UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ"

Transcript

1 UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ Dottorato di Ricerca in Gestione nei Mercati Finanziari ed Assicurativi VII Ciclo Nuova Serie Tesi di dottorato Internazionalizzazione e Finanza innovativa: un Trading System per la gestione del rischio di cambio. Supervisore: Prof.ssa Caterina Lucarelli Tesi di Dottorato di: Filippo Cossetti Coordinatore del Corso: Prof. GianMario Raggetti

2 II

3 III Alla mia famiglia, la mia forza

4 IV

5 Indice Introduzione Capitolo I GLOBALIZZAZIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE 1.1.Globalizzazione Internazionalizzazione delle imprese L Italia nell economia internazionale: focus sull export Servizi finanziari per le imprese Commercial banking Investment banking: focus sulla gestione del rischio di cambio 29 Capitolo II LA GESTIONE DEL RISCHIO DI CAMBIO 2.1 Rischio di cambio ed export: i problemi per le PMI Rischi per le imprese La misurazione del rischio di cambio: la posizione valutaria Gestione del rischio di cambio: gli strumenti finanziari Strumenti finanziari: descrizione Strumenti finanziari: strategie e gestione dinamica Analisi Tecnica, Forex e Trading System 67 Capitolo III TRADING SYSTEM STRATEGY 3.1 Realizzazione strategia: medie mobili con filtro RSI Test della strategia Best strategy: analisi annualizzata Test robustezza con i cambi principali Simulazione Sintesi risultati Confronto strategie Operatività a mercato 116 Conclusioni Bibliografia V

6 VI

7 Introduzione L internazionalizzazione in campo aziendale può essere definita come lo sviluppo delle attività d impresa in mercati differenti rispetto a quello nazionale: in quest ottica, un impresa internazionalizzata è intesa come un azienda capace di ottenere un vantaggio competitivo nel territorio nazionale e in grado di sfruttare tale vantaggio anche al di fuori dai confini domestici. Le teorie classiche nascono dall osservazione del modus operandi delle multinazionali (Vernon, 1966) relegando l internazionalizzazione delle piccole e medie imprese (PMI) ad un fenomeno di nicchia, scarsamente interessante e limitato alla semplice esportazione. Mancando una teoria dell internazionalizzazione delle Pmi, per molto tempo si è identificata la PMI internazionale con l impresa etnocentrica, ovvero un atteggiamento nei confronti dei mercati esteri caratterizzato da esportazioni limitate dirette a mercati vicini (sia geograficamente che culturalmente) che richiedessero adattamenti minimi ai prodotti originari (Perlmutter, 1969). Nel corso del tempo tale atteggiamento si è modificato ed evoluto, passando ad un approccio di graduale sviluppo nei mercati esteri, non più esclusivamente geografico ma caratterizzato da un crescente coinvolgimento organizzativo, strategico e finanziario (Johanson e Valhne, 1977). I processi di internazionalizzazione delle PMI Italiane sono stati approfonditi sia in ambito economico (Mariotti, 2000; Onida, 2004) che in quello aziendale (Varaldo, 2006) e con il tempo il dibattito si è spostato anche sul legame più o meno diretto con il fenomeno della globalizzazione (Benevolo e Caselli, 2009). L internazionalizzazione si configura come una diretta conseguenza della globalizzazione, anche se vi è la tendenza comune ad attribuire lo stesso significato a tali processi; in realtà il termine internazionalizzazione viene usato con riferimento alle operazioni internazionali da parte delle PMI, mentre con globalizzazione si fa riferimento alla connettività internazionale dei mercati e l interdipendenza delle economie nazionali che incidono fortemente sull attività delle PMI (Ruigrok, 2000). La globalizzazione può essere definita come il processo attraverso il quale i mercati e la produzione in paesi differenti stanno diventando sempre più interdipendenti, in seguito alle dinamiche di beni e sevizi, dei flussi di capitale e di tecnologia. Non si tratta di un fenomeno nuovo ma della continuazione di processi in atto già da tempo (European Commission, 1997, pag. 45). Si arriva così alla creazione di un mercato unico, globale, dove i diversi segmenti di mercato - prima esclusivamente nazionali - si sono estesi su scala internazionale, o meglio, mondiale. Dunque, si assiste al tentativo, che gli attori economici (sfruttando l enorme avanzamento delle tecnologie) stanno perseguendo per I

8 unificare il mondo (Eurispes, 1998, pag. 36). Tale processo di integrazione economica mondiale è sinteticamente caratterizzato dall eliminazione di barriere commerciali con conseguente incremento delle opportunità (e della concorrenza) su scala internazionale: idealmente, L impresa globale è quella che riesce a portare il proprio prodotto ovunque, in qualsiasi momento, per offrirlo in un mercato locale (Dunnin e Mucchielli, 2002). Esportare rappresenta il metodo più semplice, e solitamente il meno rischioso, per conquistare una posizione nel mercato globale; esso rappresenta inoltre la soluzione che richiede il minor impegno in termini di risorse, quindi la più adottata dal tessuto economico-produttivo italiano, caratterizzato e trainato prevalentemente da PMI (Silvestrelli, 2001). Tuttavia, occorre tener conto dei rischi connessi all attività di esportazione, e più in generale di internazionalizzazione, quali: rischio politico (instabilità istituzionale); giuridico (inadeguatezza delle leggi a tutela dei diritti soggettivi); valutario (possibile blocco dei pagamenti); di cambio. Tra le problematiche appena elencate, il rischio di cambio ha un peso notevole, sia per la sua natura essenzialmente e puramente aleatoria - che ne rende difficoltose la valutazione e la gestione - sia per il peso che riveste nella redditività delle operazioni commerciali, e quindi in ultima analisi per l appetibilità stessa di tali attività (Damodaran, 2008). La storia dell euro insegna che il confronto tra due divise, anche di vaste aree economiche (Euro contro Dollaro, o contro Yen, ad esempio), non riduce la possibilità di ampi movimenti, sia favorevoli che sfavorevoli, in presenza di squilibri consistenti nelle rispettive bilance dei pagamenti. L ingresso dell Italia nell Unione Monetaria Europea (UME) non ha, pertanto, messo tout court le aziende nazionali al sicuro dal rischio di oscillazione del tasso di cambio e quindi al rischio concreto di vedere erosi i profitti derivanti da un buon andamento dell attività caratteristica a causa rilevanti perdite su cambi (Maiorino, 2006). La conoscenza e la corretta valutazione del rischio di cambio attività presente e ben impostata nelle grandi imprese, dove il ruolo del Risk Manager viene separato dalle altre funzioni aziendali - viene invece trascurata nelle PMI, dove la funzione di tesoreria risulta accorpata con altre (tipicamente quella amministrativa) o addirittura è lo stesso imprenditore ad assumerne il controllo. Questa tendenza diffusa deriva dalla scarsa conoscenza dei rischi finanziari, la cui gestione potrebbe invece rivelarsi un fattore di successo al pari (se non di più) con altre funzioni aziendali quali Marketing, Ricerca & Sviluppo, produzione e vendita (Garioni, 2007). L offerta di prodotti finanziari finalizzati alla copertura del rischio di cambio è vasta ed in continua evoluzione; il sistema bancario di fianco a strumenti tradizionali crea strumenti innovativi sempre più complessi (spesso il risultato della combinazione di altri strumenti finanziari) che richiedono risorse gestionali, conoscenze e abilità pratiche non II

9 indifferenti. Cambi a termine, anticipi all export, domestic currency swap, currency option sono solo alcuni esempi: ogni impresa deve pertanto fare un attenta riflessione sulla natura e sull entità dei rischi che corre, e scegliere una strategia che sia la migliore per le caratteristiche della propria gestione (Frenkel et al, 2005). Fatte queste premesse, la domanda che ci si pone in questo lavoro di ricerca è: come difendere i prezzi all export, nel caso in cui l Euro subisca apprezzamenti o deprezzamenti nei confronti delle altre valute? Verrà data la risposta a questa domanda focalizzando l attenzione sull analisi del rapporto Eur/Usd, che è la fonte principale del rischio di cambio per le imprese italiane 1. La metodologia proposta che consiste nell utilizzo dell analisi tecnica per la creazione di un Trading System finalizzato alla copertura del rischio di cambio - si delinea come una soluzione innovativa non tanto nel criterio realizzativo, quanto nell ambito di applicazione: nel trading privato e nelle società di gestione l utilizzo di sistemi di trading e, più in generale dell analisi tecnica, rappresenta la norma (Gehrig e Menkhoff, 2006), diverso è il discorso in ambito aziendale dove la maggior parte delle operazioni di copertura è rappresentata da forward, swap e opzioni, storicamente più vicine alle esigenze di rischio/rendimento delle imprese non finanziarie (Gallagher e Andrew, 2007). In questa sede si vuole dimostrare come una specifica conoscenza dei diversi strumenti a disposizione, accompagnata da una gestione professionale dei rischi aziendali, permetta di realizzare una strategia finalizzata al raggiungimento dell obiettivo principale (hedging) e non solo. Attraverso implementazione di questa metodologia (Hedging + Trading System) qualsiasi impresa che esporti può quindi raggiungere uno o più di questi obiettivi: - annullare il rischio di cambio; - ottimizzare i flussi di cassa; - generare delle differenze positive su cambi. Il cambio spot, prolungato fino a scadenza, ha prezzi evidenziati dal mercato Forex, costi bassi e durata decisa dalle esigenze delle aziende e delle imprese; dunque, uno strumento estremamente flessibile. In breve, l obiettivo di questo studio è quello di dimostrare come una soluzione alternativa a quelle offerte tradizionalmente dal sistema bancario, possa risultare la forma più moderna, più dinamica e trasparente di copertura del rischio di cambio. Il lavoro viene articolato in quattro capitoli. Nel primo capitolo, dopo un introduzione del fenomeno globalizzazione e dei possibili effetti sul sistema economico, verranno affrontate le problematiche relative all internazionalizzazione delle imprese italiane, ponendo l attenzione su quello che è stato sviluppo e l evoluzione del commercio con l estero, le 1 Bank for International Settlements, Survey 2010 III

10 strutture a sostegno dell internazionalizzazione e i servizi finanziari a disposizione delle imprese. Nel secondo capitolo, il focus verrà rivolto alle problematiche inerenti il rischio di cambio, illustrando quali strumenti finanziari (innovativi e non) rappresentano le possibili scelte per l impresa. Verrà effettuata una puntuale analisi di quelli che sono gli strumenti tradizionali e innovativi attualmente a disposizione delle imprese: un passaggio fondamentale per capire quali sono opportunità e rischi a cui le nostre aziende si espongono. Nel terzo capitolo l attenzione sarà rivolta al mercato di riferimento oggetto della ricerca, il mercato valutario. Si analizzeranno le caratteristiche e l operatività spot nel mercato Forex (Foreign Exchange Market) e verrà introdotta una descrizione teorica dello strumento che utilizzeremo per la realizzazione della strategia di copertura del rischio di cambio: il Trading System. Nel quarto capitolo verrà infine proposta e realizzata una strategia innovativa (Trading System + Hedging) basata sull operatività Forex-spot - con riferimento al cambio EurUsd - e finalizzata alla copertura del rischio di cambio per le imprese che si internazionalizzano. Logica realizzativa, simulazioni, test di robustezza, operatività nel mercato reale e confronto con strumenti alternativi saranno i passaggi fondamentali per comprendere al meglio i pregi e i limiti di questa nuova strategia con l obiettivo ultimo di dare un contributo alla ricerca nel settore. IV

11 CAPITOLO I GLOBALIZZAZIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE 1.1 Globalizzazione. Al termine globalizzazione sono stati attribuiti significati molteplici, Acocella (2005) definisce questo fenomeno come la crescita ad una scala tendenzialmente mondiale delle interrelazioni fra i diversi sistemi economici e sociali nazionali attraverso istituzioni economiche private. Una tale crescita è connessa con l aumento degli scambi internazionali di merci, di capitale finanziario e di lavoro (p. 8). Come ampiamente documentato in letteratura (Oman, 1996) gli aspetti che emergono dall analisi del fenomeno sono rappresentati sia dalla mancanza di una chiara definizione del concetto (Thompson, 1999) sia dalla consapevolezza che, comunque, parliamo di un evento il cui processo evolutivo è iniziato già da tempo ed è in continuo divenire. Affermare che la globalizzazione è un fenomeno caratteristico degli ultimi decenni e addirittura l inizio di una nuova epoca storica è in generale possibile solo se ciò che è nuovo viene contrapposto a ciò che è stato finora. Se invece la globalizzazione viene considerata come il risultato dell operare congiunto e del rafforzarsi reciproco di processi di lunga durata, allora in questo caso (e solo in questo) ci troviamo propriamente al centro di importanti questioni d interpretazione storica (Osterhammel e Petersson, 2005). Proprio a seguito di tale definizioni, possiamo ripercorrere brevemente le tappe storiche verso la globalizzazione: fino al 1750 abbiamo la fase di costruzione e consolidamento dei legami mondiali, successivamente ( ) si parla di imperialismo, industrializzazione e libero commercio [ , nascita dell economia mondiale; , prima ondata di globalizzazione]. Dal 1880 al 1945, capitalismo mondiale e crisi mondiali; , seconda ondata globalizzazione; 1980 ad oggi, terza ondata di globalizzazione (Dollar e Collier, 2003). Parliamo quindi di un fenomeno economico e sociale tale per cui le correlazioni, i legami e le dipendenze dei sistemi di tutti gli Stati aumentano in maniera esponenziale. A seguito delle definizioni date, è possibile individuare le principali caratteristiche di questo

12 processo, sintetizzabili in primis dalla maggiore apertura del commercio internazionale, poi dalla liberalizzazione dei mercati - in particolare quello finanziario - ed infine dalla progressiva riduzione dell intervento dello Stato nell economia a favore del mercato (con riferimento a politiche di privatizzazione, di riduzione dei controlli su importazioni ed esportazioni, politiche monetarie, fiscali e di cambio finalizzate ad una maggiore stabilità economica) (Figini e Santarelli, 2002). Dunque, tale fenomeno produce effetti sia a livello macroeconomico - e parliamo di Istituzioni, mercati finanziari e mercato del lavoro - che a livello microeconomico (Aziende). Nel dettaglio, tanto più i mercati sono correlati tra loro - senza barriere per la circolazione di merci e capitali, con il conseguente incremento della concorrenza internazionale - tanto più le politiche economiche e monetarie dei singoli Governi nazionali potranno risultare inefficaci e quindi condurre a comportamenti poco collaborativi 2 (Bojer e Drance, 1996). Per fronteggiare tali situazioni si programmano forum di discussione e incontri a livello mondiale al fine di determinare linee di azione condivise tra le nazioni per il raggiungimento di un obiettivo comune. La globalizzazione della finanza è una realtà per tutti gli attori dei mercati finanziari: tassi, valute e titoli azionari si confrontano in un mercato che, anche grazie alla tecnologia delle telecomunicazioni, è ormai completamente aperto. (Schmukler e Vesperoni, 2000). Tale dissolvimento elettronico dei confini comporta sicuramente molti vantaggi ma anche un incremento della complessità delle operazioni e delle problematiche di natura commerciale, fiscale e giuridica (Gianaris, 2001). Ogni attore del mercato globale, nella determinazione della propria strategia, deve tener conto di questa aumentata interrelazione: il numero di informazioni da elaborare per effettuare una scelta di mercato aumenta esponenzialmente all aumentare della correlazione tra sistemi economici e finanziari quindi, dotarsi di un sistema informativo più che adeguato, risulta oggi un fattore fondamentale. E vasta la letteratura sui benefici e sui costi della globalizzazione finanziaria, soprattutto quella riferita ai mercati maturi (Brooks, 1999), meno quella relativa agli effetti della stessa per paesi in via di sviluppo: alcuni autori sostengono che la globalizzazione finanziaria riduca la stabilità macroeconomica nei paesi in via di sviluppo (Mishkin, 2006) e, anche se altri affermano il contrario (Kose et al, 2009), la globalizzazione risulta comunque un fattore chiave per stimolare riforme istituzionali che promuovano lo sviluppo finanziario e la crescita economica nei paesi in via di sviluppo 3. Fugando i dubbi sul fatto che la globalizzazione finanziaria possa 2 Un esempio classico è rappresentato dal comportamento di un Paese che, al fine di attrarre gli investimenti diretti, decide di ridurre le imposte per i redditi delle imprese estere rendendo più conveniente la localizzazione delle aziende straniere sul proprio territorio. 3 I paesi avanzati possono ulteriormente alimentare questo processo sostenendo l'apertura dei loro mercati ai beni e servizi provenienti da i paesi emergenti. (Mishkin, 2007) 2

13 essere vantaggioso per i tali paesi, ci si chiede piuttosto come mai non sempre risulti efficace nel favorire lo sviluppo economico, e perché spesso porti a devastanti crisi finanziarie. Il problema non è quindi se la globalizzazione finanziaria è di per sé buono o cattiva, ma se può essere realizzata nel modo più opportuno (Mishkin, 2007). Analizzando il mercato del lavoro, si assiste al trasferimento delle produzioni industriali verso paesi che offrono un mercato del lavoro sicuramente più flessibile, ma con salari più bassi e - soprattutto nei paesi emergenti - a fronte di condizioni di sicurezza sociale peggiore (Stiglitz e Charlton, 2005; Knorringa e Pegler, 2006). Nelle economie avanzate il fenomeno più diffuso è rappresentato dal passaggio dalle produzioni industriali ed agricole al terziario e servizi: l inevitabile riduzione della forza lavoro e la conseguente perdita del posto di lavoro determina molteplici effetti distorsivi come tensioni sociali, necessità di riqualificazione per un nuovo collocamento, sviluppo di strumenti di aiuto economico (Choi e Greenaway, 2001). Nelle economie più povere si assiste comunque ad un aumento del benessere delle popolazioni che possono trovare un impiego altrimenti difficilmente ottenibile, anche se la forte concorrenza fatica ad innescare il circolo virtuoso della crescita e l atteggiamento prevalente è purtroppo quello che, grazie ai salari più bassi e alle peggiori condizioni sociali, tende a sfruttare tali economie (Bardhan et al, 2006). Dal punto di vista delle imprese, si è assistito ad un graduale espansione del mercato di interesse che ha portato a raggiungere, per molti beni o servizi, una dimensione globale (Mucchielli e Mayer, 2004). In alcuni casi tale ampliamento dimensionale si è presentato sotto forma di semplice espatrio delle produzioni (in primis per quelle a basso valore aggiunto) dai paesi maggiormente industrializzati a quelli in via di sviluppo, col chiaro intento di sfruttare una forza lavoro che le condizioni del mercato in quei luoghi rendono particolarmente conveniente (Reinert, 2004; Helpman et al, 2009; Amiti e Davis, 2008). In altri casi, invece, le imprese multinazionali hanno esteso le proprie attività attraverso l apertura di stabilimenti in altri paesi, con l obiettivo di produrre i propri beni in loco. L internazionalizzazione, come vedremo nel dettaglio, rappresenta quindi un importante fattore di competitività per le imprese: attraverso la crescita globale si generano consistenti economie di scala, si riducono i costi, si aprono nuovi mercati scegliendo la localizzazione non solo in base a dinamiche di prezzo ma anche con riferimento ad aspetti fiscali, normativi, sindacali, ecc. (Wolf, 2004; Flores e Aguilera 2007). I risultati per i consumatori sono quelli di un generale abbassamento del costo di produzione dei beni e, dunque, del prezzo di mercato. I detrattori della globalizzazione mettono invece sotto accusa le multinazionali in quanto responsabili di creare disoccupazione nei paesi di origine (dove dismettono attività industriali per esportarle all estero) e di avere effetti negativi anche sulla crescita sociale 3

14 dei paesi poveri in quanto, attraverso la leva salariale, cercano di mantenere bassi i costi di produzione delle merci (Lafay, 2008). Tale obiettivo, è opinione condivisa, viene spesso raggiunto attraverso ricatti morali nei confronti dei Governi di quei paesi (Helpman et al, 2009). In sintesi, gli effetti sono certamente duplici: da un lato l economia globale comporta la diffusione del benessere a tutti gli attori del processo in atto, determinando una crescita globale e, seppur in tempi diversi, un aumento della ricchezza delle nazioni (Jagdish e Bhagwati 2004); dall altro la protezione dei diritti sociali - una certezza nei paesi occidentali - non si può considerare ancora tale nei paesi in via di sviluppo. Il rischio concreto è quello di ledere i diritti umani e politici dei paesi in via di sviluppo, dato che in essi la crescita economica spesso non si accompagna alla quella democratica (Stiglitz, 2006). Dunque, alla globalizzazione economica non si è affiancata una globalizzazione dei diritti sociali (Scholte, 2000; Mazzocchi e Villani, 2002): considerata da alcuni come l emblema dell efficienza dei meccanismi del libero mercato (Jagdish e Bhagwati 2004), osteggiata da altri come un evidente fenomeno di sfruttamento economico dei paesi ticchi nei confronti di quelli più poveri (Stiglitz, 2006); i consensi internazionali hanno comunque avviato virtuosismi tali da creare le basi per una loro futura diffusione. Come abbiamo già accennato, la fase attuale della globalizzazione è soltanto l ultima di un processo - iniziato più di un secolo fa - che si compone di tre step, ciascuno dei quali presenta specifiche caratteristiche e diversi gradi di integrazione (Della Posta e Rossi, 2007). In questa sezione, dopo aver visto i contributi teorici del fenomeno globalizzazione, analizziamo alcuni dati focalizzando l attenzione alla fase più recente. Negli ultimi venti anni c è stata una crescita generalizzata a livello globale che ha coinvolto tutte le aree più importanti. Con riferimento al GDP, Europa, America latina ed Asia centrale sono state le aree con un maggiore incremento percentuale 4. Dopo anni di forte espansione produttiva e di aumento dell integrazione internazionale, le prospettive dell economia mondiale si sono ridotte a seguito della crisi immobiliare scoppiata negli USA nel 2007 e propagatasi dal sistema finanziario a quello reale. Il biennio è stato caratterizzato da una serie di interventi da parte degli Stati e delle autorità di politica monetaria, finalizzati a ridurre gli shock finanziari e garantire una ripresa del ciclo economico nel medio periodo. Tali manovre, (come possiamo vedere nella tabella 1) hanno determinato una sostanziale tenuta del Pil mondiale (-0,6% nel 2009, dati Fondo Monetario Internazionale). 4 World Development Indicators, Aprile

15 Tab. 1 Prodotto Interno Lordo per aree e Paesi (variazioni in percentuale) Fonte: elaborazione ICE su dati FMI, World Economic Outlook, Aprile 2010 Si tratta di una ripresa a doppia velocità dove gli USA - nonostante abbiano rappresentato la causa degli squilibri globali - hanno fatto registrare una contrazione inferiore alla media mentre l area euro ha avuto un vero e proprio tracollo del Pil, delle esportazioni e della domanda interna. Spostandoci verso le economie dell Asia orientale, Cina ed India sono andate in controtendenza, mantenendo un ritmo di crescita positivo, grazie soprattutto alla tempestiva applicazione di misure anti-crisi che hanno garantito una stabilità interna accompagnata da un afflusso di capitali stranieri. Non si può fare lo stesso discorso per le economie dell est Europa dove, chi per eccessiva dipendenza dal settore energetico (vedi Russia) chi per una eccessiva vulnerabilità del sistema bancario, hanno registrato decise contrazioni della crescita. L area Africana e quella mediorientale, al contrario di quella sudamericana, nonostante il rallentamento rispetto al passato, hanno comunque mantenuto un tasso di crescita positivo. 5

16 1.2 Internazionalizzazione delle imprese Come visto nella sezione introduttiva, anche se vi è la comune tendenza ad attribuire lo stesso significato, l internazionalizzazione può configurarsi come una diretta conseguenza della globalizzazione e, in ambito economico, tale terminologia viene usata con riferimento all operatività internazionale da parte delle PMI (Ruigrok, 2000). Prima di entrare nel dettaglio, si cerca di comprendere come mai le imprese italiane dovrebbero avviare un processo di internazionalizzazione, ovvero quali sono le spinte verso la globalizzazione ed i rischi ad essa connessi (Dematte et al., 2008). Per quanto riguarda le spinte, da parte delle imprese esiste la consapevolezza dell esistenza di differenze - tra i paesi e le aree del mondo - in termini di costo dei fattori produttivi e di aumento della pressione competitiva (che le economie mature avvertono nei loro territori storici). Ad essa si aggiunge la volontà di aumentare le dimensioni delle attività caratterizzate dalla presenza di rilevanti economie di scala e la possibilità di attenuare gli alti e bassi del ciclo delle attività economiche interne (Mucchielli e Mayer, 2004). Con riferimento ai rischi per le imprese osserviamo come, in generale, si verifichi un incremento della pressione competitiva - determinata da una riduzione degli attriti spaziali e dei costi di transazione - che porta ad un aumento del numero di concorrenti e la conseguente maggior scelta per i clienti. Si effettua però un importante distinzione tra i rischi connessi al processo di internazionalizzazione e quelli derivanti da una mancata internazionalizzazione. Nel primo caso l azienda potrebbe non ottenere risultati economico/finanziari soddisfacenti, esaurire le risorse interne (umane e finanziarie), non riuscire ad ottenere finanziamenti per l export, trascurare il mercato interno favorendo l ingresso dei concorrenti o non riuscire a trovare un rappresentante locale adatto (aspetto pratico molto rilevante) (De Martino et al., 2006). Nel secondo, invece, con la mancata internazionalizzazione l azienda potrebbe avere concorrenti stranieri che entrano nel mercato interno, perdere risorse umane a vantaggio di imprese globali che offrono migliori opportunità di carriera, avere concorrenti che traggono vantaggio dal processo di internazionalizzazione intrapreso, non disporre di ammortizzatori contro le oscillazioni dei cicli economici interni oppure disporre di limitate fonti di approvvigionamento di materie prime (Maiorino, 2006). Definiti i driver dell internazionalizzazione, approfondiamo il discorso e seguendo l Uppsala model (Johanson e Valhne, 1977) vediamo come questo processo nasce e gradualmente si evolve. Alla prima fase - spesso caratterizzata dalla semplice esportazione (principalmente verso mercati fisicamente più vicini) seguono poi le fasi successive caratterizzate da un impegno (organizzativo ed in termini di investimenti) via via crescente. 6

17 Nel dettaglio, i quattro stadi del modello sono: 1. esportazione indiretta: nessuna attività di esportazione regolare: le attività di export (prevalentemente casuali) avvengono su iniziativa dell importatore estero. Ci può essere anche l iniziativa da parte dell imprenditore nazionale, che però si rivolge a produttori stranieri che offrono prodotti complementari o a trading company; 2. esportazione diretta: attraverso agenti e distributori esteri, o comunque rappresentanti indipendenti; 3. realizzazione di una filiale commerciale estera; 4. investimenti diretti in unità produttive e/o distributive. I principali ostacoli all internazionalizzazione, che possono rendere più o meno difficoltoso tale processo, sono rappresentati dalla limitatezza delle risorse e dalla a mancanza di informazioni e conoscenze. Possiamo vedere le fasi nella tabella due che segue. Tab. 2 Le fasi del processo Fonte: Maccalini- Denicola, Economia e Gestione della PMI, (2007) Tale approccio, concentrando il focus sul graduale coinvolgimento organizzativo, strategico e finanziario (e attribuendo un importanza minore all ampiezza geografica del raggio d azione) si configura in un crescente impegno oltre confine che porta l impresa da una presenza occasionale sui mercati esteri ad una sempre più stabile attraverso un processo nel tempo nel quale informazioni ed esperienza (con riferimento ai mercati serviti) crescono contemporaneamente e contribuiscono ad accrescere e a rafforzare le strutture dedicate alla gestione dell attività sempre più internazionalizzata (Blomstermo e Sharma, 2003). Analizziamo ora le principali forme di internazionalizzazione intraprese dalle aziende in risposta alle sfide poste dalla globalizzazione (Flores e Aguilera, 2007). Si è visto come le imprese, perlomeno nelle fasi iniziali del processo, adottino approcci più limitati al mercato globale: esportare rappresenta il metodo più ovvio e solitamente il meno rischioso per conquistare una posizione nel mercato globale, configurandosi come la soluzione che - 7

18 richiedendo un minor impegno in termini di risorse - più si adatta al tessuto economicoproduttivo italiano, caratterizzato e trainato prevalentemente da PMI (Silvestrelli, 2001). La scelta di esportare risponde all esigenza di espandere il proprio mercato di riferimento cercando nuovi clienti in mercati esteri ed il vantaggio principale è quindi rappresentato dalla possibilità di estendere il mercato dell impresa con un limitato impiego di risorse e con un rischio contenuto. Esistono comunque anche degli ostacoli e dei limiti (Pepe e Zucchella, 2009): - presenza di barriere commerciali che potrebbero rendere i prodotti dell azienda esportatrice poco competitivi sui mercati locali o addirittura rendere non conveniente questa scelta; - costi di trasporto elevati; - impossibilità di monitorare direttamente la clientela locale e, conseguentemente, la difficoltà per l impresa nell adattare i propri prodotti e la strategia di comunicazione alla realtà locale. E utile distinguere le forme di internazionalizzazione in base alla finalità perseguita e - evidenziando però che nella realtà gli scopi che l impresa si prefigge possono essere molteplici e combinati tra loro - in generale possiamo distinguere tra scelte di internazionalizzazione finalizzate alla penetrazione nel mercato estero e scelte dettate dalla ricerca di una riduzione dei costi di produzione. Detto questo, si intende analizzare nel dettaglio le diverse forme di internazionalizzazione che, seguendo una classificazione generalmente condivisa (tra gli altri, Buckley e Ghauri, 1999; Silvestrelli, 2008), possono essere suddivise in due ampie categorie: le scelte di cooperazione; l Investimento Diretto all Estero. Scelte di cooperazione Esistono forme di internazionalizzazione nelle quali il trasferimento di beni e servizi può avvenire attraverso una relazione indiretta. Le scelte di cooperazione si basano su partnership con soggetti terzi e accordi non equity (ovvero che non comportano l assunzione di partecipazioni nel capitale azionario di altre imprese) e sono comprese in questa categoria gli accordi stipulati per fini commerciali, produttivi e tecnologici (Gramatica, 2002). Negli accordi commerciali il trasferimento di beni e servizi all estero avviene indirettamente, attraverso la stipulazione di accordi con soggetti terzi specializzati nella distribuzione dei 8

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli