Il rapporto infermiere e oss: responsabilita' e competenze delle due categorie professionali. a cura di Dr.ssa Michela Mussi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rapporto infermiere e oss: responsabilita' e competenze delle due categorie professionali. a cura di Dr.ssa Michela Mussi"

Transcript

1 Il rapporto infermiere e oss: responsabilita' e competenze delle due categorie professionali a cura di Dr.ssa Michela Mussi

2 Il rapporto infermiere e oss: responsabilita' e competenze delle due categorie professionali a cura di Dr.ssa Michela Mussi La stampa di questo documento e' consentita solo per ragioni di studio personali. La riproduzione e circolazione di tale materiale sia in formato Pdf che eventualmente stampato sono protette da diritti d'autore, e quindi vietate. Copyright Prex S.p.A. Via A.Fava, Milano (MI) - -

3 Indice dei contenuti capitolo 01 La figura professionale dell'infermiere La figura professionale dell'infermiere Gli attributi di una professione Il corpo sistematico di teoria L'autorita' professionale La sanzione della comunita' Il codice etico La disciplina infermieristica Il concetto di bisogno I quattro concetti fondamentali della Disciplina Infermieristica La Disciplina Infermieristica e' una scienza I due elementi principali che caratterizzano il Modello delle Prestazioni Infermieristiche Il bisogno di assistenza infermieristica La Prestazione Infermieristica Continuum autonomia-dipendenza La figura dell'infermiere attraverso i secoli Il concetto di assistenza nelle prime civilta' Il concetto di assistenza con l'avvento del cristianesimo Il concetto di assistenza nel medioevo Il concetto di assistenza dopo l'anno Mille Il concetto di assistenza nel sedicesimo secolo San Giovanni di Dio S. Camillo De Lellis San Vincenzo De Paoli Il concetto di assistenza nel diciottesimo secolo La nascita dell'assistenza infermieristica con Florance Nightingale La partecipazione di Florence Nightingale alla guerra di Crimea La Nightingale Training School for Nurses Storia della formazione e legislazione infermieristica La normativa sulla formazione prima degli accordi di Strasburgo Anna Fraentzel Celli La riforma fatta da Anna Fraentzel Celli Il Reggio Decreto Legge del 15 agosto 1925 Il rifiuto del modello anglosassone La legislazione negli anni trenta Il Regio Decreto Legge n 1310 La nascita di un panorama piu' unitario Il Collegio Infermieri Professionali, Assistenti Sanitarie Visitatrici e Vigilatrici d'infanzia Gli accordi di Strasburgo La formazione infermieristica in Italia negli anni settanta L'entrata in universita' della formazione infermieristica La riforma sanitaria del 1992 L'abrogazione del mansionario

4 La riforma universitaria La formazione continua in medicina e i crediti E.C.M. Dal mansionario al profilo professionale dell'infermiere Il mansionario Responsabilita' e funzioni dell'infermiere Esercizio professionale e sistema professionale La situazione attuale: ordini e collegi Funzioni fondamentali degli ordini e collegi L'evoluzione associazionistica capitolo 02 La figura dell'operatore Socio Sanitario La figura dell'operatore Socio Sanitario le figure professionali prima della nascita dell'operatore Socio Sanitario Storia dell'oss Compiti e responsabilita' dell'oss Contesti operativi Il contesto relazionale Responsabilita' e autonomia dell'oss capitolo 03 La normativa OSS La normativa OSS Normativa nazionale e regionale di riferimento Articoli della CONFERENZA STATO-REGIONI a Articoli della CONFERENZA STATO-REGIONI b Articoli della CONFERENZA STATO-REGIONI c Articoli della CONFERENZA STATO-REGIONI d Articoli della CONFERENZA STATO-REGIONI e capitolo 04 Infermiere e OSS a confronto Infermiere e OSS a confronto L'OSS come figura di supporto L'inserimento del personale di supporto L'OSS, l'infermiere e il paziente capitolo 05 Problematiche tra le due figure 29 Problematiche tra le due figure Esempio pratico di abuso di professione Come gestire le problematiche tra le due figure Le colpe dell'infermiere Il lavoro d'equipe Conclusione del corso

5 capitolo 01 La figura professionale dell'infermiere La figura professionale dell'infermiere Nel novecento le professioni sono sempre piu' diffuse al punto che anche la sociologia, in quanto scienza che studia i fenomeni sociali, si interessa a tale fenomeno dando origine alla sociologia delle professioni. Si vengono ad evidenziare tre filoni che studiano il fenomeno delle professioni: lapproccio classico, lapproccio funzionalista e lapproccio per attributi. Per tutto il capitolo 1: Riferimento bibliografico "La natura educativa dell'assistenza Infermieristica", Libreria CUEM Scientifica, Segrate (Mi), Gli attributi di una professione Negli anni sessanta si sviluppa lapproccio per attributi, promosso dal sociologo Greenwood. Egli sostiene che vi sia una netta distinzione fra una occupazione ed una professione e definisce i cinque attributi distintivi di una professione: 1 - il corpo sistematico di teoria, 2 - l' autorita' professionale, 1 of 31

6 3 - la sanzione della comunita', 4 - il codice etico, 5 - la cultura professionale. Il corpo sistematico di teoria Il corpo sistematico di teoria e' linsieme delle conoscenze apprese con una formazione formale in sede accademica, ma tale formazione non si conclude con la fine degli studi accademici, vi deve essere una sorta di manutenzione e aggiornamento delle proprie conoscenze, poiche' le discipline cambiano e si evolvono nel tempo. Ogni professione ha un ambito disciplinare specifico applicato poi con la prassi. Anche la professione infermieristica ha un corpo sistematico di conoscenze teoriche applicate in un contesto pratico ben definito. L'autorita' professionale Lautorita' professionale deve essere intesa come autorevolezza professionale, ovvero il professionista possiede una competenza specifica teorico pratica in un determinato campo del sapere e grazie a cio' acquista stima e fiducia da parte del cliente. La sanzione della comunita' La sanzione della comunita' significa sostanzialmente avere il riconoscimento della propria utilita' sociale e cio' permette di ottenere anche la legittimazione istituzionale. Il codice etico Il codice etico promuove la tutela dellideale di servizio e la salvaguardia del cliente: in esso, infatti, sono scritte delle precise regole di comportamento morale che un vero professionista deve seguire. Nel 1999 viene, invece, pubblicato l'attuale CODICE DEONTOLOGICO, diviso in due parti: nella prima vi e' il Patto Infermiere-Cittadino e nella seconda il vero Codice con cinque articoli. La disciplina infermieristica La professione infermieristica viene definita come unoccupazione che applica un corpo sistematico di conoscenze teoriche rivolte essenzialmente a problemi pratici. Da questa definizione si estrapolano i due elementi essenziali per rispettare i requisiti propri di una professione: le conoscenze teoriche applicate a problemi pratici. Il metodo utilizzato dalla Disciplina Infermieristica e' un metodo scientifico ed e' definito processo di assistenza infermieristica e il mezzo con il quale si realizza e' il piano di assistenza infermieristica. Allinterno della Disciplina Infermieristica si sono poi sviluppati vari modelli concettuali e nei paragrafi successivi verranno trattati gli elementi fondamentali della Disciplina Infermieristica secondo uno di questi modelli: il Modello delle Prestazioni Infermieristiche di Marisa Cantarelli. 2 of 31

7 Il concetto di bisogno Il nucleo centrale ruota attorno al concetto di bisogno: ogni uomo e' portatore di una serie di bisogni, che tenta di soddisfare autonomamente. In alcune circostanze della vita ha, pero', bisogno dellaiuto di altre persone, che, grazie ad una azione di assistenza, contribuiscono nel provvedere alle sue necessita'. Questa competenza puo' essere definita culturale e non deriva da conoscenze specifiche. Nel momento in cui si rendono necessarie conoscenze disciplinari infermieristiche, si parla di Bisogno di Assistenza Infermieristica, a cui solo il professionista infermiere e' in grado di rispondere. I quattro concetti fondamentali della Disciplina Infermieristica La Comunita' Scientifica internazionale ha individuato i quattro concetti fondamentali della Disciplina Infermieristica, quali: - l' uomo-persona - la salute-malattia - l' ambiente-societa' - l' assistenza infermieristica. Essi devono essere comuni a tutti i modelli concettuali che si sviluppano attorno alla Disciplina Infermieristica. Per poter definire il bisogno specifico di assistenza infermieristica nel modello delle prestazioni infermieristiche vengono prima sviluppati tali concetti. Lassistenza infermieristica e' una disciplina, ovvero e' l' insieme delle conoscenze, delle metodologie e degli strumenti tipici dellinfermiere. Si puo' parlare di disciplina, poiche' anche l' assistenza infermieristica ha raggiunto la maturita' accademica, entrando appieno nel dibattito scientifico universitario. Il suo sapere non e' piu' solo culturale, ma anche disciplinare. La Disciplina Infermieristica e' una scienza 3 of 31

8 Ogni disciplina e' una scienza, poiche' e' materia di studio e di insegnamento. Da tale affermazione ne consegue che linfermiere sia un professionista che ha conoscenze teoriche e capacita' pratiche in uno specifico ambito del sapere scientifico. Ogni disciplina puo' essere caratterizzata da diversi modelli concettuali, utilizzati nelle diverse comunita' scientifiche e che costituiscono limpalcatura teorica delle stesse. Quindi la Disciplina Infermieristica e' una, ma possono essere numerosi i modelli concettuali che la definiscono. Essi, pero', rispettano le comuni regole disciplinari. [Approfondimento L'assistenza infermieristica una vera disciplina] I due elementi principali che caratterizzano il Modello delle Prestazioni Infermieristiche Allinterno del Modello delle Prestazioni Infermieristiche due sono gli elementi fondamentali che permettono di organizzare e sviluppare anche su un piano pratico le conoscenze disciplinari: il bisogno specifico di assistenza infermieristica e la Prestazione Infermieristica. Il bisogno di assistenza infermieristica Il bisogno specifico di assistenza infermieristica esprime la necessita', lesigenza da parte delluomo di ricevere assistenza infermieristica, qualora vi siano particolari condizioni fisiche o psichiche che lo richiedano. Esso puo' essere soddisfatto unicamente dal professionista infermiere, poiche' possiede conoscenze, competenza tecnica e indirizzo deontologico. Tale bisogno e' manifesto, quando si tramuta immediatamente in domanda di assistenza infermieristica, ma puo' anche essere non conosciuto. In questultima situazione e' compito specifico dellinfermiere trasformarlo in bisogno manifesto. La Prestazione Infermieristica 'Le azioni di assistenza infermieristica sono definite prestazioni, cioe' i risultati conseguiti mediante lo svolgimento di un complesso di azioni fra loro coordinate, per risolvere un bisogno specifico in un cittadino malato' Riferimento bibliografico "Modello delle Prestazioni Infermieristiche" Copyright 2012 Prex S.p.A. - Tutti i diritti riservati 4 of 31

9 Masson, Milano, 1997, p. 109 Tale definizione, data da Marisa Cantarelli, contiene i tre elementi principali del concetto di Prestazione Infermieristica: 1 - risolve un bisogno specifico; 2 - e' un complesso di azioni coordinate; 3 - e' un risultato. La Prestazione Infermieristica risolve il bisogno specifico di assistenza infermieristica, che solo il professionista infermiere e' in grado di soddisfare, grazie alle sue conoscenze e competenze tecniche. Ogni prestazione e' un complesso di azioni coordinate e queste a loro volta sono linsieme di piu' atti fisici, verbali e mentali che vengono svolti secondo una successione logica. Continuum autonomia-dipendenza La risposta ad un bisogno di una persona puo' essere portata a termine, usando azioni fra loro diverse, che linfermiere sceglie in base alla valutazione del caso. Il processo decisionale presuppone la scelta di azioni finalizzate ad un unico risultato e la totale responsabilita' del professionista su tutto il processo. Per ogni bisogno di assistenza infermieristica vi sono Prestazioni Infermieristiche differenti in base al grado di autonomia-dipendenza che ha il cittadino malato. Marisa Cantarelli ha creato il continuum autonomia-dipendenza che permette allinfermiere la considerazione della persona rispetto al soddisfacimento dei bisogni di assistenza infermieristica. Linfermiere e' responsabile del modo in cui conduce unazione, del tipo di azione scelta per intervenire, ma, soprattutto, dei risultati conseguiti. [Approfondimento Tipi di prestazioni infermieristiche] La figura dell'infermiere attraverso i secoli Il concetto di assistenza nelle prime civilta' L' uomo e' un animale sociale e per vivere ha bisogno di altri esseri umani: il concetto di assistenza 5 of 31

10 nasce, infatti, con luomo stesso. Nelle civilta' monumentali, pero', le funzioni assistenziali, ritenute attivita' poco nobili, sono delegate agli schiavi e alle schiave, mentre la malattia, diffusamente ritenuta una punizione inflitta alluomo da entita' sovrannaturali, e' curata spiritualmente. Nella cultura ebraica, invece, Dio assiste luomo nella sua unitarieta' (unione tra anima e corpo) e la malattia non e' piu' inviata dalla divinita' come punizione. La cultura greca, al contrario, ritiene che la donna sia inferiore all' uomo, e a lei quindi spetta lassistenza ai malati. Ciononostante, proprio in Grecia, nasce la figura dellostetrica che e' il primo incarico socialmente rilevante riconosciuto alle donne. Il concetto di assistenza con l'avvento del cristianesimo Con l' avvento del cristianesimo nel mondo latino cambia il concetto di assistenza: assistere i malati e i bisognosi diventa, infatti, un dovere di tutti, quale comportamento necessario ai fini della salvezza; quindi anche l' uomo, non piu' solo la donna deve dedicarsi a tale attivita' e scompare rapidamente il fenomeno della delega dellassistenza agli schiavi. Il cristianesimo chiama allassistenza tutti: uomini e donne, ricchi e poveri. L' opera della prima chiesa apostolica e' organizzata in diaconie: vere e proprie strutture della chiesa destinate allaccoglienza e in esse gli operatori sono i diaconi e le diaconesse. Queste ultime ricevono una particolare consacrazione e devono essere nubili o vedove. Accanto alle donne consacrate, anche quelle laiche possono occuparsi di assistenza; ed e' proprio Fabiola, una matrona romana, a fondare nel 390 d.c. il primo ospedale occidentale detto nosoconium. Il concetto di assistenza nel medioevo Nel medioevo si assiste poi al diffondersi del monachesimo e lassistenza ai poveri ammalati diventa parte integrante della vita dei monasteri. Accanto alla struttura del monastero si creano, infatti, altre due strutture: un infirmarius dove ci si prende cura dei monaci malati e un hospitalarius per tutti coloro che hanno necessita' assistenziale. 6 of 31

11 Il concetto di assistenza dopo l'anno Mille Dopo l' anno Mille i veri attori dellassistenza sono luomo e la donna consacrata: purtroppo, infatti, le donne laiche, specialmente se assistono al parto, vengono accusate di stregoneria e sono definite esseri demoniaci. La Chiesa stessa tende a dimenticare la perfetta uguaglianza tra uomo e donna, stabilita nei testi evangelici. Attorno al 1300 il pauperismo diventa un vero e proprio problema sociale: si diffondono sempre piu' rapidamente carestie ed epidemie ed e' in questo contesto che tra il 1347 e il 1352 irrompe la peste nera che spopola l' Europa. Di fondamentale importanza in questo scenario tragico sono gli ordini maschili che si dedicano allassistenza, poiche', con la Bolla Papale Periculoso del 1298, il Papa Bonifacio VIII vieta alle donne consacrate di prestare assistenza agli infermi e sostiene che lunica forma consacrata per le donne e' la clausura, inoltre egli vieta alle donne laiche di curarsi degli ammalati, poiche' la Chiesa non puo' avere un diretto controllo su tali persone. E solamente con il Concilio di Trento ( ) che si ha una definitiva ripresa del cattolicesimo e con esso anche una notevole evoluzione del concetto di assistenza: i vescovi vigilano ancora sugli ospedali, ma la loro amministrazione passa a persone laiche. Il concetto di assistenza nel sedicesimo secolo Il sedicesimo secolo e' caratterizzato dallopera dei riformatori dell' assistenza che intraprendono la loro attivita' a seguito di esperienze personali negli ospedali del tempo: 'I santi riformatori dellassistenza sono i primi a credere che lassistenza, cosi' come concepita, non basti piu'. A tratti ce' bisogno di una specificazione nello stare vicino alla vita delluomo, serve una assistenza specifica: lassistenza infermieristica'. Riferimento bibliografico Manzoni E., "Storia e filosofia dellassistenza infermieristica" Masson, Milano, 1997, p. 59 San Giovanni di Dio Il primo riformatore e' San Giovanni di Dio ( ) un ex soldato di ventura, un giocatore, un vagabondo, che dopo aver trascorso buona parte della sua vita in modo disordinato e senza regole, decide di dedicare il resto della sua esistenza alla vita spirituale e dopo essere stato ricoverato in un nosocomio, inizia la sua attivita' di assistenza ai malati. Egli fonda la Congregazione dei Fatebenefratelli e detta nuove regole per gli ospedali: stabilisce una dieta appropriata per i malati, sostiene che i reparti vanno divisi e ogni persona deve avere un suo letto, inoltre con lui inizia lisolamento di alcuni malati infetti. Istituisce il quarto voto per i Fatebenefratelli: l' ospitalita' e l' assistenza degli infermi. La sua figura e' ricordata, soprattutto, per aver rivoluzionato il modo di erogare assistenza, basato sulla dolcezza, e per aver sostenuto limportanza dellistruzione del personale di assistenza. S. Camillo De Lellis L' opera di S. Camillo De Lellis ( ) ha inizio nella seconda meta' del sedicesimo secolo: anche egli ha un passato da giocatore, avventuriero, ma dopo un breve ricovero in un ospedale del tempo, nasce in lui l' idea di fondare una congregazione chiamata Ministri degli Infermi, dedita allassistenza dei malati. Tale congregazione nel 1586 diviene un vero e proprio ordine e il fondatore afferma che œgli infermieri devono assistere gli infermi come una madre potrebbe assistere il proprio figlio ammalato' Riferimento bibliografico Manzoni E., "Storia e filosofia dellassistenza infermieristica" - Masson, Milano, 1997, p. 59 Egli per primo usa il termine infermieri e da' una concezione femminile allassistenza. Anche nel suo ordine vengono dettate regole per gli infermieri, specialmente per migliorare la tecnica nellassistere: egli, infatti, dice che bisogna tenere la testa al malato mentre mangia e da' anche indicazioni su come spostare e medicare i malati. 7 of 31

12 San Vincenzo De Paoli l terzo riformatore e' San Vincenzo De Paoli ( ), la cui opera nasce in Francia alla fine del sedicesimo secolo ma si diffonde rapidamente anche in Italia. Nel 1617 egli fonda la Confraternita della Carita': un' associazione per aiutare i poveri costituita da donne sposate, vedove o nubili, chiamate le serve dei poveri. L' attivita' di queste donne si svolge soprattutto al domicilio, San Vincenzo, infatti, introduce e promuove l' assistenza domiciliare; inoltre istituisce un periodo di formazione detto seminario per le donne impegnate nellassistenza. Oltre ai tre riformatori anche il pensiero illuministico da' un contributo decisivo alla storia dellassistenza: la salute, infatti, viene intesa come diritto-dovere delluomo nella sua evoluzione sociale e cio' contribuisce fortemente alla nascita dellassistenza infermieristica. Il concetto di assistenza nel diciottesimo secolo Il ruolo della donna pero', nel diciottesimo secolo, continua a risentire dellimmagine di donna subordinata alla figura maschile: le infermiere vengono considerate essenzialmente delle domestiche, sono di solito analfabete e di umile estrazione sociale. La storia dell' assistenza, fino ad ora descritta, e' spesso una storia di miseria e di poverta', ma a livello sociale si sta verificando un cambiamento lento ed inesorabile: lassistenza viene, infatti, considerata un diritto-dovere dellumanita' intera. Addirittura si puo' affermare che non e' possibile pensare un' umanita' senza assistenza e assistere, diventa un fenomeno sociale e culturale. I fatti storici, di cui ho parlato fino ad ora, dimostrano come, alla fine del 1700, i tempi siano maturi per una visione piu' specializzata e differenziata dellassistenza. La nascita dell'assistenza infermieristica con Florance Nightingale L' assistenza infermieristica nasce agli inizi del 1800 grazie alla figura di Florence Nightingale. Florence Nightingale nasce a Firenze nel 1820 e appartiene ad un ceto elevato, motivo per cui riceve una buona educazione. Fin da giovane si interessa di assistenza e grazie anche alla sua intraprendenza, si reca in Germania e a Parigi per osservare come viene erogata lassistenza in tali luoghi. Ella e' sostenuta anche da una solida fede, 'la forte connotazione religiosa della Nightingale la porta alla convinzione che il modo migliore per servire Dio e' dedicarsi al servizio dellumanita''.riferimento bibliografico Manzoni E. "Storia e filosofia dellassistenza infermieristica" - Masson, Milano, 1997, p. 112 La partecipazione di Florence Nightingale alla guerra di Crimea 8 of 31

13 Sicuramente l' avvenimento che risulta essere decisivo per la nascita dellassistenza infermieristica, e' la partecipazione di Florance Nightingale alla guerra di Crimea nel 1854 con l' obiettivo di assistere e curare i feriti di guerra. Con la guerra di Crimea l' opinione pubblica cambia nei confronti dellinfermiera che diviene simbolo di forza, misericordia, padronanza di se' di fronte al dolore, altruismo e solidarieta'. Florence Nightingale fonda la moderna concezione di assistenza infermieristica e da' anche una prima definizione di assistenza infermieristica: 'l' assistenza infermieristica e' luso adeguato dellaria fresca, della luce, della pulizia, del calore, della tranquillita' e della giusta scelta nella somministrazione della dieta, il tutto con la minor spesa di energia da parte del malato'.riferimento bibliografico Manzoni E. "Storia e filosofia dell'assistenza infermieristica" - Masson, Milano, 1997, p. 114 Le parole della Nightingale esprimono un concetto semplice ma innovativo: si inizia, infatti, a guardare ai bisogni del malato; inoltre ella attribuisce moltissima importanza alla formazione delle infermiere. [Approfondimento I principi di Florence Nightingale] La Nightingale Training School for Nurses Nel 1859 fonda cosi' la Nightingale Training School for Nurses, la prima scuola per infermiere riconosciuta che si basa su due concetti fondamentali: la formazione del carattere e le conoscenze tecnico scientifiche. L' impostazione formativa utilizzata dalla Nightingale verra' esportata in tutto il mondo e saranno proprio le sue infermiere a recarsi in Scozia, Germania, Norvegia, Svezia, Canada, Stati Uniti, Sud Africa, India, Australia, Giappone e Italia per fondare nuove scuole e formare infermiere. Alla fine del diciannovesimo secolo anche in Italia percio' si inizia a parlare di formazione infermieristica. Storia della formazione e legislazione infermieristica In Italia la seconda meta' dell' Ottocento e' caratterizzata dalla nascita di un organismo essenziale alla comprensione di tutta lassistenza infermieristica successiva: la Croce Rossa Italiana, ad opera di Henry Dunant, ricco banchiere svizzero. 9 of 31

14 La Croce Rossa Italiana e' il motore dellevoluzione professionale di fine Ottocento. L' Italia, pero', e' lontana culturalmente dal mondo anglosassone, cosi' agli inizi del Novecento lassistenza infermieristica attraversa fasi critiche cosi' come la formazione degli infermieri; e' solo con gli accordi di Strasburgo che anche nel nostro paese si assiste ad una decisiva svolta per quanto riguarda la figura dell'infermiera che acquista maggior dignita', professione e preparazione teorica e pratica. Prima, pero', di analizzare la situazione italiana dopo gli accordi di Strasburgo focalizzero' la mia attenzione sulla assistenza infermieristica e sulla formazione degli infermieri del periodo precedente a tale accordo. La normativa sulla formazione prima degli accordi di Strasburgo Alla fine dell' Ottocento in Italia nascono le prime scuole per infermiere: nel 1896 a Napoli, nel 1906 a Roma e nel 1912 a Milano. Sono scuole molto severe, di matrice privata, non riconosciute dallo Stato ed in esse insegnano le prime infermiere diplomate alla Nightingale Training School for Nurses. Agli inizi del Novecento in Italia, pero', la situazione negli ospedali e' molto precaria e le condizioni igieniche sono spesso scadenti, si assiste inoltre ad un notevole decadimento dellassistenza infermieristica e di conseguenza anche della formazione degli infermieri. Anna Fraentzel Celli In questo panorama difficile, specialmente per la figura dell'infermiere e per la sua formazione, si viene a delineare lopera di Anna Fraentzel Celli, che agli inizi del ventesimo secolo conduce unanalisi sullassistenza infermieristica nel nostro paese. E' moglie di un famoso medico igienista, Angelo Celli, ed e' un' infermiera di origini tedesche. Vivendo in Italia si rende conto di come la situazione assistenziale sia precaria e scadente e decide cosi' di effettuare unindagine collaterale al primo censimento della popolazione italiana del I risultati ottenuti dimostrano che la cultura del personale impegnato nei servizi infermieristici e' insufficiente e che le funzioni direttive negli ospedali sono ancora delegate a persone consacrate. Anna Celli si rende conto che il personale religioso costa sicuramente meno di quello laico, ma le suore, da buone econome, tendono a privilegiare gli interessi dellamministrazione rispetto a quelli del personale. Inoltre, ritiene che la modalita' di reclutamento del personale risulta sbagliata, poiche' non si tiene conto del carattere. Infine, sostiene che le infermiere devono essere solamente donne, perche' di sicuro sono piu' dolci e materne, devono appartenere ad un ceto medio-borghese e devono essere nubili. La riforma fatta da Anna Fraentzel Celli Nel 1908 conduce un' ulteriore indagine grazie alla quale riscontra un miglioramento delle posizioni economiche delle infermiere, ma non vi e' ancora alcun cambiamento dal punto di vista professionale e formativo. Al termine di tale analisi propone, percio', che il vecchio personale negli ospedali sia separato dalle nuove infermiere, poiche' ne offusca limmagine e ne impedisce le innovazioni, inoltre suggerisce che il lavoro infermieristico sia differenziato da quello di facchino e che il personale laico sia diviso da quello religioso che dovrebbe lavorare nelle cucine e nei guardaroba. Afferma anche che al posto di sorveglianti uomini sono necessarie direttrici e caposala laiche e che deve essere garantito il riposo settimanale e annuale a tutte le infermiere. Infine sostiene che e' necessaria una scuola preparatoria per le aspiranti infermiere. Il Reggio Decreto Legge del 15 agosto of 31

15 Agli inizi del ventesimo secolo, pero', in Italia non vi e' ancora una legislazione riguardante la formazione infermieristica; e' solo con il Regio Decreto legge del 15 agosto 1925 che lo Stato riconosce legalmente le scuole per infermiere, esclusivamente femminili. Riferimento bibliografico Regio Decreto Legge 15 agosto 1925 n Tale Regio Decreto sostiene la facolta' di istituire le scuole, quindi non vi e' ancora l' obbligo; allinterno di tali scuole, pero', linternato e' obbligatorio e si stabilisce una formazione di tipo militaresco, molto rigida della durata di due anni: le allieve sono inserite in un programma educativo anche durante il tempo libero, per formarne il carattere. Le scuole convitto preparano al mondo del lavoro solo le donne, scompare, infatti, la figura maschile laica dellassistenza. Solo nei manicomi e' ancora richiesta la presenza di uomini, perche' e' necessaria molta forza fisica: viene, quindi, istituito nel 1909 linfermiere manicomiale. Agli inizi del secolo percio', la scuola per infermiere e' biennale e la sua direzione e' affidata alle allieve della Nightingale che tentano di dare autonomia alle figure infermieristiche. Il rifiuto del modello anglosassone In Italia, pero', il modello anglosassone viene fortemente ostacolato e vengono addirittura emanate delle norme per estromettere le direttrici inglesi dalle scuole per infermieri. La direzione e' quindi affidata ai dottori che danno una visione medicalizzata della professione infermieristica. In Italia risulta lungo e difficile il percorso verso lautonomia e il riconoscimento della professione infermieristica. Ad ostacolare ulteriormente la crescita culturale e professionale dellinfermiere e' anche la disomogeneita' dei programmi formativi nelle scuole biennali. La legislazione negli anni trenta E solo nel 1938, durante il periodo fascista, che vengono emanati programmi ministeriali per le scuole infermieri. Durante gli anni trenta inizia il processo di professionalizzazione dellassistenza infermieristica e si puo' iniziare a parlare di un corpus di conoscenze specifiche del professionista infermiere. Nel 1934 vi e' un ulteriore passo decisivo: il Regio Decreto Legge del 27/7/1934 n che prevede l' obbligatorieta' del Diploma per poter esercitare la professione infermieristica. Nel frattempo nel 1927 e' introdotta la figura dellinfermiere e dell'infermiera generica e cio' permette anche agli uomini di tornare a lavorare nel campo dellassistenza sanitaria. Il Regio Decreto Legge n 1310 Il 2/5/1940 viene emanato il Regio Decreto Legge n che delinea le mansioni dellinfermiera professionale e degli infermieri generici: tale legge se da una parte distingue e diversifica queste due figure, dall' altra limita molto il campo dazione dellinfermiera professionale che deve attenersi rigorosamente al mansionario e non puo' mostrare spirito di iniziativa e autonomia lavorativa. Nello stesso anno viene promulgata unaltra legge che definisce l' assistenza infermieristica un' arte ausiliaria. 11 of 31

16 Riferimento bibliografico Legge 19 luglio 1940, n La nascita di un panorama piu' unitario E solo nel 1954 che le scuole vengono riconosciute ministerialmente e con questa legge vengono istituiti anche i corsi, della durata di un anno, per infermieri generici, a cui possono accedere anche gli uomini. Riferimento bibliografico Legge 29 ottobre 1954, n Ormai a livello nazionale si va delineando un panorama sicuramente piu' unitario e addirittura si inizia a sostenere l' ipotesi che l'assistenza infermieristica possa essere ritenuta una vera disciplina caratterizzata da uno specifico sapere scientifico. Il Collegio Infermieri Professionali, Assistenti Sanitarie Visitatrici e Vigilatrici d'infanzia Un passaggio fondamentale risulta sicuramente essere la nascita del Collegio Infermieri Professionali, Assistenti Sanitarie Visitatrici e Vigilatrici dinfanzia. La nascita dellordine professionale rappresenta un momento fondamentale nel cammino di professionalizzazione: vi e', infatti, il riconoscimento dellassistenza infermieristica quale professione intellettuale e il Collegio serve a proteggere il corpo professionale e a promuoverlo culturalmente. Bisogna, pero', attendere gli accordi di Strasburgo nel 1967, perche' si possa assistere ad una decisiva svolta nella formazione infermieristica. Gli accordi di Strasburgo Negli anni Sessanta, in Italia, si vanno delineando moltissime specializzazioni mediche e il tecnicismo in campo sanitario diviene quasi esasperato, anche l' assistenza infermieristica rischia di specializzarsi troppo, diventando solamente un corollario della medicina. Grazie, pero', agli accordi di Strasburgo del 1967 si definisce, a livello europeo, una linea comune nel campo della formazione infermieristica. Riferimento bibliografico Gli accordi di Strasburgo L' accordo prevede che i corsi siano della durata di tre anni per un totale di 4600 ore e nei programmi di insegnamento devono prevalere le materie infermieristiche rispetto a quelle mediche. Grazie agli accordi di Strasburgo il tirocinio pratico diventa un momento formativo e l' allievo deve essere sempre affiancato da un infermiere esperto. La formazione infermieristica in Italia negli anni settanta 12 of 31

17 Agli inizi degli anni Settanta, in Italia si inizia a parlare di formazione post base anche per gli infermieri e la formazione infermieristica inizia un lento, ma continuo avvicinamento al mondo universitario: viene, infatti, istituita la Scuola Universitaria di Discipline Infermieristiche, con cui si ottiene il titolo di Infermiere Insegnante Dirigente. Riferimento bibliografico D.P.R. 31 ottobre 1974, n. 876 Gli anni Settanta sono caratterizzati da una continua ricerca di modelli teorici di riferimento che delineino e definiscano la Disciplina Infermieristica: un quadro concettuale di riferimento, infatti, si rende ormai necessario perche' l' assistenza infermieristica possa, a pieno titolo, essere definita una disciplina. Nel 1971 anche il personale maschile puo' accedere ai corsi per diventare infermiere professionale e le scuole convitto non sono piu' obbligatorie ma solamente facoltative. Riferimento bibliografico Legge 25 febbraio 1971, n. 124 Ormai in Italia si viene a delineare la volonta' di migliorare sempre di piu' la cultura infermieristica e l' ingresso in universita' della formazione infermieristica e' sempre piu' vicino. L'entrata in universita' della formazione infermieristica La formazione infermieristica post base ha fatto il suo ingresso in universita' gia' a partire dagli anni Sessanta, al contrario quella di base deve attendere gli anni Novanta per entrare nel mondo accademico. L' evoluzione della formazione infermieristica si realizza grazie alla riforma degli ordinamenti didattici universitari nel 1990 che stabilisce quattro livelli formativi: - Diploma Universitario; - Diploma di laurea; - Diploma di Specializzazione; - Dottorato di ricerca Riferimento bibliografico Legge 19 novembre 1990, n of 31

18 Grazie a questa legge anche la scuola per infermieri fa il suo ingresso in universita': l' anno successivo, infatti, viene istituito il Diploma Universitario in Scienze Infermieristiche. Riferimento bibliografico Decreto Ministeriale 2 dicembre 1991 Purtroppo questo primo corso universitario mostra subito alcune mancanze: il titolo acquisito, infatti, non abilita immediatamente allesercizio della professione e la tabella XXXIX-ter, che riguarda lordinamento didattico del Diploma Universitario in Scienze Infermieristiche, non e' in linea con gli accordi di Strasburgo, poiche' prevede fin dallinizio tre specializzazioni per gli infermieri, mentre le decisioni europee riguardano una preparazione generica. La riforma sanitaria del 1992 Nella riforma sanitaria del 1992, pero', si danno indicazioni sulla formazione degli infermieri: le scuole regionali vengono soppresse e l' universita' deve preparare il professionista ad unassistenza infermieristica generale. Riferimento bibliografico Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 Grazie a questa riforma il titolo universitario abilita immediatamente allesercizio della professione. Nellanno accademico 1992/93 partono cosi' i primi corsi universitari per infermieri a Brescia, Pavia e Varese. Nel frattempo si inizia a discutere attorno ai profili professionali delle professioni sanitarie e nel 1994 viene emanato il Profilo Professionale dellinfermiere. Riferimento bibliografico Decreto Ministeriale 14 settembre 1994, n. 739 L'abrogazione del mansionario Bisogna, pero', attendere il 1999 perche' venga abrogato il mansionario. Il campo di attivita' proprio dellinfermiere viene cosi' definito da: - il Profilo Professionale; - il Codice Deontologico; - Ordinamento Didattico. Riferimento bibliografico Legge 26 febbraio 1999, n. 42 Riferimento bibliografico Cavana E., "Considerazioni sulla legge 42/99", Rivista di Diritto delle Professioni Sanitarie, n. 1/99 Riferimento bibliografico Carli E., "Il Parlamento cancella il mansionario", L'infermiere, n. 1, 1999 Nel 1996 viene emanata la tabella XVIII-ter che regolamenta tutti i diplomi universitari dellarea sanitaria. Riferimento bibliografico Decreto Murst 24 luglio 1996 Il Diploma Universitario in Scienze Infermieristiche e' ridefinito Diploma Universitario per Infermiere: non esistono piu' i tre indirizzi di specializzazione, ma si rilascia un unico titolo abilitante per l' assistenza generale infermieristica. La riforma universitaria Nel 1999 vi e' un ulteriore riforma universitaria che ridefinisce i vari livelli formativi Riferimento bibliografico Decreto Murst 3 novembre 1999, n. 509: LAUREA 3 anni, 180 cfu - MASTER I livello, 60 cfu LAUREA SPECIALISTICA - MASTER II livello, 60 cfu 2 anni, 120 cfu DIPLOMA DI SPECIALIZZAZIONE DOTTORATO DI RICERCA Tale riforma prevede lattribuzione del Credito Formativo Universitario (cfu), che viene definito come l' unita' di misura del carico di lavoro globale dello studente. Il Diploma Universitario per Infermiere diviene cosi' laurea di tre anni. Grazie poi alla legge n. 251 del 10 agosto 2001 vengono definiti meglio i corsi universitari dellarea sanitaria e allart. 1 si parla in maniera esplicita di autonomia professionale dellinfermiere. Riferimento bibliografico Legge 10 agosto 2001, n. 251 Riferimento bibliografico Comitato Centrale Federazione IPASVI, (a cura del), "Universita', si cambia", L'infermiere, n. 3, 2000 Riferimento bibliografico Martino R., "Laurea: il cerchio si chiude", L' infermiere, n. 3, 1999 Riferimento bibliografico Sironi C., "Quale laurea oggi per gli infermieri in Italia?", Nursing Oggi, n. 3, 1997 La formazione continua in medicina e i crediti E.C.M. 14 of 31

19 Gia' la legge 833 del 1978, che riguarda la prima riforma sanitaria, sottolinea limportanza della formazione continua dellinfermiere e addirittura, con il D.P.R. n. 761 del 1979, vengono previste penalizzazioni per chi non partecipa a corsi di formazione per piu' di 5 anni consecutivi. Il programma E.C.M. (Educazione Continua in Medicina) viene, pero', istituzionalizzato in Italia dal Dlgs 30 dicembre 1992 n. 502, integrato dal Dlgs 19 giugno 1999 n. 229 e reso obbligatorio nel Con larticolo 16-ter si istituisce la Commissione Nazionale per la Formazione Continua, da rinnovarsi ogni cinque anni. E' presieduta dal Ministro della Sanita' e stabilisce la tipologia degli eventi formativi, la quantita' di crediti che devono essere complessivamente maturati dagli operatori in un determinato arco di tempo e i requisiti che i provider, ovvero le agenzie che propongono i corsi, devono avere. E' obbligatorio ottenere i crediti E.C.M. ai fini dell' esercizio professionale e si vanno delineando due modalita' per acquisire tali crediti: - attivita' formative residenziali; - attivita' formative a distanza. Grazie allaggiornamento continuo si riescono a mantenere e migliorare la professionalita' dellinfermiere, le sue conoscenze, competenze e anche le sue abilita' pratiche. Riferimento bibliografico De Carolis S., "Crediti per guadagnare", L'infermiere, n. 1, 1998 Dal mansionario al profilo professionale dell'infermiere Solo alla fine degli anni '90 il mansionario viene abrogato e gli infermieri possono, a pieno titolo, essere considerati dei professionisti; tale passaggio coincide anche con l' ingresso in universita' della formazione infermieristica; grazie a cui la professione infermieristica acquista sempre maggior dignita'. Il primo mansionario risale al 1940 e una successiva modifica si ha con il D.P.R. 14 marzo 1974, n Riferimento bibliografico R.D. 2 maggio 1940, n Il mansionario Il mansionario altro non e' che un elenco di mansioni che l' infermiere puo' svolgere nelle sue ore 15 of 31

20 lavorative, e difficilmente ha la possibilita' di prendere decisioni autonome. L' infermiere dipende quindi nel suo agire dal medico e la responsabilita' infermieristica e' limitata esclusivamente alla realizzazione dellatto assistenziale. A fronte di questa limitazione della responsabilita', a partire dagli anni ottanta, vi e', pero', il grosso problema di tutta lattivita' infermieristica che non trova collocazione all' interno di questo rigido regolamento e che pertanto e' vietata. Nel corso degli anni si sono, percio', rese necessarie alcune deroghe normative allattivita' infermieristica. Tali deroghe riguardano esclusivamente le procedure diagnostiche e terapeutiche che linfermiere e' tenuto ad eseguire ed applicare a fronte di una prescrizione medica; si sottolinea cosi' lambito di condivisione della responsabilita', insito in queste due prestazioni infermieristiche, dove medico e infermiere devono avere chiarezza sui propri campi di attivita' che discendono dai rispettivi percorsi formativi e dagli indirizzi deontologici. L' introduzione di elementi normativi, che derogano allattivita' infermieristica, ci permette di capire come il mansionario sia un documento obsoleto e poco garante delle responsabilita' infermieristiche, se non per quelle codificate all' interno delle mansioni previste. Bisogna, pero', attendere il 1994 perche' venga emanato il profilo professionale dellinfermiere, con cui si delinea sempre piu' chiaramente linfermiere come una figura professionale autonoma con un ambito di intervento proprio; ed e' solo nel 1999 che viene abrogato il mansionario. Responsabilita' e funzioni dell'infermiere Il 'Regolamento concernente l' individuazione della figura e del relativo profilo professionale dellinfermiere', piu' noto come il profilo professionale dellinfermiere, entra in scena nellestate del 1994, ma al momento della sua adozione da parte del Ministero della Sanita', non vi sono ancora tutti gli elementi normativi e professionali necessari per assumerlo quale orientamento per lesercizio professionale. Riferimento bibliografico Decreto Ministeriale 14 settembre 1994, n. 739 Il mansionario e', infatti, ancora in vigore ed e' solo con la legge 42 del 1999 che viene abrogato ed il profilo professionale dellinfermiere puo' finalmente orientare lesercizio professionale. Il D.M. 739/94 affida allinfermiere una responsabilita' totale per quanto riguarda lassistenza generale infermieristica. Questo significa assumere la responsabilita' dell' intero processo assistenziale (art. 1 comma 2-3): dalla raccolta dei dati, allidentificazione dei bisogni di assistenza infermieristica, alla pianificazione, gestione e valutazione dellintervento assistenziale infermieristico. In secondo luogo, sancisce l' utilizzo di una metodologia scientifica validata: il processo di assistenza infermieristica. Nel comma 3 dellart. 1 si parla inoltre di responsabilita' condivisa con altre professioni, dove ogni professionista risponde per il suo ambito professionale peculiare. L'art. 3 contiene unaltra legittimazione professionale: il riconoscimento dellimportanza, per una professione intellettuale, della formazione e dell' aggiornamento continuo, della ricerca e della formazione complementare e specialistica, finalizzate ad erogare un servizio qualitativamente elevato. Oltre al profilo professionale dellinfermiere e alla legge 42 del 1999, fondamentale per la professione infermieristica e' la legge 10 agosto 2000 n. 251 che istituisce la dirigenza infermieristica. Riferimento bibliografico "Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonche' della professione ostetrica"" Esercizio professionale e sistema professionale In Italia le prime leggi istitutive di Ordini e Collegi, intesi come enti pubblici volti alla tutela di interessi pubblici, risalgono al 1870 (costituzione del nuovo Stato italiano). Il regio decreto 103/24, che doveva portare alla costituzione di Ordini e Collegi per tutte le classi professionali, non precedentemente normate, non vide, pero', mai la realizzazione per l' avvento della dittatura fascista. Bisogna quindi attendere la fine del ventennio fascista per vedere la ricostituzione di Ordini e Collegi, in particolar modo quelli relativi allarea sanitaria. La situazione attuale: ordini e collegi Il d. lgs. C.p.S. 13 settembre 1946, n. 233 'ricostituzione degli ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dellesercizio delle professioni stesse', ricostituisce, in ogni provincia, dopo il ventennio dei sindacati fascisti, i Collegi delle ostetriche, oltre agli altri Ordini professionali; l' art. 27 rimanda ad un separato provvedimento l' emanazione di norme relative alla disciplina professionale dellattivita' infermieristica. 16 of 31

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA Lorena Martini 1 Il processo di professionalizzazione dell'infermiere è frutto di un lungo percorso di trasformazione che comincia a delinearsi

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Guido, i vorrei che tu e Lapo e io : ruolo, competenze e responsabilità

Dettagli

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori Legislazione e competenze degli infermieri 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni

Dettagli

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni sanitarie

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

Competenze dell' O.S.S.

Competenze dell' O.S.S. Competenze dell' O.S.S. Perché nasce l O.S.S. Con la professionalizzazione ed il percorso formativo universitario c è sta la necessità di una nuova figura sanitaria di supporto all Infermiere maggiormente

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

La formazione di base

La formazione di base Formazione La formazione di base LA FORMAZIONE DI BASE PROFESSIONALIZZANTE Per formazione di base si intende la formazione scolastica, professionale, accademica e di riqualificazione che, attuandosi secondo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Il 26 marzo 2014 con l approvazione della legge regionale : - Disposizioni in materia di esercizio di attività professionale da parte del personale di

Dettagli

Processo di professionalizzazione dell infermiere

Processo di professionalizzazione dell infermiere Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Facoltà di Medicina e Chirurgia Piccola Casa della Divina Provvidenza Ospedale Cottolengo di Torino Processo di professionalizzazione dell infermiere Sr. Anna

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA L OPERATORE SOCIO SANITARIO Per informazioni : Centro formazione sanitaria Corsi per Operatori Socio - Sanitari Via San Bortolo 85

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Dott. Antonio Cannaò - EVOLUZIONE INFERMIERISTICA Assistenza

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. e' individuata la figura professionale dell'operatore

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE NEL SERVIZIO DI STERILIZZAZIONE IN OUTSOURCING, LA QUALIFICAZIONE DEGLI ADDETTI E PERCORSI FORMATIVI

L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE NEL SERVIZIO DI STERILIZZAZIONE IN OUTSOURCING, LA QUALIFICAZIONE DEGLI ADDETTI E PERCORSI FORMATIVI 2 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO LA STERILIZZAZIONE DEI FERRI CHIRURGICI IN OUTSOURCING Lucca, 22/23 Giugno 2005 L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE NEL SERVIZIO DI STERILIZZAZIONE IN OUTSOURCING, LA QUALIFICAZIONE

Dettagli

Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica

Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica BOZZA Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (implementazione delle competenze

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

PRINCIPI NORMATIVI e DEONTOLOGICI delle PROFESSIONI di INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO e ASSISTENTE SANITARIO

PRINCIPI NORMATIVI e DEONTOLOGICI delle PROFESSIONI di INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO e ASSISTENTE SANITARIO INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA Collegio Provinciale di Bergamo 24125 Bergamo Via Rovelli n.45 Telefono 035/217090 fax 035/236332 Cod.Fiscale 80039530169 www.ipasvibergamo.it

Dettagli

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1).

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1). L. 1-2-2006 n. 43 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini

Dettagli

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca di concerto con Il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca di concerto con Il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Decreto Interministeriale 19 febbraio 2009 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 25 maggio 2009 n.119 Determinazione delle classi delle lauree delle professioni sanitarie Il Ministro dell'istruzione, dell'università

Dettagli

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS PROVVEDIMENTO DELLA CONFERENZA STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: ART. 1. (Definizione).

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: ART. 1. (Definizione). LEGGE 1 febbraio 2006, n.43 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei

Dettagli

Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares

Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares Inf. Eugenio Cortigiano Infermiere Legale e Forense LECCE 17/19 giugno 2010 La vigente legislazione sulla responsabilità

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 luglio 2014 Modalita' e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie, per l'anno

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 C.so Laghi 34 10051 Avigliana (TO) Tel. 011.93.11.392 Fax 011.19.85.86.87 e-mail: csdacooparl@tiscalinet.it www.cooperativacsda.it ASSISSTENZA A DOMICILIO CARTA DEI

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DELLE LAUREE SPECIALISTICHE UNIVERSITARIE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Decreto ministeriale 2 aprile 2001

DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DELLE LAUREE SPECIALISTICHE UNIVERSITARIE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Decreto ministeriale 2 aprile 2001 DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DELLE LAUREE SPECIALISTICHE UNIVERSITARIE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Decreto ministeriale 2 aprile 2001 Gazzetta Ufficiale n. 128 del 5.6.2001 - Supplemento Ordinario n. 136

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2437 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 NOVEMBRE 2010 Disposizioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2614 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

EvOLuzIONE STORIcO-NORmATIvA DELLA figura PROfESSIONALE DELL OPERATORE SOcIO-SANITARIO Sommario: 1. PREmESSA operatore socio-sanitario sintesi

EvOLuzIONE STORIcO-NORmATIvA DELLA figura PROfESSIONALE DELL OPERATORE SOcIO-SANITARIO Sommario: 1. PREmESSA operatore socio-sanitario sintesi Capitolo Primo Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell operatore socio-sanitario Sommario: 1. Premessa. - 2. L ausiliario socio-sanitario specializzato e l operatore tecnico addetto

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO Allegato A alla D.G.R. 28.09.2012, nr. 621 FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO ARTICOLO 1 NOZIONE 1. Il profilo professionale dell operatore socio-sanitario è stato regolamentato a livello

Dettagli

Corso OSS 2009/2010. Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1

Corso OSS 2009/2010. Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1 Concetto di salute "Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità." (OMS,

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

VADEMECUM ODONTOIATRI

VADEMECUM ODONTOIATRI 1 VADEMECUM ODONTOIATRI INDICE 1) Introduzione 2) Normativa e Codice Deontologico 3) Come si diventa Odontoiatra 4) L iscrizione all Albo 5) I compiti e le funzioni dell Ordine professionale 6) La libera

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

Codice Progetto COLUM/1

Codice Progetto COLUM/1 A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 23 Luglio 2014 Legislazione socio sanitaria ed aspetti giuridici della professione

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli

Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro

Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro LE PROFESSIONI SANITARIE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEL TERZO MILLENNIO Brescia 06/10/2006 T.d.P. Katia Razzini

Dettagli

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia EQUIVALENZA DEI TITOLI E in corso la procedura avviata da gennaio 2012 per le professioni sanitarie tecniche,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ Importante non è ciò che facciamo, ma quanto amore mettiamo in ciò che facciamo; bisogna fare piccole cose con grande

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

Infermieristica periodo istanze sociali 1900 1945

Infermieristica periodo istanze sociali 1900 1945 Storia Periodo delle istanze sociali 1900 1925 1940 Nascita del rene artificiale 1900 1940 Periodo dello sviluppo tecnico-scientifico 1954-1969 - 1974 Perfezionamento della tecnologia dialitica 1954-1974

Dettagli

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE R ELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli iscritti anno 1999 Il 1998 è stato caratterizzato da grandi attese e da rinvii infiniti per la professione infermieristica, accompagnato da eventi importanti per

Dettagli

Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi

Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi L'Infermiere n. 1/2010 La Commissione nazionale ECM ha elaborato il Regolamento

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Sala del Tempio 2 Dall AFD al Master. Inquadramento storico della formazione e sviluppo in relazione all esercizio professionale e agli assetti organizzativi G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Il Coordinamento

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

IPASVI - Varese L INFERMIERE: DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO PROFESSIONALE IN ITALIA

IPASVI - Varese L INFERMIERE: DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO PROFESSIONALE IN ITALIA IPASVI - Varese L INFERMIERE: DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO PROFESSIONALE IN ITALIA Sommario IPASVI - Varese... 1 1 - LA SALUTE DEI CITTADINI NELLA COSTITUZIONE ITALIANA.... 3 2 - IL SERVIZIO SANITARIO

Dettagli

La Ricerca Infermieristica. Dott.ssa Laura Iacorossi

La Ricerca Infermieristica. Dott.ssa Laura Iacorossi La Ricerca Infermieristica Dott.ssa Laura Iacorossi Mi considero un viaggiatore nel tempo, guidato da un inesauribile desiderio di ricerca Nell'arte e nella scienza una simbiosi di massimo valore per un'esplorazione

Dettagli

ARCISPEDALE S. ANNA - AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA. 1. Situazione del personale OTA all interno dell Azienda

ARCISPEDALE S. ANNA - AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA. 1. Situazione del personale OTA all interno dell Azienda ARCISPEDALE S. ANNA - AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Progetto di Riqualificazione sul lavoro Per OSS (Operatore Socio Sanitario) Del personale con qualifica di OTA (Operatore Tecnico Addetto

Dettagli

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale CARTA DEI SERVIZI Pagina 1 di 11 Questa CARTA DEI SERVIZI è una guida,un impegno scritto nei confronti dei cittadini che vengono messi a conoscenza

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS?

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS? posso farlo? Le competenze dell'operatore Socio Sanitario e la collaborazione con l'infermiere L Operatore Socio Sanitario IL PROFILO DELL'OSS: ANALISI DELLE COMPETENZE Dopo un lungo e travagliato dibattito

Dettagli

CURRICULUM VITAE : PASQUOT LOREDANA CURRICULUM DI STUDIO

CURRICULUM VITAE : PASQUOT LOREDANA  CURRICULUM DI STUDIO CURRICULUM VITAE Cognome - Nome: PASQUOT LOREDANA Nata a San Donà di Piave (VE) il 6 aprile 1957 Residenza: Via Quadronno 4, 20122 MILANO Cittadinanza: Italiana Stato Civile: Coniugata con Ermes Fornasier.

Dettagli

IL FARE INCONTRA IL SAPERE

IL FARE INCONTRA IL SAPERE IL FARE INCONTRA IL SAPERE LA FORMAZIONE DELL OSS: IL RUOLO DELLA PORFESSIONE Ischia, 11 settembre 2009 fvallicella 1 Formare l operatore socio-sanitario Obiettivi, metodi e strumenti fvallicella 2 1984

Dettagli

A V V I S O. Corso Genova, 70-16033 LAVAGNA (GE) c.f. 01041570993 Ente di Diritto Pubblico

A V V I S O. Corso Genova, 70-16033 LAVAGNA (GE) c.f. 01041570993 Ente di Diritto Pubblico SELEZIONE PUBBLICA MEDIANTE PROVA PRATICA ATTITUDINALE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO PIENO INDETERMINATO DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (Categoria B3 del C.C.N.L. Regioni -Autonomie Locali) A V

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome D'AGOSTINO CASSANDRA Indirizzo Telefono Ufficio 055 5662960 Fax Ufficio 055 5662613 E-mail c.dagostino@meyer.it

Dettagli

Offerta Formativa. Corso di Formazione di OPERATORE SOCIO SANITARIO Approvato dalla Regione dell Umbria con il Piano annuale di formazione

Offerta Formativa. Corso di Formazione di OPERATORE SOCIO SANITARIO Approvato dalla Regione dell Umbria con il Piano annuale di formazione Corso di Formazione di OPERATORE SOCIO SANITARIO Approvato dalla Regione dell Umbria con il Piano annuale di formazione Offerta Formativa Presentazione La Regione Umbria provvede alla programmazione dei

Dettagli

La formazione universitaria e continua, l'attività di docenza e la libera professione previste dalla normativa e dai CCNL

La formazione universitaria e continua, l'attività di docenza e la libera professione previste dalla normativa e dai CCNL Pianezza (TO) Sabato 20 Maggio 2006 La formazione universitaria e continua, l'attività di docenza e la libera professione previste dalla normativa e dai CCNL Gianluca Mezzadri Tecnico della prevenzione

Dettagli

Operatore Tecnico add. Assistenza

Operatore Tecnico add. Assistenza Operatore Tecnico add. Assistenza DPR n. 384/90 POSIZIONE FUNZIONALE IV - LIVELLO RETRIBUTIVO IV L'operatore tecnico addetto all'assistenza svolge la propria attività nei seguenti campi ed opera sotto

Dettagli

DEVELOPMENT OF THE PROFESSIONAL ROLE OF LABORATORY TECHNICIAN FROM THE BEGINNING TO NOWADAYS. Francesco Picotti

DEVELOPMENT OF THE PROFESSIONAL ROLE OF LABORATORY TECHNICIAN FROM THE BEGINNING TO NOWADAYS. Francesco Picotti DEVELOPMENT OF THE PROFESSIONAL ROLE OF LABORATORY TECHNICIAN FROM THE BEGINNING TO NOWADAYS Francesco Picotti Osservazione vetrino al microscopio: batteri, G.R. G.B. Emoglobina. Glucosio Piastrine. Emoglobinometro

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Cos è il Servizio Sociale? Per Servizio Sociale si intende l area di conoscenza scientificamente fondata, collocata all interno delle scienze sociali, e conseguentemente

Dettagli

www.consorzioulisse.net OFFERTA FORMATIVA per Professioni Sanitarie

www.consorzioulisse.net OFFERTA FORMATIVA per Professioni Sanitarie www.consorzioulisse.net OFFERTA FORMATIVA per Professioni Sanitarie Provider ECM Regione Siciliana Il Consorzio Ulisse è un Ente di Formazione accreditato dall Assessorato Regionale della Salute della

Dettagli

Le competenze dell infermiere per la gestione dei percorsi assistenziali -CLINICAL PATHWAY-

Le competenze dell infermiere per la gestione dei percorsi assistenziali -CLINICAL PATHWAY- IL BUON USO DELL OSEDALE NEL TERRITORIO: Gestione, pratica e ricerca Il Metodo come Cambiamento Le competenze dell infermiere per la gestione dei percorsi assistenziali -CLINICAL ATHWAY- Lucci Lucia Infermiere

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

S TUDIO LEG AL E Avv. Marco Tortorella Patrocinante in Cassazione e dinanzi alle altre Giurisdizioni Superiori

S TUDIO LEG AL E Avv. Marco Tortorella Patrocinante in Cassazione e dinanzi alle altre Giurisdizioni Superiori PARERE PRO VERITATE su incarico Unione Nazionale Igienisti Dentali ************* I quesiti posti possono essere così di seguito riassunti: a) Come si inquadra sotto il profilo giuridico la figura professionale

Dettagli

Corso di Aggiornamento. OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali

Corso di Aggiornamento. OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali LATINA Corso di Aggiornamento SML StudioManagementLoi OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali Formia 21 marzo 2015 Dott. Duilio Loi Obiettivi acquisire

Dettagli

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione Dott. Antonino Zagari DA DOVE INIZIAMO? 2 3 GIOCO DI SQUADRA Il Gioco di Squadra risulta lo scopo primario

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI?

Dettagli

LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA

LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA Coordinatore Infermieristico Residenza Sanitaria Riabilitativa e Attività Ambulatoriali

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57.

CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57. CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57. Il sottoscritto dopo le scuole dell obbligo il 16/08/1970 si è arruolato nella Marina Militare.

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto ministeriale 9 luglio 2004 Gazzetta Ufficiale 20 luglio 2004, n. 168 Definizione delle modalità e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea specialistica

Dettagli

L e lauree biennali specialistiche per le professioni

L e lauree biennali specialistiche per le professioni editoriale Lauree specialistiche un traguardo importante per la professione Corsa ad ostacoli all italiana per l accesso Giovanni Muttillo, Presidente L e lauree biennali specialistiche per le professioni

Dettagli

ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine)

ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine) ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine) CORSO DI RIQUALIFICAZIONE IN OPERATORI SOCIO SANITARI PER ADEST (Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari) CORSO DI 330 ORE ARTICOLAZIONE

Dettagli