: limitata, utilizza presidi (deambulatore) - Dormire e riposare: riposa a tratti con sonno spontaneo - Vestirsi e svestirsi: necessita d aiuto - Mantenere la temperatura adeguata: necessita d aiuto - Igiene personale: necessita d aiuto - Evitare i pericoli derivanti dall ambiente: non autosufficiente, presenti barriere architettoniche che impediscono l uscita se non accompagnato. - Comunicazione: sensorio lucido, cosciente ed orientato nel tempo e nello spazio - Seguire la propria fede: cattolico non praticante - Lavorare: in pensione - Divertimento: non ha svaghi, non ascolta musica, non ha contatti relazionali - Imparare, scoprire e soddisfare la curiosità: televisione, non legge 4

5 DIAGNOSI INFERMIERISTICA: Attuale compromissione cutanea Rischio elevato di infezione Deficit della cura di sè Diagnosi medica: cardiopatia (blocco completo branca destra), ipertensione arteriosa, anemia, ipotiroidismo, insufficienza venosa arti inferiori. - Al momento della presa in carico nell ottobre 2004 presentava lesioni multiple complesse agli AAII elevatamente essudanti, con fondo necrotico a tutto piano, infette e con cute perilesionale disidratata, tumefatta e distrofica. - Inizia l assistenza infermieristica con medicazioni quotidiane utilizzando prodotti per lesioni da compressione (linee guida aziendali) fino a maggio Visti gli inefficaci risultati, è stata necessaria un ulteriore verifica clinico-assistenziale attraverso la quale si è concordato di procedere ad una visita specialistica angiologica. - Diagnosi specialistica: INSUFFICIENZA VENOSA ARTI INFERIORI e prescrizione di bendaggio elastocompressivo. TRATTAMENTO Da ottobre 2004 medicazioni avanzate da linee guida per ulcere da decubito quotidianamente od a giorni alterni con IDROCOLLOIDI, POLIURETANO, ALGINATI. Da maggio 2006 BENDAGGIO ELASTOCOMPRESSIVO a cadenza settimanale con ARGENTO, POLIURETANO e PROGUIDE KIT RILEVAZIONE ESTENSIONE ULCERA DI F.L. IN CM 2 nov dic gen-05 21,5 feb-05 21,9 giu lug ago-05 19,5 set ott-05 20,5 nov dic gen-06 21,9 feb mar-06 21,7 apr-06 22,3 mag-06 21,9 giu-06 16,8 lug-06 12,8 ago-06 13,4 set-06 7,5 ott-06 3,9 nov-06 0 dimensione in cm nov-04 AREA ULCERA F.L. in cm2 feb-05 mag-05 ago-05 nov-05 feb-06 mag-06 date rilevazioni ago-06 nov-06 Durata trattamento elastocompressivo: 24 maggio ottobre 2006 ( 5 mesi) 5

6 EVOLUZIONE da maggio 2006 Inizio elastocompressione guarigione Maggio 2006 Settembre 2006 Ottobre 2006 RISULTATI - Dall inizio del trattamento il paziente ha tollerato bene il bendaggio elastocompressivo sia di giorno che di notte ed il dolore è da subito diminuito fino alla completa scomparsa alla terza settimana di bendaggio COMPARAZIONE DEI COSTI/ MEDICAZIONI su F.L. Per poter effettuare la comparazione è stato necessario definire un costo medio per ogni medicazione, basandoci sui quantitativi e tipologia di presidiato descritti nelle linee guida e sui contenuti della documentazione assistenziale. Nello specifico il costo medio di una medicazione avanzata da linee guida, comprende: 2 garze, 2 guanti, 100cc di sol. Fisiologica, 1 siringa da 10cc, 1 medicazione in poliuretano e cerotto di fissaggio 30cm per un totale di 4,76 mentre il costo medio di una medicazione elastocompressiva comprende: Kit di bendaggio (1 medicazione a base d argento, 1 medicazione in poliuretano, 1 benda in viscosa, 1 benda elastica), 2 garze, 2 guanti, 100cc d acqua ppi, 1 siringa da 10cc, 1 tubetto di idrogel per un totale di 19,503 MEDICAZIONE AVANZATA DA LINEE GUIDA Accessi complessivi Costo singola 4,76 19,503 medicazione Costo tot. 1232,84 624,096 medicazione Tempo operatore 30 min 60 min Costo tot. 2956, ,56 operatore COSTO 4189, ,656 COMPLESSIVO Tabella n.3 MEDICAZIONE ELASTOCOMPRESSIVA 6

7 2 CASO: M.R. - in carico all Assistenza Domiciliare dal 6 aprile 2006 e chiuso il 16 agosto di sesso maschile, - di anni 72 - vive con la moglie - con situazione igienica dell abitazione buona - con dolore elevato diffuso arti inferiori Bisogni (Virginia Henderson) : - Respirazione: autonoma, eupnoico - Alimentazione: naturale, autonomo, buona - Eliminazione: alvo e diuresi regolari, non incontinente - Mobilità: limitata - Dormire e riposare: riposa a tratti con sonno spontaneo - Vestirsi e svestirsi: autonomo - Mantenere la temperatura adeguata: autonomo - Igiene personale: parzialmente dipendente - Evitare i pericoli derivanti dall ambiente: autosufficiente - Comunicazione: persona lucida, cosciente ed orientata - Seguire la propria fede: ateo - Lavorare: in pensione - Divertimento: lettura e gioco di carte con amici - Imparare, scoprire e soddisfare la curiosità: televisione, lettura DIAGNOSI INFERMIERISTICA: Attuale compromissione cutanea Rischio elevato di infezione Diagnosi medica: diabete non insulino dipendente in paziente sovrappeso, insufficienza venosa arti inferiori. TRATTAMENTO In carico al Servizio Interdisciplinare PIEDE DIABETICO e INFEZIONI NECROTIZZANTI PROGRESSIVE dei tessuti molli dal 11 gennaio 2005 (15 mesi) e medicato con garza iodoformica, crema cortisonica perilesionale previo disinfezione e detersione. Dal 6 Aprile 2006 tramite relativa richiesta medica, il paziente viene preso in carico dall Assistenza Infermieristica Domiciliare, trattato con bendaggio elastocompressivo e relative medicazioni avanzate e guarito dopo 4 mesi di trattamento. EVOLUZIONE Inizio Elastocompressione Fine trattamento 6 Aprile Agosto 2006 COSTI 7

8 ACCESSI COMPLESSIVI 22 COSTO KIT ELAST.NE 19,5 COSTO TOTALE MEDICAZIONI 429,0 TEMPO OPERATORE 60 minuti COSTO TOTALE OPERATORE 502,26 COSTO COMPLESSIVO 931,26 Tabella n.4 3 CASO: G.A. - In carico all Assistenza Domiciliare dal 28 marzo 2006 e chiusa il 15 giugno di sesso F - di anni 92 - vive con la famiglia (5 elementi) - con situazione igienica dell abitazione buona - con dolore elevato diffuso arto inf. DX Bisogni (Virginia Henderson) : - Respirazione: autonoma, eupnoico - Alimentazione: naturale, autonoma, buona - Eliminazione: alvo e diuresi regolare, non incontinente - Mobilità: limitata ma non utilizza presidi - Dormire e riposare: sonno spontaneo - Vestirsi e svestirsi: autonoma - Mantenere la temperatura adeguata: autonoma - Igiene personale: autonoma - Evitare i pericoli derivanti dall ambiente: autosufficiente - Comunicazione: persona lucida, cosciente ed orientata - Seguire la propria fede: cattolica praticante - Lavorare: in pensione - Divertimento: musica classica, televisione - Imparare, scoprire e soddisfare la curiosità: televisione, non legge DIAGNOSI INFERMIERISTICA: Attuale compromissione cutanea Rischio elevato d infezione Diagnosi medica: insufficienza venosa arti inferiori TRATTAMENTO Al momento della presa in carico i famigliari riferiscono che era trattata da circa tre mesi con connettivina garze più medicazione a piatto con progressivo peggioramento. Dal 28 marzo applicata elastocompressione con relative medicazioni avanzate e guarita dopo tre mesi. EVOLUZIONE Dopo la prima elastocompressione Fine trattamento 30 Marzo Giugno

9 RISULTATI La paziente ha trovato sollievo già al primo trattamento, raggiungendo la completa guarigione dopo tre mesi di trattamento. COSTI ACCESSI COMPLESSIVI 11 COSTO KIT ELAST.NE 19,5 COSTO TOTALE MEDICAZIONI 214,5 TEMPO OPERATORE 60 minuti COSTO TOTALE OPERATORE 251,13 COSTO COMPLESSIVO 465,63 Tabella n.5 BIBLIOGRAFIA: - Allegra C. :Comprendere la terapia compressiva. Documento di posizionamento EWMA MEP (European Wound Management Association) Collegio Italiano di Flebologia: Le linee guida diagnostico - terapeutiche delle malattie delle vene e dei linfatici. Ed. Minerva Medica The Compression Terapy Study Group CTG: Compression. Ed. Minerva AISLEC: Le ulcere dell arto inferiore a cura di Battistino Paggi ed Elia Ricci - Crocifissa Carducci: Tesi di Laurea in Infermieristica Assistenza infermieristica e monitoraggio delle ulcere venose 2005/ Gruppo di lavoro AUSL Ravenna: Linee guida sulla prevenzione e trattamento delle lesioni da decubito

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I II Soluzione fisiologica o Ringer lattato pellicola semipermeabile

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (AISLEC) P.zza della Chiesa 7, 27010 San Genesio ed Uniti (PV) Fax.: 0382-523203 Cell.

Dettagli

Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento

Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento Associazione italiana ulcere cutanee A.I.U.C. Napoli 8/11 Novembre 2006 Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento Giuseppe Nebbioso DISTRETTO SANITARIO di BASE 53 Unità

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

Riccardo Baci Gilberto Gentili Massimiliano Paolinelli

Riccardo Baci Gilberto Gentili Massimiliano Paolinelli Implementazione sul territorio del trattamento delle ferite difficili con medicazioni avanzate: percorsi di reclutamento valutazione gestionale e costo opportunita rispetto al trattamento con prodotti

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze Struttura Complessa di Cardiologia Universitaria Città della Scienza e della Salute, Torino Direttore: Prof. Fiorenzo Gaita L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali

Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali ********** Capitolato Tecnico I prodotti oggetto della presente procedura devono essere conformi alle normative

Dettagli

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v :

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v : Corso Lesione da Pressione Ottobre-Dicembre 2012 Regione Toscana Azienda USL n.3 Pistoia Assistenza Infermieristica nella Prevenzione e trattamento delle LDP Premessa: La prevenzione e il trattamento delle

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a:

Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a: Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a: sospetta ipertensione arteriosa secondaria ipertensione resistente ipertensione in gravidanza

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome AMATO TOMMASO Data di nascita 26/06/1959 Qualifica Dirigente medico I livello a rapporto esclusivo Chirurgia Generale Ospedale San

Dettagli

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Responsabile Medico: Medici di Reparto: Caposala: Dott. Alberto SINISCALCHI Dott. Andrea LIGUORI Dott. Gian Paolo SPINELLI Sig.ra

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LOZIORI DANIELA Telefono 349-1886188 Fax E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 06.09.1962

Dettagli

Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione

Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione Inquadramento del paziente e Gestione Multidisciplinare Dott.ssa Mattei Paola PIEDE DIABETICO OMS Infezione, ulcerazione e/o distruzione dei

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care 1 Sessione: Prevenzione e valutazione delle L.D.D: studi ed esperienze a confronto 8.30-8.45 Introduzione: Maddalena Galizio (B)

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Pagina2 VEC Sommario UNITÀ DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN

INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN 2 L aponeurosi palmare è l elemento che viene colpito dalla malattia di Dupuytren, ritraendosi e flettendo le dita. Il Morbo do Dupuytren consiste nella progressiva retrazione

Dettagli

JOB DESCRIPTION. DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.)

JOB DESCRIPTION. DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.) Mod. JD SID DSRI Data 05/05/09 Pagina 1 di 6 DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.) Dipendenza gerarchica (Scopo della posizione) organizzative Posizione organizzativa Responsabile delle attività infermieristiche

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

Piaghe da decubito Approccio terapeutico

Piaghe da decubito Approccio terapeutico Piaghe da decubito Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali, eppure ogni ferita necessita delle condizioni

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Evoluzione dei modelli organizzativi infermieristici

Evoluzione dei modelli organizzativi infermieristici Evoluzione dei modelli organizzativi infermieristici MODELLO TECNICO/ESECUTIVO > modello tayloristico MODELLO PROFESSIONALE> modelli successivi da Pontello G, Il management infermieristico, Masson, 1998,

Dettagli

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO 4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO SEDE: LEGNAGO BOVOLONE ZEVIO NOGARA UNITÀ OPERATIVA/SERVIZIO: DIRETTORE: COORDINATORE INFERMIERISTICO: COGNOME QUALIFICA: INFERMIERE NOME DATA INIZIO

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione Qualifica GIOVANNI RIGNANESE Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di Cremona Dirigente

Dettagli

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F CONGRESSO REGIONALE SIMEU : 8 FEBBRAIO 2013 IL PRONTO SOCCORSO ED IL RICOVERO APPROPIRATO Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F Dr.ssa Clara Cesari

Dettagli

CECCHETTO - SALVATORI e Associati

CECCHETTO - SALVATORI e Associati Progetto1:Layout 1 3-06-2010 12:15 Pagina 1 Studio Infermieristico Associato CECCHETTO - SALVATORI e Associati ASSISTENZA INFERMIERISTICA FORMAZIONE CONSULENZA Carta dei Servizi Progetto1:Layout 1 3-06-2010

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

L assistenza al malato e all anziano in casa

L assistenza al malato e all anziano in casa L assistenza al malato e all anziano in casa Prima edizione 2014 PRENDIAMOCENE CURA CON CROCE ROSSA ITALIANA DESIO e NUCLEO BRIANTEO - ASSOCIAZIONE REGIONALE LOMBARDIA INFERMIERE/I L AMORE PER I PROPRI

Dettagli

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Azienda USL Ferrara L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Bo 13 aprile 2007 Mauro Manfredini Composizione Commissione Provinciale

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

Azienda Ospedaliera-Università di Padova

Azienda Ospedaliera-Università di Padova Azienda Ospedaliera-Università di Padova Dipartimento Interaziendale ad Assistenza Integrata dell Anziano Sezione di Clinica Chirurgica Geriatrica Direttore: Prof.Oreste Terranova U.O.S. Trattamento Chirurgico

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore iquaderni della iriabilitazione manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore Struttura Complessa di Cure Palliative (Terapia del Dolore - Riabilitazione) Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI STIEVANO ALESSANDRO

EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI STIEVANO ALESSANDRO EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI RELATORI: MAURIZIO PALOMBI STUDENTE: MINI MENACHERY STIEVANO ALESSANDRO IL TERMINE VARICE DERIVA DAL LATINO VARUS, CHE SIGNIFICA

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Direzione del Servizio Infermieristico e Tecnico GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Annita Caminati e Roberta Mazzoni RISK MANAGEMENT Insieme di attività coordinate per gestire un organizzazione

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

La compressione come profilassi e terapia

La compressione come profilassi e terapia La compressione come profilassi e terapia Dr. Alessandro Aiello ANGIOLOGIA A.S.P. Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di valutazione

Dettagli

LA TELEMEDICINA RIDUCE IL RICORSO AI SERVIZI SANITARI ED I COSTI E MIGLIORA L OUTCOME: L ESPERIENZA DELL'AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA ADDOLORATA DI ROMA Giorgio Scaffidi 1, Michelangelo

Dettagli

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT G. Lella (1), F. V. Rizzi (2), C. Crapolicchio (1), L. N. Visaggio (1), D. Ancona (2) 1. Servizio di Farmacovigilanza; 2. Area Gestione Servizio Farmaceutico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma Educazione terapeutica strutturata nel diabete tipo 2. L'esperienza dell'ambulatorio infermieristico del Team diabetologico del Polo Sanitario di Colorno Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD Modulo 2 lezione 2 Le indicazioni al trattamento che seguono sono state tratte da: Indicazioni fornite da esperti nella gestione delle lesioni croniche (organizzazione

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione. Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione. Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006 MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006 OGGETTO: Linee guida per l accertamento e la valutazione

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MORI GIUSEPPE Indirizzo 26, VIA C.A. DALLA CHIESA, 29010 ROTTOFRENO, ITALY Telefono 328.035.36.77 Fax E-mail

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA

ESPERIENZA LAVORATIVA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail ARIOTTI MARCO Marco.ariotti@aslto1.it Nazionalità Italiana Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/03/1998 ASL To 1 TORINO - Cure Domiciliari

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

L ASSISTENZA DIABETOLOGICA NELLA A.S.N.7

L ASSISTENZA DIABETOLOGICA NELLA A.S.N.7 L ASSISTENZA DIABETOLOGICA NELLA A.S.N.7 G.Pipicelli, L.Mustara, G.Angotzi, T.Colosimo,R.Guarnieri,A.Parottino,I.Pinto U.O Complessa di Diabetologia e Dietologia Territoriale A.S.n.7 Catanzaro Direttore

Dettagli

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore Management del dolore post operatorio in Chirurgia Generale e Specialistica Siena 22 24 novembre 2010 Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore A. Annesanti Istituto Italiano di Bioetica

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Granucci Lucia Infermiera di famiglia UO Infermieristica Territoriale Resp. Svaldo sensi UF Cure Primarie Piana

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA SERVIZIO DI REUMATOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA I REUMATISMI COME PREVENIRLI E CURARLI Le malattie reumatiche, denominate con varie terminologie (reumatismi,

Dettagli

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro Davide Lauri, MMG Scuola di Formazione e Ricerca in Medicina di Famiglia Presidente Coop Medici Milano Citta H. Niguarda, Milano 23 Gennaio 2012 ADI

Dettagli

Regione Campania Scheda Rilevazione Dati Assistiti Ultrasessantacinquenni

Regione Campania Scheda Rilevazione Dati Assistiti Ultrasessantacinquenni Componente Sanitaria ad opera del MMG Anagrafica assistito cognome e nome codice fiscale domicilio telefono persona di riferimento telefono medico curante codice regionale Secondo le informazioni in possesso

Dettagli

Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi

Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi Infermiera Consulente Formazione e Organizzazione in Sanità In Italia è 10

Dettagli

SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE: 10 GENNAIO 2011

SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE: 10 GENNAIO 2011 Prot. N. 12129 Verona, 15.12.2010 Oggetto: A V V I S O DI PUBBLICAZIONE TURNI DISPONIBILI 15 DICEMBRE 2010 - DESTINATI A SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI PRESSO: ULSS N. 20 DI VERONA AI SENSI DELL ART.

Dettagli

Catalogo Prodotti 2-2004

Catalogo Prodotti 2-2004 Guanti da esplorazione PehaSoft - guanti da esplorazione in lattice o in vinile, con o senza polvere I guanti sono dedicati all'utilizzo in visite e lavori di laboratorio dove è richiesta ottima sensibilità

Dettagli

Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging

Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN : ASSISTENZA

Dettagli