Bilancio Mediocredito Italiano è una banca del gruppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio 2011. Mediocredito Italiano è una banca del gruppo"

Transcript

1 Bilancio 2011 Mediocredito Italiano è una banca del gruppo

2

3 Sede sociale: Via Cernaia, 8/ Milano Succursali: Bari, Bologna, Firenze, Napoli, Padova, Palermo, Roma, Torino

4

5 Relazione e Bilancio al 31 dicembre 2011 MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Capitale sociale interamente versato Numero di iscrizione al registro delle imprese di Milano, codice fiscale e partita I.V.A Iscritta all Albo delle banche. Società unipersonale, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Intesa Sanpaolo S.p.A. ed appartenente al Gruppo Intesa Sanpaolo, iscritto all Albo dei gruppi bancari. 3

6

7 Indice Cariche sociali 7 Organizzazione territoriale 9 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 11 Proposte all Assemblea 33 Relazione del Collegio Sindacale 37 Relazione della Società di Revisione sul Bilancio al 31 dicembre Prospetti contabili Stato Patrimoniale 46 Conto Economico 48 Prospetto della redditività complessiva 49 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto 50 Rendiconto finanziario 51 Nota Integrativa Parte A: politiche contabili 55 Parte B: informazioni sullo Stato Patrimoniale 78 Parte C: informazioni sul Conto Economico 103 Parte D: redditività complessiva 117 Parte E: informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 118 Parte F: informazioni sul patrimonio 155 Parte G: operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 162 Parte H: operazioni con parti correlate 163 Parte I: accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 169 Allegati di Bilancio Raccordo tra schemi di bilancio riclassificati e prospetti contabili 173 Corrispettivi alla Società di Revisione 175 5

8

9 Cariche sociali Consiglio di Amministrazione Presidente Roberto Mazzotta * Vicepresidente Giovanni Tricchinelli * Aldo Scarselli * Consigliere Carlo Berselli * (sino al 5 aprile 2011) Giovanni Bizzozero * Cristian Chizzoli Giovanni Correnti Franco Giandonati * Fabrizio Gnocchi Giancarlo Lombardi Francesco Pensato Eugenio Rossetti * (dal 14 aprile 2011) Orazio Rossi Flavio Venturini * * Componenti il Comitato esecutivo Collegio Sindacale Presidente Sindaco effettivo Sindaco supplente Livio Torio Roberta Benedetti Michelangelo Rossini Paolo Giolla Francesca Monti Direzione Generale Direttore Generale Carlo Stocchetti Società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. 7

10

11 Organizzazione territoriale SEDE MILANO - Via Cernaia, 8/10 SUCCURSALI BARI - Via Niceforo, 3 BOLOGNA - Piazza S. Domenico, 1 FIRENZE - Via Carlo Magno, 3 NAPOLI - Via Toledo, 177 PADOVA - Via Trieste, 57/59 PALERMO - Piazza Castelnuovo, 27 ROMA - Piazza Montecitorio, 115 TORINO - Via S. Maria, 8 9

12

13 11 11

14

15 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 13 13

16 Relazione degli Amministratori sulla Gestione Erogazioni Consuntivo 2011 Consuntivo

17 Relazione degli Amministratori sulla Gestione Distribuzione delle erogazioni per area geografica Emilia e Adriatico 10% Toscana Umbria 6% Lombardia 17% Milano 17% Sud 11% Triveneto 20% Lazio e Sardegna 10% Nord Ovest 9% Distribuzione delle erogazioni per settore di attività Attività manifatturiere 39% Agricoltura silvicoltura e pesca 6% Altro 17% Fornitura di energia 13% Costruzioni 6% Commercio all ingrosso e al dettaglio 12% Attività immobiliari 7% (Classifica ATECO Banca d Italia) 15 15

18 Relazione degli Amministratori sulla Gestione Erogazioni Erogazioni desk Desk specialistici 39% Turismo 5% Media & Entertainment 7% Alimentare 2% Navale 3% Altro 61% Reti e ricerca 18% Energia 65%

19 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 17 17

20 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 18 18

21 Relazione degli Amministratori sulla Gestione Composizione per genere Composizione per genere Età media Età collaboratori media collaboratori (anni)t (anni) Donne 156 Donne 156 Donne Donne 46,5 46,5 Uomini Uomini 240 Donne Uomini 240 Uomini Donne Uomini Uomini ,8 48,

22 Relazione degli Amministratori sulla Gestione assolute % 20 20

23 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 21 21

24 Relazione degli Amministratori sulla Gestione

25 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 23 23

26 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 24 24

27 Relazione degli Amministratori sulla Gestione * Nella raccolta a termine è incluso il prestito obbligazionario subordinato sottoscritto dalla Capogruppo Distribuzione degli impieghi per area geografica Lombardia 24% Toscana Umbria 5% Emilia e Adriatico 8% Nord Ovest 10% Lazio e Sardegna 11% Triveneto 11% Sud 14% Milano 17% 25 25

28 Relazione degli Amministratori sulla Gestione Distribuzione degli impieghi per settore di attività Altro 21% Fornitura di energia 5% Costruzioni 7% Commercio all ingrosso e al dettaglio 12% Attività immobiliari 14% (Classifica ATECO Banca d Italia) Attività manifatturiere 41%

29 Relazione degli Amministratori sulla Gestione

30 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 28 28

31 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 29 29

32 Relazione degli Amministratori sulla Gestione

33 Relazione degli Amministratori sulla Gestione 31 31

34 Relazione degli Amministratori sulla Gestione IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il Presidente Roberto Mazzotta 32 32

35 33 33

36

37 Proposte all Assemblea 35 35

38

39 37 37

40

41 Relazione del Collegio Sindacale 39 39

42 Relazione del Collegio Sindacale

43 41 41

44 38 42

45 43

46

47 Prospetti contabili al 31 dicembre 2011 Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto della redditività complessiva Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Rendiconto finanziario 45

48 Prospetti contabili al 31 dicembre 2011 Stato Patrimoniale di Mediocredito Italiano Voci dell'attivo variazioni (importi in euro) assolute % 10. CASSA E DISPONIBILITA' LIQUIDE ATTIVITA' FINANZIARIE DETENUTE PER LA NEGOZIAZIONE (30.013) 3,4 30. ATTIVITA' FINANZIARIE VALUTATE AL FAIR VALUE 40. ATTIVITA' FINANZIARIE DISPONIBILI PER LA VENDITA ,2 50. ATTIVITA' FINANZIARIE DETE NUTE S INO ALLA S CADE NZA 60. CRE DITI VE RS O BANCHE ( ) 61,6 70. CREDITI VERSO CLIENTELA ,1 80. DER IVATI DI COP E RTUR A (30.342) 68,1 90. ADE GUAME NTO DI VALORE DELLE ATTIVITA' FINANZIARIE OGGETTO DI COPERTURA GENERICA 100. P AR TE CIP AZIONI , ATTIVITA' MATE R IALI 120. ATTIVITA' IMMATE R IALI di cui: avviamento 130. ATTIVITA' F IS CALI ,8 a) correnti ,8 b) anticipate , ATTIVITA' NON COR R E NTI E GR UP P I DI ATTIVITA' IN VIA DI DISMISSIONE 150. ALTR E ATTIVITA' ( ) 59,6 Totale dell'attivo ,5 46

49 Prospetti contabili al 31 dicembre 2011 Voci del passivo e del patrimonio netto variazioni (importi in euro) assolute % 10. DEBITI VERSO BANCHE ,0 20. DEBITI VERSO CLIENTELA TITOLI IN CIR COLAZIONE ( ) 42,7 40. P ASS IVITA' FINANZIARIE DI NE GOZIAZIONE ,4 50. PASSIVITA' FINANZIARIE VALUTATE AL FAIR VALUE 60. DERIVATI DI COPERTURA ,5 70. ADEGUAMENTO DI VALORE DELLE PASSIVITA' FINANZIARIE OGGETTO DI COP E RTUR A GE NE RICA 80. P AS S IVITA' F IS CALI ,1 a) correnti ,1 b) differite 90. P AS S IVITA' AS S OCIATE A GR UP P I DI ATTIVITA' IN VIA DI DISMISSIONE 100. ALTR E P AS S IVITA' ( ) 58, TR ATTAME NTO DI F INE R AP P OR TO DE L P E R S ONALE , FONDI PER RISCHI ED ONERI ( ) 3,8 a) quiescenza e obblighi simili b) altri fondi ( ) 3, R IS E R VE DA VALUTAZIONE ( ) ( ) , AZIONI R IMBOR S ABILI 150. S TR UME NTI DI CAP ITALE 160. R IS E R VE , SOVRAPPREZZI DI EMISSIONE CAP ITALE AZIONI P R OP R IE () 200. UTILE (P E R DITA) DI P E R IODO ( ) ( ) Totale del passivo ,5 47

50 Prospetti contabili al 31 dicembre 2011 Conto Economico di Mediocredito Italiano Voci (importi in euro) variazioni assolute % 10. Interes si attivi e proventi assimilati ,2 20. Interessi passivi e oneri assimilati ( ) ( ) ,0 30. Margine di interesse ,0 40. Commissioni attive ,6 50. Commissioni passive ( ) (51.851) Commissioni nette ,6 70. Dividendi e proventi simili 80. R isultato netto dell'attività di negoziazione ( ) ( ) 90. R isultato netto dell'attività di copertura (9.697) 100. Utile/perdita da cessione di: 73 (7.102) a) crediti b)attività finanziarie disponibili per la vendita 73 (6.891) d) passività finanziarie (211) (211) 110. R isultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value 120. Margine di intermediazione , R ettifiche di valore nette per deterioramento di: ( ) ( ) a) crediti ( ) ( ) b) attività finanziarie disponibili per la vendita ( ) ( ) c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) altre attività finanziarie ( ) Risultato netto della gestione finanziaria ( ) ( ) 150. S pes e amministrative: ( ) ( ) ,3 a) spese per il personale ( ) ( ) ,1 b) altre spese amministrative ( ) ( ) , Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri ( ) ( ) 170. Rettifiche di valore nette su attività materiali 180. Rettifiche di valore nette su attività immateriali di cui: avviamento 190. Altri oneri/proventi di gestione ( ) 11, Costi operativi ( ) ( ) , Utili (P erdite) delle partecipazioni 220. Risultato netto della valutazione al fair value delle attività materiali ed immateriali 230. R ettifiche di valore dell'avviamento 240. Utili (P erdite) da cess ione di investimenti 250. Utile (Perdita P erdita) della operatività corrente al lordo delle imposte ( ) ( ) 260. Imposte sul reddito dell'esercizio dell operatività corrente ( ) Utile (Perdita P erdita) della operatività corrente al netto delle imposte ( ) ( ) 280. Utile (P erdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte 290 Utile (Perdita) d'esercizio ( ) ( ) 48

51 Prospetti contabili al 31 dicembre 2011 Prospetto della redditività complessiva di Mediocredito Italiano VOC I (importi in e uro) variazioni assolute % 10. UTILE (PERDITA) D'ESERCIZIO ( ) ( ) Altre componenti reddituali (al netto delle imposte) 20. Attività finanziarie disponibili per la vendita (35.105) ( ) 30. Attività ma teria li 40. Attività immateria li 50. Copertura di investimenti esteri 60. Copertura dei flus s i finanziari ( ) ( ) 70. Differenze di cambio 80. Attività non correnti in via di dismissione 90. Utili (Perdite) attuariali su piani a benefici definiti 100. Quota delle riserve da valutazione delle partecipazioni valutate a pa trimonio netto 110. Totale altre componenti reddituali al netto delle imposte ( ) ( ) 120. REDDITIVITA' COMPLESSIVA (Voce ) ( ) ( ) 49

52 Prospetti contabili al 31 dicembre 2011 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto di Mediocredito Italiano al 31 dicembre 2011 (importi in euro) azioni ordinarie Capitale altre azioni Sovrap prezzi di emissione Riserve di utili altre disponibili per la vendita Riserve da valutazione copertura flussi finanziari leggi speciali di rivalutaz. altre Strumenti di capitale Azioni proprie Utile (Perdita) del periodo P atrimonio netto E S IS TE NZ E AL (7.923) ( ) ALLOCAZIONE RISULTATO ESERCIZIO PRECEDENTE R is erve ( ) Dividendi e altre destinazioni VARIAZIONI DELL'ESERCIZIO Variazioni di riserve Operazioni s ul patrimonio netto E missione nuove azioni Acquis to azioni proprie Dis tribuzione s traordinaria dividendi Variazione s trumenti di capitale Derivati s u proprie azioni S tock option R edditività complessiva del periodo (35.105) ( ) ( ) ( ) PATRIMONIO NETTO AL (43.028) ( ) ( ) Prospetto delle variazioni del patrimonio netto di Mediocredito Italiano al 31 dicembre 2010 (importi in euro) Capitale azioni ordinarie altre azioni S ovrap prezzi di emissione Riserve di utili altre disponibili per la vendita Riserve da valutazione copertura flussi finanziari leggi speciali di rivalutaz. altre S trumenti di capitale Azioni proprie Utile (P erdita) del periodo P atrimonio netto P ATR IMONIO NE TTO AL ( ) ( ) ALLOCAZIONE RISULTATO ESERCIZIO PRECEDENTE R iserve ( ) Dividendi e altre destinazioni ( ) ( ) VARIAZIONI DE LL'E S ERCIZIO Variazioni di ris erve Operazioni s ul patrimonio netto E miss ione nuove azioni Acquisto azioni proprie Dis tribuzione straordinaria dividendi Variazione s trumenti di capitale Derivati s u proprie azioni S tock option R edditività compless iva del periodo P ATRIMONIO NETTO AL (7.923) ( )

53 Prospetti contabili al 31 dicembre 2011 Rendiconto finanziario di Mediocredito Italiano (importi in euro) A. ATTIVITÀ OPERATIVA 1. Gestione risultato di periodo (+/) ( ) plus/minusvalenze su attività finanziarie detenute per la negoziazione e su attività/passività finanziarie valutate al fair value (/+) (73) plus/minusvalenze su attività di copertura (/+) (9.697) rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento (+/) rettifiche/riprese di valore nette su immobilizzazioni materiali e immateriali (+/) accantonamenti netti a fondi rischi ed oneri ed altri costi/ricavi (+/) ( ) imposte e tasse non liquidate (+) rettifiche/riprese di valore nette dei gruppi di attività in via di dismissione al netto dell effetto fiscale (/+) altri aggiustamenti (+/) Liquidità generata/assorbita dalle attività finanziarie ( ) ( ) attività finanziarie detenute per la negoziazione ( ) attività finanziarie valutate al fair value attività finanziarie disponibili per la vendita ( ) ( ) crediti verso banche: a vista ( ) ( ) crediti verso banche: altri crediti ( ) crediti verso clientela ( ) ( ) altre attività ( ) 3. Liquidità generata/assorbita dalle passività finanziarie debiti verso banche: a vista ( ) debiti verso banche: altri debiti debiti verso clientela ( ) titoli in circolazione ( ) ( ) passività finanziarie di negoziazione passività finanziarie valutate al fair value (210) altre passività ( ) ( ) Liquidità netta generata/assorbita dall attività operativa B. ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. Liquidità generata da vendite di partecipazioni dividendi incassati su partecipazioni vendite di attività finanziarie detenute sino alla scadenza vendite di attività materiali vendite di attività immateriali vendite di società controllate e di rami d azienda 2. Liquidità assorbita da (7.000) acquisti di partecipazioni (7.000) acquisti di attività finanziarie detenute sino alla scadenza acquisti di attività materiali acquisti di attività immateriali acquisti di società controllate e di rami d azienda Liquidità netta generata/assorbita dall attività d investimento (7.000) C. ATTIVITÀ DI PROVVISTA emissioni/acquisti di azioni proprie emissioni/acquisti di strumenti di capitale distribuzione dividendi e altre finalità ( ) Liquidità netta generata/assorbita dall attività di provvista ( ) LIQUIDITÀ NETTA GENERATA/ASSORBITA NELL ESERCIZIO (1.928) RICONCILIAZIONE Voci di bilancio Cassa e disponibilità liquide all inizio dell esercizio Liquidità totale netta generata/assorbita nell esercizio (1.928) Cassa e disponibilità liquide: effetto della variazione dei cambi Cassa e disponibilità liquide alla chiusura del periodo LEGENDA: (+) generata ( ) assorbita 51

54

55 53

56

57 55

58 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 56

59 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 57

60 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 58

61 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 59

62 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 60

63 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 61

64 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 62

65 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 63

66 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 64

67 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 65

68 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 66

69 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 67

70 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili

71 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili

72 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 70

73 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili - 71

74 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili

75 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 73

76 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 74

77 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 75

78 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 76

79 Nota integrativa Parte A - Politiche contabili 77

80 (migliaia di euro) a) Cassa 3 1 b) De pos iti liberi pres s o Banc he C entrali (migliaia di euro) A. Attività per c as s a 1. Titoli di debito 1.1 T itoli strutturati 1.2 Altri titoli di debito 2. Titoli di capitale 3. Quote di O.I.C.R. 4. F inanziamenti 4.1 P ronti contro termine 4.2 Altri T otale A B. Strumenti derivati 1. Derivati finanziari di negoziazione connessi con la fair value option 1.3 altri 2. Derivati creditizi 2.1 di negoziazione 2.2 connessi con la fa ir value option 2.3 altri T ota le B

81 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo (migliaia di euro) A. ATTIVITA' P E R CAS S A 1. Titoli di debito a) Governi e Banche Centrali b) Altri enti pubblici c) Banche d) Altri emittenti 2. Titoli di capitale a) Banche b) Altri emittenti: imprese di assicurazione società finanziarie imprese non finanziarie altri 3. Quote di O.I.C.R. 4. F inanziamenti a) Governi e Banche Centrali b) Altri enti pubblici c) Banche d) Altri soggetti Totale A B. S trumenti deriv ati a) Banche fair value b) Clientela fair value Totale B Alle date del 31 dicembre 2011 e del 31 dicembre 2010 nel bilancio di Mediocredito Italiano non sono presenti Attività finanziarie per cassa. 79

82 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo Mediocredito Italiano non si avvale della fair value option. (migliaia di euro) 1. Titoli di debito T itoli strutturati 1.2 Altri titoli di debito Titoli di capitale 2.1 Valutati al fair value 2.2 Valutati al costo 3. Quote di O.I.C.R Finanziamenti (migliaia di euro) 1. Titoli di debito a) Governi e Banche Centrali b) Altri enti pubblici c) Banche d) Altri emittenti 2. Titoli di capitale a) Banche b) Altri emittenti: imprese di assicurazione società finanziarie imprese non finanziarie altri 3. Quote di O.I.C.R Finanziamenti a) Governi e Banche Centrali b) Altri enti pubblici c) Banche d) Altri soggetti 80

83 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo Alle date del 31 dicembre 2011 e del 31 dicembre 2010 nel bilancio di Mediocredito Italiano non sono presenti Attività finanziarie disponibili per la vendita, oggetto di copertura specifica. (migliaia di euro) A. Esistenze iniziali B. Aumenti B1. Acquisti B2. Variazioni positive di FV B3. Riprese di valore: Imputate al conto economico Imputate al patrimonio netto B4. Trasferimenti da altri portafogli B5. Altre variazioni C. Diminuzioni C1. Vendite C2. Rimborsi C3. Variazioni negative di FV C4. Svalutazioni da deterioramento Imputate al conto economico Imputate al patrimonio netto C5. Trasferimenti ad altri portafogli C6. Altre variazioni

84 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo Alle date del 31 dicembre 2011 e del 31 dicembre 2010 nel bilancio di Mediocredito Italiano non sono presenti Attività finanziarie detenute fino alla scadenza. (migliaia di euro) A. Crediti verso Banche Centrali 1. Depositi vincolati 2. R iserva obbligatoria 3. P ronti contro termine 4. Altri B. Crediti verso banche Conti correnti e depos iti liberi Depositi vincolati Altri finanziamenti: P ronti contro termine attivi 3.2 Leasing finanziario 3.3 Altri T itoli di debito 4.1 T itoli strutturati 4.2 Altri titoli di debito Al 31 dicembre 2011 e 31 dicembre 2010 Mediocredito Italiano non ha in essere attività verso banche oggetto di copertura specifica. Al 31 dicembre 2011 e 31 dicembre 2010 Mediocredito Italiano non ha in essere crediti per locazione finanziaria. 82

85 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo (migliaia di euro) 1. Conti correnti 2. Pronti contro termine attivi 3.Mutui Carte di credito, prestiti personali e cessioni del quinto 5. Leasing finanziario 6.Factoring 7. Altre operazioni T itoli di debito 8.1 Titoli strutturati 8.2 Altri titoli di debito L ammontare dei crediti erogati a fronte di provvista con fondi di terzi in amministrazione, con rischio a carico della banca, risulta pari a migliaia, di cui migliaia con fondi messi a disposizione da Veneto Sviluppo e 135 migliaia relativi a fondi messi a disposizione da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze (Legge 50/1952). L illustrazione dei criteri di determinazione del fair value è riportata nella Parte A Politiche contabili. Relativamente alla qualità del credito si rimanda alla parte E Informativa sui rischi e sulle relative politiche di copertura, sezione Rischi di credito. 83

86 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo (migliaia di euro) 1. Titoli di debito a) Governi b) Altri E nti pubblici c) Altri emittenti impres e non finanziarie imprese finanziarie assicurazioni altri 2. F inanziamenti a) Governi b) Altri E nti pubblici c) Altri emittenti impres e non finanziarie imprese finanziarie assicurazioni altri (migliaia di euro) 1. Attività finanziarie oggetto di copertura specifica del fair value a) R ischio di tasso di interesse b) R ischio di prezzo c) R ischio di cambio d) R ischio di credito e) P iù rischi 2. Attività finanziarie oggetto di copertura specifica dei flussi finanziari a) R ischio di tasso di interesse b) R ischio di cambio c) Altro Alle date del 31 dicembre 2011 e 31 dicembre 2010 nel bilancio di Mediocredito Italiano non sono presenti crediti per Locazione finanziaria. 84

87 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo Per quanto riguarda gli obiettivi e le strategie sottostanti alle operazioni di copertura si rinvia all informativa fornita nell ambito della parte E Informativa sui rischi e sulle relative politiche di copertura, sezione Rischi di mercato. (migliaia di euro) A) Derivati finanziari: ) Fair value ) Flus si finanziari 3) Investimenti esteri B) Derivati creditizi: 1) Fair value 2) Flus si finanziari (migliaia di euro) 1. Attività finanziarie disponibili X X X per la vendita 2. Crediti 14 X X X X 3. Attività finanziarie detenute X X X X X sino alla scadenza 4. P ortafoglio X X X X X X X 5. Altre operazioni X X 1. P assività finanziarie X X X X 2. P ortafoglio X 1. Transazioni attese X X X X X X X X 2. P ortafoglio di attività e passività finanziarie X X X X X X Al 31 dicembre 2011 Mediocredito Italiano non ha in essere coperture generiche di fair value. 85

88 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo Al 31 dicembre 2011 la voce ammonta a 37 migliaia e si riferisce alla partecipazione dello 0,0044% detenuta nella società consortile di Gruppo Intesa Sanpaolo Group Services ScpA ed alla partecipazione del 2,4050% in Intesa Sanpaolo Formazione ScpA, che vengono incluse fra le partecipazioni rilevanti, in quanto complessivamente, il Gruppo detiene una quota di controllo. (migliaia di euro) A. Impres e controllate in via esclusiva B. Impres e controllate in modo congiunto C. Imprese sottoposte ad influenza notevole Intesa S anpaolo Group S ervices S cpa Milano 0,0044% 30 Intes a S anpaolo F ormazione S cpa Napoli 2,4050% 7 Con riferimento alla partecipazione detenuta in Intesa Sanpaolo Group Services S.c.p.A., al 31 dicembre 2011 il totale attivo risulta pari a migliaia, i ricavi sono pari a migliaia, il patrimonio risulta pari a migliaia. Per quanto riguarda la partecipazione in Intesa Sanpaolo Formazione S.c.p.A., al 31 dicembre 2011 il totale attivo risulta pari a migliaia, i ricavi sono pari a migliaia, il patrimonio risulta pari a 305 migliaia. Il risultato netto dell esercizio risulta pari a 6 migliaia. I valori indicati si riferiscono ai bilanci in corso di approvazione. (migliaia di euro) A) ESISTENZE INIZIALI B. Aumenti 7 B.1. Acquisti 7 B.2. R iprese di valore B.3. R ivalutazioni B.4. Altre variazioni C. Diminuzioni C1. Vendite C2. R ettifiche di valore C4. Altre variazioni D. RIMANENZE FINALI E. RIVALUTAZIONI TOTALI F. RETTIFICHE TOTALI 86

89 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo Al 31 dicembre 2011 Mediocredito Italiano non ha in essere impegni nei confronti di società controllate. Al 31 dicembre 2011 Mediocredito Italiano non ha in essere impegni nei confronti di società controllate in modo congiunto. Al 31 dicembre 2011 Mediocredito Italiano non ha in essere impegni nei confronti di società sottoposte ad influenza notevole. 87

90 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo Alle date del 31 dicembre 2011 e 31 dicembre 2010 nel bilancio di Mediocredito Italiano non sono presenti Attività materiali. Alle date del 31 dicembre 2011 e 31 dicembre 2010 nel bilancio di Mediocredito Italiano non sono presenti Attività immateriali. 88

91 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo La voce 130 Attività fiscali ammonta a migliaia e si riferisce per migliaia ad imposte anticipate e per migliaia ad acconti di imposte. La voce 80 Passività Fiscali ammonta a migliaia e si riferisce per migliaia a debiti per imposta sostitutiva, per migliaia a debiti per IRAP da versare e per 69 migliaia a debiti per altre imposte. (migliaia di euro) Conto economico perdite fiscali svalutazione crediti altre Patrimonio netto Alle date del 31 dicembre 2011 e 31 dicembre 2010 nel bilancio di Mediocredito Italiano non sono presenti passività per imposte differite. (migliaia di euro) 1. Importo iniziale Aumenti Imposte anticipate rilevate nell es ercizio a) relative a precedenti esercizi b) dovute al mutamento di criteri contabili c) riprese di valore d) altre Nuove imposte o incrementi di aliquote fiscali 2.3 Altri aumenti 3. Diminuzioni Imposte anticipate annullate nell esercizio a) rigiri b) s valutazioni per sopravvenuta irrecuperabilità 557 c) mutamento di criteri contabili d) altre 3.2 R iduzioni di aliquote fiscali 3.3 Altre diminuzioni Importo finale

92 Nota integrativa Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale - Attivo Tipologia non presente. (m iglia ia di euro) 1. Im po rto in izia le Au menti Im pos te a nticipate rile vate ne ll e s ercizio a)relative a prec edenti esercizi b)dovute a l m utam e nto di crite ri conta bili c ) a ltre N uove im pos te o increm enti di a liquote fis cali Altri a um e nti 3. Diminuzioni Impos te anticipa te a nnullate nell es erc izio a )rigiri b)s valutazioni pe r s opra vvenuta irre cupe ra bilità 19 c)dovute al mutamento di criteri contabili d) altre 3.2 R iduzioni di aliquote fiscali 3.3 Altre dim inuzioni 4. Importo fin ale Alle date del 31 dicembre 2011 e 31 dicembre 2010 nel bilancio di Mediocredito Italiano non sono presenti Variazioni delle imposte differite in contropartita del patrimonio netto. 90

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Partecipazioni e azioni proprie

Partecipazioni e azioni proprie OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Partecipazioni e azioni proprie Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli