È vietata la riproduzione anche parziale Napoli e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "È vietata la riproduzione anche parziale Napoli e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione"

Transcript

1

2 Copyright 2017 Simone S.p.A. Tutti i diritti riservati Via F. Russo, 33/D È vietata la riproduzione anche parziale Napoli e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione scritta dell editore Questo volume è stato stampato nel mese di ottobre 2017, presso: «PL PRINT s.r.l.» Via Don Minzoni, n Cercola (NA) Hanno collaborato alla realizzazione del volume: Parte I: Chiara Palladino; Parte II: Chiara Palladino, Giovanna Strano (Capitolo 8); Parte III: Chiara Palladino (Capitolo 7), Alessandra Pedaci (Capitoli da 1 a 9 e da 11 a 12), Cristina D Agostino (Capitolo 10), Giovanna Strano (Capitolo 11); Parte IV: Claudia De Rosa; Parte V: Magda De Notariis (Capitolo 9), Giovanna Strano (Capitoli 4, 5 e 7); Parte VI: Chiara Palladino; Parte VII: Rodolfo Cusano (Capitolo 7), Mariafrancesca Mazzitelli; Parte VIII: Rocco Pezzano; Parte IX: Simonetta Gerli. È a cura di Alessandra Marano l espansione online «La cessazione del rapporto di lavoro e la disciplina del licenziamento». Ha collaborato all aggiornamento del volume Raffaella Del Vecchio (par. 13, Cap. 5, Parte III). Coordinamento redazionale: Claudia De Rosa La pubblicazione di questo volume, pur curato con scrupolosa attenzione dagli Autori e dalla Redazione, non comporta alcuna assunzione di responsabilità da parte degli stessi e della Casa editrice per eventuali errori, incongruenze o difformità dai contenuti delle prove effettivamente somministrate in sede di concorso. Tuttavia per continuare a migliorare la qualità delle sue pubblicazioni e renderle sempre più mirate alle esigenze dei lettori, la Edizione Simone sarà lieta di ricevere segnalazioni e osservazioni all indirizzo simone.it.

3 Premessa Dopo un iter durato più di un anno, è stato finalmente emanato il D.M. 3 agosto 2017, 138 (G.U , n. 220) che disciplina le nuove modalità di reclutamento della dirigenza scolastica e la procedura del prossimo concorso per Dirigente scolastico. Il nuovo regolamento presenta numerose novità rispetto al passato. Le più eclatanti concernono, in primis, le modalità di svolgimento del concorso, che si trasforma ora in un corsoconcorso. Il superamento delle tre prove di esame (preselettiva, scritta e orale) determina, infatti, l accesso a un corso di formazione dirigenziale e al tirocinio selettivo, finalizzati all arricchimento delle competenze professionali e culturali possedute dai candidati, in relazione alle funzioni proprie del Dirigente scolastico: competenze giuridiche, manageriali, gestionali ecc. Sostanzialmente riformulate sono anche le materie oggetto delle tre prove. In particolare rispetto al precedente concorso, sono sparite discipline come diritto dell Unione europea, diritto costituzionale, pedagogia, didattica, psicologia ecc., mentre sono stati inseriti nuovi argomenti più idonei a valutare le competenze professionali del futuro DS e le funzioni che è chiamato a svolgere. La nuova edizione di questo Manuale tiene conto di tali materie e soprattutto delle novità normative che nell ultimo anno hanno inciso profondamente su di esse. Il testo, che propone teoria e quiz, è così strutturato: Parte I Normativa di riferimento sul sistema educativo d istruzione, con particolare attenzione agli ordinamenti degli studi in Italia e alle riforme in atto; Parte II La scuola dell autonomia: processi di programmazione, gestione e valutazione, che si sofferma principalmente sulle procedure per l elaborazione del PTOF, sui processi di valutazione e autovalutazione del personale, degli apprendimenti e degli istituti scolastici (RAV, PdM e così via), nonché di inclusione e integrazione scolastica; Parte III Organizzazione del lavoro e gestione del personale, in cui si affrontano le tematiche dell impiego pubblico, con specifico riferimento alla realtà del personale scolastico, al ruolo del Dirigente come datore di lavoro e manager, nonché alle funzioni e alle responsabilità proprie del Capo di istituto e della scuola; Parte IV Contabilità di Stato, programmazione e gestione finanziaria delle istituzioni scolastiche; Parte V Conduzione delle organizzazioni complesse e delle istituzioni scolastiche. Organizzazione degli ambienti di apprendimento, nella quale si focalizza l attenzione sulla leadership e sulla comunicazione del DS, sul management pubblico e scolastico, oltre che sui processi di innovazione digitale dell azienda-scuola; Parte VI Elementi di diritto amministrativo, in cui sono sviluppati maggiormente gli aspetti che si riferiscono alle attività scolastiche e alle responsabilità tipiche del DS; Parte VII Elementi di diritto civile, con specifici riferimenti alla capacità del minore, al diritto di famiglia, alla disciplina di obbligazioni e contratti in uso nella scuola; Parte VIII Elementi di diritto penale, incentrata sui delitti contro la Pubblica Amministrazione e in danno di minorenni; Parte IX Sistemi educativi dei Paesi dell Unione europea. Tutti gli argomenti sono stati sviluppati tenendo conto delle esigenze di chi studia e basandosi anche sui contenuti dei quiz e delle prove del precedente concorso. Particolare spazio è stato dato agli argomenti che sono stati oggetto di riforma (valutazione, inclusione, pubblico impiego ecc.). Come è evidente, la vastità e l eterogeneità delle materie, che vanno dal diritto amministrativo alla legislazione scolastica (che già di per sé sono vastissime e molto complesse per la loro naturale stratificazione), dalla disciplina del pubblico impiego al management, dalla comuni-

4 cazione all organizzazione aziendale, dal diritto penale al civile ecc. presuppongono trattazioni quasi enciclopediche. In questo Manuale, che rimane un testo di sintesi, sono però trattati tutti gli argomenti e approfonditi quelli più utili per quanto concerne le funzioni e le competenze del DS. Per permettere uno studio personalizzato (ad esempio, il lettore potrebbe preferire studiare prima gli elementi di diritto amministrativo e poi affrontare la legislazione scolastica), si sono rese autoconsistenti le varie Parti, nonché i Capitoli. Questo, in alcuni casi, può comportare la ripetizione di taluni concetti: è una scelta didattica risultante dalla volontà di rendere adattabile alla preparazione di ciascuno, un testo che tratta materie decisamente impegnative e collegate tra loro. Allo stesso principio si ispira l articolata serie di rinvii da un capitolo all altro nonché il ricco indice analitico, che permettono al candidato di navigare all interno del volume al di là della consueta sequenza, così da creare i percorsi di studio modulari più congeniali alla personale preparazione. Per esercitarsi in vista della prova preselettiva, per ciascuna Parte viene offerta una selezione di quesiti (in gran parte tratti dalla banca dati ufficiale del 2011), grazie ai quali si può familiarizzare con la tipologia di test che, seppure diversi nella formulazione, saranno presumibilmente proposti anche in questo concorso. Le batterie di quiz, tra l altro, rappresentano un utilissimo strumento di autovalutazione del livello di preparazione raggiunto. Infine l aggiornamento. Nell ultimo anno, come anticipato, la normativa oggetto delle materie previste dal concorso ha subito una serie davvero impressionante di riforme. In primis, ovviamente, i Decreti di attuazione della Buona scuola, ovvero i decreti legislativi nn. 59, 60, 61, 62, 63, 64, 65, 66, pubblicati nella loro versione definitiva nel maggio 2017 (G.U , n. 112). Ma non solo: ricordiamo le importanti modifiche al Codice dei Contratti pubblici apportate dal D.Lgs. 56/2017; il D.Lgs. 74/2017, che ha inciso sulla valutazione della performance nel lavoro pubblico, il D.Lgs. 75/2017, che ha modificato il Testo unico sul pubblico impiego, entrambi attuativi della riforma Madia; la legge sul cyberbullismo (L , n. 71) e, da ultimo, il D.L. 73/2017, conv. con L. 119/2017, sull obbligo vaccinale quale requisito per l iscrizione a scuola. Il Manuale, come di consueto per le Edizioni Simone, è aggiornato a tutte queste nuove disposizioni (il volume è stato chiuso in redazione il 20 settembre 2017) nonché alle più recenti Note e Linee Guida MIUR. L opera è completata da una nutrita serie di espansioni online: documenti, norme e approfondimenti (per accedervi, consultare la prima pagina del volume).

5 Tavola di corrispondenza tra Contenuti Manuale Concorso Dirigente scolastico Edizioni Simone (ed. 2017) e Materie Concorso come da Regolamento D.M. 3 agosto 2017, n. 138 Cosa studiare (come da Regolamento n. 138/2017, art. 10) a) normativa riferita al sistema educativo di istruzione e di formazione e agli ordinamenti degli studi in Italia con particolare attenzione ai processi di riforma in atto; b) modalità di conduzione delle organizzazioni complesse, con particolare riferimento alla realtà delle istituzioni scolastiche ed educative statali; c) processi di programmazione, gestione e valutazione delle istituzioni scolastiche, con particolare riferimento alla predisposizione e gestione del Piano Triennale dell Offerta Formativa, all elaborazione del Rapporto di Autovalutazione e del Piano di Miglioramento, nel quadro dell autonomia delle istituzioni scolastiche e in rapporto alle esigenze formative del territorio; Dove studiare Manuale Simone 2017 Parte I - Normativa di riferimento per il sistema educativo di istruzione In particolare: Cap. 1 par , Cap. 3 par. 4 e 6, Cap. 4, Cap. 7, Cap. 10 Parte V Conduzione delle organizzazioni complesse e delle Istituzioni scolastiche In particolare: Cap. 4, 5, 6 Parte II La scuola dell autonomia: processi di programmazione, gestione e valutazione In particolare: Cap. 6 In particolare: Cap. 8 d) organizzazione degli ambienti di apprendimento, Parte V, Cap. 9 con particolare riferimento all inclusione scolastica, all innovazione digitale e ai processi di innovazione nella didattica; In particolare: Parte I, Cap. 7 e Espansione «Ambienti di apprendimento e inclusione scolastica» e) organizzazione del lavoro e gestione del personale, con particolare riferimento alla realtà del personale scolastico; f) valutazione ed autovalutazione del personale, degli apprendimenti e dei sistemi e dei processi scolastici; Parte III, Cap. 1-9 Parte I, Cap. 3, 4 e 10 (valutazione degli apprendimenti) Parte II, Cap. 8 (valutazione e autovalutazione delle scuole) Parte III, Cap. 4 e 5 (valutazione del personale)

6 g) elementi di diritto civile e amministrativo, con particolare riferimento alle obbligazioni giuridiche Parte VI (Elementi diritto amministrativo) Parte VII (Elementi di diritto civile) e alle responsabilità tipiche del Dirigente scolastico, nonché di diritto penale con particolare riferimento ai delitti contro la Pubblica Amministrazione e in danno di minorenni; In particolare: Parte III, Cap. 11 e 12 Parte VIII (Elementi di diritto penale) In particolare: Parte VIII, Cap. 11 e 12 h) contabilità di Stato, con particolare riferimento alla programmazione e gestione finanziaria presso le istituzioni scolastiche ed educative statali e relative aziende speciali; Parte IV, Cap. 1-4 i) sistemi educativi dei Paesi dell Unione Europea. Parte IX, Cap. 1 e 2

7 Parte I: Parte II: Parte III: Parte IV: Parte V: Parte VI: Piano dell opera Normativa di riferimento sul sistema educativo di istruzione La scuola dell autonomia: processi di programmazione, gestione e valutazione Organizzazione del lavoro e gestione del personale Contabilità di Stato, programmazione e gestione finanziaria delle istituzioni scolastiche Conduzione delle organizzazioni complesse e delle istituzioni scolastiche. Organizzazione degli ambienti di apprendimento Elementi di diritto amministrativo Parte VII: Elementi di diritto civile Parte VIII: Elementi di diritto penale Parte IX: Sistemi educativi dei Paesi dell Unione europea

8

9 Parte I Normativa di riferimento sul sistema educativo di istruzione Capitolo 1 Storia della scuola italiana 1 La nascita del sistema scolastico italiano... Pag Dalla legge Coppino alla legge Credaro...» 14 3 La riforma Gentile...» 15 4 La scuola italiana nel dopoguerra...» 15 5 Gli interventi normativi degli anni Settanta. I decreti delegati...» 17 6 La scuola negli anni Novanta. Il Testo Unico Istruzione...» 18 7 Il processo autonomistico...» 19 8 La riforma dei cicli nella legge 30/2000 (riforma Berlinguer)...» 20 9 Le riforme Moratti e Gelmini...» La riforma della «Buona scuola»...» La Riforma delle classi di concorso: i decreti 19/2016 e 414/ » 24 a) Le nuove prospettive nella L. 89/ » I decreti attuativi della «Buona scuola»...» 25 I decreti attuativi della Buona scuola» Capitolo 2 Il sistema di istruzione e formazione in Italia delineato dalle riforme Moratti e Gelmini 1 Il progetto del sistema educativo nella riforma Moratti...» 26 2 Il riassetto della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione attuato con il D.Lgs. 59/ » 26 3 Il secondo ciclo di istruzione nella riforma Moratti...» 27 a) Il diritto-dovere di istruzione e di formazione...» 27 b) L alternanza scuola-lavoro...» 29 c) L apprendistato...» 30 4 Il Servizio nazionale per la valutazione del sistema educativo...» 30 5 Gli sviluppi normativi successivi alla Riforma Moratti...» 31 6 L attuazione della Riforma Gelmini...» 31 a) La L , n » 31 b) La L , n » 32 c) Le disposizioni successive alla riforma Gelmini...» 33 Capitolo 3 La scuola dell infanzia e il primo ciclo di istruzione 1 Percorso storico-normativo...» 34 2 L ordinamento della scuola dell infanzia...» 34 a) I modelli organizzativi: l orario di funzionamento...» 35 b) Anticipo delle iscrizioni...» 35 c) Le sezioni primavera...» 36 3 Le Indicazioni nazionali dal 2004 al » 37 Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del primo ciclo di istruzione 4 Il Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 anni (D.Lgs. 65/2017)...» 38 a) Principi, obiettivi e organizzazione del Sistema...» 38 b) I Poli per l infanzia...» 40

10 1120 Indice generale 5 Articolazione del primo ciclo di istruzione... Pag L ordinamento della scuola primaria...» 41 a) La formazione delle classi di scuola primaria...» 42 b) I modelli organizzativi: l orario di funzionamento...» 43 c) L organizzazione dei docenti tra compresenze e riduzione del personale...» 43 d) L insegnante unico di riferimento...» 44 e) La valutazione degli alunni della scuola primaria alla luce del D.Lgs. 62/ » 44 f) Le rilevazioni nazionali sugli apprendimenti delle alunne e degli alunni della scuola primaria...» 45 7 Le Indicazioni per il curricolo del primo ciclo di istruzione...» 46 8 La scuola secondaria di primo grado: evoluzione storico-normativa...» 47 9 L ordinamento della scuola secondaria di primo grado...» 47 a) L orario di funzionamento...» 48 b) Insegnamento delle lingue straniere...» La valutazione, l esame di Stato e la certificazione delle competenze del primo ciclo nel D.Lgs. 62/ » 49 a) La valutazione degli alunni della scuola secondaria di primo grado...» 50 b) L esame conclusivo del primo ciclo di istruzione...» 50 c) La certificazione finale delle competenze del primo ciclo...» 52 d) La valutazione degli alunni con disabilità e disturbi specifici di apprendimento (DSA) nel primo ciclo...» 52 Capitolo 4 Il secondo ciclo di istruzione 1 L istruzione secondaria di secondo grado...» 54 2 Il sistema previsto dalla Riforma Moratti...» 54 3 Il secondo ciclo nella riforma Gelmini...» 55 4 Il sistema dei licei...» 57 Indicazioni nazionali dei licei a) Le tipologie dei percorsi liceali...» 59 b) Liceo artistico...» 60 c) Liceo classico...» 61 d) Liceo linguistico...» 61 e) Liceo musicale e coreutico...» 61 f) Liceo scientifico...» 62 g) Liceo delle scienze umane...» 63 h) La riforma in itinere dei licei «brevi»...» 63 5 La riforma degli istituti tecnici e professionali...» 63 6 Gli istituti professionali...» 63 7 La revisione dell istruzione professionale nel D.Lgs. 61/2017, attuativo della Buona Scuola...» 64 a) Il nuovo Profilo educativo, culturale e professionale (P.E.Cu.P.) dello studente dei percorsi di istruzione professionale del secondo ciclo...» 64 b) L identità dell istruzione professionale: indirizzi di studio e assetto organizzativo e didattico...» 66 8 Il sistema di istruzione e formazione professionale (IeFP)...» 67 a) Il passaggio tra sistemi formativi nel D.Lgs. 61/ » 68 9 Il riordino degli istituti tecnici...» 69 a) Settori e indirizzi...» 70 b) I modelli organizzativi...» 71 Linee guida degli Istituti tecnici 10 Il sistema di istruzione e formazione tecnica superiore...» 71 a) L istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS)...» 71 b) Gli Istituti Tecnici Superiori (ITS)...» 72

11 Indice generale L alternanza scuola-lavoro e l apprendistato... Pag. 73 La Carta dei diritti e dei doveri delle studentesse e degli studenti in alternanza a) L apprendistato...» La valutazione degli alunni nel secondo ciclo di istruzione...» 75 a) Il recupero dei debiti formativi...» 75 b) La valutazione del comportamento...» 76 c) La valutazione delle assenze...» La metodologia CLIL nelle scuole secondarie di secondo grado...» 77 a) La formazione dei docenti...» 78 b) Il CLIL nell esame di Stato...» L esame di Stato del secondo ciclo (D.Lgs. 62/2017)...» Segue: gli esami di Stato di candidati con disabilità o DSA...» L istruzione degli adulti (IDA) e i CPIA...» 83 a) Dai CTP ai CPIA...» 83 b) I Centri provinciali per l istruzione degli adulti (CPIA)...» 83 Capitolo 5 Le norme comuni a tutti i cicli scolastici 1 I libri di testo...» 85 a) L adozione...» 85 b) La delibera di adozione dei libri di testo...» 86 c) La verifica dei tetti di spesa...» 86 d) Il libro misto...» 87 e) L erogazione dei libri di testo ai sensi del D.Lgs. n. 63/ » 88 2 L iscrizione a scuola...» 88 a) L iscrizione on line...» 88 b) Gli adempimenti delle famiglie...» 89 c) Le competenze della segreteria...» 90 d) Le vaccinazioni obbligatorie: il D.L. 73/2017 e gli adempimenti delle scuole...» 90 e) Casi particolari...» 92 3 Il rilascio dei diplomi...» 92 a) La procedura per il ritiro...» 92 b) Rilascio di certificati ed attestati...» 93 c) Atti da inviare agli Uffici territoriali...» 93 4 La formazione delle classi...» 94 a) La costituzione delle classi iniziali di ciclo...» 94 b) L assegnazione dei docenti alle classi...» 94 c) La formazione delle classi con alunni disabili e l assegnazione del docente di sostegno alla luce del D.Lgs. 66/ » 95 5 L insegnamento della religione cattolica...» 96 a) L insegnamento della religione cattolica (IRC) come disciplina curricolare...» 96 b) Le intese con le confessioni acattoliche...» 96 c) L IRC nell istituzione scolastica...» 97 d) La facoltatività e le attività alternative...» 98 6 Lo Statuto delle studentesse e degli studenti e la responsabilità disciplinare...» 100 a) I diritti degli studenti...» 101 b) I doveri degli studenti...» 101 c) La responsabilità disciplinare degli studenti...» 102 Capitolo 6 L istruzione non statale 1 Le scuole paritarie...» 103 a) I requisiti della parità...» 103

12 1122 Indice generale b) Disciplina... Pag. 104 c) Caratteri...» 104 d) La revoca della parità...» Le scuole non paritarie...» Le scuole confessionali...» 106 Capitolo 7 La scuola dell inclusione 1 Finalità sociali di un iter formativo centrato sulla persona...» 107 La didattica speciale come didattica di qualità 2 Gli alunni disabili: la legge quadro 104/ » 109 Menomazione, disabilità, handicap: la prospettiva bio-psico-sociale dell ICF 3 Gli strumenti dell integrazione degli alunni disabili alla luce del D.Lgs. 66/ » 110 a) Introduzione...» 110 b) Il percorso per l inserimento scolastico dell alunno disabile...» 111 c) La semplificazione della procedura per l inclusione nel D.Lgs. 66/2017: l accertamento della disabilità e il Profilo di funzionamento...» 112 d) Il Piano educativo individualizzato (PEI)...» 113 e) Il Piano per l inclusione (ex PAI)...» 115 f) I Gruppi per l inclusione...» L insegnante di sostegno...» 116 a) Il docente specializzato...» 116 b) La formazione e l accesso degli insegnanti di sostegno nel D.Lgs. 66/ » La valutazione degli alunni disabili (rinvio)...» Il ruolo del Dirigente scolastico secondo le Linee-guida per l integrazione degli alunni con disabilità del » 119 Line guida per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità 7 I Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)...» 120 Linee guida per il diritto allo studio degli alunni con DSA 8 Il ruolo del Dirigente scolastico secondo le Linee-guida per il diritto allo studio degli alunni con DSA...» Il diritto allo studio degli alunni con DSA e gli strumenti compensativi...» 125 Strumenti didattici e tecnologici per l inclusione a) Il Piano didattico personalizzato (PDP)...» 126 b) Gli esami di Stato (rinvio)...» I bisogni educativi speciali (BES)...» 128 a) Il Gruppo di lavoro per l inclusione (GLI)...» 129 b) La scuola inclusiva...» 130 c) Il disturbo da deficit dell attenzione/iperattività (DDAI o ADHD)...» Gli alunni ospedalizzati...» 131 a) La scuola in ospedale...» 131 b) L istruzione domiciliare...» 132 c) La somministrazione di farmaci in orario scolastico...» 133 Capitolo 8 La scuola dell integrazione multiculturale 1 Multiculturalità e interculturalità...» Il panorama culturale e giuridico...» 135 a) Le Dichiarazioni internazionali...» 135 b) La normativa italiana...» 136

13 Indice generale L educazione interculturale... Pag. 138 a) L interculturalità nella scuola del primo ciclo...» 139 b) Attività di confronto e strategie di integrazione...» Articolazione dei progetti di educazione interculturale...» L iscrizione a scuola di alunni stranieri...» Le Linee guida del » 144 Linee guida 2014 per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri 7 Gli alunni stranieri adottati...» L insegnamento dell italiano come lingua seconda (L2)...» Le linee di azione per l integrazione interculturale...» 149 a) Pratiche di accoglienza e di inserimento nella scuola...» 149 b) L orientamento...» 150 c) L apprendimento dell italiano...» 151 d) Valorizzazione del plurilinguismo...» 151 e) Relazione con le famiglie straniere...» 152 f) Relazioni a scuola e nel tempo extrascolastico...» 152 g) Interventi sulle discriminazioni e sui pregiudizi...» Le reti tra istituzioni scolastiche, società civile e territorio...» Il Protocollo di accoglienza degli alunni stranieri...» I compiti del Dirigente scolastico nella scuola dell integrazione...» 155 Capitolo 9 Gestione del disagio e della devianza a scuola 1 Devianza e delinquenza minorile...» 157 a) Il gruppo dei pari...» Bullismo a scuola (nota MIUR n. 2519/2015)...» 159 a) Definizione...» 159 b) Cyberbullismo (L. n. 71/2017)...» Consumo di droghe e tossicodipendenza come problema pedagogico...» Dispersione scolastica e contrasto al disagio (Avviso MIUR 10862/2016)...» 165 Capitolo 10 La valutazione degli alunni: criteri di valutazione e verifica 1 La certificazione delle competenze...» 169 Linee guida 2017 per la certificazione delle competenze 2 Il riconoscimento delle eccellenze...» Il sostegno agli studenti particolarmente dotati...» Le funzioni di verifica e valutazione scolastica del docente...» 173 a) Le tassonomie...» 174 b) Standard e obiettivi della valutazione...» Il Quadro europeo delle qualifiche per l apprendimento...» 176 a) I livelli di conoscenza...» 176 b) I livelli di abilità...» 176 c) I livelli di competenza...» La docimologia...» Verifiche strutturate e semistrutturate...» 178 Capitolo 11 Continuità didattica e orientamento 1 La continuità didattica: in particolare, la continuità verticale...» La continuità orizzontale...» L orientamento...» 184

14 1124 Indice generale 4 L orientamento scolastico... Pag La didattica orientativa...» Le Linee guida nazionali per l orientamento permanente (nota MIUR 4232/2014)...» 189 Questionario...» 191 Soluzioni...» 205 Parte II La scuola dell autonomia: processi di programmazione e valutazione Capitolo 1 Scuola e formazione nella Costituzione italiana 1 La scuola democratica...» La promozione culturale nella Costituzione...» La libertà di insegnamento...» La libertà dell istruzione e il diritto allo studio...» La libertà nell insegnamento...» La libera gestione dell istruzione...» Il diritto all istruzione...» Altre norme costituzionali che incidono sul sistema scolastico...» 214 Capitolo 2 L istituzione scolastica autonoma 1 Il processo autonomistico ex L. 59/ » Il dimensionamento scolastico...» L autonomia finanziaria, contabile e negoziale...» 218 a) L autonomia finanziaria...» 218 b) L autonomia contabile...» 219 c) L autonomia negoziale...» L autonomia didattica...» 220 a) La definizione dei curricoli...» 221 b) L autonomia didattica e il PTOF: rinvio...» L autonomia organizzativa...» L autonomia di ricerca, sperimentazione e sviluppo...» L autonomia funzionale...» L attuazione dell autonomia: la «rete di scuole»...» Segue: Le reti di scuole nella Buona scuola...» 226 Capitolo 3 L amministrazione centrale della Pubblica Istruzione 1 Le origini del MIUR...» 227 a) Dall istituzione del Ministero al D.Lgs. 300/ » Le competenze del MIUR...» La Conferenza permanente dei capi Dipartimento e dei direttori generali...» Gli organismi collegati all amministrazione centrale. In particolare: INVALSI e INDIRE...» 230 a) Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI)...» 230 b) L Osservatorio per l edilizia scolastica. Dalle Linee guida alla Buona scuola...» 230 c) L Istituto nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione (Invalsi)...» 232 d) Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa (INDIRE)...» Il Sistema Nazionale di Valutazione (SNV)...» 234

15 Indice generale L articolazione periferica: gli Uffici scolastici regionali e provinciali... Pag. 236 a) Gli uffici scolastici regionali (USR)...» 236 b) Gli Uffici scolastici provinciali (USP)...» Le competenze delle istituzioni scolastiche autonome...» Il coordinamento delle competenze nell ambito dell istituzione scolastica autonoma...» 239 Capitolo 4 Le competenze delle autonomie territoriali in materia di istruzione 1 L impatto della riforma del Titolo V della Parte II della Costituzione sul sistema di istruzione nazionale...» Il decentramento delle funzioni nel settore dell istruzione scolastica...» 241 a) Evoluzione storica del processo di decentramento...» 241 b) Le competenze amministrative delle Regioni...» 242 c) Le competenze amministrative dei Comuni e delle Province...» L equilibrio tra funzioni statali e regionali...» 243 Capitolo 5 Gli organi collegiali della scuola 1 Comunità scolastica e organi collegiali territoriali...» 245 a) Il Consiglio scolastico distrettuale...» 246 b) Il Consiglio scolastico provinciale...» Organi collegiali a livello di circolo e di istituto...» Il Consiglio di intersezione, di interclasse e di classe...» Il Collegio dei docenti...» Il Consiglio di circolo o d istituto...» Comitato per la valutazione dei docenti...» Il funzionamento degli organi collegiali...» 253 a) Elezioni...» 253 b) Costituzione degli organi e validità delle deliberazioni...» 253 c) Decadenza dei componenti...» 254 d) Pubblicità degli atti degli organi collegiali...» Assemblee degli studenti e dei genitori...» 254 a) Assemblee degli studenti...» 255 b) Assemblee dei genitori...» Dirigente scolastico e organi collegiali...» 256 Capitolo 6 La gestione dell offerta formativa 1 Il Piano triennale dell offerta formativa (PTOF)...» Elaborazione e struttura del PTOF...» Il curricolo della scuola...» L attività di programmazione nella scuola...» 263 a) Programmazione d istituto...» 263 b) Programmazione educativa...» 264 c) Programmazione didattica...» Il ruolo del Dirigente scolastico nell elaborazione del PTOF dopo la Buona scuola...» 265 a) Il potere di indirizzo del Dirigente scolastico...» 265 b) Ambiti dell attività di pianificazione...» 267 c) Gestione e amministrazione della scuola...» Il Piano annuale delle attività dei docenti...» Il Piano annuale delle attività per il personale ATA...» 269

16 1126 Indice generale Capitolo 7 Regole e documenti della scuola 1 I numerosi documenti dell istituzione scolastica: rinvio... Pag La Carta dei servizi...» Il Progetto educativo di istituto (PEI)...» Il Regolamento di istituto...» Il Patto educativo di corresponsabilità...» Il Contratto formativo...» I fascicoli scolastici...» 273 a) Il fascicolo personale dei dipendenti...» 273 b) Il fascicolo personale dell allievo...» I registri scolastici, cartacei e elettronici...» Gli altri registri e il protocollo...» L accesso agli atti della scuola...» 275 Capitolo 8 Valutazione e autovalutazione delle scuole in Italia e in Europa 1 La qualità delle istituzioni scolastiche...» Il quadro europeo dei processi valutativi delle scuole...» Autoanalisi e autovalutazione...» La valutazione esterna degli apprendimenti degli alunni: i test INVALSI...» 280 a) Prove INVALSI e cheating...» La valutazione esterna delle scuole...» Il rapporto di autovalutazione...» Il Piano di Miglioramento (PdM)...» Altri progetti attuati in Italia per la valutazione delle performance scolastiche...» La valutazione della dirigenza scolastica...» Il sistema di valutazione del personale e il bonus dei docenti...» 288 Capitolo 9 La scuola italiana nel contesto europeo 1 La dimensione europea dell autonomia scolastica...» 289 Le norme dell Unione europea 2 Istruzione, cultura e formazione professionale in Europa...» La Strategia europea per la crescita e l occupazione: Europa » L istruzione nell ambito dell Unione europea...» I programmi di scambi/mobilità di docenti e studenti...» Il Programma Erasmus+...» Il Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF) per l apprendimento permanente...» Le competenze chiave per l apprendimento permanente...» La politica di formazione professionale...» L attuazione della Buona scuola per la riforma della scuola italiana all estero...» 300 Questionario...» 302 Soluzioni...» 317

17 Indice generale 1127 Parte III Organizzazione del lavoro e gestione del personale Capitolo 1 La disciplina del lavoro nel pubblico impiego 1 Le norme a tutela del lavoro... Pag Le fonti...» 321 a) La Costituzione...» 321 b) Le altre fonti di diritto statuale...» 322 c) Le fonti regionali...» 322 d) La contrattazione collettiva...» Lavoro subordinato e lavoro autonomo...» I soggetti del rapporto di lavoro subordinato...» Il lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche...» La privatizzazione...» Le riforme nel pubblico impiego...» 326 a) Dal decreto Brunetta......» 326 b)... alla riforma Madia (e decreti attuativi)...» 327 Capitolo 2 Libertà sindacale e contrattazione collettiva 1 L associazionismo sindacale...» La libertà sindacale. Le garanzie dello Statuto dei Lavoratori...» Le rappresentanze sindacali: RSA e RSU...» 332 a) Le rappresentanze sindacali aziendali (RSA)...» 332 b) Il passaggio alle rappresentanze sindacali unitarie (RSU)...» 332 c) La disciplina nel pubblico impiego...» La tutela contro la condotta antisindacale del datore di lavoro...» La contrattazione collettiva...» 334 a) Generalità...» 334 b) L inderogabilità del contratto collettivo...» La contrattazione collettiva nel pubblico impiego e il sistema delle fonti...» 335 a) Premessa. Atti di micro e di macro organizzazione...» 335 b) L equilibrio tra legge e contratto dopo la riforma Madia...» 336 c) La contrattazione collettiva nazionale ed integrativa...» I soggetti della contrattazione...» 338 a) ARAN e rappresentanze sindacali...» 338 b) I comparti...» La formazione e l efficacia del contratto collettivo...» Lo sciopero nei servizi pubblici essenziali...» 340 a) Le regole...» 341 b) Il contenuto degli accordi o dei contratti collettivi...» 342 c) La precettazione...» 342 d) Le sanzioni...» 343 Capitolo 3 Accesso al pubblico impiego e organizzazione degli uffici 1 L accesso ai pubblici uffici...» 344 a) Secondo la Costituzione...» 344 b) In base alla legge...» 344

18 1128 Indice generale 2 Accesso mediante procedure selettive: il concorso pubblico... Pag. 345 a) Principi e tipologie...» 345 b) Lo svolgimento del concorso: dal bando alla formulazione della graduatoria...» Accesso extraconcorsuale...» 347 a) Assunzioni attraverso il collocamento...» 347 b) Categorie protette e riforma Madia...» La stipulazione del contratto individuale di lavoro...» 348 a) Il contratto individuale...» 348 b) Il periodo di prova...» Le forme flessibili di impiego nella P.A. e gli incarichi esterni...» L organizzazione del personale...» 350 a) I criteri guida...» 350 b) L inquadramento dei pubblici dipendenti...» 350 c) Segue: Dalle dotazioni organiche ai «fabbisogni di personale»...» 350 d) Gestione e formazione delle risorse umane...» 352 e) Il sistema delle relazioni con il pubblico...» Mansioni e progressioni...» 354 a) La disciplina delle mansioni...» 354 b) La questione del «demansionamento»...» 354 c) Le progressioni...» 355 Capitolo 4 Il rapporto di impiego pubblico 1 I doveri del pubblico dipendente...» Il codice di comportamento (D.P.R. 62/2013)...» 357 a) Ambito di applicazione e principi generali...» 357 b) Doveri, vigilanza e sanzioni...» La tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti: il whistleblowing...» Il dovere di esclusività (art. 53 D.Lgs. 165/2001)...» I diritti dell impiegato...» 359 a) I diritti patrimoniali e le innovazioni della riforma Madia...» 359 b) I diritti non patrimoniali...» Le responsabilità dei pubblici dipendenti...» Il sistema dei controlli e il ciclo di gestione della performance...» 361 a) Nozione di controllo e di performance...» 361 b) I controlli sull attività nel lavoro pubblico. In particolare, i controlli interni...» 361 c) I nuovi sistemi di valutazione della performance...» 363 d) Segue: I soggetti della valutazione e la partecipazione del cittadino-utente...» I poteri del datore di lavoro...» 364 a) Il potere direttivo...» 364 b) Il potere di vigilanza e di controllo...» 365 c) Il potere disciplinare...» Gli obblighi del datore di lavoro...» Il luogo della prestazione di lavoro...» La mobilità...» 367 a) Mobilità individuale...» 367 b) La mobilità collettiva...» Orario, ferie, permessi, congedi...» 368 a) Orario di servizio e orario di lavoro...» 368 b) Ferie e festività...» 368 c) Permessi...» 369 d) Permessi e congedi per handicap...» 369 e) Il regime della malattia nel lavoro pubblico e il nuovo Polo Unico INPS...» 370

19 Indice generale 1129 f) Le assenze collegate alla maternità e paternità... Pag. 371 g) Aspettativa...» Estinzione del rapporto di impiego...» 372 a) La disciplina del CCNL...» 372 b) La disciplina pubblicistica...» 372 c) La disciplina privatistica...» 373 La cessazione del rapporto di lavoro e la disciplina del licenziamento 14 Controversie di lavoro nel pubblico impiego...» 373 Controversie di lavoro nel pubblico impiego e sui concorsi Capitolo 5 Dirigenza pubblica e dirigenza scolastica 1 Il regime giuridico della dirigenza...» La distinzione tra politica e amministrazione...» Il dirigente pubblico quale datore di lavoro nella P.A...» 376 a) La «nuova» dirigenza pubblica...» 376 b) La responsabilità dirigenziale...» Segue: Le attribuzioni dei dirigenti...» L accesso alla dirigenza pubblica...» 379 a) L accesso alla qualifica di dirigente della seconda fascia...» 379 b) L accesso alla qualifica di dirigente della prima fascia...» Gli incarichi dirigenziali (art. 19 D.Lgs. 165/2001)...» Il trattamento economico dei dirigenti pubblici...» Inquadramento giuridico e funzionale del Dirigente scolastico. Introduzione...» Il reclutamento dei Dirigenti scolastici e il Decreto MIUR 138/ » 384 a) La disciplina del T.U. pubblico impiego (art. 29)...» 384 b) Il Decreto MIUR n. 138/2017 sul reclutamento dei DS...» 384 Decreto MIUR , n Il rapporto di lavoro: assunzione in servizio e contratto individuale del DS...» Il conferimento dell incarico. Mutamento dell incarico e incarichi aggiuntivi...» Verifica dei risultati e valutazione...» La valutazione del Dirigente scolastico. Indicazioni operative...» 388 a) Valutazione e Buona scuola...» 388 b) Le modalità della valutazione del DS e il portfolio...» 389 c) I documenti...» 390 d) Le aree di processo...» La formazione...» I Dirigenti tecnici e il personale ispettivo nella scuola...» Lo svolgimento del rapporto di lavoro del Dirigente scolastico...» 396 a) Ferie e festività...» 396 b) I permessi retribuiti...» 396 c) I congedi parentali e per motivi di famiglia e di studio...» 396 d) Le assenze per malattia...» 397 e) La retribuzione...» 398 f) La cessazione dal servizio...» 398 Capitolo 6 Il Dirigente scolastico datore di lavoro 1 Il Dirigente scolastico quale datore di lavoro dell azienda-scuola...» La funzione direttiva del Dirigente scolastico e il potere di coordinamento...» Il Dirigente scolastico/datore di lavoro nella Buona scuola...» 402

20 1130 Indice generale 4 La valutazione del Dirigente sui docenti e il bonus... Pag. 403 a) La valorizzazione dei docenti (di ruolo) meritevoli...» 403 b) Il ruolo del Dirigente nell assegnazione del bonus...» 403 c) L anno di prova e la valutazione dei docenti neoassunti...» Il Dirigente scolastico e la gestione dell offerta formativa nel PTOF (rinvio)...» L attività di stipula dei contratti...» La gestione delle relazioni sindacali...» 407 a) I livelli delle relazioni sindacali...» 408 b) La contrattazione integrativa di istituto: le materie...» 409 c) Le assemblee sindacali e la condotta antisindacale dei Dirigenti scolastici...» Salute e sicurezza nelle scuole: I compiti del Dirigente (rinvio)...» La gestione del potere disciplinare da parte del DS datore di lavoro...» Il procedimento disciplinare a carico dello studente...» 413 Capitolo 7 I collaboratori del Dirigente scolastico 1 Responsabilità condivise e delega di poteri...» I docenti collaboratori...» 415 a) Il collaboratore vicario...» 416 b) Mansioni e compiti assegnati ai docenti collaboratori...» 416 c) Il segretario del Consiglio di classe e il coordinatore di classe...» 417 d) Esoneri e semiesoneri...» Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi...» I docenti incaricati delle funzioni strumentali al PTOF...» Lo staff di dirigenza...» 423 Capitolo 8 Il personale della scuola. Docenti e ATA 1 Inquadramento funzionale dei docenti...» 424 a) La funzione docente...» 424 b) Le attività individuali...» 424 c) Le attività di formazione...» 425 d) La formazione e la valorizzazione del merito dei docenti nella Buona scuola...» 427 e) Le attività ulteriori...» Inquadramento giuridico dei docenti e definizione degli organici...» 428 a) L organico di diritto...» 429 b) L organico di fatto...» 429 c) L organico funzionale...» L organico dell autonomia nella Buona scuola...» L organico del potenziamento...» 432 a) Il potenziamento dell offerta formativa nella Buona Scuola...» 432 b) La Nota MIUR n /2016 sugli organici...» 432 c) Il nuovo modello di reclutamento per i docenti della scuola secondaria...» Il personale delle istituzioni educative...» Il personale non docente...» 435 a) Inquadramento funzionale...» 435 b) La classificazione del personale ATA: inquadramento giuridico...» 436 c) Mobilità professionale del personale ATA...» 438 d) Il personale dell area D...» 438 e) Il personale dell area C...» 439 f) Il personale dell area B...» 439 g) Il personale dell area A...» 441

21 Indice generale Il personale supplente... Pag. 442 a) Le graduatorie ad esaurimento...» 443 b) Le graduatorie di circolo o di istituto...» 443 c) Le operazioni di conferimento...» Segue: Le supplenze nella Buona scuola...» La violazione del limite dei 36 mesi per le supplenze annuali e la responsabilità del DS...» Il part time nella scuola...» 447 Capitolo 9 I rapporti interorganici e il DS manager 1 Gerarchia...» Direzione...» Coordinamento e controllo...» Le relazioni interorganiche nella scuola...» Il Dirigente scolastico: da «burocrate» a «manager»...» 451 a) Il potere di coordinamento...» 452 b) I diversi «livelli» del potere di coordinamento del Dirigente scolastico...» 453 c) Gli atti di coordinamento...» 454 d) Le direttive di massima per il DSGA...» 455 Esempio di direttiva di massima del DS al DSG e) La centralità della figura del DS...» Il Dirigente quale soggetto di «mediazione» nella scuola...» 457 Capitolo 10 Il DS e l organizzazione della sicurezza sul lavoro nella scuola 1 La normativa in materia di sicurezza sul lavoro. Il Testo Unico della sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/2008)...» 458 Il DS e l organizzazione della sicurezza sul lavoro nella scuola (versione estesa) 2 L applicazione del Testo Unico della sicurezza sul lavoro agli istituti di istruzione...» I soggetti responsabili della sicurezza nella scuola...» I soggetti tutelati...» 462 a) Il personale della scuola nella qualità di lavoratori...» 462 b) Gli allievi «equiparati» ai lavoratori...» Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS)...» Il Servizio di prevenzione e protezione (SPP) nelle scuole...» Obblighi del Dirigente scolastico, dei dirigenti e dei preposti. La delega di funzioni prevenzionistiche...» 466 a) Gli obblighi del Dirigente scolastico e dei dirigenti...» 466 b) Gli obblighi del preposto...» 467 c) La delega di funzioni prevenzionistiche...» La valutazione dei rischi negli istituti scolastici e il documento di valutazione (DVR)...» 468 a) Il documento di valutazione dei rischi (DVR)...» La prevenzione e le misure di tutela...» 472 a) L informazione in materia di sicurezza del personale della scuola...» 472 b) La formazione e l addestramento...» La sorveglianza sanitaria nelle scuole...» La sicurezza e la salubrità della scuola e i rapporti con l ente locale...» 475 a) Gli obblighi del Dirigente scolastico...» 476 b) Interventi strutturali e di manutenzione e la responsabilità dell ente locale...» L edilizia scolastica...» 477 Indagine conoscitiva sull edilizia scolastica 2017

22 1132 Indice generale 13 Attrezzature di lavoro e dispositivi di protezione individuali (DPI)... Pag. 478 a) Le attrezzature di lavoro...» 478 b) I dispositivi di protezione individuale (DPI)...» 479 c) I videoterminali (VDT)...» L istituto scolastico e gli appalti: il documento di valutazione dei rischi da interferenze (DUVRI)...» La gestione delle emergenze negli istituti scolastici...» 481 a) Il piano di emergenza...» 482 b) Il primo soccorso...» La prevenzione incendi nelle scuole...» Salute e sicurezza degli studenti in alternanza scuola-lavoro nelle strutture ospitanti...» 484 Capitolo 11 Le responsabilità del Dirigente scolastico e della scuola 1 Il concetto di responsabilità...» La responsabilità civile del personale scolastico...» Segue: La responsabilità dell amministrazione scolastica per infortunio dell allievo...» 486 a) Il danno a sé stesso...» 486 b) Il danno causato ad altri...» Segue: L estensione dell obbligo di vigilanza al Dirigente scolastico...» Il «sistema» dei doveri del pubblico dipendente...» 487 a) I doveri del DS...» 487 b) Codice disciplinare e codice di comportamento...» La responsabilità disciplinare nel pubblico impiego. Quadro generale delle fonti...» 491 a) Una prima introduzione...» 491 b) Le innovazioni della riforma Madia...» Segue: La responsabilità disciplinare del DS...» 494 a) Fonti di riferimento...» 494 La circolare n. 88/2010: l applicazione al personale scolastico delle norme disciplinari di cui al D.Lgs. 150/2009 b) Le sanzioni disciplinari nel CCNL...» Le ipotesi di illecito disciplinare delineate dal D.Lgs. 165/ » 497 a) La disciplina dell art. 55quater...» 497 b) La lotta ai furbetti del cartellino e del weekend...» 498 c) La responsabilità disciplinare derivante da condotte pregiudizievoli per l amministrazione (art. 55sexies D.Lgs. 165/2001)...» Segue: Il procedimento disciplinare...» 499 a) Profili generali...» 499 Il procedimento disciplinare ex art. 55bis D.Lgs. 165/2001, come innovato dalla riforma Brunetta b) Le fasi dell iter disciplinare...» I rapporti tra procedimento penale e procedimento disciplinare...» Mobbing e molestie sessuali...» 502 a) Molestie sessuali: lo schema di Codice di condotta...» La responsabilità penale di DS e docenti...» 503 a) I reati propri del Dirigente scolastico...» 504 b) I reati contro l integrità fisica, morale e/o sessuale degli alunni...» La «responsabilizzazione» del Dirigente scolastico dopo la Buona scuola e profili di responsabilità...» La responsabilità amministrativa per danni...» La responsabilità amministrativa e contabile...» Segue: La responsabilità amministrativa e contabile del Dirigente scolastico...» 511

23 Indice generale Segue: La responsabilità erariale del Dirigente scolastico... Pag. 511 a) Il danno erariale...» 511 b) La gestione amministrativa dell infortunio dell alunno...» 512 c) Gli adempimenti a carico del Dirigente scolastico...» 512 d) La responsabilità amministrativa del Dirigente che ha stipulato contratti con esperti esterni...» 513 Capitolo 12 La responsabilità civile del Dirigente scolastico e della scuola 1 La responsabilità contrattuale ed extracontrattuale: nozioni generali...» I danni causati dagli alunni...» La responsabilità del Dirigente scolastico e gli adempimenti del DS nel caso di infortunio dell alunno...» La culpa in educando delle famiglie...» Segue: Il «patto educativo di corresponsabilità»...» La responsabilità dei collaboratori scolastici...» La casistica in materia di responsabilità della scuola...» 525 a) Il dovere di vigilanza in occasione delle gite scolastiche...» 525 b) I danni subiti dallo studente durante le ore di educazione fisica...» 526 c) Affidamento degli allievi allo scuolabus...» 526 d) Formazione delle classi e numero massimo di alunni per ogni aula...» 527 e) L uscita degli alunni da scuola...» 527 f) Infortunio all allievo prima dell inizio lezioni...» 527 g) Il ruolo del Dirigente scolastico nel caso di occupazione delle scuole da parte degli alunni...» 528 Questionario...» 529 Soluzioni...» 543 Parte IV Contabilità di Stato, programmazione e gestione finanziaria delle istituzioni scolastiche Capitolo 1 Nozioni introduttive di contabilità di Stato 1 Il bilancio dello Stato: definizione e classificazioni...» 547 a) Le fasi delle entrate e delle spese...» Le funzioni del bilancio dello Stato...» I principi del bilancio dello Stato...» Il sistema italiano di bilancio...» La Costituzione e il principio del pareggio di bilancio...» 550 a) La copertura finanziaria, l approvazione del bilancio e l esercizio provvisorio...» 551 b) La legge quadro di contabilità...» La legge 31 dicembre 2009, n. 196, il ciclo del bilancio e il principio della programmazione...» Il Documento di economia e finanza (DEF)...» La nuova legge di bilancio e il bilancio di previsione...» Segue: Variazioni di bilancio...» Segue: Fondi di riserva e fondi speciali...» Segue: I residui...» Il rendiconto generale dello Stato...» 556

24 1134 Indice generale Capitolo 2 La gestione finanziaria e contabile delle istituzioni scolastiche 1 Le fonti normative... Pag I principi della gestione finanziaria...» Le risorse finanziarie...» Le scritture contabili obbligatorie...» Il programma annuale...» 563 a) La struttura e il contenuto...» 563 b) L avanzo di amministrazione...» 563 c) Il fondo di riserva...» 564 d) Le partite di giro e il fondo per le minute spese...» 564 e) La predisposizione e l approvazione...» 564 f) L esercizio provvisorio...» 565 g) Le verifiche e le modifiche al programma annuale...» La realizzazione del programma annuale...» 565 a) La gestione delle entrate...» 566 b) La gestione delle spese...» Il servizio di cassa...» Il conto consuntivo...» 569 a) Struttura...» 569 b) Predisposizione e approvazione...» L accountability e il bilancio sociale delle istituzioni scolastiche...» Le gestioni economiche separate...» 571 Capitolo 3 La gestione patrimoniale, i contratti e i controlli di regolarità amministrativa e contabile nelle istituzioni scolastiche 1 La gestione patrimoniale...» Gli inventari e le opere d ingegno...» 573 a) Gli inventari...» 573 b) La valutazione di beni inventariati...» 576 c) Eliminazione dei beni dall inventario...» 576 d) Le opere dell ingegno...» L attività negoziale...» 577 a) Altre figure contrattuali...» 578 b) Le collaborazioni esterne...» 578 c) Funzioni e poteri relativi all attività negoziale delle istituzioni scolastiche...» Il controllo di regolarità amministrativa e contabile...» 580 a) Il decreto legislativo 30 giugno 2011, n » 580 b) I revisori dei conti...» 582 Capitolo 4 La scuola e i fondi strutturali UE 1 Introduzione...» Principi generali e di funzionamento dei fondi...» Il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e il Fondo sociale europeo...» Il Fondo di coesione...» La programmazione degli interventi...» Il programma operativo per la scuola...» I sistemi di valutazione, gestione e controllo degli interventi...» 588 a) Valutazione...» 588 b) Organi di gestione, controllo e sorveglianza...» 589 Questionario...» 590 Soluzioni...» 601

25 Indice generale 1135 V Conduzione delle organizzazioni complesse e delle istituzioni scolastiche. Organizzazione degli ambienti di apprendimento Capitolo 1 Evoluzione degli studi sulle organizzazioni 1 Teoria dell organizzazione... Pag Evoluzione storica delle teorie sull organizzazione...» La teoria classica e lo Scientific management...» 607 a) Quadro storico...» 607 b) Lo studio scientifico dei metodi di lavoro...» 608 c) Distinzioni dei compiti e distribuzione delle responsabilità...» Le Human relations...» Weber e il modello burocratico...» 610 a) Razionalità e burocrazia...» 610 b) Burocratizzazione e divisione del lavoro...» Crozier: l analisi strategica dei comportamenti burocratici...» 612 a) La critica al modello weberiano...» 612 b) La resistenza al cambiamento...» 613 c) L impresa in ascolto...» 614 d) I principi della nuova logica...» La cultura organizzativa...» La gestione strategica delle risorse umane e l analisi sociologica delle organizzazioni...» 618 Capitolo 2 Nozioni di management pubblico 1 Il management...» 620 a) Manager pubblici e privati...» 620 Analisi organizzativa della pubblica amministrazione. Teoria dell organizzazione e modelli organizzativi 2 L ente pubblico come sistema aziendale...» 621 a) L azienda pubblica composta...» Il processo decisionale...» La gestione per obiettivi...» La cultura della strategia...» Pianificazione e programmazione...» La pianificazione strategica...» Le fasi del processo di pianificazione...» 627 a) L analisi della situazione di partenza...» 628 b) L individuazione e l analisi dei punti di forza e di debolezza dell ente rispetto ai suoi principali competitor...» 629 c) La definizione degli obiettivi, intermedi e finali, che si intende raggiungere...» 629 d) La formulazione delle strategie...» 630 e) La redazione, l approvazione e l esecuzione operativa del piano...» La programmazione...» La programmazione strategica nelle Amministrazioni dello Stato...» Il controllo strategico...» 635 a) Il controllo strategico come guida nell implementazione della strategia...» 636 b) Gli strumenti per la comunicazione dei risultati del controllo strategico...» L analisi costi-benefici...» La Swot analysis...» 639

26 1136 Indice generale Capitolo 3 Il controllo di gestione e il controllo operativo 1 Controllo di gestione e controllo sulla gestione... Pag Le fasi del controllo di gestione...» Gli strumenti del controllo di gestione...» 642 a) Il budget...» 642 b) La contabilità analitica...» 643 c) Il reporting...» 643 d) Il sistema degli indicatori...» Il controllo operativo...» 644 Capitolo 4 Conduzione dell organizzazione-scuola e funzioni del Dirigente scolastico 1 Il Dirigente scolastico nell ambito della dirigenza pubblica italiana...» Lo status del Dirigente scolastico...» La funzione direttiva...» Il coordinamento...» La valorizzazione delle risorse umane...» La funzione prescrittiva e la libertà di insegnamento dei docenti...» L attività di gestione...» L attività negoziale...» La gestione delle relazioni sindacali...» Il codice disciplinare del Dirigente scolastico...» La gestione della complessità scolastica...» 654 a) L allievo e la famiglia...» 655 b) La libertà professionale dei docenti...» 655 c) L autonomia funzionale del Dirigente scolastico...» La leadership del Dirigente scolastico...» 655 a) Organizzazione dei servizi amministrativi...» 656 b) Progettazione rispondente alle esigenze diverse...» 657 c) Leadership diffusa: rinvio...» 657 Capitolo 5 Leadership e gestione delle risorse umane 1 La gestione orientata del Dirigente scolastico...» 659 Le caratteristiche del manager e i tipi di leadership 2 La gestione dei conflitti...» La leadership educativa...» 662 a) La leadership diffusa...» Il management scolastico...» L empowerment...» Il leader amplificante...» I processi di miglioramento...» 668 Capitolo 6 Comunicazione nella scuola ed elementi di comunicazione istituzionale 1 Il processo comunicativo...» La comunicazione interpersonale...» La comunicazione non verbale...» Strategie di comunicazione per una leadership nella scuola...» La comunicazione interna alle istituzioni scolastiche...» 677

27 Indice generale Segue: La gestione della riunione... Pag La comunicazione istituzionale...» Gli strumenti tecnologici al servizio della comunicazione della scuola...» 681 a) Il sito web...» 681 b) Il telefono...» 683 c) La posta elettronica...» 683 d) La newsletter...» 684 e) I social...» 685 f) I Podcast...» 687 g) LMS (Learning Management System)...» 687 Capitolo 7 La scuola digitale 1 La comunicazione all interno delle organizzazioni...» La diffusione delle tecnologie informatiche nella scuola...» La didattica multimediale...» Lo sviluppo professionale del personale scolastico...» Le pratiche di documentazione digitale...» La reticolarità della comunicazione multimediale...» La disciplina delle nuove tecnologie a supporto della gestione amministrativa...» 695 a) L e-government...» 696 b) Gli obblighi delle istituzioni scolastiche in materia di comunicazione...» 697 c) Il sito web e gli obblighi di trasparenza della scuola...» 698 d) Gli obblighi di trasparenza della scuola...» 698 Linee guida A.N.A.C 2016 di prevenzione della corruzione e trasparenza 8 I servizi per gli utenti...» Il Piano nazionale per la scuola digitale...» 701 Capitolo 8 La privacy nella scuola 1 Il fondamento normativo del diritto alla privacy...» Il Codice in materia di protezione dei dati personali (Codice della privacy)...» Principi generali della disciplina...» 704 a) Il dato personale...» 705 b) Il trattamento dei dati...» 705 Adempimenti e regole per il trattamento dei dati personali 4 Il Garante per la protezione dei dati personali...» 705 La tutela del diritto alla privacy. Sanzioni e illeciti penali 5 Titolare, responsabile e incaricato del trattamento...» Il responsabile del trattamento dei dati nell istituzione scolastica...» L interessato...» I soggetti pubblici e le regole della privacy...» I principi applicabili al trattamento effettuato da un soggetto pubblico...» 710 a) Il trattamento dei dati personali comuni...» 711 b) Il trattamento dei dati personali sensibili...» 712 c) Il trattamento dei dati giudiziari...» Il trattamento dei dati sensibili e giudiziari effettuato dal MIUR...» Gli interventi del Garante in materia di protezione dei dati personali nelle scuole...» Trasparenza, diritto di accesso e privacy...» 715

28 1138 Indice generale Capitolo 9 L ambiente di apprendimento 1 Uno spazio fisico, mentale, affettivo e organizzativo... Pag L organizzazione degli spazi di apprendimento...» 717 a) Verso la classe » L ambiente di apprendimento nella storia della pedagogia...» 719 a) L alunno protagonista del processo di apprendimento...» 719 b) L attivismo pedagogico e le esperienze delle scuole nuove...» 719 c) La scuola montessoriana a misura di bambino...» 720 d) Un ambiente finalizzato non artificioso...» La scuola della metacognizione...» Costruttivismo e ipermedialità...» 723 Ambienti di apprendimento e inclusione scolastica 6 I media come ambienti del sapere...» 723 a) La classe capovolta...» 725 Questionario...» 726 Soluzioni...» 735 Parte VI Elementi di diritto amministrativo Capitolo 1 Le fonti del diritto amministrativo 1 Il sistema delle fonti del diritto amministrativo...» La Costituzione e le fonti di rango costituzionale...» Le fonti primarie...» Le fonti secondarie in generale...» I regolamenti...» Le ordinanze...» Gli Statuti degli enti pubblici...» Testi unici e codici...» Le norme interne della P.A...» La consuetudine...» La prassi amministrativa...» 744 Capitolo 2 Le situazioni giuridiche soggettive 1 Diritti soggettivi e interessi legittimi...» Gli interessi semplici e gli interessi di fatto...» Gli interessi superindividuali: gli interessi collettivi e gli interessi diffusi...» 747 Capitolo 3 L organizzazione amministrativa 1 L organizzazione amministrativa statale...» L amministrazione statale centrale: i Ministeri...» Organi consultivi...» 749 a) Il Consiglio di Stato...» 749 b) L Avvocatura dello Stato...» 749 c) Il Consiglio nazionale dell economia e del lavoro (C.N.E.L.)...» Organi di controllo: la Corte dei conti...» Le Aziende autonome e le Agenzie...» 751

29 Indice generale Le Autorità amministrative indipendenti... Pag L organizzazione periferica dello Stato...» 752 a) Il ruolo del Prefetto e delle Prefetture - Uffici territoriali del Governo...» 753 b) Il Sindaco quale ufficiale di Governo...» Il pluralismo della P.A.: gli enti pubblici diversi dallo Stato...» Gli enti territoriali e le autonomie locali...» 755 Regioni, Province e Comuni 10 Il Comune...» La Provincia...» La Città metropolitana...» La Regione...» 758 Capitolo 4 Organi e uffici degli enti pubblici 1 La struttura degli enti pubblici...» Classificazione degli uffici ed organi...» Rapporto organico e rapporto di servizio...» 761 a) Instaurazione del rapporto organico e di servizio...» 761 b) La prorogatio degli organi...» Rapporti interorganici...» 762 a) Direzione...» 762 b) Coordinamento...» 762 c) Controllo...» L esercizio privato di pubbliche funzioni...» La competenza...» 763 a) Trasferimento dell esercizio della competenza...» 764 b) Il funzionario di fatto...» 764 Capitolo 5 L attività della P.A.: gli atti ed i provvedimenti amministrativi 1 L attività amministrativa...» La discrezionalità amministrativa...» 765 a) La discrezionalità tecnica...» I principi dell azione amministrativa...» 766 a) I principi costituzionali...» 766 b) I principi di cui alla legge sul procedimento L. 241/ » 767 c) Segue: Il principio di trasparenza...» 768 d) I principi europei...» Gli atti amministrativi...» I provvedimenti amministrativi...» Gli elementi dell atto amministrativo...» 771 a) Struttura dell atto amministrativo...» 772 b) La motivazione del provvedimento amministrativo...» 772 c) I requisiti di legittimità e di efficacia...» L efficacia dell atto amministrativo...» 773 a) Inizio dell efficacia degli atti amministrativi...» 773 b) Proroga e sospensione dell efficacia...» 773 c) Cessazione dell efficacia...» Il silenzio amministrativo...» Autorizzazioni e concessioni...» 775 a) L autorizzazione...» 775 b) La concessione...» 775

30 1140 Indice generale 10 Gli atti amministrativi diversi dai provvedimenti: i pareri... Pag. 776 a) Caratteri e funzioni...» 776 b) Vizi dei pareri...» 777 Capitolo 6 Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. 1 Il procedimento amministrativo...» 778 a) Evoluzione legislativa...» 778 b) Le fasi del procedimento...» 779 c) Gli atti di controllo...» Tempistica procedimentale e profili di responsabilità...» 780 a) La mancata conclusione del procedimento nei termini: la responsabilità dirigenziale e la tutela del cittadino...» 781 b) Il danno da ritardo nella conclusione del procedimento amministrativo...» 781 c) L indennizzo per mero ritardo della P.A. nella conclusione del procedimento...» Il responsabile del procedimento...» La partecipazione al procedimento...» La semplificazione dell azione amministrativa...» Semplificazioni e liberalizzazioni: la modernizzazione dei rapporti tra P.A., cittadini e imprese...» Il diritto di accesso ai documenti amministrativi...» 787 a) L esercizio del diritto di accesso...» 787 b) Soggetti obbligati a consentire l accesso...» 788 c) Limiti all esercizio del diritto d accesso...» 789 d) La tutela del diritto di accesso...» L accesso civico...» E-government ed informatizzazione: la trasparenza «digitale»...» Il Codice dell amministrazione digitale...» P.A. digitale e diritti dei cittadini e delle imprese...» Gli strumenti della P.A. digitale...» 793 a) I documenti informatici e la firma digitale...» 793 b) Le carte elettroniche...» 793 c) I siti internet delle pubbliche amministrazioni...» 794 d) La posta elettronica certificata (PEC)...» 794 Capitolo 7 La documentazione amministrativa 1 L attività di certificazione: certificati...» 795 a) Le certificazioni proprie e improprie...» 795 b) La forma del certificato...» 796 c) Validità dei certificati...» 796 d) Le copie autentiche...» La «decertificazione» nel rapporto tra P.A. e cittadini...» Le autocertificazioni...» 797 a) Le dichiarazioni sostitutive di certificazioni...» 798 b) Le dichiarazioni sostitutive di atti di notorietà...» Le modalità di redazione e presentazione delle dichiarazioni sostitutive...» 799 Capitolo 8 La patologia dell atto amministrativo 1 Vizi di legittimità e vizi di merito...» Stati patologici dell atto amministrativo...» 801

31 Indice generale L invalidità dell atto amministrativo... Pag La nullità...» L illegittimità e l illiceità...» 802 a) L incompetenza...» 803 b) L eccesso di potere...» 803 c) La violazione di legge...» 805 d) Conseguenze dell illegittimità...» L inopportunità dell atto amministrativo: i vizi di merito...» Il potere di riesame della P.A. e gli atti di ritiro...» 806 a) Gli atti di ritiro...» 806 b) L annullamento d ufficio...» 806 c) La revoca...» 807 d) L abrogazione...» 808 e) La pronuncia di decadenza...» 808 f) Il mero ritiro...» 808 g) Impugnativa degli atti di ritiro...» La sanatoria dell atto amministrativo viziato...» 808 a) La convalescenza...» 809 b) La conservazione...» 809 Capitolo 9 L attività negoziale e consensuale della P.A. 1 La privatizzazione del diritto delle amministrazioni pubbliche: dal provvedimento al contratto...» Classificazione dei contratti della P.A...» Il nuovo Codice dei contratti pubblici...» L ambito di applicazione del Codice...» 811 a) Ambito soggettivo...» 812 b) Ambito oggettivo...» 812 c) Segue: I contratti sopra soglia e sotto soglia...» I principi generali per l aggiudicazione e l esecuzione di appalti e concessioni...» Il Responsabile unico del procedimento negli appalti e nelle concessioni...» La fase propedeutica alla gara: pianificazione, programmazione e progettazione...» La qualificazione e l aggregazione delle stazioni appaltanti...» 818 a) La qualificazione...» 818 b) L aggregazione...» La procedura di evidenza pubblica...» 819 a) Profili introduttivi...» 819 b) L evidenza pubblica...» L esecuzione del contratto...» Gli acquisti centralizzati...» 823 a) Gli acquisti centralizzati...» 824 b) La centralizzazione degli acquisti come strumento di razionalizzazione della spesa pubblica...» Gli accordi integrativi e sostitutivi del provvedimento...» Gli accordi di programma...» 827 Capitolo 10 I beni della P.A. 1 I beni pubblici...» I beni demaniali...» 829 a) Demanio necessario...» 829 b) Demanio accidentale (o eventuale)...» 830

32 1142 Indice generale c) Demanio naturale e artificiale... Pag. 830 d) Demanio regionale, provinciale e comunale...» 830 e) Regime giuridico...» 831 f) Utilizzazione dei beni pubblici...» I beni patrimoniali...» 831 a) I beni patrimoniali indisponibili...» 831 b) I beni patrimoniali disponibili...» 832 Capitolo 11 La responsabilità della P.A. e verso la P.A. 1 La responsabilità: concetto e tipi...» La responsabilità civile della P.A. per fatti illeciti...» La responsabilità extracontrattuale della P.A...» 833 a) Condotta...» 834 b) Antigiuridicità della condotta...» 834 c) Riferibilità della condotta alla P.A...» 834 d) Imputabilità...» 834 e) L evento dannoso...» 834 f) Nesso di causalità tra fatto antigiuridico ed evento dannoso...» La responsabilità contrattuale della P.A...» La responsabilità precontrattuale...» La responsabilità dei pubblici dipendenti nei confronti della P.A...» La responsabilità amministrativa e contabile...» 836 a) Il danno erariale...» 836 b) La responsabilità amministrativa...» 838 c) La responsabilità contabile...» 840 d) Differenze tra responsabilità amministrativa e responsabilità contabile...» 840 Capitolo 12 La giustizia amministrativa 1 Il sistema della tutela giurisdizionale in Italia...» La tutela in sede amministrativa...» 842 a) Il ricorso gerarchico...» 843 b) Il ricorso in opposizione...» 843 c) Il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica...» Il G.O. e l ambito della giurisdizione ordinaria...» Il G.A. e la giurisdizione amministrativa...» 845 a) Tipologie di giudizio innanzi al G.A...» Le azioni di cognizione esperibili innanzi all autorità giurisdizionale amministrativa...» 846 Approfondimenti sul processo amministrativo 6 La giurisdizione della Corte dei conti...» 847 a) Profili introduttivi...» 847 b) Tipologia dei giudizi...» I giudizi davanti alle altre giurisdizioni speciali amministrative...» 850 a) Il contenzioso tributario...» 850 b) Tribunali delle acque pubbliche...» 850 c) I Commissari per gli usi civici...» 850 Questionario...» 851 Soluzioni...» 858

33 Indice generale 1143 Parte VII Elementi di diritto civile Capitolo 1 La persona fisica 1 I soggetti di diritto... Pag La capacità giuridica...» La capacità di agire...» Gli istituti di protezione degli incapaci...» 863 a) La responsabilità genitoriale...» 863 b) La tutela...» 864 c) La curatela...» 864 d) L amministrazione di sostegno...» La minore età...» La sede giuridica della persona...» I diritti della personalità...» 866 Capitolo 2 Le persone giuridiche e gli enti non riconosciuti 1 Le persone giuridiche...» La capacità delle persone giuridiche...» Le associazioni non riconosciute...» I comitati...» 869 Capitolo 3 Il diritto di famiglia 1 Generalità...» Il matrimonio...» 870 a) Separazione dei coniugi...» 871 b) Scioglimento del matrimonio: il divorzio...» Famiglia di fatto e unioni civili...» La filiazione...» L adozione...» 876 a) L adozione dei minori...» 876 b) L adozione di maggiorenni...» 876 c) L adozione internazionale...» 877 Capitolo 4 I diritti reali e il diritto di proprietà 1 Concetto di «bene» e di «cosa»...» 878 a) Beni immobili e beni mobili (art. 812)...» 878 b) Cose specifiche e cose generiche...» 878 c) Cose fungibili e cose infungibili...» 878 d) Cose consumabili e inconsumabili...» 878 e) Cose divisibili ed indivisibili...» 878 f) I rapporti di connessione tra le cose...» 879 g) Le universalità...» Nozione e caratteri dei diritti reali...» Il diritto di proprietà (artt. 832 e ss.)...» 880 a) Limiti legali al diritto di proprietà...» 880 b) Perdita della proprietà...» 881

34 1144 Indice generale 4 La comunione (artt e ss.)... Pag Il condominio negli edifici (artt e ss.)...» I diritti reali limitati...» 882 I diritti reali limitati Capitolo 5 Il negozio giuridico 1 I fatti e gli atti giuridici...» Il negozio giuridico...» La volontà...» 884 a) La simulazione (artt )...» 884 b) I vizi della volontà...» La causa...» L oggetto...» La forma...» Gli elementi accidentali del negozio giuridico...» La rappresentanza...» 887 a) La procura...» 888 b) Abuso, eccesso e difetto del potere di rappresentanza (artt )...» La patologia del negozio giuridico...» 889 a) La nullità...» 889 b) L annullabilità...» 889 c) La convalida (art. 1444)...» 890 Capitolo 6 Le obbligazioni 1 Il rapporto obbligatorio...» Gli elementi dell obbligazione...» Principali tipi di obbligazione...» 891 a) Obbligazioni soggettivamente complesse...» 892 b) Obbligazione con pluralità di oggetti...» 892 c) Altre distinzioni rispetto alla prestazione...» 892 d) Le obbligazioni pecuniarie...» L estinzione del rapporto obbligatorio...» L adempimento...» 893 a) Imputazione dei pagamenti (artt e ss.)...» 894 b) L adempimento del terzo (art. 1180)...» 894 c) Prestazione in luogo dell adempimento (datio in solutum, art. 1197)...» Modi di estinzione diversi dall adempimento...» 894 a) Compensazione (artt )...» 894 b) Confusione (artt )...» 895 c) Novazione (artt )...» 895 d) Remissione del debito (artt )...» L inadempimento (art. 1218)...» La mora del debitore (art. 1219)...» La mora del creditore (art. 1206)...» Il risarcimento del danno per inadempimento e la responsabilità contrattuale...» 897 Capitolo 7 I contratti 1 Il contratto...» Disciplina del contratto in generale...» Classificazioni dei contratti...» 899

Area 1: Ordinamenti scolastici e autonomia

Area 1: Ordinamenti scolastici e autonomia Area 1: Ordinamenti scolastici e autonomia Indicazioni per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione, novembre 2012; Testo; Chiavi di lettura; Approfondimenti; Riferimenti

Dettagli

È vietata la riproduzione anche parziale Napoli e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione

È vietata la riproduzione anche parziale Napoli e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione Copyright 2016 Simone S.p.A. Tutti i diritti riservati Via F. Russo, 33/D È vietata la riproduzione anche parziale 80123 Napoli e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione www.simone.it scritta dell editore

Dettagli

Nuova Secondaria GUIDA DEL DOCENTE DIRITTI E DOVERI DELL INSEGNANTE DEL SECONDO CICLO. Anno Scolastico a cura di Francesco Magni

Nuova Secondaria GUIDA DEL DOCENTE DIRITTI E DOVERI DELL INSEGNANTE DEL SECONDO CICLO. Anno Scolastico a cura di Francesco Magni Nuova Secondaria GUIDA DEL DOCENTE DIRITTI E DOVERI DELL INSEGNANTE DEL SECONDO CICLO Anno Scolastico 2014-2015 a cura di Francesco Magni Redazione di Nuova Secondaria (redazionens@lascuola.it) 2014 -

Dettagli

Fase valutazione, monitoraggi, individuazione indicatori TUTTI I DIRIGENTI TECNICI. Fase istruttoria e fase assegnazione fondi

Fase valutazione, monitoraggi, individuazione indicatori TUTTI I DIRIGENTI TECNICI. Fase istruttoria e fase assegnazione fondi AREE DI INTERVENTO COMUNI a Dirigenti Tecnici e al Personale utilizzato per il supporto all autonomia delle Sistema Nazionale di Valutazione: supporto alle esami di Stato, di qualifica, di abilitazione

Dettagli

PARTE 1 FONDAMENTI DI DIRITTO PUBBLICO E AMMINISTRATIVO

PARTE 1 FONDAMENTI DI DIRITTO PUBBLICO E AMMINISTRATIVO PARTE 1 FONDAMENTI DI DIRITTO PUBBLICO E AMMINISTRATIVO IL SISTEMA DELLE FONTI DEL DIRITTO ITALIANO LE FONTI DEL DIRITTO 1) Definizione e classificazione 2) Criteri di risoluzione delle antinomie 3) La

Dettagli

Corso di formazione Concorso a cattedra 2016 Le competenze e abilità del docente. Programma

Corso di formazione Concorso a cattedra 2016 Le competenze e abilità del docente. Programma Corso di formazione Concorso a cattedra Le competenze e abilità del docente Programma DESTINATARI Candidati del Concorso a Cattedra per tutte le classi di concorso di ogni ordine e grado. NUMERO PARTECIPANTI

Dettagli

Francesco Magni DIRITTI E DOVERI DELL INSEGNANTE DEL SECONDO CICLO DOPO LA LEGGE 107/2015 GUIDA DEL DOCENTE A.S. 2016/2017

Francesco Magni DIRITTI E DOVERI DELL INSEGNANTE DEL SECONDO CICLO DOPO LA LEGGE 107/2015 GUIDA DEL DOCENTE A.S. 2016/2017 Francesco Magni DIRITTI E DOVERI DELL INSEGNANTE DEL SECONDO CICLO DOPO LA LEGGE 107/2015 GUIDA DEL DOCENTE A.S. 2016/2017 Editrice La Scuola Edizioni Studium Guida del docente a.s. 2016/2017 I diritti

Dettagli

LE COMPETENZE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO. Nella gestione della scuola

LE COMPETENZE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO. Nella gestione della scuola LE COMPETENZE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Nella gestione della scuola 1 NUOVO PROFILO passaggio dal ruolo direttivo al ruolo dirigenziale ( art. 25 del D. L.vo 165/2001 ) 2 Il Dirigente scolastico : Assicura

Dettagli

Valore P.A. - Corsi di formazione Programma dettagliato del Corso

Valore P.A. - Corsi di formazione Programma dettagliato del Corso Valore P.A. - Corsi di formazione 2017 Programma dettagliato del Corso La riforma del pubblico impiego tra responsabilità disciplinare, performance e valutazione Il Corso ha ad oggetto il processo e i

Dettagli

Se avessi dato retta ai miei clienti avrei dovuto allevare un cavallo più veloce. loredana leoni

Se avessi dato retta ai miei clienti avrei dovuto allevare un cavallo più veloce. loredana leoni Se avessi dato retta ai miei clienti avrei dovuto allevare un cavallo più veloce FINALITÀ Dare piena attuazione all autonomia delle istituzioni scolastiche per Innalzare il livello di competenze degli

Dettagli

Piano per la formazione dei docenti Schede di lettura Le priorità nazionali: i destinatari

Piano per la formazione dei docenti Schede di lettura Le priorità nazionali: i destinatari AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA Referenti di istituto, funzioni strumentali e figure di Progettazione nell ambito dell autonomia, flessibilità organizzativa, leadership educativa, governance territoriale

Dettagli

Preparazione al concorso DIRIGENTI SCOLASTICI

Preparazione al concorso DIRIGENTI SCOLASTICI Preparazione al concorso DIRIGENTI SCOLASTICI Disclaimer Certipass ha predisposto questo documento per l approfondimento delle materie relative alla Cultura Digitale e al migliore utilizzo del personal

Dettagli

Istituto. Specifiche degli incarichi per il funzionamento d istituto. Anno scolastico

Istituto. Specifiche degli incarichi per il funzionamento d istituto. Anno scolastico Istituto Specifiche degli incarichi per il funzionamento d istituto Anno scolastico Collaboratore Vicario sostituzione del DS in caso di assenza; predisposizione organico personale docente sez. diurna;

Dettagli

CALENDARIO ANNUALE DELLE RIUNIONI COLLEGIALI

CALENDARIO ANNUALE DELLE RIUNIONI COLLEGIALI Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado DON CHENDI Tresigallo Via Franceschini, 2 Tel/fax 0533/607748 www.icdonchenditresigallo.it feic803001@istruzione.it ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio X - Ambito territoriale di Biella

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio X - Ambito territoriale di Biella Allegato 1 Elenco delle UO funzionali alla gestione documentale dell AOOUSPBI USPBIarchivio UO DENOMINAZIONE ATTIVITA ISTITUZIONALE Ufficio Protocollo Archivio e Spedizioni 1.Protocollo Informatico 2.Gestione

Dettagli

Anp - La Buona Scuola. Nella Legge 107/2015 La nuova Governance

Anp - La Buona Scuola. Nella Legge 107/2015 La nuova Governance Nella Legge 107/2015 La nuova Governance 1 Le competenze del Dirigente Scolastico Il Piano triennale dell offerta formativa L organico dell autonomia I collaboratori del Dirigente Il Comitato di valutazione

Dettagli

Pubblicata in G.U. il 15 luglio 2015

Pubblicata in G.U. il 15 luglio 2015 Pubblicata in G.U. il 15 luglio 2015 I CONTENUTI DEL PIANO Offerta formativa Programmazione FORMAZIONE docenti e ATA Organico docente e ATA Fabbisogno RISORSE Attrezzature Materiali commi12-14 Infrastrutture

Dettagli

Dirigente - I.C. 1 LEGNAGO - VRIC89800D

Dirigente - I.C. 1 LEGNAGO - VRIC89800D INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERNARDINELLO GABRIELE Data di nascita 12/04/1970 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia Dirigente - I.C. 1 LEGNAGO - VRIC89800D

Dettagli

SETTEMBRE ESAMI INTEGRATIVI ED IDONEITA (08/09 10/09) DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

SETTEMBRE ESAMI INTEGRATIVI ED IDONEITA (08/09 10/09) DIPARTIMENTI DISCIPLINARI GIORNO ATTIVITA N ORE SETTEMBRE 01.09.2015 Ore 09,00 12,00 Aula Montalcini COLLEGIO DOCENTI 1) Approvazione verbale seduta precedente; 2) Designazione dei collaboratori e del vicario del dirigente scolastico;

Dettagli

Elenco UO Unità organizzativa corrispondente a ciascun ufficio della AOOUSPCZ

Elenco UO Unità organizzativa corrispondente a ciascun ufficio della AOOUSPCZ Direzione Generale UFFICIO II Ambito Territoriale di Catanzaro ALLEGATO 1 Elenco UO Unità organizzativa corrispondente a ciascun ufficio della AOOUSPCZ UO DENOMINAZIONE ATTIVITÀ PUNTI UNICI DI ACCESSO

Dettagli

COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15

COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15 COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15 ARGOMENTO AZIONE LEGGE DI RIFERIMENTO ORGANO COMPETENTE Prerogativa didattica Impiego

Dettagli

Il sistema di valutazione scolastico alla luce della legge 107/2015

Il sistema di valutazione scolastico alla luce della legge 107/2015 Il sistema di valutazione scolastico alla luce della legge 107/2015 Milano, 25 ottobre 2016 Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Maria Rosaria Capuano 1 IL CONTESTO EUROPEO Esigenza sempre più

Dettagli

IC REGINA ELENA - AMBITO 1 - ROMA

IC REGINA ELENA - AMBITO 1 - ROMA la nuova normativa: quadro di riferimento Legge 107/2015 Art.1 comma 124 Art.1 comma 181 lett.b «Nell ambito degli adempimenti connessi alla funzione docente la formazione in servizio dei docenti di ruolo

Dettagli

Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s QUADRIMESTRE

Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s QUADRIMESTRE Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s. 2016 2017 QUADRIMESTRE Mese Consigli di Classe Scrutini Incontri Scuola/Famiglia Incontri STAFF Collegi/Dipartimenti Attività Recupero Simulazioni Appuntamenti

Dettagli

Tempi MIUR per iscrizione. 10 gg stabilito da istituzione scolastica. 10 gg stabilito da istituzione scolastica

Tempi MIUR per iscrizione. 10 gg stabilito da istituzione scolastica. 10 gg stabilito da istituzione scolastica (breve descrizione e rif. normativi utili) Termini di conclusione Unità organizzativa Responsabile dell'istruttoria Nominativo Responsabile del procedimento (recapiti) di iscrizione on-line Tempi MIUR

Dettagli

Dossier informativo n. 37

Dossier informativo n. 37 La riforma del pubblico impiego:dal d.l. 112/2008 al d.lgs. 150/2009 Dicembre 2009 Dossier informativo n. 37 Collana pubblicazioni Direzione Segreteria dell Assemblea regionale VIII Legislatura Direzione

Dettagli

CFIScuola- Via Maverna, Ferrara C.F. e P.IVA Tel

CFIScuola- Via Maverna, Ferrara C.F. e P.IVA Tel MODULO 0 - PRESENTAZIONE E FORUM DEL CORSO Forum Comunicazioni F.A.Q. - Generali, organizzative e tecniche Forum Presentazione dei corsisti Forum 29 interventi non letti Forum didattico (Formatore) 35

Dettagli

il termine di conclusione ordinatorio dei procedimenti è di 30 gg ovvero di altro termine sta

il termine di conclusione ordinatorio dei procedimenti è di 30 gg ovvero di altro termine sta il termine di conclusione ordinatorio dei procedimenti è di 30 gg ovvero di altro termine sta (breve descrizione e rif. normativi utili) Termini di conclusione Unità organizzativa Responsabile dell'istruttoria

Dettagli

MIUR.AOOUSPBI.REGISTRO UFFICIALE(U)

MIUR.AOOUSPBI.REGISTRO UFFICIALE(U) MIUR.AOOUSPBI.REGISTRO UFFICIALE(U).0002932.20-12-2017 Allegato 1 Elenco delle UO funzionali alla gestione documentale dell AOOUSPBI UO DENOMINAZIONE ATTIVITA ISTITUZIONALE USPBIUFFAAGG Ufficio Affari

Dettagli

UO DENOMINAZIONE ATTIVITÀ ISTITUZIONALE PUNTI UNICI DI ACCESSO Segreteria Segreteria particolare del

UO DENOMINAZIONE ATTIVITÀ ISTITUZIONALE PUNTI UNICI DI ACCESSO Segreteria Segreteria particolare del ALLEGATO 1 Elenco UO Unità organizzativa corrispondente a ciascun ufficio della AOOUSPVV UO DENOMINAZIONE ATTIVITÀ ISTITUZIONALE PUNTI UNICI DI ACCESSO Segreteria Segreteria particolare del UO I Dirigente;

Dettagli

Formazione Personale ATA

Formazione Personale ATA Formazione Personale ATA T E M A T I C A G L I O B I E T T I V I, G L I S T R U M E N T I E L E F U N Z I O N I D E L L A U T O N O M I A S C O L A S T I C A F O R M A T O R E : R I T A G A E T A Principali

Dettagli

Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» La gerarchia delle fonti...» Il Titolo V della Costituzione...

Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» La gerarchia delle fonti...» Il Titolo V della Costituzione... Parte I Nozioni Introduttive. Il rapporto di lavoro Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» 17 2. La gerarchia delle fonti...» 18 3. Il Titolo V della Costituzione...» 30 Capitolo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... Pag. V. Capitolo Primo NOZIONI E FONTI DEL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE SOMMARIO. Premessa... Pag. V. Capitolo Primo NOZIONI E FONTI DEL DIRITTO DEL LAVORO INDICE SOMMARIO Premessa... Pag. V Capitolo Primo NOZIONI E FONTI DEL DIRITTO DEL LAVORO 1. Il lavoro... Pag. 3 2. Il lavoro subordinato...» 4 3. Subordinazione socioeconomica e subordinazione giuridica.»

Dettagli

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI Allegato Verb 2 del 5/5/2016 CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI PREREQUISITI - contratto a tempo indeterminato; - assenza di azioni disciplinari con sanzioni erogate nel corso dell a.s.

Dettagli

DESCRITTORI Ai quali attribuire un peso in rapporto alla loro attinenza con RAV, P d M, PTOF

DESCRITTORI Ai quali attribuire un peso in rapporto alla loro attinenza con RAV, P d M, PTOF AREA INDICATORI di COMPETENZA DESCRITTORI Ai quali attribuire un peso in rapporto alla loro attinenza con RAV, P d M, PTOF EVIDENZE E RISCONTRI PESO A A1 Qualità dell insegnamento 1. Innova la propria

Dettagli

TABELLA TERMINI PROCEDIMENTALI

TABELLA TERMINI PROCEDIMENTALI TABELLA TERMINI PROCEDIMENTALI Termini di Unità Nominativo Responsabile del Titolare Documenti da Modalità Link di Modalità per conclusione zzativa Responsabile provvedimento potere allegare all'istanza

Dettagli

COMPETENZE UFFICIO III (PERSONALE DELLA SCUOLA)

COMPETENZE UFFICIO III (PERSONALE DELLA SCUOLA) COMPETENZE UFFICIO III (PERSONALE DELLA SCUOLA) DOTAZIONI ORGANICHE, DI DIRITTO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO E ATA STATALE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DI OGNI ORDINE E GRADO DELLA REGIONE: ASSEGNAZIONE

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, Palermo - Tel. 091/

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, Palermo - Tel. 091/ MPI.AOODRSI.REG.UFF. n. 7845 USC Palermo,10 giugno 2015 Ufficio I IL DIRETTORE GENERALE VISTO VISTO RITENUTO il D.P.C.M. 11 febbraio 2014, n.98, recante il Regolamento di organizzazione del Ministero dell

Dettagli

Premessa... pag. 5. Parte I. Il rapporto di lavoro

Premessa... pag. 5. Parte I. Il rapporto di lavoro Premessa... pag. 5 Parte I Nozioni Introduttive. Il rapporto di lavoro Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» 17 2. La gerarchia delle fonti...» 18 3. Il Titolo V della Costituzione...»

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS)

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS) PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA AA. SS. 2016-2019 Revisione 1 Gennaio 2016 ARTICOLAZIONE DEL POF PARTE I LA SCUOLA E LA REALTÀ TERRITORIALE

Dettagli

PROFESSIONALITA' DOCENTE INDICATORI DESCRITTORI PRESENZA/NON PRESENZA COMPETENZE PROFESSIONALI PERCEPITE ESTERNO SCUOLA INTERNO SCUOLA

PROFESSIONALITA' DOCENTE INDICATORI DESCRITTORI PRESENZA/NON PRESENZA COMPETENZE PROFESSIONALI PERCEPITE ESTERNO SCUOLA INTERNO SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.MARCONI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado Sedi di Paternò e Ragalna CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO PER L ATTRIBUZIONE DEL BONUS

Dettagli

LICEO ARTISTICO ENRICO GALVANI CORDENONS (PN) CRITERI VALUTAZIONE DEL MERITO_L.107/2015

LICEO ARTISTICO ENRICO GALVANI CORDENONS (PN) CRITERI VALUTAZIONE DEL MERITO_L.107/2015 LICEO ARTISTICO ENRICO GALVANI CORDENONS (PN) CRITERI VALUTAZIONE DEL MERITO_L. A. Qualità dell insegnamento e contributo al miglioramento dell istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico

Dettagli

MANSIONARIO PERSONALE

MANSIONARIO PERSONALE MANSIONARIO PERSONALE Staff Collaboratore vicario (Responsabile S.G.Q.) : D.S.G.A. (Direttore servizi generali e amministrativi): Responsabili di plesso: Figure di sistema Responsabile servizio sicurezza

Dettagli

TITOLARIO in uso dal 1/1/2014

TITOLARIO in uso dal 1/1/2014 LICEO PRIMO LEVI SAN DONATO MILANESE TITOLARIO in uso dal 1/1/2014 A 1 Circolari - Comunicazioni interne A 3 Amministrazione scolastica periferica: A3a disposizioni generali A3b organizzazione servizio,

Dettagli

Direttore Generale - Direzione Generale per le Risorse Umane

Direttore Generale - Direzione Generale per le Risorse Umane INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 14/08/1948 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COCCIMIGLIO ANTONIO I Fascia MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA

Dettagli

Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s QUADRIMESTRE

Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s QUADRIMESTRE Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s. 2016 2017 QUADRIMESTRE Mese Consigli di Classe Scrutini Incontri Scuola/Famiglia Incontri STAFF Collegi/Dipartimenti Attività Recupero Simulazioni Appuntamenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca cod. mecc. RMIS069006 rmis069006@istruzione.it C.F. 97089790584 Sede Centrale: Via D. Parasacchi, 21-062003140-0620686637 fax062003026 Roma, 30 agosto 2017-0622468129 AL COLLEGIO DEI DOCENTI e per conoscenza

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione del Liceo Scientifico A.S. 2016/2017

Piano Annuale per l Inclusione del Liceo Scientifico A.S. 2016/2017 Piano Annuale per l Inclusione del Liceo Scientifico A.S. 2016/2017 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3,

Dettagli

Oggetto: Pubblicazione dell elenco dei procedimenti amministrativi adottati relativi al PTPC.

Oggetto: Pubblicazione dell elenco dei procedimenti amministrativi adottati relativi al PTPC. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO D ALESSANDRO VOCI Via dei sanniti, 12 tel./fax 0882/473974 71015 san nicandro garganico (fg) Cod. mecc. fgmm141008;

Dettagli

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ADOTTATI

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ADOTTATI ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ADOTTATI (breve descrizione e rif. normativi utili) Termini di conclusione Unità organizzativa Responsabile dell'istruttoria Nominativo Responsabile del procedimento

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TRIENNIO A.S. 2016/ / /19

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TRIENNIO A.S. 2016/ / /19 ITET V. EMANUELE III Via Dante, 12 71036 LUCERA (FG) 0881 521302 0881 521303 :www.itclucera.it fgtd060005@istruzione.it fgtd060005@pec.istruzione.it C.F. 82000970713 C.U.U. UF84Z1 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Il piano di inclusione nelle Istituzioni Scolastiche secondo le recenti disposizioni normative

Il piano di inclusione nelle Istituzioni Scolastiche secondo le recenti disposizioni normative Il piano di inclusione nelle Istituzioni Scolastiche secondo le recenti disposizioni normative La normativa di riferimento La Direttiva del MIUR sui BES del 27 Dicembre 2012, Bisogni Educativi, Speciali,

Dettagli

I LA PRIVATIZZAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

I LA PRIVATIZZAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Presentazione...................................... VII Capitolo I LA PRIVATIZZAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1.1. Il quadro normativo.............................

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DEL MERITO DOCENTI

MODULO PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DEL MERITO DOCENTI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca AL DIRIGENTE SCOLASTICO MODULO PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DEL MERITO DOCENTI Il/La sottoscritto/a nato/a il, domiciliato/a in via c.a.p.,

Dettagli

INDICE 1.2 - PRIORITA, TRAGUARDI, OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL RAV

INDICE 1.2 - PRIORITA, TRAGUARDI, OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL RAV INDICE LA DEFINIZIONE DELLA VISION E DELLA MISSION DELLA SCUOLA CAP. 1 LE PRIORITÁ STRATEGICHE 1.1 - DESCRIZIONE DELL AMBIENTE DI RIFERIMENTO E DELLE RISORSE DISPONIBILI 1.1.1 - Popolazione scolastica

Dettagli

Corso di preparazione al concorso per Dirigenti Scolastici 2017 Scheda riepilogativa livelli: 1,2 e 3

Corso di preparazione al concorso per Dirigenti Scolastici 2017 Scheda riepilogativa livelli: 1,2 e 3 Corso di preparazione al concorso per Dirigenti Scolastici 2017 Scheda riepilogativa livelli: 1,2 e 3 OBIETTIVI Percorso formativo svolto interamente in Rete, attivo già da febbraio 2015 e con iscrizioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Pubblicazione ai sensi dell art. 35 del D.lgs. 33/2013 Aggiornato al 30 novembre 2015

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Pubblicazione ai sensi dell art. 35 del D.lgs. 33/2013 Aggiornato al 30 novembre 2015 Ministero l Istruzione, l Università e la Ricerca Pubblicazione ai sensi l art. 35 D.lgs. 33/2013 Aggiornato al 30 novembre 2015 ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELL UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE

Dettagli

DS DS Dirigente ATP . DSGA DSGA Dirigente ATP . DSGA DSGA Dirigente ATP

DS  DS  Dirigente ATP  . DSGA  DSGA  Dirigente ATP  . DSGA  DSGA  Dirigente ATP (breve descrizione e rif. normativi utili) di iscrizione online di rilascio di certificato di frequenza solo per privati Termini di conclusione per iscrizione Unità organizzativa Responsabile dell'istruttoria

Dettagli

A. Rilevazione dei BES presenti: n. minorati udito 1 DSA 4. Altro 5. Disagio comportamentale/relazionale 1. Linguistico culturale 19.

A. Rilevazione dei BES presenti: n. minorati udito 1 DSA 4. Altro 5. Disagio comportamentale/relazionale 1. Linguistico culturale 19. PRIMARIA PARITARIA CASA EDUCAZIONE E LAVORO a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Allegato del POF Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n disabilità

Dettagli

Diritto amministrativo I (A-L)

Diritto amministrativo I (A-L) Insegnamento Diritto amministrativo I (A-L) Docente titolare dell insegnamento Gerolamo Taccogna Corsi di studio laurea Magistrale in Giurisprudenza Programma per gli studenti frequentanti Carattere giuridico

Dettagli

Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose

Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Istituto Istruzione La Rosa Bianca - Planning a.s. 25/16 Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose PLANNING A.S. 25 26 Settembre Mar. /09 09:00 11:00 Collegio dei Docenti - insediamento del Collegio

Dettagli

RISORSE PROFESSIONALI:

RISORSE PROFESSIONALI: RISORSE PROFESSIONALI: Quantità e qualità del personale della scuola (conoscenze e competenze disponibili) Dal RAV: - La percentuale di docenti a tempo indeterminato in servizio nei tre ordini di scuola

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E UROPEO

C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E UROPEO C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E UROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Pec Via Calatafimi 8 57126 Livorno Nazionalità Italiana Data di nascita 3 DICEMBRE 1967 Codice

Dettagli

IL COMITATO DI VALUTAZIONE. il DLgs , n. 297, art. 11 così come novellato dalla legge 107/15, ed in particolare il comma 3;

IL COMITATO DI VALUTAZIONE. il DLgs , n. 297, art. 11 così come novellato dalla legge 107/15, ed in particolare il comma 3; MINISTERO dell'istruzione,universita' e RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELLERA VITERBO Piazza Gustavo VI Adolfo n. 000 Viterbo Tel. 076/34309 vtic834005@istruzione.it

Dettagli

EMANA. Ai sensi dell art. 3 del DPR 275/99 così come sostituito dall art. 1 comma 14 della legge 107/2015, il seguente.

EMANA. Ai sensi dell art. 3 del DPR 275/99 così come sostituito dall art. 1 comma 14 della legge 107/2015, il seguente. Prot. N.3348/3pi Ai docenti OGGETTO: atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa ex art. 1 comma 14, legge 107/2015. IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI. Docente

DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI. Docente DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI Docente DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI Aree di riferimento Criteri individuati dal Comitato di valutazione

Dettagli

STATUTO INTERNO PER IL COMITATO DI VALUTAZIONE a.s. 2015/2016

STATUTO INTERNO PER IL COMITATO DI VALUTAZIONE a.s. 2015/2016 STATUTO INTERNO PER IL COMITATO DI VALUTAZIONE a.s. 2015/2016 PREMESSA Il Comitato per la Valutazione dei Docenti è ora novellato dal c. 129 dell Art. 1 della Legge 107 del 13 luglio 2015. Il Comitato

Dettagli

Distribuzione delle funzioni Decentramento, autonomie territoriali, autonomie funzionali

Distribuzione delle funzioni Decentramento, autonomie territoriali, autonomie funzionali Insegnamento Docente titolare dell insegnamento Corsi di studio Diritto amministrativo Gerolamo Taccogna laurea Magistrale in servizio sociale e politiche sociali Programma per gli studenti frequentanti

Dettagli

Programmazione inizio anno 21 Collegio Docenti 6 Adozione libri di testo (Collegio Docenti)

Programmazione inizio anno 21 Collegio Docenti 6 Adozione libri di testo (Collegio Docenti) SCUOLA PRIMARIA PLESSI S. LUCIA, ORTIGIA E ISOLA Anno Scolastico 203/ PIANO DELLE ATTIVITA AGGIUNTIVE E FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO SCUOLA PRIMARIA a) ATTIVITA ORE Programmazione inizio anno 2 Collegio

Dettagli

RIFORMA DEL PUBBLICO IMPIEGO Novità introdotte dalla c.d. riforma Madia [d.lgs. 74/2017 e d.lgs. 75/2017]

RIFORMA DEL PUBBLICO IMPIEGO Novità introdotte dalla c.d. riforma Madia [d.lgs. 74/2017 e d.lgs. 75/2017] DIREZIONE GENERALE INFORMAZIONE GIURIDICA RIFORMA DEL PUBBLICO IMPIEGO Novità introdotte dalla c.d. riforma Madia [d.lgs. 74/2017 e d.lgs. 75/2017] Aggiornato al 16 giugno 2017 (a cura di G. Valandro)

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio (+39) istituzionale

CURRICULUM VITAE. Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio (+39) istituzionale CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome De Angelis Gildo Data di nascita 29 luglio 1952 Qualifica Dirigente di I Fascia Amministrazione MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA

Dettagli

ORARIO DI SERVIZIO PERSONALE A.T.A. UFFICIO DI SEGRETERIA. DIRETTORE SGA PINI SILVANA da lunedì a sabato 7,30/13,30

ORARIO DI SERVIZIO PERSONALE A.T.A. UFFICIO DI SEGRETERIA. DIRETTORE SGA PINI SILVANA da lunedì a sabato 7,30/13,30 ORARIO DI SERVIZIO PERSONALE A.T.A. UFFICIO DI SEGRETERIA DIRETTORE SGA PINI SILVANA da lunedì a sabato 7,30/13,30 ASSISTENTI AMM.VI BOCCACCI Cristina da lunedì a sabato 7,30/13,30 BRIANTI Enrica lunedì-martedì-giovedì

Dettagli

REQUISITI, PROGRAMMA PROVE, CORSO FORMAZIONE,

REQUISITI, PROGRAMMA PROVE, CORSO FORMAZIONE, CONCORSO PER DIRIGENTI SCOLASTICI REQUISITI, PROGRAMMA PROVE, CORSO FORMAZIONE, TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE Il 20 settembre 2017 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Regolamento sulle procedure

Dettagli

Incontro con le scuole polo per la formazione. Chiara Brescianini Dirigente Ufficio III. Bologna, 19 Dicembre 2017

Incontro con le scuole polo per la formazione. Chiara Brescianini Dirigente Ufficio III. Bologna, 19 Dicembre 2017 Incontro con le scuole polo per la formazione Chiara Brescianini Dirigente Ufficio III Bologna, 19 Dicembre 2017 LA NOTA DELL 8 NOVEMBRE 2017, PROT.47777 Con Nota dell'8 novembre 2017, prot.47777 Indicazioni

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Anno scolastico 2015 / 2016 Allegato "C" al PTOF 2015 / 2108 Alessandria, 14 gennaio 2016 Approvato dal Gruppo di Lavoro per l Inclusione in data 12 gennaio 2016 Deliberato

Dettagli

La funzione docente: diritti e doveri degli insegnanti. Sergio Cicatelli Corso di legislazione scolastica / 10

La funzione docente: diritti e doveri degli insegnanti. Sergio Cicatelli Corso di legislazione scolastica / 10 La funzione docente: diritti e doveri degli insegnanti Sergio Cicatelli Corso di legislazione scolastica / 10 La funzione docente La funzione docente è «esplicazione essenziale dell attività di trasmissione

Dettagli

ALLEGATO VII IL PIANO DI FABBISOGNO DI RISORSE UMANE

ALLEGATO VII IL PIANO DI FABBISOGNO DI RISORSE UMANE ALLEGATO VII IL PIANO DI FABBISOGNO DI RISORSE UMANE Il fabbisogno di posti comuni è determinato dal numero di sezioni e di classi che si formano, a partire dal numero di alunni effettivamente iscritti.

Dettagli

Direzione didattica De Amicis COMISO (RG)

Direzione didattica De Amicis COMISO (RG) Direzione didattica De Amicis COMISO (RG) PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITÀ A.S. 2016/2017 CCNL 29/11/2007 (art. 26 CCNL 2003 art. 42 CCNL 1995 art. 24 CCNL 1999) fino a n.40 ore annue per la partecipazione

Dettagli

Funzioni Strumentali PREMESSA

Funzioni Strumentali PREMESSA Anno scolastico: 2015/16 I.I.S. A.MONCADA - LENTINI Funzioni Strumentali PREMESSA Le Funzioni strumentali sono svolte da docenti di riferimento su aree di intervento considerate strategiche per la vita

Dettagli

LA BUONA SCUOLA LEGGE n.107 (G.U. del )

LA BUONA SCUOLA LEGGE n.107 (G.U. del ) + LA BUONA SCUOLA LEGGE 13.7.2015 n.107 (G.U. del 15.7.2015) + OGGETTO E FINALITA Commi 1-4 2 Affermazione del ruolo centrale della scuola nelle società della conoscenza Innalzamento dei livelli di istruzione

Dettagli

Fattori di qualità Standard garantiti Fattori esterni ostativi

Fattori di qualità Standard garantiti Fattori esterni ostativi Fattori di qualità Standard garantiti Fattori esterni ostativi Continuità educativa Gruppi di lavoro docenti materna-elementare-medie per minimo tre incontri annui su tematiche di raccordo didattico Articolazione

Dettagli

DS DS Dirigente ATP . DSGA DSGA Dirigente ATP . DSGA DSGA Dirigente ATP

DS  DS  Dirigente ATP  . DSGA  DSGA  Dirigente ATP  . DSGA  DSGA  Dirigente ATP di iscrizione on-line di rilascio di certificato di frequenza solo per privati Tempi MIUR per iscrizione 15 gg stabilito l'istruttoria Certificazione disabilità L.104/92 (ove necessario) da allegare Molo

Dettagli

Valorizzazione del merito

Valorizzazione del merito Valorizzazione del merito Criteri del comitato di valutazione 1 Il comitato di valutazione la composizione c. 129 Il dirigente, che lo presiede Tre docenti, di cui due scelti dal collegio uno dal consiglio

Dettagli

MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE

MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE (Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 15/10 del 30/04/2010,

Dettagli

I.I.S.S. Primo Levi - Quartu Sant Elena

I.I.S.S. Primo Levi - Quartu Sant Elena I.I.S.S. Primo Levi - Quartu Sant Elena In attuazione del Piano Triennale Regionale di Prevenzione della Corruzione 2016/2018 dell Ufficio Scolastico Regionale della Sardegna vengono di seguito riportate,

Dettagli

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Marzo 2017 INDICE della MAPPA INDICATORI 1 Contesto... 2 1.1 Popolazione scolastica... 2 1.2 Territorio e capitale sociale... 3 1.3 Risorse economiche e

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2016/17

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2016/17 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2016/17 - Il presente piano potrà subire delle modifiche e/o variazioni. La dirigenza si occuperà di avvertire i docenti in tempo utile attraverso circolari

Dettagli

C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S

C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S Piazza Papa Giovanni Paolo II, 906 Palermo Tel 09 599 Fax 09 67099 E-mail: paee000@istruzione.it C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S. 05-06 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA VALUTAZIONE DEI DOCENTI: -Assenza di

Dettagli

Curriculum Vitae. Dal 01/01/2005 Incarico di Vice Segretario del Comune di Castegnato

Curriculum Vitae. Dal 01/01/2005 Incarico di Vice Segretario del Comune di Castegnato Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome GOZZINI ORNELLA Data di nascita 10/03/1967 Qualifica Funzionario Amministrativo Amministrazione Comune di Castegnato (BS) Incarico attuale Responsabile

Dettagli

Delibera n. del IL COLLEGIO DEI DOCENTI

Delibera n. del IL COLLEGIO DEI DOCENTI Delibera n. del 15.11.2016 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI VISTA CONSIDERATO ESAMINATE Gli artt. dal 63 al 71 del C.C.N.L. 29.11.2007 recanti disposizioni per l attività di aggiornamento e formazione dei

Dettagli

Commissione per il monitoraggio e la valutazione del Piano di formazione del personale docente neoassunto D.D.G. USR ER n. 363 del prot.

Commissione per il monitoraggio e la valutazione del Piano di formazione del personale docente neoassunto D.D.G. USR ER n. 363 del prot. 1 2 Bilancio competenze iniziale e finale Colloquio davanti al CdV Patto per lo sviluppo professionale Formazione on line e portfolio professionale Incontri propedeutici e di restituzione Peer to peer

Dettagli

2 h. 2 h. 2 h. 1/09/2014 (lunedì) 2/09/2014 (martedì) (Programmazione iniziale)

2 h. 2 h. 2 h. 1/09/2014 (lunedì) 2/09/2014 (martedì) (Programmazione iniziale) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo n 2 Siniscola (Nu) Via Sarcidano loc. Sa Sedda tel. 0784/877813 - fax 0784/874040 - nuic87900t@istruzione.it Piano Annuale

Dettagli

sito web cert.: bnis00200 bnis00200 pec.istruzione.it DS Pelosi Angela Maria

sito web   cert.: bnis00200 bnis00200 pec.istruzione.it DS Pelosi Angela Maria e-mail cert.: (breve descrizione e rif. normativi utili) Termini di conclusione Unità organizzativa Responsabile dell'istruttoria Nominativo Responsabile del procedimento (recapiti) Responsabile del provvedimento

Dettagli

Tel

Tel CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ROSARIA ROSSI E-mail Tel 081 795 8324 rosaria.rossi@comune.napoli.it Nazionalità italiana Data di nascita 22 agosto 1961 ESPERIENZA LAVORATIVA Date

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA Anno scolastico 2015/2016

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA Anno scolastico 2015/2016 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA Anno scolastico 2015/2016 MESE DATA e ORARIO ATTIVITA ORDINE DEL GIORNO - CONTENUTI COORDINATORE /I SETTEMBRE 01/09/2015 Presa di servizio personale docente 01/09/2015 Collegio

Dettagli

La valorizzazione del merito dei docenti

La valorizzazione del merito dei docenti Seminario Nazionale Laceno 16 17 luglio 2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione Il ruolo del Dirigente scolastico La valorizzazione del merito dei docenti Luciano Berti La norma Legge

Dettagli

AUTONOMIA SCOLASTICA. Dal D.Lgs 275del 1999 alla L.107del 2015

AUTONOMIA SCOLASTICA. Dal D.Lgs 275del 1999 alla L.107del 2015 AUTONOMIA SCOLASTICA Dal D.Lgs 275del 1999 alla L.107del 2015 IL MODELLO DI STATO E L AUTONOMIA SCOLASTICA L AUTONOMIA ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E STATA CONFERITA TRAMITE LART. 21 DELLA LEGGE 59/97

Dettagli

ACCORNERO FERRUCCIO DIRIGENTE SCOLASTICO. Dirigente - ISTITUZIONE SCOLASTICA.

ACCORNERO FERRUCCIO DIRIGENTE SCOLASTICO. Dirigente - ISTITUZIONE SCOLASTICA. CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ACCORNERO FERRUCCIO Data di nascita 17/04/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ROCCHETTA TANARO Dirigente

Dettagli

Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana

Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA Civitella in val di chiana Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana CONTRAENTI

Dettagli

CPIA : i primi passi per l avviamento. A cura di Maria Cristina De Nicola DT USR Abruzzo

CPIA : i primi passi per l avviamento. A cura di Maria Cristina De Nicola DT USR Abruzzo CPIA : i primi passi per l avviamento A cura di Maria Cristina De Nicola DT USR Abruzzo 1 CM 6 del 27/02/15: - Il 31/08/15 tutti i CTP e i corsi serali di II grado secondo il previgente ordinamento, cessano

Dettagli