BILANCIO 2013 BCC. Sesto San Giovanni CREDITO COOPERATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO 2013 BCC. Sesto San Giovanni CREDITO COOPERATIVO"

Transcript

1 BCC CREDITO COOPERATIVO Sesto San Giovanni BILANCIO 2013

2 Tornando a casa, troverete i bambini, date una carezza ai vostri bambini e dite: questa è la carezza del papa. Troverete qualche lacrima da asciugare: dite una parola buona. Il papa è con noi, specialmente nelle ore della tristezza e dell amarezza papa Giovanni XXIII - Santo il 27 aprile 2014 discorso della luna - Roma 11 ottobre 1962 La dignità umana stessa è compromessa ogniqualvolta uno stretto pragmatismo, distaccato dalle esigenze oggettive della legge morale, porta a delle decisioni che vanno a favore di pochi fortunati, mentre ignorano le sofferenze di grandi segmenti della famiglia umana papa Giovanni Paolo II - Santo il 27 aprile 2014 discorso ai partecipanti alla XXXII Conferenza dell Organizzazione delle Nazioni Unite per l Alimentazione e l Agricoltura (F.A.O.) - 5 dicembre 2003 Relazione e Bilancio Esercizio

3

4 Sede Banca di Credito Cooperativo di Sesto San Giovanni Comuni con Dipendenza Banca di Credito Cooperativo di Sesto San Giovanni Zona di competenza Banca di Credito Cooperativo di Sesto San Giovanni

5

6 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SESTO SAN GIOVANNI Società Cooperativa fondata nel 1952 Iscritta all'albo delle banche n Iscritta all'albo delle Cooperative n. A Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo e al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti delle Banche di Credito Cooperativo SEDE E DIREZIONE Sesto San Giovanni - Viale Gramsci 202 Telefono Fax SPORTELLI Sesto San Giovanni - Filiale Sede Via Cesare Da Sesto 41 tel fax Filiale Est Via Grandi 130 tel fax Agenzia Tre Viale Marelli 322 tel fax Agenzia Quattro Viale Matteotti 265 tel fax Agenzia Cinque Via XX Settembre 28 tel fax Filiale Monza Via Ticino 28 tel fax Agenzia Monza Due V.le G.B. Stucchi 62/64 tel fax Filiale Milano Via Ponte Vecchio 3 tel fax Agenzia Due Milano Via Tonale 26 tel fax Agenzia Bresso Via Roma 89 tel fax Agenzia Cinisello Balsamo Via Sant'Antonio 1 tel fax Agenzia Paderno Dugnano Via Reali 47 tel fax Agenzia Segrate Via San Carlo 6 tel fax Agenzia Rho Via Meda 36 tel fax

7

8 Indice Cariche sociali pag. 9 Avviso di convocazione pag. 11 Relazione del Consiglio di Amministrazione pag Lineamenti generali di gestione pag Risultati in sintesi pag Stato Patrimoniale Gli impieghi pag. 20 La raccolta pag. 26 Il patrimonio pag. 28 Attività finanziarie pag. 30 Posizione interbancaria pag. 31 Immobilizzazioni pag Conto Economico pag Dipendenti pag Servizi diversi e operatività pag Informativa relativa alle attività di ricerca e sviluppo pag Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell'esercizio e prevedibile andamento della gestione pag Relazione ai sensi dell'art.8, comma quarto, dello Statuto sociale pag Politiche di remunerazione pag Informazioni sugli aspetti ambientali pag Scopo mutualistico pag Copertura della perdita pag Conclusioni pag. 48 Relazione del Collegio Sindacale pag. 50 Relazione della Società di Revisione pag. 55 Bilancio al 31 dicembre 2013 pag. 59 pag. 67 Allegato: Scenari economici - Finanziari - Demografici pag. 239

9

10 Consiglio di Amministrazione Presidente Vice Presidente Vicario Vice Presidente Consiglieri Presidente Onorario LICCIARDI dott. Giovanni SPINA avv. Filippo SCHENA prof.ssa Cristiana - Maria CHIARI dott. Roberto DAPRA' ing. Alberto TAGLIABUE Sig. Fabrizio TREZZI prof. Gian Luigi MANDELLI dott. Giuseppe Collegio Sindacale Presidente Sindaci Effettivi PAPPADA' dott. Angelo FEUDATARI dott. Corrado PASSUELLO dott. Massimo Direzione Generale Direttore Generale Vice Direttore Generale RICCI dott. Marco DAL MARTELLO rag. Massimo Compagine Sociale Numero soci al

11

12 Avviso di Convocazione Egregio Socio, è invitato a partecipare all Assemblea Ordinaria dei Soci della Banca indetta in prima convocazione per il giorno martedì 29 aprile 2014 alle ore presso la Sede Sociale in Sesto San Giovanni, Viale Antonio Gramsci n. 202 ed in seconda convocazione per il giorno sabato 17 maggio 2014 alle ore presso l Hotel Barone di Sassj in Via Padovani n. 38 a Sesto San Giovanni per discutere e deliberare sul seguente Ordine del Giorno 1. bilancio al : deliberazioni inerenti e conseguenti; 2. politiche di remunerazione dei Consiglieri di amministrazione, dei dipendenti e dei collaboratori; informativa all assemblea; 3. determinazione ammontare massimo delle posizioni di rischio ai sensi dell art. 30 dello Statuto Sociale; 4. integrazione Collegio dei Probiviri. Possono partecipare all Assemblea e prendere parte alle votazioni tutti i Soci che alla data di svolgimento della stessa risultino iscritti da almeno 90 (novanta) giorni nel libro dei Soci. Nel caso fosse impossibilitato ad intervenire, La invito a farsi rappresentare da altro Socio della Banca, conferendo allo stesso la delega allegata. Ricordo in proposito che, in base allo Statuto, ogni Socio persona fisica può ricevere sino a tre deleghe. Cordiali saluti. Il Presidente dott. Giovanni Licciardi Sesto San Giovanni, 28 marzo 2014

13

14 Relazione del Consiglio di Amministrazione

15 Introduzione A nome del Consiglio di Amministrazione rivolgo un caloroso saluto a tutti i soci presenti e un ringraziamento agli autorevoli ospiti che hanno accettato di partecipare a questa nostra Assemblea. Un particolare ringraziamento all Avv. Alessandro Azzi e al prof. Massimo Livatino, Presidente dell Organismo di Vigilanza 231, che nonostante i loro numerosi impegni hanno voluto onorare con la loro presenza questo consesso. Tramontate le ideologie che alimentavano guerre fredde e calde in Europa e nell est asiatico, sono scesi in campo i fanatismi religiosi, i conflitti fra etnologie e, non ultimi, i contrasti per il controllo delle risorse mondiali, soprattutto energetiche, ma anche dei traffici (leciti e illeciti), già motore non dichiarato di tragici avvenimenti e ora palesi cause di sanguinose guerre. Modalità meno cruente, ma cause di forti e perduranti squilibri nelle economie, si vanno radicando con lo sfruttamento di vasti territori e quindi di produzioni agricole secondo una nuova forma di colonialismo imposto con il massiccio impiego di risorse finanziarie anziché con le armi. La finanza internazionale, in cerca di sbocchi di investimento nell economia reale, con la globalizzazione è sempre più pervasiva e sempre più veloce nel trasferimento di ingenti capitali che, anche a causa della accentuata mobilità, sono forieri di crisi. In questo scenario l Europa, un tempo teatro di conflitti mondiali, con la proclamata unione fra Stati che ripudiano la guerra, finalmente pacificata, fatica a completare il disegno di un assetto sovranazionale che estenda la propria sovranità oltre la raggiunta Unione monetaria. Non si è concretizzata infatti una vera completa Unione senza la quale, per esempio, non è possibile esprimere una efficace comune politica estera. Anche in economia la libera circolazione di lavoratori e di capitali non si accompagna ancora ad una comune politica fiscale. Accade quindi che la Banca Centrale Europea, struttura efficace ed indipendente, surroghi in qualche caso i carenti o inesistenti poteri politici adottando e facendo adottare, attraverso il sistema bancario (eurosistema) regole e provvedimenti che hanno arginato, talvolta anche con semplici annunci, speculazioni contro la moneta unica. Regole comuni in materia per esempio di trasparenza dei bilanci statali, di libera concorrenza e quindi di divieto di aiuti statali alle imprese nazionali, di contenimento del deficit di bilancio e di riduzione del debito pubblico hanno avuto un forte impatto nell economia del nostro Paese e reso difficile la gestione della cosa pubblica anche per ritardi nell adeguamento delle norme interne alle esigenze di un assetto più snello e tecnologicamente avanzato dell economia. La crisi che ormai da anni attanaglia le Nazioni e che ha portato indietro le lancette dell orologio del benessere raggiunto da molte di queste, ha accentuato ovunque gli squilibri sociali e, primo fra tutti, un diffuso aumento della disoccupazione. Nel nostro Paese il fallimento di molte imprese, la delocalizzazione di altre alla ricerca dei vantaggi del minor costo del lavoro, ma soprattutto di fisco meno esoso e di burocrazia meno invasiva, hanno generato con la perdita di posti di lavoro la riduzione dei consumi. Le classi meno abbienti non hanno potuto alleviare i propri disagi pur in assenza di inflazione monetaria. Si è prodotta così una concomitante contrazione dell offerta e della domanda di beni. Solo settori di alta tecnologia e del made in Italy hanno fronteggiato la riduzione degli ordini interni attraverso l impulso dato alle esportazioni. 14 Relazione del Consiglio di Amministrazione

16 Intanto vengono introdotte nuove regole comunitarie, d interesse del sistema bancario, in particolare quella che va sotto il nome di Basilea 3. La nostra Banca, che ha dovuto fare i conti con l andamento generale dell economia e della realtà dei territori in cui opera, Sesto in particolare, ha già dovuto fronteggiare nell esercizio precedente gli effetti che forti perdite sui crediti hanno provocato sul patrimonio. Anche nell esercizio in esame ha proceduto a svalutazioni su crediti di rilevante ammontare unitario a suo tempo erogati a favore di operatori dei comparti in crisi, sui quali non si sono realizzate le aspettative di ripresa. Tuttavia, anche dopo lo stress che l applicazione della citata regola comunitaria ha provocato molte aziende non hanno superato l esame la nostra Banca, anche al netto delle svalutazioni effettuate, conserva una consistente dotazione patrimoniale che ne testimonia la solidità e che è premessa per il superamento della crisi con il ritorno alla redditività. Confido che l impiego delle disponibilità di risorse finanziarie possano intercettare anche nuova clientela meritevole di credito. In questa ottica si sta adoperando il personale delle filiali, reso più che mai consapevole della necessità di aumentare la redditività degli sportelli. Nel quadro delle iniziative volte all incremento del capitale disponibile, in corso di esercizio si è emesso un prestito subordinato, agevolmente collocato per la fiducia riscossa presso investitori istituzionali e retail e per l ausilio della Federazione Lombarda delle BCC. Relazioni curate con diversi attori del sistema di riferimento consentiranno di svincolare quote di capitale di organismi del movimento a suo tempo sottoscritte in eccedenza rispetto ad una più che qualificata partecipazione. Il Direttore Generale vi darà conto degli interventi effettuati nel corso dell esercizio, alcuni dei quali in via di completamento, che hanno consentito il raggiungimento di una efficienza che possiamo giudicare adeguata alle esigenze del mercato e comunque rispettosa dei valori coerenti con l appartenenza al movimento delle BCC. Qui mi piace ricordare che sono state profuse energie ragguardevoli nell attività di organizzazione della Banca, nella creazione di ruoli ormai indispensabili nel risk management, nella compliance, nella consulenza avanzata, oltre che nella formazione del personale e nel contenimento dei costi. L apporto di lavoro e di adesione alle iniziative intraprese, da parte del personale è stato convinto ed efficace. Il management, che aveva già interiorizzato le prescrizioni della Banca d Italia, ha collaborato proattivamente con gli Amministratori e con il Collegio Sindacale. Una dialettica costruttiva ha contraddistinto i rapporti tra il Consiglio di Amministrazione, l Organismo di Vigilanza interno, la società di Revisione e la società di consulenza e ha favorito una più che corretta azione del Consiglio di Amministrazione nell adozione di delibere adeguate al cambiamento. Particolarmente preziosi si sono rivelati il sostegno e l organizzazione della Federazione Lombarda delle BCC e delle Società del movimento, nonché di alcune singole BCC delle quali abbiamo riscosso la fiducia sul successo della nostra azione. Altrettanta fiducia sulla correttezza del nostro operato riteniamo di aver riscosso presso il Direttore della Banca d Italia di Milano ed i suoi collaboratori nel corso dei periodici contatti. Confido, insieme ai Consiglieri, di godere infine della fiducia che ci avete accordato il giorno della nostra elezione, certi come siamo di aver operato esclusivamente per il bene della nostra Banca. 15 Relazione del Consiglio di Amministrazione

17 Lineamenti generali di gestione Signori Soci, la seconda fase della recessione ha colpito un tessuto produttivo già provato, se non addirittura stremato, dal protrarsi della crisi e dalle contraddizioni che spesso accompagnano il localismo economico, di sovente confuso con le componenti anomale dello stesso. Lo shock prolungato e straordinario non ha riguardato solo i ceti meno abbienti, ma ha investito tutte le fasce sociali, provocando la caduta dei consumi; secondo l Istat le vendite al dettaglio del 2013 sono state le peggiori dal Ma ancora più impressionati sono i dati sulle imprese e sul lavoro; sono quelle che hanno chiuso nell anno appena trascorso e il tasso d occupazione (55,2%) è al minimo dal primo trimestre del 2000; drammatici i dati sulla disoccupazione giovanile, ormai pari al 42,3%. Questa situazione sociale è ulteriormente complicata dalla fase di transizione che accompagna i comuni limitrofi alla costituenda città metropolitana, sempre più attratti e condizionati dalla sua sfera di influenza; in particolare quelli in cui operiamo prevalentemente, caratterizzati da significative presenze del comparto manifatturiero tradizionale, stanno soffrendo più di altri degli effetti della globalizzazione e sono alla ricerca di una nuova identità che non sia quella esclusivamente abitativa. Il polo metropolitano milanese si caratterizza sempre più come un luogo di concentrazione di servizi, dai più tradizionali a quelli a maggior valore aggiunto (consulenza, servizi di ingegneria, servizi legati alle tecnologie informatiche, ricerca, sviluppo, design, fashion) di supporto alla produzione prevalentemente delocalizzata; è presente una elevata concentrazione di imprese del commercio e si osserva l espansione delle attività di accoglienza e di ristorazione legate soprattutto al turismo. Fare banca in questo scenario significa affrontare le mutate esigenze degli operatori rispettandone le specificità; appare a tutti evidente che non possiamo essere i soli e, nemmeno abbiamo la presunzione di essere, il primo attore a guidare un percorso di ripresa e di riposizionamento dei territori. Non può spettare ai così detti soggetti intermedi individuare le risposte ai fabbisogni locali; occorre una chiara azione delle istituzioni finalizzata a promuovere nuove competenze territoriali e a valorizzare le eccellenze, ormai sensibilmente ridotte, esistenti. Per la nostra Banca questo quadro di riferimento ha comportato un peggioramento della qualità dell attivo, già caratterizzato da una elevata concentrazione degli impieghi per settore e verso operatori di grandi dimensioni. A tale contesto così negativo si è cercato di reagire attraverso lo sviluppo delle relazioni con le piccole e medie imprese che hanno affrontato il cambiamento e mantenendo una attenzione particolare ai bisogni delle famiglie. Il totale dell attivo si è attestato a euro con un incremento in valore assoluto del 4,31%. Nel settore degli impieghi verso la clientela abbiamo registrato una contrazione del 4,4%; si tratta di una flessione più accentuata rispetto alla dinamica degli impieghi delle BCC lombarde, sia della provincia di Milano e Pavia (3,69%), sia di Monza e Brianza (3,96%); il fenomeno ha riguardato principalmente le forme tecniche a vista ed in misura più contenuta la dinamica dei mutui. La ragione non è riconducibile ad una politica volontaria di razionamento del credito per motivi cautelativi, bensì alla scelta di non assecondare una domanda oggettivamente debole dal punto di vista progettuale e strategico. Purtroppo il comparto è stato inoltre interessato dal peggioramento della qualità del portafoglio acquisito negli ultimi anni che presenta un incremento significativo dei crediti deteriorati specie nella forma tecnica dei mutui e nei settori delle costruzioni e delle 16 Relazione del Consiglio di Amministrazione

18 attività immobiliari. Lo sforzo organizzativo dedicato al miglioramento del presidio per il controllo andamentale del credito e alla gestione del precontenzioso, hanno permesso di adeguare i rispettivi servizi agli standard richiesti dai più recenti interventi normativi in materia; purtroppo poco hanno potuto su quelle situazioni di c.d. temporanea difficoltà che gli effetti prolungati della crisi hanno compromesso definitivamente. La dinamica della raccolta complessiva presenta un saldo positivo di circa 70 milioni di euro; si tratta di un risultato particolarmente lusinghiero. Questa performance è stata favorita dal graduale miglioramento delle prospettive dei mercati finanziari, sia nella loro componente obbligazionaria che in quella azionaria; inoltre il crollo dei consumi interni ha avuto come contrappeso il rafforzamento nelle famiglie della natura precauzionale del risparmio. La circostanza che tale obiettivo sia stato conseguito per entrambe le componenti esaminate, conferma la vivacità della rete commerciale e la competitività dei prodotti e servizi offerti. Ricordiamo, al riguardo, gli investimenti sostenuti negli ultimi due anni in questo settore, attraverso una formazione specialistica dedicata ai gestori addetti alla finanza retail unitamente alla introduzione del servizio di Consulenza avanzata, finalizzato ad accompagnare la clientela verso un percorso di educazione finanziaria che favorisca strategie di investimento sempre più consapevoli. Nel corso dell esercizio appena trascorso si è proceduto alla chiusura di due sportelli bancari: la filiale di Bollate e l agenzia di Sesto S. Giovanni all interno del centro commerciale Vulcano. Le ragioni di tali scelte sono da ricondursi ad una esigenza di razionalizzazione determinata dal mutato contesto economico e dalla crescente diffusione della multicanalità bancaria che ha, di fatto, modificato non solo le modalità di contatto con la clientela ma anche la quantità e qualità degli organici necessari nelle singole filiali. La correttezza di tali determinazioni è stata confermata non solo dalla circostanza che tali scelte non hanno influito negativamente sulla dinamica degli aggregati patrimoniali, ma anche dalla numerosità della clientela che nel frattempo è comunque cresciuta. Come di seguito dettagliatamente illustrato, il conto economico mostra: una contrazione del margine di interesse (-22,25%) compensata sia dall aumento dei ricavi da servizi (+15,31%) sia da un significativo utile da attività finanziarie che porta ad un modesto decremento del margine di intermediazione (-3,04%) non dissimile dall analogo riferimento della categoria regionale. Tale risultato è da attribuire principalmente al margine di interesse, la cui dinamica negativa è da ricondursi alla sensibile diminuzione degli interessi attivi determinata, da un lato, dal rallentamento del credito erogato e dal contestuale deterioramento della qualità del portafoglio crediti con conseguente ridimensionamento dell attivo fruttifero; dall altro, da una diminuzione dei tassi praticati sui finanziamenti non bilanciata da una altrettanto intensa riduzione degli interessi riconosciuti ai depositanti, anche in considerazione della pressione competitiva originata dall andamento altalenante dei rendimenti dei titoli del debito pubblico sovrano e dalle diffuse esigenze di ricapitalizzazione avviate dal sistema bancario nazionale. Le rettifiche sui crediti deteriorati hanno subito un ulteriore incremento rispetto al dato già penalizzante dell esercizio passato; la dinamica delle sofferenze ha subito una accelerazione nel secondo semestre che ha portato ad un raddoppio del relativo stock. Abbiamo avviato al riguardo tutte le azioni dirette al recupero coattivo dei crediti deteriorati e approfondito le iniziative disponibili per la valorizzazione delle garanzie acquisite. L evidenza che tale fenomeno abbia colpito l intero sistema bancario non attenua il senso di frustrazione rispetto all impegno profuso; né possiamo essere soddisfatti dall effetto di aver raggiunto un grado di copertura coerente con le attuali attese di realizzo e un livello di conformità adeguato nei relativi processi e presidi organizzativi. Ci conforta la circostanza che il 70% dei crediti deteriorati sia assistito da garanzie reali, anche se occorre tener conto della ancora attuale illiquidità del mercato immobiliare; l ipotesi di cessione dei così detti non performing loans sarà riesaminata quando sussistano corrette convenienze economiche e solo a condizione che questo corrisponda agli interessi sociali. 17 Relazione del Consiglio di Amministrazione

19 I costi operativi presentano una significativa inversione di tendenza (-2,25%) rispetto all analogo dato (+2,45%) dell'anno precedente; prosegue l attenzione al controllo delle relative voci attraverso una cultura aziendale dedicata alla ricerca delle migliori soluzioni e ad una politica di sobrietà ispirata alle mutate condizioni economiche e sociali. L attività di razionalizzazione dei costi, che ha riguardato tutti i processi aziendali, produrrà risultati ancor più efficaci nell esercizio 2014, in quanto gli effetti economici sull esercizio in esame hanno avuto un impatto attenuato dalle scadenze contrattuali sottostanti. Il bilancio di esercizio 2013 chiude con un risultato negativo di ,63 euro; la consapevolezza di questa evoluzione economica ci ha indotto già nella primavera del 2013 a prevenire gli effetti che tale perdita avrebbe potuto avere sul patrimonio e sui requisiti richiesti in proposito. Abbiamo proceduto, quindi, alla emissione di un prestito obbligazionario subordinato sottoscritto per 14,9 milioni di euro, che di fatto ha sostanzialmente attenuato le conseguenze negative che la diminuzione patrimoniale avrebbe determinato sui coefficienti prudenziali. Inoltre, considerando l incipiente introduzione del nuovo modello regolamentare con coefficienti più severi di quelli introdotti da Basilea 2 in tema di patrimonio rispetto all attivo ponderato, della liquidità in rapporto al passivo volatile a breve termine e delle fonti di raccolta in rapporto alla durata degli attivi finanziati, abbiamo provveduto a utilizzare la leva finanziaria, avendo cura di influire sul patrimonio nella misura minima indispensabile. 18 Relazione del Consiglio di Amministrazione

20 I risultati in sintesi I principali risultati conseguiti nel 2013 sono rappresentati nella seguente tabella sinottica. Dati patrimoniali (in migliaia di euro) Var. % Crediti verso Clientela ,43 Titoli di proprietà ,05 Raccolta diretta da Clientela ,11 Patrimonio Netto (compreso utile d'esercizio) ,87 Totale dell'attivo e del passivo ,31 Patrimonio di vigilanza ,94 Dati economici Var. % Margine di interesse Margine di intermediazione ,04 Costi operativi ,25 Risultato lordo di gestione ,94 Imposte dell'esercizio ,73 Utile (Perdita) d'esercizio ,47 Indici di bilancio % Var. % Margine di interesse/totale attivo 1,82 1,35-25,82 ROE (Risultato esercizio/patrimonio netto) -8,08-14,80 83,16 Costi operativi/margine intermediazione 74,09 74,69 0,82 Sofferenze nette/totale impieghi economici 3,99 7,12 78,45 Altre informazioni Var. % Numero sportelli ,50 Numero dipendenti ,75 19 Relazione del Consiglio di Amministrazione

21 Stato Patrimoniale Il Bilancio è stato redatto secondo i Principi Contabili Internazionali IAS/IFRS. I raffronti sono effettuati con lo Stato Patrimoniale relativo all esercizio 2012, anch esso redatto secondo i citati principi contabili, consentendo un confronto omogeneo dei dati. Gli impieghi I crediti verso Clientela sono iscritti in bilancio al costo ammortizzato e inseriti nella voce 70 Crediti verso clientela che, al netto delle svalutazioni, al 31 dicembre 2013, ammontano a 603,6 milioni di euro con una diminuzione del 4,43% rispetto all esercizio precedente. La flessione di circa 28 milioni è da ricondursi soprattutto alle maggiori rettifiche resesi necessarie a causa della crescita dei crediti deteriorati. Gli impieghi lordi, infatti, evidenziano una riduzione di soli 1,84 punti percentuali, inferiore a quella registrata dal sistema creditizio italiano nel suo complesso (-3,4%). L aggregato comprende anche le attività relative a mutui in bonis ceduti nel corso degli esercizi 2006, 2011 e 2012 con tre operazioni di cartolarizzazione e ripresi nell attivo in base a quanto stabilito dallo IAS 39. Conseguentemente si è proceduto all iscrizione delle attività cartolarizzate residue alla data di riferimento del bilancio, all impairment collettivo delle suddette attività cedute ed allo storno della tranche dei titoli junior sottoscritta per la parte relativa alle attività cedute. Nel 2013 è proseguita la contrazione dell attività industriale e della domanda interna, con gravi conseguenze economiche e finanziarie per le imprese e le famiglie consumatrici. La crisi economica ha continuato a determinare effetti negativi sull occupazione e sui territori, che hanno assistito alla chiusura di numerose imprese storicamente radicate. L incertezza ha frenato gli investimenti ed ha determinato un conseguente calo generalizzato della domanda di credito. Qualche timido segnale di ripresa, soprattutto proveniente dalle aziende esportatrici, è stato registrato nell ultimo trimestre ed è proseguito nei primi mesi del Nonostante le difficoltà abbiamo confermato con decisione il nostro ruolo di banca del territorio rimanendo al fianco delle imprese e delle famiglie ed erogando per il 2013 prestiti a medio termine per complessivi 54 milioni di cui 25 milioni alle famiglie ed 29 milioni alle PMI. Il nostro sostegno si è indirizzato alle iniziative volte al recupero della produttività, allo sviluppo di nuovi progetti, alla internazionalizzazione e alla innovazione. Abbiamo accompagnato le difficoltà attivando procedure di moratoria ed attingendo alle garanzie istituzionali e consortili. Non siamo venuti meno ai principi di mutualità e di solidarietà, che da sempre contraddistinguono e guidano le nostre decisioni. Ascolto, risorse, strumenti di mitigazione del rischio e di finanza agevolata hanno consentito di rispondere alla crescente domanda di supporto consulenziale e finanziario, cercando di guardare oltre la crisi e gettando le basi per cogliere gli effetti della tanto auspicata ripresa. Come per il 2012, sebbene impegnati nell affrontare un preoccupante scenario di deterioramento del credito che ha colpito quasi tutti i settori economici del territorio, abbiamo coraggiosamente proseguito a soddisfare le domande di finanziamento, spesso in controtendenza, con responsabilità, attenzione alla sostenibilità e ai rischi, coerenti con la nostra mission. Come si evince dalla tabella sotto indicata, nel corso dell anno 2013 sono state approvate nr pratiche di affidamento relative a nuove concessioni o revisioni. 20 Relazione del Consiglio di Amministrazione

22 CDA Direttore Generale Capo Area Mercato Responsabile Corpoarte Responsabili di Filiale Totale Rispetto allo scorso esercizio, si evidenzia una minor attività di delibera dei Responsabili di Filiale riconducibile alla implementazione delle revisioni automatiche per le posizioni affidate di importo contenuto, che non presentano anomalie, e alla semplificazione dell iter di emissione delle carte di credito che non prevede più la delibera del plafond collegato. Diverse sono state le iniziative di supporto al tessuto produttivo del Paese, inserite nel progetto denominato significativamente una Mano alla Ripresa. Tra queste citiamo gli accordi con l Associazione Confapi, l Associazione Imprenditori Nord Milano e la CNA di Milano. I Plafond messi a disposizione di queste realtà superano i 20 milioni di euro. E continuata l opera di sostegno al credito per le PMI attraverso i Consorzi Fidi convenzionati, allo scopo di favorire l accesso alle risorse finanziarie utili e necessarie allo svolgimento ed allo sviluppo dell attività d impresa. Particolare attenzione è stata posta sul tema dell efficientamento energetico e delle fonti rinnovabili confermando il convenzionamento della nostra Banca all accordo federale e nazionale con Legambiente. Il comparto estero registra un significativo incremento negli utilizzi e nei volumi dei flussi intermediati (pagamenti e incassi da e per l estero). Questo fenomeno si è manifestato soprattutto negli ultimi mesi dell anno, a conferma dei segnali di ripresa intercettati dalle imprese esportatrici. In calo le emissioni di crediti di firma. Nel 2013 abbiamo perfezionato, in collaborazione con Iccrea Banca Impresa, alcuni finanziamenti a sostegno della internazionalizzazione supportati dalla garanzia di Sace. Utilizzo fidi estero Per forma tecnica 31/12/ /12/2013 Var. % annua Import ,83 Export ,26 Altro ,49 Prefinanziamenti Totale impieghi per cassa ,05 L/C - Crediti di firma ,66 Cambi a termine ,16 Totale crediti di firma ,26 Totale generale ,92 Totale intermediato Var. % annua Totale ,79 21 Relazione del Consiglio di Amministrazione

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 340 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/11 30/09/11 31/12/10

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Sommario L intero esercizio COMUNICATO STAMPA 2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Proposto all Assemblea un dividendo di 0,37 euro per azione. Incremento

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

In cerca di un nuovo equilibrio

In cerca di un nuovo equilibrio Advisory In cerca di un nuovo equilibrio Le banche italiane tra qualità del credito, requisiti patrimoniali, recupero di redditività ed efficienza kpmg.com/it Indice Executive summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE

SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE NOTA DI SINTESI SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE Elemento Imformazioni Obbligatorie A.1 Introduzione: La Nota di Sintesi è costituita da una serie di informazioni denominate gli Elementi. Tali elementi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e 4 Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e consociate, il Gruppo Banca Etruria ).

Dettagli

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI RISULTATI Gli schemi di conto economico e stato patrimoniale del Banco Popolare vengono di seguito rappresentati in forma riclassificata secondo criteri gestionali per fornire una lettura più immediata

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

26 gennaio 2014 Roberto Russo

26 gennaio 2014 Roberto Russo Nota sull aumento di capitale del gruppo Banco Popolare 26 gennaio 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Lo scorso 24 gennaio si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Banco Popolare per

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 PREMESSA Per quanto riguarda il presente bilancio di Banca Carige SpA si ricorda che nell anno

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 21 L economia del Molise I prestiti bancari È proseguito il calo dei prestiti bancari,

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2002 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 2002... pag. 3 Prima

Dettagli

Banca Romagna Cooperativa Credito Cooperativo Romagna Centro e Macerone s.c.

Banca Romagna Cooperativa Credito Cooperativo Romagna Centro e Macerone s.c. Società Cooperativa Sede Legale: 47023 Cesena Via L.Lucchi 135 Codice ABI 07073 - C.F.-P.IVA-03762240400 Iscrizione Albo Banche n. 5695 Iscrizione Albo Soc. Cooperative n. A194399 R.E.A. (Repertorio Economico

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI COMMERCIALI IN ULTERIORE ACCELERAZIONE: I MUTUI A PRIVATI EROGATI

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato 238 Premessa Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, con riferimento alle società

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione sull andamento della gestione 465 Dati di sintesi e indicatori alternativi di performance di Intesa Sanpaolo Commissioni nette Dati economici Interessi

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi 2 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) Fascicolo W2 Sottoclassificazione BZ00000 NO0007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Banche

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Iscritta all'albo delle Banche al n. 5561-ABI n. 5428.8 Appartenente al Gruppo bancario Unione

Dettagli

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 NOVEMBRE 2000 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 30 settembre

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 Gestione Multiservice Società consortile a responsabilità limitata Sede in Via Gallarate 58-20151 Milano (MI) Capitale sociale Euro 412.900,00 i.v. Codice fiscale e Reg. Imp. 08362130158 Rea 1220124 Relazione

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati:

Dettagli

Risultati di eccellenza per Banca IFIS sospinti dalla qualità del credito

Risultati di eccellenza per Banca IFIS sospinti dalla qualità del credito COMUNICATO STAMPA PRIMI NOVE MESI 2014 Risultati di eccellenza per Banca IFIS sospinti dalla qualità del credito Soddisfazione per i coefficienti patrimoniali (14,9%) L AD Giovanni Bossi: Miglioramento

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012

Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012 Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012 TITOLO Consiglio di amministrazione del 26 marzo 2013: approvazione bilanci civilistico e consolidato esercizio 2012; proposta di dividendo; convocazione

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

Numero filiali 338 328 + 3,05%

Numero filiali 338 328 + 3,05% Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli