TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R."

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI PRIMIERO Liceo Economico per l Impresa, Liceo Economico per il Turismo, Liceo Scientifico, Corso Tecnico per le Costruzioni, l Ambiente ed il Territorio Criteri per il riconoscimento dei crediti formativo e per l attribuzione del credito scolastico Il credito scolastico è un punteggio attribuito dal Consiglio di Classe nello scrutinio di fine anno scolastico agli alunni del triennio. La somma dei crediti scolastici ottenuti nel triennio (massimo 25 punti; minimo 10 punti) concorre, insieme ai punteggi ottenuti dal candidato nelle quattro prove d Esame ed all eventuale bonus attribuito dalla Commissione d Esame, alla determinazione del punteggio finale conseguito dall alunno che supera l Esame di Stato. La normativa che sta alla base dell attribuzione del credito scolastico è alquanto corposa e va coordinata quella nazionale con quella provinciale: L. n. 425 del 10/12/97 D.P.R. n. 323 del 23/7/98 - art.12 (Regolamento) D.M.P.I. n. 452 del 12/9/98 D.M. n. 42 del 22/05/2007 Direttiva sulla valutazione degli studenti e attuazione degli interventi per favorire il successo formativo (Deliberazione Giunta Provinciale di Trento n. 2994/2007) Regolamento sulla valutazione periodica e annuale degli apprendimenti e della capacità relazionale degli studenti per l anno scolastico (articolo 60, comma 1, della legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5) Tale normativa detta criteri generali che però devono essere integrati con altri criteri deliberati dal Collegio Docenti. La normativa in sintesi Il credito scolastico viene attribuito sulla base della media dei voti di profitto riportati nelle materie curriculari secondo la seguente tabella attualmente in vigore. Il credito non viene attribuito se l alunno non viene ammesso alla classe successiva o all Esame di Stato.

2 TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R. 323/1998) Media dei Credito scolastico (Punti) voti Classe 3^ Classe 4^ Classe 5^ M = < M < M < M NOTA: M: rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l assiduità nella frequenza scolastica, l interesse, l impegno e la partecipazione al dialogo educativo, le eventuali attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Al candidato che viene dichiarato promosso al termine della classe terza ed al termine della classe quarta con carenze formative, verrà attribuito un credito scolastico pari al punteggio minimo previsto dalla banda di oscillazione in cui è compresa la media M dei voti di profitto; Per il candidato che consegua nello scrutinio finale della classe quinta una media M<6, il Consiglio di Classe può deliberare l ammissione all Esame di Stato sulla base di una valutazione complessivamente sufficiente dell alunno; sulla base cioè di una valutazione globale della sua personalità, del suo curriculum e della possibilità che possa affrontare proficuamente l Esame stesso (art. 5 comma 3 punto b, Regolamento Provinciale sulla valutazione a.s. 2009/2010); in tal caso il Consiglio di Classe attribuirà un credito scolastico pari a 4 punti (art. 7 comma 2, Regolamento Provinciale sulla valutazione a.s. 2009/2010). Il candidato che nello scrutinio finale della classe quinta presenta una o più insufficienze ed una media M pari a 6, verrà comunque ammesso all Esame di Stato e gli verrà attribuito un credito scolastico pari a 4 punti. Al candidato che nello scrutinio finale della classe quinta, riporta una o più insufficienze ed una media M > di 6, gli verrà attribuito il punteggio minimo della banda di oscillazione in cui si colloca la media M dei voti di profitto. Nella determinazione della media M dei voti non si tiene conto della valutazione della capacità relazionale dell alunno (voto di condotta) (art. 7 comma 1 Regolamento Provinciale sulla valutazione a.s. 2009/2010).

3 La normativa precedentemente sintetizzata delega all autonomia dei singoli Istituti la definizione dei criteri per stabilire quale punteggio della banda di oscillazione venga attribuito a ciascun alunno. Per la definizione di tali criteri, vengono seguiti i seguenti principi: 1) si ritiene opportuno valorizzare innanzitutto il profitto conseguito dall alunno nell anno scolastico; verrà dato pertanto un peso di rilievo alla parte decimale della media dei voti conseguiti; 2) proprio perché si ritiene prioritario valorizzare ciò che l alunno fa a scuola, il suo impegno, l assiduità nella frequenza e la partecipazione saranno indicatori considerati prioritari nell attribuzione dei punteggi più alti di gamma. Indicatori per l attribuzione dei punteggi più alti della gamma prevista dalle tabelle ministeriali 1. assiduità e frequenza, interesse, impegno e partecipazione al dialogo educativo prioritario; 2. partecipazione ad attività complementari ed integrative non obbligatorie organizzate dalla scuola, che prevedano un esame finale da un ente certificatore esterno (Certificazioni. Linguistiche, ECDL, Intercultura) o per le quali il Collegio Docenti abbia espresso parere favorevole alla valutazione ai fini dell attribuzione del credito scolastico; 3. eventuali crediti formativi. Cos è il credito formativo Le esperienze che danno luogo all acquisizione dei crediti formativi sono acquisite, al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona e alla crescita umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport. D.M. 452, art.1. L'art. 12 del Regolamento, ripreso e ribadito del D.M.P.I. N 452, recita così: "il credito formativo consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l'esame di stato; la coerenza, che può essere individuata nell'omogeneità con i contenuti tematici del corso, nel loro approfondimento, nel loro ampliamento, nella loro concreta attuazione, è accertata per i candidati interni dai consigli di classe" (comma 1). Il D.M.P.I. n. 452 esplicita, poi, che l'esperienza che dà adito al credito formativo deve essere realizzata al di fuori della scuola presso soggetti diversi dalla scuola medesima (art.1). Dalla lettura attenta del citato articolo 12 appaiono in estrema evidenza che sussistono 3 condizioni per l attribuzione del credito formativo:

4 1. qualificata e documentata esperienza (durata dell esperienza e credibilità degli operatori presso la quale viene effettuata) 2. competenze coerenti con il tipo di corso (coerenza ossia omogeneità con i contenuti tematici del corso) 3. accertamento da parte dei consigli di classe Casi particolari Quale punteggio della banda di oscillazione attribuire (Eccettuato il caso di 8,0 < M < 10) 1. se la parte decimale della media M è superiore a 0,5: viene attribuito il punteggio più alto della banda a condizione che sia presente l indicatore 1 ( impegno, assiduità, interesse e partecipazione ). 2. se la parte decimale della media M è inferiore o uguale a 0,5: potranno essere aggiunti alla parte decimale i seguenti valori: 0,3: per impegno, assiduità, interesse e partecipazione (indicatore 1); 0,2: per ogni attività complementare scolastica non obbligatoria (ECDL, certificazione linguistica, Intercultura, attività passibile di valutazione a seguito di parere espresso dal Collegio Docenti) e per ogni credito formativo riconosciuto (es. stage aziendale); di conseguenza, il Consiglio di Classe attribuirà il punteggio più alto della banda di oscillazione se la parte decimale della media M sarà almeno pari a 0,6, a condizione che sussista comunque l indicatore 1 ( impegno, assiduità, interesse e partecipazione ). Quale punteggio della banda di oscillazione attribuire se 8,0 < M < 10 In questo caso il Consiglio di Classe ha facoltà di attribuire il punteggio più basso di gamma, quello intermedio o quello più alto. La Commissione propone di adottare un criterio che consenta di valorizzare le eccellenze. Il Consiglio di classe valuterà caso per caso l opportunità di attribuire il punteggio maggiore della banda di oscillazione, motivando adeguatamente la scelta con riferimento all impegno profuso dall alunno, all assiduità nella frequenza e nello studio, all interesse e partecipazione dimostrati ed eventualmente alle attività complementari facoltative ed ai crediti formativi riconosciuti. (esempio di motivazione per l attribuzione del punteggio massimo: L alunno ha dimostrato nel corso dell anno scolastico impegno ed assiduità sia nel lavoro scolastico sia in quello a casa, partecipazione al dialogo educativo ed interesse all apprendimento. Tali atteggiamenti sono stati riscontrati non solo nell ultimo anno ma anche in quelli precedenti, consentendogli di conseguire risultati ottimi nella generalità delle discipline, capacità di collegare conoscenze ed abilità con ottica interdisciplinare e capacità di usare responsabilmente ed in autonomia conoscenze, abilità ed attitudini in situazioni di lavoro o di studio.)

5 NOTE: 1. Allo studente ammesso alla penultima o all ultima classe pur in presenza di valutazioni insufficienti in una o più discipline, il credito scolastico è attribuito nella misura minima prevista nella relativa banda di oscillazione della tabella. Il Consiglio di Classe può nella prima riunione utile integrare il credito scolastico dell anno precedente entro il limite della banda di oscillazione precedentemente considerata, qualora lo studente abbia conseguito giudizi positivi in tutte le discipline al termine degli interventi di recupero (Punto 7, comma 2 delibera P.A.T. 2994/2007). 2. Agli alunni della classe terza che, pur risultando promossi alla classe quarta, non hanno superato una o più carenze formative dell anno precedente, viene attribuito comunque il credito scolastico nella misura minima prevista dalla banda di oscillazione in cui si colloca la media dei voti. (proposta per penalizzare gli alunni che non colmano le carenze formative) 3. Agli alunni della classe quarta che, pur risultando promossi alla classe quinta, non hanno superato una o più carenze formative dell anno precedente, viene attribuito comunque il credito scolastico nella misura minima prevista dalla banda di oscillazione in cui si colloca la media dei voti. 4. Agli alunni della classe quinta ammessi a sostenere l Esame di Stato che non hanno superato le carenze formative rilevate dell anno scolastico precedente, viene comunque attribuito il credito scolastico nella misura minima prevista dalla banda di oscillazione in cui si colloca la media dei voti. (proposta per penalizzare gli alunni che non colmano le carenze formative) 5. Agli studenti ammessi a sostenere l Esame di Stato con una valutazione complessivamente sufficiente (presenza di insufficienze e Media dei voti inferiore a 6, ma ritenuti dal Consiglio di Classe in grado di sostenere l esame di Stato), verranno attribuiti 4 punti di credito scolastico. 6. Agli studenti ammessi all Esame di Stato, con valutazione insufficiente in una o più discipline ma con Media maggiore di 6, viene attribuito il punteggio minimo previsto dalla relativa banda di oscillazione. (Punto 7, comma 3 delibera P.A.T. 2994/2007). 7. Agli alunni che hanno frequentato l anno scolastico o parte di esso all estero (Intercultura), il Consiglio di Classe all inizio dell anno scolastico successivo, attiverà le iniziative di recupero per le discipline non oggetto di studio presso la scuola estera, valuterà con un esame il raggiungimento degli obiettivi in tali discipline e provvederà ad attribuire il credito scolastico, tenendo conto della media dei voti riportati sia nella pagella della scuola estera sia di quelli riportati nelle prove integrative d esame. La frequenza dell anno all estero costituisce titolo valutabile ai fini dell attribuzione del credito scolastico. 8. La Commissione propone un criterio oggettivo per stabilire se sussista la condizione dell assiduità. In un anno scolastico le assenze non possono essere complessivamente superiori a 25 gg. Saranno escluse dal computo le assenze per motivi di salute, dovute a periodi di ricovero in strutture ospedaliere e quelle successive collegate al ricovero (es. convalescenza, riabilitazione). Cinque ritardi o uscite anticipate saranno equiparate ad 1 giorno di assenza. 9. L alunno che non abbia frequentato almeno i ¾ dell orario annuale di insegnamento non sarà ammesso alla classe successiva o all Esame di Stato e non gli verrà quindi attribuito credito scolastico a (art. 5 comma 4 Regolamento Provinciale sulla valutazione a.s. 2009/2010). Saranno escluse dal computo le assenze per motivi di salute, dovute a periodi di

6 ricovero in strutture ospedaliere e quelle successive collegate al ricovero (es. convalescenza, riabilitazione). Tale deroga andrà inserita nella Parte didattica del Progetto d Istituto (art. 5 comma 4 Regolamento Provinciale sulla valutazione a.s. 2009/2010) 10. La Commissione propone di non valutare ai fini dell attribuzione del credito scolastico la partecipazione alla Settimana linguistica, non essendo tale attività - organizzata dalla Scuola - soggetta a valutazione di un Ente certificatore esterno ed anche in considerazione del fatto che in caso contrario sarebbero discriminati negativamente gli studenti che non possono parteciparvi. 11. La Commissione propone che vengano valutate le attività complementari ed integrative non obbligatorie organizzate dalla scuola ove ricorra una delle due seguenti condizioni: 1) sia previsto un esame o una valutazione finale da parte di un ente certificatore esterno (es.: ECDL, Certificazioni linguistiche, anno o frazione d anno nel Progetto Intercultura); 2) il Collegio Docenti (sezione Istituto Superiore) abbia espresso parere favorevole per la valutazione dell attività ai fini dell attribuzione del credito formativo. 12. Per il riconoscimento della certificazione ECDL è necessario il superamento di tutti i moduli (la certificazione sarà pertanto riconosciuta nell a.s. in cui è conseguita la patente informatica). 13. Criteri per il riconoscimento come credito formativo delle attività sportive svolte al di fuori della scuola: sarà valutata come credito formativo la certificazione di aver svolto attività agonistica per almeno un anno continuo oppure di aver raggiunto, nella Federazione di appartenenza, titoli a livello provinciale, a condizione che l alunno abbia dimostrato impegno nelle ore curricolari di Educazione Fisica. 14. Attività complementari scolastiche non obbligatorie e crediti formativi saranno valutati una tantum, nell anno scolastico di effettuazione della relativa attività, salvo il caso in cui l esperienza lavorativa o l attività non venga ripetuta per più anni. 15. I docenti di Religione Cattolica e, analogamente, i docenti dell attività didattica alternativa, fanno parte del Consiglio di Classe riunito per la definizione del credito scolastico per gli studenti che si avvalgono del relativo insegnamento (art. 7 comma 3 del Regolamento sulla valutazione a.s. 2009/2010. Sintesi del D.M. 99 del Criteri per l attribuzione della lode nei corsi di studio di istruzione secondaria superiore e tabella di attribuzione del credito scolastico Si portano a conoscenza di docenti e studenti i nuovi criteri per l attribuzione della lode e la nuova tabella di assegnazione del credito scolastico, approvata con D.M. 99/2009. Per quanto riguarda gli studenti del quinto anno che sono in procinto di sostenere gli Esami di Stato la Commissione può attribuire la lode a coloro che: a) conseguono il punteggio massimo di 100 punti, a condizione che abbiano conseguito il credito scolastico massimo complessivo ed il punteggio massimo nelle prove d esame (es.: credito scolastico 25, punteggio delle 3 prove scritte 45, punteggio al colloquio orale 30); b) abbiano riportato negli scrutini finali relativi all ultima classe solo voti uguali o superiori a otto decimi, ivi compresa la valutazione del comportamento. Sempre relativamente ai candidati agli esami conclusivi del secondo ciclo di istruzione a conclusione

7 dell anno scolastico 2009/2010, ai fini dell attribuzione della lode, il credito scolastico annuale relativo all ultimo anno nonché il punteggio previsto per ogni prova d esame devono essere stati attribuiti dal consiglio di classe o dalla commissione, secondo le rispettive competenze, nella misura massima all unanimità. Per quanto riguarda gli studenti che sosterranno gli Esami di Stato nell a.s. 2010/2011: a) la commissione può attribuire la lode a coloro che conseguono il punteggio massimo di 100 punti a condizione che abbiano conseguito il credito scolastico massimo complessivo ed il punteggio massimo nelle 4 prove d esame; b) abbiano riportato negli scrutini finali relativi alla penultima e all ultima classe solo voti uguali o superiori a otto decimi, ivi compresa la valutazione del comportamento. Sempre relativamente ai candidati agli esami conclusivi del secondo ciclo di istruzione a conclusione dell anno scolastico 2010/2011, ai fini dell attribuzione della lode, il credito scolastico annuale relativo al penultimo e all ultimo anno nonché il punteggio previsto per ogni prova d esame devono essere stati attribuiti dal consiglio di classe o dalla commissione, secondo le rispettive competenze, nella misura massima all unanimità. Per quanto riguarda gli studenti delle classi terze che sosterranno gli Esami di Stato nell a.s. 2011/2012 la lode può essere attribuita ai candidati che: a) abbiano conseguito il credito scolastico massimo complessivo; b) abbiano riportato negli scrutini finali relativi alle classi terzultima, penultima e ultima solo voti uguali o superiori a otto decimi, ivi compresa la valutazione del comportamento. Ai fini dell attribuzione della lode, il credito scolastico annuale relativo al terzultimo, al penultimo e all ultimo anno nonché il punteggio previsto per ogni prova d esame devono essere stati attribuiti dal consiglio di classe o dalla commissione, secondo le rispettive competenze, nella misura massima all unanimità. NUOVA TABELLA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO (D.M. 99 del 16 dicembre 2009) Per quanto riguarda l attribuzione del credito scolastico si fa riferimento alla nuova tabella ministeriale, che però troverà graduale applicazione secondo i tempi di seguito specificati. Media dei voti CREDITO SCOLASTICO Classe 3^ Classe 4^ Classe 5^ M = < M < M < M < M

8 La nuova tabella per l attribuzione del credito scolastico prevede l articolazione della fascia di merito più alta quella che andava dall 8,1 al 10 in due fasce distinte: la prima va dall 8,1 al 9, la seconda va dal 9,1 al 10.Ciò al fine di riconoscere in modo più adeguato il merito agli alunni eccellenti. L articolazione in due fasce consiglia una riflessione sui criteri di valutazione, al fine di valorizzare gli studenti eccellenti rispetto a quelli, pur bravi, che si fermano ad un gradino più basso. Applicazione della nuova tabella di valutazione: nel corrente anno scolastico (2009/2010) la tabella verrà applicata nella classe terza; nell a.s. 2010/2011 verrà applicata alle classi terze e quarte ed entrerà completamente a regime con l applicazione in tutto il triennio dall a.s. 2011/2012. Valutazione delle capacità relazionali e degli alunni che presentano carenze formative: nulla è innovato, in provincia di Trento, relativamente alla valutazione delle capacità relazionali ed alla valutazione degli alunni che presentino al termine dell a.s. carenze formative o una valutazione complessivamente sufficiente (Regolamento sulla valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti e della capacità relazionale a.s.2009/2010).

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO E SCOLASTICO

ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO E SCOLASTICO ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO E SCOLASTICO Attribuzione del credito formativo Ogni Consiglio di classe, in conformità alle indicazioni del D.M. 24.02.2000, n. 49, valuterà la rilevanza qualitativa

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

CREDITO SCOLASTICO credito scolastico punteggio attribuzione punteggio massimo crediti candidati interni candidati esterni

CREDITO SCOLASTICO credito scolastico punteggio attribuzione punteggio massimo crediti candidati interni candidati esterni SISTEMA DEI CREDITI CREDITO SCOLASTICO E CREDITO FORMATIVO Il credito scolastico tiene conto del profitto strettamente scolastico dello studente, il credito formativo considera le esperienze maturate al

Dettagli

LICEO STATALE REGINA MARGHERITA

LICEO STATALE REGINA MARGHERITA LICEO STATALE REGINA MARGHERITA Scienze Umane Linguistico Scientifico Liceo delle Scienze Umane; Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale Liceo Linguistico; Liceo Scientifico opzione Scienze

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

INFORMATIVA: VALUTAZIONE, CREDITI VALIDITÀ ANNO SCOLASTICO E VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE

INFORMATIVA: VALUTAZIONE, CREDITI VALIDITÀ ANNO SCOLASTICO E VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE I.T.I. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 35126 Padova Tel.: 049/8040211 Fax 49/8040277 e-mail: marconi@provincia.padova.it - pdtf02000e@pec.istruzione.it pdtf02000e@istruzione.it Istituto Tecnico per

Dettagli

COM 393 Mogliano Veneto, 29.04.2015 COMUNICATO DOCENTI - STUDENTI - GENITORI - COORDINATORI DI CLASSE BACHECA SCUOLANEXT - SITO LICEO

COM 393 Mogliano Veneto, 29.04.2015 COMUNICATO DOCENTI - STUDENTI - GENITORI - COORDINATORI DI CLASSE BACHECA SCUOLANEXT - SITO LICEO LICEO STATALE Giuseppe BERTO CLASSICO LINGUISTICO SCIENTIFICO SCIENZE UMANE Via Barbiero, 82 31021 Mogliano Veneto (TV) Tel. 041/453906 Fax. 041/5903991 www.liceoberto.it - lssgberto@tin.it - tvps04000q@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ARTOM

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ARTOM ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ARTOM (POF - Allegato D) I.T.I.S. A. Artom CREDITO SCOLASTICO CANDIDATI INTERNI PER L'ANDAMENTO SCOLASTICO DEGLI ULTIMI TRE ANNI VENGONO ATTRIBUITI MAX 25

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Ai docenti Al DSGA Atti Albo Oggetto: Delibera del Collegio dei docenti riunitosi in data 28 ottobre 2015 su convocazione prot. n 8150/A19 del 20 ottobre 2015

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca Istituto d'istruzione Superiore Statale Balilla Pinchetti via Monte Padrio, 12 23037 Tirano (SO) Indirizzo di PEC: sois008005@pec.istruzione.it-

Dettagli

CREDITO SCOLASTICO e CREDITO FORMATIVO. a. scol.. 2010 / 11

CREDITO SCOLASTICO e CREDITO FORMATIVO. a. scol.. 2010 / 11 CREDITO SCOLASTICO e CREDITO FORMATIVO a. scol.. 2010 / 11 CREDITO SCOLASTICO /1 Media dei voti Credito scolastico (max 25 punti) Tab. da usare per le cl.iv^ e V^ dell a. scol. 2009/10 e per le cl. V^

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE VERBALE n. SCRUTINIO FINALE (CLASSI PRIME E SECONDE del triennio ) Il giorno del mese di dell anno alle ore, nei locali del, si riunisce il Consiglio della Classe, con la sola presenza dei docenti, per

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose

Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Repubblica Italiana Provincia Autonoma di Trento Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Cavalese, 10/04/2012 CIRCOLARE STUDENTI N 119 Agli STUDENTI del TRIENNIO Ai DOCENTI COORDINATORI di classe

Dettagli

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Visto il R.D. 4.5.1925, n. 653, contenente disposizioni sugli alunni, esami e tasse negli istituti

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL CREDITO FORMATIVO Approvati dal Collegio dei Docenti il 09/09/2014

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL CREDITO FORMATIVO Approvati dal Collegio dei Docenti il 09/09/2014 CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL CREDITO FORMATIVO Approvati dal Collegio dei Docenti il 09/09/2014 PREMESSA E FONDAMENTALI RIFERIMENTI NORMATIVI La partecipazione ad iniziative complementari ed integrative

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Visto il Testo Unico, di cui al Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297;

Visto il Testo Unico, di cui al Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297; ITIS Hensemberger DM 99/09 criteri di attribuzione della lode e nuove tabelle per il credito pag. 1/4 DM n. 99: Criteri per l attribuzione della lode nei corsi di studio di istruzione secondaria superiore

Dettagli

Liceo "Antonio Rosmini" Via Malfatti 2-38122 Trento

Liceo Antonio Rosmini Via Malfatti 2-38122 Trento Liceo "Antonio Rosmini" Via Malfatti 2-38122 Trento Liceo Socio-Psico-Pedagogico - Liceo delle Scienze Sociali - Liceo delle Scienze Umane - Liceo delle Scienze Umane opzione Economico-Sociale ROSMINI

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE G.MELI A.S. 2014/15 VALUTAZIONE

LICEO CLASSICO STATALE G.MELI A.S. 2014/15 VALUTAZIONE VALUTAZIONE La valutazione rappresenta un momento centrale del processo formativo, si collega all apprendimento, all acquisizione delle competenze, al conseguimento di capacità, all accertamento delle

Dettagli

CRITERI per L ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO INTEGRATIVO (BONUS FINALE) E DELLA LODE

CRITERI per L ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO INTEGRATIVO (BONUS FINALE) E DELLA LODE CRITERI per L ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO INTEGRATIVO (BONUS FINALE) E DELLA LODE 177 Si forniscono di seguito alcuni esempi di criteri per l attribuzione dell integrazione finale da parte della Commissione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO CRITERI DI VALUTAZIONE Per la valutazione si richiama il già citato DPR 122/2009. Come previsto dal Regolamento di Istituto (art. 28), che si rifà all art.2 c.4 dello Statuto delle Studentesse e degli

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Testo in vigore dal 20.08.2009 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione 2. La valutazione è espressione

Dettagli

CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI

CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI PREMESSA Richiamata l'attenzione sul fatto che: - il momento della valutazione finale costituisce la verifica dei progressi nella maturazione personale, nelle conoscenze

Dettagli

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Normativa e indicazioni Linguistico Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Requisiti per l ammissione Sono ammessi all'esame di Stato gli alunni che nello scrutinio finale conseguano una votazione

Dettagli

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI 1. Validità dell anno scolastico per la valutazione degli alunni 2. Ingressi posticipati

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA Per la valutazione degli alunni i consigli di classe faranno riferimento ai criteri sotto indicati: Competenze chiave di cittadinanza attiva Assi culturali (biennio)

Dettagli

ESAMI DI QUALIFICA PROFESSIONALE

ESAMI DI QUALIFICA PROFESSIONALE ESAMI DI QUALIFICA PROFESSIONALE La procedura per lo svolgimento degli esami di qualifica professionale, per le classi terze inizia nel primo Consiglio di classe successivo agli scrutini di febbraio, con

Dettagli

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. TORNO Indirizzi Tecnici Settore Economico e Tecnologico Indirizzi Liceali Scientifico e Scienze Umane LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 )

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) Il Liceo favorisce la frequenza scolastica degli studenti in Istituti esteri per periodi brevi, lunghi o corrispondenti alla durata dell anno scolastico,

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012. Ufficio XII Ambito territoriale di Modena

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012. Ufficio XII Ambito territoriale di Modena Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Ufficio XII Ambito territoriale di Modena L. 425/1997 e DPR 323/1998 L.1/2007 (disposizioni riforma Esami Stato) L. 176/2007 (ammissione all Esame Stato) DPR 122/2009

Dettagli

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Al termine del primo trimestre ( dicembre) Alla fine del mese di marzo inizio aprile ( valutazione intermedia) Alla fine dell anno scolastico.

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE Istituto Tecnico Statale A. Oriani Via Manzoni, 6-48018 Faenza Tel 0546-21290 Fax 0546-680261 e-mail: itcoriani@provincia.ra.it web: www.itcgoriani.it CRITERI DI VALUTAZIONE per l anno scolastico 2014/2015

Dettagli

ALLEGATO 1. Art. 1. Oggetto del regolamento - finalità' e caratteri della valutazione

ALLEGATO 1. Art. 1. Oggetto del regolamento - finalità' e caratteri della valutazione ALLEGATO 1 La scuola analizza gli aspetti salienti del documento riguardante il Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e ulteriori modalità' applicative in

Dettagli

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio.

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio. Codice Ministeriale TEIS00700T Codice Fiscale 80003970672 E-Mail: teis00700t@istruzione.it Sede centrale: Istituto Tecnico per Geometri C. Forti Via Cona, 180/182 64100 TERAMO Tel.Pres. 0861/248261 Centr.

Dettagli

Scuola Paritaria - L. 62/2000_- D.D. 29.12.2000. Civico Liceo Linguistico Alessandro Manzoni CREDITI & RECUPERO

Scuola Paritaria - L. 62/2000_- D.D. 29.12.2000. Civico Liceo Linguistico Alessandro Manzoni CREDITI & RECUPERO Scuola Paritaria - L. 62/2000_- D.D. 29.12.2000 Civico Liceo Linguistico Alessandro Manzoni CREDITI & RECUPERO A. S. 2007/2008 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI CREDITO SCOLASTICO (nuova normativa, a partire dalle

Dettagli

Decreto Ministeriale n. 42

Decreto Ministeriale n. 42 Decreto Ministeriale n. 42 Modalità di attribuzione del credito scolastico e di recupero dei debiti formativi nei corsi di studio di istruzione secondaria superiore. IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI Via Acrone n. 12 92100 AGRIGENTO - Tel. / Fax 0922 20535 E-Mail: agpm03000a@istruzione.it

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

Al personale docente Atti Albo sito web

Al personale docente Atti Albo sito web ISTITUTO SUPERIORE BRUNO MUNARI ACERRA (NA) Codice: NAIS069007 ISA Munari ACERRA Via Diaz Armando, 43-80011 ACERRA (Napoli)) Codice: NASD069014 LIC. SOCIOPS. Munari ACERRA Via Campanella, 80011 ACERRA

Dettagli

Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero

Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero (approvato dal Consiglio di Istituto in attuazione dei provvedimenti Ministeriali del 2007, in particolare del DM. N.42 del 22 maggio, del DM n.80

Dettagli

Prot. MPI AOO DRLOR.U. 13990 del 28/03/2008

Prot. MPI AOO DRLOR.U. 13990 del 28/03/2008 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale COORDINAMENTO REGIONALE ESAMI DI STATO Via Ripamonti, 85-20141 Milano - Tel. O2/574627-263-265 Fax 02/574627264

Dettagli

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012)

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. DE SIMONI Via Tonale n.18-23100 SONDRIO Tel. 0342/ 514516-216255 Fax. 0342/ 514798 Cod. Fisc. 80001880147 -

Dettagli

7. PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE

7. PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE 7. PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE LA PROGRAMMAZIONE L offerta formativa dell Istituto è caratterizzata da modelli educativi volti a perseguire finalità formative, sia di natura generale che didattica, quali:

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE e per il TURISMO EinaudiGramsci

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE e per il TURISMO EinaudiGramsci ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE e per il TURISMO Gramsci Via delle Palme, 1 35137 PADOVA - Tel 049/656382 Fax 049/8755187 Via Canestrini 78/1 35127 PADOVA - Tel 049/754400 Fax 049/8022008 COMUNICAZIONE

Dettagli

OrizzonteScuola.it 2012

OrizzonteScuola.it 2012 SCUOLA DI I E II GRADO 1. In sede di scrutinio finale a chi compete la valutazione degli allievi? Il riferimento normativo è il DPR n. 122/2009. Art 2/1: La valutazione, periodica e finale, degli apprendimenti

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Gli allegati cedolini di presa visione, firmati

Gli allegati cedolini di presa visione, firmati Liceo Scientifico Statale «Antonio Pacinotti» Sede Centrale - Via V Giugno 19123 La Spezia Tel. 0187.743058 0187.718401 fax 0187.777813 E-mail: scientifico@liceopacinotti.gov.it spps01000c@istruzione.it

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

Liceo ginnasio Aristosseno LA PROGRAMMAZIONE. Riunione dei docenti per Indirizzi. Riunione dei docenti per Dipartimenti

Liceo ginnasio Aristosseno LA PROGRAMMAZIONE. Riunione dei docenti per Indirizzi. Riunione dei docenti per Dipartimenti Ha luogo nelle prime settimane dell anno scolastico e si svolge in tre momenti fondamentali: Riunione dei docenti per Indirizzi Si definiscono le finalità specifiche dell indirizzo, gli obiettivi educativi,

Dettagli

A livello generale, in base alla Normativa di riferimento, la valutazione degli alunni BES deve:

A livello generale, in base alla Normativa di riferimento, la valutazione degli alunni BES deve: ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI QUINTO DI TREVISO SCUOLA PRIMARIA e SECONDARIA di I GRADO Via Donatori del Sangue, 1-31055 Quinto di Treviso - Tel. 0422/379357 - Fax 0422/479476 e-mail: segreteria@icquintotv.gov.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN TERAMO Via L. Sturzo, 5 64100 Teramo - Centralino 0861/413747-

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0007316.25-11-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione Generale per gli Ordinamenti

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO SCOPO Definire le attività, le responsabilità, le modalità, i tempi, la documentazione alla quale i docenti di sostegno devono attenersi.

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO IN QUESTA SCUOLA SI ATTUANO PROGETTI PON I.C. 3 de Curtis Ungaretti ad Indirizzo Musicale Scuola dell Infanzia -Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Sede Centrale: Via Viola, 20 80056, Ercolano

Dettagli

SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Le attività integrative per incrementare e soddisfare la differenziazione degli interessi con certificazione del credito formativo sono avviate in presenza di almeno 10 studenti iscritti e frequentanti

Dettagli

Prot. n 2669 C/48 Pietrelcina, 27maggio 2014

Prot. n 2669 C/48 Pietrelcina, 27maggio 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado San Pio da PIETRELCINA Viale Cappuccini 114, 82020 Pietrelcina - Tel. 0824.991221 - fax 0824.991221-48 e-mail: bnic82300p@istruzione.it;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012)

Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012) Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012) Nella terza sezione del P.O.F. Programmazione del lavoro didattico' sono delineati i principi generali delle

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

OGGETTO : Svolgimento degli scrutini. Adempimenti e norme comuni

OGGETTO : Svolgimento degli scrutini. Adempimenti e norme comuni Prot. 3237/A19 Ariano Irpino, 3/06/2015 Per quanto di competenza : A tutti i docenti Ai docenti collaboratori Ai docenti Coordinatori di Classe Ai docenti segretari dei Consigli di classe Al DSGA Ai Sigg.ri

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori Con sezioni di: ISTITUTO TECNICO settore ECONOMICO e TECNOLOGICO LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO - LICEO CLASSICO Via S. Antonio Abate,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO AGLI ALUNNI FREQUENTANTI IL LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI PERUGIA A.S.

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO AGLI ALUNNI FREQUENTANTI IL LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI PERUGIA A.S. BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO AGLI ALUNNI FREQUENTANTI IL LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI PERUGIA A.S. 2014/2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO l art. 34 della Costituzione Italiana;

Dettagli

I debiti vanno saldati La scuola informerà la famiglia con un resoconto dettagliato e programmerà tempi e modi dei corsi di recupero

I debiti vanno saldati La scuola informerà la famiglia con un resoconto dettagliato e programmerà tempi e modi dei corsi di recupero Esami di Stato 2007: firmato il decreto su debiti e crediti Fioroni: ragazzi, basta con il condono per il "sei rosso". I debiti si saldano sempre, anche a scuola. Dobbiamo valorizzare il merito per stimolare

Dettagli

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14 Anno scolastico 2013/14 Circolare dell'usr Puglia del 16 aprile 2014 Deliberazione della Giunta Regionale del 4 marzo 2014, n. 379 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 25/03/2014

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

Prot. n. 2967/c11 Castelfranco Veneto, 28.05.2015 Circolare n. 231 AGLI STUDENTI classi 5^ AI DOCENTI

Prot. n. 2967/c11 Castelfranco Veneto, 28.05.2015 Circolare n. 231 AGLI STUDENTI classi 5^ AI DOCENTI Prot. n. 2967/c11 Castelfranco Veneto, 28.05.2015 Circolare n. 231 internet AGLI STUDENTI classi 5^ AI DOCENTI Esami di stato A.S. 2014/2015 conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Prot. 3145. Prot. 2881. ORDINANZA MINISTERIALE N.42 del 6 maggio 2011. ORDINANZA MINISTERIALE N.41 dell 11-5-2012

Prot. 3145. Prot. 2881. ORDINANZA MINISTERIALE N.42 del 6 maggio 2011. ORDINANZA MINISTERIALE N.41 dell 11-5-2012 Prot. 3145 ORDINANZA MINISTERIALE N.42 del 6 maggio 2011 Prot. 2881 ORDINANZA MINISTERIALE N.41 dell 11-5-2012 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi

Dettagli

Regolamento per studenti all'estero durante periodi di lezione 1

Regolamento per studenti all'estero durante periodi di lezione 1 Regolamento per studenti all'estero durante periodi di lezione 1 Nel POF 2013-14 abbiamo scritto - Sulla base dell esperienza maturata in questi anni e alla luce delle indicazioni ministeriali sulla mobilità

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli

Esame di Stato 15 maggio Documento del Consiglio ammessi sufficienza in ciascuna disciplina

Esame di Stato 15 maggio Documento del Consiglio ammessi sufficienza in ciascuna disciplina Esame di Stato - in vista dell'esame di Stato, viene steso, entro il 15 maggio, il Documento del Consiglio: esso contiene le relazioni dei Consigli di Classe e dei singoli docenti sulle classi quinte,

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI FORMAZIONE DI BASE approvato dal Consiglio Accademico con Delibere n. 2/10 e successive modifiche ed integrazioni INTRODUZIONE GENERALE L articolazione della Formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

Iniziative di sostegno e recupero scolastico

Iniziative di sostegno e recupero scolastico Iniziative di sostegno e recupero scolastico Premessa Le attività di sostegno e di recupero, normate dai recenti provvedimenti: Legge 1/2007 ( definisce i criteri di ammissione all esame di Stato ); D.M.

Dettagli

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore F. Ferrara. di Palermo. Via G. Sgarlata, 11-90133 Palermo - 091 332721-091 32 1818

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore F. Ferrara. di Palermo. Via G. Sgarlata, 11-90133 Palermo - 091 332721-091 32 1818 Istituto d Istruzione Secondaria Superiore F. Ferrara di Palermo Via G. Sgarlata, 11-90133 Palermo - 091 332721-091 32 1818 Circ.n. Prot.n. Del 12 maggio 2011 Ai docenti Agli alunni Ai genitori degli alunni

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno)

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno) LICEO SCIENTIFICO SAN BENEDETTO SCUOLA SECONDARIA 2 GRADO PARITARIA dec. N. 158 del 28/08/2001 43121 - PARMA - P.le S. Benedetto, 5 0521381411 e-mail sssbened@scuole.pr.it fax: 0521206085 sito web: www.salesianiparma.it

Dettagli

OGGETTO: ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE IN REGIME DI SUSSIDIARIETÀ INTEGRATIVA - INDICAZIONI A.S. 2014/2015

OGGETTO: ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE IN REGIME DI SUSSIDIARIETÀ INTEGRATIVA - INDICAZIONI A.S. 2014/2015 IIS Ceccano Istituto d Istruzione Superiore Ceccano ITE Ceccano ITE Ceprano IPSSEOA Ceccano MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto

Dettagli

Punto 1 Attività di sostegno e recupero durante l anno scolastico

Punto 1 Attività di sostegno e recupero durante l anno scolastico LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS CORSO MONTEVECCHIO 67 10129 TORINO In attuazione dell O.M. 5/11/2007, n. 92 e del D.M. 3/10/2007, n. 80 il Collegio dei docenti, riunito il giorno 17 dicembre

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO PREMESSA PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO Partire per un periodo di studio all estero è una forte esperienza di formazione interculturale. Il soggiorno di studio

Dettagli