N TESI STUDENTE RELATORE TITOLO TESI PAROLE CHIAVE O/S A.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N TESI STUDENTE RELATORE TITOLO TESI PAROLE CHIAVE O/S A.A."

Transcript

1 AREA N TESI STUDENTE RELATORE TITOLO TESI PAROLE CHIAVE O/S A.A. APS 1 DI GIACOMO MARIA GRAZIA CAMUCCIO ALBERTO APS 2 AGOSTA IPPOLITO CAMUCCIO ALBERTO AE 3 TOMIETTO MARCO VIAN FELICE INTERVENTO INFERMIERISTICO NELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA ANALISI DI UN CASO LA RELAZIONE COME STRUMENTO TERAPEUTICO RIABILITATIVO LA SALUTE STRANIERA. TEMI DI NURSING TRASCULTURALE RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RELAZIONE TERAPEUTICA NURSIN TRANSCULTURALE ACH 4 BISON DANIELE TURCHETTO LUIGINO LA GESTIONE DEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO: STRATEGIE PER LA REALIZZAZIONE DEL TRAUMA TRAUMA, PRONTO SOCCORSO TEAM NEL P.S. PERIFERICO AC 5 ROMANO' GABRIELE VIAN FELICE INDAGINE SUGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI IN CASO DI ARITMIA CARDIACA GRAVE E ARITMIA LINEEE GUIDA PROPOSTA DI LINEEE GUIDA OPERATIVE AC 6 MAISTRELLO LAURA ODELLI VITTORIO IPOTERMIA ACCIDENTALE IPOTERMIA AF 7 BALLERINI ENRICO VIAN FELICE APS 8 FERRARETTO COSETTA MARTELLA SERGIO AE 9 PASSALENTI MARIANGELA VIAN FELICE AM 10 MARCONCINI NICOLETTA VIAN FELICE APE 11 MELLA LORETTA ZANELLA GIORGIO ACH 12 AZZOLINI FRANCESCA CASATI MONICA LA FORMAZIONE DEI COLLABORATORI PROFESSIONALI SANITARI QUALI VALUTATORI DEL PERSONALE INFERMIERISTICO PROCEDURA D'INSERIMENTO DI UN OSPITE IN COMUNITA' TERAPEUTICA RESIDENZIALE PROTETTA PROBLEMI ALCOL CORRELATI: L'INFERMIERE E IL SUO RUOLO NELLA PROMOZIONE DELLA SALUTE LA GESTIONE DELLO SVILUPPO PROFESSIONALE NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA, MODELLO APPLICATIVO NEL DIPARTIMENTO MEDICO AREA DEGENZE PROTEZIONE, PROMOZIONE E SOSTEGNO DELL'ALLATTAMENTO AL SENO ESCLUSIVO O PREDOMINANTE FINO AL SESTO MESE (PROPOSTA DI ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DELL'ASL 16) LAVORARE IN SICUREZZA IN SALA OPERATORIA: TECNICHE E TECNOLOGIA, IN AIUTO ALLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA, PER PREVENIRE FERITE DA AGHI E TAGLIENTI IN CORSO DI SEDUTA OPERATORIA FORMAZIONE DIRIGENTI INFERMIERISTICI L'INSERIMENTO PAZIENTE, C.T.R.P ETILISMO, PROMOZIONE SALUTE RICERCA SVILUPPO PROFESSIONALE LATTE MATERNO FERITE,SALA OPERATORIA, TAGLIENTI 1

2 AE 13 BERRA SILVIA SVALUTO MOREOLO GIORGIO AD 14 MANZONI LUCIA ODELLI VITTORIO APE 15 FERRAZZO SILVIA MENEGHETTI GIULIA AD 16 PERISSINOTTO LINDA MENEGHETTI GIULIA AE 17 RIZZETTO LORENZA LABELLI ELSA APS 18 VIOLA STEFANO ODELLI VITTORIO AO 19 GAZZETTA ANTONELLA ZACHEO MARIA TONIA ACH 20 BEGHIN FABIO VIAN FELICE AC 21 TUTINO MORENA BITTONI BARBARA AG 22 MASIA GIOVANNA BATTISTINA MORETTI NOEMI LA COMUNICAZIONE CON L'UTENZA STRANIERA: UNA BARRIERA O UN'OPPORTUNITA'? L'UNIFORMITA' ASSISTENZIALE NELLA NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE (N.E.D) NONOSTANTE L'INTERSCAMBIABILITA' DEL PERSONALE INFERMIERISTICO LA COMUNICAZIONE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO E I GENITORI DEL PAZIENTE PEDIATRICO DI NAZIONALITA' STRANIERA L'ASSISTENZA DOMICILIARE AL PAZIENTE DIABETICO: BISOGNI EDUCATIVI DEL MALATO E DEL CAREGIVER PER PROMUOVERE L'AUTOGESTIONE DELLA MALATTIA RUOLO DELL'INFERMIERE DEL S.E.R.T. NELLA PREVENZIONE PRIMARIA PROGETTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE CLINICO- INFERMIERISTICA NELLA COMUNITA' TERAPEUTICA RESIDENZIALE PROTETTA (CTRO) V"LA ROCCA" DELL'AZIENDA ULSS N. 17 VALUTAZIONE DEL DOLORE POST- OPERATORIO NELLE DONNE SOTTOPOSTE A ISTERECTOMIA IL PAZIENTE COLPITO DA INFARTO MIOCARDICO ACUTO TRATTATO O NO CON ANGIOPLASTICA CORONARICA: RIDUZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO DURENATE IL PRIMO MESE DOPO LA DIMISSSIONE OSPEDALIERA L'INTEGRAZIONE INFERMIERISTICA IN UN BLOCCO OPERATORIO: STRUMENTI DI MIGLIORAMENTO LA CONTENZIONE FISICA DELL'OSPITE E LE ALTERNATIVE POSSIBILI. INDAGINE CONDOTTA NELLA STRUTTURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI DI AGORDO - ULSS N. 1 BELLUNO APPROCCIO TRANSCULTURALE N.E.D COMUNICAZIONE, CON GENITORI DI PAZIENTI STRANIERI DIABETE, BISOGNI EDUCATIVI, ASSISTENZA PREVENZIONE PRIMARIA, S.E.R.T. IMPLEMENTAZIONE DOCUMENTAZIONE CLINICO- INFERMIERISTICA VALUTAZIONE DOLORE ISTERECTOMIA INFARTO MIOCARDICO: FATTORI DI RISCHIO INTEGRAZIONE PROFESSIONALE CONTENZIONE 2

3 AD 23 DE CARLI SABRINA VIAN FELICE AC 24 DAL MOLIN NIVES BOSCHETTO MARGHERITA AE 25 BATTISTELLO MARILINDA VIAN FELICE AE 26 BUGGIO MARIA EMANUELA VIAN FELICE APS 27 SCARIOT ELISA VIAN FELICE AC 28 BONDESAN ELENA PADOVAN LAMBERTO AG 29 COMUNIAN ELISA PAVAN PIERPAOLO APE 30 MAYA GOMEZ MARTA NELLY RIZZO LENIO AO 31 MAZZOCCO PAMELA PADOVANI ARNALDO AM 32 AVELLA BARBARA GEATTI SANDRO AD 33 BOLZONELLO CLAUDIA GEATTI SANDRO L'ASSISTENZA DOMICILIARE ALL'ASSISTITO GERIATRICO E IL COINVOLGIMENTO DELLA FAMIGLIA: IL RUOLO DELL'INFERMIERE NELL'EDUCAZIONE SANITARIA - INDAGINE CONOSCITIVA NEL DISTRETTO DI CODROIPO - IMPLEMENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE AL CATETERE VENOISO CENTRALE A BREVE TERMINE LA STRATEGIA DEL PROCESS MANAGEMENT NEL GOVERNO DI UN SERVIZIO INFERMIERISTICO LO SVILUPPO ORGANIZZATIVO IN UN SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA RELAZIONE D'AIUTO CON IL PAZIENTE AFFETTO DA DISTURBO BIPOLARE IN FASE MANIACALE LO SVEZZAMENTO DALLA VENTILAZIONE MECCANICA: ASSISTENZA INFERMIERISTICA ALLE PROCEDURE NON INVASIVE STUDIO SULL'ALIMENTAZIONE DELL'ANZIANO IN QUATTRO RSA DEL VENETO LA COMUNICAZIONE TRA INFERMIERE E MADRE - BAMBINO STRANIERI. UN PERCORSO FORMATIVO DI NURSING TRASCULTURALE PER INFERMIERI DELL'UNITA' OPERATIVA DI PEDIATRIA MONITORAGGIO DELLA PAZIENTE PRE - ECLAMPICA LA PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL TRATTAMENTO DIALITICO: RUOLO DELL'INFERMIERE NELLO SVILUPPO DELLA COMPLIANCE L'INTERVENTO EDUCATIVO DELL'INFERMOIERE NEI CONFRONTI DEL CAREGIVER, IN PREVISIONE DELL'OSPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE ASSISTENZA DOMICILIARE PAZIENTE GERIATRICO CARE GIVER LINEE GUIDA PREVENZIONE INFEZIONI C.V.C GESTIONE PER PROCESSI SVILUPPO ORGANIZZATIVO DISTURBO BIPOLARE SVEZZAMENTO VENTILAZIONE MECCANICA ALIMENTAZIONE ANZIANO COMUNICAZIONE INFERMIERE E MADR - BAMBINO PAZIENTE PRE - ECLAMPICA PAZIENTE DIALITICO CAREGIVER OPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE 3

4 AD 34 FERULLO DANIELE VIAN FELICE AD 35 CASARIN SILVIA BOVA SERGIO AE 36 DAL LAGO ERIKA VIAN FELICE AC 37 ZANARDI ELENA VAROTTO MARIO AE 38 BANO MARIANGELA ZANARDO GIORGIO AE 39 BERTOCCO NEREIDE VIAN FELICE AE 40 GUIDOLIN LINA GEATTI SANDRO AG 41 EVARCHI TOSCA VENTURIN ANDREA AC 42 SALVAGNO MANUELA FABRIS PIETRO AM 43 TIOZZO ARIANNA IACOBONE MAURIZIO AC 44 GWANDI MERCY RIGON LUISA ANNA L'ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE IN LOMBARDIA: ASPETTI NORMATIVI SOCIALI E ORGANIZZATIVI. INDAGINE CONOSCITIVA NELLE A.S.L LOMBARDE SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI E NUTRIZIONE ENTERALE (ATTRAVERSO GASTROSTOMIA PERCUTANEA PEG E SONDINO NASOGASTRICO SNG) PROBLEMATICHE INERENTI: LE POSSIBILI INTERAZIONI FARMACI/ALIMENTI; LE POSSIBILI COMPLICANZE LEGATE ALLE INTERAZIONI FRA FARMACI/SONDE LA RELAZIONE D'AIUTO IN CHIRURGIA. RISULTATI DI UN'INDAGINE TRA PERSONALE INFERMIERISTICO E PAZIENTI IN ALCUNE REALTA' OSPEDALIERE DEL VICENTINO IL MANTENIMENTO DELLA PERVIETA' DELLA LINEA ARTERIOSA E LA REVERSIBILITA' SDELLE OCLLUSIONOI IN CORSO DI MONITORAGGIO ARTERIOSO MOBILITA' INTRADIPARTIMENTALE COME RISORSA E OPPORTUNITA' DI FORMAZIONE L'INFERMIERE E IL DIRITTO ALL'INFORMAZIONE DELL'UTENTE. PROPOSTA DI UN OPUSCOLO INFORMATIVO PER I DEGENTI DELL'UNITA' DI CURE INTENSIVE CARDIOLOGICHE E I LORO FAMIGLIARI PROPOSTA DI PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLA NUTRIZIONE ENTERALE EDUCAZIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE OPERATO DI ARTROPROTESI AL GINOCCHIO APPRENDIMENTO LABIALE PER INFERMIERI IN TERAPIA INTENSIVA L'ASSISTENZA INFERMIERISTICA ALLA PAZIENTE COLPITA DA NEOPLASIA MAMMARIA PIANO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA ALLA PERSONA CON ICTUS CEREBRALE IN ASSISTENZA DOMICILIARE IN LOMBARDIA SOMMINISTRAZIONE FARMACI PEG; SNG RELAZIONE D'IUTO IN CHIRURGIA PERVIETA' E LINEA ARTERIOSA MANAGEMENT DIRITTO ALL'INFORMAZIONE NUTRIZIONE ENTERALE EDUCAZIONE PER ARTROPROTESI APPRENDIMENTO LABIALE NEOPLASIA MAMMARIA ICTUS CEREBRALE 4

5 TERAPIA INTENSIVA AD 45 GRANZIERO FRANCO SARTORE GIOVANNI ACH 46 MATTEI MARIA BURATTIN BRUNETTA AE 47 ZAMBALDI AMERIGA COSSALTER ORNELLA AE 48 MOSER MARILENA DE BERNARDO MARIA GLORIA AA 49 FERRETTO CARLA FANTON ELENA AM 50 RIZZOTTO FRANCA DORIGO MARA APE 51 CERON SERENA ANDREETTA BARBARA ACH 52 ANDOLFO SILVIA SICOLO NICOLA AOE 53 MAYA GOMEZ MARTHA NELLY PAVAN MARIA ROSA ANALISI DELL'EFFICACIA DI UN METODO DI ISTRUZIONE PER LA RACCOLTA DELLE URINE DELLE 24 ORE IN UN GRUPPO DI PAZIENTI AFFERENTI AL DISTRETTO SOCIO SANITARIO N. 4 DELL'ULSS 16 VALUTAZIONE DELL'IMPATTO DELLA TRICOTOMIA PREOPERATORIA SULLìINCIDENZA DELLE INFEZIONI DELLE FERITE CHIRURGICHE IN UN OSPEDALE DI PORDENONE VENIPUNTURA IN CENTRO AVIS PROPOSTA DI STANDARDIZZAZIONE DELLA PROCEDURA LA COMUNICAZIONE CON L'UTENTE STRANIERO IN UN SERVIZIO DI IGIENE E SANITA' PUBBLICA LA TERAPIA SOTTOCUTANEA NELLE CURE PALLIATIVE: RUOLO DELL'INFERMIERE NEL PIANO EDUCATIVO PER LA PROMOZIONE DELL'AUTONOMIA DEL PAZIENTE E DEL CAREGIVER L'UTENTE AFFETTO DA TUBERCOLOSI POLMONARE: STRATEGIE IN RISPOSTA ALLA DIAGNOSI INFERMIERISTICA DI GESTIONE INEFFICACE DEL REGIME TERAPEUTICO, CORRELATA AD INSUFFICIENTI CONOSCENZE I PROBLEMI D'ADDESTRAMENTO PARENTALE ALLA DIALISI PERITONEALE: PROPOSTA DI UNA LINEA GUIDA IL RILEVAMENTO DEL DOLORE: CONFRONTO TRA UNA RACCOLTA SISTEMATICA ED UNA RACCOLTA RIFERITA LA COMUNICAZIONE TRA INFERMIERE E MADREA BAMBINO STRANIERI. UN PERCRSO FORMATIVO DI NURSING TRASCULTURALE PER INFERMIERI DELL'UNITA' OPERATIVA DI PEDIATRIA SUPPORTO INFORMATIVO PER RACCOLTA URINE TRICOTOMIA - INFEZIONI SITO CHIRURGICO VENIPUNTURA COMUNICAZIONE CON LO STRANIERO TERAPIA SOTTOCUTANEA, CURE PALLIATIVE GESTIONE INEFFICACE DELLA TERAPIA PROBLEMI D'ADDESTRAMENTO: DIALISI PERITONEALE RILEVAMENTO DEL DOLORE COMUNICAZIONE TRASCULTURALE 5

6 AA 54 RICCIO CARMELA ZACHEO MARIA TONIA AO 55 BUSATTO DANIELE MONACHESI STEFANO AM 56 ROSSI VALERIA LABELLI ELSA AG 57 GAIANI DAVIDE FANTON ELENA ACH 58 SURDO ROSETTA MARIA BONSO ORNELLA ACH 59 QUADRI DAVIDE FANTON ELENA ACH 60 CAVALLARIN SANDRA GIROTTO ERICA AC 61 BELLUCO FLORIANA PADOVAN LAMBERTO AC 62 PATTARO CINZIA PADOVAN LAMBERTO AE 63 DEGAN CHIARA DE BERNARDO MARIA GLORIA AE 64 RIGO CRISTINA SICOLO NICOLA AE 65 BAGGIO VALENTINA VIAN FELICE AE 66 FILIPPETTO VALENTINA PINTON LUIGI CONTENZIONE NELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA NEUROCHIRURGICA ASPETTI: ASSISTENZIALI, ETICI, LEGALI PROPOSTA DI UN CORSO DI AGGIORNAMENTO ED ELABORAZIONE DI UN PROTOCCOLLO DI INTERVENTO INFERMIERISTICO RIGUARDANTE IL PARTO IN URGENZA E SUE COMPLICAZIONI IL PRECOCE RICONOSCIMENTO DI COMPORTAMENTI: ACCERTAMENTO INFERMIERISTICO L'INFERMIERE NELLA RIABILITAZIONE DEL POST- OPERATORIO DELLE FRATTURE DI FEMORE IN ETA' GERIATRICA LA PERSONA CON STOMIA INTESTINALE. UN OPUSCOLO PER L'AUTOCURA STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DELL'ANSIA PREOPERATORIA NEO-VESCICA ILEALE PADOVANA (V.I.P): GESTIONE E RIEDUCAZIONE AMMA MINZIONE INFORMATIZZAZIONE DELLA CARTELLA INFERMIERISTICA IN TERAPIA INTENSIVA: PRIMA ESPERIENZA NELL'U.O DI RIANIMAZIONE DI ESTE ULSS N. 17 LA MISURA DELLA PRESSIONE INTRA-ADDOMINALE: METODOLOGIE E INDICAZIONI LA COMUNICAZIONE TRA L'INFERMIERE: I PAZIENTI PEDIATRICI STRANIERI E I FAMIGLIARI: UN'INDAGINE NEI SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO E DI PEDIATRIA D'URGENZA NELL'AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI "ERRORI" DELLA CARTELLA CLINICA ARCHIVIATA IL RUOLO DELLINFERMIERE IN UN SERVIZIO DI TERAPIA ANTALGICA ACCETTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEL PAZIENTE IMMIGRATO ALLA TERAPIA CONTENZIONE PARTO IN URGENZA COMPORTAMNETO DELIRANTE RIABILITAZIONE PER FRATTURA DI FEMORE STOMIA INTESTINALE ANSIA PREOPERATORIA V.I.P INFORMATIZZAZIONE CARTELLA INFERMIERISTICA LA MISURA DELLA I.A.P NURSING TRANCULTURALE STUDIO OSSERVAZIONALE PAIN RELIEFE AND NURSING IMMIGRATO - DIALISI 6

7 DIALITICA AO 67 BORTOLON CHIARA LEONARDI SERGIO AD 68 PARRELLA GIANNA PINTON LUIGI AE 69 BACCALINI GIOVANNI VIAN FELICE AE 70 BERGOMI PIERA VIAN FELICE APE 71 FRANZOI DONATELLA NICOLETTO DEBORA AM 72 PERENZIN ROSA VIAN FELICE AC 73 MASIERO SABRINA DE BERNARDO MARIA GLORIA AE 74 ZANIN LUISA MEDICI ALESSANDRO ACH 75 GALLI ALESSANDRA VIAN FELICE AO 76 BERNUZZI PATRIZIA PICCOLO GIONA DEPRESSIONE POST-PARTUM: SVILUPPO DI UNA PROPOSTA INFORMATIVA PER INCREMENTARE L'INFORMAZIONE ALLA DONNA LA FORMAZIONE DELL'INFERMIERE ALLA DIMENSIONE RELAZIONALE CON IL MALATO TERMINALE A DOMICILIO INDAGINE MEDIANTE L'USO DI QUESTIONARI SULLA SALUTE RESPIRATORIA DI STUDENTI GENOVESI: VALUTAZIONE CONSENQUENZIALE DI PROGRAMMI DI EDUCAZIONE SANITARIA MIRATA LA COMPONENTE CULTURALE DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA LA VACCINAZIONE ANTIMORBILLO. QUALI STRATEGIE PER UNA MAGGIORE COPERTURA VACCINALE? L'ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI TRENTO IL MONITORAGGIO DEI SEGNI VITALI DELL'OSSIGENAZIONE E DELLA GLICEMIA NEL PAZIENTE COLPITO DA STROKE IN FASE ACUTA: PROPOSTA DI PROTOCCOLLO PER L'U.O NEUROLOGIA DELL'ULSS. 2 DI FELTRE L'INFERMIERE IN UNA RELAZIONE DI AIUTO AI FAMIGLIARI DEI DONATORI D'ORGANO IN UN REPARTO DI RIANIMAZIONE L'INFORMATICA PER L'INFERMIERE; UN SOFTWARE PER IL CENTRO SALUTE MENTALE ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON FRATTURA DIAFISARIA DI FEMORE L'ACCERTAMENTO INFERMIERISTICO MIRATO NELLA IPERTENSIONE GESTIONALE E/O PREECLAMPSIA PREVENZIONE DEPRESSIONE POST-PARTUM COMUNICAZIONE MALATO TERMIANLE ASMA - EDUCAZIONE SANITARIA BISOGNI DI ASSISTRENZA INFERMIERISTICA VACCINAZIONE ANTI MORBILLO MONITORAGGIO SEGNI VITALI: STROKE IN FASE ACUTA DONAZIONE D'ORGANI SOFTWARE PER CENTRO SALUTE MENTALE FRATTURA DIAFISARIA DEL FEMORE PREECLAMPSIA 7

8 APS 77 RONCEN VALENTINA CAMUCCIO ALBERTO AE 78 SCHIOCCHET STEFANIA GALLON IRENE AA 79 BARBIERI ELENA LEONARDI SERGIO AM 80 VISENTIN ELENA GEATTI SANDRO APS 81 POLLONI MARY LIZ PILOTTO FRANCO ACH 82 MUSSATO MAURO GEATTI SANDRO AC 83 MANZI GABRIELE CASATI MONICA AA 84 DALL'ORA FEDERICA SARTORE GIOVANNI AA 85 MARCOLIN MARIZIA MORETTI NOEMI AM 86 BOSCATO MILENA MORETTI NOEMI LA CONTENZIONE ED UIL MALATO PSICHIATRICO IL CONSENSO INFORMATO NELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA L'INFERMIERE E LA PROMOZIONE DEL DONO DI SANGUE NEI GIOVANI: UNA PROPOSTA DI SENSIBILIZZAZIONE AD UNO STILE DI VITA SANO GESTIKNE DEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD ANESTESIA EPIDURALE: PROPOSTA DI UTILIZZO DI UNA FLOW-CHART DA PARTE DEL PERSONALE INFERMIERISTICO PROBLEMI RELAZIONALI NELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA IN AMBITO PSICHIATRICO LA COMPLIANCE NEI PAZIENTI TRAPIANTATI DI RENE DISINFEZIONE DELLA CUTE PRIMA DELL'INSERIMENTO DEL CATETERE NENOSO PERIFERICO (cvp) IN SITUAZIONI DI EMERGENZA TERRITORIALE (DOMICILIO, STRADA, ALTRI LUOGHI) CATETERE VENOSO CENTRALE: LA COMPLICANZA TROMBOEMBOLICA. PROPOSTA DI SCHEDA INFERMIERISTICA RUOLO DELL'INFERMIERE NEL PIANO EDUCATIVO E DI ADDESTRAMENTO PER L'UTENTE IN NUTRIZIONE ENTERALE, PORTATORE BDI SONDINO PEG (GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA) CONTINUITA' ASSISTENZIALE TRA OSPEDALE E DOMICILIO APPROCCIO EDUCATIVO ALL'UTENTE E/O CAREGIVER NELLA GESTIONE DOMICILIARE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE A LUNGA PERMANENZA CONTENZIONE IN PSICHIATRIA CONSENSO INFORMATO DONAZIONE DI SANGUE FLOW-CHART RELAZIONE IN PSICHIATRIA COMPLIANCE CVP, EMERGENZA CVC: TROMBO PEG CAREGIVER C.V.C DOMICILIARE AC 87 FABRIS EMILIO ZOCCALI GIOVANNI IPOTERMIA IN SALA OPERATORIA IPOTERMIA IN S.O APE 88 BRAVIN MONICA SVALUTO MOREOLO GIORGIO PERCORSO INFERMIERISTICO DEL BAMBINO ACCOLTO IN URGENZA IN UN REPARTO PEDIATRICO ACCOGLIMENTO IN URGENZA 8

9 ACH 89 BENEDETTI CLAUDIA NENA FAUSTO AE 90 SCARANTO PATRIZIA MENEGHETTI GIULIA AM 91 SENNO MONIA MENEGHETTI GIULIA APS 92 CECCHIN RAFFAELLA CAMUCCIO CARLO ALBERTO AM 93 TOMASI SABINA SARTORE GIOVANNI AE 94 RADIN MARTA SARTORE GIOVANNI AC 95 D'ANTONI RAFFAELLO SARTORE GIOVANNI AM 96 PINZANO MORENA SARTORE GIOVANNI IL BISOGNO DI INFORMAZIONE DEL PAZIENTE SOTTOPSOTO AD ARTROSCOPIA DI SPALLA LE FLEBITI DA CATETERE VENOSO PERIFERICO. LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE CVP- CORRELATE: RUOLO DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE NEL PAZIENTE AFFETTO DA PIEDE DIABETICO: STRATEGIE PER UN PIANO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE TRATTAMENTO MIRATO DEL "DEFICIT DI SELF-CARE" NEL PAZIENTE AFFETTO DA SCHIZOFRENIA NEL SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DELL'AZIENDA ULSS 15 PRESIDIO OSPEDALIERO DI CITTADELLA LE FLEBITI DA AMIODARONE: VALUTAZIONE DELL'EFFICACIA DELLE LINEE GUIDA NELLA PREVENZIONE E CONFRONTO TRA DIVERSI APPROCCI DI TRATTAMENTO PROGETTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI PER LA PREPARAZIONE AL TEST DA SFORZO DEL CLIENTE CHE ACCEDE ALL'AMBULATORIO CARDIOLOGICO RINANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE SUL TERRITORIO: QUALI OSTACOLI ALLA SUA ESECUZIONE NELL'ATTESA DEI SOCCORSI: INDIVIDUAZIONE DELLE VARIABILI RISCONTRATE DURANTE IL RIASCOLTO DELLE CHIAMATE GIUNTE AL SISTEMA 118 DI UDINE. STUDIO RETROSPETTIVO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL DIABETE IN OSPEDALE: UN'INDAGINEW DESCRITTIVA SVOLTA NELL'AZIENDA OSPEDALIERA S. MARIA DELLA MISERICORDIA DI UDINE ARTROSCOPIA FLEBITI CVP PIEDE DIABETICO SELF-CARE SCHIZOFRENIA FLEBITI DA AMIODARONE INFORMAZIONI TEST DA SFORZO RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE: TESTIMONE LAICO GESTIONE DIABETE, OSPEDALE 9

10 AC 97 ZANETTE DIEGO BONSO ORNELLA AM 98 CARRARO ARIANNA BONSO ORNELLA AE 99 PRESSI CRISTINA PINTON LUIGI AC 100 CHINELLO MICHELE PADOVAN LAMBERTO AE 101 REBELLATO FIORELLA MARCER GUIDO AE 102 GUERRA VALENTINA PILOTTO FRANCO AF 103 POLESEL MONICA VIDOTTO MARISA AM 104 ZANETTI LUCIO SARTORE GIOVANNI AD 105 MEGGIOLARO GIOVANNI SALMASO DANIELE LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON IMA DA SOTTOPORRE AD ANGIOPLASTICA CORONARICA PRIMARIA. UN PERCORSO DI MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA' IL PAZIENTE CON PIEDE DIABETICO. PROPOSTA DI UN PERCORSO DI STANDARDIZZAZIONE DELL'ASSITENZA IL RUOLO DEL COORDINATORE INFERMIERE NELLE RELAZIONI TRA LE FIGURE DI SUPPORTO DELLE RSA ANALISI E PROPOSTA PROGETTUALE DA UNA REALTA' DEL TREVIGIANO USO DELLA MASCHERA A PRESSIONE POSITIVA CONTINUA DI BOUSSIGNAC NEL TRATTAMENTO PRECOCE DELL'INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA NELL'EMERGENZA PREOSPEDALIERA INDAGINE DEL FENOMENO "TOSSICODIPENDENZE TRA I GIOVANI LAVPORATORI" NEI 28 COMUNI DELL'AZIENDA ULSS N. 15 "ALTA PADOVANA" L'ERRORE IN SANITA': STUDIO SULLA CONSAPEVOLEZZA DELL'INFERMIERE DEI PROPRI RISCHI. ANALISI DEI SISTEMI DI RISK MANAGEMENT EDUCARE I CARE GIVERS: L'INFERMIERE COME CONSULENTE IN UNA STRUTTURA SOCIO- SANITARIA, QUALE L'ALLOGGIO PROTETTO DI MEOLO (VE) IMPLEMENTAZIONE DELL'ATTIVITA' FISICA IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 2 E OBESITA' VISCERALE CRONICA MEDIANTE L'USO CONTROLLATO DI CONTRAPASSI DEFINIZIONE ED IMPLEMENTAZIONE DI PIANI ASSISISTENZIALI STANDARD NELLE CURE DOMICILIARI CARDIOPATICO IMA PIEDE DIABETICO COORDINAMENTO RSA USO DELLA CPAP TOSSICODIPENDENZE GIOVANI LAVORATORI RISK MANAGEMENT CARE GIVERS ATTIVITA' FISICA IN PAZIENTI DIABETICI PIANI STANDARD A DOMICILIO 10

11 APE 106 MALDINI LAURA CAPRETTA FRANCO ACH 107 CABIANCA ROBERTA RIGON LUISA ANNA AC 108 FRANCO PAOLA RIGON LUISA ANNA AC 109 FLORISSI ARIANNA PADOVAN LAMBERTO ACH 110 CARLI SABRINA MORETTI NOEMI APS 111 BASSO SONIA VIAN FELICE AE 112 DE BENEDETTIS ANNA MARIA DE BERNARDO MARIA GLORIA AD 113 CARNIATO CINZIA ZANARDO GIORGIO AD 114 BOIN MONICA PINTON LUIGI AE 115 BORDIGNON JONNY PAVAN MARIA ROSA DIFFICOLTA' PERCEPITE DAGLI INFERMIERI NELLA PRESA IN CARICO DI NEONATI DA GENITORI IMMIGRATI RICOVERATI IN UN REPARTO DI TERAPIA INTENSIVA NEONATALE E PATOLOGIA NEONATALE IL SISTEMA ROBOTICO IN CARDIOCHIRURGIA TORACICA: PROPOSTE DI PROTOCOLLI E PROCEDURE OPERATIVE PROPOSTA DI PROTOCCOLO PER L'UTILIZZO DEL DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO (DAE) PER LA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE IN AMBITO TERRITORIALE COINVOLGIMENTO INFERMIERISTICO JNELL'ATTIVAZIONE DEL PROGETTO "OPEDALE SENZA DOLORE" LA CONTINIITA' ASSISTENZIALE INFERMIERISTICA PERIOPERATORIA (INTRA ED EXTRA CHIRURGICA) L'INFERMIERE NELLA RIABILITAZIONE PSICOSOCIALE DEL PAZIENTE SCHIZOFRENICO. REALTA' ED OPINIONI SULLE ATTIVITA' DEL C.S.M DI TARCENTO LA FUNZIONE DI TRIAGE COME PRIMO MOMENTO DI ACCOGLIENZA E VALUTAZIONE IL PAZIENTE ONCOLOGICO AFFETTO DA DOLORE CRONICO: RUOLO DELL'INFERMIERE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE GESTIONE DELLE COMPLICANZE DELLA NUTRIZIONE ENTERALE A PAZIENTI IN ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE: PROPOSTA DI UN OPUSCOLO OPERATIVO LA CONSULENZA INFERMIERISTICA NELL'ASSISTENZA AL PAZIENTE A RISCHIO E/O PORTATORE DI LESIONI DA DECUBITO: PROCEDIRE E STRUMENTI NEONATI DI GENITORI IMMIGRATI SISTEMA ROBOTICO IN CARDIOCHIRURGIA DAE NEL TERRITORIO DOLORE POST OPERATORIO ASSISTENZA PERIOPERATORIA RIABILITAZIONE PAZIENTE SCHIZOFRENICO TRIAGE DOLORE ONCOLOGICO NUTRIZIONE ENTERALE CONSULENZA INFERMIERISTICA 11

12 AM 116 SCARIN MAURA SARTORE GIOVANNI AD 117 DRAGONI CARLO COLMANET MARZIA ACH 118 PAGNIN CHIARA BADON PIERLUIGI AE 119 DE LEONARDIS MARIA CONCETTA VIAN FELICE AD 120 DE VALERIO TAMARA COLMANET MARZIA ACH 121 BRION PAOLA ANGELA PASQUALI CLAUDIO AF 122 BERNABE' NICOLETTA MARTIN ALESSANDRO AC 123 MESTRINER RITA VITIELLO LIBERO AE 124 PIOVAN LODOVICA CHIOZZA MARIA LAURA AF 125 BAGNO CARLA CORRADIN HERTA ERLE AE 126 FONTANARI MICHELE CAVAGNOLI PAOLO PACEMAKER CARDIACO E TELEFONO CELLULARE: PROGETTO DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE AFFERENTE ALL'AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AD UTENTI IN ETA' PEDIATRICA: PROPOSTA DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA INFERMIERISTICA PEDIATRICA PRESSO L'ULLS N. 8 DI ASOLO STUDIO DELL'INSORGENZA DI COMPLICANZE POSTOPERATORIE NEL PAZIENTE CARDIOCHIRURGICO: PROPOSTA DI UN PIANO ASSISTENZIALE L'ASSISTENZA CENTRATA SULLA PERSONA NELL'UNITA' OPERATIVA DI MALATTIE INFETTIVE: PROGETTO DI CARTELLA INFERMIERISTICA LA TERAPIA FARMACOLOGICA NEL PAZIENTE IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO. RUOLO DELL'INFERMIERE NELL'EDUCAZIONE AL CAREGIVER SULLA CORRETTA SOMMINISTRAZIONE IL PAZIENTE CON IL BLOCCAGGIO INTERMASCELLARE, GESTIONE INFERMIERISTICA DEL'ASPETTO ALIMENTARE: PROPOSTA DI UN OPUSCOLO INFORMATIVO AFFRONTARE L'IMPREVISTO IN AULA: PROBLEM SOLVING E CREATIVITA' APPROPRIATEZZA DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON DOLORE POSTOPERATORIO NELLA RECOVERY-ROOM INCIDENT REPORTING: STRATEGIE PER IL KIGLIORAMENTO DELLA QUALITA'. STUDIO DI FATTIBILITA' ANALISI FABBISOGNO FORMATIVO INFERMIERISTICO: UN'SPERIENZA DIPARTIMENTALE EMODIALIZZAZIONE E TRAPIANTO RENALE: INFORMAZIONE ED PACEMAKER CONSULENZA IN ETA' PEDIATRICA PIANO DI ASSISTENZA PROGETTO DI CARTELLA INFERMIERISTICA NUTRIZIONE ENTERALE BLOCCAGGIO RIGIDO INTERMASCELLARE PROBLEM SOLVING RECOVERY-ROOM INCIDENR REPORTING FABBISOGNO FORMATIVO EMODIALISI E TRAPIANTO 12

13 ASPETTATIVE APE 127 DUCA ALESSANDRO SCANTAMBURLO ADRIANO AG 128 BERNARDI MAURIZIO SCANTAMBURLO ADRIANO AD 129 ZILIO RACHELE PAVAN MARIA ROSA AD 130 ESPOSITO MARIA GRAZIA PAVAN MARIA ROSA ACH 131 TASINATO LORETTA SARTORE GIOVANNI AE 132 OLIBONI MARTINA MARTIN ALESSANDRO AE 133 CASAROTTO DANIELA PILOTTO FRANCO AO 134 RIGO LAURA ODELLI VITTORIO AE 135 DE LONGHI GIULIA MORETTI GIORGIO AC 136 ANDREOSE LUCIA VINCENTI EZIO IL DISTANZIATORE NELLA TERAPIA CON SPRAY PREDOSATI, PRESIDIO PRATICO, VELOCE E POCO USATO PER LA GESTIONE DEGLI ACCESSI ACUTI D'ASMA LIEVE- MODERATA NEI BAMBINI AUTOCATETERISMO INTERMITTENTE NEL PAZIENTE AFFETTO DA VESCICA NEUROLOGICA: RUOLO DELL0INFERMIERE PROFESSIONALE LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE DISFAGICO A DOMICILIO: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO OPERATIVO L'INTERVENTO EDUCATIVO INFERMIERISTICO PER LA PREVENZIONE DELLE ULCERE VENOSE. PROPOSTA DI UN OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE A DOMICILIO TERAPIA EPARINICA SOTTOCUTANEA. INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLA PROFILASSI TROMBOEMBOLICA POST ARTROSCOPIA AL GINOCCHIO L'ERRORE NELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA. REVISIONE DELLA BIBLIOGRAFIA IN MERITO A : COMUNICAZIONE, FARMACI, EMOTRASFUSIONE L'INFERMIERE E EI PROBLEMI COMUNICATIVI CON I PAZIENTI IMMIGRATI IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLA SALA OPERATORIA DELL'U.O DI GINECOLOGIA STUDIO SULLA PREVALENZA DELLSA MALARIA IN SOGGETTI EXTRACOMUNITARI DELL'ULSS N. 9 E PROPOSTA PER LA PREVENZIONE IPOTESI DI TRAINING INFERMIERISTICO NELLA GESTIONE DELLE VIE AEREE DURANTE RCP CON MASCHERA DISTANZIATORE, ASMA AUTOCATETERISMO INTERMITTENTE DISFAGIA ULCERE VENOSE INIEZIONE SOTTOCUTANEA EPARINA ERRORE NELL'ASSISTENZA COMUNICAZIONE CON PAZIENTI IMMIGRATI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO MALARIA RCP 13

14 LARINGEA VERSUS MASCHERA FACCIALE AE 137 NASATO SERENA VIDOTTO MARISA ACH 138 BEDON FRANCESCA DITADI ALESSANDRO AD 139 MASIERO FLAVIA BON GIUSEPPE AE 140 CANELLA MASSIMO BON GIUSEPPE AE 141 SCHIEVANO EMILIANO MORENI PAOLO AM 142 FILIPPI CLAUDIA RUFFATTI AMELIA AM 143 TESCARO BARBARA VITIELLO LIBERO AC 144 MARTEMUCCI CINZIA DE BERNARDO MARIA GLORIA TETANO: MALATTIA ANCORA ATTUALE FRA LE DONNE ULTRACINQUANTENNI NON VACCINATE PROMOZIONE DELL'AUTOCURA NELLA PERSONA CON ENTEROSTOMIA. LA VALUTAZIONE DELL'APPRENDIMENTO AUTONOMIA, RISERVATEZZA E CONSENSO ALLE CURE. QUESTIONI ETICHE NELLA PRATICA DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE IL CODICE DEONTOLOGICO: UN RIFERIMENTO PER L'INFERMIERE (UN INDAGINE CONOSCITIVA) INCIDENT REPORTING: STRATEGIE PER LA DIMINUZIONE DEL RISCHIO CLINICO. STUDIO DI FATTIBILITA' INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD ARTROCENTESI E/O INFILTRAZIONE. PROPOSTA DI INTRODUZIONE DI UNO STRUMENTO INFORMATIVO/EDUCATIVO PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI AFFETTI DA MALARIA NELL'U.O DI MALATTIE INEFFTIVE E TROPICALI - VICENZA L'IMPORTANZA DELL'INFERMIERE DI TRIAGE NELLA REALTA' DEL PRONTO SOCCORSO DI RICCIONE TETANO, SENSIBILIZZAZIONE AUTOCURA NELL' ENTEROSTOMIA AUTONOMIA - RISERVATEZZA DEONTOLOGICO EVENTO AVVERSO ARTROCENTESI/INFILTRAZIONE MALARIA TRIAGE APE 145 CETTOLIN MIRIAM VIAN FELICE IL BAMBINO E DIALISI PERITONEALER: IL RUOLO DELL'INFERMIERE NELLA FASE DI TRAINING TRAINING : FORMAZIONE DEGLI OPERATORI AC 146 BARBATO MARGHERITA DE BERNARDO MARIA GLORIA AE 147 TOFFOLETTI VALENTINA SPARACINO GIOVANNI FIBRILLAZIONE ATRIALE: EDUCAZIONE ED ASPETO RELAZIONALE DELL'INFERMIERE AL PAZIENTE IN TRATTAMENTO CON TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE L'INFORMATIZZAZIONE IN SANITA': NUOVI ORIZZONTI PER IL NURSING TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE INFORMATIZZAZIONE, NURSING 14

15 AM 148 BIANCHI LAURA SICOLO NICOLA AE 149 SCHIZZEROTTO PATRIZIA ANDREETTA BARBARA AM 150 BEZZATI MARINA GALEAZZO MARILENA AE 151 SCHIAVON PAOLA MORENI PAOLO APE 152 BERGAMI MATTEO TUMIATI MARINA AC 153 BARBAN ANDREA CASATI MONICA AO 154 TORRESAN ELENA MAURI ALESSANDRA AE 155 LONGO MARIA MAURI ALESSANDRA LA CONTENZIONE NEI REPARTO DI MEDICINA: CONFRONTO CON UNA RSA EVOLUZIONE DELLA SODDISFAZIONE "INTERNA" DEL PERSONALE INFERMIERISTICO IN UNA U.O DI RICOVERI A PAGAMENTO QUALITA' PERCEPITA DA PARTE DEGLI UTENTI IN UN SERVIZIO DI ENDOSCOPIA RESPIRATORIA: INDAGINE CONOSCITIVA SVOLTA PRESSO IL SERVIZIO DI ENDOSCOPIA RESPIRATORIA DELL'AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA RISCHIO INFORTUNISTICO: EDUCARE PER PREVENIRE. INDAGINE CONOSCITIVA NELL'AMBITO DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI DOLORE NEL BAMBINO: ELABORAZIONE DI PROTOCOLLI INFERMIERISTICI PER IL TRATTAMENTO E LA PREVENZIONE DEL DOLORE PROCEDURALE E NELL'EMERGENZA ESEMPIO DI PERCORSO CLINICO INTEGRATO (PCI) PER PAZIENTI SOTTOPOSTI AD INTERVENTO CHIRURGICO DOPO EMORRAGIA SUBARACNOIDEA IL RUOLO E LE FUNZIONI DELL'INFERMIERE PROFESSIONALE NELLA RELAZIONE CON LA NEOMAMMA LA COMUNICAZIONE NELLA RELAZIONE DI AIUTO AL PAZIENTE ONCOLOGICO. ESPERIENZA CONDOTTA IN UN DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA MEDICA CONTENZIONE, RSA RICOVERI A PAGAMENTO QUALITA' PERCEPITA: ENDOSCOPIA RESPIRATORIA RISCHIO INFORTUNISTICO DOLORE NEL BAMBINO, EMERGENZA PCI: EMORRAGIA SUBARACNOIDEA RELAZIONE CON LA NEOMAMMA RELAZIONE DI AIUTO: ONCOLOGIA MEDICA AF 156 CIMADOR STEFANIA ZANARDO GIORGIO PROGETTO DI PROMOZIONE DELLINFORMAZIONE FORMAZIONE - CONSENSO INFORMATIVO AA 157 MARTINI ANNA VIAN FELICE IL DIABETE MELLITO ED IL PAZIENTE ADOLESCENTE: RUOLO DELL'INFERMIERE NEL PERCORSO VERSO UN'ACCETTAZIONE ATTIVA, ATTRAVERSO LA RELAZIONE D'IUTO ACCETTAZIONE ATTIVA, RELAZIONE D'AIUTO 15

16 APE 158 BONOTTO IRENE VENDRUSCOLO MARIDA AG 159 SCANFERLA SABRINA BOLOGNESE LORELLA AC 160 VORTALI SARA ROSSI FRANCESCA AM 161 CARRARO LUCA MONACHESI STEFANO APE 162 MIETTO CARLA ZACHEO MARIA TONIA AA 163 DALLE MOLLE MARIANO FANTON ELENA AM 164 GUIDOLIN MARTINA ZANARDO GIORGIO APE 165 FORCOLIN FRANCESCA MAURI ALESSANDRA ACH 166 MASSAROTTO MARCELLA BITTONI BARBARA AC 167 NARDER FRANCESCA BENETTON MARIA AC 168 CAMPOLUCCI MARCELLO RUBBI IVAN AM 169 BATTAGLIN MARLENE SARTORE GIOVANNI OSERVAZIONE DELL'INFERMIERE SULLE REZIONI ANSIOGENE DEL BAMBINO NELL'APPROCCIO ALLA STRUTTURA OSPEDALIERA: PROPOSTA DI UNA STRATEGIA ASSISTENZIALE DISTRATTIVA CON CLOWN TERAPIA NELLA DIVISIONE PEDIATRICA DELL'OSPEDALE "UMBERTO I " DI MESTRE I PROBLEMI DI GESTIONE DELL'ANZIANO CON PROBLEMI PSICHIATRICI NELLE CASE DI RIPOSO DI REGGIO EMILIA ASSISTENZA INFERMIERISTICA AI FAMIGLIARI IN CASO DI MORTE IMPROVVISA DI UN CONGIUNTO L'INFERMIERE E LA MUCOSITE DEL CAVO ORALE NEL PAZIENTE ONCO- EMATOLOGICO: INFORMARE ED EDUCARE PER PREVENIRE PROGETTO EDUCATIVO AD USO DEI GENITORI PER LA GESTIONE DEL BAMBINO PORTATORE DI TRACHEOSTOMIA A DOMICILIO IMPLEMENTAZIONE DI UN PROTOCOLLO AZIENDALE. ASPETTI METODOLOGICI ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CANDIDATO AD ANGIOGRAFIA E ANGIOPLASTICA IL RUOLO DELL'INFERMIERE NELL'ASSISTENZA A GENITORI E NONATO PRETERMINE: PROPOSTA DI UNO STRUMENTO GESTIONE INFERMIERISTICA DELLA TERAPIA ANTICOAGULANTE SOTTOCUTANEA: PROPOTA DI UN PROGETTO EDUCATIVO IL PAZIENTE POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO LA FORMULAZIONE DI OBIETTIVI QUALE STRUMENTO DI GIUSTIFICAZIONE DELLA DECISIONE DI TRIAGE; DAL TRIAGE PER PROBLEMI AL TRIAGE PER OBIETTIVI L'ASSISTENZA INFERMIERISTICA NEL TRATTAMENTO DEL PIEDE DIABETICO E NELLA PREVENZIONE SECONDARIA CLOWN TERAPIA ANZIANO, PROBLEMI PSICHIATRICI MORTE IMPROVVISA MUCOSITE BAMBINO, TRACHEOSTOMIA CATETERE VENOSO PERIFERICO ARTERIPATIA -ANGIOGRAFIA E ANGIPLASTICA NEONATO PRETERMINE INIEZIONE SOTTOCUTE POLITRAUMATIZZATO TRIAGE PIEDE DIABETICO 16

17 AE 170 PASQUALETTO DARIA MARTIN ALESSANDRO ACH 171 CERON VANESSA CASTAGLIUOLO IGNAZIO AG 172 FRUSCALZO SILVIA GEATTI SANDRO AC 173 SALANITRI ANTONELLA GEATTI SANDRO AC 174 DE PAOLI VALENTINA GALLON IRENE AE 175 DE LORENZO PAOLA MAURI ALESSANDRA AC 176 SQUIZZATO ROBERTO MONACHESI STEFANO AC 177 SIMEONI MARCO ZANARDO GIORGIO AA 178 ZORZENONE PATRIZIA VIAN FELICE AM 179 HOANG HOAN LINH DE BERNARDO MARIA GLORIA AM 180 DAL VECCHIO MONICA LAPOLLA ANNUNZIATA AE 181 TRONCA ANNA MARIA VIAN FELICE IL RUOLO DELL'INFERMIERE NELL'EDUCAZIONE DEL PAZIENTE CON MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE L'EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA: STRUMENTO PER LA FORMAZIONE PERMANANETE DELL'INFERMIERE IN CHIRURGIA IL RICONOSCIMENTO DEL DOLORE NELL'OSPITE DEMENTE NELL'R.S.A PROPOSTA DI UNO STRUMENTO PER L'ACCERTAMENTO PROPOSTA DI SCHEDA INFERMIERISTICA DI TRASFERIMENTO DEL PAZIENTE TRACHEOSTOMIZZATO DALL'U.O DI RIANIMAZIONE AD ALTRE UNITA' RUOLO DELL'INFERMIERE NELL'ESTRICAZIONE. PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO OPERATIVO ER LA SICUREZZA DELL'UTENTE OPERATORI SANITARI E UTENZA ONCOLOGICA: IL RAPPORTO COMUNICATIVO UTILIZZO DEL TUBO LARINGEO DAL PERSONALE INFERMIERISTICO PER LA GESTIONE DELLE VIE AEREE NELLE EMERGENZE EXTRA- OSPEDALIERE OTTIMAZIONE DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CANDIDATO AD ANGIOPLASTICA CORONARICA PRESSO LA CARDIOLOGIA DELL'OSPEDALE DI CASTELFRANCO VENETO DOLORE: SVILUPPI E TRAGUARDI NELLO SCENARIO ITALIANO L'ASSISTENZA INFERMIERISTICA NELL'ACCOMPAGNAMENTO DEL PAZIENTE TERMINALE: LE CURE PALLIATIVE IN UNA FASE CRITICA DELLA VITA DOVE LA MEDICINA NON PUO' PIU' GUARIRE RUOLO EDUCATIVO DELL'INFERMIERE ALL'AUOTOCONTROLLO E ALL'AUTOGESTIONE NEL PAZIENTE DIABETICO CONOSCENZE DEGLI INFERMIERI SULLE MANSIONI DELL'OPERATORE EDUCAZIONE IN IBD ECM DOLORE, OSPITE DEMENTE PAZIENTE TRACHEOSTOMIZZATO ESTRRICAZIONE COMUNICAZIONE, PAZIENTE ONCOLOGICO UTILIZZO DEL TUBO LARINGEO ANGIOPLASTICA CORONARICA DOLORE: SVILUPPI ETRAGUARDI CURE PALLIATIVE AUTOCONTROLLO GLICEMICO MANSIONI OSS 17

18 SOCIO SANITARIO SPECIALIZZATO AC 182 CAVALLARIN SILVIA RUSCA FABRIZIO AC 183 FRANCESCON DAVIDE RUSCA FABRIZIO AD 184 CAPIOZZO LINDA VIAN FELICE AG 185 FRATTA MONICA DE BIASIO ELVIRA AD 186 BOSCOLO BOCCA ROBERTO FRISON TIZIANA AO 187 DE SIMONE DIANA BITTONI BARBARA AC 188 MAGNANI LORENA VIAN FELICE AE 189 SIVESTRE DANIELA GEATTI SANDRO APE 190 SOLDA' DANIELE BADON PIERLUIGI INCIDENTI STRADALI IN ETA' GIOVANILE: L'INFERMIERE NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA COME STRUMENTO EFFICACE DI EDUCAZIONE SANITARIA UTILIZZO DELLA VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA C.P.A.P NEL TRATTAMENTO DELL'INSUFFICIENZA RESPIRATORIA L'INFERMIERE DI DISTRETTO ATTORE NEL PROCESSO DI INTEGRAZIONE DELL'ASSISTENZA A DOMICILIO LA VALUTAZIONE INFERMIERISTICA DELL'ANZIANO IN CASA DI RIPOSO PER LA DEFINIZIONE DEL PROGETTO ASSISTENZIALE INDIVIDUALIZZATO: SCELTA DI UNA SCALA DI VALUTAZIONE LA CONOSCENZA DEL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI SANITARI DA PARTE DELLE ASSISSTENTI DOMICILIARI STRANIERE.PROPOSTA DI UNO STRUMENTO INFORMATIVO MULTILINGUE PROPOSTA PER MIHLIORARE L'INFORMAZIONE E LA COMUNICAZIONE CON LA DONNA SOTTOPOSTA AD INTERUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA IN UN CONTESTO MULTICULTURALE LA PERCEZIONE DELLA PROFESSIONALITA' DELL'INFERMIERE DI TRIAGE DA PARTE DEL PAZIENTE INFERMIERI E MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI. ANALISI DEI CAMBIAMENTI DEI COMPORTAMENTI INDIVIDUALI, DOPO UN CORSO DI FORMAZIONE AZIENDALE (ULSS N. 7) LA SICUREZZA NEL TRASPORTO IN AMBULANZA DEL BAMBINO: PROPOSTE PER IMPLEMENTARE E UNIFORMARE I COMPORTAMENTI TRAUMI STRADALI C.P.A.P ASSISTENZA A DOMICILIO VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE BADANTE, MULTILINGUE INFORMAZIONE I.V.G TRIAGE MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI BAMBINO, TRASPORTO IN AMBULANZA 18

19 AE 191 BIZ VANESSA CARRARO UGO AE 192 LAZZARIN LUIGI GIROTTO CHIARA AE 193 COGNOLATO ALESSANDRO SPARACINO GIOVANNI APE 194 BOLLETTIN VALENTINA MATTIAZZI MARTINA APE 195 GALIAZZO MORENO ANDREETTA BARBARA AD 196 LAZZARINI ANDREA FRISON TIZIANA AM 197 ZATTONI LUCA VIAN FELICE AA 198 PEDRON PAOLA RUBINI ALESSANDRO AM 199 MARTINA DAMIANA SCANTAMBURLO ADRIANO AM 200 FALCARO EMANUELA BOLOGNESI MASSIMO APS 201 BISOL MARIKA GALLIO VITO ASTENIA CORRELATA AI TUMORI:INDAGINE PER VERIFICARE IL LIVELLO DI CONOSCENZA DEGLI INFERMIERI GESTIONE DEL PAZIENTE ALLERGICO AL LATTICE NELLA SALA OPERATORIA DELL'ORTOPEDIA DI LEGNAGO: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO L'USO DEL COMPUTER PER L'OTTIMIZZAZIONE DELL'ASSISTENZA NELL'AMBITO INFERMIERISTICO: COSTO DELL'IGNORANZA INFORMATICA TRASPORTO DEL NOANATO CRITICO. PROBLEMATICHE INFERMIERISTICHE INDAGINE CONOSCITIVA RELATIVA AL PAZIENTE PEDIATRICO TRAPIANTATO DI RENE PROPOSTA PROGETTUALE DI UN OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE TRAPIANTATO ED I GENITORI L'INFERMIERE E L'EDUCAZIONE TERAPEUTICA NELLE CURE DOMICILIARI: PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO EDUCATIVO DEDICATO ALLA PERSONA COLON- ILEOSTOMIZZATA E AI FAMIGLIARI IL RUOLO DELL'INFERMIERE NELL'ESECUZIONE DEGLI ESAMI DI DIAGNOSTICA ENDOCRINOLOGICA E PROPOSTA DI UN PIANO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA AD UN PAZIENTE ACROMEGALICO PAZIENTE TERMINALE E CURE IGIENICHE: BENEFICIO O DISAGIO PER IL PAZIENTE RUOLO DELL'INFERMIERE NELLA GESTIONE DELLA TERAPIA DOMICILIARE DELL'UTENTE IN EMODIALISI. STRATEGIE E INTERVENTI PER MIGLIORARLA LA MALNUTRIZIONE DEI PAZIENTI OSPEDALIZZATI IL RUOLO DELL'INFERMEIRE COME MEZZO PER MIGLIORARE LE COMPETENZE ASSISTENZIALI NELLA FAMIGLIA DEL PAZIENTE PSICHIATRICO GRAVE ASTENIA ALLERGIA AL LATTICE COSTO DELL'IGNORANZA INFORMATICA TRASPORTO NEONATO CRITICO TRAPIANTO DI RENE PERSONA COLON- ILEOSTOMIZZATA ACROMEGALIA PAZIENTE TERMINALE: CURE IGIENICHE FARMACI A DOMICILIO MALNUTRIZIONE RUOLO, ASSISTENZA PSICHIATRICA 19

20 AO 202 MIMO ORNELLA FRISON TIZIANA AD 203 CARRARO FRANCESCO COSTANTINO VINCENZO AC 204 SECCO GIUSEPPE VIAN FELICE ACH 205 IORGA ANCA MARIA VITIELLO LIBERO APE 206 VIANELLO EMANUELE VIAN FELICE AG 207 ZANELLATO SILVIA VENTURIN ANDREA ACH 208 FORNASA ANTONELLA COSTANTINO VINCENZO AC 209 PIANEGONDA SANDRA COSTANTINO VINCENZO AD 210 TRIVELLATO ALESSANDRA FRISON TIZIANA IL FUMO DI TABACCO IN GRAVIDANZA. IL COUNSELLING ANTITABAGICO: UN EFFICACE STRUMENTO DI PREVENZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SALUTE COUNSELLING ANTITABAGICO IL NURSING DOMICILIARE DEL MORBO DI HIRSCHSPRUNG E L'INTRODUZIONE DI LINEE GUIDA MORBO DI HIRSCHSPRUNG PER LA MEDICAZIONE DI ILEO/COLONSTOMIE L'INFERMIERE NEL SOCCORSO EXTRAOSPEDALIERO TRA COMPETENZE E BISOGNI DELL'UTENZA: UNA PROPOSTA DI EMERGENZA SUEM UNIFORMUTA' ASSISTENZIALE NELLA REALTA' MULTIFORME DELLA PROVINCIA DI PADOVA I VISSUTI NELLE DONNE MASTECTOMIZZATE IN ETA' MASTECTONMIA FERTILE IL NURSING NEL POST- OPERATORIO AL BAMBINO CON CARDIOPATIE CONGENITE. CARDIOPATIE CONGENITE PROPOSTA DI PROTOCOLLO OPERATIVO L'UTILIZZO CORRETTO DELLA SCHEDA FIM DA PARTE DELL'INFERMIERE NEL CONTESTO UTIZZO SCHEDA FIM DI UN CENTRO DI RIABILITAZIONE FISICO MOTORIO PROBLEMATICHE INFERMIERISTICHE NEL POSIZIONAMENTO DEL PAZIENTE LAPAROSCOPIA D'URGENZA IN CHIRURGIA LAPARASCOPICA D'URGENZA LA GESTIONE DEGLI ACCESSI DI PRONTO SOCCORSO PER LA RIMOZIONE DI ARTROPODI ROMOZIONE ZECCHE RITENUTI (ZECCHE): UN PROGETTO DI EDUCAZIONE SANITARIA LA CONSAPEVOLEZZA DELLA MALATTIA NELLA PERSONA IN CURE PALLIATIVE E LA SUA FAMIGLIA: INDAGINE ATTRAVERSO CURE PALLIATIVE UN "AUDIT CLINICO" BASATO SULL'UTILIZZO DELLA SCHEDA STAS. 20

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Rita Viaro INFORMAZIONI PERSONALI Stato civile: Nubile Nazionalità: Italiana Data di nascita: 16 Aprile 1979 Luogo di nascita: Ferrara Residenza : Via Bardocchia, 20 Quartesana

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5.

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

PRESENTAZIONE. DIRETTORE DEL CORSO Zoran Olivari UOC Cardiologia - Ospedale Ca Foncello, Treviso tel. 0422 322767 e-mail: segcardiotv@ulss.tv.

PRESENTAZIONE. DIRETTORE DEL CORSO Zoran Olivari UOC Cardiologia - Ospedale Ca Foncello, Treviso tel. 0422 322767 e-mail: segcardiotv@ulss.tv. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI 1 CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI Diploma di Maturità Tecnica (1988) Istituto Tecnico Margherita di Savoia di Roma TITOLI PROFESSIONALI

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag.

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. Regione Sardegna Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. 219 Cagliari (CA) - Azienda Ospedaliera G. Brotzu... Pag. 220 Carbonia

Dettagli

CHRIST VANESSA. Curriculum vitae formativo e professionale

CHRIST VANESSA. Curriculum vitae formativo e professionale CHRIST VANESSA Obiettivi Curriculum vitae formativo e professionale Dati anagrafici Nata a Gemona del Friuli il 25.06.1970; Residente a Povoletto (UD), in Via Marchi n 23; CAP 33040; Cittadinanza italiana;

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica I percorsi formativi per lo sviluppo dell assistenza infermieristica territoriale Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative Evoluzione

Dettagli

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ROSARIA CACCO Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 2014 AREA CLINICA

RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 2014 AREA CLINICA RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 204 schede n 47 i tecnicoprofessionali obietti v schede con indicato Dossier Formativo individuale n AREA CLINICA i di processo 8 7,% 34 (28,45 %) i di sistema protesi

Dettagli

Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445)

Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445) Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445) Il sottoscritto Schiavon Luigino dichiara sottola propria, consapevole delle sanzioni penali previste dall art. 76 del

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE - PFA 2016

PROPOSTE FORMATIVE - PFA 2016 PROPOSTE FORMATIVE - PFA 2016 Responsabile Scientifico Titolo Evento Tipo Corso Trimestre di svolgimento Durata attività formativa in ore Numero partecipanti Obiettivo formativo 1 Giancarlo Proietti Necci

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LOZIORI DANIELA Telefono 349-1886188 Fax E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 06.09.1962

Dettagli

Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri.

Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri. [ Corso Residenziale] Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri. Quando la teoria diventa good clinical practice: grandi cambiamenti costanti nel tempo. 1 di 1 [ Programma

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Nome Poletti Massimo Data di nascita 03 Settembre 1961 Codice fiscale Qualifica Amministrazione PLT MSM 61P03 D921 M Incarico attuale Assegnatario di posizione organizzativa

Dettagli

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò)

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò) HOME SWEET HOME ( di Daniele Calò) 3 PERCHE LA CASA? Le modificazioni demografiche ed economiche degli ultimi decenni insieme alla disponibilità di tecnologie facilmente trasportabili, hanno favorito

Dettagli

CUORE & CERVELLO 2008

CUORE & CERVELLO 2008 A.C.S.A. ONLUS ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE CARDIOLOGI E SPECIALISTI MEDICI AMBULATORIALI Corso di Formazione per Infermieri CUORE & CERVELLO 2008 V Edizione Nursing Presidente del Corso: T.D. Voci Direttori

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SERENA ZUPPONE Indirizzo VIA MARCO POLO N 73 98125 CONTESSE MESSINA Telefono 349-0815442 Fax E-mail serenazup73@yahoo.it

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765.

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Botticelli Luigina Data di Nascita 17-08-1967 Qualifica Coordinatore Infermieristico Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale P.O. Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA. Posizione Organizzativa - GESTIONE ATTIVITA' SALE OPERATORIE ED AMBULATORIALI

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA. Posizione Organizzativa - GESTIONE ATTIVITA' SALE OPERATORIE ED AMBULATORIALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome SACCO GIOVANNA Data di nascita 01/04/1949 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA AZIENDA

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2015

PROGRAMMA FORMATIVO 2015 PROGRAMMA FORMATIVO 2015 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it P.O. VILLA SOFIA Tel.

Dettagli

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.).

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). Deliberazione n. 916 del 29 07 2009 OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

28 Gennaio 2011 Royal Hotel Carlton

28 Gennaio 2011 Royal Hotel Carlton XII FADOI Bologna 28 Gennaio 2011 Royal Hotel Carlton XII FADOI Mattino 8.30 Registrazione partecipanti 8.50 Saluto Carlo Nozzoli, Presidente nazionale FADOI 9.00 Saluto Annunziata Zuccone, Presidente

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI PALERMO ANDREA Indirizzo VIA ALCIDE DE GASPERI 72 MISILMERI (PA) 90036 Telefono 0918732462-3298876945

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

AREA TEMATICA: SICUREZZA DEL PAZIENTE

AREA TEMATICA: SICUREZZA DEL PAZIENTE AREA TEMATICA: SICUREZZA DEL PAZIENTE INFERMIERI DELL ASSISTENZA DOMICILIARE Titolo Progetto: EMERGENZA CLIMATICA E SUPPORTO AL PAZIENTE FRAGILE NEL TERRITORIO ULSS 19 PORTAVOCE: Brunelli Brunella Da alcuni

Dettagli

PAGANONI CATIA Via Pressi n 8 Albosaggia Sondrio. PGNCTA72D66I829M INFERMIERA Collegio I.P.A.S.V.I. della Provincia di Sondrio

PAGANONI CATIA Via Pressi n 8 Albosaggia Sondrio. PGNCTA72D66I829M INFERMIERA Collegio I.P.A.S.V.I. della Provincia di Sondrio F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PAGANONI CATIA Via Pressi n Albosaggia Sondrio Telefono 032511330 PEC catia.paganoni.ipasviso@pec.it

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A DIREZIONE GENERALE Dipartimento dei Servizi Strategici Prevenzione e Protezione Prevenzione e Infortuni DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

CURRICULUM SCIENTIFICO-FORMATIVO

CURRICULUM SCIENTIFICO-FORMATIVO CURRICULUM SCIENTIFICO-FORMATIVO Dati personali Nome e Cognome: Laura Martini Luogo e data di nascita: Riva del Garda (TN), 28 aprile 1966 Cittadinanza: Italiana Residenza: Via Baldessari, 25-38062, Arco

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA ATTVTA' D COMPLEMENTO ALLA DDATTCA CORSO D LAUREA N OSTETRCA ANNO ACCADEMCO 13/14 Anno di Corso PERSONALE COMPARTO Semestre Corso integrato Disciplina Attività di Complemento richiesta n ore Profilo professionale

Dettagli

1. Pianificazione didattica

1. Pianificazione didattica 1. Pianificazione teoria: comprensive di lavori di gruppo, studio individuale e tirocinio mirato tirocinio: comprensive di project work ed eventuali stage a richiesta concordati tirocinio: periodi a blocchi

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

Curriculum Vitae di MIRIAM SPADARO

Curriculum Vitae di MIRIAM SPADARO Curriculum Vitae di MIRIAM SPADARO DATI PERSONALI nato a MESSINA il 05-12-1972 PROFILO BREVE Dirigente Medico di Medina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza,Specialista in Medicina Interna con indirizzo

Dettagli

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi Tedaldi Laura Coordinatore Infermieristico Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Ferrara 22 Ottobre 2011 1 Grave Disabilità articolo 3 Legge 104/1992

Dettagli

Nicola Chirivì Via A Ghisleri, 2 Cremona. nicolachirivi@libero.it

Nicola Chirivì Via A Ghisleri, 2 Cremona. nicolachirivi@libero.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono 0372436799 Fax 0372436799 E-mail Nicola Chirivì Via A Ghisleri, 2 Cremona nicolachirivi@libero.it

Dettagli

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA ATTVTA' D COMPLEMENTO ALLA DDATTCA CORSO D LAUREA N OSTETRCA ANNO ACCADEMCO 15/ Anno di Corso PERSONALE COMPARTO Semestre Corso integrato Disciplina Attività di Complemento richiesta n ore Profilo professionale

Dettagli

L assistenza al malato e all anziano in casa

L assistenza al malato e all anziano in casa L assistenza al malato e all anziano in casa Prima edizione 2014 PRENDIAMOCENE CURA CON CROCE ROSSA ITALIANA DESIO e NUCLEO BRIANTEO - ASSOCIAZIONE REGIONALE LOMBARDIA INFERMIERE/I L AMORE PER I PROPRI

Dettagli

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari;

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari; Curriculum Vitae Informazioni Personali Nome e Cognome ANNA MARIA CARRERA Data di nascita 22/06/53 Qualifica DIRIGENTE MEDICO Amministrazione ASL LE - LECCE Incarico attuale DIRIGENTE MEDICO Telefono Ufficio

Dettagli

Posizione Organizzativa - Dipartimento dei Servizi

Posizione Organizzativa - Dipartimento dei Servizi INFORMAZIONI PERSONALI Nome Andronico Pasquale Data di nascita 15/04/1975 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Coordinatore infermieristico titolare di posizione organizzativa

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

PRESA IN CARICO DI PERSONE CON GRAVE DISABILITA: ASPETTI CLINICO ASSISTENZIALI, EDUCATIVI E MANAGERIALI

PRESA IN CARICO DI PERSONE CON GRAVE DISABILITA: ASPETTI CLINICO ASSISTENZIALI, EDUCATIVI E MANAGERIALI MASTER DI PRIMO LIVELLO IN PRESA IN CARICO DI PERSONE CON GRAVE DISABILITA: ASPETTI CLINICO ASSISTENZIALI, EDUCATIVI E MANAGERIALI PRESUPPOSTI Dall'esperienza di presa in carico multidisciplinare del paziente

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare AUDIT REPORT Indagine AVEC percorso del paziente > 65 con frattura di femore anno 2010 Azienda USL di Bologna Azienda USL di Ferrara Azienda USL di Imola Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Azienda

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Il distretto e la presa in cura

Il distretto e la presa in cura Il distretto e la presa in cura Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 Il malato nel Sistema sanitario regionale Arezzo

Dettagli

3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it mmario2002@libero.it

3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it mmario2002@libero.it Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Mario Madeo Indirizzo via C. Colombo 19, 20090, Trezzano sul Naviglio (Mi) Telefono 02/5396972 3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it

Dettagli

Indice PARTE I INQUADRAMENTO CONCETTUALE AUTORI XIII XIX PRESENTAZIONE PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XXI. CAPITOLO 1 Lo scenario e i principi 3

Indice PARTE I INQUADRAMENTO CONCETTUALE AUTORI XIII XIX PRESENTAZIONE PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XXI. CAPITOLO 1 Lo scenario e i principi 3 AUTORI XIII PRESENTAZIONE XIX PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XXI PARTE I INQUADRAMENTO CONCETTUALE CAPITOLO 1 Lo scenario e i principi 3 Antonella Santullo, Paolo Chiari Le prospettive concettuali del

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

ACCORDO SULL INDENNITA PER ASSISTENZA DOMICILIARE (art.26 CCNL 19.04.04)

ACCORDO SULL INDENNITA PER ASSISTENZA DOMICILIARE (art.26 CCNL 19.04.04) ACCORDO SULL INDENNITA PER ASSISTENZA DOMICILIARE (art.26 CCNL 19.04.04) L art. 26 del CCNL 19.04.2004 prevede al fine di favorire il processo di deospedalizzazione e garantire le dimissioni protette dei

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO q Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO D A T I P E R S O N A L I Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza Nicoletta Scavino 6 settembre 1959, Alba (CN) C.so Francia 103/a 10098 RIVOLI Tel. 011-9572601

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

UNITA' OPERATIVA: SERVIZIO FARMACIA

UNITA' OPERATIVA: SERVIZIO FARMACIA UNITA' OPERATIVA: SERVIZIO FARMACIA Servizio Farmacia Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Direttore: dott. Cinzia Monaco Indirizzo: Piazza C. Forlanini, 1-Roma Telefono: 06/5555-2530/36 Fax: 06-55552460

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome LEONARDO FRANCESCO FARINA Indirizzo VIA REPUBBLICA 4 - OZIERI (SS) - 07014 Telefono 079/786560 cell. 347/4748738 Fax E-mail le.farina@tiscali.it

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Cognome e Nome. Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Cognome e Nome. Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961 INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale In servizio presso l Unità Operativa/Unità Organizzativa Numero telefonico dell

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it KETTI OTTOLITRI INFORMAZIONI PERSONALI KETTI OTTOLITRI Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 31/03/1971 Nazionalità

Dettagli

OSPEDALE UNICO ULSS 4 ALTOVICENTINO

OSPEDALE UNICO ULSS 4 ALTOVICENTINO OSPEDALE UNICO ULSS 4 ALTOVICENTINO Dipartimento Medico Internistico Unità Operativa Complessa di Medicina [REVISIONE maggio 2013] Direttore: Giuseppe Battaglia MISSION AZIENDALE L A T O T A L E P R E

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

Proposta di Corso per Master di 1 livello in: Infermieristica di area cardiovascolare

Proposta di Corso per Master di 1 livello in: Infermieristica di area cardiovascolare Proposta di Corso per Master di 1 livello in: Infermieristica di area cardiovascolare Coordinatore del corso: Prof. Cesare Fiorentini Anno accademico 2012/2013 1 Premessa Il Piano Sanitario Nazionale 2006

Dettagli

Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa:

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa: Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario Premessa: Il corso di OSS - Operatore Socio sanitario -, riguarda tutti coloro che vogliono sviluppare abilità finalizzate all'assistenza socio sanitaria di persone

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale

Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale Convegno Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale Dr Fernando Antonio Compostella Direttore Agenzia Regionale dei Servizi Socio-sanitari della Regione del Veneto

Dettagli

Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari

Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari Data Revisione Redazione Autorizzazione e Approvazione Aprile 2010 Aprile 2014 Dott.ssa Antonella Virdis CPSI Antonella Sassu Dott Giovanni

Dettagli

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PRESIDENTE PROF. GIAN CARLO AVANZI SEDE DI NOVARA Via Solaroli 17-28100

Dettagli

La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio

La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio Dott. Roberto Lacava 57 CONGRESSO NAZIONALE SIGG Milano, (MiCo) 21-24 novembre 2012 Continuity of care Secondo l OMS, la continuità delle

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANTAPAOLA GIOVANNI Indirizzo (Via Olimpia) cpl. E.N.E.S. pal. I n 4 98168 Messina Telefono 090-356785 cell.

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 051683248

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 051683248 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI FERRARA Staff - Pronto Soccorso 0516838248

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli