Grecia: il 5 giugno è default ufficiale? Succo d arancia star dell ultima ottava

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grecia: il 5 giugno è default ufficiale? Succo d arancia star dell ultima ottava"

Transcript

1 ANNO VII- 26 maggio 2015 Grecia: il 5 giugno è default ufficiale? Succo d arancia star dell ultima ottava Produzione industriale Ue, la tenuta della Germania, il calo degli altri partner Goldman Sachs bacchetta Matteo Renzi sul deficit Commodity World Weekly, anno VI 26/5/2015 realizzato in collaborazione con Associazione no profit Arena Media Star Supplemento mensile: Arena Media Star Magazine Registrazione al Tribunale di Pavia n. 673 del 17/5/2007

2 26/5-2/6 EVENTI CHIAVE DELLA SETTIMANA 2 a cura di Fiorella Bergami Martedì USA, pubblicazioni dati su ordini di beni duraturi misurano il cambiamento nel valore totale di nuovi ordini per beni duraturi, trasporto escluso. Poiché gli ordini di aeromobili, il dato di base fornisce un quadro più affidabile delle tendenze degli ordini. Un dato più elevato sta a indicare un aumento dell attività da parte dei produttori. Dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/rialzisti per il dollaro USA (USD), mentre valori inferiori alle attese sono da interpretarsi in senso negativo/ribassista per il dollaro USA USA, fiducia dei consumatori nel mese di maggio Mercoledì Canada, decisione della Bank of Canada (BOC) sui tassi d interesse a breve termine. La decisione sul livello al quale fissare i tassi d interesse dipende sostanzialmente dalle prospettive di crescita e dall inflazione. L obiettivo principale della banca centrale è il conseguimento della stabilità dei prezzi. Tassi di interesse elevati attraggono investitori stranieri alla ricerca del migliore ritorno esente da rischi per il loro denaro, il che può innalzare in misura significativa la domanda di valuta di quel paese. Un tasso superiore al previsto sarà positivo/rialzista per il dollaro canadese (CAD), mentre un tasso inferiore alle attese sarà negativo/ribassista per il CAD. Giovedì Inghilterra, pubblicazione PIL trimestrale, che è la misura più ampia di attività economica ed è un indicatore chiave dello stato di salute di un economia. I cambiamenti percentuali trimestrali del PIL illustrano il tasso di crescita dell economia nel suo insieme. Dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/rialzisti per la sterlina britannica (GBP), mentre valori inferiori alle attese sono da interpretarsi in senso negativo/ ribassista per la GBP USA, pubblicazione indice Pending Home Sales Index (PHSI) del NAR, che misura le variazioni nelle attività di stipula di contratti immobiliari in aprile. Venerdì Italia, pubblicazione indice dei Prezzi al Consumo (IPC) italiano, che misura i cambiamenti nei prezzi di beni e servizi. Si tratta di uno strumento chiave per misurare in cambiamenti nelle tendenze di acquisto e l inflazione in Italia con forti conseguenze per l euro USA, pubblicazione PIL trimestrale Canada, pubblicazione PIL mensile. Lunedì 3.00 Cina,indice PMI, che fornisce una prima indicazione di ogni mese di attività economiche nell.it Viene compilato dalla Cina Federation of Logistics & Purchasing (CFLP) e la Cina Logistics Information Centre (CLIC), sulla base dei dati raccolti da il National Bureau of Statistics (NBS). Li & Fung Research Centre è responsabile di redazione e diffusione del rapporto inglese PMI. Ogni mese vengono inviati questionari a oltre 700 imprese manifatturiere in tutta la Cina USA, pubblicazione indice ISM, che registra l entità dell attività manifatturiera registrata nel mese precedente. Questo dato è considerato molto importante ed è un misuratore economico affidabile. Se l indice presenta un valore inferiore al 50, tende a indicare una recessione economica, soprattutto se la tendenza si protrae per diversi mesi. Un valore sostanzialmente superiore al 50 indica un periodo di crescita economica. L indice ISM è il risultato di un indagine mensile condotta presso oltre 400 aziende in 20 settori diversi di 50 stati americani. Nel corso degli anni l ISM ha dimostrato la propria validità. In una fase di recessione il fondo dell ISM può precedere di alcuni mesi il momento di svolta di un ciclo economico. Dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/rialzisti per il dollaro USA.

3 EDITORIALE Goldman Sachs tira le orecchie a Matteo Renzi. Li ascolterà? Katia Ferri Melzi d Eril direttore responsabile del settimanale Commodity World Weekly e del supplemento Arena Media Star Mentre Tzipras spreme le ultime gocce di liquidità della Grecia, sperando in un atto di clemenza della Merkel, prepariamoci al default (io chiudo tutte le posizioni prima del 5 giugno) e ad essere spremuti presto anche noi come l arancia, commodity superstar di questa ottava, se non ascoltiamo attentamente quel che ci dice Goldman Sachs. Non perchè siano soltanto lì più bravi del mondo, ce ne sono anche altrove. Ma lì sono di sicuro tra i più potenti, quelli che decidono come si muovono i tassi e gli spread e quali Stati o governi devono fallire (vi ricordate Berlusconi?). Sta di fatto che in questi giorni Goldman Sachs consiglia il premier italiano Matteo Renzi su come assestare i conti pubblici. Ideficit pubblici si stanno ridimensionando più o meno in tutta l area euro, ma il fardello pubblico di Francia, Spagna e Italia continua a espandersi. Ma non era arrivato, con la benedizione di Napolitano, il grande salvatore? Ecco dunque, in soccorso del boy scout, la grande banca d affari americana, che muove i fili finanziari di molti Paesi in difficoltà. Secondo Goldman Sachs il deficit italiano andrebbe tagliato dell 1-1,5% rispetto Pil sul medio termine per garantire un calo del rapporto tra debito e crescita. Per farlo servono misure di rigore fiscale a medio termine. Le manovre fatte fino ad oggi sono buone per alimentare la crescita sul breve, ma non è quello di cui l Italia ha bisogno su un orizzonte di più lungo periodo. E sotto gli occhi di tuttil il fatto che flussi tributari in entrata stanno migliorando nell area della moneta unica e il trend è positivo da un po di tempo, con il deficit che si è più che dimezzato negli ultimi quattro anni, attestandosi l anno scorso al 2,4% del Pil. Tuttavia, dice la banca Usa in un rapporto, il debito pubblico cresce in modo più rapido del Pil nominale, anche se il gap nel 2014 è stato più ridotto rispetto agli anni precedenti. Alla fine dell anno scroso, il debito pubblico è stato pari al 91,9% del Pil, 8 punti base più del Guardando alla situazione dell Italia, si prevede un allentamento fiscale nel 2015 e non più una stretta marginale come invece dovrebbe. Anche se una misura del genere ha implicazioni a breve termine sulla crescita, sul medio termine una stretta fiscale è invece necessaria per ridurre il debito pubblico. A nulla serve la crescita a breve, commenta Goldman Sachs se poi il Paese fa default sulle finanze pubbliche. Una condizione in dispensabile per la stabilità economica a lungo termine è la solvibilità del governo. Negli scenari di base immaginati per il Pil a lungo termine, gli analisti osservano che Francia, Italia e Spagna hanno ancora bisogno di migliorare la crescita, gli equilibri fiscali e il costo dei servizi pubblici. Se non vogliamo rischiare di essere trattati come la Grecia, insomma, dobbiamo darci una mossa. La Francia ha previsto nei suoi piani fiscali misure improntate al rigore, mentre Italia e Spagna hanno un approccio neutrale a medio termine. Ecco dunque la tirata d orecchi di Goldman Sachs: stando alle proiezioni sul Pil avrebbero bisogno di uno sforzo ulteriore di austerity fiscale. La situazione della Germania rimane invece molto solida, secondo i calcoli della banca americana. COMMODITY WORLD WEEKLY MAGAZINE - ANNO VII - 26 maggio 2015 Settimanale web edito da Katia Ferri Melzi d Eril in collaborazione con l associazione culturale senza scopo di lucro Arena Media Star. www. arenamediastar.com Redazione: Via S. Giovannino Pavia tel Direttore responsabile: Katia Ferri Melzi d Eril. Contributors: Niccolò Carcano, Fiorella Bergami, Gulia Lopez, Giulia Narisano Michel Nchare, Fabio Di Mari, Margherita Vigo, Amir Hossein Barouh Supplemento mensile: Arena Media Star Magazine. Tutti i diritti riservati. Tutti i contenuti, gli articoli, i grafici e le previsioni di Commodity World Weekly non costituiscono invito al trading. Nessun compenso è stato pagato per l inserimento di campagne pubblicitarie di onlus e mostre d arte. 3

4 di Niccolò Carcano GRECIA: il default ufficiale sarà al 5 giugno? di Niccolò Carcano Michael Fondi: tutti Spence: gli strumenti nei negoziati migliori Tzipras per usa puntare la tattica sull economia del rischio giapponese calcolato Dal primo giorno di incontro dei Capi di Governo a Riga non emergono grandi novità sul fronte greco. La Merkel ribadisce che c è molto lavoro ancora da fare e che il tempo rimasto ormai è pochissimo poiché la Grecia non sembra intenzionata o è impossibilitata a ripagare il prestito al FMI di inizio giugno (politicamente preferisce pagare pensioni e stipendi). I Capi di Governo non hanno alzato bandiera bianca e decretato il game over poiché vogliono continuare a cercare una soluzione che non deve avere il sapore né del compromesso né penalizzare politicamente gli artefici del negoziato. Come Draghi ha sottolineato più volte le scelte da prendere sono politiche, ambito che non appartiene alla BCE. Il mercato rimane incerto sul da farsi forse perché convinto che un accordo si può ancora trovare. Solo l evoluzione dei prossimi giorni ci diranno che piega prenderà la crisi, intanto il mercato resta a guardare l avvio delle borse europee è intorno alla parità mentre i titoli statali europei flettono di qualche basis point di rendimento. Sirtaki bond in rialzo con il decennale benchmark al di sopra dell 11% di rendimento. Il Ministro Padoan osserva che in merito alla crisi della Grecia il contagio di breve termine non mi preoccupa, lo scudo del QE funziona. Il vero problema è nel medio periodo. Se ci fosse un Grexit, l Unione monetaria non sarebbe più irreversibile. Il sistema diventa più fragile, meno capace di assorbire gli shock. La pubblicazione dei PMI di Francia è stata superiore alle attese mentre risulta in flessione quella tedesca pur rimanendo ancora nell area che indica espansione. La Germania sembra inviare segnali di un raffreddamento dell espansione, che non sembra ancora trasformarsi in attese di contrazione. Gli indicatori PMI di sintesi europei rimangono in territorio espansivo; le attese della manifattura migliorano rispetto al mese precedente nonostante la Germania segno che anche le altre economie inviano segnali di un futuro miglioramento. Venerdì mattina la pubblicazione dei dati definitivi del PIL del primo trimestre che la scorsa settimana aveva in parte deluso le attese più ottimistiche evidenzia una ripresa nel primo quarto dell anno degli investimenti in macchinari e anche un incremento nella spesa governativa. Due fattori che al contrario delle ultime survey discusse ( qui sopra il PMI e nei giorni scorsi l indice ZEW) danno sostegno alla crescita economica anche se gli indicatori sono deboli. La pubblicazione degli indici IFO smorza le attese di peggioramento dei dati precedenti. La fiducia nell evoluzione futura scivola leggermente ma in maniera fisiologica e prevista. Si potrebbe anche argomentare che il panel degli intervistati è composto da oltre 7000 imprese tedesche che operano nella manifattura, nelle costruzioni e nelle vendite ed è anche possibile che le loro opinioni siano condizionate anche dal dibattito, molto sentito in Germania, sull evoluzione/gestione della crisi in Grecia. In effetti con la possibilità che i negoziati non siano fruttuosi e che si passi poi dal default all uscita delle Grecia dall euro, sono dinamiche che preoccupano e che se si dovessero avverare non gioveranno alla salute dell economia europea e quindi anche tedesca. In America la pubblicazione delle richieste di sussidi alla disoccupazione rimane ai minimi degli ultimi 15 anni. Risultano eno toniche del previsto le vendite di case esistenti, ponendosi in contrapposizione con i dati ampiamente positivi del mercato immobiliare (+20% inizio nuove case e +10% nuovi permessi edilizi). Il Leading indicator USA (maggior indice economico) per il mese di aprile segna il progresso più ampio degli ultimi nove mesi portando a +0.7% rispetto ad attese che indicavano nella migliore delle ipotesi stazionarietà. Un dato che rafforza quanto emerso dal verbale della FED pubblicato giovedì ossia che il risultato del primo trimestre meno tonico del previsto è passeggero. FOREX Il dollaro recupera le recenti perdite contro il paniere delle altre principali valute questo venerdì, dopo il rilascio di dati sull inflazione USA piuttosto positivi, mentre gli investitori attendono le dichiarazioni della Presidente della Federal Reserve Janet Yellen nel corso della giornata. Il Dipartimento per il Lavoro ha dichiarato che l indice dei prezzi al consumo è salito dello 0,1% ad aprile, in linea con le aspettative e dopo un aumento dello 0,2% nel mese precedente. Su base annua i prezzi al consumo sono scesi dello 0,2% lo scorso mese, contro le aspettative di un calo dello 0,1%, dopo il calo dello 0,1% a marzo. L indice dei prezzi al consumo, che esclude la componente di alimentari ed energia, è salito dello 0,3% ad aprile, contro le aspettative di un aumento dello 0,2% e dopo l aumento dello 0,2% del mese precedente. I dati sono giunti dopo una serie di dati USA negativi che avevano alimentato l incertezza sullo stato di salute dell economia. L Indice del Dollaro USA, che replica l andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, scende dello 0,57% a 94,93. Il cambio EUR/ USD è in salita dello 0,78% a 1,1199. La moneta unica ha trovato supporto dopo il report dell Istituto Ifo che ha mostrato che l indice sulla fiducia delle imprese tedesche è sceso a 108,5 questo mese da 108,6 di aprile, contro le aspettative di un calo a 108,3. L euro si è rafforzato inoltre in seguito alle parole del Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi che, durante una conferenza in Portogallo, ha affermato che la politica monetaria della BCE ha contribuito alla ripresa economica della zona euro. Le prospettive economiche della zona euro sono più rosee in questo momento rispetto a quanto non lo siano mai state negli ultimi sette anni. La politica monetaria sta agendo sull economia. La crescita sta migliorando. E le previsioni di inflazione sono in salita dal livello minimo, ha spiegato Draghi. La sterlina è stabile, con la coppia GBP/USD a 1,5652. Nel report dell Ufficio Nazionale di Statistica britannico pubblicato venerdì mattina si legge che i prestiti netti al settore pubblico sono aumentati di 6,04 miliardi di sterline ad aprile, contro le aspettative di un aumento di 7,80 miliardi di sterline. Intanto, il dollaro sale contro lo yen ed il franco svizzero, con la coppia USD/JPY 4

5 Piazza Area euro: Affari Pmi in francesi area di supporto in flessione Canada, segnali di ripresa Mps non trova gli investitori su dello 0,30% a 121,40 ed il cambio USD/CHF in salita dello 0,22% a 0,9390. Il dollaro australiano e quello neozelandese sono in calo, con il cambio AUD/ USD in calo dello 0,75%, a 0,7835 e la coppia NZD/USD in calo dello 0,40% a 0,7319. Intanto, il cambio USD/CAD è in salita dello 0,56%, a 1,2269 dopo che Statistics Canada ha riportato un aumento delle vendite al dettaglio a marzo pari allo 0,7%, contro le aspettative di un aumento dello 0,3%. Le vendite al dettaglio core, che escludono la componente delle automobili, sono in salita dello 0,5% a marzo, contro le aspettative di un aumento dello 0,4% PIAZZA AFFARI E durato circa 5 ore il Consiglio di amministrazione di Banca Monte dei Paschi di Siena convocato per fissare le condizioni dell offerta per l aumento di capitale da 3 miliardi che sarà lanciato lunedì prossimo. Il Cda di Banca Monte dei Paschi di Siena ha fissato il prezzo dell aumento di capitale da 3 miliardi a 1,17 euro per azione individuando un Terp (prezzo teorico dopo lo stacco del diritto di opzione) del 38,9%. Ieri in tarda serata è arrivato il via libera Consob al prospetto relativo all aumento. Venerdì pomeriggio il cda dell istituto senese ha fissato lo sconto sul Terp, il prezzo teorico dopo lo stacco del diritto di opzione. Le attese del mercato erano per uno sconto compreso tra il 35 e il 40 per cento, un livello quindi superiore al 35,5% deciso in occasione dell ultimo aumento da 5 miliardi, datato giugno Dopo che lunedì scorso è scattato il ragguppamento delle azioni (nel rapporto di 20 a 1), il prossimo lunedì dovrebbe partire l aumento per terminare a giugno. I diritti di opzione per la sottoscrizione delle nuove azioni saranno esercitabili dal 25 maggio al 12 giugno e negoziabili dal 25 maggio all 8 giugno. Il titolo è finito sotto pressione a Piazza Affari, tanto da essere stato sospeso giovedì in finale di seduta: ha chiuso in calo del 6,52%, a 9,67 euro, tra scambi pari al 3,56% del capitale. Anche giovedi il titolo ha chiuso in ribasso (-3,05%) in attesa del Cda. Ora però la palla passa ai grandi azionisti della banca, che dovranno decidere se e come partecipare all operazione. Un indicazione chiara è arrivata ieri da Frederic de Courtois, capo di Axa in Italia: «Confermo che sottoscriveremo pro-quota», ha detto il numero uno del gruppo assicurativo francese, che è uno dei principali azionisti di Mps con una quota del 3,17%, a margine di un convegno all Università Bocconi. Nessuna preferenza, invece sulla nazionalità dell ipotetico partner destinato ad assorbire Mps. «Siamo agnostici su questo. Non abbiamo questa visione di italiano o estero», ha detto il manager, aggiungendo che «a noi importa il progetto». De Courtois è intervenuto infine anche sul tema della successione di Alessandro Profumo alla presidenza di Mps. «Il fatto di avere il presidente che esce è un tema. Rimane Fabrizio Viola di cui ci fidiamo molto, ma dovremo trovare un buon nuovo presidente», ha detto de Courtois. Tornando all aumento, gli occhi sono puntati soprattutto sulle mosse della Fondazione, che in virtù del 2,5% del capitale (sindacato con il 4,5% di Fintech e il 2% di Btg Pactual) deve sborsare circa 75 milioni per partecipare all aumento. L Ente guidato da Marcello Clarich tiene per ora le carte coperte e si riunirà in questi giorni per decidere il da farsi. Certo è che ogni decisione (dal- la sottoscrizione integrale alle cessione di parte o di tutti i diritti) dovrà essere avallata dal Mef. E che in casa della Fondazione ci sia massima cautela sul tema della partecipazione all aumento, lo segnala anche la notizia dell avvio di una bonifica da microspie effettuata nei giorni scorsi a Palazzo Sansedoni, sede dell Ente, così da evitare fughe di notizie che possano turbare l equilibrio del mercato. Ad escludere invece una possibile ingresso in Mps è Davide Serra, numero uno del fondo Algebris, che ieri ha fatto sapere di non voler sottoscrivere l eventuale inoptato nell aumento di Mps così come di Carige. «La risposta é no,», ha detto Serra. IL PREMIO NOBEL MICHAEL SPENCE: LA GRECIA USA LA FAMOSA STRATEGIA DEL RISCHIO CALCOLATO In Usa la chiamano brinkmanship, la politica del rischio calcolato. Questo modo di condurre la trattativa da parte dei greci, che lanciano ipotesi estreme durante una trattativa, per valutarne le reazioni, è guardato con molta preoccupazione attualmente dagli economisti di tutto il mondo. L economista premio Nobel Michael Spence ritiene che i mercati ormai non escludono gli scenari peggiori, dunque serve un accordo in extremis. Le dichiarazioni rilasciate dalla Grecia domenica scorsa hanno allarmato tutti, commenta Spence. In questo modo si amplia la possibilità di default e la percezione di questa ipotesi sui mercati è devastante. Detta così, la notizie può scatenare una corsa ai risparmi e rendere necessari controlli di capitali, fino a mettere in discussione la permanenza della Grecia nell Euro. Come uscirne? La situazione è complessa perchè le condizioni chieeste alla Grecia per garantire ulteriore liquidità sembrano impraticabili per il governo Tziprae e forse anche per qualsiasi altro colore politico avesse assunto il comando ad Atene. C è un pericolo di effetto domino, un pericolo di contagio, tutti si stanno preparando per questo. Per l Italia, sostiene Spence, l effetto non sarebbe drammatico nel breve termine. Ma nel lungo termine cosa ci aspetta? Molti si domandano perchè l economia greca non riesce a riprendersi. Una delle spiegazioni, sostiene il premio nobel Michael Spence, è l insufficienza di produzioni manufatturiere di qualità da esportare. E qui ci sarebbe una differenza profondissima con l Italia. Negli ultimi mesi è aumentato un po l export, ma solo per le produzioni di prodotti raffinati, che hanno un margine di profitto non superiore al 5%. La maggior voce in assoluto dell economia greca, i noli marittimi, attualmente ha pochi legami con la ripresa, perchè il settore non paga tasse, impiega poche persone ed è legato al ciclo delle materie prime che è bassissimo. 5

6 6 Commodity Index in calo Orange juice star, giù il nichel -9,8% di Katia Ferri Melsi d Eril Comex, soffrono sia l oro che l argento Caffè: tagli alla produzione in Colombia Il Commodity Market ha interrotto il suo trend rialzista a causa del rafforzamento del Dollar Index sul mercato valutario essendo correlato inversamente al biglietto verde nella misura del 43%. Il CRB Index si è attestato a quota 225,56 punti, in calo del 2,55%, per un -1,91% da inizio anno. La settimana si è rivelata negativa in particolar modo per l energia e l industria. Il succo d arancia (+6,37%) e il nickel (-9,08%) sono stati la migliore e la peggiore commodity della settimana all interno del CRB Index. PETROLIO Il primo contratto future in scadenza sul petrolio WTI si è mosso nell intervallo di prezzo 57,09 $ 60,94 $ per poi attestarsi nel finale a quota 59,72 $ al barile, risultando alla fine poco variato. In un grafico su base giornaliera il petrolio WTI ha come prima resistenza unatrendline discendente di breve periodo passante in prossimità dei 62,00 $ e come primo supporto la MAV a 50-giorni (54,17 $). La curva dei prezzi futures, che si muove in contango, si è spostata verso il basso con il 6-mesi a 61,30 $, il 12-mesi a 62,37 $ e il 18 mesi a 63,25 $. Il petrolio in Europa ha chiuso gli scambi a 65,37 $ al barile, in calo di 1,44 $, per uno spread rispetto al WTI pari a 5,65$ al barile. Nel mese di aprile, stando al report dell Energy Intelligence Group, la domanda mondiale di petrolio si è attestata a92,8 mbg, in aumento di 0,4 mbg rispetto al mese di marzo (+0,4% m/m) a fronte di un offerta complessiva di 96,6 mbg, in calo di 0,3 mbg rispetto al mese di marzo (-0,3% m/m). La produzione di petrolio made in OPEC è pari a 30,7 mbg, in calo di 368 mila barili al giorno rispetto al mese di marzo (-1,2% m/m). Insomma, il mercato del petrolio a livello mondiale sia approvvigionato a sufficienza evidenziando un eccesso d offerta di 3,8 mbg (+4,5 mbg nel mese di marzo). Su base annua la domanda di petrolio a livello mondiale cresce ad un ritmo (+1,4% pari a 1,3 mbg) inferiore a quello dell offerta (+3,9% pari a +3,6 mbg). La produzione di petrolio made in OPEC cresce nella misura del 4,7% su base annua, pari a +1,4 mbg.il report settimanale sulle scorte di petrolio e derivati statunitensi, elaborato dal Dipartimento dell Energia USA e aggiornato alla datadel 15 maggio, ha evidenziato un generalizzato calo delle scorte: -2,674 milioni di barili di petrolio vs estimate -730 mila barili; -2,774milioni di barili di benzina vs estimate +200 mila barili; -546 mila barili di distillati vs estimate +120 mila barili. La capacità d utilizzo degli impianti è aumentata dell 1,20% w/w vs estimate +0,27% w/w, attestandosi a quota 92,40 punti (+4,17% y/y). Le scorte di petrolio adisposizione del popolo americano, escluso quelle strategiche, si sono attestate a 482,165 milioni di barili (+23,22% y/y), le riserve di benzina sono pari invece a 223,936 milioni di barili (+4,95% y/y) mentre i distillati ammontano complessivamente a 127,724 milioni di barili (+9,84% y/y). Le importazioni di petrolio sono state pari a 7,199 milioni di barili al giorno, in aumento di 318 mila barili rispetto alla settimana precedente, per un +11,28% y/y. La produzione di petrolio si è attestata invece a 9,262 milioni di barili al giorno, in calo di 112 mila barili rispetto alla settimana precedente, per un +9,82% y/y. METALLI PREZIOSI Al Comex la settimana dei metalli preziosi si è rivelata cedente. L oro ha chiuso gli scambi a quota $/oz, in calo di circa 20 dollari, al di sotto della MAV a 100-giorni e dopo aver violato verso il basso la MAV a 200-giorni. Il mercato dell argento si è attestato nel finale a quota 16,16 $/oz, al di sotto della MAV a 200-giorni. AGRICOLI Questa settimana sull andamento dei prezzi dei prodotti agricoli hanno gravato vari fattori che hanno portato una forte volatilità. Il recupero del dollaro è stato accompagnato da condiizoni metereologiche in miglioramento, che attualmente giocano a favore delle coltivazioni statunitensi. Ma anche in Russia e in Ucraina si tira il fiato e si allontana i pericolo di siccità, a causa delle intense e costanti pioggie. Gli occhi degli investitori sono puntati ora sul week end lungo, alcuni investitori potrebbero chiudere le posizioni aperte sui prodotti agricoli. Il frumento termina la terza settimana consecutiva in discreto rialzo, mentre il mais in questa ottava non ha saputo mettere a segno un accelerazione rialzista che attirasse gli investitori. Negativa la chiusura della soya, con un calo settimanale che ha avvelenato gli animi degli operatori. CAFFE Terremoto nel settore del caffè causato dalla diffusione del report di Volcafè, che ha annunciato una sovrabbondanza produttiva, dunque creando forti pressioni sui prezzi. Il caffè ha terminato gli scambi in pesantissimo ribasso, con perdita oltre il 5,6% a quota Sono negative anche le previsioni per la prossima stagione, si prevede un ribasso della domanda globale del gruppo e di altri produttori. A fronte di ciò la produzione di alcuni Paesi come la Colombia potrebbe essere contratta. Sono negative anche le stime relative al raccolto di robusta in Vietnam, devastato da una forte ondata di siccità. OLIO DI PALMA Durante l ultima ottava abbiamo assistito ad un recupero dei prezzi dell olio di Palma, in particoalre della Malesia, confortato da forti esportazioni. Meno rosea invece la situazione dell Indonesia. Le rilevazioni condotte da Intertek Testing Services (ITS) mostrano una quantità di prodotto esportato nel mese di maggio

7 Alluminio, nuovo impianto in Iran a Arvand pari a circa tonnellate (+52.9%) in netto rialzo rispetto al mese precedente ( tonnellate). In rialzo si mostrano anche le spedizioni di prodotto grezzo con un totale di tonnellate (primi 25 giorni di maggio) rispetto alle tonnellate dei primi 25 giorni di aprile. Gli analisti sono sostanzialmente positivi sulle potenzialità di questa commodity, che terrà le posizioni, ora non sono previste forti variazioni di prezzo. Al momento la situazione pare caratterizzata da una debolezza generalizzata delle quotazioni degli oli vegetali e da ritardi nelle spedizioni dall Indonesia. Questo Paese, essendo il primo produttore a livello globale, è in grado di influenzare pesantemente gli andamenti del mercato. ALLUMINIO: NUOVO IMPIANTO IN IRAN Il Segretario del Consiglio Supremo per le zone economiche speciali, Akbar Torkan, ha annunciato che è stato approvato il piano per la costruzione di un impianto di produzione di alluminio nella zona Arvand, nella provincia meridionale del Khuzestan. Il progetto per la costruzione di una fabbrica di alluminio, che avrà una capacità produttiva di tonnellate l anno, è nella nostra agenda, ha riferito Torkan, che è inoltre consigliere presidenziale in Iran. Egli ha sottolineato che l industria dell alluminio contribuirà a rafforzare l economia della zona di Arvand. Nel mese di marzo, Torkan aveva riferito che l Iran ha aperto la strada per attirare maggiori investimenti alle zone di libero scambio del paese attraverso due scenari. Ci sono due strade per attrarre investimenti stranieri alle zone franche dell Iran; uno riguarda il mantenimento dei nostri programmi nonostante le restrizioni esistenti, e la seconda è accelerare la presenza degli investitori esteri nei progetti in Iran se Teheran e il Gruppo (Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Gran Bretagna più la Germania), troveranno un accordo definitivo, ha aggiunto Torkan. Egli ha osservato che molti investitori stranieri hanno mostrato interesse ad investire nelle zone franche iraniane. Amir Hossein Barouh L equity-market americano in settimana ha continuato a muoversi in lento consolidamento rialzista, secondo quanto già sperimentato dall inizio dell anno fino ad ora. Tuttavia, seppure in punta piedi, anche senza avanzare più di tanto, l S&P500 accenna continuamente ad una lieve outperformance rispetto al mercato dei titoli di stato americani con l equity in salita. Non si può ancora parlare di tendenza poiché l S&P500 da inizio anno ha performato troppo poco, mentre nell ottava le Minute della Federal Reserve relative al FOMC di aprile hanno fatto chiarezza sul futuro della politica monetaria americana. Pur potenzialmente facendo prevalere per ora la tesi di una prima stretta monetaria negli USA in settembre piuttosto che in giugno, l atteggiamento della FED pare animato dall intento strategico di una normalizzazione dei tassi d interesse. E concorre a rendere la classe dei bonds piuttosto rischiosa. L equity-market potrà beneficiarne in futuro, quando i tassi d interesse americani saranno riportati più in alto e bisognerà fare i conti con i più elevati costi di funding e con tutto ciò che essi comportano sul piano delle valutazioni dei titoli azionari. Fino ad allora, si prende atto del fatto che questo accenno di outperformance degli stocks sui bonds possa derivare dal modo di procedere mentalmente della Federal Reserve. L S&P500 nel frattempo, ha aggiornato il nuovo massimo record a punti, quanto basta per risollevare tutta la linea di trend di lungo corso e di carattere pluriennale che aveva dato l impressione di essersi appesantita e di volersi erroneamente definitivamente lateralizzare. Si è trattato soltanto di un piccolo passo in avanti da parte dell S&P500 ma quel tanto che bastava ai graficisti per tirare le conclusioni sul fronte tecnico. La incredibile mostrata dal price-action nell avanzare è sintomatica peraltro della cautela di chi incede rastrellando titoli con gli indici sui massimi e di chi si affida a motivazioni più emozionali ed interiori per auto-convincersi che in via top-down l ascesa dei titoli possa proseguire anche partendo dalle attuali altezze grafiche. L approccio accorto e abbottonato degli investitori spiega il modo farraginoso di procedere del price-action a Wall Street, ma al tempo stesso valutando che da esso si possa passare ad una fase emozionalmente opposta qualora il Nasdaq-Composite dovesse arrivare al crocevia dei punti, il massimo record del 10 marzo Soltanto lì allora l accortezza potrebbe lasciare spazio ad una maggiore disinvoltura nell approccio, rialzista o ribassista che sia, valutando, da un lato, le opportunità di un rally da parte del comparto hi tech americano conseguito da un più insano over-shooting dei multipli finanziari sottostanti. 7

8 8 Cina Nasdaq Composite: a segnare il ritmo sono le M&A nel settore tecnologia E dall altro, la possibilità che si possa anche realizzare, graficamente, un doppio-top. Non dimentichiamo che il Nasdaq- Composite è giunto fin qui, ma non con lo stesso trend del 2000, vale a dire per il tramite di uno stellare stretching dei propri multipli finanziari, Ora il Nasdaq Composite si è mosso portando con sé in dote un corredo di utili e fatturati di tutto rispetto. Tutti possono prender atto della leadership del settore hitech americano nel percorso che guida alla globalizzazione dei sistemi macroeconomici, ed è forse soltanto dalla global-economy che ora potrebbe arrivare più valore negli equity-markets di quanto essi stessi oggi mostrino. Non è solo una questione di provare a comprendere se grazie alla globalizzazione l economia reale possa avere dimensioni più grandi, ma si tratta anche e soprattutto di capire se vi possa essere più valore finanziario in un economia globalizzata di quanto ve ne possa essere in un economia non globalizzata. Il motore del consolidamento dell equity-market a Wall Street in questo 2015 è senz altro il settore tecnologico americano, perché il Nasdaq-Composite fino ad ora ha performato di più sia rispetto all S&P500 che rispetto al Dow Jones Industrial. Guardando ad altri comparti oggi risulta molto più rischioso l environment perché i mercati azionari quotano a livelli elevati nel macro-trend, sia perché ci si muove senza il QE della FED. Il dollaro più forte, poi, ed il rischio di tassi più alti più in là, concorrono a dare linfa alla rischiosità implicita nelle attuali valutazioni di mercato. Se vogliamo fare una riflessione completa, questa settimana, guardiamo la successione a tratti impressionante per ritmo e cadenza dei deals di M&A (fusioni e acquisizioni) in corso a Wall Street. Essa lascerebbe pensare che ci si debba dotare di dimensioni più grandi per approcciare l economia globale e che per vincere la gara competitiva sul piano internazionale potrebbe essere utile solo un accelerazione delle strategie di ampliamento delle dimensioni che soltanto la crescita inorganica può dare. La crescita organica non basta più alle società per rimanere competitivi sul mercato globale e per stare al passo con un mondo accelerato bisogna progredire in modo più veloce di quello a cui tradizionalmente si ricorreva in passato. Gli incrementi dimensionali societari inorganici servono peraltro non soltanto a reggere il gioco competitivo ma a garantirsi la sopravvivenza nei rispettivi settori di appartenenza. In effetti sull equity-market americano soprattutto negli ultimi tempi non sono mancati quei CEO che hanno provato ad inglobare al proprio interno le market-caps di altre società oggetto di target acquisitivo, con l intento preciso di provare ad ingrossare la propria forza finanziaria. Tutte queste considerazioni erano vere anche prima. Ma esse ora rischiano di impattare in modo diverso alla luce della piega intrapresa dell equity- market americano, in base alla quale il fattore critico di successo è divenuto proprio quello della forza finanziaria. Lo spostamento dimensionale delle capitalizzazioni di mercato, il mutare la forza competitiva delle società nei settori, quando in realtà sulla carta dovrebbe essere vero il contrario. Le barriere all entrata nei settori di competenza erigibili per il tramite della forza finanziaria (in particolare americana) potrebbero diventare in media insormontabili, e ciò potrebbe finire con l attribuire la leadership settoriale sul piano competitivo a quelle società che, oggi risultano le più grosse sui mercati finanziari. In pratica le società già forti potrebbero diventare ancora più forti, come lungo un percorso di selezione naturale. La forza finanziaria è il fattore critico di successo che supera tutti gli altri ai fini dell imposizione del proprio gioco competitivo, salvo sparute eccezioni. Averne in dote rappresenta un elemento al momento molto discriminante, molto più ora che in passato, quando cioè guadagnarsi la leadership sul piano del business operativo implica il provare a far colloquiare i diversi sistemi economici in una modalità che sia più globale e che per questo richieda dimensionalità di cashflow più alte in grado. Questo serve a fare luce su come andrà a finire la partita competitiva nei diversi settori, allo scopo di individuarne già ora i vincitori ed i vinti. Bisogna dunque tenere il binocolo ben puntato su Wall Street e su quel che stanno facendo e che faranno d ora in poi i soliti nomi. Ad una prima ricognizione già ci si accorge che le capitalizzazioni di Borsa delle società più grandi e dalle sembianze più globali non sono arretrate per di un millimetro sul trading-floor a Wall Street. Sono i titoli tech dai numeri monster a guidare il trend. Il Nasdaq-Composite, grazie al loro apporto rischia di superare il top di quel lontano 10 marzo GIOTTOSIM E UNICREDIT INSIEME A PADOVA Giotto Sim, in collaborazione con Unicredit ed Eduweb, organizza due eventi formativi gratuiti dedicati alle strategie di trading su titoli azionari, opzioni e certificates.l evento di Padova avrà come focus la presentazione delle tecniche operative di trading più efficaci, anche in relazione all aumento di capitale di MPS, mentre a Genova il tema centrale sarà l analisi delle opportunità e dei rischi per proteggere i propri titoli in portafoglio e trascorrere un estate tranquilla.agli eventi interverranno Paolo Dal Negro, Market Manager Listed Products da oltre 10 anni in Unicredit e Giovanni Borsi, Top Trader e fondatore di Eduweb.

9 La Bce è pronta al colpo di acceleratore prima dell estate Eni, distribuiti 2 mld di saldo dividendi agli azionisti Nella settimana del vertice Ue di Riga (20-21 maggio) il mercato azionario europeo ha finito per recuperare più di quanto perduto in quella precedente. L indice DJ Eurostoxx50 ha guadagnato difatti il 2,96% collocandosi nel finale a quota 3.679punti. Nulla è cambiato dal punto di vista tecnico-grafico con la MAV a 50-giorni (3.682,05 punti) sempre a fare da prima resistenza e la MAV a 100-giorni (3.524,63 punti) da primo supporto. Il colpo di acceleratore prima dell estate atteso negli acquisti dei titoli da parte della Bce e l indebolimento dell euro ha sostenuto le Borse europee, facendo passare in secondo piano la pubblicazione di alcuni deludenti dati macroeconomici (indice ZEW tedesco, PMI Composite e produzione edile). La Borsa di Francofortei, in rialzo del 3,20% è stata la migliore in Europa. A risultare calanti sono state le borse in Turchia, Ucraina, Macedonia e Russia. La produzione industriale in Russia è crollata del 4,5% in aprile, rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il dato, che segue il -0,6% di marzo, rappresenta la caduta peggiore dal 2009, nonostante gli sforzi del governo, accelerati dalle sanzioni per la crisi ucraina, di rafforzare la produzione locale in molti settori chiave per sostituire le merci importate. Meno ampio è stato il rialzo messo a segno da Piazza Affari (+1,31%). E vero anche che nell ultima ottava sul listino milanese ha finito per pesare nella misura di oltre 1,5 punti percentuali lo stacco dei dividendi per complessivi circa 8 miliardi di euro che ha interessato ben 21 blue chip (Ansaldo Sts, Atlantia, Azimut, Banco Popolare, Banca Popolare di Milano, Buzzi Unicem, Campari, Enel Green Power, Eni, Generali, Intesa Sanpaolo, Luxottica, Mediaset, Moncler, Pirelli, Salvatore Ferragamo, Snam Rete Gas, Tenaris, Tod s, Ubi Banca e Unicredit). L assegno più corposo è stato quello di Eni che ha distribuito ai soci oltre 2 miliardi di euro a saldo del dividendo, di pari importo, già pagato in autunno. Il rendimento più appetibile in questa tornata di dividendi è legato a Snam Rete Gas superando il 5%, mentre considerando anche l acconto, il dividend yield dell Eni si è attestato al 6,6%. Nel corso della settimana gli acquisti hanno finito per premiare indistintamente tutti i settori, eccezion fatta per i petroliferi, in calo mediamente dello 0,7%. A trascinare verso l alto l azionario europeo son o stati soprattutto i titoli del comparto automobilistico e del food & beverage. La Bce ha promesso un accelerazione del programma di QE e sulle Borse europee è scattato subito il rally. Il consigliere esecutivo, Benoit Coeurè, ha parlato di un colpo di acceleratore agli acquisti di titoli di Stato fra maggio e giugno, anticipando la pausa estiva che ogni anno fa scendere la liquidità sui mercati. Se necessario, ha precisato Coeurè, l anticipo degli acquisti potrebbe essere integrato con un posticipo degli acquisti a settembre. Bce a parte, a sostenere gli indici sono stati anche i primi concreti spiragli nella trattativa tra Grecia e creditori internazionali. L accordo sembrerebbe finalmente vicino e il Presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker,avrebbe azzardato anche una data dichiarando di aspettarsi la chiusura dell intesa tra fine maggio e inizio giugno. Per il ministro delle finanze tedesco Schauble la situazione invece è talmente critica al punto tale da non escludere unfallimento del paese. Al vertice di Riga del maggio si è arrivati con qualche passo fatto in avanti. Il premier greco,tsipras, ha presentato al Brussels Group proposte sui tre nodi principali: pensioni, mercato del lavoro e una semplificazione dell IVA, con due aliquote. Quella sull IVA sembra sia stata già criticata, quindi il Governo starebbe pensando ad una misura sostitutiva: un imposta dello 0,1%-0,2% sulle transazioni finanziarie, ad eccezione dei prelievi al bancomat e dei pagamenti con carta di credito. I creditori avrebbero aperto a un compromesso sul salario minimo che Tsipras vuol aumentare, ma riterrebbero una riforma delle pensioni inderogabile. Gli obiettivi di bilancio che Atene si eradata prima di ricadere in recessione sono ormai fuori portata. L obiettivo di tutti è arrivare a un accordo sul debito entro fine mese, perché il 5 giugno per la Grecia potrebbe scattare un probabile default ufficiale. Atene, secondo i deputati di Syriza, non rimborserà la tranche di 300 milioni di euro all IMF ma pagherà stipendi e pensioni. Ma la vera ora X per la Grecia arriva fra luglio e agosto ed è la scadenza dei prestiti SMP erogati proprio dalla Bce. Trattasi di impegni finanziari in grado di far saltare davvero il tavolo. Per Moody s le prospettive per le banche greche sono negative, rispecchiando la crisi di liquidità. E visto che è improbabile un allentamento delle tensioni sugli istituti di credito ellenici nei prossimi mesi, è molto alta la probabilità che venga imposto un controllo sui trasferimenti di capitali e un congelamento dei depositi. Nel frattempo la Bce ha deciso di aumentare la liquidità d emergenza disponibile per le banche greche di 200 milioni di euro, portandola a 80,2 miliardi, e di non apportare alcuna variazione all haircut che applica sul valore dei titoli di Stato greci forniti a garanzia della liquidità, lasciandolo invariato al 35%. LUGANO COMMODITY FORUM 8/9 giugno E confermata per le date di lunedì 8 e di martedì 9 giugno 2015 la quarta edizione del Lugano commodity & shipping forum, la cui edizione 2015 sarà focalizzata sul mondo dei trasporti di merci. Il meeting si terrà al Palacongressi di Lugano. Primi relatori annunciati: Fabio Toriello, Michael Buisset, Stefano Messina, Lorenzo Banchero, Christopher Wyke, Pascal Timmerman, Alberto Scala, Sarah Taylor, Simon Tywuschik. Ideazione ed organizzazione sotto l egida di The lantern research Sa, Lugano. 9

10

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Dopo il forte rally di giovedì nei mercati azionari statunitensi, le azioni si sono consolidate e sono avanzate leggermente. Un risultato sulle Vendite al dettaglio negli USA peggiore delle attese è stato

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre Morning Call 30 OTTOBRE 2015 I temi della settimana Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. la Fed, possibile il rialzo a dicembre Pil Usa del terzo trimestre in calo all 1,5%

Dettagli

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 Sotto i riflettori Eur/Jpy: andamento I temi del giorno Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Tassi: Treasury a 10 anni in lieve rialzo al 2,35%;

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 17 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Grecia, oggi il via libera dei Paesi Ue al prestito ponte da 7mld; nuovi fondi Ela per la banche greche

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei Mercati 26 settem, 2010 Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Si sono mossi al rialzo i mercati azionari nel corso di questa settimana sulla scia

Dettagli

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Morning Call 10 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Cambio Usd/Yuan: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Banche centrali:

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

Morning Call 22 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Giornata decisiva per gli sviluppi della situazione greca: ieri nuova proposta di Tsipras

Morning Call 22 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Giornata decisiva per gli sviluppi della situazione greca: ieri nuova proposta di Tsipras Morning Call 22 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Giornata decisiva per gli sviluppi della situazione greca: ieri nuova proposta

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Euribor ad 1 mese: andamento I temi del giorno Macro Usa: sotto le attese i nuovi occupati ad agosto a +173mila unità, tasso di disoccupazione al 5,1% Tassi:

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo in Francia. Stati Uniti: oggi l indice principale e la fiducia commerciale elaborata dalla Fed di Philadelphia.

Europa: oggi i prezzi al consumo in Francia. Stati Uniti: oggi l indice principale e la fiducia commerciale elaborata dalla Fed di Philadelphia. Morning Call 19 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento Treasury a 10 anni: andamento I temi del giorno Grecia: domani l Eurogruppo per trovare un compromesso; la Bce amplia a 68,3 miliardi l Ela per

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net 10 otto, 2010 Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Il mercato azionario ha avuto un impennata a metà settimana per poi consolidarsi durante gli ultimi giorni dal momento

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

Morning Call 6 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005

Morning Call 6 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005 Morning Call 6 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Ism non manifatturiero: andamento I temi del giorno Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005 Rendimenti in rialzo, Bund a 10

Dettagli

Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso?

Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso? Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso? 22 maggio, 2011 Cosa dice la Fed in merito alle possibilità future del dopo QE2? Ben Bernanke e la Federal Reserve hanno solo poco più di un mese prima

Dettagli

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori.

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori. Morning Call 25 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Quotazione del Brent: andamento dal 2008 I temi del giorno Lunedì nero per le borse; oggi Shanghai perde ancora oltre il 7,0% ma i listini europei tentano

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento intraday ieri e oggi I temi del giorno La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Tassi:

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago. Morning Call 24 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di Borsa di Shanghai: andamento I temi del giorno Proseguono le tensioni sui mercati: questa mattina Shanghai segna un -8,7% e il Nikkei segue con

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro. La Federal Reserve Sta per cambiare politica? 4 aprile 2011 Il doppio Mandato della Federal Reserve- Dal 1978, la Federal Reserve è stata incaricata dal Congresso statunitense del doppio mandato di promuovere

Dettagli

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Morning Call 18 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Curva a scadenza dei Treasury: oggi e al 30 settembre 2015 I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Mercati

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Morning Call 9 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Tassi: spread

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 APRILE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: nell Area euro a marzo i prezzi al consumo a -0,1% a/a, oggi i Pmi dell attività manifatturiera

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Morning Call 31 LUGLIO 2015. I temi della settimana. Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai

Morning Call 31 LUGLIO 2015. I temi della settimana. Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai Morning Call 31 LUGLIO 2015 I temi della settimana Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai Fmi: senza ristruttura zione del debito greco non partecipa al terzo programma di aiuti Fed: qualche ulteriore

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Morning Call 14 GENNAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Tassi:

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Morning Call 31 MARZO 2015 Sotto i riflettori Fiducia delle imprese in Italia: andamento I temi del giorno Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Tassi: nuovi

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Rialzo dei mercato azionari durante questa settimana grazie ai dati migliori delle attese provenienti dalla Cina che hanno ridato

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la. nell Area euro

Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la. nell Area euro Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la produzione industriale nell Area euro Tassi: per

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e francesi e le minute della Bce. Stati Uniti: oggi le vendite al dettaglio.

Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e francesi e le minute della Bce. Stati Uniti: oggi le vendite al dettaglio. Morning Call 13 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Market movers Cina: terza svalutazione per lo yuan, nuova parità

Dettagli

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice Numero 7 del 4 febbraio 2013 Edito da Borsari Casa Editrice Disclaimer: l intento di BorsariTrade è quello di analizzare i mercati nei loro movimenti passati e attuali, innanzitutto per capire come cambia

Dettagli

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bonos a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Tassi: rendimenti

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed.

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed. Morning Call 2 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Dow Jones: andamento I temi del giorno Macro: nella manifattura in calo l Ism (Usa), stabile il Pmi (Area euro) Fmi: il rallentamento della Cina

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei rcati Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Performance deludenti per i titoli e le materie prime a più alto rischio dal momento che questa settimana

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 10 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Grecia, rendimento del benchmark a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: in rialzo il saldo della bilancia commerciale tedesca a 19,1 mld di euro;

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Morning Call 18 AGOSTO 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua

Morning Call 18 AGOSTO 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua Morning Call 18 AGOSTO 2014 Sotto i riflettori Rendimento Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua Nuovi minimi storici per

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Eur/Usd: andamento a 5 giorni I temi del giorno Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Tassi: le aspettative

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Morning Call 15 APRILE 2015 Sotto i riflettori Irs a 5 anni: andamento I temi del giorno Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Pil della Cina nel primo

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti. Morning Call 22 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Ibex: andamento I temi del giorno Macro: oggi il dato finale del Pil Usa del terzo trimestre Il voto spagnolo e lo stallo politico pesano su azionario

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

TASSI DI CAMBIO AVVENIMENTI DI QUESTA SETTIMANA. Analisi Settimanale dei Mercati

TASSI DI CAMBIO AVVENIMENTI DI QUESTA SETTIMANA. Analisi Settimanale dei Mercati Il vulcano ha eruttato durante la settimana poiché i problemi di solvibilità del debito nella periferia dell Europa hanno creato il panico in tutto il mondo ed i mercati finanziari hanno avuto comportamenti

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

giugno 2016 sotto lo 0,30%, il dicembre 2016 a ridosso dello 0,40%.

giugno 2016 sotto lo 0,30%, il dicembre 2016 a ridosso dello 0,40%. Morning Call 12 AGOSTO 2014 Sotto i riflettori Rendimento Schatz tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno Moody s abbassa le stime per il Pil italiano: -0,1% a/a nel 2014; più ottimista l Ocse Situazione

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Morning Call 31 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania

Morning Call 31 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania Morning Call 31 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento Treasury 2 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: ad agosto prezzi al consumo stabili al +0,1% a/a in Germania Fed: il vicepresidente

Dettagli

Schroders Private Banking

Schroders Private Banking Schroders Private Banking Weekly newsletter Schroders Italy SIM S.p.A. Via della Spiga, 30-20121 Milano Tel: 0276377.1 Fax: 0276377300 www.schroders.it 1 Il Mercato Europeo Andamento dei principali indici

Dettagli