POR FSE Ob Regione Piemonte. Riprogrammazione POR/CdP

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POR FSE Ob. 3 2000-2006 Regione Piemonte. Riprogrammazione POR/CdP"

Transcript

1 POR FSE Ob Regione Piemonte Riprogrammazione POR/CdP

2 Indice I documenti programmatici La riprogrammazione: proposte e scelte della Regione CdP: Assi, Misure, Linee d intervento, azioni Il nuovo piano finanziario rivisto alla luce della riserva di premialità Incrementi % delle risorse a raffronto con le altre Regioni Ob.3 Direttive e obiettivi strategici del Piemonte Incidenza di alcune Direttive sull inclusione sociale e l orientamento

3 La base giuridica: il Regolamento CE 1260/99 Il Regolamento CE 1260/99 rappresenta il documento fondamentale per la nuova programmazione , esso definisce i meccanismi di negoziazione e programmazione, i compiti e le responsabilità, le procedure di gestione dei programmi finanziati dai fondi strutturali. Come ogni regolamento comunitario il Reg. 1260/99 ha portata generale, vale a dire è obbligatorio in tutti i suoi elementi ed ha efficacia direttamente vincolante all'interno dei singoli Stati membri.

4 Programmazione : Gli obiettivi (1) OBIETTIVO 1: Destinato alle regioni il cui PIL per abitante è inferiore al 75% della media europea e alle regioni ultraperiferiche (dipartimenti francesi d oltremare, Azzorre, Madera e Isole Canarie); Copre il 15% della popolazione europea

5 Programmazione : Gli obiettivi (2) OBIETTIVO 2: Destinato alle zone in mutamento economico, ovvero: zone in declino industriale (10% della popolazione UE); zone in declino rurale (5%); zone dipendenti dalla pesca in difficoltà (2%); quartieri urbani in difficoltà (1%)

6 Programmazione : Gli obiettivi (3.) OBIETTIVO 3: Finalizzato all adattamento e all ammodernamento dei sistemi di istruzione, formazione e impiego. Prevede misure di accompagnamento ai mutamenti economici e sociali; formazione continua lungo tutto l arco della vita e sistemi di formazione; Politiche attive di lotta contro la disoccupazione, di concerto con le autorità nazionali; lotta contro l esclusione sociale.

7 Programmazione Ob.3 Fondo Sociale Europeo SEO Reg (CE) NAP QCS POR COMPLEMENTO DI PROGRAMMA

8 I nuovi orientamenti SEO (1) I nuovi orientamenti per la Strategia Europea per l Occupazione (SEO) prevedono tre Obiettivi: Pieno impiego Migliorare la qualità e la produttività del lavoro Rafforzare la coesione e l inclusione sociale Questi orientamenti SEO 2003 sostituiscono quindi i precedenti quattro pilastri (Occupabilità, Imprenditorialità, Adattabilità, Pari Opportunità)

9 I tre Obiettivi sono articolati in 10 Orientamenti specifici: I nuovi orientamenti SEO (2.) 1. Misure attive e preventive per le persone disoccupate e inattive 2. Creazione di posti di lavoro e imprenditorialità 3. Affrontare il cambiamento e promuovere l'adattabilità e la mobilità nel mercato del lavoro 4. Promuovere lo sviluppo del capitale umano e l'apprendimento lungo l'arco della vita 5. Aumentare la disponibilità di manodopera e promuovere l'invecchiamento attivo 6. Parità uomo-donna 7. Promuovere l'integrazione delle persone svantaggiate sul mercato del lavoro e combattere la discriminazione nei loro confronti 8. Far sì che il lavoro paghi attraverso incentivi finanziari per aumentare l'attrattiva del lavoro 9. Trasformare il lavoro nero in occupazione regolare 10.Affrontare le disparità regionali in materia di occupazione

10 Quadro Comunitario di Sostegno (QCS) Viene siglato, al termine di un processo di negoziazione, tra lo Stato membro (Ministero del Lavoro) e la Commissione europea (Direzione Generale Occupazione) Definisce le politiche nazionali per lo sviluppo delle risorse umane nel periodo e ne individua le relative risorse Individua i grandi ambiti di iniziativa (Assi) e le strategie di attuazione (Misure)

11 Programma operativo regionale (POR) (1) Definisce la specificazione regionale per l attuazione delle politiche nazionali per lo sviluppo delle risorse umane Rappresenta la traduzione operativa del QCS, di cui condivide assi e misure La stesura compete alla Regione, sulla base di una stretta concertazione con autonomie locali, parti sociali, rappresentanze tematiche

12 Programma Operativo Regionale (POR) (2.) Una volta adottato dagli organismi regionali viene inoltrato alla Commissione Europea per avvio negoziato Al termine della negoziazione, la Commissione Europea approva il POR ed il relativo piano finanziario

13 Complemento di Programmazione (CdP) (1) Si tratta di un nuovo strumento introdotto dal Regolamento Generale sui Fondi strutturali (1260/99) con lo scopo di responsabilizzare e conferire maggiore autonomia alle autorità di gestione Il CdP rappresenta infatti il documento per la specificazione delle misure contenute nel POR che tramite schede tecniche si evidenziano i soggetti attuatori, destinatari, linee di intervento, azioni, servizi, indicatori di realizzazione e di risultato, ecc..

14 Complemento di Programmazione La Regione deve provvedere all elaborazione del CdP entro tre mesi dalla data di approvazione del POR Il CdP non è soggetto ad approvazione da parte della UE, bensì a conferma ovvero modifica ad opera del Comitato di Sorveglianza (CdP) (2)

15 Complemento di Programmazione (CdP) (3.) Il Complemento di Programma rappresenta il documento generale di riferimento per la predisposizione delle direttive e degli altri strumenti attuativi delle Misure Eventuali modifiche di normative significative per l attuazione del CdP comportano la modifica del Complemento I contenuti del CdP sono specificati in Direttive e/o Bandi Regionali/Provinciali

16 Struttura dei documenti di programmazione (Por, Docup, CdP) OBIETTIVI GENERALI ASSI OBIETTVI SPECIFICI MISURE LINEE DI INTERVENTO AZIONI

17 La struttura della programmazione (1) Obiettivo globale Assi Obiettivi specifici Misure Contribuire all occupabilità dei soggetti in età lavorativa ASSE A: Sviluppo e promozione di politiche attive del mercato del lavoro per combattere e prevenire la disoccupazione, evitare a donne e uomini la disoccupazione di lunga durata, agevolare il reinserimento dei disoccupati di lunga durata nel mercato del lavoro e sostenere l'inserimento nella vita professionale dei giovani e di coloro, uomini e donne, che si reinseriscono nel mercato del lavoro. 1. Prevenzione della disoccupazione di giovani e adulti e inserimento e reinserimento dei disoccupati di lunga durata A. 1 Implementazione dei servizi per l impiego e messa in rete delle strutture A. 2 Inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro Promuovere l integrazione nel mercato del lavoro delle persone esposte al rischio di esclusione sociale ASSE B: Promozione di pari opportunità per tutti nell'accesso al mercato del lavoro, con particolare attenzione per le persone che rischiano l'esclusione sociale. 2. Favorire il primo inserimento lavorativo o il reinserimento di soggetti a rischio di esclusione sociale B.1 Inserimento lavorativo e reinserimento di gruppi svantaggiati Sviluppare un offerta di istruzione, formazione professionale e orientamento che consenta lo sviluppo di percorsi di apprendimento per tutto l arco della vita favorendo anche l adeguamento e l integrazione tra i sistemi della formazione, istruzione e lavoro. ASSE C: Promozione e miglioramento della formazione professionale, dell'istruzione, dell'orientamento nell'ambito di una politica di apprendimento nell'intero arco della vita, al fine di agevolare e migliorare l'accesso e l'integrazione nel mercato del lavoro, migliorare e sostenere l'occupabilità eromuovere la mobilità professionale. 3. Adeguare il sistema della formazione professionale e dell istruzione 4. Promuovere un offerta adeguata di formazione superiore 5. Promuovere la formazione permanente C.1 Adeguamento del sistema della formazione professionale e dell istruzione C. 2 Prevenzione della dispersione scolastica e formativa C.3 Formazione superiore C.4 Formazione permanente

18 La struttura della programmazione (2.) Obiettivo globale Assi Obiettivi specifici Misure Sostenere le politiche di flessibilizzazione del MdL, promuovere la competitività e favorire lo sviluppo dell imprenditorialità. Migliorare l accesso, la partecipazione e la posizione delle donne nel mercato nel lavoro. ASSE D: Promozione di una forza lavoro competente, qualificata e adattabile, dell'innovazione e dell'adattabilità nell'organizzazione del lavoro, dello sviluppo dello spirito imprenditoriale, di condizioni che agevolino la creazione di posti di lavoro nonché della qualificazione e del rafforzamento del potenziale umano nella ricerca, nella scienza e nella tecnologia. ASSE E: Misure specifiche intese a migliorare l'accesso e la partecipazione delle donne al mercato del lavoro, compreso lo sviluppo delle carriere e l'accesso a nuove opportunità di lavoro e all'attività imprenditoriale, e a ridurre la segregazione verticale ed orizzontale fondata sul sesso nel mercato del lavoro. 2. Sostenere le politiche di rimodulazione degli orari e di flessibilizzazione del MdL, e sviluppare la formazione continua con priorità alle PMI e alla PA 3. Sostenere l imprenditorialità in particolare nei nuovi bacini d impiego 4. Sviluppare il potenziale umano nei settori della ricerca e dello sviluppo tecnologico 5. Accrescere la partecipazione e rafforzare la posizione delle donne nel mercato del lavoro D.1 Sviluppo della formazione continua, della flessibilità del MdL e della competitività delle imprese pubbliche e private, con priorità alle PMI D.2 Adeguamento delle competenze della Pubblica Amministrazione D.3 Sviluppo e consolidamento dell imprenditorialità con priorità ai nuovi bacini d impiego D. 4 Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico E. 1 Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro Migliorare i sistemi di monitoraggio, valutazione e informazione ASSE F: Accompagnamento del QCS e dei programmi operativi 6. Migliorare i sistemi di monitoraggio, valutazione, informazione e controllo F. 1 spese di gestione, esecuzione, monitoraggio, controllo F. 2 altre spese di Assistenza tecnica

19 CdP (Schema generale) Risorse (POR) ASSI Obiettivi globali Risorse (CdP) MISURE Obiettivi specifici Risorse (bandi) LINEE DI INTERVENTO Obiettivi operativi AZIONI Indicatori

20 Cambiamento, semplificazione, puntualizzazione La Regione Piemonte ha inteso la fase di riprogrammazione del POR/CdP, come fattore di cambiamento, semplificazione, puntualizzazione: aderendo agli orientamenti della Commissione Europea in merito alla semplificazione delle procedure (documento del 7 ottobre 2002); partecipando alla definizione delle modifiche al QCS in procedura scritta; attivando un percorso di verifica all interno del Comitato regionale per i Fondi Strutturali.

21 Il contesto della riprogrammazione (1) Il lavoro di riprogrammazione è stato realizzato alla luce dell evoluzione di alcuni grandi processi di riforma: 1. La riforma della SEO, che oltre ad individuare obiettivi quantitativi di riferimento, impone una maggiore integrazione tra politiche occupazionali e politiche economiche: 2. Nell ambito delle politiche occupazionali, risulta fondamentale sostenere, attraverso azioni complementari, una sempre maggiore integrazione sociale e lavorativa in coerenza con le indicazioni dei NAP Occupazione e Inclusione;

22 Il contesto della riprogrammazione (2.) 3. La riforma del titolo V della Costituzione Italiana, quale delineata dalla L.C. 3/01, trasferisce in capo alle Regioni e agli enti locali funzioni prima di competenza dello Stato; 4. La Legge 30/03 e il connesso D.lgs 276/03 ridisegnano il mercato del lavoro italiano, l intermediazione di manodopera esercitata da soggetti pubblici e privati, introducendo nuove fattispecie contrattuali e riformando i contratti a contenuto formativo; 5. In materia di formazione e istruzione tra sistemi formativo e scolastico, la Legge 53/03 riforma i cicli dell istruzione scolastica ed il secondo canale del sistema dell istruzione e della formazione professionale;

23 Proposte di riprogrammazione (1) In fase di riscrittura dei documenti programmatici POR/CdP sono state avanzate proposte da parte del Comitato per i Fondi Strutturali; Alcune osservazioni, in particolare quelle inerenti le procedure operative, riguardano atti di programmazione di terzo e quarto livello, e pertanto non vengono recepite al livello di POR/CdP; Le proposte sono di seguito sintetizzate a livello di Misura

24 Proposte di riprogrammazione (2) Potenziare formazione operatori SpI (Misura A1) Sostenere azioni per emersione lavoro irregolare (Misura A1) Prevedere linea d'intervento per ricollocare soggetti espulsi dalle imprese causa crisi o ristrutturazione (Misura A2) Offrire nuove opportunità a soggetti inseriti in cattivi lavori (Misura A2)

25 Proposte di riprogrammazione (3) Irrobustire e qualificare azioni rivolte all'inserimento e reinserimento dei soggetti svantaggiati nel mondo del lavoro (Misura B1) Riprogettare le modalità di intervento, in particolare per gli extra-comunitari e i detenuti (Misura B1) Sviluppo II canale Istruzione Formazione (Misura C2) Ridurre significativamente il fenomeno della dispersione scolastica e formativa (Misura C2)

26 Proposte di riprogrammazione (4.) Qualificare e potenziare formazione post-diploma, alta formazione (master), formazione permanente (Misura C3) Potenziare le azioni di rientro degli adulti nei percorsi di Istruzione e Formazione (Misura C4) Potenziare formazione continua a domanda individuale (Misura D1) Azioni formative e/o informative/consulenziali per adeguamento competenze dipendenti PP.AA.e finalizzate a creazione nuove professionalità (Misura D2) Migliorare la finalità degli interventi attraverso una marcata integrazione con gli altri assi e misure (Misura E1) Sviluppo e realizzazione azioni di valutazione esterna e settoriale (Misura F2)

27 Le scelte adottate dalla Regione (1) Alla luce delle indicazioni emerse in sede di partenariato, la Regione Piemonte ha ritenuto, in primo luogo, di operare nel senso di qualificare le azioni a favore dei soggetti deboli sul mercato del lavoro attraverso una maggiore integrazione tra PAL e politiche sociali: incrementando la dotazione dell Asse B allargando la gamma di azioni realizzabili sull Asse E

28 Le scelte adottate dalla Regione (2) Si è inoltre provveduto a: confermare le azioni formative per gli operatori dei SPI e prevedere una linea di intervento per l emersione del lavoro nero (Misura A1) sostenere lo sviluppo del canale dell istruzione e formazione professionale (Misura A2) potenziare le azioni di contrasto alla dispersione (Misura C2)

29 Le scelte adottate dalla Regione (3.) sostenere l alta formazione e i master (Misura C3) potenziare lo sviluppo della formazione lungo l intero arco di vita degli individui (Misura C4) confermare la funzione strategica della formazione continua (Misure D1 e D2) garantire interventi di assistenza tecnica che favoriscano un efficace attuazione del programma (Misura F2)

30 I nuovi scenari della F.P. piemontese Obiettivi strategici di medio periodo: 1. garantire l assolvimento del diritto-dovere di istruzione/formazione per 12 anni (A2-B1-C2) 2. promuovere l inserimento e il reinserimento di giovani e adulti nel mercato del lavoro (A2) 3. assicurare l integrazione sociale e lavorativa dei soggetti deboli sul m.d.l. (B1) 4. potenziare le azioni di contrasto alla dispersione scolastica e formativa (C2) 5. sostenere e diversificare la formazione superiore (C3) 6. promuovere l apprendimento permanente (C4) 7. sostenere la formazione in alternanza (A2) 8. favorire l inserimento e il reinserimento diretto in azienda (A2-B1-E1) 9. migliorare le competenze della forza lavoro piemontese (D1-D2) 10. accrescere la partecipazione femminile al mercato del lavoro (E1) 30

31 31 DIRETTIVE OBIETTIVI STRATEGICI 1- garantire l assolvimento del diritto-dovere di istruzione/formazione per 12 anni 2- promuovere l inserimento e il reinserimento di giovani e adulti nel mercato del lavoro 3- assicurare l integrazione sociale e lavorativa dei soggetti deboli sul mercato del lavoro 4- potenziare le azioni di contrasto alla dispersione scolastica e formativa 5- sostenere e diversificare la formazione superiore 6- promuovere l apprendimento permanente 7- sostenere la formazione in alternanza 8- favorire l inserimento e il reinserimento diretto in azienda 9- migliorare le competenze della forza lavoro piemontese 10- accrescere la partecipazione femminile al mercato del lavoro Mercato del Lavoro A2 B1 C2 C3 C4 E1 Diritto-dovere di A2-B1 Istruzione e Formaz. Orientamento per Obbligo Formativo (fuori FSE) C2 B1 C2 X X X IFTS C3 Lauree Profess. C3 E1 Finalizzata A2 A2 B1 all occupazione Apprendistato A2 A2-B1 E1 E1 Occupati D1-D2 E1 Formaz. Continua L. X 236/93 (fuori FSE) Occupati a domanda X E1 individuale Euroformazione C4 Difesa

32 ASSE A- Sviluppo e promozione di politiche attive del lavoro per combattere e prevenire la disoccupazione, evitare a donne e uomini la disoccupazione di lunga durata, agevolare il reinserimento dei disoccupati di lunga durata nel mercato del lavoro e sostenere l inserimento nella vita professionale dei giovani e di coloro, uomini e donne, che si reinseriscono nel mercato del lavoro MISURE A1- Implementazione dei servizi per l impiego e messa in rete delle strutture pubbliche e private A2- Inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro LINEE DI INTERVENTO Asse A 1. Interventi per il supporto e la messa in rete dei servizi al lavoro 2. Azioni per la qualificazione o riqualificazione del personale, per l inserimento di specifiche figure professionali, per la promozione dei servizi al lavoro 3. Azioni formative finalizzate al conseguimento delle competenze che caratterizzano le figure professionali dei servizi al lavoro, propedeutiche ad un inserimento lavorativo presso i soggetti, pubblici e privati, accreditati in base all art. 7 del D.lgs 276/03 e facenti parte della rete dei servizi al lavoro 4. Interventi volti a contrastare il lavoro sommerso 1. Azioni integrate di orientamento, formazione e work experiences 2. Azioni integrate di orientamento, formazione e work experiences per l inserimento diretto in impresa 3. Servizi di incontro tra domanda e offerta 4. Progetti integrati di inserimento e reinserimento lavorativo

33 Asse B ASSE MISURE LINEE DI INTERVENTO B- Promozione di pari opportunità per tutti nell accesso al mercato del lavoro, con particolare attenzione per le persone che rischiano l esclusione sociale B1- Inserimento lavorativo e reinserimento di gruppi svantaggiati 1. Azioni integrate di orientamento, formazione, finanziabili anche tramite voucher, e work experiences, anche finalizzate all inserimento diretto in impresa 2. Servizi di incontro tra domanda e offerta 3. Piccoli sussidi al capitale sociale delle cooperative 4. Azioni complementari di supporto al raccordo interistituzionale 5. Strumenti per incentivare l inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati

34 Linee di intervento Soggetti attuatori Destinatari/Destinatarie 1) Azioni integrate di orientamento, formazione, finanziabili anche tramite voucher, e work experiences, anche finalizzate all inserimento diretto in impresa 2) Servizi di incontro tra domanda e offerta 3) Piccoli sussidi al capitale sociale delle cooperative 4) Azioni complementari di supporto al raccordo interistituzionale 5) Azioni per l inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati Agenzie formative Consorzi socioassistenziali ATI tra agenzie formative ATS tra agenzie formative e istituzioni scolastiche e/o Consorzi socioassistenziali accreditati Imprese e loro consorzi Province Operatori pubblici o privati accreditati in base all art. 7 del D.lgs 276/03 e facenti parte della rete dei servizi al lavoro Organismo intermediario aggiudicatario della Sovvenzione Globale Regione Province Misura B1 Regione Province Operatori pubblici o privati accreditati in base all art. 7 del D.lgs 276/03 e facenti parte della rete dei servizi al lavoro Portatori di handicap intellettivo Utenti psichiatrici Invalidi civili e del lavoro Detenuti e minori inseriti in strutture di recupero Immigrati extracomunitari Adolescenti e giovani a rischio Tossicodipendenti e alcolisti Persone immediatamente disponibili alla ricerca e allo svolgimento di un attività lavorativa (ex D.lgs 297/02) appartenenti a categorie svantaggiate Imprese in cerca di professionalità Soci lavoratori di cooperative sociali appartenenti alle categorie svantaggiate Cooperative sociali e loro consorzi Associazioni Organizzazioni di volontariato Fondazioni ONG Enti privati che non perseguano finalità di lucro, anche riuniti in ATI Trattasi di azioni di sistema, prive dunque di destinatari diretti Portatori di handicap intellettivo Utenti psichiatrici Invalidi civili e del lavoro Detenuti ed ex detenuti Immigrati extracomunitari con particolare problematiche di tipo individuale e/o sociale in carico ai servizi socioassistenziali, sanitari Adolescenti e giovani a rischio di emarginazione sociale e devianza già in carico ai servizi sociali Tossicodipendenti e alcolisti Persone oggetto di tratta

35 Asse C ASSE C- Promozione e miglioramento della formazione professionale, dell istruzione, dell orientamento nell ambito di una politica di apprendimento nell intero arco della vita, al fine di agevolare e migliorare l accesso e l integrazione nel mercato del lavoro, migliorare e sostenere l occupabilità e promuovere la mobilità professionale MISURE C1- Adeguamento del sistema della formazione professionale e dell istruzione C2- Prevenzione della dispersione scolastica e formativa C3- Formazione superiore C4 - Formazione permanente LINEE DI INTERVENTO 1. Formazione degli operatori, ivi compresi gli insegnanti della scuola di stato 2. Azioni per la rilevazione dei fabbisogni formativi 3. Sviluppo della qualità del sistema formativo, definizione degli standard e delle procedure di accreditamento delle sedi formative e di orientamento e di certificazione di qualifiche e competenze 4. Adeguamento dei sistemi informativi a supporto della didattica 1. Progetti integrati di orientamento e counselling 1. Progetti integrati tra scuola, università, agenzie e imprese (IFTS) 2. Lauree professionalizzanti di 1 livello 3. Master e formazione di alto su tematiche specialistiche 1. Azioni di formazione permanente 2. Azioni di formazione permanente per l integrazione delle competenze di base (EdA) 3. Percorsi integrati finalizzati per il rientro formativo, finanziabili anche tramite Voucher

36 Misura C2 Linee di intervento Soggetti attuatori Destinatari/Destinatarie 1) Progetti integrati di orientamento e counselling Province e altri enti locali Strutture di orientamento Agenzie formative Istituzioni scolastiche (per le iniziative di orientamento) ATS tra agenzie formative e istituzioni scolastiche ATI tra agenzie formative e consorzi di imprese Adolescenti in obbligo scolastico Adolescenti in obbligo formativo (età 14-18) Famiglie dei giovani in obbligo scolastico e formativo Insegnanti / Formatori

37 ASSE D- Promozione di una forza lavoro competente, qualificata e adattabile, dell innovazione e dell adattabilità nell organizzazion e del lavoro, dello sviluppo dello spirito imprenditoriale, di condizioni che agevolino la creazione di posti di lavoro nonché della qualificazione e del rafforzamento del potenziale umano nella ricerca, nella scienza e nella tecnologia MISURE D1- Sviluppo della formazione continua, della flessibilità del MDL e della competitività delle imprese pubbliche e private, con priorità alle PMI D2- Adeguamento delle competenze della Pubblica Amministrazione D3- Sviluppo e consolidamento dell imprenditorialità con priorità ai nuovi bacini di impiego D4- Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico LINEE DI INTERVENTO 1. Progetti di formazione continua Asse D 1. Progetti di formazione continua per la PA 1. Interventi di supporto all imprenditorialità 2. Servizi consulenziali per le imprese (assistenza ex ante) 3. Servizi di consulenza specialistica e di tutoraggio per le nuove imprese (assistenza ex post) 4. Strumenti finanziari di sostegno all avvio di nuove imprese 5. Interventi di orientamento all imprenditorialità rivolti agli studenti della Scuola secondaria 1. Sostegno alla permanenza in impresa di assegnatari di borse di ricerca, nell ambito di progetti congiunti con le imprese 2. Sostegno alla creazione d impresa da parte dei ricercatori

38 ASSE E- Misure specifiche intese a migliorare l accesso e la partecipazione delle donne al mercato del lavoro, compreso lo sviluppo delle carriere e l accesso a nuove opportunità di lavoro e all attività imprenditoriale, e a ridurre la segregazione verticale e orizzontale fondata sul sesso nel mercato del lavoro MISURE E1- Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro LINEE DI INTERVENTO Asse E 1. Sostegno alla partecipazione ad azioni di politica del lavoro, di inserimento lavorativo, di reinserimento socio-lavorativo delle persone in particolari momenti della loro vita e sostegno alla permanenza delle donne occupate nel mondo del lavoro 2. Strumenti finanziari per l avvio di nuove imprese 3. Azioni per l introduzione di forme di flessibilità sul lavoro, per il reinserimento socio-lavorativo di soggetti disagiati e per il sostegno all assistenza familiare 4. Interventi per il consolidamento della cultura di parità volti a valorizzare le donne nel mercato del lavoro e a ridurre le discriminazioni di genere 5. Azioni integrate di orientamento, formazione e work experiences, anche finalizzate all inserimento diretto in impresa 6. Percorsi di formazione anche individuali finalizzati allo sviluppo delle carriere delle donne occupate 7. Percorsi di alta formazione (Lauree professionalizzanti di 1 livello e Master)

39 ASSE MISURE F1- Spese di gestione, esecuzione, monitoraggio, controllo LINEE DI INTERVENTO Asse F 1. Iniziative di assistenza tecnica incluse nella scheda 11 del Regolamento della Commissione delle spese eleggibili per il periodo F- Accompagnamento del QCS e dei programmi operativi F2- Altre spese di Assistenza tecnica 1. Sviluppo e diffusione di un sistema informativo integrato per il monitoraggio e la gestione del PO (comprensivo dei dispositivi hardware e software dedicati) 2. Sviluppo e realizzazione delle azioni di valutazione esterna e settoriali 3. Realizzazione di azioni informative, formative e di supporto consulenziale per gli operatori pubblici e privati ai fini del miglior utilizzo dei fondi e gestione degli interventi 4. Realizzazione di azioni di informazione e pubblicità, comprese attività seminariali per la sensibilizzazione degli operatori e degli utenti, nonché la disseminazione dei risultati più significativi

40 Piano finanziario riprogrammato (1) Alla luce delle proposte sopra riassunte, la Regione Piemonte ha inteso ripartire la riserva di premialità (circa 62 milioni di euro) fra i 6 assi secondo il prospetto di seguito illustrato

41 Piano finanziario riprogrammato (2) ASSI AUMENTO RIDUZIONE INVARIATO Asse A X Asse B X Asse C X Asse D X Asse E X Asse F X

42 Piano finanziario riprogrammato (4.) MISURE DISPONIBILITA PIANO FINAN. RIPROGRAM. INCREMENTO % Misura A Misura A ,52 % Misura B ,89 % Misura C Misura C ,07 % Misura C ,78 % Misura C ,98 % Misura D Misura D ,36 % Misura D Misura D Misura E Misura F Misura F ,04 % TOTALE ,24 %

43 Risorse Pubbliche Programmazione POR (valori %) asse E 10,30% asse F 3,00% asse A 40,90% asse D 23,40% asse C 15,80% asse B 6,60%

44 Risorse Pubbliche Riprogrammazione POR (valori %) asse E 9,70% asse F 3,29% asse D 23,08% asse A 39,67% asse C 16,87% asse B 7,39%

45 Variazione risorse pubbliche POR (%) 45,00% 40,00% 35,00% 40,90% 39,67% 30,00% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 5,00% 3,05% 6,60% 7,39% 18,89% 15,80% 16,87% 13,42% 23,40% 23,08% 4,80% 10,30% 9,70% 0,00% 3,00% 3,29% 16,63% 0,00% A B C D E F Assi

46 La riprogrammazione finanziaria Regioni Ob.3 Distribuzione delle quote aggiuntive (performance): totali Asse D 24% Asse E 3% Asse F 5% Asse A 27% Asse C 21% Asse B 20%

47 Valle D'Aosta Piemonte Lombardia Trento Bolzano Friuli V. G. Veneto Liguria Emilia R. Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo 50,00 40,00 30,00 20,00 10, ,00 La riprogrammazione finanziaria Regioni Ob.3: Incrementi percentuali Asse B

48 La riprogrammazione finanziaria Regioni Ob.3: Incrementi percentuali Asse C 15,00 10,00 5, ,00-10,00-15,00 Valle D'Aosta Piemonte Lombardia Trento Bolzano Friuli V. G. Veneto Liguria Emilia R. Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo

49 Programmazione FSE : Dispersione scolastica ( ) (C2) (1) La prevenzione della dispersione scolastica e formativa si è attuata mediante la direttiva annuale per i disoccupati Mercato del Lavoro. Servizi erogabili: Counseling, orientamento, formazione (fino 160 h in integrazione con scuola secondaria inferiore e/o superiore). Destinatari: giovani in obbligo scolastico e giovani in obbligo formativo Progetti approvati fino al 31/12/2003: circa 1000 corsi Risorse impegnate fino al 31/12/2003: pari a circa il 50% del programmato 2000/06 49

50 Programmazione FSE : Dispersione scolastica ( ) (C2) (2) La prevenzione della dispersione scolastica si attua prevalentemente mediante la direttiva annuale per i disoccupati Mercato del Lavoro attraverso counseling, orientamento, formazione. La prevenzione della dispersione scolastica e formativa si attua anche, a partire dal 2004, mediante la direttiva diritto/dovere all istruzione e F.P. attraverso i laboratori di recupero e sostegno degli apprendimenti (La.R.S.A.). Destinatari: giovani in obbligo scolastico e formativo (14-18 anni) Risorse impegnate per i La.R.S.A. anno 2004/05: Allievi previsti: circa

51 Programmazione : Dispersione scolastica ( ) (3. Ad integrazione delle attività di orientamento finanziate con FSE si affiancano gli Atti di indirizzo sulle azioni di orientamento per l obbligo formativo dal periodo 2002 al 2005 rivolti alle Province. Gli interventi sono finanziati con risorse nazionali previste dai Decreti M.L.P.S. sul finanziamento di iniziative di cui all art. 68 L.144/99. Destinatari: giovani in obbligo scolastico, giovani in obbligo formativo, famiglie dei giovani coinvolti, insegnanti/formatori. Azioni: informazione, formazione, accompagnamento, consulenza e supporto per l inserimento e il successo formativo, compreso l apprendistato. Risorse impegnate per il 2002/05: Allievi previsti: circa

52 Programmazione FSE : Inclusione sociale (B1) (1) In linea con quanto stabilito dalla SEO la Regione Piemonte ritiene fondamentale realizzare un'azione incisiva per migliorare l'accesso al mercato del lavoro dei gruppi svantaggiati (ovvero disabili, minoranze etniche, immigrati ecc.). Attraverso le direttive disoccupati Mercato del Lavoro e Finalizzata all occupazione sono previsti interventi specifici per: i soggetti con handicap intellettivo, detenuti, immigrati, giovani a rischio 52

53 Programmazione FSE : Inclusione sociale (B1) (2.) Progetti approvati sulla misura B1al 31/12/2003: circa 1500 corsi (di cui oltre 1100 avviati) Risorse impegnate sulla misura B1 al 31/12/2003: pari a circa il 99% del programmato 2000/06 53

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

La programmazione Regionale 2014-2020

La programmazione Regionale 2014-2020 La programmazione Regionale 2014-2020 Paolo Baldi Coordinatore dell Area Formazione, Orientamento e Lavoro Regione Toscana PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 Investimenti a favore della crescita, dell occupazione

Dettagli

Integrazione tra scuola, formazione professionale, lavoro. Il nuovo Fondo Sociale Europeo della Regione Piemonte

Integrazione tra scuola, formazione professionale, lavoro. Il nuovo Fondo Sociale Europeo della Regione Piemonte Integrazione tra scuola, formazione professionale, lavoro. Il nuovo Fondo Sociale Europeo della Regione Piemonte Generalità del Fondo Sociale Europeo Il Fondo Sociale Europeo è lo strumento finanziario

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari

1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari CAPITOLO I QUADRO GENERALE 1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari 1.1. Aspetti generali L'attuazione delle strategie di lifelong learning tende ad assumere in Italia

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA Attuazione finanziaria, situazione al 31 dicembre 2013 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PO FSE E

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P.

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. E. N. D. O. F.A. P. ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. L ENDO-FAP (Ente Nazionale Don Orione Formazione Aggiornamento Professionale)

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Allegato A DESCRIZIONE DELLE AZIONI AMMISSIBILI

Allegato A DESCRIZIONE DELLE AZIONI AMMISSIBILI Allegato A DESCRIZIONE DELLE AZIONI AMMISSIBILI Gli Assi, le Misure, le Linee di Intervento, le Azioni e i Destinatari fanno esplicito riferimento al Complemento di Programmazione del Programma Operativo

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Enti locali; Fondazioni; ONG; ONLUS; Cooperative;

Dettagli

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA. Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA. Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020 POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020 Giovedi, 11 Giugno 2015 Ore 10.30 Piazza Gardone Riviera Pescara - Europaurum Il POR

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Regione Lazio Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo studio Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Roma, Giugno 2014 1. Programmazione

Dettagli

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi III Agorà Regionale FQTS Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi Anna Chiara Giorio - Ricercatrice Isfol - Welfare e Politiche Attive del Lavoro venerdì 6 dicembre 2013 Palermo

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Regione Lazio Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo studio Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Roma, Giugno 2014 1. Programmazione

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

POR FSE 2007-2013. L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013

POR FSE 2007-2013. L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013 POR FSE 2007-2013 L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013 Cagliari, 14 Novembre 2013 Lo sviluppo del capitale umano nel PO Con gli interventi finanziati dal POR assi IV e V - la Regione

Dettagli

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Insieme di interventi di carattere pubblico finalizzati alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. COSA SONO Politiche

Dettagli

Progetto PON Governance Regionale e Sviluppo dei servizi per il lavoro

Progetto PON Governance Regionale e Sviluppo dei servizi per il lavoro Progetto PON Governance Regionale e Sviluppo dei servizi per il lavoro L Autorizzazione e l Accreditamento ai Servizi al Lavoro Modelli attuali e prossimi per l ampliamento dei soggetti sul Mercato del

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Evoluzione nelle professionalità e nei sistemi di erogazione dei servizi Carlos Corvino Servizio Osservatorio Mercato del lavoro del FVG, Monitoraggio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

SETTIMO AGGIORNAMENTO MENSILE

SETTIMO AGGIORNAMENTO MENSILE ANALISI TRAMITE BANCA DATI DEI BANDI E DEGLI AVVISI PUBBLICI EMESSI DALLE AMMINISTRAZIONI TITOLARI DI P.O. FSE E DI ALTRI FONDI DELLA POLITICA REGIONALE NEL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 SETTIMO

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale o Tutelare quantità e qualità delle prestazioni sociali di fronte alle trasformazioni del contesto politico e finanziario, e della struttura

Dettagli

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Servizio Politiche del Lavoro e Formazione Professionale Venerdì 4 Luglio 2008

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 Approvato con Deliberazione n. 2282 del 29 dicembre 2007 pubblicata nel Bollettino Ufficiale n. 19 del 1 Febbraio

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA

FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Costruiamo opportunità FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Da oltre cinquant anni aiutiamo a cogliere le occasioni migliori LA FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Siamo presenti in Lombardia dal 1951 come struttura coordinata

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE La repartition des responsabilities en maitere de formation: les acteurs, les strategies, l organisation, le financement LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Seminaire AGEFOS PME sur la Gestion Prévisionelle des

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Il Piano straordinario per il Lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani è parte integrante di una strategia di ampio respiro di rilancio e

Dettagli

IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003)

IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003) IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003) 1. Le politiche regionali di istruzione e formazione permanente

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232 Iscritto all elenco regionale dei soggetti accreditati ai sensi dell art. 25 della Legge Regionale n. 3 del 13 marzo 2009 Disposizioni in materia di occupazione e mercato del lavoro Codice accreditamento:

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO

Dettagli

Tavolo tematico del welfare (risorse umane e competenze, mercato del lavoro, inclusione sociale)

Tavolo tematico del welfare (risorse umane e competenze, mercato del lavoro, inclusione sociale) Tavolo tematico del welfare (risorse umane e competenze, mercato del lavoro, inclusione sociale) Gruppo di lavoro migliorare e valorizzare le risorse umane Alberi dei problemi, definizione degli obiettivi

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020. Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE)

Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020. Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE) Fondo sociale europeo Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020 Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE) Adottato dalla Commissione Europea con Decisione C(2014) 10098 del 17 dicembre 2014

Dettagli

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Napoli 22 maggio 2014 1 LA GARANZIA GIOVANI NEL CONTESTO ITALIANO 45

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 11 GIUGNO 2015 Presentazione del RAE al 31 dicembre 2014 ASPETTI PRINCIPALI DEL RAE

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli