ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE"

Transcript

1 ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

2 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo) DATA INQUADRAMENTO: AREA RELAZIONI 1 Reazioni con a struttura SEGRETERIA, PERSONALE CAPACITA' 2 Capacità di sviuppare a quaità dee reazioni con i cittadini 3 Capacità di creare e migiorare i cima organizzativo AREA ORGANIZZAZIONE 4 Partecipazione attiva e consapevoe a avoro di squadra 5 Rispetto dei tempi assegnati 6 Acquisire e conoscenze richieste da proprio ruoo AREA OBIETTIVI t-ormre dati e proposte utii aa mdividuaz1one e messa a punto 7 degi obiettivi 8 Impegnarsi per i risutato/agire in autonomia 9 Capacità di gestione dee risorse assegnate (efficienza) PUNTEGGIO PARZIALE INDICI COMPORTAMENTALI LIV.1 LIV.2 LIV.3 LIV.4 LIV NOTE PUNTEGGIO TOTALE PUNTEGGIO MEDIO FINALE! IL RESPONSABILE DI SERVIZIO: ILD~ENDENTE:

3 ~ Cat. B amministrativo RELAZIONI RELAZIONI CON LA STRUTTURA CAPACITA' DI SVILUPPARE LA QUALIT A' DELLE RELAZIONI CON CITTADINI se aa programmazione de'attività de servizio di appartenenza; ritiene comunque che tae coaborazione vada otre e competenze de proprio ruoo Ascota ma non sempre recepisce e esigenze de'utente e fornisce soo 1 risposte standardizzate., Difronte a'irritazione de'utente reagisce in modo poemico oppure ignora e critiche e o invia ad atri uffici senza individuare queo competente souzione ma di fronte ae difficotà, spesso, rinuncia per barricarsi nuovamente dietro aa sua concezione di avoro soo in termini di "mansionario", difendendo a natura esecutiva de proprio rofìo rofessìonae 1 Fa domande ma non ascota adeguatamente e risposte de'utente, difende e sue souzioni e ripropone souzioni standards. In caso di critiche tende ad attribuire a responsabiità ad atri (uffici/enti/amministratori/ coeghi) senza una visione meramente formaistica (mi imito a ciò che é di mia stretta competenza); non sempre però riesce a proporre souzioni efficaci di propria iniziativa Ascota con attenzione 'utente e cerca di fargi comprendere ed accettare souzioni standards Prende tempo per documentarsi con i rischio però di andare fuori tempo di proprio ruoo e di essere coaborativo proponendo souzioni, di propria iniziativa, che non sempre però sono e più adeguate in termini di efficacia ed efficienza Ascota 'utente e fa domande per capire e sue esigenze. Ripropone con paroe sue queo che gi é stato detto per verificarne a comprensione. Si preoccupa di riferire ai suoi capi eventuai critiche o suggerimenti opportuni. di r ipotesi migiorative, efficienti efficaci sia per 'organizzazione che per a programmazione dee attività Ascota 'utente e capisce e sue esigenze. Sì fa carico de suo probema e si impegna a risovero direttamente o, se necessario, rinviandoo a'ufficio competente. Condivide con i capo 'efficacia dei propri modi 1 comunicativi CAPACITA' DI CREARE E MIGLIORARE IL CLIMA ORGANIZZATIVO Coabora tecnicamente ne raggiungimento degi obiettivi e attività ordinarie. Non pone sufficiente attenzione agi aspetti comportamentai e rei azionai Da poca importanza ai segnai dissonanti e prende in esame soo quache comportamento critico di sé e degi atri. nteragisce con gi atri ma ha difficotà ad accettare e osservazioni esterne Tenendo conto degi obiettivi finai si preoccupa di mantenere reazioni corrette con gi atri; a vote prende 'iniziativa per superare gi ostacoi o e osservazioni critiche in un ottica di condivisione Possiede buone capacità di reazione con i coeghi in termini di disponibiità Fa proposte mirate a migiorare i cima organizzativo per un più efficace raggiungimento degi obiettivi finai, consapevoe che questo Consapevoe de ruoo che ricopre a'interno de'organizzazione, faciita efficacemente e reazioni con tutti e fra tutti mediante azioni concrete per superare e criticità, favorendo i cambiamento.

4 ORGANIZZAZIONE ATTIVA E CONSAPEVOLE AL LAVORO DI SQUADRA Lavora in squadra secondo criteri e schemi personai. Da informazioni soo su richiesta contributi, idee o proposte" Interviene in genere soo se soecitato direttamente direttamente queo pensa, coabora e cerca di favorire i avoro di squadra" Fornisce i suo migiore apporto soo nee situazioni in cui si sente maggiormente coinvoto obiettivi avoro - o scambio dee conoscenze - gi apporti personai Cerca di agire coerentemente con e decisioni condivise confrontandosi con i gruppo gruppo. Partecìpa e comunica in modo costruttivo e coaborativo rispettando i programma ed i tempi condivisi RISPETTO DE TEMPI ASSEGNATI Fa queo che gi viene assegnato ma non sempre si preoccupa di rispettare i tempi Finito i tempo, finito i avoro Fa queo che gi viene assegnato cercando di rispettare i tempi Informa i capo quando emergono probemi che condizionano i rispetto dei tempi Seeziona e priorità secondo un criterio soggettivo Cerca di rispettare i tempi assegnati secondo procedure standard Chiede a proprio capo di indicare e priorità ed esprime e sue vautazioni. Agisce dentro ai vincoi concordati ma non sempre informa su'andamento Condivide co proprio capo i suo programma di avoro Pone attenzione a rispetto dea tempistica e cerca di migiorara. Informa i responsabie agendo dentro i vincoi concordati. Non perde di vista 'insieme degi obiettivi e si regoa di conseguenza tenendo in debita considerazione e priorità Organizza ed adegua i avoro in modo da rispettare a tempistica anche a fronte di imprevisti e criticìtà. ACQUISIRE LE CONOSCENZE RICHIESTE DAL PROPRIO RUOLO Attende che quacuno gi fornisca e informazioni o gi aggiornamenti. Acquisisce nuove conoscenze utii a suo avoro soo se richiesto. Chiede a referente quae è a tecnica da utiizzare o a procedura da seguire Quache vota raccogie informazioni in modo autonomo Raccogie informazioni e conoscenze in modo autonomo ma standard prendendo spunto da cose già fatte, senza cercare i metodo più opportuno Formua domande per capire e ricerca risposte approfondite e compete in modo autonomo. Cerca un metodo vaido per raccogiere informazioni. Utiizza in modo adeguato e risorse disponibii (coeghi, web, corsi, strumentazione Si dà da soo un metodo efficace per acquisire e conoscenze che gi servono ed appicare in modo coerente. E' disponibie a confronto e condivide e proprie conoscenze con i coeghi. Ottimizza 'uso dee risorse disponibii.

5 OBIETTIVI FORNIRE PROPOSTE UTILI ALLA INDIVIDUAZIONE E MESSA A PUNTO DEGLI OBIETTIVI messa a punto e 'individuazione degi obiettivi. non sempre però ne verifica preventivamente a fattibiità ed efficacia. aa messa a punto obiettivi in inea con a programmazione generae e concretamente reaizzabii. IMPEGNARSI PER IL RISULTATO AGIRE IN AUTONOMIA CAPACITA' DI GESTIONE DELLE RISORSE (EFFICIENZA) Lavora per abitudini e secondo una procedura standard. Di fronte ae difficotà si ferma anche se spronato, a vote condizionando i risutato. Utiizza e risorse che gi vengono assegnate in modo automatico senza porre particoare attenzione. Fa queo che gi viene richiesto, di fronte ae difficotà deve essere spronato. Cambia i suo modo di agire soo se richiesto. Utiizza in modo adeguato e risorse che gi vengono assegnate ma pone attenzione aa 1 oro ottimizzazione soo quando gi viene richiesto. Si impegna per i raggiungimento de risutato secondo un Affronta e difficotà emerse con energia per raggiungere i risutati programma concordato. richiesti., Quando reaizza che i Agisce in autonomia ) risutato non è che queo rispettando i tempi e e atteso, informa per 1 modaità concordate. tempo. A vote in caso di Quache vota agisce in difficotà propone autonomia per far fronte souzioni concrete ed agi imprevisti. 1 efficaci. Gestisce e risorse che gi sono affidate in modo adeguato ricercando a vote anche souzioni economiche Rispetta e previsioni economiche. Si sforza anche di trovare nuove souzioni per migiorare 'efficacia e 'economicità dee risorse disponibii. Agisce in autonomia anche in contesti nuovi e di fronte a imprevisti persegue con efficacia i raggiungimento degi obiettivi finai; dimostra rievante impegno personae e fessibiità, non abbandonando i campo fino a che non è stato raggiunto i risutato atteso. Propone souzioni efficaci per una gestione dee risorse disponibii. Sa anche migiorare 'efficienza con proposte innovative e concrete. 3

6 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (operai) DATA INQUADRAMENTO: SEGRETERIA, PERSONALE CAPACITA' AREA RELAZIONI 1 Reazioni con a struttura 2 Capacità di sviuppare a quaità dee reazioni con i cittadini 3 Capacità di creare e migiorare i cima organizzativo AREA ORGANIZZAZIONE 4 Partecipazione attiva e consapevoe a avoro di squadra 5 Rispetto dei tempi assegnati 6 Acquisire e conoscenze richieste da proprio ruoo INDICI COMPORTAMENTALI LIV.1 LIV.2 LIV.3 LIV.4 LIV NOTE AREA OBIETTIVI!Fornire dati e proposte utii aa md1v1duaz1one e messa a punto 7 degi obiettivi 8 Impegnarsi per i risutato/agire in autonomia ' 9 Capacità di gestione dee risorse assegnate (efficienza) PUNTEGGIO PARZIALE L. PUNTEGGIO TOTALE PUNTEGGIO MEDIO FINALE IL RESPONSABILE DI SERVIZIO: ILD~ENDENTE:

7 Cat. B Operai RELAZIONI CAPACITA' DI SVILUPPARE LA QUALITA' DELLE RELAZIONI CON CITTADINI programmazione de'attività de servizio di appartenenza; ritiene comunque che tae coaborazione vada otre e competenze de proprio ruoo Ascota ma non sempre recepisce e esigenze de'utente e Fornisce soo risposte standardizzate Difronte a'irritazione de'utente reagisce in modo poemico oppure ignora e critiche e o invia agi uffici CAPACITA' DI CREARE Coabora tecnicamente E MIGLIORARE IL ne raggiungimento degi CLIMA. obiettivi e attività ORGANIZZATIVO ordinarie. Non pone sufficiente attenzione agi aspetti comportamentai e reazionai souzione ma difronte difficotà, spesso, rinuncia per barricarsi nuovamente dietro aa sua concezione di avoro soo, in termini di "mansionario", difende a natura esecutiva de proprio profio rofessionae Fa domande ma non ascota adeguatamente e risposte rinviando 'utente agi uffici o agi Amministratori Da poca importanza ai segnai dissonanti e prende in esame soo quache comportamento critico di sé e degi atri. nteragisce con gi atri ma ha difficotà ad accettare e osservazioni esterne senza una visione meramente formaistica (mi imito a ciò che è di mia stretta competenza); non sempre però riesce a proporre souzioni efficaci Ascota 'utente e cerca di fargi comprendere ed accettare souzioni standards Prende tempo per informarsi rischiando di non soddisfare e aspettative de'utente Tenendo conto degi obiettivi finai si preoccupa di mantenere reazioni corrette con gi atri; a vote prende 'iniziativa per superare gi ostacoi o e osservazioni critiche in un ottica di condivisione andare i efficienti ruoo e di essere efficaci sia per coaborativo proponendo 'organizzazione che per souzioni, di propria a programmazione dee iniziativa, che non attività sempre però sono e più adeguate in termini di efficacia ed efficienza Ascota 'utente e fa Ascota 'utente e capisce domande per capire e e sue esigenze. sue esigenze. Ripropone Si fa carico de suo con paroe sue queo probema e si impegna a che gi è stato detto per risovero direttamente o, verificarne a se necessario, comprensione e riferisce rinviandoo a'ufficio ai suoi capi eventuai competente. critiche o suggerimenti Condivide con i capo opportuni. 'efficacia dei propri modi comunicativi Fa proposte mirate a E' consapevoe de ruoo migiorare i cima che ricopre a'interno organizzativo per un più de'organizzazione, efficace raggiungimento faciìta efficacemente e degi obiettivi finai. reazioni con tutti e fra Non sempre è tutti mediante azioni consapevoe che questo concrete favorendo i rientra ne suo ruoo raggiungimento degi obiettivi finai

8 ORGANIZZAZIONE ATTIVA E CONSAPEVOLE AL a ruoo LAVORO DI SQUADRA Lavora in squadra Non sempre fornisce direttamente gruppo. secondo e schemi contributi, idee o pensa, coabora e obiettivi avoro Partecipa e comunica in personai. Da proposte. cerca di favorire i avoro - o scambio dee modo costruttivo e informazioni soo su Interviene in genere soo di squadra. Fornisce i conoscenze coaborativo rispettando richiesta se soecitato suo migiore apporto soo - gi apporti personai i programma ed i tempi direttamente nee situazioni in cui si Cerca di agire condivisi sente maggiormente coinvoto coerentemente con e decisioni condivise confrontandosi con i gruppo RISPETTO DE TEMPI Fa queo che gi viene Fa queo che gi viene Cerca di rispettare i Condivide co proprio Non perde di vista ASSEGNATI 1 assegnato ma non assegnato cercando di tempi assegnati secondo referente i suo 'insieme degi obiettivi e sempre si preoccupa di rispettare i tempi procedure standard programma di avoro si regoa di conseguenza rispettare i tempi Informa 'autorità quando Chiede a proprio Pone attenzione a tenendo in debita Finito i tempo, finito i emergono probemi che referente dì indicare e rispetto dea tempìstìca considerazione e!avoro condizionano i rispetto priorità ed esprime a sue e cerca di migiorara. priorità dei tempi vautazioni. Informa i responsabie Organizza ed adegua i Seeziona e priorità Agisce dentro ai vincoi agendo dentro i vincoi avoro in modo da secondo un criterio j concordati ma non concordati. rispettare a tempistica soggettivo, sempre informa anche a fronte dì su'andamento, imprevisti e criticità ACQUISIRE LE Attende che quacuno gi Chiede a referente quae Raccogie informazioni e Formua domande per Si dà un metodo per e CONOSCENZE fornisca e informazioni o è a tecnica da utiizzare conoscenze in modo capire e ricerca risposte conoscenze che gi RICHIESTE DAL gi aggiornamenti. o a procedura da seguire autonomo ma standard approfondite e compete servono e e appica PROPRIO RUOLO Acquisisce nuove Quache vota raccogie prendendo spunto da in modo autonomo. coerentemente in modo conoscenze utii a suo informazioni in modo cose già fatte senza Cerca un metodo vaido efficace. avoro soo se richiesto. autonomo cercare i metodo più per raccogiere E' disponibie a opportuno informazioni Utiizza in confronto e condivide e modo adeguato e risorse proprie conoscenze con i disponibii (coeghi, automezzi, corsi, strumentazione specifica coeghi. Ottimizza 'uso dee risorse disponibii. 2

9 OBIETTIVI FORNIRE DATI E PROPOSTE UTILI ALLA INDIVIDUAZIONE E MESSA A PUNTO DEGLI OBIETTIVI messa a punto e 'individuazione degi obiettivi. individuazione aa messa a punto obiettivi in inea con a programmazione generae e concretamente reaizzabii. e IMPEGNARSI PER IL RISULTATO AGIRE IN AUTONOMIA CAPACITA' DI GESTIONE DELLE RISORSE ASSEGNATE (EFFICIENZA) Lavora per abitudini e secondo una procedura standard Di fronte ae difficotà si ferma anche se spronato, a vote condizionando i risutato Utiizza e risorse che gi vengono assegnate in modo automatico senza porre particoare attenzione Fa queo che gi viene richiesto, di fronte ae difficotà deve essere spronato. Cambia i suo modo di agire soo se richiesto. Utiizza in modo adeguato e risorse che gi vengono assegnate ma pone attenzione aa oro ottimizzazione soo Si impegna per i raggiungimento de risutato secondo un programma concordato. Quando reaizza che i risutato non è che queo atteso, informa per tempo. Quache vota agisce in autonomia per far fronte agi imprevisti. Gestisce e risorse che gi sono affidate in modo adeguato ricercando a vote anche souzioni economiche 1 Affronta e difficot~ emerse con energ1a per raggiungere i risutati richiesti. Agisce in autonomia rispettando i tempi e e modaità concordate. A vote in caso di difficotà propone souzioni concrete ed efficaci. Rispetta e previsioni economiche. Si sforza anche di trovare nuove souzioni per migiorare 'efficacia e Agisce in autonomia anche in contesti nuovi e di fronte a imprevisti persegue con efficacia i raggiungimento degi obiettivi finai; dimostra rievante impegno personae e fessibiità, non abbandonando i campo fino a che non è stato raggiunto i risutato atteso. Propone souzioni efficaci per una gestione dee risorse assegnate. Sa anche migiorare 'efficienza con proposte 3

10 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: C DATA INQUADRAMENTO: AREA RELAZIONI 1 Reazioni con a struttura SEGRETERIA, PERSONALE INDICI COMPORTAMENTALI T LIV.1 LIV.2 LIV.3 LIV.4, LIV.S CAPACITA" s 6 7 s 9 10 NOTE 2 Capacità di sviuppare a quaità dee reazioni con i cittadini 3 Capacità di creare e migiorare i cima organizzativo AREA ORGANIZZAZIONE 4 Partecipazione attiva e consapevoe a avoro di squadra 5 R1spetto dei temp1 assegnati 6 Acquisire e conoscenze richieste da proprio ruoo AREA OBIETTIVI!Forn1re dat1 e proposte utii aa messa a punto e 1ndviduaz1one 7 obiettivi chiarì e misurabii _., ' -~ 8 Impegnarsi per i risutato/agire in autonomia 9 Capacità di gestione dee nsorse assegnate (efficienza) PUNTEGGIO PARZIALE PUNTEGGIO TOTALE PUNTEGGIO MEDIO FINALE. -.. ~ 1. ~ - _ IL RESPONSABILE DI SERVIZIO: ILD~ENDENTE:

11 Cat. C RELAZIONI programmazione de'attività de servizio di appartenenza; ritiene comunque che tae coaborazione vada otre e competenze de proprio ruoo. ma di fronte ae difficotà, rinuncia per barricarsi nuovamente dietro aa sua concezione di avoro soo in termini di "mansionario", difendendo a natura senza una visione meramente formaistica (mi imito a ciò che è di mia stretta competenza); non riesce però a proporre souzioni dì propria iniziativa. proprio ruoo e di essere coaborativo proponendo souzioni di propria iniziativa, che non sempre però sono e più migiorative, efficienti ed efficaci sia per 'organizzazione che per a programmazione dee attività SVILUPPARE LA QUALIT A' DELLE RELAZIONI CON CITTADINI recepisce e esigenze de'utente e fornisce soo risposte standardizzate. Di fronte a'irritazione de'utente reagisce in modo poemico oppure ignora e critiche e o invia ad atri uffici senza individuare queo competente. ascota adeguatamente e risposte de'utente, difende e sue souzioni e ripropone souzioni standards. In caso di critiche tende a attribuire a responsabiità ad atri (uffici/enti/amministratori/ coeghi). di fargi comprendere ed accettare souzioni standards. Prende tempo per documentarsi rischiando di andare fuori programma. Si preoccupa de feedback riferendo ai suoi capi eventuai critiche o suggerimenti opportuni. comunicazione diretta sia teefonica che scritta ne rispetto dee regoe e dee indicazioni fornite. Fa domande per capire, aiuta 'utente in base ae risposte e ricerca souzioni condivise e soddisfacenti per 'utente. competenze comunicative funzionai a'utente. Ascota 'utente, capisce e sue esigenze e o accompagna fino a buon fine fornendo proposte concrete e condivise. Condivide con i capo gi esiti dei criteri e metodi comunicativi adottati per verificarne i riscontro. E MIGLIORARE IL CLIMA ORGANIZZATIVO ne raggiungimento degi obiettivi e attività ordinarie. Non pone sufficiente attenzione agi aspetti comportamentai e rei azionai. segnai dissonanti e prende in esame quache comportamento critico di sé e degi atri. nteragisce con gi atri ma ha difficotà ad accettare e osservazioni esterne. e reazioni esistenti-con gi atri e a vote prende 'iniziativa per superare gi ostacoi o e osservazioni critiche in un' ottica di condivisione. di reazione con i coeghi ìn termini di disponibiità Fa proposte mirate a migiorare i cima organizzativo per un più efficace raggiungìmento degi obiettivi finai, consapevoe che questo che ricopre a'interno de'organizzazione, faciita efficacemente e reazioni con tutti e fra tutti mediante azioni concrete per superare e criticità, favorendo i cambiamento.

12 ORGANIZZAZIONE ATTIVA E CONSAPEVOLE AL LAVORO DI SQUADRA in squadra secondo criteri e schemi personai. Da informazioni soo su richiesta. contributi, idee o proposte. Interviene principamente se soecitato direttamente. queo pensa, coabora e cerca di favorire i avoro di squadra. Fornisce i suo migiore apporto soo nee situazioni in cui si sente maggiormente coinvoto. e a condivisione degi obiettivi di avoro - o scambio dee conoscenze - gi apporti personai Cerca di agire coerentemente con e decisioni condivise confrontandosi con i gruppo. Partecipa e modo costruttivo e coaborativo e non moa sino a raggiungimento degi obiettivi. Rispetta i programma e i tempi condivisi con i gruppo. RISPETTO DE TEMPI ASSEGNATI ACQUISIRE LE CONOSCENZE RICHIESTE DAL PROPRIO RUOLO J Fa queo che gi viene assegnato ma non sempre si preoccupa di rispettare i tempi. [ Finito i tempo, finito i i avoro. Attende che quacuno gi fornisca e informazioni o gi aggiornamenti. Acquisisce nuove conoscenze utii a suo avoro soo se richiesto. Fa queo che gi viene assegnato cercando di, rispettare i tempi. Informa 'autorità quando emergono probemi che condizionano i rispetto dei tempi o coinvogono i Javoro di atri. Seeziona però e priorità secondo un criterio soggettivo e non o verifica con acuno. Chiede a capo qua è a tecnica da utiizzare o a procedura da seguire. Quache vota raccogie informazioni in modo autonomo. Cerca di rispettare i tempi assegnati secondo procedure standard. Chiede a responsabie di indicare e priorità ed 1 esprime a sue vautazioni. Agisce dentro ai vincoi concordati ma non 1 sempre informa 1 su'andamento. Raccogie informazioni e conoscenze in modo autonomo ma standard prendendo spunto da cose già fatte, senza cercare i metodo più opportuno. i Propone e discute con i Responsabie i suo programma di avoro. Pone attenzione a rispetto dea tempistica e cerca di migiorara. Informa i responsabie agendo dentro i vincoi concordati. Formua domande per capire e ricerca risposte approfondite e compete in modo autonomo. Cerca un metodo vaido per raccogiere informazioni. Utiizza in modo adeguato e risorse disponibii (coeghi. web, Non perde di vista 'insieme degi obiettivi e si regoa di conseguenza tenendo in debita considerazione e priorità. Organizza ed adegua i avoro in modo da rispettare a tempistica anche a fronte di 1 imprevisti e criticità. Si dà da soo un metodo efficace per acquisire e conoscenze che gi servono ed appicare in modo coerente. E' disponibie a confronto e condivide e proprie conoscenze con i coeghi. Ottìmizza 'uso 2

13 OBIETTIVI PROPOSTE UTILI ALLA MESSA A PUNTO E INDIVIDUAZIONE OBIETTIVI CHIARI E MISURABILI informazioni in modo meccanico. messa a obiettivi; non però ne verifica preventivamente a fattibiità ed efficacia. aa messa a obiettivi in inea con a programmazione generae e concretamente reaizzabii. RISULTATO AGIRE IN i secondo una procedura AUTONOMIA standard. Di fronte ae difficotà si ferma anche se spronato, a vote condizionando i risutato. CAPACITA' DI Utiizza e risorse che gi GESTIONE DELLE vengono assegnate in RISORSE ASSEGNATE modo automatico senza (EFFICIENZA) porre particoare attenzione. richiesto, di fronte ae difficotà deve essere spronato. Cambia i suo modo di agire soo se richiesto. i raggiungimento de risutato secondo un programma concordato. Quando reaizza che i risutato non è che queo atteso, informa per tempo. Quache vota agisce in autonomia per far fronte agi imprevisti. emerse con energia per raggiungere i risutati richiesti. Agisce in autonomia rispettando i tempi e e modaità concordate. A vote in caso di difficotà propone souzioni concrete ed efficaci. Utiizza in modo Gestisce e risorse che 1 Rispetta e previsioni adeguato e risorse che gi sono affidate in modo economiche. gi vengono assegnate adeguato ricercando a Si sforza anche di trovare ma pone attenzione aa vote anche souzioni nuove souzioni per 1 oro ottìmizzazione soo economiche. migiorare 'efficacia e quando gi viene 'economicità dee richiesto. risorse assegnate. anche in contesti nuovi e di fronte a imprevisti persegue con efficacia i raggiungimento degi obiettivi finai; dimostra rievante impegno personae e fessibiità, non abbandonando i campo fino a che non è stato raggiunto i risutato atteso. Propone souzioni efficaci per rispettare e previsioni economiche concordate. Sa anche migiorare 'efficienza con proposte innovative e risutati concreti. 3

14 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: D DATA INQUADRAMENTO: AREA RELAZIONI SEGRETERIA, PERSONALE INDICI COMPORTAMENTALI LIV.1 LIV.2 LIV.3 LIV.4 LIV.5 CAPACITA' NOTE 1 Capacità di gestire e reazioni con gi Organi di Governo 2 Capacità di sviuppare a quaità dee reazioni con i cittadini 3 Capacità di creare e migiorare i cima organizzativo AREA ORGANIZZAZIONE 4 Partecipazione attiva e consapevoe a avoro di squadra 5 Rispettare i tempi dei procedimenti Acquisire conoscenze speciaistiche e migiorare a quaità 6 de'organizzazione AREA OBIETTIVI 7 Partecipazione aa messa a punto di obiettivi rievanti e misurabii 8 Capacità di presidiare 'obiettivo 9 Capacità di gestione dee risorse assegnate (efficienza) PUNTEGGIO PARZIALE PUNTEGGIO TOTALE PUNTEGGIO MEDIO FINALE IL RESPONSABILE DI SERVIZIO: ad~endente:

15 Cat. D RELAZIONI GESTIRE LE RELAZIONI CON GLI ORGANI DI GOVERNO proprio avoro~ governo. Non sempre fornisce, anche se richiesto, un supporto (tecnico) adeguato ae oro aspettative. Possiede CIUt'!,j'UCit' r::>n:::>rii """ofn.no dee reazioni di governo. se richiesto, assistenza tecnica e coaborazione per i raggiungimento degi obiettivi. Non sempre riesce a prevenire reazioni con coaborando gi stessi ne'ìndividuazione dei programmi e dee scete strategiche. Sa fornire, anche di propria iniziativa, un utie supporto per individuare assieme souzioni dì autonomia con gi coaborando in modo determinante per i raggiungimento degi obiettivi. Gestisce e reazioni secondo una ogica di positivo e propositivo SVILUPPARE LA QUALITA' DELLE RELAZIONI CON CITTADINI seguendo uno schema prestabiito e meccanico. Non tiene conto che a quaità dei servizi resi non può prescindere daa quaità dea reazione e da iveo di soddisfazione manifestato dai cittadini. sviuppare a quaità dee reazioni in modo sistematico e costante. Pur tenendo in considerazione 'importanza dì indirizzare a propria attività a soddisfacimento dee aspettative dei destinatari, non si preoccupa dì adottare, a'interno de proprio servizio, specifiche misure per operare in tae direzione. Modifica i suo schema soo quando 'utente manifesta a funzionai a benessere degi utenti (via intuitiva) e indica ai coaboratori di fare atrettanto (voontario) verificandone 'appicazione. Partendo da presupposto che a quaità de servizio non è garantita daa quaità tecnica ma soprattutto da quea reazionae, si preoccupa deo sviuppo quantitativo e quaìtativo dee reazioni con i cittadini attraverso indicazioni precise ai propri coaboratori sui comportamenti da adottare con i pubbico e feed- comunicative apprese e sta attento che vengano utiizzate con costanza e precisione dai propri coaboratori. propri coaboratori hanno ben assimiato ed utiizzano, di norma, e regoe fornite daa Direzione sia per a comunicazione diretta e teefonica che per quea scritta. comunicative funzionai a'utente. secondo un programma preventivo verificabie. Cura che a comunicazione esterna sia diffusa ed efficace e verifica con misure concrete i iveo di soddisfazione de pubbico per i servizi ricevuti. L'apprezzamento degi utenti de servizio trova riscontro anche ne'apposito questionario messo a disposizione dei cittadini obiettivi ma agisce in modo a'interno automatico ignorando gi de'organizzazione. aspetti comportamentai, nteragisce con gi atri, in reazionai, organizzatìvi. un'ottica di superamento Neo svogimento dee ogiche settoriai e per de'attività programmata sviuppare interdipendenza, dimostra disponibiità aa soo è dagi coaborazione con gi atri atri. ma non affronta i probemi emersi settoriai e int<>rn<>r"'-nn:::~ì Prende 'iniziativa per promuovere forme di integrazione con 'intera organizzazione, cercando souzioni condivise però con approccio voontaristico (se non ci riesce abbandona). di disponibiità e di condivisione de risutato finae. Prende 'iniziativa per sviuppare coaborazione, integrazione e cambiamento organizzativo e o fa attraverso un proprio percorso. (Approccio proattivo). struttura. Opera con grande fessibiità avorativa, diventando un punto di riferimento e di stimoo per gi atri ne'affrontare i cambiamento e superare e criticità. Prende 'iniziativa per sviuppare coaborazione, e cambiamento e o fa condividendo i percorso atri, con i resto

16 ORGANIZZAZIONE ATTIVA E CONSAPEVOLE AL LAVORO DI SQUADRA costruttivo. Eabora e propone un programma attuabie e condiviso, coerente con gi obiettivi. PROCEDIMENTI programma predefinito. avora "a vista" senza preoccuparsi di verificare i tempi per 'awio de procedimento e per a sua concusione. fornirgi un programma di avoro ma poi non o rispetta. Sì preoccupa dea corretta assegnazione dei procedimenti inerenti i proprio servizio e dì avviari puntuamente ma non di definire e rispettare i tempi previsti. procedimenti come suoi obiettivi. Persegue tuttavia e soo quei, a discapito di atre sue responsabiità e scarica su resto dee attività eventuai probematiche egate a suo ruoo. coerente con e norme e o rispetta. In inea di massima riesce a rispettare i tempi dei procedimenti ma non sempre, adottando, in modo adeguato, e procedure a tutea de' Amministrazione e dei soggetti "controinteressati" o dì sempificazione de' azione amministrativa. coerente con e norme e con e procedure innovative e o rispetta. Definisce bene e rispetta i tempi de procedimento. Individua correttamente eventuai "controinteressati". Adotta tutte e procedure previste e possibii per a sempificazione de'azione amministrativa. ACQUISIRE CONOSCENZE SPECIALISTICHE E MIGLIORARE LA QUALITA' DELL'ORGANIZZAZIONE Impara quando serve spinto da'emergenza, partecipa a corsi e momenti formativi se richiesto. Impara ciò che serve a migiorare 'organizzazione esistente (razionaizzazione tecnica) Apprende e informazioni e i modi per migiorare o status quo ne'ambito di equiibri consoidati principamente per i soo aspetto tecnico. Sviuppa conoscenze nuove di fronte a nuovi obiettivi seguendo percorsi soggettivi (arbitrari). Reagisce attivamente e con impegno nea ricerca dee conoscenze o disposizioni di fronte a situazioni nuove, e e trasmette quando o ritiene opportuno. Sviuppa conoscenze funzionai ai nuovi obiettivi seguendo percorsi ogici e razionai. Cerca e conoscenze necessarie per raggiungere gi obiettivi e e diffonde. Non cura particoarmente a modernizzazione ed i migioramento quaitativo Sviuppa conoscenze funzionai ai nuovi obiettivi seguendo percorsi ogicorazionai e ne verifica 'efficacia quaitativa. Acquisisce e conoscenze funzionai agi obiettivi confrontandosi anche con atre reatà Cura che 'attuazione dei programmi avvenga in un'ottica di modernizzazione e di migioramento quaitativo

17 OBIETTIVI DI OBIETTIVI RILEVANTI E MISURABILI indicazioni quai si è fermato. programma ha dato un suo assenso. Ha fatto domande per e strategie """n"'''"'' risutati attesi. misurabie. anche dea definizione dei vaori target Ha formuato più aternative coerenti con gì obiettivi generai. CAPACJT A' DI PRESIDIARE L'OBIETTIVO CAPACITA' DI GESTIONE DELLE RISORSE ASSEGNATE (EFFICIENZA) Sì è imitato a controi in itinere su richiesta dea struttura organizzativa. Ne'attività di programmazione non ha tenuto in debito conto a quantìficazione dee risorse assegnate e 'ottimizzazione dei costi. Ha usato e risorse fino ad esaurimento e poi si è fermato. Ha effettuato dei controi e dee verifiche di propria iniziativa quando o ha ritenuto opportuno (arbitrari). Si è curato di conoscere e risorse ed i budget assegnati e si è preoccupato di non sforare rispetto ae previsioni. Di fatto ha usato e risorse sua base di un programma personae soaaettivo. arbitrario, non obiettivi Effettua controi programmati preventivamente. Cerca di stare concentrato sugi obiettivi e sui risutati attesi confrontandosi costantemente con i capo e con i gruppo per reaizzare tutti gi obiettivi ha dovuto però ritarare i propri programmi su iniziativa esterna. Ha tenuto d'occhio i costi organizzativi dimostrando una buona sensibiità a oro contenimento ed aa oro riduzione. Partendo dagi obiettivi ha costruito un programma tecnico di riduzione dei costi che poi ha esequito Coabora aa predisposizione di un programma di controo ben definito e condiviso informando i capo con i report prestabiìti. In caso dì scostamento eabora una souzione per superare gi ostacoi intervenuti. Ha contributo a raggiungimento degi obiettivi con un grado soddisfacente di quaità ed affidabiità, senza perdere di vista 'attività compessiva de servizio. Ha dimostrato costante attenzione agi aspetti economici proponendo spesso souzioni mirate a'efficienza ed a'ottimìzzazione dei costi/benefici Partendo dagi obiettivi ha messo a punto nuovi processi meno costosi. Si è attivato Ha predisposto un programma dì controo ben definito e condiviso effettuando puntuamente i report presta bi iti. Ha informato i capo di ogni scostamento proponendo contestuamente più souzioni per superare gi ostacoi intervenuti. Ha contribuito a raggiungìmento degi obiettivi previsti con grande impegno personae ed orientamento a risutato finae. Ha evidenziato notevoe capacità di gestione dee risorse affidate offrendo un contributo significativo a'ottimae utiizzo dee risorse a disposizione. risutati attesi sono stati conseguiti con un risparmio rispetto ai costì standard Partendo dagi obiettivi ha messo a punto nuovi processi meno costosi e coerenti a vaore target con gi obiettivi E' riuscito ad

18 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: D/POSIZIONE ORGANIZZA TIVA DATA INQUADRAMENTO: AREA RELAZIONI SEGRETERIA, PERSONALE INDICI COMPORTAMENTALI LIV.1 LIV.2 LIV.3 LIV.4 CAPACITA' LIV.S 9 10 NOTE 1 Capacità di gestire e reazioni con gi Organi di Governo 2 Capacità di sviuppare a quaità dee reazioni con i cittadini 3 Capacità di creare e migiorare i cima organizzativo AREA ORGANIZZAZIONE 4 Organizzare e vaorizzare i propri coaboratori 5 Rispettare i tempi dei procedimenti Acquisire conoscenze speciaistiche e migiorare a quaità 6 de'organizzazione AREA OBIETTIVI 7 Capacità di mettere a punto obiettivi rievanti e misurabii 8 Capacità di presidiare 'obiettivo 9 Capacità di gestione dee risorse assegnate (efficienza) PUNTEGGIO PARZIALE PUNTEGGIO TOTALE PUNTEGGIO MEDIO FINALE IL SEGRETARIO-DIRETTORE GENERALE IL SINDACO PER PRESA VISIONE: IL DIPENDENTE------

19 R E L AZ O N - CAT. D/P.O. GESTIRE LE RELAZIONI CON GLI ORGANI DI GOVERNO CAPACITA' DI SVILUPPARE LA QUALI T A' DELLE RELAZIONI CON CITTADINI CAPACITA' DI CREARE E MIGLIORARE IL CLIMA ORGANIZZA TIVO governo; non ne cerca confronto ma si imita ai soi "tecnici" de proprio avoro. Possiede aw:;cyuatt: nadirme dee reazioni con di governo. se richiesto, assistenza tecnica e coaborazione per i raggiungimento degi obiettivi. Non sempre riesce a prevenire situazioni di confitto. organi coaborando con ne'individuazione programmi e dee scete strategiche. Sa fornire, anche di propria iniziativa, un utie supporto per individuare assieme souzioni efficienti ed efficaci. Appica e competenze Fornisce i propri servizi \ Non capisce 'importanza di Eabora a voo comportamenti seguendo uno schema sviuppare a quaità dee funzionai a benessere degi utenti comunicative apprese e sta prestabiito e meccanico. reazioni in modo sistematico (via intuitiva) e indica ai coaboratori attento che vengano utiizzate Non tiene conto che a e costante. Pur tenendo in di fare atrettanto (voontario) con costanza e precisione dai quaità dei servizi resi non considerazione 'importanza verificandone 'appicazione. propri coaboratori. può prescindere daa di indirizzare a propria attività Partendo da presupposto che a propri coaboratori hanno ben quaità dea reazione e da a soddìsfacimento dee quaità de servizio non è garantita assimiato ed utiizzano, di iveo di soddisfazione j aspettative dei destinatari, daa quaità tecnica ma soprattutto norma, e regoe fornite daa manifestato dai cittadini. 1 non si preoccupa di adottare, da quea reazionae, si preoccupa Direzione sia per a a'interno de proprio servizio, deo sviuppo quantitativo e comunicazione diretta e specifiche misure per operare quaitativo dee reazioni con i teefonica che per quea scritta. in tae direzione. cittadini attraverso indicazioni Modifica i suo schema soo precise ai propri coaboratori sui quando 'utente manifesta a comportamenti da adottare con i propria insoddisfazione. pubbico e feed-back per verificare a oro messa in oratica. Coabora tecnicamente E' consapevoe soo E' consapevoe de suo ruoo Possiede buone capacità di aa reaizzazione degi parziamente de suo ruoo a'interno de'organizzazione. reazione con i coeghi in obiettivi ma agisce in modo a'interno Prende 'iniziativa per promuovere termini dì disponibiità e di automatico ignorando gi de'organizzazione. forme di integrazione con 'intera condivisione de risutato finae. aspetti comportamentai, nteragisce con gi atri, in organizzazione, cercando souzioni Prende 'iniziativa per reazionai, organizzativi. un'ottica di superamento condivise però con approccio sviuppare coaborazione, Neo svogimento dee ogiche settoriai e per voontaristico (se non ci riesce integrazione e cambiamento de'attività programmata sviuppare interdipendenza, abbandona). organizzativo e o fa attraverso dimostra disponibiità aa soo quando è guidato dagi un proprio percorso. (Approccio coaborazione, coaborazione con atri atri. nrar>a<'i+iua proattivo). ma non affronta i probemi emersi settoriai e infnrn~r<'an~!i autonomia condivisi con gi di governo, coaborando proposte) in modo determinante per i raggiungimento degi obiettivi. Gestisce e reazioni secondo una ogica dì positivo e propositivo confronto, anticipando i più possibie situazioni di confitto. Utiizza e competenze comunicative funzionai a'utente, secondo un programma preventivo verificabie. Cura che a comunicazione esterna sia diffusa ed efficace e verifica con misure concrete i iveo di soddisfazione de pubbico per i servizi ricevuti. L'apprezzamento degi utenti de serv1z1o trova riscontro anche ne'apposito questionario messo a disposizione dei cittadini E' pienamente consapevoe de proprio ruoo a'interno dea struttura. Opera con grande fessibiità avorativa, diventando un punto di riferimento e di stimoo per gi atri ne'affrontare i cambiamento e superare e criticità. Prende 'iniziativa per sviuppare e cambiamento organizzativo e o fa condividendo i proprio atri,

20 ORGANIZZAZIONE Effettua, ne rispetto dei tempi assegnati e dea metodoogia utiizzata, e vautazioni di sua competenza. Favorisce o scambio fra membri de gruppo. Vauta coaboratori con grande attenzione premiando i comportamenti e e azioni reamente in inea con i risutati attesi ed evidenziando e criticità come efficaci obiettivi. Utiizza a vautazione in modo efficace non soo come strumento di premiaità (positiva o negativa) ma anche di crescita dei coaboratori. RISPETTARE TEMPI DE PROCEDIMENTI Sviuppa i suo avoro senza un programma predefinito Lavora "a vista" senza preoccuparsi di verificare i tempi per 'avvio de procedimento e per a sua concusione. Chiede a'organizzazione dì fornirgi un programma di avoro ma poi non o rispetta. Si preoccupa dea corretta assegnazione dei procedimenti inerenti i proprio servizio e dì avviari puntuamente ma non di definire e rispettare i tempi previsti. Assume ì tempi dei procedimenti come suoi obiettivi. Persegue tuttavia soo quei, a discapito di atre sue responsabiità e scarica su resto dee attività eventuai probematiche egate a suo ruoo. Si dà un programma di avoro coerente con e norme e o rispetta. In inea di massima riesce a rispettare i tempi dei procedimenti ma non sempre adottando, in modo adeguato, e procedure a tutea de', Amministrazione e dei soggetti "controinteressati" o di, sempificazione de' azione amministrativa. Si dà un programma di avoro coerente con e norme e con e,. procedure innovative e o rispetta. ' Definisce bene e rispetta i tempi de procedimento. Individua correttamente eventuai "controinteressati". Adotta tutte e procedure previste e possibii per a sempificazione de'azione amministrativa. ACQUISIRE CONOSCENZE SPECIALISTICHE E MIGLIORARE LA QUALI T A' DELL'ORGANIZZAZIONE Impara quando serve spinto da'emergenza, partecipa a corsi e momenti formativi se richiesto. Impara ciò che serve a migiorare 'organizzazione esistente (razionaizzazione tecnica) Apprende e informazioni e i modi per migiorare o status qua ne'ambito di equiibri consoidati principamente per i soo aspetto tecnico. Sviuppa conoscenze nuove di fronte a nuovi obiettivi seguendo percorsi soggettivi (arbitrari). Reagisce attivamente e con impegno nea ricerca dee conoscenze o disposizioni di fronte a situazioni nuove, e e trasmette quando o ritiene opportuno. Sviuppa conoscenze funzionai ai nuovi obiettivi seguendo percorsi ogici e razionai. Cerca e conoscenze necessarie per raggiungere gi obiettivi e e diffonde. Non cura particoarmente a modemizzazione ed i migioramento quaitativo de'organizzazione. Sviuppa conoscenze funzionai ai nuovi obiettivi seguendo percorsi ogicorazionai e ne verifica 'efficacia quaitativa. Acquisisce e conoscenze funzionai agi obiettivi confrontandosi anche(... ) con atre reatà. Cura che 'attuazione dei programmi avvenga in un'ottica di modemizzazione e di migioramento quaitativo 2

21 OBIETTIVI A PUNTO OBIETTIVI RILEVANTI E MISURABILI vaori _ Ha formuato più aternative coerenti con gi obiettivi generai L costi Ha formuato più aternative coerenti con gi obiettivi generai verificandone 'efficacia con gi organi di governo. CAPACITA' DI PRESIDIARE L'OBIETTIVO CAPACITA' DI GESTIONE DELLE RISORSE ASSEGNATE (EFFICIENZA) Si è imitato a controi in itinere su richiesta dea struttura organìzzativa. Sono stati seguiti soo gi obiettivi compatibii con i suo modo di organizzarsi. Ne'attività di programmazione non ha tenuto in debito conto a quantìficazione dee risorse assegnate e 'ottimizzazìone dei costi Ha usato e risorse fino ad esaurimento e poi si è fermato. Ha effettuato dei controi e dee verifiche di propria iniziativa quando o ha ritenuto opportuno (arbitrari). Gi obiettivi sono stati perseguiti senza però che siano state rispettate e priorità e e modaità di esecuzione. Si è curato dì conoscere e risorse ed i budget assegnati e si è preoccupato di non sforare rispetto ae previsioni Di fatto ha usato e risorse sua base di un programma personae (soggettivo, arbitrario, non coegato con gi obiettivi aziendai). Ha effettuato i controi programmati preventivamente. Ha cercato di stare concentrato sugi obiettivi e sui risutati attesi confrontandosi con coaboratori e referentl Per reaizzare tutti gi obiettivi ha dovuto però ritarare i propri programmi su iniziativa esterna. Ha tenuto d'occhio i costi organizzativì dimostrando una buona sensibiità a oro contenimento ed aa oro riduzione. Partendo dagi obiettivi ha perseguito anche a riduzione dei costi anche se in modo pedìssequo (fine a sé Ha predisposto un proprio programma di controo informando a direzione e gi organi di governo di eventuai scostamenti e proponendo souzioni per superare gi ostacoi intervenuti su iniziativa personae. Gi obiettivi sono stati raggiunti con un grado soddisfacente, quaità ed affidabiità senza. perdere dì vista 'attività compessiva de servizio. Ha dimostrato costante attenzione agi aspetti economici proponendo spesso souzioni mirate a'efficienza ed a'ottimizzazione dei costi/benefici Partendo dagi obiettivi ha messo a punto nuovi processi meno costosi. Ha guidato i gruppo a programmare preventivamente controi e souzioni diverse in funzione de'obiettivo. Ha effettuato i controi prestabiiti sui singoi e sui gruppi portandoi, in caso di difficotà, ad eaborare souzioni efficaci e condivise con a struttura. Gi obiettivi previsti sono stati raggiunti con un grande impegno personae ed orientamento a risutato finae. Ha evidenziato notevoe capacità di gestione dee risorse affidate offrendo un contributo significativo a'ottimae utiizzo dee risorse a disposizione. risutati attesi sono stati conseguiti con un risparmio rispetto ai costi standard Partendo dagi obiettivi ha messo a punto nuovi processi meno costosi e coerenti a vaore -,,:)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1tEGIONiì CAABR ~~~."fscoastico Regionae ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI 1 GRADO DI AMENDOLARA, ORIOLO E ROSETO CAPO SPULICO Via Roma, 1-87071- AMENDOLARA (CS) I PROT.

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa Guida aa gestione d'impresa Governare un'impresa Edizione 2010 Copyright 2010 Berardino & Partners S.r.. Via Morosini 19 10128 Torino Diritti di riproduzione, con quasiasi mezzo, concessi aa Camera di

Dettagli

La Carta della statistica pubblica svizzera

La Carta della statistica pubblica svizzera La Carta dea statistica pubbica svizzera Fritz Faser, Ufficio di statistica de Canton Argovia La Carta I frontaieri I 24 maggio 2002 a Conferenza svizzera degi uffici regionai di statistica (CORSTAT) ha

Dettagli

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16 COME RAGGIUNGERE L ATENEO n In treno Da stazione Termini, prendere i treno direzione Civitavecchia e scendere a stazione Aureia. Proseguire a piedi per un breve tratto fino ad arrivare in via de Bazo e

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013 Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 Consuenza Formazione Coaching LA LEADERSHIP ARCHETIPALE Quae è a distinzione tra un eader e un manager? Leader si nasce o si diventa? I tema dea eadership da sempre affascina

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 28 aprie 1 Report di Mario Esempio - 28 aprie 1 Indice 1 Persona Mastery Report 3 11 omprendere

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Descrizione profii comportamentai Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 18 ugio 14 Report di Mario Esempio - 18 ugio 14 Indice

Dettagli

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software Lexmark Soutions Patform Lexmark Soutions Patform: souzioni software Lexmark Soutions Patform è i framework d appicazione creato e sviuppato da Lexmark per fornire efficienti e accessibii souzioni software

Dettagli

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme CAPITOLO 1 Insiemi e funzioni 1. GLI INSIEMI CON DERIVE Come creare un insieme I modo piuá sempice per creare un insieme con Derive eá queo di eencare i suoi eementi racchiudendoi a'interno di una coppia

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

Il Direttore Generale Decreto Rep. n. 537 Anno 2015

Il Direttore Generale Decreto Rep. n. 537 Anno 2015 I irettore Generae ereto Rep. n. 537 Anno 2015 Prot. n. 41334 VISTO i ereto de irettore Generae de 26 febbraio 2015 n. 344 prot n. 25649 on i quae sono state approvate e Linee Guida per a riorganizzazione

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014;

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014; UNGAS DSTRBUZONE S.R.L. - VA LOMBARDA N. 27-24027 NEMBRO (BG) - C.F. P..V.A. 03083850168 LBRO DELLE DECSON DEGL AMMNSTRATOR VERBALE DEL CONSGLO D AMMNSTRAZONE DEL 26 FEBBRAO 2015 Oggi, 26 febbraio 2015,

Dettagli

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione TuttoTe Per a gestione automatica Tante forniture un unica souzione dee forniture teematiche. La souzione competa per e forniture teematiche di dichiarazioni e deeghe. Per gestire in maniera automatica

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE di Fausto Di Tosto dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti INAIL, ex ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni

Dettagli

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti Tra i tanti, acque di fada e terre e rocce, MISE e Conferenza dei Servizi Bonifiche in siti produttivi: quai gi aspetti più critici? La bonifica dei siti contaminati è un tema su quae, da diversi anni,

Dettagli

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali Eementi di modeazione e programmazione di contenuti digitai Corso di Laurea Magistrae in Metodoogie informatiche per e discipine umanistiche Ing. Michea Paoucci Department of Systems and Informatics University

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA Osservatorio CEI Articoo QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA di Cristina Timò diret tecnico - CEI Angeo Baggini membro comitato - CEI Con i 2012 i periodo

Dettagli

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Gim 41 Cutrtt ""mare d s.a ; ~rmrr ~,.,,tj,,mi~:u Finauiario 'rofocoo N. 'i. 8 DI C 2011 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoi SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Determinazione

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive RPE X HPE X 5 7 Refrigeratori d acqua e pompe di caore mod. RPE X HPE X 0,5 con parametri di funzionamento secondo e condizioni di carico de impianto mod. RPE X HPE X 5 Panneatura in acciaio inox compreso

Dettagli

Pitture per interni. Innovative, efficienti e sostenibili. Qualità da vivere.

Pitture per interni. Innovative, efficienti e sostenibili. Qualità da vivere. Pitture per interni Innovative, efficienti e sostenibii Quaità da vivere. 2 Sostenibii, resistenti e innovative Le pitture hanno da sempre aiutato uomo a vaorizzare gi ambienti abitativi e a proteggere

Dettagli

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionai a coori La nuova generazione dea stampa aziendae. La serie OfficeEdge è una nuova categoria di dispositivi progettata con componenti professionai

Dettagli

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91 Contenuti Prefazione 4 Indice dee attività 6 Espresso 1 8 Espresso 2 23 Materiae fotocopiabie 37 Souzioni 91 3 Prefazione Le attività presentate in questo voume offrono agi insegnanti nuovi spunti per

Dettagli

DIVERSITY MANAGEMENT LAB

DIVERSITY MANAGEMENT LAB MianO itay EMPOWER YOUR knowedge DIVERSITY MANAGEMENT LAB MAppARE, condividere, AGIRE 2015 sdabocconi.it/diversity Mappare, condividere, agire: un percorso in tre tappe per far crescere azienda su fronte

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 COMUNE DI SPINO D ADDA ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 LISTA PROGETTO PER SPINO Disponibiità a servizio Metteremo i singoi cittadini e a coettività a primo posto quai destinatari de nostro avoro. Tutti

Dettagli

CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE.

CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE. Lavori Pubbici Urbanistica Ecoogia e Ambiente Ediizia Privata Moniga de Garda, ì 28/09/2015 CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE. IL RESPONSABILE DELL'AREA

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e Gestione del Rischio clinico: la Qualità dell assistenza farmaceutica

Sicurezza dei pazienti e Gestione del Rischio clinico: la Qualità dell assistenza farmaceutica Ministero dea Saute Federazione Ordini Farmacisti Itaiani (FOFI) Società Itaiana di Farmacia Ospedaiera e dei Servizi farmaceutici dee Aziende sanitarie (SIFO) Sicurezza dei pazienti e Gestione de Rischio

Dettagli

Smalti. Protezione ottimale, fascino assoluto. Qualità da vivere.

Smalti. Protezione ottimale, fascino assoluto. Qualità da vivere. Smati Protezione ottimae, fascino assouto Quaità da vivere. 2 Sostenibii, resistenti e innovative Le pitture hanno da sempre aiutato uomo a vaorizzare gi ambienti abitativi e a proteggere i propri beni

Dettagli

Stampa elegante. Colore brillante. Stampante a colori Lexmark C950de

Stampa elegante. Colore brillante. Stampante a colori Lexmark C950de Stampante a coori Lexmark C950de Stampa eegante. Coore briante Stampante a coori Lexmark C950de Progettata per gruppi di avoro, a stampante Lexmark C950de offre stampa a coori A3 di quaità professionae,

Dettagli

Sistema di Misurazione e valutazione delle performance

Sistema di Misurazione e valutazione delle performance Sistema di Misurazione e valutazione delle performance PIANI DI LAVORO (Obiettivi) 1. I piani di lavoro annuali sono finalizzati alla realizzazione dei programmi dell Amministrazione. Sono predisposti

Dettagli

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1 Curricuum Vitae : Europass i! Informazioni personai ; Nome(i) Cognome(i) ; Antonio Ceopatra ndirizzo(i)! -Pomigiano darco Na!-..:=-- Teefono(i) i~ Ceuare i_.swii-.._. E-mai i "p L 1: &Hbffi Qiìijit Codice

Dettagli

Eccezionali prestazioni a colori per il vostro gruppo di lavoro. Stampante multifunzione a colori Lexmark serie X950

Eccezionali prestazioni a colori per il vostro gruppo di lavoro. Stampante multifunzione a colori Lexmark serie X950 Stampante mutifunzione a coori Lexmark serie X950 Eccezionai prestazioni a coori per i vostro gruppo di avoro Serie Lexmark X950 Ottimizzate ambiente di avoro de vostro ufficio e aumentate a produttività

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso

COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE E DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI G.C. N. 15 DEL 9.2.2012 E MODIFICATO

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

FASCICOLO 1. fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Alessandria

FASCICOLO 1. fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Alessandria FASCICOLO 1 fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Aessandria INDICE Introduzione Capitoo I. I bambino nea scuoa eementare 1. Che cosa avviene su piano fisico-motorio? 2. Come si sviuppano inteigenza e i pensiero?

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 di Laura Tomassini Dipartimento Tecnoogie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni con i Pubbico

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali RPE X HPE X 5 7 Caratteristiche tecniche e costruttive mod. RPE X 5 HPE X 5 mod. RPE X 0 HPE X 0 GS ECOLOGICO FUNZIONE UTODTTIV SCMITORE PISTRE VENTILTORI SSILI MONOFSE 5 8,5 MONO E TRIFSE 0 7 LT EFFICIENZ

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA Art. 26 Obbighi connessi ai contratti

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni Definizione Statico-Cinematica dei vincoi interni Esempi deo schema strutturae di una struttura in cemento armato e di due strutture in acciaio in cui sono presenti dei vincoi interni cerniera. Vincoo

Dettagli

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano www.mesa-sic.com www.mesa-nord. com Anno 0 - numero 3 SETTEMBRE 2014 Dir. Resp. Orietta Mavisi Moretti MESA entra a Università: a Poitecnico di Miano a Mesa Group ampia a propria attività formativa rivota

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Allegato alla delibera di G.P. n. del PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ED ORGANIZZATIVA DEI DIPENDENTI DEI LIVELLI IVI COMPRESI GLI INCARICATI DI P.O. E

Dettagli

Carta dei Servizi. nostro IMPEGNO con VOI. Centri diurni

Carta dei Servizi. nostro IMPEGNO con VOI. Centri diurni MPEGNO con VO Centri diurni Reaizzazione Azienda Servizi aa Persona RETE - Reggio Emiia Terza Età Coordinamento e redazione Settore Reazioni stituzionai e Quaità Progetto grafico Studio dana - comunicazione

Dettagli

Come fare un orto o un giardino condiviso

Come fare un orto o un giardino condiviso Come fare un orto o un giardino condiviso Guida pratica per cominciare Zappata Romana studiouap COLOPHON Testi e grafica studiouap Sivia Cioi Luca D Eusebio Andrea Mangoni con aiuto di Annaisa Abbondanza

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli

Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli In applicazione dell art. 7 del D. Lgs. 150/2009 recante Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della

Dettagli

PostDoc Diario di viaggio. Supporto per insegnanti

PostDoc Diario di viaggio. Supporto per insegnanti PostDoc Diario di viaggio Supporto per insegnanti Diario di viaggio Supporto per insegnanti 0 / 201 Indice 1 Panoramica de offerta 1.1 Contesto e obiettivi 1.2 Gruppi target e d interesse 1. Panoramica

Dettagli

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Contenuto 1. Prefazione di Amanda Mackenzie OBE,Direttore Marketing e Comunicazione, Aviva pc. (p3) 2. Principai evidenze (p4) 3. CAS 2004 - uno sguardo

Dettagli

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti 1 Finalità e valori di riferimento Il presente Sistema di Valutazione valido per

Dettagli

-------------------------

------------------------- Daa formazione a distanza ae comunità di pratica attraverso 'apprendimento in rete Lo spettro dei possibii usi dee reti nea formazione continua e a distanza INTRODUZIONE Gi iter formativi di tipo tradizionae

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Unità. KW Kcal/h KW Kcal/h % KW KW % m 3 /h. Kg/h Kg/h. mbar mbar mbar mbar. C % % % % Nm 3 /h. C C l l bar bar bar l 1,2 7 0,7 0,4 3 150.

Unità. KW Kcal/h KW Kcal/h % KW KW % m 3 /h. Kg/h Kg/h. mbar mbar mbar mbar. C % % % % Nm 3 /h. C C l l bar bar bar l 1,2 7 0,7 0,4 3 150. DATI TECNICI Tipo Portata Termica Nominae Portata Termica Nominae Potenza Nominae Potenza Nominae Rendimento Utie Portata Termica Minima Potenza Minima Rendimento a carico ridotto (0 di Pn) PORTATA GAS

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale La nuova dimensione de caore Cadaia Murae a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitae MARCATURA DI RENDIMENTO (92/42/CE) La nuova cadaia a condensazione miniaturizzata con tecnoogia eettronica digitae di STEP.

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI. Manuale

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI. Manuale LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI LA VALUTAZIONE CCNL 31.03.1999 ART. 6 Sistema di valutazione 1. In ogni ente sono adottate metodologie permanenti per la valutazione delle prestazioni

Dettagli

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~ ~~~(!?d;ne Jf/~~ @rouffu~~e @r~j~ Jt~U&?o r~/if:~/m::u r 96~"g~ 96ur: n o ~ 30110/2009 4228/2009 AS/amp Ai Sigri Presidenti degi Ordini Provinciai dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestai Ai Sigri Presidenti

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI CIGO, CIGS, CdS, Fondi biaterai Roberto Benagia - Giugno 2015 Lavoratori beneficiari Operai, impiegati, quadri + apprendisti in professionaizzante per Cigo e Cigs crisi aziendae

Dettagli