GENNAIO FEBBRAIO. ."Può il batter d'ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas?..."

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENNAIO FEBBRAIO. ."Può il batter d'ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas?...""

Transcript

1 GENNAIO FEBBRAIO 2009 Intermarket Analysis GENNAIO FEBBRAIO > Il Macrotrend > Commodity & WTI sempre deboli > Tassi: Ribassi in Europa > Forex: Dollaro nuovamente forte > Equity Market: Vulnerabile i minimi di Nov."Può il batter d'ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas?..." Sommario: Il Macro trend 2 Commodity Research 3 Continua l effetto Lorenz Trasmissione della depressione dei mercati finanziari all economia globale. Tassi & Banche Centrali 4 Forex Market 4 Equity Market 6 Charts 9 FMI Forecast 10

2 Pagina 2 L Incertezza dei Mercati nell Andamento del Mega Ciclo Sinusoidale > Indice Dow Jones Il Macrotrend: 2009 dalla paura del Rischio al rischio della Paura! Con le crisi che si sono susseguite dal 2000 ad oggi siamo passati dalla cultura della fiducia a quella della sfiducia. Con la precedente bolla internet ha preso forma un modello di discontinuità socialmente moderno: il rischio, la cultura dell insicurezza. I rischi dipendono dalle scelte presenti, scelte fatte e che si fanno in ogni momento e le cui ricadute sono ignote e qualche volta inintenzionali. E la Società del Rischio fatta di paure ed opportunità: i cinesi assimilano il rischio al concetto di crisi, che caratterizza la nostra stessa psiche che a sua volta condiziona i mercati. La crisi di fiducia sta proprio nel paradigma dell incertezza che molto ha suggestionato gli investitori; in breve siamo passati dalla paura del rischio al rischio della paura. Indubbiamente la somma degli eventi che sono andati in pezzi negli ultimi diciotto mesi, mercato immobiliare, titoli di debito, derivati, carte di debito, azioni, materie prime, crescita economica, giustificano le valutazioni attuali, ma la minaccia dell effetto paura potrebbe imporre alle quotazioni una valorizzazione del premio al rischio più elevata, quindi rendimenti attesi più appetibili in grado di attrarre e sedurre almeno la componente più speculativa del mercato. Tali attese risultano al momento inappagate dal basso rendimento medio delle azioni (contrazione degli utili) e dal rendimento ormai sempre più esiguo dei titoli di stato (stimolo alla ripresa). Pertanto al concetto di paura si affianca quello della vulnerabilità. Vulnerabili sono ancora le commodity, depresse dal ciclo economico recessivo, vulnerabili sono gli indici azionari ancora troppo cari nel loro rapporto prezzo/utile, care cominciano a diventare le obbligazioni governative. L euro dopo un tentativo di rafforzamento torna ad indebolirsi i in un clima di depressione economica, ma soprattutto in un ambiente inflazionato dall aumento dell offerta in dollari. Molti si stanno interrogando se i mercati azionari rischiano di violare i minimi dello scorso novembre, quali saranno le reazioni dei nuovi piani di stimolo all economia, se il Presidente Obama sarà in grado di invertire il macrotrend. Ancora il dollaro continuerà ad essere il fulcro dei mercati valutari? Infine i rendimenti così bassi dei titoli di stato rappresenteranno ancora un parcheggio per gli investimenti? La Cina ed i paesi BRIC saranno in grado di dare sollievo alla domanda? Avremo modo di verificare le risposte nel corso dei primi mesi dell anno! Da subito possiamo affermare che il macrotrend sia di segna recessivo per la prima volta nella storia economica in tutto il mondo. Non vi è area geografica esente dalle tensioni provocate dalla crisi in atto. Il piano Obama è già oggetto di critiche ancor prima di essere varato promulgato. La Cina sta ridimensionando l export, in contrapposizione al ridimensionamento dell import americano. L India oltre ad un forte rallentamento registra casi di frode finanziaria. La Russia subisce la forte contrazione delle quotazioni delle commodity in particolare del petrolio; il rublo come già scritto nei report precedenti è in seria difficoltà. Il Brasile rimane a galla ma non risulta immune da contagi (vedi l industria automobilistica).le borse rischiano seriamente di perdere ulteriore valore. I minimi segnati lo scorso novembre risultano vulnerabili all effetto paura ed alla mancanza di visibilità sulle performance dei bilanci aziendali, mentre il sistema finanziario risulta piuttosto lontano da un risanamento dei propri conti.

3 Pagina 3 CRB Index Andamento dell indice sulle commodity dal 1958 al Risulta evidente l ampiezza st Il ribasso delle materie prime strategiche all industria contrasta con l andamento delle commodity coloniali. Deboli rimangono i valori agricoli. L oro continua a rappresentare un bene rifugio. La debolezza delle borse sospinge le valorizzazioni verso area 1010 & 1100i Commodity & WTI sempre deboli In generale la domanda mondiale di materie prime sta regredendo; il petrolio, la commodity più monitorata nei mercati, subisce continue revisioni al ribasso delle stime sulla domanda. L'Agenzia internazionale per l'energia ha di nuovo ridotto le perizie per il 2009, con uno scenario che vede un peggioramento dell'economia a livello globale. A questo punto l'agenzia prevede che per il 2009 ci sarà in media una domanda di 85,3 milioni di barili al giorno, un milione in meno rispetto alla precedente previsione. Inoltre l'aie per il 2008 appena passato vede una domanda globale in calo dello 0,3% rispetto al analoghe valutazioni vengono formulate per il rame ed altri metalli non ferrosi. E l andamento dell economia globale che ha subito uno shock sincronizzato lo scorso autunno a governare le dinamiche della domanda. L attività speculativa, ovvero quello che tenta di anticipare l evoluzione dei fondamentali per impostare strategie di trading profittevoli, nelle ultime settimane ha tentato di scontare una ripresa della domanda, legata alla debolezza, rivelatasi temporanea del dollaro. Gli scontri di Gaza hanno tonificato il petrolio spingendo i corsi verso 50 usd/bar e con se buona parte del comparto delle materie prime. Del resto la depressione dei valori consentiva di giocare un riequilibrio sulle valutazioni, ma tutto ciò si sta rivelando fugace e temporaneo. Prevale nella percezione degli investitori la difficoltà a considerare scenari diversi della depressione. I profit warning delle aziende, la riduzione progressiva dei consumi, l utilizzo delle scorte e la contrazione del processo di rotazione dei magazzini, non depongono a favore di un ritorno strutturale della domanda. Su tali basi l indice CRB è tornato a flettere contribuendo a dare maggiore credito al nostro target stimato in area 180. Il range di oscillazione giornaliero, pur in progressiva contrazione, rimane elevato all interno di una distribuzione di oltre 250 bp. La tendenza condurrà a breve le contrattazioni a verificare area 211 sotto la quale sono posizionati ordini di vendita di stock di posizioni speculative precedentemente aperte. Ciò contribuire a spingerne i valori in direzione del target stimato. Il greggio rimane tra i fattori principalmente vulnerabili: la mancata violazione al rialzi di area 50 ha portato il mercato a verificare il supporto 35, ovvero i minimi relativi. Riteniamo tale quota estremamente vulnerabile! La rottura dà forma a nuove ampiezze negative tra 35 & 20 usd. L azione regressiva innescata dalle vendite spingerà le contrattazioni verso il target 25, già annunciato nei precedenti report, con possibili picchi minimi a 20 usd/bar. Tali livelli dovrebbero predisporre le basi per un consolidamento ed avviare un rimbalzo dei corsi. L area di inversione rimane al momento circoscritta a quota 50, verrà aggiornata a seguito delle verifica dello scenario descritto. Nel frattempo assisteremo con molta probabilità ad ulteriori manovre da parte dell Opec per contrastare la debolezza del greggio. A differenza del greggio il rame sta contenendo la fragilità del mercato. La tenuta di 130 favorirà un consolidamento dei corsi. Ciò nonostante soltanto un recupero di valore oltre quota 172 & 190 (actual 155) consente di formulare scenari positivi. Unica nota positiva al momento deriva dai contratti sui grani e dai coloniali.

4 Pagina 4 INTERMARKET ANALYSIS La debolezza delle commodity consentirà alle Banche Centrali di ridurre sensibilmente i tassi di interesse in tutto il mondo, fatta eccezione per i paesi in difficoltà finanziaria, vedi Russia. Tassi di Interesse E evidente che la debolezza delle commodity unita alla fragilissima congiuntura consente le banche centrali dell anglosassone e giapponese ad mantenere politiche e- stremamente espansive, diversamente in Europa alla Bce è imposta tale condotta da tutte le istituzioni governative e sindacali. Mentre al di fuori dell Eurozona le autorità hanno da tempo concepito strumenti più diretti per contrastare la crisi, in Europa la Bce ha osservato con maggiore rigore e minore flessibilità il suo ruolo istituzionale. Del resto potremmo parafrasare sostenendo che lo spettro della Grande Depressione sta all America, come quello dell Iperinflazione della Repubblica di Weimar sta alla Germani quindi alla Bce. L Euribor è così sceso sotto al 2,50, obiettivo annunciato ancora nel mese di settembre, i tassi ufficiali al 2%. Continueranno a scendere in virtù della recessione e si avvicineranno alla sogli dell 1%, qualora i corsi del petrolio (indicatore guida per le commodity) dovesse scendere al di sotto di quota 35 usd. I bond governativi continueranno ad attrarre l attenzione degli investitori favorendo un progressivo apprezzamento del Bund future verso area 129, non senza scontare un aumento della volatilità. Gli spread tra le varie emissioni sovrane in area euro rimarranno elevati fintantoché non rientreremo dalla recessione. Il timore che la Banca Centrale debba intervenire a favore di qualche paese in difficoltà rimane elevato nella percezione degli investitori. Al momento non sono visibili segnali di e- saustione dell allargamento dei parametri, fata parziale eccezione per l Italia (i dati indicano un timido segnale di dissolvimento della tensione). Sui rendimenti con duration elevate è atteso un periodo ad elevata volatilità regolata dai flussi in uscita dal mercato azionario ed in rientranza per effetto dei rimbalzi tecnici. Molti operatori ritengono interessanti le emissioni corporate con elevata attribuzione di rating: evidenziamo il rischio che improvvisi profit warning possono generare. Forex Analysis Il dollaro, nonostante la crisi finanziaria sia partita dall America, rimane la moneta strutturalmente più forte nei mercati Il mercato dei cambi ha ripreso ad essere dominato dalla forza del dollaro. Nonostante l epicentro della crisi sia proprio americana, vi sono diversi elementi che depongono a favore della divisa. La debolezza delle commodity genera come reazione un rafforzamento del dollaro, in virtù di un azione di hedging economica; le azioni di sostegno operate dall Amministrazione vedranno il Tesoro impegnato nei prossimi mesi ad emettere molta carta e una divisa forte potrà attrarre flussi in sottoscrizione. In parallelo continua a rafforzarsi puro lo yen: il clima generale di riduzione della leva finanziaria sta favorendo in modo particolare la divisa giapponese. L euro, moneta correlata ai mercati azionari, perde terreno contro queste divise. Euro Usd - I corsi sono tornati a scendere in direzione dell area 1,26 1,24. Si tratta di un movimento destinato a rafforzare ulteriormente il dollaro. Qualora l area 1,24 non dovesse contenere l offerta di euro, come pensiamo, dovremmo aggiornare i target ribassisti, precedentemente stimati a 1,15, allocandoli in area 1,10 con rischi di proseguimento della discesa oltre la parità. Di tali rischi avremo modo di documentarli nei prossimi mesi. Per il momento vale la pena di pianificare strategie in grado di difendere strategicamente posizioni debitorie in dollari in termini tattici, mentre la violazione di 1,24 dovrà essere implementata con protezioni strategiche. Pur confermando le atese formulate non escludiamo un periodo di alcune settimane di lateralizzazione dei prezzi all interno della fascia 1,33/1,25 prima di intraprendere il percorso descritto. Nel corso di questo 2009 difficile buona parte delle performance delle allocazioni di patrimoni sarà attribuibile alla capacità di interpretare i trends valutari, unica classe d investimento in grado di generare performance priva di rischi di credito (emittente), liquida e trasparente. L euro non gode al momento dei favori nemmeno contro lo yen. Il cambio Euro Jpy come già scritto nei mesi precedenti è destinato a scendere in direzione di area 93: La ridistribuzione dei corsi consolidata nelle ultime 14 settimane ha conferito ulteriore solidatà alle stime formulate. La discesa confermata dei corsi sotto area 118/113 accredita lo scenario. L euro perde momentum nei confronti del pound! Le contrattazioni dopo aver avvicinato la parita tra i due cambi hanno velocemente regredito verso area 0,90. Voci di un possibile avvicinamento della sterlina all euro potranno portare

5 Pagina 5 La sterilina e molte altre monete del nord Europa potrebbero avvicinarsi all euro per evitare l instabilità. /. Forex Analysis volatilità alle contrattazioni. I livelli di maggior interesse da seguire in questa fase transitano a 0,88 ed uno successivo di ordine primario a 0,82. I rimbalzi dei corsi definiti all interno del range,88-,92 definiscono un assetto di debolezza all euro. Ritorni dei valori oltre tale soglia riaprono un percorso di apprezzamento della divisa unicai. Pertanto suggeriamo di mantenere un impostazione rialzista sull euro soltanto oltre soglia,92-,94 ma con controlli del rischio che si adegueranno nel corso del mese procedendo con l evoluzione dei corsi. Sul mercato dei cambi permangono le tensioni sulle divise emergenti: rublo, fiorino ungherese, zloty polacco, dollaro neozelandese, peso argentino. Le monete Bric (ex Russia) godono invece nei confronti del dollaro un rapporto di cambio più favorevole. Il Brasile ha avviato un processo di svalutazione misurata che fa leva su quota 2,15. L evoluzione del cambio potrà condurre i corsi verso un rapporto prossimo a 3 BrR contro USD. Contro la rupia la stima dell apprezzamento della divisa americana si posiziona in direzione di area 58. Nei confronti della Cina la battaglia tra le due aree economiche rappresenterà ancora un elemento cardine del mercato valutario del Pacific Rim. Nei confronti dell euro lo yuan cinese proseguirà il rafforzamento in direzione di area 7 riportando le quotazioni verso i le valorizzazioni del EURO vs SPOT RATES L euro esprime debolezza contro LAST SUPPORTO RESISTENZA EURO-USD 1,3020 1,24 1,3070 TARGET 1,15 TREND B/T TREND L/T tutte le divise. Atteso un recupero EURO-GBP,9060,88,92-,94 EURO-JPY 118, = consistente delle monete asiatiche EURO-CHF 1,4820 1,47 1,54 1,43 EURO-YUAN 84, & 105 US DOLLAR vs SPOT RATES LAST SUPPORTO RESISTENZA TARGET TREND B/T TREND L/T Lo yuan continuerà a rappresentare l elemento forte nella dialettica politica USA CINA EURO-USD 1,3020 1,24 1,3070 GBP-USD 1,5360 1,35 1,62 USD-JPY 98, USD-CHF 1,1340 1,12 1,18 1,15 1,35 1, ,35 & 1,45 DOLLAR INDEX 84, & 105

6 > MSCI WORLD FREE > S&P 500 EQUITY INDEX > DJ EUROSTOXX 50 Pagina 6 INTERMARKET ANALYSIS Mercati Azionari in correzione ma strutturalmente vulnerabili TARGET Msci World Free Nasdaq Composite DJ Eurostoxx Dax *** TREND S&P Trend + up = neutral - down *** Target aggiornato & Equity Index Nel mese di dicembre avevamo affermato che il potenziale rimbalzo dei mercati aziopnari rappresentava un bearmarket rally. Sono ormai 18 mesi che sosteniamo una posizione ribassista dei mercati azionari, ovvero dall agosto del Riteniamo che non vi siano ancora le condizioni per un inversione del trend, pur in presenza di valori piuttosto sviliti dall andamento dei corsi. Alla base di tale affermazione possiamo addurre diverse motivazioni: A) La recessione contrarrà ulteriormente gli utili delle aziende. Gli earnings medi al Nyse sono attorno al 2%. Troppo bassi per giustificare l attuale livello delle quotazioni in quanto non vi è remunerazione per il premio al rischio. B) L indebitamento, unito alla stretta del credito, rischia di rendere vulnerabile molte corporate C) Le stime sulle svalutazioni relative ai titoli tossici, derivati, credito al consumo, mutui potrebbero risultare maggiori di quanto atteso/scontato dai mercati. D) La Cina soffre di sovrapproduzione. Tutte le economie avanzate, eccetto l America, hanno impostato le loro politiche sull export. Oggi il commercio estero ha perso volumi di scambio e nessun paese è in grado di stimolare i consumi a breve. Vi sono studi che stimano l indice Dow Jones a quota 4.000! Nonostante sia ribassista dall agosto 2007 riteniamo che tale valutazione esprima eccessi di negatività. Ciò che nelle prossime ore focalizzeremo saranno i minimi dello scorso novembre. Come più volte Wlademir Biasia ha scritto nei vari report pubblicati dai principali media, tali minimi rappresenteranno da un lato un forte elemento di attrazione per il mercato e dall altro la linea di difesa di tutto il sistema. Come vedremo la violazione, possibile, di tali minimi apre nuove ampiezze negative che condurranno il mercato verso nuovi minimi riconducibili alla metà degli anni novanta. MSCI World Free Il target di riferimento a breve rimangono i minimi 2003 in area 187/180, tuttavia il livello risulta vulnerabile ad una violazione con conseguente declino dei corsi in direzione di un obiettivo di medio periodo nell area 140. Il livello di resistenza oltre il quale il mercato avvierebbe un nuovo insperato recupero va collocato oltre area 220/230. I recuperi sotto tale livello rappresentano ancora una volta rimbalzi strutturali al down move. USA L S&P 500 dopo aver violato al ribasso i minimi del 2003 ha recuperato velocemente terreno riportando da 750 a 896 punti le quotazioni. La reazione dai minimi si inserisce nell ambito di un processo di riequilibrio di una fase negativa che in termini statistici ha ecceduto per ampiezza negativa commisurata al tempo. Il recupero rimane inserito in un contesto dominante da forze ribassiste fintantoché i valori non saranno in grado consolidare rialzi al di sopra di quota Il rally conserverà la propria positività nella condizione in cui i valori scambino sopra area 800, diversamente si riattiveranno le forze ribassiste. Il modello infatti continua ad evidenziare rischi di formazioni di nuovi minimi di medio termine (area 600) qualora il mercato non sia in grado di ristabilire oscillazioni che siano in grado di quotare stabilmente oltre quota Nasdaq Composite La reazione del Nasdaq ha connotazioni simili a quanto scritto per l S&P 500. I valori tenteranno di avvicinare area per verificare la capacità di stabilire un segnale in grado di annullare la tendenza ribassista tuttora dominante. Sotto tale livello gli obiettivi del modello rimangono negativi in direzione dei minimi del 2003 area L attuale rimbalzo esaurirebbe funzionalità qualora eventuali prese di beneficio spingessero i prezzi al di sotto di

7 > S&P MIB > MS Eastern Europe > MS Far East > Bovespa EQUITY INDEX Pagina 7 > Continua l Effetto Farfalla I mercati rimangono vulnerabili ad ulteriori ribassi. TREND TARGET S&P Mib Russia RTS Nikkei China Shangai *** India Sensex Brasile bovespa Trend + up = neutral - down *** Target aggiornato - Equity Index UEM Eurostoxx 50 L indice europeo segue pedissequamente l andamento dell S&P 500. Il mercato rimane fortemente vincolato alla tenuta dei supporti americani e privo di iniziative autonome. La reazione fa leva sulla base tecnica 2160 ma incontra la contrapposizione dell offerta ogni qualvolta avvicina area 2600/700. Il ciclo rimane quindi dominat da forze negative tendenzialmente proiettate verso la formazione di nuovi minimi stimati a quota S&PMIB Come scritto nel corso dei mesi trascorsi e ribadito nel report di dicembre l indice del mercato domestico sta progressivamente avvicinando l area target La reazione di fine anno non è riuscita ad approssimare i livelli resistenziali definiti dal modello (23000) fallendo la costruzione, come atteso, di un segnale utile a ristabilire condizioni positive. I corsi dopo aver violato al ribasso i minimi del 2002/3 stanno muovendo verso il target segnalato senza evidenziare particolari segnali di esaustione. Per tale ragione, le stime del nostro modello, non escludono il rischio che si possano formare ulteriori minimi successivi a quota DAX Nelle pagine del nostro sito riservate all analisi degli indici azionari risulta tuttora fissato l obiettivo 4000 per l indice tedesco. Da tale livello sono preso il via ben tre tentativi di reazione. Ognuno di questi tentativi ha generato rialzi via via sempre più contenuti. Ciò rappresenta un primo elemento di allerta ed il rischio che la perdita di momentum possa causare la violazione di area 4000 e lasciar cadere l indice verso nuovi minimi presubilmente allocati 2800/700. Ad integrazione dello scenario atteso segnaliamo quota 5000 quale livello oltre il quale si avrebbero i primi segnali di inversione. Eastern Europe L indice regionale rilevato da MSCI, in linea con quanto accaduto in Russia ha consolidato i minimi corrispondenti a quota (500 RTS Russia) nelle ultime 8 settimane. Come già scritto agli inizi di dicembre la tendenza rimane ancora di segno ribassista quotando stime per l indice della borsa di Mosca in area 300, il che contribuisce a formare una stima di ribasso per l indice MSCI Eastern Europe di ulteriori trenta punti percentuali. ASIA L indice Nikkei 225 si sta contendendo la tenuta dei minimi del 2003 a quota Le condizioni recessive unite alla scarsa visibilità futura sull andamento dell economia non consentono al mercato di ristabilire concrete misure di recupero. A ciò si unisca la forza dello yen che contrasta ampiamente con l esigenza di dare impulso all export di per se già in difficoltà a causa del restringimento della domanda globale. In mancanza di un consolidamento dei minimi evidenziati, l indice rischia di scivolare verso area & La China (Shangai) L effetto Lorenz, i battiti d ala delle farfalle dei subprime americani stanno spingendo le nuvole e le ombre della crisi anche in Cina. 12 milioni sono i nuovi disoccupati con un tasso di crescita del Pil che dall 11% del 2007 è sceso lo scorso anno all 8% e continuerà a farlo nel 2009, al 7% (stime FMI). Segnali di forte rallentamento che già sono sta te s conta te dall indice si Shangai. I valori stanno consolidando il range 1800/2000 conservando l assetto ribassista che domina il mercato. La violazione di 1800/1700 riattiva le vendite con spinte negative in direzione di 1550 & Il MSCI Far East Come scritto lo scorso mese l indice sta affrontando una fase di consolidamento, in linea con buona parte dei mercati, ma continua ad evidenziare segnali ribassisti stimati in termine di ampiezza pari ad oltre il 20% rispetto agli attuali valori. Lindice della borsa indiana (Sensex) ha tentato di oltrepassare la soglia limite definita dal nostro modello tra 9800/10000 senza risucire a conservarne i valori. La vulnerabilità segnalata lo scorso mese dei supporti presenti a 8000 punti rimane intatta, come pure i target stimati a quota 5500/5000.

8 Pagina 8 > Continua l Effetto Farfalla In Brasile l influsso della crisi risulta ancora mitigato, il rallentamento della crescita sarà visibile solo nella seconda parte dell anno, tuttavia l indice Bovespa sconta già le ripercussioni Equity Index LATAM Il Bovespa ha tentato di approcciare i livelli di contenimento della reazione positiva che ha governato nel corso degli ultimi tre mesi il recupero dei corsi. Tuttavia pur violando parzialmente il livello da noi segnalato a quota (Max 42300) l indice ha perso momentum ed è tornato a quotare il range di ridistribuzione del trend primario. Violazioni di contribuirà a spingere le contrattazioni verso i minimi di ottobre area 30000/29000 sotto i quali sono posizionati ordine di protezione sulle posizioni lunghe. Ciò favorirà l avvio di una regressione verso i valori stimati nei precedenti mesi a & 20000/ MSCI LatAm Oltre il relativo andamento rassicurante di Brasile e Messico, nell area permangono situazioni di tensione, Argentina e Vene- zuela in primis. Le condizioni generali dell area rimangono assoggettate all andamento negativo dell export e delle materie prime. L indice regionale MSCI rimane fortem e n t e c o n d i z i o n a t o d a l l a n d a m e n t o dell economia che maggiormente capitalizza l area, ovvero il Brasile e di conseguenza vulnerabile ad ogni sua reazione. L S&P 500 rimane inserito all interno di un area di congestione. I minimi dell anno rappresentano il supporto sotto sono presenti ordini di protezione di molti portafogli La linea verticale segnala il periodo in cui il nostro modello ha evidenziato il target 600/580

9 GENNAIO FEBBRAIO 2009 Pagina 9 > >EURO US DOLLAR > OIL WTI WBA Charts & Reaserch > GOLD Macro Cycle Perspective

10 Pagina 10 FMI Forecasting Projections Difference from October Fonte FMI Le proiezioni sulla crescita del GDP del FMI per l anno in corso sono state riviste al ribasso rispetto alle stime effettuate nel mese di ottobre World output Advanced economies United States Euro area Germany France Italy Spain Japan United Kingdom Canada Other advanced Newly Industr Asia Emer & developing ec Africa Sub-Sahara Eastern Europe Russia Excluding Russia Developing Asia China India ASEAN Middle East Brazil Mexico A partire dagli inizi dell era della globalizzazione (1982), appare evidente l effetto positivo trasmesso alle economie emergenti Raffronto tra la regressione lineare dei trends di crescita delle economie emergenti rapportato a quello delle economie avanzate

11 Pagina 11 Trends di Crescita macro aree World growth based on market exchange rates World trade volume (goods and services) Imports Advanced economies Emerging and developing economies Exports Advanced economies Emerging and developing economies Stime FMI Stime FMI sui prezzi di commodity inflazione e andamento tassi di interesse London Inter Bank Offer Rate Commodity prices (U.S. dollars) Oil (Brent - Dubai - WTI) Nonfuel (avg based on world comm.ty export weights) Consumer prices Advanced economies Emerging and developing economies Libor On U.S. dollar deposits On euro deposits On Japanese yen deposits

12 Pagina 12 > SEDE Via Gen. A. Albricci, Milano > Wlademir Biasia Ricerca & Strategia d investimento > Partners Research di: FREE SIM Consulenza Indipendente Sede Milano WB Advisors V. Gen Albricci, MILANO >

DICEMBRE 2008. ."Può il batter d'ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas?..." Wb. momentum NUMERO 3 1 Dicembre 2008.

DICEMBRE 2008. .Può il batter d'ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas?... Wb. momentum NUMERO 3 1 Dicembre 2008. Wb. momentum NUMERO 3 1 Dicembre 2008 Intermarket Analysis DICEMBRE 2008 > Il Mega Ciclo > Tassi: Euribor vs i Target > Forex: La Riflessività del Dollaro > Equity Market Sempre Vulnerabile > Commodity

Dettagli

RUMBLING world Un processo verso la transizione

RUMBLING world Un processo verso la transizione OTTOBRE 2011 Osservatorio di Intermarket Analysis Wlademir Biasia RUMBLING world Un processo verso la transizione HIGHLIGHTS FATTORI ENDOGENI ANCHE I BTP? DOPO L ATTENZIONE VERSO I DEBITI SOVRANI DOVE

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II Dopo il grande rush che ha visto i principali mercati raggiungere e superare i precedenti massimi storici, è iniziata l attesa fase di correzione degli indici. Ad

Dettagli

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi COMMENTO GENERALE DEI METALLI NON FERROSI LME ANALISI E TENDENZE ANALISI DEL 13-10-2008 I dati utilizzati sono relativi alla prima seduta del LME di Londra e sono espressi in $/tonn. Dalla crisi finanziaria

Dettagli

GENNAIO 10. Strategy Team Advisory: WLADEMIR BIASIA W.Biasia@wbadvisors.it

GENNAIO 10. Strategy Team Advisory: WLADEMIR BIASIA W.Biasia@wbadvisors.it GENNAIO 2010 Intermarket Analysis GENNAIO 10 > Stress Test sui Government Bonds! > Tassi: Attenti alla Parte Lunga della Curva > Commodity: Petrolio & Oro Protagonisti > Forex: US Dollar Parzialmente Debole

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 LA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 1 I Titoli della CRISI 2 1 I titoli internazionali della Crisi 3 I titoli internazionali della Crisi 4 2 I Numeri della Crisi Perdite

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

SmartHedge Report: Q3 2014

SmartHedge Report: Q3 2014 SmartHedge Report: Q3 2014 Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) USD: fine del QE e rafforzamento del dollaro? Entro fine settembre la Federal

Dettagli

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori.

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori. Morning Call 25 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Quotazione del Brent: andamento dal 2008 I temi del giorno Lunedì nero per le borse; oggi Shanghai perde ancora oltre il 7,0% ma i listini europei tentano

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago. Morning Call 24 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di Borsa di Shanghai: andamento I temi del giorno Proseguono le tensioni sui mercati: questa mattina Shanghai segna un -8,7% e il Nikkei segue con

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

Commento di fine anno

Commento di fine anno Commento di fine anno Si è concluso il primo decennio del primo secolo del terzo millennio. Che anno è stato per i metalli non ferrosi? E come sarà quello che sta per entrare? Come più in generale si può

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio) (12-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: L Eur/Usd (1,1157) resta in fase di indecisione- l Usd/Yen (122,75) è in correzione dal 5 giugno. Commodities: il Crb Index (218,25) è

Dettagli

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008 Analisi dell oro Dal 1980 al 2008 La fase discendente dei prezzi dell oro iniziata nel 1979 si conclude nell agosto del 1999, dopo 20 anni quando tocca il suo minimo ventennale a quota 252. Dopo un tentativo

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

SmartHedge Report: Q4 2014

SmartHedge Report: Q4 2014 SmartHedge Report: Q4 2014 Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) USD: continua il rafforzamento del dollaro A partire da metà estate abbiamo assistito

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014-

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Le Georges V 14, Avenue de Grande Bretagne MC 98000 Monaco Tél : +377 97 98 29 80 Fax : +377 97 98 29 88

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Eur/Usd: andamento a 5 giorni I temi del giorno Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Tassi: le aspettative

Dettagli

La settimana sui mercati

La settimana sui mercati 27/07/2008 Commento ai mercati Un riimballzo con poche pretese La settimana sui mercati Nell ottava appena trascorsa i mercati hanno tentato la continuazione del rimbalzo iniziato nella settimana precedente,

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD USD/JPY EUR/JPY GBP/USD. www.optionsxo.com CESARE@OPTIONSXO.COM

SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD USD/JPY EUR/JPY GBP/USD. www.optionsxo.com CESARE@OPTIONSXO.COM SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD dopo i nuovi minimi in area 1.28 ¼ il mercato ha messo a segno dei rimbalzi correttivi durante la notte, giunti ora ad un ritracciamento pari al 38.2%

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e francesi e le minute della Bce. Stati Uniti: oggi le vendite al dettaglio.

Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e francesi e le minute della Bce. Stati Uniti: oggi le vendite al dettaglio. Morning Call 13 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Market movers Cina: terza svalutazione per lo yuan, nuova parità

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Morning Call 14 GENNAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Tassi:

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed.

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed. Morning Call 2 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Dow Jones: andamento I temi del giorno Macro: nella manifattura in calo l Ism (Usa), stabile il Pmi (Area euro) Fmi: il rallentamento della Cina

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

MIGLIORI TRADE SUL FOREX PER IL 2012 Ci troviamo di fronte a mercati che, durante il 2011, hanno mostrato fortissima volatilità e che sono stati

MIGLIORI TRADE SUL FOREX PER IL 2012 Ci troviamo di fronte a mercati che, durante il 2011, hanno mostrato fortissima volatilità e che sono stati MIGLIORI TRADE SUL FOREX PER IL 2012 Ci troviamo di fronte a mercati che, durante il 2011, hanno mostrato fortissima volatilità e che sono stati mossi da diversi fattori macroeconomici, ormai noti alla

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 Sotto i riflettori Eur/Jpy: andamento I temi del giorno Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Tassi: Treasury a 10 anni in lieve rialzo al 2,35%;

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo nel Regno Unito. Stati Uniti: oggi le nuove costruzioni abitative ed i permessi edilizi.

Europa: oggi i prezzi al consumo nel Regno Unito. Stati Uniti: oggi le nuove costruzioni abitative ed i permessi edilizi. Morning Call 18 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Questa mattina scende di oltre il 6,0% la Borsa di Shanghai su timori di ulteriori svalutazioni

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) VALUTE: - L Euro/Dollaro dopo i massimi annuali (1,3995) ha corretto con decisione- ha chiuso a 1,3762 - Il cambio Usd/Yen è in

Dettagli

Osservare il Giappone

Osservare il Giappone Osservare il Giappone Troppo scontato parlare di Renzi e della politica italiana. Cerco di guardare più avanti. Parliamo quindi di Giappone. Qualcosa nel Sol Levante non sta funzionando. L Abenomics al

Dettagli

Per la nostra analisi iniziamo con il solito sguardo Intermarket (dati ad 1 ora a partire da fine dicembre- aggiornati alle 09:10 di oggi 6 marzo):

Per la nostra analisi iniziamo con il solito sguardo Intermarket (dati ad 1 ora a partire da fine dicembre- aggiornati alle 09:10 di oggi 6 marzo): Chiusura Borse Asia/Pacifico - Australia (Asx All Ordinaries): +0,84% - Giappone (Nikkei225): +2,13% - Hong Kong (Hang Seng): +0,96% - Cina (Shangai): +0,90% - Korea (Kospi):+0,20% - India (Bse Sensex):

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 10 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Grecia, rendimento del benchmark a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: in rialzo il saldo della bilancia commerciale tedesca a 19,1 mld di euro;

Dettagli

Economic Overview. CRIF Rating Agency HIGHLIGHTS. SCENARIO NAZIONALE Le dinamiche complessive

Economic Overview. CRIF Rating Agency HIGHLIGHTS. SCENARIO NAZIONALE Le dinamiche complessive CRIF Rating Agency Economic Overview HIGHLIGHTS Nella seconda parte del 2014 si assiste ad un andamento ancora incerto e deludente dell economia italiana che, nel rallentamento del Pil degli ultimi trimestri

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti. Morning Call 22 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Ibex: andamento I temi del giorno Macro: oggi il dato finale del Pil Usa del terzo trimestre Il voto spagnolo e lo stallo politico pesano su azionario

Dettagli

Mid-Month Update POSIZIONE CICLICA DI MEDIO-BREVE E IMPLICAZIONI

Mid-Month Update POSIZIONE CICLICA DI MEDIO-BREVE E IMPLICAZIONI INDICE Giugno 2013 Mid-Month Update POSIZIONE CICLICA DI MEDIO-BREVE E IMPLICAZIONI - Linee guida - Snapshot - Posizione ciclica - S&P500 - BRIC e EMG Bonds - Relazione tassi a 5y USA e S&P - Hindenburg

Dettagli

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Morning Call 18 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Curva a scadenza dei Treasury: oggi e al 30 settembre 2015 I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Mercati

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report EUR / USD Importante supporto a 1.0796 EUR/USD sta scendendo verso il supporto 1.0796

Dettagli

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento intraday ieri e oggi I temi del giorno La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Tassi:

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Morning Call 15 APRILE 2015 Sotto i riflettori Irs a 5 anni: andamento I temi del giorno Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Pil della Cina nel primo

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 14 novembre 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi resta molto influenzato dalle diverse politiche

Dettagli

REPORT DI ANALISI TECNICA DI AZIONI FUTURES FOREX COMMODITIES

REPORT DI ANALISI TECNICA DI AZIONI FUTURES FOREX COMMODITIES Realizzato da : Sante PELLEGRINO TRADER REPORT DI ANALISI TECNICA DI AZIONI FUTURES FOREX COMMODITIES PERIODICO SETTIMANALE N 18 DEL 11 APRILE 2011 Grafici analisi e videoreport realizzati con : INSEGNA

Dettagli

www.moneyriskanalysis.com

www.moneyriskanalysis.com Questa settimana mi limito a riepilogare l analisi quantitativa e a commentare alcuni grafici. Del resto la trimestrali pubblicata la scorsa settimana è ricca di considerazioni e analisi utili a pianificare

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 24 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 24 luglio) (26-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: Eur/Usd (1,0977) resta in fase di debolezza dai massimi del 18 giugno, ma sta tentando un recupero- Usd/Yen (123,826) è in ripresa dall

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

Strategie di investimento per i mercati azionari

Strategie di investimento per i mercati azionari Strategie di investimento per i mercati azionari Aggiornamento al giugno 2006 Torino, 22 giugno 2006 I mercati azionari nel 2006 I mercati internazionali Le performance dei principali mercati mondiali

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 APRILE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: nell Area euro a marzo i prezzi al consumo a -0,1% a/a, oggi i Pmi dell attività manifatturiera

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 7 agosto)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 7 agosto) (9-ago-2015) Iniziamo con un breve quadro Intermarket: Valute: Eur/Usd (1,0963) è in fase di incertezza anche se sta tentando una ripresa dai minimi del 21 luglio- Usd/Yen (124,229) resta forte ed in ripresa

Dettagli

Quarterly Report Strategie per la parte finale del 2013

Quarterly Report Strategie per la parte finale del 2013 Quarterly Report Strategie per la parte finale del 2013-1. INDICATORI MACRO MODELLO E BAROMETRO ECONOMICO - 2. POSIZIONE DEI MERCATI ALL INTERNO DELLA MAPPA DEI MERCATI - 3. IL GREED/PANIC INDEX - 4. POSIZIONE

Dettagli

La settimana sui mercati

La settimana sui mercati 22/06/2008 Commento ai mercati Mercatii iin piieno trend riibassiista La settimana sui mercati Nell ottava appena trascorsa i mercati hanno nuovamente registrato minimi inferiori alla settimana precedente,

Dettagli

COMMODITY MENSILE DI ANALISI DELLE PRINCIPALI COMMODITY INTERNAZIONALI DICEMBRE 2011

COMMODITY MENSILE DI ANALISI DELLE PRINCIPALI COMMODITY INTERNAZIONALI DICEMBRE 2011 COMMODITY MENSILE DI ANALISI DELLE PRINCIPALI COMMODITY INTERNAZIONALI DICEMBRE 2011 IF COMMODITY è un mensile informativo appositamente studiato per consulenti e promotori finanziari. IF COMMODITY fornisce

Dettagli

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Euribor ad 1 mese: andamento I temi del giorno Macro Usa: sotto le attese i nuovi occupati ad agosto a +173mila unità, tasso di disoccupazione al 5,1% Tassi:

Dettagli

Morning Call 6 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005

Morning Call 6 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005 Morning Call 6 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Ism non manifatturiero: andamento I temi del giorno Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005 Rendimenti in rialzo, Bund a 10

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Morning Call 18 AGOSTO 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua

Morning Call 18 AGOSTO 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua Morning Call 18 AGOSTO 2014 Sotto i riflettori Rendimento Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua Nuovi minimi storici per

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale VALUTE: - L Euro/Dollaro si è rafforzato facendo un massimo a 1,3969- ha chiuso a 1,3911 - Il cambio Usd/Yen è in decisa discesa dai massimi del 7 marzo- ha

Dettagli

La settimana sui mercati

La settimana sui mercati 20/07/2008 Commento ai mercati AAA:: rotaziione settoriialle cercasii La settimana sui mercati Nell ottava appena trascorsa i mercati hanno reagito con un corposo rimbalzo al continuo trend ribassista

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Analisi settimanale N7 Settimana 12-16 Novembre

Analisi settimanale N7 Settimana 12-16 Novembre Analisi settimanale N7 Settimana 12-16 Novembre MERCATO AZIONARIO- SP500 Come ci aspettavamo il mercato americano è sceso anche la scorsa settimana, tuttavia lo ha fatto in un modo più significativo del

Dettagli

Report sui Mercati 1. FOCUS MACRO 2. MERCATI AZIONARI 3. MERCATI OBBLIGAZIONARI 4. COMMODITIES 5. VALUTE 6. PORTAFOGLI CONSIGLIATI

Report sui Mercati 1. FOCUS MACRO 2. MERCATI AZIONARI 3. MERCATI OBBLIGAZIONARI 4. COMMODITIES 5. VALUTE 6. PORTAFOGLI CONSIGLIATI Report sui Mercati 1. FOCUS MACRO 2. MERCATI AZIONARI 3. MERCATI OBBLIGAZIONARI 4. COMMODITIES 5. VALUTE 6. PORTAFOGLI CONSIGLIATI FinLABO SIM SpA- N.8 Settembre 2010 - Pag. 1/16 1. FOCUS MACRO 1.1. CRESCITA

Dettagli

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Morning Call 21 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Indie FtseMib: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Prosegue la tendenza

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale.

Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale. Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale. -Perché i titoli bancari scendono così tanto? Alle varie spiegazioni che trovate sui vari giornali aggiungo che quando non si sa quanto moneta

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016 GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI 06 Maggio 2016 PANORAMICA MACRO Principali Lunedì +/- Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì indici / currency 02/05/2016 03/05/2016-04/05/2016-05/05/2016-06/05/2016

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE Nel corso dell ultimo mese non sono emersi segnali tali da modificare i percorsi evolutivi ipotizzati per le maggiori economie, che restano pertanto incamminate su sentieri di

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi Macro: Cina & India Pag.8 - Analisi del Rischio Pag.11

Dettagli

Prospettive economiche e strategie di investimento per il 2008. Gennaio 2008

Prospettive economiche e strategie di investimento per il 2008. Gennaio 2008 Prospettive economiche e strategie di investimento per il 2008 Gennaio 2008 Schema della presentazione SCENARIO MACROECONOMICO E CRITICITA La crescita economica e l inflazione Le previsioni per i principali

Dettagli

Prima di tutto vediamo il contesto Ciclico: S&P500. eugenio sartorelli - www.investimentivincenti.it 1. Ciclo Trimestrale 51,0.

Prima di tutto vediamo il contesto Ciclico: S&P500. eugenio sartorelli - www.investimentivincenti.it 1. Ciclo Trimestrale 51,0. In questa occasione farò un aggiornamento con il quadro generale su tutti i mercati che seguo. In un altro articolo (nella Sezione Opzioni) darò invece le indicazioni Operative di massima che intendo seguire.

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli