Spazio aereo. Versione aggiornata Schweizerischer Hängegleiter Verband Fédération suisse de vol libre Federazione Svizzera di Volo Libero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spazio aereo. Versione aggiornata 2015. Schweizerischer Hängegleiter Verband Fédération suisse de vol libre Federazione Svizzera di Volo Libero"

Transcript

1 Andy Busslinger Spazio aereo Versione aggiornata 2015 SHV FSVL FSVL Schweizerischer Hängegleiter Verband Fédération suisse de vol libre Federazione Svizzera di Volo Libero

2 SPAZIO AEREO «LIBERTA SENZA FRONTIERE?» Ogni pilota dovrebbe rendersi conto al più tardi mentre effettua il quinto punto di controllo, che lo spazio aereo è soggetto a restrizioni. Al decollo, un parapendio che passa veleggiando o un pilota di delta che decolla leggermente scaglionato, possono restringere la mia presunta libertà. Dal momento che ci si stacca dal suolo e si vola nell aria, per tutti i piloti valgono le norme e procedure internazionali OACI 1. Inoltre in Svizzera valgono l Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) e quella sulle categorie speciali di aeromobili (OACS), nelle quali sono definite, tra l altro, le disposizioni relative a deltaplani e parapendio. La maggior parte dei piloti sa certamente che è vietato volare a meno di 5 km dalle piste di un aeroporto militare o civile, rispettivamente 2,5 km se si tratta di un eliporto 2. I piloti che hanno da poco ottenuto il brevetto, che hanno dovuto rispondere a domande precise sullo spazio aereo durante l esame pratico, conoscono bene anche la struttura dello spazio aereo come pure la classificazione e le condizioni d utilizzo dei vari spazi aerei. I piloti che invece hanno il brevetto da più tempo, spesso hanno qualche lacuna in proposito. Con quest opuscolo si vogliono trasmettere o rinfrescare le nozioni elementari relative allo spazio aereo e alle sue condizioni d utilizzo in Svizzera. Le informazioni e procedure si limitano essenzialmente alle possibilità del volo libero sulla base della carta di volo a vela (GLDC) 1: Svizzera, che viene ristampata tutti gli anni nel mese di marzo. SUDDIVISIONE DELLO SPAZIO AEREO La Svizzera è composta di un unica FIR 3 divisa in due zone di competenze territoriali, Zurigo e Ginevra. Sulla GLDC, la linea che le separa va da Chasseral a Fiesch passando dall Oberland bernese con la scritta CTA Zurigo / CTA Ginevra. Questa linea è importante solo per i piloti che desiderano, via radio, ottenere un autorizzazione o delle informazioni dai servizi del traffico aereo DELTA o FIC. All interno di questa FIR, lo spazio aereo è diviso in quattro classi OACI: C, D, E e G. Ognuna di queste classi ha delle condizioni di utilizzazione specifiche valide per tutti gli utenti. Da una parte si tratta di disposizioni che regolano l autorizzazione d entrata in questo spazio ed i criteri di separazione tra gli utenti, dall altra di regole relative alla visibilità in volo e alla distanza da rispettare in rapporto alle nuvole. Parte dello spazio aereo della FIR è inoltre strutturato in zone di controllo (CTR), regioni terminali di controllo (TMA) ed aerovie (AWY). A dipendenza del loro volume di traffico, questi spazi aerei fanno parte di una delle classi summenzionate. Le TMA Zurigo e Ginevra, per esempio, fanno parte della classe C, la maggior parte delle altre TMA e CTR civili e militari della classe D. Bisogna anche distinguere gli spazi aerei controllati da quelli non controllati. Gli spazi aerei delle classi C, D e E sono controllati, lo spazio aereo della classe G non è controllato, questo significa che in questo spazio non ci sono voli IFR 4. Lo spazio aereo non controllato G copre come un tappeto tutta la Svizzera dal suolo a 600m/ suolo ad eccezione delle CTR che scendono fino al suolo e delle TMA dove il limite inferiore è 1 OACI = Organizzazione dell aviazione civile internazionale 2 L OACS non definisce fino a quale altezza bisogna rispettare questa distanza. Esiste solo l informazione scritta dell Ufficio federale dell aviazione civile (UFAC) che in pratica si considera un altitudine di 600 m/suolo. Al di sopra è dunque possibile sorvolare un aeroporto non controllato (vedi più in basso). 2 FSVL - spazio aereo

3 UIR FIR Svizzera MIL OFF 4550 m C MIL ON C Ill. 1 E E 3950 m E E 3050m E 600m AGL G linea di separazione Giura/altipiano Alpi Alpi basso. Per entrare nello spazio aereo controllato E non è necessaria un autorizzazione. I liberisti possono quindi utilizzare questi due spazi G e E, a condizione di tener conto delle eventuali restrizioni locali, della visibilità minima e la distanza in rapporto alle nuvole. La situazione è diversa per gli spazi C e D. Nella guida VFR (Visual Flight Rules) 5, è scritto in modo inequivocabile (RAC 6-1, 5.1): «Negli spazi aerei delle classi C e D, i voli di alianti senza contatto radio con gli organi interessati dei servizi della circolazione aerea sono proibiti.» Le disposizioni relative agli alianti si applicano per analogia anche ai liberisti (OACS art. 8, 6). Come si fa a sapere dove si trovano i diversi spazi aerei e conoscerne la classificazione? Bisogna consultare una carta d aviazione, di preferenza la carta del volo a vela. Studiando le numerose linee in colori diversi e le annotazioni che contengono, si trovano praticamente tutte le limitazioni imposte ai liberisti ma anche le eccezioni. L ill. 1 offre una panoramica generale della struttura dello spazio aereo sulla Svizzera. La linea di demarcazione tra Giura/altopiano svizzero e le Alpi è inserita e visibile chiaramente sulla carta del volo a vela. Identificare chiaramente i diversi spazi aerei sulla carta di volo richiede un certo sforzo ed esercizio: - Le CTR sono rappresentate da una linea tratteggiata e da un fondo trasparente blu. Partono dal suolo (GND) fino a una certa altitudine indicata nella casellina associata (tag). - Le TMA e le AWY sono indicate da una linea continua, hanno un limite inferiore e un limite superiore. - Le linee blu scuro indicano gli spazi aerei permanenti mentre quelle blu chiaro gli spazi aerei temporanei. - Le altitudini al di sopra del livello del mare sono indicate in corsivo (AMSL 6 ), le altitudini sopra il suolo (AGL 7 ) sono scritte normalmente. Le altitudini al di sopra del livello del mare per un atmosfera standard di hpa determinano il cosiddetto livello di volo (FL) e sono marcate in blu. - Per le TMA e AWY, i limiti inferiori indicati sulla carta sono validi a nord della linea di demarcazione Giura/altopiano svizzero. A sud di questa linea sono validi i limiti inferiori indicati sulla carta o 300 m AGL, è determinante l altitudine più alta. C è quindi la possibilità, seguendo il terreno, di volare sotto a questi spazi aerei. 3 FIR = Flight Information Region (regione d informazione di volo) 4 IFR = Instrument Flight Rules (regole del volo strumentale) 5 La guida VFR fa parte integrante del manuale VFR (AIP Svizzera) 6 AMSL = Above Mean Sea Level (altitudine sopra il livello medio del mare). 7 AGL = Above Ground Level (altitudine sopra il suolo) FSVL - spazio aereo 3

4 Martin Scheel DIVERSI ORARI D ATTIVAZIONE DELLE CTR E TMA Le TMA e CTR degli aeroporti nazionali di Zurigo, Ginevra e Basilea sono sempre attive, perciò 24 ore su 24. (H24) La maggior parte delle CTR e TMA però è contrassegnata dall abbreviazione «HX» che significa che non ci sono degli orari definiti ma che questi spazi possono venir attivati a breve termine. Per noi questo vuol dire che si deve partire dal principio che sono attive. Ci sono però delle possibilità, per radio e a volte registrazione telefonica, di sapere se sono attive e per quanto tempo. Se non lo sono, valgono le condizioni di utilizzo delle classi G e E dello spazio aereo circostante. Esempi: le CTR e TMA militari degli aeroporti di Dübendorf, Emmen, Meiringen e Payerne, le CTR e TMA civili di Berna, Grenchen, Les Éplatures, San Gallo e Lugano, le CTR (senza TMA) di Alpnach, Buochs, Sion e Locarno, come pure i settori d avvicinamento sud dell aeroporto di Basilea T1 - T3, sopra il Giura (per i quali ci si può informare via annuncio su nastro sulla frequenza radio MHz o per tel. al ). Bisogna ricordarsi che tutti gli spazi aerei HX possono venir attivati in 30min (!) ed è quindi necessario restare sempre all ascolto o chiamare regolarmente! Gli orari d attivazione supplementari e l attivazione delle TMA di Sion, Alpnach, Buochs e Locarno si fanno via NOTAM 8 o DABS 9. Bisogna anche tener conto del fatto che gli aeroporti militari che sono utilizzati anche da utenti civili (vedi leggenda sulla carta di volo a vela, p. es. Buochs) sono accessibili agli stessi al di fuori degli orari d attivazione delle CTR, si applica allora la regola dei 5 km secondo l OACS. Nell angolo inferiore destro della carta di volo a vela si trova una tabella che indica gli orari d attivazione delle CTR e TMA militari. 8 NOTAM = Informazioni destinate agli utenti dello spazio aereo comprese quelle che concernono le TMA e CTR militari attivate. Questo bollettino può essere consultato in ogni aeroporto o lo si può ricevere per fax o tramite un servizio Internet a pagamento (vedi sito Internet della FSVL). 9 Il DABS (bollettino giornaliero sullo spazio aereo) contiene tutte le restrizioni dello spazio aereo del NOTAM e le attività di tiro militari sotto forma di grafico. Si possono consultare gratuitamente su rubrica «servizi». 4 FSVL - spazio aereo

5 MIL CTR/TMA Hours of Service HX NOTAM Ill. 2 Orari operativi delle CTR e TMA militari Alpnach Buochs Dübendorf Emmen Locarno Meiringen Payenne Sion CTR TMA CTR TMA 1 additional OPR HR Sulla carta del volo a vela, le CTR e TMA temporanee sono indicate in blu chiaro e con bordi fini. Quando sono attive sono indicate nel DABS. La CTR2 e i settori TMA 14 e 15 di Zurigo sono dei casi particolari. Sono utilizzate ogni giorno a certi orari per gli avvicinamenti da sud per Zurigo-Kloten. I loro orari d attivazione dipendono dal regolamento tedesco corrispondente (vedi guida VFR) e normalmente non sono indicati nel DABS. Per delle ragioni legate alla meteo possono però anche essere attivate al di fuori di questi orari via NOTAM e DABS. ORARI DEL SERVIZIO DI VOLO MILITARE Come si può vedere nell ill. 1, sopra le Alpi, diciamo dove avvengono la maggior parte dei voli ad alta quota o di distanza in delta e parapendio, c è una grande differenza a dipendenza se vi sono in corso o previsti dei voli militari. Gli orari del servizio di volo militare sono: dal lunedì al venerdì, dalle 07h30 alle 12h05 e dalle 13h15 alle 17h05 ora locale (nostra ora d estate o d inverno). Durante queste ore si parla di MIL- ON, fuori da questi orari di MIL-OFF. Inoltre, da ottobre a marzo, possono avvenire voli notturni. Questi vengono pubblicati da NOTAM 8. Sono orari importanti soprattutto per determinare il limite superiore dello spazio aereo E nell arco alpino (3950m o 4550 m AMSL). All attività degli aeroporti militari si applicano altre regole, anche per le loro TMA e CTR, come indicato nel paragrafo precedente. FSVL - spazio aereo 5

6 Ill. 3 LS-R for gliders 8 km 3050 m 300 m 1500 m 100 m 50 m 5 km 300 m 50 m VISIBILITA E DISTANZE IN RAPPORTO ALLE NUVOLE Dato che i liberisti volano esclusivamente secondo le regole di volo a vista (VFR), devono rispettare i minimi di visibilità e di distanza in rapporto alle nuvole che variano a seconda dell altitudine e della classe di spazio aereo nella quale volano. Il caso più semplice è lo spazio aereo G fino a 600 m/suolo: il pilota deve avere una visibilità orizzontale di almeno 1,5 km, volare al di fuori delle nuvole e vedere fino al suolo. Gli spazi aerei delle classi C, D e E sono degli spazi controllati dove possono avvenire voli IFR. Anche nel volo IFR, un pilota deve osservare lo spazio aereo per evitare altri velivoli quando si trova in VMC (condizione meteo che permette il volo a vista secondo i valori minimi prescritti). Perciò i minimi di visibilità e di distanza in rapporto alle nuvole in queste classi sono più elevati: visibilità di 5 km sotto i 3050m AMSL, 8 km al di sopra (a causa della velocità di volo più elevata a quest altitudine), distanza minima in rapporto alle nuvole di 1500m orizzontalmente e 300m verticalmente, qualunque sia l altitudine. Esiste un eccezione: per gli alianti, di conseguenza anche per i liberisti, zone particolari dove i minimi in rapporto alle nuvole sono ridotti. LS-R FOR GLIDERS Nelle LS-R for gliders (ex «zone di volo a vela»), i minimi di distanza in rapporto alle nuvole sono ridotti a 100 m orizzontalmente e 50 m verticalmente. La visibilità in volo resta di 5 km, rispettivamente 8 km a dipendenza dell altitudine. Le LS-R for gliders rappresentano un agevolazione per i liberisti da una parte, ma anche una restrizione per il traffico IFR, che di fatto vi è vietato. In generale, sono attive dall inizio di marzo (data d entrata in vigore della nuova carta di volo a vela) al 31 ottobre, dall alba al tramonto. La loro estensione geografica si trova sulla copertina della carta di volo a vela (ill. 4) e sulla carta stessa (linea continua verde chiaro). Vi si trova anche l altitudine massima fin dove si beneficia dei minimi ridotti di distanza in rapporto alle nuvole. Dove figurano le lettere GND (suolo), ci si deve attendere di incontrare traffico IFR nello spazio aereo E, in questo caso bisogna rispettare i minimi normali (quelli più elevati) di distanza in rapporto alle nuvole. Per gli LS-R for gliders, si distinguono le zone attive permanenti (limite superiore indicato senza aggiunta), quelle che sono attive solo nel periodo MIL-OFF (limite superiore con indicato «MO») e quelle che sono attive solo ad orari specifici o su richiesta (indicato con «AM»). 6 FSVL - spazio aereo

7 Ill. 4 Rappresentazione delle LS-R for Gliders da marzo a ottobre sulla copertina della carta di volo a vela. Le zone con l indicazione «AM» possono venir attivate in periodi MIL-ON facendo richiesta all Airspace Management Cell (AMC), ci si può informare tramite registrazione (vedi la carta di volo a vela). Sono sempre attive nel periodo MIL- OFF. Oltre alla distanza ridotta in rapporto alle nuvole, la maggior parte di queste zone permette anche di volare al di sopra dei 3950 m nei periodi MIL-ON. Ma attenzione: prima di tutto bisogna avere l autorizzazione dell AMC, secondariamente tener conto dell estensione orizzontale di questa zona e terzo sapere che lo spazio aereo C comincia inevitabilmente a 4550 m. Ill. 5 Esempi di una LS-R nella valle di Conches (LS-R32/A) e di una zona regolamentata (LS-R9). FSVL - spazio aereo 7

8 Riprodotto con autorizzazione di swisstopo (BA110082) Ill. 6 TRA for gliders TRA FOR GLIDERS Le TRA for gliders (ex «settori aperti al volo a vela») sono degli spazi ben definiti all interno degli spazi aerei delle classi C e D e riservati agli alianti ma che possono essere usati anche dai liberisti. Sono indicate come TRA (zone riservate temporaneamente, LS-T). All interno di spazi attivati valgono le regole dello spazio aereo E, sono rappresentate da una linea continua verde scuro. Nella TMA di Zurigo, i settori Albis e Bachtel Est sono molto interessanti per il volo a vela ed i liberisti. Dev essere fatta una richiesta d attivazione da alcuni operatori designati responsabili d aerodromo presso la torre di controllo di Zurigo. Per questi due settori viene generalmente concessa un autorizzazione per un periodo di 3 ore e può eventualmente venir prolungata. Gli orari d attivazione dei settori sono disponibili sulla frequenza MHz. In un settore attivato bisogna però utilizzare una radio per tenersi informati in caso di un eventuale obbligo ad evacuare d urgenza lo spazio. RESTRIZIONI RELATIVE ALLO SPAZIO AEREO In uno spazio aereo ci possono essere anche delle altre attività che non hanno nulla a che vedere con l aviazione ma che sono comunque all origine di restrizioni imposte ai liberisti, vedi esercitazioni di tiro militari al suolo o il WEF di Davos, durante il quale nelle zone di Prettigovia/ Davos è proibito volare. Sulla carta del volo a vela si possono notare delle zone inquadrate in rosso dichiarate pericolose ed attivate in certi periodi (quindi non sempre) a causa di eventi che sono rischiosi per gli aeromobili (p.es. esercizi di tiro). In Svizzera, queste zone pericolose hanno la seguente annotazione sulle carte di volo: LS-D (+ cifra) 10. Secondo la definizione dell OACI, queste zone pericolose possono essere attraversate con la prudenza necessaria. È comunque sconsigliato entrare in queste zone senza essere esattamente informati delle attività che vi si svolgono e dei rischi inerenti. Quando sono attivate, è proibito volare nelle zone regolamentate marcate in rosso che sono indicate con LS-R (+cifra). Bisogna quindi distinguere tra le LS-R rosse, dove è proibito volare, e le LS-R verdi, che per noi sono un agevolazione (vedi p. 6). 10 LS = Abbreviazione OACI per la Svizzera. Per esempio una zona pericolosa in Germania è segnalata con ED-D, una zona regolamentata in Francia è segnalata con LF-R.

9 Ill 7 Esempio di DABS durante il WEF a Davos. Oltre alle LS-R che sono indicate sulle carte di volo a vela, ci possono essere altre LS-R per una giornata o un attività unica (p.es. show aereo o grande evento); queste non sono indicate sulla carta del volo a vela ma unicamente nel DABS. Altre attività pericolose per il traffico aereo, come degli esercizi di tiro militari che possono raggiungere altezze considerevoli, sono sempre segnalate già al mattino del giorno precedente una giornata di volo nel DABS, al più tardi alle ore Tutte le LS-R e LS-D che non sono menzionate nel DABS del giorno non sono quindi attive ed insignificanti per i nostri voli tutto il giorno. 11 Nel corso della giornata, possono portare a una LS-R anche eventi a breve termine o imprevedibili come grandi incidenti o catastrofi. In generale, prima di un volo, ogni pilota dovrebbe consultare l ultima versione del DABS. FSVL - spazio aereo 9 Martin Scheel

10 1350m GND CTR Emmen 2 CTR Emmen 1 4 CTR Buochs-Alpnach TMA Emmen CTR Buochs Layout: azoom.ch, Chur - Traduzione: Anita Comisetti Kägiswil 3 CTR Alpnach Ill. 8 Convenzioni locali complicate nella regione di Emmen, Buochs e Alpnach. ACCORDI LOCALI Ci sono diversi posti in Svizzera, dove i club o scuole di volo e gli enti del traffico aereo o i gestori di aeroporti hanno concluso degli accordi particolari riguardo all utilizzazione di spazi aerei che, da prescrizioni in vigore, per principio sarebbero proibiti ai liberisti. Generalmente i piloti locali conoscono le disposizioni relative a questi accordi, i quali sono però più difficilmente accessibili ai piloti di passaggio. Spesso si trovano queste convenzioni nelle stazioni di risalita o ai decolli, a volte sono pubblicate nello Swiss Glider o sul sito Internet della FSVL. Dopo questa lettura ci si può chiedere che fine ha fatto la libertà senza frontiere dei liberisti. La risposta non è uguale per tutti: nei Grigioni un pilota si deve solo attenere a qualche restrizione dello spazio aereo. Per contro, un volo dal Stanserhorn al Pilatus è sottoposto a numerosi obblighi ed è anche obbligatorio l uso di una radio d aviazione. Di conseguenza, se lascio la mia zona di volo abituale, oltre che informarmi sulla meteo devo controllare la carta del volo a vela per informarmi sui limiti di questo nuovo spazio sconosciuto. Lo spazio aereo subisce cambiamenti di continuo, che siano il frutto politico di esigenze dell aviazione civile o dei cambiamenti 10 FSVL - spazio aereo

11 Andy Busslinger nell attività aerea militare. Perciò è importante esaminare attentamente la carta del volo a vela pubblicata tutti gli anni a primavera. Anche Swiss Glider e il sito Internet della FSVL pubblicano questi cambiamenti, in particolare se avvengono tra due edizioni della carta di volo a vela. Comunque al giorno d oggi ogni liberista deve esaminare quotidianamente il DABS. Questa pubblicazione è un contributo alla sensibilizzazione dei liberisti sulla struttura dello spazio aereo. Ogni pilota è responsabile dei suoi atti, mentre in caso di infrazioni non è soltanto il pilota incriminato a subire delle sanzioni, ma a volte anche tutti gli altri, pur attenendosi alle direttive in vigore. Versione originale 2008/2009, autore: Ueli Haller, controllore del traffico aereo pensionato ed istruttore di volo libero FSVL. Versione aggiornata , autore: Chrigel Markoff, responsabile spazi aerei FSVL, istruttore di parapendio ed esperto FSVL. Versione gennaio 2015 Sono benvenute correzioni e commenti per la prossima edizione: SHV FSVL FSVL Schweizerischer Hängegleiter Verband Fédération suisse de vol libre Federazione Svizzera di Volo Libero Seefeldstrasse 224 CH-8008 Zürich Fax:

12 SHV FSVL FSVL Schweizerischer Hängegleiter Verband Fédération suisse de vol libre Federazione Svizzera di Volo Libero 12 FSVL - spazio aereo Martin Scheel

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

Odinanza del DATEC sulle categorie speciali di aeromobili

Odinanza del DATEC sulle categorie speciali di aeromobili Odinanza del DATEC sulle categorie speciali di aeromobili (OACS) 1 748.941 del 24 novembre 1994 (Stato 1 febbraio 2013) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni

Dettagli

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014 ATC nell area di Milano Voghera 26 Gennaio 2014 AIP Italia Struttura AIP Italia: È composta da 3 parti ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in paragrafi che scendono nei particolari degli argomenti

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE BREVE GUIDA PER PILOTI DI PARAPENDIO E DELTAPLANO redatta con il supporto dell amico, socio e pilota Daniele Baranzini Pagina 1 La presente dispensa si pone come

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE PICCOLA GUIDA PER I PILOTI DI PARAMOTORE Nota: La presente dispensa si pone come semplice ausilio all interpretazione della carte aeronautiche e delle relative

Dettagli

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING 1. Dove si trova il centro di gravità longitudinale dell elicottero? Per la soluzione utilizzare il formulario annesso. R22 Beta I, S/N 2120, massa

Dettagli

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo I-RF-083 Traino Aliante Page 2 di 16 INTENTIONALLY BLANK Page 3 di 16 Sommario 1 Parte generale... 4 1.1 Tipi di traino... 4 1.2 Aeromobili trainatori... 4 1.3 Piloti trainatori... 4 1.4 Condizioni minime

Dettagli

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ) ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS SEZIONE DI PALERMO Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

I servizi del traffico aereo

I servizi del traffico aereo TURIN FLYING INSTITUTE I servizi del traffico aereo Circolazione aerea Carlo Molino A.S 2007/08 1.1 Il servizio del traffico aereo Gli stati membri dell ICAO sono tenuti ad indicare,in accordo con quanto

Dettagli

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA SERVIZIO SPAZIO AEREO C CAPO Sezione Add.to & Stand.ne UFF.LE SV/ATM CAP AAras CSA-TA Angelo STICCO 15 STORMO C/SAR 415 Gr.STO Servizio CSA STRUTTURA C ARO TWR GCA 1 PUNTI di CONTATTO CAPO SERVIZIO C.S.A.

Dettagli

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP LETTERA DI ACCORDO virtuale Tra ACC Brindisi e Pescara APP Lo scopo della seguente lettera di accordo è quello di stabilire le procedure operative che devono essere applicate tra Brindisi e Pescara nella

Dettagli

concernente le norme d esercizio per il traffico aereo commerciale

concernente le norme d esercizio per il traffico aereo commerciale Ordinanza concernente le norme d esercizio per il traffico aereo commerciale (ONE I) Modifica del 20 luglio 2007 Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni

Dettagli

Ordinanza concernente le norme di circolazione per aeromobili

Ordinanza concernente le norme di circolazione per aeromobili Ordinanza concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) Modifica del 25 ottobre 2006 Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni, ordina: I L

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) 1 del 4 maggio 1981 (Stato 1 aprile 2011) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni

Dettagli

REM-I. Regolamenti FSAM Direttive per l impiego di aeromodelli e la Gestione di campi di volo per l aeromodellismo

REM-I. Regolamenti FSAM Direttive per l impiego di aeromodelli e la Gestione di campi di volo per l aeromodellismo SMV FSAM SCHWEIZERISCHER MODELLFLUGVERBAND FEDERATION SUISSE D AEROMODELLISME FEDERAZIONE SVIZZERA DI AEROMODELLISMO REM-I Regolamenti FSAM Direttive per l impiego di aeromodelli e la Gestione di campi

Dettagli

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC Letter Of Agreement Treviso APP - Padova ACC Aprile 2012 Marco Milesi - LIPP-CH Massimo Soffientini - LIPP-ACH Simone Amerini - IT-AOAC INDICE: 1. Generalità 1.1 - Scopo 2. Area di responsabilità e delega

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

0.742.140.345.43. Convenzione

0.742.140.345.43. Convenzione Testo originale 0.742.140.345.43 Convenzione tra il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni e il Ministero dei trasporti e della navigazione della Repubblica

Dettagli

Italy Division. Regole del volo a vista

Italy Division. Regole del volo a vista Italy Division Regole del volo a vista Premessa Le regole del Volo a Vista, o Visual Flight Rules (VFR), sono l'insieme delle regole necessarie e sufficienti per condurre in sicurezza un volo separandosi

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 8 - ELEMENTI DI LEGISLAZIONE AERONAUTICA 1 È consentito pilotare un apparecchio VDS facendo uso, da parte del pilota, di medicinali,

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 GARA AEREA TERRE VERDIANE 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE b1 1. L'Aeroclub 'Gaspare Bolla' di PARMA con sede in Via Adriano Mantelli 19A, 43126 Parma organizza sull

Dettagli

Bollettino del clima dell anno 2014

Bollettino del clima dell anno 2014 anno 2014 MeteoSvizzera Bollettino del clima dell anno 2014 21 gennaio 2015 L anno 2014 è stato costellato di eventi meteorologici estremi. Dopo la nevicata record di inizio anno al sud, nel primo semestre

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

Controllo del traffico Aereo

Controllo del traffico Aereo All epoca del debutto dell aeronautica alla fine del diciannovesimo secolo, non ci si preoccupava di organizzare e controllare il traffico Aereo. L obiettivo era quello semplicemente di crearlo un Traffico

Dettagli

SCOPRITE LA PROFESSIONE DI CONTROLLORE/A DEL TRAFFICO AEREO (SSS)

SCOPRITE LA PROFESSIONE DI CONTROLLORE/A DEL TRAFFICO AEREO (SSS) SCOPRITE LA PROFESSIONE DI CONTROLLORE/A DEL TRAFFICO AEREO (SSS) Indice 1. METTERE IL CIELO IN ASSETTO 5 Controlli 24 ore su 24 6 Separare, scaglionare, stabilire una sequenza 6 Pronti per uno degli spazi

Dettagli

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding,

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 Tipo dell aeromobile e volo Boeing 737-800, volo THY 1874. Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA Il seguente regolamento interno per l attività di allenamento alla acrobazia in aliante fa riferimento al Regolamento Tecnico Attività Acrobatica Aliante edizione

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA Il presente regolamento è stato redatto per dare a tutti la possibilità di uniformarsi alle procedure che permettono il volo acrobatico in sicurezza. Tutti i piloti sono tenuti a seguire, divulgare e meditare

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo L 80/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo (Testo rilevante

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

748.127.5. Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) Capitolo 1: In generale

748.127.5. Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) Capitolo 1: In generale Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) 748.127.5 del 5 febbraio 1988 (Stato 1 agosto 2008) Il Dipartimento federale dei trasporti, delle comunicazioni e delle energie,

Dettagli

REGOLAMENTO MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTO

REGOLAMENTO MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTO REGOLAMENTO MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTO Edizione 2 del 16 luglio 2015 Emendamento 1 del 21 dicembre 2015 MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTO Ed. 2 pag. 2 di 36 STATO DI AGGIORNAMENTO Edizione Data Delibera

Dettagli

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87,

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87, RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87, marche LN-RMG e A330, marche I-LIVN località aeroporto di Milano Malpensa, 22 settembre 2004 AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL

Dettagli

AMIE selfbriefing system manual Traduzione Italiana. selfbriefing AIS MET Information Environment

AMIE selfbriefing system manual Traduzione Italiana. selfbriefing AIS MET Information Environment AMIE selfbriefing system manual Traduzione Italiana selfbriefing AIS MET Information Environment Sommario Pagina Informazioni generali 2 Servizi disponibili 2 Attrezzatura 2 Assistenza 2 Informazioni generali

Dettagli

I Servizi di Assistenza al Volo

I Servizi di Assistenza al Volo GLI SPAZI AEREI I Servizi di Assistenza al Volo Servizi del Traffico Aereo (ATS) Servizi delle Telecomunicazioni Aeronautiche (TLC) Servizio di Informazioni Aeronautiche (AIS) Servizio di Ricerca e Soccorso

Dettagli

www.radiomontagna.org

www.radiomontagna.org Radiosondaggi Introduzione I radiosondaggi costituiscono una grandissima e per certi aspetti, l unica fonte di informazioni per la meteorologia, le informazioni raccolte tramite questa tecnica vengono

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Convegno sulla applicazione del nuovo Regolamento di attuazione della Legge 106 del 25 Marzo 1985, concernente la disciplina del volo da diporto o sportivo Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Relatore:

Dettagli

Comunicazioni aeronautiche

Comunicazioni aeronautiche Comunicazioni aeronautiche Uso della radio Propagazione in linea ottica Uso dello squelch per ascoltare transmissione debole. Parlare nel microfono Premere il pulsante PTT (Push To Talk) poi aspettare

Dettagli

LEZIONE COMPORTAMENTI IN EMERGENZA

LEZIONE COMPORTAMENTI IN EMERGENZA LEZIONE DI COMPORTAMENTI IN EMERGENZA TECNICHE DI SALVATAGGIO Sette fasi di un intervento di soccorso Fase 1 Assumere il controllo della situazione Fase 2 Agire con prudenza Fase 3 Provvedere immediatamente

Dettagli

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 11 maggio 2013 ore 18.00LMT Speaker: C.Ti: Ezio

Dettagli

SPEDIZIONE NAMIBIA. 10-18 gennaio 2015 Obiettivo: 1000 km in aliante sul deserto del Kalahari. lunedì 5 gennaio 15

SPEDIZIONE NAMIBIA. 10-18 gennaio 2015 Obiettivo: 1000 km in aliante sul deserto del Kalahari. lunedì 5 gennaio 15 SPEDIZIONE NAMIBIA 10-18 gennaio 2015 Obiettivo: 1000 km in aliante sul deserto del Kalahari I PILOTI MANUELE MOLINARI Avvocato, padovano, 50 anni. Campione italiano di volo a vela, classe standard. Fondatore

Dettagli

Accordo concernente le aviolinee tra la Svizzera e l Austria

Accordo concernente le aviolinee tra la Svizzera e l Austria Traduzione 1 Accordo concernente le aviolinee tra la Svizzera e l Austria 0.748.127.191.63 Conchiuso a Vienna il 19 dicembre 1949 Approvata dall Assemblea federale il 26 aprile 1951 2 in vigore: 19 dicembre

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

ANS Training Compendio ATC

ANS Training Compendio ATC 1. INTRODUZIONE Storicamente, la necessità di istituire un ente dei Servizi di Traffico aereo al suolo, nacque con l esigenza di: assicurare un servizio sicuro e regolare che informasse i piloti circa

Dettagli

La nostra offerta per la previdenza. Ottimizzare l onere fiscale e godere di condizioni preferenziali

La nostra offerta per la previdenza. Ottimizzare l onere fiscale e godere di condizioni preferenziali La nostra offerta per la previdenza Ottimizzare l onere fiscale e godere di condizioni preferenziali La nostra vita cambia continuamente. Ma il desiderio dell indipendenza finanziaria rimane una costante.

Dettagli

Attraversare la dogana svizzera con un veicolo

Attraversare la dogana svizzera con un veicolo Inverno 2014/2015 www.ezv.admin.ch Info dogana Traffico turistico Attraversare la dogana svizzera con un veicolo Info dogana Importazione di auto da parte di privati residenti in Svizzera Info dogana Importazione

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

QUESTIONARIO SITUAZIONE ENTE

QUESTIONARIO SITUAZIONE ENTE QUESTIONARIO TUAZIONE ENTE MINATIVO ENTE: DATA DI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA: INDIRIZZO ENTE Via nr. C.A.P. Località ( ) Tel. cell. Fax e-mail NR. SOCI VOLO LIBERO AEROMOBILI POSSEDUTI (Velivoli/elicotteri/Alianti/ULM

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

748.127.5. Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) Capitolo 1: In generale

748.127.5. Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) Capitolo 1: In generale Ordinanza del DATEC concernente le imprese di costruzione di aeromobili (OICA) 748.127.5 del 5 febbraio 1988 (Stato 1 febbraio 2013) Il Dipartimento federale dei trasporti, delle comunicazioni e delle

Dettagli

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile (Ordinanza sugli addetti alla sicurezza, OSAS) del 15 giugno 2001 (Stato 1 gennaio

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA NI-2012-016 del 4 dicembre 2012 NOTA INFORMATIVA REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014 Le note informative contengono informazioni attinenti l area della

Dettagli

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP IBN EDITORE prof. Francesco Iaccarino 1 PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP Stabilire l aeroporto di partenza e di arrivo. Individuare le frequenze di comunicazione e di navigazione (DME, ADF, VOR, ILS). Effettuare

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

HOMEBRIEFING briefed take off

HOMEBRIEFING briefed take off HOMEBRIEFING get briefed take off italiano Homebriefing la preparazione pre-volo di nuova generazione. Descrizione del servizio Homebriefing è un servizio per la preparazione dei voli offerto congiuntamente

Dettagli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA Elab. F.Tinarelli 1. INTRODUZIONE Il complesso delle norme istituite allo scopo di garantire la sicurezza e la regolarità dei voli viene definito "Regole dell'aria". Queste

Dettagli

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 Lavoro domestico Quali attività sono considerate lavori domestici? 1 Si intendono, ad esempio, le attività delle seguenti persone: addetta/addetto alle pulizie, bambinaia

Dettagli

Traduzione parziale Circolare FINMA 2013/3, attività di audit

Traduzione parziale Circolare FINMA 2013/3, attività di audit Traduzione parziale Circolare FINMA 2013/3, attività di audit A cura di Martin Gloor e Angelo Colombini PRECISAZIONI a) Le cifre romane da I. a III., come pure la cifra VIIa., della parte generale della

Dettagli

Formazione per l abilitazione al traino di alianti

Formazione per l abilitazione al traino di alianti Documento di formazione per: Cognome: Nome: Federazione Svizzera Volo a Vela (FSVV) Formazione per l abilitazione al traino di alianti Formazione al traino di alianti per piloti con licenze LAPL (A), PPL

Dettagli

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z)

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Exam 245211 Data: Aeromobile: Callsign: Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Cessna 172 SP EXM5211 Aeroporto di partenza: Firenze Peretola (LIRQ) Elevazione: Magvar: 142ft 2 Est Spazio aereo

Dettagli

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA misura della pressione atmosferica: barometri barometro a mercurio (Torricelli( Torricelli) è il più accurato necessita di correzioni per: altitudine

Dettagli

VOLANDO IL TERRITORIO

VOLANDO IL TERRITORIO VOLANDO IL TERRITORIO I droni nella professione del Geometra e del Perito Agrario Acquisiamo le competenze e le abilità per utilizzare i droni. Brevetto da Pilota per l attività professionale PROGRAMMA

Dettagli

ANALISI WEB. www.adriacoast.com

ANALISI WEB. www.adriacoast.com ANALISI WEB www.adriacoast.com Con questa analisi si intendono sottoporre a valutazione le provenienze delle sessioni che sono state registrate sul portale www.adriacoast.com, e più precisamente quali

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti 1 Similmente alla necessità di installare semafori nelle aree di maggior traffico automobilistico,

Dettagli

Sicurezza dei pazienti Svizzera

Sicurezza dei pazienti Svizzera Organizzata dalla Fondazione Sicurezza dei pazienti Svizzera Settimana d azione Sicurezza dei pazienti dialogo con i pazienti Informazioni di base Di che cosa si tratta? 3 Chi e che cosa desideriamo raggiungere?

Dettagli

0.748.127.191.54 Accordo concernente i trasporti aerei regolari tra la Svizzera e la Repubblica Argentina

0.748.127.191.54 Accordo concernente i trasporti aerei regolari tra la Svizzera e la Repubblica Argentina Traduzione 1 0.748.127.191.54 Accordo concernente i trasporti aerei regolari tra la Svizzera e la Repubblica Argentina Conchiuso a Buenos Aires il 25 gennaio 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4

Dettagli

Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST

Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST 11 Mobilità e trasporti 901-1000 Mobilità in Svizzera Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST Ufficio federale dello sviluppo territoriale

Dettagli

Flight Plan & Self Briefing

Flight Plan & Self Briefing Flight Plan & Self Briefing Rieti, 5 Dicembre 2014 Introduzione Nell ambito della riorganizzazione dei Servizi ARO-AIS/MET, l ENAV ha interpretato al meglio il concetto dell ATS Reporting Office (ARO),

Dettagli

Ordinanza del DATEC concernente le norme d esercizio per il traffico aereo commerciale

Ordinanza del DATEC concernente le norme d esercizio per il traffico aereo commerciale Ordinanza del DATEC concernente le norme d esercizio per il traffico aereo commerciale (ONE I) 1 748.127.1 del 23 novembre 1973 (Stato 1 febbraio 2014) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti,

Dettagli

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO 1. Introduzione Quota e livello sono termini generici riferiti alla posizione verticale di un aereo in volo che indicano, a seconda dei casi, un altezza, un altitudine

Dettagli

Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007

Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007 Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007 EMERGENZA DERIVANTE DA RISCHIO AEROPORTUALE SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI NOVARA Progetto per la messa a punto di procedure di intervento e l organizzazione

Dettagli

Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004

Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004 Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004 In questo documento si fornirà un completa descrizione di come funziona l ATC in Flight Simulator 9, di come differisce

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

Infrastruttura aeronautica

Infrastruttura aeronautica Scheda di Piano direttore Mobilità Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito Sfondo bianco: testo informativo Sfondo grigio: testo vincolante Stato della procedura

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Manuale per la guida sicura in Airside

Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety 1/12 Introduzione Il traffico aumenta. Gli aeroporti si espandono. Chi guida in Airside, é tenuto a conoscere come utilizzare il veicolo

Dettagli

Ordinanza su i diritti e i doveri del comandante d aeromobile

Ordinanza su i diritti e i doveri del comandante d aeromobile Ordinanza su i diritti e i doveri del comandante d aeromobile 748.225.1 del 22 gennaio 1960 (Stato 1 aprile 2011) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 63 della legge federale del 21 dicembre

Dettagli

Gli enti aeronautici internazionali

Gli enti aeronautici internazionali N O E S Gli enti aeronautici internazionali Approfondimenti 1 L ICAO L ICAO è un organismo internazionale permanente con sede a Montreal, creato dalla Convenzione di Chicago per promuovere ed assicurare

Dettagli

Che cosa si impara nel capitolo 2

Che cosa si impara nel capitolo 2 Che cosa si impara nel capitolo 2 Si può valutare e confrontare il contenuto, ad esempio di tre diversi settimanali, riducendo gli aspetti qualitativi a valori numerici: quante pagine sono dedicate alla

Dettagli

0.748.127.193.32 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Spagna

0.748.127.193.32 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Spagna Traduzione 1 0.748.127.193.32 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Spagna Conchiuso il 3 agosto 1950 Approvata dall Assemblea federale il 26 aprile 1951 2 Entrata in vigore il 3 agosto

Dettagli

Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa

Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa 232.22 del 25 marzo 1954 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, viste le convenzioni

Dettagli

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia Traduzione 1 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia 0.748.127.194.541 Conchiuso a Roma il 4 giugno 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4 marzo 1957 2 Entrato in vigore il

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

Accordo Provvisorio concernente le aviolinee tra la Svizzera e la Grecia

Accordo Provvisorio concernente le aviolinee tra la Svizzera e la Grecia Traduzione 1 Accordo Provvisorio concernente le aviolinee tra la Svizzera e la Grecia 0.748.127.193.72 Conchiuso il 26 maggio 1948 Approvato dall Assemblea federale il 26 aprile 1951 2 Entrata in vigore

Dettagli

Pronti per il futuro. Tra le proprie quattro mura. Come realizzare il sogno dell abitazione propria: istruzioni per l uso

Pronti per il futuro. Tra le proprie quattro mura. Come realizzare il sogno dell abitazione propria: istruzioni per l uso Pronti per il futuro. Tra le proprie quattro mura. Come realizzare il sogno dell abitazione propria: istruzioni per l uso Pronti per il futuro. Il sogno delle proprie quattro mura risale agli albori dell

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli