CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 Procedura aperta aggregata per l affidamento dei servizi di manutenzione full-service & on-site delle centrali telefoniche e degli apparecchi terminali di comunicazione installati in stabili di proprietà o competenza dell ASST della Valle Olona (capofila) e dell ASST dei Sette Laghi (mandante) ed aggiornamento hardware e software del sistema, per un periodo di 5 anni dalla data di attivazione del servizio. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO (CIG LOTTO 1: EEC CIG LOTTO 2: E9A) Responsabile del Procedimento (Ing. Massimiliano Mastroianni) Referente dell istruttoria (Sig.ra Marina Bellini) Tel Fax

2 INDICE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Art. 1 Premessa e oggetto dell'appalto pag. 3 Art. 2 - Norme regolamentari pag. 4 Art. 3 - Manutenzione full-service & on-site di tutte le centrali telefoniche, delle stazioni pag. 4 di energia e dei terminali telefonici del sistema telefonico aziendale Art. 4 - Livello di servizio pag. 7 Art. 5 Interventi di aggiornamento tecnologico hardware e sotware una tantum pag. 9 Art. 6 - Assistenza al cambio di fornitore del serv. telefonico pag. 9 Art. 7 - Proposte di adeguamento migliorativo sugli impianti pag. 9 Art. 8 - Consistenza impianti presa visione aggiornamento consistenza impianti pag. 10 Art. 9 - Coordinamento e cooperazione per la tutela della salute e sicurezza pag. 10 art. 10 Revisione prezzi pag. 12 Art Fatturazione e termini di pagamento pag. 12 Art. 12 Penali e clausola risolutiva espressa pag. 11 Art Subappalto pag. 13 Art. 14 Vicende inerenti all'aggiudicatario pag. 14 Art Sospensione delle prestazioni contrattuali pag. 14 Art Tracciabilita' dei flussi finanziari - Cig pag. 14 Art Copertura assicurativa pag. 15 Art Normativa antimafia pag. 15 Art Foro competente pag. 15 2

3 ART. 1 PREMESSA E OGGETTO DELL'APPALTO In attuazione della deliberazione della Giunta Regionale n. X/4482 del avente ad oggetto: Attuazione L.R. 23/2015: Costituzione Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) della Valle Olona, è stata costituita a partire dal 1 gennaio 2016 l Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) della Valle Olona con sede legale in Busto Arsizio, Via Arnaldo Da Brescia, Busto Arsizio il cui assetto è indicato nell allegato 1 alla deliberazione medesima. In attuazione della succitata DGR n. X/4482 del l ASST della Valle Olona è stata costituita mediante fusione per incorporazione dell Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo di Busto Arsizio con scorporo del Presidio Ospedaliero di Tradate e dell Azienda Ospedaliera Sant'Antonio Abate di Gallarate e contestualmente conferimento da scissione di strutture sanitarie e sociosanitarie degli ex distretti dell ASL della Provincia di Varese. In attuazione dei principi sanciti dal Piano Sanitario Regionale e dalla deliberazione n. X/4702 del determinazione in ordine alla gestione del servizio socio sanitario per l esercizio 2016 è stato costituito il Consorzio ATS Montagna ATS Insubria, tra le seguenti Aziende: ASST della Valtellina e Alto Lario, ASST della Valcamonica, ASST dei Sette Laghi, ASST Lariana e ASST della Valle Olona. La presente procedura viene espletata dall ASST Valle Olona in qualità di capofila, e per conto dell ASST Sette Laghi (mandante) e ha per oggetto l'erogazione del servizio di assistenza e manutenzione full service & on-site del sistema telefonico della ASST della Valle Olona e del P.O. di Tradate della ASST Sette Laghi e di tutti i terminali di comunicazione ad esso collegati. Al termine della procedura di gara, ciascuna ASST stipulerà con l aggiudicatario/i un proprio contratto. Il servizio è suddiviso in lotti come di seguito indicato: LOTTO 1 - Servizi di manutenzione full-service & on-site delle centrali telefoniche e degli apparecchi terminali di comunicazione di proprietà o competenza dell ASST della Valle Olona. LOTTO 2 - Servizi di manutenzione full-service & on-site delle centrali telefoniche e degli apparecchi terminali di comunicazione di proprietà o competenza dell ASST dei Sette Laghi in alcuni presidi. I presidi ospedalieri delle ASST della Valle Olona e dell ASST Sette Laghi in cui dovranno essere eseguiti i servizi descritti nel presente capitolato sono quelli elencati nell allegato A - Scheda consistenza centrali telefoniche ed equipaggiamento presunto; Come parte integrante dell appalto sono richieste alcune migliorie necessarie all aggiornamento tecnologico del parco macchine installato al fine di semplificare la configurazione in rete del parco macchine dei presidi ospedalieri dell ex Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio e i presidi ospedalieri dell ex Azienda Ospedaliera di Gallarate, che hanno concorso alla creazionde dall ASST della Valle Olona. Nel dettaglio dovranno essere erogate le seguenti prestazioni: la manutenzione e gestione full-service di tutte le centrali telefoniche di proprietá o competenza dall ASST della Valle Olona e del P.O. di Tradate dell ASST Sette Laghi; la manutenzione e gestione full-service di tutti gli apparecchi telefonici terminali; la manutenzione e gestione full-service degli ups e soccorritori collegati alle centrali telefoniche; l aggiornamento dei software di gestione delle centrali telefoniche di proprietá o competenza dell ASST della Valle Olona e del P.O. di Tradate dell ASST Sette Laghi; gli interventi di installazione e aggiornamento indicati nell allegato B; e quant altro indicato nel presente Capitolato Speciale. 3

4 ART. 2 - NORME REGOLAMENTARI Le Imprese che intendono presentare offerta devono essere in possesso dei seguenti requisiti: Per il Lotto 1 di essere partner Nec Philips e di possedere nel proprio organico personale tecnico con certificazioni di installatore e manutentore rilasciate da Nec Philips, poichè l infrastruttura telefonica dell ASST della Valle Olona è basata su tecnologia Philips Sopho IS 3030 e 3070 e superiore; Per il Lotto 2 di essere partner Nec Philips e di possedere nel proprio organico personale tecnico con certificazioni di installatore e manutentore rilasciate da Nec Philips, poichè la centrale telefonica del Presidio ospedaliero di Tradate dell ASST dei Sette Laghi è basata su tecnologia Philips Sopho IS 3030 e 3070 e superiore; di essere partner Siemens Unify e di possedere nel proprio organico personale tecnico con certificazioni di installatore e manutentore rilasciate da Siemens Unify, poichè l infrastruttura telefonica principale dell ASST dei Sette Laghi è basata su tecnologia Siemens Hipath 4000 e superiore e non è esclusa la possibilità di connessione a questa; Per il Lotto 1 e2 Abilitazione di cui alla lettera b), comma 2, articolo 1 del DM 37/2008; di avere buone conoscenze per la gestione di piccoli centralini telefonici Siemens e Panasonic installati nei vari presidi esterni specificati nell elenco B dell allegato A (Lotto 1 e Lotto 2). di essere in possesso di un presidio tecnico in zona interessata dall ASST della Valle Olona e dell ASST dei Sette Laghi, con personale ivi operante specializzato e certificato; di aver disponibilità di un recapito telefonico, con una tariffazione non superiore al costo di una normale chiamata interurbana, per le richieste di intervento, attivo senza interruzioni 24 ore su 24 e che attribuisca immediatamente un codice identificativo della richiesta in oggetto; di poter attivare, in seguito a segnalazione, l'esecuzione di interventi diagnostici e di riparazione in remoto tramite normale linea telefonica; di avere la possibilità di intervenire on site nelle varie sedi interessate dall appalto al fine di risolvere le problematiche entro i tempi massimi dettati dal presente documento, utilizzando proprio mezzo e proprio personale. ART. 3 - MANUTENZIONE FULL-SERVICE & ON-SITE DI TUTTE LE CENTRALI TELEFONICHE, DELLE STAZIONI DI ENERGIA E DEI TERMINALI TELEFONICI DEL SISTEMA TELEFONICO AZIENDALE 3.1 Manutenzione full-service & on-site Per tutta la durata del contratto l appaltatore si impegna a garantire il servizio di manutenzione full-service & on-site. Per manutenzione full-service si intendono tutte le operazioni di manutenzione ordinaria o correttiva, a canone, da eseguirsi su qualsiasi componente elettrico, elettronico ed elettromeccanico che costituiscono le centrali telefoniche, i permutatori, i dispositivi di trasmissione dati tipo: modem router switch (solo se direttamente collegati al PABX) antenne dect terminali di comunicazione BCA, digitali, dect, IP, i cavi di collegamento dal permutatore al centralino e dalla presa utente al terminale. La manutenzione correttiva sarà attivata direttamente dagli utenti o dal personale individuato dall ASST della Valle Olona, a titolo esemplificativo e non esaustivo, quanto riportato ai paragrafi successivi. Per manutenzione on-site si intende l esecuzione di tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e correttiva, a canone, disciplinati dal presente capitolato speciale di appalto, ed eseguiti direttamente presso gli immobili di nostra competenza. Il servizio di manutenzione full-service & on-site è retribuito a canone omnicomprensivo di tutte le spese di trasporto, indennizzi chilometrici, manodopera qualificata secondo la consistenza e la tipologia di intervento, pezzi di ricambio, 4

5 nolo di strumentazione di diagnostica, spese di riparazione di componenti temporaneamente sostituiti, licenze software e qualunque altro indennizzo. Il servizio di manutenzione full-service & on-site dovrà essere erogato, secondo il livello di servizio di cui all art. 4 del presente Capitolato Speciale di appalto. Nel corso di tutta la durata dell appalto, tutti i componenti sostituiti per manutenzione diventano automaticamente di proprietà della stazione appaltante e i componenti guasti dovranno essere smaltiti dall appaltatore senza oneri aggiuntivi. Dovranno essere impiegati esclusivamente pezzi originali di ricambio Sostituzione di terminali BCA da scrivania o cordless Per tutta la durata del contratto l appaltatore si impegna a provvedere alla sostituzione di terminali tipo BCA da scrivania o cordless in caso di guasto tale da rendere non performante il terminale attualmente in dotazione, anche se collegato ad un centralino secondario derivato dal PABX principale. La sostituzione dovrà avvenire con un apparecchio BCA avente le seguenti caratteristiche minime. Eventuali migliorie potranno essere offerte in sede di gara e costituiranno punteggio aggiuntivo utili ai fini dell aggiudicazione dell appalto. - primaria marca - tasto ripetizione ultimo numero selezionato; - tasto di eclusione del microfono; - regolazione del volume e scelta fra almeno tre toni di suoneria differenti; - almeno quattro tasti per chiamata diretta; In caso di intervento su apparecchi BCA o cordless già attualmente più performanti, si procederà alla sostituzione con apparecchio BCA o cordless con caratteristiche equivalenti o migliorative Sostituzione di terminali digitali e dect Per tutta la durata del contratto l appaltatore si impegna a provvedere alla sostituzione di terminali tipo digitali tipo Philips ergoline 330 e 340 e sia antenne tramissive che telefoni portatili dect in caso di guasto tale da rendere non performante il terminale attualmente in dotazione. Nei presidi esterni i telefoni digitali sono prevalentemente Siemens e Panasonic (vedi allegato A lotto 1 La sostituzione dovrà avvenire con un apparecchio digitale/dect avente caratteristiche uguale o migliorative rispetto a quello in uso Sostituzione di IP desk-phone Per tutta la durata del contratto l appaltatore si impegna a provvedere alla sostituzione di terminali tipo digitali in caso di guasto tale da rendere non performante il terminale attualmente in dotazione. La sostituzione dovrà avvenire con un apparecchio digitale IP con caratteristiche equivalenti o migliorative rispetto a quello in uso Sostituzione di schede elettroniche di equipaggiamento delle centrali telefoniche Per tutta la durata del contratto l appaltatore si impegna a provvedere alla sostituzione di qualsiasi scheda elettronica (o modem) o qualunque altra apparecchiatura sia installata a bordo delle centrali telefoniche e guastatasi a causa di guasto accidentale, vetustà, sovracorrente, sovratensione, sovratensione di origine atmosferica e per cause imputabili al manutentore. Qualora, su richiesta della stazione appaltante e nel corso dell esecuzione del contratto, il manutentore provveda all integrazione dell equipaggiamento delle centrali telefoniche mediante l istallazione di ulteriori schede elettroniche o terminali telefonici di qualsiasi tipo, si impegna a garantire un periodo di garanzia pari al periodo residuo di validità del contratto e comunque non inferiore ad anni due Configurazioni Per tutta la durata del contratto l appaltatore si impegna a: - eseguire abilitazioni o restrizioni di chiamate per singoli utenti; - eseguire configurazioni di gruppi di utenti; - eseguire configurazioni e variazioni di configurazione di qualunque tipo agli apparecchi digitali ed IP; 5

6 - eseguire abilitazioni o restrizioni di servizi aggiuntivi erogati dal PABX quali, a puro titolo esemplificativo, l attivazione di voic ; - eseguire restart delle centrali telefoniche; - eseguire e custodire back-up, almeno trimestralmente, delle configurazioni dei PABX e renderli disponibili al committente; - eseguire qualsiasi configurazione sulle centrali telefoniche dovuta all integrazione del numero di terminali BCA, digitali, IP; - eseguire qualsiasi configurazione a nuovi apparecchi digitali ed IP; - qualsiasi altra configurazione a dispositivi interni ed esterni al PABX e facente parte del sistema telefonico aziendale. Ulteriori prestazioni analoghe alle precedenti potranno essere offerte in sede di gara e costituiranno punteggio aggiuntivo al fine dell aggiudicazione dell appalto UPS e soccorritori Per tutta la durata del contratto l appaltatore si impegna a garantire il servizio di manutenzione ordinaria e correttiva full-service, a canone, degli impianti UPS e soccorritori dedicati alle centrali telefoniche. Provvederà inoltre ad eseguire, semestralmente, almeno una ispezione di manutenzione agli impianti UPS e soccorritori. Si intendono inoltre incluse nel canone di manutenzione ordinaria e correttiva full service, tutte le parti di ricambio che dovessero essere necessarie per il ripristino dell apparecchiatura ad eccezione delle batterie. Dovranno essere impiegati esclusivamente pezzi originali di ricambio Interventi sui P.O. Per tutta la durata del contratto l appaltatore si impegna a provvedere alla sostituzione o riparazione dei P.O. analogamente a quanto previsto per gli altri terminali. Inoltre a richiesta provvederà ad istruire e formare il personale in merito all uso dei terminali P.O. Qualora, durante l esecuzione del contratto, l appaltatore riscontrasse difficoltà nella manutenzione dei terminali adibiti a posto operatore, per carenza di pezzi di ricambio che avrà esaurito a magazzino, potrà proporre, senza alcun onere aggiuntivo per la stazione appaltante, la sostituzione dei terminali difettosi con altre soluzioni tecnologiche, hardware o software, tali da assicurare funzionalità pari ai dispostivi sostituiti Altri interventi Qualora, a seguito di chiamata, l appaltatore intervenga per segnalazione di malfunzionamento delle centrali telefoniche e, contestualmente al sopralluogo, riscontri che il disservizio risulti imputabile, anche in via esclusiva, al fornitore del servizio di connessione alla rete pubblica (Telecom Italia, Fastweb, ecc) provvederà ad informarne il personale preposto ed ad istruirlo affinché la richiesta di intervento venga reindirizzata al fornitore del servizio. Si intendono incluse le prestazioni di reset e riavvio della centrale telefonica in caso di temporanea mancanza dei flussi telefonici. In ogni caso non sono previsti indennizzi per l appaltatore in quanto, il servizio si intende ricompreso forfetariamente, nel canone di manutenzione Telegestione È facoltà dell appaltatore procedere all installazione di modem per eseguire la telegestione delle centrali telefoniche ed eseguire telediagnostica o configurazione richiesta. Qualunque opera, fornitura o prestazione necessaria per consentire la telegestione delle centrali telefoniche si intende a carico dell appaltatore senza nessun onere gravante sulla stazione appaltante Altre assistenze Lappaltatore per tutta la durata del contratto è tenuto, a richiesta del preposto della stazione appaltante a prestare la propria piena assistenza per la conclusione dei seguenti processi: 6

7 a) qualunque assistenza in caso di migrazione dall attuale operatore dei servizi di connettività ad altro gestore individuato da CONSIP o altre centrali di committenza; b) assistenza in caso di valutazione di adeguamenti tecnologici del sistema telefonico aziendale; Altre forniture richieste od offerte in sede di gara Lappaltatore per tutta la durata del contratto è tenuto a garantire la manutenzione, come disciplinata dal presente capitolato, anche per tutte le forniture offerte in sede di gara ed eseguite in corso di validità del contratto siano esse già previste dal capitolato o liberamente offerte dall appaltatore al fine della presentazione della propria offerta complessiva ed economicamente più vantaggiosa Proprietà Qualunque installazione, prevista dal presente capitolato o liberamente offerta dall appaltatore, si intende di proprietà dell ASST della Valle Olona o dell ASST dei Sette Laghi. Al termine del contratto non saranno quindi riconosciuti oneri per riscatto o altre indennità Rubriche telefoniche Lappaltatore provvederà all installazione su tutti i centralini telefonici le rubriche telefoniche fornite dalla stazione appaltante, in modo da renderle fruibili direttamente dal posto operatore. ART. 4 - LIVELLO DI SERVIZIO 4.1 Finestra temporale di erogazione dei servizi Tutti i servizi e le prestazioni descritte nel presente Capitolato Speciale di Appalto, dovranno essere erogati secondo la seguente finestra temporale. CENTRALE Lunedì - Venerdì Sabato Domenica e Festivi Presidi Ospedalieri Lotto 1 e 2 elenco A (Ospedale di Busto Arsizio, Saronno, Gallarate, Somma Lombardo, Angera e Tradate) Presidi esterni Lotto 1 e 2 elenco A e B (tutti i Presidi esterni con attività diurna) 4.2 Severity Code Il livello di ciascuna richiesta di intervento sarà codificato sulla base di un Severity Code assegnato dall appaltatore a seguito di segnalazione da parte del personale della stazione appaltante. I SC assegnabili sono definiti nella tabella seguente: Severity Descrizione Code 1 Guasto Bloccante. Guasto che comporta l inutilizzo delle funzionalità previste per più del 20% delle utenze di qualsiasi tipo gestite da una singola centrale telefonica. 2 Guasto Grave. Guasto che comporta l inutilizzo delle funzionalità previste per una percentuale compresa fra il 10% ed il 20% delle utenze di qualsiasi tipo gestite da una singola centrale telefonica. 3 Disservizio. Guasto che comporta l inutilizzo di una delle funzionalità previste per meno del 7

8 10% delle delle utenze di qualsiasi tipo gestite da una singola centrale telefonica. 4 Guasto Semplice. Guasto che comporta l inutilizzo di un singolo terminale telefonico BCA, digitale, IP,dect cella dect, modem, ecc. 5 Configurazione. Intervento che richiede la configurazione di uno qualsiasi dei parametri di cui all art Guasto UPS/SOCCORRIRORE Guasto al sistema di Unit Power Supply o soccorritore 48V con pacco batterie. 7 Assistenza. Intervento che richiede la presenza di personale tecnico per esecuzione di sopralluoghi o verifiche necessarie alla Stazione Appaltante. 4.3 Help Desk Multicanale L appaltatore per tutta la durata del contratto si impegna ad attivare un servizio di Help Desk accessibile tramite: - Indirizzo di Posta elettronica dedicato tipo - Numero telefonico Verde con risposta dell operatore entro 5 minuti primi; - Numero di fax; ai quali saranno inoltrate tutte le richieste di intervento. LHelp Desk dell appaltatore provvederà, per ogni segnalazione ricevuta, ad assegnare un Severity Code ed un Ticket di Guasto che sarà comunicato alla Stazione appaltante contestualmente alla ricezione della richiesta di intervento. Il Ticket di Guasto, ad intervento ultimato, dovrà essere inoltre notificato a mezzo mail alla Stazione Appaltante all indirizzo mail che verra indicato in concomitanza con l assegnazione del servizio. Il Ticket di apertura Guasto notificato dovrà indicare: - Numero del Ticket di Guasto, - Data, ora e mezzo di ricezione della richiesta di intervento, - Nominativo del richiedente, - Descrizione del disservizio segnalato, - Identificativo dell operatore di Help Desk, - Severity Code assegnato, - Il Ticket di chiusura del Guasto notificato dovrà indicare: - Data ed ora dell inizio dell esecuzione dell intervento, - Data ed ora della conclusione dell intervento, - Descrizione dell intervento eseguito, - Identificativo del tecnico intervenuto. 4.4 Tempi massimi di intervento Per tutta la durata del contratto l Appaltatore si impegna a rispettare i tempi massimi di risposta e risoluzione del disservizio come di seguito descritti Tempo di risoluzione del disservizio È il tempo che intercorre fra la richiesta di intervento notificata all Help Desk secondo una delle modalità di cui all art. 4.3, e l effettiva risoluzione del disservizio da parte del personale tecnico intervenuto (anche in telegestione). Nella tabella seguente sono indicati i tempi massimi ammessi per la risoluzione del disservizio in funzione dei Severity Code assegnati. Eventuali riduzione dei tempi massimi ammessi potranno essere offerti in sede di gara e costituiranno punteggio aggiuntivo ai fini dell aggiudicazione dell appalto. 8

9 Severity Code Tempo in ore Tempo di risoluzione del disservizio ART Introduzione INTERVENTI DI AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO HARDWARE E SOTWARE UNA TANTUM Il presente articolo descrive sommariamente le forniture hardware e software prevista, una tantum, nel presente Capitolato Speciale di Appalto. 5.2 Aggiornamento licenze L appaltatore provvederà all aggiornamento delle ultime release software disponibile di tutte le macchine is Tempi massimi ammessi e ulteriori precisazioni Lappaltatore dovrà provvedere all installazione di tutte le forniture previste dal presente capitolato speciale di appalto, siano esse già previste (vedi allegato B) che liberamente offerte dall appaltatore, entro il termine di 60 giorni dall avvio del servizio. Tutte le forniture dovranno essere: 1. comprensive delle opere accessorie necessarie (impiantistiche, edili, ) e valutate dall appaltatore in sede di offerta, 2. comprensive di tutte le licenze dei software necessarie, 3. comprensive di qualsiasi costo legato a rinnovi di licenze e similari, 4. comprensive di qualsiasi accessorio hardware o software o altre interfacce,compatibili con le apparecchiature esistenti e mantenute in esercizio, certificate dal costruttore ed omologate alle più recenti normative in EMC. 5.4 Descrizione della fornitura Vedi allegato B Aggiornamento tecnologico ART. 6 - ASSISTENZA AL CAMBIO DI FORNITORE DEL SERV. TELEFONICO 6.1 Cambio del Fornitore del servizio telefonico Lappaltatore si impegna a prestare qualsiasi assistenza necessaria e finalizzata a consentire alla Stazione Appaltante il cambio del fornitore dei servizi telefonici. Lintervento è riconducibile alla prestazione Assistenza con Severity Code 7.. In ogni caso non sono previsti indennizzi per l appaltatore in quanto, il servizio si intende ricompreso forfetariamente, nel canone di manutenzione. ART. 7 - PROPOSTE DI ADEGUAMENTO MIGLIORATIVO SUGLI IMPIANTI Il Manutentore avrà facoltà di proporre al Committente, mediante relazioni tecniche dettagliate e preventivi particolareggiati, interventi di adeguamento sugli impianti derivanti da nuove tecnologie proposte dal mercato. Tale preventivo, non costituirà in nessun caso obbligo di spesa per il Committente, ma dovrà essere di ausilio per quest ultimo per pianificare le opere di adeguamento migliorativo degli impianti in funzione delle proprie scelte tecniche e non potrà costituire occasione per la formalizzazione di riserve contrattuali da parte dell Appaltatore. 9

10 E facoltà, pertanto, della Stazione appaltante di procedere all elaborazione, ove ricorrano le coperture finanziarie, di un progetto migliorativo sugli impianti da porre a base di gara pubblica. Le opere di adeguamento degli impianti non implicano alcuna modifica dei canoni di manutenzione. ART. 8 - CONSISTENZA IMPIANTI PRESA VISIONE AGGIORNAMENTO CONSISTENZA IMPIANTI La consistenza degli impianti è riassunta nell allegato 1 SCHEDA CONSITENZA CENTRALI TELEFONICHE ED EQUIPAGGIAMENTO PRESUNTO al quale si rimanda. Per ogni Centrale sono indicati i dati di targa, l equipaggiamento ed il numero di apparecchi terminali collegati. Le informazioni contenute sono indicative per cui, ai fini della presentazione della propria offerta, l appaltatore è tenuto a prendere visione degli impianti. Nessuna eccezione potrà essere sollevata qualora l effettivo equipaggiamento delle centrali, da verificare in sede di gara, discorderà da quanto indicato nell allegato 1 SCHEDA CONSITENZA CENTRALI TELEFONICHE ED EQUIPAGGIAMENTO PRESUNTO Entro 60 giorni naturali e consecutivi dalla consegna degli impianti l appaltatore provvederà all aggiornamento dell allegato A SCHEDA CONSITENZA CENTRALI TELEFONICHE ED EQUIPAGGIAMENTO PRESUNTO redatto dalla stazione appaltante. In caso di manutenzione straordinaria, modifica, implementazione o altro intervento che si renda necessario durante l esecuzione del contratto e che comporti la modifica dell impianto, dovrà essere assicurato l aggiornamento della documentazione che costituisce l anagrafe dell impianto. Gli aggiornamenti della documentazione di anagrafe dovranno essere eseguiti entro 30 giorni naturali e consecutivi dalla data di ultimazione della modifica stessa. In ogni caso non sono previsti indennizzi per l appaltatore in quanto, il servizio si intende ricompreso forfetariamente, nel canone di manutenzione. ART. 9 - COORDINAMENTO E COOPERAZIONE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA La stazione appaltante promuove la cooperazione e il coordinamento alla sicurezza ed esegue verifiche di competenza sull operatore economico aggiudicatario ed eventuali subappaltatori sull idoneità tecnico-professionale, ai sensi dell art. 26 comma 1 lettera a) del T.U. D.Lgs. 81/2008. LAzienda fornisce le informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare i lavoratori dell operatore economico aggiudicatario e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività per il tramite dei DUVRI allegati alla documentazione di gara. I Responsabili dell operatore economico, eventuali subappaltatori ed eventuali lavoratori autonomi devono cooperare e collaborare col datore di lavoro e i correlati ruoli della sicurezza al fine dell assolvimento e della garanzia di soddisfacimento degli obblighi di cui alla seguente tabella riepilogativa dell art. 26 del D. lgs. 81/ 08 s.m.i. 10

11 Riepilogo obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione (D.Lgs. n. 81/2008, Titolo I, art. 26) Soggetto obbligato Obblighi di tutela della sicurezza Datore di lavoro committente Verifica l idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori, ai servizi e alle forniture da affidare in appalto o mediante contratto d opera o di somministrazione (certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato, autocertificazione dell impresa appaltatrice o dei lavoratori autonomi del possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale di cui al DPR 445/00, art 47). Fornisce ai suddetti soggetti dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività. Datori di Lavoro committente, Cooperano all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi appaltatore, subappaltatore sul lavoro incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto; Coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell esecuzione dell opera complessiva. Datore di lavoro committente Promuove la cooperazione ed il coordinamento elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non é possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze [cd. DUVRI]. Tale documento é allegato al contratto di appalto o di opera e va adeguato in funzione dell evoluzione dei lavori, servizi e forniture. Documento Unico di Valutazione dei rischi interferenziali La stazione appaltante promuove la cooperazione ed il coordinamento con l elaborazione del Documento Unico di Valutazione dei Rischi interferenziale (rif. all. D.U.V.R.I.), articolato nei seguenti documenti: ASST DELLA VALLE OLONA: allegato A Duvri, B Duvri, C - Duvri; allegato opuscolo informativo in materia di amianto allegato diagramma di flusso gestione incendio ASST SETTE LAGHI: Documento unico valutazione rischi interferenze riportante le misure adottate per eliminare o, dove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze a completamento di quanto riportato e indicato negli altri documenti di gara. Prima dell avvio dell esecuzione del contratto è convocato il tavolo di coordinamento e cooperazione per valutare nel dettaglio gli aspetti della sicurezza sul lavoro oggetto dell appalto, contenuti nel D.U.V.R.I. che verrà di qui completato e sottoscritto fra le parti contrattuali e per valutare gli aspetti della formazione/informazione ai lavoratori dell impresa. Entro la sottoscrizione del DUVRI, allo stesso dovranno essere allegati: - il documento di valutazione dei rischi (ex piano specifico di sicurezza) dell appaltatore e di eventuali subappaltatori, completi dei nominativi e delle firme previste dal D.L. 81/2008 (Datore Lavoro, RSPP, Medico Competente, RLS), corredato di piano di sorveglianza sanitaria a firma del Medico Competente, nominativi del personale con deleghe alla sicurezza e certificati di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro ai sensi e per gli effetti dell Accordo Stato-Regioni del il nulla osta agli eventuali subappalti emesso da parte del RUP. Valutazione dell idoneità tecnico professionale riguardo agli aspetti del servizio. 11

12 Con riferimento all art. 26, lettera c.1, del D. Lgs. 81/2008 in merito alla verifica dei requisiti di idoneità tecnico professionale, in relazione alla normativa della sicurezza, l Azienda Ospedaliera provvederà ad accertare nel particolare: il possesso delle attrezzature e mezzi idonei all esecuzione del servizio; organigramma aziendale; la documentazione relativa alla statistica degli infortuni avvenuta nell impresa negli ultimi tre anni; la documentazione riportante la programmazione degli interventi, a seguito della valutazione dei rischi, previsti per il miglioramento della salute e della sicurezza. Ogni Concorrente deve compilare e sottoscrivere l allegato modulo in materia di autocertificazione dei requisiti tecnico-professionali dell impresa (rif. allegato modulo autocertificazione). ART REVISIONE PREZZI La revisione prezzi verrà disciplinata dall art. 106 del D.Lgs 50/2016. ART FATTURAZIONE E TERMINI DI PAGAMENTO Ai sensi dell art.25 Decreto Legge n.66 del 24 aprile 2014 convertito con modificazioni dalla Legge 23 giugno 2014 n. 89 è stato anticipato l obbligo di utilizzo della fattura elettronica nei rapporti economici con la Pubblica Amministrazione ai sensi della Legge 24 dicembre 2007, n.244, art.1 commi da 209 a 214. Pertanto, a decorrere dalla data del , le Amministrazioni Pubbliche non possono accettare fatture che non siano trasmesse in forma elettronica per il tramite del Sistema di interscambio e, trascorso tre mesi da tale data, le stesse non possono procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino all'invio delle fatture in formato elettronico. Ai sensi dell art.25 del D.L. n.66/2014 (convertito in Legge n.89), al fine di garantire l effettiva tracciabilità dei pagamenti da parte delle Pubbliche Amministrazioni, le fatture elettroniche emesse verso le PA dovranno riportare: 1) il codice identificativo di gara (CIG), 2) il codice unico di progetto (CUP) in caso di fatture riferite a progetti di investimento pubblico. Per maggiori informazioni circa le specifiche tecniche e la normativa di riferimento sulle fattura elettronica si rimanda al sito Le fatture elettroniche indirizzate alla presente Azienda Sanitaria devono fare riferimento al Codice Univoco Ufficio così come censiti su Inoltre per quanto riguarda il contenuto informativo della fattura elettronica, si segnala la presenza di talune informazioni non obbligatorie, che tuttavia Regione Lombardia ha ritenuto indispensabili per favorire il processo di caricamento, controllo e liquidazione nei sistemi contabili e gestionali e in particolare sono: 1. data e numero d ordine d acquisto (associato a ciascuna riga fattura) 2. data e numero del DDT per i beni (associato a ciascuna riga fattura) 3. totale documento 4. codice fiscale del cedente 5. in generale il medesimo livello di dettaglio dell ordine di acquisto emesso. Le informazioni di cui sopra si ritengono necessarie per agevolare le operazioni di contabilizzazione e di pagamento delle fatture nei tempi concordati e pertanto obbligatorie nell ambito della sperimentazione. Il pagamento del canone annuale offerto avverrà in rate trimestrali, posticipate alla scadenza del periodo di riferimento, di uguale importo. 12

13 La fattura dovrà indicare obbligatoriamentel oggetto del servizio e il codice CIG. L importo fatturato dovrà inoltre essere suddiviso sulle singole centrali manutenute installate nelle diverse sedi. Art PENALI E CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA Nei casi di inosservanza delle norme previste dal presente capitolato e a tutela degli adempimenti contrattuali, saranno applicabili i seguenti tipi di penali nei casi di: a. mancato approntamento, anche parziale dei canali di contatto dell Help Desk Multicanale o di una delle funzionalità erogate: 100 per ogni giorno di non operatività, anche parziale; b. mancata notifica a mezzo mail (indicata dalla stazione appaltante all attivazione del servizio) della chiusura di Ticket di Guasto entro 24 ore dalla chiusura stessa: 100,00 per ogni mancata notifica; c. mancato rispetto del tempo di risoluzione del disservizio: Severity Code 1: 150,00 per ogni ora di ritardo o frazione successiva alla prima ora di ritardo Severity Code 2: 125,00 per ogni ora di ritardo o frazione successiva alla prima ora di ritardo Severity Code 3: 100,00 per ogni ora di ritardo o frazione successiva alla prima ora di ritardo Severity Code 4: 75,00 per ogni ora di ritardo o frazione successiva alla prima ora di ritardo Severity Code 5: 50,00 per ogni ora di ritardo o frazione successiva alla prima ora di ritardo Severity Code 6: 50,00 per ogni ora di ritardo o frazione successiva alla prima ora di ritardo Severity Code 7: 20,00 per ogni ora di ritardo o frazione successiva alla prima ora di ritardo d. Qualunque altro ritardo per attività previste dal Capitolato Speciale di Appalto, (lavori di upgrade previsti nell allegato B ) anche previste quali migliorie offerte dall'appaltatore, e non già descritte nei punti precedenti: 100,00 per ogni giorno di ritardo; LAmministrazione appaltante si riserva la facoltà di risolvere il contratto di diritto, previa la sola comunicazione di avvalersi della clausola risolutiva espressa nei seguenti casi: 1) L'impresa si rende responsabile di 6 violazioni sia dello stesso tipo che di tipo diverso nell arco di un anno; 2) L impresa non rispetta le prescrizioni e le modalità operative contenute nel DUVRI; 3) Limpresa, decorsi il doppio del termine fissato dal Capitolato Speciale di Appalto, non procede con l installazione ed all esecuzione dei lavori descritti nell allegato B del Capitolato d Appalto. L'applicazione delle penali, in tutti i casi descritti, dovrà essere preceduta da regolare contestazione dell'addebito entro 48 ore dal verificarsi del fatto o dal momento in cui il RUP ne sia venuto a conoscenza. Alla ditta è assegnato un termine non inferiore a cinque giorni, dal ricevimento della contestazione, per presentare le proprie controdeduzioni. Trascorso tale termine senza che la ditta abbia presentato le proprie difese o nel caso in cui venga riscontrata l'esistenza della violazione contrattuale, all'applicazione della penale provvederà il dirigente del Servizio competente con proprio provvedimento. Lapplicazione delle penali non solleva l Appaltatore dalle responsabilità civili e penali che l Appaltatore si è assunto con la stipulazione del contratto dìappalto e che dovessero derivare dall incuria dello stesso Appaltatore. La richiesta e/o il pagamento delle penali di cui al presente articolo non esonera in alcun caso il fornitire dall adempimento dell obbligazione per la quale si è reso inadempiente e che ha fatto sorgere l obbligo di pagamento della medesima penale. 13

14 L'applicazione delle penali previste dal presente articolo non preclude il diritto della Stazione Appaltante a richiedere il risarcimento degli eventuali maggiori danni. In particolare la Stazione Appaltante si riserva di risolvere il contratto nei seguenti casi: In caso di subappalto irregolare; In caso di fallimento, concordato preventivo ed amministrazione controllata della Ditta; In caso di sospensione e/o ritardo nei servizi di cui al presente Capitolato; Nel caso di inadempienze nell esecuzione dei servizi che comportino l applicazione di una o più penali che superino il 10% (dieci per cento) del valore del Contratto; Nel caso in cui sia intervenuta, nei confronti dell Appaltatore, l emanazione di un provvedimento definitivo che dispone l applicazione di una o più misure di prevenzione di cui all art. 3 della L. 1423/1956, ovvero sia intervenuta condanna passata in giudicato per frodi nei riguardi di Amministrazioni pubbliche, di subappaltatori, di fornitori, di lavoratori o di altri soggetti interessati alle prestazioni; in caso di violazione della normativa relativa alla tracciabilità dei flussi finanziari, di cui all art. 3 della Legge n. 136 del 16 agosto 2010 e s.m.i.; in caso di mancato rispetto delle norme e disposizioni contenute nel Patto d integrità in materia di contratti pubblici regionali (DGR n del 30 Gennaio 2014) pubblicato sul sito internet aziendale; in tutti gli altri casi per i quali la legge impone la risoluzione/recesso (ad esempio legislazione antimafia). ART. 13 SUBAPPALTO Il subappalto è consentito unicamente previa autorizzazione scritta della Stazione Appaltante, nel limite del 30% e alle condizioni previste all art. 105 del D.Lgs n. 50/2016, purchè all atto dell offerta, sia stata presentata istanza di subappalto secondo le disposizioni previste all art. 105 del D.Lgs n. 50/2016. Ai sensi dell art. 105 comma 13 del D.Lgs n. 50/2016, la S.A. provvederà ad effettuare il pagamento delle prestazioni direttamente ai subappaltatori nei casi ivi indicati. ART. 14 VICENDE INERENTI ALLAGGIUDICATARIO In caso di fallimento dell'appaltatore il contratto si riterrà sciolto; ove il curatore del fallimento chiedesse di voler subentrare al contratto, l'azienda Appaltante si riserva il diritto di accettare o meno la proposta. In caso di morte del titolare della ditta aggiudicataria, gli eredi saranno tenuti all'adempimento degli oneri contrattuali del de cuius in via fra loro solidale. In caso di fallimento del mandante/mandatario di un raggruppamento di imprese, si applicherà la disciplina prevista dall art. 48 comma 17 e comma 18 del D.Lgs. 50/2016. ART. 15 SOSPENSIONE DELLE PRESTAZIONI CONTRATTUALI Ai sensi dell art. 107 del D.Lgs 50/2016 il RUP potrà disporre la sospensione del contratto per ragioni di necessità o di pubblico interesse, tra cui l interruzione di finanziamenti per esigenze di finanza pubblica. Art. 16 TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI CIG Ai sensi dell art. 3 comma 8 della L. 136/2010 e s.m.i. l aggiudicatario si assume l obbligo di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla citata legge. Ai fini della tracciabilità i CiG sono quelli indicati all art. 12 del disciplinare di gara. Lappaltatore, il suappaltatore o il subcontraente che ha notizia dell inadempimento della propria controparte agli obblighi di tracciabilità finanziaria di cui alla L. 136/10 e s.m.i. ne dà immediata comunicazione alla stazione appaltante e alla prefettura ufficio territoriale del Governo della provincia ove ha sede la stazione appaltante o l amministrazione concedente. La S.A. verificherà che nei contratti sottoscritti con i subappaltatori e i subcontraenti sia inserita, a pena di nullità, un apposita clausola con la quale ciascuno di essi assume obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla citata legge. 14

15 ART. 17 COPERTURA ASSICURATIVA Laggiudicatario sarà direttamente responsabile dei danni causati all ASST Valle Olona ed a terzi, e cose anche di prorietà di terzi, durante il servizio, anche per la condotta dei propri collaboratori e/o personale di altri soggetti coinvolti nell esecuzione del contratto A tal fine l aggiudicatario dovrà stipulare una polizza per la copertura di ogni rischio per i danni a persone, animali e cose causati dal proprio personale nell espletamento della fornitura con idonei massimali. Limporto della somma da assicurare corrisponde di norma, all importo del contratto stesso. Laggiudicatario dovrà consegnare al RUP copia della polizza in essere. ART. 18 NORMATIVA ANTIMAFIA Laggiudicazione della fornitura è subordinata all accertamento, da parte degli organi competenti dell insussistenza di cause ostative in capo alla ditta, come previsto dalla normativa vigente. Qualora, dall accertamento, risulti l esistenza di qualcuna delle cause ostative previste dalla legge, l Azienda chiederà l annullamento dell aggiudicazione e l incameramento della cauzione, salva la ripetizione degli eventuali maggiori danni. ART. 19 FORO COMPETENTE In caso di ricorso all Autorità Giudiziaria competente, esclusivo ed inderogabile è il foro di Busto Arsizio. ALLEGATI Allegato A SCHEDA CONSITENZA CENTRALI TELEFONICHE ED EQUIPAGGIAMENTO PRESUNTO Allegato B INTERVENTI DI AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO UNA TANTUM 15

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE Procedura di Cottimo Fiduciario per la Fornitura N. 1 Microscopio Ottico Invertito con relativi accessori e N. 1 Microscopio Ottico con

Dettagli

ALLEGATO A 6 CONTABILIZZAZIONE LAVORI E PENALITA

ALLEGATO A 6 CONTABILIZZAZIONE LAVORI E PENALITA ALLEGATO A 6 CONTABILIZZAZIONE LAVORI E PENALITA 1) PROCEDURA DI ATTIVAZIONE CONTABILIZZAZIONE LAVORI E fatto obbligo alla ditta subappaltatrice di compilare i rimessi, forniti in triplice copia da EXE.GESI

Dettagli

BANDO DI GARA. Concessione per l affidamento del Servizio di Ristoro a mezzo Distributori Automatici C.I.G E

BANDO DI GARA. Concessione per l affidamento del Servizio di Ristoro a mezzo Distributori Automatici C.I.G E BANDO DI GARA Concessione per l affidamento del Servizio di Ristoro a mezzo Distributori Automatici C.I.G. 523485422E SOMMARIO SEZIONE I Pag. 3 ENTE AGGIUDICATORE E OGGETTO DELLA CONCESSIONE SEZIONE II

Dettagli

APPALTI DI SOLA ESCUZIONE DEI LAVORI

APPALTI DI SOLA ESCUZIONE DEI LAVORI APPALTI DI SOLA ESCUZIONE DEI LAVORI 8-d) ONERI VARI A CARICO DELL APPALTATORE Fermo restando il principio che la responsabilità delle opere realizzate spetta unicamente all appaltatore, questi è tenuto

Dettagli

PROCEDURA PER L APPLICAZIONE. DELL ART. 26 DEL D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

PROCEDURA PER L APPLICAZIONE. DELL ART. 26 DEL D. Lgs. 81/08 e s.m.i. U.O.C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE RESPONSABILE: ING. ALESSANDRO SELBMANN Tel. 0746/279748 FAX 0746/279774 PROCEDURA PER L APPLICAZIONE DELL ART. 26 DEL D. Lgs. 81/08 e s.m.i. 1 PROCEDURA PER LA

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Spanu Giuseppe. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2012. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Spanu Giuseppe. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2012. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Spanu Giuseppe DETERMINAZIONE N. in data 2572 31/12/2012 OGGETTO: Adesione alla convenzione delle varie utenze comunali a C O P I

Dettagli

,13 oltre IVA

,13 oltre IVA BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI COMPLETAMENTO DEL SISTEMA DELLE ACQUE DEI GIARDINI DELLA VENARIA REALE - CIG. 0297525564 1) Soggetto aggiudicatario: Consorzio di Valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI IMOLA. n. del CONVENZIONE TRA ***** E LA COOPERATIVA SOCIALE ***** PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ******, AI SENSI

COMUNE DI IMOLA. n. del CONVENZIONE TRA ***** E LA COOPERATIVA SOCIALE ***** PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ******, AI SENSI COMUNE DI IMOLA n. del CONVENZIONE TRA ***** E LA COOPERATIVA SOCIALE ***** PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ******, AI SENSI DELL'ART. 5 LEGGE N. 381/1991 E DEGLI ARTT. 11 E 12 L. R. N. 7/1994

Dettagli

Condizioni Tecniche FORNITURA DI AZOTO LIQUIDO REFRIGERATO CON SERVIZIO DI NOLEGGIO DI SERBATOI DI STOCCAGGIO E SISTEMI DI VAPORIZZAZIONE

Condizioni Tecniche FORNITURA DI AZOTO LIQUIDO REFRIGERATO CON SERVIZIO DI NOLEGGIO DI SERBATOI DI STOCCAGGIO E SISTEMI DI VAPORIZZAZIONE Condizioni Tecniche REVISIONE DEL 05/04/2017 FORNITURA DI AZOTO LIQUIDO REFRIGERATO CON SERVIZIO DI NOLEGGIO DI SERBATOI DI STOCCAGGIO E SISTEMI DI VAPORIZZAZIONE INDICE 1 OGGETTO DEL CONTRATTO E DESCRIZIONE

Dettagli

Noleggio Quinquennale di un sistema ad ultrasuoni focalizzati ad alta intensità. a guida ecografica - chiavi in mano -

Noleggio Quinquennale di un sistema ad ultrasuoni focalizzati ad alta intensità. a guida ecografica - chiavi in mano - Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Unità Operativa Complessa Ingegneria Clinica Noleggio Quinquennale di un sistema ad ultrasuoni focalizzati ad alta intensità a guida ecografica -

Dettagli

Comune di Montoro Superiore (Provincia di Avellino)

Comune di Montoro Superiore (Provincia di Avellino) Comune di Montoro Superiore (Provincia di Avellino) BANDO DI GARA APPALTO RELATIVO AI LAVORI DI Realizzazione del Nuovo Polo Scolastico nella frazione Banzano I Lotto di Completamento. AVVIO PROCEDURA

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Fornitura di Arredi Tecnici ed Apparecchiature da Laboratorio

DISCIPLINARE TECNICO. Fornitura di Arredi Tecnici ed Apparecchiature da Laboratorio DISCIPLINARE TECNICO Acea Elabori S.p.A. Edizione Gennaio 2016 Fornitura di Arredi Tecnici ed Apparecchiature da Laboratorio INDICE 1 OGGETTO DEL CONTRATTO... 3 2 LUOGO DI ESECUZIONE... 3 3 DURATA DEL

Dettagli

Richiesta di offerta economica per l affidamento del servizio di manutenzione dell impianto di condizionamento della sede Eppi CIG[Z FF]

Richiesta di offerta economica per l affidamento del servizio di manutenzione dell impianto di condizionamento della sede Eppi CIG[Z FF] RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Spettabile operatore economico Roma, giovedì 27 novembre 2014 OGGETTO Richiesta di offerta economica per l affidamento del servizio di manutenzione dell impianto di condizionamento

Dettagli

FOGLIO PATTI E CONDIZIONI

FOGLIO PATTI E CONDIZIONI FOGLIO PATTI E CONDIZIONI OGGETTO: NOLEGGIO DI N. 2 SERVIZI IGIENICI MOBILI DA POSIZIONARE PRESSO LA CONCA MADRE SITA IN COMUNE DI PADERNO D ADDA (LC) PER UN PERIODO DI N. 5 MESI CIG: Z4A1DF7160 1 Art.

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE Via G. Marconi, Grottammare (AP) - * P.IVA

COMUNE DI GROTTAMMARE Via G. Marconi, Grottammare (AP) - * P.IVA Via G. Marconi,50 63066 Grottammare (AP) - * P.IVA 00403440449 Provincia A S C O L I P I C E N O 1^ Area Amministrativa Allegato "C - Det n. 064/SOC del 03.08.2012 Documento Unico di Valutazione Dei Rischi

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. (D.U.V.R.I. Specifico)

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. (D.U.V.R.I. Specifico) Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti (D.U.V.R.I. Specifico) I N D I C E 1. PREMESSE 2. DEFINIZIONI 3. OGGETTO DELL'APPALTO 4. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA OGGETTO DELL APPALTO 5. ANAGRAFICA

Dettagli

La legge 136/2010 dopo la conversione del decreto 187/2010.

La legge 136/2010 dopo la conversione del decreto 187/2010. La legge 136/2010 dopo la conversione del decreto 187/2010. Aggiornata alla legge 17 dicembre 2010, n. 217 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 novembre 2010, n. 187, recante misure

Dettagli

Disciplinare Tecnico di Fornitura Ed INDICE

Disciplinare Tecnico di Fornitura Ed INDICE Disciplinare Tecnico di Fornitura Ed. 03.11.2014 INDICE 1 OGGETTO DEL CONTRATTO E DESCRIZIONE DELLE PRESTAZIONI... 3 2 LUOGO DI ESECUZIONE... 4 3 DURATA DEL CONTRATTO/TERMINE DI ESECUZIONE... 4 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

BANDO DI GARA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE A GARANZIA DELL IGIENE AMBIENTALE R.U.P.

BANDO DI GARA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE A GARANZIA DELL IGIENE AMBIENTALE R.U.P. SOCIETÀ PER AZIONI A SOCIO UNICO, SOGGETTA ALL'ATTIVITÀ DI DIREZIONE, DI COORDINAMENTO E DI CONTROLLO DELLA PROVINCIA DI SALERNO. PROVINCIA DI SALERNO BANDO DI GARA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 126/16/CONS AUTORIZZAZIONE ALL AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA SUL MERCATO ELETTRONICO MEDIANTE RICHIESTA D OFFERTA (RDO) PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI HOSTING DEL SITO WEB DELL AUTORITÀ

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E CUSTODIA DEI GABINETTI PUBBLICI ALL INTERNO DEL COMPLESSO

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E CUSTODIA DEI GABINETTI PUBBLICI ALL INTERNO DEL COMPLESSO Comune di Livorno CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E CUSTODIA DEI GABINETTI PUBBLICI ALL INTERNO DEL COMPLESSO MERCATO CENTRALE DI LIVORNO Art. 1 Oggetto del presente capitolato

Dettagli

Comune di Maddaloni Provincia di Caserta Piazza Matteotti,9 C.A.P. cod Fisc: Partita IVA

Comune di Maddaloni Provincia di Caserta Piazza Matteotti,9 C.A.P. cod Fisc: Partita IVA DISCIPLINARE DI GARA DELLA RDO Servizio pulizia locali uffici comunali. CIG: 6756567F75 1 PREMESSA Per l acquisizione del servizio in oggetto l Amministrazione si avvale della procedura telematica di acquisto

Dettagli

PUNTO srl Via Germania 16/ Vigonza (PD) APPROFONDIMENTO. Le imprese fornitrici devono redigere il POS? a cura di

PUNTO srl Via Germania 16/ Vigonza (PD) APPROFONDIMENTO. Le imprese fornitrici devono redigere il POS? a cura di PUNTO srl Via Germania 16/7 35010 Vigonza (PD) APPROFONDIMENTO Le imprese fornitrici devono redigere il POS? a cura di Marco Bizzotto architetto Via Germania, 16/7 35010 Vigonza (PD) Con la collaborazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI BELLUNO. OGGETTO: Servizio di manutenzione e assistenza tecnica dei software

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI BELLUNO. OGGETTO: Servizio di manutenzione e assistenza tecnica dei software REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI BELLUNO OGGETTO: Servizio di manutenzione e assistenza tecnica dei software Geomedia, Microstation e Gestione Civici per l'anno 2017. TRA Il Comune di Belluno - Piazza Duomo,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE SUPPORTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore

DIREZIONE CENTRALE SUPPORTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore Allegato alla Circolare n. /2010 DIREZIONE CENTRALE SUPPORTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore n. Reg. Mo.R.Ra 587/2010 Roma, 1 ottobre 2010

Dettagli

AUTORITA PORTUALE DI LIVORNO PROCEDURA APERTA PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNI DEMANIALI IN AMBITO PORTUALE

AUTORITA PORTUALE DI LIVORNO PROCEDURA APERTA PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNI DEMANIALI IN AMBITO PORTUALE AUTORITA PORTUALE DI LIVORNO PROCEDURA APERTA PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNI DEMANIALI IN AMBITO PORTUALE L Autorità Portuale di Livorno indice procedura aperta,

Dettagli

Istruzione Operativa. Documento Unico di Valutazione dei. Rischi da Interferenze e. Coordinamento Attività

Istruzione Operativa. Documento Unico di Valutazione dei. Rischi da Interferenze e. Coordinamento Attività Pagina 1 di 6 Istruzione Operativa Pagina 2 di 6 1 CAMPO DI APPLICAZIONE La presente Istruzione Operativa definisce l iter documentale e le responsabilità nella definizione della necessità e dell eventuale

Dettagli

legge 13 agosto 2010, n. 136, in vigore dal 7 settembre 2010 decreto legge 12 novembre 2010, n. 187, convertito, con modificazioni, dalla legge 17

legge 13 agosto 2010, n. 136, in vigore dal 7 settembre 2010 decreto legge 12 novembre 2010, n. 187, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 legge 13 agosto 2010, n. 136, in vigore dal 7 settembre 2010 decreto legge 12 novembre 2010, n. 187, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2010, n. 217 determinazioni dell Autorità per

Dettagli

CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA

CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA Con il presente contratto, la CLS Informatica si impegna a fornirvi un servizio di assistenza tecnica Informatica Hardware/Software, Assistenza Telefonica, Teleassistenza

Dettagli

Provincia di Salerno

Provincia di Salerno Società per azioni a socio unico, soggetta all'attività di direzione, di coordinamento e di controllo della Provincia di Salerno Provincia di Salerno BANDO DI GARA GARA PER SERVIZIO DI TRASPORTO DEI RIFIUTI

Dettagli

DITTA APPALTATRICE DITTA SUBAPPALTATRICE

DITTA APPALTATRICE DITTA SUBAPPALTATRICE 1. Modello 1 Raccolta informazioni per la redazione del DUVRI (da compilare e firmare per ciascun appaltatore) DITTA APPALTATRICE DITTA SUBAPPALTATRICE RAGIONE SOCIALE SEDE LEGALE C.F. P. IVA TELEFONO/FAX

Dettagli

ARPA Molise CAPITOLATO GENERALE GARA - CIG D43

ARPA Molise CAPITOLATO GENERALE GARA - CIG D43 ARPA Molise CAPITOLATO GENERALE GARA - CIG 5009940D43 ART. 1 La presente fornitura di servizi avrà validità biennale a decorrere dal al... L ARPA Molise si riserva la facoltà di rinnovarla agli stessi

Dettagli

Prot. n. 1840/B15 Fiumicino, 31/03/2014

Prot. n. 1840/B15 Fiumicino, 31/03/2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZI I.C. FREGENE-PASSOSCURO C.F. 97713870588 RMIC8DH001 - Distretto 22 - Via dei Serrenti, 74 00050 Fiumicino

Dettagli

Articolo 3 legge n. 136/2010 Tracciabilità dei flussi finanziari

Articolo 3 legge n. 136/2010 Tracciabilità dei flussi finanziari Articolo 3 legge n. 136/2010 Tracciabilità dei flussi finanziari L articolo 3 della legge 13 agosto 20010 n. 136 si interpreta nel senso che le disposizioni ivi contenute si applicano ai contratti indicati

Dettagli

BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DELLA CASA ALBERGO GIACOMO DA PECORARA.

BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DELLA CASA ALBERGO GIACOMO DA PECORARA. Pianello Val Tidone, 02/01/2017 BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DELLA CASA ALBERGO GIACOMO DA PECORARA. Il Responsabile del Servizio RENDE NOTO

Dettagli

Contratto Assistenza informatica Esempio WEB 2017/2018

Contratto Assistenza informatica Esempio WEB 2017/2018 Divisione Business T&Nsolutions Contratto Assistenza informatica Esempio WEB 2017/2018 1 Condizioni generali di contratto Articolo 1 Oggetto: Le presenti Condizioni Generali disciplinano il rapporto tra

Dettagli

Trasmessa via e-mail in data all indirizzo di posta elettronica: @mn ( ) SCHEDA TECNICA PRELIMINARE A GARA D APPALTO BENI E SERVIZI

Trasmessa via e-mail in data all indirizzo di posta elettronica: @mn ( ) SCHEDA TECNICA PRELIMINARE A GARA D APPALTO BENI E SERVIZI Trasmessa via e-mail in data all indirizzo di posta elettronica: @mn ( ) CUP (se esistente) Al fine della corretta redazione dei bandi di gara relativi all acquisizione di beni e servizi è necessario che

Dettagli

ao_re Disposizione 2013/ del 07/05/2013 Pagina 1 di 4

ao_re Disposizione 2013/ del 07/05/2013 Pagina 1 di 4 ao_re Disposizione 2013/0000503 del 07/05/2013 Pagina 1 di 4 Direzione Amministrativa Servizio Appalti Dr. Alessandro Bertinelli Direttore Pos. 5/39/MS Allegato n 1: configurazione OGGETTO: Adesione alla

Dettagli

Provincia di Salerno

Provincia di Salerno Società per azioni a socio unico, soggetta all'attività di direzione, di coordinamento e di controllo della Provincia di Salerno Provincia di Salerno BANDO DI GARA GARA PER SERVIZIO DI TRASPORTO E RECUPERO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO USO RISCALDAMENTO PER CENTRALI TERMICHE - ANNO 2009

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO USO RISCALDAMENTO PER CENTRALI TERMICHE - ANNO 2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO USO RISCALDAMENTO PER CENTRALI TERMICHE - ANNO 2009 Novembre 2008 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di fornitura

Dettagli

presso l Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, Strada delle Scotte n Siena - P.IVA BANDO DI GARA

presso l Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, Strada delle Scotte n Siena - P.IVA BANDO DI GARA Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Strada delle Scotte n. 14 53100 Siena - P.IVA 0388300527 BANDO DI GARA Appalto di servizi attinenti all architettura ed all ingegneria 1. Stazione Appaltante: Azienda

Dettagli

Procedura aperta per l affidamento dei SERVIZI DI LAVAGGIO CASSONETTI RACCOLTA RIFIUTI - C.I.G.:

Procedura aperta per l affidamento dei SERVIZI DI LAVAGGIO CASSONETTI RACCOLTA RIFIUTI - C.I.G.: ALLEGATO H Oggetto: Procedura aperta per l affidamento dei SERVIZI DI LAVAGGIO CASSONETTI RACCOLTA RIFIUTI - C.I.G.: 6232250764 SCHEMA DI CONTRATTO ai sensi dell art. 3, comma 6 e dell art. 11, comma 13

Dettagli

ART. 2 VALORE DELL AFFIDAMENTO Il valore del servizio, posto a base di offerta, viene stabilito in 2.000,00 oltre IVA.

ART. 2 VALORE DELL AFFIDAMENTO Il valore del servizio, posto a base di offerta, viene stabilito in 2.000,00 oltre IVA. DISCIPLINARE PER SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO AL RUP RELATIVO ALLA PREDISPOSIZIONE DEL CAPITOLATO D APPALTO PER LA REFEZIONE SCOLASTICA (CIG ZA61C654BA). ART. 1 OGGETTO Il Comune di Opera intende affidare

Dettagli

COMUNE DI MONZA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

COMUNE DI MONZA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA COMUNE DI MONZA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA ACCORDO QUADRO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E PULIZIA PALESTRE SCOLASTICHE ANNESSE ALLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DI MONZA

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ALLEGATO A) Prot. n. 8207 COMUNE DI BADIA POLESINE PROVINCIA DI ROVIGO *** Settore Economico-Finanziario Piazza V. Emanuele II, 279 CAP 45021 Tel. 042553671 Fax 042553678 codice fiscale 82000390292 partita

Dettagli

AFFIDAMENTO DIRETTO AI SENSI DELL ART. 36, CO. 2 LETT. A) DEL DLGS N. 50/2016 S.M.I

AFFIDAMENTO DIRETTO AI SENSI DELL ART. 36, CO. 2 LETT. A) DEL DLGS N. 50/2016 S.M.I AFFIDAMENTO DIRETTO AI SENSI DELL ART. 36, CO. 2 LETT. A) DEL DLGS N. 50/2016 S.M.I. PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO FUNZIONALE DELLA SICUREZZA DEL TEATRO BENOIS DE CECCO

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VICOVARO (Scuola dell Infanzia - Primaria Secondaria di I grado) Via Mazzini,1

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 4f al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 4f al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 4f al Disciplinare di Gara SCHEMA DI OFFERTA ECONOMICA Procedura aperta di carattere comunitario,

Dettagli

CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO TRIENNALE DI MANUTENZIONE DEI NATANTI DI PROPRIETA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO. CIG: TRA

CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO TRIENNALE DI MANUTENZIONE DEI NATANTI DI PROPRIETA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO. CIG: TRA CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO TRIENNALE DI MANUTENZIONE DEI NATANTI DI PROPRIETA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO. CIG: 6915092271 TRA Regione del Veneto Giunta Regionale, con sede in Venezia -

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SPECIALITA' MEDICINALI, GENERICI, EMODERIVATI E DISINFETTANTI - MACROAREA SUD.

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SPECIALITA' MEDICINALI, GENERICI, EMODERIVATI E DISINFETTANTI - MACROAREA SUD. PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SPECIALITA' MEDICINALI, GENERICI, EMODERIVATI E DISINFETTANTI - MACROAREA SUD. Precisazioni e chiarimenti N. B.: TUTTI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SONO EVIDENZIATI IN

Dettagli

LETTERA DI INVITO (CIG: Z2A1AB66F7 - CUP: B55I )

LETTERA DI INVITO (CIG: Z2A1AB66F7 - CUP: B55I ) Firenze, 16/08/2016 Prot. n. 0019045/A3 (Trasmissione tramite MePA) Spett.le Operatore Economico LETTERA DI INVITO alla procedura negoziata telematica, tramite RdO sul MePA, ai sensi dell art. 36, commi

Dettagli

TANGENZIALE DI NAPOLI S.p.A.

TANGENZIALE DI NAPOLI S.p.A. 1 TANGENZIALE DI NAPOLI S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A. BANDO DI GARA 1. STAZIONE APPALTANTE TANGENZIALE DI NAPOLI S.p.A. - Via G. Porzio

Dettagli

GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO RAAM SRL

GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO RAAM SRL GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO 1 I datori di lavoro che affidano l esecuzione di lavori, servizi e forniture ad un impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all interno della propria azienda sono tenuti

Dettagli

Provincia di Pistoia

Provincia di Pistoia Provincia di Pistoia AREA AMMINISTRATIVA - CONTABILE SERVIZIO ECONOMATO PROVVEDITORATO PATRIMONIO MOBILIARE E SERVIZI INFORMATICI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA

Dettagli

Condizioni Tecniche. Edizione Febbraio 2017 FORNITURA DI CUSCINETTI PER APPARECCHIATURE VARIE

Condizioni Tecniche. Edizione Febbraio 2017 FORNITURA DI CUSCINETTI PER APPARECCHIATURE VARIE Condizioni Tecniche Edizione Febbraio 2017 FORNITURA DI CUSCINETTI PER APPARECCHIATURE VARIE INDICE 1 OGGETTO DELLE CONDIZIONI TECNICHE E DESCRIZIONE DELLA FORNITURA... 3 2 LUOGO DI ESECUZIONE... 3 3 DURATA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 6

CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 6 CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 6 ART. 1 - OGGETTO DELL'APPALTO - L'appalto ha per oggetto l'esecuzione d interventi di manutenzione e riparazione di elettropompe e di motori elettrici sommersi e non, e

Dettagli

AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (art. 36 comma 2 lett. B) del D. Lgs 50/2016)

AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (art. 36 comma 2 lett. B) del D. Lgs 50/2016) AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (art. 36 comma 2 lett. B) del D. Lgs 50/2016) PER INDIVIDUAZIONE DITTE DA INVITARE A PRODURRE OFFERTA PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO DI VIGILANZA E SORVEGLIANZA

Dettagli

Codice Fiscale e Partita IVA

Codice Fiscale e Partita IVA AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-61 11 11 Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764

Dettagli

APPALTO N. 18. BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI VESTIARIO INVERNALE PER LA POLIZIA MUNICIPALE ANNO 2007.

APPALTO N. 18. BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI VESTIARIO INVERNALE PER LA POLIZIA MUNICIPALE ANNO 2007. COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA APPALTO N. 18. BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI VESTIARIO INVERNALE PER LA POLIZIA MUNICIPALE ANNO 2007.

Dettagli

Fonte:

Fonte: Aggiornata al 19/9/2012 Fonte: http://www.bosettiegatti.com/info/norme/statali/2010_0136.htm Legge 13 agosto 2010, n. 136 Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa

Dettagli

FORNITURA DI VALVOLE DI REGOLAZIONE O SEZIONAMENTO A COMANDO ELETTRICO

FORNITURA DI VALVOLE DI REGOLAZIONE O SEZIONAMENTO A COMANDO ELETTRICO CONDIZIONI TECNICHE Edizione _Febbraio 2017 FORNITURA DI VALVOLE DI REGOLAZIONE O SEZIONAMENTO A COMANDO ELETTRICO INDICE 1. OGGETTO DEL CONTRATTO E DESCRIZIONE DELLE PRESTAZIONI... 3 2. LUOGO DI ESECUZIONE...

Dettagli

COMUNE DI GRATTERI. (Prov. di Palermo)

COMUNE DI GRATTERI. (Prov. di Palermo) COMUNE DI GRATTERI (Prov. di Palermo) BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA (criterio di aggiudicazione del prezzo più basso) Oggetto: Procedura aperta per l affidamento della fornitura dei noli, trasporti,

Dettagli

Richiesta di offerta economica per l affidamento del servizio di smaltimento rifiuti CIG[ZF811840FE]

Richiesta di offerta economica per l affidamento del servizio di smaltimento rifiuti CIG[ZF811840FE] RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Spettabile operatore economico Roma, venerdì 14 novembre 2014 OGGETTO Richiesta di offerta economica per l affidamento del servizio di smaltimento rifiuti CIG[ZF811840FE]

Dettagli

COMUNE DI SAN FERDINANDO DI PUGLIA

COMUNE DI SAN FERDINANDO DI PUGLIA Prot. n. 10002 lì, 17 maggio 2013 COMUNE DI SAN FERDINANDO DI PUGLIA BANDO DI GARA Procedura aperta, art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006, da aggiudicare con il criterio

Dettagli

CONDIZIONI TECNICHE ACCORDO QUADRO PER LA FORNITURA DI SONDE DI LIVELLO PIEZOMETRICHE AD IMMERSIONE

CONDIZIONI TECNICHE ACCORDO QUADRO PER LA FORNITURA DI SONDE DI LIVELLO PIEZOMETRICHE AD IMMERSIONE CONDIZIONI TECNICHE Edizione Gennaio 2017 ACCORDO QUADRO PER LA FORNITURA DI SONDE DI LIVELLO PIEZOMETRICHE AD IMMERSIONE ACEA ATO2 SPA INDICE 1 OGGETTO DEL CONTRATTO... 3 1.1 SPECIFICHE TECNICHE DELLA

Dettagli

Spettabile operatore economico. Roma, venerdì 14 novembre 2014

Spettabile operatore economico. Roma, venerdì 14 novembre 2014 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Spettabile operatore economico Roma, venerdì 14 novembre 2014 OGGETTO Richiesta di offerta economica per l affidamento del servizio di manutenzione delle aree verdi dello

Dettagli

LAZIODISU Ente pubblico dipendente per il Diritto agli Studi Universitari nel Lazio Via C. De Lollis 24b ROMA CF.

LAZIODISU Ente pubblico dipendente per il Diritto agli Studi Universitari nel Lazio Via C. De Lollis 24b ROMA CF. LAZIODISU Ente pubblico dipendente per il Diritto agli studi universitari nel Laziodisu SERVIZIO DI PULIZIA, SUDDIVISO IN N. 3 LOTTI, PRESSO LAZIODISU E ADISU DI ROMA PER IL PERIODO DI TRENTASEI MESI DECORRENTI

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. in qualità di della ditta con sede legale a in via C.F. P. IVA, tel. fax PEC sotto la propria responsabilità

Il sottoscritto nato a il C.F. in qualità di della ditta con sede legale a in via C.F. P. IVA, tel. fax  PEC sotto la propria responsabilità Spett. Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Via Brescia, 207 26100 CREMONA Il sottoscritto nato a il C.F. in qualità di della ditta con sede legale a in via C.F. P. IVA, tel. fax e-mail PEC sotto

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI CONSULENTE TECNICO PER LE ATTIVITA DI FRUIZIONE DELLA REGGIA DI VENARIA REALE

SCHEMA DI CONTRATTO PER AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI CONSULENTE TECNICO PER LE ATTIVITA DI FRUIZIONE DELLA REGGIA DI VENARIA REALE SCHEMA DI CONTRATTO PER AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI CONSULENTE TECNICO PER LE ATTIVITA DI FRUIZIONE DELLA REGGIA DI VENARIA REALE PER IL PERIODO 2016/2017 C.I.G. CUP E34B13000020003 Importo netto: Euro.

Dettagli

Contratto per la prestazione di manodopera e nolo di mezzi meccanici. per l esecuzione di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria

Contratto per la prestazione di manodopera e nolo di mezzi meccanici. per l esecuzione di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria N. registro Atti Privati Valdaone lì COMUNE DI VALDAONE PROVINCIA DI TRENTO Contratto per la prestazione di manodopera e nolo di mezzi meccanici per l esecuzione di interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 022 del 03/03/2016

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 022 del 03/03/2016 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 022 del 03/03/2016 Oggetto: servizio di medicina del lavoro, compiti propri del medico competente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 50 DEL 02/02/2017 OGGETTO

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 50 DEL 02/02/2017 OGGETTO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 50 DEL 02/02/2017 OGGETTO ACQUISTO DI MARCHE TEMPORALI MEDIANTE ORDINE DIRETTO NELL'AMBITO DEL MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (MEPA) Servizio Bilancio

Dettagli

PREMESSA. Articolo 1 - Oggetto e caratteristiche del Servizio

PREMESSA. Articolo 1 - Oggetto e caratteristiche del Servizio Pagina 1 di 6 CAPITOLATO TECNICO Pagina 2 di 6 PREMESSA AMA S.p.A. è una società a capitale interamente pubblico di Roma Capitale, cui è affidato lo svolgimento dei servizi di igiene urbana e dei servizi

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 33 DEL 02/02/2016 OGGETTO: INDIZIONE DI

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA S.O. SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE N. 758/AORDNTE DEL 14/09/2015

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA S.O. SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE N. 758/AORDNTE DEL 14/09/2015 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA S.O. SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE N. 758/AORDNTE DEL 14/09/2015 Oggetto: Adesione proroga convenzione CONSIP SPA a S. P.C. per la fornitura dei servizi di connettività,

Dettagli

A.1. - Capitolato speciale d appalto (parte normativa) - Lavoro a corpo. Lavori di

A.1. - Capitolato speciale d appalto (parte normativa) - Lavoro a corpo. Lavori di A.1. - Capitolato speciale d appalto (parte normativa) - Lavoro a corpo COMUNE DI SCHIO (Provincia di Vicenza) Lavori di PROGETTO NUOVA PALESTRA SCOLASTICA E DI QUARTIERE IN VIA GIAVENALE DI SOPRA CUP:

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 2420 04/12/2013 OGGETTO: Fornitura riscaldamento stabili C O P I A IL RESPONSABILE DEL SETTORE

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l esecuzione di lavori in economia riferentesi alle fattispecie più sotto elencate,

ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l esecuzione di lavori in economia riferentesi alle fattispecie più sotto elencate, SETTORE ALBERGHIERO REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 2003/27 DEL 10/04/2003 ESECUTIVA A TERMINI DI LEGGE A FAR TEMPO DAL 17/04/2003 ART. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO D APPALTO TRA. Ferrovienord S.p.A., con sede in Milano, Piazzale Cadorna, 14 - Capitale

SCHEMA CONTRATTO D APPALTO TRA. Ferrovienord S.p.A., con sede in Milano, Piazzale Cadorna, 14 - Capitale SCHEMA CONTRATTO D APPALTO TRA Ferrovienord S.p.A., con sede in Milano, Piazzale Cadorna, 14 - Capitale Sociale = interamente versato - Partita I.V.A. e C.F. n. -, in seguito denominata Committente, rappresentata

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Servizio appalti, provveditorato e contratti. Sede: piazza del Municipio n Ferrara (FE)

COMUNE DI FERRARA. Servizio appalti, provveditorato e contratti. Sede: piazza del Municipio n Ferrara (FE) 1 COMUNE DI FERRARA Servizio appalti, provveditorato e contratti Sede: piazza del Municipio n. 2 44121 Ferrara (FE) Punti di contratto: Ufficio gare e atti pubblici Tel. 039/0532419538 Fax 397 E-mail:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITA LOCALE RIETI Via del Terminillo n. 42 02100 RIETI Tel. 0746/ 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 U.O.C. TECNICO PATRIMONIALE DIRETTORE: Ing. Marcello Fiorenza

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., per l affidamento di servizi di manutenzione evolutiva, gestione applicativa, manutenzione adeguativa, assistenza agli utenti e supporto specialistico

Dettagli

GARA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO CAPITOLATO DI FORNITURA

GARA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO CAPITOLATO DI FORNITURA Azienda Siciliana Trasporti S.p.A. GARA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO CAPITOLATO DI FORNITURA ART. 1 Soggetto aggiudicatore: AZIENDA SICILIANA TRASPORTI S.p.A. - Via Caduti senza

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 120 del 20/02/2017 SERVIZIO DI ACCALAPPIATURA CANI VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE. IMPEGNO DI SPESA FINO AL 30/04/2017.

DETERMINAZIONE n. 120 del 20/02/2017 SERVIZIO DI ACCALAPPIATURA CANI VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE. IMPEGNO DI SPESA FINO AL 30/04/2017. AREA 2 - PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO - SETTORE AMBIENTE Proposta N. 143/2017 DETERMINAZIONE n. 120 del 20/02/2017 OGGETTO: SERVIZIO DI ACCALAPPIATURA CANI VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

AQUIL SPORT SOCIETA DI PROGETTO S.R.L. CONCESSIONARIA COMUNE DI PORTICI CAPITOLATO SPECIALE

AQUIL SPORT SOCIETA DI PROGETTO S.R.L. CONCESSIONARIA COMUNE DI PORTICI CAPITOLATO SPECIALE AQUIL SPORT SOCIETA DI PROGETTO S.R.L. CONCESSIONARIA COMUNE DI PORTICI CAPITOLATO SPECIALE Fornitura di Arredi Macchinari ed Attrezzature palestra della Costruendo Piscina Comunale in Località Via Farina

Dettagli

Registrazione contabile. Il Dirigente Responsabile

Registrazione contabile. Il Dirigente Responsabile Determinazione del n. del OGGETTO: IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO A Z I E N D A S A N I T A R I A L O C A L E AL Sede legale: Via Venezia 6 15121 Alessandria Partita IVA/Codice Fiscale n. 02190140067

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO DISCIPLINARE TECNICO Edizione settembre 2016 SERVIZI SPECIALISTICI DI SUPPORTO ALL INGEGNERIA GESTIONE LICENZE E DIREZIONE LAVORI (categoria 11 del Regolamento) Acea Illuminazione Pubblica SpA 2 di 6 INDICE

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE AGRIGENTO

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE AGRIGENTO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE AGRIGENTO Viale della Vittoria n. 321 AGRIGENTO PARTITA IVA CODICE FISCALE: 02570930848 CONTRATTO Affidamento ottennale del

Dettagli

C E N T R A L E U N I C A D I C O M M I T T E N Z A C O M U N E D I T E R R A C I N A C O M U N E D I I T R I

C E N T R A L E U N I C A D I C O M M I T T E N Z A C O M U N E D I T E R R A C I N A C O M U N E D I I T R I All. A C E N T R A L E U N I C A D I C O M M I T T E N Z A C O M U N E D I T E R R A C I N A C O M U N E D I I T R I Comune di Itri LT - Piazza Umberto I snc 04020 Itri (LT) Tel. 0771/732229-30 Fax 0771/721108

Dettagli

riferimenti e contatti: Struttura Complessa Gestione Stabilimenti: Via Nordio Trieste - tel. 040/ mail:

riferimenti e contatti: Struttura Complessa Gestione Stabilimenti: Via Nordio Trieste - tel. 040/ mail: Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA "Ospedali Riuniti" di Trieste Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 8 aprile 1993) S.C. GESTIONE STABILIMENTI

Dettagli

RICHIESTA DI PREVENTIVO

RICHIESTA DI PREVENTIVO RICHIESTA DI PREVENTIVO Oggetto: Affidamento dei servizi di pulizia e igiene ambientale presso gli uffici amministrativi ISPE di via San Lazzaro, 15 17, piano terra e primo piano, a Lecce. Cig. Z6A1A82044.

Dettagli

N. 1 IMPIANTO BI-OSMOSI INVERSA PER IL NUOVO REPARTO DI EMODIALISI PRESSO IL PIANO 9 DELL OSP. LA COLLETTA

N. 1 IMPIANTO BI-OSMOSI INVERSA PER IL NUOVO REPARTO DI EMODIALISI PRESSO IL PIANO 9 DELL OSP. LA COLLETTA N. 1 IMPIANTO BI-OSMOSI INVERSA PER IL NUOVO REPARTO DI EMODIALISI PRESSO IL PIANO 9 DELL OSP. LA COLLETTA CONDIZIONI CONTRATTUALI PER L ASSISTENZA TECNICA DURANTE IL PERIODO DI GARANZIA PARAMETRO QUESTIONARIO

Dettagli

Antonio de Guglielmo, Direttore Generale della Provincia di Terni, il quale. interviene in questo atto in nome, per conto e nell interesse

Antonio de Guglielmo, Direttore Generale della Provincia di Terni, il quale. interviene in questo atto in nome, per conto e nell interesse AFFIDAMENTO DEI SERVIZI INFORMATICI E DI CONNETTIVITA AZIENDALE NELL AMBITO DEL SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITA (SPC). L'anno duemilatredici, il giorno ventisette (27) del mese di FEBBRAIO in Terni, nella

Dettagli

!"# $ %%% % &' '!( )% '!*"' + '!*"' "!(,-.,,/

!# $ %%% % &' '!( )% '!*' + '!*' !(,-.,,/ !"# $ %%% % &' '!( )% '!*"' + '!*"' "!(,-.,,/ ART.1 OGGETTO E CORRISPETTIVO DELL'APPALTO La procedura ha per oggetto l affidamento dei servizi di trasporto disabili e precisamente: TRASPORTO AIAS a Marina

Dettagli

Comune di Siena SERVIZIO GARE ED APPALTI UFFICIO ECONOMATO E SERVIZI LOGISTICI

Comune di Siena SERVIZIO GARE ED APPALTI UFFICIO ECONOMATO E SERVIZI LOGISTICI Comune di Siena SERVIZIO GARE ED APPALTI UFFICIO ECONOMATO E SERVIZI LOGISTICI ATTO DIRIGENZIALE N 304 DEL06/02/2017 OGGETTO: FORNITURA PRODOTTI E SERVIZI PER LA REFEZIONE SCOLASTICA NELLE STRUTTURE COMUNALI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Data.. Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE Consiglio Nazionale

Dettagli

Deliberazione N.: 707 del: 13/07/2016

Deliberazione N.: 707 del: 13/07/2016 Deliberazione N.: 707 del: 13/07/2016 Oggetto: AFFIDAMENTO MANUTENZIONE PERIODO 01.07.2016 31.12.2016 SOFTWARE GESTIONE DOCUMENTALE MEDIANTE UTILIZZO PIATTAFORMA TELEMATICA REGIONALE SINTEL - AGGIUDICAZIONE

Dettagli

seguito Autorità), adottato con Deliberazione n del 26 novembre 2014; Art. 1 (Ambito di applicazione)

seguito Autorità), adottato con Deliberazione n del 26 novembre 2014; Art. 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA COLLABORATIVA IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI L AUTORITA VISTO il decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 11

Dettagli

Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze

Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze Settore proponente: Ufficio Manutenzioni N 16 Determina N 53 del 03/02/2012 Oggetto: AFFIDAMENTO SERVIZIO PER LA POTATURA DELLE PIANTE AD ALTO FUSTO. IMPEGNO

Dettagli

COMUNE DI FERNO PROVINCIA DI VARESE LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER FINALITA DI SICUREZZA URBANA II LOTTO

COMUNE DI FERNO PROVINCIA DI VARESE LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER FINALITA DI SICUREZZA URBANA II LOTTO PROVINCIA DI VARESE LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER FINALITA DI SICUREZZA URBANA II LOTTO Elaborato 4 Redatto da PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE E FORMAZIONE Rev.

Dettagli