VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA"

Transcript

1 DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali in esito alla somministrazione del questionario ai dirigenti Analisi di dettaglio e conclusive

2 Premessa. La valutazione della formazione è il momento in cui se ne misurano gli effetti. Un processo di valutazione completo insiste su quattro livelli: 1. Gradimento dei partecipanti 2. Apprendimento dei partecipanti; 3. Cambiamenti nei comportamenti; 4. Miglioramento dell organizzazione. I primi due sono stati valutati dalla Società che ha erogato la formazione la quale ha rilevato quanto segue: la media delle valutazioni sui moduli, cioè sugli argomenti trattati durante il corso e sui docenti, si attesta su un valore compreso tra 4 e 5 (Buono/Molto Buono) su una scala che prevede come valore massimo 6. Tale risultato conferma un livello di soddisfazione più che positivo rispetto agli argomenti sviluppati in aula, le attività svolte e ai docenti convolti nei singoli moduli. I risultati ottenuti dai test di apprendimento si attestano su un valore medio superiore all 80%. Tale dato conferma che gli argomenti trattati, divulgati in modo chiaro e semplice per facilitarne la comprensione, sono risultati interessanti e assimilati nel modo giusto. Per valutare l impatto dell azione formativa in termini di modifica dei comportamenti e di miglioramento dell organizzazione, si è scelto di somministrare un questionario ai Dirigenti, che sono, al contempo, valutatori delle prestazioni individuali dei dipendenti, manager della propria struttura e committenti della formazione. Il questionario è composto da n. 13 domande suddivise in quesiti di carattere generale (n. 7 domande) e quesiti di carattere specifico (n. 6 domande). Le prime sette domande, infatti, sono volte ad indagare l impatto dell azione formativa nella sua globalità; le successive tre sono finalizzate a focalizzare aspetti specifici di ciascuna tipologia dei corsi effettuati e appartenenti alle aree relazionale, informatica e amministrativo-legislativa; le ultime tre, invece, mirano a razionalizzare eventuali ulteriori azioni formative nell area linguistica e a rendere proficuo per l Amministrazione l investimento sui corsi di lingua già realizzati. L anno 13 è il primo anno in cui si cerca di misurare l impatto della formazione secondo il manuale approvato nel 12. E evidente, pertanto, che l analisi riguarda la formazione erogata negli anni precedenti. 2

3 Quesito AD0010 Secondo la sua percezione in che modo i collaboratori hanno vissuto il percorso informativo 22,99% 19,34% 27,37%,29% Partecipando con entusiasmo e con larga disponibilità a divulgare all interno dell ufficio il proprio aggiornamenti Partecipando volentieri ma con scarsa disponibilità a divulgare quanto appreso Mostrando un interesse discontinuo in base alla natura del corso Vivendo la formazione come un obbligo Scopo della domanda è quello di comprendere in che modo i dipendenti hanno vissuto il percorso formativo. Il grafico a torta mostra come l approccio con la formazione sia stato positivo, per poco più della metà dei dipendenti. Infatti, sulla base delle risposte dei Dirigenti, la percentuale di coloro che hanno partecipato con entusiasmo e con larga disponibilità a divulgare all interno dell ufficio il proprio aggiornamento è pari al,29%, la percentuale di coloro che hanno partecipato volentieri, ma con scarsa disponibilità a divulgare quanto appreso è pari al 27,37%. attestandosi complessivamente intorno al 58% la somma delle risposte positive. 3

4 Secondo la sua percezione in che modo i collaboratori hanno vissuto il percorso informativo STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA e LEGISLATIVI (per il personale dipendente funzionalmente dal Direttore) SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI Partecipando con entusiasmo e con larga disponibilità a divulgare all interno dell ufficio il proprio aggiornamenti 85 Partecipando volentieri ma con scarsa disponibilità a divulgare quanto appreso Mostrando un interesse discontinuo in base alla natura del corso Vivendo la formazione come un obbligo Dall istogramma di dettaglio, riferito alle singole Strutture, emerge che: a) pur rimanendo complessivamente confermata la percentuale delle risposte positive, l ordine tra le due si capovolge per il Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti e per il Servizio Organizzazione e Gestione Risorse Umane, per i quali ha risposto il medesimo Dirigente che, evidentemente, pur registrando un atteggiamento positivo nella partecipazione al corso, ha comunque evidenziato una scarsa disponibilità alla condivisione dell apprendimento. b) In tendenza contraria alla media risultante dal grafico a torta, nel Servizio Analisi economica, statistica e monitoraggio è molto alta la percentuale dei dipendenti che, secondo la percezione del Dirigente, hanno vissuto la formazione come un obbligo. Considerazioni Il risultato come sopra rappresentato sembra contrastare con il livello medio di soddisfazione dei partecipanti rilevato dalla società che si attesta attorno ad un valore compreso tra 4 e 5 su una scala nella quale il valore massimo è 6. Resta, quindi, da approfondire se c'è una percezione errata in termini percentuali da parte dei Dirigenti, ovvero se questi riescono a cogliere quelle criticità che i dipendenti non riescono a manifestare quando compilano il questionario di gradimento. 4

5 Quesito AD00 Secondo lei in cosa è stata utile l attività formativa messa in atto dal C.R. nel corso dell anno precedente 19,87% A migliorare competenze e prestazioni dei collaboratori 46,36% Allo sviluppo della carriera 28,81% Alla crescita individuale 4,97% Alla motivazione dei collaboratori La domanda mira a comprendere la percezione dei Dirigenti relativamente all utilità dell azione formativa. Le risposte hanno evidenziato sia con riferimento all intero Consiglio regionale (grafico a torta), sia con riferimento alle singole strutture (istogramma riportato di seguito) come l attività formativa sia servita prevalentemente a migliorare le competenze e le prestazioni dei lavoratori, attestandosi su una percentuale decisamente più alta (46,36%), pur essendo ammesse risposte multiple. Considerazioni Risultato positivo e in linea con il grado di apprendimento rilevato dalla società. 5

6 Secondo lei in cosa è stata utile l attività formativa messa in atto dal C.R. nel corso dell anno precedente STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA e LEGISLATIVI (per il personale dipendente funzionalmente dal Direttore) SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI A migliorare competenze e prestazioni dei collaboratori Allo sviluppo della carriera Alla crescita individuale Alla motivazione dei collaboratori

7 Quesito AD00 Ritiene che l intervento formativo destinato ai suoi collaboratori abbia contribuito ad incrementare il livello delle: 3,14% Conoscenze (acquisizione nozioni teoriche) 23,90% 28,% 44,65% Capacità (acquisizione modalità operative) Competenze (applicazione pratica di quanto appreso) Nessuna delle precedenti Le risposte a tale quesito hanno evidenziato che l intervento formativo è stato utile prevalentemente ad acquisire nozioni teoriche (44,65%), e, in subordine, ad acquisire modalità operative (28,3%) e a mettere in pratica quanto appreso (23,9%). Del tutto marginale la percentuale di risposte (3,14%) che non rileva alcuno degli apprendimenti ipotizzati. Andando ad esaminare nel dettaglio dall istogramma che segue, la presenza di tale percentuale corrisponde alla percezione avuta dal Dirigente del Servizio Legislativo, Qualità della Legislazione e Studi. 7

8 Ritiene che l intervento formativo destinato ai suoi collaboratori abbia contribuito ad incrementare il livello delle: STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA e LEGISLATIVI (per il personale dipendente funzionalmente dal Direttore) SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI Conoscenze (acquisizione nozioni teoriche) Capacità (acquisizione modalità operative) Competenze (applicazione pratica di quanto appreso) Nessuna delle precedenti Si replica, nel dettaglio, la medesima situazione rappresentata nel diagramma a torta fatta eccezione per il personale dipendente funzionalmente dal direttore dell Area Affari della Presidenza e Legislativi per il quale il Direttore medesimo ha evidenziato un minore incremento di nozioni teoriche ed una maggiore acquisizione di capacità e competenze. Tale circostanza può significare che il personale è già in possesso di un elevato livello di conoscenze ovvero che per il tipo di attività che si svolge, l impatto positivo si può registrare prevalentemente sulle modalità operative. Considerazioni Si può ritenere che le risposte siano in linea con la tipologia dei corsi realizzati. Infatti nell'anno 12 sono stati effettuati molti corsi a carattere generale utili prevalentemente a far acquisire nell'immediato un bagaglio di nozioni teoriche che non tutti hanno avuto occasione di mettere subito in pratica. Si tratta sicuramente di un investimento a medio tempo, stante anche il buon livello di apprendimento registrato dalla società. Meritevole di approfondimento la risposta data dal Servizio legislativo. 8

9 Quesito AD00 Lo sviluppo delle conoscenze e delle capacità o l acquisizione di nuove conoscenze e capacità da parte dei suoi collaboratori - ha comportato un visibile miglioramento dell organizzazione del Servizio? 8,33% (1) Sì, in modo decisivo e tale da consentire una rimodulazione dei processi di lavoro e dell utilizzo delle risorse umane 25,00% 66,67% (2) Sì, ma limitatamente all organizzazione delle singole attività senza alcun impatto sull organizzazione complessiva (3) Sì, ma limitatamente ad attività marginali ed individuali (4) No, per niente La domanda intende accertare quale sia stato l impatto della formazione sull organizzazione del servizio. Dal grafico a torta emerge che otto Dirigenti su dodici (il 66,67% delle risposte) ritengono che ci sia stato un impatto positivo ma limitatamente all organizzazione delle singole attività. servizio Risposta STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA E LEGISLATIVI SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI La tabella di dettaglio, che evidenzia le risposte dei singoli dirigenti fa emergere che il Direttore della Direzione Affari della Presidenza e Legislativi e il Dirigente del Servizio Analisi Economica, 9

10 Statistica e Monitoraggio limitano, ulteriormente, il miglioramento dell organizzazione ad attività marginali ed individuali. Il Dirigente del Servizio Legislativo coerentemente con la risposta precedente, rileva che la somministrazione dell azione formativa non ha prodotto alcun miglioramento delle skill individuali e non evidenzia neanche un conseguente miglioramento dell organizzazione. Considerazioni Dato assolutamente negativo che la formazione non ha consentito in nessun caso (0% delle risposte) una rimodulazione dei processi di lavoro e dell'utilizzo delle risorse umane dovendo in realtà essere questi gli elementi premianti l'investimento di risorse finanziarie nella formazione del personale. E' pur vero che tale ambizioso obiettivo, tuttavia, richiede anche un approccio culturale diverso da parte di tutti gli attori della formazione (committenti, formatori e discenti). Il risultato evidenziato può in parte dipendere anche dalla tipologia di corsi effettuati. Anche in questo casa, la risposta data dal Servizio legislativo necessità di approfondimento. Quesito AD0050 Nel momento in cui, al termine del corso, i suoi collaboratori hanno ripreso la routine lavorativa, ha percepito dei cambiamenti comportamentali nel modo di: 19,09% 35,91% Considerare le proprie attività lavorative (acquisizione di consapevolezza) Inquadrare e risolvere le principali criticità lavorative 21,36% Relazionarsi con i colleghi, con i superiori e con i soggetti esterni Nessuna delle risposte precedenti 23,64% La domanda intende capire se la partecipazione ad un percorso formativo produce al termine dei corsi cambiamenti comportamentali nei dipendenti. 10

11 Come si evince dal grafico la distribuzione percentuale è pressoché uniforme tra le varie opzioni di risposta possibili. Considerazioni Da rilevare come criticità ed eventualmente meritevole di ulteriore approfondimento la circostanza che il 21,36% dei Dirigenti non riesce a rilevare alcun cambiamento riconducibile alle alternative possibili, soprattutto nel caso in cui questo fosse significativo di una assenza completa di cambiamento. Analizzando il grafico di dettaglio che segue, tale circostanza potrebbe essere attribuita al solo Servizio Legislativo, in coerenza con le precedenti risposte. Nel momento in cui, al termine del corso, i suoi collaboratori hanno ripreso la routine lavorativa, ha percepito dei cambiamenti comportamentali nel modo di: STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA e LEGISLATIVI (per il personale dipendente funzionalmente dal Direttore) SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI Considerare le proprie attività lavorative (acquisizione di consapevolezza) Inquadrare e risolvere le principali criticità lavorative Relazionarsi con i colleghi, con i superiori e con i soggetti esterni Nessuna delle risposte precedenti 11

12 Quesito AD0060 Qualora si siano verificate delle difficoltà e/o ostacoli, anche di tipo organizzativo, ad applicare le conoscenze, le capacità o le competenze acquisite, a cosa ritiene siano attribuibili 4,76% 38,10% (1) Disallineamento temporale tra l acquisizione delle conoscenze e l opportunità di mettere in pratica quanto appreso (2) Scostamento tra il contenuto della formazione e quello dell attività lavorativa 57,14% (3) Assenza di strumenti organizzativi adeguati (4) Altre cause La domanda va ad indagare sulle possibili cause della mancata applicazione in ambito lavorativo, delle conoscenze, capacità e competenze acquisite nel corso dell attività formativa. Dal grafico emerge che la maggior parte dei Dirigenti ha registrato difficoltà attribuibili: ad un disallineamento temporale tra l acquisizione delle conoscenze e l opportunità di mettere in pratica quanto appreso (38,10%); ad uno scostamento tra il contenuto della formazione e quello dell attività lavorativa (57,14%). E trascurabile, invece, la percentuale di Dirigenti che hanno rilevato un assenza di strumenti organizzativi adeguati (4,76%). 12

13 servizio Risposta STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA E LEGISLATIVI SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI Dalla tabella di dettaglio delle singole strutture si rileva che lo scostamento tra il contenuto della formazione e quello dell attività lavorativa è stato registrato indistintamente da tutti i Dirigenti. Considerazioni Le risposte a questa domanda devono essere lette e confrontate con quelle date alle tre domande precedenti. Infatti questo gruppo di domande mira a indagare quanto l intervento formativo abbia contribuito ad incrementare il livello delle conoscenze, delle capacità e delle competenze, nonché a valutare un conseguente corrispondente incremento in termini di efficacia ed efficienza dell organizzazione e un cambiamento significativo nei comportamenti dei dipendenti. Dalle risposte ottenute emerge che a fronte di un incremento significativo del livello di conoscenze si registra, tuttavia, una difficoltà nel trasferire sul lavoro quanto appreso a causa prevalentemente, secondo la percezione dei Dirigenti, di uno scostamento tra il contenuto della formazione e quello dell attività lavorativa. 13

14 Quesito AD0070: Nell ottica di un miglioramento della progettazione dei prossimi piani formativi i suoi suggerimenti riguardano: 3,13% Contenuti 31,25% 34,38% Tempi Modalità di formazione delle classi 31,25% Altro La domanda mira ad acquisire, da parte dei Dirigenti, suggerimenti utili alla programmazione e alla progettazione delle singole azioni nei futuri piani formativi. I suggerimenti si sono equamente distribuiti sulle tre aree proposte e la sintesi degli stessi è riportata nella griglia che segue: 14

15 Contenuti STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE Corsi più mirati all'esigenza della struttura SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE Corsi mirati e non più generalisti DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA e LEGISLATIVI (per il personale dipendente funzionalmente dal Direttore) Mirate in base alle esigenze formative già inoltrate SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI Pertinenti le attività del Servizio considerando i cambiamenti legislativi Contenuti più mirati alla tipologia del lavoro svolto e dell'attività posta in essere SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE Differenziazione dei livelli dei corsi rispetto al target dei discenti Maggiore attinenza con i profili professionali di appartenenza Maggiore attinenza con i profili professionali di appartenenza Formazione di tipo operativo centrata sulle specifiche attività che sono chiamati ad espletare Il contenuto dei corsi dovrebbe essere maggiormente calibrato sull'effettivo livello di preparazione dei partecipanti e sulle funzioni e compiti specificamente svolti nell'ambito della struttura di appartenenza. Si richiede, in particolare per i funzionari del Servizio legislativo un'offerta formativa qualificata e specialistica in relazione ai compiti che gli stessi svolgono nell'ambito della struttura Tempi Spesso i corsi sono stati troppo concentrati e disomogenei SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE Formazione che non crei ostacoli al servizio; corsi meno frequenti e a maggiore distanza di tempo DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA e LEGISLATIVI (per il personale dipendente funzionalmente dal Direttore) SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO I corsi devono essere brevi e concentrati nei giorni di lunedì e venerdì Si propongono il lunedì e il venerdì. Sulla durata con riferimento alla complessità della materia oggetto di formazione Concentrazione dell'attività formativa nelle giornate di lunedì e venerdì Al di fuori delle giornate interessate dalle attività degli organi consiliari Organizzazione dei tempi di svolgimento dei corsi tenendo conto delle esigenze di servizio delle strutture Minore frequenza al fine di evitare disservizi nelle attività degli uffici minore frequenza al fine di evitare disservizi nelle attività degli uffici SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI

16 Il calendario dei corsi dovrebbe essere previamente condiviso con il dirigente per evitare disfunzioni organizzative nell'ambito della struttura di appartenenza. Ciò vale in particolare per i SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA funzionari del servizio legislativo che sono tenuti ad assicurare la LEGISLAZIONE E STUDI dovuta assistenza ai lavori delle commissioni consiliari. Per tali motivi si auspica che le lezioni si svolgano nelle giornate di Lunedì e venerdì in cui non hanno luogo le sedute delle commissioni consiliari e del consiglio Modalità di formazione delle classi STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA e LEGISLATIVI (per il personale dipendente funzionalmente dal Direttore) SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO Tenere conto per quanto possibile dei differenti punti di partenza individuali Classi più omogenee omogeneità nelle funzioni espletate dai partecipanti Corsi di formazione con colleghi di alcuni servizi con particolare motivazione sull'argomento trattato Classi più omogenee in ragione del tipo di lavoro cui il personale è preposto e del grado di preparazione di base di ognuno Alternando il personale del medesimo ufficio e/o adibito alle medesime attività Le classi dovrebbero essere formate mettendo insieme dirigenti e funzionari e le restanti categorie in classi diverse Maggiore omogeneità per categorie e profili professionali Maggiore omogeneità per categorie e profili professionali SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO Si suggerisce di formare le classi secondo criteri di omogeneità tenuto conto del livello delle conoscenze e competenze possedute, nonché della qualifica rivestita Altro La Direzione ha proposto piani formativi mirati condivisi dai Servizi Considerazioni I suggerimenti relativi ai contenuti dei corsi sono stati addirittura anticipati atteso che in occasione della rilevazione dei fabbisogni formativi, effettuata nel 13, è stato espressamente richiesto ai Dirigenti di focalizzare l attenzione su una formazione più specifica, finalizzata come sempre a colmare i gap tra le competenze possedute dal personale e quelle desiderate, ma maggiormente orientata agli obiettivi strategici ed operativi di ciascuna struttura e, quindi, da realizzare distintamente per ogni Servizio/Ufficio (formazione di tipo verticale) Nella medesima occasione i Dirigenti sono stati inoltre invitati a cogliere l occasione della contestualità tra analisi dei fabbisogni formativi e compilazione del questionario per meglio focalizzare gli aspetti che possono essere oggetto di miglioramento attraverso l attività formativa. 16

17 Si prende atto dei suggerimenti in ordine a tempi e modalità di formazione delle classi evidenziando che alcuni saranno automaticamente risolti dalla scelta di privilegiare la formazione specifica e da un programma formativo meno intenso. AREA RELAZIONALE - Quesito BD0010 Per i dipendenti che hanno partecipato ad attività formativa relativa all area relazionale, in quali ambiti ha registrato un miglioramento 16,00% 31,60% Nell interazione con i colleghi 13,% Nella capacità di lavorare in gruppo Nell acquisizione di una maggiore motivazione e flessibilità In nessun campo 39,% La domanda è volta ad indagare in quali ambiti la formazione dell area relazionale ha prodotto un miglioramento. Particolarmente significativo il miglioramento registrato sulla capacità di lavorare in gruppo, che si attesta sul 39,2%, buono anche quello rilevato nell interazione con i colleghi pari al 31,6%; meno incisivo l impatto sulla acquisizione di una maggiore motivazione e flessibilità, che si ferma al 13,2%. 17

18 Per i dipendenti che hanno partecipato ad attività formativa relativa all area relazionale, in quali ambiti ha registrato un miglioramento STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA e LEGISLATIVI (per il personale dipendente funzionalmente dal Direttore) SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI Nell interazione con i colleghi Nella capacità di lavorare in gruppo Nell acquisizione di una maggiore motivazione e flessibilità In nessun campo Dal grafico di dettaglio emerge che nel caso dei Servizi Organizzazione e gestione delle R.U., Risorse Finanziarie e strumentali e Analisi economica, statistica e monitoraggio, i dipendenti hanno ottenuto miglioramenti in tutti gli ambiti ipotizzati. Nel caso invece del Servizio Legislativo e del Servizio di Segreteria del Presidente non sono stati percepiti miglioramenti in nessun campo. Considerazioni Percezione positiva per la maggior parte dei Dirigenti, con le due eccezioni che meritano approfondimenti, e risultato sicuramente apprezzabile per l Ente nel suo complesso atteso che il miglioramento nell interazione con i colleghi e nella capacità di lavorare in gruppo non solo consente di sperimentare modalità di lavoro alternative ma contribuisce indubbiamente a favorire il benessere organizzativo. 18

19 AREA INFORMATICA - Quesito CD0010 Ritiene che l intervento formativo destinato ai suoi collaboratori abbia contribuito a: (1) Migliorare i prodotti in termini di precisione, di attendibilità e di estetica 33,33% 33,33% (2) Migliorare i processi di lavoro con conseguente riduzione dei tempi (3) Ridurre il ricorso agli interventi o alle consulenze del Servizio Informatico 33,33% (4) Nessuna delle precedenti La domanda mira ad evidenziare i risultati ottenuti dall intervento formativo in campo informatico: le percentuali sono pressoché equamente distribuite fra le tre possibili risposte e denotano un impatto decisamente positivo di questo tipo di formazione. servizio Risposta STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA E LEGISLATIVI SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI Anche nel dettaglio delle risposte fornite dai singoli Dirigenti si riscontra un sostanziale equilibrio tra le alternative proposte, che, naturalmente risentono del tipo di attività svolta. Considerazioni Successo assoluto della formazione in questa area, nella quale sono stati registrati miglioramenti da tutti. 19

20 AREA AMMINISTRATIVO-LEGISLATIVA - Quesito DD0010 Ritiene che l intervento formativo destinato ai suoi collaboratori abbia contribuito a: 11,11% 16,67% 22,22% (1) Ridefinire consapevolmente i processi di lavoro con conseguente riduzione dei tempi (2) Migliorare la redazione degli atti (3) Ridurre le richieste di chiarimenti da parte dei destinatari degli atti 50,00% (4) Nessuna delle precedenti Dalla rappresentazione grafica si evince chiaramente che gli interventi formativi di questa area hanno prodotto risultati apprezzabili, attestandosi complessivamente all 83,33% la somma delle risposte positive. Marginale è la percentuale di risposte che non colloca l utilità dell intervento formativo in alcune delle tre alternative proposte. Tale percentuale è data dalle risposte della Direzione Affari della Presidenza e Legislativi, del Servizio Analisi economica, statistica e monitoraggio e del Servizio Legislativo, come rilevabile dalla griglia che segue: servizio STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE Risposta SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA E LEGISLATIVI SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI Considerazioni Risultato apprezzabile ma non eccellente per effetto delle tre risposte che meritano approfondimento

21 AREA LINGUISTICA - Quesito ED0010 I corsi di formazione in lingua straniera (inglese/francese) sono utili per le attività svolte dalla sua struttura 25,00% (1) Sì, nella maggior parte delle attività 50,00% (2) Si, ma limitatamente ad alcune attività o ad alcune iniziative specifiche (3) Sì, raramente 25,00% (4) No, mai I corsi di formazione in lingua straniera nel 50% dei casi sono stati utili a migliorare solo alcune iniziative specifiche. Il dettaglio delle risposte per singola struttura è esplicitato nella griglia che segue: servizio STRUTTURA SPECIALE DI SUPPORTO STAMPA E COMUNICAZIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA DEL PRESIDENTE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE Risposta DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA E LEGISLATIVI SERVIZIO ANALISI ECONOMICA, STATISTICA E MONITORAGGIO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI SERVIZIO AFFARI ASSEMBLEARI E COMMISSIONI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ED EUROPEI SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO E CONTROLLO INTERNO SERVIZIO TECNICO SERVIZIO AMMINISTRATIVO DI SUPPORTO AUTORITA' INDIPENDENTI SERVIZIO LEGISLATIVO QUALITA' DELLA LEGISLAZIONE E STUDI 21

22 AREA LINGUISTICA - Quesito ED00: Ferma restando l esigenza di avere un quadro più specifico in esito alle risposte acquisite con la domanda che precede, è di tutta evidenza che al momento l utilizzo della lingua straniera è limitato solo ad alcune strutture. Allo scopo di meglio indirizzare la formazione in lingua straniera salvaguardando, comunque, pari condizioni di opportunità formative al personale, riteniamo utile acquisire suggerimenti su possibili soluzioni organizzative idonee affinché l Amministrazione possa avere un ritorno dalla formazione di tutti i dipendenti, anche se in servizio presso strutture che non utilizzano la lingua straniera. Ad esempio ritiene utile la costituzione di gruppi di lavoro trasversali e permanenti, formati in base al livello di conoscenze raggiunto, da mettere a disposizione delle strutture per tutte le esigenze collegate all utilizzo della lingua straniera? Sì No 25,00% 75,00% E evidente dal grafico che la soluzione organizzativa prospettata è stata accolta positivamente dal 75% dei Dirigenti. AREA LINGUISTICA - Quesito ED00: In caso di risposta negativa alla precedente domanda, quali suggerimenti alternativi propone? Pur in presenza di un 25% di risposte negative non si forniscono strumenti alternativi per sfruttare al meglio l investimento fatto nella formazione linguistica. Considerazioni Stante il limitato impatto dei corsi di lingua e l assenza di suggerimenti alternativi, è utile e opportuno verificare la concreta possibilità di dare attuazione alla soluzione organizzativa ipotizzata prima di attivare ulteriori corsi di lingua 22

23 Conclusioni Dall esame delle risposte al questionario e dalle considerazioni svolte con riferimento a ciascun quesito emerge che l anello debole del ciclo formativo o comunque quello da presidiare maggiormente è rappresentato dall analisi dei fabbisogni rimessa a ciascun Dirigente. Questo è, infatti, il momento in cui ciascuno può calibrare le azioni formative alle esigenze della propria struttura ed avere, di conseguenza, un impatto positivo sull attività lavorativa e sull organizzazione. Presupposto fondamentale per una corretta analisi è però una puntuale definizione dell obiettivo formativo. Infatti, tanto più è chiaro l obiettivo tanto più é vincolante il suo raggiungimento per coloro che erogano la formazione. In occasione della redazione del piano formativo 13/14 le richieste dei dirigenti, già indirizzate verso una formazione di tipo verticale, sono state oggetto di ulteriore approfondimento informale con i Dirigenti proponenti le singole azioni proprio al fine di evitare che l obiettivo formativo fosse eccessivamente generico, concordare il contenuto di massima di ciascuna azione proposta. E evidente, tuttavia, che non si può prescindere completamente anche da una formazione generale che rimane sempre valida per alcuni ambiti e che, probabilmente per sua natura, non produce effetti immediati. Si tratta di quelle azioni che intendono stimolare un cambiamento culturale od organizzativo ovvero che hanno un carattere trasversale a tutte le strutture per il fatto stesso che fanno parte della medesima organizzazione. 23

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Università degli Studi di Messina RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO CORSO di FORMAZIONE RELAZIONI CON IL PUBBLICO Edizioni del 22-23 ottobre e del 24 25 ottobre 2012 Settore Sviluppo e Formazione Risorse

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale Scuola Secondaria Superiore Formazione individuale Servizi scolastici pomeridiani Via Oss Mazzurana n 8 38122 TRENTO Qualificazione professionale Corsi FSE tel. 0461 233043 fax 0461 222441 Presa d'atto

Dettagli

Relazione del Presidio della Qualità

Relazione del Presidio della Qualità Relazione del Presidio della Qualità sulla rilevazione dell Opinione degli Studenti sulla Qualità della Didattica a.a. 2013-2014 Le opinioni degli studenti sulla qualità della didattica, così come quelle

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION

SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION FAC-SIMILE Nota: Il presente questionario, predisposto a cura dell Ufficio Formazione/ Direzione/altro Ufficio responsabile, è compilato a cura di

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER TECNICO INFORMATICO WEB MASTER Corso di Formazione Professionale Por Puglia 2000-2006 Complemento Di Programmazione Asse III Mis. 3.4 - Az. a) Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO PROGETTO 2/1/1/1758/2009 Riconoscimento e certificazione delle competenze acquisite in ambiente di lavoro dagli occupati in contratto di apprendistato AzioneMacro

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano Finalità, metodo e strumenti 1 1. LE FINALITA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il sistema di valutazione delle prestazioni

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE. RELAZIONE Diffusione

BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE. RELAZIONE Diffusione Corso BUDGET E CONTROLLO DIGESTIONE Asse I Adattabilità RELAZIONE Diffusione Introduzione 1. Attività specifiche 1.1 Corrispondenza e pertinenza dell analisi dei fabbisogni formativi 1.2 Qualità progettuale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COOPERATIVA SOCIALE BEN - ESSERE 2) Codice di accreditamento: NZ04780 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE Economico; Politico;

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Titolo del pag. 1 di 6 Titolo del I N D I C E 1. SCOPO 2. GENERALITÀ 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 4. LISTA DI DISTRIBUZIONE 5. DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO 6. SELEZIONE DEL PERSONALE 7. ITER DI INSERIMENTO

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage

ACTL Osservatorio Stage ACTL Osservatorio Stage 1 Dal 1999 ACTL Sportello Stage è il maggior ente italiano di promozione degli stage. Nel 2011 ha promosso 7284 stage in tutto il territorio nazionale. 2 Gli stage attivati nel

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

PROVINCIA Barletta Andria Trani Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Pubblica Istruzione Relazione sull attività formativa del personale

PROVINCIA Barletta Andria Trani Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Pubblica Istruzione Relazione sull attività formativa del personale PROVINCIA Barletta Andria Trani Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Pubblica Istruzione Relazione sull attività formativa del personale I l Settore Politiche del Lavoro della Provincia Barletta

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente ALLEGATO 1 COMUNE DI ASTI Settore Risorse Umane e Sistemi Informativi SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente 1 I N D I C E OGGETTO E FINALITA' pag. 3 LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE VALUTAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004.

AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE VALUTAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004. UMACROAREA RISORSE UMANE AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004. Nel corso dei mesi di novembre e dicembre dello scorso anno

Dettagli

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Il decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili La valutazione degli alunni disabili, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1 Titolo I) Disposizioni generali... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Definizioni...3 Titolo II) Il ciclo di gestione della performance... 3

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA

RELAZIONE CONCLUSIVA Liceo Scientifico "G. Salvemini" - Sorrento A.S. 2011/12 2012/13 PROGETTI B-7-FSE-2011-300 ATTIVITA DI VALUTAZIONE RELAZIONE CONCLUSIVA Il sottoscritto INGENITO CATELLO, docente presso il Liceo Scientifico

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Questionario di Reazione - PRE

Questionario di Reazione - PRE Servizio risorse umane e strumentali Scuola regionale di formazione della pubblica amministrazione www.scuola.regione.marche.it Scuola regionale di Formazione della Pubblica Amministrazione Questionario

Dettagli

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE Analisi dinamica dei dati dei questionari per le biblioteche di pubblica lettura. GLI INDICATORI Gli indicatori sono particolari rapporti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

La soddisfazione media complessiva

La soddisfazione media complessiva Nell'ottica del miglioramento continuo della qualità dell offerta formativa, il Settore "Studio, Organizzazione e Metodo - Formazione del Personale" implementa indagini di Customer Satisfaction (CS) finalizzate

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERCLASSE IN SCIENZE DELLA CULTURA (CLASSE L-5 Filosofia e L-42 Storia) Art.

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli