LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO: PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO E ASPETTI ASSISTENZIALI PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE COMPLICANZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO: PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO E ASPETTI ASSISTENZIALI PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE COMPLICANZE"

Transcript

1 CORSO DI INFERMIERISTICA DI FAMIGLIA E DI COMUNITA LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO: PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO E ASPETTI ASSISTENZIALI PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE COMPLICANZE Lavoro individuale di Patrizia Poleis A.S.L.BI. BIELLA 1.

2 Il presente lavoro è la tesi finale del corso regionale di infermiere di famiglia e di comunità a cui ho partecipato durante l anno Ho scelto un argomento nell ambito clinico-assistenziale perché stimola di più il mio interesse e curiosità.osservando la gestione dei cateteri venosi periferici in ambito territoriale,ho evidenziato la difformità di alcuni aspetti assistenziali,soprattutto su i tempi di permanenza per la sostituzione.per raccogliere le informazioni si evince la necessità di elaborare un questionario e rivolgerlo a tutti gli infermieri delle cure domiciliari dell asl BI.I dati raccolti però non sono stati sufficienti per elaborare statisticamente i risultati. Ho pensato allora di definire la modalità di erogazione e attivazione della terapia endovenosa a domicilio da parte degli infermieri delle cure domiciliari ritenendo indispensabile sviluppare un protocollo operativo come già trova conferma in altre realtà operative distrettuali. Gli obiettivi sono: garantire l uniformità delle procedure dei servizi territoriali dell azienda sanitaria, richiesta di completezza della prescrizione medica,acquisizione del consenso informato, valorizzazione del ruolo del care giver indispensabile per garantire la sorveglianza della terapia infusionale e la continuità assistenziale quando l infermiere esce dal domicilio. Inoltre lo scopo di questo lavoro è quello di fornire conoscenze più specifiche ed aggiornate sulla gestione degli accessi venosi,sulle complicanze della terapia infusionale somministrata attraverso una vena periferica nel dettaglio:la flebite,l infiltrazione,lo stravaso,la reazione allergica e l infezione. PAROLE CHIAVE: accessi venosi periferici,cure domiciliari,gestione,attivazione,complicanze,care giver, 2.

3 La terapia endovenosa a domicilio,intesa come somministrazione di soluzioni e farmaci attraverso un accesso venoso periferico,rientra nel quadro più ampio del sistema di cure domiciliari. La gestione dei dispositivi vascolari periferici riveste la stessa importanza di quelli centrali,perché anche dall utilizzo dei cateteri corti inseriti nelle vene periferiche si possono verificare delle complicanze. Le modificazioni dei bisogni di salute della popolazione,l aumento dell invecchiamento,crea una domanda crescente di prestazioni sanitarie che un tempo potevano essere erogate solo in ambito ospedaliero. La necessità di contenere i costi,l uso più consono delle risorse,i nuovi orientamenti politici-sanitari e l incremento delle aspettative della popolazione,fanno si che l infermiere del territorio sia chiamato in misura esponenziale ad espletare pratiche clinico assistenziali sempre più specifiche e tecnicamente avanzate per tutelare la salute delle persone al proprio domicilio. Per assicurare adeguati livelli di staff infermieristico,sono indispensabili aggiornamenti costanti,stesura di protocolli basati su linee guida ed evidenze scientifiche,al fine di garantire la sicurezza dei pazienti che ricevono cure in ambito domiciliare,prevenendo e controllando il rischio di trasmissione delle infezioni e la comparsa di complicanze. 3.

4 L acquisizione della documentazione è avvenuta tramite ricerca bibliografica su siti internet specialistici.le fonti primarie utilizzate per l analisi sono state le linee guida per la prevenzione delle infezioni correlate a dispositivi intravascolari pubblicati dal Centers for desease control and prevention (CDC) di Atlanta,agosto Indagine sulla letteratura attraverso le banche dati. Stesura di un questionario per avere informazioni sulla gestione della terapia endovenosa nelle cure domiciliari dell ASL BI,prendendo come esempio una ricerca americana trovata sulle banche dati dal titolo Relationship between peripheral intravenous catheter dwell time and the development of phlebitis and infiltration effettuata su un campione di pazienti ospedalizzati. Il questionario che ho confezionato è anonimo,costituito da 13 domande chiuse,in allegato una lettera di richiesta di collaborazione per le colleghe del distretto,spiegando la finalità del lavoro. Il questionario è stato presentato ai colleghi tramite un incontro presieduto dalle coordinatrici del servizio territoriale.i tempi assegnati per l osservazione e compilazione erano di due settimane. I questionari ricevuti sono stati 41,sono risultati completamente insufficienti per la finalità dell indagine e successiva elaborazione statistica.in quindici giorni nei due distretti dell asl sono stati posizionati soltanto due cvp.elaborando le due domande finali dove si era chiesto di rispondere comunque,il 40% dei colleghi tenendo conto della scarsità del patrimonio venoso e della mancanza di segni di complicanze mantiene in sede il cvp per tre giorni,il restante 60% tenendo conto delle stesse caratteristiche dell albero venoso e dell assenza di complicanze mantiene in situ il cvp da tre a sei giorni.rapportando questi dati con le linee guida dei CDC di Atlanta i risultati sono adeguati.per il 40% degli infermieri si può dire che vi è un eccesso di precauzione,visto che le raccomandazioni su questo punto affermano che: i cvp vanno sostituiti ogni ore,se i siti di accesso venoso sono limitati e non c è evidenza di flebite o infezione i cvp possono essere lasciati per periodi più lunghi sempre sotto stretto monitoraggio. 4.

5 SISTEMA DELLE RESPONSABILITA Per garantire un intervento assistenziale di qualità, è indispensabile identificare chiaramente il ruolo delle singole componenti professionali coinvolte nella terapia endovenosa. Riferimenti Legislativi Profilo Professionale - DM 739/94 Regolamento concernente l individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell infermiere Codice Deontologico dell Infermiere - Federazione Nazionale IPASVI 1999 Legge 26 febbraio 99 n.42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie Legge 10 agosto 2000 n.251 Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione, nonché della professione ostetrica Descrizione attività Appropriata e corretta compilazione della modulistica per la prescrizione Accoglienza richiesta, valutazione contesto abitativo e care-giver Informazione all utente sul trattamento, consenso informato Istruzione/educazione care-giver acquisizione consenso informato al P.A. Gestione del processo assistenziale infermieristico Esecuzione della terapia EV a domicilio Verifica della corretta applicazione del protocollo MMG PLS R R C Infermiere R C R R R Coordinatore Infermieristico Distretto Direz.San SIT Aggiornamento del protocollo C R Validazione & revisione R C Ici R R=responsabilità C= coinvolgimento 5.

6 Percorso di attivazione terapia endovenosa a domicilio Persona con bisogno sanitario MMG PLS Informa l assistito sulle modalità dell assistenza territoriale e sul trattamento ev Richiesta di assistenza infermieristica per terapia EV domiciliare + consenso informato Distretto Infermiera delle cure domiciliari Valutazione documentazione ricevuta corretta prescrizione SI NO Attivazione servizio infermieristico 6. Si rimanda MMG/PLS

7 PROCEDURA DI ATTIVAZIONE La terapia ev/infusiva a domicilio,come del resto tutte le terapie,può essere effettuata dall infermiere solo su prescrizione da parte del medico di medicina generale/pediatra di libera scelta che ha in carico l assistito. CONDIZIONI INDISPENSABILI PER LA PRATICA DELLA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO 1 Prescrizione medica 2 Indicazione sui farmaci somministrabili 3 Necessità di delegare alla famiglia o al personale di assistenza la sorveglianza durante l infusione,la sostituzione dei flaconi,la regolazione del flusso e della durata 4 Educazione alla famiglia 5 Consenso informato 6 Gestione degli accessi venosi periferici (protocollo) LA PRESCRIZIONE MEDICA CORRETTA DEVE CONTENERE: nome e cognome indirizzo completo nome commerciale del farmaco posologia forma farmaceutica via di somministrazione tempi di somministrazione dosaggio e modalità di miscelazione eventuale di farmaci durata della somministrazione anamnesi allergologica negativa diagnosi o problema sanitario per il quale si richiede la terapia infusiva data e firma 7.

8 Le richieste incomplete di uno o più dati sopra elencati o compilate con grafia illeggibile, potranno essere evase solo dopo integrazione da parte del medico prescittore. Le richieste devono pervenire all unità operative del distretto di competenza o al responsabile infermieristico. ferro EV FARMACI NON SOMMINISTRABILI DALL INFERMIERE: sangue ed emoderivati FARMACI IN BOLO Per quanto attiene la somministrazione di farmaci in bolo,si ritiene che non sussistano le necessarie condizioni di sicurezza. PROCEDURA DI EROGAZIONE L infermiere che effetua la presa in carico e che esegue la prima valutazione a domicilio,verifica i seguenti aspetti ritenuti vincolanti,ai fini dell erogazione della prestazione: contesto abitativo,situazione famigliare e presenza di figure di supporto(care-giver) in grado di collaborare al processo assistenziale; disponibilità di un apparecchio telefonico oppure vicino di casa che lo possiede e che lo mette a disposizione; possibilità da parte dei famigliari o care-giver dell assistito di comunicare ogni eventuale situazione non pianificata o urgente; altre eventuali peculiarità dell assistito o del suo ambiente di vita che possa in qualche modo influire sulla prestazione; vista la specificità delle situazioni che di volta in volta possono verificarsi al domicilio dell assistito,la valutazione di cui sopra andrà effettuata caso per caso e potrà essere rivalutata dall infermiere ogni qualvolta vengano meno i requisiti di base dell assistenza,in accordo con il medico. In relazione a possibili effetti collaterali della terapia prescitta,l infermiere erogatore concorderà con il MMG/PLS la necessità di una sua presenza al domicilio dell utente.quanto concordato dovrà essere scritto nella cartella infermieristica. 8.

9 CONSENSO INFORMATO A completamento dei punti precedenti è necessaria l acquisizione del consenso informato,una parte dovrà essere compilata dal medico curante e firmata dall utente o da un suo famigliare per accettazione della terapia endovenosa prescitta,la restante parte sarà compilata dall infermiera che effetua la presa in carico che darà opportune informazioni sulle modalità assistenziali, firmata sempre dal fruitore o dal famigliare. In assenza di tale requisito non esistono le condizioni di sicurezza per affrontare una terapia infusiva a domicilio. DELEGA ALLA FAMIGLIA E/O AL PERSONALE DI ASSISTENZA Nessun tipo di assistenza domiciliare è attuabile senza la partecipazione della famiglia o di personale di assistenza continuativa o sub continuativa.nel caso specifico l aiuto della famiglia è necessario per sorvegliare l infusione,sostituire i flaconi,regolare il flusso e la durata dell infusione secondo le istruzioni ricevute. EDUCAZIONE DELLA FAMIGLIA Per acquisire l aiuto dei famigliari è indispensabile dare informazioni chiare e rassicuranti sulla conduzione della terapia,ma anche relativamente alle manovre che dovranno essere eseguite una volta che l infermiere ha posizionato il catetere venoso ed ha iniziato l infusione. Sono motivi di esclusione del trattamento secondo le presenti linee guida: scarsa abilità manuale scarsa comprensione delle procedure da eseguire,insegnate in modo adeguato al livello culturale scarsa igiene generale assenza di copertura telefonica non compliance nota alla terapia in generale instabilità emotiva e/o disturbi mentali scarsa acuità visiva 9.

10 PROCEDURA DI EROGAZIONE TERAPIA INFUSIVA Erogatore infermiere Accesso domiciliare infermiere +(MMG/PLS se concordato) Valutazione contesto abitativo Care-giver presente NO Sospensione procedura MMG rivalutazione SI Informazione ai famigliari sulle modalità assistenziali Acquisizione consenso informato NO Non acconsente MMG rivalutazione SI Acconsente a farsi carico della sorveglianza della terapia EV Erogazione terapia EV 10.

11 Percorso di sorveglianza Infermiere Atto tecnico posizionamento accesso venoso applicando protocollo operativo e inizio infusione Istruzione ai famigliari sul controllo e sospensione dell infusione(attività insegnamento/educazione) informazione recapiti telefonici Infermiere si allontana dal domicilio Care/giver garantisce la sorveglianza dell infusione Problema SI NO Contatto recapiti Chiusura/rimozione telefonici secondo accesso venoso indicazioni La sorveglianza che viene richiesta ai famigliari è tale da non richiedere particolari competenze e attitudini specifiche di operatori con qualifica di tipo sanitario,in quanto si limita all osservazione e a semplici atti. 11.

12 PROCEDURA TECNICO OPERATIVA PER IL POSIZIONAMENTO DI UN ACCESSO VENOSO PERIFERICO I cateteri venosi periferici, inseriti nelle vene superficiali dell avambraccio o della mano, rappresentano i dispositivi intravascolari più comunemente utilizzati. Le modalità di accesso ad una via venosa per somministrare farmaci sono diverse e vanno dalla semplice venipuntura con ago-farfalla (butterfly), alla incannulazione di una vena periferica di un arto (ago cannula). La decisione di scegliere l incanulazione di una vena periferica considera elementi diversi quali: SITUAZIONI CLINICHE Mantenere o ricostruire il patrimonio dell organismo in H2O elettroliti, vitamine, calorie che il paziente non può introdurre a sufficienza per via orale. Ricostruire l equilibrio acido-base. Consentire la somministrazione di farmaci per via parenterale. INDICAZIONI AL CATETERISMO VENOSO PERIFERICO Uso di farmaci ben tollerati da vene periferiche a basso flusso ematico Utilizzo per un tempo breve Presenza di un alto rischio al posizionamento di un catetere venoso centrale. Disponibilità e caratteristiche della rete venosa. Collaborazione del paziente. VANTAGGI E SVANTAGGI DEL CATETERISMO VENOSO PERIFERICO VANTAGGI Riduzione dei costi. Assenza di rischi correlati alla presenza di un catetere venoso centrale. Minori rischi di infezione. Migliore tollerabilità da parte del paziente. SVANTAGGI Accesso venoso instabile e di breve durata. Disponibilità limitata di vene. Difficoltà o impossibilità di somministrazione di alcuni farmaci. 12.

13 CRITERI DI SCELTA DELLA SEDE DI INSERZIONE La scelta della vena e la modalità di posizionamento di un ago cannula possono condizionare il risultato della terapia endovenosa e favorire la prevenzione delle complicanze correlata alla presenza di un catetere intravasale. Per l incannulazione del vaso preferire vene con le seguenti caratteristiche: - Vene superficiali, facilmente palpabili e sufficientemente sviluppate; - Vene che non presentano sclerosi, ematomi, dolorabilità o segni di infiammazione; - Evitare vene di arti edematosi e con alterazioni del drenaggio linfatico, arti plegici, zone escoriate o ustionate; - Scegliere il braccio non dominante. * Prediligere le vene degli arti superiori, in quanto i cateteri inseriti nelle vene degli arti inferiori si associano a maggior rischio di complicanze; * Nella scelta della vena preferire la puntura distale della vena, riservando i punti più prossimali per un ulteriore terapia endovenosa. * Preferire il posizionamento del catetere lontano da articolazioni mobili (polso, gomito). * Scegliere il catetere il cui calibro deve essere della misura più piccola, per ridurre il rischio di flebite; questo si dovrà valutare in funzione al trattamento terapeutico a cui il paziente deve essere sottoposto. *Nei pazienti pediatrici possono essere usati come sito di inserimento le mani,il dorso del piede,o il cuoio capelluto. Si raccomanda inoltre di non radere il punto destinato alla puntura venosa perché la rasatura può facilitare lo sviluppo di un infezione attraverso la moltiplicazione di batteri nelle microabrasioni che si possono creare;le zone molto pelose vanno eventualmente rasate con rasoi elettrici,creme depilatorie o forbici. SCELTA DEGLI ANTISETTICI CUTANEI PER LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI I CDC di Atlanta nelle linee guida emanate nel2002 descrivono come antisettici appropriati per la gestione degli accessi venosi soluzioni di Clorexidina al 2%,Iodoforo al 10%,Tintura di iodio o Alcool 70. L antisettico più usato per la disinfezione del sito di inserimento dei cateteri venosi è lo iodiopovidone al 10%.Uno studio recente ha evidenziato che l impiego di clorexidina gluconato al 13.

14 2% possa abbassare i tassi di colonizzazione del sito di ingresso del catetere;ribadendo il concetto che la percentuale di clorexidina deve essere del 2% risultando non efficace la percentuale al 0,5%. Nella pratica clinica la scelta può essere orientata verso due prodotti che sono:iodio-povidone 10%,e la clorexidina 2% in alcool etilico,per chi manifesta allergie allo iodio.prima dell inserimento del cvp è fondamentale lavarsi le mani,l uso dei guanti non sostituisce il lavaggio delle mani.qualora non sia possibile lavarsi le mani con acqua e saponi antesettici si possono utilizzare creme o gel senz acqua a base alcolica.se applicando l antisettico non viene toccato il sito di inserimento è possibile indossare guanti puliti,in caso contrario bisogna usare guanti sterili.disinfettare la cute pulita,disinfettare con l ansisettico appropriaro rispettando i tempi di efficacia dell azienda produttrice.i CDC raccomandano di lasciare l antisettico sul sito di inserimento e di farlo asciugare all aria,lo iodiopovidone dovrebbe rimanere sulla cute per almeno 2 minuti o più se non ancora asciutto. POSIZIONAMENTO DEL CATETERE VENOSO PERIFERICO TECNICA SUGGERITA 1. Valutare il paziente ( funzionalità degli arti ) e il grado di collaborazione offerta. 2. Informare il paziente in merito a: motivo e descrizione della procedura tempo di permanenza comportamenti da adottare durante la permanenza 3. Invitare la persona ad assumere una posizione idonea e confortevole per le sue condizioni cliniche. 4. Valutare le condizioni igieniche della sede e la necessità di una tricotomia (in tal caso tagliare i peli alla base utilizzando forbici). 5. Eseguire il lavaggio delle mani con antisettico appropriato. 6. Indossare guanti monouso non sterili 7. Appendere il flacone o la sacca e sistemare l estremità coperta dal set di somministrazione in posizione facilmente raggiungibile. 8. Scegliere una vena, dopo aver esaminato entrambe le braccia del paziente, palpando e visualizzando l esatto percorso delle vene. 14.

15 9. Scegliere il catetere il cui calibro dovrebbe essere la misura più piccola, per ridurre il rischio di flebite; questo si dovrà valutare in funzione del trattamento terapeutico a cui il paziente deve essere sottoposto. 10. Disinfettare la zona da pungere rispettando i tempi di azione a seconda dell antisettico utilizzato. 11. Applicare il laccio emostatico. 12. Se le vene non sono palpabili favorire, se possibile, la congestione con uno di questi modi: Invitare il paziente ad aprire e chiudere il pugno ripetutamente. Abbassare il braccio del paziente al di sotto del bordo del materasso per 1-2 minuti circa. 13. Se la zona da pungere è stata toccata disinfettare una seconda volta, a meno che non sia stata mantenuta una tecnica antisettica. 14. Reperita la vena: a) Rimuovere la protezione dell ago. b) Girare verso l alto la punta smussata. c) Inserire l ago e il catetere insieme con un tutt uno nella pelle del paziente. d) Inserire il catetere per circa una metà e comunque finchè non sia refluito il sangue. e) Estrarre il mandrino e far avanzare dolcemente il catetere di plastica nel lume della vena. f) Porre una piccola garza sotto la parete centrale del cono del catetere per evitare che provochi decubito. g) Sciogliere il laccio emostatico. h) Estrarre dolcemente il mandrino con una mano mentre con l altra si esercita una piccola pressione sulla cute al di sopra della punta del catetere per occludere la vena e impedire così la fuoriuscita di sangue. i) Il mandrino estratto deve essere immediatamente gettato nell ago box. 15. Collegare il set dell infusione alla cannula, controllare che non ci sia perdita di liquido. 16. Aprire il morsetto sul deflussore e osservare il gocciolatore: il liquido dovrebbe refluire rapidamente senza intoppi e non dovrebbe esserci nessun gonfiore improvviso nella zona dell infusione, dopodichè regolare la velocità necessaria del flusso. 17. Fissare la cannula con un cerotto: a. porre un piccolo quadratino di garza sotto il cono del catetere per evitare il decubito; b. far passare una striscia di cerotto steri-strip lunga 4-6 cm intorno al catetere da sotto a sopra e attaccare alla cute del paziente, incrociando a cravatta le due estremità; 15.

16 c. applicare una seconda striscia di cerotto steri-strip in maniera trasversale rispetto al catetere; d. coprire il punto di inserzione con una medicazione, preferendo quella in poliuretano trasparente che permette la visione nel punto di inserzione. 18. Controllare per un minimo di 15 minuti che non ci siano problemi connessi all infusione 19. Registrare nel diario infermieristico: la data di inserimento, tipo di catetere usato,difficoltà incontrate. CURA DEL CATETERE E TEMPI PER LA SOSTITUZIONE 1. Sostituire il CVP ed eseguire una rotazione sulle diverse sedi venose ogni ore per ridurre il rischio di flebiti. Ciò è possibile, se presente un buon patrimonio venoso. 2. Se i siti di accesso venoso sono limitati e non sono presenti segni oggettivi di flebite, il catetere può essere lasciato per un periodo più lungo, ma il paziente e il sito di inserzione devono essere strettamente monitorati. 3. Rimuovere immediatamente i CVP quando il paziente presta segni di flebite nel sito di inserimento (cioè calore, gonfiore, eritema e cordone venoso palpabile), di infezione o se il catetere è malfunzionante. 4. Rimuovere i CVP inseriti in situazioni di emergenza, al massimo entro 24 ore quando è probabile che si siano verificate interruzioni nelle tecniche asettiche. 5. In presenza di accessi venosi limitati, è possibile mantenere in sede un CVP temporaneamente inutilizzato se previsto il suo impiego entro pochi giorni, mentre è suggerito rimuovere immediatamente il dispositivo in presenza di un buon patrimonio venoso. 6. Non è necessario eparinare il catetere venoso periferico quando non sia usato. Evidenze scientifiche hanno dimostrato che i cateteri venosi periferici, lavati con 10 ml.di soluzione fisiologica con manovra pulsante e con chiusura in pressione positiva rimangono pervi come quelli lavati con eparina. 7. Nei pazienti pediatrici,in assenza di complicanze si può lasciare il CVP in sede fino al termine della terapia endovenosa,perché nei bambini è più difficile trovare vene periferiche per riposizionarlo. QUALE MEDICAZIONE SCEGLIERE? Dopo il posizionamento del catetere in assenza di problemi: film in poliuretano. 16.

17 Motivazione Permette una ispezione visiva dell emergenza cutanea, presupposto indispensabile per fare diagnosi precoce di una condizione di flogosi locale Paziente con tendenza a sudare/ Ipertermico / Allergico alla colla: medicazione con garza e cerotto traspirante Motivazione La sudorazione e/o la traspirazione cutanea creano un ambiente umido dove è più facile la proliferazione dei microrganismi presenti a livello cutaneo. Se il paziente suda abbondantemente o il sito di accesso sanguina è consigliabile rinnovare la medicazione ogni 24 ore.in condizioni di normalità si sostituisce ogni 72 ore. ISPEZIONE DELLA MEDICAZIONE DEL SITO DI INSERZIONE DEL CATETERE VENOSO Al fine di prevenire le infezioni correlate alla presenza di un catetere venoso periferico vengono fatte diverse raccomandazioni. I Centers For Disease Control (CDC) di Atlanta danno un primo livello di raccomandazione alla ispezione del sito di inserzione del catetere, suggerendo di eseguirla tutti i giorni. PROCEDURA SUGGERITA PER L ISPEZIONE DEL CATETERE VENOSO Quando Tutti i giorni Perché L ispezione sistemica è importante perchè possono essere attuati interventi immediati quando individuati segni e/o sintomi di sospetta o certa infezione. Da chi viene eseguita Infermiere, paziente o familiare di riferimento. Come viene eseguita 1. L operatore esegue un lavaggio antisettico della mani prima e dopo l ispezione della medicazione. 2.a. In presenza di poliuretano espanso trasparente - osservare lo stato della medicazione: bagnata, staccata o altro; - osservare il punto di inserzione: se presente arrossamento, sangue, pus, edema, fuoriuscita di liquidi. - procedere alla digitopressione del sito di ingresso del catetere, attraverso la medicazione integra per evidenziare il dolore. 2.b. In presenza di medicazione in garza e cerotto - osservare lo stato della medicazione: bagnata, staccata o altro; - procedere alla digitopressione del sito di ingresso del catetere, attraverso la medicazione integra per evidenziare il dolore. 17.

18 Che cosa fare al fine dell ispezione -Registrare l avvenuta ispezione. L osservazione deve essere riportata nella cartella,anche se negativa. - Registrare gli interventi effettuati in caso di positività. - Riferire al medico l osservazione effettuata che risulti positiva per sospetta infezione o per altri segni o sintomi per attuare interventi specifici. COMPLICANZE DELLA TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRATA ATTRAVERSO UNA VENA PERIFERICA La più importante complicanza associata all uso dei cateteri periferici, è la comparsa di flebiti per la maggior parte di origine fisico-chimica o meccanica più che infettiva. Un certo numero di fattori, inclusi il tipo di liquidi infusi, il materiale e il diametro del catetere,influenzano il rischio di sviluppare flebiti. FLEBITE: è l infiammazione di una vena e in particolare dello strato più interno, la tonaca intima. Esistono 3 tipi di flebite: meccanica, da instabilità dell accesso venoso; chimica, da farmaci, per esempio ferro, cloruro di potassio e farmaci citostatici; infettiva, da contaminazione batterica, per esempio per scorretta gestione dell accesso venoso, inadeguato lavaggio delle mani, contaminazione della cute circostante. Spesso la flebite si accompagna a un processo trombotico (tromboflebite o flebo trombosi) Scala di valutazione Flebite: 1 grado: dolore locale; 2 grado: dolore+eritema+edema 3 grado: dolore+eritema+edema+cordone localizzato; 4 grado: dolore+eritema+edema+cordone esteso; 5 materiale purulento; VALUTAZIONE _ Dolore lungo il decorso della vena. _ Eritema: linea rossa al di sopra dell infusione. _ Edema del punto dell inserzione. _ Velocità di flusso rallentata. _ L area risulta calda al tatto. INTERVENTI _ Interrompere l infusione, rimuovere l agocannula e posizionarla in un altro accesso venoso. _ Applicare il ghiaccio sulla zona per ridurre il dolore, se presente. _ Informare il medico e su sua prescrizione, riprendere l infusione in un'altra sede. _ Non irrigare la vena: potrebbe esserci un coagulo all estremità della cannula che potrebbe passare nella circolazione sanguigna. _ Registrare le circostanze dell evento. 18.

19 INFILTRAZIONE:è l involontaria somministrazione sottocute di un farmaco o di una soluzione non vescicante.l infiltrazione può essere valutata con l ausilio di una scala internazionale(vedi tabella) VALUTAZIONE Edema attorno al punto della inserzione: gonfiore di tutto il margine. Pallore del sito di inserimento. La pelle è fredda attorno alla zona. Non c è reflusso di sangue abbassando la flebo sotto il livello della sede di iniezione. Velocità di flusso rallentata. INTERVENTI Interrompere l infusione, rimuovere l agocannula e posizionarla in un altro accesso venoso. Applicare borsa del ghiaccio sulla zona per ridurre il dolore, se presente. Abbassare il contenitore al di sotto del punto dell endovena: se il sangue ritorna,la cannula è ancora in sede. Può essere che il liquido si stia spandendo nel tessuto a causa di un foro nella parte della vena. Informare il medico e su sua prescrizione riprendere l infusione in un altro punto. SCALA PER VALUTARE L INFILTRAZIONE Grado Criteri Clinici 0 Nessun sintomo 1 Cute pallida Edema inferiore a 2,5 cm in ogni direzione Cute fredda al tatto Presenza o assenza di dolore 2 Cute pallida Edema inferiore a 2,5 a 15 cm in ogni direzione Cute fredda al tatto Presenza o assenza di dolore 3 Cute pallida e traslucida Edema superiore a 15 cm in ogni direzione Cute fredda al tatto Dolore moderato Possibile intorpidimento 4 Cute pallida e traslucida Cute arrossata Cute livida Cute sudata Grosso edema superiore a 15 cm in ogni direzione Segno della fovea Difficoltà circolatorie Dolore importante Infiltrazione in caso di emotrasfusione Infiltrazione di farmaco irritante o vescicante 19.

20 INFEZIONE DEL SITO DI INSERIMENTO: Per infezione del sito di inserimento si intende la penetrazione di germi patogeni VALUTAZIONE _ Dolore. _ Eritema. _ Gonfiore nel punto dell infusione. _ Il paziente accusa dolore attorno alla zona. _ Emissione di secrezioni maleodoranti. INTERVENTI _ Interrompere l infusione, rimuovere l agocannula e posizionarla in un altro accesso venoso. _ Far sottoporre la punta del catetere ad analisi batteriologica. _ Pulire la zona, disinfettare con antisettico,applicare pomata se prescritto e coprire con garza sterile. _ Registrare le circostanze dell evento. REAZIONE ALLERGICA VALUTAZIONE _ Prurito. _ Eruzione locale o generalizzata. _ Dispnea. INTERVENTI _ Ridurre l infusione alla velocità minima. _ Chiedere al paziente se presenti episodi di pregresse allergie _ Informare il medico _ Seguire le prescrizioni per continuare o sospendere l infusione Stravaso Lo stravaso è la fuoriuscita involontaria di un farmaco o di un liquido da una vena nel tessuto sottocutaneo. I sintomi di stravaso sono simili a quelli dell infiltrazione con la differenza che in corrispondenza del sito di inserimento del catetere e delle zone limitrofe sono presenti arrossamento e calore. 20.

21 In caso di stravaso è necessario interrompere la terapia infusionale e informare il medico. Non bisogna rimuovere l accesso venoso prima di aver aspirato la maggior quantità possibile di farmaco. In genere l infiammazione viene trattata con iniezioni sottocutanee in situ di cortisone, con impacchi caldi o freddi (secondo il tipo di farmaco e le indicazioni dell azienda produttrice) e riposizionando il catetere in un altro accesso venoso.la somministrazione ulteriore di farmaci dipende dalla gravità dello stravaso. L infermiere deve sempre prendere nota dell evento sul registro infermieristico. Sostituzione delle linee infusionali Quando si sostituiscono le linee infusionali è obbligatorio lavarsi le mani con sapone antisettico oppure con gel a base alcolica. L uso dei guanti non deve escludere il lavaggio delle mani all inizio e al termine della procedura. Le linee guida del 2002 dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) di Atlanta consigliano l utilizzo di guanti sterili nella gestione dei cateteri venosi periferici oppure di guanti puliti se l operatore è in grado di eseguire la procedura senza toccare il sito di inserimento (metodo no-touch; Se non vi sono complicanze i set d infusione vanno sostituiti ogni 72 ore. Se però le linee infusionali sono state utilizzate per la somministrazione di sangue o emoderivati e soluzioni lipidiche vanno sostituite entro 24 ore dall inizio dell infusione o al termine di ogni sacca ; se invece sono state utilizzate per la somministrazione di propofol vanno sostituite ogni 6-12 ore seguendo le indicazioni dell azienda produttrice. 21.

LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO: PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO

LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO: PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO giugno Pag. 1 di 20 : giugno Pag. 2 di 20 INDICE PREMESSA, ATTORI, RIFERIMENTI LEGISLATIVI...3 1. SISTEMA DELLE RESPONSABILITA 4 2. PERCORSO DI ATTIVAZIONE TERAPIA ENDOVENOSA A 5 2.1 PROCEDURA DI ATTIVAZIONE

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI.

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. Definizione e scopo: Consiste nell inserimento percutaneo di un ago di plastica o in metallo in una vena. I cateteri venosi periferici si usano per: Ottenere campioni

Dettagli

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE 1 REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16 C.F. e P.I. 00349050286 Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Direttore dr. Claudio Mongiat Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368 e-mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI

GESTIONE DEI CATETERI Regione Piemonte AO S. Croce e Carle - Cuneo Gruppo di Lavoro Aziendale GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI Dr.ssa Elide AZZAN Presidente C.I.O. Data emissione: 10/01/2012 Rev. n. 1 Dr Riccardo Dutto

Dettagli

CATETERE VENOSO PERIFERICO

CATETERE VENOSO PERIFERICO I.R.C.C.S. POLICLINICO S. MATTEO DI PAVIA REPARTO DI MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO CATETERE VENOSO PERIFERICO INSERIMENTO GESTIONE COMPLICANZE EPARINIZZAZIONE COMPOSITORE TESTO ABELA SEBASTIANO MATRICOLA

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO: LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO Soc Assistenza Primaria U.L.S.S. 18

PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO: LA TERAPIA ENDOVENOSA A DOMICILIO Soc Assistenza Primaria U.L.S.S. 18 Pag.1 di 17 1. PREMESSA 2. SCOPO pag. 2 3. CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITA pag. 3 4. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI pag. 3 5. FARMACI IN FASCIA H pag. 4 6. DESCRIZIONE ATTIVITA E RESPONSABILITA pag.

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Pubblicazioni Un percorso metodologico

Pubblicazioni Un percorso metodologico Pubblicazioni Un percorso metodologico per la definizione di procedure, protocolli, linee guida Il lavoro di stesura di protocolli procedurali e/o organizzativi del lavoro infermieristico, ha impegnato

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC. Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC. Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica Negrar, 14 settembre 2015 Infusione Prelievi ematici Manutenzione Medicazione Educazione sanitaria INFUSIONI Il CVC va utilizzato

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE a cura di Coodinatori e infermiere CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi Alessio Piredda Lo stravaso La consapevolezza.. Le conoscenze specifiche, l azione tempestiva, la prevenzione sono in ambito oncologico corredo

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE PROCEDURA AZIENDALE 0...

GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE PROCEDURA AZIENDALE 0... Pag. 1 di 9 PROCEDURA AZIENDALE Revisione Data Approvato da Firma 0... Pag. 2 di 9 PREMESSA Il cateterismo venoso centrale (CVC ) consiste nell introduzione di un catetere lungo, mono o multilume nel sistema

Dettagli

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere IL PICC Catetere venoso centrale ad inserimento periferico Guida per il paziente e l infermiere Indice Introduzione Pag. 2 Dati paziente e Picc Pag. 3 Paziente Cos è il Picc? Pag. 4 Quando è utile tale

Dettagli

GUIDA PER LA COMILAZIONE DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL PATRIMONIO VENOSO PER LA SCELTA APPROPRIATA DEL DISPOSITIVO VASCOLARE

GUIDA PER LA COMILAZIONE DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL PATRIMONIO VENOSO PER LA SCELTA APPROPRIATA DEL DISPOSITIVO VASCOLARE GUIDA PER LA COMILAZIONE DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL PATRIMONIO VENOSO PER LA SCELTA APPROPRIATA DEL DISPOSITIVO VASCOLARE Introduzione La valutazione della necessità di accesso vascolare, ad oggi,

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Riconoscere i segni ed i sintomi specifici della sepsi Rilevazione e monitoraggio

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma

LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma TURN OF THE CENTURY (1999-2001) All inizio di questo secolo, sono comparse tre grandi novità LA EVIDENCE-BASED PRACTICE

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

CURA DELL EMERGENZA CUTANEA

CURA DELL EMERGENZA CUTANEA Numero pagine: 1 di 9 Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 9 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte indicazioni di

Dettagli

Gestione del catetere venoso periferico

Gestione del catetere venoso periferico Gestione del catetere venoso periferico Quali sono le principali caratteristiche del catetere venoso periferico?...2 Come si sceglie un catetere venoso periferico?...5 Quali sono le procedure di inserimento

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati

Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati Tipo di Documento Procedura assistenziale Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati Contenuti: Compiti e Responsabilità Definizione e Concetti Generali Procedura Avvertenze Riferimenti

Dettagli

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Le infezioni nelle organizzazioni sanitarie Ospedali. Ambulatori medici. R.S.A. / Lunghe Degenze / Case

Dettagli

Manuale della Qualità SITRA IL CATETERISMO VENOSO PERIFERICO

Manuale della Qualità SITRA IL CATETERISMO VENOSO PERIFERICO Ospedale Luigi Sacco AZIENDA OSPEDALIERA POLO UNIVERSITARIO Manuale della Qualità SITRA IL CATETERISMO VENOSO PERIFERICO Edizione 1 del 03/2010 Rev. 0 REDAZIONE RESPONSABILE PROCEDURA VERIFICA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Quali sono i vantaggi relativi all utilizzo del PICC nella somministrazione della terapia endovenosa a lungo termine, rispetto all utilizzo del CVP?

Quali sono i vantaggi relativi all utilizzo del PICC nella somministrazione della terapia endovenosa a lungo termine, rispetto all utilizzo del CVP? Direzione Infermieristica e Tecnica EVIDENCE REPORT Quali sono i vantaggi relativi all utilizzo del PICC nella somministrazione della terapia endovenosa a lungo termine, rispetto all utilizzo del CVP?

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

3M Medical. Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti. Semplice Sicuro. affidabile. Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti

3M Medical. Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti. Semplice Sicuro. affidabile. Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti 3M Medical Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti Semplice Sicuro affidabile Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti Le infezioni ospedaliere (IO) costituiscono una grande sfida ai sistemi di

Dettagli

D t o t t. t ssa M ti t lde d P igl g ion o e C P. P S. I nf n. f Ped. C isti t na n Me M siti Inf n. f P ed. d C isti t na n F e F raut

D t o t t. t ssa M ti t lde d P igl g ion o e C P. P S. I nf n. f Ped. C isti t na n Me M siti Inf n. f P ed. d C isti t na n F e F raut Dott. ssa Matilde Piglione C. P. S. Inf. Ped. Cristina Mesiti Inf. Ped. Cristina Feraut 1 TECNICA DI INTRODUZIONE La tecnica di Seldinger modificata utilizza un ago di piccolo calibro (di solito 21 G)

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC)

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC) PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC) Revisione effettuata nel 2005 a cura di Gattel Tamara e Noacco Massimo SCOPO Questo documento descrive le implicazioni operative nell assistenza

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

INDICAZIONI della somministrazione ENDOVENOSA

INDICAZIONI della somministrazione ENDOVENOSA Terapia Endovenosa Nella terapia endovenosa le soluzioni e i farmaci vengono iniettati in una vena e introdotti, così, direttamente nel circolo ematico. INDICAZIONI della somministrazione ENDOVENOSA Rapido

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Gestione dei fattori di rischio

Gestione dei fattori di rischio Quale rischio? Gestione dei fattori di rischio Infezioni correlate ai dispositivi di accesso venoso centrale Settore Igiene Ospedaliera Gruppo Sorveglianza Epidemiologica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE

PIANO ATTUATIVO LOCALE REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE Allegato n 2 Ambulatorio infermieristico Servizio Aziendale Professioni Sanitarie dr.ssa Agnese Barsacchi ASL RIETI AMBULATORIO

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD Modulo 2 lezione 2 Le indicazioni al trattamento che seguono sono state tratte da: Indicazioni fornite da esperti nella gestione delle lesioni croniche (organizzazione

Dettagli

Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf

Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf Traduzione Angela Corbella 1 LINEEGUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE AL CATETERE INTRAVASCOLARE Abbreviazioni

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

DIABETE E CURA DEI PIEDI

DIABETE E CURA DEI PIEDI DIABETE E CURA DEI PIEDI Un aspetto fondamentale del controllo del diabete è la cura appropriata dei piedi. È possibile ridurre o prevenire complicazioni gravi con una buona igiene del piede. Il vostro

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Gli Accessi Venosi Centrali e Periferici

Gli Accessi Venosi Centrali e Periferici Azienda USL di Ferrara - Presidio Unico Ospedaliero Gli Accessi Venosi Centrali e Periferici Dott. Umberto D Antonio Direttore U.O. Day Surgery Polispecialistico Dipartimento Emergenza-Urgenza 15-22-29

Dettagli

Allegato 1a DIMISSIONE PROTETTA E CONTINUITÀ DELLE CURE PER MINORI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI IL COORDINATORE DI PERCORSO OSPEDALIERO RICEVE LA SEGNALAZIONE DALL'U.O. DI DEGENZA IL COORDINATORE

Dettagli

Training per l'incannulazione

Training per l'incannulazione Training per l'incannulazione Per tutte le controindicazioni, avvertenze, precauzioni, eventi avversi e per istruzioni complete, consultare le istruzioni per l'uso. 00274 IT Rev F 12Set2014 Introduzione

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Via topica Altri tipi di somministrazione VIE PARENTERALI Via iniettiva Via buccale Via sublinguale Instillazione attraverso SNG (e PEG) Via respiratoria

Dettagli

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO Cateteri per arteria/vena ombelicale in poliuretano a lume singolo Argyle Codice prodotto Descrizione del prodotto 8888160325 CATETERE OMBELICALE IN URETANO DA 2,5

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC 1 I cateteri: COSA ABBIAMO A DISPOSIZIONE? Catetere venoso CENTRALE Sonda di materiale biocompatibile che, introdotta attraverso una vena tributaria, (diretta

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

LA PELLE. Tessuto epiteliale che riveste il corpo senza soluzione di continuità

LA PELLE. Tessuto epiteliale che riveste il corpo senza soluzione di continuità EPIDERMIDE: costituita da cellule morte in superficie, rigenerate continuamente DERMA: ricco di vasi sanguigni, nervi, ghiandole varie STRATO ADIPOSO: riserva energetica, isolante LA PELLE Tessuto epiteliale

Dettagli

QUAL E IL RUOLO DEI MIDLINE A DOMICILIO OGGI? L ACCESSO PERIFERICO DI LUNGA DURATA TRA MIDLINE E CANNULE PERIFERICHE LUNGHE

QUAL E IL RUOLO DEI MIDLINE A DOMICILIO OGGI? L ACCESSO PERIFERICO DI LUNGA DURATA TRA MIDLINE E CANNULE PERIFERICHE LUNGHE Una Realtà Sempre Più Diffusa: Picc e Midline Nelle Cure Domiciliari GENOVA, 05/12/2014 QUAL E IL RUOLO DEI MIDLINE A DOMICILIO OGGI? L ACCESSO PERIFERICO DI LUNGA DURATA TRA MIDLINE E CANNULE PERIFERICHE

Dettagli

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE RESPONSBILITA DELL INFERMIERE E RIFERIMENTI LEGISLATIVI SULLA PRATICA DELL INSERIMENTO DEL CATETERE VESCICALE TALE TECNICA E DI COMPETENZA INFERMIERISTICA

Dettagli

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso 6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso In qualità di assistente è possibile trovarsi nelle condizioni in cui è necessario avere alcune nozioni di pronto soccorso. Un modo per apprendere queste competenze

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE

WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE LINEE-GUIDA OMS SULL IGIENE DELLE MANI NEI CONTESTI DI ASSISTENZA SANITARIA: VERSIONE

Dettagli

Procedura sanitaria specifica. Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11

Procedura sanitaria specifica. Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11 Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Diagramma di flusso (omesso)... 2 4. Responsabilità... 2 5. Descrizione

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO OBIETTIVI Sapere cos è l USTIONE Sapere riconoscere la gravità di un USTIONE Conoscere le tipologie di USTIONE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. ****

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale?

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale? ANESTESIA LOCALE (LOCOREGIONALE) PER LA CHIRURGIA DEL SENO: DOMANDE FREQUENTI Dott. med. A. Saporito, Capoclinica Servizio Anestesia ORBV 1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale,

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE) FINALITÀ DELL INTERVENTO La revisione o sostituzione del dispositivo

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

Mazzufero Fabio MF009 GLI ACCESSI VENOSI

Mazzufero Fabio MF009 GLI ACCESSI VENOSI rif.: MF009 GLI ACCESSI VENOSI La gestione dei pazienti critici ricoverati nelle U.O. ospedaliere di terapia intensiva, oncologia ed ematologia, degenze riabilitative e cure palliative ed in tutti quei

Dettagli

CURE DOMICILIARI ASL AVELLINO

CURE DOMICILIARI ASL AVELLINO REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO www.aslavellino.it DIRETTORE GENERALE: Ing. Sergio Florio CURE DOMICILIARI ASL AVELLINO PROTOCOLLO GESTIONE ACCESSI VENOSI PERIFERICI A cura dell UOC.

Dettagli

PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO

PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO OGNUNO DI NOI E INSERITO IN UNA CATENA DI SOCCORSO OGNI QUAL VOLTA DIVIENE TESTIMONE DI UN EVENTO: DIVENIAMO RESPONSABILI DELLA SUA ROTTURA OPPURE DELLA SUA CONTINUITA.

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

POSIZIONAMENTO ECO-GUIDATO DI PICC E MIDLINE

POSIZIONAMENTO ECO-GUIDATO DI PICC E MIDLINE 2. Vene Brachiali Seconda scelta Vicine all arteria brachiale Vicine al nervo brachiale Aspetto a mickey mouse Vena brachiale Arteria brachiale Vena brachiale Vena basilica 2. Vene Brachiali Seconda scelta

Dettagli

Qualità: strumento di efficacia e sicurezza

Qualità: strumento di efficacia e sicurezza Qualità: strumento di efficacia e sicurezza Oscar Corli pensare alla Qualità Pensare alla Qualità in sanità. Ma quando si parla di cure a casa servizio efficace servizio sicuro 1 delibera R.L. 2-3

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici. Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative

Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici. Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative Dolore Oncologico Dolore Cronico Dolore Oncologico La via di somministrazione: orale

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Gestione del catetere venoso centrale

Gestione del catetere venoso centrale Gestione del catetere venoso centrale Il catetere venoso centrale (CVC) è un tubicino di materiale biocompatibile (silicone o poliuretano) che permette l infusione intermittente o continua di farmaci,

Dettagli

Gestione del catetere venoso periferico

Gestione del catetere venoso periferico Evidence based nursing 49 Gestione del catetere venoso periferico Raffaella Nicotera Tratto da NURSINGFAD IPASVI MI-LO-MB Quesiti clinicoassistenziali From NURSINGFAD IPASVI MILO- MB Clinical nursing questions

Dettagli

FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI

FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI CHE COS È IL FENOMENO DI RAYNAUD È definito come una variazione di colore della cute delle mani o delle estremità

Dettagli

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI DIPARTIMENTO MALATTIE DEL UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA Gruppo di lavoro - Coordinatore Dipartimento CPSE Dott.ssa Danila Massenti - CPS infermiere Susanna Bellavia - CPS infermiere Annalisa Massei

Dettagli