Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali"

Transcript

1 Lezione 19 Il reporting Perché i report 1. Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali 2. Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se: 1. gli sono comunicati adeguatamente 2. le persone sono in grado di effettuarla 3. Le persone intendono farlo Distorsioni comportamentali K. A. Merchant e Angelo Riccaboni, Il controllo di gestione, McGraw-Hill, 2001 Attore Indicatore di prestazione Possibile distorsione comportamentale Commerciali Provvigioni in % sui ricavi Ricerca delle vendite più semplici e non più utili all azienda Ricercatori Numero di brevetti Proliferazione di brevetti non necessariamente sfruttabili Promotori finanziari Sviluppatori di software Commissioni sul volume delle transazioni Misura quantitativa dell attività giornaliera Continue movimentazioni del portafoglio clienti anche se non utili per il cliente 1

2 Report informativi Report specifici sui CdR: Report economici Report di controllo Progettati per comunicare ai manager quello che sta accadendo Report sulla prestazione economica dell UO Report sulla prestazione del manager Caratteristiche di un sistema di report Deve avere a riferimento un adeguato periodo abbastanza ampio affinché al suo interno si possano verificare cambiamenti significati di prestazione non troppo ampio da impedire l azione di correzione (la frequenza dipende dal livello gerarchico) L intervallo tra fine del periodo di controllo e l invio del report deve essere correlato alla durata del periodo di controllo (feedback tempestivo) Caratteristiche di un sistema di report 1. Deve avere a riferimento specifiche responsabilità individuali 2. La prestazione consuntiva deve essere posta a confronto con uno standard adeguato per potere individuare le ragioni della differenza 3. Deve porre in luce le informazioni significative 2

3 Struttura report Report di 1 livello Report di 2 livello Report di 3 livello Scelta degli standard Gli standard utilizzati nei report di controllo sono di tre tipi: 1. Standard programmati 2. Standard storici 3. Standard esterni Reporting tradizionale Profitto programmato a budget Profitto rilevato a consuntivo profitto ricavi vendite costi variabili costi fissi margine di contribuzione 3

4 Prospettiva economico-finanziaria Prospettiva dei processi interni Prospettiva della clientela Visione e strategia Apprendimento e crescita Table 2 Economic and financial perspective Economic and financial Value creation Economic Economic and financial Financial EVA ROI ROS Sales Sales/number of sale officers Sales/POS surface Costs Costs of collections Costs of advertising campaigns Costs of POS lease Cross-selling rate (1) Capital turnover Inventory turnover (2) Net assets Inventory Inventory for POS square foot Working capital Debts Cash flow 1 Cross-selling rate Sales from accessories/sales from key items 2 Inventory turnover Net sales/average stock Table 3 Customer perspective Structure of sales Customer profile Customer fidelity Brand appeal Performance of POS Customer Sales and profitability by brand Sales and profitability by collection Sales and profitability by region Sales and profitability by product External market survey Price of sales Average amount of bills Number of pieces in each bills Conversion rate (1) Percentage of fidelity card - clients registered Invitations to fashion shows External market survey Market share Cross-selling rate (2) Seasonal sell-through (3) Quality of sales (4) Discounted items (5) Square foot in an area(6) Conversion rate (1) Incidence of sales (7) Items sold out/key items 1 Conversion rate Number of receipt notes/numbers of clients entered in the POS 2 Cross-selling rate Sales from accessories/sales from key items 4

5 Suppliers ralationship Production Distribution Process perspective Supplier ratings (cost, quality, delivery) Lead time from order to receipt On time delivery orders Percent of orders delivered directly to production processes by suppliers Percent of defects Number of innovations from suppliers Cost per unit of output Number of processes with improvements Defect rates Yield percentage Scrap and waste percentage Cost for inspection and testing Cost of quality Cycle time Inventory turnover Number of outsourcing relationship Benchmarked performance of outsourcing partners Cost of delivery Lead time from order to delivery On-time delivery percentage Number and frequency of customers complaints Learning and growth perspective Key people turnover Number of project realized Time to create a collection Human capital Number of new creations Average revenue for stylist Average age of stylists Information capital Organization capital Percentage of stakeholder involved in production process Number of complaints between divisions Cost of inefficiency Percentage of divisions connected to the information system Percentage of employees working in interdisciplinary project management teams Number of new ideas from external sources Number of patents Number of suggestions for new products and capabilities 5

Lezione 22. Il reporting

Lezione 22. Il reporting Lezione 22 Il reporting Perché i report Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se: 1. gli

Dettagli

9. Strategia delle Operazioni

9. Strategia delle Operazioni 9. Strategia delle Operazioni LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella OBJECTIVES Concetto di strategia delle

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

La componente analitica di un progetto CRM in banca. Aldo Borghi Banking & Finance Manager

La componente analitica di un progetto CRM in banca. Aldo Borghi Banking & Finance Manager La componente analitica di un progetto CRM in banca Aldo Borghi Banking & Finance Manager I Sistemi Transazionali Conti correnti Risorse umane CRM Titoli Anagrafe Estero Contabilità generale Il CRM rappresenta

Dettagli

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione Le problematiche organizzative e manageriali Milano, 30 maggio 2001 Agenda Sessione I INTRODUZIONE 3 Sessione II MANAGEMENT

Dettagli

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION.

Dettagli

The new world of Business Intelligence and Performance Management

The new world of Business Intelligence and Performance Management The new world of Business Intelligence and Performance Management MISURARE, PIANIFICARE, DECIDERE Andrea Maderna Direttore Commerciale BOARD International - Highlights COMPANY SNAPSHOT Software Vendor

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Logistica Integrata. Introduzione

Logistica Integrata. Introduzione Logistica Integrata Introduzione Supply Chain : Introduzione Cos è il Supply Chain Management e la Logistica? Perché Supply Chain Management? Problematiche fondamentali 2 Che cos è la logistica? Perché

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

Sistemi informativi per il track & trace della produzione: dalla generazione degli ordini di produzione alla loro costificazione

Sistemi informativi per il track & trace della produzione: dalla generazione degli ordini di produzione alla loro costificazione MES Manufacturing Execution Systems Definizione Il MES secondo la definizione del MESA International: MES deliver information that enables the optimization of production activities from order launch to

Dettagli

Business Game information. Description of the economic components of the software Game scenario 2013

Business Game information. Description of the economic components of the software Game scenario 2013 Business Game information Description of the economic components of the software Game scenario 2013 Agenda Business Game Thesis upload Quickstart: Business Game Flow Budget ROA Market description Sale

Dettagli

Milano, 3 Luglio 2010. A cura di Massimo Solbiati

Milano, 3 Luglio 2010. A cura di Massimo Solbiati L evoluzione dei sistemi di reporting: come costruire un cruscotto aziendale per monitorare l efficacia delle strategie aziendali Milano, 3 Luglio 2010 A cura di Massimo Solbiati 1 Agenda Che cosa significa

Dettagli

TorreBar S.p.A. Svolgimento

TorreBar S.p.A. Svolgimento TorreBar S.p.A. Svolgimento 2. Partendo dalle informazioni sopra esposte, si costruisca la mappa strategica specificando le relazioni di causa effetto tra le diverse prospettive della BSC. Azioni Crescita

Dettagli

Responsabile Listing, Borsa Italiana S.p.A.

Responsabile Listing, Borsa Italiana S.p.A. Le dimensioni critiche di un progetto di business: problematiche organizzative e manageriali Luca Lombardo Responsabile Listing, Borsa Italiana S.p.A. Il Nuovo Mercato incontra i Partners: Dai nuovi progetti

Dettagli

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione Chi siamo Rete Value è una società di Marketing, Vendite e Rappresentanza, che opera sul Mercato Italiano a supporto di tutte le aziende, imprese, grossi gruppi, banche ed holding commerciali. Nasce dall

Dettagli

Lezione 4. Controllo di gestione. Il controllo direzionale

Lezione 4. Controllo di gestione. Il controllo direzionale Lezione 4 Il controllo direzionale Sistema di pianificazione e controllo PIANIFICAZIONE STRATEGICA PIANO 1 2 OBIETTIVI OBIETTIVI ATTIVITA 3 DI LUNGO PERIODO DI BREVE PERIODO OPERATIVA 5 BUDGET FEED-BACK

Dettagli

LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING

LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING Gaeta 0 settembre 008 LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING Alessandro Creazza Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo LIUC Centro di Ricerca sulla Logistica Agenda Il

Dettagli

Il concetto del CLV e il suo contributo alla Corporate Valuation (Bauer, Hammerschimdt, Braehler)

Il concetto del CLV e il suo contributo alla Corporate Valuation (Bauer, Hammerschimdt, Braehler) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA Il concetto del CLV e il suo contributo alla Corporate Valuation (Bauer, Hammerschimdt, Braehler) Del Buono Elisa Ingrosso Paolo Martini Carlo

Dettagli

L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Management Consulting Leader - IBM Italia. 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen

L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Management Consulting Leader - IBM Italia. 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Consulting Leader - IBM Italia 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen Il contesto di riferimento: le aziende devono far fronte ad un

Dettagli

DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica. Bologna, 19/03/2015

DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica. Bologna, 19/03/2015 DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica Bologna, 19/03/2015 Indice La quarta evoluzione industriale Internet of things sul mondo Manufacturing Le leve per ottimizzare la

Dettagli

2011 - IBM GLOBAL FINANCING

2011 - IBM GLOBAL FINANCING 2011 - IBM GLOBAL FINANCING Claudia Fusi IGF Channel and General Business Sales Manager 14 ottobre 2011 IBM Global Financing - una soluzione finanziaria integrata Accesso ai capitali Un vantaggio competitivo

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

Organizzare ed ottimizzare l attività della forza vendite tramite SAP Retail Execution Mobile App Il caso FERRERO e la visione TECHEDGE

Organizzare ed ottimizzare l attività della forza vendite tramite SAP Retail Execution Mobile App Il caso FERRERO e la visione TECHEDGE Organizzare ed ottimizzare l attività della forza vendite tramite SAP Retail Execution Mobile App Il caso FERRERO e la visione TECHEDGE Alessandro Lavazzi Senior Manager Agenda Il caso Ferrero Polonia

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

Value Propositions. CHARACTERISTICS Newness Performance Customization Getting the Job Done Design Brand/Status Price Cost Reduction

Value Propositions. CHARACTERISTICS Newness Performance Customization Getting the Job Done Design Brand/Status Price Cost Reduction Key Partners Partner chiave Who are our Key Partners? Who are our key suppliers? Which Key Resources are we acquairing from partners? Which Key Activities do partners perform? Chi sono i nostri partner

Dettagli

Balanced Scorecard. Il caso di un impresa farmaceutica BSC DIV. FARMACEUTICA: MAPPA STRATEGICA. BSC globale. BSC settore attività/divisione

Balanced Scorecard. Il caso di un impresa farmaceutica BSC DIV. FARMACEUTICA: MAPPA STRATEGICA. BSC globale. BSC settore attività/divisione Balanced Scorecard Il caso di un impresa farmaceutica BSC globale BSC settore attività/divisione BSC unità business (stabilimento) BSC individuali (quadri e dirigenti) BSC DIV. FARMACEUTICA: MAPPA STRATEGICA

Dettagli

Customer Lifetime Value Conoscere il vero valore di ogni singolo cliente. Milano, 3 Dicembre 2013

Customer Lifetime Value Conoscere il vero valore di ogni singolo cliente. Milano, 3 Dicembre 2013 Customer Lifetime Value Conoscere il vero valore di ogni singolo cliente Milano, 3 Dicembre 2013 Agenda Il processo decisionale di acquisto Come avviene Comuni modelli di ottimizzazione L evoluzione di

Dettagli

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali KaiZen La cornice per partire: i trend attuali FORZE ESTERNE GLOBALIZZAZIONE Quantità vendute La coda lunga Prodotti Competitività per crescere Modello di business Se funziona è vecchio Prodotto Processi

Dettagli

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Paolo Terazzi Consolidated Financial Statement Manager Amplifon Milano, 1 dicembre 2009 Amplifon nel mondo Leader in 14 countries

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

Prefazione, di Paolo Zegna pag. 11. Introduzione, di Emanuele Sacerdote

Prefazione, di Paolo Zegna pag. 11. Introduzione, di Emanuele Sacerdote Prefazione, di Paolo Zegna pag. 11 Introduzione, di Emanuele Sacerdote )) 15 1. Il retail al servizio della mega-marca, di Emanuele Sacerdote 1.1. Introduzione 1.2. I1 ruolo della marca nella progettazione

Dettagli

Investor Group Presentation

Investor Group Presentation Investor Group Presentation Lugano September 19th, 2014 «La prima parte del viaggio - Fact Sheet 2008-2014» (1/2) L acquisizione di DataService a metà 2007 guidata da Tamburi Investment Partner è origine

Dettagli

RICERCA FINALIZZATA & INNOVAZIONE

RICERCA FINALIZZATA & INNOVAZIONE RICERCA FINALIZZATA & INNOVAZIONE IN UN BRAND DI COMPONENTI RICONOSCIUTO NEL MONDO MAX SACCHI RESEARCH MANAGER - VIBRAM LABS VIBRAM million Km of tests million soles per year + + countries served + new

Dettagli

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven *

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Dal Brand Management al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Emilio Zito ** Abstract Le imprese più competitive, operanti nei mercati globali di massa (automotive, high-tech, largo

Dettagli

Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti

Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti Obiettivo Carta fedeltà Carta sconto Abbonamenti Reclami Database integrato Vendite Produzione Magazzino/logistica/ consegne/fatturazioni

Dettagli

Milano, 18 novembre 2010. A cura di Massimo Solbiati

Milano, 18 novembre 2010. A cura di Massimo Solbiati Il ruolo strategico del credit management Milano, 18 novembre 2010 A cura di Massimo Solbiati 1. IL CREDIT MANAGEMENT LEVA STRATEGICA PER IL CONTROLLO FINANZIARIO 2. CREDIT MANAGER: IL RUOLO DELL EQUILIBRISTA?

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Roma, aprile 2012. Riconfigurazione dei processi di. Clientela OLO

GRUPPO TELECOM ITALIA. Roma, aprile 2012. Riconfigurazione dei processi di. Clientela OLO GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, aprile 2012 Riconfigurazione dei processi di Delivery ed Assistenza Tecnica Clientela OLO Logiche dell intervento organizzativo Al fine di completare il processo di miglioramento

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

Presentazione Aziendale Sintra 2014. Sintra Consulting. Gianni Bianchi

Presentazione Aziendale Sintra 2014. Sintra Consulting. Gianni Bianchi Sintra Consulting Gianni Bianchi AGENDA SINTRA CONSULTING Internet Services: 1) COMPANY DRIVERS OF GROWTH 2) SINTRA CASE STUDY History Turnover Products 3) ECOMMERCE MAGENTO: new product/service for dynamic

Dettagli

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Come tradurre la strategia in azione a cura di Alessandro Saviotti - saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Costi Cash Flow EVA Return on investmen

Dettagli

Leonardo Bellini Presenta Se Stesso ai soci Milanin.. Pacino Cafè Milano, 22 Maggio 2006

Leonardo Bellini Presenta Se Stesso ai soci Milanin.. Pacino Cafè Milano, 22 Maggio 2006 Leonardo Bellini Presenta Se Stesso ai soci Milanin.. Pacino Cafè Milano, 22 Maggio 2006 1 .. la mia collezione incompleta di Business card Leonardo Bellini Riproduzione riservata 2 Le altre cose che ho

Dettagli

Lean Manufacturing Napoli 17.05.2007 G.Baratto

Lean Manufacturing Napoli 17.05.2007 G.Baratto Lean Manufacturing Napoli 17.05.2007 G.Baratto FATTORI DI COMPETITIVITA Supply Chain Evolution TRADITIONAL SUPPLY CHAIN End users Prime Company X End Products Development and Design Component Design Quality

Dettagli

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM 1 Organizzazione Commerciale Una organizzazione commerciale è responsabile per negoziare le condizioni di vendita e distribuzione di beni e servizi. Rappresenta

Dettagli

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza Ridisegno Supply-chain Esempio di un progetto di Consulenza Obiettivo dell intervento 1. Mappare l attuale sistema logistico-produttivo dei tappi mettendo in evidenza le criticità ed i potenziali miglioramenti;

Dettagli

Fashion Control System

Fashion Control System Fashion Control System Daywork Fashion Control System è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione delle aziende del

Dettagli

Tutto il materiale inspirato a Steve Blank

Tutto il materiale inspirato a Steve Blank PERCHè SIAMO QUI PAOLA PISANO pisano@di.unito.it UN RINGRAZIAMENTO AGLI STUDENTI DEL SECONDO ANNO DI INFORMATICA PER LA REVISIONE DELLE SLIDE Tutto il materiale inspirato a Steve Blank PERCHE SIAMO QUI?

Dettagli

Daywork è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione

Daywork è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione Daywork Daywork è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione FPI Variance SPI Budget Manager Cost Il software si compone

Dettagli

FORMULAZIONE, ANALISI E VERIFICA DELLA FATTIBILITÀ DEI PIANI DI RISANAMENTO E ATTUABILITÀ (*) DELL ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO

FORMULAZIONE, ANALISI E VERIFICA DELLA FATTIBILITÀ DEI PIANI DI RISANAMENTO E ATTUABILITÀ (*) DELL ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO FORMULAZIONE, ANALISI E VERIFICA DELLA FATTIBILITÀ DEI PIANI DI RISANAMENTO E ATTUABILITÀ (*) DELL ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO FOCUS: RIPRISTINO DELLE CONDIZIONI DI CONTINUITÀ AZIENDALE Solidità

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Un sistema integrato per il governo aziendale

Un sistema integrato per il governo aziendale Un sistema integrato per il governo aziendale Le nuove frontiere dei sistemi di misurazione delle performance a cura di Alessandro Saviotti saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Il ruolo «storico»

Dettagli

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione INNOVAZIONE ED EFFICIENZA DEI PROCESSI DI BUSINESS DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA MANIFATTURIERA Efrem Frigeni ERP Division Manager Brain System Srl

Dettagli

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN CHI SIAMO ATTIVITA & INTERESSI Consulente Strategia e Organizzazione Interessato a sviluppare attività con focus sulla Sostenibilità in forma

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Web Metrics - Silvia Vianello

Web Metrics - Silvia Vianello Web Metrics - Silvia Vianello Internet è lo strumento con maggiori potenzialità di misurazione nella storia del marketing. Control Process for e-marketing Planning Web Analytics 1.0 Modelli di dati basati

Dettagli

Business Innovation Services. Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary

Business Innovation Services. Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary Missione Passione per l innovazione di mercato coinvolgimento, imprenditorialità, ricerca della genesi dei problemi e approfondimento

Dettagli

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo Indice Presentazione, di Gilberto Gabrielli Introduzione Significato dei simboli e degli acronimi XI XII XXI Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Dettagli

JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling. JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni Food Processing

JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling. JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni Food Processing JBT Corporation è un gruppo americano, organizzato in due business unit: JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni

Dettagli

Il Management System e la Balanced Scorecard

Il Management System e la Balanced Scorecard Il Management System e la Balanced Scorecard Agenda A. La perdita di rilevanza del budget tradizionale B. Proposte evolutive C. Nuovi framework e nuovi strumenti La Balanced Scorecard 2 1 A. La perdita

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Introduzione al Corso

Introduzione al Corso Introduzione al Corso Corso di Gestione delle Operations (modulo del Corso Integrato di Gestione delle Operations e Sistemi Integrati di Produzione) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

Dettagli

Forza vendita in Mobilita. Funzionalità Tipiche di un sistema CRM su diversi Dispositivi

Forza vendita in Mobilita. Funzionalità Tipiche di un sistema CRM su diversi Dispositivi Forza vendita in Mobilita Funzionalità Tipiche di un sistema CRM su diversi Dispositivi Pivotal Italia Facciamo parte del gruppo CDM operiamo in Italia su Pivotal dal 1999 e abbiamo circa 100 clienti attivi.

Dettagli

Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it

Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it Kart Factory uno strumento a supporto delle trasformazioni Lean Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it Kart Factory - Background Originariamente, il Lean Management Practical Training Programme è stato

Dettagli

SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management

SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management SDG SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management People Process Performance Svelare il vero valore dei «dark data» 10% Use Analytics Today Missing new insights Not utilizing all the information

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Scaletta della lezione: 1. L approccio di Anthony al controllo di gestione 2. Natura e fini delle informazioni - informazioni per l esterno - informazioni per l interno

Dettagli

Testi del Syllabus. L insegnamento è composto dai seguenti moduli: ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 7 CFU I FONDAMENTALI DI CONTROLLO DI GESTIONE 7 CFU

Testi del Syllabus. L insegnamento è composto dai seguenti moduli: ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 7 CFU I FONDAMENTALI DI CONTROLLO DI GESTIONE 7 CFU Testi del Syllabus Resp. Did. MODINA SILVIO Matricola: 001947 Anno offerta: 2016/2017 Insegnamento: E1802M122 - ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO AZIENDALE Corso di studio: E1802M - ECONOMIA E AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca 18 Maggio 2015 PERFORMANCE MARKETING

Università degli studi di Milano Bicocca 18 Maggio 2015 PERFORMANCE MARKETING L obiettivo del seminario di oggi è parlare di Performance Marketing e conoscere le principali metriche di performance nel web. Marketing tradizionale Web Marketing 2.0 +INFO Offline web Social Network

Dettagli

Rosario Faraci. www.startupacademy.it

Rosario Faraci. www.startupacademy.it Rosario Faraci www.startupacademy.it 1 1 Business Model Definition www.modellidibusiness.com 2 The Business Model Canvas www.startupacademy.it Che rapporto c è tra BM e strategia? Il Business Model è uno

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

1. Introduzione agli ERP e a SAP

1. Introduzione agli ERP e a SAP 1. Introduzione agli ERP e a SAP ERP (Enterprise Resource Planning) è un sistema informativo che integra tutti gli aspetti del business, inclusi la pianificazione, la realizzazione del prodotto (manufacturing),

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

icare Come sfruttare al meglio i vantaggi di una soluzione di CRM

icare Come sfruttare al meglio i vantaggi di una soluzione di CRM icare Come sfruttare al meglio i vantaggi di una soluzione di CRM Agenda Cos è il CRM Cosa chiede il Mercato I vantaggi dei Programmi Fedeltà La soluzione di CRM MICROS: icare Cos è CRM+ I vantaggi di

Dettagli

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Valutazione degli investimenti in azioni Intuitivamente si crea valore quando un azienda

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Marketing e Internet Economy I Mktg-L18

Dettagli

CRM e sistema delle risorse immateriali di impresa

CRM e sistema delle risorse immateriali di impresa CRM e sistema delle risorse immateriali di impresa Il caso Metro Daniela Camellini _ Marketing Manager Milano, 21 maggio 2004 Copyright 2003 Metro Cash & Carry International GmbH Cash & Carry Wholesale

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Le Tecnologie della Customer Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali

Le Tecnologie della Customer Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Le Tecnologie della Customer Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Customer Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono

Dettagli

Obiettivi, Valori e Risultati

Obiettivi, Valori e Risultati Corso di Analisi Strategiche Obiettivi, Valori e Risultati Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L obiettivo primario dell impresa è la massimizzazione del profitto nel lungo termine. Il valore si

Dettagli

Market Data / Supplier Selection / Social Advertising / User Experience / Call-toaction /Brand fidelity / Brand awareness

Market Data / Supplier Selection / Social Advertising / User Experience / Call-toaction /Brand fidelity / Brand awareness SOCIALIKEE Market Data / Supplier Selection / Social Advertising / User Experience / Call-toaction /Brand fidelity / Brand awareness Fondatore Massimiliano Mascoli TARGET & NEED 2. Target & Need Trust

Dettagli

CONTABILITÀ FINANZA Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche

CONTABILITÀ FINANZA Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche CONTABILITÀ FINANZA Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche Sede legale: Corso Mazzini 151, Ascoli Piceno Sede operativa: C.da S. Giovanni Scafa, San Benedetto del

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Open Access DRAFT FOR DISCUSSION FOR INTERNAL USE ONLY. 3 dicembre 2013

GRUPPO TELECOM ITALIA. Open Access DRAFT FOR DISCUSSION FOR INTERNAL USE ONLY. 3 dicembre 2013 GRUPPO TELECOM ITALIA Open Access Interventi ti di riassetto organizzativo 3 dicembre 2013 DRAFT FOR DISCUSSION FOR INTERNAL USE ONLY GRUPPO TELECOM ITALIA Agenda Access Area: rivisitazione del modello

Dettagli

Francesco Zabini Paolo Zanardi

Francesco Zabini Paolo Zanardi Francesco Zabini Paolo Zanardi Soci fondatori di XT, società di consulenza e servizi per il Retail, Paolo e Francesco vantano un trascorso professionale approfondito e rivolto a ogni aspe;o ges

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE UNO SGUARDO D INSIEME. 1. Obiettivi e metodologia... Pag. 4 2. I limiti della ricerca field...» 9 3. Ringraziamenti...

INDICE INTRODUZIONE UNO SGUARDO D INSIEME. 1. Obiettivi e metodologia... Pag. 4 2. I limiti della ricerca field...» 9 3. Ringraziamenti... INDICE Prefazione di Alberto Mattiacci... Pag. XI INTRODUZIONE UNO SGUARDO D INSIEME 1. Obiettivi e metodologia... Pag. 4 2. I limiti della ricerca field...» 9 3. Ringraziamenti...» 10 PARTE PRIMA IL CONTESTO

Dettagli

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise IT Governance e Portfolio Management Supportare il Business The core business of tomorrow is a "new and different" idea today

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Innovazione di processo e di prodotto in un azienda del settore domotica

Innovazione di processo e di prodotto in un azienda del settore domotica Innovazione di processo e di prodotto in un azienda del settore domotica Marco Catuozzo (Responsabile R&D, sede di Erba) Mauro Sarchi (Project Leader applicazioni multimediali embedded, sede di Erba) Bticino

Dettagli

Line of credit.: C 35 M Foundation.: 2000 Sharehoders Equity: 447 M Payments.: pending Empl.: 9 Trend.: in reorganization Turnover: 4,5 MM Mod.: RD/RB HISTORY: Joint-stock company estabilished on 06/10/2000,

Dettagli

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE Introduzione... V Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE 1.1. Il controllo strategico... 4 1.2. Il controllo

Dettagli